Efficienza Capitale 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Efficienza Capitale 1"

Transcript

1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole il terreno nel quale coltivare il nostro futuro. Possono questi luoghi adempiere alla loro funzione se cittadini, studenti, insegnanti, funzionari pubblici frequentano ambienti dove l'aria non é salubre, il clima inadeguato, l'illuminazione insufficiente, l'acustica pessima, le finestre non si chiudono bene...? Per le scuole, il tema è particolarmente centrale: l'ambiente in cui gli studenti vivono contraddice qualsiasi buon proposito di costruire una buona scuola. E necessario attivare un processo per riunire tutti gli sforzi ed arrivare a gestire in modo unitario le risorse: energia, manutenzioni, lavori di riqualificazione, e poi pulizia, ristorazione, arredo. Non può essere sufficiente comprare al prezzo più basso, bisogna coordinare le forniture e proiettarle ad un progetto organico. Bisogna farlo partendo innanzitutto dalla costruzione di un ambiente accogliente e sostenerlo nel tempo. GLI IMPEGNI Un tale approccio ci porta a ragionare innanzitutto di efficienza energetica e lotta all inquinamento, temi di grande attualità ma anche impegni vincolanti che l Italia ha assunto di fronte alla comunità internazionale (Obiettivi ). In particolare, sia la prima Direttiva Europea (2006/32) che la seconda (2012/27 recepita nel D.Lgs. 102 del 4 luglio 2014) in tema di efficienza energetica precisano che ( ) gli Stati membri assicurano che il settore pubblico svolga un ruolo esemplare nel contesto della presente direttiva. IL D.Lgs. 115/2008, che ha attuato la direttiva 2006/32, dispone una serie di obblighi in capo alle Amministrazioni Locali, precisando che la responsabilità' amministrativa, gestionale ed esecutiva dell'adozione degli obblighi di miglioramento dell'efficienza energetica nel settore pubblico sono assegnati all'amministrazione pubblica proprietaria o utilizzatrice del bene o servizio di cui ai medesimi articoli. L'obbligo più importante, tra quelli assegnati agli enti pubblici, è relativo alla riqualificazione energetica degli edifici mediante il ricorso, anche in presenza di esternalizzazione di competenze, agli strumenti finanziari per il risparmio energetico per la realizzazione degli interventi di riqualificazione, compresi i contratti di rendimento energetico, che prevedono una riduzione dei consumi di energia misurabile e predeterminata. Sempre la Direttiva, 2012/27/UE, impone agli Stati membri di stabilire "un obiettivo nazionale indicativo di efficienza energetica, basato sul consumo di energia primaria o finale, sul risparmio di energia primaria o finale o sull'intensità energetica", oltre che una strategia a lungo termine per incentivare gli investimenti nella ristrutturazione degli edifici residenziali e commerciali, pubblici e privati stimolando la concorrenza tra le imprese e la creazione di posti di lavoro nei settori correlati. Il mancato raggiungimento di questi parametri porterà a forti penalizzazioni e il pagamento di una importante penale a favore dei Paesi risultati invece virtuosi. 1 A cura di Emiliano Boschetto Assessorato allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma Capitale

2 Una normativa europea tanto sfidante e stringente, anche dal punto di vista temporale, richiederebbe un grande sforzo in termini di sviluppo di cultura amministrativa ma soprattutto di risorse pubbliche da investire, risorse che l attuale quadro congiunturale non sembra poter garantire, neanche negli anni a venire. A questo si aggiunga il pessimo stato di conservazione del nostro patrimonio immobiliare pubblico. Per limitarci a considerazioni che riguardano le performance energetiche, impianti mal messi, infissi logori, cappotti colabrodo significano una classe media degli edifici pubblici di Roma Capitale pari a G, ovvero la più bassa. FA FREDDO? CHIUDIAMO LE FINESTRE Roma Capitale è fortemente impegnata sul tema dell efficienza energetica con l obiettivo primario di perseguire un risparmio tanto nei consumi che nei costi dell energia, un miglioramento della qualità dei servizi energetici a rete, del comfort degli edifici e una riduzione delle emissioni di CO2. Il sistema di gestione del calore (ma anche della componente elettrica) ereditato dalla precedente amministrazione è fondamentalmente incentrato sul consumo. Questa caratteristica disincentiva il risparmio e i relativi investimenti per conseguirlo. A questo si aggiunga che il sistema dei controlli da parte della pubblica amministrazione è carente, se non altro in termini di numero di risorse umane e della loro formazione, in considerazione soprattutto di un patrimonio così vasto (1.800 edifici). Oltretutto il sistema di monitoraggio della qualità dei servizi erogati è affidato agli stessi fornitori che, presumibilmente, non pongono in cima alla lista delle loro preoccupazioni il resoconto analitico del proprio operato. L evidenza empirica di questo stato di cose è un esperienza più o meno quotidiana che capita purtroppo di frequente - a ciascuno. Chi di noi non si è imbattuto sconsolato in edifici pubblici con finestre aperte d inverno e luci accese si notte? Per uscire da quello che sembra avere tutte le caratteristiche di un circolo vizioso del consumo in cui continuiamo ad avvitarci - patrimonio desueto / impossibilità di investimenti / aumento dei consumi - ci vuole coraggio ed un cambio di paradigma tanto culturale che amministrativo. L idea fondamentale deve essere quella di trasformare il sistema di gestione del calore e dell elettricità attuale pago quello che consumo, in un rapporto a risparmio condiviso (shared saving) con le imprese che forniscono i servizi energetici - pago quello che risparmio. Un impostazione del genere può garantire economie immediate e la realizzazione di importantissimi investimenti (fra i 100 e i 150 milioni) da subito, tali da portare la classe media degli edifici da G - la peggiore - a C, con un sensibile abbattimento delle emissioni, un miglioramento del comfort reale e percepito, un volano per le imprese edili attraverso l attivazione dei green jobs, un cambio mentalità verso l efficienza energetica. IL CONTRATTO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (EPC) E I VANTAGGI PER LA PA L uovo di Colombo per realizzare questa inversione si chiama EPC (Energy Performance Contract), una formula contrattuale che prevede che il fornitore venga pagato solo se si raggiungono i risparmi che lui stesso ha dichiarato di poter realizzare garantendo una data prestazione energetica - perfomance ; l amministrazione quindi paga in base agli obiettivi raggiunti. I contratti di prestazione energetica favoriscono la riqualificazione degli edifici e dei relativi impianti, e la loro gestione da parte di una società di servizi energetici - la ESCO - che recupera gli investimenti effettuati attraverso i risparmi conseguiti. I

3 pagamenti a fronte degli investimenti, in sostanza, vengono svincolati dai consumi e legati invece al livello di risparmio effettivamente raggiunto e misurato per ottenere la performance. Si tratta quindi di un contratto a risparmio condiviso che garantisce economie immediate alla stazione appaltante ed il trasferimento sul fornitore dei rischi connessi al capitale investito: il fornitore in qualche modo compra tecnologie e vende efficienza energetica alla stazione appaltante. È del tutto evidente come queste condizioni contrattuali generino interesse del fornitore a che gli interventi siano i più tempestivi ed efficaci possibili: il guadagno è legato inscindibilmente all attivazione dell efficienza energetica nell immobile. Si tratta di una inversione di tendenza radicale: attualmente tutto il rischio contrattuale è a carico dell amministrazione che notoriamente non è in grado di monitorare l effettivo rispetto degli obblighi contrattuali. Entrando appena più nel dettaglio, il contratto prevedrà anche un Performance Bond a carico del fornitore che garantisca il risparmio proposto al Comune. La remunerazione per i servizi resi consiste quindi in un canone (comunque già di base più basso dell attuale) che è determinato in funzione dei risparmi ottenuti. Quindi, se il risparmio non raggiunge il livello garantito il canone sarà ridotto in proporzione (Under Performance). Per contro, nel caso in cui il risparmio superi il livello garantito contrattualmente, i benefici economici saranno ripartiti in forma prestabilita tra il cliente e il contraente (Over Performance). Questo progetto di riqualificazione energetica consente di perseguire obiettivi altrimenti impossibili nella situazione economica data ed interrompe quel circolo vizioso del consumo cui abbiamo accennato. Gli obiettivi principali sono: Risparmi nei consumi e nei costi di energia (dal 10 al 20 %); Realizzazione di interventi che garantiscano efficienza energetica con investimenti a carico del fornitore dei servizi e in tempi brevi; Rapidità nella realizzazione degli investimenti (nei primi 3 anni di contratto) e creazione di posti di lavoro; Miglioramento della qualità dei servizi energetici a rete; Miglioramento dell affidabilità degli impianti;

4 Manutenzione continua e aggiornamento degli impianti, sulla base della normativa; Rischio tecnologico trasferito al fornitore e responsabilità della gestione affidati a terzi; Riduzione delle emissioni di CO2 e dunque il miglioramento delle condizioni ambientali; MONITORAGGIO: DAL GIUDIZIO DELL OSTE A QUELLO DEL CITTADINO 2.0 Se da un lato i contratti EPC determinano un comune interesse verso il miglioramento continuo delle prestazioni energetiche degli immobili, dall altro emerge in controluce come in un contratto basato sulle performance diventa centrale la loro misurazione attraverso una efficace architettura dei controlli. Attualmente, invece, abbiamo da un lato una struttura comunale non adeguata in termini di risorse umane, dall altro un sistema dei controlli delegato di fatto ai fornitori. Parafrasando un famoso detto, è giusto legare il prezzo del vino alla sua qualità, ma non possiamo lasciare che sia il famoso oste a certificarla. In altri termini, è fondamentale come peraltro suggeriscono anche le direttive europee in materia che sia un ente terzo a certificare i valori di partenza attraverso le diagnosi energetiche degli edifici, a effettuare il monitoraggio successivo all esecuzione degli interventi per misurare l effettivo raggiungimento dei risparmi, dotandosi di una control room centrale trasparente ed interattiva. Per questo l architettura realizzata da Roma Capitale prevede una gara parallela a quella dell EPC finalizzata alla realizzazione delle diagnosi, alla misura dei risultati conseguiti ed al monitoraggio, che permetta di avere al tempo t0 l effettivo quadro delle prestazioni degli immobili e la costituzione di un cruscotto che consenta la verifica in tempo reale dei consumi e dei risparmi non solo da parte degli uffici, ma soprattutto da parte dei singoli cittadini. Esempio di control room energetica delle scuole della Provincia di Treviso Questa operazione non ha solamente un significato culturale ma anche in qualche modo politico. Un sistema di monitoraggio diffuso e continuo, la condivisione degli strumenti di controllo con la cittadinanza in una prospettiva che possiamo definire social, non è una concessione estetica alla partecipazione, ma costituisce un architrave imprescindibile del funzionamento del sistema.

5 L ONDA LUNGA DELL EFFICIENZA Si può dire che Roma con il suo impegno sull efficienza energetica abbia anticipato sin dall inizio le prescrizioni della Direttiva europea 2012/27, recepita poi dal governo i primi di luglio Alla base del lavoro intrapreso, è stata sempre presente l idea di una responsabilità in qualche modo doppia: verso i cittadini romani innanzitutto, ma anche la consapevolezza che azioni di successo condotte nell ambito di Roma Capitale possano fare da volano per tutti gli enti locali del Paese. Questo è sicuramente dovuto al perimetro degli edifici che non ha eguale nel panorama nazionale, ma anche al ruolo simbolico che la città riveste. Questo il motivo per il quale l impostazione data al contratto per il riscaldamento da Roma Capitale ha suscitato l interesse e l interlocuzione con le maggiori istituzioni attive sul tema (MISE, ENEA, BEI, CDP) ed ha portato anche nel marzo 2014 alla sottoscrizione di un protocollo, a suo modo pionieristico, con il GSE volto a supportare Roma su questi temi. Le caratteristiche del contratto EPC elaborato ha motivato anche il premio conferito da Legambiente come migliore buona pratica sull efficienza energetica degli edifici pubblici, ricevuto a Torino il mese scorso nell ambito della 21 edizione di Ecosistema Urbano. Nel caso di specie, Roma si sta facendo portavoce di un problema di risorse che insiste anche sulla gara per le diagnosi energetiche. È in corso una fitta interlocuzione con il MISE e il GSE per addivenire ad una interpretazione del Conto Termico tale da prevedere la possibilità di pagare le diagnosi non al solo fornitore del servizio energia, come accade ora, ma anche all Ente locale direttamente, permettendo di utilizzare così l incentivo statale per stabilire il principio del terzo certificatore, che abbiamo visto essere centrale per il successo di questo genere di gare. L EPC E IL BILANCIO COMUNALE I contratti a risparmio condiviso non sono efficaci solamente sul fronte dell efficienza energetica ma - spostando il rischio sul fornitore - permettono di utilizzare la spesa corrente per finanziare l esecuzione d investimenti sul patrimonio immobiliare che, allo stato attuale, non altrimenti realizzabili a causa del Patto di stabilità. In questo contesto generale, Roma Capitale è anche alle prese con un Piano di rientro che impone una forte contrazione della spesa corrente. Utilizzando come leva il canone, per quanto alleggerito, i contratti EPC tendono sulle prime a far storcere la bocca ai tecnici del bilancio. Senza entrare troppo nei dettagli, è utile qui rilevare che i costi e i benefici di una gara EPC per il miglioramento dello stato del patrimonio immobiliare, l orientamento della legislazione nazionale ed europea, l utilizzo possibile previsto nella architettura di gara di incentivi nazionali come il Conto Termico (attualmente ampiamente sottoutilizzato) per alleggerire ulteriormente il canone, consente di poter rientrare ampiamente nel benchmark stabilito nel Piano (che per le utenze in questione prevede una contrazione di circa il 20% della spesa) ma al tempo stesso di invertire il pericoloso avvitarsi in un ammaloramento progressivo e difficilmente reversibile del patrimonio immobiliare cittadino, condizione che può e deve essere ritenuta una priorità anzi, ormai un emergenza primaria della città. CONCLUSIONI. Il cambio di paradigma Quanto sin qui evidenziato delinea un azione specifica svolta per mettere in grado la macchina amministrativa di cogliere le opportunità, non solo economiche, legate allo sviluppo dell efficienza energetica. Mettere in evidenza questo percorso è utile non solo per l argomento in esame, ma anche

6 come paradigma per sviluppare nuove forme di partnership pubblico-privato volte a generare investimenti sulle infrastrutture 2. Per riassumere, i punti chiave emersi sono : - win-win. L obiettivo del fornitore è complementare a quello dell amministrazione. Se si consuma meno si guadagna entrambi. Si stabilisce un interesse coincidente dell ente con quello dell aggiudicatario, che per guadagnare più e prima, deve investire meglio ed il prima possibile. - Trasferimento dei rischio. Il canone fornito dall amministrazione è vincolato al raggiungimento delle prestazioni energetiche cui il fornitore si è impegnato. Il fornitore compra tecnologia e vende efficienza al Comune qualora riesca a raggiungere gli standard prestazionali cui si è impegnato. - Controllore terzo e monitoraggio social. Diagnosi energetica, monitoraggio e misura da terza parte, control room: il monitoraggio diffuso e indipendente - social - diventa scelta strategica dell amministrazione. - Risparmio consapevole. L azione sui comportamenti, la formazione e la sensibilizzazione degli utenti finali rappresenta un elemento centrale del percorso. Efficienza Capitale in cifre Edifici pubblici Roma Capitale 1800 Scuole 782 Asili nido Totale edifici interessati dal EPC Il tentativo di liberare investimenti attraverso lo shared saving è stato intrapreso anche su altri fronti, primo fra tutti il lavoro con Acea per il cosiddetto piano LED, che dovrebbe portare in 2 o 3 anni a cambiare tutti punti luce della città a favore di lampade che migliorano la performance e consentono un risparmio fino al 50%, parte del quale sarà utilizzato per ripagare l investimento. Si tratta della maggiore operazione del genere in Europa.

7 Investimenti Conto termico GSE* 100 milioni (circa) fino a 40 milioni *(fino al 40% dell investimento da riversare sul sistema in termini di nuovi investimenti e/o risparmi ulteriori) Totale Investimenti milioni Occupazione. Impatto potenziale: nuovi posti di lavoro green jobs Emissioni. Impatto potenziale: tonnellate di CO2/anno (pari a inquinamento prodotto da auto)

Sintesi n.11: i contratti di prestazione energetica

Sintesi n.11: i contratti di prestazione energetica Sintesi n.11: i contratti di prestazione energetica La normativa europea e nazionale pone in capo alla Pubblica Amministrazione (PA) numerosi obblighi in termini di risparmio energetico: Pacchetto Clima

Dettagli

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Febbraio 2014 Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Nell era del risparmio energetico, le politiche e le più svariate forme di incentivo per l utilizzo

Dettagli

Efficienza energetica nella PA: Conto Termico, Cogenerazione ad Alto Rendimento, Contrato Servizio Energia. Criticità e opportunità

Efficienza energetica nella PA: Conto Termico, Cogenerazione ad Alto Rendimento, Contrato Servizio Energia. Criticità e opportunità Efficienza energetica nella PA: Conto Termico, Cogenerazione ad Alto Rendimento, Contrato Servizio Energia Criticità e opportunità Luca Bertoni, Consigliere, Assoege www.assoege.it CHI E ASSOEGE ASSOEGE

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE: UN PROMEMORIA IN 10 STEP Giugno 2013

EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE: UN PROMEMORIA IN 10 STEP Giugno 2013 EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE: UN PROMEMORIA IN 10 STEP Giugno 2013 Queste note si rivolgono al Comune che, in assenza di risorse economiche, intende diminuire i costi delle

Dettagli

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 31/03/2015 è una associazione no profit per lo sviluppo energetico sostenibile del

Dettagli

Competenze delle Esco per l efficienza energetica nella PA

Competenze delle Esco per l efficienza energetica nella PA Competenze delle Esco per l efficienza energetica nella PA Forum Banche e PA Roma, 30 ottobre 2014 Alessandro Pascucci - Segretario PANORAMICA Obiettivo Il contesto Cosa sono le Esco Il ruolo delle Esco

Dettagli

Linee Guida Efficienza Energetica

Linee Guida Efficienza Energetica Linee Guida Efficienza Energetica SOGGETTI NORMATIVE CONTRATTI - INCENTIVI domusblog.com IL BLOG DELL ENERGIA VERDE E.S.Co. o E.S.P.Co.? Il D. Lgs. 30 Maggio 2008 n.115 Attuazione della direttiva 2006/32/CE

Dettagli

Promuovere l efficienza energetica

Promuovere l efficienza energetica Promuovere l efficienza energetica Consip e le iniziative Servizio Integrato Energia e Servizio Luce Cagliari, 05/11/2015 2 L area «Energia e Utility» di Consip ha l obiettivo di promuovere l efficientamento

Dettagli

Ascor International srl. Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015

Ascor International srl. Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015 Ascor International srl Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015 Ascor International > Ascor International è una società di intermediazione e consulenza

Dettagli

SISTEMATIZZAZIONE DEGLI APPALTI PUBBLICI DI INNOVAZIONE. Equilibrio tra innovazione e obiettivi di razionalizzazione della spesa pubblica

SISTEMATIZZAZIONE DEGLI APPALTI PUBBLICI DI INNOVAZIONE. Equilibrio tra innovazione e obiettivi di razionalizzazione della spesa pubblica SISTEMATIZZAZIONE DEGLI APPALTI PUBBLICI DI INNOVAZIONE Equilibrio tra innovazione e obiettivi di razionalizzazione della spesa pubblica Torino, 20 Gennaio 2015 OPEN INCET Gruppo IREN al vertice del settore

Dettagli

Efficienza Energetica nell edilizia pubblica, esperienze e procedure. Marcello Antinucci ECUBA srl ManagEnergy Workshop Sassari 9-10 Maggio 2013

Efficienza Energetica nell edilizia pubblica, esperienze e procedure. Marcello Antinucci ECUBA srl ManagEnergy Workshop Sassari 9-10 Maggio 2013 Efficienza Energetica nell edilizia pubblica, esperienze e procedure Marcello Antinucci ECUBA srl ManagEnergy Workshop Sassari 9-10 Maggio 2013 Fonte normativa: Dlgs 115/2008 Art. 2. Definizioni l) «contratto

Dettagli

Uniamo le energie generiamo efficienza

Uniamo le energie generiamo efficienza Uniamo le energie generiamo efficienza Il mondo dell efficienza energetica e le Energy Service Company (E.S.Co.) Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Claudio G. Ferrari Presidente Federesco

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA Direzione per la valorizzazione dell attivo e del patrimonio dello Stato, Dipartimento del Tesoro, Ministero dell economia e delle finanze INDICE

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

CONTRATTI EPC E PROSSIMA ATTIVAZIONE DI INVESTIMENTI NELL AREA METROPOLITANA TORINESE: IL COINVOLGIMENTO DELLE ESCO

CONTRATTI EPC E PROSSIMA ATTIVAZIONE DI INVESTIMENTI NELL AREA METROPOLITANA TORINESE: IL COINVOLGIMENTO DELLE ESCO Programma di finanziamento: Mobilizing Local Energy Investments (bando EIE2013) Partner: Città Metropolitana di Torino capofila -, Regione Piemonte, Città di Torino, Environment Park, Investimenti previsti:

Dettagli

una lampadina è una lampadina

una lampadina è una lampadina L'efficienza di un'amministrazione si misura anche in base a come gestisce i suoi consumi energetici. Roma ha un patrimonio di strutture, uffici, scuole che devono diventare energeticamente efficienti.

Dettagli

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO GLOBAL POWER SERVICE Il Consorzio Cev per l attuazione del Progetto EDIFICI VIRTUOSI si avvale del supporto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica [14/03/2013 Prot. 647] Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica Programmazione 2014-2020 Tavolo tecnico B Valorizzazione, gestione e tutela dell ambiente

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI e L ENERGIA SOSTENIBILE

IL PATTO DEI SINDACI e L ENERGIA SOSTENIBILE IL PATTO DEI SINDACI e L ENERGIA SOSTENIBILE Politiche e Interventi di Efficienza Energetica nei Comuni del Milanese Sergio Zabot Direttore Settore Energia Provincia di Milano Verona 11, Maggio 2012 Il

Dettagli

ENERGIA e Normativa: innovazione e potenzialità di mercato. arch. Gaetano Fasano Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE

ENERGIA e Normativa: innovazione e potenzialità di mercato. arch. Gaetano Fasano Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE ENERGIA e Normativa: innovazione e potenzialità di mercato arch. Gaetano Fasano Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Modena 17 novembre 2014 400 350 Il margine di risparmio potenziale per settore

Dettagli

I CONTRATTI DI RENDIMENTO ENERGETICO:

I CONTRATTI DI RENDIMENTO ENERGETICO: SERVIZI I CONTRATTI DI RENDIMENTO ENERGETICO: OPPORTUNITÀ ED ESPERIENZA Maurizio Bottaini Federesco (Federazione Nazionale delle Esco) Federesco BEST PRACTICE ENERGY SERVICE COMPANY, quali operatori di

Dettagli

I contratti di rendimento energetico. Marcello Antinucci ECUBA srl ManagEnergy Napoli 4 5 dicembre 2013

I contratti di rendimento energetico. Marcello Antinucci ECUBA srl ManagEnergy Napoli 4 5 dicembre 2013 I contratti di rendimento energetico Marcello Antinucci ECUBA srl ManagEnergy Napoli 4 5 dicembre 2013 Fonte normativa: Dlgs 115/2008 Art. 2. Definizioni l) «contratto di rendimento energetico»: accordo

Dettagli

L efficienza energetica, volano per la crescita e lo sviluppo. Torino, 10 marzo 2015

L efficienza energetica, volano per la crescita e lo sviluppo. Torino, 10 marzo 2015 L efficienza energetica, volano per la crescita e lo sviluppo Torino, 10 marzo 2015 Il trilemma dell energia L efficienza energetica è un key driver per la risoluzione del trilemma dell energia: certezza

Dettagli

1. Nuovi e già vecchi 2. In classe A si vive meglio 3. L edilizia da riqualificare 4. I vantaggi dei cappotti termici 5. Anche le archistar devono

1. Nuovi e già vecchi 2. In classe A si vive meglio 3. L edilizia da riqualificare 4. I vantaggi dei cappotti termici 5. Anche le archistar devono 1. Nuovi e già vecchi 2. In classe A si vive meglio 3. L edilizia da riqualificare 4. I vantaggi dei cappotti termici 5. Anche le archistar devono studiare 6. Ecoquartieri? «Tutti in classe A» è una campagna

Dettagli

Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Settore Sviluppo Energetico Sostenibile ENERGY MANAGEMENT NEL SETTORE PUBBLICO Lo schema di Energy Performance Contracting della Regione Piemonte Torino, 26 novembre 2013 Sala Stemmi Provincia di Torino Regione Piemonte - Filippo BARETTI I CONTRATTI

Dettagli

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi: strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi: strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica : strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica Claudio G. Ferrari Presidente Esco Italia Erba, 04 dicembre 2009 FINANZIA ENERGIA 3-4 dicembre 2009 Lariofiere, Erba AGENDA

Dettagli

Crescita sostenibile e intelligente

Crescita sostenibile e intelligente Crescita sostenibile e intelligente per lo sviluppo locale Per la realizzazione di questo documento sono state utilizzate immagini di: Archivio Parlamento europeo Avete un tesoro verde. Approfittatene.

Dettagli

GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI

GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI Prof. Arch. Silvano Curcio Università di Napoli "Federico II", Terotec Analisi della situazione nazionale: Il quadro tecnico-normativo e lo stato del mercato PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO CONSISTENZA E

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

L EPC PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il modello di Habitech. Thomas Miorin Direttore Habitech thomas.miorin@dttn.

L EPC PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il modello di Habitech. Thomas Miorin Direttore Habitech thomas.miorin@dttn. L EPC PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il modello di Habitech Thomas Miorin Direttore Habitech thomas.miorin@dttn.it Chi siamo Habitech, il Distretto Tecnologico Trentino, è il polo di

Dettagli

I vantaggi della riqualificazione energetica

I vantaggi della riqualificazione energetica www.arcoservizi.it I vantaggi della riqualificazione energetica Nel 2010, le famiglie europee hanno consumato quasi il 13% in più di energia rispetto al 1990, generando il 25% delle emissioni di gas a

Dettagli

Trieste, 29 aprile 2015 AREA Science Park Conference Hall. Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI

Trieste, 29 aprile 2015 AREA Science Park Conference Hall. Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI Settore Sviluppo Workshop Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie. I contratti di rendimento energetico come strumenti/ opportunità di efficientamento energetico

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

Il ruolo degli Enti Locali nella gestione dell energia e l accesso al mercato dei servizi energetici

Il ruolo degli Enti Locali nella gestione dell energia e l accesso al mercato dei servizi energetici Il ruolo degli Enti Locali nella gestione dell energia e l accesso al mercato dei servizi energetici Dario Di Santo, FIRE La figura dell energy manager nella Provincia di Torino 29 maggio 2008, Torino

Dettagli

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012 Arch. Rovena Xhaferi 16 ottobre 2015 Grosseto Comune di Grosseto La sfida energetica e Il parco immobiliare nazionale Trasporto Industria Edifici Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca,

Dettagli

Rischi e problematiche tipici nei contratti EPC

Rischi e problematiche tipici nei contratti EPC Rischi e problematiche tipici nei contratti EPC Sergio La Mura, prof. a.c. Politecnico di Milano 7 MAGGIO 2014 FIERA MILANO RHO CENTRO CONGRESSI STELLA POLARE SALA ARIES 1 Argomenti: L obiettivo comune

Dettagli

I contratti di rendimento. Marcello Antinucci ECUBA srl CBW Bologna 19-20 marzo 2013

I contratti di rendimento. Marcello Antinucci ECUBA srl CBW Bologna 19-20 marzo 2013 I contratti di rendimento energetico Marcello Antinucci ECUBA srl CBW Bologna 19-20 marzo 2013 Fonte normativa: Dlgs 115/2008 Art. 2. Definizioni l) «contratto di rendimento energetico»: accordo contrattuale

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale Progetti di efficienza energetica nella Pubblica Amministrazione: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli

Dettagli

IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI PER LE POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Milano, 24 novembre 2011

IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI PER LE POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Milano, 24 novembre 2011 IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI PER LE POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Milano, 24 novembre 2011 Proprio in questi giorni è in discussione presso il Parlamento europeo la proposta di una nuova direttiva sul

Dettagli

L applicazione della Direttiva 2012/27/UE. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012

L applicazione della Direttiva 2012/27/UE. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012 L applicazione della Direttiva 2012/27/UE Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012 Indice Il contesto La normativa di riferimento Programmi Europei Programmi Nazionali

Dettagli

Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli

Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli di UBI Banca Lorenzo Fidato Milano, Il di UBI Banca 1,850 miliardi 3 miliardi di impieghi negli ultimi sette anni di accordato operativo nei settori: Infrastrutture

Dettagli

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica.

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. La figura dell Energy Manager (EM) è stata introdotta con la Legge 10/91. L articolo 19 dispone infatti la nomina annuale di un tecnico responsabile

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

SINOPSIS LAB. FASE srl - Alzano Lombardo 24 ottobre 2014. Renato Turbati Sinopsis Lab

SINOPSIS LAB. FASE srl - Alzano Lombardo 24 ottobre 2014. Renato Turbati Sinopsis Lab 1 SINOPSIS LAB Ripensare politiche e programmi in ambito di Sostenibilità. Monitoraggio e valutazione per nuove strategie di investimento comune in ottica UE 2020. Metodi e strumenti innovativi. FASE srl

Dettagli

Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna

Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna Corso di formazione SISTEMI PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE 8 giugno 2015 Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna Michele Sansoni Direzione Tecnica michelesansoni@arpa.emr.it

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI in Private-Public Partnership (PPP)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI in Private-Public Partnership (PPP) PROGETTO NEUTRALITA CLIMATICA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI in Private-Public Partnership (PPP) dott. Fabrizio Romanelli BACKGROUND Edifici pubblici esistenti: i costi energetici pesano

Dettagli

Il Partenariato Pubblico Privato e il ruolo delle ESCo per lo sviluppo degli investimenti per l efficienza energetica degli EELL.

Il Partenariato Pubblico Privato e il ruolo delle ESCo per lo sviluppo degli investimenti per l efficienza energetica degli EELL. + Il Partenariato Pubblico Privato e il ruolo delle ESCo per lo sviluppo degli investimenti per l efficienza energetica degli EELL Roberto Valcanover e Nicola Fruet Maurizio Roat Esperto in Diritto dell'energia

Dettagli

Audizione Ance su: STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE. presso la X Commissione "Industria, Commercio e Turismo" Senato della Repubblica

Audizione Ance su: STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE. presso la X Commissione Industria, Commercio e Turismo Senato della Repubblica Audizione Ance su: STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE presso la X Commissione "Industria, Commercio e Turismo" Senato della Repubblica Roma, 25 settembre 2012 1 STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE Il ruolo del

Dettagli

Questionario Elezioni comunali Torino 2016

Questionario Elezioni comunali Torino 2016 Questionario Elezioni comunali Torino 2016 1) MOBILITÀ (A livello accademico è opinione condivisa che sia un elemento imprescindibile limitare l accessibilità alle auto per poter fare una politica efficace

Dettagli

Lo strumento «ELENA» per l assistenza tecnica agli investimenti energetici della Pubblica Amministrazione

Lo strumento «ELENA» per l assistenza tecnica agli investimenti energetici della Pubblica Amministrazione Lo strumento «ELENA» per l assistenza tecnica agli investimenti energetici della Pubblica Amministrazione Ing. Piergabriele Andreoli Trieste, 14 febbraio 2014 1 INDICE Introduzione al risparmio nella Pubblica

Dettagli

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi Strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell efficienza energetica Convegno Energie rinnovabili ed efficienza energetica Scenari e opportunità Milano -

Dettagli

Efficienza energetica: motore di sviluppo economico, degli investimenti e dell occupazione Efficienza energetica: potenzialità e strumenti

Efficienza energetica: motore di sviluppo economico, degli investimenti e dell occupazione Efficienza energetica: potenzialità e strumenti Efficienza energetica: motore di sviluppo economico, degli investimenti e dell occupazione Efficienza energetica: potenzialità e strumenti arch. Gaetano Fasano Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE

Dettagli

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 Il provvedimento stabilisce un quadro di misure per la promozione

Dettagli

Studio Regionale sulle Agenzie per l Energia

Studio Regionale sulle Agenzie per l Energia Paving the way for self sufficient regional Energy supply based on sustainable concepts and renewable energy sources Studio Regionale sulle Agenzie per l Energia European Mobility Week www.manergyproject.eu

Dettagli

Il decreto in sintesi

Il decreto in sintesi Sulla G.U. serie generale 165 del 18-07-2014, è stato pubblicato il decreto legislativo nr. 102 del 4 luglio 2014, attuativo della direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica. Il decreto è in vigore

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

degli edifici pubblici Rovereto 3-aprile-2009

degli edifici pubblici Rovereto 3-aprile-2009 Prof. Arch. Silvano Curcio Università di Napoli Federico II GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI UNI Comitato Normativo Europeo CEN TC 348 Facility Management Energy & Facility Management:

Dettagli

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente Gli ambiti di ricerca in ABI Energia Gli ambiti di ricerca su energia e ambiente in ABI Lab ABI Energia, Competence Center sull energia e l ambiente

Dettagli

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

Meccanismi di finanziamento pubblico per l efficientamentol energetico: il caso BEI

Meccanismi di finanziamento pubblico per l efficientamentol energetico: il caso BEI Meccanismi di finanziamento pubblico per l efficientamentol energetico: il caso BEI Sergio Zabot Dirigente del Settore Energia, Provincia di Milano Sponsor Con il patrocinio di Comune di Casella Il Patto

Dettagli

UN CASO RILEVANTE DELLA GREEN ECONOMY ITALIANA: L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI

UN CASO RILEVANTE DELLA GREEN ECONOMY ITALIANA: L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI UN CASO RILEVANTE DELLA GREEN ECONOMY ITALIANA: L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI Paolo degli Espinosa Marco Corradi Giulia Agrelli gennaio 2013 1 Indice Breve premessa pag.

Dettagli

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Un incentivo per muovere interventi di riqualificazione edilizia e energetica nei complessi edilizi attraverso lo strumento delle Esco. PREMESSA Circa 24

Dettagli

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 REQUISITI MINIMI PER ACCEDERE AL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE E PROPOSTE DI E LEARNING CONOSCENZE DI

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

I servizi offerti dalle ESCO

I servizi offerti dalle ESCO I servizi offerti dalle ESCO Uni 11352 Aziende di Servizi Energetici Sergio LA MURA Direttore Tecnico R&I Napoli, 10 Aprile 2015 2 3 Da Norma 11352 e DLgs 115/08 art 2 e dal recente DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Insieme per crescere

Insieme per crescere Insieme per crescere Gli strumenti giuridici compatibili con il Patto di Stabilità e la strutturazione di un Progetto Dal Contratto di PPP al finanziamento Svenja Bartels, Anna Maria Desiderà Rödl & Partner

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Il recepimento della direttiva 2012/27/UE e le misure per il raggiungimento del target: nuovi obblighi e opportunità per le imprese Forum Efficienza Energetica 2014 Milano, 10.06.2014 Enrico Bonacci Agenda

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Recuperare e riqualificare il patrimonio edilizio GUIDA A CURA DELLA IQT CONSULTING AZIENDA CERTIFICATA UNI EN ISO 9001:2008 PERCHÉ RIQUALIFICARE IL PROPRIO PATRIMONIO EDILIZIO

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica

Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica LA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014 2020 Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica ing. Piergabriele Andreoli Alessandria, 25 Maggio 2015 1 AESS è una associazione no profit per lo sviluppo

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

I bandi nel settore dell edilizia POR FESR 2014-2020

I bandi nel settore dell edilizia POR FESR 2014-2020 Efficienza energetica in edilizia: le opportunità economiche per gli Enti Locali I bandi nel settore dell edilizia POR FESR 2014-2020 Silvia Galante, Valentina Sachero Unità Organizzativa Energia e Reti

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI 14 marzo 2012 I settori d azione previsti dal Patto dei Sindaci Le Linee Guida del Joint

Dettagli

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale di Gabriella De Maio La strategia energetica europea L UE considera l energia come un fattore essenziale

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO FRESH

IL PROGETTO EUROPEO FRESH PROGETTO FRESH PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2015 IL PROGETTO EUROPEO FRESH Strumenti per la riqualificazione energetica del patrimonio di edilizia residenziale sociale esistente EDIFICIO RESIDENZIALE

Dettagli

Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia

Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia Mauro Brolis Divisione Energia INFRASTRUTTURE LOMBARDE SPA Green house ed altri esempi virtuosi per lo sviluppo della

Dettagli

BISOGNI E POTENZIALITA NELL EDILIZIA RESIDENZIALE

BISOGNI E POTENZIALITA NELL EDILIZIA RESIDENZIALE IL DECRETO DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 27/2012: Strategie e metodi per l efficienza energetica del patrimonio edilizio nazionale BISOGNI E POTENZIALITA NELL EDILIZIA RESIDENZIALE MARCO CORRADI Presidente

Dettagli

Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali

Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali Energy Service Companies e sviluppo territoriale Ferruccio Locatelli Molte domande, una sola risposta: Energy Service Company Cos è una Energy

Dettagli

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita Il patrimonio edilizio in Italia Gli edifici del nostro paese sono stati costruiti prevalentemente con criteri

Dettagli

URBANPROMO SOCIAL HOUSING 2013. Social housing e qualità dell abitare

URBANPROMO SOCIAL HOUSING 2013. Social housing e qualità dell abitare URBANPROMO SOCIAL HOUSING 2013 Torino, 7 novembre 2013 Social housing e qualità dell abitare Innovazione, sperimentazione e retrofit energetico A Torino, il 7 novembre 2013, nell ambito di Urbanpromo Social

Dettagli

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI Workshop E.S.Co. ed efficientamento energetico degli edifici: un opportunità per gli operatori pubblici e privati Trieste, 13 febbraio 2014 AREA Science Park Campus di Padriciano Centro Congressi I contratti

Dettagli

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Aprile 2013 1Beghelli Servizi Srl Quadro normativo Nel 2007 la Commissione Europea ha introdotto degli obiettivi quantitativi in materia di efficienza

Dettagli

PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste

PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste stradicciole, tornava bel bello dalla passeggiata verso casa, sulla sera del giorno

Dettagli

Efficienza energetica: le ESCo e il contratto di rendimento

Efficienza energetica: le ESCo e il contratto di rendimento Efficienza energetica: le ESCo e il contratto di rendimento energetico Avv. Luca Tiberi Mondini Rusconi Studio Legale Efficienza energetica Il valore dell efficienza energetica si sta affermando sempre

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

Sostenibilità ambientale, efficienza energetica e certificazione green degli immobili

Sostenibilità ambientale, efficienza energetica e certificazione green degli immobili Sostenibilità ambientale, efficienza energetica e certificazione green degli immobili Problematiche e nuovi ambiti di consulenza legale Maria Deledda 25 giugno 2013 Aree di specializzazione in Real Estate:

Dettagli

Dal Patto dei Sindaci agli investimenti nel settore energetico. Cristina Boaretto Responsabile Team Energia Sinloc Sistema Iniziative Locali S.p.A.

Dal Patto dei Sindaci agli investimenti nel settore energetico. Cristina Boaretto Responsabile Team Energia Sinloc Sistema Iniziative Locali S.p.A. Dal Patto dei Sindaci agli investimenti nel settore energetico Cristina Boaretto Responsabile Team Energia Sinloc Sistema Iniziative Locali S.p.A. 1 Presentazione di Sinloc Sinloc è una società di riferimento

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all improvviso.. VI SORPRENDERETE A FARE

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia

L efficienza energetica in edilizia L efficienza energetica in edilizia Ing. Nicola Massaro - ANCE L Aquila, 13 maggio 2015 www.edifici2020.it Con il patrocinio di Negli ultimi anni si è evoluta la consapevolezza che la sostenibilità, nel

Dettagli

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007 2013 Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Metodologia/procedura attività Linea 1 Premessa Le attività

Dettagli