L Imprenditore Commerciale e lo Statuto dell Impresa Commerciale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Imprenditore Commerciale e lo Statuto dell Impresa Commerciale"

Transcript

1 L Imprenditore Commerciale e lo Statuto dell Impresa Commerciale

2 L ART E L OBBLIGO DI ISCRIZIONE Classificazione delle attività dell art c.c.... Tassatività in via positiva... ovvero in via negativa... imprese industriali: attraverso la trasformazione di materie prime, creano nuovi prodotti, ovvero, attraverso la organizzazione di capitale e servizi, si propongono di predisporre dei servizi; imprese commerciali: svolgono attività intermediatrice nello scambio dei beni (anche se alla funzione intermediaria si aggiunge la manipolazione delle merci, senza che vi sia comunque una trasformazione del bene acquistato in un bene nuovo); imprese di trasporto (anche se per funzione, si tratterebbe di imprese ausiliarie; mentre per struttura di imprese industriali); imprese bancarie e assicurative; imprese ausiliarie: si tratta di quelle imprese che, direttamente o indirettamente, agevolano l attività delle altre imprese e che rispetto a queste hanno una funzione complementare (ausiliarietà va valutata in astratto, non anche in concreto)

3 I PROBLEMI DI INTERPRETAZIONE DELL ART Art. 2195: Interrogativi ed autonomia delle categorie di attività: significato di industriale; e di intermediazione; attività di trasporto, solo specificazione dell attività produttiva di servizi; attività bancaria ed assicurativa, sono rispettivamente attività di intermediazione nella circolazione del bene denaro ed attività produttive di servizi; attività ausiliarie: dal punto di vista funzionale, sono anch esse produttrici di servizi; inoltre come devono essere qualificate le imprese ausiliarie rispetto ad attività non commerciali, in sostanza ha rilievo la natura dell attività ausiliaria o di quella ausiliata

4 INDUSTRIALITÀ E INTERMEDIAZIONE NELLO SCAMBIO : DUE TESI A CONFRONTO A) Industrialità: in ogni attività in cui vi è l impiego di materie prime e loro trasformazione in nuovi beni ad opera dell uomo (sono allora imprese civili, quelle che producono beni o servizi, senza trasformare materie prime: imprese estrattive e di caccia e pesca) Attività intermediaria: solo quella in cui ricorre sia l acquisto che la vendita di beni (... alienazione di beni propri) B)... vi è coincidenza fra industrialità e non agricolo, nonché fra scambio ed intermediazione nella circolazione dei beni... (In)capacità qualificativa dell art ?

5 LE IMPRESE CIVILI E L EFFETTO DI DISAPPLICAZIONE DELLO STATUTO a) l ambito delle imprese civili includerebbe imprese che erano commerciali già sotto il vigore del codice del 1882, assurdo che in via interpretativa si realizzi un tale risultato di sottrazione... b) Ulteriore effetto... estensione dell ambito di esenzione dallo statuto speciale previsto per l impresa commerciale... Preferenza per la seconda tesi...

6 IL RIFERIMENTO ALLA INDUSTRIALITÀ 1 (A) Elemento della Industrialità, che caratterizza Imprend. comm.... implica riferimento a un carattere del processo produttivo... NOZIONE TECNICO-ECONOMICA... trasformazione o elaborazione di un bene o materia preesistente, inteso ad un incremento di utilità che sia risultato della esplicazione ed applicazione dell energia produttiva dell impresa e non frutto di una fattore naturalmente produttivo Produzione industriale si contrappone non solo alla produzione agricola ma a tutte le produzioni c.d. originarie, quelle cioè che sfruttano la naturale produttività di un bene o fattore preesistente

7 IL RIFERIMENTO ALLA INDUSTRIALITÀ 2 (B) Elemento della Industrialità : riferimento alla tradizione storica che, codificata nel codice francese e poi nei nostri codici del 1865 e 1882, distingueva l industria dall artigianato, escludendo così questo dall ambito della produzione industriale, invece ricompresa nel diritto comm.; di qui deriverebbe la qualificazione civile della impresa artigianale... NOZIONE NON TECNICO-ECONOMICA

8 IL RIFERIMENTO ALLA INDUSTRIALITÀ 3 (C) Confronto fra artt e 2082:... testimonianza testuale del 2195, laddove parla di produzione industriale e di intermediazione nello scambio, sembrerebbe lasciare intendere che vi sia uno spazio per ipotesi 1) di produzione, in cui non si tratta di produzioni industriali, ma dovendosi al contempo escludere che si tratti di produzioni agricole, 2) ovvero quando lo scambio non sia intermediario si tornerebbe di fronte ad un terzo genere di impresa... quella civile?

9 IL RIFERIMENTO ALLA INDUSTRIALITÀ: CONCLUSIONE Portata semantica del termine industriale : 2 possibili ed unici, significati: industria = manifattura, attività di trasformazione industria = modalità, storicamente o tecnicamente circostanziabile, della produzione... Rischio: non univocità dell applicazione dei 2 criteri Inoltre se impresa non commerciale e piccola impresa, piuttosto che richiamare una disciplina alternativa, fungono da presupposti di disapplicazione di quella dell impresa commerciale medio-grande, appare evidente che, per evitare che in via interpretativa si estenda l ambito di esenzione dallo STATUTO: Tesi preferibile, quella che considera fungibili l impresa industriale e/o non agricola; nonché lo scambio con l attività di intermediazione nello scambio

10 LO STATUTO DELL IMPRESA COMMERCIALE L INFORMAZIONE D IMPRESA Sistema informativo d impresa 1) pubblicità delle imprese comm. (registro delle imprese anche se oggi è strumento di informazione sui dati organizzativi di tutte le altre imprese) 2) informazione contabile... tenuta delle scritture contabili 2 funzioni: divulgazione dell informazione, rendendola accessibile ai terzi interessati (certificazione anagrafica e pubblicità notizia) opponibilità erga omnes degli atti o dei fatti così resi conoscibili (conoscibilità legale)... Pubblicità Legale Coessenzialità fra informazione e controllo sull andamento dell impresa

11 IL REGISTRO DELLE IMPRESE L. n. 580 del 1993 (Reg. Att., DPR n. 581/1995)... sezione ordinaria e sezioni speciali Sezione Ordinaria: imprend. comm. non piccoli; società (no, soc. semplice); consorzi con attività esterna; GEIE; Enti Pubblici con oggetto esclusivo o principale attività commerciale; soc. estere (sede dell amm. o oggetto principale attività in Italia ) Sezioni Speciali: imprend. agricoli e piccoli imprend.; società fra professionisti (d.lgs. 96/2001; L. 183/2011); soggetti direzione e coordinamento; imprese sociali; atti soc. capitali in lingua straniera; start-up innovative e incubatori certificati (d.l. 179/2012 conv. L. 221/2012)

12 LA PUBBLICITÀ COMMERCIALE Art c.c. [art. 2 d.lgs. 228/2001: imprenditore agr.] dalla iscrizione: deriva l impossibilità per i terzi di affermare l ignoranza di quanto è stato oggetto di iscrizione;... Efficacia: dichiarativa e costitutiva... ad regularitatem dalla mancata iscrizione: deriva l inopponibilità ai terzi, salvo che non si dimostri nel caso concreto la conoscenza da parte del terzo Due precisazioni: la pubblicità non sana i vizi di quanto è pubblicato, né tanto meno crea un fatto od un atto invece inesistente; le conseguenze dell esercizio di una impresa commerciale sono indipendenti dalla loro pubblicità, perché discendono dal fatto del loro esercizio

13 L OBBLIGO DELLE SCRITTURE CONTABILI Documenti che contengono la rappresentazione, in termini quantitativi e/o monetari, dei singoli atti di impresa, della situazione del patrimonio dell imprenditore e del risultato economico dell attività svolta Tenuta delle scritture contabili obbligo legale per imprenditore commerciale esonerati, piccoli imprenditori mentre, soc. commerciali, sono obbligate alla tenuta delle scritture contabili anche se non esercitano attività commerciale

14 LE SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORIE Artt ss.: libro giornale [ordine cronologico; analiticità] libro degli inventari [periodicità; sistematicità del contenuto] strumento di valutazione della complessiva situazione patrimoniale dell imprenditore (2217, I c.) nesso con bilancio, 2217 II c., rinvio per criteri di valutazione (ma anche per struttura) a s.p.a.... il primo inventario : contenuto Individuazione dei criteri che rendono obbligatoria la redazione di altre scritture contabili: natura e dimensioni dell impresa

15 RILEVANZA E MODALITÀ DI REDAZIONE Rilevanza essenzialmente interna della tenuta delle scritture contabili... Redatte dallo stesso imprenditore... tuttavia peculiare rilevanza esterna: per situazioni patologiche dell impresa (crisi e fallimento); sul piano processuale come strumenti di prova Redazione:... secondo le regole di una ordinata contabilità (art. 2219), anche con sistemi informatici, artt bis e 2220, III c.: a) formalità estrinseche b) formalità intrinseche

16 EFFICACIA PROBATORIA DELLE SCRITTURE Prova: di regola, contro l imprenditore [anche se tenute irregolarmente; inscindibilità del contenuto]... applicazione di un principio generale in via di eccezione, a favore [regolarità della tenuta; controversia fra imprenditori tenuti alla redazione delle scritture contabili; relativamente ai reciproci rapporti di impresa] Eccezionalità della regola della prova favorevole delle scritture contabili, regola propria dei soli imprenditori commerciali

Diritto commerciale I. Lezione del 25 ottobre 2016

Diritto commerciale I. Lezione del 25 ottobre 2016 Diritto commerciale I Lezione del 25 ottobre 2016 «Statuto dell imprenditore commerciale» sta per insieme delle norme speciali di disciplina dell imprenditore commerciale: Pubblicità (il registro delle

Dettagli

L IMPRESA: GLI STATUTI L IMPRENDITORE COMMERCIALE

L IMPRESA: GLI STATUTI L IMPRENDITORE COMMERCIALE Francesco Casale 2016. Foto: Yasmin Lehan L IMPRESA: GLI STATUTI L IMPRENDITORE COMMERCIALE Alcune persone vedono un impresa privata come una tigre feroce da uccidere, altre come una mucca da mungere,

Dettagli

Le scritture contabili: la funzione

Le scritture contabili: la funzione Le scritture contabili: la funzione Rappresentazione in termini quantitativi e/o monetari dei singoli atti d impresa, della situazione patrimoniale dell imprenditore, del risultato economico dell attività

Dettagli

IMPRENDITORE COMMERCIALE art c.c.

IMPRENDITORE COMMERCIALE art c.c. IMPRENDITORE COMMERCIALE art. 2195 c.c. è imprenditore commerciale colui che esercita una o più delle seguenti attività Attività: Attività industriale diretta alla produzione di beni o servizi Attività

Dettagli

Diritto Commerciale I. Lezione 28/09/2015

Diritto Commerciale I. Lezione 28/09/2015 Diritto Commerciale I Lezione 28/09/2015 Oggetto dell impresa: - imprenditore agricolo - imprenditore commerciale Dimensioni dell impresa: - piccolo imprenditore - imprenditore medio-grande Imprenditore

Dettagli

L impresa commerciale ed suoi obblighi

L impresa commerciale ed suoi obblighi L impresa commerciale ed suoi obblighi IMPRESA Attività economica organizzata in modo professionale (cioè in modo continuo) al fine della produzione o dello scambio di beni e servizi Le imprese possono

Dettagli

La (Sub)fattispecie del Piccolo Imprenditore: art c.c.

La (Sub)fattispecie del Piccolo Imprenditore: art c.c. La (Sub)fattispecie del Piccolo Imprenditore: art. 2083 c.c. IL PICCOLO IMPRENDITORE Art. 2083: a) Elencazione delle Figure di Piccolo Imprenditore, espressamente nominate b) Inciso finale: caratteristiche

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 STATUTO IMPRENDITORE COMMERCIALE

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 STATUTO IMPRENDITORE COMMERCIALE UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 STATUTO IMPRENDITORE COMMERCIALE STATUTO GENERALE DELL IMPRENDITORE Artt. 2082 2134 Disposizioni generali Azienda Concorrenza Consorzi STATUTO DELL

Dettagli

Diritto commerciale I. Lezione 21/09/2016

Diritto commerciale I. Lezione 21/09/2016 Diritto commerciale I Lezione 21/09/2016 Codice civile Libro V «Del lavoro», Titolo II «Del lavoro nell impresa» Capo I Dell impresa in generale Sezione I Dell imprenditore -- Art. 2082. Imprenditore:

Dettagli

Diritto commerciale I ATTIVITA DI IMPRESA

Diritto commerciale I ATTIVITA DI IMPRESA Diritto commerciale I ATTIVITA DI IMPRESA Art. 41 Costituzione L iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla

Dettagli

NOZIONE DI IMPRENDITORE art. 2082 c.c.

NOZIONE DI IMPRENDITORE art. 2082 c.c. NOZIONE DI IMPRENDITORE art. 2082 c.c. è colui che esercita professionalmente una attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni e servizi Requisiti Esercizio di una attività

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 CLASSIFICAZIONE DEI CONSORZI Tipi di consorzi...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 CLASSIFICAZIONE DEI CONSORZI Tipi di consorzi... Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CLASSIFICAZIONE DEI CONSORZI 1.1. Tipi di consorzi................................ 15 CAPITOLO 2 CONSORZI INDUSTRIALI

Dettagli

Corso di Diritto Commerciale

Corso di Diritto Commerciale Corso di Diritto Commerciale Anno accademico 2014-2015 PROF. MASSIMO RUBINO DE RITIS Powered by Control editing dott. Mario Passaretta Il diritto d impresa Le norme utilizzate sono reperibili, gratuitamente,

Dettagli

FORMAZIONE IMPIEGATI AMMINISTRATIVI

FORMAZIONE IMPIEGATI AMMINISTRATIVI FORMAZIONE IMPIEGATI AMMINISTRATIVI 12-02: CONTABILITA E BILANCIO 25-02: DOCUMENTI CONTABILI E LORO GESTIONE 03-03: TECNICHE DI BUDGETING E ANALISI DEI RISULTATI 05-03: RICLASSIFICAZIONE DI BILANCIO E

Dettagli

L imprenditore agricolo

L imprenditore agricolo L imprenditore agricolo Art. 2135, comma 1, cod. civ. E imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse.

Dettagli

In definitiva, dalla trattazione da me è effettuata, emerge in maniera evidente come il sistema delineato dal legislatore del 1942 per disciplinare

In definitiva, dalla trattazione da me è effettuata, emerge in maniera evidente come il sistema delineato dal legislatore del 1942 per disciplinare PREMESSA In questa tesi ho voluto analizzare la complessa figura dell imprenditore nell ambito del diritto commerciale. Ho innanzitutto esaminato i requisiti espressamente richiesti dall articolo 2082

Dettagli

La (Sub)fattispecie della Impresa Agricola: art c.c.

La (Sub)fattispecie della Impresa Agricola: art c.c. La (Sub)fattispecie della Impresa Agricola: art. 2135 c.c. L IMPRENDITORE AGRICOLO Art. 2135:... Tipologie di attività economiche... Il doppio rischio di impresa ed i fattori della produzione distinzione

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Il sistema informativo aziendale è l insieme:

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Il sistema informativo aziendale è l insieme: IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Il sistema informativo aziendale è l insieme: Delle INFORMAZIONI contabili ed extracontabili prodotte ai vari livelli nel complessivo sistema d impresa Delle PROCEDURE,

Dettagli

I principi generali dell attività di impresa. La tipologia delle società. Il contratto individuale di lavoro.

I principi generali dell attività di impresa. La tipologia delle società. Il contratto individuale di lavoro. I principi generali dell attività di impresa. La tipologia delle società. Il contratto individuale di lavoro. 26 febbraio 2007 Di Seri 1 Art. 41 cost.: l attività imprenditoriale è libera ma non può contrastare

Dettagli

Diritto delle imprese e delle società. Diritto delle società, imprese e contratti bancari.

Diritto delle imprese e delle società. Diritto delle società, imprese e contratti bancari. D IPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA Diritto delle imprese e delle società. Diritto delle società, imprese e contratti bancari. Prof. Nicola de Luca Lezione del 07-03-2017 I. Diritto dell impresa. I. L Imprenditore

Dettagli

Il Registro delle Imprese

Il Registro delle Imprese Il Registro delle Imprese Autore: Concas Alessandra In: Diritto civile e commerciale Il registro delle imprese è un registro nel quale le imprese italiane sono tenute all'iscrizione, e costituisce la fonte

Dettagli

CLASSE TERZA A SIA PROGRAMMA ANALITICO ANNO SCOLASTICO 2016/17 L AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE DELL IMPRESA: PATRIMONIO E REDDITO

CLASSE TERZA A SIA PROGRAMMA ANALITICO ANNO SCOLASTICO 2016/17 L AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE DELL IMPRESA: PATRIMONIO E REDDITO CLASSE TERZA A SIA PROGRAMMA ANALITICO ANNO SCOLASTICO 2016/17 L AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE L azienda e il contesto in cui opera, organizzazione, delocalizzazione e globalizzazione dei mercati - l

Dettagli

ADEMPIMENTI COMUNI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DI ATTI SOCIETARI AL REGISTRO DELLE IMPRESE S.p.A. e società consortili per azioni s.r.l.

ADEMPIMENTI COMUNI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DI ATTI SOCIETARI AL REGISTRO DELLE IMPRESE S.p.A. e società consortili per azioni s.r.l. ADEMPIMENTI COMUNI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DI ATTI SOCIETARI AL REGISTRO DELLE IMPRESE S.p.A. e società consortili per azioni s.r.l. e consortili a responsabilità limitata società cooperative start

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 23/10/2014

Diritto commerciale l. Lezione del 23/10/2014 Diritto commerciale l Lezione del 23/10/2014 Capacità e impresa L esercizio dell attività di impresa richiede la piena capacità di agire È possibile l esercizio di attività di impresa -per conto e nell

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO Corso di laurea triennale in ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO Prof. STROZZIERI Walter Email: wstrozzieri@unite.it PREREQUISITI LO STUDENTE DEVE AVERE MATURATO UNA BUONA CONOSCENZA DEI PRINCIPALI

Dettagli

Il piccolo imprenditore

Il piccolo imprenditore Il piccolo imprenditore Nel cod. civ. sono considerati piccoli imprenditori : I coltivatori diretti del fondo gli artigiani i piccoli commercianti coloro che esercitano un attività professionale organizzata

Dettagli

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI GLI OBBLIGHI STRUMENTALI Si tratta di obblighi il cui assolvimento è considerato strumentale ai fini della applicazione del tributo ovvero ai fini del controllo amministrativo. Sono definiti anche obblighi

Dettagli

La Capacità all esercizio di una Impresa Commerciale e la Rappresentanza

La Capacità all esercizio di una Impresa Commerciale e la Rappresentanza La Capacità all esercizio di una Impresa Commerciale e la Rappresentanza L ESERCIZIO DELL IMPRESA E LE SUE CONSEGUENZE DISSOCIAZIONE fra TITOLARITA ED ESERCIZIO DELL IMPRESA... (Capacità e Rappresentanza)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 162/E

RISOLUZIONE N. 162/E RISOLUZIONE N. 162/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 luglio 2003 Oggetto: Istanza di interpello X S.p.A. Utilizzo dei registri contabili tenuti ai sensi del D.M. 20 settembre 2002 in

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I NORME IMPERATIVE E NORME INDEROGABILI. Sezione I Norme imperative e norme inderogabili. Una ricognizione preliminare

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I NORME IMPERATIVE E NORME INDEROGABILI. Sezione I Norme imperative e norme inderogabili. Una ricognizione preliminare Prefazione... V CAPITOLO I NORME IMPERATIVE E NORME INDEROGABILI Sezione I Norme imperative e norme inderogabili. Una ricognizione preliminare 1. L inderogabilità: le ragioni di una ricerca... 1 2. Norme

Dettagli

INDICE SEZIONE XI: DEI PATRIMONI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE INTRODUZIONE

INDICE SEZIONE XI: DEI PATRIMONI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE INTRODUZIONE INDICE SEZIONE XI: DEI PATRIMONI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE INTRODUZIONE 1. Premessa..................................... 3 2. Origini e contesto dei patrimoni destinati a specifici affari.....

Dettagli

PER L ESTROMISSIONE DEGLI IMMOBILI VALE IL COMPORTAMENTO CONCLUDENTE

PER L ESTROMISSIONE DEGLI IMMOBILI VALE IL COMPORTAMENTO CONCLUDENTE PER L ESTROMISSIONE DEGLI IMMOBILI VALE IL COMPORTAMENTO CONCLUDENTE a cura di Antonio Gigliotti L estromissione agevolata dell immobile da parte dell imprenditore individuale prevista dalla Finanziaria

Dettagli

27. Il cambiamento delle generalità dei collaboratori di giustizia e la modulazione del diritto al nome.» Estratti e certificati.

27. Il cambiamento delle generalità dei collaboratori di giustizia e la modulazione del diritto al nome.» Estratti e certificati. INDICE-SOMMARIO Capitolo I LA PUBBLICITÀ (Gennaro Mariconda) 1. Introduzione. pag. 1 2. L oggetto della pubblicità.» 5 3. L utilità della pubblicità. Precedenti storici.» 6 4. Interesse pubblico alla attuazione

Dettagli

DALLE SCRITTURE CONTABILI AL BILANCIO D ESERCIZIO

DALLE SCRITTURE CONTABILI AL BILANCIO D ESERCIZIO DALLE SCRITTURE CONTABILI AL BILANCIO D ESERCIZIO A cura di Carlo Pagliughi Dottore commercialista Avvocato Sistema contabile in un impresa (segue) La contabilità e un linguaggio con il quale l impresa

Dettagli

Le aziende secondo il fine perseguito

Le aziende secondo il fine perseguito 1 Le classificazioni delle aziende Molteplici possono essere le classificazioni delle aziende, ma le più significative sono effettuate in relazione a: 1. il fine perseguito; 2. la natura dei soggetti promotori.

Dettagli

Imprenditorialità e cultura d impresa Temi giuridici per l imprenditore

Imprenditorialità e cultura d impresa Temi giuridici per l imprenditore Imprenditorialità e cultura d impresa Temi giuridici per l imprenditore Prof. avv. Eva Desana Associato di Diritto commerciale Dipartimento di giurisprudenza -------- 29 novembre 2016 Imprenditore L imprenditore,

Dettagli

Periodico informativo n. 142/2012. Inventario: redazione e stampa entro il 31 dicembre

Periodico informativo n. 142/2012. Inventario: redazione e stampa entro il 31 dicembre Periodico informativo n. 142/2012 Inventario: redazione e stampa entro il 31 dicembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il 31 dicembre

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA L IMPRESA E IL MERCATO. Capitolo I IL FENOMENO E LE NOZIONI DI IMPRESA. Sez. 1 - Il sistema del diritto delle imprese

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA L IMPRESA E IL MERCATO. Capitolo I IL FENOMENO E LE NOZIONI DI IMPRESA. Sez. 1 - Il sistema del diritto delle imprese Autori....................................... XIII Avvertenze..................................... XV Prefazione di ALBERTO MAZZONI.......................... XVII PARTE PRIMA L IMPRESA E IL MERCATO Capitolo

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LA DEI CONTI E LA FORMAZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO 1 IL PROCESSO DI RILEVAZIONE CONTABILE RILEVAZIONE DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO DEI CONTI

Dettagli

INDICE. Osservazioni introduttive... pag. XI CAPITOLO I INADEMPIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI E CLASSIFICAZIONE DELLE PRESTAZIONI

INDICE. Osservazioni introduttive... pag. XI CAPITOLO I INADEMPIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI E CLASSIFICAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDICE Osservazioni introduttive... pag. XI CAPITOLO I INADEMPIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI E CLASSIFICAZIONE DELLE PRESTAZIONI 1. Responsabilità per inadempimento... pag. 1 2. Nozione di inadempimento: mancanza

Dettagli

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA Art. 1, commi Legge , n. 208

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA Art. 1, commi Legge , n. 208 GRUPPO DI LAVORO FISCALITÀ IMMOBILIARE TRASFORMAZIONE AGEVOLATA Art. 1, commi 115-120 Legge 28.12.2015, n. 208 Analisi dei principali aspetti civilistici 13 luglio 2016 Alberto Miglia Trasformazione -

Dettagli

Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio All Assemblea dei Soci di Veneto Promozione S.C.P.A. Premessa Il Collegio sindacale, nell

Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio All Assemblea dei Soci di Veneto Promozione S.C.P.A. Premessa Il Collegio sindacale, nell Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio 31.12.2016 All Assemblea dei Soci di Veneto Promozione S.C.P.A. Premessa Il Collegio sindacale, nell esercizio chiuso al 31.12.2016, ha svolto sia le funzioni

Dettagli

Torino, 18 maggio 2013

Torino, 18 maggio 2013 Torino, Il sistema del regolamento europeo: la determinazione della giurisdizione e la legge applicabile alla succesione Prof. Andrea Bonomi Università di Losanna Prof. Margherita Salvadori Università

Dettagli

INDICE SOMMARIO. pag. Prefazione...

INDICE SOMMARIO. pag. Prefazione... pag. Prefazione.... XIII Capitolo 1 NATURA DELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DELLA R.C. AUTO 1.1. Matrice contrattuale del rapporto assicurativo... 1 1.2. Riaffermazione della matrice contrattuale nel nuovo

Dettagli

LE CATEGORIE DI IMPRENDITORI

LE CATEGORIE DI IMPRENDITORI Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Giurisprudenza CICLO DI SEMINARI DI DIRITTO COMMERCIALE Memorial Marcello Tita LE CATEGORIE DI IMPRENDITORI Prof.ssa EMANUELA FUSCO. Lunedì 24 ottobre

Dettagli

I principi generali del bilancio di esercizio civilistico

I principi generali del bilancio di esercizio civilistico I principi generali del bilancio di esercizio civilistico 1 IL BILANCIO DI ESERCIZIO: clausole generali, principi di redazione e criteri di valutazione CLAUSOLE GENERALI PRINCIPI DI REDAZIONE CRITERI DI

Dettagli

Indice. Parte prima - Logiche e metodi (di Fabrizio Cerbioni e Lino Cinquini) 1 XIII XVII XXI XXII. Prefazione. Introduzione

Indice. Parte prima - Logiche e metodi (di Fabrizio Cerbioni e Lino Cinquini) 1 XIII XVII XXI XXII. Prefazione. Introduzione Indice Prefazione Introduzione Gli Autori e i ringraziamenti dell'editore Guida alla lettura XIII XVII XXI XXII Parte prima - Logiche e metodi (di Fabrizio Cerbioni e Lino Cinquini) 1 Capitolo 1 La ragioneria:

Dettagli

CHI SONO I MEDIATORI CREDITIZI

CHI SONO I MEDIATORI CREDITIZI CHI SONO I MEDIATORI CREDITIZI Qualificazione dell attività E mediatore creditizio colui che professionalmente, anche se non a titolo esclusivo, ovvero abitualmente mette in relazione, anche attraverso

Dettagli

IL TEMA DEL MESE APRILE 2017 LE SCADENZE IL TEMA DEL MESE 10/04/2017. parte dei soggetti IVA mensili (Spesometro). 20/04/2017

IL TEMA DEL MESE APRILE 2017 LE SCADENZE IL TEMA DEL MESE 10/04/2017. parte dei soggetti IVA mensili (Spesometro). 20/04/2017 APRILE 2017 LE SCADENZE 10/04/2017 Termine di presentazione della comunicazione rilevante ai fini IVA relativa all anno 2016 da parte dei soggetti IVA mensili (Spesometro). 20/04/2017 Termine di presentazione

Dettagli

Le scritture in partita doppia dell impresa

Le scritture in partita doppia dell impresa Docente:Franco Scarpino U Università Professioni saniatrie Organ. Aziend Lezione di economia aziendale Lezione n. 3 Le scritture in partita doppia dell impresa Autore:Scarpino Collegato Inizia La rilevazione

Dettagli

SOMMARIO. 1. Il controllo legale

SOMMARIO. 1. Il controllo legale SOMMARIO 1. Il controllo legale 1.1. Premessa 1.1.1 Obbligo di nomina del collegio sindacale 1.1.2 Funzioni del collegio sindacale: la separazione dalla revisione legale dei conti 1.2. I verbali di verifica

Dettagli

4 lezione LO STATUTO DELL IMPRENDITORE COMMERCIALE

4 lezione LO STATUTO DELL IMPRENDITORE COMMERCIALE 4 lezione LO STATUTO DELL IMPRENDITORE COMMERCIALE IMPRENDITORE COMMERCIALE ATTIVITA INDISTRIALE DIRETTA ALLA PRODUZIONE BENI O SERVIZI O ATTIVITA INTERMEDIARIA NELLA CIRCOLAZIONE DI BENI O SERVIZI ATTIVITA

Dettagli

Il Rendiconto Finanziario. Inquadramento normativo e OIC n.10

Il Rendiconto Finanziario. Inquadramento normativo e OIC n.10 Il Rendiconto Finanziario Inquadramento normativo e OIC n.10 Art. 2423 c.c. Redazione del bilancio. In vigore fino al 31.12.2015 Gliamministratoridevonoredigereilbilanciodiesercizio, costituito dallo stato

Dettagli

Introduzione. Gli Autori e Ringraziamenti dell Editore. Guida alla lettura. Parte prima - Logiche e metodi (di Fabrizio Cerbioni e Lino Cinquini)

Introduzione. Gli Autori e Ringraziamenti dell Editore. Guida alla lettura. Parte prima - Logiche e metodi (di Fabrizio Cerbioni e Lino Cinquini) Prefazione Introduzione Gli Autori e Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XIII XV XIX XX Parte prima - Logiche e metodi (di Fabrizio Cerbioni e Lino Cinquini) Capitolo 1 La ragioneria: il mondo

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. XV Nota alla seconda edizione...» XVII 1. IL REGISTRO DELLE IMPRESE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. XV Nota alla seconda edizione...» XVII 1. IL REGISTRO DELLE IMPRESE INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. XV Nota alla seconda edizione...» XVII 1. IL REGISTRO DELLE IMPRESE 1. Nozione. Origine storica e fonti... pag. 3 2. I soggetti tenuti all iscrizione. La struttura

Dettagli

* Il compenso per tale rischio costituisce il profitto imprenditoriale ed è rappresentato dal plusvalore fra ricavo e costi di produzione

* Il compenso per tale rischio costituisce il profitto imprenditoriale ed è rappresentato dal plusvalore fra ricavo e costi di produzione Elementi caratteristici dell imprenditore L iniziativa: cioè il potere di organizzare l impresa, di indirizzarne l attività decidendone la politica economica Il rischio economico: cioè la sopportazione

Dettagli

Presentazione alla terza edizione... pag. XIII. Capitolo I

Presentazione alla terza edizione... pag. XIII. Capitolo I Indice sommario Presentazione alla terza edizione... pag. XIII Capitolo I SOGGETTI PENALMENTE RESPONSABILI NELL AMBITO DELL IMPRESA 1.1. L individuazione dei soggetti responsabili per reati commessi nell

Dettagli

INDICE. Presentazione... Prefazione... Introduzione... CAPITOLO I FATTI, ATTI E NEGOZI GIURIDICI

INDICE. Presentazione... Prefazione... Introduzione... CAPITOLO I FATTI, ATTI E NEGOZI GIURIDICI INDICE Presentazione....................................... Prefazione........................................ Introduzione....................................... V XIII XIX CAPITOLO I FATTI, ATTI E NEGOZI

Dettagli

CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO

CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO ALESSIO SILVESTRI Università di Pisa -Legge n. 1966, 1939 - D.P.R. n. 136, 1975 - D. Lgs. n. 88, 1992 - D. Lgs. n. 58, 1998 (Legge Draghi)

Dettagli

Q u a l e f o r m a g i u r i d i c a p e r l a n u o v a i m p r e s a?

Q u a l e f o r m a g i u r i d i c a p e r l a n u o v a i m p r e s a? Impresa individuale Società di persone Società di capitali 1 IMPRESA INDIVIDUALE Normativa di riferimento: Artt. 2082, 2195, 2196 c.c Per la sua costituzione non sono richiesti particolari adempimenti

Dettagli

INDICE. 1. Il sistema legislativo. Imprenditore e imprenditore commerciale

INDICE. 1. Il sistema legislativo. Imprenditore e imprenditore commerciale INDICE Abbreviazioni......................... p. XIII Introduzione.........................» 1 1. Il diritto commerciale..................» 1 2. L evoluzione storica del diritto commerciale. Il diritto

Dettagli

Questioni teoriche e prassi operativa nel PCT

Questioni teoriche e prassi operativa nel PCT Questioni teoriche e prassi operativa nel PCT Prof. Avv. Giusella Finocchiaro www.studiolegalefinocchiaro.it www.blogstudiolegalefinocchiaro.it Il documento informatico Il quadro normativo (1/2) Percorso

Dettagli

INDICE. Capitolo I AMBITO DI APPLICAZIONE. 1. Individuazione dell ambito della materia e definizioni soggettive... Pag. 1

INDICE. Capitolo I AMBITO DI APPLICAZIONE. 1. Individuazione dell ambito della materia e definizioni soggettive... Pag. 1 INDICE Presentazione... Pag. xv Avvertenze...» xvii Abbreviazioni...» xix Capitolo I AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Individuazione dell ambito della materia e definizioni soggettive... Pag. 1 2. Il consumatore

Dettagli

INDICE SOMMARIO CODICE CIVILE

INDICE SOMMARIO CODICE CIVILE CODICE CIVILE Libro I - Delle persone e della famiglia (artt. 11-47, 230bis)... 3 Libro II Delle successioni (artt. 768bis-768octies)...11 Libro III Della proprietà... 13 Libro IV Delle obbligazioni...

Dettagli

L'Imprenditore Agricolo è un soggetto economico, definito dal Codice Civile, che trova la prima propria definizione nella figura dell'imprenditore:

L'Imprenditore Agricolo è un soggetto economico, definito dal Codice Civile, che trova la prima propria definizione nella figura dell'imprenditore: L'Imprenditore Agricolo è un soggetto economico, definito dal Codice Civile, che trova la prima propria definizione nella figura dell'imprenditore: "E imprenditore chi esercita professionalmente un'attività

Dettagli

Corso di Diritto commerciale. Prof. Eustachio Cardinale

Corso di Diritto commerciale. Prof. Eustachio Cardinale Corso di Diritto commerciale 2013/2014 Prof. Eustachio Cardinale Lezione n. 2 La nozione generale di imprenditore Art. 2082 cod. civ. È imprenditore chi esercita professionalmente un attività economica

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, febbraio 2014 La valutazione delle rimanenze finali CONTO ECONOMICO COSTI Acquisto merci RICAVI Merci c/rim.finali ATTIVITÀ PASSIVITÀ

Dettagli

Indice sommario. Parte I

Indice sommario. Parte I Parte I L imprenditore e l impresa Capitolo 1 La nozione di imprenditore 1. Imprenditore e impresa...» 17 2. La nozione di imprenditore...» 17 3. Aspetti controversi...» 22 4. Attività di impresa e scopo

Dettagli

INTRODUZIONE AL BILANCIO. o Finalità del bilancio o Documenti di bilancio

INTRODUZIONE AL BILANCIO. o Finalità del bilancio o Documenti di bilancio INTRODUZIONE AL BILANCIO o Finalità del bilancio o Documenti di bilancio Lezione 5 ESERCIZIO AMMINISTRATIVO La gestione si presenta come un sistema unitario di operazioni che si svolgono lungo tutto l

Dettagli

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing Materia: ECONOMIA AZIENDALE Classe: V Sezione: C Indirizzo di studi: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Docente: PEZZELLA PIO PROGRAMMA SVOLTO Lineamenti della moderna impresa industriale Che cosa s intende

Dettagli

PROGRAMMA a.s CLASSE IIIA Accoglienza turistica

PROGRAMMA a.s CLASSE IIIA Accoglienza turistica 1 Istituto Professionale di Stato Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Bernardo Buontalenti Sede e Segreteria: Via di San Bartolo a Cintoia 19/a 50142 Firenze Tel. 055 462781 Fax: 055

Dettagli

La Crisi dell Impresa Commerciale

La Crisi dell Impresa Commerciale La Crisi dell Impresa Commerciale L ESECUZIONE COLLETTIVA Inadeguatezza presunta delle azioni esecutive individuali sui beni del debitore Caratteri comuni delle procedure: generali (tutto il patrimonio)

Dettagli

L IMPRENDITORE COMMERCIALE

L IMPRENDITORE COMMERCIALE L IMPRENDITORE COMMERCIALE STATUTO DELL IMPRENDITORE COMMERCIALE 1. Obbligo di iscrizione nel registro delle imprese; 2. Obbligo di tenuta delle scri8ure contabili per gli imprenditori commerciali; 3.

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE. La liquidazione volontaria d azienda

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE. La liquidazione volontaria d azienda LE OPERAZIONI STRAORDINARIE La liquidazione volontaria d azienda CONTESTO AZIENDALE Il Fatto Si ha liquidazione d azienda quando, per scelta dei soci o per altri motivi, la società si trova ad essere impossibilitata

Dettagli

Premessa... pag. 5. Parte I

Premessa... pag. 5. Parte I Premessa... pag. 5 Parte I L imprenditore e l impresa Capitolo 1 La nozione di imprenditore 1. Imprenditore e impresa...» 21 2. La nozione di imprenditore...» 21 3. Aspetti controversi...» 26 4. Attività

Dettagli

IL BOSCO 29/09/2015 BENE DI INTERESSE PUBBLICO BENE DI NATURA PATRIMONIALE NOZIONE GIURIDICA DI BOSCO. Legislazione regionale. d.lgs. 227/2001 art.

IL BOSCO 29/09/2015 BENE DI INTERESSE PUBBLICO BENE DI NATURA PATRIMONIALE NOZIONE GIURIDICA DI BOSCO. Legislazione regionale. d.lgs. 227/2001 art. IL BOSCO BENE DI INTERESSE PUBBLICO BENE DI NATURA PATRIMONIALE BENE OGGETTO DI PROTEZIONE PROF. AVV. NICOLETTA FERRUCCI 1 DECRETO LEGISLATIVO 18 MAGGIO 2001, N. 227 ORIENTAMENTO E MODERNIZZAZIONE DEL

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione alla seconda edizione... pag. XI CAPITOLO I SOGGETTI PENALMENTE RESPONSABILI NELL AMBITO DELL IMPRESA

INDICE SOMMARIO. Presentazione alla seconda edizione... pag. XI CAPITOLO I SOGGETTI PENALMENTE RESPONSABILI NELL AMBITO DELL IMPRESA INDICE SOMMARIO Presentazione alla seconda edizione... pag. XI CAPITOLO I SOGGETTI PENALMENTE RESPONSABILI NELL AMBITO DELL IMPRESA 1.1. L individuazione dei soggetti responsabili per reati commessi nell

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 3 B SIA A.S 2015/2016

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 3 B SIA A.S 2015/2016 PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 3 B SIA A.S 2015/2016 DOCENTE:MARISA SARTORIO L AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE L AZIENDA, IL CONTESTO IN CUI OPERA, DELOCALIZZAZIONE E GLOBALIZZAZIONE DEI MERCATI

Dettagli

Introduzione al bilancio d esercizio Il sistema normativo di riferimento. A cura di Carlo Pagliughi Dottore commercialista Avvocato

Introduzione al bilancio d esercizio Il sistema normativo di riferimento. A cura di Carlo Pagliughi Dottore commercialista Avvocato Introduzione al bilancio d esercizio Il sistema normativo di riferimento A cura di Carlo Pagliughi Dottore commercialista Avvocato Nozione di d esercizio (1/3) Il bilancio d esercizio è destinato a rappresentare

Dettagli

Indice sommario. Parte Prima. L impresa agricola

Indice sommario. Parte Prima. L impresa agricola Indice sommario Introduzione La nuova disciplina dell impresa agricola e dei contratti agrari e le ricadute nel sistema........................... p. 1 Parte Prima L impresa agricola Capitolo Primo L impresa

Dettagli

Indice. La fattispecie giustificato motivo oggettivo di licenziamento tra storie e attualità

Indice. La fattispecie giustificato motivo oggettivo di licenziamento tra storie e attualità Indice Gli Autori XI Introduzione di Adalberto Perulli XIII Capitolo Primo La fattispecie giustificato motivo oggettivo di licenziamento tra storie e attualità di Bruno Caruso 1. Il giustificato motivo

Dettagli

INDICE I. IL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI

INDICE I. IL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI I. IL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI Sezione 1 I PRECEDENTI STORICI (di R. Corona) 1.1. Il codice civile del 1865: le poche disposizioni in tema di condominio negli edifici e la disciplina articolata in tema

Dettagli

Una classificazione delle informazioni

Una classificazione delle informazioni Una classificazione delle informazioni Informazioni consistono di Informazioni non quantitative Informazioni quantitative consistono di Informazioni monetarie Informazioni non monetarie consistono di Informazioni

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE

LA RILEVAZIONE DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE LA RILEVAZIONE DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE Obiettivi della rilevazione Oggetto della rilevazione sistematica Oggetto della rilevazione periodica Le regole operative di rilevazione La rilevazione sistematica

Dettagli

Diritto Commerciale I. Lezione del 04/11/2016

Diritto Commerciale I. Lezione del 04/11/2016 Diritto Commerciale I Lezione del 04/11/2016 Artt. 2555-2562 c.c. -La definizione codicistica sottolinea il carattere di strumentalità dell azienda, intesa come complesso organizzato di beni, per l esercizio

Dettagli

Soluzione IL CONTO ECONOMICO

Soluzione IL CONTO ECONOMICO Soluzione IL CONTO ECONOMICO CASO 4, IL CONTO ECONOMICO 1) L IRES è un imposta diretta proporzionale calcolata commisurando l aliquota del 27,5% all imponibile fiscale, ottenuto apportando all utile o

Dettagli

ABROGAZIONE DELL OBBLIGO DI BOLLATURA E VIDIMAZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI: RIFLESSI SULL EFFICACIA PROBATORIA

ABROGAZIONE DELL OBBLIGO DI BOLLATURA E VIDIMAZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI: RIFLESSI SULL EFFICACIA PROBATORIA ABROGAZIONE DELL OBBLIGO DI BOLLATURA E VIDIMAZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI: RIFLESSI SULL EFFICACIA PROBATORIA Circolare n. 13/2002 Documento n. 25 del 23 ottobre 2002 Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

A.S. 2015/2016 CLASSE 2^ SEZ. A AFM. PROGRAMMA DI ECONOMIA D'AZIENDA Testo utilizzato: CON NOI IN AZIENDA 2 Autori: Fortuna - Montanaro.

A.S. 2015/2016 CLASSE 2^ SEZ. A AFM. PROGRAMMA DI ECONOMIA D'AZIENDA Testo utilizzato: CON NOI IN AZIENDA 2 Autori: Fortuna - Montanaro. A.S. 2015/2016 CLASSE 2^ SEZ. A AFM PROGRAMMA DI ECONOMIA D'AZIENDA Testo utilizzato: CON NOI IN AZIENDA 2 Autori: Fortuna - Montanaro. Le monnier Ripresa dei principali calcoli della classe prima I mezzi

Dettagli

DIRITTO SOCIETARIO: FORME DI SOCIETA E ORGANI DI GOVERNANCE Dott. Emiliano Fabris

DIRITTO SOCIETARIO: FORME DI SOCIETA E ORGANI DI GOVERNANCE Dott. Emiliano Fabris DIRITTO SOCIETARIO: FORME DI SOCIETA E ORGANI DI GOVERNANCE Dott. Emiliano Fabris LE FONTI DEL DIRITTO LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA LEGGI DI REV. COST. E LEGGI COST. LE FONTI INTERNAZIONALI LE LEGGI

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 16/11/2016

Diritto commerciale l. Lezione del 16/11/2016 Diritto commerciale l Lezione del 16/11/2016 La «familiarità» nello svolgimento dell attività di impresa - Impresa familiare art. 230-bis c.c. - Impresa coniugale art. 177 c.c. - Impresa individuale Impresa

Dettagli

Società di capitali: caratteristiche. generali

Società di capitali: caratteristiche. generali Società di capitali: caratteristiche 1) Personalità giuridica e autonomia patrimoniale perfetta 4. Organizzazio ne corporativa per uffici : principio maggioritario. generali 2)Responsabi lità dei soci

Dettagli

Docente: Massimo Esposito Classe: Terza Amministrazione Finanza & Marketing Materia: Economia Aziendale Asse culturale: Economico Sociale

Docente: Massimo Esposito Classe: Terza Amministrazione Finanza & Marketing Materia: Economia Aziendale Asse culturale: Economico Sociale Docente: Massimo Esposito Classe: Terza Amministrazione Finanza & Marketing Materia: Economia Aziendale Asse culturale: Economico Sociale MODULO 1 - La gestione dell impresa: patrimonio e reddito Competenze

Dettagli

UN'IPOTESI DI MODERNA COLLABORAZIONE TRA PROFESSIONISTA E AZIENDA: DUE DILIGENCE LEGALE

UN'IPOTESI DI MODERNA COLLABORAZIONE TRA PROFESSIONISTA E AZIENDA: DUE DILIGENCE LEGALE UN'IPOTESI DI MODERNA COLLABORAZIONE TRA PROFESSIONISTA E AZIENDA: DUE DILIGENCE LEGALE SPECIFICHE COMPETENZE NEL SETTORE AGRARIO Avv. Lorenzo Marchionni PRIMA DI TUTTO IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE

Dettagli

LE PERSONE GIURIDICHE

LE PERSONE GIURIDICHE 1 LE PERSONE GIURIDICHE Soggetto del rapporto giuridico non è soltanto l individuo, la persona fisica singolarmente ed autonomamente considerata, ma anche organizzazioni collettive di uomini (persone giuridiche

Dettagli

INDICE. Parte prima di Luigi Scappini, Francesco Facchini, Maria Giulia Facchini

INDICE. Parte prima di Luigi Scappini, Francesco Facchini, Maria Giulia Facchini INDICE Premessa... pag. 9 Parte prima di Luigi Scappini, Francesco Facchini, Maria Giulia Facchini CAPITOLO PRIMO Aspetti generali 1. Aspetti introduttivi... pag. 13 1.1 I caratteri distintivi del contratto

Dettagli

SNAI S.p.A.: approvata la relazione semestrale al 30 giugno 2007

SNAI S.p.A.: approvata la relazione semestrale al 30 giugno 2007 Comunicato stampa (Ai sensi dell art. 114 D.L.g.s. 58/1998) SNAI S.p.A.: approvata la relazione semestrale al 30 giugno 2007 Il Gruppo SNAI chiude il primo semestre con Ebitda pari a 42.257 migliaia (+90%),

Dettagli

Scelta dell indirizzo di studio

Scelta dell indirizzo di studio Scelta dell indirizzo di studio I quattro indirizzi di studio 2 biennio e 5 anno Studi turistici : a chi si rivolgono? a chi ha predisposizione per le lingue straniere a chi desidera arrivare ad una preparazione

Dettagli

CONVEGNO AZIENDA AGRICOLA STRUMENTI FINANZIARI

CONVEGNO AZIENDA AGRICOLA STRUMENTI FINANZIARI CONVEGNO AZIENDA AGRICOLA STRUMENTI FINANZIARI Pagina 2 IL BILANCIO RACCOLTA DI INFORMAZIONI SULL ASSETTO E SULL ANDAMENTO DELL AZIENDA E NECESSARIO SAPERLO INTERPRETARE E NECESSARIO CONOSCERE IL SUO LINGUAGGIO,

Dettagli

Lettura ed Analisi del Bilancio. Analisi dei contenuti del conto economico

Lettura ed Analisi del Bilancio. Analisi dei contenuti del conto economico Analisi dei contenuti del conto economico Schema di conto economico A) VALORE DELLA PRODUZIONE B) COSTI DELLA PRODUZIONE Differenza fra valore e costi della produzione C) PROVENTI E ONERI FINANZIARI D)

Dettagli