Neural Trader: utilizzo di reti neurali per il trading di scommesse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Neural Trader: utilizzo di reti neurali per il trading di scommesse"

Transcript

1 Neural Trader: utilizzo di reti neurali per il trading di scommesse Mario Arrigoni Neri A. Introduzione Il trading di scommesse sportive è una attività relativamente nuova, che si presenta per la prima volta nel 2003 quando una importante società del Regno Unito, The Sporting Exchange Limited, sviluppa un portale che propone un sistema di scambio di quote di scommesse analogo ad una borsa valori. Questo sito, assorbe ben presto la gran parte del colossale giro d affari che, nel Regno Unito e non solo, ruota intorno alle scommesse, sportive ma non solo, tanto che nello stesso anno Betfair riceve il Queen s Award for Enterprise dalla Regina d Inghilterra. Il mercato delle scommesse presenta numerose analogie con quello azionario, tuttavia, grazie al suo collegamento esplicito con eventi reali ed oggettivi, risulta fortemente più vincolato, nel senso che è possibile valutare facilmente ed in maniera affidabile il grado di pertinenza di un mercato all evento sottostante, nonché i livelli di convenienza delle quote disponibili. Per questi ed altri motivi, l attenzione di alcuni broker di borsa si è spostato sul ricco mercato offerto da Betfair (ed altri sistemi paralleli nati successivamente). Lo scopo di questo lavoro è valutare se le tecniche di soft computing, quali le reti neurali e gli algoritmi genetici, possono essere proficuamente applicate al mercato delle scommesse. Dopo una prima brevissima introduzione ai concetti fondamentali dello scambio di scommesse, proverò ad addestrare una rete neurale a stimare le probabilità di vittoria in relazione ad una determinata scommessa, sperando di ottenere una stima più accurata di quella che si riflette nelle quote (o prezzi) disponibili sul mercato. In effetti, ottenere una rete siffatta significherebbe depurare almeno parzialmente il modello degli eventi sottostanti (ad esempio quelli sportivi) dalle dinamiche sociali, psicologiche e speculative che intervengono nella formulazione di una quota. Così facendo sarebbe in linea di principio possibile utilizzare la stima del sistema per valutare se il prezzo proposto è più o meno conveniente, con un evidente vantaggio economico. Una volta ottenuta la rete per la predizione passerò ad implementare un trader automatico che ne sfrutti l accuratezza per operare sul mercato guidato da alcuni parametri operativi. Infine questi parametri operativi, che in generale saranno indicati dall utente, saranno oggetto di ottimizzazione da parte di un algoritmo genetico, che cercherà di identificare la politica ottima e, quindi, il trader più performante. B. Concetti base del mercato scommesse Caratteristiche delle scommesse Una scommessa non è altro che un accordo tra due attori, detti giocatore e banco, sull effettuare una transazione economica sulla base del verificarsi o meno di un evento, solitamente successivo alla stipula dell accordo. Il giocatore corrisponde al banco una somma di denaro concordata detta carico, in caso in cui l evento si verifichi il banco corrisponderà al giocatore una somma concordata detta premio. In sostanza, il giocatore, pagando il carico, acquista il diritto a ricevere dal banco il premio condizionatamente al verificarsi dell evento. L elemento caratteristico della scommessa è la quota (o prezzo), definito come:

2 quota = premio carico Ovviamente, a parità di tutte le altre condizioni, più alta è la quota, maggiore è il vantaggio del giocatore rispetto al banco. I livelli di rischio degli attori prende il nome di esposizione o responsabilità ed indica la massima perdita a cui ciascuno degli attori si espone partecipando alla scommessa. Il giocatore si espone, in caso l evento non si verifichi, ad una perdita pari al carico, mentre il banco si espone in caso l evento si verifichi ad una perdita pari al premio decurtato del carico che comunque riceve dal giocatore. Quindi: exp B exp = G carico = premio carico = ( quota 1) carico Esistono diversi schemi di scommesse, i due principali si distinguono sulla base dei meccanismi che portano al calcolo della quota: a quota fissa a totalizzatore E il sistema più diffuso. Il banco propone una scommessa ad una platea di potenziali giocatori. La scommessa è caratterizzata da una quota, decisa unilateralmente dal banco e da un carico massimo che il banco stesso è disposto a coprire. Il giocatore può decidere liberamente se accettare la quota proposta dal banco. E il sistema utilizzato da alcuni sistemi di scommesse statali, tra cui i sistemi italiani (SNAI, SiSal, Tris, ecc..). Il banco accetta scommesse da una platea di giocatori, riservandosi di decidere successivamente la quota delle singole scommesse. I giocatori, quindi, indicano solo il carico che intendono scommettere. Al termine della raccolta il banco calcola le quote a cui accettare ogni scommessa. In questo caso la quota è nota solo dopo la chiusura delle scommesse ed è calcolata in modo inversamente proporzionale al carico totale collezionato su ogni possibile esito. E chiaro che se gli eventi sono mutuamente esclusivi (come ad esempio i risultati di una partita) il banco può bilanciare le quote in modo da non rischiare mai di perdere del denaro. Il mercato Il mercato scommesse raccoglie un insieme di utenti, che possono operare contemporaneamente come banco e come giocatore. Il mercato è organizzato in un albero di eventi reali (intesi come eventi sportivi o meno nel mondo reale, come una partita, una corsa, una votazione politica, ecc..). Per ogni evento sono disponibili uno o più mercati, ogni mercato si occupa di un particolare aspetto dell evento ed e caratterizzato dai possibili esiti di tale aspetto, detti anche selezioni. Ad esempio, considerando come evento naturale una partita di calcio Milan-Inter, esisterà quantomeno il mercato sul vincente, che permette di scambiare scommesse su quale sarà il risultato di schedina. Questo mercato proporrà come possibili selezioni Milan, Inter e Pareggio.

3 Sullo stesso evento reale possono essere definiti mercati differenti, come il numero di reti, il risultato finale, ecc.., ciascuno con una serie di selezioni che esauriscono i possibili esiti del mercato. Per ogni selezione di ogni mercato un utente può operare sia come banco che come giocatore, in ogni momento può inserire nel sistema l offerta di una scommessa indicando il carico e la quota a cui è interessato. Per ogni selezione il sistema mantiene una lista delle offerte e le propone agli utenti in un book a tre livelli non dissimile da quello a cui si è abituati sul mercato borsistico organizzate sui due lati dell offerta: Lato del back: raccoglie tutte le proposte dei banchi, quindi ogni utente può decidere se abbinare una scommessa inserendo, di fatto, una richiesta di gioco. E l analogo della lista delle offerte di vendita di un titolo Lato del lay: raccoglie le proposte dei giocatori. Ogni utente può decidere se abbinare una scommessa inserendo una richiesta di banco. E analogo alla lista delle offerte di acquisto Se una richiesta in back non è interamente soddisfacibile al prezzo richiesto, la frazione di carico residua rimarrà disponibile in lay per ulteriori abbinamenti; dualmente i carichi non abbinati in lay rimarranno disponibili in back. Nell analogia con i termini borsistici diremo che acquistare un evento ad un determinato prezzo corrisponde a scommettere sulla sua realizzazione ad una data quota. In termini operativi, conviene evidenziare subito il fatto che, contrariamente a quanto avviene in borsa, il miglior acquisto è quello al prezzo massimo, così che un trader (o un bookmaker in questo caso) ha come obiettivo acquistare eventi a prezzi elevati e rivenderli a prezzi inferiori, così da poter tratte un utile indipendentemente dal verificarsi o meno dell evento (e cioè effettuando quello che in gergo prende il nome di arbitrato). In Figura 1 è riportata una schermata del book a tre livelli su un mercato vincente di una corsa ippica, per ogni selezione e per ogni livello di quota è riportato il carico disponibile per l abbinamento.

4 Figura 1 esempio di book a tre livelli Ovviamente in ogni istante e per ogni selezione il massimo prezzo disponibile in back è inferiore al minimo prezzo disponibile in lay. Mettendo in competizione sullo stesso mercato non solo giocatori differenti, ma anche e soprattutto banchi differenti fa sì che le quote disponibili sul mercato siano mediamente molto più convenienti delle quote fisse dei bookmaker tradizionali. Si valuta che questo vantaggio sia nell ordine del 25%. Il margine di banco Differentemente dal mercato valori, a prescindere dalle valutazioni tecniche in merito alla convenienza dell una o dell altra selezione, è sempre e comunque possibile valutare la bontà e concorrenzialità del mercato tenendo presente che una ed una sola delle selezioni sarà pagata dal banco, mentre le altre si tradurranno in una perdita per il giocatore. Il margine di banco è l indice primario per stimare la bontà del mercato e misura il vantaggio che si riserva il banco che propone tutte le selezioni al miglior prezzo disponibile. Chiaramente nel caso di un mercato scommesse questo è un banco virtuale, nel senso che solitamente non esiste un unico utente che propone i prezzi migliori su tutte le selezioni di un mercato. Assumendo un mercato perfetto, ogni selezione dovrebbe avere una quota determinata unicamente dalla probabilità che l evento si verifichi. Il banco remunera il rischio dello scommettitore, garantendo un rapporto tra vincita e carico inversamente proporzionale alla probabilità di vittoria. In formule: P = 1 prezzo Ad esempio é evidente che se si scommette su un evento con probabilità P=1/2, uno scommettitore onesto accetterà una quota pari a due, in modo da avere una esposizione pari alla vincita.

5 Dato che le selezioni di un mercato M sono una partizione dell evento certo (sono incompatibili tra di loro e la loro ed una di esse deve necessariamente verificarsi), la somma delle loro probabilità deve essere pari ad uno: 1 Q = Psel = = 1 prezzo sel M sel M Sotto l ipotesi di mercato perfetto (Q=1) è possibile costruire un book di scommesse neutro, infatti è possibile giocare (o bancare) tutte le selezioni alle quote disponibili garantendosi un utile nullo a prescindere dall esito dell evento scegliendo i carichi da collocare su ogni selezione sulla base della quota. Occorre quindi garantire che: sel S M : prezzo S carico S S 2 M carico = S 2 0 In un mercato perfetto l equazione ammette la soluzione: S M : carico S = S 2 M carico prezzo S S 2 In realtà, in ogni istante, il mercato presenta due livelli di quote, uno in back ed uno in lay, che approssimano solamente il mercato perfetto. Dal lato del back troviamo le offerte di banco non ancora abbinate ed è quindi naturale che tali quote diano un vantaggio al banco, quindi avremo Q>1. Al contrario nel lato del lay avremo Q<1. Queste informazioni sono riportate, in percentuale, in Figura 1 vicino a punta e banca. Lo starting price Come visto nei paragrafi precedenti, in un mercato perfetto è possibile far corrispondere direttamente ai prezzi le probabilità del verificarsi di un evento. Tuttavia, la stima delle probabilità sulla base delle quote si scontra con alcune problematiche fondamentali: In generale il mercato non è perfetto, ma risente degli errori di valutazione degli utenti. All aumentare degli utenti questo fenomeno diminuisce, così che le quote fuori mercato vengono transate rapidissimamente (nel caso in cui siano vantaggiose) o vendono superate da altre (se sono svantaggiose) Sono disponibili sul mercato solo le quote non ancora abbinate, questo significa come visto che esiste un margine di banco positivo (Q>1) o negativo (Q<1) a seconda del lato che si considera. Inoltre se il mercato non ha grossi volumi in transazione può accadere che i prezzi in book siano lontani da quelli che vengono effettivamente transati La soluzione classica per ottenere uno stimatore migliore è presa in prestito dall ambito borsistico ed è il cosiddetto starting price. Lo starting price non è altro che il valore medio, pesato sui carichi, a cui è stata acquistata una selezione e fornisce una stima del valore reale della stessa. In formula: SP = transazioni prezzo carico transazioni carico Lo starting price viene solitamente calcolato considerando tutte le transazioni dall apertura del mercato, dato che il volume di carichi transati rende atto delle diverse fasi della contrattazione.

6 Inoltre è possibile valutare lo starting price su intervalli successivi di tempo per stimare le dinamiche di medio periodo di una selezione, utilizzando di fatto lo starting price come un indicatore più robusto ed affidabile dei semplici prezzi disponibili. C. Logging dei dati Mercati di riferimento Da un punto di vista tecnico, Betfair mette a disposizione, a pagamento, un accesso al proprio mercato tramite WebService. In ogni istante è quindi possibile monitorare le quote disponibili e consultare lo storico delle transazioni, ricavando utili indicazioni per le operazioni di trading. Per sperare di ottenere uno stimatore delle probabilità di vittoria di una selezione occorre garantire una certa uniformità tra gli eventi considerati. Nel mio lavoro ho scelto di concentrarmi sulle scommesse sportive sui mercati vincente delle corse ippiche inglesi ed irlandesi. Questa scelta è stata dovuta a due fattori: Il volume di gioco su questi eventi è notevole. Indicativamente si ha una media di corse al giorno e su ciascuna di queste vengono transati diversi milioni di euro. L alto volume di gioco è da un lato indice di un possibile guadagno e dall altro un indicatore di concorrenzialità del mercato stesso (che ha in genere un Q molto prossimo ad 1). In un mercato concorrenziale i prezzi e gli indicatori tecnici sono di norma più indicativi della reale probabilità di vittoria e possono quindi essere verosimilmente utilizzati da un predittore neurale I mercati vincente delle corse inglesi ed irlandesi sono aperti anche durante lo svolgersi della corsa. In gergo si dice che il mercato è live. La possibilità di scommettere durante la gara fa si che ci siano delle fasi molto concitate, dove grandi volumi di denaro vengono scambiati su mercati molto volatili e con prezzi in rapida oscillazione. Questo fornisce solitamente ottime opportunità di trading all operatore umano e, verosimilmente, è un indicatore di possibile successo anche per un trader artificiale. Il logger Una volta scelti i mercati di riferimento, il primo passo del mio lavoro è stata l implementazione di un client per il webservice di Betfair che fosse in grado di memorizzare tutte le transazioni. In realtà Betfair stesso fornisce ai propri clienti delle statistiche sui mercati e sugli sport più popolari (tra cui per prime troviamo proprio le corse inglesi). Tuttavia, queste non sono sufficienti per ricostruire le dinamiche dei prezzi e delle transazioni: informazioni fondamentali in quanto sono le uniche disponibili a runtime durante l attività di trading. Il logger è un semplice tool sviluppato in Java. Utilizza Axis per interfacciarsi al webservice di Betfair ed è pensato per operare autonomamente per lunghi periodi. Ogni giorno l albero degli eventi viene aggiornato per contenere gli eventi giornalieri, le corse di interesse si svolgono normalmente dall una di pomeriggio fino a sera e la lista dei mercati viene aggiornata entro le 10 di mattina. Il logger, quindi, opera su base giornaliera. Alle 10 di mattina aggiorna la lista dei mercati, navigando lungo le directory degli eventi fino alle corse di cavalli. A questo punto estrae le sole corse inglesi ed irlandesi che prevedono una parte in live ed infine si mette in ascolto su tali eventi. Già in fase di log è necessario effettuare alcune scelte sia sulle informazioni da considerare che sulle modalità e le risoluzioni con cui osservarle: Intervallo di osservazione: solitamente, per gli eventi sportivi si osserva una concentrazione dell attività di compravendita a partire dagli ultimi minuti prima dell evento reale. Nell ambiente ippico è detto effetto tondino; nella prima parte della giornata, i vari

7 bookmaker si propongono per bancare le selezioni sulla base di analisi tecniche di periziatori ed i giocatori piazzano scommesse sulla base di fattori esogeni rispetto all evento vero e proprio. Il risultato sono scarsissime transazioni e quote di fatto slegate dalle probabilità reali di vincita. 5 o 10 minuti prima dell inizio della corsa i concorrenti si presentano sul campo di gara e gli scommettitori possono visionare effettivamente cavallo e fantino e valutarne le qualità e la forma. Questo è il momento in cui, trascinati dalle scommesse inviate direttamente dall ippodromo, i mercati incominciano a muovere i capitali maggiori. Per queste considerazioni il logger analizza i mercati a partire da dieci minuti prima della partenza. Intervallo di campionamento: è una variabile fondamentale per ottenere dei campioni numerosi, ma contemporaneamente significativi. Visto che alcune informazioni si riferiscono all intero intervallo di osservazione, non conviene spingere gli aggiornamenti oltre una certa frequenza per evitare di campionare del rumore. Vista la volatilità dei mercati e valutata la dinamica degli scambi, ho impostato l intervallo tra due campioni a cinque secondi. Empiricamente i tempi di comunicazione con il server ed i ritardi dovuti alla scrittura dei dati hanno comportato un aumento di circa un secondo. Figura 2 il tool per il log dei mercati Il programma visualizza in una lista i riferimenti di tutti gli eventi monitorati, indicando cromaticamente la fase in cui si trova il mercato: Grigio: mercato in attesa, non è ancora iniziata la fase di logging Giallo: logging pre-live, il sistema sta memorizzando lo storico del mercato, ma l evento reale non è ancora iniziato Verde: logging in-live, il sistema sta memorizzando lo storico del mercato e l evento reale è in corso. La distinzione rispetto al logging pre-live permetterà di specializzare la rete in una delle due fasi, qualora emergano differenze sostanziali nei rispettivi comportamenti Rosso: logging terminato, il mercato è stato chiuso e si sta attendendo la regolazione delle scommese abbinate; nessun gol viene creato in questa fase

8 Durante la fase di logging occorre estrarre dai dati grezzi forniti dalla piattaforma quelle informazioni che permetteranno, di costruire i campioni di addestramento della rete. In particolare è necessario calcolare lo starting price ed i volumi scambiati partendo dallo storico di tutte le transazioni. L impossibilità di accedere direttamente a questi valori richiede di accedere ad ogni campione a tutte le quote abbinate ed è la principale causa dell overhead in fase di logging. Per ogni campione e per ogni selezione vengono quindi salvati: Il miglior prezzo in back Il miglior prezzo in lay Il carico disponibile al miglior prezzo in back Il carico disponibile al miglior prezzo in lay Lo starting price della selezione Il volume totale scambiato per la selezione I file di log Il frutto del logger viene salvato in una serie di file XML. Ogni file contiene i dati di un particolare mercato ed i file sono organizzati in directory, una per ogni giornata. Figura 3 DTD del linguaggio di log L elemento radice di ogni file contiene il nome del mercato (che corrisponde al nome del file), il numero di rilevazioni eseguite e riporta la lista dei singoli campioni. Ogni campione è classificato a seconda che sia stato o meno raccolto durante la fase live del mercato; inoltre si memorizza il tempo, in secondi, che manca all inizio ufficiale della gara. Questo può essere importante per valutare in che misura i prezzi disponibili sul mercato sono legati al reale valore della selezione. Ogni campione riporta poi i dati delle singole selezioni secondo le misure indicate nel paragrafo precedente. La Figura 3 riporta il DTD del linguaggi dei log, mentre la Figura 4 mostra il frammento iniziale del log di una corsa. Il logger è stato mantenuto in linea a partire dal 10 giugno fino al 27 novembre 2006, per un totale di 3351 eventi reali a cui corrispondono ben campioni.

9 Figura 4 frammento di un file di log D. La rete neurale Nello sviluppo della rete ho utilizzato il tool open sorse Joone (http://www.jooneworld.com/). La rete implementata è una rete feedforward con: Uno strato lineare in ingresso Uno strato nascosto sigmoidale Un neurone di uscita sigmoidale L idea di base è addestrare la rete per riconoscere i campioni che si riferiscono a selezioni vincenti da quelli che si riferiscono a selezioni perdenti. In questo modo il valore restituito dalla rete (che è limitato tra zero ed uno a causa del neurone di uscita) può essere convenientemente interpretato come la probabilità di vittoria. Figura 5 rete neurale di base

10 In Errore: sorgente del riferimento non trovata viene mostrata la rete di partenza all interno dell editor di Joone. Sono indicati i tre livelli della rete e le strutture necessarie all addestramento ed alla valutazione della rete stessa. Tra queste troviamo: vari connettori a file, che permettono di leggere i campioni e gli esiti noti per l addestramento supervisionato il componente di apprendimento (teacher) che misura l errore della rete ed implementa l algoritmo di addestramento scelto il componente grafico che si occupa di disegnare l andamento dell errore durante l addestramento. Costruzione del training set Il sistema di addestramento prevede che i campioni siano inseriti in un file testuale con i singoli elementi divisi da caratteri di interpunzione (;). E quindi necessario sviluppare un secondo programma di traduzione che: ricava dai dati dei log delle informazioni significative da fornire in ingresso alla rete. Questa fase di preprocesso permette di ridurre lo spazio dei parametri (cioè la dimensione dei campioni in ingresso) ed è finalizzata ad una migliore convergenza della rete, dato che parte dell elaborazione che questa dovrebbe apprendere è di fatto fornita dall esperto del dominio. Joone fornisce una libreria di plugin per il proprocessing dei campioni, tuttavia l elaborazione richiesta è fortemente dipendente dall applicazione e mal si presta ad essere demandata ai plugin della piattaforma seleziona un sottoinsieme di campioni dall enorme mole di dati raccolta, mantenendone la rappresentatività. Contestualmente esegue un resampling dei dati in modo da renderli più efficaci per la classificazione. Per sua natura, l analisi dei prezzi e degli scambi trae vantaggio dall elaborazione congiunta di una serie di campioni letti in intervalli temporali contigui. L approccio è molto vicino all analisi di sequenze temporali, ma rispetto alla semplice giustapposizione di campioni diversi successivi è opportuno calcolare alcune grandezze di processo quali gli scambi nell ultimo intervallo di osservazione. Ogni campione sottoposto alla rete riporta informazioni sui prezzi della selezione di interesse relative agli ultimi tre istanti di osservazione. Per evitare un aumento insostenibile dello spazio in ingresso ho scelto di utilizzare le sole informazioni sui migliori prezzi disponibili, riducendo di fatto il book ad un unico livello. Queste informazioni sono integrate da informazioni sulle transazioni della selezione, che rendono conto dell effettivo interesse suscitato dall evento ed alcune informazioni generali sul mercato, che permettono di caratterizzare il tipo di evento e la situazione in cui avviene il trading. Infine, è utile poter confrontare la selezione attuale con il suo diretto antagonista, cioè con la selezione sullo stesso mercato che appare favorita dalle quote attuali; a tale scopo il campione in ingresso viene integrato da alcuni dati sulla selezione antagonista. Infatti spesso, e soprattutto in live, le stime sulle possibilità di vittoria di un corridore dipendono dal raffronto delle dinamiche con selezioni differenti. Complessivamente, ogni campione è costituito da 34 valori, a cui si aggiunge il valore dell output desiderato che nella fattispecie è la funzione indicatrice della vittoria. Dato che i dati dei log non riportano esplicitamente il vincitore di una corsa è necessario estrarre questa informazione. Ciò è possibile se si considera che al termine dell evento, cioè appena prima della chiusura di un mercato, il concorrente con quota minima è quasi certamente il vincitore. La tabella seguente mostra i singoli campi di ogni campione, raggruppati per tipologia ed indicando ove necessario il metodo di calcolo a partire dai dati nei log.

11 # nome descrizione Prezzi della selezione corrente 1 B(t) Miglior prezzo in back all istante corrente 2 L(t) Miglior prezzo in lay all istante corrente 3 BS(t) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in back 4 LS(t) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in lay 5 B(t-1) Miglior prezzo in back all istante precedente 6 L(t-1) Miglior prezzo in lay all istante predente 7 BS(t-1) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in back 8 LS(t-1) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in lay 9 B(t-2) Miglior prezzo in back a due istanti precedenti 10 L(t-2) Miglior prezzo in lay a due istanti precedenti 11 BS(t-2) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in back 12 LS(t-2) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in lay Scambi sulla selezione corrente 13 MODD(t) Starting price attuale della selezione 14 MS(t) Carico scambiato sulla selezione 15 DODD(t) E il prezzo medio scambiato nell ultimo intervallo temporale. Visto che non è fornito direttamente dai file di log è necessario calcolarlo come: MODD( t) MS( t) MODD( t 1) MS( t 1) DODD( t ) = DS( t) 16 DS(t) Volume scambiato nell ultimo intervallo di tempo, calcolabile come: DS( t) = MS( t) MS( t 1) 17 DODD(t-1) Prezzo medio scambiato nel penultimo intervallo temporale. E di fatto la versione traslata di un istante di DOSS(t) 18 DS(t-1) Volume scambiato nel penultimo intervallo temporale 19 MODD(t-2) Starting price calcolato due istanti prima dell attuale, raccoglie l informazione sul comportamento medio prima delle ultime rilevazioni 20 MS(t-2) Volume scambiato dall apertura del mercato al terzultimo campione Prezzi della selezione antagonista 21 BA(t) Miglior prezzo in back all istante corrente della selezione antagonista. La selezione antagonista è quella con il prezzo di Back minore tra le atre selezioni. Quindi è solitamente il concorrente favorito, salvo nel caso in cui il favorito sia la selezione corrente 22 LA(t) Miglior prezzo in lay all istante corrente della selezione antagonista 23 BAS(t) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in back della selezione antagonista 24 LAS(t) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in lay della selezione antagonista 25 BA(t-1) Miglior prezzo in back all istante precedente della selezione antagonista 26 LA(t-1) Miglior prezzo in lay all istante predente della selezione antagonista 27 BAS(t-1) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in back della selezione antagonista 28 LAS(t-1) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in lay della selezione antagonista 29 BA(t-2) Miglior prezzo in back a due istanti precedenti della selezione antagonista 30 LA(t-2) Miglior prezzo in lay a due istanti precedenti della selezione antagonista 31 BAS(t-2) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in back della selezione

12 antagonista 32 LAS(t-2) Stake (o carico) disponibile al miglior prezzo in lay della selezione antagonista Informazioni generali sul mercato 33 Togo Secondi che mancano alla partenza ufficiale della gara 34 Runners Numero di selezioni disponibili per il mercato Uscita desiderata 35 wins Funzione indicatrice della vittoria Selezione dei campioni La selezione dei campioni da inserire nel training set è fondamentale per garantire la rappresentatività del campione stesso. La mole di dati raccolti fornisce una buona libertà nella scelta dei criteri di ammissibilità dei campioni: omogeneità dei campioni: quando l evento reale inizia, il mercato passa dalla fase di trading a quella live. In questo passaggio tutte le scommesse non abbinate vengono rimosse ed inizia una nuova contrattazione. Al fine di avere campioni temporali significativi è quindi importante che i tre istanti che concorrono alla definizione di un campione (nominalmente t, t-1 e t-2) appartengano alla stessa fase di contrattazione. Se così non fosse si otterrebbero delle discontinuità sui prezzi di mercato artificiosi, dovuti ad un evento singolare che interrompe la sequenza ammissibilità per prezzo: la significatività dei prezzi osservati varia enormemente a seconda del livello di quota. A prezzi molto piccoli (al di sotto di 1.1) corrisponde una vittoria quasi certa; al contrario livelli di prezzo molto alti (al di sopra di 1:50) sono molto poco significativi in quanto sono determinati quasi unicamente da quote residue abbandonate dal banco o da azioni speculative. E pertanto opportuno limitarsi a campioni con prezzi di mercato (userò il back per maggiore significatività) compresi in un opportuno intervallo. ricampionamento: il ricampionamento dei dati in ingresso permette di manipolare la proporzione tra diverse classi di campioni. Uno dei problemi del fenomeno osservato è la bassa incidenza statistica delle selezioni vincenti. Infatti, un mercato ha mediamente selezioni a cui corrisponde una probabilità a priori di vittoria intorno al 5%. In letteratura è noto che questo sbilanciamento tra le cardinalità delle due classi può rendere difficoltoso l apprendimento. Tuttavia il ricampionamento pone due problematiche: la probabilità a priori è di per sé un informazione: ricampionare eccessivamente il dataset può distruggere completamente questa informazione. Visto che l obiettivo è stimare le probabilità di vittoria e di sconfitta conviene mantenere il ricampionamento entro termini accettabili ricampionare il training set vuole spesso dire replicare alcuni campioni della classe meno numerosa. Questo solleva evidenti problemi sul filtraggio del rumore e sulla capacità di generalizzazione della rete ottenuta e ripropone problematiche di overfitting. Nel nostro caso il ricampionamento può essere effettuato senza replicare alcun campione. Dato il grande numero di rilevamenti è infatti sufficiente campionare la classe dei vincitori con una distribuzione di probabilità diversa per ottenere un aumento di dati senza duplicazione degli stessi.

13 Nella costruzione del dataset ho scelto i seguenti parametri: parametro valore commenti Prezzo minimo 1.3 Equivale ad una probabilità stimata di vittoria di circa il 30%, al di sotto di questo valore già si vedono gli effetti della speculazione Prezzo massimo 50 Al di sopra del 50% i prezzi appaiono decisamente poco significativi % perdenti 5% Per i campioni che soddisfano gli altri criteri si applica una probabilità di selezione del 5%. Questo permette di ottenere un numero comunque molto alto di campioni che spaziano su tutti gli eventi registrati. Mediamente un evento viene osservato per minuti (10 di trading di durata del live), quindi campionando ogni 5-7 secondi si hanno circa 140 campioni per evento; ricampionando se ne hanno 7-8. % vincenti 15% Selezionando i vincenti con una probabilità tripla rispetto ai perdenti si innalza la percentuale dei vincenti a circa il triplo dell incidenza originaria, mantenendola comunque di gran lunga inferiore al 50% Applicando questi parametri ai campioni reali ottenuti dalla fase di logging, composta da circa 3300 eventi, si filtrano gli oltre 3 milioni e mezzo di campioni fino ad ottenerne solo , innalzando contemporaneamente la percentuale di campioni vincenti dal 5 al 15%

14 E. Addestramento Una volta estratto il training set si passa alla fase di addestramento. Come primo tentativo usiamo la rete di Figura 5 ed un algoritmo di backpropagation con learning rate pari a 0.8 ed un momento di 0.6. il risultato, utilizzando i primi 5000 campioni del dataset, è riportato in Figura 6. Come appare evidente, la rete parte già con delle performance interessanti, caratterizzate da un errore medio intorno a 0.3 (che, come mostrerò, è già comparabile con l errore medio delle stime basate sui prezzi). Tuttavia, con l avanzare delle epoche di addestramento, l errore non diminuisce significativamente, tanto da attestarsi dopo 200 epoche intorno a E da evidenziare che anche una riduzione modesta dell errore di previsione può essere sfruttata per ottenere utili, seppur su una grande mole di eventi. Figura 6 RMSE del training di base L obiettivo è di modificare questa dinamica dell errore per ottenere una riduzione constante, anche se limitata, dell errore stesso. A questo scopo è possibile attuare due interventi, il primo frutto di considerazioni generali sulla dinamica dell errore, il secondo specifico per le caratteristiche del particolare problema in analisi. Innanzitutto pare che la mancata dinamica decrescente dell errore sia dovuta ad oscillazioni che statizzano l RMSE intorno ad un valore prossimo a quello iniziale. La soluzione tipica in questi casi è una qualche forma di annealing. In questo caso ho scelto un annealing dinamico al 15%, questo significa che ogni qualvolta l errore aumenta il learning rate viene diminuito del 15%. Inoltre, valutando il dataset, appare evidente una certa di sproporzione tra gli ordini di grandezza delle singole componenti di ogni campione. Infatti, in ogni campione troviamo campi che rappresentano prezzi (vuoi prezzi di mercato che starting price), altri che rappresentano carichi (stake disponibile o volumi scambiati) ed infine altri che rappresentano intervalli temporali e numero di partecipanti. Le tre classi di componenti assumono ovviamente valori ben differenti, a volte distanti ordini di grandezza tra di loro. Questa considerazione, unitamente ad alcune valutazioni sul significato di valori particolari, introduce la tematica del condizionamento tramite preprocessing dei dati. Analizziamo queste operazioni per le tre classi di componenti:

15 valori di prezzo: i prezzi vengono distorti utilizzando una scala logaritmica. Man mano che il prezzo aumenta, la differenza tra due prezzi diventa sempre meno significativa. Inoltre il prezzo pari a 2 assume un significato particolare, dato che è il prezzo che, almeno idealmente, dovrebbe indicare un evento puramente casuale; per questo motivi ho scelto di utilizzare il prezzo 2 come punto per il cambio di segno del logaritmo. Riassumendo, i prezzi vengono preelaborati attraverso la formula: price = ln( p 1) valori di flussi: le componenti che rappresentano flussi di denaro assumono solitamente valori maggiori dei prezzi, mentre anche per queste componenti rimane valicala considerazione generale sulla significatività delle variazioni rispetto al valore assunto. Inoltre in questo caso occorre gestire l eventualità di un carico nullo. Per questi motivi ho utilizzato un logaritmo in base dieci con una preventiva traslazione di una unità del volume scambiato (o disponibile): volume = log 10 v + 1 ( ) valori generici: le componenti che indicano i secondi mancanti all inizio della corsa ed il numero di partecipanti non vengono preelaborati, essendo per loro natura limitati ad un range piuttosto contenuto. Figura 7 andamento dell'rmse con preprocessing Per valutare l effetto del condizionamento dei campioni è stato necessario aggiungere il condizionatore al programma di elaborazione dei log. Aggiungendo l annealing ed il preprocessing dei campioni si ottiene il risultato di Figura 7. In effetti in questo caso le oscillazioni dell errore vengono smorzate entro le prime epoche di addestramento e l errore assume il tipico andamento decrescente, tendendo ad un valore prossimo a Si conclude quindi che le modifiche apportate hanno da un lato risotto l errore finale della rete, e dall altro ne hanno stabilizzato il comportamento.

16 F. Generalizzazione della rete Una volta compreso quale forma dare ai dati di training e che tipo di rete utilizzare occorre dimensionare correttamente la rete medesima e scegliere i valori da assegnare ai parametri di apprendimento (learning rate e momento). A tal fine occorre confrontare tra di loro diverse opzioni sulla base dell errore di validazione e per fare ciò è opportuno utilizzare una tecnica di cross-validazione, in cui l intero campione in ingresso viene partizionato in K frammenti. La valutazione della rete avviene in K turni, in ciascuno dei quali la rete viene reinizializzata, addestrata con i campioni provenienti da tutti i frammenti meno uno, ed infine valicata sul frammento non usato nella fase di addestramento. Ad ogni turno si sceglie un frammento diverso per la validazione ed alla fine si calcola la media degli errori di validazione. La media calcolata è un indice delle capacità di generalizzazione della rete con riferimento al particolare dataset, ma utilizzando porzioni diverse dello stesso dataset in fase di addestramento e di validazione questo diventa un indicatore della generalizzazione della rete rispetto al problema ed è quindi utile per scegliere i parametri tipici della rete. Per usare la K-fold crossvalidation per selezionare la rete da utilizzare è possibile, banalmente, misurare la generalizzazione di diverse configurazioni e scegliere quella che garantisce l errore di generalizzazione minimo. Nel nostro caso i parametri che determinano maggiormente la capacità di generalizzazione della rete sono il numero di nodi nello strato nascosto, il coefficiente di apprendimento ed il momento. Nell esperimento sono stati combinati tre valori per la dimensione del livello nascosto (15, 7 e 35) con due livelli per il learning rate (0.8 e 0.6) e due per il momento (0.6 e 0.4), ottenendo un totale di 12 differenti configurazioni. Il campione è stato diviso in cinque frammenti di campioni ciascuno. Viste alcune difficoltà implementative di Joone si è scelto di memorizzare i singoli frammenti in file fisicamente distinti e di usarli per una closs validation con K=5; ad ogni iterazione, quindi, la rete è stata addestrata con campioni e valicata con i restanti Per ogni configurazione provata e per ogni combinazione dei blocchi di training si è eseguito l addestramento per 100 epoche. I risultati della valutazione comparativa, ottenuti dopo qualche ora di computazione, sono riportati nella tabella seguente: # hidden level Learning rate Momentum Mean Training error Mean Generalizzation error Come si può notare gli errori di training e di validazione sono molto vicini tra di loro, questo indica che il campione raccolto è in effetti significativo e si può ben sperare in risultati analoghi utilizzando campioni al di fuori dei log.

17 Anche se di poco, la configurazione più efficiente sia in termini di apprendimento che in termini di generalizzazione è quella con 7 neuroni nello strato nascosto, un learning rate iniziale (ridotto dall annealing) pari a 0.6 ed un momento di 0.4. A questo punto è necessario chiedersi se questi risultati sono o meno sufficienti a fornire un trader efficace. In particolare occorre confrontare l errore medio di generalizzazione della rete con quello che si otterrebbe con dei predittori elementari. Il modo più semplice per stimare la probabilità del verificarsi di un evento è tramite l inverso del numero di eventi disgiunti ed incompatibili. Nella fattispecie si tratta di considerare, a priori, ogni corridore ugualmente capace di vincere la corsa, in questo caso la proprietà viene stimata come: 1 P = # partenti In realtà, superare la precisione di una stima a priori non è sufficiente per ottenere un vantaggio rispetto al mercato, quello che occorre è invece ottenere una stima più precisa di quella fatta dal mercato stesso. La stima del mercato può essere calcolata sia utilizzando le quote in back che quelle in lay: 1 1 P = P = Backprice Layprice Il calcolo delle stime di mercato viene eseguito contestualmente all estrazione dei campioni dai log ed è quindi pertinente ai campioni effettivamente utilizzati e resi disponibili al predittore. Gli errori calcolati in questi tra modi sono riportati di seguito: RSME base = RSME back = RSME lay = Effettivamente gli errori delle stime di back e di lay sono più precise di quelle del predittore di base; questo sta a significare che i prezzi sono, come ovvio, correlati all effettiva probabilità di vittoria. Il confronto con il migliore dei predittori di base, quello basato sui prezzi in back, mostra una precisione nettamente superiore, quantificabile con una riduzione dell errore medio pari al 24%. G. Trading automatico Fino ad ora abbiamo ottenuto uno stimatore che appare nettamente migliore rispetto alle stime delle quote di mercato. Questo significa che la rete ottenuta è effettivamente in grado di fornire un vantaggio competitivo, vuoi fornendo indicazioni all utente, vuoi fungendo da fonte informativa per un sistema di trading automatico. Resta ora da capire come si possa sfruttare questo predittore per automatizzare alcune operazioni sui mercati. In questo lavoro mi limiterò all uso più semplice, che consiste nell adoperare la predizione della rete per valutare quando i prezzi di mercato sono convenienti (alti in back o bassi in lay) e, sotto alcune condizioni di ammissibilità e con qualche indicazione sulle tattiche operative, operare di conseguenza degli acquisti di quote libere sul mercato. Il trader opera con la seguente modalità: In ogni istante di campionamento osserva il mercato, registrando le quote disponibili ed i carichi corrispondenti o Per ogni corridore Utilizzando una memoria per gli stati del mercato ai due istanti precedenti calcola in tempo reale i 34 ingressi del predittore neurale Passa gli ingressi alla rete ottenendo una stima della probabilità di vittoria di ogni selezione Se la probabilità di vittoria desunta dal prezzo in back è sufficientemente più bassa di quella ottenuta dalla rete e la selezione non è stata ancora

18 o giocata in back, gioca la selezione al prezzo di mercato ed un carico compreso in un intervallo predefinito compatibilmente con il mercato Se la probabilità di vittoria desunta dal prezzo in lay è sufficientemente più alta di quella ottenuta dalla rete e la selezione non è stata ancora giocata in lay, banca la selezione al prezzo di mercato ed un carico compreso in un intervallo predefinito compatibilmente con il mercato Se hai raggiunto l esposizione massima accettabile termina Per poter simulare l attività del trader sui mi dadi inseriti nel log è necessario introdurre dei controlli per evitare che la stessa selezione venga giocata (o bancata) più di una volta. Questo è importante perché, dato che si stanno usando dei log, in realtà le operazioni eseguite dal trader non interferiscono con le quote di mercato. Questo vuol dire che se una selezione rimane costantemente ad un prezzo considerato conveniente il trader continuerebbe a giocarla ogni 5 secondi; questo comportamento, oltre ad essere particolarmente pericoloso, non riflette ciò che accadrebbe in un uso reale sul campo, in cui invece la transazione farebbe quantomeno diminuire il carico disponibile, ed è pertanto poco indicativa dell effettivo potenziale del trading. Il funzionamento del trader è parametrico rispetto a nove parametri: Parametro minadv maxadv minprice maxprice minstake maxstake Descrizione Vantaggio minimo stimato per cui conviene operare sul mercato. Una volta calcolata la probabilità di vittoria dal mercato (vuoi in back, vuoi in lay) questa viene confrontata con la previsione della rete, ottenendo il vantaggio della rete in percentuale rispetto alla probabilità di mercato. In back questo diventa: previsione adv = mercato Mentre in lay abbiamo previsione adv = mercato Vengono valutate solo le operazioni per cui adv min Adv Anche vantaggi troppo eclatanti possono indicare operazioni troppo rischioso. Infatti può essere sintomo di fattori esogeni particolari che incidono sulla probabilità di vittoria del corridore, ma che per loro natura non possono essere stati presi in considerazione durante la fase di addestramento della rete. Per questo motivo vengono valutate solo le operazioni con adv max Adv Indica il livello minimo di prezzo a cui si è disposti operare. Oer motivi di semplicità lo stesso valore viene usato sia in back che in lay Indica il livello massimo di prezzo a cui si è disposti operare E il carico minimo che si vuole puntare, se il mercato non offre il carico minimo l operazione viene ignorata E il carico massimo che si vuole puntare. Se il mercato offre un carico maggiore l operazione sarà comunque eseguita con il carico massimo

19 Exposure Back Lay Esposizione massima sul singolo evento. Quando il trader ha collocato o bancato scommesse per una responsabilità pari all esposizione (il carico in back e carico * (prezzo-1) in lay) termina le operazioni e passa al prossimo mercato. Questo evita di esporsi eccessivamente durante la fase di trading. E anche possibile decidere da che parte del banco giocare, in back, in lay o in entrambi. Questo parametro booleano indica se operare in back Indica se operare in lay H. Ottimizzazione dei parametri Sebbene il lavoro di apprendimento del mercato possa dirsi concluso con successo, è opportuno valutare le potenzialità di guadagno offerte dal predittore. Per fare questo occorre cercare una particolare configurazione dei parametri operativi che, in una simulazione di mercato, garantisca il massimo guadagno. In questo frangente ci si può affidare a tecniche genetiche, che ottimizzino l insieme dei parametri rispetto al guadagno. Il sistema opera con un crossover ad un punto ed una probabilità di mutazione uniforme. Tecnologicamente, la scelta è caduta sulla libreria JGAP che, rispetto ad altre soluzioni, permette di operare con cromosomi eterogenei, cioè composti da geni di tipo diverso. Campioni per l addestramento Il simulatore del trading è a tutti gli effetti il trader definitivo, fatto salvo il fatto che opera su dati simulati invece che in linea con il mercato reale. Per farlo funzionare, quindi, servono i parametri operativi ed i dati provenienti dal mercato. Questi ultimi sono di fatto analoghi a quelli usati nella fase di addestramento della rete: i 34 campioni in ingresso vengono usati per stimare la probabilità di vittoria, mentre l informazione sul vincente viene usata per calcolare le vincite. Tuttavia, non è possibile riutilizzare i log per l addestramento della rete dato che questi non hanno alcuna caratteristica di località e sono anzi prodotti volutamente scegliendo campioni da mercati diversi ed evitando di campionare troppo spesso lo stesso mercato. Per una corretta simulazione, al contrario, è necessario avere log completi di alcuni mercati, pur operando un campionamento anche rado all interno del set di mercati. Per questo motivo è necessario eseguire una seconda estrazione dai log. In questo caso ho campionato i mercati con una probabilità del 5% estraendo, per motivi di efficienza, solo 20 mercati (corrispondenti all incirca ad una giornata di attività). L estrazione genera il log completo del mercato nella forma idonea ad essere processata dalla rete neurale; per ogni corridore estrae le tuple che lo riguardano e le combina con quelle del rispettivo antagonista. L effetto è la creazione di uno storico di circa cento campioni (ciascuno composto da 35 valori) per ogni corridore di ciascun mercato selezionato. Evoluzione I cromosomi, come detto, contengono un gene per ogni parametro operativo, cioè nove geni. Innanzitutto ogni gene ha un tipo e degli intervalli ammissibili differenti; questo non crea problemi durante la fase di addestramento, dato che si è scelto un crossover ad un punto e quindi le posizioni all interno del cromosoma vengono preservate durante la fase di evoluzione. Fortunatamente la libreria utilizzata, JGAP, supporta cromosomi eterogenei.

20 Scegliendo convenientemente i limiti ammissibili per ogni gene si può indirizzare l evoluzione verso valori ritenuti semanticamente accettabili e velocizzare pertanto la convergenza della popolazione anche utilizzando un numero tuttosommato esiguo di individui. Nella fattispecie, i tipi ed i range ammissibili di ogni gene sono indicati di seguito: Gene Tipo Min Max minadv Int maxadv Int minprice Double 1 4 maxprice Double 3 30 minstake Int maxstake Int Exposure Double Back Boolean - - Lay Boolean - - Anche all interno dei range proposti esistono dei cromosomi che in realtà non ammettono alcuna politica di trading diversa dalla politica nulla (cioè dall assenza di operazioni sul mercato), ad esempio è perfettamente lecito generare un cromosoma con minprice>maxprice, visto che i due range ammissibili non sono disgiunti. Un siffatto cromosoma non accetterebbe di piazzare o ricevere scommesse ad alcun prezzo. Lo stesso si dica per le restanti coppie di geni. Inoltre, anche un cromosoma che disabiliti contemporaneamente le operazioni in back e quelle in lay sarebbe di fatto inattivo e pertanto da scartare a priori. Le dipendenze funzionali tra geni hanno caratteristiche locali, nel senso che coinvolgono al massimo due geni. E pertanto conveniente definire dei cosiddetti supergeni: Un supergene è un gruppo di geni vicini in un cromosoma che sono ereditati insieme a causa del forte legame genetico e sono funzionalmente correlati in senso evolutivo, sebbene siano raramente co-regolati geneticamente Wikipedia Da un punto di vista tecnico, un multigene è una collezione di geni contigui che: Non vengono spezzati dall operazione di crossover Se vengono mutati vengono mutati insieme Sono co-vincolati da un vincolo di integrità che deve essere rispettato durante la mutazione Il principale vantaggio nell uso dei supergeni è che, invece di produrre un intero cromosoma e valutarne l ammissibilità prima di introdurlo nella popolazione, è possibile mutare ogni supergene indipendentemente e valutarne indipendentemente l ammissibilità, con un sostanziale miglioramento dell efficienza dell algoritmo e dei tempi di convergenza dello stesso. Nel caso specifico ho definito due tipi di supergeni: Un supergene ordinale, che impone l ordinamento dei geni (interi o double) che lo costituiscono. Viene usato per garantire che gli intervalli operativi dei diversi parametri non siano vuoti. Questo ovviamente non garantisce che la politica non sia nulla, ma elimina una grande moltitudine di cromosomi evidentemente inattivi Un supergene booleano, che impone che i costituenti (booleani) non siano entrambi falsi. Viene usato per garantire che le due modalità operative back e lay non vengano mai disabilitate contemporaneamente

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di lippi@dsi.unifi.it Dipartimento Sistemi e Informatica Università di Firenze Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Introduzione

Dettagli

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward Reti Neurali Artificiali per lo studio del mercato Università degli studi di Brescia - Dipartimento di metodi quantitativi Marco Sandri (sandri.marco@gmail.com) Regressione non lineare con un modello neurale

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

Implementazione del gioco del Bantumi Corso di Intelligenza Artificiale 2012

Implementazione del gioco del Bantumi Corso di Intelligenza Artificiale 2012 Implementazione del gioco del Bantumi Corso di Intelligenza Artificiale 2012 Nicola Febbrari Università degli Studi di Verona Facoltà MM.FF.NN. nicola.febbrari@studenti.univr.it 22 gennaio 2013 1 Introduzione

Dettagli

Page 1. Evoluzione. Intelligenza Artificiale. Algoritmi Genetici. Evoluzione. Evoluzione: nomenclatura. Corrispondenze natura-calcolo

Page 1. Evoluzione. Intelligenza Artificiale. Algoritmi Genetici. Evoluzione. Evoluzione: nomenclatura. Corrispondenze natura-calcolo Evoluzione In ogni popolazione si verificano delle mutazioni. Intelligenza Artificiale In un ambiente che varia, le mutazioni possono generare individui che meglio si adattano alle nuove condizioni. Questi

Dettagli

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Nello scorso articolo abbiamo spiegato, per sommi capi, le linee guida della recente riforma della previdenza pubblica,

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

Uno standard per il processo KDD

Uno standard per il processo KDD Uno standard per il processo KDD Il modello CRISP-DM (Cross Industry Standard Process for Data Mining) è un prodotto neutrale definito da un consorzio di numerose società per la standardizzazione del processo

Dettagli

MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com. la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com. la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 1 Edizione marzo / giugno 2015 La simulazione del trading su dati storici www.sapienzafinanziaria.com

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

postulato della valutazione tramite indicatori: La valutazione di un sistema sanitario tramite indicatori ipotizza

postulato della valutazione tramite indicatori: La valutazione di un sistema sanitario tramite indicatori ipotizza postulato della valutazione tramite indicatori: La valutazione di un sistema sanitario tramite indicatori ipotizza la praticabilità di una scomposizione della complessità in informazioni elementari ed

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo

Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo Il sistema SCIARE: Sistema per la Composizione di Indicatori di Attività REgionale Razionale: per poter sintetizzare

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

Riproduzione Crossover Mutazione

Riproduzione Crossover Mutazione Algoritmi Genetici Sono algoritmi di ricerca basati sui principi evolutivi della selezione naturale e della genetica, che implicano la sopravvivenza degli elementi migliori e lo scambio di informazioni

Dettagli

Backpropagation in MATLAB

Backpropagation in MATLAB Modello di neurone BACKPROPAGATION Backpropagation in MATLAB Prof. Beatrice Lazzerini Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Via Diotisalvi 2, 56122 Pisa La funzione di trasferimento, che deve essere

Dettagli

Scommesse e concorsi a pronostico

Scommesse e concorsi a pronostico Scommesse singole ippiche e sportive Scommesse e concorsi a pronostico La percentuale di probabilità di vincita si ricava dal rapporto tra il singolo esito e il numero di esiti possibili, ovvero: (Singolo

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Totoquote totocalcio expert. ( per Windows XP, Vista, 7 )

Totoquote totocalcio expert. ( per Windows XP, Vista, 7 ) Totoquote totocalcio expert. ( per Windows XP, Vista, 7 ) Software portatile per calcolo quote e picchetti. Diventa autonomo nella generazione di picchetti. Licenza Shareware nominativa senza scadenza

Dettagli

Bet Analytics The Social Betting Strategy

Bet Analytics The Social Betting Strategy Bet Analytics The Social Betting Strategy Antonino Marco Giardina Aprile 2012 My Business Idea Founder Nome: Antonino Marco Giardina Studi: Laurea Magistrale in Statistica, Economia e impresa - Università

Dettagli

Bet Analytics The Social Betting Strategy

Bet Analytics The Social Betting Strategy Bet Analytics The Social Betting Strategy Antonino Marco Giardina Marzo 2012 Premessa Pronosticare i risultati di specifici eventi e puntare sugli stessi è alla base di tutte le scommesse sportive L esigenza

Dettagli

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Titolo SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.24option.com/it ATTENZIONE: tutti i diritti sono riservati

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

Realizzazione di un sistema predittivo dei risultati del campionato di calcio italiano di serie A 2006/2007

Realizzazione di un sistema predittivo dei risultati del campionato di calcio italiano di serie A 2006/2007 Realizzazione di un sistema predittivo dei risultati del campionato di calcio italiano di serie A 2006/2007 Docente Prof. Giuseppe Manco Studenti Matr.. 96803 Francesco Aiello Matr.. 94881 Vittorio Leo

Dettagli

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Si è parlato di interpretazione corretta dei risultati ottenuti; a questo concorrono due fattori: affidabilità e validità. Se i test fossero stati ripetuti con lo

Dettagli

Media mobile di Kaufman

Media mobile di Kaufman Media mobile di Kaufman La Kama (Kaufman Adaptive Moving Average) fu discussa per la prima volta nel 1998 in un intervista al suo creatore Perry Kaufman (su STOCKS & COMMODITIES, anche se l articolo originale

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

4. Matrici e Minimi Quadrati

4. Matrici e Minimi Quadrati & C. Di Natale: Matrici e sistemi di equazioni di lineari Formulazione matriciale del metodo dei minimi quadrati Regressione polinomiale Regressione non lineare Cross-validazione e overfitting Regressione

Dettagli

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole -

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - - richiami preliminari sulle proprietà strutturali - Abbiamo visto che alcune caratteristiche dei sistemi dinamici (DES compresi) non

Dettagli

Algoritmi di scheduling

Algoritmi di scheduling Capitolo 2 Algoritmi di scheduling 2.1 Sistemi Real Time In un sistema in tempo reale (real time) il tempo gioca un ruolo essenziale. Le applicazioni di tali sistemi sono molteplici e di larga diffusione.

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

Suddivisione dei finanziamenti sulla base dei voti dei cittadini e delle consulte

Suddivisione dei finanziamenti sulla base dei voti dei cittadini e delle consulte Suddivisione dei finanziamenti sulla base dei voti dei cittadini e delle consulte Pietro Speroni di Fenizio, Ph.D. External Investigator Artificial Life Lab Dublin City University Gennaio 26, 2015 Obiettivo

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

STRUMENTO DI SUPPORTO PER L ANALISI DEL RISCHIO-RAPINA

STRUMENTO DI SUPPORTO PER L ANALISI DEL RISCHIO-RAPINA Convegno ABI BANCHE E SICUREZZA 2007 STRUMENTO DI SUPPORTO PER L ANALISI DEL RISCHIO-RAPINA Fabrizio Capobianco Responsabile Ufficio Gestione Sicurezza - SGS Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara Caratteristiche

Dettagli

M46 GDS documentazione Verticale R0

M46 GDS documentazione Verticale R0 1. Introduzione 2. Soluzione proposta 1. Inserimento e/o modifica dei contratti 2. Inserimento e/o modifica dati anagrafici degli articoli 3. Avanzamento flusso documentale ordine di acquisto 3. Personalizzazione

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

6.2 Modelli per il monossido di carbonio

6.2 Modelli per il monossido di carbonio 6.2 Modelli per il monossido di carbonio La serie temporale scelta per l addestramento è quella rilevata in via Piave poiché tra le stazioni idonee, per legge, al controllo di questo inquinante essa presenta

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

Mining Positive and Negative Association Rules:

Mining Positive and Negative Association Rules: Mining Positive and Negative Association Rules: An Approach for Confined Rules Alessandro Boca Alessandro Cislaghi Premesse Le regole di associazione positive considerano solo gli item coinvolti in una

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio 69 2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio In questo paragrafo sono presentati i principali tipi di grafici che si possono utilizzare per descrivere l andamento dei prezzi e per compiere

Dettagli

Sondaggi OnLine. Documento Tecnico. Descrizione delle funzionalità del servizio

Sondaggi OnLine. Documento Tecnico. Descrizione delle funzionalità del servizio Documento Tecnico Sondaggi OnLine Descrizione delle funzionalità del servizio Prosa S.r.l. - www.prosa.com Versione documento: 1, del 30 Maggio 2005. Redatto da: Michela Michielan, michielan@prosa.com

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali 1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali OBIETTIVI SPECIFICI COMPRENDERE L INCERTEZZA INTRINSECA NELLA DEFINIZIONE DEI

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

GESTIONE ORDINI. Sommario

GESTIONE ORDINI. Sommario GESTIONE ORDINI Sommario Inserimento e modifica Documento... 2 Automatismi Canale Cliente Mandanti... 7 Gestione delle Promozioni... 8 Modalità di Pagamento... 9 Statistiche Ordini... 11 1 Inserimento

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

PROBABILITÀ DI VINCITA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITA IN DENARO

PROBABILITÀ DI VINCITA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITA IN DENARO PROBABILITÀ DI VINCITA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITA IN DENARO Materiale di consultazione contenente le probabilità di vincita dei giochi pubblici con vincita in denaro ai sensi dell art.7 del decreto

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Introduzione Livelli di significatività Verifica di ipotesi sulla media di una popolazione normale Verifica di ipotesi sulla varianza di una popolazione normale Verifica di ipotesi

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che VARIABILI ALATORI MULTIPL TORMI ASSOCIATI Fonti: Cicchitelli Dall Aglio Mood-Grabill. Moduli 6 9 0 del programma. VARIABILI ALATORI DOPPI Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI Eurco S.p.A. Milano, 01 Aprile 2008 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse Eurco e il mercato dei derivati

Dettagli

RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007

RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007 RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra quelle riportate). Se

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

La sezione di Matematica della prova nazionale

La sezione di Matematica della prova nazionale La sezione di Matematica della prova nazionale Giorgio Bolondi Roma, 18 aprile 2008 Presentazione Prova Nazionale 1 Cosa può valutare? I diversi processi valutativi messi in atto dall insegnante accompagnano

Dettagli

Quanto vale l Unione dei Comuni?

Quanto vale l Unione dei Comuni? Quanto vale l Unione dei Comuni? La domanda che viene spontanea nell'accingersi a valutare cinque anni di attività del'unione dei Comuni della Bassa Romagna è: quanto vale la scelta organizzativa Unione

Dettagli

1 tabellone di gioco 4 set di carte (4 colori diversi, numerati da 1 a 20) 8 cani (2 di ogni colore) 1 blocco di fogli di scommessa Soldi Regolamento

1 tabellone di gioco 4 set di carte (4 colori diversi, numerati da 1 a 20) 8 cani (2 di ogni colore) 1 blocco di fogli di scommessa Soldi Regolamento GREYHOUNDS (Levrieri) Componenti 1 tabellone di gioco 4 set di carte (4 colori diversi, numerati da 1 a 20) 8 cani (2 di ogni colore) 1 blocco di fogli di scommessa Soldi Regolamento L'obiettivo del gioco

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS 0 α Quantità prodotte CUS = cus * q Esempi di COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA costo dei prodotti:materie prime, semi-lavorati; costo delle lavorazioni esterne; costo

Dettagli

Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari

Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Luglio 2001 NOTA. La presente traduzione non sostituisce in alcun modo il regolamento originale del gioco; il presente documento è

Dettagli

Nota informativa. sul. Palinsesto Complementare

Nota informativa. sul. Palinsesto Complementare PAG. 1 DI 36 Nota informativa sul Palinsesto Complementare Versione 1.1 VERSIONE 1.1 PAG. 2 DI 36 INDICE 1. PROCESSO DI APPROVAZIONE DELLE PROPOSTE PER IL PROGRAMMA COMPLEMENTARE 5 1.1 PROCESSO DI ASSEVERAZIONE

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N.8 Investire i propri risparmi RISPARMIARE CON LE RIVALUTABILI Sono le polizze vita più tradizionali, adatte a chi cerca un rendimento costante nel tempo, e non vuole correre

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità TRADINGONLINE EXPO Milano, 25 e 26 ottobre 2007 Definizione dei take-profit e degli stop-loss in base base alla volatilità Relatore: Maurizio Milano, docente SIAT resp. Analisi tecnica Gruppo Banca Sella

Dettagli

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Versione 11/03/2004 Contenuto e scopo esercitazione Contenuto esempi di problema di programmazione

Dettagli

Introduzione alla Simulazione Numerica

Introduzione alla Simulazione Numerica Introduzione alla Simulazione Numerica Daniele Vigo D.E.I.S. - Università di Bologna dvigo@deis.unibo.it rev. 1.0 - Novembre 2001 Simulazione numerica Tecnica che permette di eseguire esperimenti su un

Dettagli

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Elementi di statistica Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Statistica La statistica si può definire come: l insieme dei metodi

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

Sorgenti autorevoli in ambienti hyperlinkati.

Sorgenti autorevoli in ambienti hyperlinkati. Sorgenti autorevoli in ambienti hyperlinkati. La qualità di un metodo di ricerca richiede la valutazione umana dovuta alla soggettività inerente alla nozione di rilevanza. I motori di ricerca correnti,

Dettagli

11.1.6 I produttori eterogenei

11.1.6 I produttori eterogenei L equilibrio nei mercati concorrenziali 1 11.1.6 I produttori eterogenei Nel modello base della concorrenza perfetta, tutte le imprese utilizzano la stessa tecnologia e quindi hanno gli stessi costi di

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Regole di gioco Roulette Mobile

Regole di gioco Roulette Mobile Regole di gioco Roulette Mobile European Classic Roulette European Premium Roulette European VIP Roulette Regole di gioco European Classic Roulette Il gioco si svolge esclusivamente nella modalità a solitario,

Dettagli

Parte I. Prima Parte

Parte I. Prima Parte Parte I Prima Parte Capitolo 1 Introduzione generale 1.1 Il problema dell assegnazione Corsi-Borsisti Il problema dell assegnazione delle borse dei corsi ai vari studenti può essere riassunto nei punti

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 2 LEZIONE Statistica descrittiva STATISTICA DESCRITTIVA Rilevazione dei dati Rappresentazione

Dettagli

Cosa dobbiamo già conoscere?

Cosa dobbiamo già conoscere? Cosa dobbiamo già conoscere? Insiemistica (operazioni, diagrammi...). Insiemi finiti/numerabili/non numerabili. Perché la probabilità? In molti esperimenti l esito non è noto a priori tuttavia si sa dire

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 10-Il test t per un campione e la stima intervallare (vers. 1.1, 25 ottobre 2015) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia,

Dettagli

Elementi di Statistica descrittiva Parte I

Elementi di Statistica descrittiva Parte I Elementi di Statistica descrittiva Parte I Che cos è la statistica Metodo di studio di caratteri variabili, rilevabili su collettività. La statistica si occupa di caratteri (ossia aspetti osservabili)

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Esercizio 1 Si consideri il seguente modello ad effetti fissi con variabili binarie: + 1 2 a) supponete che N=3. Si mostri che i regressori

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Introduzione agli Algoritmi Genetici Prof. Beatrice Lazzerini

Introduzione agli Algoritmi Genetici Prof. Beatrice Lazzerini Introduzione agli Algoritmi Genetici Prof. Beatrice Lazzerini Dipartimento di Ingegneria della Informazione Via Diotisalvi, 2 56122 PISA ALGORITMI GENETICI (GA) Sono usati per risolvere problemi di ricerca

Dettagli