C.C.I.A.A. di Reggio Emilia Registro Imprese. cvf. Pagina 1 di 32

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C.C.I.A.A. di Reggio Emilia Registro Imprese. cvf. Pagina 1 di 32"

Transcript

1 cvf Pagina 1 di 32

2 INDICE LETTERA A... 4 ACETO... 4 (PRODUZIONE E IMBOTTIGLIAMENTO)... 4 ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI REGGIO EMILIA... 4 (PRODUZIONE E IMBOTTIGLIAMENTO)... 4 AFFITTACAMERE... 4 AGENTE D AFFARI IN MEDIAZIONE... 5 AGENTE (O AGENZIA) DI ASSICURAZIONE... 5 AGENTE DI CAMBIO O DI BORSA... 6 AGENTE E RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO... 7 AGENZIA D AFFARI VARI... 7 AGENZIA DI SCOMMESSE SPORTIVE... 8 AGENZIA DI VIAGGI E TURISMO... 8 AGENZIA IN ATTIVITA' FINANZIARIE... 8 AGRITURISMO... 8 ALLEVAMENTO DI ANIMALI... 9 AMIANTO (BONIFICA DI BENI CONTENENTI AMIANTO C/TERZI)... 9 AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI... 9 ASCENSORI (INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE) ASILI NIDO ATTIVITA FAUNISTICO-VENATORIA AUTONOLEGGIO AUTORIPARAZIONI AUTOTRASPORTO MERCI PER CONTO TERZI LETTERA B...11 BABY PARKING BAR BROKER DI ASSICURAZIONE LETTERA C...12 CALL CENTER CACCIA CAFFE CARBURANTI CARROZZERIA COMMERCIO AL DETTAGLIO COMMERCIO ALL INGROSSO COSMETICI Produzione e confezionamento LETTERA D...15 DISTRIBUTORE STRADALE DI CARBURANTI LETTERA E...15 EDICOLA EDITORIA EDUCATRICE DOMICILIARE ELETTRAUTO ENERGIA ELETTRICA (COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI) LETTERA F...17 FERTILIZZANTI (PRODUZIONE) FUOCHI D ARTIFICIO (PRODUZIONE) LETTERA G...17 G.P.L GELATERIA GENERI DI MONOPOLIO GIARDINAGGIO Pagina 2 di 32

3 GOMMISTA LETTERA I...19 IDRAULICO IMPIANTI IMPORT-EXPORT IMPRENDITORE AGRICOLO IMPRESE DI FACCHINAGGIO IMPRESE DI PULIZIA IMPRESE TURISTICHE INTERMEDIARI FINANZIARI INTERNET POINT LETTERA L...21 AUTORIPARAZIONI INSTALLAZIONE IMPIANTI...22 LETTERA M...22 MACELLAZIONE CARNI CONTO TERZI O IN ALTERNATIVA LAVORAZIONE CARNI IN STRUTTURE DI TERZI GIA AUTORIZZATE MARGARINA E GRASSI IDROGENATI ANIMALI (PRODUZIONE E GESTIONE DI DEPOSITO ALL INGROSSO) MECCANICO/MOTORISTA MEDIATORE MEDIATORE CREDITIZIO MEDIATORE DI ASSICURAZIONI (O BROKER) METANO G.P.L. (DISTRIBUTORE) MONEY TRANSFER (servizi pagamento intermediazione cambi) LETTERA N...23 NOLEGGIO DI VEICOLI NOLEGGIO DI VIDEOCASSETTE LETTERA O...24 OGGETTI PREZIOSI COMMERCIO - ESERCIZI DI VICINATO (CON SUPERFICIE FINO A 250 MQ) ONORANZE FUNEBRI ORTOFRUTTICOLI OUTLET LETTERA P...25 PHONE CENTER PERITI ASSICURATIVI PISCINE PUBBLICHE(GESTIONE) PIZZERIA PONY EXPRESS PORTIERATO (SERVIZI DI)...26 PRESÌDI DIAGNOSTICI CURATIVI PRIVATI PROCACCIATORI D AFFARI...27 PRODUTTORI DI ASSICURAZIONE PROMOTORI DI SERVIZI FINANZIARI LETTERA R...28 RADIOTELEVISIVI (INSTALLAZIONE IMPIANTI) RECUPERO CREDITI REVISIONE AUTOVEICOLI RICEVITORIA RIFIUTI (Intermediazione e commercio senza detenzione) RISTORANTE LETTERA S...29 SALA CINEMATOGRAFICA SALA GIOCHI APPARECCHI AUTOMATICI DI INTRATTENIMENTO SERVIZI DI CONSULENZA SPACCIO SPACCIO INTERNO Pagina 3 di 32

4 SPETTACOLI VIAGGIANTI STAZIONE DI SERVIZIO - DISTRIBUTORE STRADALE DI CARBURANTI SUBAGENTE DI ASSICURAZIONE SUBAGENTE DI COMMERCIO SUPERMERCATO - GRANDE MAGAZZINO LETTERA T...30 TABACCHERIA TELEVENDITA LETTERA U...31 UNITA DA DIPORTO locazione o noleggio senza equipaggio di LETTERA V...31 VENDITA A DOMICILIO VENDITA AL PUBBLICO DI FARMACI DA BANCO O DI AUTOMEDICAZIONE VENDITA PER CORRISPONDENZA VENDITA TRAMITE APPARECCHI/DISTRIBUTORI AUTOMATICI VIGILANZA PRIVATA (CONDUZIONE DI UN ISTITUTO DI -) VISURISTA VIVAIO Attività libera (attività artigiana) Lettera A ACETO (PRODUZIONE E IMBOTTIGLIAMENTO) Legge 82/2006 Capo III [data di aggiornamento: 04/05/2011] ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI REGGIO EMILIA (PRODUZIONE E IMBOTTIGLIAMENTO) Legge 93/1986 Disciplinare di produzione della denominazione di origine protetta 15/05/ Attività libera (attività artigiana) [data di aggiornamento: 04/05/2011] AFFITTACAMERE L.R. 28/07/2004 n. 16 artt. 10 e 18 Sono esercizi di affittacamere le strutture, gestite in forma imprenditoriale, composte da non più di sei camere destinate a clienti, ubicate in non più di due appartamenti ammobiliati in uno stesso stabile, nelle quali sono forniti alloggio ed eventualmente servizi complementari. - S.C.I.A al Comune [data di aggiornamento: 25/05/2009] Pagina 4 di 32

5 AGENTE D AFFARI IN MEDIAZIONE Legge n. 39/89 Legge n. 57/2001, art. 18 L. n. 241/90, art.19 modificato dalla L. 122/2010 art. 4, c. 4bis - D.Lgs. 59/2010, art S.C.I.A per accertamento requisiti professionali/morali al Registro Imprese competente - Tassa di Concessione Governativa - Formulari: devono riportare l indicazione degli estremi dell iscrizione nel ruolo dell agente o nel caso di società, della società stessa e del/dei legali rappresentanti o del preposto (dati posseduti solo dagli iscritti nel ruolo sino all 8/05/2010) 1. attività esercitata da una società il/i cui legale/legali rappresentanti sono iscritti nel soppresso ruolo ( prima dell'8/05/2010) o che hanno presentato la D.I.A.: - Modello S.C.I.A./AM ( in caso di un solo legale rappresentante) - Modello S.C.I.A./AM/IP ( se i legali rappresentanti sono più di uno) - Costi 168 T.C.G.-31 Diritti segreteria 2. attività esercitata da una società il/i cui legale/legali rappresentanti hanno frequentato il corso e superato l esame di abilitazione per l esercizio dell attività: - Modello S.C.I.A./AM (in caso di un solo legale rappresentante) - S.C.I.A./AM/IP (se i legali rappresentanti sono più di uno) - Costi 168 T.C.G.-31 Diritti segreteria per la società unitamente al - Modello S.C.I.A./AM per ogni legale rappresentante - Costi 168 T.C.G.-31 e Diritti segreteria per ogni legale rappresentante; 3. non è richiesta la S.C.I.A per coloro che esercitano l attività di compravendita e di locazione di beni immobili in conto proprio: 4. non è richiesta la SCIA per coloro che esercitano l attività di gestione dei beni immobili per conto terzi. La gestione deve riguardare la complessiva amministrazione attività del patrimonio e può comprendere la manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili, la gestione di servizi condominiali, la riscossione dei canoni, l attivazione prevista in caso di morosità, la stipula ed il rinnovo dei contratti di locazione ; [data di aggiornamento: 30/09/2011] AGENTE (O AGENZIA) DI ASSICURAZIONE D.Lgs. n. 209/ art.109 Regolamento ISVAP n. 5/2006 art. 4 Iscrizione nella sezione A del Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi tenuto presso l Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (I.S.V.A.P.) ditta individuale/società - iscrizione Pagina 5 di 32

6 - mandato assicurazioni (società di assicurazione o riassicurazione che conferisce il mandato alle agenzie di assicurazione) D. Lgs. 209/2005 art autorizzazione dell I.S.V.A.P sub-agente di assicurazioni D. Lgs. 209/2005 art. 109 Regolamento ISVAP n. 5/2006 art. 4 - lettera di incarico rilasciata dall agente di assicurazioni - Iscrizione nella sezione E del Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi tenuto presso l Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (I.S.V.A.P.) mediatore di assicurazione o broker (broker è colui che agisce su incarico del cliente senza avere poteri di rappresentanza di imprese di assicurazione o riassicurazione) D. Lgs. 209/2005 art. 109 Regolamento ISVAP n. 5/2006 art. 4 - Iscrizione nella sezione B del Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi tenuto presso l Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (I.S.V.A.P.) [data di aggiornamento: 28/02/2007] AGENTE DI CAMBIO O DI BORSA L.402/ D.Lgs. n. 58 del 24/02/1998 art Iscrizione nel Ruolo degli agenti di cambio tenuto dal Ministero del Tesoro Nota Bene: 1. gli agenti di cambio sono iscritti in apposito Albo Professionale tenuto da uno degli Ordini Professionali di Milano e Roma. 2. gli agenti di cambio soci, amministratori, dirigenti, dipendenti o collaboratori di SIM o di banche sono iscritti in un RUOLO SPECIALE tenuto dal Ministero del Tesoro; tutti gli altri sono iscritti nel RUOLO UNICO NAZIONALE tenuto dal Ministero del Tesoro [data di aggiornamento: 08/05/2006] Pagina 6 di 32

7 AGENTE E RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO Legge n. 204/85 - D.M. 21/08/ D.M. 17/12/ D.Lgs. 59/2010, art. 74 L. n. 241/90, art.19 modificato dalla L. 122/2010 art. 4, c. 4bis senza deposito - S.C.I.A per accertamento requisiti professionali/morali - mandato con deposito - S.C.I.A. per accertamento requisiti professionali/morali - mandato o lettera d incarico registrato presso l Agenzia delle Entrate 1. nel mandato/lettera di incarico devono essere indicate le generalità dell agente, la zona in cui opererà e la data e le firme dei contraenti; 2. se l attività viene esercita in forma societaria deve essere presentata la S.C.I.A. per ogni persona avente la legale rappresentanza; 3. non occorre presentare la S.C.I.A. qualora l agente operi esclusivamente all estero;. [data di aggiornamento: 30/09/2011] AGENZIA D AFFARI VARI R.D. 773/1931 art T.U. di P.S artt.115 e 120 Regolamento del T.U. di P.S. dall art.205 all art D.Lgs. n.112/98 art.163 (agenzie disbrigo di pratiche amministrative, agenzie di pubblicità, agenzie teatrali, organizzazione spettacoli, sfilate di moda, convegni, esposizioni, mostre e fiere, agenzie di spedizioni (contratti c/terzi esclusi autotrasportatori e spedizionieri), agenzia di onoranze funebri, agenzie di informazioni commerciali, agenzie di catering (gestione e organizzazione di ricevimenti) attività d intermediazione nell assunzione e nella trattazione di affari altrui, qualunque sia l oggetto e la durata, con carattere di abitualità non occasionale, a scopo di lucro) - S.C.I.A. presentata al Comune Rimane di competenza della QUESTURA il rilascio delle licenze concernenti le agenzie: - di recupero crediti - di vendite all asta e pubblici incanti - matrimoniali - di pubbliche relazioni [data di aggiornamento: 19/12/2005] Pagina 7 di 32

8 AGENZIA DI SCOMMESSE SPORTIVE R.D. 773/31 art Licenza della Questura 1. Rientrano tra le competizioni sportive sotto il controllo del CONI le competizioni mondiali, continentali, di area europea o extraeuropea riguardanti gli sport olimpici. Gli sport o i singoli eventi sportivi ammessi alle scommesse sono stabiliti di anno in anno d intesa con il Ministero delle Finanze 2. Sono autorizzate le attività di accettazione scommesse relative ad eventi sportivi e non sportivi quali: TRIS, 101, BIGMATCH [data di aggiornamento: 11/01/2008] - S.C.I.A. presentata alla Provincia [data di aggiornamento: 22/09/2011] AGENZIA DI VIAGGI E TURISMO L.R. n. 7 del 31/03/2003 artt. 5 6 D. Lgs. 79/2011 art. 21 AGENZIA IN ATTIVITA' FINANZIARIE D.Lgs. 385/1993, art D.Lgs. 374/1999, art. 3 - Regolamento: D.M. 485/2001 E' l'impresa che viene stabilmente incaricata da uno o più intermediari finanziari a promuovere e concludere contratti riconducibili all'esercizio delle attività finanziarie previste dall'art. 106 del Testo Unico Bancario, senza disporre di autonomia nella fissazione dei prezzi e delle altre condizioni contrattuali. - Iscrizione definitiva in Elenco presso l Ufficio Italiano Cambi [data di aggiornamento: 19/12/2005] AGRITURISMO (ESERCIZIO DI ATTIVITA AGRITURISTICHE) L.R. n. 4 del 31/03/2009 art S.C.I.A. al comune competente per territorio previa iscrizione nell elenco degli operatori agrituristici tenuti dalla Regione e dalla Provincia: elenco Regione Emilia - Romagna sezione provinciale di Reggio Emilia 1. trattasi di attività agricola, pertanto occorre l iscrizione nella sezione speciale come impresa agricola o come coltivatore diretto; 2. le attività agrituristiche (ricezione ed ospitalità comprese le attività ricreative, culturali e didattiche, di pratica sportiva, escursionistica e di ippoturismo) devono risultare in rapporto di connessione e complementarità con l attività agricola (l attività agricola Pagina 8 di 32

9 tipica è prevalente sull agriturismo); in caso contrario, l attività ricettiva, non può dirsi tecnicamente agriturismo e deve considerarsi attività commerciale. [data di aggiornamento: 22/09/2011] ALLEVAMENTO DI ANIMALI D. Lgs. n. 228/2001 D. Lgs. n. 173/98 art. 9 - Attività agricola da iscrivere nella sezione speciale del Registro Imprese. Non occorre alcuna documentazione. Vedere anche: Attività faunistico-venatoria 1. rientrano nell allevamento di animali le attività che hanno ad oggetto la cura e lo sviluppo di un ciclo biologico animale o di una fase necessaria di esso. L allevamento è attività agricola anche quando gli animali non rientrano nella classica definizione di bestiame (come ad esempio LUMACHE E CAVALLI), determinante nella formulazione originaria dell art c.c.; 2. sono agricole le attività come bachicoltura, apicoltura, etc. etc. e l allevamento di animali in mancanza di un collegamento funzionale con il fondo: ad esempio l allevamento di polli o conigli in cortile o in batteria; 3. sono agricole, inoltre, le attività connesse all allevamento, se esercitate dal medesimo imprenditore agricolo: la manipolazione, la conservazione la trasformazione, la commercializzazione e la valorizzazione di prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo, del bosco o dall allevamento. allevamento di cani L.R n. 5 art. 5 - S.C.I.A. al Comune. - Iscrizione nella sezione speciale del Registro Imprese perché trattasi di attività cinofila, quindi agricola [data di aggiornamento: 22/09/2011] AMIANTO (BONIFICA DI BENI CONTENENTI AMIANTO C/TERZI) D.Lgs. 5/2/1997 n. 22 art. 30 Le imprese che svolgono attività di bonifica dei beni contenenti amianto devono iscriversi all Albo Gestori rifiuti istituito presso la Camera di Commercio del capoluogo di regione [data di aggiornamento: 28/03/2007] AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI - Attività libera Nota bene 1. indicare come descrizione attività: amministrazione e gestione di beni immobili per conto terzi Pagina 9 di 32

10 2. per le imprese individuali bisogna dichiarare che l attività è esercitata in forma di impresa [data di aggiornamento: 19/12/2005] - S.C.I.A. Registro Imprese competente ASCENSORI (INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE) (D.M. 37/2008) [data di aggiornamento: 29/05/2008] apertura e gestione - autorizzazione comunale ASILI NIDO L.R. n. 1/2000 art. 16 così modificata dalla L.R. n. 8/2004 Regolamenti Comunali [data di aggiornamento: 19/12/2005] ATTIVITA FAUNISTICO-VENATORIA Legge regionale 15 febbraio 1994, n. 8 art. 41 Riproduzione di selvaggina al fine dell esercizio venatorio della caccia - autorizzazione della Provincia La Provincia autorizza la costituzione di centri privati di riproduzione di fauna selvatica allo stato naturale, organizzati in forma di azienda agricola, consortile o cooperativa, ove è vietato l esercizio dell attività venatoria ed è consentito il prelievo di animali appartenenti a specie cacciabili da parte del titolare dell impresa agricola, di dipendenti della stessa e di persone nominativamente indicate [data di aggiornamento: 11/06/2007] vedere voce Noleggio di veicoli AUTONOLEGGIO - S.C.I.A. Registro Imprese competente AUTORIPARAZIONI L. 122/1992 [data di aggiornamento: 02/08/2011] Pagina 10 di 32

11 AUTOTRASPORTO MERCI PER CONTO TERZI L. 298/74; L. 454/97; D. Lgs. 84/1998; D.M. Trasporti 161/2005 autotrasporto inferiore a 1,5 tonnellate - iscrizione con dicitura (da riportare in visura sotto l attività) autotrasporti conto terzi con autoveicoli con massa a pieno carico non superiore a 1,5 tonnellate presso l albo degli autotrasportatori della Provincia di Reggio Emilia - copia della carta di circolazione rilasciata dalla Motorizzazione autotrasporto superiore a 1,5 tonnellate - iscrizione presso l albo degli autotrasportatori della Provincia di Reggio Emilia - copia della carta di circolazione rilasciata dalla Motorizzazione 1. In caso il veicolo non fosse di proprietà del titolare o della società è necessario allegare la scansione del contratto che legittima l utilizzo del mezzo (patto di riservato dominio leasing usufrutto ) 2. Attività artigiana [data di aggiornamento: 21/06/2006] Lettera B BABY PARKING L.R n. 1 I baby parking sono strutture dedicate a tutti i genitori che hanno la necessità di lasciare per brevi periodi i figli in custodia e necessitano di un posto sicuro e fidato. Il baby parking è uno spazio attrezzato con giochi di vario genere, costruzioni, fogli e colori, libri di fiabe, un piccolo teatrino o un angolo con il necessario per travestirsi; qui i bambini vengono intrattenuti dalle animatrici mentre i genitori sono magari occupati altrove. Un baby parking può essere istituito in varie situazioni: nei Centri Commerciali, nei cinema, nei teatri, negli stabilimenti balneari, negli uffici pubblici, durante le feste di quartiere o manifestazioni di partito, ecc. - S.C.I.A. al Comune Attività artigiana [data di aggiornamento: 14/06/2011] - autorizzazione comunale BAR (CAFFE RISTORANTE BIRRERIA PIZZERIA) L.R. n. 14/2003 art. 8 Pagina 11 di 32

12 In caso di aggiunta di attività (es. già bar, aggiunge ristorante) va allegata autorizzazione sanitaria aggiornata. [data di aggiornamento: 05/03/08] BROKER DI ASSICURAZIONE vedere voce Agente di assicurazione Lettera C CALL CENTER se nel "centro telefonico" si effettuano servizi per: indagini di mercato/ telemarketing/consulenza: - attività libera se invece per "call center" si intende i servizi di internet point o "phone center": - vedere le voci relative [data di aggiornamento: 19/12/2005] Vedere voce Attività faunistico-venatoria vedere voce Bar CACCIA CAFFE CARBURANTI R.D.L. 1741/33 - D. Lgs. 504/95 ART. 25 D.Lgs. 32/98 art. 1 gestione distributore stradale - autorizzazione comunale se l impianto è gestito dal proprietario - licenza UTF rilasciata dall Agenzia delle dogane o in alternativa comunicazione all UTF per cambio gestione se gestito in comodato e/o affitto Se viene esercitato anche il commercio al minuto, di articoli della tabella annessa ai distributori, S.C.I.A. al comune (vedere voce Commercio al dettaglio) [data di aggiornamento: 11/10/2011] Pagina 12 di 32

13 - S.C.I.A. al Registro Imprese competente CARROZZERIA L. 122/1992 COMMERCIO AL DETTAGLIO D.Lgs. 31/03/98 n. 114 D. Lgs 59/2010 artt Legge regionale 21/05/2007 n. 6 Circolare Min. Industria n.3465/c del 25/05/99 Circolare Min. Industria n.3467/c del 28/05/99 in sede fissa - l inizio, la variazione e la cessazione dell attività, negli esercizi di vicinato, sono soggette a Scia al Comune territorialmente competente. nelle medie e grandi dimensioni D.Lgs. 114/98 artt. 8 e 9 - autorizzazione rilasciata dal Comune territorialmente competente 1. E' vietato esercitare congiuntamente nello stesso punto vendita le attività di commercio all'ingrosso e al minuto se il numero civico è il medesimo occorre una dichiarazione del quadro Note in cui specificare che le due tipologie di commercio vengono esercitate in luoghi separati. Il divieto non si applica per la vendita dei seguenti prodotti: a) macchine, attrezzature e articoli tecnici per l'agricoltura, l'industria, il commercio e l'artigianato; b) materiale elettrico; c) colori e vernici, carte da parati; d) ferramenta ed utensileria; e) articoli per impianti idraulici, a gas ed igienici; f) articoli per riscaldamento; g) strumenti scientifici e di misura; h) macchine per ufficio; i) auto-moto-cicli e relativi accessori e parti di ricambio; j) combustibili; k) materiali per l'edilizia; l) legnami. su aree pubbliche - autorizzazione rilasciata dal Comune territorialmente competente occorre distinguere: se il commercio viene svolto mediante l utilizzo di un posteggio l autorizzazione è rilasciata dal Comune dove è ubicato il posteggio; se il commercio su aree pubbliche è svolto esclusivamente in forma itinerante l autorizzazione è rilasciata dal Comune dove il richiedente intende avviare l attività. Pagina 13 di 32

14 elettronico/e-commerce (su tutto il territorio nazionale) - S.C.I.A. al Comune; per corrispondenza vedere voce Vendita per corrispondenza tramite apparecchi/distributori automatici vedere voce Vendita tramite apparecchi/distributori automatici commercio di cose usate senza valore o con valore esiguo D. Lgs. 59/2010 D.P.R. 311/2001 Ex art. 126 T.U.L.P.S. - S.C.I.A al Comune o se commercio ingrosso autocertificazione requisiti morali al Registro imprese competente - presa d atto al Comune commercio di auto usate (vendita per conto terzi) R.D. n. 773/31 artt. 115 e 126 D.P.R. 311/2001 D.Lgs. n.112/98 art S.C.I.A. al Comune [data di aggiornamento: 22/09/2011] COMMERCIO ALL INGROSSO D.Lgs. n. 59/2010 Legge regionale 21/05/2007 n. 6 Attività svolta da chiunque, professionalmente, acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende ad altri commercianti, all'ingrosso o al dettaglio, o ad utilizzatori professionali, o ad altri utilizzatori in grande. Tale attività può assumere la forma di commercio interno, di importazione o di esportazione. alimentare - autocertificazione, con apposita modulistica, del possesso dei requisiti morali e professionali non alimentare - autocertificazione, con apposita modulistica, del possesso dei requisiti morali; - nella descrizione dell'attività denunciata, dovranno essere specificati in dettaglio, i prodotti commercializzati (ad es. commercio all'ingrosso di articoli di vestiario, prodotti tessili, mobili, articoli casalinghi, elettrodomestici, ecc.); non sarà quindi sufficiente inserire sul modulo di denuncia attività, la frase generica "commercio all'ingrosso di prodotti non alimentari". 1. E' vietato esercitare congiuntamente nello stesso punto vendita le attività di commercio all'ingrosso e al minuto se il numero civico è il medesimo occorre una dichiarazione del quadro Note in cui specificare che le due tipologie di commercio vengono Pagina 14 di 32

15 esercitate in luoghi separati. Il divieto non si applica per la vendita dei seguenti prodotti: a) macchine, attrezzature e articoli tecnici per l'agricoltura, l'industria, il commercio e l'artigianato; b) materiale elettrico; c) colori e vernici, carte da parati; d) ferramenta ed utensileria; e) articoli per impianti idraulici, a gas ed igienici; f) articoli per riscaldamento; g) strumenti scientifici e di misura; h) macchine per ufficio; i) auto-moto-cicli e relativi accessori e parti di ricambio; j) combustibili; k) materiali per l'edilizia; l) legnami. 2. Non sono commercianti all'ingrosso coloro che vendono direttamente a privati consumatori o rivendono occasionalmente merci precedentemente acquistate ovvero vendono a chiunque beni di propria produzione; [data di aggiornamento: 04/10/2011] COSMETICI Produzione e confezionamento L. 713/1986 art. 10 comma 5 D.Lgs. 504/1995 art. 63 modificato dal D.Lgs. 26/ Comunicazione al Ministero della Salute 1. se vengono trattati prodotti a base alcolica occorre la licenza dell Ufficio Tecnico Finanza (U.T.F.) 2. attività artigiana [data di aggiornamento: 25/05/2009] Lettera D DISTRIBUTORE STRADALE DI CARBURANTI vedere voce Carburanti - Autorizzazione Comune Lettera E EDICOLA D.Lgs. 114/98 L. 108/99 D.Lgs. 170/2001 [data di aggiornamento: 25/05/2009] Pagina 15 di 32

16 Editori di libri - Attività libera EDITORIA L. 47/ L. n. 416/1981 L. n. 249/1997 art. 1 - Legge 62/2001 Editori di quotidiani, periodici o riviste (pubblicazione) - Richiesta di iscrizione presso l Ufficio Stampa del Tribunale - Richiesta di iscrizione nel Registro Operatori della Comunicazione (R.O.C.) c/o l'autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Editoria elettronica e digitale L. 47/1948 artt. 2, 5-8 L. 249/1997 art. 1 D. M. 16/07/1999 L. 388/2000 art. 153 L. 62/ Richiesta di Iscrizione nel Registro Operatori della Comunicazione (R.O.C.) c/o l'autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 1. Sono imprese editrici di giornali quotidiani, periodici o riviste: 1) i soggetti editori di cui all'art. 1, comma 1 e quelli equiparati di cui all'art. 18, comma 1 della legge 05/08/1981 n. 416, che pubblicano più di dodici numeri l'anno; 2) gli altri soggetti editori che comunque pubblicano una o più testate giornalistiche diffuse al pubblico con regolare periodicità per cui è previsto il conseguimento di ricavi da attività editoriale. 2. Sono soggetti esercenti l'editoria elettronica e digitale, gli editori che pubblicano con regolare periodicità una o più testate giornalistiche in formato elettronico e digitale. [data di aggiornamento: 21/06/2006] EDUCATRICE DOMICILIARE L.R n. 1 artt Autorizzazione al funzionamento rilasciata dal Comune Tale servizio, è un servizio sperimentale che accoglie al massimo cinque bambini. L educatrice domiciliare può svolgere l attività presso il proprio domicilio o presso locali in sua disponibilità o messi a disposizione dal Comune o da altro soggetto. All educatrice domiciliare è richiesta la stessa esperienza lavorativa e dovrà essere garantito lo stesso sostegno formativo in itinere previsto per l educatrice familiare. [data di aggiornamento: 05/09/2011] ELETTRAUTO L.122/92 - S.C.I.A. Registro Imprese competente [data di aggiornamento: 05/09/2011] Pagina 16 di 32

17 ENERGIA ELETTRICA (COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI) L.R n. 26 La costruzione e l esercizio degli impianti, gli interventi di modifica, potenziamento, rifacimento totale o parziale e riattivazione degli impianti per la produzione di energia elettrica sono soggetti ad un autorizzazione unica rilasciata a seguito di un procedimento unico a cui partecipano tutte le Amministrazioni interessate svolto in Conferenza di servizi ai sensi degli articoli 14 e seguenti della legge 241/90. [data di aggiornamento: 05/09/2011] Lettera F FERTILIZZANTI (PRODUZIONE) D.Lgs. del 29/04/2006 n. 217 art. 8 Il fabbricante che intende immettere fertilizzanti sul mercato è tenuto all iscrizione presso il Registro dei fabbricanti di fertilizzanti istituito presso il Ministero delle politiche agricole e forestali, Direzione generale per la qualità dei prodotti agroalimentari. [data di aggiornamento: 10/12/2007] - licenza Prefettura FUOCHI D ARTIFICIO (PRODUZIONE) R.D. 773/1991 art. 46 [data di aggiornamento: 28/02/2008] Lettera G vendita e distribuzione G.P.L. D. Lgs 128/2006 La normativa prevede tre modalità di vendita: 1) vendita al dettaglio di bombole ex art. 20, comma 1, lett. a). In questa ipotesi non si applica il D.Lgs 128/2006, pertanto l'attività seguirà le disposizioni previste per il commercio in sede fissa, comprese le norme in materia di sicurezza la cui verifica è di competenza dei Comandi dei VVF Pagina 17 di 32

18 2) vendita, sia per mezzo di bombole sia attraverso il riempimento di serbatoi fissi presso il consumatore, quale operatore terzo facente parte integrante di una società in possesso dei requisiti previsti dagli artt. 8,9,13 e 14 del D.Lgs 128/2006 (art. 20, commi 2 e 3, del decreto medesimo). Per esercitare l'attività è necessaria l'autorizzazione rilasciata dalla Regione con le modalità indicate nella DGR 1412/2006 3) vendita, sia per mezzo di bombole sia attraverso il riempimento di serbatoi fissi presso il consumatore, effettuata dai soggetti in possesso dei requisiti soggettivi ed oggettivi richiesti dagli artt. 8, 9, 13, 14 del D.Lgs 128/2006. In questo caso non è previsto il rilascio di titoli abilitativi ulteriori rispetto all'autorizzazione all'esercizio dell'impianto di riempimento, travaso e deposito di GPL (di competenza provinciale, ex LR 26/2004) richiamata dagli articoli sopra citati [data di aggiornamento: 12/10/2011] GELATERIA (BAR GELATERIA) D.Lgs n. 59/2010 produzione e vendita per asporto o nello stesso luogo - attività libera (attività artigiana) vendita di gelati confezionati esercizi di vicinato (superficie fino a 250 mq) D.Lgs. 59/ S.C.I.A. al Comune [data di aggiornamento: 19/12/2010] GENERI DI MONOPOLIO D.P.R. n del 14/10/1958 art. 8 L. 1293/57 - L. n. 384 del 23/07/1980 commercio al dettaglio di generi di monopolio (es. sigarette, fiammiferi etc.) - Licenza o concessione rilasciata dall ispettorato compartimentale Monopoli di Stato; commercio al dettaglio di articoli annessi alla tabaccheria (es. articoli per fumatori, francobolli, articoli di bigiotteria, pelletteria, giocattoli etc.) D. Lgs. 59/ S.C.I.A al Comune 1. Le licenze dell Ispettorato possono essere rilasciate esclusivamente ad una persona fisica 2. In caso di subingresso viene rilasciata dall A.A.M.S. (amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato) un autorizzazione di gerenza provvisoria [data di aggiornamento: 21/06/2006] Pagina 18 di 32

19 GIARDINAGGIO - Attività libera [data di aggiornamento: 28/02/2008] GOMMISTA L. 122/92 - S.C.I.A. al Registro Imprese competente - S.C.I.A. al Registro Imprese competente Lettera I IDRAULICO D.M. 37/2008 IMPIANTI (INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE IN QUALSIASI TIPO DI EDIFICIO) elettrici - S.C.I.A. al Registro Imprese competente idraulici - se in edifici civili: S.C.I.A. (ex D.M. 37/2008) al Registro Imprese competente - se in edifici non di uso civile: attività libera [data di aggiornamento: 19/12/2005] IMPORT-EXPORT non alimentare vedere voce Commercio all ingrosso prodotti non alimentari alimentare vedere voce Commercio all ingrosso prodotti alimentari [data di aggiornamento: 19/12/2005] IMPRENDITORE AGRICOLO art cc - D.P.R. n. 633/72 art D.Lgs. 228/ Attività libera per la quale si chiede l'iscrizione nella sezione speciale del Registro Imprese. Non occorre alcuna documentazione; fanno eccezione "sementi", "bulbi", "tuberi", "rizomi di fiori", "vivaismo", "agriturismo", "attività fauna selvatica". Per queste voci vedere le relative schede Pagina 19 di 32

20 1. I produttori agricoli che nell anno solare precedente hanno realizzato un volume di affari non superiore a 7.000,00 (D.L. 262/2006 art. 4, comma 1, lett. b) sono esonerati dall iscrizione (ex. art. 34 D.P.R. 633/72 comma 6); 2. Si considerano produttori agricoli: - I soggetti che esercitano le attività di cui all art del c.c.; - I soggetti che esercitano attività di pesca in acque dolci, di piscicoltura, di mitilicoltura, di ostricoltura e di coltura di altri molluschi e crostacei, nonché di allevamento di rane; - gli organismi agricoli di intervento, o altri soggetti per loro conto, che effettuano cessioni di prodotti in applicazione di regolamenti della Unione europea concernenti l'organizzazione comune dei mercati dei prodotti stessi; - le cooperative e loro consorzi di cui all'articolo 1, comma 2, del D. Lgs. n. 228/2001 associazioni e loro unioni costituite e riconosciute ai sensi della legislazione vigente, che effettuano cessioni di beni prodotti prevalentemente dai soci, associati o partecipanti, nello stato originario o previa manipolazione o trasformazione, nonché gli enti che provvedono per legge, anche previa manipolazione o trasformazione, alla vendita collettiva per conto dei produttori soci. 3. L'impresa si iscrive nella provincia dove ha aperto la partita IVA. 4. Occorre specificare nell'attività esercitata, il tipo di coltura effettuata. 5. Sono agricole le attività come bachicoltura, apicoltura, etc. etc. e l allevamento di animali in mancanza di un collegamento funzionale con il fondo: ad esempio l allevamento di polli o conigli in cortile o in batteria; 6. Sono agricole, inoltre, le attività connesse all allevamento, se esercitate dal medesimo imprenditore agricolo: la manipolazione, la conservazione la trasformazione, la commercializzazione e la valorizzazione di prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo, del bosco o dall allevamento. [data di aggiornamento: 14/05/2008] IMPRESE DI FACCHINAGGIO Decreto 03/12/ Legge n. 57/2001 art D.M. n. 221/ S.C.I.A. al Registro Imprese competente [data di aggiornamento: 15/04/2008] IMPRESE DI PULIZIA Legge n. 82/ D.M. n. 274/97 - D. Lgs. 31/03/1998 n. 112 art S.C.I.A. al Registro Imprese competente [data di aggiornamento: 15/04/2008] Pagina 20 di 32

MANUALE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

MANUALE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE MANUALE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE Ufficio del Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura di Napoli Aggiornamento del 14 Novembre 2014 VERSIONE 3.1.0 INDICE

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. 21 legge 241/90) Al Sindaco del Comune di. Il sottoscritto Cognome Nome Codice

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di *

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Regione Campania Modello 1A copia per il Comune COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Ai sensi della legge regionale della Campania 1/2014,

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE 1 1. Cos è la Carta della qualità dei servizi La realtà sempre più completa ed articolata delle pubbliche amministrazioni, se da un lato consente di offrire servizi diversificati alla cittadinanza, dall

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto mod. Com 8 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 mod. Com 9 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 9234 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 mod. Com 6 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - SPACCI INTERNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA'

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' MOD. COM 1 REGIONE PUGLIA Esercizi di Commercio al dettaglio di vicinato SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE IN STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

CASI ministro di qualunque culto giornalista professionista mediatore

CASI ministro di qualunque culto giornalista professionista mediatore CASI I. FATTISPECIE SOGGETTIVE Per orientare gli Ordini Locali nella valutazione dei singoli casi si ricordano e fanno proprie le seguenti definizioni: 1. Per ministro di qualunque culto, il diritto canonico

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA ASSE IV LEADER Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

RUOLO DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Formazione e tenuta

RUOLO DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Formazione e tenuta RUOLO DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Formazione e tenuta Claudio Venturi ALBI E RUOLI - Ruolo degli agenti di commercio Scheda n. 3 Settembre 2006 Pag. 1/42 RIFERIMENTI NORMATIVI Codice Civile:

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Novembre 2014 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. TIPOLOGIE DI CAMBI DI TITOLARITÀ... 8 1.1.

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione

Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione absolutgroup.it O 12 Vademecum delle Attività Imprenditoriali Seconda Edizione Provincia di Bologna Servizio Industria, Artigianato e Commercio Ufficio di Coordinamento SUAP Via Benedetto XIV, 3-40125

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 D: Quale normativa occorre applicare nel caso di attività di somministrazione di alimenti e bevande all interno di una palestra

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Per esercizi di somministrazione di alimenti e bevande si intendono le attività commerciali in cui i prodotti vengono venduti per poter esser

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO

SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE Lo Sportello Unico Produttive è un servizio istituito dai

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli