Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/2014 165"

Transcript

1 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2014 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 28 febbraio 2014, n. 270 Direttive 2014 per i servizi socio-sanitari nell'ambito della disabilità, salute mentale e dipendenze (art. 21 della legge sulla tutela della salute in provincia di Trento). La Relatrice: - preso atto che in applicazione dell articolo 21 della legge provinciale n. 16 del 2010, la Giunta provinciale ha disposto alcuni provvedimenti attuativi e in particolare: - la deliberazione n. 2617/2011 che individua i servizi e le attività finanziati a partire dal 2012 sul fondo per l assistenza integrata; - la deliberazione n. 3010/2011, che disciplina il funzionamento delle unità valutative multidimensionali, e la deliberazione n. 1255/2012 relativa all'organizzazione dei punti unici provinciali di accesso; - preso atto dell approvazione da parte della Giunta provinciale di alcune linee di indirizzo programmatiche in tema di tossicodipendenze e nuove dipendenze patologiche con la deliberazione n del 15 ottobre 2012 e in tema di tutela della salute mentale con la deliberazione n del 20 settembre 2013; - preso atto del riparto 2014 del fondo per l'assistenza integrata e del fondo sanitario provinciale approvato con deliberazione della Giunta provinciale n del 5 dicembre 2013, modificata con deliberazione della Giunta provinciale n. 147 del 7 febbraio 2014, che tiene altresì conto del Piano di Miglioramento dell Azienda provinciale per i servizi sanitari di cui alla deliberazione n del 2013; - considerato che al fine di semplificare l'accesso alle informazioni, si ritiene anche per il 2014 di individuare in un medesimo documento allegato 1) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento - le direttive in materia di integrazione socio-sanitaria afferenti gli ambiti della disabilità, salute mentale, dipendenze in particolare per quanto attiene gli aspetti programmatici, i fabbisogni assistenziali, le modalità di remunerazione delle prestazioni, l accesso al servizio e le verifiche tecnico-sanitarie; - ritenuto di confermare, sino alla riforma del sistema delle compartecipazioni ai costi dei servizi socio-sanitari, quanto già disposto dalla deliberazione n del 30 dicembre 2010 relativamente al Protocollo d intesa sui criteri di copertura degli oneri relativi alle strutture residenziali per le persone con handicap e di concorso alla spesa da parte degli assistiti, sottoscritto in data 31 luglio 2002 dalla Provincia autonoma di Trento, dal Consorzio dei Comuni Trentini e dalla allora Conferenza dei Presidenti dei Comprensori, ad eccezione del punto 1, ove le parole la Provincia assume a carico del Fondo socio assistenziale sono sostituite dalle parole la Provincia assume a carico del Fondo per l assistenza integrata di cui all articolo 18 della legge provinciale sulla tutela della salute ; - preso atto del lavoro condotto dall'azienda provinciale per i servizi sanitari, sentite le parti interessate, finalizzato a una revisione delle modalità di remunerazione dei servizi resi dai centri socioriabilitativi per disabili - centro AGSAT (Trento e Rovereto), centro Anfass - Paese di Oz (Trento), centro Franca Martini ATSM (Trento), centro IRIFOR (Trento) - comportante la revisione dell'attuale Nomenclatore tariffario di cui al D.M. 22 luglio 1996 e s.m. recepito con deliberazione della Giunta provinciale n di data 23 novembre 1996 e ss.mm. come dettagliatamente descritto nell'allegato 2), allegato parte integrante della presente deliberazione; - dato atto che tali modifiche del Nomenclatore tariffario sono volte a riconoscere una remunerazione adeguata e un utilizzo appropriato di prestazioni incluse nei Livelli essenziali di assistenza;

2 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ valutata coerente con l'obiettivo di rendere progressivamente sempre più sostenibili i servizi resi in tale ambito la previsione di un progressivo cambiamento delle modalità di remunerazione, finalizzata in particolare a un uso efficiente delle risorse anche in relazione all'appropriatezza della domanda; - ritenuto che con l'approvazione del presente provvedimento, e la contestuale modifica del Nomenclatore tariffario definita nell'allegato 2) parte integrante del presente provvedimento, a far data dal 1 marzo 2014, è da considerarsi non più in vigore la deliberazione n del 2008 per la parte relativa alla remunerazione del centro Irifor; - ritenuto inoltre opportuno, conseguentemente alla modifica del Nomenclatore tariffario definita nell'allegato 2 parte integrante del presente provvedimento, eliminare a far data dal 1 marzo 2014, le sotto elencate prestazioni: , , introdotte con la deliberazione della G. P. n dell 8 agosto 2012; ; ; ; introdotte con la deliberazione della G. P. n del 2006; - visto l'art. 1, comma 1, del citato D.M. 22 luglio 1996, che prevede la possibilità per le Regioni e per le Province autonome di erogare nel proprio territorio ulteriori prestazioni rispetto a quelle elencate nell'allegato 1) del decreto medesimo, curandone la codifica coerentemente con il sistema di classificazione utilizzato nello stesso allegato; tali prestazioni devono essere contrassegnate con la lettera "I"; - visto l'art. 1, comma 2 ultimo periodo, del citato D.M. 22 luglio 1996, che prevede la possibilità per le Regioni e le Province autonome di accorpare per profilo di trattamento due o più prestazioni, elencate nell'allegato 1) del decreto medesimo; tali accorpamenti devono essere contrassegnati con la lettera "A"; - visto il D.M. 18 ottobre 2012 con il quale sono state approvate le tariffe massime nazionali per la remunerazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera per acuti, assistenza ospedaliera di riabilitazione e di lungodegenza post acuzie e di assistenza specialistica ambulatoriale e considerato che il citato decreto ha confermato le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale contenute nel D.M. 22 luglio 1996, ridefinendone gli importi tariffari; - visto in particolare l art. 4 del D.M. 18 ottobre 2012 il quale prevede che le regioni, per l adozione dei propri tariffari ricorrono, anche in via alternativa, ai medesimi criteri individuati per la determinazione delle tariffe massime nazionali di cui alle lettere a), b) e c) dell art. 8 sexies, comma 5, primo periodo del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e ss.mm.; tutto ciò premesso, LA GIUNTA PROVINCIALE - udita la relazione; - vista la L.P. 23 luglio 2010 n. 16; - viste le competenze in capo alla Giunta provinciale ai sensi dell articolo 7 della L.P. 23 luglio 2010 n. 16; - visto il D.P.G.P. 27 novembre 2000 n /Leg.; - a voti unanimi, espressi nelle forme di legge, delibera 1. di approvare l'allegato 1) dal titolo Servizi socio-sanitari nell ambito della disabilità, salute mentale, dipendenze: direttive 2014, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 2. di approvare le modificazioni tariffarie, i limiti di spesa e gli obiettivi di miglioramento dei servizi individuati nei diversi ambiti così come descritti nell allegato 1), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

3 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ di modificare il nomenclatore delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, di diagnostica per immagini e di laboratorio erogabili nell'ambito del Servizio Sanitario Provinciale di cui alla deliberazione della Giunta provinciale n /1996, da ultimo modificato e integrato con deliberazione n del 2013, così come dettagliatamente descritto nell'allegato 2 parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 4. di disporre che le modifiche ed integrazioni di cui al precedente punto 3) trovano applicazione con decorrenza 1 Marzo 2014, oltre che nei rapporti interni al Servizio Sanitario Provinciale, anche per le eventuali azioni di rivalsa, in tutti i casi in cui sia previsto l addebito a enti e organismi diversi, nonché per la compensazione della mobilità sanitaria interregionale; 5. di eliminare a far data dal 1 marzo 2014, le sotto elencate prestazioni: , , introdotte con la deliberazione n dell 8 agosto 2012; ; ; ; introdotte con la deliberazione n del 2006; 6. di dare atto che è da considerarsi non più efficace la deliberazione n del 2008 per la parte relativa alla remunerazione del centro Irifor; 7. di confermare - sino alla riforma del sistema delle compartecipazioni ai costi e ai servizi sociosanitari - che la determinazione della compartecipazione dell assistito presso i centri residenziali per disabili avverrà per gli ospiti residenziali sulla base del Protocollo d Intesa del 31 luglio 2002 siglato dalla Provincia, dal Consorzio dei Comuni e dall allora Conferenza dei Presidenti dei Comprensori nonché - per gli ospiti semiresidenziali, di sollievo o minori di età - secondo quanto determinato dalla Giunta provinciale con le deliberazioni n del 9 ottobre 2009 e n del 27 novembre 2009 e s.m. c.d. Determinazioni per l esercizio delle funzioni socio-assistenziali ; 8. di confermare che - fino alla riforma del sistema delle compartecipazioni ai costi dei servizi sociosanitari - al recupero della compartecipazione ai costi dei servizi, secondo quanto disposto nell ambito delle deliberazioni della Giunta provinciale n del 9 ottobre 2009 e n del 27 novembre 2009 e successive modifiche Determinazioni per l esercizio delle funzioni socioassistenziali, provvede l Azienda provinciale per i servizi sanitari fatta salva la possibilità di avvalersi degli uffici amministrativi dei Servizi socio-assistenziali delle Comunità di Valle/Comune di Trento/Territorio Valle dell Adige; 9. di prorogare, stante la non entrata in vigore alla data attuale delle previsioni normative di cui agli articoli 20 e 22 della L.P. 27 luglio 2007 n. 13, sino alla data di applicazione delle medesime, il provvisorio accreditamento rilasciato con deliberazione della Giunta provinciale n del 21 novembre 2008, agli enti partner dell Azienda provinciale per i servizi sanitari nel progetto di sperimentazione gestionale attivo, derogando da quanto previsto al punto 4) del provvedimento della Giunta provinciale n del 2008; 10. di dare comunicazione del presente atto all Azienda provinciale per i servizi sanitari, agli enti accreditati attuali gestori dei servizi socio-sanitari oggetto del presente provvedimento, ai Servizi sociali del territorio alle rispettive Comunità di Valle, Comune di Trento/ Territorio Valle dell Adige; 11. di dare atto che il presente provvedimento non comporta oneri aggiuntivi a carico del bilancio provinciale rispetto al riparto 2014 del fondo per l assistenza integrata e del fondo sanitario provinciale di cui alla deliberazione della Giunta provinciale n del 2013 e successive modifiche; 12. di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino Alto Adige. IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA UGO ROSSI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO SEGRETERIA DELLA GIUNTA ED ELEZIONI PATRIZIA GENTILE

4 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ Allegato parte integrante Allegato 1) Servizi socio-sanitari nell ambito della disabilità, salute mentale, dipendenze: direttive 2014 Pag. 1 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

5 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ PREMESSE Il quadro normativo entro cui si rinviene il profilo delle prestazioni socio sanitarie è rappresentato dall articolo 3 septies del D.Lgs. 229/1999 nonché dal D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni sociosanitarie ripreso poi dal D.P.C.M. 29 novembre 2001 Definizione dei livelli essenziali di assistenza che ha dedicato all integrazione socio-sanitaria una parte specifica (allegato 1C). A livello provinciale il riferimento è in particolare l articolo 21 della legge provinciale n. 16 del Il presupposto su cui poggia la definizione di integrazione è la peculiarità di talune condizioni della vita della persona che possono necessitare del contestuale soddisfacimento di un bisogno sanitario e di un bisogno sociale. In questo senso l individuazione delle prestazioni sociosanitarie è legata a criteri atti a ricostruire, nel senso della funzionalità, la risposta al bisogno secondo la sua natura; la complessità e l intensità dell intervento; la sua durata. Pag. 2 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

6 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ DISABILITÀ Indicazioni programmatiche In continuità con quanto espresso con la deliberazione n. 106 del 25 gennaio 2013, la programmazione socio-sanitaria provinciale si pone come finalità principale il superamento della settorializzazione degli interventi, a favore di interventi sanitari e sociali integrati e coordinati (assistenza domiciliare, servizi residenziali, centri riabilitativi, interventi educativi, percorsi di inserimento lavorativo). In quest ottica la valutazione multidimensionale finalizzata alla definizione di un piano assistenziale individualizzato, sono strumenti fondamentali che devono trovare nell implementazione del punto unico provinciale di accesso la sintesi organizzativa sia in relazione agli operatori che ai singoli cittadini, come peraltro disposto dalla normativa provinciale (art. 21 L.P. 16/2010). 1. CENTRI RESIDENZIALI PER DISABILI 1.1 Destinatari I destinatari delle prestazioni sanitarie, riabilitative e assistenziali erogate nell ambito dei centri residenziali per disabili sono gli assistiti del servizio sanitario provinciale, residenti in provincia di Trento, minori d età e adulti disabili, con limitazioni dell'autonomia sia fisica che mentale dalla cui valutazione multidimensionale risulti impossibile l'assistenza a domicilio o l'inserimento in altra struttura residenziale o semi-residenziale. Per gli assistiti del servizio sanitario nazionale residenti in comuni di altre Regioni, ospitati nei centri residenziali per disabili provinciali, la spesa per l assistenza sociosanitaria di cui alle presenti direttive, non può essere posta a carico del servizio sanitario provinciale ma deve essere direttamente addebitata, da parte dei centri ospitanti, alle Aziende Sanitarie di residenza degli ospiti. Ciascun centro si impegna pertanto ad acquisire, all atto dell ammissione degli ospiti con residenza anagrafica extra-provinciale, l impegno della ASL di residenza ad assumere il relativo onere per la spesa nonché informa il comune di residenza del nominativo dell assistito ai sensi dell art. 6, comma 4, della Legge 328/2000. Si conferma che l acquisizione della residenza anagrafica in un comune della provincia di Trento in data successiva o contestuale alla richiesta di valutazione da parte dell unità valutativa multidisciplinare (UVM) dei Distretti del servizio sanitario provinciale, non può in alcun caso costituire titolo per beneficiare delle predette prestazioni con oneri a carico del servizio sanitario provinciale. A partire dal 1 gennaio 2014 le tariffe giornaliere socio-sanitarie di riferimento sono quelle determinate al punto 1.3 delle presenti direttive. E fatta salva l applicabilità della Tariffa giornaliera per ospiti residenti fuori PAT (come determinata in via provvisoria con deliberazione della G.P. n. 3059/2010, confermata al punto 1.3 dell allegato A) della deliberazione della G.P. 106 del 25 gennaio 2013), esclusivamente per gli ospiti provenienti da fuori provincia e già inseriti al 31 dicembre Accertamento dello stato di bisogno e accesso al servizio L accesso ai servizi residenziali, semi-residenziali e di sollievo assicurati nei centri per disabili della provincia, avviene previa valutazione della unità valutativa multidimensionale. L unità valutativa multidimensionale distrettuale svolge le seguenti attività: Pag. 3 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

7 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ valutazione del caso; - individuazione del percorso assistenziale appropriato e relativo piano assistenziale individualizzato, pur avendo riguardo che obiettivo generale è il mantenimento della persona nel proprio domicilio e ambiente sociale nonché l appropriatezza dell intervento in relazione alle abilità e competenze residue della persona; - verifica costantemente l'appropriatezza dell'assistenza socio-sanitaria complessivamente erogata attraverso l individuazione di un referente del caso; - informa il comune di residenza del nominativo dell assistito ai sensi dell art. 6, comma 4, della Legge 328/2000. L inserimento presso i centri residenziali per disabili, il governo della graduatoria di accesso nonché il costante monitoraggio dell appropriatezza degli inserimenti anche in ragione dell evolversi del percorso di vita della persona, è in capo all unità di valutazione multidimensionale disabili aziendale, così come organizzata dall Azienda provinciale per i servizi sanitari. 1.3 Modalità di finanziamento Si confermano sino a nuove disposizioni, le tariffe socio-sanitarie per l assistenza presso i centri residenziali per disabili della provincia di Trento indicate nella tabella seguente. Il tetto massimo di spesa per l anno 2014 è fissato in euro ,00 ripartito in: ,00 finalizzati alla stipula di accordi con gli enti accreditati; tale ammontare è comprensivo del fondo di riserva di cui al punto 1.10; ,00 finalizzati all' erogazione diretta di forniture di cui al punto 1.6 (farmaci, materiale sanitario, assistenza specialistica, prodotti dietetici su prescrizione servizio dietetica aziendale). Pag. 4 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

8 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ Centro residenziale per disabili Tariffa sociosanitaria giornaliera su presenza (compresa compartecipazion e a carico dell'assistito) Tariffe socio-sanitarie e posti letto riconosciuti ai fini della negoziazione con il Servizio Sanitario Provinciale Posti Tariffa sociosanitaria giornaliera su presenza Tariffa sociosanitaria giornaliera assenza VILLA MARIA (Isera/Calliano) RESIDENZIALE VILLA MARIA (Isera/Calliano) SOLLIEVO RESIDENZIALE CASA SERENA (Trento) RESIDENZIALE CASA SERENA (Trento) SOLLIEVO RESIDENZIALE CASA SERENA (Trento) SEMIRESIDENZIALE Centro Don Ziglio (Levico Terme) RESIDENZIALE Centro Don Ziglio (Levico Terme) SOLLIEVO RESIDENZIALE Centro Don Ziglio (Levico Terme) SEMIRESIDENZIALE 237, ,16 137,74 vedi paragrafo ,16 242, ,34 141,64 vedi paragrafo 1.10 vedi paragrafo ,34 106,84 98,94 180, ,70 113,80 vedi paragrafo 1.10 vedi paragrafo ,70 106,84 98,94 Pag. 5 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

9 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ Compartecipazione alla spesa Si confermano le seguenti modalità: a) Ospiti adulti residenziali La compartecipazione alla spesa a carico dell assistito è pari alla differenza tra la tariffa socio-sanitaria giornaliera su presenza comprensiva di compartecipazione e la tariffa socio-sanitaria giornaliera su presenza. In caso di assenza dell ospite la compartecipazione è pari al 20% della tariffa socio-sanitaria giornaliera di assenza. Come deliberato dalla Giunta provinciale con provvedimento n del 30 dicembre 2010 sono confermati i contenuti del Protocollo d intesa sui criteri di copertura degli oneri relativi alle strutture residenziali per le persone con handicap e di concorso alla spesa da parte degli assistiti, sottoscritto in data 31 luglio 2002 dalla Provincia autonoma di Trento, dal Consorzio dei Comuni Trentini e dalla Conferenza dei Presidenti dei Comprensori, a eccezione del punto 1, ove le parole la Provincia assume a carico del Fondo socio assistenziale sono sostituite dalle parole la Provincia assume a carico del Fondo per l assistenza integrata di cui all articolo 18 della legge provinciale sulla tutela della salute. b) Ospiti semi-residenziali adulti o minori di età: la compartecipazione alla spesa dell ospite, adulto o minore di età, avviene secondo quanto previsto nell ambito delle deliberazioni della Giunta provinciale n del 9 ottobre 2009 e n del 27 novembre 2009 e successive modifiche Determinazioni per l esercizio delle funzioni socioassistenziali. c) Ospiti residenziali minori di età, ospiti inseriti in forma temporanea per periodi di sollievo: la compartecipazione alla spesa dell ospite avviene secondo quanto previsto nell ambito delle deliberazioni della Giunta provinciale n del 9 ottobre 2009 e n del 27 novembre 2009 e successive modifiche Determinazioni per l esercizio delle funzioni socio-assistenziali. 1.5 Prestazioni socio-sanitarie assicurate nei centri residenziali per disabili I centri assicurano assistenza, protezione e tutela agli ospiti disabili accolti in forma: residenziale, laddove previsto semi-residenziale, e a carattere di sollievo. Garantiscono in relazione al fabbisogno specifico della persona disabile accolta: - assistenza generica alla persona; - assistenza infermieristica e sanitaria programmata; - assistenza terapeutico-riabilitativa; - attività educative e di supporto alla vita quotidiana; - attività di socializzazione e a carattere occupazionale; finalizzate alla crescita evolutiva delle persone ospitate anche attraverso interventi mirati e personalizzati. Coerentemente a quanto previsto dal Regolamento in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie e socio-sanitarie D.P.G.P. 27 novembre 2000 n Leg., i centri residenziali per disabili garantiscono l espletamento delle attività sopra dette attraverso équipe pluridisciplinari professionalmente formate (personale sanitario, anche con funzioni di direzione sanitaria, educatori professionali, operatori socio-sanitari, infermieri professionali, tecnici della riabilitazione, personale ausiliario etc ). Per quanto attiene i farmaci, i presidi sanitari e altri prodotti si rinvia al punto 1.6 delle presenti direttive. Pag. 6 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

10 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ Per gli ospiti non residenti in provincia di Trento e per gli ospiti in forma semiresidenziale, la fornitura dei farmaci viene assicurata ricorrendo all assistenza farmaceutica convenzionata territoriale. I centri devono assicurare una corretta gestione dei farmaci ed essere dotati di: - apposita area di ricezione materiale/registrazione; - locale con superficie dei pavimenti lavabile e disinfettabile fornito di arredi e attrezzature per il deposito e la corretta conservazione (temperatura/umidità) dei medicinali, dei dispositivi medici, del materiale di medicazione e degli altri materiali di competenza; - cassaforte o armadio antiscasso per la conservazione dei medicinali stupefacenti soggetti a tenuta in sicurezza; - i centri assicurano direttamente, agli ospiti residenziali, gli ausili per incontinenti (pannoloni e traverse) in quanto il relativo costo è previsto nella tariffa sociosanitaria di cui al punto Fornitura di beni e servizi da parte dell Azienda sanitaria Ai centri residenziali per disabili sono forniti, direttamente dall Azienda provinciale per i servizi sanitari, nelle quantità e modalità sotto definite, i seguenti beni e servizi: - farmaci: (inclusa fornitura di ossigeno) per gli assistiti residenti in provincia di Trento; - materiale sanitario: (prodotti sanitari e altri presidi specificatamente concordati con l Azienda sanitaria) per gli assistiti residenti in provincia di Trento; - assistenza specialistica: l Azienda sanitaria, attraverso i Distretti sanitari, assicura l assistenza specialistica in favore degli ospiti in relazione alle specialità prescritte dal medico della struttura in base alle necessità e ai piani di assistenza individuali, nelle quantità massime da concordare con l Azienda provinciale per i servizi sanitari; - trasporti sanitari: l Azienda assicura i trasporti sanitari in caso di accesso a prestazioni sanitarie, ricovero e dimissione da presidi ospedalieri pubblici e privati accreditati. In ogni caso il trasporto viene attivato su presentazione di richiesta medica motivata. La fornitura gratuita dei materiali e presidi sanitari è riservata agli ospiti in forma residenziale, residenti in provincia di Trento e iscritti al Servizio sanitario provinciale. L Azienda sanitaria, per ognuna delle strutture residenziali per disabili, è tenuta a evidenziare la spesa annua sostenuta per farmaci e dispositivi medici di uso corrente anche in relazione alle raccomandazioni di appropriatezza fornite dal Servizio farmaceutico dell Azienda stessa in ragione della tipologia degli ospiti e del servizio erogato. Di tale evidenza è data informazione al Dipartimento Salute e solidarietà sociale. L Azienda sanitaria per la definizione dei tetti di spesa terrà conto dei parametri a oggi definiti per servizi analoghi, avendo come obiettivo l individuazione di parametri tendenti a un uso appropriato ed efficiente delle risorse destinate a farmaci e dispositivi medici e sanitari. 1.7 Presenza e assenza degli ospiti e obblighi informativi Presenze/Assenze degli ospiti Ai fini del calcolo della permanenza nel centro si conferma quanto segue: - esclusivamente per gli ospiti accolti in forma residenziale - al fine di favorire il rientro in famiglia - si applica la tariffa socio-sanitaria giornaliera di assenza a Pag. 7 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

11 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ partire dal quarto giorno di assenza dell ospite e fino al trentesimo giorno compreso; - esclusivamente per gli ospiti accolti in forma residenziale, in caso di ricovero ospedaliero, si applica la tariffa socio-sanitaria giornaliera di presenza fino al quindicesimo giorno compreso di ricovero, dal sedicesimo e successivi sino al 30 giorno, si applica la tariffa socio-sanitaria giornaliera di assenza ; - il giorno di ingresso e il giorno di uscita sono conteggiati come un solo giorno; - per gli ospiti accolti in forma semiresidenziale non sono da considerare assenza le giornate di chiusura del servizio (per esempio fine settimana e festività); - per gli ospiti accolti in forma semiresidenziale in caso di assenza si applica la tariffa socio sanitaria giornaliera di assenza esclusivamente dal primo al quindicesimo giorno di assenza continuativa. Sono remunerati unicamente i giorni di assenza previsti dal piano di assistenza individualizzato nei limiti sopra definiti. Flussi informativi I centri dovranno attenersi alle indicazioni impartite dall Azienda sanitaria in relazione all aggiornamento dei flussi informativi di presenza/assenza degli ospiti. Per adempiere agli obblighi ministeriali legati allo sviluppo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario Nazionale (NSIS) i centri saranno tenuti a mantenere aggiornata la banca dati dell Azienda, attraverso il programma Atlante garantendo l eventuale interfacciamento dei dati. Documentazione contabile Con la sottoscrizione dell accordo negoziale con l Azienda sanitaria i centri si impegnano a trasmettere, via posta elettronica certificata o posta elettronica, al Dipartimento Salute e solidarietà sociale, entro 15 giorni dalla data di approvazione da parte degli organi competenti, i documenti contabili qui indicati: - il bilancio di esercizio completo di relazione e allegati (compreso l elenco dei dati relativi alla consistenza analitica del personale e alla relativa spesa distinta per voci stipendiali e oneri riflessi) con il dettaglio relativo al centro di costo oggetto del contratto negoziale con l Azienda provinciale per i servizi sanitari. I centri si impegnano inoltre a fornire, su richiesta del Dipartimento Salute e solidarietà sociale, le seguenti informazioni: - costi dei servizi, come desunti dalla contabilità analitica; - caratteristiche del personale impegnato nei processi assistenziali e delle persone assistite; - modalità di gestione dei servizi; - caratteristiche qualitative e quantitative dell assistenza socio-sanitaria erogata. 1.8 Vigilanza L Azienda sanitaria esercita le seguenti funzioni: - vigilanza igienico-sanitaria relativa alla struttura edilizia; - vigilanza igienico-sanitaria sugli ambienti di comunità; - vigilanza igienico-sanitaria sulle prestazioni da erogare agli ospiti, rivolta alle attività sanitarie presenti nei centri residenziali per disabili; - vigilanza e controllo sulla conservazione dei medicinali e sulla loro gestione. La vigilanza sull assistenza farmaceutica è effettuata secondo le direttive del Servizio farmaceutico della medesima Azienda sanitaria. In caso di necessità l Azienda sanitaria detta specifiche prescrizioni e i relativi provvedimenti da adottare. I risultati delle attività di vigilanza devono essere riportati in una relazione e Pag. 8 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

12 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ trasmessi al Dipartimento Salute e solidarietà sociale evidenziando le criticità rilevate. 1.9 Sicurezza sul luogo di lavoro Al fine di prevenire il fenomeno infortunistico e a tutela di chi opera nei centri si richiede ai gestori una rigorosa osservanza delle norme che disciplinano la materia. Per monitorare il fenomeno i gestori dei centri devono presentare alla segreteria del Comitato di coordinamento in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro presso il competente ufficio del Dipartimento Salute e solidarietà sociale, una relazione entro il 31 gennaio di ogni anno (periodo di osservazione 1 gennaio - 31 dicembre), secondo lo schema loro inviato Fondo di riserva Nei centri residenziali per disabili possono essere accolti, tenuto conto di quanto previsto al punto 1.1 e considerando i bisogni degli assistiti e le risposte attivabili tramite la rete dei servizi, oltre agli ospiti residenziali: a) ospiti in accoglienza diurna: si tratta di accoglienze di natura semiresidenziale finalizzati a mantenere presso il proprio domicilio - almeno per parte della giornata e parte dell anno - la persona disabile; b) ospiti accolti in forma temporanea per periodi di sollievo: si tratta di accoglienze in regime residenziale attivate dalla UVM per dare sollievo alle famiglie che assistono disabili a domicilio; i ricoveri di sollievo possono avere una durata massima di 40 giorni all anno che possono essere fruiti anche in periodi frazionati. Nell attivazione dell accoglienza residenziale di sollievo viene data priorità a: - coloro che non fruiscono di altri servizi residenziali e semiresidenziali; - permanenze programmate finalizzate a sostenere l assistenza a domicilio; - situazioni di emergenza o ad alto e straordinario fabbisogno assistenziale della persona ospitata o del familiare su cui grava l assistenza domiciliare alla persona disabile. Entrambe le sopra riportate forme di accoglienza vengono attivate dalla UVM aziendale sulla base di un preventivo accordo con la struttura nonché alla verifica del rispetto dei limiti contemplati dai provvedimenti autorizzativi. Per tali esigenze viene istituito - all interno del finanziamento complessivo di 12 milioni di euro - un fondo di riserva pari a euro ,00 che l Azienda sanitaria negozierà con le singole strutture accreditate sulla base dei fabbisogni conosciuti e programmati e in ragione dell andamento degli anni precedenti. Inoltre, preso atto di quanto disposto dalla deliberazione della Giunta provinciale n. 2478/2012, che in relazione alla possibilità delle Province, prevista dall articolo 39 della legge regionale n. 7/2005, di istituire uno specifico fondo a favore delle aziende pubbliche per i servizi alla persona per il rimborso degli oneri conseguenti ad aspettative di legge, stabiliva la cessazione a partire dal 2013 della previsione disciplinata dalla deliberazione della Giunta provinciale n. 3305/2009, si ritiene di individuare in euro ,00 l ammontare delle risorse massime che l Azienda provinciale per i servizi sanitari potrà erogare a favore della A.P.S.P. Don Ziglio relativamente agli oneri sostenuti nel 2013 per le ragioni e secondo i criteri di cui alla deliberazione n. 3305/ CENTRI DIURNI SOCIO-RIABILITATIVI PER DISABILI Pag. 9 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

13 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ Destinatari Questa tipologia di servizio è rivolta ad adulti e minori di età affetti da patologie che presentano esiti invalidanti. 2.2 Prestazioni socio-sanitarie assicurate nei centri diurni socioriabilitativi per disabili Trattasi di servizi a carattere diurno per lo svolgimento di attività socio-educative e socio-riabilitative, in cui è possibile fruire di prestazioni a carattere specialistico ambulatoriale o finalizzate a interventi socio-riabilitativi individualizzati. Secondo quanto disposto dal Regolamento in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie e socio-sanitarie D.P.G.P. 27 novembre 2000 n Leg., e relative disposizioni attuative, tali centri si configurano quali centri ambulatoriali di riabilitazione, caratterizzandosi per la globalità del trattamento sull handicap che richiede un apporto multidisciplinare medico, psicologico, ed educativo Centro diurno socio-riabilitativo per la riabilitazione visiva La riabilitazione visiva rientra in un progetto generale di riabilitazione in cui la riduzione visiva o cecità può presentarsi o come singola disabilità o coinvolgendo altre funzioni della persona. Gli interventi destinati al recupero e alla riabilitazione funzionale visiva sono sia di tipo sanitario che sociale e si avvalgono, di norma e in maniera interdisciplinare, di apporti clinici, psicologici, pedagogici e sociali che assicurino la presa in carico globale del soggetto utente. Le prestazioni erogate garantiscono la personalizzazione dell intervento e hanno lo scopo di raggiungere il più alto livello possibile di autonomia funzionale del soggetto per farlo ritornare persona attiva nel proprio ambiente familiare, scolastico, lavorativo e sociale. La legge 28 agosto 1997, n. 284 Disposizioni per la prevenzione della cecità e per la riabilitazione visiva e l integrazione sociale e lavorativa dei ciechi pluriminorati affida alle Regioni la realizzazione delle iniziative per la prevenzione della cecità, da attuare mediante convenzione con centri specializzati, potenziando quelli già esistenti o prevedendone la creazione di nuovi dove questi non esistano. In base all accordo tra il Ministro della salute e le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, di data 20 maggio 2004, il campo di attività dei centri per l educazione e la riabilitazione visiva, così come individuato dalla sopra citata legge 28 agosto 1997, n. 284, non riguarda tutti gli interventi mirati alla tutela della salute visiva, ma si concentra in attività di prevenzione della cecità e riabilitazione funzionale visiva che, per poter essere correttamente monitorate e valutate, necessitano di essere connotate e individuate in maniera univoca. Lo spirito della legge è quello di richiamare l attenzione sulla necessità di contrastare, nel modo più efficace possibile, la disabilità visiva grave, che comporta una situazione di handicap tale da diminuire significativamente la partecipazione sociale di coloro che ne sono affetti. La collocazione strategica principale dei centri è quella di servizi specialistici di riferimento per tutti gli altri servizi e gli operatori del settore, a cui inviare pazienti per una più completa e approfondita valutazione diagnostico funzionale (assessment diagnostico-funzionale) e per la presa in carico per interventi di riabilitazione funzionale visiva di soggetti con diagnosi di ipovisione o cecità. Si ritiene che l obiettivo essenziale della riabilitazione sia quello di ottimizzare le capacità visive residue e comunque il mantenimento dell autonomia e la promozione dello sviluppo; garantire inoltre le attività proprie dell età e un livello di vita soddisfacente. La più importante distinzione operativa concerne la differenza Pag. 10 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

14 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ esistente tra soggetti in età evolutiva (infanzia, adolescenza, da 0 a 18 anni) e soggetti in età adulta, sia in relazione alla specificità dei bisogni, e quindi agli obiettivi di intervento, sia in relazione alle modalità di attuazione dei trattamenti. 2.3 Accertamento dello stato di bisogno e accesso al servizio L accesso ai centri diurni socio-riabilitativi per disabili della provincia, avviene previa valutazione della unità valutativa multidimensionale; per l erogazione di prestazioni di specialistica ambulatoriale l accesso è inoltre subordinato, secondo le disposizioni vigenti, a prescrizione su ricettario standardizzato del servizio sanitario nazionale. L Azienda sanitaria provvede all inserimento nella banca dati aziendale dei dati anagrafici e valutativi relativi alle persone accolte. 2.4 Modalità di finanziamento In ragione della specificità di tali centri, a seguito di approfondimento condotto in condivisione con le parti interessate, la remunerazione dell attività espletata negli stessi avverrà: 1. secondo quanto previsto dal Nomenclatore Tariffario provinciale (così come modificato e indicato nell allegato n. 2) laddove trattasi di prestazioni di specialistica ambulatoriale a carattere riabilitativo, in base alla rendicontazione effettiva delle prestazioni prescritte ed effettuate e nel limite dei budget annualmente definiti per ogni struttura accreditata; 2. nella misura indicata dalla tabella sotto riportata, in ragione di una frequenza media minima annua stimata, per le attività educative, di carattere socioriabilitativo, svolte presso i centri diurni; tale finanziamento è definito come budget annuo omnicomprensivo, quantificato ex ante ed erogabile in dodicesimi. Di seguito si definiscono i finanziamenti massimi per il 2014 (in euro) con indicazione dei criteri per la ripartizione dei tetti di spesa per l attività di cui al sopra indicato punto (1) (specialistica ambulatoriale) e al punto (2) (prestazioni educative e socio riabilitative centro diurno). Ente ANFFAS Paese di Oz Via Aosta, 1 TN attività specialistica ambulatoriale e centro diurno Centravanti ; centro diurno Cresciamo insieme Via Fermi, 70 TN ATSM Centro Franca Martini Via Taramelli, 8/c TN attività specialistica ambulatoriale e centro diurno (età adulti) Finanziamento massimo annuale (A= B + C) di cui per centro diurno (B) di cui per assistenza specialistica (C) Pag. 11 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D Note , , ,00 Frequenza complessiva Centro Diurno: 47 utenti età evolutiva , , ,00 Frequenza complessiva Centro Diurno: 200 utenti adulti.

15 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ Via Degasperi, 126/2 TN s attività specialistica ambulatoriale (età evolutiva) AGSAT Via Venezia 2, Rovereto Pranzelores, 41 TN IRIFOR Via Malvasia, 15 TN , , ,00 Frequenza complessiva Centro Diurno: 28 utenti adulti ,00 Non previsto ,00 Il finanziamento comprende l attività di addestramento all uso di presidi ed ausili protesici forniti dall Azienda sanitaria: compenso forfettario onnicomprensivo di 20,00 euro per 45 di addestramento. 2.5 Compartecipazione alla spesa Fatto salvo quanto previsto in materia di compartecipazione alla spesa per l'attività specialistica ambulatoriale, sino all entrata in vigore del sistema delle compartecipazioni ai costi dei servizi socio-sanitari, i limiti e le modalità di calcolo della compartecipazione alla spesa per l attività di centro diurno da parte dell utente saranno i medesimi già individuati dalla Giunta provinciale sino alla data del 31 dicembre Preso atto del fatto che a riguardo dei centri diurni socio-riabilitativi nulla fu disposto, si ritiene rimanga invariato l eventuale sistema di autofinanziamento disposto dai gestori di tale servizio (come già disposto dalla deliberazione della G.P. n. 2617/2012). 2.6 Obblighi informativi I sistemi informativi che dovranno essere utilizzati per la trasmissione dei dati saranno quelli definiti dall Azienda sanitaria, in linea con gli strumenti informativi già attualmente in uso. L Azienda sanitaria è responsabile dell invio dei dati alla Provincia, per finalità programmatorie e per l eventuale debito informativo NSIS, nonché della validazione e certificazione della qualità degli eventuali meccanismi di interoperabilità. Documentazione contabile Con la sottoscrizione dell accordo negoziale con l Azienda sanitaria i gestori dei centri socio-riabilitativi si impegnano a trasmettere, anche via posta elettronica, al Dipartimento Salute e solidarietà sociale, entro 15 giorni dalla data di approvazione da parte degli organi competenti, i documenti contabili qui indicati: - il bilancio di esercizio con relative relazioni e allegati (compreso l elenco dei dati relativi alla consistenza analitica del personale e alla relativa spesa distinta per voci stipendiali e oneri riflessi) con il dettaglio relativo al centro di costo oggetto del contratto negoziale con l Azienda provinciale per i servizi sanitari. I gestori si impegnano inoltre a fornire, su richiesta del Dipartimento Salute e solidarietà sociale, le seguenti informazioni: - costi dei servizi, come desunti dalla contabilità analitica; Pag. 12 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

16 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ caratteristiche del personale impegnato nei processi assistenziali e delle persone assistite; - modalità di gestione dei servizi; - caratteristiche qualitative e quantitative dell assistenza socio-sanitaria erogata. 2.7 Vigilanza L Azienda sanitaria esercita le seguenti funzioni: - vigilanza igienico-sanitaria relativa alla struttura edilizia; - vigilanza igienico-sanitaria sugli ambienti di comunità; - vigilanza igienico-sanitaria sulle prestazioni da erogare agli ospiti; - coerenza tra il piano di assistenza individualizzata e l attività effettivamente erogata alla persona. 2.8 Disposizioni transitorie Al fine di valutare gli effetti delle modifiche introdotte al nomenclatore tariffario e l impatto sia economico che assistenziale del percorso previsto, l Azienda provinciale per i servizi sanitari - entro la fine del mese di luglio 2014 e la fine del mese di novembre 2014 verifica l andamento dei budget di cui al paragrafo 2.4 e ne dà informazione al Dipartimento Salute e solidarietà sociale. Pag. 13 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

17 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ SALUTE MENTALE Indicazioni programmatiche Nel confermare quanto già disposto dalla Giunta provinciale con la deliberazione n del 2013, e in particolare per quanto qui di interesse al paragrafo 4.3 Obiettivi operativi, si evidenzia inoltre per il 2014: - ulteriore contenimento degli invii in strutture di accoglienza e socio-riabilitative extra provinciali per un tetto di spesa annuo massimo di euro ,00 per il 2014 (età adulta ed età evolutiva ivi compresa l'area dei disturbi del comportamento alimentare); - ulteriore miglioramento dei tassi di occupazione delle strutture sanitarie e sociosanitarie presenti in provincia; - rafforzamento, in particolare per l'età evolutiva, del supporto ai servizi residenziali e domiciliari socio-educativi presenti in provincia di Trento e convenzionati con il servizio pubblico. In relazione a quanto disciplinato dall articolo 23 bis (sperimentazioni gestionali di servizi innovativi) della legge provinciale n. 16 del 2010, tenuto conto dell articolo 54 quater della legge provinciale n. 10 del 1993, al fine di dare continuità alle sperimentazioni gestionali avviate sul territorio provinciale attraverso specifici provvedimenti attuativi dell Azienda provinciale per i servizi sanitari (deliberazione del direttore generale dell Azienda provinciale per i servizi sanitari n. 344/2009), si ritiene - in considerazione del confermato interesse del legislatore verso strumenti gestionali innovativi, come espresso nell articolo 23 bis della L.P. 16/ che quanto previsto al comma 1 dell articolo 54 quater della legge provinciale n. 10 del 1993, si attui: - in presenza di convenienza economica ed efficienza organizzativa del progetto gestionale attivato ed efficacia in termini di miglioramento della qualità dell assistenza; - e, stante la non entrata in vigore alla data attuale delle previsioni normative di cui agli articoli 20 e 22 della L.P. 27 luglio 2007 n. 13, la proroga, sino alla data di applicazione delle medesime, del provvisorio accreditamento rilasciato con deliberazione della Giunta provinciale n del 21 novembre 2008, agli enti partner dell Azienda provinciale per i servizi sanitari nel progetto di sperimentazione gestionale attivo, derogando da quanto previsto al punto 4) del provvedimento della Giunta provinciale n del COMUNITÀ SOCIO-SANITARIA PER MINORI DI ETÀ 1.1 Destinatari Questa tipologia di servizio è rivolta ai minori di età, in particolare preadolescenti e adolescenti, che presentano un quadro di difficoltà o disturbi comportamentali ascrivibili al disagio psichico che per la loro problematicità non sono inseribili in strutture comunitarie socio-educative. 1.2 Prestazioni socio-sanitarie assicurate nelle comunità socio-sanitarie per minori Trattasi di un servizio residenziale socio-riabilitativo che pur all interno di un modello di vita comunitario offre un accompagnamento individualizzato sulla base di un progetto socio-educativo e terapeutico personalizzato volto alla riabilitazione, Pag. 14 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

18 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ all autonomia e all autodeterminazione del minore di età. Fatto salvo quanto previsto dal Regolamento in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie e socio-sanitarie, D.P.G.P. n /Leg. di data 27 novembre 2000, è assicurata la presenza di un équipe multiprofessionale (educatore professionale, terapista della riabilitazione psichiatrica, ) nonché la presenza programmata, o per fascia oraria, delle seguenti figure professionali: medico neuropsichiatria infantile, infermiere professionale. 1.3 Accertamento dello stato di bisogno e accesso al servizio L accesso a tale servizio avviene su richiesta del servizio sociale territoriale o dei servizi sanitari, previa valutazione della unità valutativa multidimensionale. L Azienda sanitaria provvede all inserimento nella banca dati aziendale dei dati anagrafici e valutativi relativi alle persone accolte. 1.4 Modalità di finanziamento In considerazione del soddisfacente tasso di occupazione, è confermato anche per l anno 2014 il finanziamento mediante budget annuo omnicomprensivo, quantificato ex ante ed erogabile in dodicesimi. APPM - Loc. Campotrentino Trento ,00 7 posti residenziali 3 posti semi residenziali Nel corso del 2014 l'azienda provinciale per i servizi sanitari affinerà la gestione dei flussi informativi (paragrafo 1.6) al fine di monitorare i tassi di occupazione e la ricettività della struttura. 1.5 Compartecipazione alla spesa Sino all entrata in vigore del sistema delle compartecipazioni ai costi dei servizi socio-sanitari, i limiti e le modalità di calcolo della compartecipazione alla spesa da parte dell utente saranno i medesimi già individuati dalla Giunta provinciale sino alla data del 31 dicembre Obblighi informativi I sistemi informativi che dovranno essere utilizzati per la trasmissione dei dati saranno quelli definiti dall Azienda sanitaria in linea con gli strumenti informativi già attualmente in uso. L Azienda è responsabile dell invio dei dati alla Provincia, per finalità programmatorie e per l eventuale debito informativo NSIS, nonché della validazione e certificazione della qualità degli eventuali meccanismi di interoperabilità. Documentazione contabile Con la sottoscrizione dell accordo negoziale con l Azienda sanitaria, il gestore si impegna a trasmettere (via posta elettronica certificata o via posta elettronica), al Dipartimento Salute e solidarietà sociale, entro 15 giorni dalla data di approvazione da parte degli organi competenti, i documenti contabili qui indicati: - il bilancio di esercizio completo di relazioni e allegati (compreso l elenco dei dati relativi alla consistenza analitica del personale e alla relativa spesa distinta per voci stipendiali e oneri riflessi) con il dettaglio relativo al centro di costo oggetto del contratto negoziale con l Azienda provinciale per i servizi sanitari. Il gestore si impegna inoltre a fornire, su richiesta del Dipartimento Salute e solidarietà sociale, le seguenti informazioni: - costi dei servizi, come desunti dalla contabilità analitica; Pag. 15 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

19 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ caratteristiche del personale impegnato nei processi assistenziali e delle persone assistite; - modalità di gestione dei servizi; - caratteristiche qualitative e quantitative dell assistenza socio-sanitaria erogata. 1.7 Vigilanza L Azienda sanitaria esercita le seguenti funzioni: - vigilanza igienico-sanitaria relativa alla struttura edilizia; - vigilanza igienico-sanitaria sugli ambienti di comunità; - vigilanza igienico-sanitaria sulle prestazioni da erogare agli ospiti; - coerenza tra il piano di assistenza individualizzata e l attività effettivamente erogata alla persona. 2. COMUNITA SOCIO-SANITARIE PER ADULTI 2.1 Destinatari Questa tipologia di servizio è rivolta alle persone adulte che presentano un quadro di difficoltà ascrivibile al disagio psichico e/o di grave emarginazione sociale. 2.2 Prestazioni socio-sanitarie assicurate nelle comunità socio-sanitarie per adulti Trattasi di un servizio residenziale socio-riabilitativo che pur all interno di un modello di vita comunitario offre un accompagnamento individualizzato sulla base di un progetto educativo e terapeutico personalizzato. 2.3 Accertamento dello stato di bisogno e accesso al servizio L accesso a tale servizio avviene su richiesta del servizio sociale territoriale o dei servizi sanitari, previa valutazione della unità valutativa multidimensionale. L Azienda sanitaria provvede all inserimento nella banca dati aziendale dei dati anagrafici e valutativi relativi alle persone accolte. 2.4 Modalità di finanziamento In attesa della definizione delle singole procedure di accreditamento istituzionale - secondo quanto previsto dal Regolamento in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie e socio-sanitarie D.P.G.P. n /Leg. di data 27 novembre e nell ottica di una graduale applicazione di criteri di omogeneizzazione del sistema tariffario, gli enti che erogano il servizio qui descritto sono finanziati anche per l anno 2014 mediante budget annuo omnicomprensivo quantificato ex ante ed erogato in dodicesimi, quantificato in ragione della tipologia del servizio offerto (residenziale, semiresidenziale), del numero di utenti accolti, della dislocazione territoriale, della incidenza sui costi fissi anche in relazione alle dimensioni e caratteristiche della struttura, del grado di copertura assistenziale anche in funzione della tipologia di ospiti accolti. Nel corso del 2014 l'azienda provinciale per i servizi sanitari affinerà la gestione dei flussi informativi (paragrafo 2.6) al fine di monitorare i tassi di occupazione e la ricettività delle strutture. Pag. 16 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

20 Bollettino Ufficiale n. 13/I-II del 01/04/2014 / Amtsblatt Nr. 13/I-II vom 01/04/ BUDGET 2014 ENTE Ass. Villa Argia (comunità Mori e Loppio) Via del Garda, Mori BUDGET MASSIMO UTENZA , posti residenziali (su due sedi) Coop. Girasole (comunità Girasole) Via ,00 9 posti residenziali Flaim - Rovereto Coop. Arcobaleno 98 (comunità Piccolo Principe; servizio residenziale e ,00 6 posti residenziali + 5 posti semiresidenziali semiresidenziale), Viale Marconi, 7 - Transacqua Coop. Arcobaleno (app.residenziale con ,00 5 posti residenziali sede a Bolognano d Arco) Via San Nazzaro, 47 Riva del Garda Ass. Valle Aperta, Loc. Ponciach Faver ,00 8 posti residenziali per soggiorni di 12 giorni e 6 posti residenziali per soggiorni fine settimana Coop. Il Bucaneve (comunità di Bersone) ,00 6 posti residenziali Bersone Coop. il Bucaneve (servizio ,00 16 posti semiresidenziale) - Bersone Coop. Oltre - comunità Maso Toffa e servizio semiresidenziale, Carano semiresidenziali ,00 4 posti residenziali + 8 posti semiresidenziali 2.5 Compartecipazione alla spesa Sino all entrata in vigore del sistema delle compartecipazioni ai costi dei servizi socio-sanitari, i limiti e le modalità di calcolo della compartecipazione alla spesa da parte dell utente saranno i medesimi già individuati dalla Giunta provinciale sino alla data del 31 dicembre Preso atto del fatto che a riguardo di tale servizio nulla è stato disposto, si ritiene rimanga invariato l eventuale sistema di autofinanziamento disposto dai gestori il servizio stesso (così come disposto dalla deliberazione della G.P. n. 2617/2012). 2.6 Obblighi informativi I sistemi informativi che dovranno essere utilizzati per la trasmissione dei dati saranno quelli definiti dall Azienda sanitaria, in linea con gli strumenti informativi già attualmente in uso. L Azienda è responsabile dell invio dei dati alla Provincia, per finalità programmatorie e per l eventuale debito informativo NSIS, nonché della validazione e certificazione della qualità degli eventuali meccanismi di interoperabilità. Documentazione contabile Con la sottoscrizione dell accordo negoziale con l Azienda sanitaria, i gestori si impegnano a trasmettere (via posta elettronica certificata o via posta elettronica), al Dipartimento Salute e solidarietà sociale, entro 15 giorni dalla data di approvazione da parte degli organi competenti, i documenti contabili qui indicati: - il bilancio di esercizio completo di relazioni e allegati (compreso l elenco dei dati relativi alla consistenza analitica del personale e alla relativa spesa distinta per Pag. 17 di 23 All. 001 RIFERIMENTO: 2014-D

Servizi socio-sanitari nell ambito della disabilità, salute mentale e dipendenze: direttive 2013

Servizi socio-sanitari nell ambito della disabilità, salute mentale e dipendenze: direttive 2013 Allegato parte integrante Allegato A) Servizi socio-sanitari nell ambito della disabilità, salute mentale e dipendenze: direttive 2013 Pag. 1 di 17 All. 001 RIFERIMENTO: 2013-D337-00001 DISABILITA Prospettive

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 215 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: L.P. 16/2010 Tutela della salute in provincia di Trento, articolo 21. Servizi socio-sanitari

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU29S2 23/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 luglio 2015, n. 27-1784 Definizione delle tariffe e ridefinizione del fabbisogno dei Centri Diurni Socio Riabilitativi sperimentali

Dettagli

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo P.A. BOLZANO NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie (in GU 6 giugno 2001, n. 129) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

DIRETTIVE PROVINCIALI 2012 SUL PASSAGGIO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI DALLE POLITICHE SOCIALI ALLE POLITICHE SANITARIE (Articolo 21 L.P.

DIRETTIVE PROVINCIALI 2012 SUL PASSAGGIO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI DALLE POLITICHE SOCIALI ALLE POLITICHE SANITARIE (Articolo 21 L.P. Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DIRETTIVE PROVINCIALI 2012 SUL PASSAGGIO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI DALLE POLITICHE SOCIALI ALLE POLITICHE SANITARIE (Articolo 21 L.P. 16/2010) 1. Direttive generali

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 831 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Integrazione e modifica del Nomenclatore delle prestazioni di assistenza specialistica

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con le UU.SS.LL. - Deliberazione n. 1274 del 16 luglio 2009 Piano di rientro - Interventi per il raggiungimento dell obiettivo di razionalizzazione e contenimento

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Regolamento cdd IL CONSIGLIO COMUNALE Su conforme relazione dell Assessore ai Servizi alla Persona Graziella Invernizzi, la quale evidenzia che il regolamento per il funzionamento del servizio Centro Socio

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 483 del 21/09/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 483 del 21/09/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 483 del 21/09/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: DISCIPLINA E DEFINIZIONE

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Approvato con Deliberazione del Comitato dell Accordo di Programma n.4 del 17/11/2010 Distretto

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue:

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue: LA GIUNTA REGIONALE - visto l articolo 3-septies del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, che prevede le

Dettagli

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI UMBRA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Codice dell'ospedalità Privata Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 16-2315 Fondo statale per le non autosufficienze, annualita' 2015. Approvazione "Programma attuativo" di cui al

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità)

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità) Legge regionale 20 dicembre 2011, n. 44 Norme per il sostegno di persone non autosufficienti Fondo per la non autosufficienza (BUR n. 23 del 16 dicembre 2011, supplemento straordinario n. 3 del 22 dicembre

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative Disegno di legge n. 41/9^ Norme per il sostegno delle persone non autosufficienti. Fondo per la non autosufficienza Proponente: Giunta regionale Depositato presso la Segreteria Assemblea del Consiglio

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 17 dicembre 2008 Istituzione del sistema informativo per il monitoraggio dell'assistenza domiciliare (GU n. 6 del 9-1-2009 ) IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 41/I-II del 13/10/2015 / Amtsblatt Nr. 41/I-II vom 13/10/2015 42

Bollettino Ufficiale n. 41/I-II del 13/10/2015 / Amtsblatt Nr. 41/I-II vom 13/10/2015 42 Bollettino Ufficiale n. 41/I-II del 13/10/2015 / Amtsblatt Nr. 41/I-II vom 13/10/2015 42 101950 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2015 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art.

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. 9, Preambolo IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE Visto

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 INDICE: 1. FINALITA. 2. SOGGETTI AVENTI DIRITTO. 3. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA.

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE A FAVORE DI PAZIENTI ESTERNI

REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE A FAVORE DI PAZIENTI ESTERNI A.P.S.P. GIUDICARIE ESTERIORI Frazione Santa Croce nr. 41 38071 BLEGGIO SUPERIORE (TN) REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE

Dettagli

2.1 Il costo di riferimento per i servizi socio sanitari per disabili per il 2010 2.2 Il sistema di remunerazione

2.1 Il costo di riferimento per i servizi socio sanitari per disabili per il 2010 2.2 Il sistema di remunerazione Allegato 1 Sistema omogeneo di tariffa per i centri socio-riabilitativi residenziali per disabili accreditati transitoriamente o provvisoriamente per il periodo di validità dell accreditamento transitorio

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/7 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità la promozione

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Casa Laner

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Casa Laner Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Casa Laner Folgaria - Provincia Autonoma di Trento - Regolamento del Centro Diurno per Anziani Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 8

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI BASLCATA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATVA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

Allegato parte integrante DIRETTIVE RSA 2011 ALLEGATO 1) INDICE

Allegato parte integrante DIRETTIVE RSA 2011 ALLEGATO 1) INDICE Allegato parte integrante DIRETTIVE RSA 2011 ALLEGATO 1) INDICE PARTE PRIMA DIRETTIVE PER L ASSISTENZA SANITARIA E ASSISTENZIALE A RILIEVO SANITARIO NELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI PUBBLICHE E

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 01-09-2014 (punto N 3 ) Delibera N 724 del 01-09-2014 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2013 DISEGNO DI LEGGE 8 aprile 2013, n. 377 Disciplina del servizio di assistenza e consulenza psicologica in provincia di Trento. Modificazioni

Dettagli

DGR. n. 11496 del 17.3.2010

DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL' UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "CENTRO RICREATIVO DIURNO PER MINORI". ((PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA SALUTE

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA SALUTE D.A. n. 473/2016 DASOE SERVIZIO 8 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA SALUTE ********** Recepimento dell Accordo Stato - Regioni Rep. Atti n. 60/Csr del 25 marzo 2015 concernente Linee

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza CITTA di Regolamento Comunale per il funzionamento della CASA FAMIGLIA per disabili gravi adulti Dopo di noi. INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - OBIETTIVI ART. 3 - DESTINATARI ART. 4 - VALUTAZIONE PER AMMISSIBILITA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

Pag. 1 di 28 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-S128-00223

Pag. 1 di 28 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-S128-00223 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) INDICE PARTE PRIMA DIRETTIVE PER L ASSISTENZA SANITARIA E ASSISTENZIALE A RILIEVO SANITARIO NELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI PUBBLICHE E PRIVATE A SEDE TERRITORIALE

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA I disturbi dello spettro autistico rappresentano un disordine neuropsicologico complesso biologicamente

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE Ai sensi e per gli effetti: degli artt. 7 e 22 della L.R. 12.05.1995,

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana Allegato parte integrante Allegato 2 1. ATTIVITA SOCIO-ASSISTENZIALI DI LIVELLO LOCALE 1.1 Corrispettivi per i servizi di livello locale erogati nel 2012 Corrispettivo giornaliero o orario da applicare

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

) 21 38060 - NOMI (TN)

) 21 38060 - NOMI (TN) O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n.7 REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI Gennaio

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

QUESITI ATTUAZIONE DGR 2942 del 19/12/2014 06.03.2015

QUESITI ATTUAZIONE DGR 2942 del 19/12/2014 06.03.2015 QUESITI ATTUAZIONE DGR 2942 del 19/12/2014 06.03.2015 QUESITO RISPOSTA RISPOSTE AI QUESITI GENERALI E' possibile a seguito di rivalutazione modificare il Si certo livello di intensità e il voucher nel

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 9/21 DEL 10.3.2015

DELIBERAZIONE N. 9/21 DEL 10.3.2015 Oggetto: Disposizioni per il definitivo superamento degli Ospedali psichiatrici giudiziari in attuazione della legge n. 9/2012 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali.

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. (11A04974) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 619 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Concessione garanzia ai sensi dell'articolo 10 bis della legge provinciale 19 febbraio

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRUL VENEZA GULA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 546 del 13/12/2013

Deliberazione Giunta Regionale n. 546 del 13/12/2013 Deliberazione Giunta Regionale n. 546 del 13/12/2013 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 398 del 31/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 398 del 31/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 398 del 31/07/2012 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: NOMINA DEL DIRETTORE GENERALE DELLA AZIENDA

Dettagli

DGR. n. 11497 del 17.3.2010

DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL'UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI". (PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER L ESPRESSIONE

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 24 del 20/02/2014

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 24 del 20/02/2014 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 24 del 20/02/2014 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO ACCREDITAMENTO E PROGRAMMAZIONE SANITARIA 17 febbraio 2014, n. 26 Associazione Airone Onlus di Taranto

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI 1 Art. 1 - Finalità La finalità

Dettagli