1 PREMESSA DESCRIZIONE INTERVENTO... 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 PREMESSA DESCRIZIONE INTERVENTO... 2"

Transcript

1

2 INDICE 1 PREMESSA DESCRIZIONE INTERVENTO VERIFICA DI COMPATIBILITA ACUSTICA Inserimento dell area a ristrutturazione urbanistica RU.b Inserimento di aree di completamento residenziale Modifica di destinazione d uso area produttiva Ampliamento dell area insediamenti agricoli aggregati in frazione Borgonuovo Inserimento di un area antistante il cimitero Modifica di destinazione d uso di area inedificata in ambito produttivo in frazione Balbo CONCLUSIONI Verifica Compatibilità Acustica pagina 1

3 1 PREMESSA La relazione contiene specifiche tecniche (introduzione di previsioni normative e/o aggiustamenti progettuali) atte a dimostrare la congruità del Progetto Definitivo della Variante Strutturale al vigente PRGC del Comune di Osasio (approvato con DGR n del 3/12/2001) con il Piano di Classificazione Acustica Comunale vigente, approvato con Deliberazione consiliare n. 27 del e pubblicato sul BUR n. 42 del La presente relazione tiene contro delle modifiche apportate a seguito delle Osservazioni pervenute successivamente alla pubblicazione all'albo pretorio. Con riferimento alla L.R. 52/2000 e alle Linee guida per la Classificazione Acustica del territorio, la compatibilità del PiEsecutivo Convezionato è verificata a partire dal divieto di accostamento di classi non contigue dove non esistente già in fase di prima zonizzazione, nonché dalla compatibilità acustica della dimensione delle aree a destinazione variata. La presente relazione è redatta dall ing. Rosamaria Miraglino, riconosciuto tecnico competente in acustica ambientale ai sensi della Legge Quadro n. 447/95 con Determinazione Dirigenziale della Regione Piemonte n. 397 del DESCRIZIONE INTERVENTO Il Comune di Osasio ha approvato in data 17/07/2012, con Delibera del Consiglio Comunale n 17, il Documento Programmatico finalizzato alla redazione della Variante Strutturale secondo i disposti degli articoli 31bis e 31ter della Legge Regionale n 56/77 così come modificata dalla L.R. n 01/07. La Variante Strutturale in corso di formazione e approvazione si pone essenzialmente i seguenti obiettivi: Verifica e approfondimento del grado di pericolosità geomorfologica del territorio e adeguamento al PAI; Adeguamento alla normativa in materia di commercio al dettaglio su sede fissa; Messa in sicurezza della viabilità; Riqualificazione delle porte di ingresso al centro abitato; Riconversione di area produttiva inedificata in area agricola o verde privato; Soddisfacimento dell esigenza abitativa. Verifica Compatibilità Acustica pagina 2

4 In particolare il progetto definitivo di Variante al P.R.G.C prevede i seguenti interventi: Inserimento dell area a ristrutturazione urbanistica RU.b; Inserimento aree di completamento residenziale dalla n 17 alla n 25; Eliminazione di una parte dell'area produttiva nel concentrico; Ampliamento dell'area "insediamenti agricoli aggregati" nella frazione Borgonuovo; Inserimento di due rotatorie sulla SP formazione di area antistante il cimitero; Modifica alla viabilità in frazione Borgonuovo. DI seguito verranno analizzate puntualmente le modifiche e sara verificata la compatibilita acustica con il Piano di Classificazione Acustica vigente. L inserimento delle rotatorie non e oggetto di verifica di compatibilita acustica in quanto come previsto dalla Regione Piemonte e soggetta a specifiche norme. 3 VERIFICA DI COMPATIBILITA ACUSTICA L elaborato della Verifica di Compatibilità rispetto al Piano di Classificazione Acustica, deve essere redatto in conformità a quanto previsto dal punto 5 della D.G.R. 6 agosto 2001, n , Criteri per la classificazione acustica del territorio, e deve presentare: 1) Relazione descrittiva contentente: l analisi delle norme urbanistiche relative alle aree oggetto di verifica e l individuazione delle connessioni tra le definizioni delle destinazioni d uso del suolo e le classi acustiche del D.P.C.M. 14/11/1997; l elenco delle aree cui non è stato possibile assegnare univocamente una classe acustica durante la Fase I e la classe attribuita a ciascuna, l analisi derivante dalla Fase II, relativa alla fase di progetto per l area oggetto di verifica e allo stato di fatto per le aree ad essa limitrofe; gli accostamenti critici rimossi durante la fase di omogeneizzazione; la verifica del rispetto delle disposizioni di cui all Art. 6, comma 3 della L.R. 52/00 e del punto 6 dei criteri generali della D.G.R. 6 agosto 2001, n I Criteri per la classificazione acustica del territorio ; Verifica Compatibilità Acustica pagina 3

5 2) gli estratti cartografici del Piano di Classificazione Acustica vigente delle aree oggetto di verifica e delle aree ad esse confinanti nelle Fasi II, III e IV; 3) gli estratti cartografici rappresentanti l ipotesi di classificazione acustica delle aree oggetto di verifica e delle aree ad esse confinanti riferita alle Fase II, III e IV. Le norme urbanistiche ed acustiche a cui si fa riferimento per redarre la presente verifica di compatibilità acustica per il Piano Esecutivo Convenzionato in oggetto sono le seguenti: P.R.G.C. elaborato ai sensi del titolo III della L.U.R. 56/77 e s.m.i. ed approvato con D.G.R. n del 23/03/1981. Negli anni successivi il P.R.G.C. è stato oggetto delle seguenti varianti: prima variante normativa approvata con D.G.R. n del 16/12/1986; seconda variante approvata con D.G.R. n del 27/03/1990; terza variante approvata con D.G.R. n del 19/07/1993; quarta variante approvata dalla Regione Piemonte con D.G.R. n del 03/12/2001; variante parziale ai sensi dell articolo 17, comma 7, della L.R. 56/1977; delibera di adozione C.C. n 13 del 29/04/2002 e delibera di approvazione C.C. n 23 del 21/10/2002; rettifica ai sensi dell articolo 17 comma 8 e 9 della L.R. 56/1977; delibera di C.C. n 14 del 29/04/2002; rettifica ai sensi dell articolo 17 comma 8 e 9 della L.R. 56/1977, delibera di C.C. n 7 del 16/04/2003; variante parziale ai sensi dell articolo 17, comma 7, della L.R. 56/1977; delibera di adozione C.C. n 8 del 16/04/2003 e delibera di approvazione C.C. n 7 del 11/03/2004; variante strutturale parziale al P.R.G.C. ai sensi dell articolo 15 e 17 della L.R. 56/1977 adottata con deliberazioni n. 25 e 26 del 30/09/2004 e approvata con D.G.R. 5 giugno 2006 n ; variante parziale ex art. 17 comma 7 della L.R. 56/77 e s.m.i.; delibera di adozione C.C. n 21 del 2/08/2010 e delibera di approvazione C.C. n. 34 del 02/11/2010; variante parziale ex art. 17 comma 7 della L.R. 56/77 e s.m.i.; delibere di adozione C.C. n 40 del 27/11/2010 e n. 1 del 11/01/2011 e delibera di Verifica Compatibilità Acustica pagina 4

6 approvazione C.C. n. 12 del 25/03/2011. Piano di Classificazione Acustica elaborato ai sensi dell articolo 6 della Legge 447 del 26/10/95 e della L.R. 52 del 20 ottobre 2000 e adottato con deliberazione consiliare n. 27 del Durante questa fase si procede all elaborazione di una prima bozza di classificazione acustica del territorio a partire dall analisi delle aree normative del P.R.G.C. individuando una connessione diretta con le definizioni delle classi acustiche del D.P.C.M. 14/11/1997. Attraverso tale procedura si stabilisce una classe acustica (o un intervallo di classi) per le destinazioni d uso previste dal PEC. Nell analisi, così come previsto dai Criteri per la classificazione acustica del territorio emanati dalla Regione Piemonte, non viene considerata la presenza di infrastrutture dei trasporti in quanto soggette a specifiche norme. 3.1 Inserimento dell area a ristrutturazione urbanistica RU.b Il Progetto Definitivo di Variante al P.R.G.C. inserisce n 1 area di ristrutturazione urbanistica individuata in cartografia con apposito retino e con sigla RU.b. Il dimensionamento delle aree di ristrutturazione urbanistica risulta essere il seguente: Denominazione area Superficie (mq) RU.b Totali RU L'area di ristrutturazione urbanistica, individuata all'interno della vigente perimetrazione dell'area a capacità insediativa esaurita n 6, è contraddistinta da apposito retino e denominata RU.b. Nella figura seguente si riporta lo stralcio della Variante con l individuazione dell area. Verifica Compatibilità Acustica pagina 5

7 Figura 1 - Estratto della Variante Strutturale al P.R.G.C. con individuazione dell area RU.b Analisi delle norme urbanistiche e connessione con le classi acustiche (Fase II) Le destinazioni d'uso ammesse per l area Ru.b sono quelle residenziale, commerciale, turistico-ricettivo, direzionale, artigianato di servizio alla persona; in merito all'accessibilità dell'area, la Variante Strutturale al vigente P.R.G.C. propone la realizzazione di una nuova strada che disimpegni la parte meridionale del concentrico. Lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica del Comune di Osasio è riportato in figura seguente. Verifica Compatibilità Acustica pagina 6

8 Figura 2 Stralcio del Piano di Classificazione Acustica con individuazione dell area oggetto di Variante La nuova area oggetto di Variante è ascritta alla classe III Aree di tipo misto. La seguente Tabella 1 mostra la connessione individuata tra le destinazioni d uso previste con la corrispondente classificazione acustica per la Fase II. Tabella 1 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classi Acustiche Destinazione d uso Residenziale, commerciale, turisticoricettivo, direzionale, artigianato di servizio alla persona Classe Acustica II/III/IV L Ambito di intervento si inserisce in un tessuto già antropizzato e caratterizzato dalla presenza di insediamenti residenziali. Di seguito si riporta la corrispondenza tra le destinazioni d uso e la classe acustica corrispondente. Tabella 2 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classe Acustica Destinazione d uso Residenziale, commerciale, turisticoricettivo, direzionale, artigianato di servizio alla persona Classe Acustica III Verifica Compatibilità Acustica pagina 7

9 Omogeneizzazione delle aree (Fase III) Al fine di evitare un Piano di Classificazione Acustica eccessivamente parcellizzato e quindi non attuabile in pratica, si applica la procedura di omogeneizzazione definita all interno delle Linee Guida regionali. Attraverso tale criterio metodologico si procede ad uniformare la classe acustica delle aree a diversa destinazione d uso costituenti l isolato (unità territoriale minima di riferimento), applicando questo processo solo a quelle superfici che hanno una dimensione inferiore a m 2. Poiche le aree sono gia ascritte alla classe III non vi sono aree da omogeneizzare Di seguito si riporta lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica relativo alla fase III. Figura 3 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica FASE III Classificazione definitiva (Fase IV) La Fase IV prevede l inserimento di fasce cuscinetto di 50 m per evitare gli accostamenti critici tra le classi qualora non esistenti in fase di prima zonizzazione. Poiche le aree sono gia ascritte alla classe III non vi sono accostamenti critici da sanare. In figura seguente si riporta quindi la Proposta di Classificazione Acustica per l inserimento dell area Ru.b. Verifica Compatibilità Acustica pagina 8

10 Figura 4 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica. 3.2 Inserimento di aree di completamento residenziale. La Variante al P.R.G.C. inserisce n 9 nuove aree di completamento individuate in cartografia con i numeri dal 17 al 25. Il dimensionamento delle aree di completamento residenziale risulta essere il seguente: Denominazione area Superficie (mq) Aree di completamento inserite dalla Variante Strutturale N N N 19a N 19b N N N N N N Totali Verifica Compatibilità Acustica pagina 9

11 Nella figura seguente si riporta lo stralcio della Variante con l individuazione delle aree oggetto di Variante. Figura 5 - Estratto della Variante Strutturale al P.R.G.C. con individuazione delle aree di completamento residenziale. Analisi delle norme urbanistiche e connessione con le classi acustiche (Fase II) Le destinazioni d'uso ammesse per le aree individuate in figura precendete sono quelle residenziale, commerciale, turistico-ricettivo, direzionale, artigianato di servizio alla persona. Lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica del Comune di Osasio è riportato in figura seguente. Verifica Compatibilità Acustica pagina 10

12 Figura 6 Stralcio del Piano di Classificazione Acustica con individuazione dell area oggetto di Variante Le nuove aree oggetto di Variante sono cosi classificate: Area 17; Classe III - Aree di tipo misto e Classe IV (porzione di fascia cuscinetto) Aree ad intensa attivita umana Area 18; Classe II Aree prevalentemente residenziali Area 19a; Classe III - Aree di tipo misto Area 19b; Classe III - Aree di tipo misto Area 20; Classe III - Aree di tipo misto Area 21; Classe II Aree prevalentemente residenziali Area 22; Classe III - Aree di tipo misto Area 23; Classe III - Aree di tipo misto Area 24; Classe III - Aree di tipo misto` Area 25; Classe III - Aree di tipo misto` La seguente Tabella mostra la connessione individuata tra le destinazioni d uso previste con la corrispondente classificazione acustica per la Fase II. Tabella 3 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classi Acustiche Destinazione d uso Residenziale, commerciale, turisticoricettivo, direzionale, artigianato di servizio alla persona Classe Acustica II/III/IV Verifica Compatibilità Acustica pagina 11

13 Gli ambiti di intervento si inseriscono in ambiti gia antropizzati. Di seguito si riporta, per ogni area, la corrispondenza tra le destinazioni d uso e la classe acustica corrispondente. Tabella 4 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classe Acustica Destinazione d uso Area 17 Area 18 Area 19a Area 19b Area 20 Area 21 Area 22 Area 23 Area 24 Area 25 Classe Acustica III II III III III II III III III III Omogeneizzazione delle aree (Fase III) Al fine di evitare un Piano di Classificazione Acustica eccessivamente parcellizzato e quindi non attuabile in pratica, si applica la procedura di omogeneizzazione definita all interno delle Linee Guida regionali. Attraverso tale criterio metodologico si procede ad uniformare la classe acustica delle aree a diversa destinazione d uso costituenti l isolato (unità territoriale minima di riferimento), applicando questo processo solo a quelle superfici che hanno una dimensione inferiore a m 2. Viste le classificazioni acustiche attuali, le dimensioni delle aree e le destinazioni d uso previste non sono sono presenti aree da omogeneizzare. Di seguito si riporta lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica relativo alla fase III. Verifica Compatibilità Acustica pagina 12

14 Figura 7 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica FASE III Classificazione definitiva (Fase IV) La Fase IV prevede l inserimento di fasce cuscinetto di 50 m per evitare gli accostamenti critici tra le classi qualora non esistenti in fase di prima zonizzazione. Poiche le aree sono gia ascritte alla classe III non vi sono accostamenti critici da sanare. Figura 8 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica Verifica Compatibilità Acustica pagina 13

15 3.3 Modifica di destinazione d uso area produttiva La Variante prevede il cambio di destinazione d'uso di un'area inserita urbanisticamente nelle "aree per impianti produttivi di nuova costruzione". L area in questione ha una superficie territoriale pari a mq (di cui mq. 244 destinati a nuova viabilità) con un indice di copertura pari a 0,40 mq/mq di Superficie Territoriale per un totale di mq. 737,60 di superficie coperta. La Variante prevede il cambio di destinazione d'uso della parte di area non destinata alla viabilità (mq ) in "area privata a verde produttivo" e il mantenimento a viabilità della restante parte di area (mq. 244); Nella figura seguente si riporta lo stralcio della Variante con l individuazione dell area. Figura 9 - Estratto della Variante Strutturale al P.R.G.C. con individuazione dell area Analisi delle norme urbanistiche e connessione con le classi acustiche (Fase II) La destinazione ammessa per l area oggetto di Variante e Area privata a verde produttivo. Lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica del Comune di Osasio è riportata in figura seguente. Verifica Compatibilità Acustica pagina 14

16 Figura 10 Stralcio del Piano di Classificazione Acustica con individuazione dell area oggetto di Variante L area oggetto di Variante e ascritta alla classe V Area prevalentemente industriale. La seguente Tabella mostra la connessione individuata tra le destinazioni d uso previste con la corrispondente classificazione acustica per la Fase II. Tabella 5 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classi Acustiche Destinazione d uso Verde produttivo Classe Acustica III/IV/V L Ambito di intervento si inserisce in un tessuto già antropizzato e caratterizzato dalla presenza di insediamenti produttivi. Di seguito si riporta la corrispondenza tra le destinazioni d uso e la classe acustica corrispondente. Tabella 6 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classe Acustica Destinazione d uso Verde produttivo Classe Acustica III Omogeneizzazione delle aree (Fase III) Al fine di evitare un Piano di Classificazione Acustica eccessivamente parcellizzato e quindi non attuabile in pratica, si applica la procedura di omogeneizzazione definita all interno delle Linee Guida regionali. Attraverso tale criterio metodologico si procede ad uniformare la classe acustica delle aree a diversa destinazione d uso costituenti l isolato (unità territoriale minima di riferimento), applicando questo processo solo a quelle superfici che hanno una dimensione inferiore a m 2. Verifica Compatibilità Acustica pagina 15

17 L area oggetto di Variante ha dimensioni inferiori ai m 2 per cui la classe acustica dell area si uniforma a quelle delle aree circostanti ovvero la classe V. Di seguito si riporta lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica relativo alla fase III. Figura 11 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica FASE III Classificazione definitiva (Fase IV) La Fase IV prevede l inserimento di fasce cuscinetto di 50 m per evitare gli accostamenti critici tra le classi qualora non esistenti in fase di prima zonizzazione. Poiche l area e gia ascritta alla classe V non vi sono accostamenti critici da sanare. In figura seguente si riporta quindi la Proposta di Classificazione Acustica per la Variante in oggetto. Figura 12 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica. Verifica Compatibilità Acustica pagina 16

18 3.4 Ampliamento dell area insediamenti agricoli aggregati in frazione Borgonuovo La Variante prevede l ampliamento dell area insediamenti agricoli aggregati in frazione Borgonuovo. Nella figura seguente si riporta lo stralcio della Variante con l individuazione dell area. Figura 13 - Estratto della Variante Strutturale al P.R.G.C. con individuazione dell area Analisi delle norme urbanistiche e connessione con le classi acustiche (Fase II) La destinazione ammessa per l area oggetto di Variante e agricola. Lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica del Comune di Osasio è riportato in figura seguente. Verifica Compatibilità Acustica pagina 17

19 Figura 14 Stralcio del Piano di Classificazione Acustica con individuazione dell area oggetto di Variante L area oggetto di Variante e ascritta alla classe III Area di tipo misto. La seguente Tabella mostra la connessione individuata tra le destinazioni d uso previste con la corrispondente classificazione acustica per la Fase II. Tabella 7 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classi Acustiche Destinazione d uso Agricolo Classe Acustica III L Ambito di intervento si inserisce in un tessuto già antropizzato e caratterizzato dalla presenza di insediamenti agricoli aggregati. Di seguito si riporta la corrispondenza tra le destinazioni d uso e la classe acustica corrispondente. Tabella 8 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classe Acustica Destinazione d uso Agricolo Classe Acustica III Omogeneizzazione delle aree (Fase III) Al fine di evitare un Piano di Classificazione Acustica eccessivamente parcellizzato e quindi non attuabile in pratica, si applica la procedura di omogeneizzazione definita all interno delle Linee Guida regionali. Attraverso tale criterio metodologico si procede ad uniformare la classe acustica delle aree a diversa destinazione d uso costituenti l isolato (unità territoriale minima di riferimento), applicando questo processo solo a quelle superfici che hanno una dimensione inferiore a m 2. Verifica Compatibilità Acustica pagina 18

20 L area oggetto di Variante e gia ascritta alla classe III per cui non necessita di omogeneizzazione. Di seguito si riporta lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica relativo alla fase III. Figura 15 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica FASE III Classificazione definitiva (Fase IV) La Fase IV prevede l inserimento di fasce cuscinetto di 50 m per evitare gli accostamenti critici tra le classi qualora non esistenti in fase di prima zonizzazione. Poiche l area e gia ascritta alla classe III non vi sono accostamenti critici da sanare. In figura seguente si riporta quindi la Proposta di Classificazione Acustica per la Variante in oggetto. Figura 16 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica. Verifica Compatibilità Acustica pagina 19

21 3.5 Inserimento di un area antistante il cimitero La Variante prevede l inserimento di un area antistante il cimitero. Nella figura seguente si riporta lo stralcio della Variante con l individuazione dell area. Figura 17 - Estratto della Variante Strutturale al P.R.G.C. con individuazione dell area Analisi delle norme urbanistiche e connessione con le classi acustiche (Fase II) La destinazione ammessa per l area oggetto di Variante e agricola. Lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica del Comune di Osasio è riportato in figura seguente. Verifica Compatibilità Acustica pagina 20

22 Figura 18 Stralcio del Piano di Classificazione Acustica con individuazione dell area oggetto di Variante L area oggetto di Variante e ascritta alla classe II Aree prevalentemente residenziali. La seguente Tabella mostra la connessione individuata tra le destinazioni d uso previste con la corrispondente classificazione acustica per la Fase II. Tabella 9 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classi Acustiche Destinazione d uso Spazi pubblici a parco, gioco, sport Classe Acustica I/II/III L area e di pertinenza dell area cimiteriale; come previsto dalle linee guida della Regione Piemonte, le aree di pertinenza assumono la stessa classe dell area a cui sono ascritti. Di seguito si riporta la corrispondenza tra le destinazioni d uso e la classe acustica corrispondente. Tabella 10 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classe Acustica Destinazione d uso Spazi pubblici a parco, gioco, sport Classe Acustica II Omogeneizzazione delle aree (Fase III) Al fine di evitare un Piano di Classificazione Acustica eccessivamente parcellizzato e quindi non attuabile in pratica, si applica la procedura di omogeneizzazione definita all interno delle Linee Guida regionali. Attraverso tale criterio metodologico si procede ad uniformare la classe acustica delle aree a diversa destinazione d uso costituenti l isolato (unità territoriale Verifica Compatibilità Acustica pagina 21

23 minima di riferimento), applicando questo processo solo a quelle superfici che hanno una dimensione inferiore a m 2. L area oggetto di Variante e gia ascritta alla classe II per cui non necessita di omogeneizzazione. Di seguito si riporta lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica relativo alla fase III. Figura 19 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica FASE III Classificazione definitiva (Fase IV) La Fase IV prevede l inserimento di fasce cuscinetto di 50 m per evitare gli accostamenti critici tra le classi qualora non esistenti in fase di prima zonizzazione. Poiche l area e gia ascritta alla classe II non vi sono accostamenti critici da sanare. In figura seguente si riporta quindi la Proposta di Classificazione Acustica per la Variante in oggetto. Verifica Compatibilità Acustica pagina 22

24 Figura 20 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica. Verifica Compatibilità Acustica pagina 23

25 3.6 Modifica di destinazione d uso di area inedificata in ambito produttivo in frazione Balbo. La Variante prevede il cambio di destinazione d'uso di un'area inserita urbanisticamente nelle "aree per impianti produttivi di nuova costruzione" in prossimità della Frazione Balbo. L'area produttiva individuata dal vigente P.R.G.C. risulta ampia rispetto a quelle che sono le previsioni edificatorie dei prossimi anni; pertanto, su richiesta della Proprietà si prevede lo stralcio di un lotto posto al margine dell'area urbanistica. Nella figura seguente si riporta lo stralcio della Variante con l individuazione dell area. La Variante prevede il cambio di destinazione d'uso dell'intero lotto di proprietà (mq. 944) in area agricola. Figura 21 - Estratto della Variante Strutturale al P.R.G.C. con individuazione dell area Analisi delle norme urbanistiche e connessione con le classi acustiche (Fase II) Lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica del Comune di Osasio è riportato in figura seguente. Verifica Compatibilità Acustica pagina 24

26 Figura 22 Stralcio del Piano di Classificazione Acustica con individuazione dell area oggetto di Variante L area oggetto di Variante e ascritta alla classe IV Aree ad intensa attività umana. La seguente Tabella mostra la connessione individuata tra le destinazioni d uso previste con la corrispondente classificazione acustica per la Fase II. Tabella 11 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classi Acustiche Destinazione d uso Agricola Classe Acustica III/IV L area ricade nella fascia cuscinetto dell area produttiva per cui è ascritta alla classe IV; poiché nono è possibile ridurre l ampiezza della fascia cuscinetto l area deve essere ascritta alla classe IV. Di seguito si riporta la corrispondenza tra le destinazioni d uso e la classe acustica corrispondente. Tabella 12 Corrispondenze tra Destinazioni d uso e Classe Acustica Destinazione d uso Agricola Classe Acustica IV Omogeneizzazione delle aree (Fase III) Al fine di evitare un Piano di Classificazione Acustica eccessivamente parcellizzato e quindi non attuabile in pratica, si applica la procedura di omogeneizzazione definita all interno delle Linee Guida regionali. Attraverso tale criterio metodologico si procede ad uniformare la Verifica Compatibilità Acustica pagina 25

27 classe acustica delle aree a diversa destinazione d uso costituenti l isolato (unità territoriale minima di riferimento), applicando questo processo solo a quelle superfici che hanno una dimensione inferiore a m 2. L area oggetto di Variante e gia ascritta alla classe IV per cui non necessita di omogeneizzazione. Di seguito si riporta lo stralcio del Piano di Classificazione Acustica relativo alla fase III. Figura 23 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica FASE III Classificazione definitiva (Fase IV) La Fase IV prevede l inserimento di fasce cuscinetto di 50 m per evitare gli accostamenti critici tra le classi qualora non esistenti in fase di prima zonizzazione. Poiche l area e gia ascritta alla classe IV non vi sono accostamenti critici da sanare. In figura seguente si riporta quindi la Proposta di Classificazione Acustica per la Variante in oggetto. Verifica Compatibilità Acustica pagina 26

28 Figura 24 Stralcio della Proposta di Variante al Piano di Classificazione Acustica. Verifica Compatibilità Acustica pagina 27

29 4 CONCLUSIONI La Variante Strutturale al PRGC vigente del Comune di Osasio risulta compatibile con il Piano di Classificazione Acustica vigente. Verifica Compatibilità Acustica pagina 28

VARIANTE PARZIALE N. 288 AL P.R.G.

VARIANTE PARZIALE N. 288 AL P.R.G. VARIANTE PARZIALE N. 288 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.) Z.U.T. Ambito 2.6 LAGHETTI FALCHERA VERIFICA DI COMPATIBILITA ACUSTICA Ing. Rosamaria Miraglino Rev 0 4 aprile 2013 SOMMARIO

Dettagli

STUDIO ING. DAVIDE PAPI

STUDIO ING. DAVIDE PAPI STUDIO ING. DAVIDE PAPI Acustica & Vibrazioni Progettazione Ambientale VARIANTE AL P.R.G.C. IMMOBILE DI C.SO FRANCIA n. 45 VERIFICA DI COMPATIBILITA' ACUSTICA (Ai sensi dell'art. 10, c. 2 delle N.T.A.

Dettagli

La compatibilità acustica della variante rispetto alla. zonizzazione acustica

La compatibilità acustica della variante rispetto alla. zonizzazione acustica La compatibilità acustica della variante rispetto alla zonizzazione acustica PREMESSA Su incarico del Comune di Santo Stefano Belbo (CN) si procede di seguito ad analizzare la compatibilità della Variante

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE (ai sensi Dell art. 17 della L.R. n.56/77 e s.m.i. così come modificato dalla L.R.

VARIANTE STRUTTURALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE (ai sensi Dell art. 17 della L.R. n.56/77 e s.m.i. così come modificato dalla L.R. Regione Piemonte Provincia di Torino Comune di Ciconio VARIANTE STRUTTURALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE (ai sensi Dell art. 17 della L.R. n.56/77 e s.m.i. così come modificato dalla L.R. 3/2013)

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAREGGIA

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAREGGIA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAREGGIA revisione generale ai sensi dell'art.17-4 comma della L.R. 56/77 Proposta tecnica del progetto preliminare 5 Relazione di verifica di compatibilità

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI SAN PIETRO MOSEZZO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI SAN PIETRO MOSEZZO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI SAN PIETRO MOSEZZO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE AI SENSI DELLA L.R. N 52/2000 Oggetto: RELAZIONE PRELIMINARE DELLA VERIFICA DELLA COMPATIBILITÀ

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE n.3 al P.R.G.C.

VARIANTE STRUTTURALE n.3 al P.R.G.C. Regione Piemonte C.M. di Torino Comune di Bruino VARIANTE STRUTTURALE n.3 al P.R.G.C. Proposta Tecnica Progetto Preliminare Allegato: gennaio 2017 Progettazione: Dott. Stefano Roletti Baltea S Site via

Dettagli

Piano regolatore Generale comunale Variante PARZIALE N. 6 (ART. 17 COMMA 7 L.R. 56/77 E S.M.I.)

Piano regolatore Generale comunale Variante PARZIALE N. 6 (ART. 17 COMMA 7 L.R. 56/77 E S.M.I.) COMUNE DI VILLANOVA D ASTI PROVINCIA DI ASTI Piano regolatore Generale comunale Variante PARZIALE N. 6 (ART. 17 COMMA 7 L.R. 56/77 E S.M.I.) VERIFICA DI COMPATIBILITA CON la CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ING

Dettagli

COMUNE DI TORINO. VARIANTE n.260 AL P.R.G.C. IMMOBILE SITO IN PIAZZA CARLO FELICE 85 ANG. CORSO VITTORIO EMANUELE II (HOTEL NH LIGURE)

COMUNE DI TORINO. VARIANTE n.260 AL P.R.G.C. IMMOBILE SITO IN PIAZZA CARLO FELICE 85 ANG. CORSO VITTORIO EMANUELE II (HOTEL NH LIGURE) COMUNE DI TORINO VARIANTE n.260 AL P.R.G.C. IMMOBILE SITO IN PIAZZA CARLO FELICE 85 ANG. CORSO VITTORIO EMANUELE II (HOTEL NH LIGURE) VERIFICA DI COMPATIBILITÀ ACUSTICA AI SENSI DELLA LEGGE N. 447/95 E

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE N.17 al P.R.G. approvato con D.G.R. n del 22/10/2007

VARIANTE STRUTTURALE N.17 al P.R.G. approvato con D.G.R. n del 22/10/2007 Regione Piemonte C.M. di Torino Comune di Trofarello VARIANTE STRUTTURALE N.17 al P.R.G. approvato con D.G.R. n.26-7149 del 22/10/2007 Proposta Tecnica del Progetto Preliminare Allegato: marzo 2016 Progettazione:

Dettagli

VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA

VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA COMUNE DI BELVEGLIO PROVINCIA DI ASTI PROPOSTA DI VARIANTE URBANISTICA COMMA 4, ART. 17 BIS L.R. 56/77 s.m.i. VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA PROGETTISTI Ing. Giuseppe VILLERO

Dettagli

Progetto di nuova sottostazione elettrica, presentato dalla Società RFI S.p.A. ai sensi dell art. 81 del D.P.R. 24 luglio 1977, n.

Progetto di nuova sottostazione elettrica, presentato dalla Società RFI S.p.A. ai sensi dell art. 81 del D.P.R. 24 luglio 1977, n. PROVINCIA DI TORINO Settore Pianificazione Territoriale - Ambiente - Edilità Progetto di nuova sottostazione elettrica, presentato dalla Società RFI S.p.A. ai sensi dell art. 81 del D.P.R. 24 luglio 1977,

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE

PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE Regione Piemonte Provincia di Biella Comune di Ronco Biellese PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE PARZIALE Ai sensi dell art. 17 comma 5, L.R. n 56/77 ss.mm.ii. Progetto Preliminare Allegato:

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 3 AL PRGC

VARIANTE STRUTTURALE 3 AL PRGC Regione Piemonte Provincia di Vercelli Comune di Crescentino VARIANTE STRUTTURALE 3 AL PRGC Progetto Preliminare Allegato: luglio 2015 Progettazione: Dott. Stefano Roletti Baltea S Site via Carlo Alberto,

Dettagli

3^ VARIANTE NON STRUTTURALE AL P.R.G.C.

3^ VARIANTE NON STRUTTURALE AL P.R.G.C. Regione Piemonte Provincia di Torino Comune di Ozegna 3^ VARIANTE NON STRUTTURALE AL P.R.G.C. Progetto Preliminare Allegato: febbraio 2013 Progettazione: Dott. Riccardo Giovinetto Dott. Stefano Roletti

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA Assessorato all Urbanistica Ufficio del Piano

COMUNE DI PERUGIA Assessorato all Urbanistica Ufficio del Piano COMUNE DI PERUGIA Assessorato all Urbanistica Ufficio del Piano Piano di delocalizzazione ai sensi dei p.ti 2 e 7 dell allegato A della D.G.R. n. 447/2008 avente effetto di: Variante al PRG - parte operativa

Dettagli

ELABORATO A RELAZIONE ILLUSTRATIVA

ELABORATO A RELAZIONE ILLUSTRATIVA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI BASALUZZO VARIANTE PARZIALE N.2 AL P.R.G.C. VIGENTE Approvato con D.G.R. del 16/04/2012 n. 17-3689 PROGETTO PRELIMINARE art.17, comma 5, LEGGE REGIONALE

Dettagli

PARERE DI COMPATIBILITA DELLA VARIANTE PARZIALE AL P.R.G.C. DEL COMUNE DI CARESANABLOT. (Legge Regionale n. 56/77 e s.m.i.

PARERE DI COMPATIBILITA DELLA VARIANTE PARZIALE AL P.R.G.C. DEL COMUNE DI CARESANABLOT. (Legge Regionale n. 56/77 e s.m.i. Allegato sub. A) AREA TERRITORIO Pianificazione, S.U.A., V.I.A., V.A.S., Risorse Idriche, Attività produttive - Cave, Difesa del suolo AREA AMBIENTE Tutela Ambientale, Rifiuti, A.I.A., Bonifiche Servizio

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERBANIA COMUNE DI STRESA

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERBANIA COMUNE DI STRESA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERBANIA COMUNE DI STRESA Redatto da: Timbro e firma: Regione Cantarana, 17 28041 Arona (NO) Tel. Fax: 0322.47012 www.ecovema.com ufficio.tecnico@ecovema.com Dott. Alberto

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI SAN PIETRO MOSEZZO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI SAN PIETRO MOSEZZO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI SAN PIETRO MOSEZZO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE AI SENSI DELLA L.R. N 52/2000 Oggetto: VERIFICA DI COMPATIBILITA RELAZIONE DESCRITTIVA

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese Piano di zonizzazione acustica Relazione finale. 1. PREMESSA Pag. 3

Comune di Piobesi Torinese Piano di zonizzazione acustica Relazione finale. 1. PREMESSA Pag. 3 INDICE 1. PREMESSA Pag. 3 2. ANALISI DELLE OSSERVAZIONI PERVENUTE E VARIAZIONI APPORTATE ALLA PROPOSTA DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA Pag. 4 ALLEGATI Tavola 1: Classificazione acustica del territorio comunale

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO VARIANTE ALLA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA Adeguamento ai sensi della L.R. 15/2001 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Adottata con delibera di C.C. n del / / Approvata con delibera

Dettagli

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 1 Maggio 2013 I N D I C E (in rosso gli articoli e gli allegati variati o aggiunti) ART. 1 - DEFINIZIONE ED AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

VERIFICA DI COMPATIBILITA ACUSTICA INERENTE L AMBITO 3.1 MICHELIN STURA

VERIFICA DI COMPATIBILITA ACUSTICA INERENTE L AMBITO 3.1 MICHELIN STURA Soggetto proponente: S.p.A. Michelin Italiana Corso Romania, 546 Torino VERIFICA DI COMPATIBILITA ACUSTICA INERENTE L AMBITO 3.1 MICHELIN STURA Torino, 10 gennaio 2011 Relazione M1.10.REL.01/42092 Eurofins

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA PREMESSA o con Deliberazione di C.C. n 27 del 26/02/2007 è s tato adottato il progetto Preliminare della Revisione completa del P.R.G.C. redatto dall arch. Walter Dassetto con la

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Legge Regionale 5 /12/ 1977 n 56 e s.m.e i. Variante al P.R.G.C. ai sensi dell art. 17 comma 7

RELAZIONE TECNICA. Legge Regionale 5 /12/ 1977 n 56 e s.m.e i. Variante al P.R.G.C. ai sensi dell art. 17 comma 7 COMUNE DI BEINASCO Provincia di Torino Corso Cavour n. 3 - Tel. 011/39891 - Fax 011/3989385 urbanistica@comune.beinasco.to.it Servizio Edilizia Privata e Urbanistica Legge Regionale 5 /12/ 1977 n 56 e

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Cavallera:

A relazione del Vicepresidente Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU11 14/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 4 marzo 2013, n. 14-5460 L.R. 5.12.1977 n. 56 e successive modificazioni. Comune di VILLAFALLETTO (CN). Variante Generale al Piano

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PADOVA SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE AL P.R.G. PER LA RIDEFINIZIONE DEL SISTEMA DEI SERVIZI E DELLE NORME (REVOCA PARZIALE E NUOVA ADOZIONE PARZIALE) Allegato

Dettagli

CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA

CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA SERVIZI PER L EDILIZIA E L'URBANISTICA TERRITORIO E AMBIENTE EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA CERTIFICATI URBANISTICI ED EDILIZI CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA ( art. 30

Dettagli

COMUNE DI ALBUGNANO PROVINCIA DI ASTI

COMUNE DI ALBUGNANO PROVINCIA DI ASTI COMUNE DI ALBUGNANO PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE MODIFICA AL VIGENTE PRGI ai sensi del 12 c. dell art. 17 della L.R. N.56/77 e s.m.i. (AREA CIMITERALE) ELABORATO N. 1 RELAZIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE Oggetto: Perimetrazione del centro abitato ai sensi dell articolo 12 comma 2 num. 5bis della L.R. 56/77 e s.m.i.. - Nuova proposta 1 - Adozione. IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la

Dettagli

Comune di Monteriggioni Provincia di Siena Area Assetto del Territorio ed Attività Produttive

Comune di Monteriggioni Provincia di Siena Area Assetto del Territorio ed Attività Produttive All. lettera A) Comune di Monteriggioni Provincia di Siena Area Assetto del Territorio ed Attività Produttive RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (redatta ai sensi dell art. 18 della L.R. 10 novembre

Dettagli

VERIFICA DI COMPATIBILITÀ ACUSTICA AL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA

VERIFICA DI COMPATIBILITÀ ACUSTICA AL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA VERIFICA DI COMPATIBILITÀ ACUSTICA AL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA VARIANTE N. 247 AL PRG Redazione: 4 marzo 2011 Safety Technology & Management s.a.s. di Seren Tha Massimiliano & C. p.za Monastero,

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO CITTA' DI SAN MAURO TORINESE L.R. 5 DICEMBRE 1977 N.56 E S.M.I. PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GIUNTA REGIONALE 142-3494 DEL 18/O2/1986 VARIANTE

Dettagli

Area Territorio Pianificazione, S.U.A., V.I.A., V.A.S., Risorse Idriche, Attività produttive - Cave, Difesa del suolo

Area Territorio Pianificazione, S.U.A., V.I.A., V.A.S., Risorse Idriche, Attività produttive - Cave, Difesa del suolo Allegato sub. A) Area Territorio Pianificazione, S.U.A., V.I.A., V.A.S., Risorse Idriche, Attività produttive - Cave, Difesa del suolo Servizio Pianificazione Territoriale PARERE DI COMPATIBILITA DELLA

Dettagli

COMUNE DI CAMAGNA MONFERRATO (AL)

COMUNE DI CAMAGNA MONFERRATO (AL) PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERIFICA DI CONGRUITA DEI CONTENUTI DELLA VARIANTE AL P.R.G.C. VIGENTE CON IL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA REDATTO AI SENSI TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE Pagine

Dettagli

C O M U N E D I C A M B I A N O PRESA D ATTO D.G.R. 15 5069 REGIONE PIEMONTE ********************************************************************

C O M U N E D I C A M B I A N O PRESA D ATTO D.G.R. 15 5069 REGIONE PIEMONTE ******************************************************************** TISSONI DR. ALBERTO GEOLOGIA E GEOTECNICA TORINO, MARZO 2013 STUDIO E LABORATORIO: VIA CANOVA, 36-10126 TORINO Tel. 0116966718 C O M U N E D I C A M B I A N O LEGGE N 56 DEL 5/12/77 ART. 15-17 PROGETTO

Dettagli

Vice Direzione Generale Tecnici - Ambiente - Edil.Res.Pubbl. -Sport /126 Settore Ambiente e Territorio

Vice Direzione Generale Tecnici - Ambiente - Edil.Res.Pubbl. -Sport /126 Settore Ambiente e Territorio Vice Direzione Generale Tecnici - Ambiente - Edil.Res.Pubbl. -Sport 2011 43699/126 Settore Ambiente e Territorio CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 291 approvata il 20 ottobre 2011

Dettagli

COMUNE DI FORTE DEI MARMI

COMUNE DI FORTE DEI MARMI COMUNE DI FORTE DEI MARMI DISCIPLINA DELLA ALLEGATO 10 Disciplina della Distribuzione e localizzazione delle Funzioni ILLUSTRATIVA (ai sensi art. 109 LR 65/2014) settembre 2015 PREMESSA: La presente disciplina,

Dettagli

prova pratica Si richiede lo sviluppo grafico in scala 1:50 del Centro Uffici rappresentato nella pianta allegata.

prova pratica Si richiede lo sviluppo grafico in scala 1:50 del Centro Uffici rappresentato nella pianta allegata. Architetti Sez. B e TRACCIA 1 Si richiede lo sviluppo grafico in scala 1:50 del Centro Uffici rappresentato nella pianta allegata. Elaborati minimi richiesti: 1) Pianta in scala 1:50; 2) Sezioni trasversale

Dettagli

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 PARTICOM UNO SPA OMISSIS ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 L ambito comprende le aree per la riqualificazione e la reindustrializzazione dell insediamento ex Alfa

Dettagli

VARIANTE PARZIALE N. 216 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.)

VARIANTE PARZIALE N. 216 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.) DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA DIREZIONE URBANISTICA SETTORE TRASFORMAZIONI URBANE VIA MEUCCI N 4 VARIANTE PARZIALE N. 216 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.) TESTO COORDINATO

Dettagli

Relazione tecnica-illustrativa

Relazione tecnica-illustrativa Relazione tecnica-illustrativa Inquadramento territoriale: il PGT Vigente L attuale PGT Vigente prevede la realizzazione di un sistema di piste ciclopedonali facendo proprio lo studio BICIPLAN del Coordinamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA e DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA e DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TERZOLAS OGGETTO: PIANO ATTUATIVO RELATIVO ALLE P.F. 96/3, 96/4, 96/8, 96/10, 96/11 NEL COMUNE CATASTALE E AMMINISTRATIVO DI TERZOLAS. COMMITTENTE: Amministrazione

Dettagli

CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA

CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA SETTORE SERVIZI PER L EDILIZIA E L'URBANISTICA DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA CERTIFICATI URBANISTICI ED EDILIZI CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA

Dettagli

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO VARIANTE PARZIALE N 2 AL PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE APPROVATO DALLA REGIONE PIEMONTE CON DGR N 12-57 IN DATA 10.05.2010 INEREN TE ALLA RIORGANIZZAZIONE URBANISTICA

Dettagli

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005)

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005) COMUNE DI TRIUGGIO (MILANO) VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art. 25 - L.R. N. 12/2005) DOC. N 1 - DELIBERAZIONE DI ADOZIONE E APPROVAZIONE DOC. N 2 - AZZONAMENTO VIGENTE - INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Piano Regolatore Generale di Torino

Piano Regolatore Generale di Torino Piano Regolatore Generale di Torino Norme Urbanistico Edilizie di Attuazione Volume I Testo coordinato al 30 giugno 2006, integrato con le modifiche introdotte dalla variante n. 100 al P.R.G. adottata

Dettagli

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI MEZZOLOMBARDO

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI MEZZOLOMBARDO COMUNE DI MEZZOLOMBARDO PIANO REGOLATORE GENERALE 26 Art. 39 L.P. 4 agosto 25, n. 5 VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL RISCHIO PGUAP Prima Adozione Delibera del Consiglio Comunale n. di data Adozione Definitiva

Dettagli

COMUNE DI PINEROLO PROVINCIA DI TORINO SETTORE URBANISTICA. Vista la domanda presentata dal sig. in data e protocollata il al n. ;

COMUNE DI PINEROLO PROVINCIA DI TORINO SETTORE URBANISTICA. Vista la domanda presentata dal sig. in data e protocollata il al n. ; COMUNE DI PINEROLO PROVINCIA DI TORINO SETTORE URBANISTICA Vista la domanda presentata dal sig. in data e protocollata il al n. ; Visto il D.P.R. n. 380 del 6 giugno 2001; Visto il piano regolatore generale

Dettagli

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1 P T C P PROVINCIA DI FORLI'-CESENA VARIANTE SPECIFICA AL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE ai sensi dell'art27 bis LR20/2000 e ssmmii Approvato con delibera CP n68886/146 del 14/09/2006 Integrato

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Relaziona l Assessore all Urbanistica, Geom. Giancarlo VINCENTI il quale da lettura della propria relazione che propone per l allegazione; Alle ore 17,45 entra il consigliere comunale

Dettagli

L.R. n. 56/77 e successive modificazioni. Comune di VIGUZZOLO (AL). Variante Generale al Piano Regolatore Generale Comunale vigente. Approvazione.

L.R. n. 56/77 e successive modificazioni. Comune di VIGUZZOLO (AL). Variante Generale al Piano Regolatore Generale Comunale vigente. Approvazione. REGIONE PIEMONTE BU20 16/05/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 6 maggio 2013, n. 15-5752 L.R. n. 56/77 e successive modificazioni. Comune di VIGUZZOLO (AL). Variante Generale al Piano Regolatore

Dettagli

Classificazione acustica del Comune di Milano 23 Luglio 2013

Classificazione acustica del Comune di Milano 23 Luglio 2013 Classificazione acustica del Comune di Milano 23 Luglio 2013 Settore Politiche Ambientali Piano di Azzonamento Acustico Classifica il territorio in zone acustiche omogenee, assegnando ad ogni porzione

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA Provincia di Ancona VARIANTE AL PRG. TRASFORMAZIONI TERRITORIALI IN LOCALITÀ BRUGNETTO. (Area di compensazione idraulica e modifiche alla S.P. Corinaldese) ADOZIONE DEFINITIVA ADOZIONE

Dettagli

Città di Castano Primo ALLEGATO 1

Città di Castano Primo ALLEGATO 1 Città di Castano Primo Variante Piano delle Regole Nucleo di Antica Formazione RETTIFICA ERRORE MATERIALE ALLEGATO 1 Relazione Gennaio 2014 Città di Castano Primo Sindaco Franco Rudoni Assessorato all'urbanistica

Dettagli

D O G L I A N I NORME DI ATTUAZIONE

D O G L I A N I NORME DI ATTUAZIONE DOCUMENTO 8 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI D O G L I A N I PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE NORME DI ATTUAZIONE DATA: VARIANTE PARZIALE N.11 Adozione Progetto Preliminare: Delibera C.C.

Dettagli

COMUNE DI PIOVA' MASSAIA

COMUNE DI PIOVA' MASSAIA C o p i a COMUNE DI PIOVA' MASSAIA PROVINCIA DI ASTI OGGETTO: VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 3 23/03/2016 ADOZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE DELLA VARIANTE PARZIALE AL P.R.G.C. AI SENSI

Dettagli

Urbanistica in Sardegna

Urbanistica in Sardegna Urbanistica in Sardegna Legge Regionale 22 dicembre 1989, n. 45 Norme per l'uso e la tutela del territorio regionale Definisce gli strumenti e livelli della pianificazione territoriale a livello Regionale,

Dettagli

DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA. Settore Trasformazioni Convenzionate

DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA. Settore Trasformazioni Convenzionate DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Settore Trasformazioni Convenzionate PROVVEDIMENTO DI VARIAZIONE AL P.R.G. CORREZIONE ERRORI MATERIALI Ai sensi dell'art. 17, comma 8, lettera a), della L.U.R.

Dettagli

COMUNE DI PRATO SESIA Provincia di Novara

COMUNE DI PRATO SESIA Provincia di Novara COMUNE DI PRATO SESIA Provincia di Novara ORIGINALE COPIA DELIBERAZIONE N. 5 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Approvazione progetto di Piano Esecutivo Convenzionato Sig. Zanolo Piero

Dettagli

Pisani Studio di Ingegneria Acustica

Pisani Studio di Ingegneria Acustica SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. ELENCO E DESCRIZIONE DELLE AREE TERITTORIALI CHE HANNO SUBITO UNA VARIAZIONE DI DESTINAZIONE D USO DEL NUOVO PRGC INCOMPATIBILI CON LA ZONIZZAZIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N 7 OGGETTO: ADOZIONE, AI SENSI DELL ARTICOLO 13 DELLA LEGGE REGIONALE 11 MARZO 2005 N. 12 E S.M.I., DELLA VARIANTE DI AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DI FATTIBILITÀ DELLA COMPONENTE GEOLOGICA DI PIANO (PGT),

Dettagli

La proposta di adeguamento, in Accordo di Programma, della Terza modifica all Accordo di Programma, ai sensi dell art. 34 del D.Lgs n.

La proposta di adeguamento, in Accordo di Programma, della Terza modifica all Accordo di Programma, ai sensi dell art. 34 del D.Lgs n. La proposta di adeguamento, in Accordo di Programma, della Terza modifica all Accordo di Programma, ai sensi dell art. 34 del D.Lgs n. 267/2000, tra la Regione Piemonte e il Comune di per la realizzazione

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N.4 DEL

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N.4 DEL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N.4 Oggetto: Comune di Assemini Aggiornamento Studio compatibilità idraulica ai sensi dell art. 8 comma 2 delle Norme di Attuazione del P.A.I. - Recepimento cartografico

Dettagli

COMUNE DI BUTTIGLIERA ALTA PRGC PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE

COMUNE DI BUTTIGLIERA ALTA PRGC PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BUTTIGLIERA ALTA PRGC PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE SEMPLIFICATA IMPLUVIO MONTE CUNEO art. 19 dpr 327/2001 e art. 17 bis L.R. 56/1977 PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE IN MERITO ALLA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AGLI EFFETTI DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU).

RELAZIONE IN MERITO ALLA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AGLI EFFETTI DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU). Allegato alla deliberazione G.C. n 79 del 28/11/2012 RELAZIONE IN MERITO ALLA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AGLI EFFETTI DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU). Lo strumento urbanistico.

Dettagli

MODIFICAZIONE n 1 EX ART. 17, 12 comma, lett. c) L.R.P n 56 e s.m.i.

MODIFICAZIONE n 1 EX ART. 17, 12 comma, lett. c) L.R.P n 56 e s.m.i. CITTA DI ALBA RIPARTIZIONE URBANISTICA E TERRITORIO L.R.P. 05.12.1977 n. 56 e s.m.i. PIANO REGOLATORE GENERALE approvato con deliberazione della Giunta Regionale 30 maggio 2016, n. 30-3387 MODIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO PIANO DEGLI INTERVENTI. Variante n 4. Elaborato A

COMUNE DI ALBIGNASEGO PIANO DEGLI INTERVENTI. Variante n 4. Elaborato A PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI ALBIGNASEGO PIANO DEGLI INTERVENTI Variante n 4 ai sensi dell art. 7 della L.R. n 4/2015 Elaborato A RELAZIONE PROGRAMMATICA Novembre 2016 Il Progettista Arch. Lorenzo Griggio

Dettagli

1 Piano degli Interventi 2^ Fase

1 Piano degli Interventi 2^ Fase 1. PREMESSA Il Comune di Minerbe ha già intrapreso il percorso di rinnovo della propria strumentazione di governo del territorio, in conformità con la nuova legge urbanistica regionale, con l approvazione

Dettagli

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA CRITERI E VALUTAZIONE DELLE AREE FABBRICABILI, E DEI FABBRICATI IN RISTRUTTURAZIONE, AI FINI I.C.I. PER L ANNO 2009 La valutazione delle aree fabbricabili deve essere effettuata ai sensi dell art. 5 comma

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO GENNAIO 2009 AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO LOCALIZZAZIONE AREA STRADARIO DI ACQUI TERME Area con destinazione residenziale

Dettagli

COMUNE DI SALE VARIANTE AL PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE VARIANTE PARZIALE N. 2. Relazione tecnica descrittiva.

COMUNE DI SALE VARIANTE AL PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE VARIANTE PARZIALE N. 2. Relazione tecnica descrittiva. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI SALE VARIANTE AL PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE VARIANTE PARZIALE N. 2 Relazione tecnica descrittiva Marzo 2014 Il Responsabile

Dettagli

Con Delibera n. 41 del il Consiglio ha approvato le proposte di convenzione urbanistica nel numero di 16.

Con Delibera n. 41 del il Consiglio ha approvato le proposte di convenzione urbanistica nel numero di 16. PREMESSA Con Delibera consiliare n. 6 del 10.01.2008 è stato adottato il Piano di Assetto del Territorio Intercomunale (P.A.T.I.) denominato Terre di Pedemontana Vicentina, ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO ESTRATTO COMUNE DI PIANEZZA CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 56 OGGETTO: PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO (P.E.C.) IN ZONA DENOMINATA DAL P.R.G.C. VIGENTE "C

Dettagli

REGIONE PIEMONTE CITTÁ METROPOLITANA DI TORINO COMUNE DI BUROLO

REGIONE PIEMONTE CITTÁ METROPOLITANA DI TORINO COMUNE DI BUROLO REGIONE PIEMONTE CITTÁ METROPOLITANA DI TORINO COMUNE DI BUROLO RELAZIONE DI COMPATIBILITA' DEL P.R.G. 2013 IN PROGETTO PRELIMINARE CON IL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA VIGENTE Tecnico competente in

Dettagli

Piano Attuativo di Iniziativa Privata

Piano Attuativo di Iniziativa Privata Comune di Pisa Piano Attuativo di Iniziativa Privata Variante al Regolamento Urbanistico- Scheda Norma n. 06.1 Cisanello - area filtro verde - area agricola S. Michele - comparto 3 N o r m e T e c n i

Dettagli

Il Responsabile Servizio Edilizia Privata -SUAP

Il Responsabile Servizio Edilizia Privata -SUAP di Pesaro Determinazione Servizio Ufficio SUAP Determinazione n 585 del 06/04/2016 documento n. 682 Oggetto: APPROVAZIONE DEI VERBALI RELATIVI ALLE SEDUTE DELLA CONFERENZA DI SERVIZI PER AMPLIAMENTO AL

Dettagli

Deliberazione di C.C. n. 15 del

Deliberazione di C.C. n. 15 del Deliberazione di C.C. n. 15 del 13.02.2003 ALLEGATO A OGGETTO: MODIFICHE AL REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DEI «VALORI DI RIFERIMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE IN COMUNE COMMERCIO DELLE

Dettagli

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n. 19.11 Pian Saccoccia La manovra di recupero dei nuclei di edilizia ex abusiva L Amministrazione di Roma Capitale, fin dalla

Dettagli

COMUNE DI TREVISO. Variante n. 48 al P.R.G.

COMUNE DI TREVISO. Variante n. 48 al P.R.G. Variante n. 48 al P.R.G. ALLEGATO C Alla DCC n. del Adeguamento alle prescrizioni del Piano di Rischio Aeroportuale ADOZIONE CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 62/14/DCC DEL 30.9.2015 ESTRATTO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Indice ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART. 5 - ART. 6 - ART. 7 ART. 8- ART. 9- ART. 10- ART. 11 ART. 12 - ART. 13 - DISPOSIZIONI GENERALI ELABORATI DEL PIANO ESECUTIVO

Dettagli

N. del VARIANTI PARZIALI AL P.I. PER MODIFICHE AL PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI - TRIENNIO APPROVAZIONE.

N. del VARIANTI PARZIALI AL P.I. PER MODIFICHE AL PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI - TRIENNIO APPROVAZIONE. N. del OGGETTO: VARIANTI PARZIALI AL P.I. PER MODIFICHE AL PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI - TRIENNIO 2014-2016. APPROVAZIONE. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che il Comune di Castelfranco

Dettagli

ONLECO S.r.l. SocietÅ di ricerca applicata e consulenza Laureata nell Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino

ONLECO S.r.l. SocietÅ di ricerca applicata e consulenza Laureata nell Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino AttivitÄ di consulenza in campo acustico Verifica di assoggettabilitä a V.A.S. Relativo alla variante urbanistica AMBITO 8.18/1 Spina 2 PR.IN. Verifica di compatibilitä rispetto al Piano di Classificazione

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO Corso Indipendenza II Variante n. 5

PIANO PARTICOLAREGGIATO Corso Indipendenza II Variante n. 5 SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE PIANO PARTICOLAREGGIATO Corso Indipendenza II Variante n. 5 LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977 n. 56 art. 40 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CASALE MONFERRATO LI 12.09.2011

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DI VARIANTE RICHIESTA DI VARIANTE URBANISTICA. TISCO spa Via S. Gottardo 6 Villa Guardia

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DI VARIANTE RICHIESTA DI VARIANTE URBANISTICA. TISCO spa Via S. Gottardo 6 Villa Guardia 2016 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DI VARIANTE RICHIESTA DI VARIANTE URBANISTICA TISCO spa Via S. Gottardo 6 Villa Guardia Il Progettista: Dott. Ing. Paolo Terraneo 22063 Cantù (Co)- Via U. da Canturio n 22 Albo

Dettagli

Piano Regolatore Generale

Piano Regolatore Generale Comune di San Giuliano Terme Provincia di Pisa Piano Regolatore Generale Regolamento Urbanistico ADEGUAMENTO AL 31 DICEMBRE 2009 - Piano Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari dell Ente Variante al Regolamento

Dettagli

Allegato Osservazioni alla proposta di classificazione acustica del Comune di Salussola

Allegato Osservazioni alla proposta di classificazione acustica del Comune di Salussola Allegato 4.11 Osservazioni alla proposta di classificazione acustica del Comune di Salussola Giugno 2007 Osservazioni alla proposta di piano di classificazione acustica del comune. Osservazioni della Provincia

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA LOCALITA VICIOMAGGIO VIA DELL OLMO PIANO ATTUATIVO N. 163 PER LA REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO ABITATIVO PLURIFAMILIARE E CONTESTUALI OPERE DI SISTEMAZIONE ESTERNA NORME

Dettagli

RI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RI RELAZIONE ILLUSTRATIVA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LUSIGLIE' III VARIANTE PARZIALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE ai sensi dell' ex. art.17 comma 7 della L.R. 56/77 e s.m.i. (così come modificato dall'art.34,

Dettagli

DEFINIZIONI DI CENTRO ABITATO La perimetrazione del centro abitato del territorio comunale ha una doppia valenza in quanto:

DEFINIZIONI DI CENTRO ABITATO La perimetrazione del centro abitato del territorio comunale ha una doppia valenza in quanto: CODICE DELLA STRADA In data 28.09.2010, l Ufficio Mobilità del Comune di Campi Bisenzio ha evidenziato la necessità di procedere all adeguamento della perimetrazione dei centri abitati così come previsto

Dettagli

COMUNE DI BASTIGLIA PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI BASTIGLIA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI BASTIGLIA PROVINCIA DI MODENA VARIANTE ALLA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA COLLABORAZIONE Dott. Michela Malagoli Tecnico competente in acustica ambientale Comunicazione Provincia di Modena prot. n.

Dettagli

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ EDILIZIA FINALIZZATA AL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DEL PATRIMONIO EDILIZIO

Dettagli

Comune di Ferentillo

Comune di Ferentillo Comune di Ferentillo VARIANTE P.R.G. Comune di Ferentillo STUDIO GEOLOGICO RELAZIONE GEOLOGICA Soggetto realizzatore Data Dott. Geol. Luca Latella MARZO 2014 1 PREMESSA Su commissione del Comune di Ferentillo

Dettagli

COMUNE DI SEDICO. VARIANTE N. 64 Art. 50, 3 comma, della L.R n. 61. All. A. Novembre 2012

COMUNE DI SEDICO. VARIANTE N. 64 Art. 50, 3 comma, della L.R n. 61. All. A. Novembre 2012 COMUNE DI SEDICO P.R.G. VARIANTE N. 64 Art. 50, 3 comma, della L.R. 27.06.85 n. 61 Novembre 2012 Realizzo rotatoria in Sedico su incrocio S.S. 50 del Grappa e Passo Rolle con S.R. 203 Agordina All. A Relazione

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE IL SINDACO

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE IL SINDACO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE IL SINDACO Porta all approvazione del Consiglio Comunale la proposta di deliberazione avente per oggetto: PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

VARIANTE AL PRIMO PIANO DEGLI INTERVENTI

VARIANTE AL PRIMO PIANO DEGLI INTERVENTI VARIANTE AL PRIMO PIANO DEGLI INTERVENTI Documento Programmatico Preliminare (LR 11/2004 artt. 17 e 18) PREMESSA 2 IL RUOLO DEI PRIVATI 2 LA VARIANTE AL PI 3 Gli obiettivi della Variante 3 Gli ambiti di

Dettagli

Nuova lottizzazione residenziale - Comune di Cervia, Località Savio VALUTAZIONE PREVISIONALE DI CLIMA ACUSTICO D.G.R. N 673/2004

Nuova lottizzazione residenziale - Comune di Cervia, Località Savio VALUTAZIONE PREVISIONALE DI CLIMA ACUSTICO D.G.R. N 673/2004 COMMITTENTE: Comune di CERVIA PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PUBBLICA SU AREA DI PROPRIETA COMUNALE SITA IN LOCALITA SAVIO NEL COMUNE DI CERVIA VALUTAZIONE PREVISIONALE DI CLIMA ACUSTICO INTEGRAZIONE

Dettagli

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA N.: 0206/04 REVISIONE: 01 DATA: 18/01/2005 PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO RELAZIONE DESCRITTIVA RESPONSABILE DEL PROGETTO E TECNICO

Dettagli

COMUNE DI TREVIOLO. Provincia di Bergamo. Ambito di trasformazione residenziale denominato ATR3 ubicato in via Vincenzo Amato frazione Roncola

COMUNE DI TREVIOLO. Provincia di Bergamo. Ambito di trasformazione residenziale denominato ATR3 ubicato in via Vincenzo Amato frazione Roncola COMUNE DI TREVIOLO Provincia di Bergamo Oggetto: Ambito di trasformazione residenziale denominato ATR3 ubicato in via Vincenzo Amato frazione Roncola RELAZIONE MOTIVATA AI FINI DELL'ESCLUSIONE DALLA PROCEDURA

Dettagli