La gestione integrata dei servizi agli immobili: la Convenzione Consip Facility Management per immobili ad uso ufficio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione integrata dei servizi agli immobili: la Convenzione Consip Facility Management per immobili ad uso ufficio"

Transcript

1 La gestione integrata dei servizi agli immobili: la Convenzione Consip Facility Management per immobili ad uso ufficio

2 INTRODUZIONE ALL INIZIATIVA La Convenzione Facility Management Uffici ha per oggetto la fornitura dei servizi agli immobili, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni,. E indirizzata prevalentemente alle Pubbliche Amministrazioni caratterizzate da patrimoni immobiliari complessi e di grandi dimensioni ed ha come obiettivo principale quello di soddisfare in modo completo e personalizzato le esigenze delle Amministrazioni con la logica della gestione integrata dei servizi agli immobili. GESTIONE INTEGRATA La P.A. seleziona e stipula un contratto con un unico fornitore che è responsabile sia delle attività di governo che di quelle operative. LEGENDA Consulenza gestionale Servizi operativi Ente appaltante P.A. Fornitore unico Servizio 1 Servizio Servizio 2 2 Servizio Servizio n n PERCHE LA SCELTA DEL MODELLO FACILITY MANAGEMENT? VANTAGGI ORGANIZZATIVI L introduzione della gestione integrata consente di coordinare e programmare i servizi Danno Dalla gestione riparativa Chiamata Intervento La gestione per chiamata è sostituita da un approccio per manutenzione preventiva e annulla i tempi di attesa Programmazione interventi alla gestione programmata Manutenzione preventiva Dalla gestione della fornitura Ufficio responsabile gara Gestione contratti Le unità amministrative non gestiscono più le procedure di fornitura esterna ma si riqualificano nelle funzioni di controllo e di strategia Ufficio responsabile al controllo e alla strategia Supervisore/ Programmatore

3 Il valore annuo della domanda potenziale dei servizi oggetto dell iniziativa è stata stimata in funzione della superficie degli immobili adibiti ad ufficio in uso alle Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato e del prezzo unitario per l erogazione dei servizi in Convenzione. Il valore totale della spesa potenziale è stato analizzato in funzione dei seguenti elementi: disponibilità di un dato puntuale sulle superfici degli immobili destinati ad uso ufficio delle Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato riduzione del costo annuo unitario dei servizi in funzione dei ribassi ottenuti nella gara GS Uffici e del conseguente effetto benchmark sulle altre Amministrazioni Valore Fonte/ Modalità di domanda calcolo potenziale Superficie PA centrale e periferica (mq destinati ad uso ufficio) Prezzo annuo al mq per servizi di Facility Management Valore domanda potenziale (mln /anno) Stima domanda potenziale ,7 /mq IL FABBISOGNO DELLA PA Osservatorio Nazionale sul Facility Management Prezzo stimato in base ai ribassi medi del 16,4% della gara GS Uffici Milioni di euro Fabbisogno per categorie merceologiche Comparto Stato 52 % 5,5% Comparto Enti Locali mln Manutenzione Pulizia ed igiene Altri servizi Totale ambientale 1340 mln (61%) Comparto Regioni e Autonomi e Locali 866 mln (39%) Comparto Stato Il Il valore valore annuo annuo della della domanda domanda potenziale potenziale per per servizi servizi di di Facility Facility Management Management è è stimato stimato in in circa circa milioni milioni di di Euro/anno. Euro/anno. Per Per minimizzare minimizzare gli gli impatti impatti sul sul mercato mercato di di riferimento riferimento delle delle P.M.I., P.M.I., la la Consip Consip ha ha adottato adottato la la politica politica di di aggredire aggredire solo solo una una piccola piccola percentuale percentuale della della domanda domanda dei dei servizi servizi oggetto oggetto della della Convenzione Convenzione

4 La Convenzione Consip Facility Management Uffici succede in termini temporali alla Convenzione Global Service Uffici, prima coraggiosa ed innovativa iniziativa dedicata al tema della gestione dei servizi agli immobili pubblici nell ambito del Programma per la Razionalizzazione degli acquisti della Pubblica Amministrazione. LA Convenzione Global Service Uffici, attivata nel marzo del 2002 e della durata di 2 anni, ha conseguito risultati più che soddisfacenti in termini di: LA PRIMA ESPERIENZA : LA CONVENZIONE GLOBAL SERVICE UFFICI PARTECIPAZIONE ALLA GARA Alla gara hanno partecipato 20 RTI per un totale di circa 80 imprese CONTRATTI STIPULATI Gli Ordinativi Principali di Fornitura stipulati ammontano a N. RTI Concorrenti RTI partecipanti alla gara N. Lotti 22 Contratti stipulati 33 EROSIONE DEL MASSIMALE Il massimale della gara, pari a 723 Milioni di euro, è stato eroso per il 90% % 100% 80% Evasione dei massimali 44 Grado di di soddisfazione della P.A. (%) 17% 3%1% 2% 35% ottimo buono soddisfacente carente 44 SODDISFAZIONE DELLE P.A. 60% 121% 99% 98% 97% 40% 86% 90% Circa l 80% dei punti totalmente 61% 20% ordinanti si è dichiarato inadeguato complessivamente 0% 42% non applicabile Lotti soddisfatto del livello di servizio offerto dal fornitore Il Il ribasso medio conseguito rispetto ai ai prezzi posti a base d asta è stato pari a circa il il 16,4%

5 L OGGETTO DELL INIZIATIVA Nella Pubblica Amministrazione, come nel privato, la domanda di servizi agli immobili si è orientata verso la richiesta di un interlocutore unico per il coordinamento, la pianificazione degli interventi ed il governo di tutti i servizi. Impianti Pulizie Facchinaggio Servizi di governo, programmazione e coordinamento Reception Rifiuti Call center Anagrafica Giardinaggio Coordinaento e pianificazione Sistema informativo Servizi di gestione tecnica del patrimonio immobiliare Disinfestazione Il Facility Management è caratterizzato dalla presenza di una serie di servizi di governo, che ne formano il cuore e l elemento caratterizzante, destinati a governare e coordinare i veri e propri servizi di gestione del patrimonio immobiliare.

6 I SERVIZI IN CONVENZIONE La Convenzione FM Uffici comprende complessivamente 15 servizi manutentivi. L acquisto dei Servizi di Consulenza Gestionale è obbligatorio, ad eccezione del servizio di Gestione e coordinamento di servizi già in essere, il cui acquisto è facoltativo in relazione alla esigenze specifiche della Amministrazioni. MANUTENZIONE PROGRAMMATA PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE ALTRI SERVIZI SERVIZI DI CONSULENZA GESTIONALE SERVIZI DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA Impianto Elettrico Impianti Raffrescamento Impianti Riscaldamento Impianti Idrico-Sanitari Impianti Elevatori Impianti Antincendio Impianti di sicurezza e controllo accessi Reti SERVIZI DI CONSULENZA GESTIONALE Progettazione e gestione del Sistema Informativo per il governo dei servizi Costituzione e gestione dell anagrafica tecnica Gestione del Call Center Preventivazione attività e gestione ordini di intervento Preventivazione delle attività e gestione ordini di intervento Gestione e coordinamento di servizi già in essere SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE Pulizia Disinfestazione Raccolta e smaltimento rifiuti speciali Giardinaggio Reception Facchinaggio interno ALTRI SERVIZI Facchinaggio esterno/traslochi

7 Dal Global Service al Facility Management: Evoluzioni tecniche e strategiche (1/2) Nella Convenzione Facility Management sono state adottate alcune soluzioni volte al superamento delle criticità emerse nel corso della Convenzione Global Service Uffici. In particolare, per facilitare l utilizzo della Convenzione, sono state ridefinite: caratteristiche, modalità e sistemi di remunerazione dei Servizi di Consulenza gestionale caratteristiche, modalità e sistemi di remunerazione delle attività extra-canone gli strumenti a supporto per la gestione della Convenzione le procedure di controllo dei livelli e delle modalità di erogazione dei servizi. Infine, Per ridurre l impatto sul mondo della piccola e media Impresa sono stati inseriti dei parametri minimi di accesso. GLOBAL SERVICE FACILITY GLOBAL MANAGEMENT SERVICE Consulenza Gestionale Il Capitolato Tecnico di GS non definiva nel dettaglio le specifiche tecniche e le tempistiche di rilascio dei principali servizi di consulenza gestionale Nella Convenzione GS era difficile quantificare, in fase di subappalto, il valore dei servizi di consulenza gestionale rispetto agli altri servizi previsti, in quanto il costo dei primi era compreso nel costo degli altri Il Capitolato di FM definisce nel dettaglio le specifiche tecniche e le tempistiche di rilascio di ciascun servizio di consulenza gestionale Nella Convenzione FM, per i servizi di consulenza gestionale, sono stati definiti specifici prezzi e relativi driver di calcolo, oggetto di ribasso in sede di offerta economica Listini ed Extra canone Nella Convenzione GS non erano espressamente previste le specifiche tecniche per l attività di presidio fisso, nonché le indicazioni precise sulla determinazione del corrispettivo, determinando spesso un eccessiva onerosità del servizio Non era stato definito un corretto processo operativo per gli interventi extra-canone e sull uso dei relativi listini Il Capitolato FM stabilisce le regole per formalizzare tra le parti le modalità e condizioni di esecuzione delle attività del presidio fisso e le modalità di calcolo del corrispettivo ( /ore/uomo) È stato definito un processo operativo per gli interventi extra-canone con vincolo nell utilizzo dell Ordine di Intervento e di copertura finanziaria con importo a consumo, nonché una chiara regolamentazione nell utilizzo dei listini

8 Dal Global Service al Facility Management: Evoluzioni tecniche e strategiche (2/2) GLOBAL SERVICE FACILITY GLOBAL MANAGEMENT SERVICE Parametri di accesso Nella Convenzione GS, non essendo previsto alcun parametro minimo di accesso, era possibile ordinare anche un unico servizio vanificando l efficacia del modello e la convenienza economica della gestione dei servizi integrati. La Convenzione FM prevede un Ordinativo Minimo di Fornitura (1 Mln/4 anni) e un Set minimo di Servizi (3 servizi di cui 1 di manutenzione), che definiscono come target di utilizzo le PA con immobili ad alta funzionalità, di medio-grandi dimensioni e medio-alto livello di dotazione/complessità impiantistica. Nella Convenzione GS sono emerse alcune criticità: Nella Convenzione FM si è provveduto alla: Gestione Convenzione Necessità di semplificare e snellire il processo di gestione e utilizzo della Convenzione, sia da parte della PA che dei Fornitori. Sistema Informativo gestito direttamente dal Fornitore, con accesso limitato per la PA. Informatizzazione dei processi e alla riduzione dei documenti cartacei grazie all utilizzo del Sistema Informativo che sarà aggiornato da parte del Fornitore ma costantemente accessibile anche alla PA. Razionalizzazione del Capitolato tecnico per consentire una migliore comprensione e renderlo uno strumento di lavoro più snello. Procedure di controllo Un ulteriore evidenza emersa nella fase di gestione della Convenzione era relativa alla necessità di disporre di un più efficace modello di controllo del livello e delle modalità di erogazione dei servizi.. Il Sistema Informativo diventa per la PA uno strumento per una costante verifica delle attività svolte. È introdotto l utilizzo di metodi statistici per rilevare oggettivamente il livello di servizio erogato.

9 PARAMETRI MINIMI DI ACCESSO ALLA CONVENZIONE (2/2) Le Amministrazioni, possono personalizzare i servizi in base alle proprie esigenze, alle dimensioni ed alle peculiarità specifiche dei propri immobili. TIPOLOGIA TIPOLOGIA DI DI IMMOBILE IMMOBILE PERSONALIZZAZIONE DEI DEI SERVIZI SERVIZI La Convenzione offre alle PA, in base alle specifiche esigenze di ciascun immobile, e nel rispetto dell Ordinativo minimo di Fornitura, la possibilità di personalizzare la scelta dei servizi da attivare in termini di: tipologia dell attività; frequenza dell attività; localizzazione degli ambienti; livelli di servizio; tempi di attivazione non contestuali per i servizi da attivare indicati nel set minimo La personalizzazione investe anche i Servizi di Consulenza gestionale che saranno pertanto commisurati, sia nel grado di dettaglio, sia nel costo, alla tipologia del servizio da attivare. ORDINATIVO ORDINATIVO MINIMO MINIMO SET MINIMO DI SERVIZI CON ALMENO 1 MANUTENZIONE Impianti Impianti Elettrici Elettrici Pulizia Pulizia Reception Servizi di di Consulenza Gestionale Servizio Prezzi a supporto dei servizi manutentivi Valore Unità di misura Sistema Informativo Call Center Anagrafica Preventivazione attività Preventivazione attività Servizio di Manutenzione Impianti Elettrici Servizio di Reception Servizio di Pulizia Servizio di Manutenzione Impianti Elettrici Servizio di Reception Servizio di Pulizia Servizio di Manutenzione Impianti Elettrici Servizio di Reception Servizio di Pulizia Servizio di Manutenzione Impianto Elettrico Servizio di Reception Servizio di Pulizia /mq/anno % canone /mq/anno /mq/anno % canone /mq/anno Anagrafica Architettonica /mq/anno Anagrafica tecnica Impianti Elettrici /mq/anno % canone % canone % canone % canone % canone % canone

10 MODALITA DI REMUNERAZIONE I servizi in Convenzione sono remunerati a canone. Di seguito sono brevemente descritte le attività base, comprese nel canone, relative ai servizi di manutenzione e pulizia: CATEGORIA CATEGORIA SERVIZI SERVIZI TIPOLOGIA TIPOLOGIA DI DI SERVIZI SERVIZI ATTIVITÀ ATTIVITÀ COMPRESE COMPRESE NEL NEL CANONE CANONE SERVIZI DI MANUTENZIONE CONDUZIONE MANUTENZIONE PREVENTIVA E PROGRAMMATA La conduzione consiste nel sovrintendere al normale funzionamento degli impianti tecnologici provvedendo a tutte le regolazioni necessarie al fine di garantire i livelli prestazionali concordati. Manutenzione eseguita a intervalli predeterminati o in accordo a criteri prescrittivi, per ridurre la probabilità di guasto o la degradazione di un entità. MANUTENZIONE A GUASTO ( SOTTO FRANCHIGIA) Manutenzione eseguita a seguito di un avaria, entro una franchigia determinata, volta a riportare un entità nello stato in cui essa possa eseguire la funzione richiesta. SERVIZI DI PULIZIA PULIZIA GIORNALIERA PULIZIA PERIODICA Pulizia degli ambienti da effettuarsi una o più volte al giorno in relazione al tipo di operazioni e di ambienti, secondo le indicazioni riportate nel capitolato tecnico. Pulizia periodica degli ambienti da effettuarsi con cadenza settimanale, quindicinale, mensile, bimestrale, etc in relazione al tipo di operazioni e di ambienti, secondo le indicazioni riportate nel capitolato tecnico. Per incentivare la richiesta da parte delle Amministrazioni di più servizi in un ottica di gestione integrata degli stessi, è prevista la possibilità di beneficiare di uno sconto proporzionale al numero di servizi richiesti

11 Alla gara per la Convenzione di Facility Management hanno partecipato complessivamente 14 diversi concorrenti (13 RTI e 1 Società Consortile) per un totale di 203 Imprese (in media 4 Raggruppamenti Temporanei d Impresa per lotto). Hanno presentato offerte tutte le principali imprese che erogano Servizi Integrati nel settore del Facility Management, associate in raggruppamenti anche con piccole e medie imprese leader di specifici settori merceologici (pulizie, manutenzioni, altri servizi). LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA FACILITY MANAGEMENT UFFICI RTI PARTECIPANTI PER LOTTO PARTECIPANTI ALLA GARA FM UFFICI PER SETTORE DI APPARTENENZA 10 N. Imprese partecipanti N. RTI Concorrenti N. Lotti Servizi Integrati Manutenzione Pulizia ed igiene ambientale Altro 203 Totale Gran parte degli RTI partecipanti alla gara hanno presentato offerta su una pluralità di lotti. Solo tre RTI hanno presentato offerta su un unico lotto Le tipologie di imprese che hanno partecipato alla gara rispecchiano l attuale struttura del mercato dell offerta (sia per numerosità che per dimensione). Ciò riflette l orientamento dell iniziativa di rivolgersi verso un particolare segmento dell offerta preservando il business delle PMI

12 GLI AGGIUDICATARI DELLA GARA LOTTI MANDATARIA RTI Pirelli & C. Real Estate Facility Management S.p.A MANDANTI RTI CO.L.SER Servizi Soc. Coop. a.r.l. L'Operosa Società Cooperativa a.r.l. Palmar S.p.A, MA. CA. Srl LOTTO 2 Lombardia. 55 milioni LOTTO 3 Trentino A.A., Friuli V.G., Veneto. 60 milioni 2-4 SIRAM S.p.A STI S.p.A. GE.FI. Fiduciaria Romana S.p.A. CNS - Consorzio Nazionale Servizi Soc. Coop. Consorzio Stabile Miles Servizi Integrati Prima Vera S.r.l. Ingegneria Biomedica Santa Lucia S.p.A. EnerSJ S.r.l. LOTTO 1 Piemonte, Valle d Aosta. 49,5 milioni LOTTO 5 Toscana, Umbria LOTTO 4 Emilia Romagna, Liguria. 79,5 milioni LOTTO 6 Abruzzo, Marche. 45,5 milioni 5-6 Manutencoop Facility Management S.p.A. 7 CIDS S.p.A Romeo Gestioni S.p.A. S.N.A.M. Lazio Sud S.r.l. Società Nazionale Appalti Manutenzioni Impresa Pulizie e Sanificazione Salus S.r.l. Nuova Ciemme S.p.A. Ecosfera S.p.A. Mariani Petroli S.r.l. Eis S.p.A. Consorzio Alma Consorzio Romeo Facility Services LOTTO 7 Lazio (escluso Comune Roma), Sardegna. 44,5 milioni. 46 milioni LOTTO 8 I Municipio Comune Roma. 50,5 milioni LOTTO 9 Comune Roma (escluso I Municipio). 95 milioni LOTTO 11 Molise, Puglia. 44 milioni LOTTO 10 Campania, Basilicata. 80,5 milioni LOTTO 12 Sicilia, Calabria. 70 milioni

13 RISULTATI ATTESI/CONSEGUITI (1/2) La Convenzione FM Uffici, a nove mesi di distanza dalla sua attivazione, e quindi a metà della sua durata, ha ottenuto risultati più che soddisfacenti rispetto alle attese in termini di: 1 RISPARMIO E RAZIONALIZZAZIONE DEI COSTI PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI in virtù dei seguenti parametri: Elevata Partecipazione all iniziativa Più del 50% delle adesioni è pervenuto da nuovi Punti Ordinanti che non avevano aderito alla Convenzione GS Uffici NPO 57% DETTAGLIO ORDINI VPO 43% VPO NPO Numero di Ordini stipulati Il numero degli Ordinativi Principali di Fornitura ad oggi stipulati è pari a RPF di cui RPF-PDI-OPF 597 PDI di cui 323 OPF n Valore economico degli Ordini n Il valore degli Ordini ad oggi stipulati ammonta a 451 Milioni di Euro, pari a circa il 63% del massimale complessivo di gara DETTAGLIO VALORE 681 Mln PDI di cui 451 Mln OPF L interesse crescente verso le Convenzioni Consip che offrono servizi integrati agli immobili ha consentito di conseguire un risparmio (%) medio pesato per tutti i lotti rispetto al prezzo medio complessivo di mercato della PA rilevato del 29% ca., superando ampiamente le aspettative ipotizzate che si attestavano su un valore medio del 15%.

14 RISULTATI ATTESI/CONSEGUITI (2/2) 2 INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI QUALITA attraverso una valutazione puntuale dei servizi erogati dal Fornitore, grazie al Livello del Servizio costituito dal prodotto tra: IP INDICATORE GLOBALE DI DI PRESTAZIONE Misura il livello di prestazioni effettivamente erogate e delle modalità di lavoro Misura il livello di soddisfazione manifestato dagli utenti La misurazione delle prestazioni ed il calcolo degli indicatori sono effettuati con il supporto del sistema informativo IS X = LS INDICATORE DI DI SODDISFAZIONE LS LIVELLO DI DI SERVIZIO Confronto con livello obiettivo (compreso tra 0,75 e 1) 1) per la la determina zione di di eventuali penali LSo LIVELLO DI DI SERVIZIO OBIETTIVO 3 VALORIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI attraverso l esecuzione di interventi di manutenzione preventiva L utilizzo di adeguate competenze tecniche ed il ricorso ad una manutenzione costante comporta riscontri tangibili in termini di valore degli immobili di proprietà della Pubblica Amministrazione 4 VANTAGGI PER GLI UTENTI DEI BENI attraverso la programmazione delle attività L esecuzione di una corretta e regolare manutenzione programmata riduce al massimo il ricorso alle emergenze limitando le interferenze con il regolare svolgimento delle attività esercitate nei pubblici edifici

15 L EVOLUZIONE DELL INIZIATIVA (1/2) I diversi scenari di riferimento normativo e le dinamiche del mercato della domanda e dell offerta hanno indirizzato l evoluzione dell iniziativa sui servizi di Facility Management per immobili a destinazione d uso uffici Evoluzione dell iniziativa Evoluzione dell iniziativa Regime normativo Regime normativo Evoluzione dell iniziativa Innovazione GLOBAL SERVICE Perfezionamento FACILITY MANAGEMENT Continuità FACILITY MANAGEMENT 2 Periodo attivazione Convenzione LF 2008: obbligo di pianificazione e programmazione tecnico-finanziaria mediante piani triennali per gli immobili in uso alla PA; regime facoltativo per la Convenzione Facility Management; obbligo di utilizzo per gli Enti Locali dei parametri di prezzo-qualità negli acquisti di servizi LF 2007 (L. 296/2006): regime facoltativo per la Convenzione Facility Management obbligo utilizzo MEPA per acquisti sotto soglia (dal 1/7/2007) LF 2004 (L.350/2003 e s.m.i): Eliminazione principio di obbligatorietà delle Convenzioni; obbligo di utilizzo dei parametri di prezzo-qualità LF 2002 (L.448/2001): Obbligo di utilizzo per gli Enti Locali dei parametri di prezzo-qualità; Obbligo di adesione alle Convenzioni per gli Enti pubblici e privati interamente partecipati dallo Stato LF 2000 (L.488/1999): Obbligo di adesione alle Convenzioni per le PP.AA. Centrali e periferiche 2002/ /

16 L EVOLUZIONE DELL INIZIATIVA (2/2) La seconda edizione della gara Facility Management Uffici, pubblicata a febbraio 2008, ha introdotto, a corredo dei Servizi di Consulenza gestionale già esistenti, dei nuovi servizi di Governo mirati a fornire supporto decisionale alle Amministrazioni che recepiscono l esigenza introdotta dalla Legge Finanziaria 2008 di programmazione tecnico-economica del sistema immobile mediante piani triennali. SERVIZI DI PIANIFICAZIONE ED OTTIMIZZAZIONE Nuovi Servizi di Governo PIANIFICAZIONE TRIENNALE PER LA LA RAZIONALIZZAZIONE DEI SERVIZI AGLI IMMOBILI OTTIMIZZAZIONE DEI SERVIZI OPERATIVI EROGATI GESTIONE ED ED OTTIMIZZAZIONE UTENZE Ha l obiettivo di fornire alle Amministrazioni il piano delle possibili misure di razionalizzazione dei servizi agli immobili, necessarie e/o opportune per ottenere benefici funzionali nell utilizzo di immobili ed impianti, e di conseguire una possibile riduzione dei costi di esercizio Ha l obiettivo di predisporre un progetto di ottimizzazione dei servizi erogati ovvero di individuare una nuova configurazione e/o diverse modalità operative di erogazione che, a parità di contenuti prestazionali, consenta di ottenere concrete riduzioni dei costi previsti Ha l obiettivo di acquisire e gestire le informazioni relative alle utenze idriche, elettriche, telefoniche, del gas, etc., e contemporaneamente di effettuare uno studio di fattibilità per la ricerca di possibili migliorie I prossimi passi nel percorso evolutivo, che si concretizzeranno nella terza edizione del FM Uffici, saranno volti all individuazione di strumenti che favoriscano una maggiore integrazione delle facilities ed un più efficace controllo della qualità dei servizi erogati.

CONSIP FM3 LOTTO 6 MARCHE E ABRUZZO

CONSIP FM3 LOTTO 6 MARCHE E ABRUZZO CONSIP FM3 LOTTO 6 MARCHE E ABRUZZO ABSTRACT Febbraio 2013 1 SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT PER IMMOBILI, ADIBITI PREVALENTEMENTE AD USO UFFICIO, IN USO A QUALSIASI TITOLO ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO N 119 TIPO DI DOCUMENTO: CAPITOLATO TITOLO: Gara per la fornitura del servizio di gestione integrata (Global Service) degli immobili in uso SOTTOTITOLO: DATI CAPITOLATO TECNICO:

Dettagli

CONVENZIONE CONSIP FACILITY MANAGEMENT 3 CATEGORIE DI SERVIZI

CONVENZIONE CONSIP FACILITY MANAGEMENT 3 CATEGORIE DI SERVIZI CONVENZIONE CONSIP FACILITY CATEGORIE DI SERVIZI I oggetto dell appalto sono classificati nelle seguenti macro categorie e categorie di servizio così suddivise: Macro Categoria Categoria previsti dalla

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Servizi di Facility Management per gli immobili in uso alle Pubbliche Amministrazioni adibiti prevalentemente ad uso ufficio

Servizi di Facility Management per gli immobili in uso alle Pubbliche Amministrazioni adibiti prevalentemente ad uso ufficio 1 Facility Management per gli immobili in uso alle Pubbliche Amministrazioni abiti prevalentemente ad uso ufficio Convenzione Consip Lotto 3 2 Ince Premessa................... pag. 03 Il Raggruppamento

Dettagli

Un modello di governance applicato al patrimonio immobiliare della P.A. nell ambito delle Convenzioni CONSIP

Un modello di governance applicato al patrimonio immobiliare della P.A. nell ambito delle Convenzioni CONSIP Un modello di governance applicato al patrimonio immobiliare della P.A. nell ambito delle Convenzioni CONSIP Roberto Di Napoli, Direttore Operativo, Romeo Gestioni Presentazione della Consip S.p.A. Consip

Dettagli

Promuovere l efficienza energetica

Promuovere l efficienza energetica Promuovere l efficienza energetica Consip e le iniziative Servizio Integrato Energia e Servizio Luce Cagliari, 05/11/2015 2 L area «Energia e Utility» di Consip ha l obiettivo di promuovere l efficientamento

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

ALLEGATO A - CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A - CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A - CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT PER IMMOBILI, ADIBITI PREVALENTEMENTE AD USO UFFICIO, IN USO A QUALSIASI TITOLO ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO Multiservizio tecnologico per le strutture sanitarie della Regione Lazio Il presente caso studio riguarda l affidamento,

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 il mercato elettronico della p.a. cosa è Il Mercato Elettronico della P.A. è un mercato

Dettagli

ALLEGATO 5 - CAPITOLATO TECNICO GARA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT PER IMMOBILI IN USO A

ALLEGATO 5 - CAPITOLATO TECNICO GARA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT PER IMMOBILI IN USO A ALLEGATO 5 - CAPITOLATO TECNICO GARA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT PER IMMOBILI IN USO A QUALSIASI TITOLO ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ADIBITI PREVALENTEMENTE AD USO UFFICIO Allegato

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 9 dicembre 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A.

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Premessa La spesa per consumi intermedi costituisce una parte rilevante delle uscite

Dettagli

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE n. 1458 del 29/12/2015

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE n. 1458 del 29/12/2015 Servizio Sanitario Nazionale Regione dell'umbria AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE UMBRIA 1 Sede Legale Provvisioria: Via Guerra 21 Perugia Codice Fiscale e Partita IVA 03301860544 DELIBERA DEL DIRETTORE

Dettagli

Indirizzo postale: Via Isonzo 19/E Città: Roma Codice postale: 00198. Posta elettronica: Fax: +39.06.85.449.288

Indirizzo postale: Via Isonzo 19/E Città: Roma Codice postale: 00198. Posta elettronica: Fax: +39.06.85.449.288 UNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo (352) 29 29 42 670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info e formulari on-line:

Dettagli

RELAZIONE SUI RISPARMI DI SPESA 2013 CONSEGUENTI ALL ADESIONE A CONVENZIONI CONSIP E A CONVENZIONI STIPULATE DA ALTRE CENTRALI DI COMMITTENZA

RELAZIONE SUI RISPARMI DI SPESA 2013 CONSEGUENTI ALL ADESIONE A CONVENZIONI CONSIP E A CONVENZIONI STIPULATE DA ALTRE CENTRALI DI COMMITTENZA RELAZIONE SUI RISPARMI DI SPESA 2013 CONSEGUENTI ALL ADESIONE A CONVENZIONI CONSIP E A CONVENZIONI STIPULATE DA ALTRE CENTRALI DI COMMITTENZA Rilevazione per l anno 2013 Dalla rilevazione effettuata per

Dettagli

Esercizio delle funzioni di sorveglianza e controllo in materia di acquisto di beni e servizi

Esercizio delle funzioni di sorveglianza e controllo in materia di acquisto di beni e servizi Esercizio delle funzioni di sorveglianza e controllo in materia di acquisto di beni e servizi (art. 26, comma 4, L. n. 488/99 Legge Finanziaria 2000 e successive modificazioni e integrazioni) RELAZIONE

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Consip ed il programma di razionalizzazione della spesa della PA: l'approccio al mercato energetico

Consip ed il programma di razionalizzazione della spesa della PA: l'approccio al mercato energetico Concessiona Programma per la razionalizzazione della spesa della Pubblica Amministrazione per beni e servizi MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Consip ed il programma di razionalizzazione della spesa

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 14 marzo 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

Consip SIE 3. Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3. Servizio Integrato Energia

Consip SIE 3. Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3. Servizio Integrato Energia Consip SIE 3 Servizio Integrato Energia per le Pubbliche Amministrazioni Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3 La Pubblica Amministrazione è attualmente impegnata

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Efficienza energetica: opportunità e casi di eccellenza. Il ruolo della CONSIP per la promozione dell efficienza energetica.

Efficienza energetica: opportunità e casi di eccellenza. Il ruolo della CONSIP per la promozione dell efficienza energetica. Efficienza energetica: opportunità e casi di eccellenza. Il ruolo della CONSIP per la promozione dell efficienza energetica Giorgio Gangemi Napoli, 23 marzo 2012 Missione e attività Consip è una Società

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

ARPAT. Decreto del Direttore Generale n del. Oggetto: Direzione - Area Patrimonio Ufficio Tecnico e provveditorato - Adesione alla

ARPAT. Decreto del Direttore Generale n del. Oggetto: Direzione - Area Patrimonio Ufficio Tecnico e provveditorato - Adesione alla Decreto del Direttore Generale n del ( 2LIÀ4 A ARPAT Vista la L.R. 22 giugno 2009 no 30 avente per oggetto Nuova disciplina dell Agenzia regionale per nominato Direttore Generale dell Agenzia Regionale

Dettagli

Nuove frontiere del risparmio: Punti Luce a Canone per le città

Nuove frontiere del risparmio: Punti Luce a Canone per le città Nuove frontiere del risparmio: Punti Luce a Canone per le città Pierpaolo Agostini Promozione Amministrazioni Territoriali Centro Sud Sassari, 25 Settembre 2009 Consip Missione e attività Consip è una

Dettagli

IL MERCATO PUBBLICO DEI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT NEL LAZIO NEL 2013

IL MERCATO PUBBLICO DEI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT NEL LAZIO NEL 2013 IL MERCATO PUBBLICO DEI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT NEL LAZIO NEL 2013 Presentazione convegno "Competitività e innovazione delle PMI: nuove opportunità per crescere nel settore del Facility Management"

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE A7 - CULTURA E POLITICHE GIOVANILI --- TEATRO Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 808 del 06/11/2013 Registro del Settore N. 89 del 05/11/2013 Oggetto: SERVIZI DI FACCHINAGGIO OCCORRENTI

Dettagli

Appalti per i Servizi di Gestione Integrata dell energia negli Enti Pubblici e di Illuminazione Pubblica

Appalti per i Servizi di Gestione Integrata dell energia negli Enti Pubblici e di Illuminazione Pubblica Appalti per i Servizi di Gestione Integrata dell energia negli Enti Pubblici e di Illuminazione Pubblica Case Study Consip: Il Servizio Integrato Energia 3 Contenuti Introduzione Evoluzione del Servizio

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 3703 del 2011 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Convenzione per

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE VIABILITA TRASPORTI L esperienza di Global Service per la gestione integrata e la

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE VIABILITA TRASPORTI L esperienza di Global Service per la gestione integrata e la PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE VIABILITA TRASPORTI L esperienza di Global Service per la gestione integrata e la manutenzione 1 Caratteristiche tipologiche e quali quantitative del patrimonio «PREMIO

Dettagli

ex LSU/ATA: dai 4 Consorzi alla Gara CONSIP

ex LSU/ATA: dai 4 Consorzi alla Gara CONSIP 1 In questo primo vademecum cercheremo di chiarire e semplificare alcuni passaggi contenuti nella Gara CONSIP bandita dal Ministero dell Economia e dal Ministero dell Istruzione in merito al servizio di

Dettagli

IMMOBILIARE. Aree Immobiliari

IMMOBILIARE. Aree Immobiliari IMMOBILIARE Aree Immobiliari RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il nuovo modello organizzativo della funzione : le logiche Il processo Le Aree Immobiliari Il nuovo assetto: confluenze

Dettagli

Relazione ex art. 26, comma 4 L. 488/99 Anno 2013

Relazione ex art. 26, comma 4 L. 488/99 Anno 2013 Relazione ex art. 26, comma 4 L. 488/99 Anno 2013 Il Segretario generale Dott.ssa Cristina Martelli 1 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della L. 488/1999 (Legge Finanziaria 2000) regolamenta le

Dettagli

COMUNE di VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e Brianza

COMUNE di VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e Brianza COMUNE di VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e Brianza SERVIZIO TECNICO DETERMINAZIONE N. 452 DEL 27/10/2014 Oggetto: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FACILITY MANAGEMENT DEGLI STABILI COMUNALI MEDIANTE CONVENZIONE

Dettagli

Giorgio Gangemi. Oristano, 13 luglio 2010

Giorgio Gangemi. Oristano, 13 luglio 2010 Gli acquisti verdi nell ambito della spesa energetica della Pubblica Amministrazione: gli energy performance contracts, il ruolo delle ESCO, l energia elettrica verde. Giorgio Gangemi Oristano, 13 luglio

Dettagli

Gestione del parco impiantistico comunale di pubblica illuminazione

Gestione del parco impiantistico comunale di pubblica illuminazione Gestione del parco impiantistico comunale di pubblica illuminazione Saonara, 4 Aprile 2013 Auditorium di Villatora di Saonara 1 Programma dell incontro 1. CONSIP: La Convenzione Servizio Luce 2. Gli impianti

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

Venezia, 15/12/2015. Classificazione: Consip Public

Venezia, 15/12/2015. Classificazione: Consip Public 1 WORKSHOP ENSPOL: STRUMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA Prodotti e servizi CONSIP per la riqualificazione energetica degli immobili pubblici Giorgio Gangemi Consip S.p.A. Direzione Sourcing Venezia, 15/12/2015

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE di Francesco Scriva Responsabile contratto Global Service Provincia di Genova 1. PRINCIPI E DEFINIZIONI Per poter affrontare la materia

Dettagli

Relazione ex art. 26, comma 4 L. 488/99 Anno2012

Relazione ex art. 26, comma 4 L. 488/99 Anno2012 Relazione ex art. 26, comma 4 L. 488/99 Anno2012 Il Segretario Generale Dr. Pierluigi Giuntoli Quadro normativo di riferimento L art. 26 della L. 488/1999 (Legge Finanziaria 2000) regolamenta le procedure

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA dell 8 ottobre 2014; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione L azienda Poste Italiane Il Gruppo Posteitaliane si rivolge

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria.

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi 3 Premessa Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema consortile costituito da sei Consorzi di filiera, uno per

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA ETIMOLOGIA DEL TERMINE MANUTENZIONE Dal latino medievale manutentio onis, derivazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2012-1593 DEL 20/12/2012. Comune di Parma

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2012-1593 DEL 20/12/2012. Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2012-1593 DEL 20/12/2012 Comune di Parma Centro di Responsabilità: 13050 - S.O. ECONOMATO E LAYOUT Centro di Costo: Vari Servizi vari Determinazione n. proposta PD\2012-3305

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Patrimonio

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Patrimonio Registro generale n. 1561 del 2011 Determina con Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture Servizio Patrimonio Oggetto Servizio patrimonio. Atto aggiuntivo alla

Dettagli

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Controllo Interno Aree Territoriali RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il modello organizzativo : logiche e obiettivi Il perimetro organizzativo/geografico Controllo Interno: Aree Territoriali

Dettagli

QUESITO Si chiede conferma che, ai fini della partecipazione alla gara, non è prevista l effettuazione di un

QUESITO Si chiede conferma che, ai fini della partecipazione alla gara, non è prevista l effettuazione di un nell ipotesi che lo scrivente consorzio partecipi avvalendosi di altra impresa per il possesso di requisiti tecnico professionali (per servizi prestati con buon esito nella categoria portierato), e necessario

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

Infratel Italia. marzo 2014

Infratel Italia. marzo 2014 Infratel Italia marzo 2014 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, attraverso la realizzazione e l integrazione d infrastrutture di

Dettagli

ENERGIA FOTOVOLTAICA. Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011

ENERGIA FOTOVOLTAICA. Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011 ENERGIA FOTOVOLTAICA Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011 3 Meccanismo di finanziamento per il fotovoltaico Collana prodotta dal Servizio Pianificazione

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Relazione 2011. Il Grafico 1 illustra la relativa spesa suddividendo gli acquisti per categoria merceologica. servizi nel campo sociale

Relazione 2011. Il Grafico 1 illustra la relativa spesa suddividendo gli acquisti per categoria merceologica. servizi nel campo sociale Relazione 2011 sui risultati conseguiti attraverso l attuazione del sistema delle Convenzioni Consip (applicazione del D.L. 12/07/04, n. 168, convertito dalla L. 30/07/04, n. 191) L attività di controllo

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE IN OTTICA VISION

LA GESTIONE DELLE RISORSE IN OTTICA VISION NORMA ISO 9001:2000 LA GESTIONE DELLE RISORSE IN OTTICA VISION 1 Cosa cambia rispetto all edizione 94 I requisiti per il personale sono dettagliatamente descritti Le risorse umane sono considerate fondamentali

Dettagli

Certificati di malattia digitali

Certificati di malattia digitali Certificati di malattia digitali Decreto legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Roma,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva MARIA GISELLA CONCA GESTIONE DELLA QUALITÀ Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva LIUC - Castellanza febbraio - maggio 2001 CERTIFICAZIONE: DIFFUSIONE E NORMATIVA

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI AREA GESTIONE TECNICA AREA GESTIONE PATRIMONIO N. 1509 del Registro delle Deliberazioni PDL 1713-13 OGGETTO:

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960.

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960. FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via G. Medici 9/d 35138 PADOVA Tel. 049.8711300 Fax 049.8710833 www.fismveneto.it segreteria@fismveneto.it

Dettagli

EAM in un contratto di Facility Management

EAM in un contratto di Facility Management EAM in un contratto di Facility Management FSI la nostra storia FSI è una società di servizi giovane, nata nel 2009 dalla forte volontà dei due soci di mettere a fattor comune le proprie specifiche competenze

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DI DESCRIZIONE DEL SERVIZIO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI MESSA A TERRA E DEGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO

DOCUMENTO TECNICO DI DESCRIZIONE DEL SERVIZIO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI MESSA A TERRA E DEGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO DOCUMENTO TECNICO DI DESCRIZIONE DEL SERVIZIO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI MESSA A TERRA E DEGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO Capitolato Tecnico 1 di 5 SOMMARIO 1. OGGETTO... 3 2. DURATA...

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

La gestione di un patrimonio immobiliare a rete : l esperienza di Poste Italiane

La gestione di un patrimonio immobiliare a rete : l esperienza di Poste Italiane 1 Allegato 3 La gestione di un patrimonio immobiliare a rete : l esperienza di Poste Italiane Roma, 11 maggio 2011 2 Il Facility Management di un patrimonio a rete complesso e diffuso sul territorio Il

Dettagli

CONSIP S.p.A. BANDO DI GARA D APPALTO FORNITURE

CONSIP S.p.A. BANDO DI GARA D APPALTO FORNITURE CONSIP S.p.A. BANDO DI GARA D APPALTO FORNITURE L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? SI SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE E

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia A cura di: Andrea Martino, Direttore Generale ARCA Massimiliano Inzerillo,

Dettagli

Report di analisi. Il Facility Management nel Settore Bancario

Report di analisi. Il Facility Management nel Settore Bancario Report di analisi Il Facility Management nel Settore Bancario Sintesi dei principali risultati Il Report di analisi nella versione completa è riservato ai soli aderenti al Competence Center ABI-OSSIF sul

Dettagli

Consip ed il programma di razionalizzazione della spesa energetica. Potenza, 2 dicembre 2003

Consip ed il programma di razionalizzazione della spesa energetica. Potenza, 2 dicembre 2003 Consip ed il programma di razionalizzazione della spesa energetica Potenza, 2 dicembre 2003 LA SPESA ENERGETICA DELLA PA La spesa annuale per il soddisfacimento del fabbisogno energetico o supera i 4.500

Dettagli

Atto Dirigenziale N. 3663 del 21/09/2012

Atto Dirigenziale N. 3663 del 21/09/2012 Atto Dirigenziale N. 3663 del 21/09/2012 Classifica: 005.11.05 Anno 2012 (4540924) Oggetto REVOCA DELLA DETERMINAZIONE A CONTRARRE N. 765 DEL 08/05/2012 DI APPROVAZIONE DEGLI ATTI DI GARA A "PROCEDURA

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Controllo Strategico e Direzionale 2015 07170/008 DIREZIONE FACILITY MANAGEMENT SERVIZIO CONTROLLO UTENZE E CONTABILITA FORNITORI

Controllo Strategico e Direzionale 2015 07170/008 DIREZIONE FACILITY MANAGEMENT SERVIZIO CONTROLLO UTENZE E CONTABILITA FORNITORI Controllo Strategico e Direzionale 2015 07170/008 DIREZIONE FACILITY MANAGEMENT SERVIZIO CONTROLLO UTENZE E CONTABILITA FORNITORI CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 691 approvata

Dettagli

Consip SpA. La PA e il Mercato: l acquisto di beni e servizi da parte della Pubblica Amministrazione. Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato

Consip SpA. La PA e il Mercato: l acquisto di beni e servizi da parte della Pubblica Amministrazione. Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Consip SpA La PA e il Mercato: l acquisto di beni e servizi da parte della Pubblica Amministrazione Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Bologna, 19 ottobre 2012 1 Outline Attuale assetto del

Dettagli

Ing. Alfeo Brognara Ing. Enzo Scudellari

Ing. Alfeo Brognara Ing. Enzo Scudellari 2 FORUM NAZIONALE SUI PATRIMONI IMMOBILIARI E URBANI PUBBLICI" ROMA, NUOVA FIERA DI ROMA 15.05.2008 Il Global Service per la gestione dei patrimoni urbani: l esperienza di oltre un decennio Ing. Alfeo

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE NR. 48 DEL 28.3.2013 OGGETTO: Appalto servizio pulizie Sedi Comunali 2013/2014. Determinazione a contrarre ai sensi dell

Dettagli

degli edifici pubblici Rovereto 3-aprile-2009

degli edifici pubblici Rovereto 3-aprile-2009 Prof. Arch. Silvano Curcio Università di Napoli Federico II GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI UNI Comitato Normativo Europeo CEN TC 348 Facility Management Energy & Facility Management:

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli