I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario"

Transcript

1 I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009

2 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari italiani Mercato monetario Definizione e finalità Caratteristiche Principali categorie di operatori Strumenti del mercato monetario 2

3 Una classificazione dei mercati finanziari Mercati finanziari Mercato del credito elevato grado di personalizzazione negoziazione bilaterale strumenti in genere non trasferibili assenza di circuiti secondari (a meno di operazioni di finanza strutturata, es. cartolarizzazioni) Mercato mobiliare elevato grado di standardizzazione incontro tra proposte multilaterali strumenti trasferibili maggior grado di liquidità grazie alla presenza di un circuito secondario 3

4 I mercati mobiliari: criteri di classificazione (1) In base alla durata residua degli strumenti finanziari negoziati Mercati monetari s.f. con maturity 12 mesi funzione di gestione della liquidità Mercati dei capitali s.f. con maturity > 12 mesi investimento/finanziamento a medio lungo termine In base alla funzione svolta dai mercati Mercati primari s.f. di nuova emissione funzione di provvista di capitale (di rischio o di debito) Mercati secondari s.f. già in circolazione funzione di trasferimento della proprietà/ridefinizione delle posizioni 4

5 I mercati mobiliari: criteri di classificazione (2) In base al taglio delle transazioni Mercati al dettaglio assenza o basso importo del lotto minimo di negoziazione es: MOT Mercati all ingrosso elevato lotto minimo di negoziazione es: MTS In base alla localizzazione degli scambi e utilizzo ICT Mercati fisici presenza fisica impossibilità di operare contemporaneamente su piazze diverse Mercati telematici accesso remoto possibilità di operare contemporaneamente su piazze diverse 5

6 I mercati mobiliari: criteri di classificazione (3) In base allo svolgimento temporale dello scambio e alla natura dei prodotti negoziati Mercati cash negoziazione di strumenti base regolamento a pronti (2/3 giorni dopo lo scambio) Mercati derivati negoziazione di strumenti derivati regolamento differito In base all assetto proprietario Mercati pubblici proprietà pubblica modello caratteristico dell Europa continentale prima delle più recenti evoluzioni Mercati privati proprietà privata modello caratteristico dei paesi di tradizione anglosassone, oggi prevalente 6

7 I mercati mobiliari: criteri di classificazione (4) In base alla presenza di una specifica regolamentazione e organizzazione, si distinguono: Mercati regolamentati presenza di un gestore e di un regolamento di mercato negoziazione di strumenti standardizzati Mercati over the counter assenza di un gestore e di un regolamento di mercato negoziazione di strumenti personalizzati (es. swap) L abolizione dell obbligo di concentrazione degli scambi (direttiva Mifid 2004/39/CE) ha portato all intensificarsi della concorrenza tra diversi sistemi di negoziazione (trading venues) 7

8 I sistemi di negoziazione previsti dalla Mifid MERCATO REGOLAMENTATO: sistema multilaterale che consente o facilita l'incontro - al suo interno e in base a regole non discrezionali - di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, ammessi alla negoziazione conformemente alle regole del mercato stesso, in modo da dare luogo a contratti, e che è gestito da una società di gestione, è autorizzato e funziona regolarmente SISTEMA MULTILATERALE DI NEGOZIAZIONE (MTF): si definisce come il mercato regolamentato ad eccezione della presenza di una società di gestione autorizzata dalla Consob e di un vero e proprio processo di quotazione con emissione del prospetto informativo INTERNALIZZATORI SISTEMATICI: imprese d investimento che in modo sistematico eseguono tra di loro gli ordini dei relativi clienti, senza trasmetterli ad un mercato regolamentato o MTF 8

9 I sistemi di negoziazione previsti dalla Mifid NB! La gestione di un MTF è un servizio di investimento e come tale può essere svolto anche da banche e imprese di investimento, mentre i mercati regolamentati possono essere gestiti solo da società di gestione del mercato 9

10 I mercati mobiliari: criteri di classificazione (5) In base alla dimensione geografica del mercato, si distinguono: Mercati domestici stretta relazione tra mercato e contesto del paese di riferimento, nonostante la presenza di investitori esteri Mercati internazionali assenza di una relazione con uno specifico sistema paese (es. euromercati, ove si scambiano s.f. in valute diverse da quella del paese in cui si negozia) In base alle modalità di negoziazione e formazione dei prezzi, si distinguono: Mercati order driven meccanismo d asta prezzo dato dall incontro tra proposte di acquisto e vendita Mercati quote driven meccanismo market making prezzi diversi in acquisto e vendita definiti da intermediari professionisti 10

11 Mercati quote driven (1) Sono caratterizzati dalla presenza di operatori specializzati (market maker), che espongono con continuità quotazioni impegnative alle quali sono disposti ad acquistare o vendere determinate quantità di attività Prezzo denaro (bid ) prezzo al quale il MM è disposto ad acquistare Prezzo lettera (ask) prezzo al quale il MM è disposto a vendere Il differenziale viene detto bid-ask spread (differenziale denaro-lettera) e rappresenta il guadagno del MM, nonché una misura dell efficienza di mercato Un mercato quote driven è "guidato dalle quotazioni (prezzi) proposte dai market maker, ai quali è indispensabile rivolgersi per effettuare delle negoziazioni Il market maker costituisce un elemento fluidificante del mercato poiché assume posizioni in proprio, in contropartita con gli investitori Il principale vantaggio di un mercato quote driven è l'immediatezza, infatti la presenza del market maker assicura che sia sempre possibile effettuare negoziazioni trovando subito una controparte Esempio di mercato quote driven: MTS 11

12 Mercati quote driven (2) Qual è la differenza tra un dealer e un market maker? Si tratta in entrambi i casi di intermediari che negoziano strumenti finanziari in conto proprio, assumendo un rischio di posizione e guadagnando sulla differenza tra prezzo d acquisto e di vendita (bid-ask spread). Mentre il dealer agisce su sollecitazione degli investitori quando lo ritiene opportuno, il market maker è obbligato a concludere lo scambio alle condizioni esposte con chiunque ne faccia richiesta alle condizioni comunicate (di prezzo e quantità massime trattate) Chi è uno specialist? Lo specialist è un dealer/market maker specializzato in un certo titolo o gruppo di titoli. La sua presenza è spesso prevista nei mercati regolamentati a sostegno della liquidità dei titoli meno negoziati 12

13 Mercati order driven (1) Sono caratterizzati da un meccanismo di scambio e di pricing basato sull'interazione delle proposte di negoziazione (PDN) degli investitori La forma tipica di questi mercati è l asta, che può essere asta a chiamata: tutte le negoziazioni riguardanti un titolo sono concentrate in un determinato intervallo della giornata borsistica. Raccolte le proposte di acquisto e vendita, si determina il prezzo d asta al quale si concludono tutti gli scambi con esso compatibili; le proposte rimaste ineseguite sono cancellate; asta continua: gli ordini di acquisto e vendita confluiscono sul mercato nell arco dell intera giornata e interagiscono sulla base di una serie di regole di visualizzazione (fisica oppure elettronica) e di una serie di regole di abbinamento delle intenzioni negoziali; Le regole che conducono alla determinazione del prezzo d asta (nell asta a chiamata) o all'abbinamento delle proposte di negoziazione (nell asta continua) si suddividono in: - regole di priorità primarie - regole di priorità secondarie 13

14 Mercati order driven (2) Le regole sono di tipo gerarchico, ossia viene considerata la regola di livello inferiore (secondario) solo quando la regola di livello superiore (primario) non consente di decidere a quale prezzo regolare oppure con quale controparte concludere lo scambio. Il contenuto di tali regole viene stabilito dall'autorità che gestisce il mercato Esempi di mercati order driven: MOT e MTA Nei mercati (sia quote che order driven) è frequente la presenza di broker, intermediari finanziari che negoziano strumenti finanziari per conto terzi e guadagnano una commissione sul valore dell ordine; al contrario dei dealer/market maker non assumono rischi di mercato sul proprio bilancio, ma subiscono solo il generico rischio di impresa (cioè il rischio che i ricavi non riescano a coprire i costi operativi, in gran parte fissi e assicurare un margine di profitto) Possono esistere anche mercati di soli brokers (es. negoziazione di blocchi di grandi quantità di titoli) 14

15 L efficienza dei mercati finanziari L efficienza dei mercati finanziari può essere valutata con riferimento a tre diverse accezioni: Efficienza allocativa Efficienza informativa Efficienza operativa Per efficienza allocativa, si intende la capacità dei mercati finanziari di indirizzare le risorse disponibili verso i progetti più meritevoli in termini di rischio e rendimento Affinché questo si realizzi, è necessario che: gli investitori agiscano in modo razionale e possano basare le proprie scelte su un sistema di prezzi in grado di riflettere tempestivamente e correttamente le informazioni disponibili le infrastrutture di mercato siano efficienti e consentano una rapida realizzazione degli scambi con limitati costi di transazione 15

16 Efficienza informativa (1) Condizione necessaria per il raggiungimento dell efficienza allocativa è l efficienza informativa, intesa come capacità dei prezzi di incorporare tutta l informazione disponibile riflettendo, in ogni momento, il valore fondamentale del titolo Se i mercati sono efficienti dal punto di vista informativo, non è possibile realizzare strategie di trading (es. acquisto titoli sottovalutati dal mercato e vendita titoli sopravalutati) che consentano di ricavare un beneficio economico dal possesso di un determinato set di informazioni L efficienza informativa può essere definita facendo riferimento a diversi set d informazioni come: efficienza debole efficienza semi-forte efficienza forte 16

17 Efficienza informativa (1) Efficienza in forma debole L informazione considerata è limitata ai soli prezzi storici Se si verifica tale forma di efficienza, gli investitori non dovrebbero essere in grado di ottenere profitti costantemente anomali mediante osservazione di serie storiche dei prezzi (quindi l analisi tecnica non è in grado di generare sistematicamente profitti) Efficienza in forma semi-forte L informazione considerata è l informazione pubblicamente disponibile al tempo della valutazione I prezzi si adeguano rapidamente e correttamente alla diffusione di nuove informazioni di tipo micro (annunci degli emittenti, prospettive della gestione, etc.) o macro (analisi di scenario) Gli investitori non dovrebbero essere in grado di ottenere profitti costantemente anomali semplicemente rielaborando informazioni di pubblico dominio 17

18 Efficienza informativa (2) Efficienza in forma forte L informazione considerata è tutta l informazione rilevante, sia quella di dominio pubblico sia quella riservata, conosciuta cioè solo da investitori in posizione di particolare privilegio Anche gli investitori privilegiati non dovrebbero essere in grado di ottenere profitti costantemente anomali sulla base delle informazioni in loro possesso Solo le prime due forme di efficienza sono talvolta verificate Ostacoli all efficienza informativa: Costi di transazione connessi alla negoziazione Razionalità limitata degli investitori Accesso limitato ad alcune informazioni 18

19 Efficienza operativa Efficienza operativa Efficienza tecnica razionalizzazione delle strutture per ridurre al minimo i costi di transazione Efficienza funzionale condizioni che facilitano l incontro tra domanda e offerta e il valore segnaletico dei prezzi Parametri che misurano l efficienza operativa Ampiezza un mercato è ampio quando ci sono consistenti ordini di acquisto e vendita Spessore un mercato è spesso quando esistono ordini di acquisto e vendita per prezzi sia superiori che inferiori a quello corrente Elasticità un mercato è elastico quando eventuali squilibri tra domanda e offerta attraggono nuovi ordini in grado di ristabilire velocemente l equilibrio 19

20 Ampiezza e spessore: un esempio* Offerta di titoli pari a 300 al miglior prezzo Quantità domandate Prezzo di acquisto Sottile e poco spesso Sottile ma spesso Ampio ma poco spesso Ampio e spesso 5, , , , , * Tratto da Ferrari, Gualandri, Landi, Vezzani (2006) 20

21 L assetto dei mercati mobiliari italiani MERCATI REGOLAMENTATI OPERATORI ABILITATI Banche (Ue e extraue autorizzate) Imprese di investimento (Sim) (Ue e extraue autorizzate) MTS SpA Agenti di cambio (ad esaurimento) Poste italiane SpA 21

22 Borsa Italiana SpA 22

23 TLX Spa TLX spa: 50% Unicredit, 50% Banca IMI (Intesa Sanpaolo) Mercato misto (order driven con presenza di market maker) 23

24 MTS spa Mercato obbligazionario all ingrosso; funzionamento quote driven 24

25 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari italiani Mercato monetario Definizione e finalità Caratteristiche Principali categorie di operatori Strumenti del mercato monetario 25

26 Definizione e finalità (1) È l insieme delle transazioni su titoli a breve scadenza, aventi durata residua pari o inferiore a 12 mesi L esistenza dei mercati monetari si spiega con la necessità di soddisfare temporanee esigenze di investimento o di finanziamento L obiettivo è quello di mantenere l equilibrio finanziario e la solvibilità, senza detenere disponibilità liquide eccessive per evitare elevati oneri in termini di costo opportunità per questo gli agenti economici tendono a mantenere disponibilità liquide (cassa o depositi a vista) al livello minimo ritenuto necessario per far fronte alle transazioni quotidiane 26

27 Definizione e finalità (2) Gli operatori economici con temporanee eccedenze di liquidità investono in strumenti di mercato monetario che, pur essendo facilmente convertibili in denaro, riconoscono un rendimento più elevato di quello garantito da cassa o depositi a vista Gli operatori economici in attesa di migliori opportunità d investimento, o che si trovano ad agire in uno scenario di forte incertezza, possono impiegare temporaneamente la liquidità a disposizione nel mercato monetario per non sopportare un eccessivo costo opportunità Gli operatori con temporanee esigenze di liquidità possono trovare nel mercato monetario risorse finanziarie in tempi brevi e con costi relativamente bassi 27

28 Definizione e finalità (3) Un mercato monetario, quindi, deve permettere di riallocare la liquidità (risorse finanziare a breve termine) del sistema finanziario tra operatori in surplus e operatori in deficit La rapidità e l efficienza negli scambi assumono un importanza fondamentale I mercati monetari sono generalmente mercati all ingrosso e telematici 28

29 Caratteristiche del mercato monetario Caratteristiche fondamentali degli strumenti di mercato monetario: 1. scadenza inferiore a 12 mesi 2. alta negoziabilità sul mercato secondario 3. impersonalità sia nel rapporto tra emittente e sottoscrittore, che nelle transazioni di mercato secondario basso rischio d insolvenza tagli minimi accessibili efficiente organizzazione del secondario In Italia queste caratteristiche sono pienamente possedute solo dai BOT 29

30 Gli operatori del mercato monetario (1) Tesoro: una significativa parte del debito pubblico è rappresentata da titoli a breve scadenza (in Italia BOT) Eurosistema e BCE : le operazioni di mercato aperto effettuate per controllare l offerta di moneta sono tutte a breve o brevissima scadenza Banche: sono emittenti e/o sottoscrittori di quasi tutti gli strumenti di mercato monetario. La loro presenza è motivata dall importanza che la gestione della tesoreria riveste nel loro business e dalla necessità di adempiere all obbligo di riserva Altri intermediari finanziari: gli specialisti in titoli di Stato, i broker e dealer che fanno da intermediari per i piccoli investitori, le assicurazioni danni (esigenze di liquidità), i fondi comuni d investimento monetari 30

31 Gli operatori del mercato monetario (2) Imprese: ottengono finanziamenti attraverso alcuni strumenti del mercato monetario (ad esempio le cambiali finanziarie o le commercial paper negli Stati Uniti) e investono liquidità in eccesso per ottimizzare la gestione della tesoreria Privati risparmiatori: in Italia le famiglie hanno sempre investito una parte consistente del loro risparmio in titoli di Stato, per diverse ragioni: Preferenza per gli strumenti a breve nello scenario di forte inflazione che caratterizzava il nostro paese Mancanza di investimenti alternativi a causa di un mercato dei capitali poco sviluppato 31

32 Gli strumenti del mercato monetario (1) 1. BOT 2. Depositi interbancari 3. Pronti contro termine 4. Certificati di deposito 5. Cambiali finanziarie 6. Accettazioni bancarie Gli strumenti del mercato monetario quotano generalmente a sconto sul valore di rimborso. Le convenzioni di mercato prevedono il calcolo del rendimento in regime di capitalizzazione semplice e anno commerciale R VN P P 360 gg = giorni effettivi di detenzione 32

33 Depositi interbancari (1) Sono prestiti a breve e a brevissimo termine tra intermediari fin.ri (non si tratta, quindi, di s.f. trasferibili su un mercato secondario) Le negoziazioni di depositi interbancari possono essere di tipo: overnight: scambio dei fondi nella giornata di negoziazione e rimborso nel giorno lavorativo successivo tomorrow-next: scambio dei fondi nel giorno lavorativo successivo a quello di negoziazione e rimborso nel giorno lavorativo successivo spot-next: scambio di fondi nel secondo giorno lavorativo successivo alla negoziazione con rimborso nel giorno lavorativo successivo call-money: deposito a vista rimborsabile con preavviso di 48 ore depositi a tempo: scambio di fondi nel secondo giorno lavorativo successivo alla negoziazione con rientro a scadenze fisse (1 o 2 settimane, 1,2,3.12 mesi) depositi vincolati a giorni: scambio di fondi nella stessa giornata di negoziazione e rientro in una specifica data prefissata, entro i 14 giorni 33

34 Depositi interbancari (2) I più importanti tassi del mercato interbancario dei depositi: Tasso dei depositi overnight (Eonia European OverNight Index Average). Rappresenta la media dei tassi overnight comunicati giornalmente da 57 reference bank appartenenti all Unione Monetaria; è particolarmente rilevante perché costituisce un tasso-obiettivo della politica monetaria che può variare nei limiti del cosiddetto corridoio dei tassi d interesse Euribor (Europe Interbank Offered Rate), è il tasso d interesse al quale si offrono fondi alle banche di primario standing creditizio, per intervalli temporali da 1 settimana a 12 mesi. Viene calcolato sulla base dei tassi comunicati dalle reference bank e rappresenta il principale parametro di riferimento per i contratti indicizzati denominati in euro Libor (London InterBank Offer Rate), è il tasso al quale vengono offerti fondi nel mercato interbancario degli eurodollari, sulla piazza di Londra 34

35 Mercato interbancario dei depositi in Italia In Italia i depositi interbancari sono scambiati sul mercato regolamentato e-mid, il mercato elettronico organizzato dei depositi interbancari Nasce nel 1990 come mercato domestico; nel 1999 viene privatizzato e le transazioni sono denominate in euro E gestito da e-mid S.p.A. Si negoziano depositi in euro, dollari e sterline inglesi La crisi dei mutui subprime ha provocato una vera e propria paralisi del mercato interbancario a causa della mancanza di fiducia reciproca tra controparti bancarie Per favorire una ripresa delle contrattazioni, la Banca d'italia, in collaborazione con e-mid e ABI, ha messo a punto un apposito segmento che assicura il completo anonimato nelle contrattazioni, il Mercato Interbancario Collateralizzato (MIC) Le banche potranno partecipare al mercato entro un limite massimo correlato al patrimonio di vigilanza e al valore delle garanzie conferite alla Banca d'italia 35

36 Pronti contro termine Sono contratti in cui un soggetto vende a pronti una certa quantità di titoli impegnandosi a riacquistare alla scadenza concordata lo stesso quantitativo di titoli dalla stessa controparte ad un prezzo prefissato Il rendimento è dato dalla differenza tra il prezzo a pronti ed il prezzo a termine, che si ottiene capitalizzando il prezzo a pronti al tasso d interesse concordato Si tratta di un operazione di prestito garantito da titoli (in genere di Stato, BOT). Sono lo strumento cardine utilizzato dalla BCE per la gestione della liquidità nell euro-area è la forma contrattuale con cui avviene la maggior parte delle operazioni di mercato aperto Esistono diverse scadenze (1 giorno, 1 settimana, 2 settimane, 1,2 e 3 mesi) L importo medio è generalmente elevato 36

37 Certificati di deposito Sono titoli (generalmente al portatore) emessi da una banca: documentano un deposito a scadenza fissa vincolata, remunerato al tasso d interesse concordato Sono titoli di credito e possono essere oggetto di trasferimento Non possono essere rimborsati prima della scadenza In Italia non esiste un mercato secondario liquido ed efficiente dei certificati di deposito: è la stessa banca emittente ad individuare una controparte interessata o a riacquistare direttamente il titolo (che dovrà essere poi ricollocato presso i risparmiatori) 37

38 Cambiali finanziarie Sono pagherò cambiari a breve termine, non garantiti, emessi a sconto dalle imprese per ottenere un finanziamento a breve termine L emissione può avvenire da parte di: società con titoli quotati su mercati regolamentati; in questo caso non c è bisogno di garanzie accessorie spa e sapa non quotate, solo se gli ultimi tre bilanci sono in utile e se viene rilasciata garanzia da parte di un intermediario finanziario (back-up facility) società finanziarie iscritte all albo ex art 107 del TUB Possono avere durata compresa tra i 3 e i 12 mesi e un taglio minimo di Non hanno avuto una grande diffusione per le società non finanziarie 38

39 Accettazioni bancarie È una cambiale tratta con cui un impresa (traente) ordina ad una banca di pagare per suo conto una certa somma ad una scadenza prestabilita La banca appone la sua firma per accettazione, assumendo la veste di obbligato principale e il traente si impegna a fornire alla banca i fondi necessari al momento dell estinzione dell obbligazione L accettazione da parte di una banca rende la cambiale uno strumento finanziario garantito e pertanto facilmente negoziabile sul mercato secondario L investitore che acquista il titolo può girarlo ad altri con la clausola senza garanzia Alla base dell operazione si trova un apertura di credito per accettazione concessa dalla banca all impresa per scadenze e importi predefiniti 39

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I mercati finanziari Mercati creditizi e mobiliari I mercati si identificano con l insieme degli scambi di strumenti finanziari; Il collegamento tra unità

Dettagli

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione?

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Rappresentano il luogo di scambio degli strumenti finanziari differenziazione e segmentazione dei mercati classificazioni

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE ARTICOLAZIONI DEL MERCATO DEI CAPITALI SOMMARIO: 1. Il mercato dei capitali. - 2. Tipologia dei mercati finanziari. - 3. Il mercato monetario e il mercato dei cambi. - 4. Il mercato mobiliare.

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

Elementi costitutivi del sistema finanziario

Elementi costitutivi del sistema finanziario Elementi costitutivi del sistema finanziario Ordinamento Strumenti Sistema Finanziario Mercati Monetario e dei cambi obbligazionario di partecipazione di indebitamento di assicurazione Intermediari mobiliari

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

1. Le articolazioni del mercato dei capitali

1. Le articolazioni del mercato dei capitali 1. Le articolazioni del mercato dei capitali 1.1 Il mercato dei capitali Risulta spesso difficile giungere ad una precisa definizione di mercato di capitali a causa della vastità e complessità delle operazioni

Dettagli

Classificazione del mercato dei capitali

Classificazione del mercato dei capitali Classificazione del mercato dei capitali Mercato dei capitali: complesso delle negoziazioni che si svolgono nel sistema finanziario Mercati creditizi Mercati mobiliari (circuito indiretto) (circuito diretto)

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Mercati e Investimenti Mobiliari

Mercati e Investimenti Mobiliari Mercati e Investimenti Mobiliari Prof.ssa Giuliana Borello E-mail: giuliana.borello@unicatt.it 1 Orario lezioni Lezione Data Orario 1 Lunedì 30 settembre 15:00-18:00 2 Martedì 1 Ottobre 9:00-11:00 3 Martedì

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2013-2014

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2013-2014 Università di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali Facoltà di scienze economiche giuridiche e politiche CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2013-2014 Dott. Rundeddu Vincenzo LA RACCOLTA

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCANAGNI CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa in qualità di emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa fondata nel 1901 - Codice ABI

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012 Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale Edizione Dicembre 2012 DETTAGLIO DELLE VENUES E DEGLI INTERMEDIARI PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA ORDINI E NEGOZIAZIONE

Dettagli

Capitolo Primo Introduzione al sistema finanziario

Capitolo Primo Introduzione al sistema finanziario Capitolo Primo Introduzione al sistema finanziario 1. Il sistema finanziario Il sistema finanziario può essere definito come un complesso integrato di istituzioni, mercati finanziari e strumenti finanziari

Dettagli

Capitolo 1 I mercati regolamentati

Capitolo 1 I mercati regolamentati Capitolo 1 I mercati regolamentati Sommario 1. Il quadro normativo. - 2. Il mercato dei capitali. - 3. Tipologia dei mercati finanziari. - 4. Il mercato monetario e il mercato dei cambi. - 5. Il mercato

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercato Monetario Il mercato monetario è relativo allo scambio intertemporale di ingenti quantità di liquidità con un orizzonte inferiore

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO La Cassa di Risparmio di Orvieto, in qualità di Emittente, invita gli investitori a prendere attenta visione della nota informativa, al fine di comprendere i fattori

Dettagli

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede Legale: Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Sito Internet: www.bancacarim.it REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 Indice Introduzione 1 3 2 1.4 Le autorità di vigilanza 11 2 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 33 3.1 Le origini della regolamentazione 34 3.3 La disciplina

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE f Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO VARIABILE

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO VARIABILE SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO VARIABILE Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita

Dettagli

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI Sede sociale Via Tomacelli 139 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO GRUPPO BANCA DI CREDITO POPOLARE SOC. COOP. PER AZIONI in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE C. 9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP UP GRUPPO BANCA DI CREDITO POPOLARE SOC. COOP. PER AZIONI in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing

Policy di Valutazione e Pricing Policy di Valutazione e Pricing Regole Interne per la Negoziazione ed Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Alto Vicentino Credito Cooperativo di Schio e Pedemonte Società Cooperativa

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASTAGNETO CARDUCCI S.C.P.A.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASTAGNETO CARDUCCI S.C.P.A. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASTAGNETO CARDUCCI S.C.P.A. Sede sociale: 57022 Castagneto Carducci (LI), via Vittorio Emanuele, 44 Codice ABI 08461 - Iscritta all albo delle Banche al n. 2185 - Capitale

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO PADANA ORIENTALE SAN MARCO-ROVIGO Soc.Coop. Sede legale e Direzione Generale: Via Casalini,10 Rovigo Iscritta all Albo delle Banche al n 5359.5 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010 Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dal Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. (ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO VARIABILE

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO VARIABILE SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO VARIABILE Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita

Dettagli

in qualità di emittente, offerente e responsabile del collocamento

in qualità di emittente, offerente e responsabile del collocamento BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASTAGNETO CARDUCCI S.C.P.A. Sede sociale: 57022 Castagneto Carducci (LI), via Vittorio Emanuele, 44 Codice ABI 08461 - Iscritta all albo delle Banche al n. 2185 - Capitale

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DI ROMANO E S. CATERINA SOC. COOP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DI ROMANO E S. CATERINA SOC. COOP Società Cooperativa fondata nel 1994 Codice ABI 08309 Sede Legale: Via Gen. Giardino, 3-36060 Romano d Ezzelino (VI) Sede Amministrativa: Via Capitelvecchio,32 36061 Bassano del Grappa (VI) Capitale soc.

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale Il mercato dei cambi: funzionamento e condizioni di equilibrio

Finanza Aziendale Internazionale Il mercato dei cambi: funzionamento e condizioni di equilibrio Finanza Aziendale Internazionale Il mercato dei cambi: funzionamento e condizioni di equilibrio Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp. 3 e 5 8 Il mercato dei cambi: A) elementi caratteristici E la

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 24/01/2011 24/01/2014 TF

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B-10 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per l offerta di obbligazioni Banca di Credito Cooperativo OROBICA Tasso Fisso BCC OROBICA 01/02/2010 01/02/2013 2,00%

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 01/02/2010-01/02/2013 TF

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Il prezzo delle attività finanziarie: mercati ed intermediari

Il prezzo delle attività finanziarie: mercati ed intermediari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Il prezzo delle attività finanziarie: mercati ed intermediari Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Sistema finanziario 2. Mercati finanziari:

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 20/09/2010 20/03/2013 TF

Dettagli

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Denominazione: EMIL

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE 9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA DI CREDITO POPOLARE SOC. COOP. PER AZIONI in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA MARCA - TASSO VARIABILE BANCA DELLA MARCA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

Gli strumenti della Banca Centrale Europea

Gli strumenti della Banca Centrale Europea Gli strumenti della Banca Centrale Europea Strumenti della BCE Operazioni di Politica Monetaria Tipologie di Transazioni Immissione di Liquidità Assorbimento di Liquidità Operazioni di Mercato Aperto Operazioni

Dettagli

1. FATTORI DI RISCHIO

1. FATTORI DI RISCHIO BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI STEP UP Banca di Cesena 24/01/2011-24/01/2016 Step Up

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, pricing

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Mercati Regolamentati Italiani ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Mercati Regolamentati

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE Alla NOTA INFORMATIVA Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Bcc Signa 12/02/2010 12/02/2017 3,50% 106 emissione Isin

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

Obbligazioni a Tasso Variabile Euribor 3 mesi + 1,00% 2011/2014

Obbligazioni a Tasso Variabile Euribor 3 mesi + 1,00% 2011/2014 CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta Obbligazioni a Tasso Variabile Euribor 3 mesi + 1,00% 2011/2014 Codice ISIN IT0004763998 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari Obbligazioni a Tasso

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI OFFERTA E/O QUOTAZIONE BANCO POPOLARE SOCIETÀ COOPERATIVA OBBLIGAZIONI STRUTTURATE SU TASSI

REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI OFFERTA E/O QUOTAZIONE BANCO POPOLARE SOCIETÀ COOPERATIVA OBBLIGAZIONI STRUTTURATE SU TASSI REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI OFFERTA E/O QUOTAZIONE BANCO POPOLARE SOCIETÀ COOPERATIVA OBBLIGAZIONI STRUTTURATE SU TASSI Il presente regolamento (il Regolamento ) disciplina i titoli di debito (le Obbligazioni

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO GRUPPO BANCA DI CREDITO POPOLARE SOC. COOP. PER AZIONI in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI BANCA CARIGE S.P.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 16123 Genova Via Cassa di Risparmio 15 FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI

Dettagli

in qualità di emittente, offerente e responsabile del collocamento

in qualità di emittente, offerente e responsabile del collocamento BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASTAGNETO CARDUCCI S.C.P.A. Sede sociale: 57022 Castagneto Carducci (LI), via Vittorio Emanuele, 44 Codice ABI 08461 - Iscritta all albo delle Banche al n. 2185 - Capitale

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO VARIABILE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Sintesi Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta

Sintesi Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Sintesi Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Delibera CdA del 09/06/2015 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

La politica monetaria europea

La politica monetaria europea La politica monetaria europea Il sistema europeo di banche centrali e la moneta unica 1 Il SEBC A seguito della nascita dell Unione Monetaria Europea (1 gennaio 1999) la politica monetaria viene gestita

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, princing

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO 9-A. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI ICCREA BANCA S.P.A. DOCUMENTO DI SINTESI 07 FEBBRAIO 2008 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2. Sezione Prima - Fattori di esecuzione

Dettagli

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 Processo per la determinazione dei prezzi degli Strumenti Finanziari - SINTESI - I N D I C E PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 1.- Fasi di applicazione del modello...2

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE f Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo Settembre 2013 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI - Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli