I mercati organizzati e il post-trading nella MiFID

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I mercati organizzati e il post-trading nella MiFID"

Transcript

1 I mercati organizzati e il post-trading nella MiFID Regulation & Post Trading Fabrizio Plateroti Elena Vantellini Simone D Ippolito

2 La MiFID Contenuti Le trading venues nella MiFID I mercati regolamentati e i Multilateral Trading Facilities Il post-trading Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari 2

3 Le trading venues nella MiFID Le trading venues nella MiFID Obiettivi Creare le condizioni per il consolidamento del mercato finanziario europeo e favorire l integrazione economico-finanziaria Leve operative utilizzabili Eliminazione dell obbligo di concentrazione degli scambi sul mercato regolamentato Possibilità per le banche di organizzare mercati non regolamentati (MTF) o porsi in contropartita con il cliente per tutte le tipologie di titoli (internalizzazione degli ordini) Possibilità per i mercati regolamentati di ammettere alle negoziazioni strumenti finanziari senza domanda dell emittente Risultati attesi Attraverso la competizione tra sistemi di negoziazione si tenderebbe a ridurre le barriere all entrata per i fornitori di servizi di negoziazione e, per questa via, si dovrebbe assistere a una riduzione dei costi operativi e al miglioramento della qualità dei servizi. La competizione in ultima analisi costituirebbe un incentivo all efficienza 3

4 Le trading venues nella MiFID Le trading venues nella MiFID I 3 Pilastri della nuova regolamentazione Approccio funzionale regime organico che disciplina l esecuzione delle operazioni su SF indipendentemente dai metodi di negoziazione e dal soggetto gestore. Disciplina della funzione di negoziazione organizzata. Misure per garantire l integrità dei mercati 1. regime della trasparenza 2. regole di best execution e di gestione degli ordini Armonizzazione massima emanazione delle disposizioni in forma di Regolamento. 4

5 Le trading venues nella MiFID Le trading venues nella MiFID Mercato Regolamentato sistema multilaterale, amministrato e/o gestito dal gestore del mercato, che consente o facilita l incontro - al suo interno e in base alle sue regole non discrezionali - di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti relativi a strumenti finanziari ammessi alla negoziazione conformemente alle sue regole e/o ai suoi sistemi, e che è autorizzato e funziona regolarmente e conformemente alle disposizioni del titolo III (mercati regolamentati) MTF sistema multilaterale gestito da un impresa di investimento o da un gestore del mercato che consente l incontro - al suo interno ed in base a regole non discrezionali - di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti conformemente alle disposizioni del titolo II (condizioni per l autorizzazione e l esercizio delle attività applicabili alle imprese di investimento) Internalizzatore sistematico impresa di investimento che in modo organizzato, frequente e sistematico, negozia per conto proprio eseguendo gli ordini del cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un MTF 5

6 Le trading venues nella MiFID Le trading venues nella MiFID ATTORI TRADING VENUES CLEARING & SETTLEMENT Eligible counterparty Investitore retail Mercati regolamentati CCP/CSD collegati alle trading venues Gli intermediari dei MR possono designare il sistema di settlement Asset manager Broker MTF CCP/CSD europei Investitore professional Internalizzatore sistematico In house book-entry 6

7 La MiFID Contenuti Le trading venues nella MiFID I mercati regolamentati e i Multilateral Trading Facilities Il post-trading Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari 7

8 I mercati regolamentati (MR) Aspetti generali La MiFID conferma la figura dei mercati regolamentati (MR). Più in particolare: il MR costituisce oggetto sociale esclusivo; il MR continua ad essere sottoposto ad un regime autorizzativo dell autorità competente; da parte il gestore del mercato regolamentato deve svolgere le attività di organizzazione e funzionamento del MR sotto la vigilanza dell autorità competente; il MR deve dotarsi di regole chiare e trasparenti che assicurino che gli strumenti finanziari possano essere negoziati in modo equo, ordinato ed efficiente; sul MR possono essere ammessi strumenti finanziari regolati, che rispettano cioè specifiche regole di ammissione alle negoziazioni; il MR può concludere accordi con CCP e CSD di altri Stati Membri al fine di regolare le operazioni concluse nei propri sistemi. Inoltre, i MR offrono ai propri partecipanti il diritto di designare il sistema di regolamento delle proprie operazioni. 8

9 I Multilateral Trading Facilities (MTF) Aspetti generali Gli MTF sono funzionalmente simili ai mercati regolamentati. Di seguito le principali caratteristiche: l MTF è un sistema multilaterale al pari del MR; la gestione di un MTF costituisce un servizio di investimento erogabile da un impresa di investimento oppure da un gestore del mercato regolamentato; l MTF è quindi indirettamente soggetto ad un regime di autorizzazione preventiva per l esercizio del servizio di investimento; l MTF è in ogni caso soggetto ad un regime di vigilanza, diverso da quello dei MR, da parte dell autorità competente; sull MTF possono essere ammessi sia strumenti finanziari già negoziati sui mercati regolamentati sia altri strumenti non quotati; l MTF può concludere accordi con CCP e CSD di altri Stati Membri al fine di regolare le operazioni concluse nei propri sistemi 9

10 Mercato regolamentato VS MTF Sistema multilaterale (art. 4, c1, nr 14 e 15) Entrambe le forme di mercato sono caratterizzate dal fatto di essere sistemi multilaterali che consentono l incontro di interessi multipli di acquisto e di vendita Regime di autorizzazione (artt. 5, c1; 36, c1) Entrambe le tipologie di mercati sono soggetti ad un regime autorizzativo Regole di funzionamento non discrezionali (artt. 14, c1; 39, lett. d) Entrambi i mercati devono dotarsi di regole e procedure trasparenti e non discrezionali che garantiscano una negoziazione corretta e ordinata Oggetto sociale esclusivo (art. 36) Caratteristica richiesta per il solo MR. L MTF, al contrario, può essere gestito anche da un impresa di investimento e non solo da un gestore del mercato regolamentato Regime di vigilanza (artt. 36, c2; 50, c2, lettera i; 14, c7) I regimi di vigilanza sono presenti su entrambi i mercati, seppur con un diverso livello applicativo Obblighi di trasparenza (artt. 29, 30, 44, 45) Gli obblighi di informativa, sia pre-trade che post-trade, sono i medesimi per entrambi i mercati Ammissione di strumenti finanziari regolati e non (artt. 14, c2; 40) Sul MR possono essere ammessi solo strumenti finanziari regolati, che rispettino cioè specifici requisiti di ammissione. Sull MTF possono essere ammessi strumenti finanziari già negoziati su un MR ma anche altri strumenti non quotati Ammissione operatori (artt. 14, c4; 33, 42) Sia i MR che gli MTF devono instaurare regole trasparenti, basate su criteri oggettivi che disciplinano l accesso al sistema. MR Aspetti generali MTF 10

11 La MiFID Contenuti Le trading venues nella MiFID I mercati regolamentati e i Multilateral Trading Facilities Il post-trading Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari 11

12 Le regole di trasparenza Ambito applicativo del regime di trasparenza La normativa MiFID ad oggi in vigore ha previsto il regime di trasparenza sia pre-trade che post-trade per le sole azioni ammesse a negoziazione sui mercati regolamentati 2 possibili sviluppi per un eventuale estensione: Relazione della Commissione Europea entro il (ar. 65, c1, direttiva I livello) La facoltà dei singoli Stati Membri (considerando 46 direttiva I livello) 12

13 Le regole di trasparenza Trasparenza pre-trade per MR ed MTF I mercati regolamentati e gli MTF rendono pubblici per le sole azioni ammesse a negoziazione, tramite i loro sistemi: o i prezzi correnti di acquisto e vendita; o lo spessore degli interessi di negoziazione espressi a tali prezzi Per i mercati order driven devono essere esposti almeno i 5 migliori bidoffer price per i rispettivi volumi; Per i mercati quote driven deve essere esposto il migliore bid-offer price per ogni market maker su ciascuna azione con i volumi per prezzo; Tali informazioni sono messe a disposizione a condizioni commerciali ragionevoli e in modo continuo durante gli orari di negoziazione; I mercati possono dare accesso ai loro sistemi, a condizioni commerciali ragionevoli, agli Internalizzatori sistematici (IS) che devono esporre le proprie quotazioni. 13

14 Le regole di trasparenza Trasparenza pre-trade per MR ed MTF - deroghe La MiFID prevede tre principali tipi di deroghe al generale regime della trasparenza pre-trade. Più in particolare vi sono: 1 Deroghe basate sul modello del mercato 2 Deroghe basate su tipo ordine/operazione 3 Deroghe basate sulle dimensioni dell ordine 1. Deroghe basate sul modello del mercato (esempio passive market) Tali deroghe devono basarsi su un metodo di negoziazione nel quale il prezzo è determinato in relazione ad un prezzo di riferimento generato da un altro sistema, purché: tale prezzo abbia un ampia diffusione e sia considerato affidabile dai partecipanti. 14

15 Le regole di trasparenza Trasparenza pre-trade per MR ed MTF - deroghe 2. Deroghe basate sul tipo di ordine/operazione Tali deroghe sono rappresentate da operazioni concordate (negotiated trades) che devono soddisfare uno dei seguenti criteri: sono effettuate ai valori limite o all interno dello spread corrente ponderato per il volume risultante dal book di negoziazione o dalle quotazioni dei market maker del MR o del MTF (se l azione non è negoziata in maniera continua, effettuate entro una determinata percentuale di un prezzo di riferimento adeguato; sono effettuate a condizioni in materia di prezzo diverse dal prezzo corrente di mercato dell azione (devono inoltre essere rispettate le altre condizioni previste dal regolamento del MR o MTF). Per operazione concordata si intende un operazione negoziata privatamente nella quale intervengono partecipanti di un MR o MTF, ma eseguita nell ambito del sistema stesso con le seguenti casistiche: c/proprio operatore A vs c/terzi operatore B; c/proprio operatore A vs c/proprio operatore B; c/terzi operatore A vs c/terzi operatore A; c/terzi operatore A vs c/terzi operatore B; c/proprio operatore A vs c/terzi operatore A. 15

16 Le regole di trasparenza Trasparenza pre-trade per MR ed MTF - deroghe 3. Deroghe basate sulla dimensione dell ordine Tali deroghe sono rappresentate dagli ordini caratterizzati da dimensioni elevate rispetto alle normali dimensioni di mercato (normal market size). A tal fine tutte le azioni ammesse alle negoziazioni su un MR sono sono classificate in funzione del relativo controvalore medio giornaliero degli scambi (Allegato II, tabella 2). 16

17 Le regole di trasparenza Trasparenza post-trade per MR, MTF ed imprese di investimento QUANDO E COME PUBBLICARE I mercati regolamentati, gli MTF e le imprese di investimento rendono pubblici tramite i loro sistemi per le sole azioni ammesse a negoziazione in un MR: il prezzo unitario; il quantitativo; la valuta; il momento di esecuzione delle operazioni concluse (giorno ed ora); l identificativo della sede e dello strumento. Tali informazioni sono pubblicate per quanto possibile in tempo reale (al massimo entro 3 minuti) a condizioni commerciali ragionevoli e in modo che siano facilmente accessibili agli altri partecipanti al mercato CANALI* facilities di un mercato regolamentato o di un MTF strutture di un soggetto terzo sistemi proprietari * Tali canali sono gli stessi utilizzabili per la trasparenza pre-trade 17

18 Le regole di trasparenza Trasparenza post-trade per MR, MTF ed imprese di investimento - deroghe La MiFID prevede la pubblicazione differita delle informazioni relative alle operazioni concluse. Vi può essere un ritardo da 60 minuti fino alla chiusura del 3 giorno di negoziazione successivo all operazione (a seconda del controvalore medio giornaliero degli scambi dello strumento e delle dimensioni ammissibili di un operazione) a condizione che siano soddisfatti i seguenti criteri: si tratta di un operazione tra un impresa di investimento che negozia in c/proprio ed un suo cliente; le dimensioni dell operazione sono pari o superiori alle dimensioni minime ammissibili (specificate nell Allegato II, tabella 4 del Regolamento di II livello). Per le operazioni effettuate al di fuori di una sede di negoziazione (MR, MTF ed internalizzatori) le informazioni sono pubblicate: se l operazione è effettuata durante un giorno di negoziazione del mercato più pertinente per l azione, oppure durante il normale orario di contrattazione dell impresa di investimento, per quanto possibile in tempo reale e ad ogni modo entro 3 minuti; negli altri casi, immediatamente dopo l inizio del normale orario di contrattazione dell impresa di investimento o, al più tardi, immediatamente prima dell apertura del giorno di negoziazione successivo sul mercato più pertinente per quell azione. 18

19 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR Guidelines & Recommendations on publication and consolidation of MiFID market transparency data (febbraio 2007) 1 DATA QUALITY Inaccurate pre-and post-trade publication GUIDELINES 1 CESR considers that for the purposes of ensuring that published information is reliable, monitored continuously for errors, and corrected as soon as errors are detected (see Article 32(a)), a verification process should be established which does not need to be external from the organisation of the publishing entity, but which should be an independent cross-check of the accuracy of the information generated by the trading process. This process should have the capability to at least identify price and volume anomalies, be systematic and conducted in real-time. The chosen process should be reasonable and proportionate in relation to the business. 19

20 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR Duplication of post-trade transparency information GUIDELINES 2 CESR considers that for the purposes of facilitating the consolidation of transparency data with similar data from other sources, investment firms trading away from an RM or MTF, RMs and MTFs that publish each trade via only one primary publication channel are in compliance with MiFID provisions. RECOMMENDATION 1 Additionally, in order to enhance the effectiveness of Option 1, CESR considers it useful for parties acting on behalf of publishing entities to flag a trade, where they are the original publication channel, as a primary publication as opposed to information obtained from other publication sources. This should enable data consolidators to delineate between primary and secondary publications and so limit the possibility for duplication. Where the information is published through the entity proprietary system, it would not be necessary to flag the information as a primary publication. CESR considers a primary publication channel to be a regulated market, MTF, or a third party chosen by the investment firm to publish its post-trade transparency information. Proprietary systems of the investment firm, the regulated market or the MTF used for trades conducted by the respective investment firm or on the respective trading platform, are considered to be primary publication channels by default. CESR considers a secondary publication channel to be a data provider, including regulated markets and MTFs when acting as such, which re-publishes or distributes already published information, including in a consolidated form (i.e. aggregating information from several investment firms, MTFs or regulated markets). 20

21 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR 21

22 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR Regulatory responsability for publication 2 PUBLICATION ARRANGEMENTS GUIDELINES 3 CESR considers that ultimate responsibility for complying with the MiFID publication requirements resides with the relevant RM, MTF or investment firm subject to the publication obligations in the absence of specific publication arrangements recognised by CESR members. Publication contingency GUIDELINES 4 CESR considers that entities have adequate contingency arrangements where such arrangements include a policy and procedure outlining how they will continue to meet their transparency obligations if their arrangement becomes unavailable or it may be a connection to a back-up publication arrangement. If the publication arrangement of the firm has its own back-up facility or recovery plans, CESR considers this as being sufficient. 22

23 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR Use of websites GUIDELINES 5 In respect of arrangements facilitating the consolidation of data as required in Article 32(b) of the Implementing Regulation, CESR considers information as being made public in accordance with that article, if it: i) is accessible by automated electronic means in a machine readable way; ii) utilises technology that facilitates consolidation of the data and permits commercially viable usage; and iii) is accompanied by instructions outlining how users can access the information. CESR considers that an arrangement fulfils the machine-readable criteria where the data: i) is in a physical form that is designed to be read by a computer; ii) is in a location on a computer storage device where that location is known in advance by the party wishing to access the data; and iii) is in a format that is known in advance by the party wishing to access the data. CESR considers that publication on a non-machine readable website would not meet the MiFIDrequirements. 23

24 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR Timing of post-trade GUIDELINES 6 3 AVAILABILITY OF TRANSPARENCY INFORMATION When assessing whether RMs, MTFs or investment firms fulfil the obligation to publish the posttrade information as close to real time as possible and no later than 3 minutes, CESR considers that RMs, MTFs and investment firms taking up to 3 minutes for publication on a frequent basis should be able to explain the reason why it takes up to three minutes to publish their post-trade information on a frequent basis. CESR considers that an RM, MTF or investment firm fails to meet its requirements under MiFID if it chooses a publication mechanism which does not allow for real-time publication of completed trades. CESR considers that the use of inadequate technology is not an acceptable reason for publication close to three minutes on a frequent basis where the available technology can provide for publication in a shorter period of time and where such technology is available at reasonable costs. In relation to portfolio trades, due to the need to allocate prices to particular shares, CESR recognises that the process to allocate prices to each share of the portfolio may not be instantaneous. 24

25 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR Availability of transparency information GUIDELINES 7 CESR considers that any investor in the Community should be able to access the information on a non-discriminatory basis, whether or not they are located in the same Member State as the publishing entity. CESR considers that the information should be made available to all interested parties wishing to see it provided they are prepared to meet the commercial terms (i.e. this may mean pay for it). Definition of execution point GUIDELINES 8 For order book and other automated trades, CESR considers that a trade is concluded and executed as soon as a buy and a sell order are automatically matched and confirmed. For trades conducted outside RMs and MTFs or trades executed under the rules of RMs or MTFs but outside a central order book or automated trading systems (e.g. negotiated trades, "telephoned market-making trades), CESR considers that the trade is concluded/ executed as soon as the terms of the trade with regard to the price and volume are agreed between the buyer and the seller. Where a trade includes multiple legs and where an agreement on the terms of each of the legs is a pre-condition to the completion of the trade, CESR recognises that the trade is completed when all the legs have been put in place and agreed. 25

26 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR Bundling of information GUIDELINES 9 CESR considers that RMs, MTFs, and investment firms should not make the supply of pre- and post-trade information conditional on the purchase of other bundled services. Structure of pre and post-trade transparency information GUIDELINES 10 CESR considers that information that is made public in accordance with Article 32 of the Implementing Regulation should conform to a consistent and structured format based on industry standards. RMs, MTFs and investment firms trading away from an RM and MTF can choose the structure that they use. 26

27 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR Data format, content and protocols 4 PUBLICATION STANDARDS RECOMMENDATION 2 CESR encourages market participants who are making system changes to consider using, as far as possible, an existing open protocol. CESR encourages the use, as far as possible, of the International Standards Organisation (ISO) standard formats (and content where relevant), particularly for new entrants. 27

28 Le regole di trasparenza Le misure di 3 livello del CESR Amendmenst to post-trade published information RECOMMENDATION 3 Information flags 1) Determined by other factors than the current market valuation Flagged as 'D' 2) Negotiated trade Flagged as 'N' 3) Amendments Flagged as A 4) Cancellation Flagged as C 28

29 La MiFID Contenuti Le trading venues nella MiFID I mercati regolamentati e i Multilateral Trading Facilities Il post-trading Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari 29

30 L ammissione degli operatori Accesso degli operatori al MR ed MTF I mercati regolamentati e gli MTF mantengono regole trasparenti e non discriminatorie, basate su criteri oggettivi, per l accesso o l acquisizione della qualifica di membro Possono essere ammessi in qualità di membri o partecipanti (in modalità diretta o remota): le imprese di investimento, gli enti creditizi e chiunque v soddisfi requisiti di onorabilità e professionalità; v disponga di un sufficiente livello di capacità di negoziazione e competenza; v disponga, se del caso, di adeguati dispositivi organizzativi; v disponga di risorse sufficienti per il ruolo, tenuto conto delle regole del mercato per assicurare il regolamento delle operazioni. 30

31 La MiFID Contenuti Le trading venues nella MiFID I mercati regolamentati e i Multilateral Trading Facilities Il post-trading Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari 31

32 L ammissione degli strumenti al trading - 1/3 L ammissione degli strumenti finanziari I mercati regolamentati e gli MTF si dotano di regole chiare trasparenti per l ammissione degli strumenti alla negoziazione Relativamente ai soli mercati regolamentati, gli strumenti devono poter essere negoziati in modo equo, ordinato ed efficiente ed essere liberamente trasferibili. In particolare: per le azioni occorre prendere in considerazione i seguenti elementi: della distribuzione di tali azioni presso il pubblico; le informazioni finanziarie storiche, sull emittente e quelle sulla panoramica delle attività aziendali che devono essere presentate a norma della direttiva 2003/71/CE. per gli altri valori mobiliari occorre valutare i seguenti criteri: della esistenza di correlazione prezzo dello strumento e del sottostante; della disponibilità del prezzo del sottostante; della informativa disponibile per valutare lo strumento; delle procedure per determinare il settlement price; se è previsto il physical settlement, dell esistenza di procedure per ottenere informazioni sul sottostante 32

33 L ammissione degli strumenti al trading - 2/3 L ammissione degli strumenti finanziari Tipologia di mercato Riferimento Requisiti MERCATO UFFICIALE MERCATO UFFICIALE MERCATO MERCATO REGOLAMENTATO (MR) (MR) Direttiva 2001/34/CE Direttiva MiFID Requisiti Requisiti minimi: minimi: capitalizzazione capitalizzazione (> (> /mln /mln 1); 1); flottante; flottante; numero numero bilanci. bilanci. Nessun Nessun requisito requisito minimo: minimo: le regole del MR assicurano che gli le regole del MR assicurano che gli strumenti ammessi alla negoziazione strumenti ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato in un mercato regolamentato possano essere negoziati in modo possano essere negoziati in modo equo, ordinato ed efficiente e, nel equo, ordinato ed efficiente e, nel caso di valori mobiliari, siano caso di valori mobiliari, siano liberamente trasferibili. liberamente trasferibili. MERCATO MERCATO NON NON REGOLAMENTATO (MTF) (MTF) Direttiva MiFID Nessun Nessun requisito requisito minimo: minimo: possono essere ammessi sia possono essere ammessi sia strumenti finanziari quotati che non strumenti finanziari quotati che non quotati quotati 33

34 L ammissione degli strumenti al trading - 3/3 Ammissione unilaterale sui MR - Uno strumento, una volta ammesso alla negoziazione in un mercato regolamentato in ottemperanza alla direttiva 2003/71/CE, può essere ammesso alla negoziazione in altri mercati regolamentati senza il consenso dell emittente. - I MR informano l emittente di aver ammesso i suoi titoli. L ammissione degli strumenti finanziari - L emittente, in questo caso, non è soggetto all obbligo di fornire le informazioni (di cui al box sotto) al mercato regolamento. - I mercati regolamentati devono dotarsi di dispositivi efficaci per verificare che gli emittenti degli strumenti ammessi alle negoziazioni rispettino gli obblighi in materia di: informativa iniziale; informativa continuativa; informativa ad hoc. Informativa - I MR danno accesso ai loro partecipanti all informativa pubblicata in base alle norme comunitarie. 34

35 La MiFID Contenuti Le trading venues nella MiFID I mercati regolamentati e i Multilateral Trading Facilities Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari Il post-trading 35

36 Il post-trading Il post-trading La MiFID non ha come obiettivo principale quello di disciplinare il posttrading, ma contiene alcune norme che presentano delle implicazioni per i sistemi di clearing e settlement. Le norme contenute nella MiFID che coinvolgono il post-trading (direttamente o indirettamente) sono riconducibili ai seguenti aspetti: 1. Trasparenza nelle modalità e condizioni di esecuzione di un contratto in quanto componenti importanti nella determinazione della best execution 2. Efficienza operativa a salvaguardia della funzione sistemica e delle attività della clientela 3. Concorrenza dei post-trading service providers attraverso: Diritto di accesso Scelta della settlement location 36

37 Il post-trading 1. Trasparenza Normativa Art. 21.1: Prezzo, costi, rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento, dimensioni, natura dell ordine devono essere tenute in considerazione per determinare il miglior risultato 67 Considerando della Direttiva di II Livello: velocità, probabilità di esecuzione e regolamento e altri costi impliciti potrebbero avere la precedenza su immediate considerazioni di prezzo e di costo Art. 21.3: la strategia di esecuzione degli ordini comunicata dalle imprese di investimento deve fornire tutte le informazioni sui fattori che hanno influenzato la scelta della sede di esecuzione Art. 21.4: le imprese di investimento sono tenute a valutare regolarmente se le sedi di esecuzione assicurino la best execution Implicazioni nel post-trading trading Costi, modalità ed efficienza del processo di regolamento possono incidere in maniera significativa nella determinazione della best execution Processi di regolamento efficienti ed economici potrebbero influenzare le strategie di esecuzione adottate dalle imprese di investimento Informazioni chiare e trasparenti sulle condizioni di costo nel processo di regolamento potrebbero dover essere inserite nella strategia di esecuzione dell ordine Modifiche nelle condizioni di regolamento potrebbero variare le strategie di esecuzione 37

38 Il post-trading 2. Efficienza Per i mercati regolamentati art. 39 : Obbligo di dotarsi di dispositivi efficaci atti ad agevolare la finalizzazione efficiente e tempestiva delle operazioni eseguite nell ambito dei loro sistemi art. 46.2: L autorità competente può opporsi al ricorso di un sistema di posttrading di altro Stato membro qualora questo pregiudichi il funzionamento ordinato del medesimo mercato Per gli MTF art. 14.5: Obbligo di adottare preventivamente le misure necessarie per favorire il regolamento efficiente delle operazioni concluse nell'ambito dei sistemi del sistema multilaterale di negoziazione art. 35.2: L autorità competente può opporsi al ricorso di un sistema di posttrading di altro Stato membro qualora questo pregiudichi il funzionamento ordinato del medesimo mercato Per le imprese di investimento art DL2: Obbligo di depositare gli strumenti finanziari presso un terzo adottando misure atte a garantire la separata individuazione di strumenti di proprietà e di terzi art DL2: Obbligo di verificare la competenza, la reputazione dei terzi subdepositari e i requisiti giuridici e le pratiche di mercato lesivi dei diritti della clientela 38

39 Il post-trading 3. Concorrenza Diritto di accesso alle strutture di post-trading Considerando 48 e art. 34, comma 1 della Direttiva 1 livello Diritto di accesso Alle imprese di investimento è riconosciuto il diritto di accedere ai sistemi esteri di controparte centrale, compensazione e regolamento Accesso non discriminatorio, trasparente e obiettivo Le condizioni di accesso dei soggetti esteri devono essere identiche a quelle applicate per le imprese di investimento domestiche Divieto di limitare l utilizzo di tali strutture ai mercati regolamentati e MTF domestici Le leggi degli Stati membri non possono imporre che l utilizzo delle strutture di post-trading domestiche sia riservato esclusivamente alle piattaforme di trading nazionali 39

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Plateroti Fabrizio Head of Regulation and Post Trading Page 1 Elenco dei temi La nuova architettura dei mercati MR, MTF e OTF Algo e high frequency

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Martina Tambucci Consob, Divisione Mercati Le opinioni espresse sono a titolo personale e non impegnano

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB Visionato da: Dott. Martha Dichristin e Dott. Martin Selva Approvato dal CDA in data 21.10.2014 Sostituisce l edizione d.d. 08.05.2012 Indice 1.

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

CONSOB QUADERNI DI FINANZA BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI STUDI E RICERCHE COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

CONSOB QUADERNI DI FINANZA BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI STUDI E RICERCHE COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI SCAMBI ORGANIZZATI: ALCUNE CONSIDERAZIONI GENERALI ED UN

Dettagli

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID SECTORS AND Advisory THEMES Mercati Title alternativi heree scenari di liquidità: quali sfide per gli Additional information in Univers 45 Light 12pt on 16pt leading intermediari? kpmg.com Servizi d investimento

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA

DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA SAPIENZA - UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E TECNOLOGIE DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA TESI DI DOTTORATO XXII CICLO LA MIFID E I MERCATI FINANZIARI

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007

Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007 Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007 EFET European Federation of Energy Traders Amstelveenseweg 998 / 1081 JS Amsterdam Tel: +31 20 5207970/Fax: +31 20 6464055 E-mail: secretariat@efet.org

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei S.F. Fioravanti, M. Gentile L attività di ricerca e analisi della Consob intende promuovere la riflessione e stimolare

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI PIAZZA BORROMEO 1-20123 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. TELEFAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli