Regolamento EMIR e strumenti di mitigazione. Elementi tecnici di base

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento EMIR e strumenti di mitigazione. Elementi tecnici di base"

Transcript

1 Alessandra Carleo, Carlo Mottura Università degli Studi Roma Tre - Dipartimento di Studi Aziendali Regolamento EMIR e strumenti di mitigazione del rischio di credito di derivati OTC. Elementi tecnici di base Milano, 20 novembre

2 Sommario Per mitigare il rischio di credito dei derivati OTC, il regolamento EMIR prevede che alcune tipologie di derivati siano assoggettate a compensazione centralizzata (attraverso la costituzione di c.d. CCP, Central Clearing counterparty); e che il rischio delle tipologie di derivati non centralizzate sia mitigato con garanzie di tipo bilaterale (attraverso la c.d. collateralizzazione del derivato). Si tratta di obblighi EMIR che cambieranno la struttura del mercato OTC, in termini sia di numero e qualità degli operatori sia di caratteristiche dei prodotti. Da una parte, infatti, nasceranno nuovi operatori sistemici - le CCP - che dovranno essere in grado di gestire e controllare, a livello diffuso, il rischio di credito delle transazioni OTC (come fanno le clearinghouse nei mercati standardizzati dei futures). Dall altra, si svilupperanno garanzie bilaterali su derivati OTC nella forma di collateral per cassa o con deposito titoli, fino ad oggi tipicamente utilizzate nelle transazioni tra banche e che, in prospettiva, p riguarderanno anche operazioni con controparti non finanziarie. Si tratta di garanzie che presentano specificità proprie, diverse, ad esempio, da quelle reali che possono assistere i finanziamenti bancari (si pensi al caso di un mutuo ipotecario). Nel caso di operazioni OTC realizzate tra controparti finanziarie, si assisterà pertanto al passaggio da forme di collateralizzazione bilaterale, di solito previste nel mercato interbancario, alla compensazione centralizzata delle transazioni via CCP. In questo lavoro sono discussi elementi tecnici di base degli strumenti di mitigazione del rischio di credito di derivati OTC, di tipo bilaterale, e proposte alcune considerazioni sul clearing centralizzato. 2

3 Indice degli argomenti 1. Gli strumenti EMIR per la mitigazione del rischio di credito 2. Elementi base su derivati e rischio di credito 2.1 Il caso ideale (senza rischio di credito) 2.22 Il caso con rischio di credito 3. Le tecniche bilaterali di mitigazione del rischio di credito 3.1 Netting 3.2 Collateralizzazione 4. Sul clearing centralizzato del rischio di credito 4.1 Mercati standardizzati 4.2 Mercati OTC 5. Per concludere Riferimenti bibliografici 3

4 Indice degli argomenti 1. Gli strumenti EMIR per la mitigazione del rischio di credito 2. Elementi base su derivati e rischio di credito 2.1 Il caso ideale (senza rischio di credito) 2.22 Il caso con rischio di credito 3. Le tecniche bilaterali di mitigazione del rischio di credito 3.1 Netting 3.2 Collateralizzazione 4. Sul clearing centralizzato t del rischio di credito 4.1 Mercati standardizzati 4.2 Mercati OTC 5. Per concludere Riferimenti bibliografici 4

5 Tra gli obiettivi EMIR: mitigare rischio di credito dei derivati OTC strumenti EMIR: clearing centralizzato per alcune tipologie di derivati OTC tecniche di mitigazione del rischio per le tipologie di derivati OTC non assoggettati a compensazione centralizzata Altri obblighi EMIR: segnalazioni ai Repertori Dati requisiti organizzativi, prudenziali e di gestione a carico delle Controparti Centrali requisiti informativi a carico dei Repertori Dati, incluso l obbligo di rendere alcuni dati disponibili al pubblico ed alle autorità competenti [Regolamento sulle Infrastrutture del Mercato Europeo (EMIR), Regolamento (UE) N. 648/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 4 luglio 2012, sugli strumenti derivati OTC, le controparti centrali e i repertori di dati sulle negoziazioni] (entrato in vigore il 16 agosto 2012) 5

6 Il mercato dei derivati OTC Dimensioni a giugno 2013 in termini di nozionale: $ mld ($ mld a dic 2012; $ mld a giu 2007), di cui $ mld derivati su tassi ($ mld a giu 2007) in termini di valore di mercato: $20 mld ($25 mld a dic 2012; $11 mld a giu 2007) [BIS, (2013)] 6

7 Dal dibattito in materia (recente e non) caratteristiche contrattuali ad-hoc vs standard contratti tailor-made o standardizzati (es. future), contratti non quotati o quotati speculazione evidenze empiriche suggeriscono che posizioni speculative sono spesso assunte in derivati OTC non-standard (es. AIG) origine della recente crisi dei mercati finanziari radice della crisi in carenze regolamentari e di vigilanza nelle piazze finanziariei i più importanti, ti derivati OTC come strumenti tiper trasferire perdite monetarie da insolvenza (non per generarle) rischio sistemico mercati OTC come generatori di rischio sistemico (il fallimento di una istituzione genera fallimenti di altre istituzioni), contagio, interdipendenza sistemica i tra rischi, wrong-way risk 7

8 valore di mercato convenzioni valutative assetto contabile e di vigilanza (US Gaap, IAS-IFRS; Basilea 2), mark to market, mark to model, convenzioni valutative di mercato, pubbliche, miste deroghe pubbliche al valore di mercato nei periodi c.d. di market distress (es. spread Btp-Bund, mismatching premium di Solvency2, ) strumenti finanziari semplici vs complessi non-standard un policy framework per individuare, monitorare e contenere gli effetti negativi dell innovazione finanziaria dall innovazione di prodotto a quella di processo tra le opzioni di policy più incisive vaglio preventivo dei prodotti o loro divieto [BIS (2007); BIS, IOSCO (2013); Banca d Italia (2010); De Felice, Moriconi (2011); Gola, Ilari (2013); Gregory (2012); Hull(2010); Hull, White (2012a), (2012b); Mottura (2012a), (2012b); Mottura, Passalacqua (2013), OIV (2013)] 8

9 Indice degli argomenti 1. Gli strumenti EMIR per la mitigazione del rischio di credito 2. Elementi base su derivati e rischio di credito 2.1 Il caso ideale (senza rischio di credito) 2.22 Il caso con rischio di credito 3. Le tecniche bilaterali di mitigazione del rischio di credito 3.1 Netting 3.2 Collateralizzazione 4. Sul clearing centralizzato t del rischio di credito 4.1 Mercati standardizzati 4.2 Mercati OTC 5. Per concludere Riferimenti bibliografici 9

10 La valutazione di un derivato rimanda alle ipotesi del modello di Black, Scholes; Merton (1973): mercato perfetto, non frizionale e competitivo, regolato dall assenza di arbitraggi privi di rischio Tra le ipotesi base del modello, la non esistenza del rischio di credito (i.e. le due parti onoreranno con certezza i rispettivi impegni) Valore no-default, nell istante t, di un derivato stile europeo con pay-off V(T) alla scadenza in T (se sottostante S non paga redditi): V ND (t)= e -r(t-t) E t Q [V(T)] con: r : tasso costante non rischioso (no-default) E Q : aspettativa risk-neutral impianto valutativo della Teoria della finanza neo-classica 10

11 Esempio Acquisto a termine dell azione S al prezzo a termine K: V T =S T -K Se S non paga dividendi, in t=0: V ND (t) = S t -Ke -r(t-t) = 0 11

12 Indice degli argomenti 1. Gli strumenti EMIR per la mitigazione del rischio di credito 2. Elementi base su derivati e rischio di credito 2.1 Il caso ideale (senza rischio di credito) 2.22 Il caso con rischio di credito 3. Le tecniche bilaterali di mitigazione del rischio di credito 3.1 Netting 3.2 Collateralizzazione 4. Sul clearing centralizzato t del rischio di credito 4.1 Mercati standardizzati 4.2 Mercati OTC 5. Per concludere Riferimenti bibliografici 12

13 Il rischio di credito è rilevante nelle operazioni bilaterali realizzate sul mercato OTC (oltre agli altri rischi) Una posizione in derivati è esposta al rischio di credito in modo diverso da uninvestimento t Esempio. Per una banca, a parità di capitale di riferimento, il rischio di credito di un Interest Rate Swap è minore del rischio credito di un prestito (a parità di controparte). A fini della copertura, il rischio di credito è meno facile da coprire rispetto al rischio di mercato. Esposizione creditizia (Credit Exposure) parole chiave: modello interno, modello di vigilanza, esposizione originaria, marking to market + add-on, esposizione corrente, esposizione potenziale, peak exposure, average expected exposure, [Gregory (2012), Hull (2012)] 13

14 In generale, 3 casi: C.1) il derivato è una attività per la banca (e una passività per la controparte) Es. banca acquista un opzione (posizione lunga su opzione) La banca, in caso di fallimento della controparte, vanterà un credito che, solitamente, potrà recuperare solo in parte (credito unsecured) esiste un rischio di credito per la banca ai fini della valutazione del derivato: la banca aggiusta il Valore no-default per il rischio di credito della controparte (componente del valore: CVA) 14

15 C.2) il derivato è una passività per la banca (e un attività per la controparte) Es. banca vende un opzione (posizione i corta su opzione) La banca, in caso di fallimento della controparte, non subisce perdite: la controparte t potrà tà tenere il derivato in vita, venderlo o chiuderlo senza perdite/profitti per la banca. non esiste un rischio di credito per la banca ai fini della valutazione del derivato, se nel corso della vita del contratto varia il rischio di insolvenza del debitore (i.e. e della banca, rispetto al livello iniziale): - se principi contabili internazionali (IFRS13): il debitore può aggiustare il Valore no-default per il suo rischio di credito (componente del valore: DVA) - se regolamentazione (Basilea 2): il debitore non può aggiustare il Valore no-default per il suo rischio di credito Osservazione: L aggiustamento per DVA è dibattuto perché there is no easy way a dealer can monetize DVA without actually defaulting. 15 [Hull, White (2012a)]

16 C.3) il derivato può essere una attività o una passività per la banca (e per la controparte) Es. banca acquista/vende uncontratto tt a termine (forward) Se la controparte fallisce e il valore del derivato è positivo per la banca, la banca vanterà un credito in sede di fallimento e, solitamente, subirà una perdita il valore del derivato è negativo per la banca, la banca non subisce perdite (analogamente per la controparte, se la banca fallisce) può esistere o non esistere un rischio di credito per la banca (analogamente per la controparte) ai fini della valutazione del derivato: se principi contabili internazionali (IFRS13): ammessi aggiustamenti del Valore no-default per tener conto del rischio di credito della controparte e del debitore (componenti del valore: CVA, DVA) se regolamentazione (Basilea 2): ammesso aggiustamento solo per rischio di credito della 16 controparte (componente del valore: CVA)

17 Formalmente, per valutare l aggiustamento del Valore no-default per rischio di credito (CVA) logica dell esposizione esposizione corrente -t i : possibile istante di insolvenza (t 1,t 2,,t i,,t n =T) -V(t i ): valore no-default del derivato in t i -q i : probabilità di default (PD) risk-neutral al tempo t i del cliente (i (ricavata da prezzi di mercato, di CDS o di bond) - R: tasso atteso di recupero Osservazione. Si ipotizza che R e q i siano indipendenti da V(t i ). L ipotesi è ragionevole se il derivato rappresenta una quota non rilevante del valore delle posizioni con la controparte e se il derivato è a fini di copertura. In generale, q i potrebbe risultare maggiore se il valore del derivato è molto positivo per la banca rispetto al caso contrario ( right way risk vs wrong way risk ). 17

18 Esposizione in t i per la banca: max {V(t i ), 0} Perdita attesa in t i per la banca: q i (1-R) E tq [max {V(t i ),0}] Aggiustamento per rischio di credito della controparte (CVA): valore attuale della perdita attesa per la banca CVA = Σ n i=1 q i (1-R)e -r(t i -t) E tq [max {V(t i ), 0}] [1] u i v i Osservazione. In generale, CVA is such a complex derivative : wrong-way and right-way risk have a significant effect on the Greek letters of CVA as well on CVA itself it is difficult to estimate the effects without a model. Indeed, even the sign of the effect can be counterintuitive [Hull, White, 2012(a)]. 18

19 Esempio Esposizione al rischio di credito nell istante t i 19

20 C.1) V(t i )>0 i Esposizione: max{v(t i ), 0} = V(t i ) se il derivato non paga redditi tra t e T: v i =V ND (t) i e dalla [1] risulta: CVA = V ND (t) Σ n i=1 q i (1-R) Valore defaultable del derivato aggiustato per il rischio di credito della controparte: V D (t) = V ND (t) CVA = V ND (t) [1-Σ Σ n i=1 q i (1-R)] 20

21 Osservazione. Nel linguaggio del credit spread, sia(r c* -r) il credit spread della controparte (i (rispetto al tasso no-default r). Siano r e r * c i tassi di rendimento di due zcb quotati, rispettivamente non-defaultable e defaultable, che pagano 1 in T; si ipotizzi che R dello zcb sia uguale a R del derivato. Se: si ha: V D / V ND = e -r C* (T-t) zcb zcb /e -r (T-t) = V D (t) ()/ V ND (t) () V D (t) = V ND (t) e -(r * *(T Q C -r)(t-t) = e -r C (T-t) E tq [V(T)] Valore defaultable del derivato uguale al valore attuale al tasso rischioso del pay-off atteso in un mondo neutrale al rischio. Nel caso no-default (della controparte): rc * =r V D (t) = V ND (t). 21

22 C.2) V(t i )<0 i Esposizione: max{v(t i ), 0} = 0 dalla [1] risulta: CVA = 0 Nel linguaggio del credit spread, seammessoifrs13eseil credit spread del debitore è (r B* -r) Valore defaultable del derivato aggiustato per il rischio di credito del debitore: V D (t) = e -r B*(T-t) E tq [V(T)] = V ND (t) e -(r B*-r)(T-t) Nel linguaggio della componente del valore (DVA): DVA =V D (t) - V ND (t) V D (t) = V ND (t) + DVA dove DVA >0 essendo V<0 (es. V D zcb= - 80, V ND zcb= -100, DVA= 20) nel caso no-default (del debitore): rb* = r V D (t) = V ND (t) 22

23 C.3) V(t i ) R Esposizione: max {V(t i ), 0} v i è il valore in t di una call scritta su V(t i ) con strike uguale a zero. Il valore della CVA è calcolato con simulazione Montecarlo. Valore defaultable del derivato aggiustato per il rischio di credito della controparte: V D (t) = V ND (t) - CVA se è ammesso IFRS13 Valore defaultable del derivato aggiustato per i rischi di credito della controparte e del debitore: V D (t) = V ND (t) - CVA + DVA Osservazione. Possibilità di un ulteriore aggiustamento per catturare la possibilità di default congiunto delle due parti ( rischio sistemico). i 23

24 Osservazione. Nel linguaggio dei credit spread, nel caso no-default delle due parti (i.e. credit spread uguale a zero): rc * = rb * = r V D (t) = V ND (t). Osservazione. Se il credit spread delle due parti è uguale: rc * =rb * =r* V D (t) = V ND (t) e (r*-r) (T-t). Osservazione. In generale, la valutazione del rischio di credito del derivato richiede la valutazione dell esposizione corrente e dell esposizione potenziale. 24

25 Indice degli argomenti 1. Gli strumenti EMIR per la mitigazione del rischio di credito 2. Elementi base su derivati e rischio di credito 2.1 Il caso ideale (senza rischio di credito) 2.22 Il caso con rischio di credito 3. Le tecniche bilaterali di mitigazione del rischio di credito 3.1 Netting 3.2 Collateralizzazione 4. Sul clearing centralizzato t del rischio di credito 4.1 Mercati standardizzati 4.2 Mercati OTC 5. Per concludere Riferimenti bibliografici 25

26 Il Netting è una clausola standard nelle negoziazioni di derivati OTC una controparte inadempiente su un derivato è considerata inadempiente su tutti gli altri derivati con la stessa controparte consente di ridurre il rischio di credito Formalmente N numero dei derivati in portafoglio V ND i (t) valore no-default in t dell i-esimo derivato R tasso di recupero CVA senza netting: (1-R) Σ N i=1 max [V ND i (t); 0] interpretabile come portafoglio di N opzioni call, constrikeuguale a zero, scritte sul valore di ciascun contratto CVAcon netting: (1-R) max [Σ N i=1 V ND i (t); 0] interpretabile come 1 opzione call, con strike uguale a zero, scritta sul valore del portafoglio riduzione i del rischio di credito: max Σ Σ max 26

27 Indice degli argomenti 1. Gli strumenti EMIR per la mitigazione del rischio di credito 2. Elementi base su derivati e rischio di credito 2.1 Il caso ideale (senza rischio di credito) 2.22 Il caso con rischio di credito 3. Le tecniche bilaterali di mitigazione del rischio di credito 3.1 Netting 3.2 Collateralizzazione 4. Sulla gestione centralizzata t del rischio di credito 4.1 Mercati standardizzati 4.2 Mercati OTC 5. Per concludere Riferimenti bibliografici 27

28 La collateralizzazione è un accordo tra banca e controparte che prevede il markingg to market periodico del derivato, sulla base di una convenzione di valore concordata, e la gestione bilaterale del rischio di credito attraverso il sistema di margini. Elementi base della collateralizzazione (cash collateral) frequenza: periodicità di liquidazione dei margini (es. giornaliera) tasso del collateral: tasso di remunerazione della liquidità versata a garanzia (es. Eonia - Euro OverNight Index Average: tasso di interesse medio di riferimento nelle operazioni overnight sul mercato interbancario europeo) limite superiore (Threshold, H): importo oltre il quale le parti si impegnano a versare margini limite inferiore (Minimum Transfer Amount): importo al di sotto del quale le parti non versano margini importo indipendente (Indipendent Amount): importo iniziale a garanzia (analogo al margine iniziale nei mercati standardizzati; es. futures). [BIS, IOSCO, (2013)] 28

29 Osservazione. Se valore del derivato a fine giornata per la banca > H, banca chiede a controparte versamento della differenza (tra valore e H); se la garanzia non è integrata, t la banca può risolvere il contratto tt ( early termination ). Se a fine giornata la differenza è minore dell ammontare in essere della garanzia, la controparte può chiedere rimborso della garanzia eccedente. Osservazione. Se valore del derivato a fine giornata è positivo per la banca, in caso di fallimento della controparte la perdita a carico della banca è coperta dall ammontare della garanzia ( posted collateral ). Osservazione. Il Threshold H è interpretabile come una linea di credito concessa dalla banca alla controparte; l Indipendent Amount come un Treshold negativo. Osservazione. Se a garanzia sono depositati titoli (anziché cassa), esiste una decurtazione (Haircut) sul valore dei titoli depositati (su haircut e pro-ciclicità [Tambucci (2013)]). Il reddito generato dai titoli depositati a garanzia è del depositante. 29

30 Nella collateralizzazione two ways, entrambe le parti sono garantite contro l insolvenza dell altra analogia con il deposito di garanzia nei mercati standardizzati (es. futures) Anche un accordo di collateralizzazione per cassa, two ways econ H=0 non garantisce protezione totale : l istante in cui è richiesta l integrazione di garanzia alla parte in difficoltà è precedente l istante della sua eventuale insolvenza l istante di eventuale insolvenza è precedente l istante di esercizio del diritto di estinzione anticipata esercitabile dalla parte non fallita e tra questi instanti, il derivato potrebbe aumentare di valore per la parte non fallita. 30

31 Esistono standard contrattuali ( CSA ISDA, Credit Support Annex): le regole alla base dell accordo di collateralizzazione su derivato (per cassa o titoli) sono diverse da quelle che governano l escussione di una garanzia reale (es. immobile a garanzia di un mutuo): se interviene una early termination a seguito dell insolvenza l di una parte, la parte non fallita dispone del collateral per coprire l eventuale perdita subita sul derivato garantito la parte non fallita ha il diritto di ricevere il costo di sostituzione (mid-market market value nell istante di default aggiustato per i bid-offer spreads che la parte non fallita deve pagare per sostituire il contratto estinto anticipatamente): 31

32 a) se costo sostituzione > 0 per la parte non fallita a.1) se costo sostituzione < posted collateral: la parte non fallita non subisce perdita, e deve restituire l excess collateral a.2) se costo sostituzione > posted collateral: la parte non fallita è un unsecured creditor della parte fallita per il valore di collateral mancante (collateral shortfall) b) se costo sostituzione < 0 per la parte non fallita b.1) se posted collateral l > valore transazione per la parte fallita: la parte non fallita è un creditore unsecured per l excess collateral a b.2) se posted collateral < valore transazione per la parte fallita: la parte non fallita deve versare alla parte fallita il collateral shortfall Osservazione. Tipicamente le banche operano sul mercato OTC con accordi bilaterali li di collateralizzazione. li i 32

33 Formalmente se collateral l ideale : max (X,0): importo versato per cassa da ogni parte, essendo X il valore no-default del derivato per l altra laltraparte; se H>0 max (X-H, 0) collateral versato continuamente, fino all eventuale default non esistono bid-offer adjustments da applicare al valore X r+s: tasso del collateral, essendo s (s R) lo spread contrattuale rispetto al tasso senza rischio r approssimazione: two side zero-threshold daily cash collateral agreement [Hull, White, 2013] 33

34 Nel linguaggio dello spread, il caso con collateral ideale corrisponde al caso senza default salvo che il tasso r+s è pagato (continuamente) sul valore del derivato in ogni istante Valore Defaultable collateralizzato uguale al valore attuale al tasso del collateral del pay-off atteso in un mondo neutrale al rischio: V D,G (t) = e -(r+s)(t t) E tq [V(T)] = V ND (t) e -s(t-t) risulta: se s=0: V D,G =V ND se s>0: V D,G < V ND V D,G = V ND (t) - CRA se s<0: V D,G >V ND V D,G =V ND (t) + CRA essendo CRA Collateral l Rate Adjustment t la componente di valore a correzione del Valore no-default dovuta al collateral: CRA =V ND (t) V D,G (t) = V ND (t) [1- e -s(t -t) ] 34

35 Nel caso di un derivato con collateral ideale, se è ammesso IFRS13, si può ipotizzare: CVA G =DVA G =0, essendo CVA G, l aggiustamento per il rischio di credito residuo della controparte (post collateral) DVA G, l aggiustamento per il rischio di credito residuo del debitore (post collateral) In realtà, come già osservato, anche in un derivato collateralizzato esiste un rischio di credito residuo rischio non garantito. Se è ammesso IFRS13: V D,G (t) () = V ND (t) () (CVA G -DVA G ) -CRA Osservazione. Sia: s = rb * -r = rc * -r = x. CRA nel caso di derivato con collateral ideale è uguale a (CVA-DVA) nel caso di derivato senza collateral. 35

36 Osservazione. La CRA, come la DVA e CVA, è calcolata l con simulazione Montecarlo. Osservazione. La CRA è diversa dalla CVA e dalla DVA perché: CRA dipende dal tasso del collateral, che è un tasso contrattuale; CVA e DVA dipendono dai credit spreads delle parti (e da altre variabili di mercato) se cambiano i credit spreads cambiano CVA e DVA CRA è addditivo (i.e. può essere calcolato per la singola transazione) se esiste Netting, CVA e DVA non sono additivi e devono essere calcolate sul portafoglio, anche tenendo conto dell esistenza di eventuali accordi di collateralizzazione. 36

37 Esempio Caratteristiche derivato OTC IRS plain vanilla start date: 10 Apr 2012 maturity: 10Y nozionale: EUR 100M banca paga 6M Euribor (SA, 30/360) controparte t paga Tasso swap 2.30% (SA, act/360) rating controparte (modello interno): B 5Y CDS: 143 bp Caratteristiche Collateral two ways frequenza: giornaliera threshold: 0 MTA: 0 divisa: EUR IRS senza collateral (rischio credito): CVA = (1.5 bp p.a.) IRS con collateral (rischio residuo): CVA G = (0.3 bp p.a.) CVA calcolata come hedging cost of loan equivalent on cds market [Michel, 2012] 37

38 se caratteristiche Collateral two ways frequenza: settimanale threshold: 0 MTA: 0 divisa: EUR IRS con collateral (rischio residuo): CVA G = (0.4 bp p.a.) se caratteristiche Collateral two ways frequenza: giornaliera threshold: MTA: 0 divisa: EUR IRS con collateral (rischio residuo): CVA G = (0.5 bp p.a.) 38

39 Indice degli argomenti 1. Gli strumenti EMIR per la mitigazione del rischio di credito 2. Elementi base su derivati e rischio di credito 2.1 Il caso ideale (senza rischio di credito) 2.22 Il caso con rischio di credito 3. Le tecniche bilaterali di mitigazione del rischio di credito 3.1 Netting 3.2 Collateralizzazione 4. Sul clearing centralizzato t del rischio di credito 4.1 Mercati standardizzati 4.2 Mercati OTC 5. Per concludere Riferimenti bibliografici 39

40 EMIR richiede la gestione centralizzata del rischio di credito per alcune tipologie i di derivati OTC Central Clearing Party (CCP) Once it has been negotiated between two parties, A and B, an OTC derivatives transaction can be cleared by being presented to a central clearing counterparty (CCP). Assuming the CCP accepts the transaction, it becomes the counterparty to both A and B The CCP takes on the credit risk of both A and B. It manages this risk by requiring an initial margin and calculating daily variation margins. It therefore operates in much the same way as a clearinghouse does for exchange-traded products such as futures [Hull (2010)] 40

41 Indice degli argomenti 1. Gli strumenti EMIR per la mitigazione del rischio di credito 2. Elementi base su derivati e rischio di credito 2.1 Il caso ideale (senza rischio di credito) 2.22 Il caso con rischio di credito 3. Le tecniche bilaterali di mitigazione del rischio di credito 3.1 Netting 3.2 Collateralizzazione 4. Sul clearing centralizzato t del rischio di credito 4.1 Mercati standardizzati 4.2 Mercati OTC 5. Per concludere Riferimenti bibliografici 41

42 Tra gli obiettivi di una borsa valori: organizzare gli scambi per minimizzare il rischio di credito contratti futures soggetti: investitori, broker, clearinghouse strumento: sistema dei margini (depositi di garanzia) Clearinghouse Organo di borsa che funge da intermediario nelle transazioni futures e garantisce la solvibilità delle parti dell operazione soci-broker che aderiscono alla clearinghouse (i broker non soci operano attraverso i soci-broker) ogni socio-broker ha un conto di deposito presso la clearinghouse (margine di compensazione, clearing margin) ogni investitore ha un conto di deposito presso un broker (margin acccount) 42

43 Logica di funzionamento alla fine di ogni giorno i conti di deposito sono accreditati/addebitati in funzione dei profitti/perdite realizzati rispetto al giorno precedente (marking to market) alla fine di ogni giorno è riportato a zero il valore dei contratti 43

44 conto di deposito broker-investitore investitore versa margine iniziale (initial margin), per cassa o depositando titoli (haircut) se saldo deposito a fine giornata è: i. maggiore del margine iniziale, l investitore può prelevare l eccedenza; ii. minore del margine di mantenimento (minore del margine iniziale) l investitore riceve una richiesta di integrazione (margin call) e se entro il giorno successivo non reintegra il deposito al margine iniziale (margine di variazione, variation margin) il broker chiude la posizione se il conto deposito è remunerato a un tasso concorrenziale non esistono costi-opportunitàopportunità per l investitore 44

45 i margini iniziali e di mantenimento minimi sono stabiliti dalla Borsa, il broker può aumentarli anche in funzione della variabilità del sottostante. Es. margini iniziali diversi per diverse tipologia i di derivati fissati in funzione della variabilità potenziale del valore della posizione a 1 o 2 giorni (difficoltà per i prodotti più complessi che possono presentare andamenti del valore con salti ). Es. margine di mantenimento al 75% margine iniziale i margini richiesti possono dipendere dall obiettivo dell investitore. Es. minori se finalità di copertura anziché speculativa (produttore di un bene che vende future su quel bene: si presume che abbia rischio di insolvenza minore); minori se day trades anziché copertura i margini richiesti possono essere uguali per posizioni lunghe o corte, diversi per tipo di mercato (future, spot) 45

46 conto di deposito clearinghouse-broker è previsto un margine iniziale ma non un margine di mantenimento alla fine di ogni giornata il saldo del conto soci per tipo di contratto deve essere uguale al prodotto tra margine iniziale e numero di contratti in essere il numero di contratti in essere può essere calcolato su base lorda, senza compensazione delle posizioni (totale posizioni ii ilunghe + totale posizioni ii i corte) osu base netta (con compensazione delle posizioni) 46

47 Esempio [Hull (2012), p. 32] 47

48 Indice degli argomenti 1. Gli strumenti EMIR per la mitigazione del rischio di credito 2. Elementi base su derivati e rischio di credito 2.1 Il caso ideale (senza rischio di credito) 2.22 Il caso con rischio di credito 3. Le tecniche bilaterali di mitigazione del rischio di credito 3.1 Netting 3.2 Collateralizzazione 4. Sul clearing centralizzato t del rischio di credito 4.1 Mercati standardizzati 4.2 Mercati OTC 5. Per concludere Riferimenti bibliografici 48

49 Utilizzo delle stanze di compensazione anche per le transazioni nei mercati OTC: due parti chiudono bilateralmente una transazione OTC la negoziazione del contratto è comunicata alla CCP la CCP diventa la controparte delle due parti (come nei future) la CCP assume il rischio di credito delle due parti e lo gestisce con il sistema dei margini 49

50 Sugli effetti della gestione centralizzata del rischio di credito nei mercati OTC: automatismo dei depositi di garanzia riduzione del rischio di credito maggiore trasparenza delle transazioni OTC gli effetti di una gestione centralizzata, in termini di riduzione del rischio di credito, dipendono dal numero delle CCP e dalla quota delle transazioni i OTC regolate centralmente t rispetto al totale. In particolare, i benefici da riduzione del rischio diminuiscono se il numero di CCP aumenta aumentano se la quota aumenta requisiti di patrimonio delle CCP 50

51 Formalmente [Duffie, Zhu (2011)] PROPOSITION 1 The introduction of a CCP for a particular class of derivatives leads to a reduction in average expected counterparty exposures if and only if 2 N 1 R > N 2 Where R is the ratio of the pre-ccp expected entity-to-entity exposures of the class in question to the expected entity-to-entity exposures of all other class combined Esempio. CCP=1, N=12 controparti: il clearing centralizzato di 1 tipologia di derivati OTC migliora la netting efficiency (rispetto al caso bilaterale) se solo se R > 66%. il clearing centralizzato di una singola tipologia di derivati può ridurre la netting efficiency, perché aumenta la expected counterparty t exposure e la domandad di collaterale l 51

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte

Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte QFIN LAB 14 Febbraio2012 Rita Gnutti Direzione Risk Management Responsabile Modello Interno

Dettagli

Alcune considerazioni tecniche sugli strumenti dell innovazione finanziaria

Alcune considerazioni tecniche sugli strumenti dell innovazione finanziaria Master universitariodi secondolivelloin Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Alcune considerazioni tecniche sugli strumenti dell innovazione finanziaria Prof. Carlo D. Mottura ordinario nell

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI M. FANNO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza TESI DI LAUREA Tecniche di Quantizzazione per la stima dell Esposizione

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operatività in derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari SULLA STRUTTURA FINANZIARIA DI CONTRATTI ASSICURATIVI LINKED CON MINIMO GARANTITO SOMMARIO 1. Introduzione

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

L active management - spinte regolamentari e opportunità di business. ABI -24 giugno 2015

L active management - spinte regolamentari e opportunità di business. ABI -24 giugno 2015 L active management - spinte regolamentari e opportunità di business ABI -24 giugno 2015 Agenda Introduzione Active management I principali Impatti Active management Le innovazioni Active management Un

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Rischio di controparte nei derivati OTC

Rischio di controparte nei derivati OTC Rischio di controparte nei derivati OTC Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il rischio di controparte nei derivati

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercato Monetario Il mercato monetario è relativo allo scambio intertemporale di ingenti quantità di liquidità con un orizzonte inferiore

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Strumenti finanziari derivati ed enti locali

Strumenti finanziari derivati ed enti locali Strumenti finanziari derivati ed enti locali Torino, 17 aprile 2008 Lorenzo Ferreri Pagina 1 di 28 Sommario Definizioni Operatività Tipologie Interest Rate Swap IRS Normativa Classificazione operatori

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

Introduzione alla gestione del rischio di controparte e liquidità. Aldo Nassigh 27 Settembre 2010

Introduzione alla gestione del rischio di controparte e liquidità. Aldo Nassigh 27 Settembre 2010 Introduzione alla gestione del rischio e liquità Aldo Nassigh 27 Settembre 2010 Il rischio : definizione Rischio Controparte Rischio creto dovuto alle alle operazioni in in derivati con con controparti

Dettagli

Principali tipologie di rischio finanziario

Principali tipologie di rischio finanziario Principali tipologie di rischio finanziario Rischio di mercato: dovuto alla variabilità dei prezzi delle attività finanziarie Rischio di credito: dovuto alla possibilità che la controparte venga meno ai

Dettagli

LE OPERAZIONI DI SWAP: FAIR VALUE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE

LE OPERAZIONI DI SWAP: FAIR VALUE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE LE OPERAZIONI DI SWAP: FAIR VALUE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE ABI, Forum BANCHE E PA 2012 Gestione delle passività degli enti locali e operatività in strumenti finanziari Roma, 23 febbraio 2012 Roberto

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

Ipotesi di implementazione. riskart Collateral Management (rcm) e. riskart Smart Tools (rst) Aggiornamento offerta

Ipotesi di implementazione. riskart Collateral Management (rcm) e. riskart Smart Tools (rst) Aggiornamento offerta Ipotesi di implementazione riskart Collateral Management (rcm) e riskart Smart Tools (rst) Aggiornamento offerta Modello riskart Copyright riskart srl 2014 - All rights reserved Pagina 1 di 10 Sommario

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE Il presente documento fornisce un primo schema di Istruzioni di vigilanza inerenti

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) Modifica del 24 novembre 2004 La Commissione federale delle banche (CFB) ordina: I L ordinanza della CFB del 24 gennaio 2001 1 sui fondi d investimento

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

La trasversalità della funzione di convalida interna, applicata al framework complessivo del Credit e del Counterparty Risk

La trasversalità della funzione di convalida interna, applicata al framework complessivo del Credit e del Counterparty Risk La trasversalità della funzione di convalida interna, applicata al framework complessivo del Credit e del Counterparty Risk Milano, 14 febbraio 2012 Group Internal Validation UniCredit CRO AGENDA Overview

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005)

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) 951.311.1 del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) La Commissione federale delle banche (CFB), visti gli articoli 43 capoverso 2 e 53 capoverso 4

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Novembre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010 Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dal Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. (ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

COMUNICATO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, D. LGS. 58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB

COMUNICATO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, D. LGS. 58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB COMUNICATO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, D. LGS. 58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB Siena, 24 aprile 2013 Su richiesta della Consob, in vista dell assemblea dei soci convocata per il giorno

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo 13 novembre 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione Padergnone, 16 gennaio 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

COLLANA DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA. DERIVATI E ENTI LOCALI: COMMISSIONI O IPOTESI IMPLICITE? Il caso del Long Term Collar Swap. Carlo D.

COLLANA DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA. DERIVATI E ENTI LOCALI: COMMISSIONI O IPOTESI IMPLICITE? Il caso del Long Term Collar Swap. Carlo D. COLLANA DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA DERIVATI E ENTI LOCALI: COMMISSIONI O IPOTESI IMPLICITE? Il caso del Long Term Collar Swap Carlo D. Mottura Working Paper n 99, dicembre 2008 - I Working Papers del

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Salvo diversa indicazione, tutti i dati riportati sono aggiornati al 30.05.2014 SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Quanto segue costituisce

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI 15 Settembre 2014 TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI Avv. CARMINE ONCIA Milano Roma Bruxelles SOMMARIO EMIR AMBITO APPLICATIVO TECNICHE DI

Dettagli

IFRS 13 VALUTAZIONE AL FAIR VALUE

IFRS 13 VALUTAZIONE AL FAIR VALUE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IFRS 13 VALUTAZIONE AL FAIR VALUE PAOLO TERAZZI 15 Novembre 2013 Agenda Obiettivi e Ambito di Applicazione Definizione di Fair Value Applicazione ad asset

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Credit derivative. Finalità: gestione dei rischi di credito. Utilizzatori: Banche Investitori istituzionali Imprese di grandi dimensioni

Credit derivative. Finalità: gestione dei rischi di credito. Utilizzatori: Banche Investitori istituzionali Imprese di grandi dimensioni I CREDIT DERIVATIVE Credit derivative Definizione: Strumenti che consentono di isolare e negoziare il rischio di credito relativo a una determinata attività, senza che l attività medesima venga trasferita

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

L evoluzione delle tecniche di Bootstrap.

L evoluzione delle tecniche di Bootstrap. Dipartimento di Economia e Management Cattedra di Matematica Finanziaria L evoluzione delle tecniche di Bootstrap. Le curve vs Euribor dopo la crisi di Lehman Brother. RELATORE Prof.ssa Gabriella Foschini

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Dott. Bettina Corves Wunderer CFO Allianz SpA Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il ruolo dell industria

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI IMPEGNI ASSUNTI NELLA GESTIONE DEL FONDO IN RELAZIONE A OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI IMPEGNI ASSUNTI NELLA GESTIONE DEL FONDO IN RELAZIONE A OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI IMPEGNI ASSUNTI NELLA GESTIONE DEL FONDO IN RELAZIONE A OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SEZIONE I PREMESSA ( 1 ) Per il calcolo dell esposizione complessiva

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6 da emettersi nell ambito del programma BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL BILANCIO D ESERCIZIO 2006 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI (art. 2427-bis e art. 2428, co. 2, n. 6-bis) Documento n. 5 del 21 marzo 2007 CIRCOLARE Via G. Paisiello,

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department LA GESTIONE DELL ESPOSIZIONE VALUTARIA MARIO ANTONIO VINZIA SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department Risk management Come si copre? Previsione dell esposizione esposizione aziendale al

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli