A cura di Villiam Zanoni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di Villiam Zanoni"

Transcript

1 1

2 2

3 Le norme ordinamentali lavoristiche D.P.R. n 1092/1973, articolo 4 (STATO - 65 anno di età) Legge n 70/1975, articolo 12 (EPNE - 65 anno di età) D.P.R. n 761/1979, articolo 53 (SANITA - 65 anno di età) (personale sanitario e tecnico laureato, amministrativo, di assistenza religiosa e professionale) (SANITA - 60 anno di età) (restante personale) DPR n 382/ Legge n 230/2005 (DOCENTI UNIVERSITARI - 65 /68 /70 anno di età) (RICERCATORI e ASSISTENTI - 65 anno di età) RDL n 511/1946, articolo 5 (MAGISTRATI - 70 anno di età) 3

4 Le norme ordinamentali lavoristiche Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica Articolo 24, comma 4, D.L. n 201/2011, convertito in legge n 214/2011 (, fermi restando i limiti ordinamentali dei rispettivi settori di appartenenza,.) (Circolare n 2 del 8 marzo 2012) ( rimangono vincolanti per tutti i dipendenti i limiti fissati dalla normativa generale.) (STATO - 65 anno di età - EPNE - 65 anno di età) ( limiti applicabili in via analogica anche alle altre categorie di dipendenti in mancanza di diversa indicazione normativa ) 4

5 Le norme ordinamentali lavoristiche Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica (Circolare n 2 del 8 marzo 2012) una volta raggiunto il limite di età ordinamentale l amministrazione prosegue il rapporto di lavoro o di impiego con il dipendente sino al conseguimento del requisito minimo per il diritto alla pensione (il principio della prosecuzione si desume dall articolo 6, comma 2 bis, del decreto legge n 278 del 2007, convertito in legge n 31 del 2008 ) 5

6 Le norme ordinamentali lavoristiche D.L. n 248/2007 convertito in legge n 31/2008 Articolo 6. Proroghe in materia previdenziale. 2-bis. L'efficacia delle disposizioni di cui all'articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n 300, e successive modificazioni, nei confronti del prestatore di lavoro nelle condizioni previste dall'articolo 4, comma 2, della legge 11 maggio 1990, n 108, ècomunque prorogata fino al momento della decorrenza del trattamento pensionisticodi vecchiaia spettante al prestatore medesimo. 6

7 Le norme ordinamentali lavoristiche Legge n 108/1990 Articolo 4 Area di non applicazione 2.Le disposizioni di cui all'articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300, come modificato dall'articolo 1 della presente legge, e dell'articolo 2 non si applicano nei confronti dei prestatori di lavoro ultrasessantenni, in possesso dei requisiti pensionistici, 7

8 Decreto Legge n 201/2011 Articolo 24, comma 4 Si cerca di ripristinare lo spirito originale della riforma del 1995 con la reintroduzione della flessibilità in uscita che si realizza attraverso lo strumento dei coefficienti di trasformazione, che dal 2013 si sviluppano fino all età di 70 anni, fermi restando i limiti ordinamentali dei rispettivi settori di appartenenza. 8

9 Decreto Legge n 201/2011 Articolo 24, comma 4 Per garantire ai lavoratori l esercizio del diritto alla flessibilità viene previsto che le disposizioni di cui all articolo 18 dello statuto dei lavoratori, e quindi delle norme sui licenziamenti individuali per giusta causa, trovino applicazione fino alla età di 70 anni (e nel settore pubblico?) 9

10 Decreto Legge n 201/2011 Articolo 24, comma 4 (e nel settore pubblico?) Discende da quanto detto che nel settore del lavoro pubblico non opera il principio di incentivazione alla permanenza in servizio sino a 70 anni enunciato dal comma 4 dell articolo 24 citato. (Circolare n 2/2012 Funzione Pubblica) 10

11 Le norme ordinamentali lavoristiche Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica (Circolare n 2 del 8 marzo 2012) Ne consegue che per i dipendenti che, alla data del 31 dicembre 2011, hanno maturato i requisiti per 1 accesso al pensionamento vigenti prima del decreto legge n 201 del 2011(sia per età, sia per anzianitàcontributiva di 40 anni indipendentemente dall età, sia per somma dei requisiti di età e anzianità contributiva - c.d. quota ), anche nel caso in cui non abbiano ancora conseguito alla predetta data del 31 dicembre 2011 il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico (c.d. finestra ), continuano ad essere vigenti le condizioni legittimanti l accesso al trattamento precedenti e non può trovare applicazione la nuova disciplina, che esplica i suoi effetti esclusivamente nei confronti dei dipendenti che a decorrere dal 1 gennaio 2012 maturano i requisiti per il pensionamento (combinato disposto dei commi 5 e 6). 11

12 Le norme ordinamentali lavoristiche Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica (Circolare n 2 del 8 marzo 2012) Pertanto, l amministrazione, nell anno 2012 o negli anni successivi, dovrà collocare a riposo al compimento dei 65 anni (salvo trattenimento in servizio) quei dipendenti che nell anno 2011 erano già in possesso della massima anzianità contributiva o della quota o comunque dei requisiti previsti per la pensione. Si raccomanda alle amministrazioni di verificare la situazione anagrafica e contributiva dei dipendenti prossimi al pensionamento, anche eventualmente attraverso la consultazione delle banche dati presso l ente previdenziale di riferimento, al fine di verificare il momento di maturazione dei requisiti di etàe di anzianitàcontributiva. 12

13 Le norme ordinamentali lavoristiche Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica (Circolare n 2 del 8 marzo 2012) Come detto, la nuova disciplina riguarda i requisiti per l accesso al trattamento; l articolo 24 non ha invece modificato il regime dei limiti di etàper la permanenza in servizio, la cui vigenza, anzi, è stata espressamente confermata(comma 4 dell articolo 24). Inoltre, per i dipendenti che hanno maturato il diritto a pensione (diversa da quella di vecchiaia), l età ordinamentale costituisce il limite non superabi1e(se non per il trattenimento e per la finestra) in presenza del quale l amministrazione deve far cessare il rapporto di lavoro o di impiego. 13

14 Le norme pensionistiche al VECCHIAIA (ex INPDAP) Età uomo = 65 anni Età donna = 61 anni Contribuzione = 20 anni con deroga 15 anni Finestra per decorrenza = 12 mesi 14

15 Le norme pensionistiche al VECCHIAIA (INPS) Età uomo = 65 anni Età donna = 60 anni Contribuzione = 20 anni con deroga 15 anni Finestra per decorrenza = 12 mesi 15

16 Circolare n 16 del 1 febbraio 2013 DEROGA AI 20 ANNI - per l INPS il criterio era quello del requisito costituito dalla somma fra l anzianità al e il periodo compreso fra l e la data di compimento dell età pensionabile, mai inferiore a 15 anni; - per l INPDAP il criterio era quello di consentire l accesso comunque con i 15 anni di contribuzione a chi aveva contribuzione al

17 Le norme pensionistiche al ANZIANITA A prescindere dall età = 40 anni Età = 60 anni Contribuzione = 35 anni Quota = 96 Finestra per decorrenza = 12 mesi 17

18 Le norme pensionistiche dal VECCHIAIA Età uomo e donna = 66 anni Contribuzione = 20 anni ANTICIPATA Contributi donna = 41 anni e 1 mese Contributi uomo = 42 anni e 1 mese 18

19 ANNO 2013 e seguenti NO Vecchi limiti di età ma con accompagnamento a pensione Compimento età ordinamentale Diritto a pensione? SI Vecchi limiti 19

20 Età Anni INDICIZZAZIONE 3 mesi 4 mesi 5 mesi 3 mesi 2 mesi 4 mesi 3 mesi 2 mesi 3 mesi 3 mesi 2 mesi 2 mesi 2 mesi 2 mesi RISULTATO COMBINATO 3 mesi 7 mesi 1 anno 1 anno e 3 mesi 1 anno e 5 mesi 1 anno e 9 mesi 2 anni 2 anni e 2 mesi 2 anni e 5 mesi 2 anni e 8 mesi 2 anni e 10 mesi 3 anni 3 anni e 2 mesi 3 anni e 4 mesi 20

21 La pensione di vecchiaia Uomini e donne pubbliche Comma 6 Età Anni UOMINI 65 anni 66 anni 66 anni e 3 mesi 66 anni e 7 mesi 67 anni 67 anni e 3 mesi DONNE PI 61 anni 66 anni 66 anni e 3 mesi 66 anni e 7 mesi 67 anni 67 anni e 3 mesi 21

22 La pensione di vecchiaia Lavoratrici private Comma 6 Età Anni DIPENDENTI 61 anni 62 anni 62 anni e 3 mesi 63 anni e 9 mesi 63 anni e 9 mesi 65 anni e 7 mesi 65 anni e 7 mesi 66 anni e 7 mesi 67 anni AUTONOME * 61 anni 63 anni e 6 mesi 63 anni e 9 mesi 64 anni e 9 mesi 64 anni e 9 mesi 66 anni e 1 mese 66 anni e 1 mese 66 anni e 7 mesi 67 anni * Compresa la Gestione Separata 22

23 DECRETO LEGGE N 201/2011 Comma 7 Inoltre, per i lavoratori che hanno solo contributi dopo il 1995, è previsto che la pensione sia liquidabile solo con un importo pari a 1,5 volte l assegno sociale (2014 = 447,61 x 1,5 = 671,42 euro) (2015 = 448,52 x 1,5 = 672,78 euro) 23

24 DECRETO LEGGE N 201/2011 Comma 7 Si è derogati dall importo di 672,78 euro indicizzati solo al compimento dei 70 anni (indicizzati) e con una anzianità di contribuzione effettiva di almeno 5 anni. 24

25 INDICIZZAZIONE 70 ANNI anni 70 anni e 3 mesi 70 anni e 7 mesi 71 anni 71 anni e 3 mesi 71 anni e 5 mesi 71 anni e 9 mesi 72 anni 72 anni e 2 mesi 72 anni e 5 mesi 72 anni e 8 mesi 72 anni e 10 mesi 73 anni 25

26 26

27 PARERE FUNZIONE PUBBLICA N DEL 19 MARZO

28 PARERE FUNZIONE PUBBLICA N DEL 4 APRILE

29 T.A.R. Lazio n 2446 del 10 gennaio/7 marzo 2013 Annulla la circolare n 2 del 2012 del Dipartimento della funzione pubblica, nella parte in cui essa stabilisce che l amministrazione dovrà collocare a riposo al compimento del 65 anno di età i dipendenti che nell anno 2011 erano già in possesso della massima anzianità contributiva, o comunque dei requisiti prescritti per l accesso ad un trattamento pensionistico diverso dalla pensione di vecchiaia. 29

30 Decreto legge n 101 del Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni. Articolo 2 (Disposizioni in tema di accesso nelle pubbliche amministrazioni, di assorbimento delle eccedenze e potenziamento della revisione della spesa anche in materia di personale) 5. L articolo 24, comma 4, secondo periodo, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n 201, convertito in legge 22 dicembre 2011, n 214, si interpreta nel senso che per i lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni il limite ordinamentale, previsto dai singoli settori di appartenenza per il collocamento a riposo d ufficio e vigente alla data di entrata in vigore del decreto-legge stesso, non è modificato dall elevazione dei requisiti anagrafici previsti per la pensione di vecchiaia. 30

31 Decreto legge n 101 del Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni. Articolo 2 (Disposizioni in tema di accesso nelle pubbliche amministrazioni, di assorbimento delle eccedenze e potenziamento della revisione della spesa anche in materia di personale) 5.. e costituisce il limite non superabile, se non per il trattenimento in servizio o per consentire all interessato di conseguire la prima decorrenza utile della pensione ove essa non sia immediata, al raggiungimento del quale l amministrazione deve far cessare il rapporto di lavoro o di impiego se il lavoratore ha conseguito, a qualsiasi titolo, i requisiti per il diritto a pensione. Circolare n 2/

32 32

33 Legge n 183/2010 (articolo 14) (Collegato lavoro) Articolo 14 Modifiche alla disciplina del trattamento di dati personali effettuato da soggetti pubblici Dopo il comma 11 dell articolo 72 del decretolegge 25 giugno 2008, n 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n 133, e successive modificazioni, è aggiunto il seguente: «11-bis. Per le determinazioni relative ai trattenimenti in servizio e alla risoluzione del rapporto di lavoro e di impiego, gli enti e gli altri organismi previdenziali comunicano, anche in via telematica, alle amministrazioni pubbliche richiedenti i dati relativi all anzianità contributiva dei dipendenti interessati». 33

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

(art. 24, comma 18, decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214)

(art. 24, comma 18, decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214) Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del personale comparto difesa sicurezza e comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico (art. 24, comma 18, decreto-legge

Dettagli

I.n.p.d.a.p. - Circolare n. 7 1 del 13 maggio 2008 (applicazione legge 247/2007)

I.n.p.d.a.p. - Circolare n. 7 1 del 13 maggio 2008 (applicazione legge 247/2007) I.n.p.d.a.p. - Circolare n. 7 1 del 13 maggio 2008 (applicazione legge 247/2007) Tab. 1 nuovi requisiti per le pensioni di anzianità ANNO REQUISITI (età + anni di contribuzione) Dal 1/1/08 al 30/6/09 58

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 56 25.03.2015 INPS: i nuovi requisiti pensionistici Dal 1 gennaio 2016, per accedere alla pensione di vecchiaia serviranno

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 9 DEL 19/01/2016. SETTORE Organizzazione Interna

DETERMINAZIONE N. 9 DEL 19/01/2016. SETTORE Organizzazione Interna Citta' Metropolitana di Firenze DETERMINAZIONE N. 9 DEL 19/01/2016 SETTORE Oggetto: COLLOCAMENTO A RIPOSO D'UFFICIO DEL DIPENDNTE FELICE PIETRO PASQUALE, PER SUPERATI LIMITI ORDINAMENTALI Responsabile

Dettagli

I NUOVI TRATTAMENTI PENSIONISTICI disciplina vigente

I NUOVI TRATTAMENTI PENSIONISTICI disciplina vigente I NUOVI TRATTAMENTI PENSIONISTICI disciplina vigente DL 201 DEL 6/12/2011 E N 216/2011 E DELLE PRIME INDICAZIONI AMMINISTRATIVE (circolare INPS 14 marzo 2012, n 35) 1995 - DINI L. 335 (CONTRIBUTIVO/GESTIONE

Dettagli

I nuovi requisiti per la pensione dal 2016

I nuovi requisiti per la pensione dal 2016 I nuovi requisiti per la pensione dal 2016 Aumentano dal 2016 i requisiti per andare in pensione, in attuazione dell alle, con quattro mesi in più di età e un di 0,3 punti per chi ancora si ritira con

Dettagli

Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008

Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008 1 Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008 Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria. Articolo

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI SEDE

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI SEDE Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Contributi e Prestazioni Direzione Prestazioni Previdenziali CIRCOLARE N. 1, DEL 14/01/2009

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

SCHEDA DELLE NOVITA PREVIDENZIALI INTRODOTTE DALLA L. 111/2011 (D.L. 98/2011) E DALLA L. 148/2011 (D.L.138/2011).

SCHEDA DELLE NOVITA PREVIDENZIALI INTRODOTTE DALLA L. 111/2011 (D.L. 98/2011) E DALLA L. 148/2011 (D.L.138/2011). SCHEDA DELLE NOVITA PREVIDENZIALI INTRODOTTE DALLA L. 111/2011 (D.L. 98/2011) E DALLA L. 148/2011 (D.L.138/2011). Modifiche per chi dovrà accedere alla pensione (dipendenti del settore pubblico) 1. Anticipo

Dettagli

Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. Prime istruzioni.

Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. Prime istruzioni. Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 31-12-2007 Messaggio n. 30923 Allegati 2 OGGETTO: Legge 24 dicembre 2007, n. 247 Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e

Dettagli

1 - Premessa. Direzione centrale Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

1 - Premessa. Direzione centrale Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale Prestazioni Roma, 9 Dicembre 2008 Circolare n. 108 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

La legge di stabilità 2016

La legge di stabilità 2016 PRIMA e DOPO La legge di stabilità 2016 Art. 24, comma 10, DL 201/2011 Art. 1, comma 113, L. 190 /2014) La pensione anticipata La pensione anticipata si consegue con un requisito contributivo uguale per

Dettagli

I «Vecchi requisiti» per l accesso alle pensioni ante riforma Monti -Fornero

I «Vecchi requisiti» per l accesso alle pensioni ante riforma Monti -Fornero I «Vecchi requisiti» per l accesso alle pensioni ante riforma Monti -Fornero A cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani per FNP CISL Milano Aggiornata al 4 novembre 2014 2 Pensione di vecchiaia DONNE

Dettagli

04/03/2011. La nuova decorrenza dei trattamenti pensionistici.

04/03/2011. La nuova decorrenza dei trattamenti pensionistici. 04/03/2011 Come noto, con il recente d.l. del 31 maggio 2010, n. 78 (conv. in l. 30.07.2010, n. 122) il legislatore ha nuovamente disciplinato la regolamentazione delle decorrenze di accesso per i trattamenti

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE SCUOLA EFFETTI AUMENTO ETA' ANAGRAFICA E SPERANZA DI VITA come disposto dall'art.12-comma 12-bis e ter + comma 12-sexies

PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE SCUOLA EFFETTI AUMENTO ETA' ANAGRAFICA E SPERANZA DI VITA come disposto dall'art.12-comma 12-bis e ter + comma 12-sexies PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE SCUOLA EFFETTI AUMENTO ETA' ANAGRAFICA E SPERANZA DI VITA come disposto dall'art.12-comma 12-bis e ter + comma 12-sexies DECRETO-LEGGE 31 maggio 2010, n. 78 convertito in legge

Dettagli

Scritto da Perziani Domenica 01 Aprile 2012 18:18 - Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Aprile 2012 08:16

Scritto da Perziani Domenica 01 Aprile 2012 18:18 - Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Aprile 2012 08:16 IL VECCHIO MONDO - I DIRITTI ACQUISTI di PIETRO PERZIANI (Aprile 2012) La legge 214/2011 fissa i confini tra il vecchio e il nuovo sistema, tra il vecchio e il nuovo mondo, al comma tre dell art. 24, primo

Dettagli

Roma, 07/10/2008 Prot. n. 0054528 A tutto il Personale SEDE

Roma, 07/10/2008 Prot. n. 0054528 A tutto il Personale SEDE Roma, 07/10/2008 Prot. n. 0054528 A tutto il Personale SEDE Oggetto: L. n. 247/2007 - Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività per favorire l equità e

Dettagli

CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012

CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 Introduzione del pro-rata contributivo: Le quote di pensione relative alle anzianità contributive maturate a decorrere dal 1 gennaio 2012, saranno

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI

LA RIFORMA DELLE PENSIONI LA RIFORMA DELLE PENSIONI Saverio Petragallo Unità Operativa Formazione INAS Giornata di formazione UST-LECCE 1 ottobre 2012 Cassa Edile la riforma delle pensioni Decreto Legge n.201 del 6 dicembre 2011

Dettagli

La riforma Tremonti sulla previdenza obbligatoria

La riforma Tremonti sulla previdenza obbligatoria R.S.U. Siae Microelettronica La riforma Tremonti sulla previdenza obbligatoria Decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito in Legge 30 luglio 2010, n. 122, art. 12. In sintesi la riforma prevede: 1

Dettagli

NOTA DIVULGATIVA. Direzione Centrale Previdenza. Roma, 03/08/2010 Prot. n.10560. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

NOTA DIVULGATIVA. Direzione Centrale Previdenza. Roma, 03/08/2010 Prot. n.10560. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Roma, 03/08/2010 Prot. n.10560 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle Organizzazioni

Dettagli

Le novità del 2010 IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

Le novità del 2010 IL SISTEMA CONTRIBUTIVO Le novità del 2010 La legge n. 247 del 23 luglio 2007 ha modificato in parte la disciplina pensionistica introdotta dalla legge n. 243 de 23 agosto 2004 (Legge Maroni); di seguito riportiamo una sintesi

Dettagli

Ricordiamo che tutte le disposizioni della riforma hanno decorrenza 01/01/2012.

Ricordiamo che tutte le disposizioni della riforma hanno decorrenza 01/01/2012. IL NUOVO MONDO - LA RIFORMA MONTI/FORNERO di PIETRO PERZIANI (Aprile 2012) La Legge 214/201, all articolo 24, innova profondamente la materia pensionistica, sia per quanto attiene ai requisiti di accesso

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Roma, 04-12-2007. Messaggio n. 29224

Direzione Centrale delle Prestazioni. Roma, 04-12-2007. Messaggio n. 29224 Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 04-12-2007 Messaggio n. 29224 OGGETTO: legge 23 agosto 2004, n. 243. Nuove disposizioni in materia di accesso alla pensione di anzianità nel sistema retributivo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 21-06-2016 Messaggio n. 2769 Allegati n.1 OGGETTO: Articolo 1, comma 276,

Dettagli

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena)

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Determinazione nr. 819 Del 30/08/2016 Risorse Umane OGGETTO: Pensionamento anticipato di anzianità di personale dipendente con effetti dal 1/1/2017.

Dettagli

OR.S.A. LE PENSIONI NEL PROSSIMO VENTENNIO DAL 2012 AL 2031

OR.S.A. LE PENSIONI NEL PROSSIMO VENTENNIO DAL 2012 AL 2031 OR.S.A. ORGANIZZAZIONE SINDACATI AUTONOMI E DI BASE LE PENSIONI NEL PROSSIMO VENTENNIO DAL 2012 AL 2031 DOPO LA TREMONTI TER (LEGGE 14/9/2011, N. 148) a cura di Giustino DI NALLO GUIDA PRATICA Versione

Dettagli

Ufficio VII - Ambito territoriale di Forlì-Cesena e Rimini sede provinciale di Forlì-Cesena. Ufficio Pensioni

Ufficio VII - Ambito territoriale di Forlì-Cesena e Rimini sede provinciale di Forlì-Cesena. Ufficio Pensioni Prot. n. 7106/C2/Pens. Forlì, 28/12/2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Provincia Loro Sedi p.c. alle OO.SS. della Scuola Loro Sedi OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2016

Dettagli

AUSLRE di 2 Atto 2015/R.GEP/0081 del 11/11/2015: Inserimento Albo 12/11/2015 Pagina 1

AUSLRE di 2 Atto 2015/R.GEP/0081 del 11/11/2015: Inserimento Albo 12/11/2015 Pagina 1 AUSLRE di 2 Atto 2015/R.GEP/0081 del 11/11/2015: Inserimento Albo 12/11/2015 Pagina 1 ATTO DEL SERVIZIO INTERAZIENDALE GESTIONE ECONOMICA DEL PERSONALE 2015/R.GEP/0081 DEL 11/11/2015 OGGETTO: Collocamento

Dettagli

Il sistema previdenziale

Il sistema previdenziale Il sistema previdenziale di Alberto Forti Il sistema previdenziale italiano è oggi distinto nella: previdenza obbligatoria, comunemente detta primo pilastro ; previdenza complementare, comunemente detta

Dettagli

LA SCHEDA NORMATIVA DEL DECRETO LEGGE 90/2014

LA SCHEDA NORMATIVA DEL DECRETO LEGGE 90/2014 LA SCHEDA NORMATIVA DEL DECRETO LEGGE 90/2014 TESTO ORIGINALE MODIFICHE APPORTATE dalla 1ª Commissione del Senato Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono

Dettagli

La riforma della previdenza obbligatoria

La riforma della previdenza obbligatoria La riforma della previdenza obbligatoria Le novità della legge Monti - Fornero Dott. Marco Sala Milano, 15 aprile 2013 1 Popolazione Italiana 60.626.400 Forza lavoro 25.115.000 2 Pensioni erogate in Italia

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI. D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 convertito con mod. in L. 22 dicembre 2011, n. 214

LA RIFORMA DELLE PENSIONI. D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 convertito con mod. in L. 22 dicembre 2011, n. 214 LA RIFORMA DELLE PENSIONI. D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 convertito con mod. in L. 22 dicembre 2011, n. 214 COME E CAMBIATO IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO? 1 FINALITÀ DELLA RIFORMA (ART. 24, CO. 1) Le

Dettagli

Circolare Informativa Confcommercio Imprese per l Italia Settore Politiche Legislative e Welfare

Circolare Informativa Confcommercio Imprese per l Italia Settore Politiche Legislative e Welfare Circolare Informativa Confcommercio Imprese per l Italia Settore Politiche Legislative e Welfare Oggetto: Manovra Finanziaria Novità in materia previdenziale Facciamo seguito alle precedenti comunicazioni

Dettagli

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) maturazione del diritto

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) maturazione del diritto Anche questo anno ho cercato, come per gli scorsi anni, di esporre ai Colleghi una sintesi delle possibili uscite nel 2016, in modo schematico e il più chiaro possibile. Spero di esservi riuscito. Ringrazio

Dettagli

Spiegate le novità per la finestra mobile e i tempi.

Spiegate le novità per la finestra mobile e i tempi. Spiegate le novità per la finestra mobile e i tempi. Pubblicata dall INPDAP, in data 9 novembre 2011, la circolare n 16, avente come oggetto Interventi in 1.1) Documentazione disponibile > INPDAP, 9 novembre

Dettagli

Registrazione contabile. Il Dirigente Responsabile

Registrazione contabile. Il Dirigente Responsabile Determinazione del n. del OGGETTO: IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO A Z I E N D A S A N I T A R I A L O C A L E AL Sede legale: Viale Giolitti 2 15033 Casale Monferrato (AL) Partita IVA/Codice Fiscale

Dettagli

MANOVRA MONTI. Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n.201 Articolo 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici

MANOVRA MONTI. Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n.201 Articolo 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici MANOVRA MONTI Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n.201 Articolo 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici Dal 1 gennaio 2012 sistema contributivo per tutti Quindi tutti coloro che

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 25/06/2015 Circolare n. 125 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

INPS - Messaggio 13 dicembre 2012, n. 20600

INPS - Messaggio 13 dicembre 2012, n. 20600 INPS - Messaggio 13 dicembre 2012, n. 20600 Decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111; decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Circolare 8 marzo 2012, n.2/2012 (prot. n. DFP )

Presidenza del Consiglio dei Ministri Circolare 8 marzo 2012, n.2/2012 (prot. n. DFP ) Presidenza del Consiglio dei Ministri Circolare 8 marzo 2012, n.2/2012 (prot. n. DFP 0010045) Decreto legge n. 201 del 2011, convertito in l. n. 214 del 2011, c.d. "decreto salva Italia" - art. 24 - limiti

Dettagli

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima Sistema retributivo = anzianità pari o superiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema misto = anzianità inferiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema contributivo = chi inizia per la prima volta a lavorare dal

Dettagli

SALA CONVEGNI VEGGIOLETTA Banca di Piacenza via 1 maggio 37 - Piacenza. La previdenza del Medico e dell Odontoiatra

SALA CONVEGNI VEGGIOLETTA Banca di Piacenza via 1 maggio 37 - Piacenza. La previdenza del Medico e dell Odontoiatra SALA CONVEGNI VEGGIOLETTA Banca di Piacenza via 1 maggio 37 - Piacenza sabato 13 ottobre 2012 La previdenza del Medico e dell Odontoiatra Un mio collegiale saluto a tutti i Colleghi presenti Chissà se

Dettagli

GILDA DEGLI INSEGNANTI MODENA LE NUOVE REGOLE PER LE PENSIONI

GILDA DEGLI INSEGNANTI MODENA LE NUOVE REGOLE PER LE PENSIONI LE NUOVE REGOLE PER LE PENSIONI Personale della scuola norme in vigore dal 1 gennaio 2012 L articolo 24 del decreto legge n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni dalla legge n. 214 del

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con Visto l articolo 1, comma 284, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, che detta una disciplina intesa ad agevolare il passaggio al lavoro a tempo parziale del personale dipendente del settore privato in

Dettagli

Pertanto, i lavoratori ricompresi tra i soggetti salvaguardati possono accedere alla pensione qualora siano in possesso di tali requisiti.

Pertanto, i lavoratori ricompresi tra i soggetti salvaguardati possono accedere alla pensione qualora siano in possesso di tali requisiti. ALLEGATO N. 1 DISCIPLINA IN MATERIA PENSIONISTICA PER IL DIRITTO ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA VIGENTE ANTERIORMENTE AL 6 DICEMBRE 2011 CHE CONTINUA AD APPLICARSI NEI CONFRONTI DELLE CATEGORIE

Dettagli

DECRETO LEGGE 90/2014

DECRETO LEGGE 90/2014 DECRETO LEGGE 90/2014 TESTO ORIGINALE MODIFICHE APPROVATE DALLA CAMERA DEI DEPUTATI Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

452-833. Gente di mare

452-833. Gente di mare 2207 676. - Circ. 18 febbraio 1998 n. 38. L. 27 dicembre 1997 n. 449, art. 59. Riflessi sulla normativa in materia pensionistica dei fondi sostitutivi ed integrativi dell assicurazione generale obbligatoria.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Dipartimento Trattamento Economico del Personale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Dipartimento Trattamento Economico del Personale USG 246 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Dipartimento Trattamento Economico del Personale Servizio Trattamento di Quiescenza OGGETTO: Decorrenza trattamenti di quiescenza a seguito delle novità introdotte

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PENSIONI. AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE DI PRODUZIONE 1 - PREMESSA

DIREZIONE CENTRALE PENSIONI. AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE DI PRODUZIONE 1 - PREMESSA Direzione Centrale Pensioni Roma, 21-09-2010 Messaggio n. 23710 OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. DIREZIONE CENTRALE PENSIONI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 41 03.03.2016 Amianto, opzione donna e pensione anticipata: istruzioni dall INPS Categoria: Previdenza e Lavoro Sottocategoria:

Dettagli

Circolare N. 54 del 9 Aprile 2015

Circolare N. 54 del 9 Aprile 2015 Circolare N. 54 del 9 Aprile 2015 Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la recente circolare n. 57 dell 11.03.2015,

Dettagli

ATTIVITA DI LAVORO AUTONOMO

ATTIVITA DI LAVORO AUTONOMO EVOLUZIONE DELLA MISURA DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI OBBLIGATORI DOVUTI PER L ISCRIZIONE ALLA GESTIONE SEPARATA INPS DI CUI ALL ART. 2, C. 26, DELLA L. 335/95 - ATTIVITA DI LAVORO AUTONOMO - RAPPORTI DI

Dettagli

Loro sedi. Oggetto: Campagna pensionamento scuola 2012- invio testo volantone.

Loro sedi. Oggetto: Campagna pensionamento scuola 2012- invio testo volantone. Roma, 17 marzo 2012 Circ. n. 30 Inca prot. n. 23 All'attenzione dei responsabili delle strutture territoriali di Flc - Inca - Spi Loro sedi Oggetto: Campagna pensionamento scuola 2012- invio testo volantone.

Dettagli

Si fa riserva di fornire ulteriori approfondimenti interpretativi delle norme in esame con apposita circolare.

Si fa riserva di fornire ulteriori approfondimenti interpretativi delle norme in esame con apposita circolare. Direzione Centrale Pensioni Roma, 05-08-2011 Messaggio n. 16032 OGGETTO: novità legislative in materia previdenziale, introdotte dalla legge 15 luglio 2011, n. 111 di conversione in legge, con modificazioni,

Dettagli

Viale Regina Margherita n C.A.P Tel. n Codice Fiscale n DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI

Viale Regina Margherita n C.A.P Tel. n Codice Fiscale n DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Ufficio Normativa e Circolari CIRCOLARE N. 3, DEL 31/1/2006

Dettagli

Indennizzi per la cessazione dell attività commerciale

Indennizzi per la cessazione dell attività commerciale Indennizzi per la cessazione dell attività commerciale L articolo 1, comma 490, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di stabilità 2014) ha apportato modifiche al testo dell articolo 19-ter del decreto-legge

Dettagli

INDENNITÀ DI BUONUSCITA (Trattamento di fine servizio)

INDENNITÀ DI BUONUSCITA (Trattamento di fine servizio) INDENNITÀ DI BUONUSCITA (Trattamento di fine servizio) L indennità di buonuscita è una somma di denaro corrisposta d ufficio al lavoratore dall Istituto previdenziale quando termina il servizio. È regolata

Dettagli

RISOLUZIONE UNILATERALE DEL RAPPORTO DI LAVORO

RISOLUZIONE UNILATERALE DEL RAPPORTO DI LAVORO Documento: REG Pag.: 1 di 8 RISOLUZIONE UNILATERALE DEL Ai sensi dell art. 72, comma 11 della Legge 6 Agosto 2008, n. 133, così come modificato dalla Legge 11 Agosto 2014, n. 114 recante Misure urgenti

Dettagli

Circolare n. 4 del 2 febbraio 2016

Circolare n. 4 del 2 febbraio 2016 Direzione Generale degli Ammortizzatori sociali e I.O. Circolare n. 4 del 2 febbraio 2016 Oggetto: Normativa in materia di ammortizzatori sociali in deroga - D.Lgs n. 148 del 14 settembre 2015; Legge n.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18/10/2012 Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento ai sensi dell art. 24, comma 18, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22

Dettagli

Sindacato Nazionale Quadri delle Poste Italiane S.p.A. Via Cesare Balbo 35 00184 ROMA - Tel/Fax 06/4820307

Sindacato Nazionale Quadri delle Poste Italiane S.p.A. Via Cesare Balbo 35 00184 ROMA - Tel/Fax 06/4820307 SINDIP QUADRI Sindacato Nazionale Quadri delle Poste Italiane S.p.A. Via Cesare Balbo 35 00184 ROMA - Tel/Fax 06/4820307 e-mail: sindip_quadri@hotmail.com La legge n. 247 del 23 luglio 2007 ha modificato

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino DI NALLO

LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino DI NALLO LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino DI NALLO GUIDA PRATICA per conoscere la data in cui lasciare il lavoro, la decorrenza

Dettagli

znm Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale PubbIia MATERA L anno duemilaquindici il giorno del mese di %J44g,7 DELIBERAZIONE N.

znm Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale PubbIia MATERA L anno duemilaquindici il giorno del mese di %J44g,7 DELIBERAZIONE N. Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale PubbIia - MATERA 4-4- L anno duemilaquindici il giorno del mese di %J44g,7, Amministratore Unico dell Azienda, Dott. Vito Lupo, ndminato con decreto del

Dettagli

Periodico informativo n. 86/2014. Cessazione attività. Le novità

Periodico informativo n. 86/2014. Cessazione attività. Le novità Periodico informativo n. 86/2014 Cessazione attività. Le novità Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, in caso di cessazione definitiva

Dettagli

Circolare N. 29 del 24 Febbraio 2016

Circolare N. 29 del 24 Febbraio 2016 Circolare N. 29 del 24 Febbraio 2016 Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la recente circolare n. 14 dell 29.11.2016,

Dettagli

QUANDO IL MEDICO E L ODONTOIATRA POSSONO ANDARE IN PENSIONE?

QUANDO IL MEDICO E L ODONTOIATRA POSSONO ANDARE IN PENSIONE? QUANDO IL MEDICO E L ODONTOIATRA POSSONO ANDARE IN PENSIONE? Estratto della relazione di Marco Perelli Ercolini tenuta al Convegno su La previdenza del Medico e dell Odontoiatra tenuta il giorno 13 ottobre

Dettagli

VENEZIA Mestre via della Montagnola 37 - tel. 041 544 11 33

VENEZIA Mestre via della Montagnola 37  - tel. 041 544 11 33 VENEZIA Mestre via della Montagnola 37 www.liberosinfub.com - tel. 041 544 11 33 Notizi e e d a ppro fo ndi m e nti p er i Lavor a to ri de l Gruppo V e ne to Ba nc a 7 n o v e m b r e 2 0 1 3 Gli argomenti

Dettagli

Decreto Dirigenziale del responsabile della struttura 'Gestione Risorse Umane' nr. 16 del 10/02/2015. Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto

Decreto Dirigenziale del responsabile della struttura 'Gestione Risorse Umane' nr. 16 del 10/02/2015. Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto Decreto Dirigenziale del responsabile della struttura 'Gestione Risorse Umane' nr. 16 del 10/02/2015 Proponente: Dott.ssa Alessandra BINI CARRARA Gestione risorse umane Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 25/06/2015 Circolare n. 125 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Protocollo n.6275 /2011 Modalità per il versamento dell imposta sostitutiva delle imposte ipotecaria e catastale dovuta per i contratti di locazione finanziaria di immobili in corso di esecuzione alla

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI VERSAMENTI VOLONTARI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI VERSAMENTI VOLONTARI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI VERSAMENTI VOLONTARI Deliberato 18 dicembre 2007 Modificato il 28 febbraio 2008 Modificato l 8 ottobre 2008 Modificato 06 luglio 2010 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA

Dettagli

Requisiti per il diritto a pensione nel Comparto Sicurezza. 19 Maggio 2015

Requisiti per il diritto a pensione nel Comparto Sicurezza. 19 Maggio 2015 Requisiti per il diritto a pensione nel Comparto Sicurezza 19 Maggio 2015 I Sistemi Previdenziali I sistemi previdenziali Tipologie e definizione di Sistema Sistema Retributivo Sistema Contributivo Insieme

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta Provinciale N. meccanografico DL003-30-2013 del 05/12/2013

Dettagli

e, p.c.: > ALLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CISL - FPS Fax 2638 UIL - FPL Fax 6298 DIRER - SDIRS Fax 2763

e, p.c.: > ALLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CISL - FPS Fax 2638 UIL - FPL Fax 6298 DIRER - SDIRS Fax 2763 Prot. n.p. 22861 Cagliari, 28 settembre 2012 Lettera inviata solo tramite tele-fax SOSTITUISCE L ORIGINALE Ai sensi art. 6, comma 2, L. 412/1991 > Alla Presidenza della Regione - Ufficio di Gabinetto -

Dettagli

OGGETTO: Confluenza INPDAI - INPS. Pensioni successive al 1 gennaio 2003 per i dirigenti già iscritti all'inpdai. Modalità di calcolo.

OGGETTO: Confluenza INPDAI - INPS. Pensioni successive al 1 gennaio 2003 per i dirigenti già iscritti all'inpdai. Modalità di calcolo. Roma, 15 luglio 2003 Alle Aziende Associate Prot. n. 0114/03/F.2.5. Circ. n. 17572 L o r o S e d i OGGETTO: Confluenza INPDAI - INPS. Pensioni successive al 1 gennaio 2003 per i dirigenti già iscritti

Dettagli

Oggetto: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo.

Oggetto: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE Allegato 1 Oggetto: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. 1

Dettagli

COMUNE DI CONFIENZA PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CONFIENZA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CONFIENZA PROVINCIA DI PAVIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Copia N 42 del 16-07-2016 OGGETTO: Presa datto delle dimissioni volontarie e collocamento a riposo della dipendete

Dettagli

Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali. Al Presidente e ai Membri del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza

Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali. Al Presidente e ai Membri del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza Riforma delle pensioni: i chiarimenti dell'inps Circolare INPS 19.09.2005 n. 105 Con la circolare n. 105 del 19 settembre 2005 l'inps fornisce taluni chiarimenti in merito alle nuove disposizioni in materia

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Pensioni Coordinamento Generale Legale. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 220

Premessa. Direzione Centrale Pensioni Coordinamento Generale Legale. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 220 Direzione Centrale Pensioni Coordinamento Generale Legale Roma, 04-01-2013 Messaggio n. 220 Allegati n.1 OGGETTO: Prescrizione dei ratei arretrati dei trattamenti pensionistici o delle relative differenze

Dettagli

Chi può pensionarsi a 57 anni

Chi può pensionarsi a 57 anni Chi può pensionarsi a 57 anni Autore : Noemi Secci Data: 20/02/2016 Pensione a 57 anni d età: opzione donna, pensione anticipata, totalizzazione, comparto difesa, soccorso e sicurezza, invalidi e ciechi.

Dettagli

IL SISTEMA PREVIDENZIALE DEI GEOMETRI E LA SFIDA DELLA SOSTENIBILITÀ. Giornata Nazionale della Previdenza Milano, 11 Maggio 2012

IL SISTEMA PREVIDENZIALE DEI GEOMETRI E LA SFIDA DELLA SOSTENIBILITÀ. Giornata Nazionale della Previdenza Milano, 11 Maggio 2012 IL SISTEMA PREVIDENZIALE DEI GEOMETRI E LA SFIDA DELLA SOSTENIBILITÀ Giornata Nazionale della Previdenza Milano, 11 Maggio 2012 Un percorso iniziato da molto tempo La CIPAG ha cominciato un lungo viaggio

Dettagli

Lavori usuranti entro il 1 marzo 2016 la domanda per il riconoscimento

Lavori usuranti entro il 1 marzo 2016 la domanda per il riconoscimento L Inps ha pubblicato il messaggio n. 386 del 29 gennaio 2016, con il quale fornisce le istruzioni per la presentazione, entro il 1 marzo 2016, delle domande di riconoscimento dello svolgimento di lavori

Dettagli

La riforma pensionistica: gli effetti sulla gestione del personale

La riforma pensionistica: gli effetti sulla gestione del personale La riforma pensionistica: gli effetti sulla gestione del personale Avv. Domenico Noviello Cnel, 9 maggio 2012 www.eni.com Le nuove pensioni Dal 1 gennaio 2012 e con riferimento ai lavoratori che maturano

Dettagli

PENSIONI BREVE SINTESI RIFORME PENSIONISTICHE PRECEDENTI NOVITA MANOVRA Dlgs. N. 201/2011, Legge n. 214/2011 SALVA ITALIA

PENSIONI BREVE SINTESI RIFORME PENSIONISTICHE PRECEDENTI NOVITA MANOVRA Dlgs. N. 201/2011, Legge n. 214/2011 SALVA ITALIA Dipartimento Diritti PENSIONI 2012 BREVE SINTESI RIFORME PENSIONISTICHE PRECEDENTI NOVITA MANOVRA Dlgs. N. 201/2011, Legge n. 214/2011 SALVA ITALIA A cura del Responsabile Settore Previdenza, Ennio Bischetti

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 74 21.04.2015 Benefici amianto: prorogate le domande La scadenza per fruire dei benefici previdenziali per i lavoratori esposti

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI GARBAGNA NOVARESE Provincia di Novara COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 21 OGGETTO : PRESA D ATTO DELLE DIMISSIONI VOLONTARIE PER COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL DIPENDENTE SIG.

Dettagli

CIRCOLARE n.16 del 09.11.2011 INPDAP Commento alla Legge 148/11 Nuovi termini dal 13.08.2011

CIRCOLARE n.16 del 09.11.2011 INPDAP Commento alla Legge 148/11 Nuovi termini dal 13.08.2011 Federazione Indipendente Lavoratori Pubblici Dipartimento Politiche Previdenziali e Assistenziali FLP 00187 ROMA - Via Piave, 61 sito internet:: www.flp.it - e-mail: flp@flp.it Tel. 064201089-42000358

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione.

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione Roma, 23/12/2014 Circolare n. 180 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

La riforma delle pensioni nel pubblico impiego

La riforma delle pensioni nel pubblico impiego La riforma delle pensioni nel pubblico impiego Disciplina pensionistica dei dipendenti pubblici al 31/12/2011 e dal 01/01/2012 con inclusa la fase 1 e 2 della «spending review» Dipendenti pubblici I dipendenti

Dettagli

Confederazione Generale Italiana del Lavoro

Confederazione Generale Italiana del Lavoro Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere Nota sulla circolare Inps relativa agli aggiornamenti degli importi massimi da corrispondere ai titolari dei trattamenti di integrazione salariale,

Dettagli

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI AREZZO CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Viale Mecenate, 29/C - 52100 AREZZO - Tel. 0575-22711 - Fax 0575-353526 - Codice Fiscale: 80000930513 Sito Internet: www.cassaedilearezzo.it Indirizzo e-mail: info@cassaedilearezzo.it

Dettagli

decorrere dal 1 gennaio Le assicurazioni del Ministro Sacconi sul fatto che a cura dell Ufficio Comunicazione della CGIL di Bergamo

decorrere dal 1 gennaio Le assicurazioni del Ministro Sacconi sul fatto che a cura dell Ufficio Comunicazione della CGIL di Bergamo a cura dell Ufficio Comunicazione della CGIL di Bergamo 2 Luglio 2010 PENSIONI le ultime novità Sulla base della manovra realizzata con Decreto-Legge 31 maggio 2010, n.78, che potrebbe subire modifiche

Dettagli

ATTIVITA USURANTI. Per tutelare i lavoratori impiegati in attivita faticose e pesanti

ATTIVITA USURANTI. Per tutelare i lavoratori impiegati in attivita faticose e pesanti ATTIVITA USURANTI Per tutelare i lavoratori impiegati in attivita faticose e pesanti il decreto legislativo 67/2011 ha introdotto, dal 1 Gennaio 2008,una disciplina che consente di anticipare l eta pensionabile.

Dettagli

I CONTRATTI DI SOLIDARIETA. Le modifiche del Jobs Act

I CONTRATTI DI SOLIDARIETA. Le modifiche del Jobs Act I CONTRATTI DI SOLIDARIETA Le modifiche del Jobs Act Milano, 26 gennaio 2016 Avv. Elisabetta Cassaneti 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge n. 863/1984 (successivamente modificata dalla Legge n. 263/1993 e

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Pensioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione Centrale Pensioni Roma, 3 Aprile 2009 Circolare n. 49 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Pubblicato il: 31/01/2016

Pubblicato il: 31/01/2016 Pubblicato il: 31/01/2016 Chi può richiederla, quali sono i requisiti, come si calcola il trattamento: tutto quello che c'è da sapere per andare in pensione a 63 anni. A spiegarlo è Noemi Secci, consulente

Dettagli

Decreto Legge n. 78/2010 Nuove Finestre di accesso alla pensione Impatto sul Fondo esuberi.

Decreto Legge n. 78/2010 Nuove Finestre di accesso alla pensione Impatto sul Fondo esuberi. CIRCOLARE N. 109 DEL 2 LUGLIO 2010 A tutte le strutture FIBA OGGETTO: Decreto Legge n. 78/2010 Nuove Finestre di accesso alla pensione Impatto sul Fondo esuberi. Lo scorso 31 maggio è stata varato un Decreto

Dettagli