Soggettiamo fotografie di opere d'arte: una sperimentazione in corso. Anna Lucarelli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Soggettiamo fotografie di opere d'arte: una sperimentazione in corso. Anna Lucarelli"

Transcript

1 1 Fototeche a regola d'arte Giornate di studi Siena 30 novembre - 1 dicembre 2007 Soggettiamo fotografie di opere d'arte: una sperimentazione in corso Anna Lucarelli (Biblioteca Nazionale Centrale, Firenze) All interno della Biblioteca nazionale centrale di Firenze, mi occupo di indicizzazione per soggetto, di strumenti e standard catalografici, di archivi integrati. Sono la coordinatrice del Nuovo soggettario, cioè del progetto che ha portato al rinnovamento del Soggettario per i cataloghi delle biblioteche italiane, pubblicato nell ormai lontano 1956, ed impiegato da sempre dalle numerose biblioteche italiane nell attività di catalogazione per soggetto del proprio patrimonio documentario. Il progetto ha condotto alla pubblicazione, nel gennaio 2007, della Guida normativa al nuovo sistema di indicizzazione e del Thesaurus on line, in continua implementazione. Per questa mia esperienza ho seguito l evoluzione del trattamento semantico di un fondo fotografico appartenente alla BNCF, il Fondo Pannunzio. 1 Un lavoro del tutto nuovo per la Biblioteca, sia perché i fondi fotografici costituiscono un materiale considerato speciale, sia perché in Italia non sono frequenti iniziative di indicizzazione per soggetto di fotografie da parte delle biblioteche. Abbiamo affrontato il lavoro consapevoli di non avere le stesse finalità di una fototeca e senza la pretesa di muoverci come se operassimo in un contesto specialistico. I nostri obiettivi sono stati individuati nell ambito delle esigenze di un catalogo elettronico integrato, l OPAC (On line Public Access Catalogue) del Servizio bibliotecario nazionale (SBN). La principale finalità era quella di mettere a disposizione di utenti interni e remoti uno dei nostri più pregevoli archivi fotografici, puntando su requisiti che garantissero integrazione e compatibilità con altre descrizioni del catalogo SBN. 2 Non abbiamo dunque adottato parametri di specificità elevata, come quelli raggiungibili, ad esempio, con il modello della scheda F prodotta dall Istituto centrale per il catalogo e la 1 La conservazione e la fruibilità del Fondo Pannunzio in BCNF sono state curate da Giovanni D Onofrio, coordinatore anche del progetto di recupero. 2 Sul trattamento di materiali speciali, in particolare fotografici, all interno della Biblioteca nazionale di Firenze, A. LUCARELLI, Quando una collezione speciale chiede ospitalità ad una grande Biblioteca, in Piccoli scritti di Biblioteconomia per Luigi Crocetti. 10 marzo marzo 2008, cura di C. Cavallaro, P. Innocenti, Manziana (Roma), Vecchiarelli, 2008.

2 2 documentazione (ICCD). 3 Il trattamento delle fotografie può variare a seconda degli ambiti e delle esigenze informative; nel nostro caso dovevamo rispettare quelle di una Biblioteca, per di più nazionale. Il contesto in cui ci siamo mossi è stato rigorosamente biblioteconomico e le scelte di catalogazione e digitalizzazione di ogni singola fotografia sono state aderenti alle linee guida e alle iniziative dell Istituto centrale per il catalogo unico e per le informazioni bibliografiche (ICCU). 4 Inutile dire che non sono mancati momenti di confronto con altri colleghi bibliotecari specializzati nel trattamento di documenti fotografici, in particolare con Laura Gasparini (responsabile della Fototeca della Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia), con cui abbiamo avuto scambi e momenti di riflessione comune. Il riferimento ad esperienze e contributi di studiosi italiani e stranieri sull argomento ha accompagnato la fase di impostazione iniziale del progetto. Laura Crociani della BNCF, bibliotecaria ma anche storica dell arte - con la quale ho peraltro condiviso la preparazione di questo intervento - è stata la referente del gruppo di lavoro impegnato nella soggettazione. Come noto, in Italia non ci sono molte esperienze di indicizzazione per soggetto di fotografie secondo standard biblioteconomici condivisi. Da sempre ha prevalso un certo timore e scetticismo, l idea che fosse molto complicato addirittura impossibile soggettare fotografie. L immagine fotografica certo, così fortemente connotata anche sul piano della creazione artistica, comporta la considerazione di uno spettro ampio di fattori. Benché non manchino tentativi autorevoli di definire criteri di analisi delle immagini, indipendentemente dal loro valore artistico, non è semplice stabilire una griglia di riferimento per l analisi concettuale del documento fotografico, né tanto meno codificare strumenti e fonti di cui servirsi. Nella realtà italiana, alcune esperienze di soggettazione di fotografie sono state fatte, altre stanno nascendo proprio in questi mesi, ma possiamo dire che sinora sia mancata condivisione di metodi, informazione sulle procedure, circolazione di notizie, ad eccezione di qualche pregevole iniziativa come quella avviata qualche anno fa dall ICCD con la creazione di un gruppo, coordinato da Giuseppina Benassati, che aveva l obiettivo di stabilire Linee guida. Quando in BNCF è stata presa la decisione di soggettare fotografie, avevamo ben chiaro che avremmo dovuto considerare la peculiarità del materiale da trattare e il fatto che 3 ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE, Strutturazione dei dati delle schede di catalogo. Beni artistici e storici. Scheda F, Roma, ICCD ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO UNICO DELLE BIBLIOTECHE ITALIANE E PER LE INFORMAZIONI BIBLIOGRAFICHE, Linee guida per la digitalizzazione del materiale fotografico, a cura del Gruppo di lavoro sulla digitalizzazione del materiale fotografico, Roma, ICCU, 2005.

3 3 sarebbe stato necessario individuare criteri specifici, pur nel rispetto di alcuni principi generali. Si è trattato allora di affrontare una doppia sperimentazione: cimentarci sia con la catalogazione di un materiale non librario, sia con un nuovo metodo di indicizzazione, applicando il Nuovo soggettario, elaborato proprio in questi anni nell ambito della BNCF. 5 Questo strumento, che prevede un indicizzazione pre-coordinata ma adattabile anche alla post-coordinazione, è costruito a partire dalle Norme e dal Thesaurus. Intende conservare componenti della tradizione, ma soprattutto introdurre elementi innovativi: una struttura aderente agli standard internazionali, una flessibilità che lo rende modulare e destinato a biblioteche generali e specializzate, un applicabilità all indicizzazione non solo di documenti librari, ma di risorse in generale. La soggettazione delle fotografie è stata un occasione per elaborare documenti applicativi che vorremmo, una volta completati, rendere disponibili e in futuro condividere con altri istituti. I nostri obiettivi di partenza erano perseguire uniformità (raccordando in un unico catalogo libri che trattano, ad esempio, di una certa opera d arte e fotografie che la riproducono), rispettare i principi di base dell indicizzazione (creando soggetti specifici ed esaustivi, possibilmente espressi da un unica stringa di soggetto), offrire non soltanto parole chiave, ma costruire vere e proprie stringhe descrittive del contenuto concettuale dell immagine. Un elemento determinante delle nostre scelte è stato quello di puntare con forza al controllo terminologico e a quello formale degli accessi, pur non potendo disporre di un sistema effettivo di authority control. Il trattamento del fondo fotografico del periodico Il Mondo, diretto da Mario Pannunzio dal 1949 al 1966, si inserisce nell ambito del progetto della Biblioteca digitale italiana (BDI), sviluppato dal Ministero per i beni e le attività culturali. Donato alla BNCF fra il 1984 e il 1986, il fondo contiene in totale circa fotografie e rappresenta uno dei più importanti archivi del fotogiornalismo di quegli anni. A partire dal 1951, sul settimanale sono state pubblicate circa fotografie, di contro alle restanti mai pubblicate. 6 Tutte le fotografie del fondo sono state singolarmente catalogate e digitalizzate; circa 6500 (scelte tra quelle pubblicate) sono state anche soggettate. Queste attività sono state esternalizzate e quindi svolte da collaboratori a progetto. Tutte le immagini digitalizzate, 5 BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE, FIRENZE, Nuovo soggettario. Guida al sistema italiano di indicizzazione per soggetto. Prototipo del Thesaurus, Milano, Editrice Bibliografica, 2006 (stampa 2007). Il CD-ROM allegato contiene la chiave di accesso alla banca dati on line. 6 Per informazioni generali sul progetto Pannunzio, cfr. anche il sito della BNCF:

4 4 collegate ai record catalografici, sono accessibili attraverso l OPAC della BNCF e visibili da postazioni interne. Ogni descrizione, condotta al livello minimo previsto dalla Guida SBN (sigla MIN), afferisce alla collana Fotografie dell archivio de Il mondo, che è possibile utilizzare come filtro ed accesso alla ricerca. 7 Per la catalogazione descrittiva sono stati impiegati lo standard ISBD e le Regole italiane di catalogazione per autore (RICA); per l indicizzazione semantica è stato utilizzato il Nuovo soggettario, sia per la scelta del vocabolario (i termini sono stati attinti dal Thesaurus comprensivo al momento di circa termini), sia per il modello sintattico impiegato nelle stringhe di soggetto. Particolare attenzione è stata riservata alla forma degli autori e dei titoli di opere impiegati come soggetti, per i quali hanno costituito un riferimento le indicazioni contenute nell Appendice A della Guida normativa del Nuovo soggettario. Queste forme, se non già presenti nell archivio della Bibliografia nazionale italiana o di SBN, sono state controllate su fonti individuate ed affidabili e presentate generalmente nella lingua originale, ad eccezione dei casi previsti. I termini utilizzati, se non ancora presenti nel Nuovo soggettario, sono stati ricavati da altri strumenti, sia catalografici (come il vecchio Soggettario e i suoi aggiornamenti), che di altra natura e, dopo un controllo su repertori accreditati, sono confluiti anch essi nel Thesaurus. Dal momento che queste descrizioni confluivano nel catalogo integrato della BNCF, dove coesistono anche descrizioni di risorse di varia natura, si è ritenuto opportuno impiegare in ogni stringa di soggetto l indicazione Fotografie riferita alla forma del documento. La revisione dei soggetti creati è tuttora in corso e, per il carattere sperimentale dell iniziativa, alcune soluzioni potranno essere ulteriormente oggetto di riflessione e di intervento. Per venire all interesse specifico di questo convegno, si può dire che nel fondo Pannunzio le fotografie che riproducono opere d arte siano presenti in misura abbastanza consistente. Si tratta di una tipologia, che forse meno di altre pone problemi legati all analisi concettuale, ma che tuttavia ha richiesto un trattamento uniforme e una riflessione sul tipo di sintassi e di terminologia da adottare nei soggetti. Cercherò di elencare, a questo riguardo, alcune caratteristiche costanti. Le fotografie di opere d arte del Fondo Pannunzio non rivelano quasi mai un intenzione di documentazione fine a se stessa; emerge piuttosto un interesse dell autore (quasi sempre un fotogiornalista) per il contesto sociale e culturale a cui l opera è associabile o legata 7 &query_querystring_1=fotografie+dell%27archivio+de+il+mondo&submit=cerca

5 5 nella contingenza dello scatto. In qualche caso l opera d arte rappresenta l unico soggetto, il tema di base dell immagine fotografica, come negli esempi che seguono in cui nella stringa viene specificato, se individuato, anche il titolo dell opera. 8 FOTO PANN Soggetto: 1. Carracci, Annibale. La *bottega del macellaio Fotografie FOTO PANN Soggetto: 1. Passerotti, Bartolomeo Pittura Fotografie Quasi sempre, invece, l opera è fotografata in un contesto, un ambientazione di varia natura: la sede della sua ordinaria conservazione (un museo, una residenza privata, ecc.), o un occasionale sua diversa collocazione (una mostra, ecc.). In molti casi il fotografo ritrae l opera, ad esempio, mentre viene osservata da una o più persone, oppure dai visitatori di un esposizione: l intento principale non è tanto quello di documentare l opera artistica, ma di rappresentare la sua ambientazione o di comunicare le reazioni che la fruizione dell opera sta suscitando. FOTO PANN Soggetto: 1. Moore, Henry. King and queen Londra Fotografie 8 Le immagini a bassa risoluzione che seguono riproducono fotografie di proprietà della BNCF. Il numero indicato coincide con la collocazione e può essere utilizzato come uno degli accessi per la ricerca.

6 6 FOTO PANN Soggetto: 1. Menelao che sostiene il corpo di Patroclo <scultura> - Loggia della Signoria <Firenze> - Fotografie FOTO PANN Soggetto: 1. Leonardo : da#vinci. La Gioconda - Visitatori - Fotografie FOTO PANN Soggetto: 1. Rubens, Peter Paul Pittura Collezioni [del] Musée du Louvre - Visitatori - Fotografie FOTO PANN Soggetto: 1. Bonnard, Pierre Pittura - Esposizioni - Visitatori - New York Fotografie

7 7 FOTO PANN Soggetto: 1. Scultura - Soho Square <Londra> Fotografie Anche quando la fotografia ritrae strutture architettoniche, edifici o monumenti di pregio, questi risultano generalmente inseriti in un più ampio contesto ambientale o paesaggistico costituendo, di solito, lo sfondo o l oggetto di qualche attività, effettivo tema principale della fotografia. La contestualizzazione, insomma, è un elemento costante, benché non sempre considerato al momento dell indicizzazione; i soggetti scelti, come già detto, non esprimono sempre questa convivenza di temi e a volte, in un ottica di raggruppamento, privilegiano l informazione sull opera d arte. Ne segue che, almeno in questa prima fase di sperimentazione, si possono riscontrare due tipologie fondamentali di soluzioni: soggetti che esprimono il tema complessivo, tenendo presenti l insieme dei contenuti, come nell esempio che segue: FOTO PANN Soggetto : 1. Château de Versailles - Restauro Fotografie soggetti invece non totalmente specifici, nei quali è data enfasi all opera d arte o all edificio che compare, benché il fuoco sia rappresentato da altri temi raffigurati (persone, attività, ecc.), come nell esempio che segue: FOTO PANN Soggetto: 1. Duomo di Marsala - Fotografie

8 8 A livello catalografico, può essere interessante segnalare che è stata fatta la scelta di attribuire all autore dell opera d arte fotografata (nei casi in cui sia possibile l attribuzione) il ruolo di soggetto e non di autore secondario. Il seguente schema esemplifica alcune possibili strutture delle stringhe di soggetto: 9 Autore. [Titolo dell opera] - Fotografie Autore. [Titolo dell opera] - [Ente di appartenenza o collocazione se diversi dall usuale] - Fotografie Autore - [Indicazione gener. tipo di opera] - [Ente di appartenenza o collocazione se diversi dall usuale] - Fotografie Autore - [Indicazione gener. tipo di opera] - Collezioni [di/del Ente di appartenenza] - Fotografie [Titolo dell opera] - [eventuale collocazione] - Fotografie [Indicazione gener. tipo di opera] - [collocazione] - Fotografie [Indicazione gener. tipo di opera] - Collezioni [di/del Ente di appartenenza] - Fotografie Concludo questo breve intervento, ricordando il carattere sperimentale del nostro progetto (tuttora in progress) e quindi l importanza di stabilire e sviluppare un confronto con altre realtà che si occupano di rendere disponibili sul web risorse semantiche relative a documenti di natura artistica: sarà davvero interessante iniziare una concreta collaborazione anche fra enti e istituzioni di natura diversa, ma che abbiano l obiettivo comune di: impiegare strumenti ufficiali di indicizzazione per soggetto e costruire Linee guida usare fonti condivise attivare sistemi di authority control rendere interoperabili banche dati anche di natura diversa 9 Ovviamente, al piano delle scelte, appartiene anche quella di indicare o meno la data di scatto all interno della stringa.

9 9 Alcuni esempi di indicizzazione per soggetto di fotografie di opere d arte (appartenenti al Fondo Pannunzio della Biblioteca nazionale centrale di Firenze) La seguente rassegna ha lo scopo di presentare alcune soluzioni, e non ha la pretesa di esaurire tutte le casistiche possibili che, come già detto, sono al momento oggetto di osservazione e sperimentazione. In ognuna delle seguenti stringhe, costruite secondo la sintassi e la terminologia del Nuovo soggettario, possono essere espresse anche le eventuali date di scatto, prima dell indicazione Fotografie. 1. Opere di un artista, con titolo proprio Carracci, Annibale. La *bottega del macellaio - Fotografie Filippi, Sebastiano <il Giovane>. La *crocifissione - Fotografie Rosai, Ottone. Crocifissione - Fotografie Carrà, Carlo. Madre e figlio - Fotografie 1.1 Opere di un artista, con titolo proprio, fotografate nel museo di appartenenza Leonardo : da#vinci. La Gioconda - Fotografie 1.2 Opere di un artista, con titolo proprio, in un esposizione temporanea De_Chirico, Giorgio. Autoritratto con la madre - Esposizioni - Roma - Fotografie Hiquily, Philippe. Neptune - Esposizioni - Parigi - Fotografie 1.3 Opere varie di un artista, fruite da visitatori nelle sale del museo di appartenenza Rubens, Peter Paul - Pittura - Collezioni del Musée du Louvre - Visitatori - Fotografie 2. Opere di un artista, con titolo non identificato Passerotti, Bartolomeo - Pittura - Fotografie Raymond, John - Scultura - Fotografie 2.1 Opere di un artista, con titolo non identificato, in un esposizione temporanea Picasso, Pablo - Pittura e Scultura - Esposizioni - Monaco di Baviera - Fotografie Gogh, Vincent : van - Pittura - Esposizioni - Monaco di Baviera - Fotografie 3. Opere create da più artisti 3.1 Opere create da più artisti, con titolo proprio 3.2 Opere create da più artisti, con titolo non identificato Brueghel, Abraham e Maratti, Carlo <1625/ > - Pittura - Fotografie 4. Opere di artisti non identificati 4.1 Opere di artisti non identificati, con titolo proprio

10 10 Menelao che sostiene il corpo di Patroclo <scultura> - Loggia della Signoria <Firenze> - Fotografie Monumento a Vittorio Emanuele 2. <Milano> - Fotografie Monumento a Lenin <Baku> - Fotografie 5. Opere di più artisti, con vari titoli, in un luogo Pittura - Teheran - Fotografie Scultura - Soho Square <Londra> - Fotografie Scultura - Montmartre <Parigi> - Fotografie Scultura - Bahia - Fotografie Fontane - New York - Fotografie 5.1 Opere di più artisti, con vari titoli, in un esposizione temporanea Pittura - Esposizioni - L Avana - Fotografie Bronzi - Esposizioni - Atlanta Fotografie 6. Opere di un artista su un tema specifico Fukui, Yoshiro - Pittura - Temi : Bombardamenti nucleari di Hiroshima - Fotografie 7. Opere di più artisti su un tema specifico Scultura - Temi : Ciclopi Catania - Fotografie 8. Opere di singoli o più artisti non identificati, con o senza titolo, appartenenti a collezioni Venere Landolina <scultura> - Fotografie Cinghiale <scultura> - Collezioni della Galleria degli Uffizi - Fotografie Pittura - Collezioni del Eisenhower museum <Abilene> - Fotografie Scultura romana Collezioni del Museo archeologico <Aquileia> - Fotografie 9. Architettura 9.1 Edifici civili Palazzo Madama <Torino> - Fotografie Château de Versailles - Restauro - Fotografie Stazione di Santa Maria Novella <Firenze> - Fotografie Gare du Nord <Parigi> - Fotografie 9.2 Edifici religiosi Duomo di Marsala - Fotografie Eremo di Camaldoli - Fotografie Basilica di San Marco <Venezia> - Fotografie Basilica pontificia di San Nicola <Bari> - Fotografie Chiesa di San Domenico <Palermo> - Fotografie

11 11 Basilique du Sacré Coeur <Parigi> - Fotografie Cathédrale de Chartres - Fotografie Saint Paul s cathedral <Londra> - Fotografie Smithson, Peter - Modelli architettonici : Coventry cathedral - Fotografie 9.3 Musei Museo nazionale del Bargello - Sede - Fotografie Metropolitan museum of art - Sede - Fotografie Museo del Prado - Sede - Fotografie 9.4 Parchi e giardini Parco della Reggia <Caserta> - Fotografie

Nuovo soggettario. Gruppo Soggetti Sbt

Nuovo soggettario. Gruppo Soggetti Sbt Nuovo soggettario Gruppo Soggetti Sbt Grazie a Maria Chiara Giunti e al Gruppo di lavoro Nuovo soggettario della BNCF-BNI per le immagini e le informazioni contenute in questa presentazione. Soggettario

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) TITOLO DEL PROGETTO: Storiche biblioteche crescono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) OBIETTIVI DEL

Dettagli

CONVENZIONE SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI DELLA BASILICATA LICEO ARTISTICO CARLO LEVI DI MATERA TRA TRIENNIO 2012-2015

CONVENZIONE SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI DELLA BASILICATA LICEO ARTISTICO CARLO LEVI DI MATERA TRA TRIENNIO 2012-2015 LICEO ARTISTICO STATALE MATERA CONVENZIONE TRA SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI DELLA BASILICATA E LICEO ARTISTICO CARLO LEVI DI MATERA TRIENNIO 2012-2015 Soprintendenza per i beni

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli

Gruppo Territoriale Piemonte

Gruppo Territoriale Piemonte Gruppo Territoriale Piemonte L avvio Verso la fine degli anni Novanta un piccolo gruppo di coordinatori pedagogici e di educatori ha sentito il bisogno di riorganizzare una rete di collegamento tra le

Dettagli

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI SECONDA EDIZIONE LA CARTA DEI SERVIZI E l impegno scritto che prendiamo con i nostri utenti e riguarda i servizi ed i progetti di miglioramento L

Dettagli

Servizio Bibliotecario Provinciale di Vicenza. Da cosa. nasce cosa

Servizio Bibliotecario Provinciale di Vicenza. Da cosa. nasce cosa Servizio Bibliotecario Provinciale di Vicenza Da cosa nasce cosa Cosa abbiamo fatto per la promozione della lettura Abbiamo creato un gruppo di lavoro su base volontaria che si è dato alcuni impegni su

Dettagli

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE Scuola: Istituto comprensivo Fratelli Cervi - Scuola secondaria di I grado Dante Alighieri di Nonantola (Modena) MUSEO:

Dettagli

Tra il 1998 e oggi il mondo del web è cambiato ed ha subito una profonda trasformazione

Tra il 1998 e oggi il mondo del web è cambiato ed ha subito una profonda trasformazione SINTESI DELLA RICERCA CIVITA SU WEB E MUSEI CAMPIONE DI RIFERIMENTO DELLA RICERCA Indagine sull offerta : 110 musei italiani selezionati sulla base del criterio geografico e della tipoloia dei musei; 110

Dettagli

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE Analisi dinamica dei dati dei questionari per le biblioteche di pubblica lettura. GLI INDICATORI Gli indicatori sono particolari rapporti

Dettagli

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse.

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse. Marzo 2012 ACTA Consulting S.r.l. P.IVA: 08697660010 Sede legale: Via Des Ambrois 4 Sede Uffici: Via Cavour 1 10123 TORINO Tel. +39 011 08 88 190 Fax: +39 011 08 88 181 http://www.actaconsulting.it acta@actaconsulting.it

Dettagli

Indicizzazione semantica della narrativa L esperienza bresciana

Indicizzazione semantica della narrativa L esperienza bresciana Indicizzazione semantica della narrativa L esperienza bresciana Milano 27 gennaio 2011 Alessandra Cicoli Premessa L Ufficio Biblioteche, su sollecitazione dei bibliotecari, ritiene utile creare accessi

Dettagli

Progetto MuseiD-Italia. Umbria I Luoghi della Cultura

Progetto MuseiD-Italia. Umbria I Luoghi della Cultura Musei digitali in rete: presentazione dei risultati del progetto MuseiD-Italia Roma, 14 Dicembre, Biblioteca Nazionale Centrale Progetto MuseiD-Italia Umbria I Luoghi della Cultura Ministero per i Beni

Dettagli

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante Storia della Catalogazione in Italia Prof. Francesco Morante Origini della catalogazione Le prime disposizioni legislative legate alla catalogazione dei beni culturali sorgono per la necessità di limitare

Dettagli

3. Passando all illustrazione di dettaglio dell articolato si precisa quanto segue.

3. Passando all illustrazione di dettaglio dell articolato si precisa quanto segue. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONCERNENTE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DELL'ELENCO DEI FUNZIONARI INTERNAZIONALI DI CITTADINANZA ITALIANA, A NORMA DELL'ARTICOLO 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 17 DICEMBRE

Dettagli

Allegato: PIANO NAZIONALE L2 INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DI ITALIANO L2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE DI SCUOLA SECONDARIA DI

Allegato: PIANO NAZIONALE L2 INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DI ITALIANO L2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE DI SCUOLA SECONDARIA DI Allegato: PIANO NAZIONALE L2 INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DI ITALIANO L2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE DI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO Il fenomeno della elevata presenza

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

M U L T I F A M I L Y O F F I C E

M U L T I F A M I L Y O F F I C E MULTI FAMILY OFFICE Un obiettivo senza pianificazione è solamente un desiderio (Antoine de Saint-Exupéry) CHI SIAMO MVC & Partners è una società che offre servizi di Multi Family Office a Clienti dalle

Dettagli

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.)

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Il progetto nasce da una collaborazione fra la Facoltà di Economia e l ITCS G.Oberdan di Treviglio nell ambito delle attività di orientamento di entrambe

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ATTIVITÀ DI SPERIMENTAZIONE IN CLASSE PREVISTA NELL AMBITO DEL PROGETTO M2014 PROMOSSO DALL ACCADEMIA DEI LINCEI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Il Centro matematita,

Dettagli

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Prof. Carmelo La Porta Al Dirigente Scolastico Liceo Scientifico E. Fermi RAGUSA RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Gli interventi effettuati

Dettagli

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI Progetto realizzato con il contributo di Regione Liguria Assessorato alla formazione, istruzione, scuola e università La nostra scuola, inoltre, deve formare cittadini italiani

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali CONVENZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali CONVENZIONE Ministero per i Beni e le Attività Culturali BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE 50122 Firenze - Piazza Cavalleggeri, l - Tel. 055/249191 Far 055/2342482 - http://www. 6ncJjìrenze.sbn. it BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

INFORMATION MANAGEMENT & PROJECT GOVERNANCE

INFORMATION MANAGEMENT & PROJECT GOVERNANCE Sezione Informatica Sezione Informatica INFORMATION MANAGEMENT & PROJECT GOVERNANCE Sestri Levante 10-11 Aprile 2014 SEDE DEL CONVEGNO FONDAZIONE MEDIATERRANEO Introduzione al convegno Paolo Paris Delegato

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte PROTOCOLLO D INTESA TRA LA DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL PIEMONTE E LA REGIONE PIEMONTE PER IL COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI CATALOGAZIONE DEI BENI CULTURALI DEL TERRITORIO

Dettagli

UNIONE BASSA REGGIANA. Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016

UNIONE BASSA REGGIANA. Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 Allegato 2 DGU 5/2014 UNIONE BASSA REGGIANA (PROVINCIA DI REGGIO EMILIA) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1. PREMESSA In data 20.4.2013, è entrato in vigore il D.lgs. 14.3.2013

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

Accordo di Programma EXPO 2015

Accordo di Programma EXPO 2015 Accordo di Programma EXPO 2015 Tavolo di coordinamento L integrazione dei dati territoriali per il coordinamento degli interventi Nuovo spazio Guicciardini, 13 gennaio 2011 a cura del Settore Pianificazione

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

Gentile Dirigente Scolastico,

Gentile Dirigente Scolastico, Gentile Dirigente Scolastico, grazie per aver aderito al progetto Valutazione e Miglioramento, un progetto dell INVALSI finanziato con il contributo dei fondi europei PON. Come sa, l obiettivo del progetto

Dettagli

Il modello veneto di Bilancio Sociale Avis

Il modello veneto di Bilancio Sociale Avis Il modello veneto di Bilancio Sociale Avis Le organizzazioni di volontariato ritengono essenziale la legalità e la trasparenza in tutta la loro attività e particolarmente nella raccolta e nell uso corretto

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

AREA COMUNICAZIONE CSI ABRUZZO

AREA COMUNICAZIONE CSI ABRUZZO 1 AREA COMUNICAZIONE CSI ABRUZZO 2 PRIMA PARTE QUALI CONTENUTI? 3 IL SITO, LA VOCE UFFICIALE L organizzazione che vuole dotarsi di un sito Internet deve entrare progressivamente nell ottica di utilizzare

Dettagli

Circolare ABI - Serie Lavoro n. 43-27 maggio 2014

Circolare ABI - Serie Lavoro n. 43-27 maggio 2014 461,25 Circolare ABI - GARANZIA GIOVANI (AS/4090.10.b LL/6040) Protocollo di intesa 15 maggio 2014 tra Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali e ABI per la promozione di azioni per favorire l occupazione

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

Ventennale del Museo Barovier&Toso

Ventennale del Museo Barovier&Toso Ventennale del Museo Barovier&Toso IL PRIMO MUSEO VETRARIO PRIVATO A VENEZIA FESTEGGIA VENTI ANNI Giugno 2015 S ono ormai trascorsi venti anni dall inaugurazione del Museo Barovier&Toso, unico museo privato

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e del MIUR 3 tabelle, deliberate nel CD dell ANVUR del 13 agosto 2012, relative

Dettagli

Le strategie di promozione della lettura messe in atto dalla. biblioteca comunale di Soriano nel Cimino risultano abbastanza

Le strategie di promozione della lettura messe in atto dalla. biblioteca comunale di Soriano nel Cimino risultano abbastanza CAPITOLO QUARTO ANALISI DEI SERVIZI DI PROMOZIONE PER UNA VALUTAZIONE DEI BENEFICI 1. Premessa Le strategie di promozione della lettura messe in atto dalla biblioteca comunale di Soriano nel Cimino risultano

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

La famiglia davanti all autismo

La famiglia davanti all autismo La famiglia davanti all autismo Progetto Ministeriale di Ricerca Finalizzata - 2004 (ex art. 12 bis d. lgs. 229/99) Ente Proponente Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Responsabile

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO DI.SCOL.A.

RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO DI.SCOL.A. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO DI.SCOL.A. Con il Consiglio di Lisbona e negli obiettivi della dichiarazione di Copenaghen si è tracciato un percorso ambizioso da realizzare entro il 2010: realizzare la

Dettagli

Lez. 2. I principi contabili

Lez. 2. I principi contabili Lez. 2 I principi contabili Il riconoscimento al bilancio del ruolo di strumento informativo a 360 impone al redattore del bilancio l obbligo di tenere un comportamento corretto......ma i redattori avvertivano

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

Progetto Da donna a donna

Progetto Da donna a donna Progetto Da donna a donna Un mosaico di iniziative in occasione dei 40 anni del Circolo BNL Presentato dalla Sezione Palcoscenico CCRS BNL di Roma in collaborazione con Il circolo BNL Nel cuore La fase

Dettagli

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO SCUOLA: Istituto comprensivo di Crespellano (Valsamoggia, Bologna) MUSEO: Museo civico archeologico Arsenio Crespellani di Bazzano (Valsamoggia, Bologna) ALTRI PARTNER:

Dettagli

Il nostro paese. Incontro con Collegio Docenti

Il nostro paese. Incontro con Collegio Docenti Il nostro paese Incontro con Collegio Docenti Concorezzo, 28 Ottobre 2015 1 L Archivio Storico (ASC) Via S.Marta 20 Concorezzo www.archiviodiconcorezzo,it mail: info@archiviodiconcorezzo.it L Archivio

Dettagli

Ministero per i beni e le attività culturali. Biblioteca Nazionale Centrale Firenze. Carta dei servizi

Ministero per i beni e le attività culturali. Biblioteca Nazionale Centrale Firenze. Carta dei servizi Centrale di Firenze Pagina 1 di 10 Ministero per i beni e le attività culturali Biblioteca Nazionale Centrale Firenze Carta dei servizi Biblioteca nazionale centrale di Firenze Piazza Cavalleggeri 1 50122

Dettagli

PROCESSO DI INDICIZZAZIONE SEMANTICA

PROCESSO DI INDICIZZAZIONE SEMANTICA PROCESSO DI INDICIZZAZIONE SEMANTICA INDIVIDUAZIONE DEI TEMI/CONCETTI SELEZIONE DEI TEMI/CONCETTI ESPRESSIONE DEI CONCETTI NEL LINGUAGGIO DI INDICIZZAZIONE TIPI DI INDICIZZAZIONE SOMMARIZZAZIONE INDICIZZAZIONE

Dettagli

La Proposta Isfol di Carta dei servizi. Il CDS: impianto metodologico e struttura della Carta

La Proposta Isfol di Carta dei servizi. Il CDS: impianto metodologico e struttura della Carta La Proposta Isfol di Carta dei servizi. Il CDS: impianto metodologico e struttura della Carta Isabella Pitoni Struttura di Comunicazione e Documentazione Istituzionale Roma, 7 luglio 2011 Contesto normativo

Dettagli

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione.

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. Le schede Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione Eleonora Morfuni L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) S 10/2012 gennaio 2012 Le schede ** Indice 1. L influsso

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

sms museo d arte per bambini e servizi educativi

sms museo d arte per bambini e servizi educativi sms museo d arte per bambini e servizi educativi sms museo d arte per bambini Il Museo d arte per bambini apre l arte e la cultura artistica all infanzia facendo vivere sia lo spazio museale sia le opere

Dettagli

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Relazione finale progetto II anno Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Premessa Si fa riferimento ad un progetto sviluppato nel corso dell attuale anno scolastico (2009-10) presso l Istituto

Dettagli

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 REGOLAMENTO CENTRO ON LINE STORIA E CULTURA DELL INDUSTRIA: IL NORD OVEST DAL 1850 ARTICOLO 1 Obiettivi e finalità

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica Art. 1. È costituita l Associazione culturale denominata MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica.

Dettagli

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita.

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita. PROGETTARE UNA GITA Prima di dare avvio al percorso è opportuno condividere con gli alunni tutto il progetto ed eventualmente modificare alcuni elementi in rapporto alla discussione. Gli alunni devono

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

Il Segretario generale

Il Segretario generale Il Segretario generale Visto il Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento degli uffici amministrativi e degli altri uffici con compiti strumentali e di supporto alle attribuzioni della Corte

Dettagli

Conoscere per prevenire

Conoscere per prevenire Bologna, 6 giugno 2007 Il testo unico per la riforma ed il riassetto normativo della salute e sicurezza sul lavoro: gli orientamenti dei soggetti istituzionali e sociali Il sistema informativo a cura di

Dettagli

Progetto ORIENTA. www.calabriaorienta.it. Comitato Tecnico di monitoraggio. 20 luglio 2012

Progetto ORIENTA. www.calabriaorienta.it. Comitato Tecnico di monitoraggio. 20 luglio 2012 Progetto ORIENTA www.calabriaorienta.it Comitato Tecnico di monitoraggio 20 luglio 2012 progetto Orienta, Comitato Tecnico di monitoraggio, sda al 20.07.12 - pag. 1/5 IL CONTESTO PROGETTUALE "L orientamento

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI Premessa Il sistema di valutazione della prestazione individuale del personale della Comunità montana del Torre Natisone e Collio si pone la finalità

Dettagli

Iniziative di CSR a favore delle imprese iscritte all Elenco Fornitori della Provincia di Milano

Iniziative di CSR a favore delle imprese iscritte all Elenco Fornitori della Provincia di Milano Iniziative di CSR a favore delle imprese iscritte all Elenco Fornitori della Provincia di Milano INTRODUZIONE Il ed economato (acquisti) della Provincia di Milano è impegnato da più di 6 anni per la diffusione

Dettagli

GRAFICA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

GRAFICA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano GRAFICA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Le principali tecniche tradizionali della grafica d arte, nate al traino delle grandi invenzioni della carta e della stampa, si distinguono per la natura

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

Le richieste di ITALIA Solare al GSE Problematiche di carattere generale segnalate dai soci

Le richieste di ITALIA Solare al GSE Problematiche di carattere generale segnalate dai soci Le richieste di ITALIA Solare al GSE Problematiche di carattere generale segnalate dai soci Maggio 2016 Introduzione Con un lettera inviata direttamente al Presidente del GSE Dr. Sperandini ITALIA Solare

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

OGGETTO: "Delibera n. 71/2013 - RApporto sulla Trasparenza relativo all'azienda USL di Bologna: osservazioni".

OGGETTO: Delibera n. 71/2013 - RApporto sulla Trasparenza relativo all'azienda USL di Bologna: osservazioni. Il Direttore Generale Al Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche protocollo@pec.anticorruzione.it OGGETTO: "Delibera

Dettagli

Una risorsa online per la storia dell'arte: il database della fototeca Zeri. Francesca Mambelli, Fondazione Federico Zeri

Una risorsa online per la storia dell'arte: il database della fototeca Zeri. Francesca Mambelli, Fondazione Federico Zeri Una risorsa online per la storia dell'arte: il database della fototeca Zeri Francesca Mambelli, Fondazione Federico Zeri Federico Zeri nel suo studio a Mentana fotografie nei raccoglitori originali in

Dettagli

INTERVENTI DELLA REGIONE SARDEGNA PER LA PROMOZIONE DELLA LETTURA

INTERVENTI DELLA REGIONE SARDEGNA PER LA PROMOZIONE DELLA LETTURA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT SERVIZIO BENI LIBRARI, BIBLIOTECA E ARCHIVIO STORICO REGIONALI INTERVENTI DELLA REGIONE SARDEGNA PER LA PROMOZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE della Regione Art. 1 Costituzione E costituita su delibera della ConVol nazionale la Rete regionale ConVol della Regione come articolazione regionale della ConVol nazionale,

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE CULTURA SETTORE MUSEI E BIBLIOTECHE INDAGINE SULLA QUALITA PERCEPITA RIFERITA ALLE BIBLIOTECHE PODESTA E SERVITANA

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE CULTURA SETTORE MUSEI E BIBLIOTECHE INDAGINE SULLA QUALITA PERCEPITA RIFERITA ALLE BIBLIOTECHE PODESTA E SERVITANA COMUNE DI GENOVA DIREZIONE CULTURA SETTORE MUSEI E BIBLIOTECHE INDAGINE SULLA QUALITA PERCEPITA RIFERITA ALLE BIBLIOTECHE PODESTA E SERVITANA Nell anno 2014 sono state realizzate 2 indagini mirate di Customer

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

Progetto benessere organizzativo MODALITA DI COINVOLGIMENTO DEI DIPENDENTI

Progetto benessere organizzativo MODALITA DI COINVOLGIMENTO DEI DIPENDENTI Progetto benessere organizzativo MODALITA DI COINVOLGIMENTO DEI DIPENDENTI Documento approvato dai dirigenti e dagli incaricati di posizione organizzativa nell incontro del 13.1.2006 PREMESSA Si è conclusa

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2009 N. 41

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2009 N. 41 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2009 N. 41 NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALL ALTA FORMAZIONE PRESSO CENTRI INTERNAZIONALI D ECCELLENZA E DI INCENTIVO AL RIENTRO NEL MERCATO DEL LAVORO REGIONALE

Dettagli

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Premessa La valutazione del grado di soddisfazione degli utenti rappresenta un importante aspetto nella gestione di qualsiasi organizzazione,

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura

Dettagli

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI E ACCOGLIENZA STRANIERI

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI E ACCOGLIENZA STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO C. BERTERO Santa Vittoria d Alba Cinzano RELAZIONE FINALE SULLA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI E ACCOGLIENZA STRANIERI INSEGNANTE: Gullino Cinzia ANNO SCOLASTICO:

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore Chi siamo? Dal 1994 l'adm, Associazione Didattica Museale, è responsabile dei Servizi Educativi del Museo Civico

Dettagli

In collaborazione con. www.edilportale.com/pianocasa

In collaborazione con. www.edilportale.com/pianocasa In collaborazione con l iniziativa edilportale tour 2010 PIANO CASA le istituzioni viaggiano in ordine sparso Con questa iniziativa intendiamo fare il punto della situazione operando un monitoraggio dell

Dettagli

LABORATORIO Professione psicologo

LABORATORIO Professione psicologo Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Psicologia Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche LABORATORIO Professione psicologo AA. 2010-2011 2011-1 - UNO SPUNTO PROVOCATORIO Siamo

Dettagli

VÉÅâÇx w féååt ixáâä tçt cüéä Çv t w atñéä

VÉÅâÇx w féååt ixáâä tçt cüéä Çv t w atñéä ORIGINALE VÉÅâÇx w féååt ixáâä tçt cüéä Çv t w atñéä Regolamento per il funzionamento del Comitato distrettuale di coordinamento delle Politiche Giovanili Distretto n. 33 Approvato con delibera di C.C.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: SANT AGATA: LE PIETRE CI RACCONTANO SETTORE e Area di Intervento: PATRIMONIO ARTISTICO CULTURALE OBIETTIVI DEL PROGETTO Incrementare negli

Dettagli

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ]

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ] 2011 Titolo del documento: Piano di adeguamento sito web Periodo di riferimento: Da Agosto 2011 N revisione: 1 Autore del documento: URP Data ultima versione: 30/08/2011 [ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CONSULENZA PSICOLOGICA PER GLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA E GLI OPERATORI DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

CONSULENZA PSICOLOGICA PER GLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA E GLI OPERATORI DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CORSO PER PSICOLOGI e MEDICI DEL LAVORO Febbraio-Marzo 2015 In collaborazione con: DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA PROVVEDITORATO REGIONALE PER IL VENETO, FRIULI VENEZIA GIULIA E TRENTINO

Dettagli

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio 1 Il Sistema Informativo Territoriale della Carta del Rischio. Gisella Capponi, Direttore dell Istituto Superiore per la Conservazione ed il

Dettagli

La digitalizzazione della Pubblica Amministrazione ed il dato territorlale

La digitalizzazione della Pubblica Amministrazione ed il dato territorlale Scuola di Dottorato Il Codice dell Amministrazione Digitale: le origini Alberto Leoni Università IUAV di Venezia a.leoni1@stud.iuav.it 1. I Fondamenti Normativi: Scaletta di Intervento La Direttiva Europea

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PRESCRIZIONI LEGALI

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PRESCRIZIONI LEGALI legali 0 18/05/09 1 6 PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PRESCRIZIONI LEGALI INDICE PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PRESCRIZIONI LEGALI...1 INDICE...1 1 Scopo...2 2 Campo di applicazione...2 3 Terminologia ed abbreviazioni...2

Dettagli