OSSIF: IL CENTRO DI COMPETENZA DELL ABI SULLA SICUREZZA ANTICRIMINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSIF: IL CENTRO DI COMPETENZA DELL ABI SULLA SICUREZZA ANTICRIMINE"

Transcript

1 OSSIF: IL CENTRO DI COMPETENZA DELL ABI SULLA SICUREZZA ANTICRIMINE Convegno BANCASICURA - Pieve Emanuele, 18 ottobre 2007 Marco Iaconis, Responsabile Ufficio Sicurezza Anticrimine ABI OS.SI.F. Centro di Competenza dell ABI in materia di Sicurezza Anticrimine Sicurezza Anticrimine: quadro di riferimento Dimensione dei fenomeni criminosi Richieste degli stakeholder Investimenti per la sicurezza Compliance Necessità per le banche di disporre di informazioni in materia di sicurezza in modo da poter definire con maggiore consapevolezza le strategie di prevenzione più efficaci ed efficienti nel rispetto della normativa 2 1

2 Nasce l Associazione l OS.SI.F. Allo scopo di creare per le banche un Centro di competenza sulla sicurezza anticrimine, è stata costituita l Associazione l per lo sviluppo dell Osservatorio dell ABI sulla Sicurezza Fisica (OS.SI.F.) Obiettivi Collaborare con ABI nella relazione con le istituzioni per migliorare il quadro della regolamentazione Realizzare ricerche, analisi e metodologie Realizzare attività di formazione/informazione Proporre nuovi servizi Diffondere la cultura della sicurezza 3 Le Attività SUPPORTO ALL ATTIVITA ISTITUZIONALE DELL ABI SERVIZI DI BASE PER LE BANCHE ASSOCIATE SERVIZI A PAGAMENTO PER LE BANCHE INTERESSATE LABORATORIO ANTICRIMINE 4 2

3 Supporto all attivit attività istituzionale dell ABI Fornitura alla Polizia Criminale di dati/informazioni sui reati predatori in danno delle banche in attuazione del Protocollo d intesa con il Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell Interno Fornitura di dati/informazioni alle Prefetture sui reati predatori in danno delle banche in attuazione dei Protocolli anticrimine con le Prefetture medesime Fornitura alle Questure di dati/informazioni sui reati predatori in danno delle banche per la definizione dei servizi del poliziotto/carabiniere di quartiere a difesa degli sportelli 5 Servizi di base per le associate Il data-base Le statistiche Report su: Rapine in banca Furti in banca Difese anticrimine Costi della sicurezza La Ricerca Modello per l analisi del rischio-rapina Ricerca sulla sicurezza bancaria in Europa La comunicazione Il Portale Bancaforte Newsletter Anticrimine 6 3

4 Il data-base IL CONTENUTO LE CARATTERISTICHE LE FUNZIONI 7 Il data-base: il contenuto SEGNALAZIONI DELLE BANCHE ADERENTI SU: RAPINE E FURTI DISPOSITIVI E MEZZI DI PREVENZIONE E DI PROTEZIONE SPESE PER LA SICUREZZA INFORMAZIONI SU RAPINE E FURTI DA ALTRE FONTI: BANCHE NON ADERENTI CRIMINALPOL STAMPA 8 4

5 Il data-base : le caratteristiche Architettura Web based Unico database centralizzato Aggiornamento dei dati in tempo reale Le banche possono produrre autonomamente la loro reportistica Grazie alla disponibilità continua del web, l aggiornamento è costante La reportistica prodotta rispecchia sempre la situazione reale 9 Il data-base: le funzioni ANALISI DEI DATI Area che permette di effettuare elaborazioni sui dati di propria competenza o, in maniera sintetica, sui dati dell intero sistema e ottenere dei report sia a video che in stampa GESTIONE DEI DATI Area che permette di gestire tutti i dati di propria competenza: anagrafica agenzie, sistemi di sicurezza, servizi, oneri, rapine e furti 10 5

6 Le statistiche RAPINE FURTI ONERI Il Rapporto esamina il il fenomeno a livello territoriale, gli importi rapinati e le modalità di attacco dei malviventi Il Rapporto esamina il il fenomeno a livello territoriale, gli importi sottratti, le modalità di attacco e la tipologia di mezzo forte attaccato Il Rapporto analizza le spese per tipologia di rischio: antirapina, antifurto, protezione del trasporto valori DIFESE Il Rapporto indica le misure presenti negli sportelli bancari a livello territoriale OS.SI.F. partecipa al Gruppo di lavoro Physical Security della Federazione Bancaria Europea contribuendo, con i propri dati e informazioni, alla realizzazione del Rapporto annuale su rapine ed altri crimini ai danni delle banche in Europa 11 La Ricerca: il modello per l analisi l del rischio rapina E stato realizzato per rendere più efficienti gli investimenti nella sicurezza e più efficaci le soluzioni adottate, anche in relazione alla valutazione del rischio rapina ai sensi della legge 626/1994. Modello: Rete Neuronale Lo scopo dello strumento non è sostanzialmente quello di calcolare la probabilità dell evento, ma valutare come i singoli aspetti della struttura di una Banca ne possono influenzare l esito. Non potrà descrivere l evento rapina attraverso principi scientifici basati su leggi deterministiche. L algoritmo di analisi potrà verosimilmente basarsi su leggi casuali di natura probabilistica. 12 6

7 L analisi del rischio rapina: i fattori di analisi Fattori ESOGENI IntensitàFurti * Intensità Rapine * Intensità Estorsioni * Densità Sportelli ** * Dati ISTAT su base provinciale **Dati ABI su base comunale Fattori ENDOGENI Servizi Sistemi di ingresso principale Sistemi di ingresso secondario Sistema di protezioni confini perimetrali Sistemi di ripresa Sistemi per cassieri Sistemi di allarme 13 La Ricerca: La sicurezza bancaria in Europa OBIETTIVO Analizzare i reati predatori ai danni delle banche italiane, identificandone e analizzandone le principali cause attraverso il confronto in ambito europeo; i paesi oggetto di confronto sono la Spagna, la Francia e la Germania. CONTENUTI Di ogni paese viene considerato il sistema bancario, il quadro giuridico, l analisi criminologica, l organizzazione della sicurezza, i sistemi di sicurezza, i servizi e la sicurezza pubblica. METODOLOGIA Fase di ricerca quantitativa: effettuazione di rilevazioni statistiche e elaborazione dei dati. Fase di ricerca qualitativa: indagine sul campo, somministrazione di questionari e realizzazione di interviste semistrutturate. 14 7

8 Il Portale Il portale è diviso in due aree: una accessibile a tutti gli utenti, l altra l riservata alle banche associate. E E previsto anche uno spazio dedicato alle aziende partner di OS.SI.F. Area pubblica Chi siamo Le attività Le banche associate News sulla sicurezza Come associarsi Contatti Spazio aziende Schede Spazio prodotti/servizi Studi pubblicitario e ricerche Incontri, riservato eventi alle aziende Area riservata Rapporti sulla sicurezza Bollettini statistici Collegamento al data-base Documentazione Newsletter trimestrale 15 La comunicazione: Bancaforte e la Newsletter Anticrimine Bancaforte E la rivista dell ABI sulla Sicurezza, le Tecnologie e l Innovazione; ha cadenza bimestrale; una tiratura di copie e viene Inviata alle Direzioni delle banche, a tutti gli sportelli e alle figure professionali interessate. La Rivista si pone l obiettivo di sviluppare una maggiore cultura in tutti i processi e gli ambiti della banca, rappresentare un momento di confronto dei vari stakeholder e promuovere l immagine del sistema bancario valorizzandone le scelte. Newsletter Anticrimine E la pubblicazione periodica che contiene notizie, segnalazioni e approfondimenti sul settore della sicurezza bancaria, nonché aggiornamenti statistici sui fenomeni criminosi ai danni delle banche. Viene pubblicata sul portale di OS.SI.F. e diffusa per via telematica a tutte la banche associate e alle aziende partner di OS.SI.F. 16 8

9 Servizi a pagamento Osservatorio sulla biometria Messaggistica di sicurezza Guida antirapina Simulazione antirapina Seminario Misure e comportamenti per la prevenzione e la gestione delle rapine alle dipendenze bancarie Convegno Banche e Sicurezza 17 Osservatorio sulla Biometria PARTNERSHIP Progetto in collaborazione con il Politecnico di Milano e ABILab MISSION Fornire supporto continuativo alle banche nel percorso di analisi e successiva adozione delle soluzioni di protezione basate su tecnologie biometriche, mediante la realizzazione di attività di analisi di settore e di approfondimenti individuali. OBIETTIVI Fotografare lo stato dell arte delle tecniche biometriche Indicare i settori e le applicazioni nei quali la biometria possa esser proficuamente utilizzata Monitorare costi e metodologie implementative Cooperare con le Forze dell ordine 18 9

10 Messaggistica di sicurezza L adozione di una chiara informativa sulla presenza dei sistemi di sicurezza nelle singole agenzie può rappresentare un valido deterrente nei confronti delle rapine Le Autorità preposte all ordine pubblico hanno più volte ribadito l importanza di segnalare le misure di sicurezza adottate all interno delle filiali al fine di ottimizzare le strategie di prevenzione 19 Messaggistica di sicurezza I LOGHI PREDISPOSTI DA OS.SI.F

11 Messaggistica di sicurezza I LOGHI PREDISPOSTI DA OS.SI.F. 21 Guida Antirapina Con un taglio pratico e un linguaggio semplice, tratta tutte le questioni-chiave legate all evento-rapina il rischio rapina: legge 626, obblighi di valutazione e informazione dei lavoratori il rapinatore: moventi e tecniche la vittima: reazioni e ripercussioni psicologiche le soluzioni difensive: videoregistrazione, videosorveglianza, sistemi di gestione del contante, sistemi di allarme e vigilanza i sistemi biometrici come prevenire la rapina come comportarsi in caso di rapina cosa fare dopo la rapina la collaborazione con le Autorità la comunicazione delle misure di sicurezza 22 11

12 La Simulazione antirapina Realizzata in collaborazione con ABIFormazione, consente all allievo di: interagire e misurarsi con l evento rapina, attraverso la scelta di comportamenti, interiorizzando le scelte e le decisioni più efficaci sperimentare in prima persona le emozioni che possono essere generate dalla rapina, per imparare a riconoscerle e controllarle Sono possibili tre percorsi con diverse caratteristiche: rapinatore singolo coppia gruppo di rapinatori Ciascun percorso prevede più passi ciascuno dei quali prelude ad un momento decisionale. Al termine di ciascun percorso un report analizzerà le scelte effettuate allo scopo di rinforzare alcuni concetti fondamentali in tema di sicurezza. Le banche possono utilizzare la simulazione come sistema autonomo di addestramento e formazione in rete o come strumento a supporto di formazione in aula 23 Seminario Misure e comportamenti per la prevenzione e la gestione delle rapine alle dipendenze bancarie Realizzato in collaborazione con ABIFormazione nell ottica di mettere a punto un sistema formativo finalizzato al trasferimento delle conoscenze e delle norme comportamentali che favoriscano la sicurezza fisica delle persone coinvolte nell evento rapina

13 Convegno Banche e Sicurezza E necessario considerare la sicurezza non più solo come una voce di costo, ma come una vera e propria leva di business, ed intorno a questo concetto devono essere definite soluzioni, metodologie e strumenti operativi In questa prospettiva, viene organizzato ogni anno un Convegno che affronta la sicurezza nei suoi diversi ambiti: Governance Sicurezza anticrimine Sicurezza sussidiaria Business Continuity Sicurezza informatica 25 Laboratorio Anticrimine COSA FA Realizza nuovi prodotti/servizi attraverso l attivazione di tavoli operativi composti dagli operatori della sicurezza OBIETTIVO Individuare soluzioni condivise per prevenire i fenomeni criminosi ai danni dell attività bancaria CHI PARTECIPA Le banche, le aziende, le Associazioni e altri stakeholder di settore 26 13

14 Laboratorio Anticrimine L organizzazione periodica di tavoli tecnici rappresenta il contesto ideale per: lo o sviluppo di nuove idee la realizzazione di progetti-pilota pilota lo svolgimento di focus di approfondimento l incontro e il confronto fra la domanda e l offerta l di sistemi di sicurezza la nascita di iniziative nell ottica di una sicurezza integrata e partecipata 27 Gli aspetti organizzativi GOVERNANCE Demandata ad un Consiglio Direttivo, in carica per tre anni, composto da: un presidente e un vice-presidente, individuati dall ABI 14 membri individuati dalle banche ASSOCIATE 166 BANCHE Oltre SPORTELLI (81% del totale) 28 14

15 Composizione del Consiglio Direttivo 29 15

CONVEGNO ABI BANCHE E SICUREZZA 2007. Investire in sicurezza: strumenti contro la criminalità ai danni delle banche

CONVEGNO ABI BANCHE E SICUREZZA 2007. Investire in sicurezza: strumenti contro la criminalità ai danni delle banche CONVEGNO ABI BANCHE E SICUREZZA 2007 Investire in sicurezza: strumenti contro la criminalità ai danni delle banche MARCO IACONIS Responsabile Ufficio Sicurezza Anticrimine ABI Roma, 22 maggio 2007 Le banche

Dettagli

STRUMENTO DI SUPPORTO PER L ANALISI DEL RISCHIO-RAPINA

STRUMENTO DI SUPPORTO PER L ANALISI DEL RISCHIO-RAPINA Convegno ABI BANCHE E SICUREZZA 2007 STRUMENTO DI SUPPORTO PER L ANALISI DEL RISCHIO-RAPINA Fabrizio Capobianco Responsabile Ufficio Gestione Sicurezza - SGS Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara Caratteristiche

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della collaborazione banche forze dell ordine

Stato dell arte e prospettive della collaborazione banche forze dell ordine Stato dell arte e prospettive della collaborazione banche forze dell ordine Banche e Sicurezza 2012 La giornata della sicurezza: focus intersettoriale Roma, Palazzo Altieri, 20 novembre 2012 Giovanni PIROVANO

Dettagli

Il nuovo OS.SI.F: l Osservatorio l sulla sicurezza sul web

Il nuovo OS.SI.F: l Osservatorio l sulla sicurezza sul web Il nuovo OS.SI.F: l Osservatorio l dell ABI sulla sicurezza sul web Banche e Sicurezza 2005 Soluzioni, Strumenti e Metodologie per una nuova strategia di protezionep Convegno ABI - Bancaria Editrice 6-7

Dettagli

ANTIRAPINA Guida alla sicurezza per gli operatori di sportello. Nuova edizione aggiornata 2012

ANTIRAPINA Guida alla sicurezza per gli operatori di sportello. Nuova edizione aggiornata 2012 ANTIRAPINA Guida alla sicurezza per gli operatori di sportello Nuova edizione aggiornata 2012 I CONTENUTI Bancaria Editrice sta per pubblicare, in collaborazione con il Ministero dell Interno e con OSSIF,

Dettagli

Banca Popolare di Vicenza Direzione Organizzazione e Sicurezza

Banca Popolare di Vicenza Direzione Organizzazione e Sicurezza BANCHE E SICUREZZA 2014 Milano, 27 e 28 maggio 2014 L APPROCCIO INTEGRATO PER UN MODELLO EFFICACE DI PREVENZIONE ANTIRAPINA Pietro Paolo Meneghetti Responsabile Sicurezza Banca Popolare di Vicenza Banca

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Savona

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Savona Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Savona PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ IN BANCA NELLA PROVINCIA DI SAVONA Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Savona

Dettagli

Analisi del Rischio Rapina

Analisi del Rischio Rapina G. Bruno Ronsivalle Analisi del Rischio Rapina Il nuovo modello di valutazione e simulazione mediante algoritmi neuronali Verso una visione integrata del rischio rapina I tre livelli del modello di analisi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ IN BANCA

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ IN BANCA PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ IN BANCA 1 La Prefettura, l ABI e le banche firmatarie del Protocollo d intesa per la prevenzione della criminalità in banca (di seguito Protocollo

Dettagli

La Giornata della Sicurezza 2014

La Giornata della Sicurezza 2014 La Giornata della Sicurezza 2014 Roma, 28 novembre 2014 Giovanni PIROVANO Comitato di Presidenza ABI Le declinazioni della sicurezza SICUREZZA LOGICA Furto d identità elettronica Identificazione e controllo

Dettagli

Banca Popolare di Vicenza Direzione Organizzazione e Sicurezza

Banca Popolare di Vicenza Direzione Organizzazione e Sicurezza BANCHE E SICUREZZA 2013 Roma, 5 e 6 giugno 2013 PREVENZIONE DELLE RAPINE E DEI FURTI: LA NOSTRA ESPERIENZA Pietro Paolo Meneghetti Responsabile Sicurezza Banca Popolare di Vicenza Banca Popolare di Vicenza

Dettagli

OSSIFocus: il database anticrimine

OSSIFocus: il database anticrimine OSSIFocus: il database anticrimine Dettaglio nuove implementazioni Milano, 23 maggio 2011 Implementazioni al database OSSIF Funzioni nella home page Nuovi campi tabella n dipendenti agenzia Nuovi campi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITA IN BANCA

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITA IN BANCA PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITA IN BANCA Pagina 1 di 8 La Prefettura di, l A.B.I. e le banche firmatarie di seguito Banche, CO SIDERATO - che il crescente aumento della domanda

Dettagli

DB ANTICRIMINE OSSIF. Novità 2015

DB ANTICRIMINE OSSIF. Novità 2015 DB ANTICRIMINE OSSIF Novità 2015 DB Anticrimine OSSIF novità 2015 Anagrafica agenzie Impianti/servizi e criteri calcolo conformità al Protocollo Questionari rapina e furto Nuovi report di analisi Pannello

Dettagli

Un indice per la misura dell intensità della singola rapina. Matteo Mazziotta e Adriano Pareto Istat

Un indice per la misura dell intensità della singola rapina. Matteo Mazziotta e Adriano Pareto Istat Matteo Mazziotta e Adriano Pareto Istat Introduzione Fonte dei dati Il data-base di ABI-OSSIF raccoglie dati e informazioni su: rapine; furti; sistemi di difesa; spese anticrimine. I dati riguardano segnalazioni

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 9 dicembre 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

Strumenti di analisi per coniugare sicurezza ed efficienza

Strumenti di analisi per coniugare sicurezza ed efficienza Strumenti di analisi per coniugare sicurezza ed efficienza Gaetano Bruno Ronsivalle Università degli Studi di Verona - Università del Salento OBIETTIVO Uno strumento a supporto della decisione razionale

Dettagli

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana Dall evidenza all azione Politiche di governance per una scuola sana Un mandato impegnativo Risulta ormai evidente che per conciliare e soddisfare i bisogni di salute nel contesto scolastico, gli orientamenti

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER L ISTITUZIONE DELL OSSERVATORIO NAZIONALE SUI FURTI DI RAME TRA MINISTERO DELL INTERNO AGENZIA DELLE DOGANE

PROTOCOLLO D'INTESA PER L ISTITUZIONE DELL OSSERVATORIO NAZIONALE SUI FURTI DI RAME TRA MINISTERO DELL INTERNO AGENZIA DELLE DOGANE PROTOCOLLO D'INTESA PER L ISTITUZIONE DELL OSSERVATORIO NAZIONALE SUI FURTI DI RAME TRA MINISTERO DELL INTERNO AGENZIA DELLE DOGANE FERROVIE DELLO STATO ITALIANE SPA ENEL SPA TELECOM ITALIA SPA ANIE 1

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ NEGLI UFFICI POSTALI NELLA PROVINCIA DI POTENZA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ NEGLI UFFICI POSTALI NELLA PROVINCIA DI POTENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ NEGLI UFFICI POSTALI NELLA PROVINCIA DI POTENZA 1 PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ NEGLI UFFICI POSTALI NELLA PROVINCIA

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 14 marzo 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

BANCHE E SICUREZZA 2015 SCHEMA DELLE SESSIONI SICUREZZA FISICA SICUREZZA INFORMATICA FRODI

BANCHE E SICUREZZA 2015 SCHEMA DELLE SESSIONI SICUREZZA FISICA SICUREZZA INFORMATICA FRODI 1 BANCHE E SICUREZZA 2015 SCHEMA DELLE SESSIONI GIOVEDÌ 4 GIUGNO MATTINA (9.00 10.30) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA LA SICUREZZA NELLE BANCHE ITALIANE: UNO SCENARIO CHE CAMBIA : Marco Iaconis, Bancaforte

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Modelli e strumenti di analisi del rischio rapina. G. Bruno Ronsivalle Università Sapienza di Roma Università di Macerata

Modelli e strumenti di analisi del rischio rapina. G. Bruno Ronsivalle Università Sapienza di Roma Università di Macerata Modelli e strumenti di analisi del rischio rapina 01101010100010010100000 100101001010101001010000 101001001010100101001000 10010010100101010101010 000101001010001111001010 101010101010101010101000 101010101010101010100100

Dettagli

La giornata della sicurezza

La giornata della sicurezza La giornata della sicurezza Intervento di Marco Pagani Direttore Area Legislazione Federdistribuzione IL CONTESTO IN CUI OPERA LA DISTRIBUZIONE MODERNA ORGANIZZATA Negli ultimi anni le strutture commerciali

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

LA TUTELA DEL PATRIMONIO AZIENDALE BANCARIO. Ivo Benedetti Amministratore Delegato MEGA ITALIA SPA

LA TUTELA DEL PATRIMONIO AZIENDALE BANCARIO. Ivo Benedetti Amministratore Delegato MEGA ITALIA SPA LA TUTELA DEL PATRIMONIO AZIENDALE BANCARIO Ivo Benedetti Amministratore Delegato MEGA ITALIA SPA A seguire abbiamo evidenziato quali elementi sono da tenere in considerazione per la scelta del fornitore

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Su www.bancaforte.it lo Speciale FORUM GREEN ENERGY 2012

Su www.bancaforte.it lo Speciale FORUM GREEN ENERGY 2012 www.bancaforte.it Su www.bancaforte.it lo Speciale FORUM GREEN ENERGY 2012 Bancaforte è Media Partner del FORUM GREEN ENERGY 2012. Durante il Convegno sarà pubblicato nel nostro portale lo Speciale FORUM

Dettagli

SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government

SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government N.B.: Per le Associate Assintel aderenti ad EuroP.A. 2008 sono previsti

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

L Infrastruttura CBI tra sicurezza ed efficienza

L Infrastruttura CBI tra sicurezza ed efficienza L Infrastruttura CBI tra sicurezza ed efficienza Ivana Gargiulo Project Manager Standard e Architettura Consorzio CBI Milano, 14 ottobre 2013 Luogo, Data Evoluzione e ruolo del Consorzio CBI 1995 2001

Dettagli

La Criminalità Informatica e i Rischi per l'economia e le Imprese a Livello Italiano ed Europeo. Flavia Zappa

La Criminalità Informatica e i Rischi per l'economia e le Imprese a Livello Italiano ed Europeo. Flavia Zappa La Criminalità Informatica e i Rischi per l'economia e le Imprese a Livello Italiano ed Europeo Flavia Zappa Metodologia della ricerca Analisi dei risultati Individuazione vulnerabilità delle PMI e necessità

Dettagli

CARDIOLOGIE SICURE Gestione del rischio clinico e sicurezza del paziente in cardiologia

CARDIOLOGIE SICURE Gestione del rischio clinico e sicurezza del paziente in cardiologia LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA CARDIOLOGIE SICURE Gestione del rischio clinico e sicurezza del paziente in cardiologia Regione Lazio Quadro di riferimento Da molti anni negli USA, da alcuni anni

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

FATTORI CRITICI PER LA SCELTA DEL FORNITORE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Convegno ABI Banche e Sicurezza 2005 Ivo Benedetti,CD Mega Italia spa

FATTORI CRITICI PER LA SCELTA DEL FORNITORE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Convegno ABI Banche e Sicurezza 2005 Ivo Benedetti,CD Mega Italia spa FATTORI CRITICI PER LA SCELTA DEL FORNITORE DI SISTEMI DI SICUREZZA Convegno ABI Banche e Sicurezza 2005 Ivo Benedetti,CD Mega Italia spa 1 I sistemi di sicurezza attiva tecnologie e prodotti, prevalentemente

Dettagli

La Governance bancaria e il cruscotto direzionale per la gestione della sicurezza integrata. Gianluigi Ferraris

La Governance bancaria e il cruscotto direzionale per la gestione della sicurezza integrata. Gianluigi Ferraris La Governance bancaria e il cruscotto direzionale per la gestione della sicurezza integrata Gianluigi Ferraris Agenda 2 Il gruppo Intesa Sanpaolo La Sicurezza come elemento della Governance La Sicurezza

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO

RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO NEL 2010 E vietata la riproduzione anche parziale senza l autorizzazione di OSSIF 1 INDICE PREMESSA... 3 Capitolo 1... 4 Impianti e caratteristiche...

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

LE RAPINE IN BANCA. LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. OBBLIGHI, PROCEDURE, RESPONSABILITÀ

LE RAPINE IN BANCA. LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. OBBLIGHI, PROCEDURE, RESPONSABILITÀ LE RAPINE IN BANCA. LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. OBBLIGHI, PROCEDURE, RESPONSABILITÀ Protocollo di intesa per la prevenzione della criminalità in banca. Analisi e valutazioni 27 Novembre 2006 Confronto Protocollo

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE DOTT. GIUSEPPE CALABRESE Istituto di Vigilanza Città di Milano

Dettagli

OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: Enti Bilaterali Commercio. Enti Bilaterali Turismo

OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: Enti Bilaterali Commercio. Enti Bilaterali Turismo OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: TERZIARIO COMMERCIO - TURISMO In collaborazione con Enti Bilaterali Commercio Enti Bilaterali Turismo Genova, 2 ottobre 2002 Osservatorio sui fabbisogni

Dettagli

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it INFORMATION SECURITY I SERVIZI DI CONSULENZA. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano www.axxea.it info@axxea.it INDICE 1. SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI... 3 1.1 ANALISI DELLO STATO DELL ARTE...

Dettagli

Progetto Leonardo ARGO. Promozione del progetto

Progetto Leonardo ARGO. Promozione del progetto Progetto Leonardo ARGO Promozione del progetto Obiettivi di Progetto Il progetto Leonardo ARGO si pone i seguenti obiettivi: Garantire il diritto all apprendimento quale condizione dell occupabilità; Favorire

Dettagli

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI Secondo i dati dell ANBSC (Agenzia Nazionale per l Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ IN BANCA

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ IN BANCA PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITÀ IN BANCA 1 La Prefettura, l ABI e le banche firmatarie del Protocollo d intesa per la prevenzione della criminalità in banca (di seguito Protocollo

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8 Ogni organizzazione possiede un sistema di regole che la caratterizzano e che ne assicurano il funzionamento. Le regole sono l insieme coordinato delle norme che stabiliscono come deve o dovrebbe funzionare

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

Cos è GeoCrime Analyst?

Cos è GeoCrime Analyst? release 3.1 Cos è GeoCrime Analyst? GeoCrime Analyst èunservizioweb GIS (Geographical Information System), caratterizzato dalle seguenti peculiarità: analisi geografica relativa alla distribuzione di fenomeni

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

LA GIORNATA DELLA SICUREZZA 2013 Roma Palazzo Altieri. relatore: Ivo Braga, Vice President Sales

LA GIORNATA DELLA SICUREZZA 2013 Roma Palazzo Altieri. relatore: Ivo Braga, Vice President Sales LA GIORNATA DELLA SICUREZZA 2013 Roma Palazzo Altieri relatore: Ivo Braga, Vice President Sales 1-15 Numero di rapine in Italia Numero rapine in Italia* 33.790 40.549 42.631 2010 2011 2012 AUMENTANO LE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE FORM090 - SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA (I EDIZIONE) I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM090

CORSO DI FORMAZIONE FORM090 - SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA (I EDIZIONE) I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM090 CORSO DI FORMAZIONE FORM090 - SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA (I EDIZIONE) I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM090 www.unipegaso.it Titolo FORM090 - SCIENZE E TECNOLOGIE PER

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Le presenti disposizioni di applicazione sono finalizzate a:

Le presenti disposizioni di applicazione sono finalizzate a: OGGETTO: Protocollo di intesa tra il Gruppo Antipirateria e Contraffazione della Polizia Municipale di Pescara, denominato per brevità Gruppo Antipirateria da una parte la S.I.A.E. (Società Italiana Autori

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE, SECURITY, PRIVACY E COMPLIANCE CASE HISTORY CONSULENZE ADEIA CONSULTING

NUOVE TECNOLOGIE, SECURITY, PRIVACY E COMPLIANCE CASE HISTORY CONSULENZE ADEIA CONSULTING NUOVE TECNOLOGIE, SECURITY, PRIVACY E COMPLIANCE CASE HISTORY CONSULENZE ADEIA CONSULTING 2008-2010 Azienda specializzata in applicazioni biometriche biometria del volto L azienda ha sviluppato un algoritmo

Dettagli

Sicurezza partecipata e dedicata alle imprese

Sicurezza partecipata e dedicata alle imprese Sicurezza partecipata e dedicata alle imprese Una best practice dalla teoria alla prassi sul campo 2002-2006 la costruzione di un modello operativo Costruire la sicurezza con la partecipazione, innovando

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO: E-Government: gestionale entrate Comunali e cartella unica del contribuente.

PRESENTAZIONE PROGETTO: E-Government: gestionale entrate Comunali e cartella unica del contribuente. PRESENTAZIONE PROGETTO: E-Government: gestionale entrate Comunali e cartella unica del contribuente. E-Government: gestionale entrate Comunali e cartella unica del contribuente. L evoluzione normativa

Dettagli

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA Prefettura di Pordenone, Tribunale di

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

82 Come cambia la sicurezza in banca 2 CITEL

82 Come cambia la sicurezza in banca 2 CITEL Denaro Sicuro 82 Come cambia la sicurezza in banca 2 a colloquio con Pier Luigi Martusciello, Responsabile Sicurezza Gestione Edifici BNL-Gruppo BNP Paribas a cura di Raffaello Juvara CITEL Come cambia

Dettagli

Master in Europrogettazione

Master in Europrogettazione Master in Europrogettazione Aprile Maggio 2012 Milano Bruxelles Vuoi capire cosa significa Europrogettista? Vuoi essere in grado di presentare un progetto alla Commissione Europea? Due moduli in Italia

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE EXECUTIVE SUMMARY Realizzazione di una piattaforma finanziaria innovativa per la canalizzazione e la valorizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza nel corridoio Italia-Senegal

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza Settore Tutela dei Consumatori e degli Utenti Politiche di Genere e di Promozione delle Pari Opportunità INIZIATIVE REGIONALI

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia Regolamento Comunale per l Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Castiglione della Pescaia CAPO I PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Articolo 1 Principi Ispiratori e Definizioni... 3 CAPO II - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

MASTER di I Livello SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301

MASTER di I Livello SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301 Pagina 1/5 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SICUREZZA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2014/2015 Durata

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini In collaborazione con l Assessorato Politiche Sociali della Provincia di Rimini. Coordinatore scientifico del progetto

Dettagli

Il Sistema di Gestione dei Programmi e Interventi di Controllo Ambientale (SPINA) Riassunto A) INTRODUZIONE

Il Sistema di Gestione dei Programmi e Interventi di Controllo Ambientale (SPINA) Riassunto A) INTRODUZIONE Il Sistema di Gestione dei Programmi e Interventi di Controllo Ambientale (SPINA)ing. V. Sambucini. APAT, Via Vitaliano Brancati 48, 00144 Roma sambucini@apat.it Riassunto L attività di collaborazione

Dettagli

La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB

La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB 1 Schema della lezione 2 La continuità nell evoluzione del quadro normativo Gli scenari di mercato e dell innovazione finanziaria La rilevanza

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

Brain Banking Intelligence. Imperium Sistema Decisionale

Brain Banking Intelligence. Imperium Sistema Decisionale Brain Banking Intelligence. Imperium Sistema Decisionale Finanza Aziendale Nella gestione di un impresa poche altre attività sono così delicate e decisive per la sopravvivenza e la capacità di sviluppo

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Osservatorio ICT nel NonProfit. Claudio Tancini Novembre 2009

Osservatorio ICT nel NonProfit. Claudio Tancini Novembre 2009 Osservatorio ICT nel NonProfit Claudio Tancini Novembre 2009 1 Premessa (1/2): Il mercato ICT non ha focalizzato il NonProfit come un segmento specifico, da seguire con le sue peculiarità. In alcuni casi

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONE

VIDEOSORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONE Bancasicura Milano, 18 ottobre 2007 VIDEOSORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONE Ing. Vincenzo LA FRAGOLA Direttore Funzione Elettronica & Misure Le premesse Come affrontare le nuove esigenze della sicurezza nel

Dettagli

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia A cura di: Andrea Martino, Direttore Generale ARCA Massimiliano Inzerillo,

Dettagli

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli