REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI"

Transcript

1 REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti finanziario opzionali sono state elaborate conformemente alle disposizioni della Direttiva del Parlamento e del Consiglio europeo 2004/39/CE relativa ai mercati degli strumenti finanziari (di seguito solo Direttiva MiFID ) e conformemente all articolo 15l della legge n. 256/2004 sull attività sui mercati di capitali in vigore (di seguito solo Mifid ) e secondo le disposizioni del Decreto esecutivo n. 237/2008 sui dettagli di alcune regole per la fornitura di servizi di investimento. 2. Dalle norme di legge risulta che la X-Trade Brokers è obbligata ad agire sempre, e dunque anche nell esecuzione delle istruzioni relative alle transazioni commerciali dei clienti, in maniera qualificata, onesta e giusta e nel migliore interesse dei clienti. La X-Trade Brokers ha pertanto adottato le seguenti Regole di esecuzione delle istruzioni (di seguito solo Regole ), che descrivono la procedura di esecuzione delle suddette istruzioni alle migliori condizioni per il cliente. 3. Le presenti Regole sono parte integrante delle Condizioni commerciali generali della X-Trade Brokers, e dunque parte integrante anche del Contratto stipulato fra la X-Trade Brokers ed il cliente. Le presenti Regole vanno sempre intese in connessione e conformemente alle Condizioni commerciali generali. Le presenti Regole specificano solo alcuni aspetti dell esecuzione delle suddette istruzioni del cliente da parte della X-Trade Brokers. Gli altri dettagli riguardanti l'esecuzione delle istruzioni relative alle transazioni commerciali sono regolati proprio dalle Condizioni commerciali generali. I termini e le espressioni usate nelle Regole in maiuscolo hanno il significato definito all articolo I. delle Condizioni commerciali generali. II. Ambito di applicazione 1. Le presenti Regole si applicano a tutte le commerciali inserite da clienti al dettaglio e professionali, se si tratta di commerciali eseguite al di fuori del mercato regolato ( Over the Counter ) e che riguardano i contratti di compensazione delle differenze ( CFD ) e gli strumenti finanziari opzionali (di seguito insieme solo Strumenti finanziari). Il cliente, firmando il Contratto, esprime il suo consenso a tali Regole e nel contempo all esecuzione delle sue istruzioni relative alle transazioni commerciali al di fuori del mercato regolato o del sistema commerciale multilaterale ( MTF ) 2. La X-Trade Brokers è l altra parte di tutte le transazioni concluse nell esecuzione delle istruzioni del cliente. La X-Trade Brokers ha adottato misure e direttive interne che garantiscono la prevenzione di conflitti di interessi fra lei e il cliente. III. Criteri di esecuzione 1. La X-Trade Brokers, nell eseguire le istruzioni relative alle transazioni commerciali dei clienti tiene conto in particolare dei seguenti criteri, che considera i più importanti per adempiere all obiettivo di eseguire le istruzioni del cliente alle migliori condizioni: a) Prezzo (vedi Regole di quotazione dei prezzi degli Strumenti finanziari all'articolo VIII. delle Condizioni commerciali generali); b) Dimensione (volume) dell istruzione relativa alle transazioni commerciali (ad esempio se l istruzione relativa alle transazioni commerciali supera il valore massimo prestabilito per data istruzione); c) Tipo di istruzione relativa alle transazioni commerciali (ad esempio istruzione relativa alle transazioni commerciali di tipo stoploss, istruzione relativa alle transazioni commerciali con limite di prezzo Buy limit, Sell - limit); d) Costi relativi all esecuzione dell istruzione relativa alle transazioni commerciali (se ce ne sono); 2. La X-Trade Brokers terrà inoltre conto del carattere del cliente (in particolare della sua classificazione in una categoria), del carattere dell istruzione del cliente, del carattere delle proprietà dello Strumento finanziario oggetto dell'istruzione del cliente, nonché il carattere dei luoghi di contrattazione verso cui si può instradare l istruzione relativa alle transazioni 1/11

2 commerciali. 3. La X-Trade Brokers è autorizzata a tenere presente anche altri fattori e criteri rispetto a quelli indicati nel paragrafo precedente. La X- Trade Brokers tiene presente questi altri fattori o criteri per quanto rilevanti per l esecuzione dell istruzione e sempre nell'interesse del cliente. 4. La X-Trade Brokers è obbligata ad informare il cliente se, durante l elaborazione dell istruzione, sono insorte difficoltà. 5. Durante l esecuzione delle istruzioni relative alle transazioni commerciali con i contratti (CFD Azioni) la X-Trade Brokerks si affida alla controparte per l esecuzione delle istruzioni relative agli attivi sottostanti sul mercato degli attivi sottostanti. 6. La X-Trade Brokers è obbligata ad assicurarsi che le regole di esecuzione delle istruzioni della controparte proteggano i migliori interessi del cliente. Tali regole sono valutate ogni anno allo scopo di garantire la conformità. IV. Quotazione dei prezzi 1. La X-Trade Brokers quota sistematicamente i prezzi degli strumenti finanziari nel corso dei giorni e ore di borsa, in base ai prezzi dei corrispondenti attivi sottostanti. 2. Le ore di borsa nel corso dei giorni di borsa sono stabilite in maniera vincolante nella delibera del presidente del Consiglio di amministrazione della X-Trade Brokers. È possibile conoscere in qualsiasi momento le delibere relative alle ore di borsa attualmente in vigore del presidente del Consiglio di amministrazione della X-Trade Brokers su 3. I prezzi degli strumenti finanziari (ad eccezione degli strumenti finanziari opzionali son quotati nell ESPP e nell OSPP in base ai prezzi attuali degli attivi sottostanti pubblicati costantemente dagli istituti finanziari più importanti o dalle agenzie di informazioni. 4. La X-Trade Brokers si impegna a profondere qualsiasi sforzo affinché i prezzi degli strumenti finanziari non siano troppo diversi dai prezzi degli strumenti di base pubblicati in tempo reale dai servizi informativi più rinomati. V. Prezzo decisamente errato 1. Il cliente conferma di essere consapevole che i prezzi indicati dalla X-Trade Brokers attraverso i sistemi di transazione possono essere considerati, conformemente alle Condizioni commerciali generali, come decisamente errati (vedi punto 8.22 delle Condizioni commerciali generali). Le condizioni per cui il prezzo viene considerato decisamente errato sono riportate nel presente capitolo delle Regole e nell articolo VIII. delle Condizioni commerciali generali). In caso di presenza di un prezzo decisamente errato, la X-Trade Brokers ha diritto ad escludere la responsabilità per le conseguenze legali della transazione del cliente ad un prezzo decisamente errato, conformemente alle condizioni stabilite all articolo VIII. delle Condizioni commerciali generali. Ogni cliente è obbligato a conoscere pienamente e regolarmente le procedure e le condizioni riportate in detta parte delle Condizioni prima ancora di inserire l istruzione relativa alle transazioni commerciali. 2. Nel caso degli strumenti finanziari - contratti di compensazione delle differenze basati sui tassi di cambio (coppie) e sui metalli preziosi, la X- Trade Brokers ha diritto di considerare il prezzo decisamente errato se la quotazione del prezzo indicato da due agenzie d informazione rinomate è diversa dalla quotazione indicata dalla X-Trade Brokers per almeno dieci volte l'attuale Spread. 3. Nel caso degli strumenti finanziari - contratti di compensazione delle differenze basati sui futures, la X-Trade Brokers ha il diritto di considerare il prezzo come non di mercato (non-market) fuori dal mercato, se la quotazione del prezzo dei futures adeguati indicato da un agenzia d informazione rinomata è diversa dalla quotazione indicata dalla X- Trade Brokers per almeno dieci volte l'attuale Spread. 4. Nel caso degli strumenti finanziari - contratti di compensazione delle differenze basati sui futures, la X-Trade Brokers ha il diritto di considerare il prezzo come decisamente errato nei seguenti casi: a) Se le transazioni coi futures che sono attivo sottostante per determinare il prezzo dello strumento finanziario sono state sospese alla borsa, e se il cliente ha trasmesso alla X-Trade Brokers un istruzione relativa alle transazioni commerciali solo dopo che tali transazioni sono state sospese. b) Se il volume delle transazioni con i futures che sono l attivo sottostante per determinare il prezzo dello Strumento finanziario raggiunge alla borsa il limite giornaliero delle fluttuazioni dei prezzi, e se il cliente ha trasmesso alla X-Trade Brokers 2/11

3 l istruzione relativa alle transazioni commerciali solo dopo che le transazioni con i futures hanno raggiunto il suddetto limite. c) Se la borsa in cui si contrattano i futures che sono l attivo sottostante per determinare il prezzo dello Strumento finanziario annulla le transazioni concluse durante il periodo in cui sono state eseguite le commerciali del cliente in relazione a tale strumento finanziario, o se tale borsa annulla le transazioni con i futures ai prezzi che erano sottostanti per stabilire il prezzo dello Strumento finanziario nell esecuzione dell istruzione del cliente. d) Se, secondo l opinione di un agenzia di informazione rinomata, il prezzo dei futures è dedotto dal valore dello Spread della transazione o del prezzo indicativo, e tale prezzo è diverso dal prezzo precedente della transazione in un estensione superiore a dieci volte l attuale valore dello Spread dello Strumento finanziario costituito sui futures. 5. Nel caso degli strumenti finanziari contratti di compensazione delle differenze costituiti sugli indici di borsa, la X-Trade Brokers ha diritto di considerare il prezzo come decisamente errato nei casi seguenti: a) Se il valore medio del prezzo dello Strumento finanziario (media del prezzo d acquisto bid e vendita ask), al momento della trasmissione dell istruzione del cliente, è diverso dal valore dell indice che è l'attivo sottostante per determinare il prezzo dello Strumento finanziario, in un estensione superiore a dieci volte l attuale valore dello Spread dello Strumento finanziario. Il valore dell indice deve essere fornito da un'agenzia di informazione rinomata. b) Se non tutte le voci sono state incluse nella composizione del dell indice oggetto della transazione (dell'istruzione eseguita del cliente) in un dato momento (sono state sospese o l istruzione relativa alle transazioni commerciali per un altro motivo è inattuabile), il che ha avuto come conseguenza la modifica del valore reale dell indice. 6. Nel caso degli strumenti finanziari - contratti di compensazione delle differenze costituiti sui prezzi delle azioni, la X-Trade Brokers ha diritto a considerare il prezzo come decisamente errato nei casi seguenti: a) Se il valore medio del prezzo dello Strumento finanziario, al momento dell esecuzione dell istruzione del cliente, è diverso dal valore delle azioni che sono l'attivo sottostante per determinare il prezzo dello Strumento finanziario, in un estensione superiore a dieci volte l attuale valore dello Spread dello Strumento finanziario. Il valore delle azioni deve essere fornito da un'agenzia di informazione rinomata. b) Se le transazioni con le azioni che sono l attivo sottostante per stabilire il prezzo dello strumento finanziario vengono sospese o se non avvengono le transazioni con esse sul mercato principale per altri motivi, nel momento di esecuzione dell'istruzione del cliente in relazione allo strumento finanziario. 7. Nel caso degli strumenti finanziari - contratti di compensazione delle differenze costituiti sui prezzi dei metalli preziosi, la X-Trade Brokers esegue la quotazione dei prezzi dedotto dai contratto di forward trimestrali sul mercato dei contanti. La XTB può considerare la quotazione dei prezzi dello Strumento finanziario come decisamente errata nei casi seguenti: a) Se le transazioni con i contratti forward che sono l attivo sottostante per stabilire il prezzo dello Strumento finanziario sono state sospese alla borsa e se il cliente ha trasmesso l'istruzione relativa alle transazioni commerciali solo dopo che le transazioni con i contratti forward sono state sospese. b) Se la borsa in cui si contrattano i contratti forward che sono l attivo sottostante per stabilire il prezzo dello Strumento finanziario annulla le transazioni concluse durante il periodo in cui sono state eseguite le commerciali del cliente in relazione a tali Strumenti finanziari, o se tale borsa annulla le transazioni con i contratti forward ai prezzi che sono attivo sottostante per stabilire il prezzo dello Strumento finanziario nell'eseguire le istruzioni del cliente. c) Se, secondo l opinione di un agenzia di informazione rinomata, il prezzo del contratto forward è dedotto dal valore dello Spread della transazione o del prezzo indicativo, e tale prezzo è diverso dal prezzo precedente della transazione in un estensione superiore a dieci volte l attuale valore dello Spread dello 3/11

4 Strumento finanziario costituito sui contratti forward. d) Se il prezzo del contratto forward dato da un'agenzia di informazione rinomata ed utilizzato per dedurre il prezzo contante (cash) dello Strumento finanziario è diverso dal prezzo del contratto forward, utilizzato dalla X-Trade Brokers per determinare il prezzo dello Strumento finanziario, in un estensione superiore a dieci volte l attuale valore dello Spread dello Strumento finanziario costituito sui contratti forward. 8. Se nel periodo in cui il cliente ha trasmesso l istruzione relativa alle transazioni commerciali in relazione agli strumenti finanziari opzionali, il tasso di scambio di riferimento del dato Strumento finanziario, per cui è stato offerto lo strumento finanziario opzionale, non è di mercato conformemente ai criteri dell articolo 5. paragrafi 2 7 delle Regole, la X-Trade Brokers è autorizzata a considerare il prezzo di tale strumento finanziario opzionale come non di mercato (non-market). 9. Se il tasso di scambio di riferimento dello strumento finanziario da cui si deduce il valore dello strumento finanziario opzionale è diverso dal tasso di scambio dello strumento finanziario quotato nel dato periodo sulla piattaforma di transazione, la X-Trade Brokers è autorizzata a considerare il prezzo di tale strumento finanziario opzionale come decisamente errato. 10. Nel caso dello strumento finanziario opzionale costituito sui tassi di cambio e sui metalli preziosi, la X-Trade Brokers ha diritto a considerare il prezzo come decisamente errato, se il prezzo dello strumento finanziario opzionale è diverso dal prezzo dell opzione (con parametri identici del tempo, termini di scadenza data di scadenza, prezzi di realizzo identici (strike) e altri considerando i parametri in arrivo) calcolato in base alle variabili d'ingresso del modello Black-Scholes fornite al momento dell esecuzione dell istruzione in rapporto allo strumento finanziario opzionale di più del 40%. Il calcolo si esegue dal modello Black-Scholes in base ai parametri di mercato ottenuti dal servizio informativo della Bloomberg o dal servizio di transazione speciale degli strumenti derivati Superderivatives. 11. Nel caso dello strumento finanziario opzionale rispetto allo Strumento finanziario costituito sui futures, la X-Trade Brokers ha diritto a considerare il prezzo come decisamente errato, se il prezzo dello strumento finanziario opzionale si distingue dal prezzo dell opzione (con parametri identici del tempo, termini di scadenza data di scadenza, prezzi di realizzo identici (strike) e altri considerando i parametri in arrivo) calcolato in base alle variabili d'ingresso del modello Black-Scholes fornite al momento dell esecuzione dell istruzione in rapporto allo strumento finanziario opzionale di più del 40%. Il calcolo si esegue dal modello Black-Scholes in base ai parametri di mercato ottenuti dal servizio informativo della Bloomberg o dal servizio di transazione speciale degli strumenti derivati Superderivatives. 12.Nel caso dello strumento finanziario opzionale relativo allo strumento finanziario costituito sui metalli preziosi, la X-Trade Brokers è autorizzata a considerare il prezzo dello strumento finanziario opzionale come decisamente errato se il valore del parametro di volatilità utilizzato per stabilire il prezzo è diverso di almeno il 25% dal valore calcolato utilizzando il modello Heston-Nandi (con l utilizzo di parametri attuali del modello). In caso di altri parametri utilizzati nel modello Black-Scholes per il calcolo del prezzo dell strumento finanziario opzionale costituito sui metalli preziosi, la X-Trade Brokers è autorizzata a considerare la quotazione dei prezzi come decisamente errata, se qualunque parametro (eccetto la volatilità e il prezzo di riferimento dello strumento finanziario) è diverso per più del 40% dai valor indicati attraverso l'agenzia di informazioni Bloomberg come valori di mercato nel momento di esecuzione dell istruzione. 13.Nel caso dello strumento finanziario opzionale per il quale è a disposizione un altro mercato di borsa, la X-Trade Brokers è autorizzata a considerare la quotazione dei prezzi come decisamente errata, se la volatilità dedotta dalle transazioni di borsa con i parametri più vicino allo strumento finanziario opzionale è diversa per più del 25% dalla volatilità utilizzata dalla X-Trade Brokers per determinare il prezzo dello strumento finanziario opzionale. 14. I modelli peri l calcolo dei prezzi degli strumento finanziari opzionali Black Scholes e Heston Mandi sono riportati nell allegato delle presenti Regole. VI. Conferma dell inserimento dell istruzione 4/11

5 1. La X-Trade Brokers esegue le istruzioni relative alle transazioni commerciali del cliente, immediatamente dopo l inserimento, se non risulta altro dalle istruzioni. Alle condizioni standard di mercato la X-Trade Brokers conferma al cliente entro i 90 secondi successivi all'inserimento dell'istruzione relativa alle transazioni commerciali del cliente ( commerciali nel caso degli strumenti finanziari indicati nella modalità "Esecuzione immediata" o in caso di domanda del prezzo - Request) riguardante il dato strumento finanziario. Tale condizione tuttavia non si applica nella situazione in cui sul mercato in questione la volatilità dei prezzi dello strumento di base o la perdita di liquidità è straordinaria e negli altri casi indicati conformemente con le Condizioni commerciali generali come forza maggiore. 2. Tenendo presente la complessità della regolamentazione, i principi indicati all articolo 6. paragrafo 1. delle Regole non si applicano agli strumenti finanziari opzionali. La X-Trade Brokers profonderà ogni sforzo per eseguire le commerciali per un tempo che non supera i 90 secondi. 3. Nel caso dell apertura del mercato, come stabilito all'articolo 7. paragrafo 4 delle Regole, i tempi standard di esecuzione delle istruzioni, come indicato sopra, non si applicano. 4. La X-Trade Brokers esegue le istruzioni relative alle transazioni commerciali del cliente nell'ordine in cui sono state ricevute, se non risulta altro dalle condizioni di esecuzione delle istruzioni indicate dal cliente, dall istruzione stessa o dal suo carattere o se l esecuzione dell istruzione è in conflitto diretto con gli interessi del cliente. 5. L inserimento dell istruzione relativa ai contratti (CFD di equità) da parte del cliente evoca l istruzione relativa alle transazioni commerciali rispetto all attivo sottostante su uno o più mercato degli attivi sottostanti. I prezzi dei contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) indicati attraverso l ESPP si considerano indicativi e in alcuni casi non garantiscono che il cliente realizzi la transazione al prezzo indicato. Il prezzo attuale dei contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) dipende dal prezzo dell attivo sottostante indicato dalla X- Trade Brokers. Le regole per stabilire i prezzi dei contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) sono stabilite al capitolo 8. delle Condizioni. VII. Modifiche dello Spread 1. La X-Trade Brokers applica il principio della quotazione dei prezzi degli strumenti finanziari utilizzando lo Spread fisso costante o variabile specificato per ogni strumento finanziario nella Tabella specifica degli strumenti finanziari. 2. a) La X-Trade Brokers si riserva il diritto di modificare lo Spread nei casi descritti nelle Condizioni commerciali generali. In tali casi lo Spread può essere aumentato dalla X-Trade Brokers automaticamente e senza comunicarlo al cliente e senza il consenso del cliente. b) Sul conto con Spread variabile i punti 7.2a, 7.3, 7.4 e 7.5 non saranno applicati. Sui conti con Spread variabile la X-Trade Brokers quota i prezzi che riflettono le migliori condizioni possibili prevalenti di mercato (compresa la volatilità) dello strumento sottostante. 3. In caso di ampia volatilità o di limitazione della liquidità degli strumenti di base, la X-Trade Brokers è autorizzata ad ampliare lo Spreasd degli strumenti finanziari senza previo consenso del cliente. 4. La liquidità sul mercato degli strumenti di base è sensibilmente limitata in particolare all'apertura del mercato di domenica alle La X-Trade Brokers comincia a contrattare in tali situazioni con il valore ampliato dello Spread. Successivamente lo Spread torna ai valori fissi, tanto rapidamente quanto lo consentono la liquidità e la volatilità dei mercati degli strumenti di base. Di solito tale processo non dura più di minuti, se la liquidità viene limitata sostanzialmente o la volatilità è ampia, questo processo può durare di più. 5. I punti suddetti non si applicano ai contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità). La X-Trade Brokers indica i prezzi dei contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) con lo Spread variabile dedotto dal prezzo prevalente del dato attivo sottostante sul mercato degli attivi sottostanti. Lo Spread non è modificato né ampliato in nessun modo dalla X-Trade Brokers, lo Spread mostra al cliente lo stato attuale delle transazioni con l attivo sottostante sul mercato degli attivi sottostanti. I prezzi dei contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) riportati attraverso l ESPP si considerano indicativo e in alcuni casi non garantiscono che il cliente realizzi la transazione al prezzo indicato. Il prezzo attuale dei contratti azionari di 5/11

6 compensazione delle differenze (CFD di equità) dipende dal prezzo dell attivo sottostante indicato dalla X- Trade Brokers. Il cliente dovrebbe essere consapevole del fatto che le sue commerciali rispetto ai contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) possono essere realizzate a un prezzo migliore o peggiore di quello che è riportato come indicativo nell'espp. Se il cliente trasmette l istruzione relativa alle transazioni commerciali con limite di prezzo (Limit Orders) la transazione può essere eseguita solo al prezzo stabilito dal cliente o al prezzo migliore. Le Regole per stabilire i prezzi dei contratti (CFD di equità) sono indicati al capitolo 8. delle Condizioni. VIII. Istruzioni del tipo stop order e limit order 1. Il cliente ha la possibilità di trasmettere le commerciali con limite di prezzo (limit order) o con l istruzione di sospendere le transazioni (stop order). Tali commerciali con limite di prezzo o con istruzione di sospendere le transazioni riguardo a tutti gli strumenti finanziari ad eccezione dei contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) sono eseguite nel modo seguente: a) le commerciali con limite di prezzo e le commerciali con istruzione di sospendere le transazioni si eseguono sempre al prezzo stabilito dal cliente, con l eccezione di cui al punto b) del presente paragrafo. b) le commerciali con limite di prezzo e le commerciali con istruzione di sospendere le transazioni realizzate al momento di apertura del mercato saranno eseguite al prezzo di apertura (prezzo iniziale) dello strumento finanziario in questione. c) le commerciali con limite di prezzo e le commerciali con istruzione di sospendere le transazioni possono essere inserite dal cliente solo se viene contrattato lo strumento finanziario in questione. d) Le commerciali con istruzione di sospendere le transazioni non possono essere inserite dal cliente se il valore assoluto della differenza fra il valore di attivazione dell istruzione e l attuale prezzo dello strumento finanziario è minore al limite minimo per l istruzione relativa alle transazioni commerciali con istruzione di sospendere le transazioni per il dato strumento finanziario. Tali limiti sono sempre accessibili sul sito internet della X- Trade Brokers. Tali limiti possono essere aumentati in determinati casi economici definiti nei calendari di settore accessibili su o in caso di elevata volatilità del mercato dello strumento finanziario in questione. e) I limiti per le istruzioni relative alle transazioni commerciali con limite di prezzo a con istruzione di sospendere le transazioni sono ampliati al momento di apertura del mercato di domenica alle 23:00. Il valore dei limiti torna al livello dei valori fissi, tanto rapidamente quanto lo consentono la liquidità e la volatilità dei mercati degli strumenti di base. Di solito tale processo non dura più di minuti, se la liquidità viene limitata sostanzialmente o la volatilità è ampia, questo processo può durare di più. IX. Tipi di istruzioni relative ai contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) 1. Considerando le specifiche dei contratti (CFD di equità) le istruzioni relative alle transazioni commerciali riguardanti i contratti (CFD di equità) possono distinguersi in certi aspetti dalle istruzioni relative agli altri strumenti finanziari. Il cliente dovrebbe conoscere in anticipo i diversi tipi di istruzioni riguardanti i contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) e il loro impatto sul prezzo dei contratti (CFD di equità): a) Inserendo un istruzione con limite di prezzo si esegue la transazione al prezzo stabilito dal cliente o al prezzo migliore; b) Le istruzioni In the money (ITM) relative alle transazioni commerciali con limite di prezzo non sono consentite. Per le 6/11

7 commerciali con limite di prezzo d acquisto (Buy Limit) il limite maggiore possibile è il prezzo di vendita attuale (ask). Per le istruzioni relative alle transazioni commerciali con limite di prezzo di vendita (Sell Limit) il limite minimo possibile è il prezzo d'acquisto attuale (bid); c) Le commerciali con istruzione di sospendere le transazioni (Buy Stop, Sell Stop) si eseguono al prezzo migliore possibile, dedotto dal prezzo dell attivo sottostante. Tali commerciali si eseguono come le commerciali al prezzo attuale, ossia nel momento in cui viene raggiunto il prezzo stop. d) Eseguendo le transazioni attraverso l inserimento delle istruzioni al prezzo attuale ( Buy at market ; Sell at Market ), il cliente richiede di eseguire una transazione immediata allo scopo di acquistare o vendere il contratto azionario di compensazione delle differenze (CFD di equità) in base all attuale prezzo indicato del contratto azionario di compensazione delle differenze (CFD di equità), dedotto dal prezzo dell attivo sottostante nell ESPP. Le istruzioni relative alle transazioni commerciali riguardanti i contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità) richiamano le commerciali riguardanti gli attivi sottostanti, e pertanto può modificarsi il prezzo. e) Se il cliente desidera eseguire l'istruzione relativa alle transazioni commerciali al prezzo attuale rispetto al contratto azionario di compensazione delle differenze (CFD di equità) e l attivo sottostante dato è attualmente ritirato dal mercato degli attivi sottostanti, e se l istruzione relativa alle transazioni commerciali riguardante l attivo sottostante non viene eseguita entro 30 secondi, si ritiene che l istruzione relativa alle transazioni commerciali del cliente riguardante il contratto azionario di compensazione delle differenze (CFD di equità) sia stata rifiutata dall ESPP. X. Volume dell istruzione 1. L istruzione relativa alle transazioni commerciali del cliente può essere rifiutata e cancellata dalla X-Trade Brokers nel caso in cui il suo volume (volume dello strumento finanziario che deve essere acquistato o venduto) supera il valore massimo dell istruzione che è indicato nella Tabella specifica degli strumenti finanziari. XI. Luogo di esecuzione dell istruzione luogo di trasmissione 1. Poiché la X-Trade Brokers è la controparte della transazione in caso di esecuzione dell istruzione in relazione allo strumento finanziario (ovvero è l acquirente o il cedente dello strumento finanziario in questione), la X- Trade Brokers è il luogo di esecuzione di tutte le istruzioni eseguite. 2. Riguardo ai contratti azionari di compensazione delle differenze, la X-Trade Brokers è il luogo di esecuzione dell istruzione. Riguardo alle transazioni con la maggior parte dei contratti azionari di compensazione delle differenze (CFD di equità), il cliente ottiene il contratto azionario di compensazione delle differenze (CFD di equità), alla fine della transazione con il dato attivo sottostante sul mercato degli attivi sottostanti. In conseguenza di tale esecuzione dell istruzione relativa al contratto azionario di compensazione delle differenze (CFD di equità), riflette la transazione riguardo al dato attivo sottostante eseguita sul mercato degli attivi sottostanti. XII. Tecnologie 1. La X-Trade Brokers si impegna a profondere ogni sforzo per fornire tecnologie della massima qualità nell esecuzione delle istruzioni dei clienti, pertanto utilizzerà tali mezzi che permettano di raggiungere la migliore esecuzione delle istruzioni. XIII. Revisione, audit e controllo dei presenti principi 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni sotto sottoposte a revisione almeno una volta all'anno e la X-Trade Brokers controlla regolarmente se le istruzioni relative alle transazioni commerciali sono eseguite regolarmente secondo le misure adottate. La procedura di modifica delle Regole è riportata 7/11

XTRADE CFD TRADING ONLINE

XTRADE CFD TRADING ONLINE XTRADE CFD TRADING ONLINE 1. Introduzione SCHEDA RIEPILOGATIVA POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E MIGLIOR INTERESSE Questa scheda riepilogativa della Politica di Esecuzione Ordini e Miglior Interesse

Dettagli

Introduzione... 2. Commercio di margine... 3. Tipi di Ordini/Richieste... 4. Invio ed esecuzione degli ordini di mercato... 6. Ordini in attesa...

Introduzione... 2. Commercio di margine... 3. Tipi di Ordini/Richieste... 4. Invio ed esecuzione degli ordini di mercato... 6. Ordini in attesa... Indice Introduzione... 2 Commercio di margine... 3 Tipi di Ordini/Richieste... 4 Invio ed esecuzione degli ordini di mercato... 6 Ordini in attesa... 8 Dare gli ordini al telefono... 11 Autorizzazione

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Informativa sul rischio

Informativa sul rischio Informativa sul rischio Premessa AFX Capital e SuperTradingOnline (STO) sono marchi commerciali di AFX Capital Markets Ltd. e AFX Markets Ltd. AFX Capital Markets Ltd. è autorizzata e regolamentata dalla

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI

INFORMATIVA SUI RISCHI INFORMATIVA SUI RISCHI Monecor (London) Limited, operante con la denominazione di EXT Capital (EXT Capital o noi) è autorizzata e soggetta alla vigilanza dalla Financial Service Authority (FSA) con n.

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

Plus500CY Ltd. Politica di esecuzione degli ordini

Plus500CY Ltd. Politica di esecuzione degli ordini Plus500CY Ltd. Politica di esecuzione degli ordini Politica di esecuzione degli ordini La presente Politica di esecuzione degli ordini rientra negli accordi con il cliente come definito nel Contratto con

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Consiglio di Amministrazione del 18 dicembre 2014 INDICE PREMESSA... 3 1 AMBITO DI RIFERIMENTO... 3 2 FATTORI DETERMINANTI PER L INDIVIDUAZIONE DEI NEGOZIATORI...

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Gino Gandolfi SDA BOCCONI

Gino Gandolfi SDA BOCCONI I DERIVATI SU TITOLI AZIONARI Gino Gandolfi SDA BOCCONI DERIVATI AZIONARI I derivati sono particolari attività finanziarie il cui valore dipende da uno strumento terzo, detto anche attività sottostante

Dettagli

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A, GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI INDICE I

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI Strategia sull esecuzione degli ordini La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) è la Direttiva Europea entrata in vigore dal 1 Novembre 2007, che ha

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI VERSIONE 1.0 TITOLO 1 MERCATO TELEMATICO AIM Articolo 1 (Strumenti negoziabili) 1. Nel mercato AIM si negoziano, per qualunque quantitativo, strumenti finanziari.

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

Procedura di esecuzione degli Ordini

Procedura di esecuzione degli Ordini Procedura di esecuzione degli Ordini 1Introduzione Monecor (London) Limited, operante con la denominazione di ETX Capital, é una società autorizzata e vigilata dalla Financial Conduct Authority (FCA).

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Sintesi della Policy di Esecuzione degli Ordini per i CFD

Sintesi della Policy di Esecuzione degli Ordini per i CFD CMC MARKETS UK PLC Sintesi della Policy di Esecuzione degli Ordini per i CFD Gennaio 2015 Iscritta nel Registro delle Imprese in Inghilterra al numero: 02448409 Autorizzata e vigilata dalla Financial Conduct

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ABSTRACT PRINCIPI SULLE OPZIONI!A cura di Mauro Liguori!Seminario del 7 giugno 2003!V. delle Botteghe Oscure, 54 -Roma DEFINIZIONE DI OPZIONE OPZIONE DIRITTO DI ACQUISTARE

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Consiglio di Amministrazione del 16 dicembre 2014 INDICE PREMESSA... 3 1 MODALITA ADOTTATE DALLA SOCIETA DI GESTIONE PER LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 Premessa e obiettivi del documento La Direttiva 2004/39/CE del Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA Stefano Alaimo Convegno LRA Energy Trading e Risk Management Milano, 15 febbraio 2002 Indice Alcune implicazioni della

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Ulteriori informazioni sui servizi di investimento. Ordini e strategia di esecuzione degli ordini

Ulteriori informazioni sui servizi di investimento. Ordini e strategia di esecuzione degli ordini Ulteriori informazioni sui servizi di investimento Ordini e strategia di esecuzione degli ordini Introduzione Nel documento Ulteriori Informazioni sui Servizi di Investimento, DEGIRO fornisce informazioni

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 14 1 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene nella Parte 1 la disciplina relativa ai limiti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Studio Gallone I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Scaletta Argomenti Gli strumenti finanziari derivati: definizioni Pagina 3 Diffusione

Dettagli

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.19378. 13 Novembre 2014 ETFplus. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.19378 13 Novembre 2014 ETFplus Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Regolamento dei Mercati e relative Istruzioni: OICR aperti/ Amendments

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA

Dettagli

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini POLICY Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini [Pagina Bianca] Manuale delle procedure aziendali Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 2 INDICE Indice... 3 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Amministrazione e Finanze MIFID-COMPLIANCE Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Deliberato dal Consiglio d Amministrazione il: 28.12.2011 Übermittlungs- und Ausführungsgrundsätze

Dettagli

Circolare n. 6. del 21 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette

Circolare n. 6. del 21 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette Circolare n. 6 del 21 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuova imposta sulle transazioni finanziarie (c.d. Tobin tax )... 2 2.1

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato finanziario regolamentato dei derivati

Dettagli

Manuale per l operatività in DMA con la nostra piattaforma di trading online

Manuale per l operatività in DMA con la nostra piattaforma di trading online Manuale per l operatività in DMA con la nostra piattaforma di trading online Indice 1. Introduzione all operatività in DMA con IG Trade 02 - Che cos è il DMA? 02 - Perché operare in DMA 02 2. Iniziare

Dettagli

Legge di Stabilità 2013: Tobin Tax e novità in materia di imposta di bollo

Legge di Stabilità 2013: Tobin Tax e novità in materia di imposta di bollo N. 22 del 22.01.2013 Le Daily News A cura di Anita Mauro Legge di Stabilità 2013: Tobin Tax e novità in materia di imposta di bollo La legge di Stabilità per il 2013 ha introdotto alcune novità in materia

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX.

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX WHS opzioni FX Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. Affina il tuo stile di trading e la visione dei mercati. Impara ad

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Transmission and Execution Policy

Transmission and Execution Policy Transmission and Execution Policy Luglio 2014 1 INTRODUZIONE Il presente documento - approvato dal Consiglio di Amministrazione di BG Fund Management Luxembourg S.A. (di seguitio BGFML) - definisce e formalizza

Dettagli

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente 1 MetaTrader 4/5 per Android Guida per l utente 2 Contenuto Come ottenere il MT4/5 App per Android... 3 Come accedere al vostro Conto Esistente oppure creare un nuovo conto Demo... 3 1. Scheda Quotes...

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA E/O QUOTAZIONE (IL PROGRAMMA ) DENOMINATO

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA E/O QUOTAZIONE (IL PROGRAMMA ) DENOMINATO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA E/O QUOTAZIONE (IL PROGRAMMA ) DENOMINATO BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA E STRUTTURATE Emittente e Responsabile

Dettagli

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE...4 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 2.1 TITOLI AZIONARI E RELATIVI DIRITTI DI OPZIONE, COVERED WARRANTS,

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Conto islamico senza swap - Termini e condizioni

Conto islamico senza swap - Termini e condizioni SuperTradingOnline Conto islamico senza swap - Termini e condizioni Versione: 1.3 Data: Agosto 2015 STO Cipro INFORMAZIONI TITOLARE DEL CONTO NOME: NUMERO DI CONTO (IL CONTO ): COGNOME : Compilando i dati

Dettagli

Versione 04- Aggiornamento Dicembre 2010 NEXTAM PARTNERS SIM SPA. Strategia per la trasmissione ed esecuzione degli ordini

Versione 04- Aggiornamento Dicembre 2010 NEXTAM PARTNERS SIM SPA. Strategia per la trasmissione ed esecuzione degli ordini NEXTAM PARTNERS SIM SPA Strategia per la trasmissione ed esecuzione degli ordini 1 1. Introduzione. Nextam Partners SIM S.p.A. (di seguito la Società o la "SIM ), con riferimento ai Servizi di ricezione

Dettagli

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi Il modello di Black-Scholes- Merton Giampaolo Gabbi Premessa Fra le equazioni utilizzate in finanza ne esiste una estremamente semplice. Il contributo di Black e Scholes allo sviluppo della teoria e della

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini Edizione Novembre 2013 1 Sommario 1. Obbligo di Best Execution: principi generali e contesto normativo di riferimento 2. Sedi

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

PROSPETTO DI QUOTAZIONE

PROSPETTO DI QUOTAZIONE PROSPETTO DI QUOTAZIONE Parte Seconda PROGRAMMA DI EMISSIONE DI COVERED WARRANT E DI CERTIFICATES BANCA IMI S.p.A. NOTA INTEGRATIVA RELATIVA ALLA QUOTAZIONE DEI COVERED WARRANT BANCA IMI S.P.A. SU AZIONI

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN CR Cento 12.08.2011 / 12.08.2014 Step-Up ISIN IT0004753437 EMESSE

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni QUIZ CAPITOLO 19 Introduzione alle opzioni 1. La Figura 19.13a rappresenta un venditore dell opzione call; la Figura 19.13b un acquirente dell opzione call. 2. a. Il prezzo di esercizio dell opzione put

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati PER DUE CERTIFICATE e PER DUE

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO CON RIMBORSO ANTICIPATO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO CON RIMBORSO ANTICIPATO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli