VADEMECUM SUL CONTRATTO MULTISERVIZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM SUL CONTRATTO MULTISERVIZI"

Transcript

1 Asal - Associazione delle Scuole Autonome del Lazio SEDE OPERATIVA: 115 Circolo Didattico di Roma Angelo Mauri Via Angelo Mauri, ROMA Tel Fax: sito: DOCUMENTO TECNICO PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ADERENTI ALL ASAL VADEMECUM SUL CONTRATTO MULTISERVIZI Istruzioni, suggerimenti e accortezze per la stipula del contratto attuativo con le società del RTI con mandataria Roma Multiservizi spa da parte dei dirigenti delle scuole. Luglio 2008 A cura di G. Fusacchia e P. Mazzoli

2 INDICE DELLE DOMANDE E DELLE RISPOSTE Che differenza c è tra i cosiddetti Appalti storici e gli appalti ex LSU?...3 Da quale giorno decorrerà il nuovo contratto?...4 Dal 1 novembre 2008 (vedi nota USR del 16 luglio 2008)....4 Quali sono i documenti che occorre avere sotto mano?...4 Quali sono i punti controversi e potenzialmente conflittuali da studiare con attenzione?.4 Come vanno controllate le superfici da pulire?...5 Cosa fare se la superficie totale è diversa da quella riportata nell allegato al capitolato tecnico?...5 Cosa significa standard di frequenza alto, medio e base?...6 Come attribuire i locali scolastici alla giusta categoria?...7 Come calcolare l importo a canone e il corrispondente importo residuo?...8 A chi spetta il compito di individuare e controllare gli spogliatoi e il magazzino del materiale di pulizia?...9 Come va pagata la ditta?...9 E se la scuola non ha ricevuto i soldi dal ministero?...9 Come può, la scuola, controllare la qualità del servizio?...9 Come si infliggono le sanzioni? A quanto devono ammontare?...10 Come vanno pagate le penali da parte della ditta?...11 Quando e come la ditta deve versare la cauzione definitiva del 5%?...11 E vero che Multiservizi deve organizzare un ciclo di conferenze informative per i dirigenti scolastici?...11 E vero che la ditta ha l obbligo di fornire un computer ad ogni scuola per gestire il servizio?...12 E vero che ogni scuola può disporre liberamente dell anagrafe tecnica di Multiservizi?12 Quanti operatori deve garantire la ditta alla scuola?...12 Come può essere utilizzato il residuo annuale?...12 Che cos è la cosiddetta clausola di salvaguardia di 1/5 dell importo?...14

3 Questo documento Il presente documento vuole essere un aiuto per i dirigenti scolastici delle 279 istituzioni scolastiche coinvolte nella nuova procedura di stipula del contratto per la pulizia degli edifici scolastici del Lazio. Abbiamo pensato di organizzare queste note in domande e risposte per consentire a tutti gli interessati di individuare velocemente gli argomenti che li interessano e poter disporre di risposte semplici e concrete. DEFINIZIONI UTILIZZATE: ASSUNTORE (o società o ditta o Multiservizi, anche se ciascuna scuola ha a che fare con una ditta affiliata ad una delle 5 aziende del Raggruppamento Temporanea di Imprese): L impresa o la cooperativa aggiudicataria che firma il contratto attuativo. Le ditte attualmente affiliate al RTI sono le seguenti 11: RIFERIMENTO NEL RTI Roma Multiservizi Consorzio A.Ge.Co. Consorzio CICLAT Consorzio MANITAL Consorzio MILES UNITÀ DI ZONA Roma Multiservizi EUROGROUP SCARL Team Service Società Consortile (impresa affidataria Cooperativa di Lavoro Team Service Soc. Coop.) Bioclean Tecnologie dell'igiene S.r.l. GAMBA SERVICE SPA Gruppo Servizi Ambienti Metropolitani S.r.l. LA VENETA SERVIZI S.p.A. Grandi Lavori Soc. Coop Mondial Pulimento Srl Super Fulgida SRL Coop. Concordia '95 Soc. Coop SCUOLA (o committente ): L istituzione scolastica committente nella persona del dirigente scolastico. DOMANDE E RISPOSTE Che differenza c è tra i cosiddetti Appalti storici e gli appalti ex LSU? Hanno due diverse origini storiche. Gli appalti storici discendono dagli appalti dei comuni che già precedentemente al 1 gennaio 2000 avevano esternalizzato il servizio di pulizia affidandolo a società e cooperative di vario genere. In seguito al transito allo Stato del personale comunale delle scuole, il Ministero ha inquadrato e regolamentato questi appalti con la Direttiva n. 68/2005 che a sua volta ha dato origine alla gara attuale. Nel Lazio gli appalti storici riguardano 279 scuole di tutte e 5 le province e di tutti gli ordini di scuola (vedi elenco

4 documenti indicato più avanti e all indirizzo web: Gli appalti ex LSU, invece, derivano da contratti agevolati che gli enti locali stipulavano con persone disoccupate che venivano utilizzate in Lavori Socialmente Utili. Questa seconda tipologia di appalti è stata regolamentata con la Direttiva n. 92/2005. Nel Lazio gli appalti ex-lsu riguardano 243 scuole di tutte e cinque le province. Sono escluse le scuole del primo ciclo di Roma (vedi elenco pubblicato alla pagina web: La gara relativa agli appalti ex LSU sarà oggetto di altre note informative da parte dell Asal. Da quale giorno decorrerà il nuovo contratto? Dal 1 novembre 2008 (vedi nota USR del 16 luglio 2008). Quali sono i documenti che occorre avere sotto mano? Non occorre stamparsi tutti i documenti di gara ma alcuni sono molto importanti e vanno letti prima di firmare il contratto attuativo. Riportiamo di seguito i documenti in ordine di importanza. 1. Capitolato tecnico dell USR Lazio; 2. Offerta tecnica del RTI Roma Multiservizi (*); 3. Elenco istituzioni scolastiche con l indicazione delle superfici e degli importi contrattuali; 4. Contratto normativo tra USR Lazio e Roma Multiservizi spa del 19/11/2007; 5. Modello di Verbale di consegna (versione elaborata dell USR Lazio in collaborazione con il Gruppo tecnico allegata al protocollo d intesa firmato dal Direttore regionale Raffaele Sanzo e dalla responsabile legale di Multiservizi, Claudia Giuliani (*); 6. Elaborati grafici forniti dalla società affidataria; 7. Foglio elettronico ASAL per il calcolo dell importo contrattuale a canone (*). Tutti questi documenti sono reperibili nel sito Asal (www.scuolelazio.it ) cliccando nella colonna di sinistra su Multiservizi. I documenti contrassegnati con (*) sono presenti solo nell area riservata, così come il presente vademecum. Quali sono i punti controversi e potenzialmente conflittuali da studiare con attenzione? Ne abbiamo individuati 15, altri ne emergeranno certamente in futuro. 1. Definizione della misura in m 2 delle superfici coperte e scoperte effettivamente in carico da parte della società aggiudicataria; 2. Attribuzione della giusta categoria di ciascun locale; 3. Scelta dello standard di pulizia più conveniente; 4. Determinazione dell importo a canone e del corrispondente importo residuo; 5. Individuazione dei locali destinati a spogliatoio e deposito delle attrezzature; 6. Modalità e tempi dei pagamenti; 7. Modalità dei controlli; 8. Modalità di irrogazione delle penali e loro ammontare; 9. Deposito della cauzione definitiva del 5%; 10. Obbligo di informazione da parte dell Assuntore; 11. Fornitura gratuita di una postazione di lavoro a ciascuna scuola;

5 12. Accesso libero e gratuito al portale con l anagrafe tecnica di tutto il patrimonio edilizio preso in carico 13. Esplicitazione del numero di unità di personale effettivamente utilizzato; 14. Utilizzazione del residuo annuale; 15. Eventuale esercizio della clausola di recesso ai sensi del R.D. 2440/1923 Come vanno controllate le superfici da pulire? Occorre confrontare i rilievi planimetrici degli addetti dell assuntore con quelle in possesso della scuola. Il confronto si effettua nella sede scolastica durante gli incontri che l Assuntore deve assicurare ad ogni scuola prima di elaborare il verbale di consegna. Le variazioni richieste possono riguardare: Locali in carico all Assuntore che non sono effettivamente utilizzati dalla scuola; Locali utilizzati dalla scuola che non risultano in carico all Assuntore; Locali utilizzati in coabitazione con altri Enti (es. ingressi in comune con scuole materne comunali) Refettori che risultano in carico all assuntore e che invece sono in carico alla ditta addetta alla ristorazione scolastica; Valore delle superfici di ogni locale oggetto del contratto; Valore delle superfici scoperte. E qualsiasi altra discrepanza tra quanto risulta alla società assuntrice e quanto risulta alla scuola. In caso di disaccordo la società apporterà tutte le modifiche richieste dalla scuola oppure si procedere ad un ulteriore rilievo sul campo a spese della società. Cosa fare se la superficie totale è diversa da quella riportata nell allegato al capitolato tecnico? Purtroppo le superfici riportate nell allegato al capitolato tecnico non possono, per il momento, essere modificate. Si possono dare due distinti casi di incongruenza: 1. Le superfici effettive sono inferiori a quelle riportate nell allegato al capitolato tecnico; 2. Le superfici effettive sono superiori a quelle riportate nell allegato al capitolato tecnico. Nel primo caso (SCUOLE SOVRASTIMATE) alla Scuola risulterà un notevole residuo da utilizzare in servizi extracanone ; è però consigliabile non impegnarlo completamente subito, poiché l USR ha tempo 90 giorni (cioè entro il 30 gennaio 2009) per compensare situazioni di Scuole meno fortunate. Nel secondo caso invece (SCUOLE SOTTOSTIMATE) la Scuola avrà difficoltà a garantire anche i servizi essenziali; dovrà comunque chiudere il contratto al meglio possibile contemporaneamente dovrà inviare una nota all USR per chiedere la rimodulazione consensuale degli importi contrattuali previsti nel bando in modo tale da compensare le scuole sottostimate con quelle sovrastimate a parità di importo complessivo. Questa importante procedura di perfezionamento dei valori contrattuali dovrebbe svolgersi appunto nei primi 90 giorni di vigenza del nuovo contratto (cioè entro il 30 gennaio 2009). Ovviamente se saranno necessarie delle compensazioni, tutte le scuole dovranno firmare un nuovo verbale di consegna con i dati definitivi oppure un Atto aggiuntivo al verbale.

6 Cosa significa standard di frequenza alto, medio e base? Per ogni categoria di locali si può scegliere una frequenza più o meno elevata delle lavorazioni secondo le tabelle riportate al punto del capitolato. Ad esempio per la categoria Aule e laboratori la tabella è la seguente: Attività Standard di Frequenza Cod. Descrizione Alto Medio Base 1 Aspirazione / battitura pavimenti tessili, stuoie,zerbini G S/3 S/2 2 Aspirazione polvere (tende a lamelle verticali eveneziane, bocchette aerazione, termoconvettori,cassonetti, canaline, ecc..) 6M A A 3 Deragnatura M 2M 2M 4 Lavaggio a fondo arredi, escluso attrezzature 6M A A dilaboratorio (senza uso di scale) 5 Lavaggio banchi e lavagne G G S/3 6 Lavaggio pareti divisorie a vetro e sopraluci porte 4M 6M A 7 Lavaggio pareti lavabili 4M 6M A 8 Lavaggio pavimenti G S/3 S/2 9 Lavaggio a fondo pavimenti non trattati a cera 6M 6M A 10 Lavaggio a fondo pavimenti trattati a cera(deceratura e inceratura) 6M 6M A 11 Lavaggio porte in materiale lavabile Q M 2M 12 Lavaggio punti luce e lampadari (compresosmontaggio A A A e rimontaggio) 13 Lavaggio superfici vetrose delle finestre nellaparte interna/esterna, accessibili dall'interno nelrispetto delle normative di sicurezza e relativiinfissi, davanzali e cassonetti 6M A A 14 Lavaggio tende alla veneziana A A A 15 Disincrostazione dei servizi igienici S S S 16 Disinfezione dei servizi igienici G G G 17 Disinfezione lavabi extra servizi igienici G G G 18 Lavaggio cestini di raccolta Q M M 19 Posizionamento, nei servizi igienici, di materialidi consumo forniti dalla Committente G G G 20 Pulizia a fondo dei servizi igienici (pavimenti,sanitari e pareti, arredi, accessori) 21 Pulizia dei servizi igienici (spazzatura pavimento,lavaggio sanitari e pareti circostanti, arredi,lavaggio pavimenti) M M M G G G 22 Pulizia delle bacheche (interno / esterno) M 2M 2M 23 Raccolta differenziata carta ed altri rifiuti G G G

7 24 Rimozione macchie e impronte da porte, porte avetri e sportellerie 25 Rimozione macchie e impronte da verticali lavabili ad altezza operatore 26 Ripristino meccanico, manutenzione dei pavimenti trattati con cere industriali G S/2 S Q M 2M Q M M 27 Spazzatura a umido G G G 28 Spolveratura a umido arredi parti alte: M 2M 3M (arredi,scaffalature nelle parti libere, segnaleticheinterne) 29 Spolveratura a umido arredi, esclusoattrezzature di laboratorio e/o attrezzature(senza uso di scale) G S/3 S/3 30 Spolveratura a umido punti di contatto comune(telefoni, interruttori e pulsantiere, maniglie),piani di lavoro di scrivanie e corrimano. 31 Spolveratura a umido superfici orizzontali ditermosifoni e/o fan coil davanzali interni ad altezza operatore G S/3 S/3 S Q Q 32 Spolveratura ringhiere scale S M M 33 Spolveratura serramenti esterni (inferriate,serrande, M 3M 6M persiane) 34 Svuotatura cestini, posacenere, altri contenitoriper raccolta rifiuti, sostituzione sacchetto,pulizia contenitori. G G G Dalla tabella si evince, ad esempio, che il lavaggio dei pavimenti può essere eseguito ad uno standard alto (ogni giorno), ad uno standard medio (3 volte a settimana) o ad uno standard base (2 volte a settimana) mentre la pulizia dei vetri delle finestre può essere eseguita ad uno standard alto (ogni 6 mesi) o medio/base (ogni anno). Come attribuire i locali scolastici alla giusta categoria? Le categorie di locali da pulire sono indicate al punto 7 del Capitolato tecnico e sono le seguenti: codice denominazione tipologie di ambienti A B C Aule e laboratori Biblioteche e auditorium Uffici e sale riunioni Aule, laboratori e relativi servizi igienici e spazi di distribuzione Aula magna/auditorium, biblioteche Uffici, sale riunioni, aree stampa/fotocopiatrici e relativi servizi igienici e spazi di distribuzione

8 D Palestre Palestre, spogliatoi e relativi servizi igienici e spazi comuni E Refettori e sale mensa Refettori, sale mensa e relativi servizi igienici e spazi comuni F G Depositi e archivi Aree Esterne Depositi, ripostigli, archivi, magazzini, scantinati e relativi servizi igienici e spazi di distribuzione Percorsi di accesso asfaltati o pavimentati, aree cortilive asfaltate o pavimentate, marciapiedi, parcheggi, rampe d'accesso, aree esterne e aiuole, scale esterne di emergenza e porticati, terrazzi e balconi al piano e non, terrazzi di copertura praticabili Nell attribuzione di ogni locale ad una delle 7 categorie si tenga conto che ai locati compresi nelle categorie E e F si applica uno standard di pulizia unico. Come calcolare l importo a canone e il corrispondente importo residuo? Per calcolare l importo contrattuale e la rata mensile dovuta alla società occorre scegliere per ogni lavorazione uno standard di frequenza tra i tre previsti: alto, medio e base. Ad ogni standard di frequenza viene poi attribuito un costo mensile a metro quadrato secondo la seguente tabella: Categorie di destinazione d uso Standard di Frequenza Prezzo unitario /mq mese Prezzo unitario con ribasso d'asta Vano tipo da 40 m 2 ( /mese) Codice Denominazione A Aule e laboratori Alto 2,86 2,32 92,66 Medio 2,12 1,59 63,60 Base 1,79 1,22 48,69 B Biblioteche e auditorium Alto 1,66 1,34 Medio 1,1 0,83 Base 0,84 0,57 C Uffici e sale riunioni Alto 1,78 1,44 57,67 Medio 1,27 0,95 38,10 Base 0,91 0,62 24,75 D Palestre Alto 1,77 1,43 Medio 1,36 1,02 Base 0,77 0,52 E Refettori e sale mensa Unico 2,42 1,82 F Depositi e archivi Unico 0,36 0,27 10,80 G Aree Esterne Alto 0,24 0,19 Medio 0,15 0,11 Base 0,1 0,07

9 Per cui, ad esempio, la pulizia di un aula da 40 m² costa 92,66 /mese a standard alto, 63,60 /mese a standard medio e 48,69 /mese a standard base. Tutti i prezzi si intendono IVA ESCLUSA. Per calcolare rapidamente gli importi annuali e mensili e il corrispondente residuo per attività extra-canone l Asal mette a disposizione delle scuole aderenti, in regola con il pagamento della quota annuale, un foglio di calcolo chiavi-in-mano. Alternativamente si può utilizzare il foglio di calcolo della Multiservizi ma, in questo caso, è bene controllare l esattezza e la correttezza delle formule e delle macro utilizzate. L ideale è eseguire il calcolo con entrambi i fogli excel per verificare se gli importi corrispondono. A chi spetta il compito di individuare e controllare gli spogliatoi e il magazzino del materiale di pulizia? La ditta è responsabile della custodia sia delle macchine ed attrezzature tecniche sia dei prodotti chimici utilizzati (Capitolato tecnico, punto 11, 5 capoverso). Le attrezzature e i prodotti chimici devono essere custoditi in locali indicati dalla scuola. Così come la scuola deve individuare un luogo che gli operatori possano utilizzare come spogliatoio. Purtroppo la maggior parte delle scuole non ha la disponibilità di spazi da adibire ad uso esclusivo della ditta. In questi casi occorre concordare un sistema di cogestione dei locali, assegnando nel contempo la responsabilità del loro uso affinché possa essere sempre individuato il responsabile di eventuali inadempienze (carrelli di servizio lasciati nei corridoi, flaconi con liquidi tossici dimenticati nei bagni, stracci lasciati a mollo nei lavabi dei bagni ). Su questo punto le ditte sono particolarmente resistenti e tendono a scaricare sulla scuola la responsabilità di eventuali incidenti. Nel verbale di consegna elaborato dalla Dott.ssa Davoli questo punto è risolto prevedendo l obbligo di specificare nel Documento di Valutazione dei Rischi della scuola le procedure di sicurezza e la catena delle responsabilità. Come va pagata la ditta? Entro 90 giorni dalla data di ricevimento della fattura (anche in formato elettronico) la scuola deve liquidare l importo mensile dovuto con un bonifico bancario. E se la scuola non ha ricevuto i soldi dal ministero? Se la scuola non può effettuare anticipazioni di cassa, purtroppo, la ditta può reclamare gli interessi di mora. Tuttavia nel modello di verbale di consegna allegato al protocollo d intesa tra USR e Multiservizi del 14 luglio 2008, è inserita un apposita clausola di salvaguardia che, anche se non può impedire alla ditta di far valere i suoi diritti nei confronti della scuola, può favorire una sorta di gentlemen s agreement cui la ditta dovrebbe avere interesse ad attenersi non per obbligo ma per venire incontro ad un cliente particolarmente importante (47 milioni di euro di canone lordo annuo!). Come può, la scuola, controllare la qualità del servizio? Il capitolo controlli e relative penali è il più debole di tutto il Capitolato tecnico (punto 9 del C.T.). E infatti previsto un meccanismo farraginoso, tutto a vantaggio della ditta che

10 rischia non solo di far scadere la qualità del servizio ma anche di produrre un notevole contenzioso tra la scuola e la ditta. Sono previste due tipi di verifiche: le verifiche dell efficacia e le verifiche della puntualità. Per entrambe le tipologie di verifiche è prevista una complessa procedura che, di fatto, impedisce alla scuola di effettuare un reale controllo, per le seguenti ragioni: L elenco delle non conformità presente nel capitolato è estremamente generico e soggettivo : lo riportiamo di seguito: presenza di sporco diffuso sulle superfici; presenza di depositi di polvere; presenza di impronte; presenza di orme; presenza di macchie; presenza di ragnatele; residui di sostanze varie; mancata sostituzione dei sacchetti portarifiuti; mancata vuotatura di cestini e posacenere; assenza di carta igienica; assenza di sapone; assenza di asciugamani; assenza di contenitori per assorbenti igienici. Di conseguenza, poiché la contestazione deve essere fatta in concordato con il rappresentante della Ditta, se questi non ritiene che si sia in presenza di una anomalia che si fa? I controlli devono essere effettuati a campione, su ambienti prestabiliti (quell aula si può controllare, quella accanto no!), devono essere calendarizzati e preavvisati (almeno due ore prima), devono essere effettuati sempre dallo stesso responsabile (il quale evidentemente non ha altro da fare ) Anche i meccanismi di calcolo delle penali sembrano studiati apposta per rendere difficoltosa l applicazione Per cercare di rimediare a queste gravi carenze il verbale di consegna elaborato dall USR, in collaborazione con un apposito gruppo tecnico, ha proposto una modifica consensuale radicale di tutta la procedura dei controlli che verrebbe così articolata: TUTTI i locali (e non solo un campione) sono soggetti a controllo da parte della Scuola, che si doterà a questo fine dell organizzazione interna che meglio crede La segnalazione di eventuali anomalie sarà fatta per le vie brevi, e il controllo congiunto Scuola/Multiservizi avverrà quindi solo in presenza di un effettivo problema, senza alcuna calendarizzazione Multiservizi sarà comunque tenuta all immediato (entro la giornata) ripristino e la Scuola potrà decidere se archiviare l episodio senza ulteriori conseguenze (se si tratta solo di un episodio e il rapporto con Multiservizi è in generale soddisfacente ) oppure redigere e inoltrare un formale reclamo scritto. Superato il numero di tre reclami formalizzati, la scuola potrà applicare una penale fissa di 500,00 Come si vede, il lavoro del gruppo tecnico è stato mirato ad ottenere una mediazione che consentisse una procedura più efficace e a misura di scuola. Come si infliggono le sanzioni? A quanto devono ammontare?

11 Anche per questo argomento valgono considerazioni analoghe a quelle già fatte a proposito dei controlli: il capitolato prevede un meccanismo di calcolo e di irrogazione della penale che potremmo definire bizantino. Intanto va detto che mentre per le penali relative all efficacia del servizio la loro irrogazione scatta solo se le verifiche con esito negativo superano il 25% del totale delle verifiche effettuate, per le penali relative alla puntualità del servizio la loro irrogazione scatta già dal primo riscontro negativo. L ammontare delle penali previsto dal Capitolato, del quale si è chiesta la modifica in sede di verbale di consegna, si calcola con la seguente formula: P = 10% x C x K Dove: P: valore della penale C: Canone mensile del servizio K: parametro di attenuazione variabile da 0 a 1, a seconda della percentuale di verifiche che hanno dato esito negativo. ESEMPIO: Canone di /mese Penale: da 0 a 600 Il foglio di calcolo messo a disposizione delle scuole aderenti dall ASAL consente comunque di effettuare un calcolo rapido e facilmente controllabile delle penali. Tale foglio di calcolo diventa naturalmente inutile qualora venga adottata la procedura proposta nel verbale di consegna elaborato dal gruppo di lavoro USR, nel qual caso, come si è detto, si prevede invece una penale fissa (non automatica) pari a 500. Come vanno pagate le penali da parte della ditta? Tramite emissione di una nota di credito o tramite riduzione della fattura del primo mese utile. ATTENZIONE: In alternativa la scuola può incamerare il corrispettivo della penale direttamente prelevandola dalla cauzione definitiva che la ditta ha versato prima della firma del contratto attuativo (Capitolato, punto 10, 4 capoverso). Purtroppo l ammontare complessivo delle penali non può superare il tetto massimo del 20% del valore annuo del canone e, in assoluto, il 10% del valore totale contrattuale (triennale) Quando e come la ditta deve versare la cauzione definitiva del 5%? A norma dell art. 15 del contratto normativo, la cauzione definitiva, pari al 5% del valore dell importo contrattuale, deve essere versata da Multiservizi, tramite fondi propri o con fideiussione, contestualmente alla firma del contratto attuativo. La cauzione deve essere conteggiata e versata per ogni singolo contratto attuativo a garanzia del rapporto con ogni scuola. E vero che Multiservizi deve organizzare un ciclo di conferenze informative per i dirigenti scolastici? Sì, lo prevede la stessa Offerta tecnica di MUltiservizi alle pagg. 32 e 43. Addirittura le conferenze per i dirigenti avrebbero dovute essere calendarizzate entro 2 giorni dalla firma del contratto normativo, cioè entro il 21 novembre 2007!

12 E vero che la ditta ha l obbligo di fornire un computer ad ogni scuola per gestire il servizio? Vero anche questo. Nell Offerta tecnica sono promesse n.285 postazioni multimediali pari alle 279 scuole + i 5 USP + l USR =285 E vero che ogni scuola può disporre liberamente dell anagrafe tecnica di Multiservizi? Chiaro! (altrimenti non avremmo fatto la domanda). Basta pretenderne la realizzazione e il libero accesso. Si tratta di un servizio utilissimo, che sarebbe molto costoso farsi nfare in proprio, che consentirà alle scuole di disporre delle planimetrie dei propri edifici in formato elettronico insieme a molti altri dati metrici e contabili. Quanti operatori deve garantire la ditta alla scuola? Questo è un punto dolentissimo. Né il capitolato né il contratto normativo fanno esplicito riferimento a questo dato così importante per evitare cadute della qualità e sfruttamenti disumani degli operatori. Spulciando nell offerta tecnica, però, si scopre che il RTI Multiservizi garantisce l utilizzazione di un numero minimo di 1270 operatori in tutto, pari ad una media di 4,5 operatori per ogni istituto scolastico o anche ad un operatore per ogni di canone mensile (valore chiaramente assurdo, ma tant è). Per questo invitiamo caldamente i dirigenti delle scuole a pretendere che negli allegati al verbale di consegna vengano specificate le unità di personale previste e a: 1. Controllare che il numero di tali unità non subisca variazioni in difetto nel corso di validità del contratto 2. (Comunicare all USR tale numero, in modo da poter controllare il rispetto di quanto previsto nell offerta tecnica Questo ultimo punto sarà senz altro oggetto di resistenza da parte delle ditte. Come può essere utilizzato il residuo annuale? Altro problema non da poco. Il capitolato dice: per la residua quota dell Importo Contrattuale, l Istituzione scolastica potrà eventualmente utilizzarla per attività extra canone, come meglio indicato al paragrafo del presente capitolato. E, al paragrafo dice: Sono da considerarsi tali le attività di pulizia straordinaria, a richiesta del committente. Tali attività saranno compensate extra canone riconoscendo all assuntore l importo della sola manodopera utilizzata, applicando il prezzo della manodopera ribassato in fase d offerta pari al costo della manodopera prevista dai vigenti CCNL per i dipendenti delle imprese di pulizia + un importo aggiuntivo del 26,50% relativo ai costi generali e al realizzo di un utile d impresa (ATTENZIONE: questo secondo importo è stato ribassato del 35% in fase di gara) Oltre alle attività extra canone a richiesta, però, il capitolato prevede anche le Attività ausiliarie accessorie. E qui viene il bello. Le attività ausiliarie accessorie non riguardano la pulizia dei locali ma anche l accoglienza e la sorveglianza degli alunni, la custodia e la sorveglianza generica dei locali scolastici e altre attività di tipo esecutivo. Il punto è: quali istituzioni scolastiche possono eventualmente utilizzare l importo residuo per tali attività? Leggiamo ancora il Capitolato: Le attività ausiliarie accessorie sono esclusivamente quelle

13 previste dagli appalti stipulati dagli Enti locali, oggetto di trasferimento ai sensi della Legge 124/1999, presso gli Istituti scolastici laddove risultino indicate nell elenco delle istituzioni scolastiche allegato al capitolato stesso (punto 7.1.4). Si tratta di sole 11 scuole dei comuni di S. Donato Val Comino (FR), Aprilia e Pontinia (LT), Fiumicino, Marino e Albano (RM). Con ciò si tiene conto del fatto che i quei comuni, presumibilmente, gli appalti preesistenti includevano anche tali funzioni. Ma allora noi ci chiediamo: cosa è avvento in tutti gli altri comuni, Roma inclusa? Non sarà per caso che ci siamo persi per la strada una cospicua quantità di risorse attraverso l intricata vicenda delle cosiddette funzioni miste? Mistero. Comunque, in attesa di chiarimenti o di nostri approfondimenti, le scuole potrebbero teoricamente utilizzare l importo contrattuale residuo per servizi compresi nel CCNL Multiservizi, la cui sfera di applicazione prevede, tra gli altri: - servizi di pulimento, disinfezione, sanificazione, disinfestazione e derattizzazioni (civili, industriali, ospedaliere, domiciliari, etc.); - servizi di manutenzione (aree verdi, impianti e macchinari industriali, immobili, beni mobili, ripulitura muri da scritte e graffiti, strade e segnaletica orizzontale e verticale in aree confinate, piscine, spiagge, arenili, etc.); - servizi di conduzione e gestione impianti (termici, climatizzazione, elettrici, idraulici, etc.); - servizi di controllo accessi, servizi ausiliari museali, fieristici e congressuali (reception, accoglienza, accompagnamento, custodia di locali, edifici, aree, etc.); - servizi di sanificazione ambientale (disinfezione, disinfestazione, derattizzazione, etc.); - servizi generali (servizi copia, centralino, distribuzione cancelleria e posta interna, fattorinaggio, barellaggio, movimentazione interna, etc.); - servizi amministrativi (gestione condominiale, gestione utenze, autorizzazioni, licenze, imposte, fatturazioni, etc.); - servizi alla ristorazione (trasporto e veicolazione pasti, riordino locali, lavaggio stoviglie, etc.) - servizi di pulizia, di manutenzione e altri servizi in domicili privati (abitazioni, residenze, etc.); - servizi ausiliari del trasporto (assistenza, rimessaggio e piccola manutenzione al trasporto pubblico - autobus, aeromobili, natanti, etc.); - servizi ausiliari in area scolastica, sanitaria, industriale ed uffici pubblici e privati; - servizi integrati in ambito fieristico, museale ed archeologico, comprese iniziative promozionali e manifestazioni ricreative e culturali, nonché i servizi di primo intervento antincendio, etc.; - servizi di controllo degli accessi e custodia di aree, edifici ed attrezzature comprese la custodia e la gestione di parcheggi non a pagamento in aree confinate private, con l ausilio di impianti tecnologici e servizi cinofili; - servizi di fattorinaggio, custodia ed archiviazione documenti, trasporto documenti, servizi di biglietteria e informazioni anche telefoniche, con esclusione dei call-center, etc.; - servizi ausiliari alla gestione di biblioteche ed esposizione libraria, gestione degli accessi, informazione al pubblico, movimentazione e trattamento fisico del materiale librario (copertinatura, apposizione bande antitaccheggio, applicazione codici a barre, etc.). Va peraltro segnalato che, dalla discussione in seno al gruppo tecnico, sulla base di esperienze riportate da alcuni colleghi, è emersa l indicazione di usare estrema cautela nell affidamento ad esterni di incarichi che prevedano la sorveglianza e la vigilanza degli alunni, nonché nel creare occasioni di coabitazione tra personale interno ed esterno in orario scolastico.

14 Che cos è la cosiddetta clausola di salvaguardia di 1/5 dell importo? Si tratta di una norma contenuta nel Regio decreto sulla Contabilità generale dello Stato che costituisce una sorta di clausola vessatoria a svantaggio degli appaltatori che godono di una committenza pubblica e conseguentemente a tutela del patrimonio pubblico. La norma dice che: Articolo 11. Qualora, nel corso di esecuzione di un contratto, occorra un aumento od una diminuzione nelle opere, lavori o forniture, l'appaltatore è obbligato ad assoggettarvisi, alle stesse condizioni, fino a concorrenza del quinto del prezzo di appalto. Al di là di questo limite egli ha diritto alla risoluzione del contratto. In questo caso sarà all'appaltatore pagato il prezzo delle opere, dei lavori o delle forniture eseguite, a termini di contratto. L'aumento entro il limite del quinto della somma preventivata non rende, in nessun caso, necessario il parere del Consiglio di Stato. La norma è espressamente richiamata nel disciplinare di gara che dice: L importo suddetto è da intendersi garantito nei confronti dell Assuntore, salva la facoltà degli Istituti scolastici di avvalersi di quanto previsto dall art.11, comma 3, R.D. n.2440/1923. Per ovvi motivi è escluso il caso di aumento dell importo fino ad 1/5 del suo valore. Resta il caso della diminuzione che potrebbe suonare così: l importo imputato in gara per la mia scuola è di , se io riesco ad avere tutti i servizi necessari per , mi restano che non sono tenuto ad utilizzare con la ditta aggiudicataria dell appalto. Ma è davvero così? E, soprattutto, se una scuola applicasse la clausola del quinto, i soldi risparmiati a chi vanno? Alla scuola per altre necessità o al Ministero? Vale la pena di approfondire questo aspetto con degli esperti. Per ora ci limitiamo a segnalare il problema.

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI ALLEGATO 8 PREZZI Allegato 8 - Prezzi Pag. 1 di 15 INDICE SEZIONE 1 PREZZI DEI SERVIZI PREDEFINITI 3 1.1 Servizi di Consulenza Gestionale 3 1.2 Servizi di Manutenzione degli Impianti 4 1.3 Servizi di Pulizia

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 19 DICEMBRE 2007 1 2008-31 2011) 31 2009 31 MAGGIO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 19 DICEMBRE 2007 1 2008-31 2011) 31 2009 31 MAGGIO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO per i dipendenti da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati/multiservizi 19 DICEMBRE 2007 (Decorrenza: 1 gennaio 2008 - Scadenza: 31 dicembre 2011)

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari,

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Viale dei Giornalisti 6, Edificio E, per una durata di 24 mesi. L anno duemilatredici, il giorno 07 del mese di agosto

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

PROGETTO DEL SERVIZIO

PROGETTO DEL SERVIZIO GISEC S.p.A. a Socio Unico Gestione Impianti e Servizi Ecologici Casertani Società soggetta ad attività di Direzione e Coordinamento da parte della Provincia di Caserta Sede Legale in Corso Trieste, 133

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA PON ENTI BILATERALI 2012-14

ITALIA LAVORO SPA PON ENTI BILATERALI 2012-14 INDICE 13.4 PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI MULTISERVIZI... 551 13.4.1 DATI DI SCENARIO... 554 13.4.2 ELEMENTI SULLA CONTRATTAZIONE... 555 13.4.2.1 Ccnl industria e cooperative... 556 13.4.2.2 Ccnl Confcommercio...

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi da prestare presso la sede di Roma - Piazza Poli, 37/42 00187

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA Dipartimento per i Servizi nel Territorio Direzione Generale per il Personale della Scuola e dell Amministrazione CONVENZIONE QUADRO TRA IL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, D'INTESA CON IL MINISTERO

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE, PRESTAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E LA MINUTA MANUTENZIONE DEI LOCALI, RELATIVI AGLI IMMOBILI

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli