COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/ / /2015, compreso nell allegato 2 b del D Lgs. 163/2006. Oggetto dell appalto ART.1 Il presente Capitolato ha per oggetto l aggiudicazione del servizio di assistenza, sorveglianza e pulizia, meglio specificato nei successivi artt. 3 e 4, occorrente alle esigenze di assistenza scolastica agli alunni, nonché di sorveglianza e pulizia delle strutture scolastiche paritarie comunali, per gli anni scolastici 2012/ / /2015. Il presente affidamento si configura come appalto misto di servizi in relazione ai due tipi di prestazioni che concorrono a definire il servizio complessivo: a) prestazioni di assistenza e sorveglianza rivolte alla persona(prevalente); b) prestazioni di pulizia e sorveglianza degli ambienti(conseguenziale). Tali prestazioni, pur essendo distinguibili in linea di principio, non sono, da un punto di vista operativo completamente separabili, poiché parte delle prestazioni giornaliere richieste prevedono anche interventi di pulizia contemporanee e contestuali alle attività rivolte ai bambini. Il Comune di Genzano di Roma intende provvedere allo svolgimento del servizio mediante procedura aperta. E fatto obbligo alla Ditta aggiudicataria di accettare integralmente il presente capitolato. ART.2 Procedura di Gara - Importo e Durata Il Comune di Genzano di Roma intende provvedere allo svolgimento del servizio mediante procedura aperta (pubblico incanto), ai sensi dell art. 55 del D.Lgs 163/2006 a favore dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art.83 del D.Lgs. stesso. L appalto del servizio sarà aggiudicato secondo le modalità stabilite nel presente capitolato, nel bando di gara, nel disciplinare di gara e relativi allegati; negli stessi sono specificate altresì le modalità di presentazione dell offerta e la documentazione da allegare. Il conferimento dell appalto di servizi verrà effettuato a favore del concorrente (anche di un solo concorrente) che avrà presentato l offerta economicamente più vantaggiosa. Il servizio dovrà svolgersi sotto l osservanza delle norme contenute negli articoli che seguono, tenendo conto, inoltre, di quanto previsto in materia di igiene, sanità e sicurezza per il personale impiegato. L importo presunto, a base d asta dell affidamento, è di ,77 iva esclusa(l importo annuale iva esclusa è di ,59) e si intende comprensivo di tutti gli oneri derivanti dalla 1

2 organizzazione, coordinamento, supervisione necessari alla garanzia di qualità del presente appalto. L importo è stato stimato sulla base del numero presunto di giorni, 220 scolastici, per n. 6 unità lavorative, per n. 7 ore giornaliere procapite ad un costo orario di. 16,42 iva esclusa di cui al vigente CCNL di categoria. La Ditta aggiudicataria dovrà garantire un extra monte ore, necessarie ad ogni operatrice per la partecipazione delle stesse agli incontri con il Collettivo Scolastico ed uscite didattiche, in base alla programmazione annuale delle docenti. L appalto avrà la durata di tre anni scolastici a partire dall anno scolastico 2012/2013 fino alla fine dell anno scolastico 2014/2015 e più precisamente dal 1 Settembre di ogni anno, fino al 30 Giugno di ogni anno; 10 giorni prima del 1 Settembre di ogni anno dovranno essere eseguite, per entrambi i plessi Truzzi e Rodari, le pulizie necessarie per il regolare inizio dell anno scolastico. La Ditta aggiudicataria dovrà iniziare il servizio a decorrere da tale data e proseguirlo per tutto il periodo richiesto. L appalto potrà essere rinnovato per un ugual periodo, agli stessi prezzi patti e condizioni, se la normativa in essere al momento della scadenza lo permetterà, previo accertamento della presenza di ragioni di convenienza e di pubblico interesse e nel rispetto della normativa vigente. In ogni caso, se allo scadere del termine naturale previsto per il contratto, la committente non avrà ancora provveduto ad aggiudicare il servizio per il periodo successivo, la Ditta sarà obbligata a continuarlo per un periodo non superiore a 6 (sei) mesi, alle stesse condizioni contrattuali vigenti alla data di scadenza. L adeguamento ISTAT, del corrispettivo orario, non potrà essere richiesto per il primo anno di contratto. ART.3 Soggetti interessati Il servizio di assistenza, sorveglianza e pulizia interessa al giorno mediamente e complessivamente circa n. 130 alunni, appartenenti alle scuole materne comunali paritarie Truzzi e G. Rodari dal lunedì al venerdì, secondo il calendario scolastico, con il seguente orario: TRUZZI : entrata 8:00 uscita 16:15/16:30 (tempo facoltativo-pieno); G. RODARI : entrata 8:00/9:00; uscita differenziata 12:30/13:00 (tempo antimeridiano) e 16:00/16:30 (tempo facoltativo-pieno). Le giornate di servizio corrispondono alle giornate di lezione in ciascun anno scolastico (circa 220 da calendario scolastico M.I.U.R.). ART.4 Organizzazione del lavoro Il servizio verrà effettuato, di massima, per cinque giornate lavorative per ogni settimana (dal lunedì al venerdì). L articolazione dell orario di servizio giornaliero verrà concordato con il 2

3 Servizio Attività Educative del Comune e i Responsabili del Servizio interessato e dovrà comunque essere tale da assicurare la massima Assistenza e Sorveglianza agli alunni e la corretta Pulizia e Igienizzazione degli ambienti nonché l esecuzione di tutte le operazioni previste nel presente capitolato. Il servizio di pulizia degli ambienti verrà svolto di norma in orari nei quali i locali non sono occupati. L orario di lavoro dovrà essere strutturato in maniera tale da garantire, nella giornata, il completo e corretto svolgimento delle mansioni da assolvere, e comunque preventivamente concordato con il Responsabile dell ufficio preposto al controllo. I materiali di pulizia, carta igienica, scottex e le attrezzature, necessari per lo svolgimento del lavoro saranno messi a disposizione dalla Ditta appaltatrice, ivi compresi prodotti igienicosanitari. ART.5 Luogo di svolgimento del servizio La Ditta, avvalendosi della propria organizzazione personale dovrà provvedere ad assicurare il servizio di assistenza, sorveglianza e pulizia, presso le seguenti strutture scolastiche: Scuola dell Infanzia Paritaria G. Rodari Via Sicilia, 23 - Genzano di Roma (RM); Scuola dell Infanzia Paritaria Truzzi - P.zza D. Alighieri, 3 - Genzano di Roma (RM). Eventuali altri servizi aventi carattere temporaneo verranno concordati di volta in volta tra il Comune e la Ditta. Compiti del Personale ART.6 Il Servizio, visto che il profilo professionale del personale ausiliario non docente della scuola consiste in generale nell eseguire, nell ambito di specifiche istruzioni e con responsabilità connesse alla corretta esecuzione del proprio lavoro, attività caratterizzate da procedure ben definite, che richiedono preparazione professionale non specialistica. In particolare il servizio consiste in: 1. Apertura e chiusura dei locali per le attività didattiche e per le altre attività deliberate dal Consiglio di Circolo; 2. Alla quotidiana pulizia dei locali scolastici, degli arredi, delle suppellettili anche con l utilizzo di macchine semplici; 3. Alla pulizia e riordino degli spazi scoperti, anche con l utilizzo di macchine semplici; 4. Alla piccola manutenzione di beni mobili e immobili che non richieda l uso di strumenti tecnici; 5. Alla sorveglianza sull accesso al plesso, sull uscita e sul movimento degli alunni e del pubblico nonché alla sorveglianza degli alunni nelle aule, nei laboratori, negli spazi ludicoricreativi, ecc in occasione di momentanea assenza del personale docente, nonché nelle necessità fisiologiche degli alunni in caso di necessità o richiesta; 6. All accompagnamento degli alunni in occasione del loro trasferimento dal/allo scuolabus, dalle aule ad altri luoghi per attività didattiche sia all interno dell edificio che all esterno dello stesso; 3

4 7. All accompagnamento degli eventuali alunni portatori di handicap inseriti nelle sezioni nell ambito delle strutture scolastiche; 8. All accensione, spegnimento e manovra di macchine semplici o centralizzata per cui non sia richiesto l uso di patenti; 9. Al servizio di centralino telefonico e l uso di macchine per la duplicazione di atti, fax compreso, se esistenti; 10.All approntamento di sussidi didattici per l uso degli stessi da parte dei docenti; 11.A compiti di carattere materiale inerenti al servizio, compreso lo spostamento delle suppellettili all interno; 12.Alle attività connesse con i servizi di mensa, il riordino e la pulizia degli appositi spazi; 13.Alla guardiania dei locali e degli spazi scoperti; 14.Al servizio di portineria; 15.Al servizio di assistenza materiale agli alunni portatori di handicap. Il personale incaricato dovrà essere formato attraverso corsi di formazione, specifici per la mansione, adeguatamente documentati. 16.Collaborazione con il personale educativo/insegnante nelle attività complementari e sussidiarie relative all'assistenza e sorveglianza dei bambini, tenendo in particolar modo alla cura della loro igiene personale, sostegno alla loro autonomia nella fruizione dei servizi e delle attrezzature scolastiche, collaborazione alle attività didattiche programmate. ART.7 Norme tecniche per lo svolgimento dei lavori di pulizia Pavimenti: Per la pulizia dei pavimenti, in generale, la ditta dovrà usare opportuni detergenti a ph controllato ed a basso potere schiumogeno. In presenza di pavimenti incerati la pulizia a fondo deve essere operata con prodotti contenenti sostanza deceranti, mentre per le pulizie normali verrà usato un idoneo detergente mantenitore. L inceratura del pavimento potrà avvenire solamente dopo una pulizia a fondo. La ditta dovrà indicare il tipo di detersivo ed eventualmente di cera che intende impiegare in ogni settore. Qualora venissero usate cere metallizzate, la Ditta dovrà indicare i tipi e la frequenza d impiego qualora a sua discrezione si discostassero da quelle precedentemente comunicate. In particolare, per ogni tipo di pavimento, la Ditta dovrà operare come segue: - pavimenti di pietra naturale (marmo, marmittoni, granito, graniglia, veneziana); - pavimenti in pietre naturali dovranno essere lavati con detersivi a ph controllato, l inceratura deve avvenire con prodotto non fibrinogeno; - pavimenti ad impasto naturale (cemento, gres, cotto e ceramica); questo tipo di pavimento generalmente non va incerato ma semplicemente lavato con acqua e detergente; 4

5 Vetri: Dovranno essere lavati con apposito detergente, quindi asciugati e ripassati fino a renderli ben tersi. Nei vetri muniti di intelaiatura curare particolarmente la pulizia degli orli, degli angoli e delle intelaiature stesse. Infissi di metallo verniciato, nichelato, alluminio, ferro, ecc: Dovranno essere puliti con soluzione detergente ripassando poi, con acqua pulita e asciugati completamente. Infissi di legno e cassonetti: Dovranno essere spolverati e all occorrenza lavati con acqua e apposito detergente, indi risciacquati ed accuratamente asciugati. Davanzali, balconi e terrazzi: Dovranno essere puliti previa asportazione di eventuali lordure ed eventualmente lavati, risciacquati ed asciugati. Mobili e arredi: Dovranno essere puliti, spolverati e all occorrenza lavati con idonei prodotti. ART. 8 Modalità di Valutazione dell'offerta Tecnico-Economica e scelta del Contraente La gara sarà aggiudicata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa applicato valutando le offerte in base ai seguenti elementi: Capacità Tecnica - Gestionale Offerta Economica La Commissione giudicatrice, all uopo nominata dall Amministrazione, valuterà le offerte, nella loro parte tecnica ed economica, sulla base della documentazione presentata dagli organismi concorrenti e avrà a disposizione 100 punti da attribuire con i seguenti criteri: OFFERTA TECNICA max 70 p.ti di cui: PROFILO DI VALUTAZIONE Capacità Gestionale Capacità Tecnica PUNTEGGIO max 50 p.ti max 20 p.ti 5

6 Per la capacità gestionale sarà attribuito un punteggio massimo di 50, diviso nel seguente modo: SUBPROFILO W i a. Progetto di gestione del servizio con particolare riguardo a: max.30 p.ti o Procedure operative per lo svolgimento del servizio; 0-15 p.ti o Chiara definizione degli obiettivi da raggiungere; 0-10 p.ti o Previsione di efficaci sistemi di verifica e monitoraggio 0-5 p.ti b. Personale: max. 10 p.ti o Modalità per il contenimento del Turn-Over degli operatori 0-6 p.ti o Progetto d investimento nella formazione del personale 0-4 p.ti c. Risorse destinate al servizio con particolare riguardo a: max 10 p.ti o Disponibilità di attrezzature e/o materiali specifici 0-10 p.ti Per la capacità tecnica sarà attribuito un punteggio massimo di 20, diviso nel seguente modo: SUBPROFILO W i a) migliorie: proposte innovative del servizio max. 10 p.ti b) curriculum comprovante l esperienza della passata attività del coordinatore del servizio(per esperienze in servizi identici o analoghi punti 1 all anno o frazione superiore ai 6 mesi); max. 10 p.ti Allo scopo di rendere omogenea l attribuzione dei punteggi alle diverse offerte, la Commissione procederà ad assegnare, per ogni sub profilo delle tabelle precedenti, un giudizio tra i sei di seguito precisati, cui corrisponde un coefficiente. Una volta terminata la procedura di attribuzione discrezionale dei coefficienti, si procederà a trasformare la media dei coefficienti attribuiti ad ogni offerta da parte di tutti i commissari in coefficienti definitivi, riportando ad uno la media più alta e proporzionando a tale media massima le medie provvisorie prima calcolate. Il punteggio di ogni sub profilo scaturirà dal prodotto tra il punteggio massimo attribuibile al sub profilo stesso moltiplicato per il coefficiente relativo al giudizio assegnato. I giudizi e i coefficienti sono i seguenti: Giudizio Coefficiente V (a) i Eccellente 1 Ottimo 0,9 Buono 0,75 Sufficiente 0,60 Insufficiente 0,3 Inadeguato 0 La valutazione tecnica seguirà la seguente formula: C (a) = Σ n [ W i * V (a) i ] dove: C (a) = indice di valutazione dell offerta (a); 6

7 n W i V (a)i Σ n = numero totale dei requisiti; = peso o punteggio attribuito al requisito (i); = coefficiente della prestazione dell offerta (a) rispetto al requisito (i) variabile tra zero e uno; = sommatoria. V (a)i è la media dei coefficienti V (a)i attribuiti discrezionalmente dai singoli commissari. OFFERTA ECONOMICA max 30 p.ti attribuiti come segue: Il massimo punteggio verrà attribuito all impresa partecipante che avrà formulato l offerta migliore(riportante il prezzo più basso) Per le altre offerte il punteggio sarà attribuito secondo la seguente formula: Pe(x)=30xC i C i (per A i <= A soglia ) = X*A i / A soglia C i (per A i > A soglia ) = X + (1,00 - X)*[(A i - A soglia ) / (A max - A soglia )] dove C i = coefficiente attribuito al concorrente i-esimo A i = valore dell offerta (ribasso) del concorrente i-esimo A soglia = media aritmetica dei valori delle offerte (ribasso sul prezzo) dei concorrenti X = 0,90 A max = valore dell offerta (ribasso) più conveniente Al fine di consentire un uniformità tra le offerte presentate dalle singole Ditte/Cooperative Consorzi si specifica che il progetto presentato non potrà superare le 10 cartelle formato A4 - interlinea 1,5 (solo fronte), pena l esclusione dalla gara. La Commissione Giudicatrice, all uopo nominata, presso la 3^ Area Servizio Attività Educative, Formative e Sportive del Comune di Genzano di Roma, procederà, previa comunicazione alle ditte concorrenti, in seduta pubblica all apertura dei plichi pervenuti entro il termine prescritto e, accertata sulla base dell esame degli stessi, l ammissibilità delle imprese partecipanti procederà, in seduta segreta, all esame e alla valutazione delle proposte secondo i criteri suesposti. A conclusione dei propri lavori la Commissione formulerà una graduatoria delle proposte risultate valide in relazione al punteggio totale attribuito a ciascuna di esse. L Amministrazione, si riserva prima dell apertura delle offerte presentate, la possibilità di procedere al sorteggio per il controllo dei requisiti, ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. 163/

8 ART.9 Normativa Costituiscono fonti principali del contratto il capitolato speciale, il bando di gara, il disciplinare i relativi allegati e l offerta presentata dall affidataria. Per tutto quanto non esplicitamente contemplato da tali fonti, si rinvia alle disposizioni normative e regolamentari vigenti in materia. L impresa dovrà, inoltre, garantire nell espletamento del servizio l osservanza della normativa in materia di riservatezza dei dati personali, Decreto legislativo n. 196/2003 e successive modifiche e integrazioni. ART.10 Personale All affidamento del servizio, l affidataria trasmette all Amministrazione il nominativo del coordinatore del servizio e di tutti gli operatori impiegati per l esecuzione del servizio. Il personale impiegato nell esecuzione del servizio deve avere requisiti di idoneità conformi a quanto previsto per lo svolgimento del Servizio stesso e dovrà impegnarsi a mantenere un contegno riguardoso e corretto verso l'utenza. Il Comune, durante l'espletamento del Servizio, potrà pretendere la sostituzione di coloro che non osservassero siffatto contegno o fossero abitualmente trascurati nel servizio o usassero un linguaggio scorretto e riprovevole(art. 4 del D.M. 448/91). Qualora durante l appalto si renda necessario procedere a sostituzione di personale, l impresa deve garantire l equivalenza professionale delle nuove unità lavorative rispetto al personale sostituito e comunque deve, prima che sia operativa la suddetta sostituzione, trasmettere all Amministrazione una comunicazione contenente anche la dichiarazione che il personale operante in sostituzione è in possesso dei requisiti minimi indicati dal capitolato tecnico. E facoltà dell Amministrazione verificare in via preventiva le conoscenze tecniche e professionali del personale impegnato nel servizio. L affidataria si obbliga ad ottemperare verso i propri dipendenti impegnati nell esecuzione del servizio tutti gli obblighi derivanti da disposizioni legislative, regolamentari e contrattuali vigenti in materia di lavoro, di previdenza e di assicurazioni sociali, assumendo a proprio carico tutti relativi oneri. L impresa si obbliga, altresì, ad applicare condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro applicabili alla categoria e nella località in cui si svolgono le prestazioni, nonché le condizioni risultanti da successive modifiche ed integrazioni e da ogni contratto collettivo, successivamente stipulato per la categoria applicabile nella località, anche riguardo alla contrattazione di secondo livello e territoriale. L impresa si obbliga, altresì, a continuare ad applicare i suddetti contratti collettivi anche dopo la loro eventuale scadenza e fino alla loro sostituzione. Le Ditte, partecipando, assumono formale impegno, in caso di aggiudicazione, ad utilizzare prioritariamente lo stesso personale della precedente ditta affidataria, dedito da diversi anni al servizio di che trattasi, nell ottica del mantenimento degli attuali livelli occupazionali, della 8

9 continuità del servizio e delle esperienze e professionalità acquisite, nonché delle condizioni contrattuali per il periodo di durata dell espletamento del servizio, a condizione che il loro numero e la qualifica siano armonizzabili con le esigenze tecnico-organizzative previste per il servizio. La Ditta si obbliga, altresì, a retribuire il personale entro il 15 del mese successivo alla prestazione resa. Il pagamento delle retribuzioni degli operatori non è assolutamente subordinato ai rapporti della ditta assegnataria con il Comune di Genzano di Roma. Pertanto, qualora entro il 15 del secondo mese successivo al maturarsi del diritto alla retribuzione l assegnatario non proceda alla liquidazione del personale, verrà applicata una penale ai sensi dell art.17 del capitolato speciale. Se il ritardo perdurasse anche nel mese successivo si procederà alla risoluzione del contratto previa diffida ad adempiere entro i 15 giorni successivi. Tutti gli obblighi sopra indicati vincolano l impresa per tutto il periodo di validità del contratto. ART. 11 Rapporti tra Ditta e Servizio Attività Educative La Ditta aggiudicataria metterà a disposizione dell Amministrazione Comunale un responsabile operativo che avrà l obbligo di collaborare strettamente con il Servizio Attività Educative, per la supervisione e le eventuali esigenze particolari del servizio. Il Servizio Attività Educative, attraverso i propri collaboratori, potrà effettuare periodiche verifiche sulle attrezzature, impianti, prodotti e personale utilizzato dalla ditta, per accertare che vi sia una perfetta corrispondenza alle clausole del contratto. Per ogni difformità o violazione di direttive, anche verbali, impartite dallo stesso ufficio, per una migliore esecuzione delle opere e per ottenere ambienti di un elevato grado di pulizia ed igiene, verranno applicate penali in denaro e precisamente per ogni inadempimento l importo di. 250,00, che verrà automaticamente trattenuto dall amministrazione sul pagamento del canone pattuito, salva sempre la risoluzione del contratto con incameramento della cauzione per i casi di reiterate o più gravi inadempienze a giudizio dell appaltante. Servizio Mensa ART.12 La Ditta aggiudicataria dovrà corrispondere, mensilmente, all Amministrazione Comunale di Genzano di Roma la quota spettante per i pasti usufruiti dal personale incaricato, nel caso in cui lo stesso personale si trovi in servizio nell orario in cui gli alunni usufruiscono della mensa. L Amministrazione Comunale liquiderà alla Ditta aggiudicataria la fattura mensile, decurtando dalla stessa la quota relativa al costo dei pasti effettivamente usufruiti dal proprio personale. Tale conteggio verrà effettuato dal Servizio Attività Educative in base alla richiesta giornaliera di pasti per il personale Assistente, pervenuta da parte delle Istituzione Scolastiche. Il costo del pasto sarà quello stabilito dal contratto con la Ditta Appaltatrice del Servizio Mensa Scolastica. 9

10 Riservatezza e Privacy COMUNE DI GENZANO DI ROMA ART Ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003 l appaltatore è designato quale Responsabile del trattamento dei dati personali che saranno raccolti in relazione all espletamento delle attività inerenti il presente appalto e si obbliga a trattare i dati esclusivamente al fine dell esecuzione dello stesso. 2. L appaltatore dichiara di conoscere gli obblighi previsti dal D.Lgs. n. 196/2003 e dai provvedimenti generali ad esso correlati a carico del responsabile del trattamento e si obbliga a rispettarli, nonché a vigilare sull operato degli incaricati del trattamento. 3. L Amministrazione e l appaltatore prestano il proprio reciproco consenso al trattamento dei propri dati personali all esclusivo fine della gestione amministrativa e contabile del contratto relativo al presente appalto con facoltà, solo ove necessario per tali adempimenti, di fornirli anche a terzi. ART.14 Deposito Cauzionale Per partecipare alla gara l Impresa, oltre all offerta e ai documenti indicati nel presente Capitolato, nel Bando di gara e nel Disciplinare di Gara e relativi allegati, deve allegare una quietanza comprovante il deposito cauzionale provvisorio pari al 2% dell importo a base di gara, da effettuarsi secondo le condizioni e modalità previste dal disciplinare. L impresa che risulterà aggiudicataria, a garanzia dell esatta osservanza degli obblighi assunti e prima della stipula del contratto, dovrà costituire un deposito cauzionale, secondo le modalità di cui all art. 113 del D.lgs. n. 163/2006. La mancata costituzione della garanzia di cui al presente articolo determina la revoca dell'affidamento e l aggiudicazione dell'appalto o la concessione al concorrente che segue nella graduatoria. ART.15 Imposte e Tasse Per quanto concerne la stipulazione del contratto, tutte le spese, imposte e tasse inerenti al contratto stesso, quali quelle di bollo, quietanza, diritti fissi, di segreteria, di scritturazione, ecc. sono a carico dell impresa aggiudicataria. Subappalto ART.16 E vietato cedere o subappaltare il servizio assunto pena l immediata risoluzione del contratto e la perdita del deposito cauzionale salvo ulteriore risarcimento dei maggiori danni accertati. 10

11 ART.17 Penalità L Ente appaltante si riserva, con ampia ed insindacabile facoltà e senza che l Organismo affidatario possa nulla eccepire, di disporre verifiche e controlli di rispondenza e di qualità circa la piena conformità del servizio reso a quanto previsto dal capitolato tecnico e dall offerta presentata in sede di gara. Qualora, dal controllo di cui al comma precedente, il servizio dovesse risultare non conforme a quello che l Affidatario è contrattualmente tenuto a rendere, dette inadempienze e/o disservizi fatte salve le fattispecie disciplinate dal successivo art. 18 saranno contestate all Affidatario stesso con invito a rimuoverle immediatamente ed a presentare entro il termine massimo di 15 gg., le proprie giustificazioni al riguardo. Nel caso che l Affidatario non ottemperi a detto invito entro il termine fissato, ovvero fornisca elementi non idonei a giustificare le inadempienze e/o disservizi contestati, verrà applicata una penale pari al 10% di quanto dovuto per la mensilità in corso al momento in cui si sono verificate dette inadempienze e/o disservizi. Ove la stessa inadempienza e/o disservizio venga rilevato una seconda volta, dopo espletati gli adempimenti di cui al comma precedente, sarà applicata una penale pari al 15% di quanto dovuto per la mensilità in corso al momento in cui si è verificata detta inadempienza e/o disservizio. L accertamento e contestazione per la terza volta della medesima inadempienza e/o disservizio comporterà la risoluzione di diritto del contratto ai sensi dell art del C.C. nonché la immediata sospensione del pagamento dei compensi pattuiti. Qualora l Appaltatore ometta di eseguire, anche parzialmente, la prestazione oggetto dell Appalto con le modalità e dentro i termini previsti, l Amministrazione può commissionare ad altro qualificato soggetto, individuato con specifico provvedimento, l esecuzione parziale o totale di quanto omesso dall Appaltatore stesso, al quale saranno addebitati i relativi costi ed i danni eventualmente derivati al Comune. Risoluzione del contratto ART.18 La risoluzione del contratto può essere disposta dall Amministrazione nelle ipotesi sotto elencate: 1. inosservanza delle norme di cui all art. 10 sopra citato; 2. in caso di fallimento e delle altre procedure concorsuali; 3. qualora la somma delle penali complessivamente applicate raggiunga un valore pari almeno alla percentuale del 10% dell importo a base di gara; 4. mancato pagamento delle retribuzioni e dei relativi oneri previdenziali ed assistenziali stabiliti dai vigenti contratti collettivi; 5. mancata osservanza degli obblighi stabiliti dai vigenti contratti collettivi di categoria; 6. in caso di reiterata (superiore a tre volte) violazione delle prescrizioni relative alla riservatezza di cui al precedente art. 13; 7. decadenza dal possesso di uno dei requisiti richiesti dall Amministrazione per la partecipazione alla gara in oggetto. 11

12 Resta ferma l applicabilità di tutta la normativa vigente in tema di inadempienze contrattuali. Recesso unilaterale dell Amministrazione ART L Amministrazione si riserva la facoltà di recedere dal contratto, ai sensi dell art del Codice civile, in qualunque tempo e fino al termine del servizio [, per motivi di pubblico interesse]. 2. Il recesso è esercitata per iscritto mediante invio di apposita comunicazione a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento. 3. Il recesso non può avere effetto prima che siano decorsi quindici (15) giorni dal ricevimento della comunicazione di cui al precedente comma Qualora l Amministrazione si avvalga della facoltà di recesso unilaterale, essa si obbliga a pagare all appaltatore un indennità corrispondente a quanto segue: 4.1.) prestazioni già eseguite dall appaltatore al momento in cui viene comunicato l atto di recesso, così come attestate dal verbale di verifica redatto dall Amministrazione; 4.2.) spese sostenute dall appaltatore; 4.3.) un decimo dell importo del servizio non eseguito calcolato sulla differenza tra l importo dei quattro quinti (4/5) del prezzo contrattuale e l ammontare netto delle prestazioni eseguite. ART. 20 Verifiche e controlli L Amministrazione effettua verifiche e controlli in ordine alla integrale osservanza da parte dell affidataria di tutte le disposizioni contenute nel Capitolato Speciale. Nell ipotesi in cui venga riscontrata una inadempienza quantitativa e/o qualitativa rispetto a quanto stabilito dal citato capitolato di gara e dal contratto, l Impresa provvede tempestivamente ad eliminare le disfunzioni rilevate. Nei casi previsti, si procederà alla contestazione per l applicazione della relativa penalità di cui al precedente art.17. I controlli e le verifiche effettuate, pur con esito positivo, non liberano l affidataria dagli obblighi e responsabilità inerenti al contratto. ART.21 Lingua da usare Tutti i rapporti scritti e verbali, tra l Amministrazione e l impresa, comunque inerenti al presente affidamento, dovranno avvenire in lingua italiana. 12

13 ART. 22 Osservanza di Leggi, Regolamenti e Norme L Impresa, sotto la sua esclusiva responsabilità, deve ottemperare alle disposizioni legislative vigenti, come pure osservare tutti i regolamenti, le norme, e le prescrizioni delle competenti Autorità in materia di contratti di lavoro, di sicurezza e di quanto altro possa comunque interessare l affidamento. Pretese di Terzi ART. 23 L impresa garantisce in ogni tempo l'amministrazione da ogni e qualsiasi pretesa di terzi derivante da inosservanza da parte dell impresa stessa, anche parziale, delle norme contrattuali e da inadempienze nell'ambito delle attività e rapporti comunque posti in essere con l impresa medesima per lo svolgimento del servizio oggetto dell'affidamento. Danni e Rischi ART.24 L Affidatario è tenuto all adempimento di tutti gli obblighi derivanti dalla legge sull assicurazione del personale a qualsiasi titolo impiegato. L Affidatario sarà responsabile civilmente e penalmente di tutti i danni di qualsiasi natura che potessero derivare a persone o cose a causa della realizzazione del servizio e si obbliga a sollevare la P.A. da qualunque pretesa, azione, domanda o altro che possa derivare direttamente o indirettamente dalla gestione del servizio in parola. L Affidatario si impegna a contrarre un adeguata copertura assicurativa, per garanzia di infortuni e responsabilità civile per sinistri che possano derivare agli utenti e agli operatori oppure da questi causati agli utenti o a terzi durante l espletamento del servizio, esonerando il Comune da ogni responsabilità al riguardo. Essa dovrà pertanto procedere alla stipula di polizze di assicurazione per un importo non inferiore a ,00 (unmilionecinquecentomila) con obbligo di consegna di copia della quietanza relativa al pagamento del premio. Prima dell inizio del servizio, la Cooperativa aggiudicataria dovrà fornire la documentazione dell assicurazione contratta. In caso di danni arrecati a terzi, la Cooperativa aggiudicataria dovrà darne immediata notizia al Comune fornendo dettagliati particolari. Duvri ART.25 Il DUVRI è stato redatto in adempimento a quanto richiesto ai sensi dell art. 26 del D.Lgs 81/2008 allo scopo di individuare eventuali rischi da interferenze. 13

14 All uopo non sono stati individuati costi aggiuntivi per apprestamenti di sicurezza relativi all eliminazione dei rischi da interferenza, pertanto i costi sono pari a zero. Il DUVRI verrà sottoscritto dalle parti all atto della sottoscrizione del contratto do appalto. ART. 26 Finanziamento e Corrispettivo La spesa derivante dall'appalto sarà finanziata con i fondi Comunali. Il corrispettivo dovuto all impresa sarà liquidato mensilmente, con determinazione del Dirigente o Posizione Organizzativa Responsabile del Servizo Attività Educative del Comune di Genzano di Roma. Il pagamento delle competenze sarà effettuato entro 30 giorni dal ricevimento di regolari fatture emesse dall impresa stessa e previa attestazione della effettiva erogazione del servizio da parte del Responsabile nominato dall Amministrazione. ART. 27 Carta della qualità dei Servizi L I.A. dovrà provvedere ad emanare la Carta della qualità dei servizi con le modalità e secondo quanto disposto dall art. 2, comma 461, della L. 24/12/2007 n. 244(Legge Finanziaria per il 2008). 14

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C Il presente concorso è disciplinato dalla Direttiva 2004/18/CE. I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli