DIREZIONE GENERALE PROGETTO RISK MANAGEMENT REPORT SULL AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE GENERALE PROGETTO RISK MANAGEMENT REPORT SULL AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ"

Transcript

1 DIREZIONE GENERALE PROGETTO RISK MANAGEMENT REPORT SULL AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ

2 2

3 Sommario 1. Introduzione Lo stato d avanzamento La crescita della cultura organizzativa e la formazione L organizzazione interna Il processo ERM L analisi dell ambiente di controllo L identificazione e il catalogo dei rischi La valutazione dei rischi Il trattamento dei rischi Le criticità del Sistema e proposte di soluzione Sviluppo del progetto di Risk Management in Istat

4 4

5 1. Introduzione Per la gestione dei rischi organizzativi, in Istat è stato adottato il Framework ERM (Enterprise Risk Management - Co.SO. Framework: Internal Control Integrated Framework), le cui fasi del processo di implementazione, dalla sperimentazione alla messa a regime, sono sinteticamente rappresentate nella figura 1. Figura 1 Le fasi del Processo ERM e la sua implementazione in ISTAT Ambiente controllo Obiettivi ERM/IST Individ. Rischio Valutaz. Rischio Azioni risposta Monito raggio azioni Info Form Com Monitor. Sistema Sperimentazione Applicazione Messa a regime /2012 1/2013 Ciclo di Programmazione e sviluppo del Processo di gestione dei rischi (ERM) in Istat Il Progetto per l introduzione in Istat di un Sistema di Risk Management in Istat, complementare all obiettivo a breve termine della messa in sicurezza dei sistemi dell Istituto, procede secondo il percorso e le scadenze indicate nella Road Map di attuazione del modello della gestione dei rischi pubblicata sul sito web risk.istat.it. Tale Road Map prevede, quindi, che entro la prima metà del 2012 si concluda la fase di Sperimentazione, incentrata su: 1) analisi della percezione del rischio da parte del Top Management; 2) identificazione e valutazione (Control & Risk Self Assessment) delle principali criticità organizzative dei macroprocessi dell Istituto; 3) messa a regime del modello con l inserimento delle azioni di risposta nella programmazione operativa e strategica Istituzionale. 5

6 2. Lo stato d avanzamento L introduzione del Sistema persegue lo sviluppo contestuale dei 3 settori di applicazione: 1. la formazione in tema di gestione dei rischi e la crescita della cultura organizzativa; 2. l organizzazione interna; 3. il processo di applicazione dell ERM. In particolare, le azioni più importanti realizzate sono di seguito rappresentate, per ciascuna di queste aree di intervento. 2.1 La crescita della cultura organizzativa e la formazione Tra le attività concluse nell area della condivisione delle conoscenze e apprendimento, si segnala che: il 10 maggio, l Istituto ha partecipato al Forum P.A. con la presentazione del Sistema di Risk Management applicato ai censimenti generali, con l impegno di quattro relatori per due giornate; nell ambito della formazione specifica, il personale ha partecipato ad alcuni eventi divulgativi presso l Università di Roma La Sapienza ; è stato rilasciato il sito web di supporto al Progetto, risk.istat.it, anche nella versione in lingua inglese; esso costituisce una piattaforma di condivisione dell esperienza sviluppata in Istat e di confronto con le altre iniziative intraprese da omologhi Istituti in ambito europeo ed internazionale; nel contempo, è attivata un area Wiki destinata al repository della documentazione prodotta e di supporto. entro la fine dell anno in corso, verrà avviata una Survey indirizzata agli Istituti di Statistica internazionali volta ad accertare lo sviluppo di iniziative analoghe a quella attivata dall Istat in tema di Risk Management e a condividere le esperienze maturate su tale argomento; prosegue l attività di stage e affiancamento al Progetto, nell ambito della Convenzione stipulata con l Università Bocconi di Milano; il team di Progetto parteciperà con una propria rappresentanza all evento del Career Day organizzato dall Università, finalizzato all orientamento degli studenti ed acquisire eventuali candidature per la partecipazione a stage che l Istituto intende attivare sulle tematiche inerenti il Risk Management. 6

7 2.2 L organizzazione interna I risultati prodotti in ambito organizzativo, evidenziano che: la Direzione Generale ha confermato il proprio ruolo di coordinamento delle iniziative in tema di messa in sicurezza dei sistemi dell Istituto, riconosciuto dall attribuzione degli obiettivi strategici nel, definendo le modalità attraverso le quali intende assumere questo ruolo e le interconnessioni con le altre strutture dell Istituto, onde evitare dispersioni di conoscenza, sovrapposizioni metodologiche e frammentazioni organizzative; la Commissione tecnica, costituita con la delibera n.281/per del 13 maggio 2010, è stata prorogata fino al 31 dicembre (delibera n.1026/per del 31 dicembre 2010), con il compito di supportare l implementazione del processo di Gestione dei rischi, secondo una metodologia di sviluppo progressivo che tenga conto sia dell'esigenza di fornire all Istituto uno strumento pratico di supporto al sistema decisionale in tempi ragionevolmente brevi, seppure in forma sperimentale, sia dell obiettivo di avviare una revisione delle tecniche di controllo prossima all articolazione dei processi produttivi e di servizio e coerente con gli obiettivi di conservazione e valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale dell Istituto (i.e. personale, risorse strumentali, capitale intellettuale, ecc.). La Commissione si articola al proprio interno in affinità con il dettaglio degli obiettivi programmati e le competenze di cui è dotata. A tal proposito, nel corso dell anno, è stato costituito l ufficio DGEN/C, tra i cui obiettivi è presente il supporto al progetto di Risk Management; pertanto, il personale in forze è stato assegnato pro-quota a tale compito; è stato avviato il progetto per l introduzione dell Audit dei processi amministrativi e gestionali in Istituto. La definizione delle linee guida e il successivo percorso di implementazione sono stati assegnati ad un membro dell ufficio DGEN/C, con lettera di incarico formalizzata; con la delibera n.78/dgen del 11 agosto, è stato attivato un sistema di Risk-based Audit, utilizzando le risultanze e i metodi acquisiti con il progetto di Risk Management, sui dati di monitoraggio forniti dal DICA (Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici) e dalle Direzioni che collaborano alla progettazione ed esecuzione dei censimenti, a supporto del 15 censimento generale della popolazione ed abitazioni; 7

8 con la delibera n.24/pres del 11 agosto, è stato istituito il gruppo di lavoro per la realizzazione dello standard metodologico da adottare in Istituto ai fini della mappatura di tutte le fasi dei processi produttivi (progettazione/raccolta dati/produzione/diffusione) in ottica organizzativa, a supporto del Risk Management, mediante la formulazione della procedura di monitoraggio ed attivazione dei sistemi di attenzione ai rischi, secondo diversi livelli di responsabilità. 2.3 Il processo ERM Nella seguente figura 2 è rappresentato lo stato di avanzamento delle attività articolate per fase del processo di ERM e strutture coinvolte nel progetto, alla data del 31 ottobre. Figura 2: Stato di avanzamento delle attività del Progetto Risk Management al 31/10/ Direzioni Fasi processo ERM survey catalogo valutazione gestione 1. Analisi Analisi contesto ambiente 2. Identifica zione 3. Individuazione e analisi rischi 4. Valutazione rischi 5. Trattamento rischi DGEN RAG in corso DGEN PEC in corso in corso DGEN Uffici di supporto DCPE* in corso in corso DCAP** in corso DCIT (ex-dcmt) in corso DICA (ex-dccg) in corso in corso DCSA (ex-dcis) in corso in corso DCAR in corso in corso DCSP in corso DCSC in corso in corso DCSR in corso DCCN DCIQ (ex-dcet) in corso in corso DCSE (ex-dccv) in corso in corso *fase avviata con il Direttore precedentemente incaricato **per il settore Prevenzione e Sicurezza si sta procedendo con una separata analisi 8

9 Complessivamente, a fine ottobre, è stato assolto circa il 55% del processo di attuazione sperimentale di Risk Management in Istat; entro il, si prevede che raggiunga l obiettivo del completamento di oltre il 65% dell intero percorso. Nei punti successivi sono rappresentate le evidenze più significative dell analisi condotta, per ciascuna fase del processo ERM L analisi dell ambiente di controllo L analisi dell ambiente di contesto, avviene tramite la somministrazione di un questionario sulla percezione dei rischi da parte dei Direttori, strumento che ha la finalità di accertare l attitudine al rischio del Top Management dell Istituto, per valutare la coerenza con il profilo di rischio definito dagli Organi di vertice. Le risposte al questionario dovrebbero fornire le necessarie indicazioni riguardo gli interventi da realizzare per favorire la predisposizione dell ambiente di controllo nel quale si deve innestare il Sistema di gestione dei rischi; ciò rappresenta un primo tentativo di individuazione delle criticità (fattori di rischio) che ostacolano il perseguimento degli obiettivi della direzione e dell Istituto, nonché il relativo riflesso della classificazione dei rischi gravanti sulle strutture dirette dai responsabili intervistati. La rilevazione è condotta tramite il supporto di un Form-web e viene prodotta una reportistica periodica sull analisi delle risultanze del questionario (vedi allegato), trasmessa agli organi di vertice e diffusa, successivamente, sul sito web risk.istat.it. Il 90% circa delle strutture è stato finora interessato dall analisi della percezione del Top Management; di queste, il 60% circa ha completato tale fase. La rappresentazione dei giudizi finora espressi (figura 3) conferma le linee di tendenza della reportistica precedente, nel senso che, la gestione del rischio viene valutata dai rispondenti come una componente importante nella programmazione e nello svolgimento delle proprie attività (valore prossimo a 4 su un massimo di 5). Al contrario, si percepisce una moderata diffidenza nell adottare un comportamento analogo in sede di fissazione degli obiettivi strategici (valore inferiore a 3 su un massimo di 5). Viene attribuito, invece, un giudizio appena sufficiente alla maturità dell attuale strutturazione dell ambiente di controllo, sia all interno della Direzione che complessivo dell Istituto, in riferimento alla possibilità di sviluppare con successo un sistema di gestione dei rischi sulla base dell attuale configurazione organizzativa. 9

10 Figura 3: Percezione del rischio e valutazione dell'ambiente di controllo Percezione del rischio rispetto alle attività della Direzione Percezione del rischio rispetto alle attività dell'istituto Percezionedella maturità dell'ambiente di controllo della Direzionie 0 = Nulla/scarsa 5 = Massima Percezione della maturità dell'ambiente di controllo dell'istituto L identificazione e il catalogo dei rischi La fase di identificazione dei rischi si è conclusa per 7 strutture, con la rilevazione di circa 270 criticità organizzative, sostanzialmente equidistribuite (valore massimo per la DICA e minimo per la DGEN/RAG), gravanti sui macroprocessi di loro competenza. Tale rilevazione è la base dell elaborazione del Catalogo dei rischi, il documento nel quale le criticità sono riportate assieme la valutazione dell impatto e probabilità e l indicazione sintetica delle azioni di risposta. I cataloghi dei rischi, una volta condivisi con il direttore o il dirigente di servizio competente, vengono trasmessi agli organi di vertice dell Istituto e aggiornati periodicamente. Dalle prime analisi sui dati, i cui approfondimenti sono in corso, emerge che tali criticità, sono altrettanto equamente suddivise nell attribuzione del soggetto responsabile dell azione su cui grava il rischio: esterno, cioè competente in una fase di processo al di fuori della sfera di competenza della struttura analizzata, interno, ovvero, le cui azioni minacciate dal rischio sono a carico della struttura di appartenenza (figura 4). 10

11 Figura 4: Ripartizione delle criticità per attribuzione di competenza 35,0% 30,0% 25,0% 20,0% INTERNA ESTERNA 15,0% 10,0% 5,0% 0,0% DCAP DCCG DCMT DCSR RAG DCIS DCSC Circa ¾ delle criticità rientrano nella categoria corrispondente al quadrante ERM delle criticità di tipo Operativo, con una netta prevalenza (circa il 40% del totale) per le problematiche di tipo organizzativo, connesse all assenza totale o parziale di procedure o correlate alla programmazione; soltanto una parte molto modesta è imputabile a fattori o soggetti sui quali l Istituto non può influire (figura 5). Figura 5: Ripartizione delle criticità per tipologia 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DCAP DCCG DCMT DCSR RAG DCIS DCSC ESOGENO REPORTING COMPLIANCE OPERATIVO STRATEGICO 11

12 2.3.3 La valutazione dei rischi La valutazione dei rischi, secondo il modello del Control & Risk Self Assessment che coinvolge le strutture analizzate nella fase di autovalutazione delle criticità, secondo le dimensioni della probabilità di accadimento dell evento e dell impatto che esso può produrre al suo verificarsi, ha interessato circa il 50% dei rischi censiti, con la previsione di estendere tale valutazione, entro il, alla totalità di quelli finora emersi e a parte significativa di quelli che saranno definiti entro il mese di novembre. Circa il 12% dei rischi finora valutati rientra in una soglia di attenzione alta, mentre il 48% circa assume un valore medio, secondo una distribuzione Gaussiana lineare, ad eccezione della combinazione, probabilità Medio-Bassa con impatto Medio-Alto, nella quale rientrano circa 1/3 delle criticità rilevate. Figura 6 - Risk Map Istat al Probabilità Impatto 12

13 2.3.4 Il trattamento dei rischi Nella fase di definizione del catalogo delle criticità, sono emerse circa 150 modalità di risposta ai rischi; preventive o successive al verificarsi dell evento rischioso, circa 1/3 di queste sono predisposte per fronteggiare criticità diverse, ovviamente riconducibili alla stessa matrice di attività, con il maggior grado di copertura da parte delle direzioni DCAP e DISA. Le azioni di risposta ai rischi, confluiranno, in via sperimentale, nel Piano annuale delle attività 2012 dell Istituto, per divenirne parte integrante nel 2013 ed essere monitorate assieme alla rilevazione dei c.d. early warning ; nel successivo paragrafo 4 è rappresentato il processo e gli attori coinvolti nella predisposizione, gestione e monitoraggio di tali azioni. Per esprimere una valutazione più approfondita, è indispensabile aspettare il completamento della compilazione del Piano Annuale delle Attività 2012 da parte delle strutture interessate finora dal Risk Management. 13

14 3. Le criticità del Sistema e proposte di soluzione A fronte dei risultati conseguiti e dello stato di avanzamento del progetto di introduzione in Istat in via sperimentale di un Sistema di Risk management, sono emerse criticità alcune significative riconducibili essenzialmente a due fattori ostativi di particolare rilevanza, quali il comportamento organizzativo e l approccio tecnico/metodologico, fattori sui quali occorre prontamente intervenire, allo scopo di rimuovere prontamente le difficoltà manifestate. Il Team di progetto ha adottato la stessa procedura di sviluppo del Progetto nei confronti di tutte le strutture analizzate, calibrata sulle attività svolte ordinariamente e sul dimensionamento organizzativo e funzionale dei soggetti interessati; ciò nonostante, si è palesato un comportamento particolarmente eterogeneo in termini di offerta di disponibilità di risorse e impegno temporale da parte delle strutture coinvolte che, in alcuni casi, ha consentito la conclusione dei lavori nei termini programmati (non superiori a 60 giorni lavorativi), in altri, ha dilazionato i tempi fino a 6/8 mesi dall inizio delle attività. Per ovviare a tale problematica, deve essere rafforzata la campagna di sensibilizzazione del Top Management volta a considerare l analisi dei rischi uno degli elementi essenziali della programmazione allo scopo di valorizzare le risorse disponibili e incrementare il margine di efficienza operativa; un ulteriore proposta, probabilmente maggiormente efficace e di particolare incentivazione, potrebbe consistere nel far rientrare l approccio al Risk Management tra i comportamenti organizzativi oggetto di valutazione dei dirigenti di più elevato livello gerarchico, nell ambito del requisito della Capacità organizzativa, nella categoria: Capacità di risolvere problemi, per i criteri di valutazione: Affronta con risolutezza e prontezza le situazioni critiche emergenti e sopravvenute e Assume la responsabilità della gestione di situazioni critiche. La particolare entità dei rischi finora rilevati (circa 270 per 7 strutture) non è accompagnata, tuttavia, da una pari attenzione alla qualità dell osservazione, in parte influenzata dalle difficoltà iniziali dettate dalla sperimentazione e dai necessari adattamenti metodologici. Lo sviluppo dell analisi dei processi gestionali e di produzione, implementata soltanto in alcune sporadiche aree dell organizzazione, si riflette nelle affermazioni che equiparano il rischio ad uno stato di fatto e non ad un evento il cui accadimento è soltanto probabile. A titolo esemplificativo, tra le criticità sono stati segnalati fattori quali la carenza di procedure interne o 14

15 l assenza di competenze specifiche che, invece, costituiscono l effetto di altre cause, quali la definizione di regole interne e di standard di comunicazione riconosciuti o la programmazione del turn-over di personale. Parimenti significativo è l approccio alla titolarità della macroattività inficiata dal rischio, in quanto in quasi il 51% dei casi è segnalata un origine della criticità esterna alla fase di processo dominata dalla struttura interessata; mentre le strutture di produzione analizzate hanno individuato, finora, un fattore estraneo nel 40% circa dei casi, tale percentuale ha raggiunto il 70% circa nelle strutture amministrative e gestionali. Tale differenza trova riscontro nell attribuzione della competenza delle azioni di risposta ai rischi, acuendo la necessità dello sviluppo della collaborazione interdisciplinare, onde evitare un continuo spostamento di responsabilità. Da tale scenario emerge, pertanto, la necessità di sviluppare gli strumenti di analisi dei processi organizzativi, allo scopo di evidenziare le aree di miglioramento e formulare appropriati indicatori di rilevazione delle criticità; la carenza evidenziata influisce,infatti, in modo significativo sulla qualità delle informazioni fornite e sull esigenza di tempo e di risorse necessarie per sviluppare un azione finalizzata ad acquisire ciò che dovrebbe costituire il patrimonio informativo insito nel processo gestionale delle strutture. L applicazione del Sistema di Risk Management non può prescindere dalla definizione corretta dei ruoli tra le strutture preposte alle diverse forme di controllo interno, dalla programmazione operativa e strategica, alla valutazione delle performance organizzative, dal controllo di gestione, all Audit sui processi amministrativi e gestionali. In questo senso, l attuale sistema informativo di pianificazione e controllo adottato in Istituto risulta eccessivamente rigido e poco incline ad accogliere dati e informazioni necessarie per il monitoraggio delle azioni di risposta ai rischi; nella fase sperimentale, in accordo con le strutture competenti per la programmazione, è stata adottata una soluzione estremamente semplificativa che, tuttavia, si ritiene non possa essere adottata in via definitiva, pena la perdita di importanti informazioni indispensabili l adozione di misure volte a risolvere le criticità più rilevanti. L introduzione della funzione di Internal Auditing costituirà l intervento di maggiore rilievo per il controllo del rispetto delle regole di processo organizzativo, garantendo, inoltre, un comportamento uniforme da parte di tutte le strutture in materia di gestione del rischio e assolvimento delle azioni di risposta. 15

16 4. Sviluppo del progetto di Risk Management in Istat Gli obiettivi programmati per il 2012, orientati all implementazione e avvio a regime del Sistema di Risk Management, prevedono: il completamento del processo di sperimentazione di ERM (che entrerà a regime nel 2013), per le fasi di analisi dei processi organizzativi, predisposizione dei cataloghi dei rischi, formulazione degli indicatori di segnalazione, monitoraggio delle azioni di risposta in funzione della Mappa delle criticità aziendali, avvio a regime del Sistema. un percorso specifico verrà sviluppato, in collaborazione con il Servizio Protezione e prevenzione dei rischi (DCAP/A), per la realizzazione di un Sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) e la predisposizione di un catalogo dei rischi specifici attinenti tale Asset dell Istituto; il Team di Progetto continuerà la collaborazione con le altre strutture dell Istituto preposte all Audit, per contribuire, sulla base degli strumenti di gestione dei rischi sviluppati sia all analisi e gestione delle criticità della Sicurezza in campo informatico, con la Direzione DCIT, sia alla crescita della qualità statistica, con il Servizio DCIQ/QRC; riguardo quest ultimo aspetto, si richiama la convergenza delle attività svolte per lo sviluppo del Sistema di Risk Management con quelle intraprese dal gruppo di lavoro per la realizzazione dello standard metodologico da adottare in Istituto ai fini della mappatura di tutte le fasi dei processi produttivi in ottica organizzativa; il rafforzamento dell integrazione del Sistema con i processi di pianificazione e controllo e di valutazione delle performance, al fine di garantire una miglior trattamento del rischio, anche sotto il profilo di una adeguata distribuzione delle risorse; in questo modo, sarà possibile rendere il sistema di Risk Management parte integrante del PAA nel monitoraggio delle azioni di risposta ai rischi individuati, tramite gli strumenti del controllo di gestione e l applicativo informatico ad esso dedicato, embedded o satellite rispetto a quello attualmente adottato per la programmazione annuale e triennale delle attività dell Istituto il potenziamento delle attività di formazione del personale, per permettere una maggior diffusione della cultura del rischio all interno dell Istituto, e sviluppati gli strumenti di condivisione delle esperienze, tramite il sito in particolare, è programmata 16

17 la realizzazione di una Survey sulla gestione dei rischi organizzativi e gestionali rivolta ai principali Istituti centrali di statistica internazionali. l avvio della funzione di Audit dei processi amministrativi e gestionali, che costituirà il passaggio evolutivo del Sistema di Risk Management; infatti, tali funzioni, seppure presentano caratteri diversi, focalizzati, nel primo caso, sulla gestione delle criticità, nel secondo, sull analisi dei processi, condividono la prospettiva del miglioramento dell organizzazione e dell incremento dell efficienza produttiva. Tale funzione di Internal Auditing svolgerà anche la verifica dell efficacia delle azioni di risposta ai rischi, facendo propri i risultati del processo di Risk management, tenendo conto di possibili evoluzioni dello scenario delle criticità e dell ambiente interno ed esterno. Una prima sperimentazione del sistema di Risk-based Audit è stata avviata riguardo il monitoraggio a supporto organizzativo e gestionale del 15 Censimento generale della popolazione ed abitazioni. 17

18 18

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione. Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza

L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione. Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza Forum P.A. 24 maggio 2007 Missione e Organizzazione Le competenze

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it Il Sistema della performance e le direttive CIVIT Dott. Patrizio Monfardini Università di Cagliari monfardini@unica.it Art. 4 (ciclo di gestione della performance) 2 comma 1: [.] le amministrazioni pubbliche

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE Maggio 2006 1 La costituzione dell Audit Interno La rivisitazione del modello per i controlli di regolarità amministrativa e contabile è stata

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Approfondimento. Controllo Interno

Approfondimento. Controllo Interno Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Approfondimento Controllo Interno Maggio 2013 Assetto Organizzativo Controllo Interno CONTROLLO INTERNO ASSICURAZIONE QUALITA DI AUDIT E SISTEMI ETICA DEL GOVERNO AZIENDALE

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato Delibera Giunta Comunale n. 110 del 19 maggio 2014 1) Caratteristiche generali del sistema

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero Osservatorio Lavoro Nero Sommario Introduzione... 2 La revisione delle procedure informatiche... 3 Osservatorio del Lavoro Nero... 6 La nuova piattaforma... 6 Analisi della posizione del lavoratore - post

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO 1. TITOLO PROVVISORIO DEL PROGETTO Bilancio di Genere per le Pubbliche Amministrazioni (GeRPA) A valere sul Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

Piano di Formazione 2013

Piano di Formazione 2013 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per le Risorse Umane del Ministero,

Dettagli

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA LINEE GUIDA EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA GdL 10: Educazione Ambientale Direzione Generale: Fortunata Giordano Claudia Morabito Antonella Federico 1 INDICE PREMESSA 1. FINALITA 2. STRUMENTI OPERATIVI

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing Procedura Audit PROTOCOLLI OPERATIVI. Piano Audit anno 2015 Allegato_C )al PTPC 2015-2017 INDICE: 1. Premesse 2. Campo di applicazione; 3. Obiettivi dell attività di auditing 4. Ruoli e responsabilità

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE Benessere Organizzativo e analisi di clima nella Provincia di Livorno anno 2014 Premessa Cosa si intende per Benessere Organizzativo Il Benessere organizzativo

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Livorno 24-25 maggio 2007 Paolo Casati 1 Evoluzione delle attività di Internal

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gianluca Meloni, Davide Brembati In collaborazione con 1 1 Le premesse del Progetto di ricerca Nella presente congiuntura

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management a cura di: Francesco M. Renne docente CUOA Finance, coordinatore Osservatorio Legislazione & Mercati Bruno Borgia docente CUOA Finance, membro

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Lecco, 10 ottobre 2012. Convegno «DECRETO 231/2001 IN SANITA' - L'esperienza degli Enti del Sistema Sanitario della Lombardia»

Lecco, 10 ottobre 2012. Convegno «DECRETO 231/2001 IN SANITA' - L'esperienza degli Enti del Sistema Sanitario della Lombardia» La formazione per garantire l effettività dei modelli Il ruolo di Éupolis Lombardia nell accompagnamento all attuazione del decreto 231/2001 in ambito sanitario Lecco, 10 ottobre 2012 Convegno «DECRETO

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

LA CAMERA E IL WEB: PROGETTO DI FORMAZIONE E ASSISTENZA PER ADDETTI ALLA COMUNICAZIONE ON-LINE CAMERALE

LA CAMERA E IL WEB: PROGETTO DI FORMAZIONE E ASSISTENZA PER ADDETTI ALLA COMUNICAZIONE ON-LINE CAMERALE CORSO AVANZATO LA CAMERA E IL WEB: PROGETTO DI FORMAZIONE E ASSISTENZA PER ADDETTI ALLA COMUNICAZIONE ON-LINE CAMERALE settembre - novembre 2010 PREMESSA Molte Camere hanno ormai maturato, anche se con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail PREMESSA L Inail da sempre fonda la sua attività su una cultura aziendale che pone l utente al centro del proprio sistema organizzativo;

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Titolo progetto: Ente: ALDEBRA SPA Indirizzo: VIA LINZ, 13 38121 TRENTO Recapito telefonico: 0461/302400 Indirizzo e-mail: info@aldebra.com Indirizzo

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L articolo 28 del Decreto Legislativo n 81/2008 introduce l obbligo per il Datore di Lavoro di valutare, insieme agli altri rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Indire Milano 21 Novembre 2013 Il progetto VSQ Sperimentazione finalizzata

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (Gazzetta Ufficiale n. 53 del 5 marzo 2007) Regolamento per la formazione continua SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA PROGETTO TRASFERIMENTO BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA Piano di attività integrate fra i progetti: Ministero Pubblica Istruzione - Impresa Formativa Simulata e Ministero

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Nel presente contributo si riportano i principali risultati di un indagine, condotta

Dettagli