Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon"

Transcript

1 Informatica I Ingegneria Medica Prof. Diego Salamon

2 Gestione I/O Prof. Diego Salamon

3 Introduzione Nella creazione e gestione del software è necessario interagire con entità esterne a quelle del programma che andiamo a implementare. E necessario cioè creare dei canali di comunicazione che permettano agli algoritmi implementati di scambiare informazioni con l utente e di restituire risultati

4 Leggere dati in ingresso Mentre la stampa di stringhe (output verso il monitor) è agevole tramite il metodo System.out.println( ); L input da tastiera necessita di qualche operazioni aggiuntiva: 1. Importiamo la classe Scanner 2. Istanziamo un oggetto di questa classe 3. Utilizziamo i metodi che la classe mette a disposizione

5 La classe Scanner Permette la lettura dei dati da tastiera E presente dalla versione 5 di Java Importo la classe: import java.util.scanner Istanzio l oggetto: Scanner in = new Scanner (System.in); In dipendenza del dato in ingresso la classe mette a disposizione i seguenti metodi: nextint();// per ricevere in ingresso degli interi nextdouble(); // per ricevere in ingresso dei double nextline(); // per ricevere in ingresso delle stringhe Il programma sa che l immissione da tastiera è terminata dopo la pressione del tasto enter

6 Esempio import java.util.scanner Public class tester{ { } } public class void main(string [] args) Scanner in = new Scanner(System.in); System.out.println( Inserisci un valore: ); int quantity = in.nextint();

7 Generalizzazioni Le istanze della classe scanner possono essere diverse; nel caso di input da tastiera istanzio un oggetto di questa classe passando al costruttore come parametro l oggetto System.in. Questo mi permette di utilizzare la classe per l input da tastiera La stessa classe Scanner la posso utilizzare per gestiore I/O su file passando al costruttore un altro oggetto come parametro

8 File e Flussi Una delle attività più utili e frequenti nella programmazione è l interazione tra i programmi e i file. I file possono essere organizzati in diversi modi. File di testo (come i sorgenti java) File binari (serializzati, o non)

9 Gli oggetti coinvolti Anche in questo caso usiamo la classe scanner, istanziato con l oggetto FileReader. L oggetto FileReader si aspetta come parametro costruttore il nome del file presente sul file system per la lettura e/o la scrittura FileReader reader = new FileReader( input.txt ); Scanner in = new Scanner(reader);

10 Lettura da File Istanziati gli oggetti reader e in possiamo utilizzare i metodi già visti per l input da tastiera per leggere dal file(next, nextline, nextint, nextdouble) import java.util.scanner Import java.io.filereader Public class tester{ public class void main(string [] args) { FileReader reader= new FileReader( input.txt ); Scanner in = new Scanner(reader); System.out.println( Inserisci un valore: ); int quantity = in.nextint(); } }

11 Scrittura su File La scrittura su file utilizza una classe ancora diversa, PrintWriter PrintWriter out = new PrintWriter( output.txt ) Se il file su cui scrivere esiste già viene svuotato prima di scrivervi nuovi dati, se non esiste viene creato. I metodi da utlizzare per scrivere su file sono: out.println( ); out.print( ); Ogni flusso dati in scrittura utilizzante l oggetto PrintWriter deve essere chiuso: out.close

12 Esempio 01: import java.io.filereader; 02: import java.io.printwriter; 03: import java.util.scanner; 04: 05: public class LineNumberer 06: { 07: public static void main(string[] args) 08: { 09: Scanner console = new Scanner(System.in); 10: System.out.print("Input file: "); 11: String inputfilename = console.next(); 12: System.out.print("Output file: "); 13: String outputfilename = console.next(); 14: // SEGUE

13 Esempio 15: FileReader reader = new FileReader(inputFileName); 16: Scanner in = new Scanner(reader); 17: PrintWriter out = newprintwriter(outputfilename); 18: int linenumber = 1; 19: 20: while (in.hasnextline()) 21: { 22: String line = in.nextline(); 23: out.println("/* " + linenumber + " */ " + line); 24: linenumber++; 25: } 26: 27: out.close(); 28: }

14 File e Formati Esistono due modi fondamentali per memorizzare i dati: Modo tipo Testo Modo di tipo Binario Nel formato testo i dati sono memorizzati e rappresentati in forma leggibile, come sequenze di caratteri Nel formato binario i dati sono rappresentati da sequenze di byte

15 File di Tipo Binario Se si utilizza la modalità binaria le classi viste vanno sostituite con le rispettive che gestiscono gli stream di dati: FileInputStream FileOutputStream FileInputStream inputstream=new FileInputStream( input.bin ); FileOutputStream outputstream=new FileOutputStream( output.bin ); La classe InputStream ha un metodo read per leggere un byte per volta Analogamente la classe OutputStream ha un metodo per scrivere un byte per volta. int next inpustream.read(); Per verificare la fine del flusso occorre controllare che next!= -1

16 Esempio import java.io.fileinputstream; import java.io.fileoutputstream; public class Tester { public void TestFile(String infile, String outfile) { FileInputStream in = null; FileOutputStream out = null; in = new FileInputStream(inFile); out = new FileOutputStream(outFile); TesterStream (in,out); }

17 Esempio public void TesterStream(FileInputStream in, FileOutputStream out) { } boolean done = false; while (!done) { int next = in.read(); if (next == -1) done = true; else { byte b = (byte) next; out.write(b); } }

18 Esempio import java.util.scanner; public class EncryptorTester { public static void main(string[] args) { Scanner in = new Scanner(System.in); System.out.print("Input file: "); String infile = in.next(); System.out.print("Output file: "); String outfile = in.next(); Tester prova= new Tester(); prova.testfile(infile, OutFile); } }

19 Accesso Casuale e Sequenziale Sequential access Un file è acceduto un byte per volta Può essere un modo di procedere inefficiente Random access Permette l accesso a posizioni arbitrarie del file Solo I file permettono l accesso casuale System.in e System.out non possono Per ogni file aperto esiste uno speciale puntatore della posizione corrente del file E possibile leggere o scrivere dalla posizione corrente del puntatore. Gli esempi visti sino ad ora erano implementazioni di accessi sequenziali

20 Accesso Casule e sequenziale

21 File ad Accesso Casuale Java per permettere l accesso casuale mette a disposizione un classe RandomAccessFile Import java.io.randomaccessfile; Per aprire un file ad accesso casuale dobbiamo fornire un nome al file e indicare la modalità di apertura: r o rw RandomAccessFile f = new RandomAccessFile( prova.dat","rw");

22 File ad Accesso Casuale L invocazione del metodo f.seek(); Sposta il puntaotore al byte di indice n contando le posizioni dall inizio del file per sapere quale è la posizione corrente del puntatore del file esiste il metodo: f.getfilepointer(); Per sapere quanto è lungo un file si usa il metodo length f.length La classe RandomAccessFile memorizza i dati in formato binario

23 File ad Accesso Casuale La classe RandomAccessFile mette a disposizione i metodi: readint e writeint o readdouble e writedouble per leggere e/o scrivere su file double x = f.readdouble(); f.writedouble(x);

C. Horstmann Fondamenti di programmazione e Java 2 3^ edizione Apogeo

C. Horstmann Fondamenti di programmazione e Java 2 3^ edizione Apogeo File e Flussi C. Horstmann Fondamenti di programmazione e Java 2 3^ edizione Apogeo trad. Nicola Fanizzi corso di Programmazione, CdS: Informatica TPS Dip. di Informatica, Università degli studi di Bari

Dettagli

File, flussi e pacchetto java.io

File, flussi e pacchetto java.io File, flussi e pacchetto java.io Formato binario e formato di testo I dati sono memorizzati nei files in due formati: testo (successione di caratteri) binario (successione di bytes) Ad es. numero 12345

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Cifratura simmetrica

Cifratura simmetrica Cifratura Cifratura simmetrica Alice canale insicuro Bob 2 Cifratura simmetrica m Algoritmo di decifratura m Alice canale insicuro Algoritmo di cifratura Bob 3 Cifrari simmetrici chiave privata k chiave

Dettagli

Modulo 2: Strutture fondamentali della programmazione Java

Modulo 2: Strutture fondamentali della programmazione Java Modulo 2: Strutture fondamentali della programmazione Java Argomenti Trattati: Input e Output da Console Leggere valori in input (Scanner); Stampare valori di output (System.out.print); Modulo 2: Strutture

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

Input e Output in Java

Input e Output in Java Input e Output in Java Stream Redirecting Scomposizione dell input Uso di file Set di caratteri 1 Inserimento dati e test Riconsideriamo la versione iniziale della classe DataSet usata per illustrare le

Dettagli

Flussi, lettori e scrittori

Flussi, lettori e scrittori Flussi, lettori e scrittori Per sequenze di byte, InputStream, OutputStream e loro sottoclassi. Es: InputStream in = ; int next = in. read(); if (next!= -1) byte b = (byte) next; Per sequenze di caratteri,

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

Jav@Lab Il linguaggio Java I file sequenziali

Jav@Lab Il linguaggio Java I file sequenziali Jav@Lab Il linguaggio Java I file sequenziali Input e Output Secondo i canoni dei linguaggi di programmazione "procedurali" il concetto di input e output è strettamente legato al tipo di dispositivo esterno

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

File e flussi (capitolo 11) Leggere/scrivere file di testo. Leggere un file di testo. Gestione di file in Java. Leggere file con FileReader

File e flussi (capitolo 11) Leggere/scrivere file di testo. Leggere un file di testo. Gestione di file in Java. Leggere file con FileReader File e flussi (capitolo 11) Leggere/scrivere file di testo 1 2 Gestione di file in Java Finora abbiamo visto programmi Java che interagiscono con l utente soltanto tramite i flussi di ingresso e di uscita

Dettagli

Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java

Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java Flussi logici (stream) di output Operazione di scrittura a monitor con uso di stream (flusso logico) di output RAM System.out.println

Dettagli

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Java mette a disposizione degli sviluppatori diverse classi per lavorare con i file di testo, analizziamo le principali: java.io.file La classe

Dettagli

Input/Output in Java

Input/Output in Java Corso Java Input/Output in Java Docente: Dott. Marco Bianchi Slide realizzate da Ing. A.Bei, Dott. M.Bianchi, Dott. F.Lombardi Input/Output in Java Per effettuare operazioni di I/O in Java è possibile

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Un oggetto per la lettura dalla tastiera

Un oggetto per la lettura dalla tastiera Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2012 1 Un oggetto per la lettura dalla tastiera Le API di Java hanno un oggetto System.in che rappresenta la tastiera del calcolatore, ma che non è semplice

Dettagli

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Creazione Java mette a disposizione degli sviluppatori diverse classi per lavorare con i file di testo, analizziamo le principali: java.io.file

Dettagli

Unità 2 I file binari

Unità 2 I file binari Dare una breve descrizione dei termini introdotti: (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA file binari file di tipi primitivi file di oggetti serializzazione (B) CONOSCENZA E COMPETENZA Rispondere alle seguenti domande

Dettagli

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 18 - Vettori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

ProgettAzione tecnologie in movimento - V anno Unità 4 - Realizzare applicazioni per la comunicazione in rete

ProgettAzione tecnologie in movimento - V anno Unità 4 - Realizzare applicazioni per la comunicazione in rete ProgettAzione tecnologie in movimento - V anno Unità 4 - Realizzare applicazioni per la comunicazione in rete Compito in classe proposto Realizzare un applicazione C/S per trasferire al Client il contenuto

Dettagli

L input da tastiera in Java. Dott. Ing. M. Banci, PhD

L input da tastiera in Java. Dott. Ing. M. Banci, PhD L input da tastiera in Java Dott. Ing. M. Banci, PhD La lettura di un flusso di input in Java avviene attraverso l'oggetto in della classe System. System.in appartiene alla classe InputStream (letteralmente

Dettagli

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Operazioni di input/output Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Input /Output introduzione Per ottenere delle informazioni un programma apre un flusso (Stream)

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti DAIS Univ. Ca' Foscari Venezia Programmazione ad oggetti Samuel Rota Bulò Tipi di dato primitivo Tipo Descrizione Range bytes int interi 2147483648 2147483647 4 byte interi -128 127 1 short interi -32768

Dettagli

5 - Istruzioni condizionali

5 - Istruzioni condizionali 5 - Istruzioni condizionali Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse Prova Finale a.a. 2011/2012 Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse 1 Java 6 Standard Edition Linguaggio Java (... (javac, Tool di sviluppo Librerie per l'interfaccia grafica Librerie di base Macchina

Dettagli

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio)

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio) Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro A.A. 2005/06 Tutor: Loris Cancellieri loris.cancellieri@studio.unibo.it Riferimenti ad oggetti: Cosa si può fare con i riferimenti?

Dettagli

File e Stream In Java. Prof. Francesco Accarino IIS Sesto San Giovanni Via Leopardi 132

File e Stream In Java. Prof. Francesco Accarino IIS Sesto San Giovanni Via Leopardi 132 File e Stream In Java Prof. Francesco Accarino IIS Sesto San Giovanni Via Leopardi 132 Lettura da e scrittura su file Java fornisce operazioni di input/output tramite le classi del package java.io. La

Dettagli

Pila di interi. Car 1. Car n. Pila di interi: Pila di Oggetti: Gli elementi che sono inseriti e tolti dalla pila sono numeri interi

Pila di interi. Car 1. Car n. Pila di interi: Pila di Oggetti: Gli elementi che sono inseriti e tolti dalla pila sono numeri interi Pila di Oggetti Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577 234850 - interno: 7102 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa E03 Esempi di algoritmi e programmi A. Miola Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Esempi di algoritmi e

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 6 Corso di Tecniche di programmazione Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Esercizi sui metodi. Carla Limongelli. Maggio Esercizi 1

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Esercizi sui metodi. Carla Limongelli. Maggio Esercizi 1 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Esercizi sui metodi Carla Limongelli Maggio 2010 Esercizi 1 Passaggio di parametri di tipo primitivo Indicare che cosa viene visualizzato sullo

Dettagli

Il TDA Dictionary. Definizione informale. I metodi del TDA Dictionary 1. Applicazioni. I metodi del TDA Dictionary 2. I metodi del TDA Dictionary 3

Il TDA Dictionary. Definizione informale. I metodi del TDA Dictionary 1. Applicazioni. I metodi del TDA Dictionary 2. I metodi del TDA Dictionary 3 Il TDA Dictionary Definizione informale Il TDA Dictionary (dizionario) modella una collezione di voci su cui è possibile effettuare delle ricerche Una voce è una coppia (chiave, elemento) Le principali

Dettagli

Gestione dell I/O su File

Gestione dell I/O su File Fondamenti di Informatica Prof. Alfredo Cuzzocrea University of Trieste Gestione dell I/O su File Credits to: Prof. L. Badia UniPD Lettura da e scrittura su file Java fornisce operazioni di input/output

Dettagli

Laboratorio di Matematica e Informatica 1

Laboratorio di Matematica e Informatica 1 Laboratorio di Matematica e Informatica 1 Matteo Mondini Antonio E. Porreca matteo.mondini@gmail.com porreca@disco.unimib.it Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università degli Studi

Dettagli

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002.

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002. INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002 Esercizio 4) import fiji.io.simplereader; class Programma{ public static

Dettagli

Introduzione. Java. Streams. Streams

Introduzione. Java. Streams. Streams Java il sistema di I/O G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Introduzione La gestione del sistema di I/O è una parte fondamentale di qualsiasi linguaggio di programmazione In questa lezione approfondiremo la

Dettagli

Esercizi classi e array

Esercizi classi e array Esercizi classi e array Raffaella Brighi, a.a. 2006/07 Corso di Algoritmi e programmazione. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Progetto DataSet Realizzare una classe DataSet per la gestione

Dettagli

Gestione di file in Java

Gestione di file in Java CAPITOLO 17 Gestione di file in Java Ogni insieme di informazioni residenti su memoria di massa costituisce in Java un flusso di dati che è denominato stream. Più in particolare un input stream costituisce

Dettagli

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Corso di Studi in Informatica Programmazione 1 corso B prof. Elio Giovannetti Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Programmazione 1 B - a.a. 2002-03 53 Modello di memoria

Dettagli

Un flusso (stream) è una astrazione che produce e/o consuma informazioni.

Un flusso (stream) è una astrazione che produce e/o consuma informazioni. I programmi Java eseguono l I/O mediante i flussi. Un flusso (stream) è una astrazione che produce e/o consuma informazioni. Ogni flusso è collegato ad un dispositivo fisico dal sistema di I/O di java.

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori L-A

Corso di Reti di Calcolatori L-A Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori L-A Esercitazione 2 (svolta) Socket Java con connessione Luca Foschini Anno accademico 2009/2010 Esercitazione 2 1 Architettura

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

Introduzione all'uso di JAVA. Come si scrive, compila, esegue una applicazione Java con uso di IDE JCreator?

Introduzione all'uso di JAVA. Come si scrive, compila, esegue una applicazione Java con uso di IDE JCreator? Introduzione all'uso di JAVA Che cosa è Java? 1. Un architettura interpiattaforma ed un linguaggio di programmazione OO con cambio di paradigma rispetto alla tradizionale impostazione procedurale. 2. Funziona

Dettagli

Laboratorio di reti I: Java IO

Laboratorio di reti I: Java IO Laboratorio di reti I: Java IO Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 15 ottobre, 2008 Stefano Brocchi Laboratorio di reti I: Java IO 15 ottobre, 2008 1 / 28 Gli InputStream e gli OutputStream Gli stream

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList! Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Programmazione 1 A.A. 2015/2016

Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Cognome e Nome Matricola Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Appello del 16 Dicembre 2015 Compito n 1 Prima parte Esercizio 1 (10 punti) Cosa stampa il seguente frammento di codice Java? int[] A = {3, 8, 91,

Dettagli

Fondamenti di Informatica I

Fondamenti di Informatica I Sapienza Università di Roma, Facoltà di Ingegneria Corso di Fondamenti di Informatica I Canale 1 (A-K) Anno Accademico 2009-2010 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Docente: Camil Demetrescu Esercitatore:

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Problemi, algoritmi e oggetti

Problemi, algoritmi e oggetti Fondamenti di informatica Oggetti e Java Luca Cabibbo Capitolo 5 Marzo 2007 1 Fondamenti di informatica: Oggetti e Jav Contenuti... Problemi e algoritmi comprensione del problema identificazione di un

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Ottobre 2011 1 Contenuti Vediamo in questa lezione alcuni primi semplici esempi di applicazioni

Dettagli

Capitolo 4. Tipi di dati fondamentali. Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione

Capitolo 4. Tipi di dati fondamentali. Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione Capitolo 4 Tipi di dati fondamentali Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione Obiettivi del capitolo Apprendere l utilizzo di numeri interi e di numeri in virgola mobile

Dettagli

3 - Variabili. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

3 - Variabili. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 3 - Variabili Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

La principale modalità di calcolo è l applicazione di funzioni

La principale modalità di calcolo è l applicazione di funzioni 1 La principale modalità di calcolo è l applicazione di funzioni Nei linguaggi funzionali puri non esistono strutture di controllo predefinite per la realizzazione di cicli quali for, while, repeat Un

Dettagli

Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 4 Outline

Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 4  Outline Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 4 http://polaris.ing.unimo.it/fic/laboratorio.html Ing. Francesco De Mola demola.francesco@unimore.it DII, Modena Via Vignolese (lab. Dottorandi

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Programmazione in Java e gestione della grafica. Lezione 24

Programmazione in Java e gestione della grafica. Lezione 24 Programmazione in Java e gestione della grafica Lezione 24 2 Parliamo di. Files and Streams 3 Files e streams I dati memorizzati in variabili e array sono dati temporanei File si usano per conservare grosse

Dettagli

Studente (Cognome Nome):

Studente (Cognome Nome): Studente (Cognome ): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Primo Scritto 12 Gennaio 2007 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate valide solo

Dettagli

Esercitazioni Ingegneria del So2ware 3 - Programmazione Java Excep<ons, I/O

Esercitazioni Ingegneria del So2ware 3 - Programmazione Java Excep<ons, I/O Esercitazioni Ingegneria del So2ware 3 - Programmazione Java Excep

Dettagli

Uso di metodi statici. Walter Didimo

Uso di metodi statici. Walter Didimo Uso di metodi statici Walter Didimo Metodi di istanza Fino ad ora abbiamo imparato a creare oggetti e ad invocare metodi su tali oggetti i metodi venivano eseguiti dagli oggetti un metodo invocato su un

Dettagli

Esercizi per la prova in itinere (con soluzioni)

Esercizi per la prova in itinere (con soluzioni) Esercizi per la prova in itinere (con soluzioni) Programmazione e Analisi di Dati Mod. A Programmazione Java ATTENZIONE: per la soluzione di questi esercizi usare solo i costrutti del linugaggio Java e

Dettagli

10.4. La classe File e gli attributi di directory e file

10.4. La classe File e gli attributi di directory e file pag.143 10.4. La classe File e gli attributi di directory e file Questa classe, molto utile per operare con i file su disco, consente di accedere alle directory, verificare e acquisire le caratteristiche

Dettagli

789:;<:' .&+/"0&12%34%5&66+,("%3787%% %"+&%88$77%9%8:$:7%% ;<'&12%8%=,+>"%3787 % % % %"+&%88$77%9%8:$:7%

789:;<:' .&+/0&12%34%5&66+,(%3787%% %+&%88$77%9%8:$:7%% ;<'&12%8%=,+>%3787 % % % %+&%88$77%9%8:$:7% !"#$"%&'()')*+'!"#$%!&'()%*&++,+&-%%!"#$%&'"(()("*+,#$'"&$-. 789:;"%3787 % % % %"+&%88$77%9%8:$:7%?("'(%)"'"%'&0% 0,6"+,@"+("%1(%A'5"+=,B/,%C+,'1&$%

Dettagli

Guida allo sviluppo di applicazioni in linguaggio C# 1. ELABORAZIONE FILE DI TESTO : RIPRENDIAMO ALCUNE IDEE... 2

Guida allo sviluppo di applicazioni in linguaggio C# 1. ELABORAZIONE FILE DI TESTO : RIPRENDIAMO ALCUNE IDEE... 2 File di testo Guida allo sviluppo di applicazioni in linguaggio C# 1. ELABORAZIONE FILE DI TESTO : RIPRENDIAMO ALCUNE IDEE... 2 1.1. LETTURA DA UN FILE DI TESTO... 4 1.1.1. ELABORARE I DATI MEMORIZZATI

Dettagli

JAVA INTRODUZIONE C++ JDK e JRE API IDE (BLUEJ) JAVA Introduzione. Versioni e IDE DIAPOSITIVA 2 ALESSANDRO URSOMANDO

JAVA INTRODUZIONE C++ JDK e JRE API IDE (BLUEJ) JAVA Introduzione. Versioni e IDE DIAPOSITIVA 2 ALESSANDRO URSOMANDO JAVA JAVA Introduzione INTRODUZIONE C++ JDK e JRE API IDE (BLUEJ) Cross Platform Web Dinamico Versioni e IDE DIAPOSITIVA 2 1 JAVA La programmazione orientata agli oggetti JAVA La programmazione OOP Nascita

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Istruzioni di controllo Iterative Condizionali Algoritmi e Diagrammi di flusso Esercizi 28/03/2011 2 Istruzioni iterative while do

Dettagli

Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo.

Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo. Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo. public abstract class FiguraPiana2{ private double base; public FiguraPiana2(double

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Lettura e scrittura - Stream

Lettura e scrittura - Stream Lettura e scrittura - Stream Obiettivo(fine della lezione): leggere/scrivere da/su file (e quindi verso qualsiasi dispositivo)! Tipi di stream " Stream di caratteri " Stream di byte! Classi astratte che

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del

Dettagli

Uno stream o flusso di dati o canale è un percorso di comunicazione tra la sorgente di una certa informazione e la sua destinazione.

Uno stream o flusso di dati o canale è un percorso di comunicazione tra la sorgente di una certa informazione e la sua destinazione. pag.112 9. Input e output Nell informatica classica il concetto di input e output era strettamente legato all uso dei dispositivi esterni di memorizzazione (dischi, nastri) e quindi al concetto di file,

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Uso dell ambiente di sviluppo Eclipse API di Java Istruzione di scrittura Istruzione di lettura 16/01/2013 2 Installazione di

Dettagli

Definizione di metodi

Definizione di metodi Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 9 Definizione di metodi Carla Limongelli Novembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Definizione di metodi 1 Contenuti

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

La gestione di file e flussi in Java: note introduttive

La gestione di file e flussi in Java: note introduttive Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria La gestione di file e flussi in Java: note introduttive Edoardo Ardizzone & Riccardo Rizzo Appunti per il corso di Fondamenti di Informatica A.A.

Dettagli

Gestione di files Motivazioni

Gestione di files Motivazioni Gestione di files Motivazioni Un programma in esecuzione legge (sequenzialmente) una sequenza di caratteri prodotti "al volo" dall'utente (tramite tastiera) il programma in esecuzione scrive (sequenzialmente)

Dettagli

Unità A1 I file testo

Unità A1 I file testo Dare una breve descrizione dei termini introdotti: (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA stream file testo file binari file di tipi primitivi bufferizzazione InputStreamReader OutputStreamWriter Reader Writer FileReader

Dettagli

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 30 maggio 2014 Introduzione Un programma diviso in sezioni distinte Un approccio alla

Dettagli

Esercizio: la classe CashRegister

Esercizio: la classe CashRegister Esercizio: la classe CashRegister Si veda anche il libro di testo: Consigli pratici 3.1 Sezione 4.2 Sezione 8.2 Esercizi 8.1 e 8.2 1 Problema Si chiede di realizzare una classe CashRegister che simuli

Dettagli

Linguaggio C: i file

Linguaggio C: i file Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica A - GES Prof. Plebani A.A. 2006/2007 Linguaggio C: i file La presente dispensa e da utilizzarsi ai soli fini didattici previa

Dettagli

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Moreno Marzolla marzolla@cs.unibo.it Ultimo aggiornamento: 10 novembre 2010 1 La bandiera nazionale (problema 4.7 del libro di testo). Il problema della bandiera

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 13. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 13. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012 + Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 13 + Credits I lucidi di questa lezione sono stati preparati da: Professor Stefano Mizzaro Professor Paolo Coppola e sono stati modificati e completati dal Dr. Paolo

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Il Package di Input Output

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Il Package di Input Output Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Il Package di Input Output Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Http con java, URL

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Http con java, URL Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Http con java, URL Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

I file Laboratorio di Linguaggi di Programmazione a.a. 2001/2002

I file Laboratorio di Linguaggi di Programmazione a.a. 2001/2002 I file Laboratorio di Linguaggi di Programmazione a.a. 2001/2002 dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Sommario Generalità sui file in C I file ad accesso sequenziale I file di testo Riferimenti

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 4

Laboratorio di Informatica Lezione 4 Laboratorio di Informatica Lezione 4 Cristian Consonni 28 ottobre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 4 1 / 42 Outline 1 Canali standard 2 Input da tastiera 3 Output 4 Esercizi (parte

Dettagli

Caratteri e stringhe

Caratteri e stringhe Caratteri e stringhe Caratteri Dato che un computer può memorizzare esclusivamente sequenze di bit, per memorizzare un carattere (e quindi testi) è necessario stabilire una convenzione che associa a un

Dettagli

Tipi di dati fondamentali

Tipi di dati fondamentali Tipi di dati fondamentali Tipi numerici int: interi, nessuna parte frazionale 1,10,-37,... double: floating-point in doppia precisione 0.5, -4,32452, 5.3E14, 2E-23,... Una computazione numerica ha un errore

Dettagli

IL CONCETTO DI FILE. È illecito operare oltre la fine del file.

IL CONCETTO DI FILE. È illecito operare oltre la fine del file. IL CONCETTO DI FILE Un file è una astrazione fornita dal sistema operativo, il cui scopo è consentire la memorizzazione di informazioni su memoria di massa. Concettualmente, un file è una sequenza di registrazioni

Dettagli

Esercitazione 15. Il problema dello Sleeping Barber

Esercitazione 15. Il problema dello Sleeping Barber Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Sistemi Operativi Corsi A e B Esercitazione 15 Il problema dello Sleeping Barber E dato un salone di barbiere,

Dettagli

C# I FILES. Ad esempio, se volessimo memorizzare le seguenti informazioni relative ad una persona: Nome Telefono Indirizzo

C# I FILES. Ad esempio, se volessimo memorizzare le seguenti informazioni relative ad una persona: Nome Telefono Indirizzo C# I FILES Durante il normale sviluppo di applicazioni può succedere di dover memorizzare i dati inseriti dall utente nel corso dell esecuzione del programma. C# offre numerose possibilità per memorizzare

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Laboratorio di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Laboratorio di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Laboratorio di Informatica Capitolo 4 Traduzione ed esecuzione di programmi Ottobre 2006 Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Nota bene Alcune parti del presente

Dettagli

Politecnico di Torino Sede di Alessandria Corso di informatica Programmazione in c: introduzione. e mail: sito: users.iol.

Politecnico di Torino Sede di Alessandria Corso di informatica Programmazione in c: introduzione. e mail: sito: users.iol. Politecnico di Torino Sede di Alessandria Corso di informatica Programmazione in c: introduzione prof. Lorenzo Porcelli e mail: genna18@iol.it sito: users.iol.it/genna18 Risoluzione di un problema Dato

Dettagli