ITALIA LAVORO SPA PON ENTI BILATERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITALIA LAVORO SPA PON ENTI BILATERALI 2012-14"

Transcript

1

2 INDICE 13.4 PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI MULTISERVIZI DATI DI SCENARIO ELEMENTI SULLA CONTRATTAZIONE Ccnl industria e cooperative Ccnl Confcommercio IL WELFARE CONTRATTUALE: QUADRO D INSIEME Gli Enti Bilaterali mutualistici Onbsi Ebinas Gli altri istituti di welfare contrattuale LA CONTRIBUZIONE LA GOVERNANCE E LE FORME DI INTEGRAZIONE

3 Pag PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI MULTISERVIZI Il presente capitolo tratta del welfare contrattuale del comparto Pulizia e Servizi integrati- Multiservizi, riconducibile al macro-settore Servizi. I primi due paragrafi, introduttivi, rilevano gli indici economici e occupazionali che lo caratterizzano e ricostruiscono, in chiave storica, i passaggi che, nell ambito delle contrattualistiche di riferimento, segnano la nascita e l implementazione dei relativi sistemi bilaterali, descritti nel terzo paragrafo. Per praticità di trattazione e logica argomentativa, si distingue tra Enti Bilaterali mutualistici e altri istituti di welfare contrattuale I primi sono quei soggetti giuridici bilaterali che, costituiti e gestiti pariteticamente dalle Parti Sociali in autonomia e senza inferenze normative, si riallacciano ai principi storici della mutualità ed erogano ai propri iscritti servizi, prestazioni e tutele contrattuali, in altro modo difficilmente esigibili. I secondi sono ulteriori e diversi organismi paritetici tesi a sviluppare, nei rispettivi ambiti di competenza, funzioni integrative riconosciute dalla legge e obiettivi rispondenti a finalità pubbliche. Circoscrivono il loro ambito d azione a prestazioni specifiche, quali la previdenza complementare, l assistenza sanitaria integrativa e la formazione professionale e continua. Il quarto paragrafo si concentra sulla contribuzione ai sistemi bilaterali descritti, dunque sul modello di finanziamento adottato dai Ccnl per garantirne il funzionamento. Il successivo è dedicato ai temi della governance e delle forme di integrazione perseguite, intendendosi per tali le modalità attraverso cui un determinato organismo bilaterale sia di riferimento per più settori, o Ccnl (riconducibili ad un medesimo asse contrattuale o ad assi contrattuali differenti) o, ancora, a esperienze di collaborazione tra organismi bilaterali, e tra questi e altri attori non paritetici, pubblici e privati, del mercato del lavoro Per un approfondimento sul punto si rinvia sia al paragrafo 2.3 di cui alla Prima Parte del presente Rapporto Nazionale, sia all Introduzione generale, sotto la rubrica Termini e significati.

4 Pag DATI DI SCENARIO Il comparto Pulizia e Servizi integrati-multiservizi ricomprende le imprese che svolgono attività di pulimento, disinfezione, sanificazione, disinfestazione e derattizzazione 1422, nonché attività di servizi ausiliari/integrativi e di ordine manutentivo, ordinario e straordinario, svolte in via non esclusiva su richiesta della committenza pubblica e privata Il comparto, nel decennio , vive una fase di crescita, riconducibile a fattori endogeni ed esogeni, quali: i processi di outsourcing dei servizi non legati all attività principale nel settore privato e pubblico; l evoluzione delle imprese verso una maggiore qualificazione e diversificazione dei servizi e dell offerta; i processi di riorganizzazione e aggregazione della domanda di servizi; le iniziative delle forze sociali di contrasto al lavoro nero ed irregolare Per le sole attività di pulizia, tra il 1996 e il 2008, l occupazione aumenta del 93,4% (dai addetti del 1996 ai del 2008); oltre 500mila, gli addetti del comparto nel 2008 (comprese le attività diverse dalla sola pulizia e gli artigiani, non inseriti nei dati Inps dei dipendenti) Attività regolate dalla legge n. 82/1994, Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione Così è specificato il campo di applicazione dei due Ccnl di riferimento, oggetto di analisi nei successivi paragrafi. I due contratti elencano, in via esemplificativa, le attività rispetto alle quali trovano applicazione: «- servizi di pulimento, disinfezione, sanificazione, disinfestazione e derattizzazioni (civili, industriali, ospedaliere, domiciliari, etc.); - servizi di manutenzione (aree verdi, impianti e macchinari industriali, immobili, beni mobili, ripulitura muri da scritte e graffiti, strade e segnaletica orizzontale e verticale in aree confinate, piscine, spiagge, arenili, etc.); - servizi di conduzione e gestione impianti (termici, climatizzazione, elettrici, idraulici, etc.); - servizi di controllo accessi, servizi ausiliari museali, fieristici e congressuali (reception, accoglienza, accompagnamento, custodia di locali, edifici, aree, etc.); - servizi di sanificazione ambientale (disinfezione, disinfestazione, derattizzazione, etc.); - servizi generali (servizi copia, centralino, distribuzione cancelleria e posta interna, fattorinaggio, barellaggio, movimentazione interna, etc.); - servizi amministrativi (gestione condominiale, gestione utenze, autorizzazioni, licenze, imposte, fatturazioni, etc.); - servizi alla ristorazione (trasporto e veicolazione pasti, riordino locali, lavaggio stoviglie, etc.) - servizi di pulizia, di manutenzione e altri servizi in domicili privati (abitazioni, residenze, etc.); - servizi ausiliari del trasporto (assistenza, rimessaggio e piccola manutenzione al trasporto pubblico - autobus, aeromobili, natanti, etc.); - servizi ausiliari in area scolastica, sanitaria, industriale ed uffici pubblici e privati; - servizi integrati in ambito fieristico, museale ed archeologico, comprese iniziative promozionali e manifestazioni ricreative e culturali, nonché i servizi di primo intervento antincendio, etc.; - servizi di controllo degli accessi e custodia di aree, edifici ed attrezzature comprese la custodia e la gestione di parcheggi non a pagamento in aree confinate private, con l ausilio di impianti tecnologici e servizi cinofili; - servizi di fattorinaggio, custodia ed archiviazione documenti, trasporto documenti, servizi di biglietteria e informazioni anche telefoniche, con esclusione dei call-center, etc.; - servizi ausiliari alla gestione di biblioteche ed esposizione libraria, gestione degli accessi, informazione al pubblico, movimentazione e trattamento fisico del materiale librario (copertinatura, apposizione bande antitaccheggio, applicazione codici a barre, etc.)» Gianluca De Angelis (realizzato da), I servizi di pulizia: caratteristiche e dimensioni del settore. Rapporto di ricerca Onbsi, anno 2011 (su dati Inps) Gianluca De Angelis, I servizi di pulizia, cit.

5 Pag.555 Forte, la frammentazione del tessuto imprenditoriale: nel 2008 l Inps riceve contributi da imprese (dato in crescita rispetto al 2004 di unità), con una media nazionale di poco meno di 19 addetti per impresa I dati Unioncamere relativi alla chiusura dei bilanci 2008, rilevano che il campione di aziende considerato registra in gran parte una situazione di minimo attivo e passivo: il 56,2% chiude il 2008 in perdita o con un utile non superiore ai 10mila euro e il 28,4% con un attivo superiore ai 10mila euro; il 15,5% con un passivo di oltre 10mila euro Le conseguenze della crisi cominciano a manifestarsi nel 2009 e diventano più gravi nel La committenza pubblica e privata tende infatti a tagliare sia richiesta di prestazioni, sia la spesa destinata Negli anni dal 2009 in avanti il comparto subisce forti contrazioni, talvolta persino in forza di legge (normative in tema di spending review e prezzi di riferimento) anche con riferimento a specifici sotto-comparti (per esempio, le risorse dedicate alla pulizia di istituti scolastici in pochi anni hanno subito una riduzione di circa il 50%), nonché come conseguenza della contrazione della produzione industriale e delle riorganizzazioni interne alle imprese stesse, con adibizione di personale interno a mansioni prima esternalizzate. I ritardi nei pagamenti dei canoni, in aggiunta alla stretta creditizia derivante dalla più generale crisi finanziaria italiana e dell intera area Euro, determina una spirale di difficoltà nel comparto, lasciando spazi di manovra e quote di mercato proprio a quella parte di imprese e cooperative che traggono vantaggi dalla irregolarità e dall evasione contributiva, fiscale e retributiva ELEMENTI SULLA CONTRATTAZIONE Nel comparto Pulizia e Servizi integrati-multiservizi sono operativi due sistemi bilaterali, rispettivamente originati dalle seguenti contrattualistiche: - Ccnl per il Personale Dipendente da Imprese Esercenti Servizi di Pulizia e Servizi Integrati/Multiservizi sottoscritto da Fise-Confindustria, Legacoopservizi, Federlavoro- Confcooperative, Agci-Servizi, Unionservizi-Confapi e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil (di seguito per brevità Ccnl Industria e Cooperative ); - Ccnl per il Personale Dipendente da Imprese di Pulizia, di Disinfestazione e Servizi Integrati/Multiservizi sottoscritto da Fnip (Confcommercio) e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil (di seguito per brevità Ccnl Confcommercio ). Nei successivi paragrafi, i principali passaggi che, nell ambito di tali contrattualistiche, progressivamente segnano la nascita e l attuale configurazione dei relativi sistemi di welfare Gianluca De Angelis, I servizi di pulizia, cit Gianluca De Angelis, I servizi di pulizia, cit. I dati del 2008 rappresentano, per le sole attività di pulizia, una massa salariale di circa 5miliardi di euro. La media contributiva corrisponde a circa 30 ore lavorate settimanali per addetto, con differenze a livello regionale e provinciale nella stessa regione, indice di una persistente area di lavoro grigio Gianluca De Angelis, I servizi di pulizia, cit.

6 Pag CCNL INDUSTRIA E COOPERATIVE Le fondamenta del sistema di welfare riconducibile al Ccnl Pulizie e Servizi integrati- Multiservizi Industria e Cooperative si rintracciano nel Ccnl del 25 maggio 2001, in cui le Parti firmatarie «convengono di istituire l organismo paritetico nazionale unitario del settore (con possibili articolazioni territoriali), regolato da apposito statuto e regolamento di attuazione» L Organismo, identificato come il punto di riferimento per tutte le iniziative, ha lo scopo di creare e consolidare le condizioni per un migliore sviluppo del comparto, delle relazioni sindacali e delle condizioni di vivibilità delle imprese e dei lavoratori. Contestualmente, le Parti ne individuano i compiti A livello operativo, l Organismo elabora piani di lavoro finalizzati a obiettivi specifici, rispetto ai quali, di volta in volta, le Parti Sociali individuano il finanziamento, a carico di imprese e lavoratori L impegno trova seguito con la costituzione 1432, il 26 giugno 2003, dell Organismo Nazionale Bilaterale Servizi Integrati, Onbsi. L impianto bilaterale strutturato nel 2001 trova conferma e integrazione con il successivo rinnovo del 19 dicembre 2007, che riporta in allegato il relativo Statuto. Le Parti definiscono inoltre l importo della contribuzione destinata a sostenere le attività dell Organismo Bilaterale Nazionale e, sotto la rubrica Organismo Bilaterale Territoriale (Obt), ammettono che possano essere costituite articolazioni locali, chiamate a svolgere le medesime funzioni del Nazionale e, in particolare, promuovere iniziative di formazione e qualificazione professionale. Il relativo finanziamento è definito a livello territoriale dalla contrattualistica di prossimità. Nell ultimo rinnovo contrattuale sottoscritto il 31 maggio 2011 con vigenza fino al 30 aprile 2013 le Parti, da un lato, intervengono sul sistema di finanziamento dell Organismo Bilaterale Nazionale (Onbsi) e delle sue articolazioni territoriali e, dall altro, ne ampliano le funzioni all ambito della salute e sicurezza Il Ccnl, oltre all Ente Bilaterale mutualistico di cui si è detto, dota progressivamente il comparto di ulteriori istituti di welfare contrattuale, relativi alle tutele della previdenza complementare e dell assistenza sanitaria integrativa. Già con il Ccnl del 25 maggio 2001, sotto la rubrica Previdenza Complementare 1434, le Parti «convengono di ricercare le più idonee soluzioni attuative a tale scopo realizzando una disciplina a contribuzione definita e a capitalizzazione individuale, senza fini di lucro e con lo scopo esclusivo di erogare prestazioni pensionistiche complementari». Contestualmente definiscono sia l ambito di applicazione della tutela 1435, sia il relativo sistema di finanziamento Così l art. 66 del Ccnl rubricato Organismo paritetico nazionale di settore Sul punto si rinvia a quanto precisato nell ambito del successivo paragrafo Il tema della contribuzione al sistema bilaterale è compiutamente trattato nel successivo paragrafo , cui si rinvia Le Parti Sociali che lo costituiscono sono: Fise-Anip, Ancst-Legacoop, Unionservizi-Confapi, Federlavoro- Confcooperative, Ancosel-Agci e dalle Associazioni ad essa aderenti e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil Il tema è approfondito nell ambito del successivo paragrafo , ove sono compiutamente trattate le funzioni attribuite dal Ccnl in vigore a Onbsi Per la precisione: art. 54, Previdenza complementare Sul punto si rinvia a quanto precisato nell ambito del successivo paragrafo Il tema della contribuzione è compiutamente trattato nel successivo paragrafo , cui si rinvia.

7 Pag.557 Nell ambito del Ccnl 19 dicembre 2007, le Parti integrano quanto già disposto in materia e, «al fine di evitare la dispersione dei lavoratori nei diversi Fondi esistenti e di ottenere la massima diffusione della previdenza complementare nel settore», individuano quali organismi bilaterali di riferimento tre Fondi pensione paritetici già esistenti 1437 : - Previambiente, per i lavoratori delle aziende aderenti a Fise; - Fondapi, per i lavoratori delle aziende aderenti a Confapi; - Cooperlavoro, per i lavoratori delle imprese Cooperative. La tutela dell assistenza sanitaria integrativa è per la prima volta presa in considerazione dal Ccnl del 31 maggio 2011, tramite l introduzione di una nuova norma contrattuale, rubricata in modo omonimo. Le Parti firmatarie, «al fine di assicurare l attuazione di detto istituto, convengono l istituzione di una commissione operativa composta da un rappresentante per ciascuna organizzazione stipulante finalizzata a definire la strumentazione necessaria per l avvio, entro l 1 luglio 2013, della copertura sanitaria integrativa di tutti i lavoratori a tempo indeterminato in forza a tale data * + e che non abbiano già una forma di assistenza sanitaria integrativa» CCNL CONFCOMMERCIO Similmente a quanto osservato rispetto al Ccnl Industria e Cooperative, l avvio dell esperienza bilaterale riconducibile al Ccnl Confcommercio si colloca nel A fronte della similitudine tra le contrattualistiche, è infatti rilevabile un excursus cronologico analogo nello sviluppo dei relativi sistemi di welfare. Le fondamenta del sistema originato dal Ccnl Confcommercio si rintracciano nel Ccnl del 25 maggio Le Parti convengono di istituire l Organismo Paritetico Nazionale Unitario del settore, con possibili articolazioni territoriali, regolato da apposito Statuto e Regolamento di attuazione Contestualmente, elencano i compiti che tale organismo è chiamato a svolgere, allo scopo ultimo di creare e consolidare le condizioni per un migliore sviluppo del settore, delle relazioni sindacali e delle condizioni di vivibilità delle imprese e dei lavoratori La previsione trova seguito con la costituzione 1441, il 13 settembre 2002, dell Ente Bilaterale Nazionale Servizi, Ebinas. Con il successivo rinnovo del 19 dicembre , le Parti Sociali prendono atto della costituzione dell Ente Bilaterale Nazionale e definiscono l importo della contribuzione destinata a sostenerne le attività Contestualmente, sotto la rubrica Organismo Bilaterale Territoriale (Obt), ammettono che possano essere costituite articolazioni locali, chiamate a svolgere le medesime funzioni e, in particolare, promuovere iniziative in materia di formazione e qualificazione professionale Dei tre organismi si tratta compiutamente nel successivo paragrafo , cui si rinvia La norma ulteriormente puntualizza i criteri e le direttive cui la commissione si deve attenere Così l art. 66 del Ccnl rubricato Organismo paritetico nazionale di settore Sul punto si rinvia a quanto precisato nell ambito del successivo paragrafo Le Parti Sociali che lo costituiscono sono: Fnip-Confcommercio e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil Sottoscritto da Fnip-Confcommercio e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil Al tema della contribuzione è dedicato il successivo paragrafo , cui si rinvia.

8 Pag.558 Attraverso l ultimo rinnovo contrattuale sottoscritto il 21 luglio 2011 con vigenza fino al 30 aprile 2013 le Parti, da un lato, intervengono sul sistema di finanziamento dell Ente Bilaterale Nazionale (Ebinas) e delle sue articolazioni territoriali, e, dall altro, ne ampliano le funzioni all ambito della salute e sicurezza Il Ccnl Confcommercio amplia il welfare contrattuale con le tutele della previdenza complementare e dell assistenza sanitaria integrativa. Già con il Ccnl del 25 maggio 2001, sotto la rubrica Previdenza Complementare 1445, le Parti «convengono di ricercare le più idonee soluzioni attuative a tale scopo realizzando una disciplina a contribuzione definita e a capitalizzazione individuale, senza fini di lucro e con lo scopo esclusivo di erogare prestazioni pensionistiche complementari». Contestualmente definiscono sia l ambito di applicazione della tutela 1446, sia il relativo sistema di finanziamento Il 20 dicembre 2006 le Parti 1448 sottoscrivono un accordo e individuano nel già costituito Fondo pensione complementare per i dipendenti da aziende del Terziario (Commercio, Turismo e Servizi), Fonte, l organismo di riferimento, confermato nel successivo rinnovo contrattuale del 19 dicembre 2007 valevole per i lavoratori delle aziende aderenti a Fnip- Confcommercio (v. cap. 15). La tutela dell assistenza sanitaria integrativa è per la prima volta presa in considerazione dal Ccnl del 21 luglio Le Parti firmatarie «convengono l istituzione di una commissione operativa composta da un rappresentante per ciascuna organizzazione stipulante finalizzata a definire la strumentazione necessaria per l avvio, entro l 1 luglio 2013, della copertura sanitaria integrativa di tutti i lavoratori a tempo indeterminato in forza a tale data * + e che non abbiano già una forma di assistenza sanitaria integrativa». L assistenza sanitaria integrativa avrà carattere generale, con un unico Fondo per tutti gli addetti al settore e fornirà prestazioni omogenee a prescindere dall orario contrattuale Tramite Nota a Verbale, inoltre, le Parti Sociali convegno che, «considerato che il Fondo Est [v. cap. 15] è il fondo di assistenza sanitaria di riferimento del settore terziario, * + la Commissione * + verifichi al fine di valutare le migliori condizioni per i lavoratori anche la compatibilità dell iscrizione al predetto Fondo rispetto alle caratteristiche specifiche delle imprese del settore» IL WELFARE CONTRATTUALE: QUADRO D INSIEME Il welfare contrattuale del comparto Pulizia e Servizi integrati-multiservizi è composto da due Enti Bilaterali mutualistici Nazionali e da altri organismi paritetici che assicurano prestazioni di previdenza complementare Di seguito, il quadro sinottico ne presenta 1444 Il tema è approfondito nell ambito del successivo paragrafo , ove sono compiutamente trattate le funzioni attribuite dal Ccnl in vigore a Ebinas Per la precisione: art. 54-Previdenza complementare Sul punto si rinvia a quanto precisato nell ambito del successivo paragrafo Il tema della contribuzione è compiutamente trattato nel successivo paragrafo , cui si rinvia Fnip-Confcommercio e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil La norma puntualizza gli ulteriori criteri e le direttive cui la commissione si deve attenere Si veda in merito Maria Cristina Cimaglia, Antonio Aurilio, La Bilateralità nel Terziario, in Lauralba Bellardi, Gustavo De Santis (a cura di), La bilateralità fra tradizione e rinnovamento, Franco Angeli, 2011, ove gli Autori

9 Pag.559 l esatta composizione, secondo lo scopo primario perseguito dagli organismi bilaterali, di cui si dirà diffusamente nei paragrafi che seguono, e la contrattualistica di riferimento. CCNL Quadro sinottico Organismi bilaterali del comparto Pulizia e Servizi integrati-multiservizi PARTI SOCIALI (Industria e Cooperative) Fise-Confindustria, Legacoopservizi, Federlavoro- Confcooperative, Agci-Servizi, Unionservizi-Confapi e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil (Confcommercio) Fnip-Confcommercio e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil Ente Bilaterale Nazionale* mutualistico Organismo Nazionale Bilaterale Servizi Integrati - Onbsi - Ente Bilaterale Nazionale Servizi - Ebinas - Fondo di Previdenza Complementare Fondo Previambiente (adesione a) Fondo Fondapi (adesione a) Fondo Cooperlavoro (adesione a) Fondo Fonte (adesione a) ORGANISMI BILATERALI Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa Fondo Paritetico Interprofessionale per la formazione continua di riferimento Fondo di Formazione Professionale Fondo di Sostegno al Reddito * Per gli Enti Bilaterali territoriali afferenti a ciascun Ente Nazionale, v. par e segg GLI ENTI BILATERALI MUTUALISTICI Nel presente paragrafo si descrivono gli Enti Bilaterali mutualistici che operano nel comparto: i soggetti giuridici bilaterali che, costituiti e gestiti pariteticamente dalle Parti Sociali in autonomia e senza inferenze normative, si riallacciano ai principi storici della mutualità ed erogano ai propri iscritti servizi, prestazioni e tutele contrattuali in altro modo difficilmente esigibili. La trattazione è articolata in due sotto-paragrafi: il primo descrive l Ente Bilaterale riconducibile al Ccnl Industria e Cooperative (Onbsi); il secondo quello riconducibile al Ccnl Confcommercio (Ebinas) ONBSI Il 26 giugno 2003 le Parti Sociali 1451 del comparto Pulizia e Servizi integrati-multiservizi (Ccnl Industria e Cooperative) costituiscono l Organismo Nazionale Bilaterale Servizi Integrati, Onbsi, dando così attuazione a quanto in merito previsto dal Ccnl del 25 gennaio elencano e descrivono gli organismi bilaterali operanti nel settore Le Parti Sociali che lo costituiscono sono: Fise-Anip, Ancst-Legacoop, Unionservizi-Confapi, Federlavoro- Confcooperative, Ancosel-Agci e dalle Associazioni ad essa aderenti e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil.

10 Pag.560 Onbsi ha natura giuridica di associazione non riconosciuta 1452 e non persegue finalità di lucro. Organi paritetici di Onbsi sono: l Assemblea, la Presidenza, il Comitato Direttivo e il Collegio dei Revisori dei Conti. L Organismo Bilaterale Nazionale è il punto di riferimento per le iniziative del comparto e svolge le attività individuate dalle Parti Sociali, nell ambito del Ccnl e dello Statuto dell Organismo medesimo, riconducibili a cinque macro-aree: studi e ricerche, mercato del lavoro, formazione e qualificazione professionale, salute e sicurezza, welfare contrattuale. Rispetto all area studi e ricerche, Onbsi promuove, sostiene e realizza analisi sull andamento economico e produttivo del comparto e sulle relative prospettive di sviluppo e occupazionali; interventi rivolti ad azioni di contrasto all irregolarità e al dumping contrattuale e di mercato; analisi specifiche e interlocuzioni con le Istituzioni, tra cui l Autorità per la vigilanza sui controlli pubblici di settore. Nell area mercato del lavoro, le attività di ricerca ed elaborazione dei dati relativi all utilizzo degli accordi in materia di apprendistato e l istituzione di una banca dati per l incontro tra domanda e offerta di lavoro, per il monitoraggio del mercato del lavoro e delle forme di impiego. In materia di formazione e qualificazione professionale, Onbsi promuove corsi di riqualificazione per il personale interessato da processi di ristrutturazione e riorganizzazione aziendale; provvede al monitoraggio e alla rilevazione delle attività formative e dei fabbisogni professionali e formativi ed elabora proposte in materia di formazione e qualificazione professionale; elabora e sostiene sistemi di riconoscimento delle competenze; predispone e/o coordina modelli formativi per specifiche figure professionali. Con specifico riferimento all area della salute e sicurezza, promuove approfondimenti per la concreta attuazione della normativa in materia, nonché per piani di sicurezza, per la formazione dei responsabili aziendali e dei Rls. Rispetto al welfare contrattuale, Onbsi è chiamato a individuare misure di sostegno al reddito atte a superare momenti di difficoltà occupazionale e a promuovere la costituzione di organismi regionali/territoriali (approvandone il regolamento e le norme di finanziamento), collegati alla contrattazione di secondo livello, come regolamentata dal Ccnl. Ai fini operativi, il Ccnl prevede che Onbsi predisponga piani di lavoro, che evidenzino anche specifiche esigenze economiche, da sottoporre alle Parti Sociali, che, nell approvarli, individuano il relativo finanziamento. Il Ccnl ammette che siano costituti a livello locale Organismi Bilaterali Territoriali (Obt), chiamati a svolge le medesime funzioni dell Organismo Nazionale e, in particolare, a promuovere iniziative in materia di formazione e qualificazione professionale, anche in collaborazione con le Regioni, gli Enti Locali ed altri Enti Competenti. Allo stato attuale risultano essere costituiti tre Organismi Bilaterali Territoriali: l Organismo Bilaterale Servizi Integrati Milano, Obsi Milano; l Organismo Bilaterale Servizi Integrati di Torino e Provincia, Obsi Torino; l Organismo Bilaterale Territoriale Servizi integrati-multiservizi Roma e Lazio, Obt Multiservizi Lazio Ai sensi dell art. 36 e segg. del Codice Civile.

11 Pag EBINAS Il 13 settembre 2002, le Parti Sociali del comparto Pulizie e servizi integrati-multiservizi (Ccnl Confcommercio) costituiscono l Ente Bilaterale Nazionale Servizi, Ebinas, con natura giuridica di associazione non riconosciuta I suoi organi sono: il Consiglio Direttivo, il Comitato Esecutivo, il Presidente e il Vice Presidente, il Collegio dei Sindaci. Da Statuto i compiti attribuiti ad Ebinas sono riconducibili a cinque macro-aree: studi e ricerche, mercato del lavoro, formazione e qualificazione professionale, salute e sicurezza, welfare contrattuale. Rientrano nella prima macro-area (studi e ricerche) le iniziative tendenti a creare concreti strumenti di analisi del comparto in sinergia con le Istituzioni; la programmazione e l organizzazione di relazioni sul quadro economico e produttivo del comparto. Rispetto al mercato del lavoro, Ebinas è chiamato a istituire la banca dati per l incontro tra domanda e offerta di lavoro e per il monitoraggio del mercato del lavoro e delle forme di impegno e ad assicurare la corretta applicazione delle norme contrattuali previste dal Ccnl in materia di appalti di servizi. A Ebinas sono inoltre attribuite funzioni di promozione di iniziative in materia di formazione e qualificazione professionale, anche in collaborazione con le Regioni e gli altri Enti competenti, tra cui corsi di riqualificazione per il personale interessato da processi di ristrutturazione e riorganizzazione aziendale. Con specifico riferimento alla materia della salute e sicurezza, Ebinas è chiamato a promuovere approfondimenti per la concreta attuazione della normativa, nonché per piani di sicurezza, per la formazione dei responsabili aziendali e dei Rls. Rispetto al welfare contrattuale, da Statuto può attivare provvidenze a favore dei lavoratori anche finalizzati alla stabilizzazione occupazionale. Ai fini della concreta operatività, il Ccnl prevede che Ebinas predisponga appositi piani di lavoro, che evidenzino anche le esigenze economiche, da sottoporre alle Parti Sociali, che, nell approvarli, individuano il relativo finanziamento. Il Ccnl ammette che siano costituti a livello locale Organismi Bilaterali Territoriali (Obt), chiamati a svolgere le medesime funzioni dell Ente Bilaterale Nazionale e, in particolare, a promuovere iniziative in materia di formazione e qualificazione professionale. Allo stato non risultano costituiti Organismi Bilaterali Territoriali GLI ALTRI ISTITUTI DI WELFARE CONTRATTUALE Il welfare contrattuale attivato dalle Parti Sociali, oltre agli Enti Bilaterali mutualistici, nel tempo valorizza ulteriori istituti bilaterali complementari al welfare pubblico, le cui caratteristiche sono approfondite nel seguito del testo. A fianco degli Enti Bilaterali mutualistici di cui è detto, operano infatti, ai sensi dei rispettivi Ccnl, altri organismi paritetici contrattualmente previsti, che erogano prestazioni di previdenza complementare. Allo stato attuale non è operativo l istituto dell assistenza 1453 Ai sensi dell art. 36 e segg. del Codice Civile.

12 Pag.562 sanitaria integrativa e non vi sono riferimenti nei Ccnl a quello della formazione. La tutela della previdenza complementare è resa operativa da entrambi i Ccnl del comparto. Il Ccnl Industria e Cooperative individua tre Fondi Pensione già costituiti per settori affini e per ognuno di questi lo specifico bacino di utenza 1454 : Previambiente per i lavoratori delle aziende aderenti a Fise; Fondapi per i lavoratori delle aziende aderenti a Confapi; Cooperlavoro per i lavoratori delle imprese cooperative. Il Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini, Previambiente, è costituito da Federambiente, Fise (già Ausitra) e Fp-Cgil, Fit- Cisl, Uiltrasporti-Uil, Fiadel-Cisal Il Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori dipendenti delle piccole e medie imprese, Fondapi, è costituito dalle Parti datoriali settoriali di Confapi con le Oo. Ss. di settore Il Fondo Pensione dei Lavoratori, Soci e Dipendenti, della Cooperative di Lavoro, Cooperlavoro, è costituito da Legacoop, Confcooperative, Agci, e Cgil, Cisl e Uil Il Ccnl Confcommercio individua invece quale unico organismo di riferimento il Fondo pensione complementare per i dipendenti da aziende del Terziario (Commercio, Turismo e Servizi), Fonte (v. cap. 15), costituito da Confcommercio e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs Nel caso in cui un impresa o una cooperativa non aderisca ad alcuna delle Associazioni Imprenditoriali sottoscriventi il Ccnl, i lavoratori hanno il diritto di scegliere tra uno dei tre Fondi individuati dal Ccnl In attuazione dei Ccnl del 2 agosto 1995 e del 31 ottobre 1995, rispettivamente applicati nel settore pubblico e nel settore privato dei servizi di igiene ambientale, nonché dei successivi accordi del 24 luglio 1997 e del 12 gennaio 1998, sottoscritti da Federambiente, Fise (già Ausitra) e Fp-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti-Uil, Fiadel- Cis Istituito in forza all accordo del 20 gennaio 1998 e successivi accordi tra le seguenti parti istitutive: - Unionmeccanica e Fim-Fiom-Uilm per il settore Metalmeccanico; - Unionchimica e Filcea-Flerica-Uilcem per il settore Chimico e Accorpati, Plastica e Gomma; - Uniontessile e Filta-Filtea-Uilta per il settore Tessile-Abbigliamento, Calzature, Pelli, Cuoio e Succedanei, Occhiali, Giocattoli, Penne e Spazzole; - Unigec e Slc-Fistel-Uilsic per il settore Carta, Cartone e Cartotecnici, Grafico-Editoriale ed Affini; - Unionalimentari e Flai-Fat-Uila per il settore Alimentare; - Unionservizi e Filcams Fisascat e Uiltrasporti-Uil per il settore Servizi di Pulizia e Servizi Integrati Multiservizi; - Aniem e Feneal, Filca e Fillea per il settore Edili, Manufatti in Cemento e Laterizi, Lapideoestrattivo, Cemento- Calce-Gesso; - Unimatica e Slc, Fistel, Uilcom Da Statuto ne sono fonti istitutive: «a) le delibere di promozione degli accordi fra soci lavoratori assunte da Confcooperative nelle date 21/10/97, 29/4/98 e 24/01/2007, da Legacoop nelle date18/2/98 e 14/12/2006, da A.G.C.I. nelle date26/2/98 e 04/12/2006;successive modificazioni ed integrazioni; b) l accordo intercategoriale, stipulato in data 06/05/98 e successive modificazioni ed integrazioni, relativo ai lavoratori dipendenti ai sensi dell art. 2 comma 1 lettera c) D.Lgs. 252/05 per l istituzione del Fondo Pensione dei Lavoratori, Soci e Dipendenti, delle Cooperative di Lavoro sottoscritto dalle associazioni cooperative nazionali riconosciute A.G.C.I., Confcooperative, Legacoop, unitamente alle loro associazioni di settore e dalle organizzazioni sindacali confederali C.G.I.L., C.I.S.L., U.I.L. unitamente alle loro federazioni di categoria; c) i contratti e gli accordi collettivi di lavoro stipulati dalle parti firmatarie dell accordo intercategoriale di cui al punto b); d) i regolamenti e le delibere adottate ovvero gli accordi sottoscritti, per i propri dipendenti, dalle Centrali Cooperative, dalle Organizzazioni Sindacali firmatarie del presente accordo e dalle società e dagli enti promossi o costituiti dalle medesime Centrali Cooperative od Organizzazioni Sindacali».

13 Pag.563 Uil Ai sensi dei due Ccnl, possono volontariamente iscriversi a tali Fondi i lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato, ovvero con contratto a tempo determinato che cumuli nell arco dell anno solare periodi di lavoro non inferiori a sei mesi. I Fondi citati hanno la forma giuridica di associazioni riconosciute 1459 e sono iscritti all apposito Albo Covip. Da Statuto hanno lo scopo di consentire agli aderenti di disporre, all atto del pensionamento, di prestazioni pensionistiche complementari del sistema obbligatorio. A tale fine, provvedono alla raccolta dei contributi, alla gestione delle risorse nell esclusivo interesse degli aderenti e all erogazione delle prestazioni, secondo quanto disposto dalla normativa vigente. Le Parti Sociali, al fine espresso di evitare la dispersione dei lavoratori nei diversi Fondi esistenti, di ottenere la massima diffusione della previdenza complementare, di assicurare nel contempo omogeneità di trattamento tra tutti i lavoratori potenzialmente aderenti, precisano che gli organismi di riferimento sono «unicamente» quelli sopra indicati LA CONTRIBUZIONE Gli insiemi di welfare descritti sono alimentati dai contributi versati dagli aderenti, secondo quanto stabilito dalla contrattazione di riferimento; il montante economico derivante sostiene il costo delle prestazioni e dei servizi di welfare contrattuale erogati dagli organismi bilaterali, e le relative spese di gestione. Rispetto agli Enti Bilaterali mutualistici, di cui si è detto al precedente paragrafo , il Ccnl Industria e Cooperative e il Ccnl Confcommercio applicano un identico sistema. Stabiliscono innanzitutto che «se le parti stipulanti concorderanno sulle iniziative che l organismo paritetico di settore intende far assumere alle stesse, esse assicureranno l operatività dei progetti individuando il relativo finanziamento in misura uguale per imprese e lavoratori (50% a carico dei datori di lavoro e 50% a carico del lavoratore), anche attraverso il finanziamento regionale e/o nazionale previsto dalle normative vigenti, con particolare riferimento al Ministero del Lavoro (Ufficio Formazione Professionale)». Contestualmente, stabiliscono che il rispettivo Ente Bilaterale Nazionale Onbsi per il Ccnl Industria e Cooperative, Ebinas per il Ccnl Confcommercio è finanziato mediante un contributo mensile pari a 0,50 euro, per dodici mensilità, posto a carico rispettivamente del datore di lavoro e del lavoratore. Per i lavoratori con contratto part-time inferiore a venti ore settimanali, l importo è ridotto a 0,25 euro. La contribuzione è raccolta dall Ente Bilaterale Nazionale. Ai sensi dei due Ccnl, a partire dal mese successivo alla costituzione di (eventuali) articolazioni territoriali, l Ente Bilaterale Nazionale ripartisce a favore di queste il 70% dei contributi raccolti, in base ai lavoratori 1458 In attuazione dell Accordo Collettivo Nazionale del settore Terziario del 29 novembre 1996 e successive modificazioni e integrazioni Ai sensi dell art. 14 e segg. del Codice Civile.

14 Pag.564 effettivamente occupati nel territorio interessato. In allegato al Ccnl Industria e Cooperative del 31 maggio 2011, una circolare emanata dall Onbsi 1460 che chiarisce le modalità per il versamento della contribuzione al sistema bilaterale. In particolare, comunica che l Inps 1461, cui le Parti firmatarie hanno affidato il compito di esazione 1462, ha emanato le istruzioni per la riscossione de contributi, da versare tramite il modello di pagamento F24. Nella stessa circolare, l Onbsi secondo il principio di obbligatorietà richiama «il contenuto della circolare del Ministero del Lavoro n. 43 del 17 dicembre 2010 che ha confermato, tra l altro, l obbligo per il datore di lavoro di fornire ai propri dipendenti le medesime tutele prestate dagli organismi paritetici previsti dai contratti». Ulteriormente puntualizza che «lo stesso obbligo ricade anche sulle imprese che non aderiscono ad alcuna organizzazione datoriale firmataria del Ccnl» e che «l iscrizione all Onbsi rappresenta il modo più semplice per ottemperare all obbligo suddetto e costituisce una opportunità per ogni datore di lavoro». I due Ccnl definiscono nello stesso modo anche l apposita quota di finanziamento destinata ad alimentare i rispettivi Fondi che erogano trattamenti di previdenza complementare, di cui si è detto al precedente paragrafo In particolare, individuano la seguente contribuzione 1463 : - 1% a carico dell azienda e del lavoratore, calcolato su minimo tabellare ed indennità di contingenza alla data dell 1 gennaio 2001; - Tfr maturato nel corso dell anno dai lavoratori interessati secondo le normative di legge vigenti. Ai sensi dei due Ccnl, il lavoratore potrà optare per il versamento di una ulteriore contribuzione, a suo esclusivo carico, nell importo e con i criteri stabiliti dallo Statuto e dal Regolamento del Fondo di riferimento LA GOVERNANCE E LE FORME DI INTEGRAZIONE I due insiemi bilaterali descritti nei paragrafi che precedono, originati dai due Ccnl del comparto Pulizia e Servizi integrati-multiservizi, sono di recente origine. L attenzione delle rispettive Parti Sociali è dunque essenzialmente finalizzata, da un lato, a rendere effettivamente e pienamente operativi gli organismi di welfare contrattuale previsti, dall altro, ad ampliare le tutele accessibili ai lavoratori. In particolare, le Parti Sociali sono impegnate a individuare lo strumento più adatto e 1460 Circolare 8 marzo 2011, prot. 106/ Tramite circolare n. 42 del 25 febbraio Tramite convenzione sottoscritta il 15 novembre 2010 tra l Inps e le Associazioni Datoriali Fise- Confindustria, Unionservizi-Confapi, Legacoop Servizi, Federlavoro e Servizi-Confcooperative e Psl-Agci e le Organizzazioni Sindacali Nazionali Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil. La convenzione è riportata in allegato alla circolare dell Onbsi (circolare 8 marzo 2011, prot. 106/2011) I Ccnl puntualizzano che «le contribuzioni a carico delle aziende saranno dovute solamente per i lavoratori aderenti, senza dar luogo a trattamenti sostitutivi o alternativi nelle ipotesi di non iscrizione del lavoratore». Inoltre rinviano, per quanto riguarda la quota di adesione iniziale, a quanto espressamente previsto dai Regolamenti dei singoli Fondi.

15 Pag.565 funzionale per rendere esigibile l assistenza sanitaria integrativa. Con specifico riferimento agli Enti Bilaterali mutualistici, è poi da evidenziare come i due Ccnl espressamente ammettano che siano costituite, a fianco dell Ente Bilaterale Nazionale, delle articolazioni territoriali. All Ente Bilaterale Nazionale è attribuita una funzione di controllo rispetto ai territoriali, laddove si prevede che il primo ne «validi» la costituzione. Inoltre, in allegato ai due Ccnl è riportato uno Statuto tipo di Ente Bilaterale Territoriale, cui le Parti si devono attenere Nel comparto si registrano forme di integrazione con riferimento alla tutela dalla previdenza complementare. Le Parti Sociali, infatti, la rendono operativa tramite il meccanismo dell adesione a Fondi pensione paritetici già costituti per settori affini, piuttosto che strutturare nuovi e specifici Fondi I due Ccnl del comparto in merito precisano che «sono fatti salvi gli enti già costituiti alla data di entrata in vigore del presente Ccnl che dovranno adeguare lo statuto entro la vigenza del contratto».

Gli Enti Bilaterali in Italia Rapporto Nazionale 2014

Gli Enti Bilaterali in Italia Rapporto Nazionale 2014 Pag.549 INDICE 13.4 PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI MULTISERVIZI... 549 13.4.1 DATI DI SCENARIO...552 13.4.2 ELEMENTI SULLA CONTRATTAZIONE...553 13.4.2.1 Ccnl Industria e Cooperative...554 13.4.2.2 Ccnl Confcommercio...555

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA PON ENTI BILATERALI 2012-14

ITALIA LAVORO SPA PON ENTI BILATERALI 2012-14 INDICE 13.3 LAVORO DOMESTICO... 541 13.3.1 DATI DI SCENARIO... 544 13.3.2 ELEMENTI SULLA CONTRATTAZIONE... 545 13.3.3 IL WELFARE CONTRATTUALE: QUADRO D INSIEME... 546 13.3.3.1 L Ente Bilaterale mutualistico:

Dettagli

Gli Enti Bilaterali in Italia Rapporto Nazionale 2014

Gli Enti Bilaterali in Italia Rapporto Nazionale 2014 Pag.539 INDICE 13.3 LAVORO DOMESTICO... 539 13.3.1 DATI DI SCENARIO...542 13.3.2 ELEMENTI SULLA CONTRATTAZIONE...543 13.3.3 IL WELFARE CONTRATTUALE: QUADRO D INSIEME...544 13.3.3.1 L Ente Bilaterale mutualistico:

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA PON ENTI BILATERALI 2012-14

ITALIA LAVORO SPA PON ENTI BILATERALI 2012-14 INDICE 13.1 AZIENDE TERMALI... 515 13.1.1 DATI DI SCENARIO... 518 13.1.2 ELEMENTI SULLA CONTRATTAZIONE... 519 13.1.3 IL WELFARE CONTRATTUALE: QUADRO D INSIEME... 521 13.1.3.1 L Ente Bilaterale mutualistico...

Dettagli

Nota informativa. Nota informativa per i potenziali aderenti (depositata presso la Covip l 11.10.2010)

Nota informativa. Nota informativa per i potenziali aderenti (depositata presso la Covip l 11.10.2010) FONDAPI FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 116 Nota informativa per i potenziali

Dettagli

Gli Enti Bilaterali in Italia Rapporto Nazionale 2014

Gli Enti Bilaterali in Italia Rapporto Nazionale 2014 Pag.581 INDICE 13.6 VIGILANZA PRIVATA... 581 13.6.1 DATI DI SCENARIO...584 13.6.2 ELEMENTI SULLA CONTRATTAZIONE...585 13.6.2.1 Asse Confindustria, Confcommercio e Centrali Cooperative...585 13.6.2.2 Asse

Dettagli

Nota informativa. SCHEDA SINTETICA per i potenziali aderenti (depositata presso la Covip il 19/05/2015)

Nota informativa. SCHEDA SINTETICA per i potenziali aderenti (depositata presso la Covip il 19/05/2015) FONDAPI FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 116 SCHEDA SINTETICA per i potenziali

Dettagli

Ipotesi di accordo per le attività di gestione dei servizi fieristici e di custodia e controllo di aree ed edifici. Il 3 dicembre 2003, presso la

Ipotesi di accordo per le attività di gestione dei servizi fieristici e di custodia e controllo di aree ed edifici. Il 3 dicembre 2003, presso la Ipotesi di accordo per le attività di gestione dei servizi fieristici e di custodia e controllo di aree ed edifici. Il 3 dicembre 2003, presso la sede della Fise in Roma: per la Fise, l avv. Sandro di

Dettagli

F O N D A P I FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

F O N D A P I FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE F O N D A P I FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Codice Fiscale 97151420581 Tel.: 06 36006135 Fax: 06 3214994 Sito internet:

Dettagli

ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA del 6 dicembre 1996

ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA del 6 dicembre 1996 ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA del 6 dicembre 1996 L'anno 1996, il giorno 6 del mese di dicembre in Roma Tra Associazione Nazionale

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

ACCORDO RELATIVO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE DEI LAVORATORI, SOCI E DIPENDENTI, DELLE COOPERATIVE DI LAVORO

ACCORDO RELATIVO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE DEI LAVORATORI, SOCI E DIPENDENTI, DELLE COOPERATIVE DI LAVORO Page 1 of 8 ACCORDO RELATIVO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE DEI LAVORATORI, SOCI E DIPENDENTI, DELLE COOPERATIVE DI LAVORO Addì 6 maggio 1998, in Roma LEGA NAZIONALE DELLE

Dettagli

IMPRESE DI PULIZIA, Ipotesi di Accordo attività di gestione servizi archeologici, museali, fieristici e di custodia e controllo aree ed edifici

IMPRESE DI PULIZIA, Ipotesi di Accordo attività di gestione servizi archeologici, museali, fieristici e di custodia e controllo aree ed edifici IMPRESE DI PULIZIA, Ipotesi di Accordo attività di gestione servizi archeologici, museali, fieristici e di custodia e controllo aree ed edifici Ipotesi di accordo per le attivitdi gestione dei servizi

Dettagli

Caratteristiche funzionamento finanziamento e garanzie, dei fondi di previdenza complementare

Caratteristiche funzionamento finanziamento e garanzie, dei fondi di previdenza complementare Caratteristiche funzionamento finanziamento e garanzie, dei fondi di previdenza complementare 1 I destinatari Lavoratori dipendenti, privati e pubblici Quadri Lavoratori autonomi Liberi professionisti

Dettagli

I Fondi pensione negoziali

I Fondi pensione negoziali I Fondi pensione negoziali 45 I Fondi pensione negoziali sono forme pensionistiche complementari la cui origine, come suggerisce il termine negoziali, è di natura contrattuale. Essi sono destinati a specifiche

Dettagli

STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD

STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD Art. 1 Costituzione Conformemente a quanto previsto dal CCNL per i dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata, è costituito

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

Ruolo primario dei Ccnl per la definizione del tempo di lavoro retribuito del Rls

Ruolo primario dei Ccnl per la definizione del tempo di lavoro retribuito del Rls I permessi retribuiti del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Mario Gallo Docente di Diritto del lavoro nell Università degli Studi di Cassino Le novità della disciplina sui permessi retribuiti

Dettagli

Febbraio 2012. Relatore: Dott. Armando Occhipinti

Febbraio 2012. Relatore: Dott. Armando Occhipinti Febbraio 2012 OPTARE PER IL GIUSTO CCNL Relazioni Industriali Confapi Relatore: Dott. Armando Occhipinti 1 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 CAMPO DI APPLICAZIONE UNIONMECCANICA UNIONCHIMICA per i dipendenti dalle

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO ENTE DI MUTUALITA ED ASSISTENZA 58100 GROSSETO VIA MONTEROSA N. 196 TEL..0564 454535 FAX 0564 454922 C.P. N.80 Prot. n 13186 Grosseto, 14 novembre 2003 A TUTTE LE

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Agenda La funzione della previdenza complementare Caratteristiche e modalità di funzionamento Tipologia di forme pensionistiche complementari

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l Artigianato FSBA

Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l Artigianato FSBA Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l Artigianato FSBA 1 Premessa Il presente regolamento, in conformità agli Accordi Interconfederali e alle disposizioni contenute nell Atto Costitutivo

Dettagli

Strategia 2010. Incontro con i Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Siracusa e Catania 16-17 luglio 2010.

Strategia 2010. Incontro con i Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Siracusa e Catania 16-17 luglio 2010. Incontro con i Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Siracusa e Catania 16-17 luglio 2010 la storia e la Strategia 2010 Federgeometri 2010 1 Nasce a Firenze il 18 giugno 1966 con atto Notaio

Dettagli

CIRCOLARE N.6 2006 (Lavoro)

CIRCOLARE N.6 2006 (Lavoro) CIRCOLARE N.6 2006 (Lavoro) Vigevano, 20/12/2006 RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DESTINAZIONE TFR Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi In data 19/10/2006 le parti sociali hanno raggiunto un accordo che

Dettagli

SISTEMA DELLA BILATERALITA

SISTEMA DELLA BILATERALITA SISTEMA DELLA BILATERALITA Con la firma dei due accordi interconfederali con CGIL-CISL-UIL, - del 20 settembre 2011 con il quale viene disciplinata la figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza,

Dettagli

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL Roma, 7 Novembre 2001 tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente per le imprese e per i

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Giugno 2014 La somministrazione di lavoro

Giugno 2014 La somministrazione di lavoro Giugno 2014 La somministrazione di lavoro I PROTAGONISTI DEL SETTORE 1. Assolavoro Assolavoro è l'associazione Nazionale di Categoria delle Agenzie per il Lavoro (ApL), costituita il 18 ottobre 2006 dalla

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

tra e, in ordine alfabetico

tra e, in ordine alfabetico TESTO del CONTRATTO COLLETTIVO PROVINCIALE DI LAVORO 29 gennaio 2007 per i dipendenti delle imprese edili ed affini della Provincia di Trento integrativo del CCNL 1 ottobre 2004 Addì 29 gennaio 2007 tra

Dettagli

Le associazioni provinciali di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative sociali:

Le associazioni provinciali di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative sociali: BOZZA CONVENZIONE QUADRO PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE DISABILI IN COOPERATIVE SOCIALI B. ART. 22 L.R. 1 /8/ 2005, N. 17 Con la presente convenzione,

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina 16 La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina Con l'emanazione del D. Lgs. 21 aprile 1993, n. 124 come modificato dalla L. 8 agosto 1995,

Dettagli

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Art. 1 - Ambito di applicazione ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l'attività dell'e.b.m. sulla base dell'accordo tra Unionmeccanica Confapi e Fiom Cgil del 15

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 24 novembre 2014 CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto Il 18 settembre 2014 è stato sottoscritto

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE DELLE COOPERATIVE DI PRODUZIONE E LAVORO DELL EDILIZIA E ATTIVITA AFFINI DELLE MARCHE.

CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE DELLE COOPERATIVE DI PRODUZIONE E LAVORO DELL EDILIZIA E ATTIVITA AFFINI DELLE MARCHE. CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE DELLE COOPERATIVE DI PRODUZIONE E LAVORO DELL EDILIZIA E ATTIVITA AFFINI DELLE MARCHE 25 luglio 2007 il giorno 25 luglio 2007 in Ancona presso la sede della Legacoop Marche

Dettagli

CONTRATTUALISTICA CCNL COOPERATIVE SOCIALI ACCORDO DI RINNOVO

CONTRATTUALISTICA CCNL COOPERATIVE SOCIALI ACCORDO DI RINNOVO CONTRATTUALISTICA NEWS CCNL COOPERATIVE SOCIALI ACCORDO DI RINNOVO AUMENTI TABELLARI LIVELLO Aumenti a partire dal 1 gennaio 2012 A1 26,41 A2 26,65 B1 27,90 C1 30,00 C2 30,90 C3 31,81 D1 31,81 D2 33,55

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE NAZIONALE PER I LAVORATORI. delle aziende esercenti l industria della Carta e del Cartone,

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE NAZIONALE PER I LAVORATORI. delle aziende esercenti l industria della Carta e del Cartone, ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE NAZIONALE PER I LAVORATORI delle aziende esercenti l industria della Carta e del Cartone, delle aziende Grafiche ed Affini e delle aziende Editoriali In data

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) In Milano, 22 ottobre 2012 tra - l'associazione DELLE IMPRESE EDILI E COMPLEMENTARI DELLE PROVINCE DI MILANO,

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

tra quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori

tra quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori FEDERLEGNO-ARREDO UNITAL 1 FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL tra e quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori vista la legge 8 Agosto 1995

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

REGOLAMENTO FONDO ASIM

REGOLAMENTO FONDO ASIM REGOLAMENTO FONDO ASIM in vigore dal 10 luglio 2014 INDICE DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Requisiti, obbligatorietà e modalità d'iscrizione Art. 3 - Decorrenza delle prestazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

L Ente Bilaterale dell Industria Turistica di Milano

L Ente Bilaterale dell Industria Turistica di Milano toria L Ente Bilaterale dell Industria Turistica di Milano è stato fondato il 10 novembre dell anno 2006 come associazione senza fini di lucro, con sede in Milano, per iniziativa di Assolombarda e delle

Dettagli

Gli Enti Bilaterali in Italia Rapporto Nazionale 2014. Pag.375

Gli Enti Bilaterali in Italia Rapporto Nazionale 2014. Pag.375 Pag.375 INDICE 10 DIRIGENTI INDUSTRIA... 375 10.1 DATI DI SCENARIO...378 10.2 ELEMENTI SULLA CONTRATTAZIONE...379 10.2.1 Asse contrattuale Confindustria...379 10.2.2 Asse contrattuale Confapi...382 10.3

Dettagli

Indice. Cos è 5 Le finalità 6. Quali servizi offre 7 Come aderire 8 Compilazione Modello F24 9 FAQ 10 10 Contatti 10 11

Indice. Cos è 5 Le finalità 6. Quali servizi offre 7 Come aderire 8 Compilazione Modello F24 9 FAQ 10 10 Contatti 10 11 Indice Cos è 5 Le finalità 6 Quali servizi offre 7 Come aderire 8 Compilazione Modello F24 9 FAQ 10 10 Contatti 10 11 3 EBC: cos è L Ente Bilaterale del Terziario della Provincia di Cosenza è un associazione

Dettagli

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2492 Roma 31 dicembre 2014 ALLE ALLE ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI TERRITORIALI UNIONI REGIONALI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE COMPONENTI

Dettagli

La Commissione Paritetica è costituita presso l Ente Bilaterale Nazionale di Settore. La Commissione opererà con le seguenti procedure e modalità:

La Commissione Paritetica è costituita presso l Ente Bilaterale Nazionale di Settore. La Commissione opererà con le seguenti procedure e modalità: TITOLO II Strumenti Bilaterali Nazionali di Settore Le parti, per la realizzazione degli impegni/obiettivi richiamati in Premessa al presente CCNL, concordano di istituire i sotto elencati strumenti bilaterali

Dettagli

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro.

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. Il settore della Vigilanza Privata italiana, in tempi recenti, ha conosciuto delle innovazioni di matrice normativa

Dettagli

SCADENZARIO CONTRATTUALE OTTOBRE 2013 AGENZIE IMMOBILIARI. Livello/Categoria Minimo Indennità di funzione

SCADENZARIO CONTRATTUALE OTTOBRE 2013 AGENZIE IMMOBILIARI. Livello/Categoria Minimo Indennità di funzione SCADENZARIO CONTRATTUALE OTTOBRE 2013 AGENZIE IMMOBILIARI Livello/Categoria Minimo Indennità di funzione Q 2.289,44 250,00 1 2.113,07-2 1.895,39-3 1.692,76-4 1.531,68-5 1.432,13-6 1.336,91-7 1.217,09 -

Dettagli

COMUNE DI MONZA. PROTOCOLLO D INTESA PER LA REGOLARITA e SICUREZZA DEL LAVORO

COMUNE DI MONZA. PROTOCOLLO D INTESA PER LA REGOLARITA e SICUREZZA DEL LAVORO COMUNE DI MONZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA REGOLARITA e SICUREZZA DEL LAVORO nel settore delle costruzioni tra Il COMUNE DI MONZA, in persona del Sindaco e dell Assessore ai Lavori Pubblici e le ORGANIZZAZIONI

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare

Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare Terzo settore e Sanità Privata Roma - Giugno 2007 Le scadenze e le condizioni di riferimento Con la Legge Finanziaria

Dettagli

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Il giorno 13 dicembre 2006, a Trento presso la sede della Federazione Trentina della Cooperazione,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

Il funzionamento del fondo è disciplinato dallo statuto La presente scheda fornisce un quadro sintetico dei dati e delle norme utili per l adesione.

Il funzionamento del fondo è disciplinato dallo statuto La presente scheda fornisce un quadro sintetico dei dati e delle norme utili per l adesione. SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI A MARCO POLO-FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DA AZIENDE TURISTICHE, TERMALI, DELLA DISTRIBUZIONE E SETTORI AFFINI La scheda informativa

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND La riforma del sistema pensionistico determinata dalla legge 335/1995 e successive modificazioni ha modificato il sistema di rogazione

Dettagli

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 FEBBRAIO 1997, N. 3

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 FEBBRAIO 1997, N. 3 LEGGE REGIONALE 27 FEBBRAIO 1997, N. 3 Interventi di previdenza e sanità integrativa a sostegno dei fondi pensione e dei fondi sanitari a base territoriale regionale 1 2 3 Art. 1 (Agevolazione al funzionamento

Dettagli

Nota informativa. Nota informativa per i potenziali aderenti (depositata presso la Covip il 17.06.2011)

Nota informativa. Nota informativa per i potenziali aderenti (depositata presso la Covip il 17.06.2011) FONDAPI FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 116 Nota informativa per i potenziali

Dettagli

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o Assonautica Provinciale di Imperia S t a t u t o Art. 1 Denominazione e natura giuridica L Associazione provinciale per la nautica da diporto di Imperia, denominata Assonautica provinciale di Imperia,

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA. Per l Aran Avv. Guido Fantoni, Presidente f.f..

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA. Per l Aran Avv. Guido Fantoni, Presidente f.f.. ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA A seguito del parere favorevole espresso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 7 febbraio

Dettagli

Studi Professionali, Accordo rinnovo CCNL - 1.10.1999-30.09.2003

Studi Professionali, Accordo rinnovo CCNL - 1.10.1999-30.09.2003 Studi Professionali, Accordo rinnovo CCNL - 1.10.1999-30.09.2003 VERBALE DI ACCORDO Il giorno 24 ottobre 2001, presso la sede della FEDERNOTAI in Roma, Via Flaminia 162 Tra Consilp-Confprofessioni rappresentata

Dettagli

Regolamento per l accesso e la gestione

Regolamento per l accesso e la gestione FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE Regolamento per l accesso e la gestione al nuovo canale di finanziamento sperimentale

Dettagli

I FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA

I FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA 66/FOP 13/03/2012 I FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA AMBIENTE - SICUREZZA - QUALITA - FORMAZIONE AMBIENTE - SICUREZZA - QUALITA - FORMAZIONE WISE CONSULTING S.r.l. Via Consorzio n. 21-60015

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F. Ponti

la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F. Ponti ACCORDO SINDACALE AZIENDALE IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER LA DEFINIZIONE DI PROPOSTE DI MODIFICHE STATUTARIE DI ADEGUAMENTO AL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 In Milano, in data

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE

PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE PREVIDENZA COMPLEMENTARE E PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Con queste schede la SLC CGIL si propone di offrire un contributo informativo alle lavoratrici e ai lavoratori per la scelta da effettuare entro il

Dettagli

L Assessore all Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero e i rappresentanti dei seguenti organismi:

L Assessore all Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero e i rappresentanti dei seguenti organismi: AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ACCORDO QUADRO FRA LA REGIONE PIEMONTE E LE PARTI SOCIALI PIEMONTESI DEFINIZIONE DELLE MODALITA GESTIONALI 2014-2015 A SEGUITO DELL EMANAZIONE DEL DECRETO INTERMINISTERIALE

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

VADEMECUM T.F.R. E PENSIONE COMPLEMENTARE

VADEMECUM T.F.R. E PENSIONE COMPLEMENTARE UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE C.S.P. U.I.L. BRESCIA SEGRETERIA PROVINCIALE BRESCIA 26126 BRESCIA VIA VANTINI 20 TELEFONO 030/3753032-294111 TELEFAX 030/2404889 E-MAIL cspbrescia@uil.it VADEMECUM T.F.R.

Dettagli

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi.

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Circolare n.3/2011 Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Il 6 aprile 2011 la Confcommercio insieme alla Fisascat Cisl e la Uiltucs Uil ha sottoscritto

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Nota informativa: Il Programma Ponte Generazionale in Lombardia

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE del COMUNE DI CORATO (Regolamento approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI MARCA DA BOLLO 14,62 [indicare eventuali riferimenti normativi di esenzione dall applicazione del bollo] CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI AI SENSI DELL'ART. 11, COMMI 1,2,3,4,6

Dettagli

Circolare Informativa n 3/2013. Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine

Circolare Informativa n 3/2013. Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine Circolare Informativa n 3/2013 Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) CCNL Turismo: Accordi

Dettagli

Ente Nazionale Bilaterale per la Formazione

Ente Nazionale Bilaterale per la Formazione Ente Nazionale Bilaterale per la Formazione Contatti Indirizzo: Via Casal Bertone, 171-00159 Roma Tel./Fax: 06.83771862 Mobile: 333.7755585 info@enbiform.it - enbiform@pec.it www.enbiform.it COS È UN ENTE

Dettagli

Formazione, Animazione, Ricerca, per la costituzione di un Osservatorio sulla Formazione Continua

Formazione, Animazione, Ricerca, per la costituzione di un Osservatorio sulla Formazione Continua Formazione, Animazione, Ricerca, per la costituzione di un Osservatorio sulla Formazione Continua 1 I FINANZIAMENTI PER LA FORMAZIONE CONTINUA Alessandra Nironi Responsabile Progettazione e Sviluppo Know

Dettagli

L anno duemila..., il giorno del mese di ( xx/xx/xxxx), nella sede del Comune di Lastra a Signa, con la presente scrittura privata a valere ad

L anno duemila..., il giorno del mese di ( xx/xx/xxxx), nella sede del Comune di Lastra a Signa, con la presente scrittura privata a valere ad Allegato A CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLA BANCA DATI DELLE POSIZIONI ASSICURATIVE DEI LAVORATORI ISCRITTI ALLA GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DELL INPS (EX INPDAP) TRA I COMUNI DI CALENZANO,

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI FINALE LIGURE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI FINALE LIGURE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI FINALE LIGURE ALLEGATO SUB A) alla deliberazione di C.C. N. 41 del 20.04.2009

Dettagli

ACCORDO FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI WEBANK S.P.A. IN BANCA POPOLARE DI MILANO SOC. COOP. A R.L. E CONSEGUENTE RIORGANIZZAZIONE.

ACCORDO FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI WEBANK S.P.A. IN BANCA POPOLARE DI MILANO SOC. COOP. A R.L. E CONSEGUENTE RIORGANIZZAZIONE. ACCORDO FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI WEBANK S.P.A. IN BANCA POPOLARE DI MILANO SOC. COOP. A R.L. E CONSEGUENTE RIORGANIZZAZIONE In Milano, il giorno 21 novembre 2014 Tra Banca Popolare di Milano Soc.

Dettagli