Corso di Visual Basic (Parte 9)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Visual Basic (Parte 9)"

Transcript

1 Corso di Visual Basic (Parte 9) di Maurizio Crespi La nona lezione del corso dedicato alla programmazione in Visual Basic si pone lo scopo di illustrare le funzioni definibili dall'utente e il concetto di ricorsione Nella scorsa lezione sono state descritte le subroutine e sono stati evidenziati i benefici che il loro uso dà al programmatore. Questo mese l'argomento sarà ulteriormente approfondito con l'introduzione delle funzioni, ovvero di procedure in grado di restituire un valore senza l'ausilio di una variabile globale o di un parametro passato per riferimento, nonché con la descrizione dell'uso avanzato che è possibile fare di esse. Prima però è opportuno compiere un passo indietro per riportare alla mente i concetti esposti nella precedente puntata del corso. Come sempre, il fine è raggiunto mediante l'illustrazione delle soluzioni degli esercizi in essa proposti. Le soluzioni degli esercizi della scorsa lezione Si tratta di due semplicissimi esercizi, il cui scopo è quello di aiutare il lettore a riconoscere la differenza fra la modalità di passaggio dei parametri per valore e quella per riferimento. Primo esercizio Il primo esercizio prevede la realizzazione di una procedura in grado di restituire il valore assoluto di un numero intero per mezzo di un parametro passato per riferimento. Dai testi scolastici è noto che il valore assoluto di un numero è pari ad esso se è positivo oppure, in caso contrario, al suo opposto. Volendo fare a meno di ricorrere alla funzione Abs prevista dalla libreria standard, è possibile effettuare il calcolo per mezzo di una struttura If. La soluzione dell'esercizio è pertanto la seguente: Sub ValAssoluto(ByVal Numero As Double, ByRef Risultato As Double) If Numero > 0 Then Risultato = Numero Else Risultato = -1 * Numero Si noti che il numero di cui deve essere calcolato il valore assoluto è fornito alla procedura tramite un parametro passato per valore. Si supponga ora di voler eseguire la seguente porzione di codice: r=0 n=45 ValAssoluto n, r MsgBox(Str$(r)) Un eventuale tentativo da parte della routine di modificare il dato fornitole come primo parametro non ha effetto sulla variabile n posta nel blocco di codice chiamante. Diverso è invece il discorso per quanto riguarda la variabile r. Essa, infatti, è passata come parametro per riferimento; la procedura può quindi intervenire direttamente sul suo valore. Ciò permette alla routine di restituire un dato senza far uso di variabili globali.

2 Secondo esercizio Il secondo esercizio richiede la realizzazione di una procedura in grado di richiamare quella appena illustrata per calcolare la somma dei valori assoluti di 3 numeri passati come parametri per valore. La soluzione è banale ed è rappresentata dal codice riportato di seguito: Sub SommaVAssoluti(ByVal n1 As Double, ByVal n2 As Double, ByVal n3 As Double, ByRef Somma As Double) Dim r1 As Double Dim r2 As Double Dim r3 As Double ValAssoluto n1, r1 ValAssoluto n2, r2 ValAssoluto n3, r3 Somma = r1 + r2 + r3 Anche in questo caso, il risultato è restituito al blocco di codice chiamante per mezzo di un parametro passato per riferimento. Le funzioni Un sensibile miglioramento della leggibilità del codice e della comodità d'uso dello strumento di sviluppo deriva dalla possibilità di restituire un valore evitando l'uso di una variabile globale o di un parametro passato per riferimento. Ciò è possibile per mezzo delle funzioni. Il linguaggio prevede una quantità elevatissima di funzioni standard. Ad esempio, per calcolare il valore assoluto di un numero, esiste la funzione Abs, che riceve in ingresso un dato numerico e ne restituisce il modulo. La riga x = Abs(y) fa sì che alla variabile x sia assegnato il valore assoluto del numero contenuto nella variabile y. Come accade per le procedure, è possibile incrementare l'insieme delle funzioni disponibili creandone ad hoc per soddisfare le proprie esigenze. A tal fine è necessario racchiudere le istruzioni in strutture dichiarate per mezzo della parola chiave Function, secondo la sintassi di seguito riportata: [Public Private] Function <nome> [(<definizione_parametro_1>,... <definizione_parametro_n>)] As <tipo> [<dichiarazione_variabili_locali>] <istruzione_1>... <istruzione_n> <nome>=<valore> Com'è possibile notare, l'analogia con le procedure è notevole. A differenza di esse, è necessario indicare un tipo di dati standard al termine della riga di dichiarazione. Esso identifica il formato in cui deve essere restituito il risultato. È inoltre necessario fare in modo che all'interno del blocco di codice sia presente una riga che preveda l'assegnamento di un valore a una variabile avente lo stesso nome della funzione. Tale dato è quello restituito al blocco chiamante.

3 Si supponga di voler realizzare una semplice funzione in grado di moltiplicare un numero intero per 4. Il codice necessario è il seguente: Function Quadruplo(Numero As Integer) Quadruplo = Numero * 4 Il valore assunto dal parametro Numero è moltiplicato per 4 e restituito dalla funzione. È possibile utilizzare la struttura appena creata in un'istruzione di assegnamento scrivendo il suo nome seguito dai parametri posti fra parentesi tonde, come nell'esempio che segue, in cui il risultato della valutazione della funzione Quadruplo è assegnato alla variabile x. x = Quadruplo(y) Lo stesso scopo può essere ottenuto anche per mezzo di una procedura dotata di un parametro passato per riferimento. In questo caso il codice è il seguente: Sub Quadruplo(Numero As Integer, Risultato As Integer) Risultato = Numero * 4 In questo caso, volendo assegnare alla variabile x il risultato, è necessario scrivere: Quadruplo(y,x) Pur essendo le due soluzioni del tutto equivalenti, appare evidente la maggiore semplicità della prima. Si noti che una funzione può restituire un solo valore. Qualora si presentasse la necessità di fornire al blocco chiamante più di un'informazione, è necessario ricorrere ai parametri passati per riferimento. Esercizio Si provi a realizzare una funzione in grado di ricevere come parametro una stringa alfanumerica e restituire il valore logico True se essa contiene il nome di un giorno della settimana. La ricorsione Si supponga di voler realizzare una funzione in grado di calcolare il fattoriale di un numero intero. Ricordando che il fattoriale è definito solo per valori numerici positivi o nulli (in quest'ultimo caso giova ricordare che il fattoriale di 0 è 1), è possibile prevedere la seguente implementazione: Function Fattoriale(ByVal n As Integer) As Long Dim i As Integer Dim Risultato As Long If n >= 0 Then Risultato = 1 For i = 2 To n Risultato = Risultato * i Next i Else

4 Risultato = 0 Fattoriale = Risultato Si tratta di una funzione in grado di ricevere come parametro (per valore) un dato di tipo numerico intero e di restituire un long. L'algoritmo prevede dapprima la verifica che il numero oggetto di elaborazione sia positivo o nullo; successivamente, esegue un ciclo che provvede ad effettuare la serie di moltiplicazioni necessaria per il calcolo del risultato. Tale valore è infine assegnato alla funzione per fare in modo che essa lo restituisca. Si noti che se il dato fornito in ingresso è negativo, la funzione restituisce il valore 0. Ciò è accettabile, non essendo possibile che il fattoriale di un numero sia nullo; si tratta quindi di un valido indicatore della presenza di un errore. L'algoritmo appena descritto non è l'unico in grado di effettuare il calcolo del fattoriale di un numero. Ad esempio, è possibile scrivere la seguente implementazione: Function Fattoriale(ByVal n As Integer) As Long If n >= 0 Then If n = 0 Then Fattoriale = 1 Else Fattoriale = n * Fattoriale(n - 1) Il numero delle righe di codice si è ridotto, a vantaggio della leggibilità. Tuttavia, a prima vista il lettore può rimanere sconcertato dall'uso della funzione Fattoriale all'interno della propria definizione. Ciò può apparire come un errore. In realtà, tale tecnica è perfettamente lecita e prende il nome di ricorsione. Per rendersi conto del corretto funzionamento, si provi ad osservare ciò che avviene calcolando il fattoriale di un numero qualsiasi, ad esempio 3. Essendo n pari a 3, la funzione esegue il calcolo Fattoriale(3)=3*Fattoriale(2) Ma, analogamente Fattoriale(2)=2*Fattoriale(1) e Fattoriale(1)=1*Fattoriale(0) Per mezzo di una struttura If, è distinto il caso in cui n è nullo. In questa condizione la funzione restituisce il valore 1. Quindi, Fattoriale(3)=3*(2*(1*(1)))

5 Ciò concorda con la definizione matematica del fattoriale. L'uso della ricorsione permette in alcuni casi di semplificare notevolmente la scrittura di una funzione e di migliorarne al tempo stesso la leggibilità. Tuttavia, presenta numerose insidie. Si provi a valutare il risultato prodotto dalla riga Calcola(7) dove la funzione Calcola è definita come segue: Function Calcola(n As Integer) As Integer Calcola = n + Calcola(n - 1) Il risultato è costituito da un errore di sistema. Infatti, non essendo prevista alcuna condizione di uscita, ovvero non esistendo un valore del parametro per cui è restituito un risultato non dipendente da una successiva chiamata della funzione, si genera una successione di invocazioni di quest'ultima destinata a non avere fine, almeno sino all'esaurimento dello spazio di memoria dedicato allo stack del sistema. Appare quindi evidente una condizione fondamentale che deve essere soddisfatta da tutte le funzioni ricorsive: deve sempre essere prevista una condizione di uscita. È bene tuttavia non abusare della ricorsione. Infatti, sebbene in alcuni casi semplifichi notevolmente il compito del programmatore, talvolta può comportare un sensibile aumento della richiesta di risorse da parte del sistema, data la necessità che esso ha di mantenere contemporaneamente attive più istanze della stessa funzione. Esercizio Si provi a realizzare una funzione che, dato un parametro n intero positivo passato per valore, sia in grado di restituire la somma dei primi n numeri naturali. A tal fine si faccia uso della ricorsione. La procedura Main Lo studio delle subroutine termina con una procedura un po' particolare, la cui importanza è tutt'altro che trascurabile. Si tratta della procedura Main. Un'applicazione realizzata in Visual Basic è generalmente dotata di un'interfaccia utente grafica, in cui l'interazione con gli elementi attivi determina il flusso del programma. Tuttavia, in alcuni casi, soprattutto per la realizzazione di semplici utility in grado di operare in modo invisibile all'utente, è necessario sopprimere l'interfaccia grafica. Quando ciò avviene, il progetto risulta privo di form. Il codice deve pertanto essere posto altrove, ovvero all'interno di moduli. Affinché una sequenza di istruzioni sia eseguita all'avvio di un'applicazione è necessario inserirla all'interno di una procedura denominata Main. Occorre inoltre selezionare tale routine come oggetto di avvio nella finestra delle proprietà del progetto in luogo di un form. Una semplice procedura Main è la seguente: Sub Main() If Date$ = " " Then MsgBox "Buon Natale" Si tratta di una piccola applicazione che può essere eseguita automaticamente all'avvio di Windows e che normalmente non fornisce alcun feedback all'utente. Solo il giorno di

6 Natale del 1998 essa ha un effetto visibile, in quanto provvede a visualizzare un messaggio di auguri. Si noti l'uso della funzione standard Date$ che restituisce una stringa contenente la data corrente. Il ricorso alla procedura Main non è tuttavia riservato solo alle applicazioni prive di form. A volte può essere utile fare in modo che un programma all'avvio sia in grado di valutare una condizione e in base ad essa scegliere fra i form che lo compongono quello che deve essere visualizzato. Si supponga di disporre di una funzione denominata SelezionaForm, di cui saranno trascurati i dettagli implementativi, in grado di leggere il registro di sistema per determinare la lingua utilizzata dalla versione in uso del sistema operativo e di restituire una stringa contenente una delle seguenti sequenze alfanumeriche: "Italiano", "Inglese", "Tedesco", "Francese". Si supponga altresì di aver realizzato un progetto caratterizzato dalla presenza di 4 form, differenti fra loro per la lingua in cui sono scritte le etichette che identificano i controlli e di aver dato ad essi rispettivamente i nomi Ita, Ing, Ted, Fra. È allora possibile scrivere una procedura Main in grado di avviare il form corrispondente alla lingua presente nel sistema. Il codice è il seguente: Sub Main() Select Case SelezionaForm() Case "Italiano": Ita.Show vbmodal Case "Inglese": Ing.Show vbmodal Case "Tedesco": Ted.Show vbmodal Case "Francese" Fra.Show vbmodal End Select Si notino alcune particolarità; la funzione SelezionaForm, ad esempio, non prevede parametri. Affinché sia utilizzabile correttamente, è comunque necessario richiamarla specificando le parentesi, sebbene fra esse non sia posto alcun dato o nome di variabile. Si noti inoltre l'uso del metodo Show, che permette di avviare il caricamento e la successiva visualizzazione di un form. L'uso della costante predefinita vbmodal accanto ad esso stabilisce che la procedura in fase di esecuzione non può passare all'istruzione successiva finché il form risulta visibile. Solo dopo la sua chiusura il flusso delle istruzioni può riprendere e, non essendo presente altro codice, il programma può terminare. Conclusioni Le procedure e le funzioni sono strumenti estremamente efficaci, in grado di fornire un notevole aiuto al programmatore. I moderni linguaggi di programmazione orientati agli eventi, come Visual Basic, si fondano in modo pressoché totale sulla presenza di tali strutture. L'acquisizione della necessaria dimestichezza nel loro uso diventa pertanto un obbligo per colui che desidera sfruttare al meglio le potenzialità dello strumento. Per questo motivo, ancora una volta la lezione si chiude rivolgendo al lettore un invito ad esercitarsi sugli argomenti trattati, servendosi a tal fine anche degli esercizi proposti.

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte I)

Corso di Visual Basic (Parte I) Corso di Visual Basic (Parte I) Come muovere i primi passi con Microsoft Visual Basic, lo strumento da molti considerato ideale per la realizzazione di applicazioni di piccola e media entità in ambiente

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali M.U.T. Modulo Unico Telematico Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali Data Redazione Documento 28/02/2011 Data Pubblicazione Documento Versione 2.1.0 Responsabile CNCE Giuseppe

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Matematica in laboratorio

Matematica in laboratorio Unità 1 Attività guidate Attività 1 Foglio elettronico Divisibilità tra numeri naturali Costruisci un foglio di lavoro per determinare se a è divisibile per b, essendo a e b due numeri naturali, con a

Dettagli

IL LINGUAGGIO Visual Basic

IL LINGUAGGIO Visual Basic Caratteristiche del linguaggio VB Linguaggio basato sugli eventi IL LINGUAGGI Visual Basic I programmi non sono procedurali, poiche non seguono una sequenza operativa. gni programma si basa infatti su

Dettagli

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FROM C TO Visual Basic DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FEDERICO GIUNTOLI Microsoft Visual Basic Questo capitolo ha lo scopo

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

GUIDA BASE DI PASCAL

GUIDA BASE DI PASCAL 1 GUIDA BASE DI PASCAL Un algoritmo, nel suo significato più ampio, è sequenza logica di istruzioni elementari (univocamente interpretabili) che, eseguite in un ordine stabilito, permettono la soluzione

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Un programma il linguaggio C (listato) viene scritto in formato testo ed archiviato in un file: *.c Per scrivere un listato C si utilizza

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 PAG. 1 / 6 LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 T-SQL PROGRAMMAZIONE PARTE SECONDA ROUTINE E PROGRAMMAZIONE In TSQL è possibile definire alcune routine

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti Variabili

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it Excel A cura di Luigi Labonia e-mail: luigi.lab@libero.it Introduzione Un foglio elettronico è un applicazione comunemente usata per bilanci, previsioni ed altri compiti tipici del campo amministrativo

Dettagli

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic LIBRERIA WEB 6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic PROGETTO Il centro sportivo Olympic organizza corsi di tipo diverso: nuoto, danza, karate, ecc. Ogni corso ha un unico istruttore prevalente,

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

Gli algoritmi: definizioni e proprietà

Gli algoritmi: definizioni e proprietà Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Gli algoritmi: definizioni e proprietà La presente dispensa e da

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi:

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi: JAVASCRIPT Introduzione Con l HTML siamo in grado di realizzare pagine web statiche. Con il linguaggio Javascript, invece, possiamo interagire modificando il contenuto della pagina. Il linguaggio javascript

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro Lezione II: Web server e ambiente di lavoro In questa lezione, in laboratorio, si mostrerà quali sono i passi necessari per creare ed eseguire una pagina ASP. Brevemente, verrà fatto anche vedere, come

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1 Lezione di Visual Basic Prof.ssa Paola Goi 1 VISUAL BASIC E un ambiente di programmazione che permette una programmazione: VISUALE AD EVENTI Per creare programmi applicativi nel sistema operativo Windows.

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente.

Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente. Ricorsione Funzioni ricorsive Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente. Un esempio di funzione ricorsiva

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

ASP 3.0 Il Sito Dinamico

ASP 3.0 Il Sito Dinamico www.idstudio.it ASP 3.0 Il Sito Dinamico di Lorenzo Garassino Introduzione e scopo del libro 1. Scenario 1.1. Il panorama 1.2. Sito Statico o Dinamico? 1.3. Prospettive 2. Cos è ASP 2.1. Descrizione 2.2.

Dettagli

Marco Faella Il paradigma Model-View-Controller. Il pattern Strategy.

Marco Faella Il paradigma Model-View-Controller. Il pattern Strategy. Marco Faella Il paradigma Model-View-Controller. Il pattern Strategy. 10 Lezione n. Parole chiave: Java Corso di Laurea: Informatica Insegnamento: Linguaggi di Programmazione II Email Docente: faella.didattica@gmail.com

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni La volta scorsa Abbiamo avuto un primo assaggio! Abbiamo visto come usare l editor per scrivere un programma Java. Abbiamo analizzato riga per

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

per le decisioni economiche e

per le decisioni economiche e Elaborazione automatica dei dati per le decisioni economiche e finanziarie VBA-MODULO 1 Introduzione al Visual Basic for Applications Università di Foggia Facoltà di Economia Prof. Crescenzio Gallo c.gallo@unifg.it

Dettagli

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008 Se devo memorizzare più valori che sono in qualche modo parenti dal punto di vista logico, posso usare il concetto di vettore di variabili (array). Ad esempio, se devo memorizzare le temperature di tutti

Dettagli

Monitoraggio fornitori

Monitoraggio fornitori Laboratorio 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione svolta di laboratorio n. 2 Monitoraggio fornitori Roberto Bandinelli Riccardo Mazzoni Il caso In I.M.C. s.p.a. sono in corso un attenta analisi e valutazione

Dettagli

Manuale dell'utente di Crystal Reports. Installazione di Crystal Reports XI R2

Manuale dell'utente di Crystal Reports. Installazione di Crystal Reports XI R2 Manuale dell'utente di Crystal Reports Installazione di Crystal Reports XI R2 Installazione di Crystal Reports XI R2 Installazione di Crystal Reports XI R2 L Installazione guidata di Crystal Reports funziona

Dettagli

Visual Basic.NET La Gestione degli Errori di Federico BARBATI

Visual Basic.NET La Gestione degli Errori di Federico BARBATI Generalità Visual Basic.NET La Gestione degli Errori di Federico BARBATI La gestione degli errori, è una parte fondamentale di un codice ben progettato. Fino ad oggi, gli errori nelle applicazioni scritte

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti I

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 10 Correttezza A. Miola Novembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Correttezza 1 Contenuti Introduzione alla correttezza

Dettagli

SMS IN. Rules SMS IN. Rules. Geodrop. Geodrop

SMS IN. Rules SMS IN. Rules. Geodrop. Geodrop SMS IN Rules SMS IN Rules } Geodrop Geodrop SMS In 2.3 Regole per la manipolazione dei messaggi Guida alla scrittura di condizioni complesse Guida alle condizioni complesse v1.0-it, 7 Dicembre 2012 Indice

Dettagli

INFORMATICA 1 L. Mezzalira

INFORMATICA 1 L. Mezzalira INFORMATICA 1 L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software del modello

Dettagli

Software per la Rilevazione delle deleghe sindacali. Manuale d uso anno 2010

Software per la Rilevazione delle deleghe sindacali. Manuale d uso anno 2010 Software per la Rilevazione delle deleghe sindacali Settore Farmacie Manuale d uso anno 2010 1 PREMESSA Il documento di seguito presentato descrive le caratteristiche ed il funzionamento del software per

Dettagli

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema.

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema. Allocazione della memoria In C++ è possibile creare (allocare) variabili in maniera statica o dinamica. Nell allocazione statica una variabile esiste ed è utilizzabile dal momento della sua dichiarazione

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

ACCESSO AL REGISTRO DI SISTEMA: LETTURA DEL NOME DEL COMPUTER.

ACCESSO AL REGISTRO DI SISTEMA: LETTURA DEL NOME DEL COMPUTER. Tutorial [Access] Michele de Nittis ACCESSO AL REGISTRO DI SISTEMA: LETTURA DEL NOME DEL COMPUTER. Versione: 1 Data Versione: domenica 12 dicembre 2004 1 Introduzione Questo tutorial nasce per un esigenza

Dettagli

Access INTRODUZIONE. Cos'è un Database? Probabilmente il modo migliore per spiegarlo è attraverso un esempio: una rubrica telefonica.

Access INTRODUZIONE. Cos'è un Database? Probabilmente il modo migliore per spiegarlo è attraverso un esempio: una rubrica telefonica. Access INTRODUZIONE Cos'è un Database? Probabilmente il modo migliore per spiegarlo è attraverso un esempio: una rubrica telefonica. Nome Indirizzo Città CAP PR Tel ITIS Amedeo Avogadro c. San Maurizio,

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno UD 3.1b: Costrutti di un Algoritmo Dispense 1.2 I Costrutti di base 13 apr 2010

Dettagli

CREAZIONE DI UN DB RELAZIONALE IN ACCESS

CREAZIONE DI UN DB RELAZIONALE IN ACCESS CONTENUTI: CREAZIONE DI UN DB RELAZIONALE IN ACCESS Definizione della chiave primaria di una tabella Creazione di relazioni fra tabelle Uso del generatore automatico di Query A) Apertura del DB e creazione

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Manuale programmazione ISO

Manuale programmazione ISO DOCUMENTAZIONE PER L UTENTE Manuale programmazione ISO SIDAC S.r.L 21017 Samarate (Varese) Via Acquedotto, 111 E_Mail info@sidaccnc.it Tel. 0331.22.30.19 r.a. Fax. 0331.22.30.78 1 Ver. 1.0 - Aggiornamento

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Industriale. Matlab/Octave - Esercitazione 3

Facoltà di Ingegneria Industriale. Matlab/Octave - Esercitazione 3 Facoltà di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica, Meccanica e dei Trasporti Matlab/Octave - Esercitazione 3 funzioni definizione ed invocazione delle funzioni semantica dell invocazione

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Visual Basic Visual Basic Linguaggio di programmazione

Dettagli

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database.

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database. 1 di 13 22/04/2012 250 Supporto / Access / Guida e procedure di Access 2007 / Tabelle Guida alle relazioni tra tabelle Si applica a: Microsoft Office Access 2007 Uno degli obiettivi di una buona strutturazione

Dettagli

Compito di Tecnologie Informatiche Classe 1F 31/10/2013

Compito di Tecnologie Informatiche Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 31/10/2013 Classe 1F 28/11/2013 1- Associa ad

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Tibet4DExt. Manuale Utente. Un Plug-in 4 th Dimension per accedere agli archivi di Tibet in linea. (Versione 1.7.x)

Tibet4DExt. Manuale Utente. Un Plug-in 4 th Dimension per accedere agli archivi di Tibet in linea. (Versione 1.7.x) Tibet4DExt Un Plug-in 4 th Dimension per accedere agli archivi di Tibet in linea (Versione 1.7.x) Manuale Utente Capitolo 1, Informazioni Generali Informazioni generali su Tibet4DExt Il plug-in Tibet4DExt

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

PHP e MySQL. Guida scaricata da www.webstyling.it

PHP e MySQL. Guida scaricata da www.webstyling.it Home -> Manuali & Tutorials -> Guida PHP PHP e MySQL E' possibile realizzare delle applicazioni in php appoggiandosi ad un database, quale ad esempio MySQL. Con le novità introdotte ai tempi di MySQL 4.1

Dettagli

Realizzare semplici applicazioni windows

Realizzare semplici applicazioni windows ITIS Mattei - Prof. Luca Tessore Laboratorio in pillole: VisualBasic Realizzare semplici applicazioni windows Prerequisiti: Matematica: operazioni di base e calcolo letterale. Informatica: saper gestire

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

Corso di controllo numerico (Cnc iso)

Corso di controllo numerico (Cnc iso) Corso di controllo numerico (Cnc iso) A cura di Ferrarese Adolfo. - Copyright 2007 - Ferrarese Adolfo - Tutti i diritti riservati - 1 Prefazione: Il corso si articola in 8 sezioni: 7 lezioni più un'ampia

Dettagli

Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA

Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA A tutti i soggetti che intraprendono un attività rilevante ai fini Iva (impresa, arte, professione), al momento della presentazione della dichiarazione

Dettagli

Protocollo di trasmissione Trova il Tuo Farmaco. Indice. Versione documento: 1.4 Data: 29/06/2011

Protocollo di trasmissione Trova il Tuo Farmaco. Indice. Versione documento: 1.4 Data: 29/06/2011 Protocollo di trasmissione Trova il Tuo Farmaco Versione documento: 1.4 Data: 29/06/2011 Indice Protocollo di trasmissione Trova il Tuo Farmaco...1 Requisiti...2 Finalità...2 Software...2 Documentazione...2

Dettagli

Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli

Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli Prerequisiti Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli L opzione Varianti articolo è disponibile per le versioni Azienda Light e Azienda Pro e include tre funzionalità distinte: 1. Gestione

Dettagli

Struttura di un programma Java

Struttura di un programma Java Struttura di un programma Java Un programma in Java è un insieme di dichiarazioni di classi. Una classe non può contenere direttamente delle istruzioni, ma può contenere la dichiarazione di metodi, che

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE LA GESTIONE DEI FILE DI TESTO IN C++

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE LA GESTIONE DEI FILE DI TESTO IN C++ ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G A L I L E O F E R R A R I S DIISPENSA DII IINFORMATIICA E SIISTEMII AUTOMATIICII LA GESTIONE DEI FILE DI TESTO IN C++ Le classi per la gestione dei file. Il C++ è

Dettagli

Applicazioni grafiche

Applicazioni grafiche Applicazioni grafiche I grafici all interno di un form sono realizzati attraverso gli oggetti del namespace System.Drawing. Graphics. Il namespace è incluso automaticamente nel progetto, quindi non è necessaria

Dettagli

Excel: macro e VBA. Alessandra Salvaggio

Excel: macro e VBA. Alessandra Salvaggio Excel: macro e VBA Alessandra Salvaggio Autore: Alessandra Salvaggio Collana: Progetto editoriale: Fabrizio Comolli Progetto grafico: escom - Milano Prima edizione ISBN: 88-8233-482-1 Copyright 2005 Edizioni

Dettagli

Leica Application Suite

Leica Application Suite Leica Application Suite Macro Editor e Macro Runner Personalizzato e automatizzato A scelta, le istruzioni possono essere messe in attesa nel caso in cui la routine viene eseguita per interagire con le

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 8

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 8 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 8 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti Algoritmi:

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione al VBScript

Corso basi di dati Introduzione al VBScript Corso basi di dati Introduzione al VBScript Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre IL VBScript In Microsoft Visual Basic Scripting Edition, il linguaggio di programmazione

Dettagli

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Java:Struttura di Programma Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Altre Attenzioni da riservare Java è Case Sensitive: La variabile «a» e la variabile «A» sono diverse Java ha alcune regole di scrittura: I nomi delle

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

A.A. 2003-2004. Alessandro Lubisco. Indice

A.A. 2003-2004. Alessandro Lubisco. Indice Laboratorio di indagini campionarie A.A. 2003-2004 Visual Basic for Application in Access 2000 Alessandro Lubisco Indice Definizioni...5 Istruzione...5 Variabile...5 Espressione...5 Espressione numerica...5

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

Tricks & Tips. [Access] Tutorial - ActiveX - Controllo Tree View. - Michele de Nittis - Versione: 1 Data Versione: venerdì 30 agosto 2002

Tricks & Tips. [Access] Tutorial - ActiveX - Controllo Tree View. - Michele de Nittis - Versione: 1 Data Versione: venerdì 30 agosto 2002 Tricks & Tips [Access] - Michele de Nittis - Tutorial - ActiveX - Controllo Tree View Versione: 1 Data Versione: venerdì 30 agosto 2002 1 SOMMARIO PREMESSA...3 INSERIMENTO DEL CONTROLLO...3 AGGIUNTA DELLE

Dettagli

Piccola guida a VBA per Word

Piccola guida a VBA per Word Piccola guida a VBA per Word La differenza tra VBA (Visual Basic for Applications) e VB6 (Visual Basic versione 6) Il modello di un documento Word Il progetto di un documento Word Come creare un nuovo

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ E necessario chiarire inizialmente alcuni concetti. La compilazione Il dispositivo del computer addetto all esecuzione dei programmi è la CPU La CPU

Dettagli

Vantaggi dell'utilizzo dei database

Vantaggi dell'utilizzo dei database Vantaggi dell'utilizzo dei database Access consente di sfruttare appieno il valore dei propri dati. Un database è molto di più di un semplice elenco o tabella. Offre la possibilità di gestire appieno i

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

Manuale dell'utente di Crystal Reports. Installazione di Crystal Reports XI

Manuale dell'utente di Crystal Reports. Installazione di Crystal Reports XI Manuale dell'utente di Crystal Reports Installazione di Crystal Reports XI Installazione di Crystal Reports XI Installazione di Crystal Reports XI L Installazione guidata di Crystal Reports funziona in

Dettagli

La selezione binaria

La selezione binaria Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione L esecuzione di tutte le istruzioni in sequenza può non è sufficiente per

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli