DAL DIAGRAMMA AL CODICE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL DIAGRAMMA AL CODICE"

Transcript

1 DAL DIAGRAMMA AL CODICE

2 Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza in cui i blocchi devono essere eseguiti

3 Un diagramma di flusso Esistono 4 tipi di blocchi. Istruzioni di inizio fine Operazioni di lettura (input) o scrittura(output) Operazioni o assegnazioni Strutture di controllo

4 Istruzioni di inizio e fine

5 Operazioni di lettura (input) o scrittura(output)

6 Operazioni o assegnazioni calcola A+5

7 Strutture di controllo Selezione o alternativa Iterazione o ripetizione

8 Programma = algoritmo + dati La struttura del programma consiste in: -Una parte in cui si dichiarano tutte le variabili del programma e il loro tipo; -Una parte contenente le istruzioni che descrivono l algoritmo risolutivo utilizzato.

9 Istruzioni Le istruzioni si suddividono in: Istruzioni di Input (lettura) Istruzioni di Output (scrittura) Istruzioni di Assegnazione Istruzioni di controllo

10 Input sta a Text Box... In Visul basic le istruzioni di input vengono effettuate tramite alcuni oggetti: TEXT BOX COMBO BOX INPUT BOX

11 Input in Visual Basic Le istruzioni tipiche di input in visual basic sono: variabile=txtnome.text variabile=combo variabile=inputbox( testo di input )

12 ...come output sta a label In Visul basic le istruzioni di output vengono effettuate tramite alcuni oggetti: Label MsgBox Print

13 Output in Visual Basic Le istruzioni tipiche di output in visual basic sono: lblnome.caption= altro testo & variabile & altro testo MsgBox( messaggio da visualizzare ) Print variabile

14 Convertire Occorre ricordare che gli oggetti del visual basic utilizzati per gli input lavorano con le stringhe e quindi occorre convertire da stringhe in valori numerici se si hanno delle variabili di tipo numerico. Abbiamo alcune funzione predefinite per far questo: Cint(da stringa a integer) Cdbl(da stringa a double)

15 Convertire Nel caso del output,visto che nel visul basic gli oggetti atti a tale scopo lavorano su stringhe,occorre convertire i valori numerici in alfanumerici. Abbiamo una funzione predefinita per fa questo CStr(da numerico a stringa)

16 Convertire:esempi Input(da stringa in numerico) output (da numerico a stringa) variabile=cint (txtnome.text) variabile=cdbl (combo) variabile=cint(inputbox( testo opzionale )) lblnome.caption= altro testo &CStr(variabile) & altro testo MsgBox=

17 Istruzioni di assegnazione spesso compaiono espressioni, cioè formule o regole di calcolo che specificano sempre un valore o risultato: sconto=(valoreiniziale*10)/100 prezzofinale=valoreiniziale-sconto delta = b ^ 2-4 * a * c x1 = -b - Sqr(delta) / 2 * a NB: Sqr(X) è una funzione predefinita che restituisce la radice quadra di X

18 Problematica sul controllo Le strutture di controllo permettono di definire il percorso (flusso) di ogni istruzione all'interno di un programma; La programmazione strutturata propone tre schemi: Sequenza Selezione Iterazione

19 Risultato fondamentale TEOREMA (Böhm-Jacopini) : Dato un programma, ne esiste uno equivalente che utilizza esclusivamente le tre strutture di controllo fondamentali: sequenza, selezione e iterazione.

20 La sequenza La sequenza è il più semplice dei tre costrutti fondamentali e viene utilizzato quando le istruzioni devono essere eseguite ordinatamente, con lo stesso ordine con cui sono scritte, per cui l istruzione successiva è quella in posizione successiva. E spesso indicata col termine blocco.

21 Selezione o alternativa La selezione o alternativa permette di effettuare una scelta fra due possibili alternative. Per effettuare la scelta occorre valutare una condizione. Possiamo distinguere cinque tipi di alternative: a una via a due vie a cascata annidata Multipla

22 Alternativa a una via In Visual Basic IF condizione THEN istruzione END IF

23 Alternativa a due vie In Visual Basic IF condizione THEN istruzione1 ELSE istruzione2 END IF

24 Selezione in cascata In Visual basic: IF condizione1 THEN istruzione1 ELSE istruzione2 END IF IF condizione2 THEN istruzione4 ELSE istruzione3 END IF

25 Selezione annidata In Visual Basic IF condizione1then IF condizione2 THEN istruzione1 ELSE istruzione2 END IF ELSE istruzione3 END IF

26 Selezione annidata2 In Visual Basic IF condizione1then IF condizione2 THEN istruzione1 ELSE istruzione2 END IF ELSE istruzione3 END IF

27 Selezione multipla In Visual Basic SELECT CASE scelta CASE 1 istruzione1 CASE 2 istruzione2 CASE ELSE istruzione3 END SELECT

28 Selezione multipla: esempi Alcune istruzioni possibili in Visual basic possono essere: Case lunedi per indicare un singolo valore Case 2,4,7 per indicare più valori Case 2 to 7 per indicare i valori compresi in un certo intervallo N.B: la variabile scelta può essere sia di tipo numerico che alfanumerico

29 esempio sulla selezione multipla creare un agenda settimanale INIZIO leggi giorno lun mesg vai in 3a giorno mar dom mer mesg vai in 5a mesg g.libero mesg g.festivo case else mesg non hai digitato un giorno della settimana! scrivi mesg

30 Operatori di relazione < <= > >= <> = minore di minore o uguale di maggiore di maggiore o uguale di Diverso uguale

31 Esercizio 1 : Calcolo del massimo tra due numeri Codice: ' input x=cint(txtx.text) y=cint(txty.text) 'blocco selezione a 2 vie if x>y then else massimo=x massimo=y end if 'output lblrisultato.caption=cstr(massimo)

32 Esercizio 2: nel seguente algoritmo dire per quali condizioni è eseguita l istruzione c? e l istruzione b? e l istruzione a? falso vero condizione1 Istruzione c falso condizione2 vero Istruzione b Istruzione a

33 Esercizio 3: nel seguente algoritmo dire per quali condizioni è eseguita l istruzione c? e l istruzione b? e l istruzione a? falso condizione1 vero falso condizione2 vero falso condizione2 vero Istruzione d Istruzione c Istruzione b Istruzione a

34 Esercizio 4: il segmento di programma riportato sotto presenta delle istruzioni inutili: if a=0 then lblmessaggio.caption= valore nullo else if a<>0 then lblmessaggio.caption= valore diverso da zero end if end if scritta in questo modo che tipo di struttura è?

35 Esercizio 5: compare nella label lblmessaggio dopo l esecuzione delle seguenti istruzioni: A=5 B=3 if A>B then C=A-B else C=B-A end if lblmessaggio.caption=c A=2 B=7 if A>B then C=A-B else C=B-A end if lblmessaggio.caption=c

36 Eserizio6: Su una certa somma di denaro viene applicata un imposta in base al seguente schema: Somma < 5000 imposta =5% Somma compresa tra 5000 e imposta = 10% Somma >10000 imposta =15% Calcolare la somma finale

37 Eserizio6: Diagramma a blocchi

38 ' input somma=cdbl(txtsomma.text) 'blocco selezione multipla Select case somma Eserizio6: Codice case 0 to 5000 somma=somma+(somma*5)/100 case 5000 to somma=somma+(somma*10)/100 case is >10000 somma=somma+(somma*15)/100 case else somma=0 End select 'output lblrisultato.caption=cstr(somma)

39 Iterazione o Ripetizione I costrutti di iterazione detti anche di ripetizione o cicli, consentono di eseguire molte volte la stessa istruzione fino al verificarsi di una condizione. Due tipi: Condizionale: la ripetizione viene decisa in base al risultato di un test, da effettuarsi ad ogni iterazione: ripeti Istruzione finchè succede una certa cosa; mentre succede una certa cosa esegui Istruzione; Il test può essere fatto all inizio o alla fine. Enumerativa: ripetizione di un azione per un numero di volte determinato (o determinabile) all inizio dell esecuzione dell istruzione ripeti tot volte Sono equivalenti ma appropriati in situazioni diverse!

40 Ripetizione postcondizionale In Visual Basic Do istruzione Loop Until condizione Che equivale a: 1 Si esegue l istruzione 2 Viene valuta la condizione se il valore è FALSO si torna al passo 1 3 Se il valore è VERO si esce dal ciclo

41 Postcondizionale Con una ripetizione postcondizionale, se la condizione è inizialmente vera, il blocco di istruzioni verrà comunque eseguita almeno una volta. Per essere sicuri che il ciclo termini, esso dovrà contenere qualche istruzione che modifichi il valore di verità dell espressione.

42 Ripetizione precondizionale In Visual Basic Do While condizione istruzione Loop Che equivale a: 1 Valuta la condizione 2 Se il valore è VERO si esegue l istruzione e si torna al passo 1 3 Se il valore è FALSO si esce dal ciclo

43 Precondizionale Se la condizione è inizialmente falsa, l istruzione del ciclo non viene mai eseguita. Quindi un istruzione con una ripetizione precondizionale può: essere eseguito più volte non essere mai eseguito Attenzione: L istruzione interna ad una ripetizione precondizionale deve alla fine rendere falsa la condizione perchè il ciclo si fermi, altrimenti si va avanti all infinito (loop)

44 Ripetizione enumerativa In certi casi si conosce a priori il numero delle iterazioni che devono essere eseguite Esiste una struttura di ripetizione che funziona esattamente in questo modo: utilizza una variabile contatore che viene inizializzata ad un valore particolare e successivamente incrementata fino ad un valore massimo. Per ogni valore che il contatore assume viene ripetuta l esecuzione di un blocco di istruzioni.

45 Ripetizione enumerativa In Visual Basic FOR c<=max TO max STEP salto istruzione Next c Che equivale a: 1 Inizializza il contatore al valore min; 2 Se condizione è FALSA esci, altrimenti vai alla 3; 3 Esegui l istruzione 4 Incrementa contatore del valore salto 5 vai alla 2

46 Esempi

47 Esempio 1: Calcolo dell area di un rettangolo Tabella delle variabili Nome Descrizione Tipo Utilizzo base Base del rettangolo numerico Input altezza Altezza del rettangolo numerico Input area Area del rettangolo numerico Output

48 Esempio 1: Calcolo dell area di un rettangolo Interfaccia grafica Diagramma a blocchi

49 Esempio 1: Calcolo dell area di un rettangolo In Visual basic 'dichiarazione variabili dim base as integer dim altezza as integer dim area as double Private Sub btcalcola_click() 'input con text box base=cint(txtbase.text) altezza=cint(txtaltezza.text) 'blocco istruzioni area=base*altezza 'output con label lblarea.caption= Area = & CStr(area) End Sub Diagramma a blocchi

50 Esempio 2: Calcolo della media di tre numeri interi Tabella delle variabili Nome Descrizione Tipo Utilizzo a Primo numero numerico Input b Secondo numero numerico Input c Terzo numero numerico Input somma media Somma dei numeri a,b e c Media dei numeri a,b e c numerico numerico Lavoro Output

51 Esempio 2: Calcolo della media di tre numeri Interfaccia grafica Diagramma a blocchi

52 Esempio 2: Calcolo della media di tre numeri In Visual Basic 'dichiarazione variabili dim a as integer dim b as integer dim c as integer dim somma as integer dim media as double Private Sub btcalcola_click() 'input con text box a=cint(txta.text) b=cint(txtb.text) c=cint(txtc.text) 'blocco istruzioni somma=a+b+c media=somma/3 'output con label lblmedia.caption= Media = & CStr(media) End Sub Diagramma a blocchi

53 Esempio 3: Dato il nome e l anno di nascita di una persona, calcolarne l età Tabella delle variabili Nome Descrizione Tipo Utilizzo nome a_nascita a-attuale Nome della persona Anno di nascita della persona Anno attuale alfanumerico numerico numerico Input Input Input età Età della persona numerico Output

54 Esempio 3: Calcolo eta di una persona Interfaccia grafica Diagramma a blocchi

55 Esempio 3: Calcolo eta di una persona In Visual Basic 'dichiarazione variabili dim nome as string dim anno_nascita as integer dim anno_attuale as integer dim eta as integer Private Sub btcalcola_click() 'input con text box nome=txtnome.text anno_nascita=cint(txtnascita.text) anno_attuale=cint(txtattuale.text) 'blocco istruzioni eta=anno_attuale - anno_nascita 'output con label lbleta.caption= Il sign & nome & ha & CStr(eta) End Sub Diagramma a blocchi

56 Esempio 4: Visualizzare i numeri da 1 a 10 Tabella della variabili Nome n Descrizione Numero di elementi da visualizzare Tipo numerico Utilizzo costante cont num Numero che conta gli elementi visualizzati (contatore) Numero da visualizzare numerico numerico Lavoro/ Output Output

57 Esempio 4: Visualizzare i numeri da 1 a 10 Diagrammi a blocchi (post, pre, enumerativa)

58 Esempio 4: Visualizzare i numeri da 1 a 10 In Visual Basic 'dichiarazione costanti const n=10 'dichiarazione variabili dim num as integer Private Sub btvisualizza_click() 'inizializzazione num=0 'blocco post condizionale Do 'istruzioni num=num+1 'output con label lblnum.caption= Cstr(num) Loop Until num=10 'uscita ciclo End Sub Diagramma a blocchi

59 Esempio 4: Visualizzare i numeri da 1 a 10 In Visual Basic 'dichiarazione costanti const n=10 'dichiarazione variabili dim num as integer Private Sub btvisualizza_click() 'inizializzazione num=0 'blocco precondizionale Do while num <= n 'istruzioni num=num+1 'output con print print num Loop 'uscita ciclo End Sub Diagramma a blocchi

60 Esempio 4: Visualizzare i numeri da 1 a 10 In Visual Basic 'dichiarazione costanti const n=10 'dichiarazione variabili dim cont as integer Private Sub btvisualizza_click() 'blocco enumerativa For cont=1 To n Step 1 'output con print print cont Next cont 'uscita ciclo End Sub NB: step 1 e il cont del next possono essere omessi Diagramma a blocchi

61 Esercizi: Calcolo dell area di un quadrato, dato il perimetro Calcolo del massimo tra due numeri Calcolo la somma tra due numeri Scrivere la somma dei primi n numeri interi

62 Esercizio 2: Calcolo dell area di un quadrato dato il perimetro Tabella delle variabili Nome perimetro Descrizione Perimetro del quadrato Tipo numerico Utilizzo Input lato Lato del quadrato numerico Lavoro area Area del quadrato numerico Output

63 Esercizio 2: Calcolo dell area di un quadrato INIZIO Diagramma a blocchi leggi perimetro lato perimetro / 4 area lato * lato scrivi area FINE

64 Esercizio 3: Calcolo del massimo tra due numeri Tabella delle variabili Nome Descrizione X Primo numero Tipo numerico Utilizzo Input Y Secondo numero numerico Input massimo Massimo tra X e Y numerico Output

65 Esercizio 3: Calcolo del massimo tra due numeri INIZIO Diagramma a blocchi falso leggi X,Y X < Y vero massimo X massimo Y scrivi massimo FINE

66 Esercizio 1: Somma tra due numeri Tabella delle variabili Nome Descrizione X Primo addendo Tipo numerico Utilizzo Input Y Secondo addendo numerico Input somma Somma tra X e Y numerico Output

67 Esercizio 1: Somma tra due numeri INIZIO Diagramma a blocchi leggi numero X leggi numero Y somma X + Y scrivi somma FINE

68 somma Esercizio 4: Somma primi n numeri interi Tabella delle variabili: Nome n conta Descrizione Numero di elementi da sommare Numero che conta gli elementi sommati (contatore) Somma dei numeri (accumulatore) Tipo numerico numerico numerico Utilizzo Input lavoro Output

69 Esercizio 4: Diagramma a blocchi INIZIO leggi n somma 0 conta 1 conta <= n vero somma = somma+conta falso conta=conta+1 scrivi somma FINE

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Descrizione di un algoritmo

Descrizione di un algoritmo Descrizione di un algoritmo Un algoritmo descrive due tipi fondamentali di oper: calcoli ottenibili tramite le oper primitive su tipi di dato (valutazione di espressioni) che consistono nella modifica

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno UD 3.1b: Costrutti di un Algoritmo Dispense 1.2 I Costrutti di base 13 apr 2010

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Concetti importanti da (ri)vedere Programmazione imperativa Strutture di

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1 Lezione di Visual Basic Prof.ssa Paola Goi 1 VISUAL BASIC E un ambiente di programmazione che permette una programmazione: VISUALE AD EVENTI Per creare programmi applicativi nel sistema operativo Windows.

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Gli algoritmi: definizioni e proprietà

Gli algoritmi: definizioni e proprietà Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Gli algoritmi: definizioni e proprietà La presente dispensa e da

Dettagli

GUIDA BASE DI PASCAL

GUIDA BASE DI PASCAL 1 GUIDA BASE DI PASCAL Un algoritmo, nel suo significato più ampio, è sequenza logica di istruzioni elementari (univocamente interpretabili) che, eseguite in un ordine stabilito, permettono la soluzione

Dettagli

Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo

Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo Algoritmo Spesso, nel nostro vivere quotidiano, ci troviamo nella necessità di risolvere problemi. La descrizione della successione di operazioni

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Ottobre 2011 1 Contenuti Vediamo in questa lezione alcuni primi semplici esempi di applicazioni

Dettagli

Per realizzare un programma in VB

Per realizzare un programma in VB Per realizzare un programma in VB E necessario eseguire nell ordine i seguenti passi: 1) Dato un problema, disegnare la tabella delle variabili 2) Determinare l algoritmo risolutivo con la pseudocodifica

Dettagli

Algoritmo. I dati su cui opera un'istruzione sono forniti all'algoritmo dall'esterno oppure sono il risultato di istruzioni eseguite precedentemente.

Algoritmo. I dati su cui opera un'istruzione sono forniti all'algoritmo dall'esterno oppure sono il risultato di istruzioni eseguite precedentemente. Algoritmo Formalmente, per algoritmo si intende una successione finita di passi o istruzioni che definiscono le operazioni da eseguire su dei dati (=istanza del problema): in generale un algoritmo è definito

Dettagli

IL LINGUAGGIO Visual Basic

IL LINGUAGGIO Visual Basic Caratteristiche del linguaggio VB Linguaggio basato sugli eventi IL LINGUAGGI Visual Basic I programmi non sono procedurali, poiche non seguono una sequenza operativa. gni programma si basa infatti su

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

3. Programmazione strutturata (testo di riferimento: Bellini-Guidi)

3. Programmazione strutturata (testo di riferimento: Bellini-Guidi) Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (A-K) 3. (testo di riferimento: Bellini-Guidi) Ing. Agnese Pinto 1 di 28 Linguaggi di programmazione Un programma è un algoritmo

Dettagli

Matematica in laboratorio

Matematica in laboratorio Unità 1 Attività guidate Attività 1 Foglio elettronico Divisibilità tra numeri naturali Costruisci un foglio di lavoro per determinare se a è divisibile per b, essendo a e b due numeri naturali, con a

Dettagli

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL In informatica il Pascal è un linguaggio di programmazione creato da Niklaus Wirth ed é un linguaggio di programmazione strutturata. I linguaggi di programmazione

Dettagli

Preparati per il compito in classe Modulo 5

Preparati per il compito in classe Modulo 5 Preparati per il compito in classe Modulo 5 Hai i dati relativi a una serie di N (con N < 20) cinema, per ogni cinema si conoscono il nome e l incasso. Scrivi un programma che, presi in input tali dati,

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Matlab: Strutture di Controllo. Informatica B

Matlab: Strutture di Controllo. Informatica B Matlab: Strutture di Controllo Informatica B Tipo di dato logico È un tipo di dato che può avere solo due valori true (vero) 1 false (falso) 0 I valori di questo tipo possono essere generati direttamente

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI Un algoritmo è la descrizione del percorso risolutivo di un problema per giungere dai dati iniziali ai risultati finali. Scriviamo l algoritmo pensando di rivolgerci a un esecutore,

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli

Appunti di Sistemi Elettronici

Appunti di Sistemi Elettronici Prof.ssa Maria Rosa Malizia 1 LA PROGRAMMAZIONE La programmazione costituisce una parte fondamentale dell informatica. Infatti solo attraverso di essa si apprende la logica che ci permette di comunicare

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

ASP 3.0 Il Sito Dinamico

ASP 3.0 Il Sito Dinamico www.idstudio.it ASP 3.0 Il Sito Dinamico di Lorenzo Garassino Introduzione e scopo del libro 1. Scenario 1.1. Il panorama 1.2. Sito Statico o Dinamico? 1.3. Prospettive 2. Cos è ASP 2.1. Descrizione 2.2.

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO AREA RETTANGOLO Private Sub Area() Dim h As Integer h = InputBox("altezza") b = InputBox("base") A = b * h MsgBox( L area del Rettangolo è : & A) LIRE IN EURO Dim lire As Double Dim euro As Double lire

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi:

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi: JAVASCRIPT Introduzione Con l HTML siamo in grado di realizzare pagine web statiche. Con il linguaggio Javascript, invece, possiamo interagire modificando il contenuto della pagina. Il linguaggio javascript

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E04 Esempi di algoritmi e programmi C. Limongelli - A. Miola Novembre 2011 1 Contenuti q Somma di una sequenza di numeri interi

Dettagli

Applicazioni grafiche

Applicazioni grafiche Applicazioni grafiche I grafici all interno di un form sono realizzati attraverso gli oggetti del namespace System.Drawing. Graphics. Il namespace è incluso automaticamente nel progetto, quindi non è necessaria

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

La selezione binaria

La selezione binaria Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione L esecuzione di tutte le istruzioni in sequenza può non è sufficiente per

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

Corso di Esercitazioni di Programmazione

Corso di Esercitazioni di Programmazione Corso di Esercitazioni di Programmazione Introduzione Dott.ssa Sabina Rossi Informazioni Pagina web del corso: News Orari Mailing list Lezioni Esercitazioni Date esami Risultati esami.. http://www.dsi.unive.it/~prog1

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: RIPASSO E APPROFONDIMENTO DEGLI ARGOMENTI PRECEDENTI 1.1. Concetti elementari di informatica Algoritmo, Dato, Informazione Campi di applicazione e classificazione

Dettagli

Istruzioni condizionali. Istruzioni condizionali IF-THEN- ELSE IF-THEN-ELSE. Statistica computazionale Carla Rampichini a.a.

Istruzioni condizionali. Istruzioni condizionali IF-THEN- ELSE IF-THEN-ELSE. Statistica computazionale Carla Rampichini a.a. Istruzioni condizionali Istruzioni condizionali Statistica computazionale Carla Rampichini a.a. 2008/09 Subsetting I I espressione; I-THEN-ELSE I espress THEN istr; [ELSE istr;] DO WHILE DO UNTIL I-THEN-

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

1) Dati in ingresso 2 numeri, l algoritmo calcola e stampa a video la loro somma

1) Dati in ingresso 2 numeri, l algoritmo calcola e stampa a video la loro somma Algoritmo: E un insieme finito di azioni che risolvono un determinato problema, trasformando i dati di input in di dati di output (o risultati) attraverso relazioni o formule che legano i dati in ingresso

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Introduzione al MATLAB c Parte 2

Introduzione al MATLAB c Parte 2 Introduzione al MATLAB c Parte 2 Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ 18 gennaio 2008 Outline 1 M-file di tipo Script e Function Script Function 2 Costrutti di programmazione

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 9)

Corso di Visual Basic (Parte 9) Corso di Visual Basic (Parte 9) di Maurizio Crespi La nona lezione del corso dedicato alla programmazione in Visual Basic si pone lo scopo di illustrare le funzioni definibili dall'utente e il concetto

Dettagli

Obbiettivi: Fornire le conoscenze di base per creare un semplice gioco, tipo Pimball, in Visual Basic.

Obbiettivi: Fornire le conoscenze di base per creare un semplice gioco, tipo Pimball, in Visual Basic. Animazioni e giochi in Visual Basic Il gioco del Pimball - versione A Matteo Temperoni 4 A Programmatori, ITC "Vittorio Emanuele II", Perugia, a.s. 2005/2006 Obbiettivi: Fornire le conoscenze di base per

Dettagli

Realizzare semplici applicazioni windows

Realizzare semplici applicazioni windows ITIS Mattei - Prof. Luca Tessore Laboratorio in pillole: VisualBasic Realizzare semplici applicazioni windows Prerequisiti: Matematica: operazioni di base e calcolo letterale. Informatica: saper gestire

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

Dall Algoritmo al Programma. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Dall Algoritmo al Programma. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Dall Algoritmo al Programma Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni IL PROGRAMMA Gli algoritmi sono modelli di descrizione astratti e per controllarne il funzionamento devono essere

Dettagli

Esercitazioni di Elementi di Informatica

Esercitazioni di Elementi di Informatica Esercitazioni di Elementi di Informatica Docente: Prof. Angelo Chianese angelo.chianese@unina.it Tutor: Ing. Antonio Picariello antonio.picariello@unina.it Interpreti e Compilatori Interprete Es. Qbasic

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 2 Algoritmi e diagrammi di flusso

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 2 Algoritmi e diagrammi di flusso Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 2 Algoritmi e diagrammi di flusso Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

ALGORITMI 2 FINALITÁ

ALGORITMI 2 FINALITÁ INFORMATICA MODULO 8 Algoritmi e programmi A cura di Mimmo Corrado Aprile 2011 ALGORITMI 2 FINALITÁ Il Modulo Algoritmi e programmi introduce lo studente nel mondo della programmazione. ALGORITMI 3 1.

Dettagli

Esercizi di programmazione

Esercizi di programmazione Esercizi di programmazione SEQUENZA 1. Scrivere un algoritmo che calcoli il doppio di un numero fornito in input. 2. Scrivere un algoritmo che, dati tre numeri reali X, Y e Z calcoli il risultato di (X

Dettagli

DAL PROBLEMA ALL'ALGORITMO AL PROGRAMMA SCRITTO IN Come. Scopo principale dell informatica è risolvere problemi con i calcolatori.

DAL PROBLEMA ALL'ALGORITMO AL PROGRAMMA SCRITTO IN Come. Scopo principale dell informatica è risolvere problemi con i calcolatori. DAL PROBLEMA ALL'ALGORITMO AL PROGRAMMA SCRITTO IN Come Scopo principale dell informatica è risolvere problemi con i calcolatori. Non tutti i problemi sono risolvibili con i calcolatori. Si può dimostrato

Dettagli

Nozione di algoritmo. Gabriella Trucco

Nozione di algoritmo. Gabriella Trucco Nozione di algoritmo Gabriella Trucco Programmazione Attività con cui si predispone l'elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari informazioni (dati), allo scopo di risolvere

Dettagli

Lezione 8. La macchina universale

Lezione 8. La macchina universale Lezione 8 Algoritmi La macchina universale Un elaboratore o computer è una macchina digitale, elettronica, automatica capace di effettuare trasformazioni o elaborazioni su i dati digitale= l informazione

Dettagli

Dispense del corso di Introduzione all Informatica della Facoltà Di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell Università della Calabria

Dispense del corso di Introduzione all Informatica della Facoltà Di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell Università della Calabria Introduzione all Informatica 1 Dispense del corso di Introduzione all Informatica della Facoltà Di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell Università della Calabria Programma del corso Programma di

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

Come ragiona il computer. Problemi e algoritmi

Come ragiona il computer. Problemi e algoritmi Come ragiona il computer Problemi e algoritmi Il problema Abbiamo un problema quando ci poniamo un obiettivo da raggiungere e per raggiungerlo dobbiamo mettere a punto una strategia Problema Strategia

Dettagli

Esercizi di programmazione in C

Esercizi di programmazione in C Esercizi di programmazione in C Esercizio 1 Scrivere un programma in linguaggio C che legga da tastiera una sequenza di lunghezza ignota a priori di numeri interi positivi. Il programma, a partire dal

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEGLI ALGORITMI

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEGLI ALGORITMI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEGLI ALGORITMI Diagramma di flusso L algoritmo può essere rappresentato in vari modi, grafici o testuali. Uno dei metodi grafici più usati e conosciuti è il cosiddetto diagramma

Dettagli

La ricerca dicotomica

La ricerca dicotomica La ricerca dicotomica Se l array è ordinato, la ricerca di un elemento può essere realizzata in modo più efficiente rispetto alla ricerca sequenziale, utilizzando la ricerca dicotomica. Si usa il termine

Dettagli

Testing: basato su analisi dinamica del codice. Metodi Formali: basato su analisi statica del codice.

Testing: basato su analisi dinamica del codice. Metodi Formali: basato su analisi statica del codice. Convalida: attività volta ad assicurare che il SW sia conforme ai requisiti dell utente. Verifica: attività volta ad assicurare che il SW sia conforme alle specifiche dell analista. Goal: determinare malfunzionamenti/anomalie/errori

Dettagli

La programmazione. Sviluppo del software

La programmazione. Sviluppo del software La programmazione problema Sviluppo del software idea (soluzione informale) algoritmo (soluzione formale) programma (traduzione dell algoritmo in una forma comprensibile da un elaboratore elettronico)

Dettagli

regola(1,[e,f],b) regola(2,[m,f],e) regola(3,[m],f) regola(4,[b,f],g) regola(5,[b,g],c) regola(6,[g,q],a)

regola(1,[e,f],b) regola(2,[m,f],e) regola(3,[m],f) regola(4,[b,f],g) regola(5,[b,g],c) regola(6,[g,q],a) ESERCIZIO1 PREMESSA Per risolvere problemi spesso esistono delle regole che, dai dati del problema, permettono di calcolare o dedurre la soluzione. Questa situazione si può descrivere col termine regola(,

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Strutture di Controllo

Strutture di Controllo Introduzione Strutture di Controllo per strutture condizionali e cicliche Quando si affronta la programmazione si devono indicare al computer delle istruzioni da eseguire. Se il computer potesse comprendere

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957)

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957) Linguaggio macchina Von Neumann John Von Neumann (1903-1957) Inventore dell EDVAC (Electronic Discrete Variables AutomaFc Computer), la prima macchina digitale programmabile tramite un soiware basata su

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Informatiche

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Informatiche PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE Monte ore annuo 99 Libro di Testo Barbero, Vaschetto - Corso di Informatica - terzo anno Ed. Pearson SETTEMBRE OTTOBRE Modulo 0 : CODIFICA INFORMAZIONI Rappresentazione

Dettagli

Modulo 5 La programazione Unità 5 I cicli

Modulo 5 La programazione Unità 5 I cicli Modulo 5 La programazione Unità 5 I cicli Prof. Antonio Scanu 1 Il costrutto iterativo Pur avendo a disposizione strutture sequenziali e di selezione rimangono molte le situazioni " intrattabili" con tali

Dettagli

Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005

Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

Informatica. Esistono varie definizioni: Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione

Informatica. Esistono varie definizioni: Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Informatica Esistono varie definizioni: Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Scienza della rappresentazione, memorizzazione, ed elaborazione dell informazione.

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Dall algoritmo al programma

Dall algoritmo al programma Dall algoritmo al programma Il concetto di algoritmo Un algoritmo è una sequenza di passi necessari per risolvere un problema o eseguire una computazione In alcuni casi, lo stesso problema/computazione

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Cicli. Cicli. Il ciclo for. Comandi per eseguire ripetutamente porzioni di codice Due tipi disponibili in Matlab: Cicli: For While Controllo

Cicli. Cicli. Il ciclo for. Comandi per eseguire ripetutamente porzioni di codice Due tipi disponibili in Matlab: Cicli: For While Controllo Cicli Cicli Cicli: For While Controllo Comandi per eseguire ripetutamente porzioni di codice Due tipi disponibili in Matlab: for while Il ciclo for Usato per un numero definito di ripetizioni di un gruppo

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione al VBScript

Corso basi di dati Introduzione al VBScript Corso basi di dati Introduzione al VBScript Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre IL VBScript In Microsoft Visual Basic Scripting Edition, il linguaggio di programmazione

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T3 1-Sottoprogrammi 1 Prerequisiti Tecnica top-down Programmazione elementare 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è utilizzare la metodologia di progettazione top-down

Dettagli

Algoritmo per l ordinamento di un array

Algoritmo per l ordinamento di un array Algoritmo per l ordinamento di un array Spesso si ha la necessità di lavorare con vettori ordinati, cioè si devono mettere gli elementi in ordine alfabetico se sono stringhe o in in ordine di grandezza

Dettagli

Semantica dei programmi. La semantica dei programmi è la caratterizzazione matematica dei possibili comportamenti di un programma.

Semantica dei programmi. La semantica dei programmi è la caratterizzazione matematica dei possibili comportamenti di un programma. Semantica dei programmi La semantica dei programmi è la caratterizzazione matematica dei possibili comportamenti di un programma. Semantica operazionale: associa ad ogni programma la sequenza delle sue

Dettagli

Tipologie di macchine di Turing

Tipologie di macchine di Turing Tipologie di macchine di Turing - Macchina di Turing standard - Macchina di Turing con un nastro illimitato in una sola direzione - Macchina di Turing multinastro - Macchina di Turing non deterministica

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Corso di Laurea in INFORMATICA

Corso di Laurea in INFORMATICA Corso di Laurea in INFORMATICA Algoritmi e Strutture Dati MODULO 2. Algebre di dati Dati e rappresentazioni, requisiti delle astrazioni di dati, costrutti. Astrazioni di dati e dati primitivi. Specifica

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti I

Dettagli

Test del Software. Definizione SCOPO LIMITI DEL TEST

Test del Software. Definizione SCOPO LIMITI DEL TEST Definizione! Verifica dinamica del comportamento del software rispetto a quello atteso, utilizzando un insieme finito di casi di test, appropriatamente selezionati nel dominio di tutti i casi possibili

Dettagli