per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali."

Transcript

1 SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì (Aggiornamento )

2 INDICE ART.1 NORME DI APPALTO ART.2 OGGETTO ART.3 DURATA DEL CONTRATTO ART.4 PROROGA ART.5 INIZIO DEL SERVIZIO IN PENDENZA DELLA STIPULAZIONE DEL CONTRATTO ART.6 IMPORTO ART.7 MATERIALE DELLE PULIZIE ART.8 TIPOLOGIA DEI LOCALI ART.9 SPECIFICA DEGLI INTERVENTI ART.10 ORARI DI ESECUZIONE DEI SERVIZI ART.11 LAVORI STRAORDINARI ART.12 ONERI ED OBBLIGHI DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA ART.13 SUBENTRO ALL IMPRESA CESSANTE ART.14 RESPONSABILITA DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA ART.15 PERSONALE DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA ART.16 RESPONSABILE DEL SERVIZIO PER L IMPRESA ART.17 RESPONSABILE PER LA CORRETTA ESECUZIONE CONTROLLI ART.18 PRESTAZIONI STRAORDINARIE ART.19 - CAUZIONI ART.20 - PAGAMENTI ART.21 RIDUZIONE OD AUMENTI DEGLI INTERVENTI ART.22 PENALI ART.23 INDAMPIMENTI CONTRATTUALI E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO ART.24 RECESSO ART.25 DIVIETO DI CESSIONE E DISCIPLINA DEL SUBAPPALTO ART.26 ONERI FISCALI E SPESE ART.27 REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA ART.28 FORO COMPETENTE ALLEGATO 1 2

3 ART.1 NORME DI APPALTO I rapporti contrattuali derivanti dall aggiudicazione della gara sono regolati dalle norme del: D.Lgs. 157/95 e s.m.i. e L. 109/94 e s.m.i. per le parti espressamente richiamate, legge 82/94 e DM n.274/97, Regolamento Comunale nonché R.D. 2440/23 e 827/24 in quanto applicabili, dalle condizioni generali e particolari del servizio riportate nel presente capitolato speciale d oneri e, per quanto non espressamente previsto nelle predette fonti, dal Codice Civile. ART.2 OGGETTO Il presente capitolato ha per oggetto la pulizia dei locali comunali secondo le modalità di cui al successivo art.9. Il numero e l estensione di detti locali risultano dal seguente prospetto: Edifici Descrizione Totale mq. 1 Sede comunale di via Alfani Sede comunale di via Europa Villa 630 Crudele-Via Roma 3 Sede Comunale PM - via Roma Sede Comunale di Faiano p.zza 380 Garibaldi 5 Locali ed Uffici Cimitero comunale 190 TOTALE 2810 ART.3 DURATA DEL CONTRATTO Il contratto ha decorrenza dalla data di effettivo inizio del servizio, scaturente dalla data del verbale di consegna e la durata di diciotto mesi.(presumibilmente periodo 1/01/ /06/07) ART.4 PROROGA L Ente si riserva la facoltà di disporre la proroga del servizio oggetto del presente capitolato per un periodo non superiore a sei mesi, nelle more dell espletamento di gara ad evidenza pubblica. Per tali ulteriori prestazioni la ditta si obbliga fin d ora ad applicare un miglioramento del 5% sul prezzo offerto in sede di aggiudicazione, escluso per l importo relativo agli oneri per mano d opera indicati in sede di offerta. ART.5 INIZIO DEL SERVIZIO IN PENDENZA DELLA STIPULAZIONE DEL CONTRATTO 3

4 In pendenza della stipulazione del contratto, l Ente ha la facoltà di ordinare l inizio del servizio in tutto o anche in parte all impresa aggiudicataria, che deve dare immediato corso allo stesso, attenendosi alle indicazioni fornite dal Responsabile della corretta esecuzione del contratto. In caso di mancata stipulazione del contratto l Impresa ha diritto soltanto al pagamento di quanto abbia già eseguito, valutato secondo i prezzi indicati nell offerta. ART.6 IMPORTO L importo mensile posto a base di gara, soggetto al ribasso è il seguente:.4.800,00 I.V.A. esclusa, corrispondente ad un valore presunto del contratto per diciotto mesi pari a ,00 I.V.A. esclusa. L ammontare del servizio è quello risultante dall offerta dell impresa aggiudicataria. Esso rimane fisso e invariabile per l intera durata del contratto. La prestazione di cui al presente appalto viene effettuata nell esercizio di Impresa, e pertanto soggetta all imposta sul valore aggiunto (D.P.R. ottobre 1972 n.633) da sommarsi all importo di cui sopra, a carico dell Ente, nella misura vigente al momento del pagamento che viene indicato dall Ente su richiesta dell Impresa aggiudicataria, da effettuarsi prima dell emissione della fattura. ART.7 MATERIALE DELLE PULIZIE I materiali di pulizia impiegati sono a carico dell impresa e devono essere rispondenti alle normative vigenti in Italia (per esempio: biodegradabilità, dosaggi, avvertenze di pericolosità). E vietato l uso di prodotti tossici e/o corrosivi ed in particolare: Acido cloridrico Ammoniaca. I detergenti ed i disinfettanti devono essere utilizzati ad esatta concentrazione. Dopo l uso il materiale deve essere accuratamente lavato ed asciugato. E vietato l uso di sostanze eccessivamente alcaline e contenenti ammoniaca o coloranti, sui pavimenti di marmo, piastrelle, conglomerati; sulle superfici di grès si potranno usare dei detergenti lievemente acidi; sui pavimenti in PVC, linoleum e gomma, non potranno essere usati prodotti contenenti idrocarburi, detersolventi o prodotti all anilina che li danneggerebbero irreparabilmente. Sono altresì vietati i prodotti spray con propellenti a base di clorofluorocarburi (CF/C/). In nessun caso, per pavimenti, zoccoli, battiscopa, prodotti o mezzi che possono produrre gli stessi, aggressioni chimiche o fisiche. L Impresa dovrà utilizzare nell espletamento del servizio macchine ed attrezzature di sua proprietà, muniti di certificato di conformità. 4

5 L impiego degli attrezzi e delle macchine, la loro scelta e le loro caratteristiche tecniche dovranno essere perfettamente compatibili con l uso dei locali, dovranno essere tecnicamente efficienti e mantenute in perfetto stato, inoltre dovranno essere dotate di tutti quegli accorgimenti ed accessori atti a proteggere e salvaguardare l operatore e i terzi da eventuali infortuni. Tutte le macchine ed i componenti di sicurezza dovranno essere conformi a quanto stabilito dal D.P.R. 24 luglio 1996 n.459 (S.O. G.U. 6 settembre 1996, n.209). Tutte le macchine, le attrezzature impiegate nell espletamento del servizio dovranno essere conformi a quanto stabilito dal D.Lgs 15 agosto 1991 n.277 (S.O. G.U. 27 agosto, n.200). L impresa sarà responsabile della custodia sia delle macchine che delle attrezzature tecniche. ART.8 TIPOLOGIA DEI LOCALI I locali indicati presentano le seguenti tipologie: A) Corridoi, atri, scale di accesso, sale, aule, studi, uffici, biblioteche, montacarichi. B) Servizi igienici ed antibagni. C) Archivi e magazzini. D) Porte finestre ed infissi esterni ed interni, corpi illuminanti, radiatori e termoconvettori. Le pavimentazioni dei suddetti locali possono essere di qualsiasi natura(marmo, ceramiche e gres, etc.). ART.9 SPECIFICA DEGLI INTERVENTI Per la pulizia dei locali gli interventi si richiedono così effettuati: PULIZIA A FREQUENZA GIORNALIERA 1) Raccolta e svuotatura dei cestini della carta e trasporto nei contenitori della nettezza urbana posti sulla pubblica via con materiale regolarmente sistemato in sacchi sigillati. 2) Vuotatura e pulizia con panno umido dei posaceneri ed asciugatura. 3) Spazzatura di tutti i pavimenti e corrispondente lavatura dei pavimenti di marmo, grès, ceramica, senza uso di cere, battitura ed aspirazione meccanica per i tappeti. 4) Spolveratura di tutti i mobili e gli arredi, con particolare riguardo per i tavoli, scrivanie, sedie, armadi, suppellettili, poltroncine con ruote e delle dotazioni informatiche ed affini avendo cura di sollevare ogni cosa depositata (pratiche, lumi di tavoli, soprammobili etc.) e riposizionamento degli stessi. 5) Spolveratura interna ed esterna dei corpi illuminanti ovunque posti. 6) Scopatura ad umido della pavimentazione. 7) Lavatura, disinfezione dei pavimenti, dei servizi sanitari avendo cura di verificare l esistenza di ingorghi negli scarichi e di eliminare eventualmente quelli in superficie. 5

6 8) Pulizia della rubinetteria, degli specchi e dei maiolicati. 9) Fornitura costante della carta igienica, salviette, asciugamani e sapone liquido con installazione dei relativi distributori (dispencer) ove mancanti e cestini di raccolta con costante manutenzione per il pieno esercizio. 10) Accurata spolveratura e pulizia con utilizzo di materiali che non provochino né rigature o danni di altro genere e deragnatura. 11) Raccolta di carta e cartone di grossa pezzatura. PULIZIA A FREQUENZA QUINDICINALE - spolveratura ad umido davanzali con eventuale rimozione guano; - lavaggio e disinfezione di tutti gli apparecchi telefonici; - disincrostazione dei sanitari con impiego di prodotti disincrostanti non a base di acidi forti (cloridrico, nitrico, solforico). - spolveratura ad umido apparecchi fissi di illuminazione; -spolveratura ad umido di cassonetti, apparecchi di condizionamento e riscaldamento; - lavaggio con detergente di tutti i davanzali; - pulizia dei lavandini e dei rubinetti con disincrostante non a base di acidi forti ( cloridrico, nitrico, solforico). - pulizia di tutti i vetri e degli infissi dei locali. PULIZIA A FREQUENZA MENSILE - lavaggio a fondo con detergente di cestini e portarifiuti; - lavaggio con detergente di specchi, porte a vetro, divisori, guardiole; - aspirazione con prolunghe e accessori di tutte le parti aeree oltre altezza d uomo; - lavaggio accurato di termoconvettori, caloriferi, pale girevoli e radiatori; - pulizia a fondo delle porte, degli arredi e delle pareti lavabili; - pulizia a fondo dei pavimenti non trattati; - spolveratura ad umido di pareti e soffitti; - spolveratura ad umido di tende alla veneziana; - ripristino dei pavimenti trattati con film polimerico; - lavaggio delle veneziane e avvolgibili. N.B. Al termine del servizio la ditta dovrà provvedere allo spegnimento delle luci superflue e chiusura dei locali. ART.10 ORARI DI ESECUZIONE DEI SERVIZI Le singole operazioni dovranno essere eseguite nei seguenti orari: PER GLI EDIFICI N. 1, 2 e 4 ( 5 volte a settimana) Lunedì, Mercoledì e Venerdì a partire dalle ore Martedì e Giovedì a partire dalle ore

7 PER GLI EDIFICI N. 3 e 5 ( 3 volte a settimana) Martedì, Giovedì e Sabato a partire dalle ore ART.11 LAVORI STRAORDINARI Servizio di assistenza ripristino locali allagati: In caso di allagamenti in cui si può intervenire con macchine di aspirazione, la ditta deve intervenire immediatamente entro le prime 2 ore dalla chiamata, provvedendo oltre all asciugatura allo spargimento di segatura e ripristino dei locali interessati. ART.12 ONERI ED OBBLIGHI DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA Entro i 30 giorni dalla data di inizio del servizio l Impresa deve presentare al Responsabile della corretta Esecuzione del Contratto il proprio piano di sicurezza ai fini delle verifiche dei dati e degli adempimenti previsti dall art.7 L.626/94 e successive modifiche. A tal fine l Impresa dovrà procedere, ai sensi dell art.4 del D.Lgs.626/94, in collaborazione con i responsabili della sicurezza dell Ente ed in particolare delle singole strutture interessate dal servizio, ad una attenta visita dei locali oggetto del servizio, ad una ponderata valutazione dei rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori, all individuazione di idonee misure di prevenzione e protezione ed all opportuna istruzione ed addestramento del personale tutto adibito al servizio. Più in generale, l Impresa si obbliga all osservanza delle norme di sicurezza e di quelle sull impiego dei prodotti chimici non nocivi. Si obbliga comunque a provvedere, a cura e carico proprio e sotto la propria responsabilità, a tutte le spese occorrenti, secondo i più moderni accorgimenti della tecnica, per garantire, in ossequio al D.Lgs. 626/94, la completa sicurezza durante l esercizio dei lavori e l incolumità delle persone addette ai servizi stessi e per evitare incidenti e/o danni di qualsiasi natura, a persone o cose, assumendo a proprio carico tutte le opere provvisionali ed esonerando di conseguenza il Committente da ogni qualsiasi responsabilità. Sono a completo carico dell impresa gli oneri relativi all impegno di : divise per il per il personale impiegato, tessere di riconoscimento, sacchi per la raccolta rifiuti urbani, materiali di pulizia di ottima qualità e prodotti da aziende altamente specializzate, attrezzature e macchinari atti ad assicurare la perfetta e tempestiva esecuzione delle pulizie, ogni altro onere necessario per l espletamento del servizio. L impresa deve altresì provvedere a sue cure e spese e senza diritto di compenso alcuno ad eccezione dei servizi di cui all art.18: 7

8 al montaggio, impiego e smontaggio, di ponteggi, elevatori sia fissi che mobili, eventualmente necessari per qualsiasi tipologia di prestazione, in particolare per il lavaggio dei vetri degli infissi degli edifici, non pulibili all interno; alla fornitura di tutto il materiale di protezione individuale contro gli infortuni, previsto dalle normative vigenti, in particolare dal D.Lgs.n.626/64. ART.13 SUBENTRO ALL IMPRESA CESSANTE Il presente appalto è sottoposto all osservanza delle norme in materia di cessazione e cambio di appalto previste dalla contrattazione collettiva vigente fra le Associazioni Imprenditoriali di categoria e le Organizzazioni Sindacali dei lavoratori comparativamente più rappresentative. ART.14 RESPONSABILITA DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA Ogni responsabilità inerente alla gestione fa interamente carico all Impresa; in questa responsabilità è compresa quella per gli infortuni del personale addetto al servizio, che dovrà essere opportunamente addestrato ed istruito. I danni arrecati colposamente dall Impresa alla proprietà dell Ente saranno contestati per iscritto; qualora le giustificazioni non siano accolte e l Impresa non abbia provveduto al ripristino nel termine prefissato, l Ente si farà carico della riparazione, addebitando la spesa relativa all Impresa ed irrogando altresì una penale pari al 10% dell ammontare dei danni. La responsabilità suindicata ed ogni altra forma di responsabilità civile nei confronti di terzi e del personale tutto dell Amministrazione derivante dalla gestione del servizio, saranno coperte da polizza assicurativa R.C.T., senza alcuna franchigia per i terzi danneggiati, con un massimale unico pari a ,00 corredato da autentica notarile attestante che il sottoscrittore ha i poteri di impegnare la Compagnia; detta polizza dovrà essere stipulata ed esibita all Ente entro la data di avvio del servizio. Nel caso di sciopero del personale dell Impresa o in presenza di altre cause di forza maggiore l Impresa si impegna a darne comunicazione all Ente con un anticipo di almeno 2 (due) giorni. In caso di inadempimento verranno applicate le penali previste al successivo art.22. L Ente provvederà al computo degli accrediti relativi ai servizi non forniti. ART.15 PERSONALE DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA L Impresa dovrà rendere perfettamente funzionante un servizio di reperibilità e pronto intervento dalle ore 6 alle ore 20 con un referente a disposizione per attivare urgentemente interventi straordinari richiesti dal responsabile della corretta esecuzione del contratto. Il Responsabile dell azienda dovrà essere reperibile sia al numero di telefono della sede operativa posta nel territorio, sia ad un numero di cellulare. 8

9 Per adempiere alle prestazioni l Impresa si avvarrà di proprio personale, regolarmente assunto ed operante sotto la sua responsabilità esclusiva. Il personale addetto ai servizi dovrà essere adeguato per numero e qualificazione professionale alle esigenze dell Ente. L Impresa, inoltre, deve impiegare nei lavori personale di assoluta fiducia e di provata riservatezza, il quale deve astenersi dal manomettere e prendere conoscenza di pratiche, documenti e corrispondenza ovunque posti. Tutto il personale dovrà essere dotato di tute o grembiuli da lavoro identici e di facile riconoscimento nonché di tesserino di riconoscimento da portare sempre sul luogo di lavoro. L Ente ha facoltà di chiedere la sostituzione delle persone che durante lo svolgimento del servizio abbiano dato motivi di lagnanza o abbiano tenuto un comportamento non consono all ambiente di lavoro. In caso di inadempienza da parte dell Impresa si applicheranno le penali di cui al successivo art. 22. L Impresa deve osservare nei riguardi dei propri dipendenti, e se costituita sotto forma di società cooperativa anche nei confronti dei soci lavoratori impiegati nell esecuzione dei servizi oggetto dell appalto, tutte le leggi, i regolamenti e le disposizioni normative in materia di rapporto di lavoro, di previdenza ed assistenza sociale e di sicurezza ed igiene del lavoro. Deve, altresì applicare nei confronti dei propri dipendenti, e se costituita in forma di società cooperativa anche nei confronti dei soci lavoratori impiegati nell esecuzione dei lavori oggetti dell appalto, un trattamento economico e normativo non inferiore a quello risultante dal contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavoratori delle imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione e derattizzazione sottoscritto dalle Organizzazioni imprenditoriali e dei Lavoratori comparativamente più rappresentative, anche se non sia aderente alle Organizzazioni che lo hanno sottoscritto e indipendentemente dalla sua forma giuridica, dalla sua natura, dalla sua struttura e dimensione e da ogni altra sua qualificazione giuridica, economica e sindacale, nonché un trattamento economico complessivamente non inferiore a quello risultante dagli accordi integrativi locali in quanto applicabili. Ai sensi dell articolo 5 della legge 25 gennaio 1994, n. 82 recante disciplina delle attività di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione, l Ente provvederà al pagamento del corrispettivo dovuto all Impresa previa esibizione da parte di quest ultima della documentazione ufficiale attestante il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali e dei premi assicurativi obbligatori contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali in favore del personale, compresi i soci lavoratori, qualora trattasi di cooperativa, impiegati nei servizi oggetto dell appalto, e previa attestazione da parte dell Impresa di aver corrisposto al personale quanto dovuto a titolo di retribuzione, indennità ed emolumenti accessori. Qualora l Impresa risulti inadempiente con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali e con il pagamento delle retribuzioni correnti dovute in favore del personale addetto al servizio appalto, compresi i soci lavoratori, se trattasi di società cooperativa, e delle disposizioni degli Istituti previdenziali per contributi e premi obbligatori, l Ente procederà alla sospensione del pagamento del corrispettivo ed assegnerà all Impresa il termine massimo di 20 (venti) giorni entro il quale deve procedere alla regolarizzazione della sua posizione. Il pagamento del corrispettivo sarà nuovamente effettuato ad avvenuta regolarizzazione 9

10 comprovata da idonea documentazione. L Impresa non potrà opporre eccezioni, né avrà titolo a risarcimento di danni o riconoscimenti di interessi per detta sospensione dei pagamenti dei corrispettivi. Qualora l Impresa non adempia entro il suddetto termine, il Committente, previa diffida ad adempiere, procederà alla risoluzione del contratto per colpa dell Impresa e destinerà gli importi non liquidati al soddisfacimento dei crediti vantati a norma di legge, di contratto ed accordi collettivi, dal personale e dagli Istituti previdenziali. Per le inadempienze di cui sopra il Committente si riserva inoltre di incamerare il deposito cauzionale posto a garanzia del corretto adempimento delle obbligazioni contrattuali costituito ai sensi dell art.19. Nei cinque giorni precedenti l inizio del servizio appaltato, l Impresa dovrà comunicare al Responsabile dell esecuzione del contratto l elenco nominativo del personale che sarà adibito al servizio, compresi i soci lavoratori se trattasi di società cooperativa, con l indicazione per ciascuna unità di personale degli estremi del documento di riconoscimento (tipo di documento, autorità, numero e data di rilascio), i numeri di posizione INPS e INAIL, nonché il nominativo del responsabile del Servizio di prevenzione e protezione ai sensi dell articolo 4, comma 4, lettera a, del D.Lgs. 626/94 e del medico competente. Tale elenco con la relativa documentazione dovrà essere aggiornato con i nuovi inserimenti di personale, anche per sostituzione temporanea di altro personale per servizio militare, malattia, infortunio, ferie e maternità, entro il giorno 5 del mese successivo a quello in cui le variazioni si sono verificate. L allontanamento dal servizio di personale per trasferimento o per cessazione dal lavoro dovrà essere comunicato al Referente unico entro 5 giorni. Entro 30 giorni dall inizio del servizio l Impresa dovrà produrre all Ente copia della comunicazione consegnata ai lavoratori ai sensi dell articolo 1 del D.Lgs 26 maggio 1997, n. 152 (G.U. 12 giugno 1977, n. 135) sulle condizioni applicabili al rapporto di lavoro. Analogamente l Impresa dovrà provvedere per i nuovi inserimenti di lavoratori entro 30 giorni dal loro verificarsi. Il mancato invio delle comunicazioni e della documentazione di cui sopra, nei termini temporali sopra indicati comporterà una penale; come disciplinato dal successivo art.22, che sarà applicata dall Ente a suo insindacabile giudizio. L Impresa deve esibire ad ogni richiesta dell Ente, in originale o copia autentica, il libro di matricola, il libro di paga ed il registro infortuni previsto dalle vigenti norme. L Impresa deve osservare le disposizioni in materia di sicurezza del lavoro dettate dal D.Lgs 626/94 e successive integrazioni e modifiche ed, in particolare, il disposto dell articolo 4, comma 2, lettera a, b e c, nonché le norme in materia di igiene del lavoro di cui al D.P.R. 19 marzo 1956, n (S.O. G.U. 30 aprile 1956 n. 102 e al D.Lgs 15 agosto 1991, n. 277 ( S.O. 27 agosto 1991, n. 200). 10

11 L Impresa deve dotare il personale di indumenti appositi e di mezzi di protezione atti a garantire la massima sicurezza in relazione ai lavori svolti e dovrà adottare tutti i procedimenti e le cautele atte a garantire l incolumità sia delle persone addette che dei terzi. L'Ente appaltante e' sollevato da qualsiasi obbligo o responsabilita' per quanto riguarda le retribuzioni, i contributi assicurativi e previdenziali, l'assicurazione contro gli infortuni, i libretti sanitari e la responsabilita' verso terzi. ART.16 RESPONSABILE DEL SERVIZIO PER L IMPRESA L Impresa è tenuta a notificare al responsabile della corretta esecuzione del contratto per l Ente, prima dell inizio dello svolgimento del servizio, il nominativo del proprio Responsabile del servizio. Il Responsabile di servizio ha il compito di programmare, coordinare, controllare e far osservare al personale impiegato, le funzioni ed i compiti stabiliti, di intervenire, decidere e rispondere direttamente riguardo ad eventuali problemi che dovessero sorgere in merito alla regolare esecuzione delle prestazioni appaltate ed all accertamento di eventuali danni. Il Responsabile di servizio deve essere facilmente rintracciabile dalle ore di ogni giorno nel quale viene svolto il servizio, mediante telefono cellulare fornito a proprie spese dall impresa o presso il domicilio eletto che deve coincidere con la sede operativa. Tutte le comunicazioni formali relative al servizio, ivi comprese eventuali contestazioni riguardanti le modalità di esecuzione del contratto, saranno trasmesse al Responsabile di Servizio presso il domicilio eletto, e si intenderanno validamente effettuate all impresa appaltatrice. ART.17 RESPONSABILE PER LA CORRETTA ESECUZIONE CONTROLLI Il Responsabile unico per la corretta esecuzione del contratto è il Capo Servizio AA.GG.. Per ogni sede è individuato altresì un referente dell Amministrazione (di norma coincidente con il Responsabile della struttura) cui è demandata la vigilanza circa il corretto adempimento, da parte dell Impresa, delle condizioni e modalità di esecuzione del servizio e del rispetto degli obblighi di contratto. Detti referenti si rapportano al Responsabile dell esecuzione del contratto ai fini della corretta esecuzione del contratto, e per l adozione dei provvedimenti sanzionatori previsti. I referenti procedono altresì a vistare per regolarità le fatture dei pagamenti periodici. Per verificare la regolarità del servizio dell Ente si riserva di effettuare, a mezzo di persone di propria fiducia, e con la sovrintendenza generale del Responsabile della corretta esecuzione del contratto, gli accertamenti ed ispezioni che riterrà opportune e necessarie a suo insindacabile 11

12 giudizio, anche durante le ore di lavoro, procedendo alla visita dei locali e delle aree in qualsiasi momento e senza alcuna periodicità. ART.18 PRESTAZIONI STRAORDINARIE Il Responsabile della corretta esecuzione del contratto ha facoltà di ordinare all Impresa interventi urgenti che si rendessero necessari a fronte di necessità impreviste. Il corrispettivo per tali prestazioni straordinarie sarà definito a consuntivo dell intervento con il Responsabile della corretta esecuzione del contratto. ART CAUZIONI La cauzione provvisoria, deve essere costituita nella misura del 2% ( ,00) del valore presunto del contratto. La cauzione provvisoria, a corredo dell offerta, potrà essere alternativamente prestata mediante: Versamento presso la Tesoreria Comunale previo ritiro di apposita reversale presso l Ufficio Ragioneria del Comune, oppure tramite c/c postale n intestato a COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO- SERVIZIO TESORERIA, indicando la casuale (cauzione provvisoria bando n. /2005); Fideiussione bancaria rilasciata da un Istituto di Credito o Assicurativa rilasciata da un Impresa di assicurazione autorizzata al ramo cauzione, avente una validità di almeno 180 giorni dalla data di presentazione offerte prevista nel Bando di gara, che preveda la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro quindici giorni a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. La fideiussione dovrà contenere, a pena di esclusione, autentica notarile, attestante che colui che sottoscrive è debitamente autorizzato al rilascio di tale tipo di fideiussione. Non sono ammesse, a pena di esclusione, altre forme di fideiussione e/o altre modalità di costituzione della cauzione provvisoria non previste dal presente capitolato. Non sono ammesse, a pena di esclusione, quelli sopra indicati. fideiussione rilasciate da soggetti diversi da La cauzione provvisoria sarà svincolata all atto della stipula contrattuale e/o svincolata alle imprese partecipanti ad aggiudicazione definitiva. La cauzione definitiva deve essere costituita prima della stipula del contratto. Essa è stabilita nella misura del 10% (dieci per cento) dell importo di aggiudicazione e secondo quanto previsto dai commi 2 e 2 bis dell art.30 della L.109/94 e s.m.i., ossia in caso di aggiudicazione con ribasso d asta superiore al 10 per cento, aumenta i tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10 per cento, ove il ribasso sia superiore al 20 per cento, l aumento è di due punti 12

13 percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20 per cento. (Non si applica la riduzione del 50% di cui all art. 8 comma 11 quater della legge 109/94 e s.m.i.). La cauzione definitiva potrà essere alternativamente prestata mediante: Versamento presso la Tesoreria Comunale previo ritiro di apposita reversale presso l Ufficio Ragioneria del Comune, oppure tramite c/c postale n intestato a COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO - SERVIZIO TESORERIA; Fideiussione bancaria rilasciata da un Istituto di Credito o Assicurativa rilasciata da un Impresa di assicurazione autorizzata al ramo cauzione; La cauzione definitiva, in caso di fideiussione bancaria o assicurativa: Dovrà prevedere la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta dell Ente; Dovrà prevedere una espressa disposizione in forza della quale la cauzione stessa sarà tacitamente rinnovata con l obbligo di codesta impresa di pagamenti dei premi o commissioni supplettive, anche oltre il termine di scadenza riportato nella cauzione, fino al momento in cui la stessa impresa obbligata consegni una dichiarazione liberatoria a svincolo della cauzione emessa dall Ente garantito. La firma del sottoscrittore della fideiussione sopracitata deve contenere autentica notarile, attestante che colui che sottoscrive è debitamente autorizzato al rilascio di tale tipo di fideiussione. Deve essere tempestivamente reintegrata qualora in corso d opera essa sia stata parzialmente o totalmente incamerata, dall Ente A tal fine si precisa che lo svincolo della cauzione definitiva sarà effettuato dall Ente solo dopo che saranno decorsi sei mesi dalla scadenza del termine contrattuale o dalla scadenza di eventuali proroghe; entro detto termine semestrale l Ente procederà all accertamento dell avvenuto adempimento di tutti gli obblighi dell Impresa, ivi compresi quelli nei confronti del personale e, se richiesta, rilascerà una dichiarazione liberatoria. ART. 20 -PAGAMENTI La fatturazione deve avvenire con cadenza mensile posticipata. L esecuzione di eventuali pulizie straordinarie e di eventuali prestazioni suppletive sarà fatturata a parte. L Ente provvede ai pagamenti a mezzo mandato esigibile presso la tesoreria comunale entro 30 giorni dalla data di ricevimento di regolare fattura, previa liquidazione della stessa parte del Responsabile della corretta esecuzione del contratto. Le fatture dovranno essere intestate a: Comune di Pontecagnano Faiano - Via M. Alfani - Pontecagnano Faiano (SA). 13

14 Il pagamento delle fatture verrà effettuato previa presentazione da parte dell Impresa, della documentazione prevista dall art.5, 2 comma L.25 gennaio 1994 n.82 e del visto di regolare esecuzione del referente di ogni stabile. L Impresa aggiudicataria deve comunicare all Ente prima della stipula del contratto gli estremi del conto corrente (n presso (codice CAB codice ABI )intestato a...) su cui accreditare il corrispettivo contrattuale. La cessazione e la decadenza dall incarico dell Istituto sopra designato, per qualsiasi causa avvenga ed anche ne sia fatta pubblicazione nei modi di legge, deve essere tempestivamente notificata all Ente la quale non assume alcuna responsabilità per i pagamenti eseguiti a Istituto non più autorizzato a riscuotere. ART.21 RIDUZIONE OD AUMENTI DEGLI INTERVENTI. L Ente si riserva la facoltà di modificare l entità delle superfici e, conseguentemente l impegno orario necessario per l esecuzione del servizio qualora, per sopravvenute esigenze, si verifichi la necessità di: estendere il servizio di pulizia anche in locali/edifici non contemplati nel presente capitolato; aumentare le superfici comprese nel presente capitolato; diminuire le superfici comprese nel presente capitolato; variare la destinazione d uso dei locali; revocare temporaneamente o definitivamente i servizi di pulizia dei locali compresi nei plessi descritti nel presente capitolato. Tali eventuali variazioni non costituiscono motivo per l Impresa per risolvere anticipatamente il contratto. Per effetto delle variazioni di cui sopra, il canone contrattuale sarà adeguato sulla base dell impegno orario minimo stimato dal Responsabile dell esecuzione del contratto moltiplicato per il costo per ora/uomo indicato dall impresa in sede di offerta. Tutte le variazioni delle superfici contrattuali, sia con carattere definitivo che temporaneo, formano oggetto di atto aggiuntivo del contratto d appalto se comportano un incremento o decremento di spesa. Il Responsabile dell esecuzione del contratto potrà disporre, nell ambito del monte ore complessivo di contratto, compensazioni tra aumenti e diminuzioni dell impegno orario relativo all esecuzione del servizio per uno o più edifici. Le variazioni di cui al comma precedente sono disposte in forma scritta dal Responsabile dell esecuzione del contratto e non formano oggetto di atto aggiuntivo al contratto d appalto. Tutte le variazioni di cui al presente articolo saranno comunicate preventivamente all impresa, entro un termine non inferiore a gg.10, onde consentire una diversa organizzazione del servizio. 14

15 ART.22 PENALI Premesso che l applicazione delle penali non esclude il diritto dell Ente pretendere il risarcimento di eventuali ulteriori danni, per le violazioni e le inadempienze che risolvono in una corretta gestione del servizio l Ente potrà applicare le seguenti penali: per quanto riguarda l omissione totale o parziale di pulizia, l impresa potrà essere gravata di una penale fino a 1/90 dell importo del corrispettivo contrattuale relativo la sede in cui si è verificata l omissione; per le contestazioni relative ad ogni tipo di inadempienze diverse dall omissione del servizio, l Ente potrà applicare una penale fino a 1/240 dell importo del corrispettivo contrattuale relativo alla sede in cui si è verificata l omissione; per eventuali danni arrecati nell esecuzione del servizio, l Ente applicherà una penale pari al 10% dell ammontare del danno, oltre al relativo addebito delle spese sostenute per le riparazioni; l esecuzione del contratto con utilizzo di personale non assunto regolarmente comporterà alla prima infrazione la diffida e alla seconda infrazione la risoluzione del contratto ai sensi dell art.1456 del C.C.. L importo delle penali applicate sarà trattenuto sul pagamento del mese successivo o sull importo cauzionale, indipendentemente da qualsiasi contestazione. A seguito dell avvenuta applicazione di tre penali per mancato o irregolare adempimento del servizio o nell ipotesi di reiterati inadempimenti irregolarità o negligenze nell esecuzione del servizio, l Ente si riserva di procedere alla risoluzione espressa del contratto, ai sensi dell art.1456 del C.C., in via stragiudiziale, con contestuale incameramento della cauzione e l esecuzione del servizio in danno dell impresa inadempiente, salvo il diritto al risarcimento di ulteriori e maggiori danni derivanti dall inadempimento. ART.23 INADEMPIMENTI CONTRATTUALI E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Ogni inadempienza agli obblighi contrattuali sarà specificatamente contestata dal Responsabile della corretta esecuzione del contratto su indicazione anche dei responsabili delle strutture destinatarie del servizio al Responsabile di servizio a mezzo di comunicazione scritta, inoltrata anche per telefax in cui farà fede esclusivamente la data e ora di trasmissione dell Ente, inoltrata al domicilio eletto dall impresa appaltatrice; nella contestazione sarà prefissato un termine non inferiore a 5 giorni per la presentazione di eventuali osservazioni; decorso il suddetto termine l Ente, qualora non ritenga valide le giustificazioni addotte, applicherà le penali di cui all art.22, o comunque adotterà le determinazioni ritenute più opportune. L Ente ha facoltà di risolvere il contratto, ai sensi degli artt.1456 del Codice Civile, oltre che nelle ipotesi di cui all art.22, nei seguenti casi: 15

16 frode nella esecuzione del servizio; inadempimento alle disposizioni del Responsabile della corretta esecuzione del contratto riguardanti i tempi di esecuzione del servizio e l eliminazione di vizi ed irregolarità; stato di inosservanza dell impresa aggiudicataria riguardo a tutti i debiti contratti per l esercizio della propria impresa e lo svolgimento del contratto; manifesta incapacità nell esecuzione del servizio appaltato; inadempienza accertata alle norme di legge sulla prevenzione degli infortuni, la sicurezza sul lavoro e le assicurazioni obbligatorie delle maestranze nonché del rispetto dei contratti collettivi di lavoro; interruzione parziale o totale del servizio di pulizia quotidiana verificatasi, senza giustificati motivi, per tre giorni anche non consecutivi nel corso del contratto; mancata esecuzione delle altre prestazioni periodiche per due volte anche non consecutive nel corso del contratto; reiterate e gravi violazioni delle norme di legge, regolamento e delle clausole contrattuali, tali da compromettere la regolarità e la continuità del servizio; subappalto non espressamente autorizzato dall Ente secondo le modalità di cui al successivo art.25; applicazione di n.3 (tre) penalità di cui al precedente art.22; cessione dell Azienda, per cessione ramo di attività oppure nel caso di concordato preventivo, di fallimento, di stato di moratoria e di conseguenti atti di sequestro o di pignoramento a carico dell Impresa aggiudicataria. Ove si verifichino deficienze e inadempienze tali da incidere sulla regolarità e continuità del servizio, l Ente potrà provvedere d ufficio ad assicurare direttamente, a spesa dell Impresa, il regolare funzionamento del servizio. Qualora si addivenga alla risoluzione del contratto, per le motivazioni sopra riportate, l Impresa, oltre alla immediata perdita della cauzione a titolo di penale, sarà tenuta al rigoroso risarcimento di tutti i danni, diretti ed indiretti ed alla corresponsione delle maggiori spese che l Ente dovrà sostenere per il rimanente periodo contrattuale. ART.24 RECESSO L Impresa è tenuta all accettazione in qualsiasi momento del recesso unilaterale dal contratto, salvo l obbligo del preavviso di almeno sei mesi, qualora l Ente intende provvedere diversamente in merito all esecuzione, totale o parziale, del servizio assegnato, in relazione a modifiche normative e/o organizzative nel settore, o qualora intenda procedere alla costituzione di una società mista per la gestione del servizio. In tal caso verrà data anche opportuna informazione alle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori. L Ente può inoltre risolvere il contratto d appalto nei seguenti casi non imputabili all Impresa: per motivi di pubblico interesse; in qualsiasi momento dell esecuzione, avvalendosi delle facoltà concesse dal codice civile. In tutti i casi dei presenti commi, l Impresa concorderà un equo indennizzo con l Ente. 16

17 L Impresa può richiedere il recesso del contratto in caso di impossibilità ad eseguire la prestazione per causa non imputabile alla stessa secondo le disposizioni del codice civile (artt.1218,1256,1463 cod.civ.) ART.25 DIVIETO DI CESSIONE E DISCIPLINA DEL SUBAPPALTO E assolutamente vietato e salvo risarcimento di ogni danno e spese dell Ente, la cessione totale o parziale del contratto. Le norme che regolano gli affidamenti in subappalto o in cottimo sono quelle previste dal comma 3 dell art.18 Legge n.55, e successive modificazioni e integrazioni. L Impresa aggiudicataria provvede a depositare il contratto di subappalto presso l Ente almeno entro 20 giorni dalla data di stipula del contratto. Il subappalto si considera operativo solo dopo aver acquisito la documentazione comprovante il possesso dei requisiti richiesti all art.34 della Legge 109/94 e s.m.i., con le modalità che sono dettagliatamente specificate in sede di aggiudicazione ivi compreso il rispetto del Contratto collettivo di lavoro. L Impresa aggiudicataria è responsabile, nei confronti dell Ente, del rispetto da parte degli eventuali subappaltatori delle norme che essa stessa è obbligata a rispettare in forza delle clausole contrattuali poste alla base della presente gara. In caso di inottemperanza, l Ente si riserva la facoltà di applicare eventuali sanzioni. L Ente paga direttamente ed esclusivamente l Impresa, la quale è tenuta al rispetto delle prescrizioni di cui all art.18, comma 3 bis, L.55/90, come modificato dall art.34 della Legge 109/94 e s.m.i. Pertanto l Impresa aggiudicataria deve trasmettere, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato al subappaltatore, copie delle fatture quietanziate, relative ai pagamenti, con l indicazione delle ritenute di garanzia effettuate. ART.26 ONERI FISCALI E SPESE Tutte le spese e gli oneri fiscali inerenti al contratto, compresa la registrazione, saranno a carico dell aggiudicatario, ad eccezione dell IVA che per legge è a carico del committente. ART.27 REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA Saranno ammesse alla gara per l affidamento del Servizio in argomento le Ditte in possesso dei seguenti requisiti: a) iscrizione nel Registro delle Imprese presso la competente CCIAA (ovvero, in caso di Impresa avente sede all estero, l Iscrizione in uno dei Registri professionali o 17

18 commerciali dello Stato di residenza di cui all art. 15 D.Lgs 157/95) per l attività oggetto del presente appalto, il numero di iscrizione, data, durata e forma giuridica della ditta e l elenco dei legali rappresentanti con relativa qualifica (riportare cognome, nome, data di nascita, luogo di nascita e residenza); b) iscrizione, ai sensi della legge n.82/94 e del decreto n.274/97, nel Registro delle Imprese di pulizia o nell albo delle Imprese artigiane per la fascia di classificazione fino a , ,76= (fascia b ) e di non avere in corso procedure di cancellazione dal citato registro o albo a norma dell art.6 del decreto n.274/97. In caso di Impresa avente sede all estero dovrà essere dichiarato il possesso dei requisiti per l iscrizione nel suddetto registro delle Imprese di pulizia ex legge n.82/94 e D.M. n.274/97 per la fascia di classificazione richiesta, nonché l assenza di cause che provocherebbero la cancellazione; c) inesistenza delle cause di esclusione di cui all art.12 D.lgs 157/95 e s.m.i., espressamente riferite all impresa e a tutti i legali rappresentanti; d) con la seguente capacità economica finanziaria: d1) che l importo globale del fatturato dell impresa negli ultimi tre esercizi (anni 2002/2003/2004) è stato almeno pari a ,00= IVA esclusa; d2) che l importo del fatturato per servizi di pulizia eseguiti gli ultimi tre esercizi (anni 2002/2003/2004) è stato almeno pari a ,00=iva esclusa; e) con capacità tecnica dimostrata con: e1) l elenco dei principali servizi di pulizia eseguiti nel triennio 2002/2003/2004 e di cui alla precedente lettera d2) con la descrizione esatta dell oggetto, il rispettivo importo,date, destinatario e l espressa dichiarazione che sono stati regolarmente eseguiti. Si precisa che ai fini dell ammissione alla gara, l importo, su base annua (12 mesi), di uno dei predetti servizi non potrà essere inferiore a ,00= IVA esclusa. E consentita la sommatoria di più contratti, anche con soggetti diversi, sino alla concorrenza dell importo indicato. Il valore di contratti pluriennali sarà rapportato ad anno (12 mesi), per gli anni inclusi nel triennio 2002/2003/2004 considerando l importo corrispondente all effettivo periodo ricadente nell anno. e2) il possesso della certificazione di sistema di qualità UNI EN ISO , rilasciata da organismo accreditato ai sensi delle norme europee EN (Sincert o Enti firmatari degli accordi MLA EA) nel settore EA35 per l attività di servizi di pulizia ; e con gli ulteriori requisiti di cui al Bando di gara. 18

19 ART.28 FORO COMPETENTE Per tutte le controversie comunque attinenti all interpretazione o all esecuzione del contratto, è stabilita la competenza esclusiva del Foro di Salerno. /././. ALLEGATO 1 L allegato 1 è composto da una scheda riassuntiva delle superfici e del numero di ore/uomo minimo che l impresa aggiudicataria è tenuta a prestare con riferimento a ciascuno degli edifici dal n. 1 al n. 5. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SEGRETERIA E AA.GG. (Arturo FERRO) 19

20 ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI Per l affidamento del Servizio di pulizia degli Uffici Comunali Scheda riassuntiva delle superfici e del numero di ore/uomo minimo che l Impresa aggiudicataria è tenuta a prestare con riferimento a ciascuno degli Edifici dal n.1 al n.5 Edifici Descrizione Totale mq. Monte ore/uomo mensile 1 Sede comunale di via Alfani 2 Sede comunale di via Europa Villa Crudele- Via Roma 3 Sede Comunale PM via Roma 4 Sede comunale di Faiano p.zza Garibaldi 5 Locali ed Uffici Cimitero comunale TOTALE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI UFFICIO PROVINCIALE DI CATANIA

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI UFFICIO PROVINCIALE DI CATANIA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI UFFICIO PROVINCIALE DI CATANIA CAPITOLATO D ONERI Art. 1 (Locali oggetto di pulizia) Il servizio di pulizia riguarda

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona Allegato alla determina del R.F. n. 63 del 02.11.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Fornitura del servizio di pulizie degli uffici e della palestra comunali

Dettagli

CAPITOLATO DI SERVIZIO

CAPITOLATO DI SERVIZIO COMUNE DI MONZA UFFICIO ECONOMATO CAPITOLATO DI SERVIZIO CAPITOLATO PER AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASLOCO DEGLI ARCHIVI DEL TRIBUNALE Art. 1 - Oggetto del capitolato Costituisce oggetto del presente

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI COMUNE DI GIOVINAZZO PROV. DI BARI SETTORE SERVIZI ALLA CITTA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI 1 ART. 1 DISCIPLINA PER IL SERVIZIO Il presente Capitolato disciplina

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO Comune di Calliano Provincia Autonoma di Trento Ufficio Tecnico CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO ART. 1 - OGGETTO E PREZZO DELL

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

SUPERFICIE CONVENZIONALE IN METRI QUADRI DA PULIRE

SUPERFICIE CONVENZIONALE IN METRI QUADRI DA PULIRE CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA STRAORDINARIO DELL EDIFICIO ADIBITO A NUOVA SEDE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA DI TRENTO, UBICATO IN VIA S.G. BOSCO SCUOLE EX CRISPI Art. 1 Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA CASA DI RIPOSO EX ONPI. ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA CASA DI RIPOSO EX ONPI. ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO III Settore Servizi alla Persona Dirigente: dott. Maurizio Durante CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA CASA DI RIPOSO EX ONPI. ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il

Dettagli

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALLʹAFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. Pag. 1/7 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO

Dettagli

OGGETTO: Appalto per il servizio di pulizia della sede municipale, degli uffici del Giudice di pace e della biblioteca comunale.

OGGETTO: Appalto per il servizio di pulizia della sede municipale, degli uffici del Giudice di pace e della biblioteca comunale. COMUNE DI CIVITACAMPOMARANO (Provincia di Campobasso) c.a.p. 86030 - Piazza Municipio, 13 - tel. 0874/ 748103-748133 - fax 0874/ 748335 P. IVA e codice fiscale 00067590703 - INTERNET www.comune.civitacampomarano.cb.it

Dettagli

COMUNE DI AGRIGENTO. la nostra civiltà contro il pizzo e l usura. Settore III - Servizi Socio-assistenziali CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI AGRIGENTO. la nostra civiltà contro il pizzo e l usura. Settore III - Servizi Socio-assistenziali CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI AGRIGENTO Settore III - Servizi Socio-assistenziali la nostra civiltà contro il pizzo e l usura CAPITOLATO D ONERI Relativo all affidamento del servizio di assistenza igienico-personale ai soggetti

Dettagli

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035. AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.399050 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

Responsabile del Procedimento: VIOLA Maria Grazia Tel: 011/442.6800 MECC. N. 2004 08226/005 N. CRON. 2.351 DEL 11.10.2004 CAPITOLATO SPECIALE

Responsabile del Procedimento: VIOLA Maria Grazia Tel: 011/442.6800 MECC. N. 2004 08226/005 N. CRON. 2.351 DEL 11.10.2004 CAPITOLATO SPECIALE CITTA DI TORINO DIREZIONE ECONOMATO E ARCHIVI SETTORE ACQUISTO DI SERVIZI Ufficio Appalti Pulizie Responsabile del Procedimento: VIOLA Maria Grazia Tel: 011/442.6800 MECC. N. 2004 08226/005 N. CRON. 2.351

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

Art. 1 - Oggetto dell appalto. Art. 2 - Durata dell appalto

Art. 1 - Oggetto dell appalto. Art. 2 - Durata dell appalto ALLEGATO SUB A) COMUNE DI TRIESTE Area Risorse Economiche e Finanziarie ed Economato-Provveditorato Gestione Appalti e Servizi prot. 15-38/4-06 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per l esecuzione del servizio

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) SCHEMA Concessione in esclusiva, dell uso di spazi pubblicitari su elementi di arredo urbano e segnaletica direzionale privata e pubblica nel territorio

Dettagli

COMUNE DI SACROFANO Provincia di Roma CAPITOLATO SPECIALE - SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI

COMUNE DI SACROFANO Provincia di Roma CAPITOLATO SPECIALE - SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE - SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI Approvato con DdR n. 12 del 13.03.2015 ART. 1 - OGGETTO E DURATA DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il servizio di pulizia dei locali siti negli

Dettagli

A. TESTO CAPITOLATO D APPALTO DAL QUALE TRARRE IL RELATIVO CONTRATTO

A. TESTO CAPITOLATO D APPALTO DAL QUALE TRARRE IL RELATIVO CONTRATTO A. TESTO CAPITOLATO D APPALTO DAL QUALE TRARRE IL RELATIVO CONTRATTO ARTICOLO 01 - Oggetto Il presente contratto ha per oggetto il servizio di pulizia presso le due Farmacie di Piazza Tricolore 42 e Piazza

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO SPAZIO FAMIGLIA BUBU SETTETE

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO SPAZIO FAMIGLIA BUBU SETTETE CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO SPAZIO FAMIGLIA BUBU SETTETE periodo: NOVEMBRE 2014/MAGGIO 2015 e NOVEMBRE 2015/ MAGGIO 2016 (CIG n. ZF6110FF72) 1 1. Oggetto dell appalto

Dettagli

ISTITUTO INCREMENTO IPPICO DELLA SARDEGNA

ISTITUTO INCREMENTO IPPICO DELLA SARDEGNA CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO BIENNALE DI PULIZIA DI IMMOBILI DELL ENTE ART. 1 PRESCRIZIONI GENERALI L Istituto Incremento Ippico della Sardegna indice pubblico incanto per l affidamento del servizio biennale

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTA DI VITTORIO VENETO Provincia di Treviso Comando Polizia Locale e Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE ART. 1 OGGETTO

Dettagli

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v.

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v. FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO La scrivente Società intende affidare l incarico per il servizio di carico - trasporto avvio a recupero, presso impianto/i di compostaggio, della frazione

Dettagli

SERVIZIO ASSETTO TERRITORIALE UFFICIO TECNICO COMUNALE

SERVIZIO ASSETTO TERRITORIALE UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari Via Mons. Saba, 10 - Tel. 070/744121 - Fax 070/743233 http://www.comune.serdiana.ca.it E-mail: lavoripubblici @ comune.serdiana.ca.it SERVIZIO ASSETTO TERRITORIALE

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA. (Provincia di Milano) CAPITOLATO SPECIALE PER SERVIZIO DI PULIZIA DELLE SCOLASTICHE COMUNALI E SPAZI UTILIZZATI

COMUNE DI CORBETTA. (Provincia di Milano) CAPITOLATO SPECIALE PER SERVIZIO DI PULIZIA DELLE SCOLASTICHE COMUNALI E SPAZI UTILIZZATI COMUNE DI CORBETTA (Provincia di Milano) CAPITOLATO SPECIALE PER SERVIZIO DI PULIZIA DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI E SPAZI UTILIZZATI PER IL PRE E POST SCUOLA PERIODO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2015.

Dettagli

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILI SEDE DEGLI UFFICI DEL CONSIGLIO REGIONALE IN TRIESTE LOTTO UNICO PERIODO TRE ANNI Articolo 1 PROCEDURA DI GARA L aggiudicazione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Servizio per la fornitura di prestazioni di radioterapia su pazienti in trattamento presso l Istituto Oncologico Veneto. * * * * * * CIG N.1136442D97

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

CAPITOLATO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ANNI 2015/2016

CAPITOLATO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ANNI 2015/2016 CAPITOLATO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ANNI 2015/2016 CIG: 6052035944 - ART. 1 - Oggetto del Capitolato Costituisce oggetto della presente gara il servizio comprendente la pulizia dei seguenti immobili:

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la fornitura del servizio di assistenza domiciliare a favore degli

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO ALLEGATO B Comune di Verdellino (Provincia di Bergamo) Piazza don Martinelli, 1-24040 Verdellino cod.fisc./p.iva 00321950164 - tel. 0354182811 fax. 0354182899 E-Mail: info@comune.verdellino.bg.it PEC:

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI ALLEGATO A CAPITOLATO D ONERI PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNALE CAPOLUOGO E DEL CIMITERO COMUNALE PIANVENTENA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO SCUOLE MATERNE, ELEMENTARI E MEDIE a.s. 2009/2010 2010/2011 2011/2012 (Allegato alla Determinazione n. 891 del 15/07/2009) IL Responsabile del

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO INDIVIDUAZIONE DI UN OPERATORE ECONOMICO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE E DELLA RELATIVA MANUTENZIONE DI UNA FLOTTA DI BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO PULIZIA UFFICI COMUNITARI

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO PULIZIA UFFICI COMUNITARI CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO PULIZIA UFFICI COMUNITARI ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio riguarda la pulizia: A)-degli uffici comunitari ubicati a Tirano in Via Maurizio Quadrio, tutti dotati

Dettagli

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A ALLEGATO 1) FORNITURA MATERIALE ELETTRICO REDATTO DALL ASSISTENTE TECNICO SORANZO LORIS VISTO: IL DIRETTORE S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Arch. Antonietta PASTORE

Dettagli

Capitolato Amministrativo

Capitolato Amministrativo ALLEGATO C Capitolato Amministrativo Relativo al bando di gara per l affidamento del Servizio di realizzazione, personalizzazione, erogazione, monitoraggio e rendicontazione dei voucher sociali del valore

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTÀ DI SANT AGATA DE GOTI (Provincia di Benevento) AREA AMMINISTRATIVA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per l appalto quinquennale del servizio di pulizia degli uffici pubblici di pertinenza del Comune

Dettagli

Settore Amministrativo. U.O. Provveditorato Economato. Capitolato speciale di appalto per:

Settore Amministrativo. U.O. Provveditorato Economato. Capitolato speciale di appalto per: Settore Amministrativo U.O. Provveditorato Economato Capitolato speciale di appalto per: affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo in favore di ARPA Lombardia, per la durata di 36 (trentasei)

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI COMUNE DI SESTO ED UNITI Provincia di Cremona Gestione RSA Casa Soggiorno Nolli-Pigoli Allegato alla delibera G.C. n. 184 del 27.10.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI

Dettagli

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI **************

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI ************** Comune di Isili Provincia di Cagliari 08033 Piazza San Giuseppe n.6 P.I. 00159990910 Tel.0782/804460-804461 Fax 0782/804469 Email affarigenerali@comune.isili.ca.it Pec protocollo.isili@pec.comunas.it UNITA

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1. Oggetto del servizio 2. Gestione del servizio

CAPITOLATO TECNICO 1. Oggetto del servizio 2. Gestione del servizio CAPITOLATO TECNICO 1. Oggetto del servizio 1. Il presente Capitolato ha per oggetto l affidamento del servizio di prelievo, trasporto, messa in sicurezza, demolizione e radiazione dal Pubblico Registro

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO - PARTE AMMINISTRATIVA

CAPITOLATO D APPALTO - PARTE AMMINISTRATIVA CAPITOLATO D APPALTO - PARTE AMMINISTRATIVA Art 1 OGGETTO DEL LAVORO Art. 2 ACCETTAZIONE DEL LAVORO Art. 3 CONTRATTO IMPORTO TIPOLOGIA DURATA Art. 4 PENALI Art. 5 PAGAMENTI Art. 6 GARANZIE OBBLIGATORIE

Dettagli

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI ART. 1 MANSIONARIO DELLE PULIZIE E CONTROLLI La

Dettagli

ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA

ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA Lavagna Sviluppo s.c.r.l. intende assegnare incarico, concludendo apposito contratto,

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE

SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE Allegato alla determinazione dirigenziale n.6 del 25-08-2014 SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA

Dettagli

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il Fornitore ) Si conviene e si stipula quanto segue: 1. OGGETTO

Dettagli

(Provincia di Reggio Calabria)

(Provincia di Reggio Calabria) CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 1 Oggetto dell appalto Costituisce oggetto del presente appalto l affidamento dell affissione di manifesti, avvisi e fotografie, di

Dettagli

Comune di Ponte San Pietro Cümü de Pùt San Piero Provincia di Bergamo Bèrghem CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Comune di Ponte San Pietro Cümü de Pùt San Piero Provincia di Bergamo Bèrghem CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Comune di Ponte San Pietro Cümü de Pùt San Piero Provincia di Bergamo Bèrghem CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO TRIENNIO 2012-2014 ARTICOLO 1 OGGETTO DELL

Dettagli

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 SCHEMA CONTATTO D APPALTO - art. 279 D.P.R. 207/2010 CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 L.R. 11.05.2007 n. 9 - e la Società,

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI PER IL PERSONALE DEL PARCO NAZIONALE VAL GRANDE 2016-2020 (CIG ZB415FBACD) Art.

Dettagli

ART. 4 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ART. 4 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO CAPITOLATO D ONERI REGOLANTE L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 OGGETTO DURATA DELL APPALTO Oggetto dell appalto è l affidamento del servizio di

Dettagli

COMUNE DI MELZO Provincia di Milano BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

COMUNE DI MELZO Provincia di Milano BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA COMUNE DI MELZO Provincia di Milano BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE, EXTRATRIBUTARIE, PATRIMONIALI E ASSIMILATE NON RISCOSSE DIRETTAMENTE

Dettagli

COMUNE DI PIAZZA AL SERCHIO. Provincia di LUCCA

COMUNE DI PIAZZA AL SERCHIO. Provincia di LUCCA COMUNE DI PIAZZA AL SERCHIO Provincia di LUCCA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA ALUNNI SCUOLA MATERNA ED EVENTUALI DISABILI SCUOLA DELL OBBLIGO DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE 00185 ROMA - Viale Castro Pretorio, 105 - Tel. 06/49891 Fax 06/4457635 e-mail: bnc-rm@beniculturali.it CAPITOLATO TECNICO GARA

Dettagli

OGGETTO: SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E L ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI POLIZIA MUNICIPALE

OGGETTO: SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E L ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI POLIZIA MUNICIPALE CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE XIV Corpo di Polizia Municipale Via M. Spadola n 56 97100 Ragusa Tel. 0932 244211 676771 Fax 0932 248826 e mail polizia.municipale@comune.ragusa.it OGGETTO:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO ELETTRONICI IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO SALERNO ENERGIA CIG 543712162F Art. 1 Oggetto

Dettagli

C O M U N E D I L U Z Z A R A

C O M U N E D I L U Z Z A R A CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI GESTIONE, MANUTENZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PORTO LE GARZAIE E DELL AREA GOLENALE CIRCOSTANTE PERIODO ANNO 2009-2022 CUP J19E08000080004 - CIG 0249871810

Dettagli

COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO. Provincia di Caserta

COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO. Provincia di Caserta COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO www.comune.sanfeliceacancello.ce.it Provincia di Caserta Settore 1 Affari Generali CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI Pagina 1 di 10 I N D

Dettagli

Affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato per la Volsca Ambiente e Servizi Spa CAPITOLATO

Affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato per la Volsca Ambiente e Servizi Spa CAPITOLATO VOLSCA AMBIENTE E SERVIZI S.p.A Sede: Via Troncavia, 6 00049 Velletri (RM) Tel. (06)96154012-14; Fax (06)96154021 Indirizzo e-mail: info@volscambiente.it Posta certificata: volscaservizispa@legalmail.it

Dettagli

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE ALLEGATO B Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 di COMUNE DI TORTORA P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 tel. 0985-7660240-7660216 (ufficio tecnico) fax 0985-7660400

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune

CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Il presente Capitolato tecnico disciplina l esecuzione dei servizi postali per la corrispondenza del Comune di Città di Castello comprendente il ritiro e la

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA

CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CAPITOLATO D ONERI (Allegato B) Procedura aperta per l appalto dei servizi educativi dell Asilo Nido comunale Il Girasole e di pulizia dei locali sede dell asilo.-

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

Allegato C COMUNE DI PISA

Allegato C COMUNE DI PISA Allegato C COMUNE DI PISA CAPITOLATO D'ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI A MESSAGGIO VARIABILE O MAXISCHERMI SU AREE DI PROPRIETA DEL COMUNE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia dei seguenti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Provincia di Potenza Centro Direzionale Zona Industriale 85050 TITO SCALO (PZ) Tel.0971/659111 Fax 0971/485881 Sito internet: www.consorzioasipz.it E-mail: asi@consorzioasipz.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Servizio Provveditorato TEL.0823/445189 - FAX 0823/279581 AVVISO DI GARA CIG: LOTTO N. 1 CIG 5758272460 LOTTO N. 2 CIG 57582870C2 Questa ASL di Caserta indice procedura

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. CAPITOLATO D ONERI Art. 1 Oggetto del servizio, durata e compenso.

Dettagli

Oggetto del presente capitolato tecnico d appalto è la pulizia dei seguenti locali nella sede AMSC S.p.A. di via Ferraris nr. 1/3 in Gallarate.

Oggetto del presente capitolato tecnico d appalto è la pulizia dei seguenti locali nella sede AMSC S.p.A. di via Ferraris nr. 1/3 in Gallarate. CAPITOLATO D'APPALTO PER LA PULIZIA DELLA SEDE AMSC SPA DI VIA FERRARIS NR. 1/3 Oggetto del presente capitolato tecnico d appalto è la pulizia dei seguenti locali nella sede AMSC S.p.A. di via Ferraris

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann, 15 (cap. 26900) P.IVA 11125130150, nella persona del Segretario Generale f.f.,

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI AREA AA.GG. UFFICIO SEGRETERIA GENERALE COMUNE DI BELLIZZI PROV. SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI AREA AA.GG. UFFICIO SEGRETERIA GENERALE COMUNE DI BELLIZZI PROV. SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROV. SALERNO Allegato B OGGETTO: servizio sostitutivo di mensa mediante buoni pasto. CAPITOLATO SPECIALE. INDICE: Art. 1: OGGETTO Art. 2: IMPORTO DEL SERVIZIO Art. 3 : DURATA DELL APPALTO

Dettagli

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco.

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco. GARA PER LA FORNITURA DI GAS METANO PER AUTOTRAZIONE C.I.G. 60347701BF CAPITOLATO SPECIALE Responsabile Unico del Procedimento Ing. Gianfranco Marcelli 1 INDICE Art. 1 Glossario Art. 2 Oggetto dell Appalto

Dettagli

interventi di bonifica da guano di volatili

interventi di bonifica da guano di volatili All. 1 Città di Torino DIVISIONE SERVIZI EDUCATIVI SETTORE ACQUISTO BENI E SERVIZI PROCEDURA APERTA - CAPITOLATO SPECIALE PER APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA STRAORDINARIA E BONIFICA DA GUANO DI VOLATILI

Dettagli

COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Pag. 1 di 9

COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Pag. 1 di 9 COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento del servizio di brokeraggio e consulenza

Dettagli

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società, sede in ( ), per l affidamento del servizio di ritiro trasporto e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi e

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FORNITURA DI: GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E L OSPEDALE DI CONSELVE

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEI VEICOLI DEL COMITATO REGIONALE CRI DELLA TOSCANA CIG: 28951999C9

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato U.O. Economato SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER IL COMUNE DI RIMINI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile (Dott.

Dettagli

PROCEDURA DI GARA, SUDDIVISA PER LOTTI, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DI TALUNE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DEL DEMANIO

PROCEDURA DI GARA, SUDDIVISA PER LOTTI, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DI TALUNE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DEL DEMANIO Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA, SUDDIVISA PER LOTTI, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DI TALUNE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA

Dettagli

Allegato 1 all avviso di indagine di mercato CAPITOLATO D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Allegato 1 all avviso di indagine di mercato CAPITOLATO D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Allegato 1 all avviso di indagine di mercato CAPITOLATO D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la fornitura dei seguenti servizi per gli anni 2007/2009: - manovalanza operai - prestazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Servizio Sanitario Nazionale Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Il presente Capitolato Speciale ha per

Dettagli