Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale in Brasile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale in Brasile"

Transcript

1 Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale in Brasile Instituto Italiano para o Comércio Exterior Dep. para a Promoção de Intercambiôs da Embaixada da Italia Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale in Brasile Settembre 2009

2

3 Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale in Brasile DESK PER LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE - SAN PAOLO ICE - Instituto Italiano para o Comércio Exterior Departamento para a Promoção de Intercâmbios da Embaixada da Itália Av. Paulista, piano San Paolo - SP - Brasile Tel: Fax:

4

5 INDICE INTRODUZIONE DISPOSIZIONI GENERALI SUGLI ATTI TRA LE PARTI 1 BREVETTI 1.1 Importanza Concetto tecnico di brevetto La titolarità. Chi può richiedere la registrazione del brevetto Lo stato della tecnica Differenze tra l invenzione e il modello di utilità Cosa è possibile e cosa non è possibile registrare come brevetto Come procedere per registrare un brevetto... Sede di deposito della richiesta di registrazione... Procedimento per la registrazione Rapporto descrittivo Rivendicazioni Disegni Sintesi La richiesta di priorità per la registrazione di un brevetto straniero Il processo amministrativo per la richiesta del brevetto La validità del brevetto La protezione concessa Cessione dei diritti La concessione... Licenza volontaria... Licenza obbligatoria Il processo amministrativo di nullità L Azione Giudiziale di Nullità I Costi L estinzione del brevetto I crimini contro il brevetto... 2 DISEGNI INDUSTRIALI 2.1 Concetto tecnico Requisiti per la protezione Cosa non può essere registrato come Disegno Industriale Il luogo della protezione La richiesta di priorità Il luogo di deposito della richiesta I documenti necessari per la registrazione Classificazione del Disegno Industriale Come registrare il Disegno Industriale Il processo di registrazione La richiesta di esame La durata della protezione del Disegno Industriale La tassa quinquennale La nullità amministrativa del Disegno Industriale L azione di nullità giudiziale L estinzione della registrazione I costi I crimini contro il Disegno Industriale Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo 5

6 3 SOFTWARE 3.1 Concetto tecnico Chi può richiedere la registrazione La legislazione sul software Caratteristiche... Obiettivo... Registrazione non obbligatoria Procedimento di registrazione Trasferimento di titolarità di un software La protezione territoriale La validità della protezione di un software I possibili ricorsi I contratti di licenza d uso, di commercializzazione e trasferimento di tecnologia I costi Le infrazioni e le penalità... 4 MARCHI 4.1 Concetto tecnico Tipi di marchi Classificazione per natura (contenuto)... marchio famoso... marchio conosciuto Classificazione per la sua presentazione... marchio nominativo... marchio figurativo... marchio misto... marchio tridimensionale La legittimità per sollecitare la registrazione Cosa non può essere registrato come marchio Diritti sul marchio La registrazione di priorità di marchio straniero Il processo di registrazione La validità della protezione del marchio La cessione del marchio La licenza d uso Quando il titolare perde i diritti sul marchio I costi La nullità della registrazione Il processo amministrativo di nullità L azione di nullità I crimini contro il marchio... 5 CONTRATTI DI TECNOLOGIA 5.1 Il concetto Le caratteristiche La necessità del protocollo Chi può richiedere Gli effetti Cosa non è registrabile La documentazione necessaria Tipi di contratti che sono registrati o protocollati dall INPI Procedimento per la registrazione I costi... 6 TOPOGRAFIA DI CIRCUITO INTEGRATO Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo

7 6.1 Chi può richiedere la registrazione La richiesta La validità della protezione della Topografia del Circuito Integrato La cessione dei diritti I ricorsi... 7 INDICAZIONE GEOGRAFICA 7.1 Il concetto Specie di Indicazioni Geografiche Importanza delle Indicazioni Geografiche Il processo di registrazione Cosa può essere registrato come Indicazione Geografica La titolarità La validità della protezione delle Indicazioni Geografiche I costi I crimini contro le Indicazioni Geografiche... 8 DIRITTI D AUTORE 8.1 Il concetto L estensione territoriale della protezione del Diritto d Autore Quali sono le opere protette dal Diritto d Autore Cosa non è protetto dal Diritto d Autore L autore La registrazione delle opere intellettuali I Diritti d Autore Il trasferimento dei Diritti patrimoniali d Autore La validità della protezione del Diritto d Autore... 9 DIRITTI CORRELATI 9.1 Il concetto Artisti Interpreti e Esecutori I Diritti dei Produttori Audio I Diritti delle Imprese di Radiodiffusione La durata dei Diritti Correlati Le sanzioni civili e le azioni attinenti I costi per la registrazione nella Biblioteca Nazionale I crimini contro il Diritto d Autore L azione penale NUOVA VARIETA DI PRODOTI AGRICOLI 10.1 Cosa può essere registrato Chi potrà richiedere questa registrazione La richiesta di protezione La durata della protezione CONCORRENZA SLEALE 12 LA REGISTRAZIONE DI UN NOME DI DOMINIO 12.1 La registrazione di marrchio nell INPI e la registrazione del nome di dominio I documenti necessari per la registrazione di un nome di dominio I costi Le azioni di protezione civili e penali per la difesa della Proprietà Intellettuale L INPI ISTITUTO NAZIONALE PER LA PROPRIETÀ INDUSTRIALE Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo 7

8

9 INTRODUZIONE Il Desk italiano di assistenza per la tutela del diritto della Proprietà Intellettuale di San Paolo, operativo presso l ICE di San Paolo da aprile 2008, fa parte della rete dei Desk (Canton, Dubai, Ho Chi Minh City, Hong Kong, Istanbul, Mosca, Mumbai, New Delhi, New York, San Paolo, Seoul, Shanghai e Taipei) attivati presso gli Uffici ICE dal Ministero dello Sviluppo Economico, dal Ministero degli Affari Esteri, dall Istituto nazionale per il Commercio Estero e dall Agenzia delle Dogane. I Desk vengono anche indicati come IPR Desk (Intellectual Property Right Desk). Il Desk per la tutela della proprietà intellettuale di San Paolo ha avuto l opportunità di elaborare una Guida Pratica della Proprietà Intellettuale in Brasile, con la finalità di consegnare all imprenditore italiano uno strumento di consultazione semplice, agile e di facile comprensione, fornendo un adeguato orientamento finalizzato alla tutela della proprietà intellettuale della propria azienda. Il Brasile è firmatario di vari trattati internazionali, tra cui la Convenzione di Berna, l Accordo TRIPS, la Convenzione di Parigi e la Convenzione di Roma. Allo stesso modo, anche l Italia è firmataria di questi stessi Trattati e per questa ragione, gli italiani godono in Brasile degli stessi diritti di tutela uguali a quelli che avrebbero nel proprio paese di origine quanto alla protezione dei propri beni intellettuali, essendo sufficiente l adempimento dei requisiti legali stabiliti dalla legislazione brasiliana per ottenerne riconoscimento, che, se non adempiuti correttamente, può causare la perdita del diritto di priorità della registrazione di tali beni intellettuali presso l INPI (Istituto Nazionale della Proprietà Industriale, autarchia federale brasiliana responsabile per la registrazione e per la concessione di brevetti, diritto d uso di marchi, indicazioni geografiche, protezione di disegni industriali, ecc.) Invece, i beni intellettuali che fanno capo al diritto d autore non hanno bisogno di registrazione in Brasile per godere di protezione, bastando appena la sua creazione e pubblicazione, con qualsiasi mezzo, per ottenere un adeguata tutela. In questo caso, la registrazione è facoltativa e può essere effettuata da differenti entità che si identificano in base al tipo di produzione intellettuale. Per esempio: nel caso si abbia interesse a registrare un opera letteraria, l organo responsabile per la registrazione sarà la Biblioteca Nazionale a Rio de Janeiro. Pertanto, essendo l Italia uno dei maggiori poli inventivi del pianeta, ed essendo anche firmataria dei Trattati Internazionali che danno al cittadino italiano lo stesso trattamento che riceve il cittadino brasiliano nel suo paese di origine (a condizione che siano rispettate alcune condizioni legali) è necessario che, in virtù del principio di reciprocità, l imprenditore italiano conosca quali sono queste condizioni legali imposte dalla legislazione nazionale brasiliana per ottenere la tutela della propria proprietà intellettuale. La presente guida ha anche l intento di esporre le peculiarità legali presenti nella legislazione nazionale brasiliana attinenti alla tutela del beni intellettuali delle aziende straniere, ed, in questo caso, offrire all imprenditore italiano un analisi particolareggiata sulle varie modalità per ottenere la dovuta tutela. In Brasile, l organo preposto alla registrazione dei beni di proprietà intellettuale è l INPI, ossia l Istituto Nazionale per la Proprietà Industriale, la cui sede principale è a Rio de Janeiro. Va, comunque, fatto presente che per alcuni tipi di brevetti, come per esempio quelli a contenuto farmaceutico, viene anche richiesto l avallo, che viene concesso a seguito di un esame specifico, da un altro organo federale, l ANVISA, l Agenzia Nazionale per la Vigilanza Sanitaria. IPR Desk di San Paolo Settembre 2009 Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo 9

10

11 DISPOSIZIONI GENERALI SUGLI ATTI TRA LE PARTI Tutti gli atti praticati conformemente alla Legge del 14 maggio del 1996 possono esserre eseguiti direttamente dagli interessati oppure dai procuratori di questi, purché debitamente qualificati. Infatti, l art. 216 della Legge su citata stabilisce : Art. 216 : Gli atti previsti dalla presente Legge saranno praticati dali interessati o dai propri procuratori, debitamente qualificati. Comma 1. Lo strumento della procura, in originale, tradotto o in fotocopia autenticata, dovrà essere in lingua portoghese; sono dispensati la legalizzazione consolare e il riconoscimento della firma. Comma 2. La procura dovrà essere presentata entro 60 (sessanta) giorni contati dalla pratica del primo atto di una delle parti nel procedimento, indipendentemente dalla notifica o dalla richiesta, a pena di archiviamento. Pertanto, è importante sottolineare che il documento che rappresenta la procura è imprescindibile nei casi in cui il deposito non sia presentato dal diretto interessato, e deve essere presentato insieme agli atti del procedimento entro 60 (sessanta) giorni dalla data del protocollo del deposito, indipendentemente da qualsiasi avviso, a pena dell archiviamento del deposito in via definitiva. Come, inoltre, risaltato dal su riferito articolo, lo strumento della procura deve essere in originale e in lingua portoghese, e non sono necessari le legalizzazione consolare o il riconoscimento della firma. Nel caso, invece, che la procura sia redatta in lingua straniera proveniente dall estero, quest ultima dovrà essere tradotta nella forma giuramentata. 1 Allo stesso modo, l art. 217 stabilisce quanto concerne gli stranieri o i nazionali domiciliati all estero: Art La persona domiciliata all estero dovrà costituire e tenere un procuratore debitamente qualificato e domiciliato nel paese, con poteri per rappresentarlo amministrativamente e giudizialmente, anche per ricevere citazioni. Di conseguenza, e in forma generale, ogni qual volta uno straniero domiciliato fuori dal paese, come anche un nazionale che sia domiciliato all estero, avranno la necessità di utilizzare i servizi dell INPI o di qualche altro organo federale, sarà obbligatorio la nomina di un procuratore in Brasile, con poteri specifici a rappresentarlo e poter riceverete notifiche amministrative e giudiziarie a nome del suo rappresentato. La stessa norma è citata a riguardo delle nuove specie di vegetali che vengono create, poiché secondo l art. 50 della Legge 9.456/97, la procura, in tal senso, dovrà contenere le specifiche caso per caso e con i poteri per avanzare la richiesta di tutela e il suo mantenimento presso lo SNPC Servizio Nazionale della Tutela delle Coltivazioni. 1 Per analogia con l art. 50 della Legge 9456/97. Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo 11

12

13 Tempistica BREVETTI In Brasile, il procedimento per la registrazione di un brevetto, negli ultimi tempi e considerando anche le nuove assunzioni di tecnici addetti agli esami delle richieste, dura in media dai 6 ai 7 anni, contati dalla data di inoltro della richiesta di registrazione fino alla concessione del brevetto. Importanza La registrazione dei brevetti assume una grande importanza al giorno d oggi, principalmente, in questo mondo globalizzato, avendo basicamente l intuito di preservare il capitale investito dalle imprese nella ricerca e nello sviluppo delle invenzioni e dei modelli di utilità, evitando così, che siano copiati e usati da chi di fatto non ha partecipato alla sua creazione. Il brevetto determina che tutto l investimento speso con l atto di crezione (ricerche e sviluppo) possa ritornare all impresa 2 in forma di lucro, affermandosi come una importante e redditizia forma di investimento. Concetto tecnico di brevetto Secondo l Istituto Nazionale della Proprietà Industriale INPI 3, il brevetto è il titolo di proprietà temporaneo, concesso dallo Stato, su un invenzione o un modello di utilità, dal quale il creatore (autore/ inventore), che sia una persona fisica o giuridica, o anche una persona che riceve questo diritto da questi, può usufruire esclusivamente della fabbricazione, commercializzazione, importazione, uso, vendita e ecc. La titolarità : chi può richiedere la registrazione del brevetto? Il brevetto può essere richiesto, secondo gli articoli 6 e 7 della Legge della Proprietà Industriale brasiliana, dal proprio inventore, dai suoi eredi o successori, dal cessionario o da chi la legge o per un contratto di lavoro o per una prestazione di servizi determina la titolarità. Quando si tratta di invenzione o di modello d utlilità realizzato da due o più persone, il brevetto dovrà essere richiesto da tutte o da chiunque lo ritenga opportuno. Se due o più persone sono autrici della stessa invenzione o modello di utilità, in forma indipendente tra loro, il diritto di richiedere il brevetto di questa invenzione sarà di chi proverà la registrazione più antica, indipendentemente dalla data di invenzione o creazione. Lo stato della tecnica Come è già stato detto in precedenza, un invenzione o un modello di utilità per essere registrato come brevetto, deve presentarsi come una novità (requisito essenziale), però, molto spesso accade che l inventore divulga, tramite forma orale o scritta la sua invenzione, prima ancora di depositare la richiesta di registrazione. In questo caso, secondo l articolo 11 della suddetta legge, questa fase che precede la richiesta di registrazione è chiamata stato della tecnica e serve per attribuire la novità all invenzione, senza la quale non sarà concessa la registrazione. Pertanto, l articolo 12 dello stesso testo di legge, stabilisce il periodo di beneficio, nel quale, non 2 Quando diciamo impresa, dobbiamo ricordare che non è l unica e sola ad essere titolare della registrazione del brevetto, infatti può essere titolare anche una persona fisica. 3 Organo autarchico federale brasiliano che realizza la registrazione dei brevetti, marchi, software, indicazioni geografiche, disegni industriali, topografie di circuiti e contratti di tecnologia. Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo 13

14 sarà considerato come stato della tecnica, quando la già citata descrizione occorre nel periodo di 12 mesi precedenti alla data di deposito o di priorità della richiesta di brevetto. Differenze tra l invenzione e il modello di utilità In Brasile, il brevetto può essere ottenuto tanto per un invenzione come anche per un modello di utilità; per questo motivo, dobbiamo differenziarli, poiché mostrano una natura distinta. L invenzione o privilegio di invenzione (PI) per essere registrata deve rispondere ai requisiti di attività inventiva, novità e applicazione industriale; mentre il modello di utilità (MU) per essere registrato deve rispondere al requisito di nuova forma o disposizione, a condizione che derivi da un atto creativo e che rappresenta un miglioramento funzionale dell oggetto 4. Cosa è possibile e cosa non è possibile registrare come brevetto Secondo la Legge brasiliana nº /1996 gli articoli 8 e 9 stabiliscono quali sono i requisiti necessari per le invenzioni e i modelli di utilità per poter ottenere la registrazione dei brevetti. Il brevetto di invenzione (art. 8) - novità, attività inventiva e applicazione industriale. Il Modello di Utilità (art. 9) oggetto di uso pratico, o parte di questo, suscettibile di applicazione industriale che mostri una nuova forma o disposizione e che risulti in una miglioria funzionale nel suo uso o nella sua fabbricazione. L articolo 10 della Legge brasiliana n /1996, stabilisce che non si considera registrabile come invenzione e nemmeno come modello di utilità: le scoperte, le teorie scientifiche e metodi matematici; concezioni puramente astratte; schemi, piani, principi o metodi commerciali, contabili, finanziari, educativi, pubblicitari, di sorteggio e di fiscalizzazione; le opere letterarie, architettoniche, artistiche e scientifiche o qualsiasi creazione estetica; programmi di computer (software); presentazioni di informazioni; regole di gioco; tecniche e metodi di operazione o chirurgici, come anche metodi terapeutici e di diagnosi per l applicazione nel corpo umano o animale; e nella totalità o in parte degli esseri viventi naturali e materiali biologici incontrati nella natura, o ancora, da questa isolati, incluso il genoma o il germoplasma di qualsiasi essere vivente naturale e i processi biologici naturali. Oltre ai dispositivi legali sopracitati, anche l articolo 18 stabilisce che non può essere registrato come brevetto tutto che è contrario alla morale, al buon costume e alla sicurezza, all ordine e alla salute pubblica; alle sostanze, materie, miscele, elementi o prodotti di qualsiasi specie, come anche la modificazione delle sue proprietà fisico-chimiche e i rispettivi processi di ottenimento o modificazione, quando risultanti dalla trasformazione del nucleo atomico; nella totalità o in parte degli esseri viventi, eccetto i microrganismi transgenici che rispondono ai tre requisiti richiesti per la registrazione, previsti nell articolo 8, e che non siano una semplice scoperta. Come procedere per registrare un brevetto Sede di deposito della richiesta di registrazione La richiesta di deposito di brevetto può essere depositata nella sede dell INPI nella Praça Mauá, 7, Rio de Janeiro, RJ, CEP , tramite l invio postale con avviso di consegna indirizzato alla Diretoria de Brevettos DIRPA/CADPAT, con indicazione del codice DPV o negli Uffici o Enti Regionali negli altri Stati. Mentre nella città di San Paolo, l indirizzo dell Ufficio Regionale è nella Rua Tabapuã, 41, 4º andar, Itaim Bibi. Procedimento per la registrazione Prima di dare inizio al procedimento di registrazione, conviene fare una ricerca negli archivi dell INPI per verificare se già esiste qualche brevetto registrato di qualcosa somigliante. Questa ricerca può essere fatta, tanto individualmente, nella sede dell INPI a Rio de Janeiro o di forma isolata dallo stesso INPI, mediante il pagamento di una tassa rispettiva e conforme alla quantità di documenti consultati. Gli 4 Cf. informazioni acquisite dal sito dell INPI. 14 Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo

15 utenti potranno fare anche la ricerca attraverso internet agli indirizzi o / o nel proprio archivio di BREVETTI dell INPI (sono circa 25 milioni di BREVETTI) 5. Secondo la Legge brasiliana n /1996 e d accordo con le condizioni prestabilite dall INPI, nel suo articolo 19, la richiesta di brevetto deve contenere: 1 - richiesta; 2 relazione descrittiva; 3 rivendicazioni; 4 - disegni (obbligatorio nel caso di modelli di utilità); 5 sintesi (obbligatorio in caso di brevetti) 6 ricevuta di pagamento della tassa relativa al deposito. All INPI vanno tre copie, mentre una copia rimarrà all utente. Pertanto, in totale saranno quattro copie 6. Tutta questa documentazione deve essere preceduta da un formulario specifico Depósito de Pedido de Brevetto o Depósito de Registro de Desenho Industrial, come anche la ricevuta di pagamento della tassa. Questi formulari sono disponibili nella sede dell INPI o negli Uffici Regionali, ed anche nel proprio sito do INPI 7. In quanto al deposito, sarà eseguito un esame preliminare per verificare se i requisiti dell articolo 19 sono stati adempiuti. Nel caso esistano delle carenze da sanare, potrà essere avanzata una richiesta provvisoria, contenendo i dati relativi al oggetto dell invenzione, all inventore e al depositante, mediante una ricevuta con data, stabilendo le esigenze che dovranno essere soddisfatte in un periodo massimo di trenta giorni, senza le quali la richiesta non sarà accettata e la documentazione sarà restituita 8. L articolo 22 della Legge della Proprietà Industriale, stabilisce che la richiesta del brevetto di invenzione, dovrà riferirsi unicamente ad una o a varie invenzioni, a condizione che siano collegate e che includano un unico concetto inventivo. L articolo 23 della riferita Legge stabilisce che la richiesta di brevetto per il modello di utilità dovrà riferirsi ad un unico modello principale, potendo includere vari elementi distinti, addizionali o varianti costruttive o configurative, a condizione che l unità tecnica-funzionale e corporale dell oggetto sia matenuta. Secondo il proprio sito dell INPI, si devono studiare con attenzione gli altri modelli di richiesta di brevetti, cosicchè possano servire come modello per l elaborazione di un nuovo tipo, tenendo conto anche degli atti normativi emessi da questa autarchia federale AN 127/97 (brevetti di invenzione e modelli di utilità) specialmente la voce 15, e AN 130/97 (formulari) disponibili nel sito ( alla voce legislazione, così come la propria legislazione specifica sulla materia 9. Rapporto descrittivo Il rapporto descrittivo (articolo 19, comma 2 della Legge 9279/1996) dovrà descrivere in forma chiara e completa l oggetto, sottoponendola all esame di uno specialista ed indicare, se necessario, la miglior forma per eseguirlo 10. Bisogna fare anche attenzione a che il rapporto descrittivo dovrà citare l esistenza di richieste anteriori (brasiliane e non), così come fornire informazioni sugli oggetti o processi simili all oggetto della richiesta già esistente. Bisogna anche descrivere i problemi che il brevetto risolverebbe 11. L articolo 24 della Legge della Proprietà Industriale, paragrafo unico, stabilisce che, nel caso in cui si abbia materiale biologico essenziale alla realizzazione pratica della richiesta e questo, a sua volta sia 5 cf. Informazioni del sito dell INPI. 6 Idem. 7 Idem. 8 Idem. 9 Cf. Informazioni ricavate dal sito dell INPI. 10 Articolo 24 della Legge 9279/ Cf. Informazioni ricavate dal sito dell INPI. Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo 15

16 impossibile da descrivere come specificato nel paragrafo su citato ed, infine, non sia accessibile al pubblico, il rapporto dovrà essere accresciuto dal deposito del materiale nell istituzione autorizzata dall INPI o indicata in accordo internazionale. Inoltre, il rapporto descrittivo, deve essere confrontato con l oggetto delle richieste già esistenti, dimostrando che la sua invenzione o modello di utilità è avanzato tecnicamente in comparazione alle altre richieste. Il linguaggio utilizzato, come già detto precedetemente, deve essere il più obiettivo possibile, non potendo utilizzare il nome usato come riferimento ad un elemento della richiesta, per indicare un altra parte dell oggetto 12. Prima di dare inizio al rapporto descrittivo, bisogna, obbligatoriamente inserire un titolo, il quale non potrà essere nè un marchio e nè un nome astratto 13. Rivendicazioni Le rivendicazioni (art. 19, comma 3 della Legge sopra citata) dovranno essere inserite nel rapporto descrittivo, specificando le particolarità della richiesta e definendo, in forma chiara, la materia oggetto di protezione 14. Dovrà anche essere descritto l oggetto correttamente, iniziando dal titolo, contenendo l espressione caratterizzato per. L INPI, attraverso le informazioni contenute nel suo sito ufficiale, sottolinea che non è sufficiente semplicemente catalogare tutte le parti dell oggetto, dato che bisogna stabilire un collegamento tra loro. Pertanto, l INPI non accetta espressioni tipo...come mostrato nella figura o il pezzo (3), che si collega al pezzo (4), attraverso del pezzo (5). Un altra esigenza importante che questa autarchia federale richiede e che le espressioni devono essere affermative e non negative. Per esempio: caratterizzato per non possedere.... Non deve contenere descrizioni di vantaggi o come utlizarle 15. Disegni I disegni dei brevetti, quando è il caso, non possono contenere testi descrittivi, salvo fig. 01, fig. 02, oltre ai numeri indicativi di tutti i suoi elementi. Allo stesso modo, tutto quello che deve essere detto sul disegno, deve essere inserito nel rapporto descrittivo, ricordando che ogni elemento deve possedere un nome. Quando si tratta di circuiti elettrici, diagrammi in blocco, flussogrammi o grafici, l INPI accetta solamente testi indicativi o con parole chiavi. Sintesi La sintesi che è trattata nell articolo 19, comma 5 della Legge di Proprietà Industriale deve contere da 50 a 500 parole al massimo e descrivere correttamente l oggetto. La richiesta di priorità per la registrazione di un brevetto straniero L articolo 16 della Legge di Proprietà Industriale, definisce come richiesta di brevetto depositato nel Paese che abbia un accordo internazionale con il Brasile, o in una organizzazione internazionale, che produce effetto di deposito nazionale, sarà assicurato il diritto di priorità, nei tempi stabiliti per fatti occorsi in questi termini. La rivendicazione di priorità sarà comprovata da un documento che conferma l origine, il quale dovrà contenere i seguenti elementi: numero, data, titolo, rapporto descrittivo, e nel caso, rivendicazioni e disegni, accompagnati da traduzione semplice del certificato di deposito o da un documento equivalente, contenendo anche, dati identificativi della richiesta, di cui l intero contenuto sarà completamente sotto la responsabilità del depositante Idem. 13 Idem. 14 Articolo 25 della Legge 9279/ Cf. Informazioni ricavate dal sito dell INPI. 16 Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo

17 Nel caso che la richiesta di priorità non sia realizzata all atto del deposito, la conferma dovrà essere eseguita fino ad un massimo di 180 giorni a partire dal deposito 17. Per i depositi internazionali depositati in virtù del trattato in vigore in Brasile, la traduzione semplice prevista nel comma 2 della Legge qui citata, dovrà essere presentata nel termine di sessanta giorni a partire dalla data di inizio del processo nazionale 18. Nel caso che la priorità sia ottenuta tramite cessione, il documento corrispondente dovrà essere presentato entro 180 (centottanta) giorni a partire dalla data del deposito, o fino a 60 (sessanta) giorni dalla data di inizio nel processo nazionale, è dispensata la legalizzazione nel consolato del Paese di origine 19. La mancata esecuzione nei termini di tempo sopra citati determinerà la perdita di priorità 20. Il processo amministrativo per la richiesta del brevetto 1. Elaborata tutta la richiesta, come stabilito nell articolo 19 della Legge di Proprietà Industriale sopra citato (richiesta, rapporto descrittivo, rivendicazionim disegni, nel caso, sintesi e ricevuta di pagamento) potrà essere depositato. 2. Al momento del deposito della richiesta nella ricezione dell INPI, viene consegnata una ricevuta che servirà per ritirare una copia della richiesta numerata. Come già detto in precedenza, sarà fatto un esame preliminare per verificare se i requisiti siano soddisfatti, nel caso in cui esistano delle inadempienze, queste dovranno essere risolte in 30 giorni, evitando così il rischio di vedersi la domanda respinta con la restituzione dei documenti. 3. La richiesta di brevetto sarà mantenuta in segreto durante 18 (diciotto) mesi a partire dalla data del deposito o della priorità più antica, se esiste; successivamente avverrà la pubblicazione, ad eccezione di quando si tratta di brevetto di interesse nazionale Pubblicata la richiesta e fino alla fine dell esame del brevetto, sarà facoltativa la presentazione di documenti e informazioni per sussidiare l esame. L esame non inizierà prima di 60 (sessanta) giorni dalla data di pubblicazione dalla richiesta 22. Nel caso si abbia la necessità di effettuare alterazioni con l obiettivo di chiarire o definire meglio la richiesta di brevetto, questo potrà essere effetuato fino alla domanda di esame, a principio che queste alterazioni si basino su argomenti già citati anteriormente nella richiesta È imprescindibile che si faccia la domanda di esame della richiesta di brevetto entro il termine di 36 (trentasei) mesi a partire dalla data del deposito; nel caso di mancata presentazione in questo periodo, se ne provocherà l archiviamento. Ed ancora, nel caso in cui la richiesta sia effettivamente archiviata, potrà essere disarchiviata, mediante una richiesta dell interessato e attraverso il pagamento di una tassa specifica, sotto la pena di archiviamento definitivo Richiesto l esame, purché sia sollecitato, i documenti necessari dovranno essere presentati nel termine di 60 (sessanta) giorni, sotto la pena di archiviamento della richiesta: I. obiezioni, ricerche di precedenti e risultati di esami per la concessione di richieste corrispondenti in altri Paesi, quando esiste una rivendicazione di priorità; II. documenti necessari alla regolarizzazione del processo e esame della richiesta; III. Traduzione semplice del documento idoneo già citato, quando è della richiesta di priorità Dopo aver realizzato l esame e il parere finale è per la non concessione del brevetto, o per il negativo inquadramento della richiesta nella specie rivendicata, o per richiedere esigenze, il 16 Articolo 16, comma 2 della Legge 9279/ Articolo 16, comma 3 della Legge sopra citata. 18 Articolo 16, comma 5 della Legge sopra citata. 19 Articolo 16, comma 6 della Legge sopra citata. 20 Articolo 16, comma 7 della Legge sopra citata. 21 Articolo 30, caput, della Legge sopra citata. 22 Articolo 31, della Legge sopra citata. 23 Articolo 32, della Legge sopra citata. 24 Articolo 33, della Legge sopra citata. Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo 17

18 depositante sarà invitato a presentarsi nel termine di 90 (novanta) giorni. Nel caso di mancata risposta al sollecito, la richiesta sarà archiviata definitivamente 26. La validità del brevetto Il brevetto sarà valido per 20 (venti) anni mentre il modello di utilità avrà la validità di 15 (quindici) anni, a partire dalla data del deposito. La protezione concessa Il brevetto conferisce al suo titolare il diritto di impedire che terzi, senza il suo consenso, producano, usino, mettano in vendita, importino il prodotto oggetto del brevetto, e il processo o il prodotto ottenuto direttamente dal processo registrato 27. Cessione dei diritti La richiesta di brevetto o il medesimo brevetto, entrambi con caratteristiche di contenuto indivisibile, potranno essere ceduti totalmente o parzialmente, dovendo l INPI fare le annotazioni di cessione (qualificazione completa del cessionario), di qualsiasi limitazione o onere che ricade sulla richiesta o sul brevetto, così come i cambiamenti di nome, sede o indirizzo del titolare 28. La concessione Tipi di licenze Licenza volontaria Il titolare del brevetto o lo stesso depositante potrà realizzare un contratto di licenza per l uso, il quale dovrà essere protocollato nell INPI per produrre effetti verso terzi. Licenza obbligatoria Il titolare sarà soggetto ad ottenere il brevetto concesso in licenza in forma obbligatoria, se esercita i diritti di quest ultimo risultanti da una pratica abusiva, per mezzo dell abuso di potere economico, a principio che sia comprovato, sia nei termini di legge o attraverso una decisione amministrativa o giudiziale. Il processo amministrativo di nullità Sarà dichiarato nullo, in via amministrativa, il brevetto quando: non è stato soddisfatto qualcuno dei requisiti legali; il rapporto e le rivendicazioni non rispondono alle esigenze disposte nella Legge di Proprietà Industriale; l oggetto del brevetto si estende aldilà del contenuto della richiesta originalmente depositata ; nel corso del suo processo, il depositante ha omesso qualcuna delle formalità essenziali alla concessione. Il processo di nullità amministrativa del brevetto può essere iniziato d ufficio dall INPI o richiesto da chi ne possiede la legittimità, entro il termine di 6 (sei) mesi dalla sua concessione (artt. 50 e 51 della Legge di Proprietà Industriale). 25 Articolo 34 della Legge di Proprietà Industriale. 26 Articolo 36 della citata legislazione. 27 Articolo 42 della citata legislazione. 28 Articoli 58 e 59 della citata legislazione. 18 Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo

19 L Azione Giudiziale di Nullità L azione di nullità potrà essere proposta in qualsiasi momento durante il corso della validità del brevetto, sia dall INPI o da qualsiasi persona che ne possieda la legittimità per avanzare tale diritto (articolo 56 della Legge di Proprietà Industriale). I Costi COD. NUOVO SERVIZI DELLA DIREZIONE DI BREVETTI DIRPA (BREVETTI DI INVENZIONE E DI MODELLO DI UTILITA') TASSA 1 TASSA 2* VALORI IN EURO VALORI IN EURO 200 Deposito della richiesta nazionale di Brevetto di Invenzione (PI), Certificato di Addizione di Invenzione (C) o Modello di utilità (MU) e Entrata nella Fase Nazionale di PCT. 200,00 80,00 76,92 30, Deposito della richiesta internazionale nei termini del PCT. 200,00 80,00 76,92 30, Pubblicazione anticipata. 200,00 80,00 76,92 30, Domanda di esame di Brevetto di Invenzione (PI). - Tassa normale di R$ 500,00 ( 192,31) o R$ 200,00 ( 79,62) (*) fino a 10 richieste. A questo totale, si deve sommare un valore addizionale di R$ 50,00 ( 19,23) o R$ 20,00 ( 7,69) (*) per richiesta dall'11ª alla 20ª, di R$ 75,00 ( 28,85) a R$ 30,00 ( 11,53) (*) per richiesta dalla 21ª alla 30ª, di R$ 100,00 ( 38,46) a R$ 40,00 ( 15,38) (*) per ogni richiesta in poi. 500,00 200,00 192,31 79, Domanda dell'esame di Modello di Utilità (MU). 320,00 128,00 123,08 42, Domanda dell'esame di Certifato di Addizione di Invenzione. 206 Esecuzione di esigenza consequente di Esame Formale. Esente - 160,00 65,00 61,54 25, Esecuzione di esigenza. 100,00 40,00 38,46 15, Ripristino della Richiesta, Brevetto o Certificato di Addizione di Invenzione (C). 500,00 200,00 166,66 66, Disarchiviamento della richiesta. 500,00 200,00 166,67 66, Presentazione di sussidi all'esame Tecnico. 300,00 120,00 115,38 46, Emissione del certificato del brevetto o Certificato di Addizione di Invenzione (C) nel termine ordinario. Emissione del certificato del brevetto o Certificato di Addizione di Invenzione (C) nel termine straordinario. Domanda di Brevetto di Invenzione (PI), Modello di Utilità (MU) o Certificato di Addizione di Invenzione. Nullità o cessazione di Brevetto di Invenzione (PI), Modello di Utilità (MU) o Certificato di Addizione di Invenzione. Manifestazione o Contestazione di Brevetto di Invenzione (PI), Modello di Utilità (MU), Certificato di Addizione di Invenzione. Offerta di licenza del brevetto per fini d'uso o rinnovo di offerta. 200,00 80,00 76,92 30,77 400,00 160,00 153,85 61,54 540,00 540,00 215,00 215,00 136,66 136,66 55,00 55,00 220,00 90,00 84,61 34,61 Analisi di sussistenza del Certificato di Addizione di 300,00 120,00 115,38 46,15 Invenzione. 130,00 50,00 50,00 19,23 Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo 19

20 219 Certificato relativo all'andamento della richiesta di brevetto presso l'inpi e la sua relazione con il brevetto concesso all'estero, per fini di esecuzione parziale dei requisiti previsti nell'art dell'accordo sugli Aspetti dei Diritti di Proprietà Industriale relazionati al Commercio. 800,00 320,00 307,69 123, Annualità della Richiesta di Brevetto di Invenzione (PI) nel termine ordinario. Annualità della Richiesta di Brevetto di Invenzione (PI) nel termine straordinario. Annualità del Brevetto di Invenzione (PI) dal 3º al 6º anno nel termine ordinario. Annualità del Brevetto di Invenzione (PI) dal 3º al 6º anno nel termine straordinario. Annualità del Brevetto di Invenzione (PI) dal 7º al 10º anno nel termine ordinario. Annualità del Brevetto di Invenzione (PI) dal 7º al 10º anno nel termine straordinario. Annualità del Brevetto di Invenzione (PI) dall'11º al 15º anno nel termine ordinario. Annualità del Brevetto di Invenzione (PI) dall'11º al 15º anno nel termine straordinario. Annualità del Brevetto di Invenzione (PI) dal 16º anno in poi nel termine ordinario. Annualità del Brevetto di Invenzione (PI) dal 16º anno in poi nel termine straordinario. Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) nel termine ordinario. Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) nel termine straordinario. Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) dal 3 al 6 anno nel termine ordinario. Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) dal 3 al 6 anno nel termine straordinario. Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) dal 7 al 10 anno nel termine ordinario. Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) dal 7 al 10 anno nel termine straordinario. Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) dal 11 al 15 anno nel termine ordinario. Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) dall'11 al 15 anno nel termine straordinario. Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) dal 16 anno in poi nel termine ordinario. 250,00 100,00 96,15 38,46 500,00 200,00 192,31 76,92 660,00 265,00 253,85 101, ,00 530,00 507,69 203, ,00 410,00 396,15 157, ,00 825,00 792,31 317, ,00 555,00 534,61 213, , , ,23 426, ,00 675,00 650,00 259, , , ,00 519,23 90,00 35,00 34,61 13,46 180,00 70,00 69,23 26,92 200,00 80,00 76,92 30,77 400,00 160,00 153,85 61,54 310,00 125,00 119,23 48,08 620,00 250,00 238,46 96,15 400,00 160,00 153,85 61,54 800,00 320,00 307,69 123,08 510,00 205,00 196,15 78, Annualità della domanda del Certificato di Addizione di Invenzione (C) dal 16 anno in poi nel termine straordinario ,00 410,00 392,31 157, Annualità della richiesta del Modello di Utilità (MU) nel termine ordinario. 170,00 70,00 65,38 26, Annualità della richiesta del Modello di Utilità (MU) nel termine straordinario. 340,00 135,00 130,77 51,92 20 Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale - San Paolo

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti MARCHIO e BREVETTO Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016 DIRITTO DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Diritto della proprietà intellettuale ( in senso stretto ) -

Dettagli

UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI

UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI MILANO UFFICIO BREVETTI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTI PER INVENZIONI INDUSTRIALI (D.Lgs. 10 Febbraio 2005, n 30 pubblicato

Dettagli

Introduzione. Trascrizioni Annotazioni Comunicazioni Varie Scioglimento Riserve

Introduzione. Trascrizioni Annotazioni Comunicazioni Varie Scioglimento Riserve Introduzione Le istanze connesse ai titoli di proprietà industriale, denominate anche seguiti brevettuali, vengono depositate successivamente alla domanda originaria. Sono necessarie in caso di trasferimenti

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

AVVISO D ASTA N... DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL ASTA DELL UNITÀ IMMOBILIARE A DESTINAZIONE NON RESIDENZIALE DI PROPRIETÀ DELL INPDAP

AVVISO D ASTA N... DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL ASTA DELL UNITÀ IMMOBILIARE A DESTINAZIONE NON RESIDENZIALE DI PROPRIETÀ DELL INPDAP AVVISO D ASTA N... Allegato 1 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL ASTA DELL UNITÀ IMMOBILIARE A DESTINAZIONE NON RESIDENZIALE DI PROPRIETÀ DELL INPDAP Il/la sottoscritto/a Cognome Nome Comune di nascita Provincia

Dettagli

A chi spetta il diritto al brevetto?

A chi spetta il diritto al brevetto? LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE PRESSO LE UNIVERSITÀ E GLI EPR -CPI ART. 65 - REGOLAMENTO D ATENEO Perugia, 29 giugno 2015 ufficio.ilo@unipg.it A chi spetta il diritto al brevetto? Inventore Datore di lavoro

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE PROPRIETÀ INTELLETTUALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Registrazione del Marchio a Singapore Le fonti normative a tutela dei marchi sono: il Trade Marks Act, le Trade Marks Rules ed i

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI Ufficio Brevetti e della Proprietà Intellettuale Via Bogino 9-10124 Torino Tel. 011-670.4374/4381/4170 Fax 011-670.4436 ufficio.brevetti@unito.it

Dettagli

La costituzione di società di capitali con socio estero

La costituzione di società di capitali con socio estero S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La costituzione di società di capitali con socio estero D.ssa Lorenza Guglielmi 08 marzo 2011 Verifica condizioni di reciprocità per intestazione quote/assunzione

Dettagli

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S.

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S. BRASILE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI EMIGRAZIONE FRA L ITALIA ED IL BRASILE DEL 9/12/1960 Firma: Brasilia, 30 gennaio 1974 Ratifica: legge 6 aprile 1977, n. 236 G.U. del 1 giugno 1977, n. 147 Entrata

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA approvato con D.C.C. n. 15 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

Ultimo aggiornamento giugno 2013*

Ultimo aggiornamento giugno 2013* Ultimo aggiornamento giugno 2013* * N.B.:la presente guida pubblicata dalla CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA è stata parzialmente modificata a seguito delle novità introdotte dal DECRETO 26/01/2015 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano.

Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano. Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano. Marta Manfrin Consulente brevettuale, Società Italiana Brevetti

Dettagli

Istruzioni per il deposito di domande di privativa per nuove varietà vegetali

Istruzioni per il deposito di domande di privativa per nuove varietà vegetali MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI Istruzioni per il deposito

Dettagli

Note relative al modulo per l istanza di trasformazione

Note relative al modulo per l istanza di trasformazione UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) Marchi, disegni e modelli Note relative al modulo per l istanza di trasformazione Osservazioni di carattere generale Il modulo per l istanza di trasformazione

Dettagli

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione)

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Prof.ssa Patrizia Grosso Facoltà di Economia Università di Torino 1. Premessa. 2. La disciplina dei marchi. 3.La

Dettagli

Milano, 23 febbraio 2011

Milano, 23 febbraio 2011 Intellectual Property Office Brasile: dalla classificazione doganale della merce alle opportunità di business Proprietà intellettuale (marchi, nome e brevetti): perché tutelarla? Milano, 23 febbraio 2011

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO LEGGE 22 giugno 2009 n.76 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visti i presupposti di necessità ed urgenza di cui all articolo 2, comma 2, punto

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Gentile cliente, le seguenti condizioni generali di vendita indicano, nel rispetto delle normative vigenti in materia a tutela del consumatore, condizioni e modalità

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul FACTORING INTERNAZIONALE (Ottawa, 26 maggio

Dettagli

Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE

Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) Marchi, disegni e modelli Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO PROPRIETÀ INTELLETTUALE IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Proprietà intellettuale in Marocco L Office Marocain de la Propriété Industrielle et Commerciale di Casablanca conserva il registro

Dettagli

CHE PREVEDE LA RICERCA DI ANTERIORITA

CHE PREVEDE LA RICERCA DI ANTERIORITA Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI I BREVETTI BIOTECNOLOGICI ELEMENTO

Dettagli

Le creazioni intellettuali

Le creazioni intellettuali Le creazioni intellettuali (a) Opere dell ingegno (campo culturale) (b) (campo della tecnica) Invenzioni industriali diritto d autore (art. 2575 ss. c.c.; l. 633/1941 c.d. legge autori) brevetto (art.

Dettagli

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI TITOLO PROFESSIONALE CONSEGUITO IN PAESE EXTRA-COMUNITARIO

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI TITOLO PROFESSIONALE CONSEGUITO IN PAESE EXTRA-COMUNITARIO DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DI TITOLO PROFESSIONALE CONSEGUITO IN PAESE EXTRA-COMUNITARIO (domanda presentata dall Italia straniero con permesso di soggiorno) (1) (art.49 d.p.r. 394/1999) Al Ministero della

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO H) BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 530 giovani, da avviare al servizio civile

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO Normativa di riferimento: Decreto legislativo 10 febbraio 2005 n. 30 "CODICE DELLA PROPRIETA INDUSTRIALE". DECRETO 13 gennaio 2010 n.

Dettagli

LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE.

LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE. LICENZA D USO PER SOFTWARE SONY LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE. CON L UTILIZZAZIONE DEL SOFTWARE LEI ESPRIME LA SUA ACCETTAZIONE DEL CONTRATTO. IMPORTANTE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI SGD G 030 LE INVENZIONI DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA DIFESA ROMA EDIZIONE 2015 MINISTERO DELLA DIFESA

Dettagli

Esame svizzero per Consulenti in Brevetti. Contenuto dell Esame

Esame svizzero per Consulenti in Brevetti. Contenuto dell Esame Esame svizzero per Consulenti in Brevetti Contenuto dell Esame Le seguenti informazioni sono da intendersi come linee guida e non sono vincolanti. ESAME PARTE 3: A. Tutte le disposizioni della Legge Federale

Dettagli

tra in persona del legale rappresentante... con sede legale in... Via/Piazza d ora in avanti denominata Impresa

tra in persona del legale rappresentante... con sede legale in... Via/Piazza d ora in avanti denominata Impresa PROTOCOLLO APPLICATIVO PER LE IMPRESE DISTRIBUTRICI DI SUPPORTI VERGINI (CD-R E DVD- R) NON ISCRITTE NEL REPERTORIO DEL MINISTERO DELLA SALUTE COME FABBRICANTI DI DISPOSITIVI MEDICI N. tra S.I.A.E. - Società

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

Regolamento dell Università degli Studi del Piemonte Orientale in materia di brevetti

Regolamento dell Università degli Studi del Piemonte Orientale in materia di brevetti Regolamento dell Università degli Studi del Piemonte Orientale in materia di brevetti Decreto Rettore Repertorio Nr. 511 del 21/08/2013 Prot. n. 12445 Tit. III cl. 10 Art. 1 Definizioni Ai fini del presente

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y EMIRATI ARABI UNITI MARCHI E BREVETTI NEGLI EMIRATI ARABI UNITI di Avv. Francesco Misuraca Disciplina della proprietà intellettuale La fonte disciplinare per la tutela dei marchi è la legge federale n.

Dettagli

Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità

Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità dei compensi indicati nelle parcelle presentate per la loro approvazione all Ordine degli Avvocati di

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO approvato con D.C.C. n 17 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

LICENZA USO SOFTWARE on line So.Ge.R. PRO interoperabile SISTRI

LICENZA USO SOFTWARE on line So.Ge.R. PRO interoperabile SISTRI LICENZA USO SOFTWARE on line So.Ge.R. PRO interoperabile SISTRI IMPORTANTE AVVISO: LEGGERE ACCURATAMENTE ED ASSICURARSI DI AVER COMPRESO IL PRESENTE CONTRATTO DI LICENZA CON L UTENTE FINALE PRIMA DI ACCETTARE

Dettagli

Ediz. num. 01- Emesso in data: 04.04.2006 rev. 00 Rif. UNI EN ISO 9001:2000 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA FAC SIMILE

Ediz. num. 01- Emesso in data: 04.04.2006 rev. 00 Rif. UNI EN ISO 9001:2000 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA FAC SIMILE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA INDICE IL PRESENTE REGOLAMENTO, SE NON AUTENTICATO DAL CONSORZIO GAMMA SERVIZI, NON COSTITUISCE ATTO DI CONFERIMENTO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Approvazione avviso con procedura di valutazione comparativa ex art. 7 comma 6 del D.Lgs. 165/2001 per il conferimento di n.1 incarico

Dettagli

MARCHIO D IMPRESA NAZIONALE

MARCHIO D IMPRESA NAZIONALE 1 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA TRAPANI UFFICIO BREVETTI E MARCHI CORSO ITALIA, 26 TRAPANI - III PIANO TEL. 0923 876-264 e-mail: caterina.badalucco@tp.camcom.it E CONSIGLIABILE

Dettagli

Contratto di trasferimento di materiale per scopi non commerciali

Contratto di trasferimento di materiale per scopi non commerciali Contratto di trasferimento di materiale per scopi non commerciali Questo Contratto di trasferimento di materiale di seguito denominato il "Contratto" è stipulato tra: (1) Università degli Studi di Torino,

Dettagli

- Dmail Group S.p.A. -

- Dmail Group S.p.A. - - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI Internal Dealing - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

Dettagli

La circolazione della tecnologia

La circolazione della tecnologia La circolazione della tecnologia Brevetti, Modelli e Know-How Torino, 26 marzo 2008 Avv. Fabrizio Jacobacci Il Brevetto Lo scopo del sistema brevettuale è favorire l innovazione, dunque: Remunerare l inventore

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LUIGI EINAUDI - Foggia

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LUIGI EINAUDI - Foggia BANDO DI GARA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI CASSA TRIENNIO 2016/2018 CIG N ZDB16ABB6A PREMESSA Considerato che l Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Luigi Einaudi - Foggia ha necessità di procedere

Dettagli

Comune di Rimini (RN) Bando di lavori pubblici Sezione I: amministrazione aggiudicatrice I.1) denominazione, indirizzi e punti di contatto: Comune di

Comune di Rimini (RN) Bando di lavori pubblici Sezione I: amministrazione aggiudicatrice I.1) denominazione, indirizzi e punti di contatto: Comune di Comune di Rimini (RN) Bando di lavori pubblici Sezione I: amministrazione aggiudicatrice I.1) denominazione, indirizzi e punti di contatto: Comune di Rimini Direzione lavori pubblici e qualità urbana U.O.

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (D. LGS. 10 FEBBRAIO 2005 N. 30)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (D. LGS. 10 FEBBRAIO 2005 N. 30) REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (D. LGS. 10 FEBBRAIO 2005 N. 30) Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 Art. 2 - COMMISSIONE BREVETTI 2 Titolo II - INVENZIONI REALIZZATE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI FONDAMENTALI

INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI FONDAMENTALI INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI FONDAMENTALI ART. 1 (Diritti di proprietà industriale) ART. 2 (Costituzione ed acquisto dei diritti) ART. 3 (Trattamento dello straniero) ART. 4 (Priorità)

Dettagli

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F.

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F. REGOLAMENTO INTERNO della FUTURHAUS Società Cooperativa Edilizia a r.l. Sede in Roma Lungotevere di Pietra Papa, 95 00146 Capitale Sociale versato e sottoscritto Euro 1.750,00 Iscritta al n. 07456230585

Dettagli

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm Pagina 1 di 5 Legge sulle attività private di investigazione e di sorveglianza (dell 8 novembre 1976) 1.4.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 10 aprile 1974 n. 1958

Dettagli

In data odierna. tra. Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede

In data odierna. tra. Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede Contratto di affidamento di incarico In data odierna tra Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede in Pisa, Piazza dei Facchini n. 16, nella persona del Direttore Generale, Dott.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA PRIVACY. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196

INFORMATIVA SULLA PRIVACY. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 INFORMATIVA SULLA PRIVACY Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 Il sito www.worky-italy.com (di seguito, il Sito ) tutela la privacy dei visitatori

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Impresa in un giorno - 13 IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Le imprese che iniziano l attività di agente o rappresentante di commercio devono presentare la segnalazione certificata di inizio

Dettagli

Desk per la Tutela della Proprietá Intellettuale di Istanbul

Desk per la Tutela della Proprietá Intellettuale di Istanbul I Paesi che non dispongono delle tecnologie per la protezione dell ambiente e per la produzione di enrgie pulite, devono importarle. Per farlo devono acquisire la licenza a favore di una impresa locale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012 CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012 Articolo 1 - Definizioni Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita, i seguenti termini avranno il significato di seguito ad essi attribuito:

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A TEMPO DETERMINATO

BANDO DI CONCORSO A TEMPO DETERMINATO BANDO DI CONCORSO A TEMPO DETERMINATO Allegato A alla deliberazione N. 1005 del 16/12/2013. In esecuzione della deliberazione del Direttore Generale dell Azienda Sanitaria Locale N. 5 di Oristano N. 1005

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo Z2 : Domanda di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 26 T.U. Immigrazione e dell'art. 39, comma 9, del D.P.R. n. 394/99 e successive modifiche

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Regolamento di disciplina dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali per l iscrizione all albo delle persone fisiche consulenti finanziari. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

Linee guida per la gestione degli IPR relativi al software di cui al Progetto 4 Flight

Linee guida per la gestione degli IPR relativi al software di cui al Progetto 4 Flight Linee guida per la gestione degli IPR relativi al software di cui al Progetto 4 Flight Definizioni: Software significa: l insieme degli oggetti prodotti dalle attività svolte in tutte le fasi del ciclo

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che Schema di convenzione- tipo per contratti di finanziamento CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il...

Dettagli

Il deposito di un brevetto

Il deposito di un brevetto Il deposito di un brevetto Avete sviluppato un idea e vi state chiedendo quale sia la strategia migliore per proteggerla da possibili attacchi da parte di un concorrente? La legislazione in materia di

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

Ambasciata d Italia a Riad

Ambasciata d Italia a Riad ISTRUZIONI PER LE IMPRESE E PER I TECNICI DI FIDUCIA PER L ATTUAZIONE DELL ART. 84 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 In data 8 giugno 2011 è entrato in vigore il Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA AVVISO

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA AVVISO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA AVVISO SELEZIONI DI N 4 PRATICANTI AVVOCATO E N 2 TIROCINANTI PRESSO L UFFICIO AFFARI LEGALI DELLA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA L Azienda

Dettagli

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 ARTICOLO 1 Il praticante che intenda iscriversi deve presentare, oltre ai documenti richiesti dall art.

Dettagli

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione FACOLTÀ DI INGEGNERIA II 31 maggio 2011 La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione Relatore: Ing. Giuseppe Quinterno Jacobacci & Partners S.p.A. 1 Proprietà Intellettuale e Industriale

Dettagli

COMUNE DI ROCCARAINOLA

COMUNE DI ROCCARAINOLA COMUNE DI ROCCARAINOLA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI INTEGRATIVI PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA 2014 ART. 11 LEGGE 431/1998 Questa Amministrazione, in esecuzione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA. In convenzione con

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA. In convenzione con Prot. n. 83/2013 D.R. n. 56/2013 UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In convenzione con Corso di Perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera C L 341/90) Teorie e Tecniche

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO CHE

CONVENZIONE TRA PREMESSO CHE CONVENZIONE TRA LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA, con sede in Roma, Viale Tiziano, n.70 (di seguito indicata FMSI ), Codice Fiscale 97015300581, in persona del Presidente pro-tempore Dott. Maurizio

Dettagli

SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE

SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE RIAPERTURA DEI TERMINI E MODIFICA DEL BANDO (estensione della partecipazione ai cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti sul

Dettagli

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO O INDETERMINATO CON CONTRATTO DI LAVORO PART-TIME O FULL TIME DI PERSONALE CON QUALIFICA DI IMPIEGATO

Dettagli

FONDAZIONE Fratelli Camerano O.N.L.U.S. Riconosciuta con Decreto della Repubblica Italiana - Regione Sicilia D. D. G. n. 1831/VIII del 19 ottobre 2009

FONDAZIONE Fratelli Camerano O.N.L.U.S. Riconosciuta con Decreto della Repubblica Italiana - Regione Sicilia D. D. G. n. 1831/VIII del 19 ottobre 2009 RICHIESTA DI BORSA DI STUDIO BANDO STRAORDINARIO ANNO ACCADEMICO 2011/2012 PRIMA DI COMPILARE, LEGGERE ATTENTAMENTE IL BANDO DI SELEZIONE. SCRIVERE IN NERO ED IN STAMPATELLO LEGGIBILE. ALLEGARE A PENA

Dettagli

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10.

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10. CONTRATTO DI LICENZA D USO DI SOFTWARE ddaattaa Hyphen-Italia srl sede legale ed amministrativa: Verona > Via Marconi, 14 > 37010 Affi > Tel. +39 045.62.03.200 > Fax +39 045 62.03.250 Codice fiscale 04334860485

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

Istruzioni di compilazione

Istruzioni di compilazione Modulo Z : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro autonomo e di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 26 T.U. Immigrazione e art.

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Art. 2 Requisiti per l ammissione e modalità di presentazione delle domande di ammissione

Art. 2 Requisiti per l ammissione e modalità di presentazione delle domande di ammissione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE PROVE D ESAME D IDONEITÀ PER L ISCRIZIONE AL RUOLO DI AGENTI DI AFFARI IN MEDIAZIONE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità per

Dettagli

Ai fini della corretta lettura ed interpretazione delle presenti condizioni generali si considerano

Ai fini della corretta lettura ed interpretazione delle presenti condizioni generali si considerano CONDIZIONI GENERALI SITO INTERNET Ai fini della corretta lettura ed interpretazione delle presenti condizioni generali si considerano convenzionalmente applicabili le seguenti definizioni: VDA NET S.R.L.,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Circolare n. 25 Prot. AOODPIT/Reg.Uff./509 Roma, 2 marzo 2009 Al Direttore Generale per il personale della scuola SEDE Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e, p.c. Al Gabinetto

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli