Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata"

Transcript

1 Rassegna Stampa Comunicato stampa TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA "ACCELERATA" "IL 94% DEI PAZIENTI GUARISCE CON I TEMPI DI CURA PIU' BREVI" Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B Brescia Tel Fax San Antonio, 13 Dicembre 2013

2 Lettori:

3 Lettori: Tumori: funziona terapia 'accelerata' seno, 94% pazienti guarisce Roma, 13 dic. (Adnkronos Salute) - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione."la sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega Cognetti - si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità".l'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). "Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%).

4 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno (AGI) - Roma, 13 dic. - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre "standard", per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al "San Antonio Breast Cancer Symposium", il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. (AGI) Pgi (Segue)

5 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno (2) (AGI) - Roma, 13 dic. - "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e' stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E' la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe' in pazienti gia' operate, vengono ottenuti risultati cosi' positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' e' evidente, perche' un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita'". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e' stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). "Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioe' la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne' quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero' con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e' la piu' frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'eta' intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella piu' anziana (?70 anni, 21%). (AGI) Pgi

6 13/12/2013 LETTORI TUMORI: FUNZIONA TERAPIA 'ACCELERATA' CONTRO CANCRO SENO (AGI) - Roma, 13 dic. - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre "standard", per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al "San Antonio Breast Cancer Symposium", il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e' stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E' la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe' in pazienti gia' operate, vengono ottenuti risultati cosi' positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' e' evidente, perche' un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita'". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e' stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). "Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioe' la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne' quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero' con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e' la piu' frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'eta' intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella piu' anziana (?70 anni, 21%). (AGI)

7 LETTORI Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno (2) (AGI) Roma, 13 dic. "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e' stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E' la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe' in pazienti gia' operate, vengono ottenuti risultati cosi' positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' e' evidente, perche' un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita'". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e' stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). "Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti con la terapia comunemente usata, cioe' la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne' quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero' con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e' la piu' frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'eta' intermedia (50 69 anni, 36%) e in quella piu' anziana (?70 anni, 21%). (AGI) Pgi att rsa1018 tumori_funziona_terapia_accelerata_contro_cancro_seno_2

8 SANITA': COGNETTI SU CARCINOMA MAMMARIO, FUNZIONA TERAPIA ACCELERATA (AGENPARL) - San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). sanita cognetti su carcinoma mammariofunziona terapia accelerata

9 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno (AGI) Roma, 13 dic. La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre "standard", per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al "San Antonio Breast Cancer Symposium", il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e' stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E' la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe' in pazienti gia' operate, vengono ottenuti risultati cosi' positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' e' evidente, perche' un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita'". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e' stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). "Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti con la terapia comunemente usata, cioe' la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne' quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero' con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e' la piu' frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'eta' intermedia (50 69 anni, 36%) e in quella piu' anziana (?70 anni, 21%). (AGI). Sanita News/VisualizzaNews.aspx?type=Agi&key=10768

10 LETTORI TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA ACCELERATA IL 94% DELLE PAZIENTI GUARISCE CON TEMPI DI CURA PIÙ BREVI San Antonio, 13 dicembre Il prof. Francesco Cognetti del Regina Elena di Roma: La sopravvivenza aumenta del 5% quando la chemioterapia, dopo l intervento chirurgico, è somministrata ogni due settimane rispetto allo schema standard a intervalli di 21 giorni. Diminuisce anche il rischio di tossicità La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%).

11

12 TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA ACCELERATA IL 94% DELLE PAZIENTI GUARISCE CON TEMPI DI CURA PIÙ BREVI Il prof. Francesco Cognetti del Regina Elena di Roma: La sopravvivenza aumenta del 5% quando la chemioterapia, dopo l intervento chirurgico, è somministrata ogni due settimane rispetto allo schema standard a intervalli di 21 giorni. Diminuisce anche il rischio di tossicità San Antonio, 13/12/2013 (informazione.it - comunicati stampa) San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). stampa/nuovo

13

14 Tumore del seno: funziona la terapia accelerata. Il 94% delle pazienti guarisce con tempi di cura più brevi San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%).

15

16 TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA 'ACCELERATA'. "IL 94% DELLE PAZIENTI GUARISCE CON TEMPI DI CURA PIÙ BREVI" San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). di fbzfiorelli85/tumore del seno funziona la terapiaaccelerata il 94 delle pazienti guarisce con tempi di

17 TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA ACCELERATA San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%).

18 ONCOLOGIA, PRESENTATA RICERCA SU CHEMIOTERAPIA PER TUMORE A SENO (AIS) San Antonio, 13 dic 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). sanita.it/ricerca sviluppo e tecnologia/15233 oncologia presentata ricerca suchemioterapia per tumore a seno.html

19 Tumori: funziona terapia 'accelerata' seno, 94% pazienti guarisce Roma, 13 dic. (Adnkronos Salute) - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione."la sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega Cognetti - si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità".l'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). "Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). funziona terapia accelerata seno 94 pazienti guarisce _C65.aspx

20 Tumore al seno: migliori risultati con terapia accelerata, guarisce il 94% delle pazienti tumore-seno-rischi1la chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e piu efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il piu importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega Cognetti si tratta di una differenza significativa del 5%. E la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe in pazienti gia operate, vengono ottenuti risultati cosi positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense e evidente, perche un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude Cognetti con la terapia comunemente usata, cioe la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e la piu frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d eta intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella piu anziana ( 70 anni, 21%). al seno migliori risultati con terapia accelerata guarisce il 94 delle pazienti/246409/

21 13/12/2013 LETTORI Tumori: funziona terapia 'accelerata' seno, 94% pazienti guarisce Roma, 13 dic. (Adnkronos Salute) - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione."la sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega Cognetti - si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità".l'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). "Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%) articolo tumori_funziona_terapia accelerata seno_94_pazienti_guarisce.aspx

22 Tumore al seno: risultati ottimi con chemioterapia accelerata La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e piu efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il piu importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione.brest cancer 300x285 Tumore al seno: risultati ottimi con chemioterapia accelerata La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe in pazienti gia operate, vengono ottenuti risultati cosi positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense e evidente, perche un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti con la terapia comunemente usata, cioe la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali.per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e la piu frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d eta intermedia (50 69 anni, 36%) e in quella piu anziana (?70 anni, 21%). al seno risultati ottimi con chemioterapia accelerata/

23 Tumori: funziona terapia 'accelerata' seno, 94% pazienti guarisce Roma, 13 dic. (Adnkronos Salute) - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega Cognetti - si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). "Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). funziona terapia 39 accelerata 39 seno html

24 Tumore del seno: funziona la "terapia accelerata". "Il 94% dlle pazienti guarisce con tempi di cura più brevi" Presentato al Congresso americano di San Antonio lo studio GIM 2 su più di 2000 donne. Il prof. Francesco Cognetti del Regina Elena di Roma: La sopravvivenza aumenta del 5% quando la chemioterapia, dopo l intervento chirurgico, è somministrata ogni due settimane rispetto allo schema standard a intervalli di 21 giorni. Diminuisce anche il rischio di tossicità. La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). e benessere/tumore del seno funziona la terapia accelerata il 94 dlle pazienti guarisce

25 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno Roma, 13 dic. La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre 'standard', per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione.. notizie/

26 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno Roma, 13 dic. - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre 'standard', per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione.. funziona terapia accelerata contro cancro seno/newsdettaglio/

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Tiratura 09/2014: 40.000 Diffusione: n.d. Lettori: n.d. Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 6 02-GIU-2015 www.datastampa.it Tiratura 09/2014:

Dettagli

Tumori: oncologi, Italia capofila in cure, si guarisce in 9 casi su 10

Tumori: oncologi, Italia capofila in cure, si guarisce in 9 casi su 10 10-06-2013 Tumori: oncologi, Italia capofila in cure, si guarisce in 9 casi su 10 Roma, 10 giu. (Adnkronos Salute) Il tumore del seno guarisce in 9 casi su 10, se diagnosticato in anticipo. L Italia è

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO

L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO Latina, 26 Maggio 2012 Dott.ssa Federica Sebastiani Dipartimento di Oncologia.

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Indicatori di qualità nei carcinomi genitali femminili: ovaio e utero Serata di presentazione progetto Zonta Club Locarno 13.04.2010 Registro Tumori Canton Ticino Istituto Cantonale di Patologia Via in

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. 7 Febbraio 2011. A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio.

RASSEGNA STAMPA. 7 Febbraio 2011. A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio. RASSEGNA STAMPA 7 Febbraio 2011 A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio.it LA SICILIA Rassegna Stampa Arnas Garibaldi 7 Febbraio 2011 LA SICILIA

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

dal 2004 COVER STORY: AL COMANDO, CON GRAZIA BRESCIAmensile della città anno 8 - n. 79 - Maggio 2012 - euro 3

dal 2004 COVER STORY: AL COMANDO, CON GRAZIA BRESCIAmensile della città anno 8 - n. 79 - Maggio 2012 - euro 3 dal 2004 BRESCIAmensile della città anno 8 - n. 79 - Maggio 2012 - euro 3 Spedizione in a. p. D.L 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n.46) art.1, comma 1, DCB Bergamo In caso di mancato recapito restituire

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

Indicatori sulla terapia di oncologia medica

Indicatori sulla terapia di oncologia medica Indicatori sulla terapia di oncologia medica Michela Donadio Oncologia Medica Senologica Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino Torino, 2 dicembre 20 Terapie mediche neoad/adiuvanti:

Dettagli

CALABRIA, PIGRIZIA STILE DI VITA PER IL 65% DEGLI ADOLESCENTI ANDREA BARBERIS: METTETE IN PANCHINA SEDENTARIETÀ E ALIMENTAZIONE SBAGLIATA

CALABRIA, PIGRIZIA STILE DI VITA PER IL 65% DEGLI ADOLESCENTI ANDREA BARBERIS: METTETE IN PANCHINA SEDENTARIETÀ E ALIMENTAZIONE SBAGLIATA Rassegna Stampa Comunicato stampa CALABRIA, PIGRIZIA STILE DI VITA PER IL 65% DEGLI ADOLESCENTI ANDREA BARBERIS: METTETE IN PANCHINA SEDENTARIETÀ E ALIMENTAZIONE SBAGLIATA Intermedia s.r.l. per la comunicazione

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti Tiratura 04/2015: 148.106 Diffusione 04/2015: 83.049 Lettori I 2015: 484.000 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti da pag. 37 13-06-2015 Lettori 38.890 http://www.corriere.it/salute/ CONGRESSO AMERICANO DI ONCOLOGIA

Dettagli

FONTANAROSA VITO MARIA CV EUROPEO

FONTANAROSA VITO MARIA CV EUROPEO Nome FONTANAROSA VITO MARIA Data di nascita 07/02/1960 ESPERIENZA LAVORATIVA INTERNA Nome e indirizzo del datore di lavoro Date (da - a) 01/01/2012 - in corso Tipo di azienda o settore PUBBLICO AZIENDA

Dettagli

TERAPIA ORMONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: STATO DELL ARTE 28 APRILE 2009 SEDE

TERAPIA ORMONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: STATO DELL ARTE 28 APRILE 2009 SEDE 28 APRILE 2009 SEDE Hotel Palazzo Carpegna Via Aurelia 481 - Roma Direzione e Segreteria Scientifica Prof. Giuseppe Naso Professore Associato in Oncologia Medica, Università La Sapienza, Policlinico Umberto

Dettagli

TUMORI: COGNETTI, SI MUORE SEMPRE MENO, VINTI DA 1 MLN 285 MILA ITALIANI

TUMORI: COGNETTI, SI MUORE SEMPRE MENO, VINTI DA 1 MLN 285 MILA ITALIANI LETTORI 450.000 TUMORI: COGNETTI, SI MUORE SEMPRE MENO, VINTI DA 1 MLN 285 MILA ITALIANI Roma, 16 mag. (Adnkronos Salute) - "La parola 'cancro' è stata per lungo tempo quasi impronunciabile, sostituita

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata CANCRO: DE LORENZO A CAPO DELLA COALIZIONE EUROPEA DEI PAZIENTI.

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata CANCRO: DE LORENZO A CAPO DELLA COALIZIONE EUROPEA DEI PAZIENTI. Rassegna Stampa Comunicato stampa CANCRO: DE LORENZO A CAPO DELLA COALIZIONE EUROPEA DEI PAZIENTI. PARI DIRITTI PER TUTTI I MALATI, SERVE SUBITO UN PIANO ONCOLOGICO Intermedia s.r.l. per la comunicazione

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

RASSEGNA STAMPA martedì 26 maggio 2015

RASSEGNA STAMPA martedì 26 maggio 2015 RASSEGNA STAMPA martedì 26 maggio 2015 Dire ore GiulioRocco 26maggio2015 Roma,25mag.(ANSA)-InItalia,ogniannovengonodiagnos ca circa366.000nuovicasiditumore maligno(circa1.000algiorno),dicuicirca196.000(54%)negliuominiecirca169.000(46%)nele

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) INFORMAZIONI PERSONALI Nome tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL II

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa TUMORE DEL PANCREAS, 1.200 NUOVE DIAGNOSI ALL ANNO IN CAMPANIA. NAPOLI È IN PRIMA FILA PER SOSTENERE LA PREVENZIONE Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Comitato Scientifico: Gianni Amunni Oscar Bertetto Antonio Frassoldati Roberto Labianca Riccardo Masetti Paolo Pronzato

Comitato Scientifico: Gianni Amunni Oscar Bertetto Antonio Frassoldati Roberto Labianca Riccardo Masetti Paolo Pronzato Coordinamento Scientifico Pierfranco Conte Valentina Guarneri Comitato Scientifico: Gianni Amunni Oscar Bertetto Antonio Frassoldati Roberto Labianca Riccardo Masetti Paolo Pronzato A cura di OVER SRL

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata TUMORE DEL SENO, +27% DI CASI NELLE DONNE UNDER 50 DAL 2000

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata TUMORE DEL SENO, +27% DI CASI NELLE DONNE UNDER 50 DAL 2000 Rassegna Stampa Comunicato stampa TUMORE DEL SENO, +27% DI CASI NELLE DONNE UNDER 50 DAL 2000 LA MAMMOGRAFIA VA ESTESA ALLE 45ENNI E ALLE OVER 70 Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta,

Dettagli

Giornate Oncologiche dei Castelli Romani. A.di.m.o. Onlus Associazione per la Tutela dei Diritti dei Malati Oncologici

Giornate Oncologiche dei Castelli Romani. A.di.m.o. Onlus Associazione per la Tutela dei Diritti dei Malati Oncologici 11 CONGRESSO Giornate Oncologiche dei Castelli Romani A.di.m.o. Onlus Associazione per la Tutela dei Diritti dei Malati Oncologici Frascati - Villa Icidia 4/5 Dicembre 2015 Direttori del Congresso: Prof.

Dettagli

Epidemiologia dei tumori A. Spitale

Epidemiologia dei tumori A. Spitale Epidemiologia dei tumori A. Spitale 03 aprile 2007 Che cos è l Epidemiologia? Kleinbaum et al. (1982): L Epidemiologia è la scienza che studia lo stato di salute o di malattia nelle popolazioni umane I

Dettagli

Lettori: 661.000 Diffusione: 35.541. Dir. Resp.: Giuseppe De Tomaso. 16-DIC-2014 da pag. 16

Lettori: 661.000 Diffusione: 35.541. Dir. Resp.: Giuseppe De Tomaso. 16-DIC-2014 da pag. 16 Lettori: 661.000 Diffusione: 35.541 Dir. Resp.: Giuseppe De Tomaso 16-DIC-2014 da pag. 16 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 16-DIC-2014 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 18 Lettori: 2.848.000 Diffusione:

Dettagli

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini COME PREVENIRE IL CANCRO Dott.ssa Giulia Marini LA PREVENZIONE DEL CANCRO Prevenire il cancro è possibile: 1. Prima che si manifesti la malattia: con stili di vita adeguati e vaccini contro il cancro 2.

Dettagli

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI Organizzatore: J&B S.R.L. Unipersonale Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987 Referente: Dott. DANIELE PERRELLI - WEB - www.jbprof.com info@jbprof.com

Dettagli

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni http://salute24.ilsole24ore.com/articles/17936-un-paziente-su-cinque-con-cancro-al-polmone-sopravvive-dopo-3-anni Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni Un paziente su cinque,

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012

HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012 HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012 QUESTIONARIO DI APPRENDIMENTO RISPOSTE ESATTE Il test si supera se le risposte esatte sono 26

Dettagli

Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura

Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura Cos è uno screening Strategia di indagini diagnostiche generalizzate, utilizzate per identificare una malattia in una popolazione standard

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

TUMORI:FRONTIERA NANOFARMACI,RISULTATI PER SENO E PANCREAS FERRARI, NANOPARTICELLE COME 'TIR' PER VINCERE DIFESE CANCRO (di Manuela Correra)

TUMORI:FRONTIERA NANOFARMACI,RISULTATI PER SENO E PANCREAS FERRARI, NANOPARTICELLE COME 'TIR' PER VINCERE DIFESE CANCRO (di Manuela Correra) TUMORI:FRONTIERA NANOFARMACI,RISULTATI PER SENO E PANCREAS FERRARI, NANOPARTICELLE COME 'TIR' PER VINCERE DIFESE CANCRO (di Manuela Correra) (ANSA) - ROMA, 19 MAR - Come dei Tir o dei droni, 'trasportano'

Dettagli

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare Rassegna Stampa Preliminare Co n stampa Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B 25124 Brescia Tel. 030 22 61 05 Fax 030 24 20 472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it www.intermedianews.tv

Dettagli

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 A cura di: Dr.ssa M. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi, Dr. S. Pisani U. O. S. Sorveglianza

Dettagli

14-09-2014 50/51 1 / 5

14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 2 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 3 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 4 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 5 / 5 QUOTIDIANO AIOM: estendiamo i divieti

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana Anno I Numero 57 AVVISO Giuramento di Galeno: -Sabato 15 Dicembre 2012 - Concorso Straordinario: - bando della Toscana Notizie in Rilievo Salute e Benessere 1. Le proprietà curative degli oli essenziali

Dettagli

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Relazione sul cancro al seno nell Unione Europea 7 maggio 2003 gli Stati membri sono invitati a fare della lotta contro il cancro al seno una priorità

Dettagli

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata LA "MEDICINA DEI SANI" SALE IN CATTEDRA NELLE UNIVERSITA'

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata LA MEDICINA DEI SANI SALE IN CATTEDRA NELLE UNIVERSITA' Rassegna Stampa Comunicato stampa LA "MEDICINA DEI SANI" SALE IN CATTEDRA NELLE UNIVERSITA' "COSI' PREPARIAMO I FUTURI MEDICI A PRATICARE LA PREVENZIONE" Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

TERAPIA. Sostegno alla Donna, alla Famiglia, Collaborazione con Organizzazioni ed altri Servizi

TERAPIA. Sostegno alla Donna, alla Famiglia, Collaborazione con Organizzazioni ed altri Servizi TERAPIA. Sostegno alla Donna, alla Famiglia, Collaborazione con Organizzazioni ed altri Servizi Francesca Rovera Università degli Studi dell Insubria Azienda Ospedale di Circolo Varese CARCINOMA MAMMARIO:

Dettagli

Riabilitazione e capacità produttive dei malati e dei guariti dal cancro

Riabilitazione e capacità produttive dei malati e dei guariti dal cancro Convegno LAVORARE DURANTE E DOPO IL CANCRO Una risorsa per l'impresa e per il lavoratore Riabilitazione e capacità produttive dei malati e dei guariti dal cancro Prof. Francesco Cognetti Direttore, Dipartimento

Dettagli

Prevenzione della tossicità cutanea indotta da trattamento radioterapico nel tumore della mammella: confronto tra diversi trattamenti topici

Prevenzione della tossicità cutanea indotta da trattamento radioterapico nel tumore della mammella: confronto tra diversi trattamenti topici Prevenzione della tossicità cutanea indotta da trattamento radioterapico nel tumore della mammella: G.Virdis, G. Pavanato, G. Mandoliti SOC Radioterapia Oncologica Azienda ULSS 18 - Rovigo Obiettivi dello

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena ShortHER: TRATTAMENTO ADIUVANTE CON HERCEPTIN PER 3 MESI VERSO 12 MESI, IN ASSOCIAZIONE CON 2 DIFFERENTI REGIMI DI CHEMIOTERAPIA, NELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVE Eudract 2007-004326-25

Dettagli

Assapora la Vita Bergamo, 5 maggio 2012

Assapora la Vita Bergamo, 5 maggio 2012 Assapora la Vita Bergamo, 5 maggio 2012 Quotidiani - Periodici Testata Readership Titolo Data Giornalista L'Eco di Bergamo 293.000 La lotta al tumore passa anche da tavola e menu. 06-05-2012 Marina Marzulli

Dettagli

RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014

RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014 RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014 02/12/2014 - TUMORE DEL SENO E DELLA TIROIDE, CONVEGNO GIOVEDÌ IN CHIESA Campobasso. Giovedì 4 dicembre alle 18 e 30 nella chiesa di S.Antonio Abate, a Campobasso,

Dettagli

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara)

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara) Protocollo diagnostico-terapeutico per le Pazienti con carcinoma mammario La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati

Dettagli

IL MMG E LO SCREENING

IL MMG E LO SCREENING IL MMG E LO SCREENING Tirocinio Medicina Generale Siena 2009 RUOLO DEI MMG NEI PROGRAMMI DI SCREENING ONCOLOGICO 1. Progettazione 2. Correzione liste di invito 3. Firma dell invito personalizzato 4. Consegna

Dettagli

IL CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVO

IL CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVO Giornata monotematica pugliese: IL CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVO Sabato 1 Marzo 2014 Hotel Sheraton Razionale Negli ultimi anni la ricerca in campo oncologico ha sviluppato una serie di nuovi farmaci

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990.

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. agosto 2015 EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. Registro Tumori del Veneto Baracco M, Baracco S, Bovo E, Cesco G, Dal

Dettagli

14 AGOSTO 2004 - ORA Casa di Cura Villa Salus di A. Barresi e C. s.a.s. Viale Regina Margherita, 15/b - 98121 - Messina

14 AGOSTO 2004 - ORA Casa di Cura Villa Salus di A. Barresi e C. s.a.s. Viale Regina Margherita, 15/b - 98121 - Messina F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPADARO PIETRO Indirizzo VIA LA FARINA, 141 MESSINA E-mail drspadaropietro@yahoo.it Nazionalità Italiana Data di nascita 26/ 04/1955

Dettagli

CONOSCERE PER GUARIRE. Tumore del seno. Ai m. Associazione Italiana di Oncologia Medica

CONOSCERE PER GUARIRE. Tumore del seno. Ai m. Associazione Italiana di Oncologia Medica CONOSCERE PER GUARIRE Tumore del seno o Associazione Italiana di Oncologia Medica Ai m Una lotta che si può vincere 75% 77% 77% La probabilità media di guarire definitivamente La percentuale media di sopravvivenza

Dettagli

Chairmen: Sabino De Placido, Luca Gianni

Chairmen: Sabino De Placido, Luca Gianni Chairmen: Sabino De Placido, Luca Gianni P R O G R A M M A S C I E N T I F I C O P R E L I M I N A R E COORDINATORI SCIENTIFICI SABINO DE PLACIDO Università Degli Studi di Napoli Federico II, Napoli LUCA

Dettagli

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata Lara Bettinzoli Recentemente sono stati pubblicati i risultati di uno studio sulla terapia adiuvante del carcinoma mammario nelle pazienti

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO GISMa 26-27 settembre 2013

MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO GISMa 26-27 settembre 2013 Antonio Maestri UOC Oncologia/Hospice Ospedale Santa Maria della Scaletta Azienda USL di Imola PERCORSI E RIPERCORSI SENOL RT CHIR AN PAT ONCO DIAGNOSTICA SENOLOGICA MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO CHIRURGIA

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata AL VIA LA CAMPAGNA LA LOTTA AL CANCRO NON HA ETA

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata AL VIA LA CAMPAGNA LA LOTTA AL CANCRO NON HA ETA Rassegna Stampa Conferenza stampa AL VIA LA CAMPAGNA LA LOTTA AL CANCRO NON HA ETA DONA UN SMS SOLIDALE A FAVORE DEGLI ANZIANI Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B 25124 Brescia

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa LA SIMG: SIAMO LE SENTINELLE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE PARTE VÌOLA, IL PROGETTO PER ABBATTERE IL MURO DEL SILENZIO Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dettagli

Conferenza stampa Tumore al polmone: identikit di un big killer mondiale

Conferenza stampa Tumore al polmone: identikit di un big killer mondiale Conferenza stampa Tumore al polmone: identikit di un big killer mondiale Rassegna stampa 07 novembre-16 dicembre 2013 TUMORI: 38 MILA NUOVE DIAGNOSI CANCRO POLMONI NEL 2013 IN ITALIA TUMORI: 38 MILA NUOVE

Dettagli

MICHAEL DOUGLAS, CANCRO A GOLA CAUSATO DA SESSO ORALE

MICHAEL DOUGLAS, CANCRO A GOLA CAUSATO DA SESSO ORALE 03-06-2013 LETTORI 651.000 MICHAEL DOUGLAS, CANCRO A GOLA CAUSATO DA SESSO ORALE Poi precisa: 'Non parlavo del mio'. Ginecologi, in aumento tumori da HPV LONDRA - "Il cancro alla gola può essere causato

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella DIPARTIMENTO EMATOLOGIA, ONCOLOGIA E MEDICINA DI LABORATORIO - DIRETTORE: PROF. F.W. GRIGIONI DIPARTIMENTO EMERGENZA/URGENZA, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI - DIRETTORE: PROF. A.D. PINNA DIPARTIMENTO

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Venerdì 8/02/2013. Tumore della mammella Dalla letteratura alla pratica clinica:un modello integrato ospedale territorio.

Venerdì 8/02/2013. Tumore della mammella Dalla letteratura alla pratica clinica:un modello integrato ospedale territorio. Venerdì 8/02/2013 Tumore della mammella Dalla letteratura alla pratica clinica:un modello integrato ospedale territorio. un percorso amico H 10.00 Registrazione dei partecipanti H 10.20 Inaugurazione Prof

Dettagli

Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato.

Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato. Dott. Castellari Sigerio Specialista in Oncologia Generale Radiologia e Terapia Fisica Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato. Sintesi

Dettagli

Incinta e devi fare una radiografia? Ecco i casi in cui è pericoloso

Incinta e devi fare una radiografia? Ecco i casi in cui è pericoloso 02-04-2015 Lettori 170.000 http://www.lastampa.it/ Incinta e devi fare una radiografia? Ecco i casi in cui è pericoloso I danni al feto possibili soltanto in caso di elevate dosi di radiazioni. In una

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1 Carcinoma esofageo 1 Anatomia 2 scaricato da www.sunhope.it 1 3 Epidemiologia ed Eziologia 4 scaricato da www.sunhope.it 2 Epidemiologia ed Eziologia Costituisce il 50% di tutta la patologia d organo 7%

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

MALATTIE CRONICHE, UN SALASSO DA 60 MILIARDI PER LO STATO ITALIANO CON "MOVIMENTO PER LA SALUTE" LA CURA PASSA ALL'ESERCIZIO FISICO

MALATTIE CRONICHE, UN SALASSO DA 60 MILIARDI PER LO STATO ITALIANO CON MOVIMENTO PER LA SALUTE LA CURA PASSA ALL'ESERCIZIO FISICO Rassegna Stampa Convegno nazionale MALATTIE CRONICHE, UN SALASSO DA 60 MILIARDI PER LO STATO ITALIANO CON "MOVIMENTO PER LA SALUTE" LA CURA PASSA ALL'ESERCIZIO FISICO Intermedia s.r.l. per la comunicazione

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

UN NUOVO MODO DI FARE

UN NUOVO MODO DI FARE V Edizione Corso ECM Multidisciplinarietà e Biologia Molecolare Applicate alla Pratica Clinica: un Oppotrunità per Tutti On Behalf CaTheDra Multidisciplinary Cancer Group LA BIOLOGIA MOLECOLARE IN PRATICA

Dettagli

Quale trattamento adiuvante adottare per una neoplasia non muscolo invasiva?

Quale trattamento adiuvante adottare per una neoplasia non muscolo invasiva? Quale trattamento adiuvante adottare per una neoplasia non muscolo invasiva? Un occhio alle LINEE GUIDA Il 75-85% dei pazienti che si presentano con neoplasia vescicale alla prima diagnosi, presenta una

Dettagli

Carcinoma mammario nelle giovani donne

Carcinoma mammario nelle giovani donne Carcinoma mammario nelle giovani donne RELATORI E MODERATORI Eraldo O. Bucci Responsabile - UO Oncologia Medica MultiMedica Castellanza Azzurra Cangiano Psicooncologia UO Oncologia Medica MultiMedica Castellanza

Dettagli

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI PRESIDENTI COMITATO ORGANIZZATORE Giovanni Battista D Errico COMITATO SCIENTIFICO Vincenzo Contursi Giovanni Battista D Errico SEGRETERIA SCIENTIFICA SIICP-Società Italiana Interdisciplinare per le Cure

Dettagli

possibile La prevenzione LA SALUTE Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione obiettivo sicurezza

possibile La prevenzione LA SALUTE Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione obiettivo sicurezza a cura di Pompeo Pindozzi LA La prevenzione possibile Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione Dopo i 25 anni Tra i 25 e i 40 anni Verso i 40 anni Dopo i 40 anni La

Dettagli

Ilcestodiciliege ONLUS. Lega Italiana per la lotta contro i tumori di Modena

Ilcestodiciliege ONLUS. Lega Italiana per la lotta contro i tumori di Modena Ilcestodiciliege ONLUS Lega Italiana per la lotta contro i tumori di Modena Ilcestodiciliege onlus e la Lega per la lotta contro i tumori di Modena (per la lotta e la cura del tumore al seno) Per l aspetto

Dettagli

Laurea in Medicina e Chirurgia Diploma di specializzazione in Radiodiagnostica

Laurea in Medicina e Chirurgia Diploma di specializzazione in Radiodiagnostica CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Qualifica Amministrazione Incarico attuale Costa Liliana Dirigente Medico di Radiodiagnostica Azienda Sanitaria Provinciale di Responsabile f.f. U.O.S.Screening

Dettagli

Il tumore al seno fa meno paura: decisiva la diagnosi precoce

Il tumore al seno fa meno paura: decisiva la diagnosi precoce 25-07-2014 www.tmnews.it Il tumore al seno fa meno paura: decisiva la diagnosi precoce Nel 2014 si stima che saranno 48.000 i casi in Italia Roma, 25 ott. (TMNews) - Oggi il tumore al seno fa sempre meno

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANGILERI MARIA GRAZIA Data di nascita 17/05/1979 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

Dettagli

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia 2 SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia Andrea Sagona Istituto Clinico Humanitas, Milano Adele

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa LAZIO, CONSUMO ECCESSIVO DI ALCOL PER IL 70% DEGLI ADOLESCENTI ANTONIO CANDREVA: PER UN PIENO DI DIVERTIMENTO NON SERVE UBRIACARSI Intermedia s.r.l. per la comunicazione

Dettagli