Case Study: Distribuzione logistica per Azienda di prodotti a largo consumo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Case Study: Distribuzione logistica per Azienda di prodotti a largo consumo"

Transcript

1 Case Study: Distribuzione logistica per Azienda di prodotti a largo consumo Matteo Casu 2002

2 Situazione Attuale 1 STABILIMENTO DI PRODUZIONE 1 MAGAZZINO PRODOTTI C/O STABILIMENTO 4 CENTRI DI SMISTAMENTO REGIONALI PER IL NORD 6 CENTRI DI SMISTAMENTO REGIONALI PER IL CENTRO-SUD I CENTRI DI SMISTAMENTO REGIONALI (CSR) DISTRIBUISCONO CAPILLARMENTE I PRODOTTI NELLE ZONE DI COMPETENZA TERZIARIZZAZIONE DEI TRASPORTI 2

3 Situazione Attuale NORD CENTRI DI SMISTAMENTO REGIONALI (CSR) CENTRO-SUD STABIL. PIEMONTE AOSTA LIGURIA LOMBARDIA VENETO TRENTINO A.A. FRIULI EMILIA-ROMAGNA TOSCANA UMBRIA LAZIO CAMPANIA MARCHE ABRUZZO MOLISE BASILICATA PUGLIA CALABRIA SICILIA SARDEGNA (Transit Point a Napoli) 3

4 Alternative logistiche AMPLIAMENTO MAGAZZINO DI STABILIMENTO E SUA TRASFORMAZIONE IN BASE LOGISTICA PER TUTTI I 10 CSR STABIL. BASE LOGISTICA 4

5 Alternative logistiche CREAZIONE DI UNA BASE LOGISTICA PER TUTTI I 10 CSR A BOLOGNA, CON ELIMINAZIONE DEL MAGAZZINO DI STABILIMENTO STABIL. BASE LOGISTICA 5

6 Alternative logistiche AMPLIAMENTO MAGAZZINO DI STABILIMENTO E SUA TRASFORMAZIONE IN BASE LOGISTICA PER TUTTO IL CENTRO SUD (6 CSR) CREAZIONE DI BASE LOGISTICA A MILANO PER IL NORD (4 CSR) STABIL. BASE LOGISTICA 6

7 Dati di Input (Movimentazioni annue) Movimentazioni annue i kg spediti Nr. Spediz PIEMONTE AOSTA 1 1,948,904 33,145 LIGURIA LOMBARDIA 2 4,042,429 68,678 VENETO TRENTINO A.A. FRIULI 3 3,160,399 43,422 EMILIA-ROMAGNA 4 1,857,553 33,012 TOSCANA UMBRIA 5 1,283,018 22,355 LAZIO CAMPANIA 6 1,795,317 27,082 MARCHE ABRUZZO MOLISE 7 889,730 15,521 BASILICATA PUGLIA 8 393,392 6,989 CALABRIA 9 303,090 4,015 SICILIA SARDEGNA 10 1,080,763 15,854 7

8 Dati di Input (Basi-CSR) Ore Medie Trasporto Base-CSR Da Stab. Da Bologna Da Milano i/k PIEMONTE AOSTA LIGURIA LOMBARDIA VENETO TRENTINO A.A. FRIULI EMILIA-ROMAGNA TOSCANA UMBRIA LAZIO CAMPANIA MARCHE ABRUZZO MOLISE BASILICATA PUGLIA CALABRIA SICILIA SARDEGNA (TP A NAPOLI) k Costo orario trasporto UdC Base-CSR Costo Gestione spedizione UdC Base-CSR Costo Spedizione con navetta Costo Gestione spedizione navetta Portata navetta (t) Costo annuo gestione base 2,500,000 2,500,000 3,200,000 Valore annuo scorte 6,000,000 6,000,000 7,000,000 % costo annuo mantenimento scorte 20% 20% 20% 8

9 Dati di Input (CSR-Dettaglio) Costi di gestione CSR/TP Costo annuo gestione CSR/TP Costo per UdSped CSR/TP i PIEMONTE AOSTA 1 925, LIGURIA LOMBARDIA 2 925, VENETO TRENTINO A.A. FRIULI 3 925, EMILIA-ROMAGNA 4 925, TOSCANA UMBRIA 5 925, LAZIO CAMPANIA 6 925, MARCHE ABRUZZO MOLISE 7 925, BASILICATA PUGLIA 8 925, CALABRIA 9 925, SICILIA SARDEGNA (TP) ,

10 Dati di Input (CSR-Dettaglio) Costi di trasporto CSR/TP Costo orario trasporto CSR- Dettaglio Spedizioni annue a Dettaglio Tempo medio trasporto a Dettaglio r PIEMONTE AOSTA LIGURIA LOMBARDIA VENETO TRENTINO A.A FRIULI EMILIA-ROMAGNA TOSCANA UMBRIA LAZIO CAMPANIA MARCHE ABRUZZO MOLISE BASILICATA PUGLIA CALABRIA SICILIA SARDEGNA

11 Obiettivi VALUTAZIONE DELLE ALTERNATIVE LOGISTICHE SULLA BASE DI ALCUNE METRICHE VALUTAZIONE DELLA REDDITIVITA DI MODIFICHE AL PROCESSO DISTRIBUTIVO: INVIO DELLA MERCE DESTINATA IN CAMPANIA AL TP DI NAPOLI INVIO AL TP DI NAPOLI ANCHE DELLA MERCE PER LA CALABRIA, E CHIUSURA DEL CSR DELLA CALABRIA UTILIZZO DI UN TP A GENOVA PER LA MERCE DESTINATA IN LIGURIA E SARDEGNA 11

12 Metriche di Valutazione Alternative COSTI TEMPI DI CONSEGNA UTILIZZO DELLE RISORSE DI TRASPORTO 12

13 Valutazioni con dati medi COSTO TRASPORTO A BASE = (KG SPEDITI/PORTATA NAVETTA)*COSTO TRASPORTO A BASE Da Stab. Da Bologna Da Milano , ,650 COSTI TRASPORTO A CSR = ORE TRASPORTO*COSTO ORARIO UdC * N.RO SPEDIZIONI i/k PIEMONTE AOSTA 1 1,014, , ,482 LIGURIA LOMBARDIA 2 1,751,289 1,277, ,166 VENETO TRENTINO A.A. FRIULI 3 1,328,713 1,076, ,543 EMILIA-ROMAGNA 4 336, , ,939 TOSCANA UMBRIA 5 798, , ,074 LAZIO CAMPANIA 6 1,243,064 1,175,359 1,243,064 MARCHE ABRUZZO MOLISE 7 316, , ,628 BASILICATA PUGLIA 8 249, , ,507 CALABRIA 9 266, , ,195 SICILIA SARDEGNA (TP A NAPOLI) , , ,409 Totale Costo Trasporto a CSR 8,193,839 7,286,339 5,485,007 13

14 Valutazioni con dati medi COSTO GESTIONE SPEDIZIONI = NUMERO SPEDIZIONI*COSTO GESTIONE SPEDIZIONI COSTI GESTIONE TRASPORTO NAVETTA = NUMERO NAVETTE*COSTO GESTIONE SPEDIZIONE NAVETTA COSTO ANNUO GESTIONE BASE COSTO ANNUO MANTENIMENTO SCORTE = VALORE ANNUO SCORTE*%MANTENIMENTO SCORTE Costo Gestione Spedizioni 945, , ,256 Costo Gestione Trasporto Navetta 0 46,075 30,276 Costo annuo gestione base 2,500,000 2,500,000 3,200,000 Costo annuo mantenimento scorte 1,200,000 1,200,000 1,400,000 14

15 Valutazioni con dati medi COSTO TRASPORTO CSR-DETTAGLIO = NUMERO SPEDIZIONI* COSTO ORARIO TRASPORTO PER UdC* ORE TRASPORTO Da Stab. Da Bologna Da Milano Costi Trasporto a Dettaglio r/k PIEMONTE AOSTA 1 404, , ,369 LIGURIA 2 145, , ,505 LOMBARDIA 3 359, , ,919 VENETO 4 181, , ,726 TRENTINO A.A. 5 37,549 37,549 37,549 FRIULI 6 154, , ,042 EMILIA-ROMAGNA 7 191, , ,470 TOSCANA 8 92,483 92,483 92,483 UMBRIA 9 43,054 43,054 43,054 LAZIO 10 97,755 97,755 97,755 CAMPANIA , , ,215 MARCHE 12 27,891 27,891 27,891 ABRUZZO MOLISE , , ,486 BASILICATA 14 11,947 11,947 11,947 PUGLIA 15 26,875 26,875 26,875 CALABRIA 16 36,938 36,938 36,938 SICILIA 17 1,256,508 1,256,508 1,256,508 SARDEGNA , , ,300 Totale Costi Trasporto a Dettaglio 3,763,032 3,763,032 3,763,032 15

16 Valutazioni con dati medi COSTO GESTIONE CSR / TP = COSTO ANNUO GESTIONE + COSTO UNITARIO SPEDIZIONE*NUMERO SPEDIZIONI i/k PIEMONTE AOSTA 1 1,118,886 1,118,886 1,118,886 LIGURIA LOMBARDIA 2 1,326,017 1,326,017 1,326,017 VENETO TRENTINO A.A. FRIULI 3 1,178,794 1,178,794 1,178,794 EMILIA-ROMAGNA 4 1,118,111 1,118,111 1,118,111 TOSCANA UMBRIA 5 1,055,989 1,055,989 1,055,989 LAZIO CAMPANIA 6 1,083,544 1,083,544 1,083,544 MARCHE ABRUZZO MOLISE 7 1,016,152 1,016,152 1,016,152 BASILICATA PUGLIA 8 966, , ,416 CALABRIA 9 949, , ,080 SICILIA SARDEGNA (TP) , , ,518 Totale Costo annuo gestione CSR/TP 10,373,506 10,373,506 10,373,506 16

17 Valutazioni con dati medi (Dati di costo in kunit) Basi Stabil. Base Bologna Base Milano Ipotesi Iniziale Costi Basi-CSR 12, , , Costi CSR-Dettaglio 14, , , Costi Totali 26, , , Spostamento Campania Costi Basi-CSR 12, , , Costi CSR-Dettaglio 14, , , Costi Totali 27, , , Spostamento Calabria Costi Basi-CSR 12, , , Costi CSR-Dettaglio 13, , , Costi Totali 26, , , Spostamento Liguria Sardegna Costi Basi-CSR 13, , , Costi CSR-Dettaglio 14, , , Costi Totali 27, , ,

18 Valutazioni con dati medi CON QUESTO TIPO DI VALUTAZIONE NON E PERO POSSIBILE: VALUTARE I TEMPI DI CONSEGNA, CHE DIPENDONO DALLA COMPOSIZIONE DEI CARICHI DELLE NAVETTE VERSO LE BASI E I CSR VALUTARE L UTILIZZO DELLE RISORSE DI TRASPORTO TENERE CONTO DELLA VARIABILITÀ NELL IMMISSIONE DEGLI ORDINI DI SPEDIZIONE TENERE CONTO DELLA VARIABILITÀ NEI TEMPI DI TRASPORTO QUESTI FATTORI POSSONO INFLUENZARE LE PRESTAZIONI, E DI QUANTO? 18

19 Modelli di simulazione I MODELLI SONO CARATTERIZZATI DA COMPONENTI PRINCIPALI: LO STABILIMENTO LA O LE BASI LOGISTICHE I CENTRI DI SMISTAMENTO REGIONALI IL TRASPORTO AL DETTAGLIO SOLO L OGGETTO BASE CAMBIA A SECONDA DELLE ALTERNATIVE 19

20 Modelli di simulazione LO STABILIMENTO GENERA GLI ORDINI DI DISTRIBUZIONE VERSO LE BASI LA FREQUENZA DI GENERAZIONE CORRISPONDE AI DATI DI INPUT DEL PROBLEMA IL MATERIALE DA TRASPORTARE VIENE INVIATO ALLA O ALLE BASI 20

21 Modelli di simulazione IL MODELLO DELLA BASE CAMBIA A SECONDA DELL ALTERNATIVA LA FIGURA RAPPRESENTA LA PARTE DEL MODELLO RELATIVA AL CASO DI MODELLO A DUE BASI IN QUESTO CASO SI USA UNA NAVETTA PER LA BASE DI MILANO E MEZZI DI TRASPORTO INTERNI PER LA BASE DI STABILIMENTO 21

22 Modelli di simulazione A SECONDA DEL CSR DI DESTINAZIONE (NORD O CENTRO-SUD) L ORDINE VIENE SMISTATO ALLA BASE OPPORTUNA E DI QUI AL CSR GLI ORDINI CONFLUENTI VENGONO RAGGRUPPATI PER COSTITUIRE UN CARICO PER LA NAVETTA (NEL CASO DI BASI A MILANO O BOLOGNA) 22

23 Modelli di simulazione IL TRASPORTO DALLA BASE AL CSR AVVIENE CON UN ULTERIORE NAVETTA LA NAVETTA SERVE TUTTI GLI ORDINI PER QUEL CSR ARRIVATI ALLA BASE I TEMPI DI TRASPORTO SONO CONGRUENTI CON I DATI DI INPUT 23

24 Modelli di simulazione DIVERSI MEZZI DI TRASPORTO SI OCCUPANO DELLA DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO UNA VOLTA TRASPORTATO AL DETTAGLIO, L ORDINE VIENE CONSIDERATO EVASO AL MOMENTO DELL EVASIONE DI UN ORDINE, GLI VENGONO ASSOCIATI TUTTI I COSTI DI PROCESSAMENTO 24

25 Modelli di simulazione I TEMPI E COSTI (UNIT) DI TRASPORTO, E IL NUMERO DI MEZZI UTILIZZATI, SONO RIPORTATI IN TABELLA OGNI MEZZO DI TRASPORTO SERVE PIU ORDINI DI CONSEGNA I TEMPI DI TRASPORTO SONO RELATIVI ALLE TRATTE FRA DUE CONSEGNE COSTO/H TRASP. (h) MEZZI PIEMONTE AOSTA LOMBARDIA LIGURIA VENETO TRENTINO A.A FRIULI V.G EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA LAZIO CAMPANIA MARCHE ABRUZZO MOLISE PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA

26 Modelli di simulazione IL TRASPORTO DAL TRANSIT POINT VERSO LA SICILIA E LA SARDEGNA AVVIENE VIA NAVE VENGONO UTILIZZATI I TRAGHETTI DI LINEA ALLO SBARCO, LA DISTRIBUZIONE AVVIENE COME PER LE ALTRE REGIONI 26

27 Risultati della simulazione SI E UTILIZZATA LA METODOLOGIA ABC (Activity Based Costing) PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ALTERNATIVE IL DATO DI COSTO UTILIZZATO PER LA VALUTAZIONE E STATO IL COSTO TOTALE ASSORBITO DALLE ENTITÀ (ORDINI DI SPEDIZIONE) IL COSTO TOTALE ASSORBITO VIENE GENERATO DALL UTILIZZO DELLE RISORSE (TRASPORTI E MAGAZZINI), E DAI COSTI FISSI DI GESTIONE 27

28 Risultati della simulazione LE ALTRE METRICHE DI VALUTAZIONE DELLE ALTERNATIVE LOGISTICHE SONO: TEMPO MEDIO (MEDIATO SU TUTTE LE DESTINAZIONI) DI CONSEGNA ORDINI TEMPO MASSIMO (MEDIATO SU TUTTE LE DESTINAZIONI) DI CONSEGNA ORDINI UTILIZZO MEDIO DELLA NAVETTA DA STABILIMENTO A BASE (SE ESISTE) UTILIZZO MEDIO DELLE NAVETTE DA BASE A CSR (TRS-xx) UTILIZZO MEDIO DEI MEZZI DI TRASPORTO AL DETTAGLIO (DET-xx) 28

29 Confronti fra le alternative (basi logistiche) DATI DI COSTO LA LA BANDA BANDA DI DI OSCILLAZIONE OSCILLAZIONE DEI DEI COSTI, COSTI, CHE CHE TIENE TIENE CONTO CONTO DELLA DELLA VARIABILITÀ VARIABILITÀ NELLA NELLA GENERAZIONE GENERAZIONE DEGLI DEGLI ORDINI ORDINI E NEI NEI TEMPI TEMPI DI DI TRASPORTO, TRASPORTO, E E COMUNQUE COMUNQUE DISGIUNTA DISGIUNTA PER PER OGNI OGNI ALTERNATIVA: ALTERNATIVA: E E POSSIBILE POSSIBILE DISCRIMINARE DISCRIMINARE FRA FRA LE LE SOLUZIONI SOLUZIONI Unit COSTO TOTALE ALTERNATIVE 2BasiOrig I I COSTI COSTI SONO SONO PIU PIU ALTI ALTI RISPETTO RISPETTO ALLA ALLA VALUTAZIONE VALUTAZIONE CON CON DATI DATI MEDI MEDI 1BaseBO 1BaseStab LE LE DIFFERENZE DIFFERENZE FRA FRA LE LE SOLUZIONI SOLUZIONI SONO SONO MENO MENO SIGNIFICATIVE SIGNIFICATIVE RISPETTO RISPETTO AI AI DATI DATI MEDI MEDI Lim Sup Media Lim inf 29

30 Confronti fra le alternative (basi logistiche) TEMPI DI CONSEGNA LE LE SOLUZIONI SOLUZIONI SONO SONO STATISTICAMENTE EQUIVALENTI: EQUIVALENTI: IL IL PROCESSO PROCESSO DI DI DISTRIBUZIONE DISTRIBUZIONE NON NON DIPENDE DIPENDE DALL ALTERNATIVA h TEMPI CONSEGNA MEDI E MAX MEDIA MAX Lim Sup Media Lim inf 2BasiOrig 1BaseBO 1BaseStab SIA SIA I I TEMPI TEMPI MEDI MEDI CHE CHE I I TEMPI TEMPI MASSIMI MASSIMI DI DI CONSEGNA CONSEGNA NON NON RISPETTANO RISPETTANO I I REQUISITI REQUISITI 2BasiOrig 1BaseBO 1BaseStab 30

31 Confronti fra le alternative (basi logistiche) TEMPI DI CONSEGNA CAUSE DEL MANCATO RISPETTO DEI TEMPI DI CONSEGNA: TEMPI DI ATTESA PER LA COMPOSIZIONE DI UN CARICO PER LA NAVETTA STABILIMENTO-BASI (CIRCA 12 h PER MILANO - DUE BASI E 10h PER BOLOGNA - BASE UNICA) TEMPI DI ATTESA NELLO STABILIMENTO PER COMPORRE UN CARICO MINIMO PER LE NAVETTE TRS PER IL CENTRO-SUD (MEDIAMENTE 22 h NEL CASO DI DUE BASI) IL PROCESSO LOGISTICO NON E EFFICIENTE 31

32 Confronti fra le alternative (basi logistiche) UTILIZZO RISORSE LE LE ALTERNATIVE ALTERNATIVE NON NON DIFFERISCONO DIFFERISCONO PER PER IL IL TRASPORTO TRASPORTO A DETTAGLIO DETTAGLIO 60.00% 50.00% 40.00% 30.00% 20.00% 10.00% 0.00% UTILIZZO RISORSE TRS, DET E NAVETTA TRS DET NAVETTA 2BasiOrig 1BaseBO 1BaseStab 2BasiOrig 1BaseBO 1BaseStab 2BasiOrig 1BaseBO 1BaseStab Lim Sup Media Lim inf UN UN MINORE MINORE UTILIZZO UTILIZZO SIGNIFICA SIGNIFICA UN UN NUMERO NUMERO MINORE MINORE DI DI MISSIONI, MISSIONI, QUINDI QUINDI MIGLIORI MIGLIORI FATTORI FATTORI DI DI RIEMPIMENTO RIEMPIMENTO DEI DEI CARICHI, CARICHI, IN IN DEFINITIVA DEFINITIVA MINORI MINORI COSTI COSTI IL IL COSTO COSTO DELLA DELLA NAVETTA NAVETTA INCIDE INCIDE MENO MENO NEL NEL CASO CASO DI DI 1 BASE BASE A BO BO 32

33 Confronti fra le alternative (basi logistiche) IL PROCESSO DECISIONALE I DATI DI COSTO RIVELANO CHE LA SOLUZIONE CON DUE BASI E QUELLA MIGLIORE. TUTTAVIA: RISPETTO AI VALORI OTTENUTI CON L ANALISI SUI DATI MEDI LA SIMULAZIONE HA EVIDENZIATO MINORI DIFFERENZE FRA LE SOLUZIONI: 300,000 UNIT/ANNO vs 565,300 UNIT/ANNO SUL DATO MEDIO 60,000 UNIT/ANNO DI DIFFERENZA FRA IL COSTO MINIMO DELLA SOLUZIONE 1 BASE E IL MASSIMO DELLA 2 BASI I DATI DI COSTO OTTENUTI DALLA SIMULAZIONE SONO SUPERIORI. CIO E DOVUTO ALLE INEFFICIENZE DEI TRASPORTI, EVIDENZIATE DALL UTILIZZO DELLE RISORSE 33

34 Confronti fra le alternative (basi logistiche) IL PROCESSO DECISIONALE I RISULTATI SUI TEMPI DI CONSEGNA E SULL UTILIZZO DELLE RISORSE DI TRASPORTO NON GARANTISCONO PIENAMENTE L EFFICACIA DELLA SOLUZIONE CON DUE BASI TENENDO CONTO DEL COSTO DELL AMMORTAMENTO DELLA NUOVA BASE, IL FATTORE DI RISCHIO E IL PERIODO DI RITORNO DELL INVESTIMENTO SONO DA CONSIDERARSI TROPPO ELEVATI 34

35 Confronti fra le alternative (modifiche flussi) DATI DI COSTO LO LO SPOSTAMENTO SPOSTAMENTO DEGLI DEGLI ORDINI ORDINI PER PER LA LA CAMPANIA CAMPANIA NEL NEL TP TP DI DI NAPOLI NAPOLI NON NON PRODUCE PRODUCE VANTAGGI VANTAGGI STATISTICAMENTE SIGNIFICATIVI SIGNIFICATIVI RISPETTO RISPETTO ALLA ALLA SOLUZIONE SOLUZIONE ORIGINALE ORIGINALE DI DI DUE DUE BASI BASI COSTI ALTERNATIVE LO LO SPOSTAMENTO SPOSTAMENTO ANCHE ANCHE DEGLI DEGLI ORDINI ORDINI PER PER LA LA CALABRIA CALABRIA E LA LA CHIUSURA CHIUSURA DEL DEL CSR CSR DELLA DELLA CALABRIA CALABRIA CONSENTE CONSENTE UN UN RISPARMIO RISPARMIO SIGNIFICATIVO SIGNIFICATIVO Unit 2BasiOrig Spos Camp Spos Cal Nuovo TP Lim Sup Media Lim inf LA LA CREAZIONE CREAZIONE DI DI UN UN TP TP PER PER LIGURIA LIGURIA E SARDEGNA SARDEGNA COMPORTA COMPORTA UN UN INCREMENTO INCREMENTO NEI NEI COSTI COSTI 35

36 Confronti fra le alternative (modifiche flussi) TEMPI DI CONSEGNA LA LA SOLUZIONE SOLUZIONE CON CON TP TP A GENOVA GENOVA RISULTA RISULTA ATTRAENTE ATTRAENTE PER PER QUANTO QUANTO RIGUARDA RIGUARDA I I TEMPI TEMPI MEDI MEDI 60 DI DI CONSEGNA CONSEGNA (INFERIORI (INFERIORI AI AI REQUISITI) REQUISITI) MEDIA h TEMPI DI CONSEGNA CONSEGNA MEDI PORTA E MAXA 2BasiOrig Spos Camp Spos Cal Nuovo TP 2BasiOrig LA LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELLE DELLE ALTERNATIVE ALTERNATIVE RISPETTO RISPETTO AI AI TEMPI TEMPI DI DI CONSEGNA PORTA A CONSIDERAZIONI CONSIDERAZIONI DIFFERENTI DIFFERENTI Spos Camp MAX Spos Cal Nuovo TP Lim Sup Media Lim inf NON NON VI VI SONO SONO PERO PERO DIFFERENZE DIFFERENZE FRA FRA I I TEMPI TEMPI MASSIMI MASSIMI (TUTTI (TUTTI SUPERIORI SUPERIORI AI AI REQUISITI) REQUISITI) 36

37 Confronti fra le alternative (modifiche flussi) UTILIZZO RISORSE I I COSTI COSTI DETTATTI DETTATTI DAL DAL SISTEMA SISTEMA DI DI TRASPORTO TRASPORTO VARIANO VARIANO A SECONDA SECONDA DELLE DELLE SOLUZIONI: SOLUZIONI: LA LA CALABRIA CALABRIA HA HA I I MAGGIORI MAGGIORI COSTI COSTI DI DI DETTAGLIO DETTAGLIO 80.00% 60.00% 40.00% 20.00% 0.00% 2BasiOrig TRS Spos Cal LA LA NAVETTA NAVETTA E E UTILIZZATA UTILIZZATA MAGGIORMENTE, MAGGIORMENTE, E QUINDI QUINDI COSTA COSTA DI DI PIU, PIU, NELLA NELLA SOLUZIONE SOLUZIONE CON CON NUOVO NUOVO TP, TP, PERCHE PERCHE VI VI SONO SONO PIU PIU SPEDIZIONI SPEDIZIONI PER PER LA LA BASE BASE DI DI MILANO MILANO UTILIZZO RISORSE 2BasiOrig DET Spos Cal 2BasiOrig NAVETTA LE LE NAVETTE NAVETTE TRS TRS VENGONO VENGONO SFRUTTATE SFRUTTATE MENO MENO CON CON NUOVO NUOVO TP, TP, ANCHE ANCHE PERCHE PERCHE I I TEMPI TEMPI DI DI CONSEGNA CONSEGNA SONO SONO RIDOTTI RIDOTTI Spos Cal Lim Sup Media Lim inf 37

38 Confronti fra le alternative (modifiche flussi) L ALTERNATIVA MIGLIORE DAL PUNTO DI VISTA DEL COSTO E QUELLA CHE COMPORTA LO SPOSTAMENTO DELLA CALABRIA QUESTA SOLUZIONE NON E PERO LA MIGLIORE DAL PUNTO DI VISTA DEI TEMPI DI CONSEGNA MIGLIORAMENTI POTREBBERO ESSERE OTTENUTI CON UNA GESTIONE MIGLIORE DELLE RISORSE DI TRASPORTO, E CON LA RIORGANIZAZIONE DELLE MISSIONI DEI MEZZI DI TRASPORTO 38

39 Valore aggiunto della simulazione VALUTAZIONE DEI TEMPI DI CONSEGNA VALUTAZIONE DEI FABBISOGNI IN TERMINI DI RISORSE DI TRASPORTO VARIABILITÀ NELLA GENERAZIONE DEGLI ORDINI VARIABILITÀ NEI TEMPI DI TRASPORTO MODELLAZIONE IN DETTAGLIO DEL PROCESSO LOGISTICO 39

40 Valore aggiunto della simulazione STIMA DELL AFFIDABILITÀ STATISTICA E DEI LIMITI DI VALIDITÀ DEI RISULTATI (INTERVALLI DI CONFIDENZA STATISTICA) DETERMINAZIONE DEL GRADO DI RISCHIO NELL INVESTIMENTO IN DEFINITIVA: POSSIBILITÀ DI SFRUTTARE UNA SUPERIORE QUANTITÀ DI INFORMAZIONI NEL CORSO DEL PROCESSO DECISIONALE 40

41 Valore aggiunto della simulazione ULTERIORI ANALISI DI DETTAGLIO SUL PROCESSO LOGISTICO: RIDUZIONE DEL COSTO ORARIO DI TRASPORTO NAVETTE DA BASE BOLOGNA A CSR VARIAZIONE NELLA CAPACITÀ E NEL FATTORE DI CARICO DELLE NAVETTE DA STABILIMENTO A BASE INTRODUZIONE DI CRITERI DI TRASPORTO ROUND-TRIP PER ALCUNE NAVETTE TRS 41

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente.

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente. Modulo offerta economica validità dell offerta fino al 31/05/2013, prezzi fissi per 12 mesi della data di attivazione della fornitura. HOME ENERGY GAS WEB (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Pendolari in Lombardia

Pendolari in Lombardia NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Anno 8 Numero 7 Aprile 2004 Pendolari in Lombardia Censimento 2001 In occasione del 14 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, oltre alle informazioni

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

REPORTISTICA ISCRITTI

REPORTISTICA ISCRITTI Augusta Tartaglione REPORTISTICA ISCRITTI Elaborazione dati periodici forniti da Previnet. Aggiornamento al 30 giugno 2014 Augusta Tartaglione Comunicazione & Promozione comunicazione@fondofonte.it tel.

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio Fisica Sanitaria Roma, 17 Febbraio 2012 Michele Belluscio Fisica Sanitaria: Attività La Fisica Sanitaria svolge attività connesse, in modi e misure diverse, con: -Radioterapia oncologica -Medicina nucleare

Dettagli

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris. 2015 MARZO Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.it L opinione degli italiani: L UTILIZZO DEL TRASPORTO PUBBLICO IL CAMPIONE

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005 Riorganizzazione Trenitalia 14 luglio 2005 2 Riorganizzazione processi di manutenzione Strutture centrali Pianificazione industriale (Nuova) Ingegneria degli impianti e della manutenzione (riorganizz.

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

1 Focus Raccomandata1 SP

1 Focus Raccomandata1 SP 1 Focus Raccomandata1 Obiettivo 2 Sostenere e massimizzare i ricavi attesi dal servizio Raccomandata1 attraverso un assetto logistico produttivo più efficiente A questo scopo, compatibilmente con l assetto

Dettagli

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%)

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%) SUD/ISOLE CENTRO NORD ITA LIA SARDEGNA SICILIA CALABRIA BASILICATA PUGLIA CAMPANIA MOLISE A BRUZZO LAZIO MARCHE UMBRIA TOSCANA EMILIA ROM LIGURIA FRIULI VG VENETO TRENTINO AA LOMBARDIA V AOSTA PIEMONTE

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione H02 102 3.244 4.234 prestazioni 106.541,38 39.721,59 Basilicata H03 102 6.820 9.139 183.359,67 103.341,43 Basilicata H04 102 2.243 2.243 150.815,00

Dettagli

Efficienza Energetica: la soluzione 55%

Efficienza Energetica: la soluzione 55% Efficienza Energetica: la soluzione 55% Ing. GIAMPAOLO VALENTINI Coordinatore Gruppo di Lavoro Efficienza Energetica La Villa, 29 marzo 2009 L OBIETTIVO 20-20 20-20 La proposta della Commissione Europea

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE Presentazione dei risultati Indagine effettuata per PROMOTION MILANO, marzo 2000 1 OBIETTIVI GENERALI Analizzare la domanda di prodotti promozionali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Controllo Interno Aree Territoriali RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il modello organizzativo : logiche e obiettivi Il perimetro organizzativo/geografico Controllo Interno: Aree Territoriali

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960.

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960. FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via G. Medici 9/d 35138 PADOVA Tel. 049.8711300 Fax 049.8710833 www.fismveneto.it segreteria@fismveneto.it

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

ANALISI DELLE GRADUATORIE DEI

ANALISI DELLE GRADUATORIE DEI ANALISI DELLE GRADUATORIE DEI CONCORSI REGIONALI PER L ACCESSO AL CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE ANNO 2013 a cura di FIMMG Formazione puglia Il 17 Settembre di quest anno si è svolto,

Dettagli

Programmazione e tempi di riparto

Programmazione e tempi di riparto Laboratorio FIASO sul riparto dei fondi sanitari regionali Programmazione e tempi di riparto La ripartizione dei fondi tra le Aziende sanitarie avviene in quadro di programmazione definito dai Piani sanitari

Dettagli

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270)

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEZIONE DI PISA S.S. dell Abetone e del Brennero, 4 56123 PISA Responsabile: dott. Riccardo Forletta email:

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 NORD-ORIENTALE NORD-OCCIDENTALE ITALIA MEZZOGIORNO ITALIA CENTRALE -0,5 0,0 0,5 1,0 1,5

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Ospedale Psichiatrico Giudiziario

Ospedale Psichiatrico Giudiziario Ospedale Psichiatrico Giudiziario Presenze e flussi - Anni 212 e 213 OPG di: Reggio Emilia Castiglione delle Stiviere Montelupo Fiorentino Aversa Filippo Saporito Napoli Sant Eframo (c/o C.C. Secondigliano)

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 -

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 - - 2 - - 3 - - 4 - - 1 - 1 Art. 9 comma 1 del D.L. 31 dicembre 2007 n. 248, convertito in legge 28 febbraio 2008 n. 31-2 - - 3 - - 4 - - 5 - - 6 - - 7 - - 8 - - 9 - - 10 - Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ

Dettagli

LIVELLI DI SERVIZIO E FABBISOGNI STANDARD ANDREA PAPOLA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II

LIVELLI DI SERVIZIO E FABBISOGNI STANDARD ANDREA PAPOLA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II LIVELLI DI SERVIZIO E FABBISOGNI STANDARD ANDREA PAPOLA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II Alcune questioni aperte sul Trasporto Pubblico Locale Roma, 21 ottobre 2014 Premessa La prima necessità è un efficientamento

Dettagli

Scuola Secondaria I grado

Scuola Secondaria I grado Scuola Secondaria I grado Definizione della disponibilità per TFA e corsi di laurea magistrali per il prossimo anno accademico La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio per i prossimi

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale INIZIO / I seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO: DAI VOTI ESPRESSI SUL TERRITORIO NAZIONALE:

Dettagli

Le azioni di Italia Lavoro a supporto dell allargamento della rete dei servizi

Le azioni di Italia Lavoro a supporto dell allargamento della rete dei servizi Area Servizi per il Lavoro Progetto PON Qualificazione dei servizi per il lavoro e supporto alla governance regionale Le azioni di Italia Lavoro a supporto dell allargamento della rete dei servizi Paola

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

3.927 1.905 2.526 2.468

3.927 1.905 2.526 2.468 N accessi alla Procedura Risorse senza requisiti Domande inserite Art. 43 Domande presenti in graduatoria Residenti a L Aquila 3.927 1.905 2.526 58 2.468 17 CAUSALI ASSENZA DEI REQUISITI >20 gg. di malattia

Dettagli

Dante Natali Presidente

Dante Natali Presidente Il contributo della rete distributiva allo sviluppo di una mobilità sostenibile Dante Natali Presidente CHI È FEDERMETANO Nata nel 1948, è la principale associazione dei distributori e trasportatori di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

Lo screening del carcinoma cervico vaginale in Italia

Lo screening del carcinoma cervico vaginale in Italia Lo screening del carcinoma cervico vaginale in Italia Bologna 30 Gennaio 2014 Guglielmo Ronco CPO Piemonte Elaborazione dati: Pamela Giubilato. Adesione all invito Survey su attività 2010-2012 ITALIA NORD

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 1 aprile 201 1. CAMPIONATI NAZIONALI - SPORT DI SQUADRA AMMISSIONE ALLE FINALI NAZIONALI E COMPOSIZIONE DELLE FASI INTERREGIONALI - Under 14, Allievi, Juniores, Top Junior,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

Focus Raccomandata1. Presentazione alle OOSS Roma 01 / 03 / 2011. Servizi Postali 01/03/2011

Focus Raccomandata1. Presentazione alle OOSS Roma 01 / 03 / 2011. Servizi Postali 01/03/2011 1 Focus Raccomandata1 Presentazione alle OOSS Roma 01 / 03 / 2011 Obiettivo 2 Sostenere e massimizzare i ricavi attesi dal servizio Raccomandata1 attraverso un assetto logistico produttivo più efficiente

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo maggio 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia Commento

Dettagli

Infratel Italia. marzo 2014

Infratel Italia. marzo 2014 Infratel Italia marzo 2014 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, attraverso la realizzazione e l integrazione d infrastrutture di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO L SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

Adesione all invito, per Regione. Anno 2011

Adesione all invito, per Regione. Anno 2011 Marco Zappa Il passato/presente Nel 2012 = 75% Adesione all invito, per Regione. Anno 2011 70 60 50 40 30 20 10 0 LIGURIA MOLISE ABRUZZO BASILICATA LAZIO CALABRIA CAMPANIA SICILIA PUGLIA BOLZANO TRENTO

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

IL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE COMUNALI 2012

IL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE COMUNALI 2012 IL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE COMUNALI 2012 15/05/2012 Obiettivo dello studio Quorum intende presentare un analisi introduttiva sul fenomeno politico del Movimento 5 Stelle Beppegrillo.it durante il primo

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli