L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione"

Transcript

1 L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM

2 CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA FINANZA La nuova finanza non sempre è elemento necessario per la fattibilità dei piani di Concordato con continuità aziendale. Quasi sempre, però, la possibilità di accedere a nuova finanza accresce notevolmente le probabilità di successo dei tentativi di risanamento aziendale perseguiti tramite lo strumento concordatario. 2

3 I RISCHI NEL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IN CRISI A. Perdita del credito (mancata restituzione) B. Rischio per revocatorie fallimentari C. Rischi risarcitori (abusiva concessione di credito) D. Rischi per responsabilità penali (concorso in bancarotta preferenziale) 3

4 QUALE SUPPORTO BANCARIO ALLE IMPRESE IN CRISI? In ordine decrescente di gradimento: 1. Conferma totale o parziale delle linee autoliquidanti 2. Consolidamento totale o parziale dell indebitamento per cassa a breve termine e/o dell autoliquidante no moving 3. Riscadenziamento dei mutui ipotecari e/o finanziamenti a M/L termine 4. Concessione di nuova finanza di natura commerciale 5. Concessione di nuova finanza a medio/lungo termine, ipotecaria e/o chirografaria 6. Conversioni di crediti in azioni e/o in titoli rappresentativi di partecipazioni 7. Stralcio di parte dei crediti 4

5 I FINANZIAMENTI IN PREDEDUZIONE: ALCUNI CONCETTI-CHIAVE (1) Le norme che prevedono la prededucibilità dei finanziamenti nell ambito del concordato preventivo (182-quater, primo comma; 182- quater, secondo comma; 182-quinquies, primo comma) sono applicabili sia al concordato con continuità aziendale, sia al concordato liquidatorio. Non c è dubbio, però, che la disciplina trovi le più significative applicazioni pratiche in un contesto di going concern. 5

6 I FINANZIAMENTI IN PREDEDUZIONE: ALCUNI CONCETTI-CHIAVE (2) Una volta ottenuta la prededuzione, i finanziamenti la mantengono in qualsiasi procedura (concordato preventivo, fallimento), che si succeda nel tempo, sino alla loro estinzione. 6

7 I FINANZIAMENTI IN PREDEDUZIONE: ALCUNI CONCETTI-CHIAVE (3) I finanziamenti in prededuzione non sono idonei, di per sé, a danneggiare i creditori concorsuali. Ciò che rileva è come viene utilizzata la nuova finanza. 7

8 LA NUOVA FINANZA PIÙ URGENTE: IL FINANZIAMENTO-PONTE Dovrebbe essere finalizzato a garantire la continuità aziendale o di evitare gravi danni (pagamento dipendenti o imposte o contributi previdenziali) Dovrebbe coprire solo il periodo necessario al perfezionamento di uno degli strumenti di risanamento previsti dalla legge Dovrebbe essere effettuato, tendenzialmente, mediante la concessione di linee di credito autoliquidanti se erogato da banche o altri intermediari Non dovrebbe comportare il rilascio di garanzie da parte dell'impresa Dovrebbe essere subordinato alla valutazione di un piano in avanzata elaborazione e al pericolo di un serio pregiudizio che deriverebbe da ritardi nell'erogazione del finanziamento. 8

9 I FINANZIAMENTI-PONTE NEL CONCORDATO PREVENTIVO I (crediti derivanti da) finanziamenti funzionali alla presentazione della domanda di ammissione al concordato preventivo (anche in bianco ) possono godere del beneficio della prededuzione ai sensi dell art. 182-quater, secondo comma, L. Fall. 9

10 CONDIZIONI PER LA PREDEDUCIBILITÀ DEI FINANZIAMENTI EX ART. 182-QUATER, SECONDO COMMA (1) Il finanziamento deve essere funzionale a mantenere la solvibilità (e la continuità) aziendale sino alla presentazione della domanda di Esempio di utilizzo: concordato. pagamento di stipendi, salari e compensi essenziali al funzionamento dell impresa pagamento di fornitori strategici (senza i quali l impresa cesserebbe di operare) pagamento di imposte e contributi pagamento di (ragionevoli) compensi ai professionisti che assistono l impresa nella domanda di concordato 10

11 CONDIZIONI PER LA PREDEDUCIBILITÀ DEI FINANZIAMENTI EX ART. 182-QUATER, SECONDO COMMA (2) Il finanziamento deve essere previsto nel piano di concordato: ex post (il finanziamento è già concesso ed erogato al momento della presentazione della domanda di concordato) in prededuzione. 11

12 CONDIZIONI PER LA PREDEDUCIBILITÀ DEI FINANZIAMENTI EX ART. 182-QUATER, SECONDO COMMA (3) La prededuzione deve essere espressamente disposta dal tribunale nel decreto di ammissione al concordato ex art. 163 L. Fall. Se la prededuzione non viene disposta, il finanziamento è considerato chirografario e pagato in misura corrispondente (necessità di modificare il piano concordatario e elenco dei creditori ammessi al voto) 12

13 I FINANZIAMENTI-PONTE DEI SOCI (art. 182-quater, terzo comma) In deroga alla postergazione ex art e 2497-quinquies c.c., le regole sulla prededuzione dei finanziamenti funzionali all accesso al concordato preventivo si applicano ai finanziamenti-ponte dei soci nei limiti dell 80% del loro ammontare Il restante 20% si intende postergato La regola si estende alle postergazioni verso non-soci (2497-quinquies c.c.)? 13

14 IL FINANZIAMENTO-PONTE DEI (FUTURI) SOCI Si applica la regola ordinaria (senza limite dell 80%) per i finanziamenti-ponte da parte di soggetti che poi diventeranno soci in esecuzione del concordato preventivo. 14

15 RUOLO DEL PROFESSIONISTA ATTESTATORE È opportuno che il professionista attestatore, in presenza di un finanziamento-ponte di cui si chiede la prededuzione, nella propria relazione ex art. 161 l. fall.: 1. individui il debito per finanziamento 2. descriva le modalità di utilizzo del finanziamento ricevuto 3. evidenzi la funzionalità del finanziamento alla presentazione della domanda, anche al fine della conservazione del valore del patrimonio sociale. 15

16 FINANZIAMENTI-PONTE INTERINALI NEL CONCORDATO PREVENTIVO Possibilità di richiedere al Tribunale l autorizzazione a contrarre finanziamenti prededucibili dopo la presentazione della domanda di ammissione al concordato preventivo in bianco art. 161, sesto comma fino al decreto di ammissione alla procedura (art. 163) (art. 182-quinquies, primo comma) 16

17 TIPOLOGIE DI FINANZIAMENTI PREDEDUCIBILI I finanziamenti prededucibili ex art. 182-quinquies l. fall. sono rappresentati da nuova finanza, concessa in qualsiasi forma: nuove linee di credito operative di cassa autoliquidanti mutui chirografari mutui ipotecari 17

18 CONDIZIONI PER LA PREDEDUCIBILITÀ DEI FINANZIAMENTI INTERINALI 1. Preventiva autorizzazione da parte del Tribunale, che assume se del caso sommarie informazioni. 2. Specifica attestazione di professionista con requisiti ex art. 67, terzo comma, lett. d), l. fall. 18

19 ATTESTAZIONE SPECIALE DEL PROFESSIONISTA 1. Verifica del complessivo fabbisogno finanziario dell impresa sino alla (presumibile data dell ) omologazione del concordato Conseguenze: i. occorre che il piano finanziario e di tesoreria sia già pronto ii. il professionista è lo stesso che attesterà il piano iii. la nuova finanza deve essere coerente con il fabbisogno finanziario Rischio di finanza insufficiente a raggiungere l omologazione 19

20 ATTESTAZIONE SPECIALE DEL PROFESSIONISTA 2. Verifica della funzionalità del finanziamento alla migliore soddisfazione dei creditori Conseguenze: i. la soddisfazione dei creditori va comparata con l assenza del finanziamento alternativa liquidatoria / fallimentare perdita di un opportunità commerciale? ii. in caso di finanziamenti di scopo occorre verificare l utilità marginale dell utilizzo del finanziamento rispetto all indebitamento in prededuzione. 20

21 FINANZIAMENTI FUTURI La richiesta di autorizzazione può riguardare anche finanziamenti individuati solo per tipologia ed entità, non ancora oggetto di trattativa (art. 182-quinquies, secondo comma) 21

22 FINANZIAMENTI GARANTITI Il tribunale può autorizzare la concessione di pegno o ipoteca a garanzia dei medesimi finanziamenti I finanziamenti (prededucibili) acquisiscono così un titolo di preferenza rispetto a tutti gli altri crediti prededucibili. (art. 182-quinquies, terzo comma) 22

23 FINANZIAMENTI DEI SOCI NEL PERIODO INTERINALE Dopo la presentazione della domanda di concordato e fino all omologazione non si applica al finanziamento da parte dei soci la disciplina dell art. 182-quater. Qual è la disciplina dei finanziamenti soci? Postergazione (regola civilistica )? Prededuzione ex 182-quinquies? 23

24 CONTINUAZIONE DEI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO I contratti di finanziamento, in caso di concordato con continuità aziendale, sono soggetti alla continuazione automatica di cui all art bis, terzo comma? I contratti in corso di esecuzione alla data del deposito del ricorso, anche stipulati con le pubbliche amministrazioni, non si risolvono per effetto dell apertura della procedura. Sono inefficaci eventuali patti contrari 24

25 VECCHIE E NUOVE LINEE DI CREDITO La banca non è obbligata dall art. 186-bis, terzo comma, a mantenere in vigore il finanziamento o la linea di credito (che potrà pertanto essere revocata). Il debitore in concordato non può assumere nuovi debiti di natura finanziaria se non previa autorizzazione del tribunale ex art quinquies (con attestazione del professionista) 25

26 OPERATIVITÀ DELLE LINEE DI CREDITO NEL CONCORDATO Che accade se alcune banche, a fronte di una domanda di concordato (che si presuppone con continuità) scelgono di non revocare gli affidamenti, specialmente quelli autoliquidanti? L utilizzo di linee di credito già esistenti e operative al momento della domanda di concordato rientra nella disciplina del primo comma dell art. 182-quinquies? 26

27 UTILIZZO DI LINEE DI CREDITO ESISTENTI: ORDINARIA AMMINISTRAZIONE? (art. 161, settimo comma) Nel periodo interinale (dalla pubblicazione del ricorso sino al deposito della proposta definitiva) il debitore può compiere atti di ordinaria amministrazione. I crediti di terzi eventualmente sorti per effetto degli atti legalmente compiuti dal debitore sono prededucibili ai sensi dell art Nessun intervento da parte del professionista attestatore. 27

28 ESEMPIO: FIDO DI CASSA Affidamento concesso = 200 Utilizzo al momento della domanda = 130 Il debito verso la banca di 130 è un debito concorsuale e chirografario. L utilizzo di 70 è (dovrebbe essere) atto di ordinaria amministrazione. Il credito della banca (di 70) è in prededuzione, e può essere rimborsato anche prima dell omologazione del concordato: no disciplina creditori concorsuali strategici (182-quinquies, quarto comma) 28

29 ESEMPIO: LINEA AUTOLIQUIDANTE RI.BA. Affidamento concesso = 200 Utilizzo al momento della domanda = 130 Il debito verso la banca di 130 è un debito concorsuale e chirografario. L ulteriore utilizzo di 70 con presentazione di nuove ri.ba. è atto di ordinaria amministrazione e il credito della banca (di 70) è in prededuzione. 29

30 PROBLEMA: IL RIMBORSO DELLE RI.BA. ANTICIPATE PRIMA DELLA DOMANDA Il saldo debitorio (130) al momento della domanda è debito concorsuale e chirografario. Qual è la disciplina degli accrediti delle ri.ba. alla loro scadenza, in caso di prosecuzione dell operatività bancaria? 182-quinquies, quarto comma? La banca è creditore strategico? La banca può compensare il debito e il credito? La banca deve rimettere al debitore gli incassi delle ri.ba.? 30

31 I FINANZIAMENTI DOPO L AMMISSIONE AL CONCORDATO PREVENTIVO Dopo il decreto ex art. 163, il debitore può richiedere al Giudice Delegato l autorizzazione ex art. 167, secondo comma, a contrarre finanziamenti: 1. già previsti nel piano concordatario; 2. prededucibili ex art. 111, secondo comma, perché contratti in occasione di una procedura concorsuale; 3. fino all omologazione del concordato (chiusura della procedura). 31

32 CASI SPECIFICI DI FINANZIAMENTI POST OMOLOGAZIONE I (crediti derivanti da) finanziamenti in qualsiasi forma effettuati in esecuzione di un concordato preventivo omologato sono prededucibili ai sensi dell art (art. 182-quater, primo comma) 32

33 IL FINANZIAMENTO DEI SOCI In deroga alla postergazione ex art e 2497-quinquies c.c., le regole sulla prededuzione dei finanziamenti in esecuzione del concordato preventivo si applicano: a. ai finanziamenti dei soci fino all 80% del loro ammontare (postergazione su 20%); b. ai finanziamenti di soggetti che siano diventati soci in esecuzione del piano di concordato (per il 100% del loro ammontare). 33

34 CONDIZIONI PER LA PREDEDUCIBILITÀ 1. Il finanziamento deve essere previsto e individuato già nel piano concordatario 2. Il finanziamento deve essere dovuto (no discrezionalità da parte del finanziatore) 3. Il finanziamento deve essere funzionale alla ristrutturazione degli altri debiti 4. Il finanziamento deve essere concesso dopo l omologazione. 34

RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE. L Evoluzione delle Regole in tema di Crisi di Impresa 26 ottobre 2012 Stefania Chiaruttini

RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE. L Evoluzione delle Regole in tema di Crisi di Impresa 26 ottobre 2012 Stefania Chiaruttini RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE 1 LE NUOVE ATTESTAZIONI Attestazioni ai sensi dell art. 182 quinquies I comma: Finanziamenti prededucibili IV e V comma: Pagamento creditori anteriori Attestazioni

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

ASSOCIAZIONE UNIJURIS

ASSOCIAZIONE UNIJURIS ASSOCIAZIONE UNIJURIS ILCASO.IT IL CONCORDATO PREVENTIVO CON RISERVA E CON CONTINUITA E CONTRATTI IN CORSO DI ESECUZIONE Gli incentivi alle procedure di composizione di crisi dell impresa Prof. Sido Bonfatti

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010 5 Novembre 2010, ore 11:18 Circolare n. 33 e 34 di Assonime Fallimento e ristrutturazione delle imprese in difficoltà, le indicazioni di Assonime Assonime fornisce nelle Circolare n. 33 e 34 dello scorso

Dettagli

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Agenda Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa: - Ristrutturazioni in bonis - Piani

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO Alla procedura di concordato preventivo possono accedere quei soggetti - già imprenditori commerciali privati non piccoli - cui è riservata la procedura di fallimento. Presupposto

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE EX ARTT. 182 BIS E QUATER L.F. Bergamo, 5 dicembre 2011 DOTT. ALBERTO GUIOTTO SOLUZIONI DELLA CRISI D IMPRESA L accordo ex art. 182-bis ha le caratteristiche per mediare

Dettagli

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Autore: Cristian Fischetti Categoria News: Fallimento e procedure concorsuali L ennesima mini riforma del diritto fallimentare ha visto

Dettagli

[Giurisprudenza] Il Caso.it

[Giurisprudenza] Il Caso.it Finanziamenti prededucibili finalizzati ad un piano concordatario o ad un accordo di ristrutturazione dei debiti: distinzione e oggetto dell attestazione del professionista Tribunale di Bergamo, 26 giugno

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012 2 ottobre 2012 Practice Group: Restructuring & Bankruptcy Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. Di Andrea Pinto (A) Introduzione La Legge n. 134 del 7 agosto 2012, pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.)

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Avv. Vittorio Lupoli 14 febbraio 2014 www.beplex.com II. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI EX ART. 182-BIS L. FALL. Sommario: 1.

Dettagli

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA SOMMARIO CAPITOLO 1 ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA 1. Le ragioni della gestione privatistica dell insolvenza... 1 1.1. I rischi della negoziazione privata dell insolvenza

Dettagli

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi 20.12.2012 I FINANZIAMENTI DEI SOCI E I FINANZIAMENTI INFRAGRUPPO DOPO IL DECRETO SVILUPPO: PREDEDUCIBILITÀ O POSTERGAZIONE? PRIME CONSIDERAZIONI SUL DIRITTO SOCIETARIO DELLA CRISI di Umberto Tombari,

Dettagli

Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013

Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013 Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013 A tutte le Casse Edili e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Comunicazione n 508 Oggetto: rilascio Durc ad imprese in concordato

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI Diretta 16 novembre 2009 IL CONCORDATO PREVENTIVO Strumento duttile, normalmente usato in forma liquidatoria Le statistiche

Dettagli

11. Il finanziamento dei soci come nuova finanza nel concordato preventivo

11. Il finanziamento dei soci come nuova finanza nel concordato preventivo Massimo Rubino De Ritis Art. 2467 11. Il finanziamento dei soci come nuova finanza nel concordato preventivo L art. 182 quater l. fall., così come introdotto dal d.l. 31.5.2010, n. 78, convertito in legge

Dettagli

Concordato preventivo e crediti prededucibili

Concordato preventivo e crediti prededucibili PAOLO MENTI Associato di diritto commerciale nella Università di Padova Concordato preventivo e crediti prededucibili traccia della relazione svolta nella 1ª giornata del CONVEGNO DI DIRITTO FALLIMENTARE

Dettagli

LE NUOVE MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DELLA CRISI DI IMPRESA

LE NUOVE MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DELLA CRISI DI IMPRESA RESTRUCTURING ALERT GIUGNO 2012 LE NUOVE MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DELLA CRISI DI IMPRESA Lo scorso 15 giugno il Governo ha approvato il decreto legge finalizzato ad alimentare la crescita economica del

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO OPERATIVITÀ A MEDIO/LUNGO TERMINE FINANZIAMENTI PER CONSOLIDAMENTO DI PASSIVITÀ A BREVE TERMINE Finalità: favorire il rafforzamento della struttura finanziaria aziendale attraverso la concessione di finanziamenti

Dettagli

Ultime novità legislative in materia di restructuring

Ultime novità legislative in materia di restructuring Ultime novità legislative in materia di restructuring A sei anni dall ultima riforma del diritto fallimentare sono state approvate e stanno per entrare in vigore nuove norme destinate a disciplinare le

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY Milano, 21 settembre 2013 A cura dell Avv. Antonio Azzarà Strumenti per la gestione della crisi: generale Le ristrutturazioni sono realizzate principalmente

Dettagli

L attestazione del professionista case history

L attestazione del professionista case history L attestazione del professionista case history Genova, 16 maggio 2013 Dott. Marcello Pollio Senior Partner Pollio & Associati 1 LA RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE i nuovi strumenti del nuovo diritto concorsuale

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti OPERATIVITA A BREVE TERMINE I finanziamenti a breve termine sono regolati a tasso variabile, pari all Euribor maggiorato dei seguenti spread: Spread

Dettagli

Rassegna Stampa 18 novembre 2010

Rassegna Stampa 18 novembre 2010 Rassegna Stampa 18 novembre 2010 Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. Rubrica: Assonime 12 Guida Normativa de Il Sole 24 Ore 18/11/2010 IL PUNTO DELL'ESPERTO/IMPRESE IN CRISI (di Margherita

Dettagli

Corso Avanzato di Formazione Professionale

Corso Avanzato di Formazione Professionale Corso Avanzato di Formazione Professionale GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NELL AMBITO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI Diritto dei Contratti, Diritto Fallimentare e Crisi D impresa MODULO 1: Diritto dei Contratti

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO Guida bibliografica... 3 1. Origini dell istituto.... 5 2. Il concordato preventivo

Dettagli

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE dal 9 ottobre al 12 dicembre 2015 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Siracusa Salone Gaspare Conigliaro - Viale Santa Panagia n.141/e I GIORNATA

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

Accordi di ristrutturazione dei debiti 182-bis l.f. A cura di Alessandro Danovi e Matteo Sala

Accordi di ristrutturazione dei debiti 182-bis l.f. A cura di Alessandro Danovi e Matteo Sala Accordi di ristrutturazione dei debiti 182-bis l.f. A cura di Alessandro Danovi e Matteo Sala Indice 1. Accordi di ristrutturazione 182-bis: inquadramento dell istituto - Normativa di riferimento - Requisiti

Dettagli

Istituto del concordato preventivo di cui all art. 161, comma 6, L.F.

Istituto del concordato preventivo di cui all art. 161, comma 6, L.F. Istituto del concordato preventivo di cui all art. 161, comma 6, L.F. Il presente documento è stato redatto con lo scopo di fornire un preliminare inquadramento in merito ai presupposti, alle caratteristiche

Dettagli

NUNZIANTE MAGRONE INTER ALIA Legal e-news 2015/2

NUNZIANTE MAGRONE INTER ALIA Legal e-news 2015/2 NOVITÀ NORMATIVE IN MATERIA DI RISOLUZIONE NEGOZIALE DELLA CRISI DI IMPRESA Il Decreto Legge 27 giugno 2015, n. 83 (di seguito il Decreto ) 1, nell ambito di una serie di disposizioni in materia fallimentare,

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

LE NOVITA INTRODOTTE ALLA LEGGE FALLIMENTARE DAL D.L. SVILUPPO N. 83/2012 Il Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, è stato definitivamente approvato, con

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Dott.ssa Lucia Savarese

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Dott.ssa Lucia Savarese Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Dott.ssa Lucia Savarese 05 Maggio 2011 1 Ciclo di vita di un processo di ristrutturazione Standstill interlocutorio Manovra definitiva 2 puntata Da 4 a 6 mesi

Dettagli

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA Riferimenti: - D.L. 22 giugno 2012, n 83 (Decreto Sviluppo) convertito dalla legge 7 agosto 2012, n 134: art.33

Dettagli

DALLA CRISI AL RILANCIO DELL IMPRESA

DALLA CRISI AL RILANCIO DELL IMPRESA DALLA CRISI AL RILANCIO DELL IMPRESA a cura degli avv.ti Francesco Autelitano, Giacinto Favalli, Giorgio Molteni, Claudio Ponari Vittorio Provera e Carlo Uccella, Trifirò & Partners Avvocati Le azioni

Dettagli

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Normativa di riferimento modifiche -apportate dal legislatore al R.D.267/1942 (legge fallimentare

Dettagli

Fondazione Bresciana per gli Studi Economico-Giuridici. Brescia, 2 dicembre 2015 Avv. Giuseppe Amato

Fondazione Bresciana per gli Studi Economico-Giuridici. Brescia, 2 dicembre 2015 Avv. Giuseppe Amato Accordo di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria Disposizioni in tema di finanziamento e di continuità aziendale nel concordato preventivo e negli accordi di ristrutturazione

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0489-29-2015

Informazione Regolamentata n. 0489-29-2015 Informazione Regolamentata n. 0489-29-2015 Data/Ora Ricezione 07 Settembre 2015 21:44:54 MTA Societa' : DMAIL GROUP Identificativo Informazione Regolamentata : 62927 Nome utilizzatore : MAILN03 - Mereghetti

Dettagli

IL PUNTO SUL CONCORDATO PREVENTIVO SUPER SEMPLIFICATO

IL PUNTO SUL CONCORDATO PREVENTIVO SUPER SEMPLIFICATO IL PUNTO SUL CONCORDATO PREVENTIVO SUPER SEMPLIFICATO COSÌ COME MODIFICATO PER AGEVOLARE LA FUORIUSCITA DELLE IMPRESE DALLO STATO DI CRISI Breve analisi delle modifiche apportate Dal 2005 ad oggi A cura

Dettagli

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI Federazione Artigiani Pensionati Italiani offre un servizio concreto ai suoi associati.

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 5 maggio 2010 n.87 (Ratifica Decreto Delegato 26 marzo 2010 n.58) Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 26 marzo

Dettagli

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 Chiara Nappini Assegnista di ricerca in diritto commerciale nell Università di Siena

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Avvocato ROBERTO FATTORI

Avvocato ROBERTO FATTORI GLI ATTI E GLI ACCORDI PER EVITARE IL FALLIMENTO DELL IMPRESA IN CRISI: I PIANI ATTESTATI DI RISANAMENTO E GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLE RECENTI RIFORME DELLA LEGGE FALLIMENTARE Premessa

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

AFFITTO D AZIENDA E CONCORDATO UNA SOLUZIONE OPERATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEL VALORE DELL AZIENDA NELLA PROSPETTIVA DELLA CONTINUITA

AFFITTO D AZIENDA E CONCORDATO UNA SOLUZIONE OPERATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEL VALORE DELL AZIENDA NELLA PROSPETTIVA DELLA CONTINUITA AFFITTO D AZIENDA E CONCORDATO UNA SOLUZIONE OPERATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEL VALORE DELL AZIENDA NELLA PROSPETTIVA DELLA CONTINUITA ART. 2560 C.C. (2 COMMA): Nel trasferimento di un azienda commerciale

Dettagli

PROCEDURE CONCORSUALI

PROCEDURE CONCORSUALI Breviaria Iuris fondati da G. Cian e A. Trabucchi «I formulari annotati» collana diretta da Alessio Zaccaria formulario annotato delle PROCEDURE CONCORSUALI a cura di Lino Guglielmucci AGGIORNAMENTO Novità

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO

IL CONCORDATO PREVENTIVO GIOVANNI LO CASCIO IL CONCORDATO PREVENTIVO SESTA EDIZIONE V \ MILANO - DOTT. A. GIUFFRfe EDITORE - 2007 INDICE Prefazione. CAPITOLO I IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO 1. Evoluzione del sistema normativo

Dettagli

L attestatore: responsabilità civile e penale

L attestatore: responsabilità civile e penale Didactica Professionisti L attestatore: responsabilità civile e penale ottobre 2012 STUDIO LEGALE TRIBUTARIO ZENATI Dott. Avv. Silvia A. Zenati Contenuti della relazione di attestazione Articolo L.F. Art.

Dettagli

Accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria A proposito dell art. 182

Accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria A proposito dell art. 182 Accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria A proposito dell art. 182 septies del D.L. 27 giugno 2015, n. 83, convertito con modificazioni dalla L. 6 agosto 2015

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI A CURA DEL CENTRO STUDI ECONOMICO FINANZIARIO DELLA FINANCIAL ADVISORS BUSINESS DIVISIONE RETAIL SOMMARIO 1 IL PRESTITO CHIROGRAFARIO 2 AFFIDAMENTI

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

Nuovo art. 182-septies l.fall. Avv. Sergio Fulco

Nuovo art. 182-septies l.fall. Avv. Sergio Fulco Nuovo art. 182-septies l.fall. Avv. Sergio Fulco Bergamo, 4 novembre 2015 Il nuovo Art. 182-septies l.fall. 1. Ambito di applicazione 2. Estensione forzosa ai creditori di accordi di ristrutturazione del

Dettagli

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Milano, 31 agosto 2011 Investimenti e Sviluppo S.p.A. (la Società, Capogruppo ), con sede legale in Milano,, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

INDICE UN DIRITTO PER LE IMPRESE IN CRISI PROFILI ATTUALI E ASPETTI PRATICI PARTE PRIMA CAPITOLO I FIGURE DI CONTINUITÀ DELL IMPRESA IN CRISI

INDICE UN DIRITTO PER LE IMPRESE IN CRISI PROFILI ATTUALI E ASPETTI PRATICI PARTE PRIMA CAPITOLO I FIGURE DI CONTINUITÀ DELL IMPRESA IN CRISI UN DIRITTO PER LE IMPRESE IN CRISI PROFILI ATTUALI E ASPETTI PRATICI Nota introduttiva... 3 PARTE PRIMA CAPITOLO I FIGURE DI CONTINUITÀ DELL IMPRESA IN CRISI Fabrizio Di Marzio INTRODUZIONE AL CONCORDATO

Dettagli

Giovanni Crespi S.p.A.:

Giovanni Crespi S.p.A.: Comunicato Stampa Legnano, 30 settembre 2009 Giovanni Crespi S.p.A. Informativa mensile al mercato ai sensi dell art.114 comma 5 D.Lgs.n.58/98 Periodo di riferimento : 31-08-09 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 82496 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO OPERATIVITÀ A MEDIO/LUNGO TERMINE FINANZIAMENTI PER CONSOLIDAMENTO DI PASSIVITÀ A BREVE TERMINE Finalità: favorire il rafforzamento della struttura finanziaria aziendale attraverso la concessione di finanziamenti

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO Tribunale di Roma, Sez. Fall., 24 maggio 2012 così composto: IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE dott. Marco Vannucci dott. Giuseppe Di Salvo dott. Aldo Ruggiero Presidente Giudice Giudice rel. riunito

Dettagli

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI Milano, 15 settembre 2009 Dott. Matteo Durola INDICE Introduzione Il piano di risanamento ex

Dettagli

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CARISMI CONVEGNI L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CENTRO STUDI I CAPPUCCINI 28 Marzo 2013 LA SOLUZIONE DELLE CRISI DI IMPRESA DOPO IL DECRETO SVILUPPO

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

Tre secondo Trib. Modena 16.12.2014, in www.ilcaso.it

Tre secondo Trib. Modena 16.12.2014, in www.ilcaso.it NUOVA FINANZA E CONCORDATO PREVENTIVO. 1. DEFINIZIONE DI NUOVA FINANZA In difetto di una definizione normativa o giurisprudenziale, la dottrina distingue tra nuova finanza originaria e derivata. La prima

Dettagli

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Con la Legge 9 agosto 2013 n. 80 (S.O. n. 63 alla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 194 del 20 agosto 2013) è stato convertito

Dettagli

Modifiche apportate al testo della Legge Fallimentare

Modifiche apportate al testo della Legge Fallimentare Modifiche apportate al testo della Legge Fallimentare Le novità (Agosto 2012) sono indicate nel testo in grassetto. Art. 67. Atti a titolo oneroso, pagamenti, garanzie Sono revocati, salvo che l'altra

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis l.fall. alla luce delle novità introdotte dall art. 48 del DL n.

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis l.fall. alla luce delle novità introdotte dall art. 48 del DL n. Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis l.fall. alla luce delle novità introdotte dall art. 48 del DL n. 78/2010 Avv. Domenico Benincasa d.l. n. 35/2005 I. Il debitore può depositare,

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TORINO LE NUOVE PROCEDURE NEL DIRITTO FALLIMENTARE. Torino, 6 dicembre 2013

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TORINO LE NUOVE PROCEDURE NEL DIRITTO FALLIMENTARE. Torino, 6 dicembre 2013 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TORINO LE NUOVE PROCEDURE NEL DIRITTO FALLIMENTARE Torino, 6 dicembre 2013 Il Decreto Sviluppo Il decreto legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO E LE RIFORME DEL DECRETO SVILUPPO: CONCORDATO IN BIANCO E CONCORDATO IN CONTINUITA

IL CONCORDATO PREVENTIVO E LE RIFORME DEL DECRETO SVILUPPO: CONCORDATO IN BIANCO E CONCORDATO IN CONTINUITA IL CONCORDATO PREVENTIVO E LE RIFORME DEL DECRETO SVILUPPO: CONCORDATO IN BIANCO E CONCORDATO IN CONTINUITA Renato Santini Andrea Lolli RIMINI 24 MAGGIO 2013 INDICE 1. Accesso semplificato in bianco o

Dettagli

La prededuzione può essere riconosciuta ai professionisti del concordato solo nell'eventuale successivo fallimento

La prededuzione può essere riconosciuta ai professionisti del concordato solo nell'eventuale successivo fallimento La prededuzione può essere riconosciuta ai professionisti del concordato solo nell'eventuale successivo fallimento Tribunale di Vicenza, 11 marzo 2014. Presidente estensore Limitone. riserva Finanziam

Dettagli

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI UNIPROF CONSORZIO Università degli Studi di Roma Tor Vergata O.D.C.E.C. di Roma Università di Roma Tor Vergata e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha attivato, nell ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI

REGOLAMENTO DEL FONDO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI REGOLAMENTO DEL FONDO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI Rev.01 Annulla e sostituisce Regolamento del 13/4/2006 Rev. n. 0 approvato dal Comitato Gestione Fondi Apportati e dei Fondi

Dettagli

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA. Lunedì 19 Maggio 2014 Spazio. Chiossetto - via Chiossetto 20, Milano

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA. Lunedì 19 Maggio 2014 Spazio. Chiossetto - via Chiossetto 20, Milano LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA Lunedì 19 Maggio 2014 Spazio Chiossetto - via Chiossetto 20, Milano DESTINATARI Il workshop è rivolto alle banche ed altri intermediari finanziari in modo particolare

Dettagli

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI Consulenza tributaria, societaria e crisi d impresa Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net 1 Premesse A partire dal 2008 le mutate condizioni economico finanziarie, che hanno prodotto una

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

SPECIALE DECRETO SVILUPPO IL CONCORDATO IN BIANCO. di Luciano Panzani, Presidente del Tribunale di Torino

SPECIALE DECRETO SVILUPPO IL CONCORDATO IN BIANCO. di Luciano Panzani, Presidente del Tribunale di Torino SPECIALE DECRETO SVILUPPO IL CONCORDATO IN BIANCO 14.09.2012 di Luciano Panzani, Presidente del Tribunale di Torino Sommario: 1. Il contenuto del ricorso e i rapporti con il piano - 2. Gli effetti della

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A TASSO VARIABILE Il presente Foglio Informativo è rivolto ai clienti non Consumatori e ai clienti Consumatori che intendono richiedere

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010 La gestione di un processo di distressed M&A Modena 10 novembre 2010 Indice 1. Crisi d impresa e modalità d intervento 2. La gestione di un processo di ristrutturazione /distressed M&A e il ruolo dell

Dettagli

Le criticità dei piani industriali nelle aziende in crisi

Le criticità dei piani industriali nelle aziende in crisi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONVEGNO: DIAGNOSI E SOLUZIONI PER LA CONTINUITA D IMPRESA Le criticità dei piani industriali nelle aziende in crisi LIVIO PASQUETTI - Gotha Advisory S.p.A.

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli