DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A."

Transcript

1 DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004 della Commissione Europea del 29 aprile 2004 recante modalità di applicazione della Direttiva 2003/71/CE, come successivamente modificata. ITALIAONLINE S.P.A. SEDE LEGALE ASSAGO, MILANOFIORI NORD, VIA DEL BOSCO RINNOVATO N. 8, PALAZZO U4 ISCRITTA AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI MILANO, CODICE FISCALE E PARTITA IVA N CAPITALE SOCIALE SOTTOSCRITTO E INTERAMENTE VERSATO PARI A EURO ,00 Il è stato depositato presso la Consob in data 25 settembre 2014, a seguito di comunicazione del provvedimento di approvazione del da parte della Consob con nota del 25 settembre 2014, protocollo n /14. L adempimento di pubblicazione del non comporta alcun giudizio di Consob sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Il è disponibile presso la sede legale dell'emittente, nonché sul sito internet dell'emittente e di Borsa Italiana S.p.A. 1

2 INDICE DEFINIZIONI... 5 GLOSSARIO... 8 CAPITOLO 1 - PERSONE RESPONSABILI RESPONSABILI DEL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ CAPITOLO 2 - REVISORI LEGALI DEI CONTI REVISORI LEGALI DELL EMITTENTE INFORMAZIONI SUI RAPPORTI CON I REVISORI CAPITOLO 3 - INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE RELATIVE AI PERIODI DI SEI MESI CHIUSI AL 30 GIUGNO 2014 E 2013, PERIODI DI TRE MESI CHIUSI AL 31 MARZO 2014 E 2013 ED ESERCIZI CHIUSI AL 31 DICEMBRE 2013, 2012 E CAPITOLO 4 - FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO CONNESSI ALL EMITTENTE FATTORI DI RISCHIO CONNESSI AL MERCATO IN CUI L EMITTENTE OPERA CAPITOLO 5 - INFORMAZIONI SULL EMITTENTE STORIA ED EVOLUZIONE DELL'EMITTENTE INVESTIMENTI CAPITOLO 6 - PANORAMICA DELLE ATTIVITÀ PRINCIPALI ATTIVITÀ DI ITALIAONLINE QUADRO NORMATIVO PRINCIPALI MERCATI EVENTI ECCEZIONALI CHE HANNO INFLUENZATO L ATTIVITÀ DELL EMITTENTE E/O I MERCATI IN CUI OPERA DIPENDENZA DA BREVETTI O LICENZE, DA CONTRATTI INDUSTRIALI, COMMERCIALI O FINANZIARI, CONCESSIONI, AUTORIZZAZIONI O NUOVI PROCESSI DI FABBRICAZIONE RILEVANTI PER L ATTIVITÀ O REDDITIVITÀ DELL EMITTENTE CAPITOLO 7 - STRUTTURA ORGANIZZATIVA DESCRIZIONE DEL GRUPPO A CUI APPARTIENE L'EMITTENTE SOCIETÀ CONTROLLATE DALL EMITTENTE CAPITOLO 8 - IMMOBILI, IMPIANTI E MACCHINARI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI PROBLEMATICHE AMBIENTALI CAPITOLO 9 - RESOCONTO DELLA SITUAZIONE GESTIONALE E FINANZIARIA ANDAMENTO ECONOMICO DELL EMITTENTE ANALISI DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA POLITICHE O FATTORI DI NATURA GOVERNATIVA, ECONOMICA, FISCALE, MONETARIA O POLITICA CAPITOLO 10 - RISORSE FINANZIARIE RISORSE FINANZIARIE FLUSSI DI CASSA FABBISOGNO FINANZIARIO E STRUTTURA DI FINANZIAMENTO LIMITAZIONI ALL USO DELLE RISORSE FINANZIARIE

3 10.5 FONTI DI FINANZIAMENTO NECESSARIE PER ADEMPIERE AGLI IMPEGNI RELATIVI AI PRINCIPALI INVESTIMENTI FUTURI DEL GRUPPO ED ALLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ESISTENTI O PREVISTE RATING CAPITOLO 11 - RICERCA E SVILUPPO, BREVETTI E LICENZE RICERCA E SVILUPPO PROPRIETÀ INTELLETTUALE CAPITOLO 12 - INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE TENDENZE SIGNIFICATIVE NELL ANDAMENTO DELLA PRODUZIONE, DELLE VENDITE E DELLE SCORTE E NELL EVOLUZIONE DEI PREZZI DI VENDITA INFORMAZIONI SU TENDENZE, INCERTEZZE, RICHIESTE, IMPEGNI O FATTI NOTI CHE POTREBBERO RAGIONEVOLMENTE AVERE RIPERCUSSIONI SIGNIFICATIVE SULLE PROSPETTIVE DELL EMITTENTE ALMENO PER L ESERCIZIO IN CORSO CAPITOLO 13 - PREVISIONI O STIME DEGLI UTILI CAPITOLO 14 - ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE O DI VIGILANZA E ALTI DIRIGENTI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE CONFLITTI DI INTERESSI CAPITOLO 15 - REMUNERAZIONI E BENEFICI REMUNERAZIONE E BENEFICI A FAVORE DEI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, DEI MEMBRI DEL COLLEGIO SINDACALE E DEGLI ALTI DIRIGENTI PER I SERVZI RESI IN QUALSIASI VESTE BENEFICI PREVIDENZIALI CAPITOLO 16 - PRASSI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DURATA DELLA CARICA DEI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEI MEMBRI DEL COLLEGIO SINDACALE CONTRATTI DI LAVORO STIPULATI DAI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DAI COMPONENTI DEL COLLEGIO SINDACALE CON L EMITTENTE CHE PREVEDONO UNA INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO INFORMAZIONI SUL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO E PER LA CORPORATE GOVERNANCE E SUL COMITATO PER LE REMUNERAZIONI RECEPIMENTO DELLE NORME IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO CAPITOLO 17 - DIPENDENTI DIPENDENTI PARTECIPAZIONI AZIONARIE E STOCK OPTION ACCORDI DI PARTECIPAZIONE DEI DIPENDENTI AL CAPITALE DELL EMITTENTE PATTI DI NON CONCORRENZA CAPITOLO 18 - PRINCIPALI AZIONISTI PRINCIPALI AZIONISTI DELLA SOCIETÀ PARTICOLARI DIRITTI DI VOTO DI CUI SONO TITOLARI I PRINCIPALI AZIONISTI SOGGETTO CHE ESERCITA IL CONTROLLO SULL EMITTENTE ACCORDI DALLA CUI ATTUAZIONE POSSA SCATURIRE UNA VARIAZIONE DELL ASSETTO DI CONTROLLO DELL EMITTENTE SUCCESSIVAMENTE ALLA PUBBLICAZIONE DEL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE CAPITOLO 19 OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OPERAZIONI INFRAGRUPPO OPERAZIONI CON ALTRE PARTI CORRELATE

4 CAPITOLO 20 - INFORMAZIONI FINANZIARIE RIGUARDANTI LE ATTIVITÀ E LE PASSIVITÀ, LA SITUAZIONE FINANZIARIA E I PROFITTI E LE PERDITE DELL'EMITTENTE INFORMAZIONI FINANZIARIE RELATIVE AGLI ESERCIZI PASSATI REVISIONE DELLE INFORMAZIONI FINANZIARIE INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI POLITICA DEI DIVIDENDI PROCEDIMENTI GIUDIZIALI E ARBITRALI CAMBIAMENTI SIGNIFICATIVI NELLA SITUAZIONE FINANZIARIA O COMMERCIALE DELL EMITTENTE CAPITOLO 21 - INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI CAPITALE AZIONARIO ATTO COSTITUTIVO E STATUTO CAPITOLO 22 - CONTRATTI IMPORTANTI CAPITOLO 23 - INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI PARERI DI TERZI ALLEGATI AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE DICHIARAZIONE RELATIVA ALLE INFORMAZIONI PROVENIENTI DA FONTE TERZA CONTENUTE NEL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE CAPITOLO 24 - DOCUMENTI ACCESSIBILI AL PUBBLICO CAPITOLO 25 - INFORMAZIONI SULLE PARTECIPAZIONI

5 DEFINIZIONI Si riporta di seguito un elenco delle principali definizioni e dei termini utilizzati all interno del. Tali definizioni e termini, salvo ove diversamente specificato, hanno il significato di seguito indicato. I termini definiti al singolare si intendono anche al plurale, e viceversa, ove il contesto lo richieda. Alti Dirigenti I soggetti che ricoprono un ruolo strategico all interno della Società alla Data del. Borsa Italiana Borsa Italiana S.p.A., con sede in Milano, Piazza degli Affari n. 6. Codice di Autodisciplina Collegio Sindacale Consiglio di Amministrazione Consob Data del Documento di Registrazione Direttiva 2003/71 EBITDA EBITDA rettificato Il Codice di Autodisciplina delle società quotate predisposto dal Comitato per la corporate governance delle società quotate e pubblicato nel marzo Il collegio sindacale dell Emittente. Il consiglio di amministrazione dell Emittente. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa con sede in Roma, Via G.B. Martini n. 3. Data di deposito presso Consob del. La Direttiva 2003/71/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 novembre 2003, come successivamente modificata e integrata, relativa al prospetto da pubblicare per l offerta pubblica o l ammissione alla negoziazione di strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2001/34/CE. Il presente documento di registrazione. L EBITDA è definito dall Emittente come risultato operativo (EBIT) al lordo degli ammortamenti, svalutazioni di attività non correnti e plusvalenze da realizzo di attività non correnti. L EBITDA non è identificato come misura contabile nell ambito degli IFRS e, pertanto, non deve essere considerato misura alternativa per la valutazione dell andamento del risultato operativo dell Emittente. Poiché la composizione dell EBITDA non è regolamentata dai principi contabili di riferimento, il criterio di determinazione applicato dall Emittente potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri e quindi non comparabile. L EBITDA è definito dall Emittente come l EBITDA al netto dei costi straordinari sostenuti nell esercizio 2012 legati all acquisizione di Matrix S.p.A. 5

6 Emittente o Italiaonline o la Società Finanziamento IFRS o IAS o Principi Contabili Internazionali IAS/IFRS Libero Acquisition Matrix Mercato Telematico Azionario o MTA Nota Informativa Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione Parti Correlate Principi Contabili Italiani Regolamento di Borsa Italiaonline S.p.A., con sede legale ad Assago Milanofiori Nord in Via del Bosco Rinnovato n. 8, Palazzo U4, codice fiscale, Partita IVA e numero di iscrizione presso il registro delle Imprese di Milano , numero REA MI Il finanziamento concesso da Libero Acquisition S.à r.l. all Emittente di importo nominale pari ad Euro 88 milioni, erogato in due tranche, in connessione con l acquisizione dell intero capitale sociale di Matrix S.p.A. Tutti gli International Financial Reporting Standards, adottati dall Unione Europea, che comprendono tutti gli tutti gli International Accounting Standards (IAS), tutti gli International Financial Reporting Standards (IFR) e tutte le interpretazioni dell International Financial Reporting Interpretations Committee (IFRIC), precedentemente denominato Standing Interpretations Committee (SIC). Libero Acquisition S.à r.l., società di diritto lussemburghese avente sede in Lussemburgo, 1, Boulevard de la Foire L-1528, Granducato di Lussemburgo. Matrix S.p.A., società interamente acquisita dall Emittente con effetto dal 31 ottobre 2012 e successivamente fusa per incorporazione nell Emittente con efficacia giuridica alla data del 31 dicembre Il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana. La nota informativa sugli strumenti finanziari relativa alle azioni ordinarie dell Emittente e all Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione. L offerta delle azioni ordinarie dell Emittente descritta nella Nota Informativa. I soggetti ricompresi nella definizione di cui all Allegato I al Regolamento recante disposizioni in materia di operazioni con parti correlate, adottato dalla Consob con delibera n del 12 marzo 2010 e successive modificazioni ed integrazioni. Indica i principi contabili che disciplinano i criteri di redazione dei bilanci per le società italiane non quotate sui mercati regolamentati, emanati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e dall Organismo Italiano di Contabilità. Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana, vigente alla Data del. Regolamento Emittenti Regolamento di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato dalla Consob 6

7 con delibera n del 14 maggio 1999, come successivamente modificato ed integrato. Regolamento (CE) 809/2004 Regolamento (CE) N. 809/2004 della Commissione del 29 aprile 2004 recante modalità di esecuzione della direttiva 2003/71/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le informazioni contenute nei prospetti, il modello dei prospetti, l inclusione delle informazioni mediante riferimento, la pubblicazione dei prospetti e la diffusione di messaggi pubblicitari. Società di Revisione KPMG S.p.A., con sede legale in Milano, Via Vittor Pisani n. 25, iscritta nel Registro dei revisori legali tenuto presso il Ministero dell Economia e delle Finanze al n Statuto Sociale o Statuto Telecom Lo statuto sociale dell Emittente vigente alla data di inizio delle negoziazioni dell Emittente sul Mercato Telematico Azionario. Telecom Italia S.p.A., società di diritto italiano avente sede legale in Milano, Piazza degli Affari n. 2. Testo Unico o TUF Il Decreto Legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998, come successivamente modificato ed integrato. Testo Unico delle Imposte su redditi o TUIR Il Decreto del Presidente della Repubblica del 22 dicembre 1986 n. 917, come successivamente modificato ed integrato. 7

8 GLOSSARIO Si riporta di seguito un elenco dei principali termini tecnici utilizzati all interno del Documento di Registrazione. Tali termini, salvo ove diversamente specificato, hanno il significato di seguito indicato. I termini definiti al singolare si intendono anche al plurale, e viceversa, ove il contesto lo richieda. Active reach Advertisers Advertising Exchanges o Ad Exchanges Advertising Network o Ad Network Audience Banner Bilanci consolidati di carve-out Brand awareness CAGR Centro media Chat Parametro di misurazione Audiweb che rileva la percentuale di utenti attivi che hanno visitato un sito o utilizzato un'applicazione. Gli inserzionisti, vale a dire i soggetti che acquistano spazi per trasmettere i propri messaggi pubblicitari. Piattaforma di scambio pubblicitario che costituisce un canale di vendite tra publisher e network pubblicitari che può anche fornire un inventario complessivo ai pubblicitari. La piattaforma facilita l acquisto in tempo reale degli spazi pubblicitari fornendo un automatica determinazione dei prezzi basata sul principio dell asta. Network pubblicitari che forniscono un opportunità esterna di vendita per publisher, nonché un mezzo per aggregare l inventory e l utenza da numerose fonti in una singola opportunità di acquisto per i media buyers. Numero di persone che visita un sito web specifico, o che sono raggiunte da uno specifico network pubblicitario, in uno specifico periodo di tempo. Forma di pubblicità su internet che consiste in un immagine statica o contenuto interattivo su una pagina web. I Bilanci Consolidati di carve-out sono bilanci che contengono informazioni finanziarie, redatte secondo i principi relativi ai bilanci consolidati, relative a un area omogenea di attività economiche che non coincide con il perimetro dell entità legale di riferimento, negli anni a cui si riferiscono le citate informazioni finanziarie, per effetto dell esclusione di talune attività dall entità legale. Qualità di un marchio che si compone di un carattere quantitativo (notorietà) ed uno qualitativo (immagine di marchio). Tasso di crescita composto medio annuo. Agenzia pubblicitaria che si occupa di gestire le campagne pubblicitarie sui vari media disponibili (carta stampata, televisione, radio, internet), pianificando la ripartizione del budget definito dagli advertiser. Comunicazione online interattiva tra due o più persone sul web. 8

9 Click fraud Cookie Costo equivalente per mille impressioni o ecpm Cost-per-action o CPA Cost-per-click o CPC Cost-per-mille o CPM Cross-selling Customer relationship management o CRM Data center Data management platform Digital advertising Directory assistance Direct marketing Frode che si verifica ove una persona, uno script automatico o un programma imitano il comportamento di un utente reale che, in ambienti di cost-per-click, clicca su un messaggio generando un costo senza avere reale interesse nel link pubblicitario File di piccole dimensioni contenenti informazioni di tipo testuale, utilizzate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni di connessione e memorizzazione di informazioni specifiche relative agli utenti che accedono a un determinato server. Tali informazioni vengono memorizzate, attraverso il browser, in uno specifico file (cookie.txt) sul disco fisso dell utente, nel momento in cui lo stesso visita un sito web, che potrà essere ritrasmesso al server. Indicatore calcolato dividendo i ricavi totali per il numero totale di impressioni e moltiplicando per mille, che consente di quantificare le prestazioni degli annunci pubblicitari. Costo di un messaggio pubblicitario basato su un azione specifica effettuata da un visitatore in risposta al messaggio. Le azioni includono transazioni commerciali, acquisizione di consumatori o un click. Costo di un messaggio pubblicitario basato sul numero di click generati dal messaggio stesso. Costo per impression. Tecnica di vendita di prodotti e servizi che consiste nell'aumentare il valore dello scambio mettendo a disposizione prodotti o servizi connessi a quello principale. Le pratiche di business che guidano le interazioni dell azienda con i clienti attuali e potenziali in tutte le aree di attività. Centri che ospitano sistemi informatici e relative componenti associate, quali sistemi di telecomunicazione e di archiviazione dei dati. Sistema che consente di collezionare informazioni relative all utenza provenienti sia dagli advertiser che dai centri media, in modo da consentire una migliore pianificazione delle campagne successive. Comunicazione pubblicitaria che viene veicolata attraverso il canale internet. Servizio telefonico o internet che mette a disposizione determinate informazioni (quali il numero di telefono o l indirizzo) relative a persone ed organizzazioni. Banner pubblicitari, collegamenti o sponsorizzazioni pubblicitarie che appaiono nelle newsletter, nelle campagne di marketing o 9

10 in altre comunicazioni commerciali inviate tramite . Display advertising Dominio service provider Firewall Frequency cap Hosting HTTPS Impression Internet Inventory JAVA Local advertising Forma di pubblicità online in cui il messaggio dell inserzionista viene visualizzato in una pagina di destinazione, all interno di un box posizionato in alto, in basso oppure lateralmente rispetto al contenuto della pagina stessa. Il nome che identifica un sito internet. Ogni dominio è costituito da un primo livello e uno o più sottolivelli. Soggetto che fornisce la tecnologia e il servizio di posta elettronica. Gli service provider possono anche fornire servizi per le attività di marketing, pubblicità e, in generale, per scopi di comunicazione. Una barriera di sicurezza che controlla la comunicazione tra una rete di computer e la rete internet. Un firewall opera consentendo o inibendo il traffico dati sulla base di filtri e livelli di sicurezza impostati dall amministratore della rete. Il limite di volte in cui un certo annuncio pubblicitario viene mostrato allo stesso cookie durante una sessione o entro uno specifico lasso di tempo. Servizi di connettività forniti agli utenti su una rete specifica, mediante un computer host. HyperText Transfer Protocol over Secure Socket Layer consiste in un protocollo di crittografia per la protezione della trasmissione di dati via internet. Singola visualizzazione di una pagina web che contiene messaggi pubblicitari. Indica la rete globale di elaboratori elettronici, collegati tra loro attraverso un protocollo di comunicazione (TCP/IP), che si scambiano tra loro informazioni digitali (e.g. testi, immagini, video, ecc.). È costituito dal numero complessivo di opportunità circa il contenuto editoriale per mostrare la pubblicità ai visitatori. Linguaggio di programmazione progettato per creare applicazioni su internet che consente di progettare strutture complesse, concede maggiori dettagli di animazione e aggiornamenti in tempo reale. Attività pubblicitaria focalizzata a trasmettere i relativi messaggi ad una platea di utenti identificata per territorio. 10

11 Market reach Mobile web Consiste nel numero di potenziali investitori raggiungibili attraverso la pubblicazione di annunci pubblicitari. Consiste nella fruizione del web per mezzo di dispositivi mobili. PHP Linguaggio di programmazione utilizzato normalmente per sviluppare applicativi internet. Piattaforma demand-side Piattaforma supply-side Portale Publisher Real time biddingo RTB Revenue share Rich media Script Search advertising Server Server farm Servizi geo-localizzati Piattaforma tecnologica con cui si possono acquistare spazi sui media in modo centralizzato e aggregato da fonti diverse che garantiscono l offerta in tempo reale. Piattaforma tecnologica che fornisce vendite di spazi pubblicitari esternalizzate (outsourcing) e servizi di gestione di reti pubblicitarie per gli editori aggregando impressions. Indica un sito web concentrato su uno o più temi (o target di utenza), nonché specializzato, che tende ad essere una chiave univoca di accesso per quel tema. Soggetto che produce, pubblica e distribuisce contenuti al pubblico o la vendita attraverso uno o più media. Sistema che consente l acquisto di spazi pubblicitari online in tempo reale da parte degli advertiser, attraverso un sistema ad asta dove gli stessi sono in competizione tra di loro. Accordo tra due o più parti per la divisione tra i medesimi dei proventi generati dalla raccolta pubblicitaria. Formato pubblicitario con cui ogni utente può interagire (a differenza della sola animazione) nel contesto di una pagina web. File che avviano operazioni di routine come la generazione di pagine web in via dinamica in risposta a un input dell utente. Attività pubblicitaria che consiste nella pubblicazione di messaggi pubblicitari sulle pagine internet che contengono risultati di ricerche effettuate su motori di ricerca. Sottosistema informatico di elaborazione che fornisce, a livello sia logico sia fisico, un qualunque tipo di servizio ad altre componenti che ne fanno richiesta (tipicamente i clienti) attraverso una rete di computer, all interno di un sistema informatico. Pluralità di server collocati in un unico ambiente in modo da poterne centralizzare la gestione, manutenzione e sicurezza. Servizi forniti in base alla posizione (presunta o rilevata automaticamente) di un utente finale nel mondo reale. 11

12 Sito internet verticale o vortal Social advertising Target Accuracy Targeting Up-selling VAS Video pre-roll Visitatori unici Widget Sito internet concentrato su uno o più temi (o target di utenza), nonché specializzato, che tende ad essere una chiave univoca di accesso per quel tema. Consiste nella diffusione dei messaggi pubblicitari per mezzo di social network. Metrica che consente di valutare l attitudine di una specifica campagna pubblicitaria a raggiungere le categorie di destinatari indicate come target per la medesima campagna. Attività di distribuzione di un messaggio pubblicitario a un utenza definita per parametri socio-demografici o per attività pregresse su internet degli utenti. Tecnica di vendita che mira ad offrire al cliente servizi e prodotti di maggior valore rispetto alla scelta d'acquisto iniziale. Servizi a valore aggiunto. Forma di messaggio pubblicitario con cui una pubblicità compare, in formato video, prima del contenuto editoriale video richiesto dall'utente. Singoli utenti che hanno avuto accesso a un determinato sito o applicazione e hanno ricevuto un unico contenuto e/o annuncio come una , una newsletter, una pubblicità interstiziale o un popunder. Applicazione progettata per posizionarsi sul desktop di un personal computer oppure all interno di un portale web o nel sito di un social network, in grado di offrire all utente funzionalità aggiuntive. 12

13 CAPITOLO 1- PERSONE RESPONSABILI 1.1 RESPONSABILI DEL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE I soggetti indicati nella tabella che segue si assumono la responsabilità, per le parti di rispettiva competenza, della completezza e veridicità dei dati, delle informazioni e delle notizie contenute nel presente. Soggetto Responsabile Qualifica Sede legale Italiaonline S.p.A. Emittente Via del Bosco Rinnovato n. 8 Palazzo U4 Milanofiori Nord Assago (MI) Libero Acquisition S.à r.l. Azionista 1, Boulevard de la Foire L- 1528, Lussemburgo, Granducato di Lussemburgo Parti del Documento di Registrazione di competenza Intero Documento di Registrazione Informazioni ad esso relative contenute nel Documento di Registrazione per le parti di propria competenza 1.2 DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ I soggetti di cui al Paragrafo 1.1 che precede dichiarano, ciascuno per le parti di rispettiva competenza, che, avendo adottato tutta la ragionevole diligenza a tale scopo, le informazioni contenute nel Documento di Registrazione sono, per quanto a conoscenza di ciascuno di loro, conformi ai fatti e non presentano omissioni tali da alterarne il senso. Il è conforme al modello depositato presso la Consob in data 25 settembre 2014, a seguito dell avvenuto rilascio dell autorizzazione alla pubblicazione con nota del 25 settembre 2014, protocollo n /14. 13

14 CAPITOLO 2 - REVISORI LEGALI DEI CONTI 2.1 REVISORI LEGALI DELL EMITTENTE I seguenti bilanci dell Emittente sono a disposizione del pubblico sul sito della Società e presso la sede legale della Società: (i) bilanci consolidati e di esercizio al 31 dicembre 2013, al 31 dicembre 2012 e al 31 dicembre 2011; (ii) bilanci consolidati di carve-out al 31 dicembre 2013, al 31 dicembre 2012 e al 31 dicembre 2011; (iii) (iv) bilanci consolidati al 31 dicembre 2013, al 31 dicembre 2012 e al 31 dicembre 2011 redatti ai soli fini dell inserimento nel ; bilanci intermedi relativi ai periodi di tre mesi chiusi al 31 marzo 2014 e 31 marzo 2013; e (v) bilanci intermedi relativi ai periodi di sei mesi chiusi al 30 giugno 2014 e 30 giugno Tutti i bilanci sopra elencati sono stati sottoposti a revisione contabile completa per quelli di cui ai punti (i), (ii), (iii) e (v), con riferimento al solo bilancio intermedio al 30 giugno 2014, nonché limitata per quelli di cui ai punti (iv) e (v), con riferimento al solo bilancio intermedio al 30 giugno 2013 da parte di KPMG S.p.A. (la Società di Revisione ), società con sede legale in Milano, Via Vittor Pisani n. 25, iscritta nel Registro dei revisori legali tenuto presso il Ministero dell Economia e delle Finanze al n La Società di Revisione ha emesso le proprie relazioni, senza rilievi, rispetto a (i) i bilanci consolidati e di esercizio al 31 dicembre 2013, al 31 dicembre 2012 e al 31 dicembre 2011 rispettivamente in data 14 aprile 2014, 13 giugno 2013 e 8 giugno 2012, (ii) i bilanci consolidati di carve-out al 31 dicembre 2013, al 31 dicembre 2012 e al 31 dicembre 2011 in data 5 giugno 2014, (iii) i bilanci consolidati al 31 dicembre 2013, al 31 dicembre 2012 e al 31 dicembre 2011 redatti ai soli fini dell inserimento nel in data 5 giugno 2014, (iv) i bilanci intermedi relativi ai periodi di tre mesi chiusi al 31 marzo 2014 e 31 marzo 2013 in data 21 luglio 2014 e (v) i bilanci intermedi relativi ai periodi di sei mesi chiusi al 30 giugno 2014 e 30 giugno 2014 in data 6 agosto Nell ambito della procedura di ammissione alle negoziazioni delle azioni dell Emittente sul Mercato Telematico Azionario, con delibera del 28 maggio 2014, l Assemblea ordinaria dell Emittente ha conferito alla Società di Revisione, per gli esercizi , l incarico, ai sensi degli articoli 14 e 17 del Decreto Legislativo n. 39 del 27 gennaio 2010, di revisione legale dei bilanci di esercizio e consolidati dell Emittente, della revisione legale limitata delle relazioni semestrali per il medesimo periodo, nonché della verifica della regolare tenuta della contabilità e della corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili. Tale delibera conferisce l incarico alla Società di Revisione secondo i termini e le condizioni previste nella proposta della Società di Revisione. L Emittente ritiene che la delibera di conferimento, così come formulata, sia compatibile con i recenti orientamenti espressi da Consob. 2.2 INFORMAZIONI SUI RAPPORTI CON I REVISORI Durante il periodo a cui si riferiscono le informazioni finanziarie relative agli esercizi passati contenute nel la Società di Revisione non ha rinunciato o è stata rimossa dall incarico. 14

15 CAPITOLO 3 - INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE 3.1 INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE RELATIVE AI PERIODI DI SEI MESI CHIUSI AL 30 GIUGNO 2014 E 2013, PERIODI DI TRE MESI CHIUSI AL 31 MARZO 2014 E 2013 ED ESERCIZI CHIUSI AL 31 DICEMBRE 2013, 2012 E 2011 Premessa Come descritto in dettaglio nella Premessa del Capitolo 20, a fine marzo 2014 il Gruppo Italiaonline ha iniziato un processo di riorganizzazione societaria con lo scopo di razionalizzare l attività del Gruppo separando il business internet solution, riconducibile alla società controllata ITnet S.r.l., dal business digital advertising, riconducibile alla capogruppo Italiaonline S.p.A. Tale processo è stato realizzato mediante la cessione di ITnet S.r.l. da parte di Italiaonline S.p.A. alla società controllante Libero Acquisition S.à r.l. in data 9 maggio 2014 per un importo pari a Euro 9,5 milioni con contratto di cessione di quote a rogito del notaio Filippo Zabban. Tale corrispettivo, versato in data 25 giugno 2014, regolato da apposito contratto, corrisponde al valore di carico della partecipazione al 31 dicembre 2013 (Euro 9,5 milioni). Non si è proceduto ad assoggettare a perizia il valore di cessione in quanto la partecipazione era stata oggetto di conferimento nel 2011 e nel periodo interessato i risultati della società non hanno registrato significativi incrementi tali da giustificare un incremento del valore della stessa. Per maggiori informazioni, cfr. il Capitolo 5, Paragrafo e il Capitolo 19, Paragrafo del. Nella prospettiva dell ammissione alla quotazione sul segmento STAR del mercato MTA di Borsa Italiana al fine di rappresentare gli effetti della riorganizzazione avente ad oggetto il business internet solutions il Gruppo Italiaonline ha deciso di redigere i Bilanci Consolidati di carve-out per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2011, 31 dicembre 2012 e 31 dicembre Questa scelta si è resa necessaria in quanto i Bilanci consolidati relativi agli esercizi 2011, 2012 e 2013 includevano entrambe le divisioni. La struttura del Gruppo Italiaonline era costituita da tre società distinte, la capogruppo Italiaonline S.p.A. e le sue controllate Matrix S.p.A. ed ITnet S.r.l., poi divenute due a seguito della fusione per incorporazione di Matrix S.p.A. in Italiaonline S.p.A., ciascuna riconducibile ad una business unit: business unit digital advertising: Italiaonline S.p.A. e Matrix S.p.A. (fino alla fusione per incorporazione nella capogruppo); e business unit internet solutions: ITnet S.r.l. Con riferimento all esercizio 2013 l unica società riconducibile alla business unit digital advertising è Italiaonline S.p.A. in quanto il 31 dicembre 2013 l Emittente ha fuso per incorporazione la controllata Matrix S.p.A. con efficacia contabile e fiscale a partire dal 1 gennaio L unica società riconducibile alla business unit internet solutions è ITnet S.r.l. Con riferimento all esercizio 2012 le società riconducibili alla business unit digital advertising sono Italiaonline S.p.A. e Matrix S.p.A., acquisita in data 31 ottobre L unica società riconducibile alla business unit internet solutions è ITnet S.r.l. Con riferimento all esercizio 2011 l unica società riconducibile alla business unit digital advertising è Italiaonline S.p.A. L unica società riconducibile alla business unit internet solutions è ITnet S.r.l. I criteri generali di redazione dei Bilanci Consolidati di carve-out sono stati i seguenti: le società riconducibili alla divisione business unit digital advertising sono state interamente incluse nel perimetro di carve-out di Italiaonline; le attività e le passività della società riconducibile alla business unit internet solutions sono state escluse interamente dal perimetro di carve-out di Italiaonline; 15

16 la partecipazione detenuta da Italiaonline S.p.A. in ITnet S.r.l., pari al 100% delle quote, è stata iscritta tra le Attività non correnti all interno della voce Partecipazioni in controllate ; i prospetti relativi della situazione patrimoniale-finanziaria al 31 dicembre 2011 includono l aggregazione dei dodici mesi di operatività del portale Libero, e quindi gli otto mesi gestiti direttamente da Italiaonline S.p.A. (3 maggio dicembre 2011) e i quattro mesi gestiti direttamente da Wind Telecomunicazioni S.p.A. (1 gennaio maggio 2011) in quanto attività svolte da società diverse ma sotto il controllo dello stesso soggetto (Weather Investments II S.à.r.l., alla Data del denominata Orascom TMT Investments S.à r.l.); il conto economico dell esercizio 2011, relativamente ai primi mesi gestiti direttamente da Wind Telecomunicazioni S.p.A., è stato determinato sulla base delle informazioni contabili e gestionali disponibili e tenendo conto della struttura del ramo conferito come società assestante;le tabelle relative alla situazione patrimoniale-finanziaria dell esercizio 2011 evidenziano le relative movimentazioni a partire dalla costituzione della Società; il prospetto di rendiconto finanziario relativo all esercizio 2011 evidenzia le variazioni patrimoniali intervenute tra il conferimento (3 maggio 2011) e la fine dell esercizio; inoltre il risultato economico relativo ai primi quattro mesi dell esercizio (non incluso nel conferimento e di competenza del conferente), è stato trattato in maniera analoga ad una distribuzione di dividendi; e sono stati ripristinati i rapporti patrimoniali ed economici con ITnet S.r.l. Per ulteriori informazioni, cfr la Premessa del Capitolo 20, del. Nei Paragrafi 3.1 e 3.2 del presente Capitolo sono riportate: (i) le informazioni finanziarie selezionate relative ai Bilanci Consolidati di carve-out dell Emittente chiusi al 31 dicembre 2013, 2012, e 2011, predisposti in conformità agli IFRS adottati dall Unione Europea; (ii) le informazioni finanziarie selezionate dell Emittente relative ai periodi di tre mesi chiusi al 31 marzo 2014 e 31 marzo 2013 predisposti in conformità al principio contabile internazionale IAS 34; e (iii) le informazioni finanziarie selezionate dell Emittente relative ai periodi di sei mesi chiusi al 30 giugno 2014 e 30 giugno 2013 predisposti in conformità al principio contabile internazionale IAS 34. Tali informazioni sono state estratte dai seguenti documenti: le informazioni finanziarie e i risultati economici dell Emittente relativi agli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011, riportati nel presente Capitolo, sono stati estratti dai bilanci consolidati di carve-out dell Emittente, predisposti secondo gli IFRS ai soli fini dell inclusione nel, approvati dal Consiglio di Amministrazione in data 28 maggio 2014 e assoggettati a revisione contabile completa da parte della Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 5 giugno 2014; le informazioni finanziarie e i risultati economici dell Emittente relativi ai periodi di tre mesi chiusi al 31 marzo 2014 e 2013 sono stati estratti dai bilanci intermedi predisposti secondo il Principio contabile Internazionale IAS 34, approvati dal Consiglio di Amministrazione in data 11 luglio 2014 e assoggettati a revisione contabile limitata da parte della Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 21 luglio 2014; e le informazioni finanziarie e i risultati economici dell Emittente relativi ai periodi di sei mesi chiusi al 30 giugno 2014 e 2013 sono stati estratti dai bilanci intermedi predisposti secondo il 16

17 Principio contabile Internazionale IAS 34, approvati dal Consiglio di Amministrazione in data 25 luglio 2014 e assoggettati, per quanto riguarda il periodo chiuso al 30 giugno 2014, a revisione contabile da parte della Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 6 agosto 2014, e per quanto riguarda il periodo chiuso al 30 giugno 2013 a revisione contabile limitata da parte della Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 6 agosto Tali informazioni devono essere lette congiuntamente ai bilanci riportati nel Capitolo 20 del Documento di Registrazione. A tale riguardo si precisa che, in conseguenza della fusione per incorporazione di Matrix S.p.A. in Italiaonline S.p.A. con effetto retroattivo al 1 gennaio 2013, a partire dall esercizio 2013 il perimetro di carve-out coincide con l Emittente, alla Data del. Si precisa che i dati per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2012, riportati nei bilanci intermedi separati chiusi al 31 marzo 2013 e al 30 giugno 2013, sono stati estrapolati dai dati comparativi al bilancio separato dell Emittente per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2013; a tale riguardo si segnala che tali dati, rispetto ai valori riportati nel bilancio separato dell Emittente per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2012, sono restated in quanto recepiscono retroattivamente, come previsto dallo IAS 8, l emendamento allo IAS 19 Benefici ai dipendenti, al fine di rendere comparabili i dati con quelli relativi al bilancio chiuso al 31 dicembre Il presente Capitolo non include i bilanci annuali separati al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011 dell Emittente, in quanto il contenuto di tali bilanci non evidenzia informazioni aggiuntive rispetto a quelle riportate nei bilanci consolidati di carve-out. Nel mese di marzo 2014 il Consiglio di Amministrazione dell Emittente ha deliberato la cessione della partecipazione nella controllata di ITnet S.r.l. che conseguentemente è stata classificata tra le attività destinate alla vendita; la cessione si è perfezionata in data 9 maggio A partire dal primo trimestre del 2014 l Emittente non ha quindi redatto il bilancio consolidato; a tale proposito si sottolinea che il perimetro incluso nei bilanci intermedi al 31 marzo 2013, al 30 giugno 2013, al 31 marzo 2014 e al 30 giugno 2014 coincide con il perimetro considerato per la predisposizione dei bilanci di carve-out al 31 dicembre 2011, 2012 e DATI ECONOMICI SELEZIONATI DELL EMITTENTE PER I PERIODI DI SEI MESI CHIUSI AL 30 GIUGNO 2014 E 2013, PER I PERIODI DI TRE MESI CHIUSI AL 31 MARZO 2014 E 2013 E PER GLI ESERCIZI CHIUSI AL 31 DICEMBRE 2013, 2012 E 2011 Di seguito sono forniti i principali dati economici dell Emittente relativamente ai periodi di sei mesi chiusi al 30 giugno 2014 e Per l analisi delle principali variazioni, cfr. il Capitolo 9, Paragrafo del. 17

18 30/06/2014 % Totale Ricavi 30/06/2013 % Totale Ricavi variazioni (migliaia di Euro) Ricavi caratteristici ,2% ,3% ,2% Altri ricavi ,8% ,7% (857) (69,8)% Totale Ricavi ,0% ,0% ,2% Acquisti di materiali e servizi esterni... (20.636) (43,4)% (24.279) (52,7)% (15,0)% Altri costi operativi... (1.211) (2,5)% (1.436) (3,1)% 225 (15,6)% Costi del personale... (10.182) (21,4)% (11.044) (24,0)% 861 (7,8)% Risultato operativo ante ammortamenti e plusvalenze da realizzo di attività non correnti ,5% Risultato operativo ante ammortamenti e plusvalenze da realizzo di attività non correnti/ricavi... 32,7% 20,3% 12,4% Ammortamenti... (5.445) (11,4)% (7.606) (16,5)% (28,4)% Svalutazioni... 0,0% 0,0% Plusvalenze/(minusvalenze) da realizzo di attività non correnti... 0,0% 23 0,0% (23) (100,0)% Risultato operativo ,3% Risultato operativo/ricavi... 21,2% 3,8% 17,4% Proventi finanziari ,1% 118 0,3% (93) (78,7)% Oneri finanziari... (137) (0,3)% (319) (0,7)% 181 (56,9)% (Perdite)/Utili su cambi... (0) 0,0% (1) 0,0% 1 (67,2)% Risultato prima delle imposte ,2% Risultato prima delle imposte/ricavi... 21,0% 3,4% 17,6% Imposte sul reddito di esercizio... (4.191) (8,8)% (1.275) (2,8)% (2.916) 228,7% Risultato di attività operative ,5% Risultato di attività destinate alla vendita... Utile/(perdita) del periodo ,5% Risultato del periodo/ricavi... 12,2% 0,6% 11,6% Di seguito sono forniti i principali dati economici dell Emittente relativamente ai periodi di tre mesi chiusi al 31 marzo 2014 e Per l analisi delle principali variazioni, cfr. il Capitolo 9, Paragrafo del. 31/03/2014 % Totale Ricavi 31/03/2013 % Totale Ricavi variazioni (migliaia di Euro) Ricavi caratteristici ,2% ,4% (19) (0,1)% Altri ricavi ,8% 616 2,6% (430) (69,7)% Totale Ricavi ,0% ,0% (448) (1,9)% Acquisti di materiali e servizi esterni... (9.593) (41,7)% (13.444) (57,3)% (28,6)% Altri costi operativi... (459) ( 2,0) % (554) (2,4)% 95 (17,1)% Costi del personale... (5.927) (25,8)% (6.211) (26,5)% 284 (4,6)% Risultato operativo ante ammortamenti e plusvalenze da realizzo di attività non correnti ,4% Risultato operativo ante ammortamenti e plusvalenze da realizzo di attività non correnti/ricavi... 30,6% 13,8% 16,7% Ammortamenti... (2.754) (12,0)% (3.729) (15,9)% 974 (26,1)% Svalutazioni... Plusvalenze da realizzo di attività non correnti ,1% (25) (100,0)% Risultato operativo (455) ,1% Risultato operativo/ricavi... 18,6% (1,9)% 20,5% Proventi finanziari ,0% 25 0,1% (15) (59,8)% Oneri finanziari... (2) 0,0% 0 0,0% (2) (100,0)% (Perdite)/Utili su cambi... (0) 0,0% (100,0)% Risultato prima delle imposte (430) ,5% Risultato prima delle imposte/ricavi... 18,6% (1,8)% 20,5% Imposte... (1.506) (6,5)% (1.144) (4,9)% (362) 31,6% Risultato di attività operative (1.575) ,4% Risultato di attività destinate alla vendita... Utile/(perdita) del periodo (1.575) ,4% Risultato del periodo/ricavi... 12,1% (6,7)% 18,8% 18

19 Di seguito sono forniti i principali dati economici consolidati dell Emittente di carve-out relativamente agli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 31 dicembre 2012 e al 31 dicembre Per l analisi delle principali variazioni, cfr. il Capitolo 9, Paragrafo del. 31/12/ 2013 % Totale Ricavi 31/12/ 2012 % Totale Ricavi 31/12/ 2011 % Totale Ricavi Variazioni Variazioni (migliaia di Euro) Ricavi caratteristici ,2% ,5% ,7% ,8% ,3% Altri ricavi ,8% 934 1,5% 141 0,3% (194) (20,8)% ,4% Totale Ricavi ,0% ,0% ,0% ,8% ,9% Acquisti di materiali e servizi esterni... (44.246) (48,0)% (32.344) (51,4)% (17.144) (37,1)% (11.902) 36,8% (15.200) 88,7% Altri costi operativi... (4.340) (4,7)% (6.830) (10,9)% (1.416) (3,1)% (36,5)% (5.414) 382,3% Costi del personale... (21.985) (23,8)% (13.003) (20,7)% (8.825) (19,1)% (8.982) 69,1% (4.178) 47,3% Risultato operativo ante ammortamenti e plusvalenze da realizzo di attività non correnti ,9% (8.170) (43,3)% Risultato operativo ante ammortamenti e plusvalenze da realizzo di attività non correnti/ricavi. 23,5% 17,0% 40,8% 6,5% (23,8)% Ammortamenti... (15.204) (16,5)% (4.909) (7,8)% (2.387) (5,2)% (10.295) 209,7% (2.522) 105,7% Svalutazioni... (2.899) (3,1)% 0,0% 0,0% (2.899) 100,0% Plusvalenze da realizzo di attività non correnti ,0% 3 0,0% 0,0% ,7% 3 100% Risultato operativo (2.170) (37,5)% (10.689) (64,9)% Risultato operativo/ricavi... 3,9% 9,2% 35,6% (5,3)% (26,4)% Proventi finanziari ,2% 161 0,3% 91 0,2% (2) (1,2)% 70 76,9% Oneri finanziari... (238) (0,3)% (82) (0,1)% (67) (0,1)% (156) 190,2% (15) 22,4% (Perdite)/Utili su cambi... (3) 3 (100,0)% (3) 100% Risultato prima delle imposte (2.325) (39,6)% (10.637) (64,4)% Risultato prima delle imposte/ricavi... 3,8% 9,3% 35,7% (5,5)% (26,4)% Imposte... (2.379) (2,6)% (1.994) (3,2)% (5.779) (12,5)% (385) 19,3% (65,5)% Risultato di attività operative (2.710) (70,0)% (6.852) (63,9)% Risultato di attività destinate alla vendita... (154) (0,2)% (101) (0,2)% 154 (100,0)% (53) 52,5% Utile/(perdita) dell'esercizio (2.556) (68,7)% (6.905) (65,0)% Risultato di esercizio/ricavi 1,3% 5,9% 23,0% (4,7)% (17,1)% ANALISI DEI RICAVI DELL EMITTENTE PER I PERIODI DI SEI MESI CHIUSI AL 30 GIUGNO 2014 E 2013, PER I PERIODI DI TRE MESI CHIUSI AL 31 MARZO 2014 E 2013 E PER GLI ESERCIZI CHIUSI AL 31 DICEMBRE 2013, 31 DICEMBRE 2012 E 31 DICEMBRE 2011 Di seguito si presenta il dettaglio della composizione della voce ricavi caratteristici dell Emittente per i periodi di sei mesi chiusi al 30 giugno 2014 e Per l analisi delle principali variazioni, cfr. il Capitolo 9, Paragrafo del. 30/06/ /06/2013 (migliaia di Euro) Digital Advertising Local Subscribers Other Totale ricavi caratteristici Di seguito si presenta il dettaglio della composizione della voce ricavi caratteristici dell Emittente per i periodi di tre mesi chiusi al 31 marzo 2014 e Per l analisi delle principali variazioni, cfr. il Capitolo 9, Paragrafo del. 19

20 31/03/ /03/2013 (migliaia di Euro) Digital Advertising Local Subscribers Other Totale ricavi caratteristici Di seguito si presenta il dettaglio della composizione della voce ricavi caratteristici dell Emittente per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 31 dicembre 2012 e 31 dicembre Per l analisi delle principali variazioni, cfr. il Capitolo 9, Paragrafo del. 31/12/ /12/ /12/2011 (migliaia di Euro) Digital Advertising Local Subscribers Other Totale ricavi caratteristici DATI PATRIMONIALI SELEZIONATI DELL EMITTENTE PER IL PERIODO DI SEI MESI CHIUSO AL 30 GIUGNO 2014, PER IL PERIODO DI TRE MESI CHIUSO AL 31 MARZO 2014 E PER GLI ESERCIZI CHIUSI AL 31 DICEMBRE 2013, 2012 E 2011 Situazione patrimoniale-finanziaria riclassificata al 30 giugno 2014 e 31 dicembre 2013 Nella tabella seguente è rappresentato lo stato patrimoniale riclassificato, al 30 giugno 2014 e al 31 dicembre 2013, in ottica finanziaria per Impieghi e Fonti (1), al fine di evidenziare l attitudine delle voci dell attivo patrimoniale a ritornare in forma liquida, nonché la diversa provenienza delle voci del passivo patrimoniale. Viene, inoltre, riportata la tabella con il dettaglio della voce Attività immateriali e avviamento e la relativa incidenza sul totale delle attività. Per l analisi delle principali variazioni, cfr. il Capitolo 10, Paragrafo del. 30/06/ /12/2013 Importo % sul CI (2) % su ATT/PASS Importo % sul CI (2) ATT/PASS % su (migliaia di Euro) Capitale Immobilizzato Attività materiali ,4% 2,4% ,0% 1,8% Attività immateriali e avviamento ,8% 64,4% ,8% 65,5% Partecipazioni... 0,0% 0,0% ,8% 4,1% Altri crediti non correnti ,0% 0,0% 48 0,0% 0,0% Totale capitale immobilizzato ,2% 66,8% ,6% 71,4% Capitale circolante netto... Crediti commerciali ,8% 21,2% ,4% 19,5% Debiti commerciali... (39.812) (30,9)% (16,9)% (38.600) (27,5)% (16,6)% Altre attività ,3% 2,9% ,9% 3,0% Altre passività... (9.339) (7,2)% (4,0)% (7.760) (5,5)% (3,3)% Totale capitale circolante netto ,0% 3,3% ,3% 2,6% Attività e passività per imposte sul reddito ,4% 0,2% ,3% 0,8% Benefici per i dipendenti... (4.997) (3,9)% (2,1)% (4.272) (3,0)% (1,8)% Passività per imposte differite nette... (27.056) (21,0)% (11,5)% (24.304) (17,3)% (10,4)% Fondi per rischi ed oneri... (4.920) (3,8)% (2,1)% (5.415) (3,9)% (2,3)% CAPITALE INVESTITO NETTO ,0% 54,7% ,0% 60,2% Totale patrimonio netto ,8% 62,8% ,7% 65,4% Posizione finanziaria netta... (19.085) (14,8)% (8,1)% (12.241) (8,7)% (5,3)% TOTALE FONTI ,0% 54,7% ,0% 60,2% Totale attivo/passivo (1) Impieghi: investimenti che l impresa decide di dare alle risorse di cui si è dotata; Fonti: risorse finanziarie necessarie al finanziamento dell attività. 20

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 AREA:

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 Pagina 1 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS INDICE Organi sociali 3 Relazione sull andamento della

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli