L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B."

Transcript

1 Servizio Linguistico di Ateneo SeLdA L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Silvia Gilardoni Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano aprile-maggio 2013 CORSO DI FORMAZIONE Certificazione DITALS I livello

2 Sezione B -Analisi e sfruttamento didattico di un testo Parametri di analisi COMPLESSITÀ LINGUISTICA TIPOLOGIA TESTUALE STRUTTURA DEL DISCORSO

3 Contesto di apprendimento ETÀ DEI DESTINATARI LIVELLO DI COMPETENZA LINGUISTICA DEI DESTINATARI CONTESTO DI APPRENDIMENTO RILEVANZA PER L APPRENDENTE

4 Contesto di apprendimento e destinatari

5 Bisogni linguistici e formativi di adulti immigrati accoglienza e regolarizzazione lavoro abitazione salute e assistenza formazione socializzazione e tempo libero (Vedovelli, 2002)

6 DOMINI personale pubblico lavorativo-professionale CONTESTI D USO ambienti, istituzioni, persone, oggetti, eventi, azioni e testi (Cfr. Sillabo di riferimento, 2010 e Vademecum, ai sensi della nota n 8571 del 16 Dicembre 2010 del Ministero dell interno)

7 Livello di competenza linguistica dei destinatari Cfr. Consiglio d Europa, Quadro comune europeo di riferimento per le lingue: apprendimento, insegnamento, valutazione, trad. it. a cura di F. Quartapelle e D. Bertocchi, La Nuova Italia, Firenze 2002; B. Spinelli, F. Parizzi (a cura di), Profilo della lingua italiana. Livelli di riferimento del QCER A1, A2, B1 e B2, La Nuova Italia, Firenze Milano 2010.

8 Elementi per l analisi del testo le varietà sociolinguistiche dell italiano; il lessico; aspetti sintattici e pragmatici del testo; le tipologie testuali; la coerenza e la coesione testuale

9 VARIETÀ DELL ITALIANO CONTEMPORANEO

10 glottodidattica e studi di linguistica italiana l attenzione all oggetto dell insegnamento/apprendimento linguistico quale italiano insegnare? GILARDONI S., La didattica dell italiano L2: approcci teorici e orientamenti applicativi, Educatt, Milano 2005 (ristampa 2012)

11 Le varietà della lingua VARIETÀ: i diversi modi in cui la lingua si realizza nei suoi usi parlati e scritti Variazione linguistica

12 Voci di riferimento dall Enciclopedia dell Italiano Treccani BERRUTO G., Varietà, o)/ SERIANNI L., Lingua scritta, 2010 VOGHERA M., Lingua parlata, 2010 BERRUTO G., Variazione diafasica,

13 Repertorio linguistico «l insieme delle risorse linguistiche possedute dai membri di una comunità linguistica, vale a dire la somma di varietà di una lingua o di più lingue impiegate presso una certa comunità sociale» (BERRUTO G., Fondamenti di sociolinguistica, Laterza, Roma Bari ,, p. 72)

14 In Italia... L italiano e le sue varietà I dialetti e le loro varietà Le lingue minoritarie

15 varietà DIACRONICHE (relative all evoluzione della lingua nel tempo) varietà DIATOPICHE o geografiche (relative alla differenziazione geografica) varietà DIASTRATICHE o sociali (relative alla differenziazione sociale) varietà DIAFASICHE (relative alla situazione d uso della lingua; di tipo situazionale: registri; di tipo funzionale: sottocodici) varietà DIAMESICHE (relative al mezzo della comunicazione)

16 La variazione diacronica l italiano delle origini, l italiano del Trecento, l italiano del Cinquecento, l italiano contemporaneo...

17 Le varietà dell italiano contemporaneo L architettura dell italiano contemporaneo

18 Le varietà diatopiche italiani regionali; italiano di Roma, italiano di Milano; dialetti regionali (urbani) e locali (rustici)

19 Le varietà diastratiche l italiano dei ceti colti, l italiano dei parlanti non istruiti (italiano popolare), la lingua dei giovani

20 Le varietà diafasiche le variazioni nell interazione comunicativa in relazione al rapporto tra gli interlocutori e all argomento del discorso a) le variazione di registro (l italiano della conversazione quotidiana, l italiano formale, informale, solenne, famigliare, ecc.) b ) sottocodici o linguaggi settoriali (l italiano dell economia, l italiano giuridico, l italiano burocratico, l italiano tecnico-scientifico, ecc.)

21 Le varietà diamesiche italiano scritto, italiano parlato; il parlato-parlato, il parlato-scritto, il parlato-recitato, lo scritto-scritto (G. NENCIONI, Parlato-parlato, parlato-scritto, parlatorecitato, in G. Nencioni, Di scritto e di parlato. Discorsi linguistici, Zanichelli, Bologna 1983, pp ); l italiano trasmesso (cfr. F. SABATINI,La comunicazione orale, scritta e trasmessa: la diversità del mezzo, della lingua e delle funzioni, in A.M Boccafurni S. Serromani ed., Educazione linguistica nella scuola superiore, Istituto di Psicologia del CNR, Roma 1982, pp ).

22 «nelle reali varietà d uso della lingua spesso le varie dimensioni si intersecano, e le relative varietà possono determinarsi (o, più latamente, assumere valori, o funzionare) contemporaneamente secondo più assi di variazione» (BERRUTO G., Le varietà del repertorio, in Sobrero A.A. a cura di, Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi, Editori Laterza, Bari , p. 10)

23 L architettura della lingua come un continuum multidimensionale

24

25 cfr. anche lo schema in BERRUTO G., Sociolinguistica dell italiano contemporaneo, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1987, p. 21.

26 È necessario tenere presente la differenziazione tra le varietà nella programmazione didattica e nella definizione degli obiettivi, che devono essere individuati a partire dai destinatari dell offerta formativa e dalle loro esigenze.

27 Possibili percorsi curricolari di italiano L2 che tengano conto delle varietà sociolinguistiche in base alla tipologia dei destinatari

28 a. provenienti da stati in cui l emigrazione italiana è stata numericamente più alta: coscienza della dimensione diacronica e regionale, dialetto italiano standard; b. provenienti da stati con una forte tradizione di studi umanistici e di ambito romanistico: varietà legate allo scritto e formali, standard italiano colto; c. persone interessate al nostro mondo culturale in senso lato: standard italiano dell uso medio o neostandard; d. studenti europei occidentali inseriti in programmi di scambio europei: livello di lingua comune parlata e microlingue relative ai loro studi, standard italiano dell uso medio o neostandard; e. immigrati extracomunitari: lingua parlata e lingua burocraticoamministrativa, lessico dei settori lavorativi in cui più frequentemente si inseriscono, italiano popolare/italiano regionale italiano dell uso medio o neostandard. (A. BENUCCI, Le varietà del repertorio linguistico italiano nell insegnamento agli stranieri, in P. DIADORI (a cura di), Insegnare italiano a stranieri, Le Monnier, Firenze 2001, p. 117)

29 Suddivisione dello spazio linguistico dell italiano in base alla progressione per livelli: A: italiano neo-standard o dell uso medio fin dai livelli elementari; B: italiano standard e italiano neo-standardo dell uso medio nei livelli avanzati; C: italiano regionale e dialetti (solo come riconoscimento) nei livelli superiori» (A. BENUCCI, La grammatica nell insegnamento dell italiano a stranieri, con la collaborazione di M.S. Bruttini e S. Semplici, Bonacci, Roma 1994, p. 67)

30 Alcuni approfondimenti nella prospettiva della didattica dell italiano L2 registri linguistici sottocodici lingua scritta e lingua parlata italiano dell uso medio o neostandard

31 Registri e sottocodici Fattori della variazione diafasica campo (field) tenore (tenor) modo (mode)

32 Variazione di registro e variazione di sottocodice variazione di registro tenore variazione di sottocodice campo

33 I registri una varietà della lingua di tipo diafasico situazionale

34 Per una classificazione dei registri: Familiare o colloquiale o volgare Civile o standard Formale o sostenuto o aulico

35 formale vs informale

36 I sottocodici I sottocodici sono competenze culturali specifiche che delimitano aree comunicative particolari all'interno del codice generale rappresentano una varietà diafasica della lingua di tipo funzionale, cioè collegata all'espletamento di determinati compiti o all'esercizio di specifiche professioni

37 rappresenta la varietà di una lingua naturale, dipendente da un settore di conoscenze o da un ambito di attività professionali; un linguaggio settoriale è utilizzato, nella sua interezza, da un gruppo di parlanti più ristretto rispetto a quelli che parlano la lingua base e risponde allo scopo di soddisfare le necessità comunicative di un certo settore specialistico (L. Serianni, Italiani scritti, Il Mulino, Bologna 2003)

38 lingua o linguaggio settoriale, speciale, specialistico, microlingua (A.A. Sobrero, Lingue speciali, in Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi, a cura di A.A. Sobrero, Laterza, Bari , pp )

39 Stratificazione "orizzontale" e stratificazione "verticale" I livelli della comunicazione settoriale

40 I livelli della comunicazione settoriale: il livello scientifico il livello divulgativo (due poli stilistici)

41 Caratteri generali dei linguaggi settoriali Lessico: tecnicismi specifici e tecnicismi collaterali Morfologia e sintassi Strutture testuali L. Serianni, Italiani scritti, Il Mulino, Bologna 2003; A.A. Sobrero, Lingue speciali, cit.

42 Lessico tecnicismi specifici rideterminazione semantica di parole di uso comune ricorso a una lingua straniera (forestierismi) sigle e acronimi tecnicismi collaterali

43 tecnicismi specifici stomatite, crocidismo indulto, evizione inflazione, isoquanto

44 rideterminazione semantica di parole di uso comune base lavoro momento colpa positivo e negativo

45 ricorso a una lingua straniera (forestierismi) marketing, target, budget, bypass stagnazione, fluttuazione, antibioticodipendente

46 sigle e acronimi TAC, LASER TAC, LASER eliporto, stagflazione

47 tecnicismi collaterali Si tratta di termini (e in misura ridotta di costrutti) altrettanto caratteristici di un certo ambito settoriale, che però sono legati non a effettive necessità comunicative bensì all opportunità di adoperare un registro elevato, distinto dal linguaggio comune. (L. Serianni, Italiani scritti, Il Mulino, Bologna 2003, p. 82)

48 Il paziente accusa vivo dolore alla regione epigastrica. Non si apprezzano lesioni focali. L azione mucolitica si manifesta a livello delle vie aeree.

49 Morfologia, sintassi e testualità Formazione della parole: uso esteso di prefissi, suffissi e confissi (prefissoidi e suffissoidi) clorato, cloruro, cloridrico epatopatia, nefrocele

50 Lo sviluppo del nome rispetto al verbo La deagentivizzazione Lo sviluppo delle frasi passive

51 Lingua scritta e lingua parlata Scritto e parlato canale fonico-acustico /canale grafico-visivo comunicazione in situazione / a distanza feedback modalità di fruizione pianificazione

52 Lingua scritta Presupposizione e deissi Strumenti della coesione Uso delle relazioni connettivali (connettori) Caratteristiche sintattiche Caratteristiche lessicali

53 Italiano dell uso medio o italiano neo-standard

54 il problema del rapporto tra l uso concreto della lingua e la norma linguistica, cui fanno riferimento le grammatiche descrittive del sistema linguistico dell italiano

55 ITALIANO STANDARD lingua di confronto per tutte le altre varietà; le varietà si definiscono sulla base del rapporto con la lingua standard scritto formale, corretto, colto (prestigio), codificato dalle grammatiche (stabilità), insegnato a scuola

56 Gaetano Berruto, Italiano standard, Enciclopedia dell'italiano (2010) standard_(enciclopedia_dell'italiano)/

57 L italiano normativo corrisponde all italiano standard, che si caratterizza per essere un italiano sovraregionale, colto e formale, a base fiorentina emendata secondo le definizione di Nora Galli de Paratesi, ripresa da Berruto (G. BERRUTOLe varietà del repertorio, cit., p. 9 e N. GALLI DE PARATESI, Lingua toscana in bocca ambrosiana. Tendenze verso l italiano standard: un inchiesta sociolinguistica, Il Mulino, Bologna 1984)

58 La nozione di standard (a) codificato (b) sovraregionale (c) elaborato (d) proprio dei ceti alti (e) invariante (f) scritto

59 Formazione dello standard la formazione di una lingua standard è un processo sociale e culturale in cui opera l intervento congiunto di più agenti : (a) parlanti e scriventi professionali, che producono testi modello; (b) autorità normative in fatti di lingua (per es., accademie) che provvedono istruzioni e correzioni; (c) codici linguistici (i manuali descrittivo-normativi di riferimento); (d) esperti di lingua, che descrivono e giudicano le produzioni linguistiche.

60 Il modello di lingua che viene codificato è «il toscano urbano della classe colta di Firenze» (Galli de Paratesi 1984)

61 ITALIANO NEO-STANDARD (O DELL USO MEDIO) una varietà di lingua «comunemente usata dalle persone colte che ammette come pienamente corretti alcune forme e costrutti sino a tempi non lontani ritenuti non facenti parte della buona lingua» (G. BERRUTOLe varietà del repertorio, in Sobrero, A.A. (a cura di),introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi, Editori Laterza, Bari 2004, decima ed.)

62 varietà ancora in formazione maggior apertura regionale (alle varietà diatopiche) e stilistica (ai diversi registri) avvicinamento di scritto e parlato semplificazione

63 Tratti caratterizzanti Cfr. F. SABATINI, L italiano dell uso medio : una realtà fra le varietà linguistiche italiane, in G. HOLTUS E. RADTKE (a cura di), GesprochenesItalienischin Geschichteund Gegenwart, Narr, Tübingen 1985, pp ; G. BERRUTO, Sociolinguistica dell italiano contemporaneo, cit.

64 l uso di costruzioni sintattiche che consentono di focalizzare l elemento rematico: la posposizione del soggetto al verbo ( Prendo io la valigia ); il ricorso a un ordine marcato dei costituenti con la dislocazione del tema a sinistra ( Il caffè lo prendo amaro ) o a destra (lo prendo amaro, il caffè); l uso di frasi scisse ( È stato lui che me lo ha detto ) o del c è presentativo

65 l uso di che polivalente (in funzione di subordinatore generico), in frasi come Aspetta, che te lo spiego, È un ora che ti aspetto, Quand è che parti

66 SISTEMA VERBALE Modificazioni dei rapporti d uso di tempi e modi verbali imperfetto, passato prossimo e futuro indicativo

67 Uso del congiuntivo la tendenza a sostituire il congiuntivo con l indicativo, in particolare nelle frasi ipotetiche dell irrealtà ( Se me lo dicevi, ci pensavo io ) e in dipendenza da verbi che esprimono opinioni, verbi di richiesta, verbi che indicano piacere, dispiacere, ira, timore, sorpresa ( Mi sembra che hai ragione, Gli ho chiesto se è arrivata Caterina, Sono contento che vieni presto )

68 PRONOMI l uso quasi esclusivo delle forme di pronomi personali lui,lei,loro con funzione di soggetto al posto di egli/ella/essi/esse; l uso generalizzato della forma pronominale dativalegli (al posto di le e loro); l uso raro di ciò come pronome neutro a favore dell utilizzo di questo/quello; l eliminazione del dimostrativo codesto; la prevalenza della particella ci al posto di vi e il suo uso come elemento di rinforzo e valore attualizzante accanto a verbi come avere, essere, sentire, vedere, volere;...

69 Schema giustappositivo modificando-modificatore (N+N): casi in cui il legame implicito equivale a una relativa appositiva: es. indagine pilota, donna poliziotto casi in cui il legame implicito corrisponde a una preposizione specificante: es. scuola guida, treno merci, fine settimana Uso del costrutto modificatore -modificando (per influsso dell inglese)

70 Espressione dell elativo Uso di forme analitiche e di prefissi per il superlativo degli aggettivi: estremamente, quanto mai, assai, stra-, ultra- super-, extra- Formule di elativizzazione per i nomi: uso di -issimo ripetizione del nome prefissazione con super-

71 Casi di metaplasma uso aggettivale di no, gratis, bis, niente, bene, super (giornata no; governo bis; biglietto gratis; niente caffè per il signore? gente bene, ragazza super) agg. in funzione avverbiale (mangiare sano, guidare veloce) agg. sostantivati con valore di neutri astratti collettivi (il nucleare, il privato )

72 I fenomeni rilevati sono per la maggior parte non tanto innovazioni, quanto tratti attestati in epoche passate e dunque già esistenti nel sistema linguistico italiano, ma rimasti a lungo sommersi a causa del normativismo di stampo bembiano che ha caratterizzato una parte della storia della lingua italiana l estensione dell uso parlato della lingua

73 L italiano dell uso medio viene proposto da Sabatini come punto di riferimento per l insegnamento a stranieri, così da poter rispondere all esigenza prevalente dei discenti di «acquisire una competenza linguistica adatta all uso orale (diretto e trasmesso ), ricettivo e produttivo in situazioni di media formalità, e ad un uso scritto prevalentemente ricettivo, esercitato su generi di testo di larga circolazione e di attualità».

74 Questo non significa però l abbandono della varietà standard nell educazione linguistica, come precisa Sabatini: [ ] non ho affatto suggerito di abbandonare le certezze del modello standard della nostra lingua, per aprire la porta solo alle varietà molto particolari di essa (i saporiti e variopinti italiani regionali o le varie forme di italiese ). La conoscenza delle varietà standard è indispensabile, anche al fine di aprire gradualmente l accesso al vastissimo patrimonio di cultura che ad essa si lega; ma è del pari indispensabile la pratica e la conoscenza di quella varietà dell uso medio che va, finalmente, ravvisata nella sua fisionomia e nelle sue funzioni (F. SABATINI, L italiano di «uso medio»: un punto di riferimento per l insegnamento dell italiano all estero, cit., p. 472)

75 necessità di riconoscere nella realtà linguistica e quindi nell insegnamento la distinzione tra «varietà standard per l uso scritto formale e varietà neostandard per l uso medio parlato e scritto» (C. ANDORNO F. BOSC P. RIBOTTA, Grammatica. Insegnarla e impararla, Guerra, Perugia 2003, p. 216)

76 ASPETTI DI LINGUISTICA DEL TESTO

77 Criteri di testualità De Beaugrande R.-A., Dressler W., 1994 [1981], Introduzione alla linguistica testuale, Il Mulino, Bologna. notions

78 Criteri di testualità A una produzione linguistica si attribuisce generalmente la caratteristica di testo se valgono alcuni criteri di testualità. Robert Alain de Beaugrande e Wolgang Ulrich Dressler (1981) indicano: la coerenza la coesione l intenzionalità l accettabilità l informatività la situazionalità l intertestualità.

79 Coerenza si coglie grazie alle conoscenze che vengono dal mondo del testo, è sempre presente nelle relazioni semantiche fra le componenti del testo. È il reticolo logico e semantico del testo, il filo del discorso

80 Un testo è coerente se vi è concordanza di contenuto e concordanza di stile COERENZA DI CONTENUTO COERENZA DI STILE (cfr. F. Sabatini, C. Camodeca, C. De Santis, Sistema e testo. Dalla grammatica valenzialeall esperienza dei testi, Loescher, Torino 2011)

81 coesione è assicurata dalla rete di relazioni che collegano le diverse parti del testo Un testo deve essere coeso: le sue parti devono essere correttamente connesse dal punto di vista linguistico

82 La coesione a livello morfosintattico e semantico

83 La coesione a livello morfosintattico: desinenze e concordanze, preposizioni, sostituenti, congiunzioni, ecc. La coesione a livello semantico: ripetizione (o La coesione a livello semantico: ripetizione (o anafora), sostituzione (uso di sostituenti, sinonimi, iperonimi ecc.), ellissi, contatto di concetti (ad es. tra parole dello stesso campo semantico)

84 LE TIPOLOGIE TESTUALI

85 Generi testuali e tipologie testuali: una precisazione terminologica e concettuale

86 Generi testuali Il rapporto tra elementi del contenuto ed elementi dell espressione organizzati convenzionalmente a partire da una o più funzioni socialmente riconosciute e in vista di scopi determinati è ciò che a grandi linee costituisce un genere testuale (B. Mortara Garavelli, Italienisch: Textsorten, in Lexikon der romanistischen Linguistik, hrsg. von G. Holtus/M. Metzeltin/C. Schmitt, Niemeyer, Tübingen , p. 159)

87 romanzo poesia lettera testo giornalistico diario pubblicità canzone fumetto ricetta istruzioni...

88 Tipologie testuali: descrizione, narrazione, argomentazione... una tipologia funzionale dei testi in relazione alla tipologia di atti linguistici

89 L eterogeneità composizionale dei testi il testo come commistione di andamenti testuali

90 Il testo narrativo Il testo descrittivo Il testo argomentativo Il testo regolativo Il testo espositivo Il testo scenico

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Italiano dell'uso medio o italiano neostandard

Italiano dell'uso medio o italiano neostandard Italiano dell'uso medio o italiano neostandard In tutte le tradizioni linguistiche, accanto alla norma linguistica consacrata dalla tradizione, tende a formarsi un uso più flessibile, proprio dei registri

Dettagli

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA:

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: La glottodidattica è una scienza teorico pratica che ha come scopo la risoluzione dei problemi di insegnamento/apprendimento di una seconda lingua. (da

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5]

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5] Lessico e registro Lezione tenuta il 25 maggio 2015 nel polo Linceo di Calabria, l Università per Stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabria, nell ambito del progetto Per una nuova didattica dell italiano.

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Analisi del testo letterario 1

Analisi del testo letterario 1 Analisi del testo letterario 1 discipline Analisi del testo letterario 1 - Isabella Chiari 2 esempio 1 Promessi sposi (A. Manzoni) Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

IL CONTATTO INTERLINGUISTICO : TRA BILINGUISMO E DIGLOSSIA IN ITALIA

IL CONTATTO INTERLINGUISTICO : TRA BILINGUISMO E DIGLOSSIA IN ITALIA Ingeborga BESZTERDA & Beata SZPINGIER Università Adam Mickiewicz di Poznań IL CONTATTO INTERLINGUISTICO : TRA BILINGUISMO E DIGLOSSIA IN ITALIA Il contatto fra lingue e dialetti rappresenta un caso particolare

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Lo spagnolo come lingua accademica

Lo spagnolo come lingua accademica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CURRICULUM TURISTICO-MANAGERIALE Lo spagnolo come lingua accademica LAUREANDO Alessandra Pazienza RELATORE

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

L'italiano d'oggi: le varietà sociali e geografiche

L'italiano d'oggi: le varietà sociali e geografiche L'italiano d'oggi: le varietà sociali e geografiche L'italiano lo abbiamo già detto nella seconda lezione non è un insieme monolitico di elementi, ma, piuttosto, un dinamico aggregato di varietà le cui

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Esami di Stato II ciclo. Valutazione dei livelli di apprendimento. Prove scritte IL QUADRO DI RIFERIMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA

Esami di Stato II ciclo. Valutazione dei livelli di apprendimento. Prove scritte IL QUADRO DI RIFERIMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA Esami di Stato II ciclo. Valutazione dei livelli di apprendimento. Prove scritte IL QUADRO DI RIFERIMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA DELL ESAME di STATO di II CICLO A cura dell Accademia della

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Le varianti sociolinguistiche nel parlato telefonico: la comunicazione nei call center

Le varianti sociolinguistiche nel parlato telefonico: la comunicazione nei call center Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Tesi di Laurea in Sociolinguistica Le varianti sociolinguistiche nel parlato telefonico: la comunicazione nei call center Relatore

Dettagli

Q UADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO L A PROVA DI ITALIANO NELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE

Q UADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO L A PROVA DI ITALIANO NELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE Q UADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO L A PROVA DI ITALIANO NELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE V ersione aggiornata il 02.04.2013 1 Indice Premessa I PARTE: PRESUPPOSTI TEORICI E OBIETTIVI DELLE PROVE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Centro DITALS ESAME II LIVELLO

Centro DITALS ESAME II LIVELLO Centro DITALS CERTIFICAZIONE DI COMPETENZA IN DIDATTICA DELL'ITALIANO A STRANIERI ESAME II LIVELLO AGGIORNAMENTO BIBLIOGRAFICO Bibliografia relativa alla didattica dell italiano L2 da consultare anche

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T.

Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T. Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T. (Formazione e Aggiornamento anche con Supporto Tecnologico) Via di Pantaneto, 45 - I-53100 Siena Tel. +39.0577.240245 Fax +39.0577.240239 e-mail: fast@unistrasi.it

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A1. A cura degli Enti certificatori dell italiano L2. Hanno collaborato:

Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A1. A cura degli Enti certificatori dell italiano L2. Hanno collaborato: Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A1 A cura degli Enti certificatori dell italiano L2 Hanno collaborato: Serena Ambroso, Massimo Arcangeli, Monica Barni, Giuliana

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE PLIDA

LA CERTIFICAZIONE PLIDA PLIDA PROGETTO LINGUA ITALIANA DANTE ALIGHIERI a cura di Giuseppe Patota e Lucilla Pizzoli II SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI, ROMA Tuttti i diritti di copyright sono riservati. Ogni violazione sarà perseguita

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A2. A cura degli Enti certificatori dell italiano L2. Hanno collaborato:

Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A2. A cura degli Enti certificatori dell italiano L2. Hanno collaborato: 1 Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A2 A cura degli Enti certificatori dell italiano L2 Hanno collaborato: Serena Ambroso, Massimo Arcangeli, Monica Barni, Giuliana

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

MODULO 2 Varietà, registri, usi dell'italiano; bilinguismo e multilinguismo

MODULO 2 Varietà, registri, usi dell'italiano; bilinguismo e multilinguismo MODULO 2 Varietà, registri, usi dell'italiano; bilinguismo e multilinguismo Patricia Bianchi, Università Federico II, Napoli Immacolata Tempesta, Università di Lecce Autori: Patricia Bianchi (prof. associato

Dettagli

PREMESSE PER UNO STUDIO DELLA VARIAZIONE DI REGISTRO IN ITALIANO

PREMESSE PER UNO STUDIO DELLA VARIAZIONE DI REGISTRO IN ITALIANO PREMESSE PER UNO STUDIO DELLA VARIAZIONE DI REGISTRO IN ITALIANO 0. Il recente avvio di un progetto di ricerca sulle varietà formali di alcune lingue europee nella comunicazione elettronica ( 1 ) offre

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

nuovo t...a INVALSI di Italiano Guida dell insegnante terza Classe edizione aggiornata Quaderno operativo per superare con successo la prova

nuovo t...a INVALSI di Italiano Guida dell insegnante terza Classe edizione aggiornata Quaderno operativo per superare con successo la prova Maria Luisa Maggi lessandra Valenti nuovo t...a te in s 3 lasse terza Scuola Secondaria di primo grado Quaderno operativo per superare con successo la prova INVLSI di Italiano Guida dell insegnante edizione

Dettagli

Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI. Estratto da:

Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI. Estratto da: Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI Estratto da: Tesi di Laurea Specialistica in Lingua Italiana in situazioni di contatto Università per Stranieri di Perugia Anno

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca [contributo già pubblicato in La crusca per voi, n. 33, Ottobre 2006, pp. 4-8] Si è tenuto nei mesi di marzo/aprile del 2006 un corso di aggiornamento

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano Comune di Modena Settore Istruzione Il volume presenta i materiali che documentano tre diverse esperienze, realizzate nelle scuole se- condarie di I grado di Modena nell ambito di azioni e progetti per

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

L ACQUISIZIONE LINGUISTICA E LA UMANISTICO - AFFETTIVA E. di Paola Begotti

L ACQUISIZIONE LINGUISTICA E LA UMANISTICO - AFFETTIVA E. di Paola Begotti L ACQUISIZIONE LINGUISTICA E LA GLOTTODIDATTICA UMANISTICO - AFFETTIVA E FUNZIONALE di LABORATORIO ITALS DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL LINGUAGGIO UNIVERSITA CA FOSCARI - VENEZIA 1 Introduzione PARTE A: Acquisizione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Alla ricerca di un lavoro

Alla ricerca di un lavoro Modulo 3 Alla ricerca di un lavoro Presentazione del modulo In questo modulo, Irina, una giovane bielorussa che vive in Italia, affronta le tipiche situazioni delle persone che vogliono trovare un posto

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

L insegnamento grammaticale tra scuola media e scuole superiori

L insegnamento grammaticale tra scuola media e scuole superiori L insegnamento grammaticale tra scuola media e scuole superiori Nicodemo Cannavò Lavoro di diploma SUPSI-DFA svolto presso Liceo Cantonale di Locarno a.a. 2009 2011 Didattica dell italiano (SMS) Prof.

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli