Ufficio Cooperazione internazionale e sviluppo delle comunità locali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ufficio Cooperazione internazionale e sviluppo delle comunità locali"

Transcript

1 1 Progetto approvato dalla G.P. con delibera n. 434 del 12 Novembre 2004

2 2 PROGETTO: CITTADINI DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO NEL MONDO 1. il contesto: Gli italiani nel mondo sono una grande risorsa per l Italia e per i paesi di accoglienza in quanto favoriscono l accreditamento internazionale del nostro paese e, nel contesto della globalizzazione in atto, sono un potenziale ponte della nostra cultura, società ed economia verso le realtà dei paesi di accoglienza. Alla luce di queste considerazioni non possiamo tralasciare il contributo in tal senso da parte dei cittadini della Provincia di Pesaro e Urbino che, per ragioni spesso legate ad esigenze socioeconomiche hanno dovuto abbandonare il nostro territorio. Consapevoli quindi del patrimonio che essi possono rappresentare ( e noi per loro) crediamo opportuno creare un rapporto solido e duraturo tra le nostre istituzioni locali e le comunità di pesaresi all estero, in modo da rappresentare un punto di riferimento, oltre che di sostegno e cooperazione. Non possiamo infatti dimenticare due importanti fattori che hanno caratterizzato i rapporti con i nostri connazionali negli ultimi anni: la legge sul voto degli italiani all estero e la grave crisi economica e sociale che ha colpito il continente sudamericano dove si trovano le comunità più numerose di italiani e di pesaresi. E compito anche delle istituzioni locali sia farsi carico della tutela dei diritti sociali ed economici ( e giuridici) dei nostri concittadini all estero, dall altro di far conoscere ed avvicinare le nostre realtà locali ed istituzionali, conoscenza indispensabile per l esercizio del diritto di voto.

3 3 problemi a cui il progetto vuole rispondere ( albero dei problemi ) carenza di visibilità delle istituzioni locali scarsa partecipazione alla vita sociale, ecc. del paese di origine scarso utilizzo del diritto al voto criticità della situazione di tanti emigrati in sudamerica distacco degli emigrati dal territorio di origine insufficiente attendibilità dei dati delle Prefetture rottura dei legami Squilibrio tra ciò che gli mancanza di famigliari, sociali e emigrati hanno dato ( aggiornamento delle territoriali vedi rimesse) e ciò che AIRE dei Comuni hanno ricevuto

4 4 CITTADINI ISCRITTI ALL A.I.R.E. NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distribuzione per genere Uomini 9508 Donne 8624 Totale femmine 47,56% maschi 52,44% NOTA: I dati si riferiscono a 65 Comuni della Provincia su 67.

5 5 CITTADINI ISCRITI ALL A.I.R.E. NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distribuzione per paese di residenza Svizzera: 2970 Francia: 2810 Argentina: 2235 Belgio: 2181 Canada: 1500 Germania: 1041 Lussemburgo: 825 Repubblica di San Marino: 765 Stati Uniti: 619 Regno Unito: 400 Brasile: 268 Spagna: 186 Altri: 971 Non identificati: 1361 Totale: Brasile 1,48% Regno Unito 2,21% U.S.A. 3,41% Altri 5,36% Spagna 1,03% Non identificati 7,51% Svizzera 16,38% R.S.M. 4,22% Francia 15,50% Lussemburgo 4,55% Germania 5,74% Canada 8,27% Argentina 12,33% Belgio 12,03% NOTA: I dati si riferiscono a 65 Comuni della Provincia su 67.

6 6 Finalità del progetto il progetto cittadini della Provincia di Pesaro e Urbino nel mondo è articolato su più annualità ( 2004/2006), risponde essenzialmente all esigenza di riallacciare i contatti con i concittadini residenti all estero, fornendo loro una conoscenza approfondita sul ruolo che le istituzioni locali svolgono e possono svolgere a sostegno dei propri concittadini. Esso, in sostanza, si pone i seguenti obiettivi a ) obiettivi generali: Il perseguimento di una piena cittadinanza nei paesi di immigrazione: certezza di tutela nel quadro sociale di un welfare rinnovato ed inclusivo delle nuove generazioni, monitoraggio delle nuove emigrazioni; costruzione di un articolata azione di supporto politico e sociale per le comunità all estero, sia sul versante dell integrazione con le società e con le istituzioni dei paesi di residenza sia su quello della vita democratica delle nostre realtà locali; realizzazione di un progetto informativo volto a un fecondo scambio con le nostre comunità; una forte promozione dell immagine e della capacità produttiva delle aziende pesaresi attraverso: Scambi e collaborazioni culturali ed istituzionali, rivolti soprattutto ai giovani appartenenti alle comunità Promozione e comunicazione della nostra realtà locale sotto il profilo istituzionale, ambientale socio-economica Collaborazione e cooperazione economica Realizzazione di un focal point all interno della Provincia che si occupi di tali rapporti, con compiti di osservatorio sull emigrazione e sulle problematiche dei nostri concittadini Obiettivi specifici: Ricognizione e mappatura : questa azione è di particolare importanza perché le anagrafi consolari spesso differiscono dai dati comunali. E quindi essenziale, anche per la corretta applicazione

7 7 della legge sul voto degli italiani all estero acquisire una banca dati da parte dei Comuni attraverso le anagrafi dei comuni (AIRE) : con i dati forniti si dovrà realizzare un mappa delle principali comunità di pesaresi all estero in modo da entrare in contatto con essi e iniziare un percorso di promozione delle nostre istituzioni locali all estero. Fondamentale in tal senso sarà l invio periodico della rivista la Provincia. Questo primo obiettivo è in gran parte raggiunto. A giugno sono stati avviati due stages con il centro di cooperazione istituzionale dell Università di Urbino: i tirocinanti hanno richiesto i dati necessari ai Comuni. Benché impegnativa, questa prima rilevazione ha permesso di creare una ricognizione alquanto attendibile ( su 67 Comuni abbiamo i dati relativi a 65). Tale fase ci ha permesso inoltre di essere già in grado di elaborare una mappatura, individuando le comunità più numerose dei nostri concittadini: saremo a breve in grado di presentare i risultati di tale lavoro, all interno di un iniziativa pubblica sull emigrazione, voluta dalla presidenza. Contatti con le comunità : organizzazione di eventi culturali e gemellaggi con le città di residenza all estero. Si prevede in particolare di realizzare un evento periodico in cui, sulla falsariga del premio Rotondi, si premino quegli emigrati che si siano particolarmente distinti all estero nei settori dell arte, cultura, impresa, ecc. Sono inoltre previsti momenti di confronto e conoscenza delle nostre istituzioni locali e del loro funzionamento. Azioni a sostegno della formazione ed istruzione dei giovani : è tristemente nota la crisi socio-economica che investe i principali paesi dell America Latina, prevediamo azioni di sostegno alle comunità attraverso l erogazione di borse di studio annuali a giovani che decidano frequentare un corso universitario presso l Università di Urbino o un corso di formazione della nostra scuola professionale, anche attingendo ai finanziamento europei, del ministero per gli italiani nel mondo e del Ministero degli Affari esteri.

8 8 Creazione di un tavolo specifico tra Regione e Enti Locali marchigiani : che affronti le problematiche connesse alla crisi dell America Latina e metta in atto azioni concertate di cooperazione allo sviluppo nonché di formazione professionale per le giovani generazioni: alcune Regioni (tra cui le Marche) ed Enti Locali hanno una lunga tradizione di cooperazione internazionale e di sostegno alle comunità di emigrati : si ritiene indispensabile quindi attivarsi al fine di acquisirne l esperienza e la collaborazione e di estendere il presente progetto a livello regionale. Obiettivo 1 avvio di una banca dati sull emigrazione Risultati attesi Azioni previste Indicatori di valutazione Conoscenza 1.a richiesta dati alle 1.a. n. 67 capillare del AIRE Comuni ed alla comunicazioni fenomeno Prefettura (uno per ogni 1.b. redazione Comune) relative convenzione con alla richiesta dati Università di Urbino 1.b per tirociniì presso sottoscrizione ufficio competente accordo e 1.c. incarico n. 2 impegno di spesa stagisti 1.d- 1.e- 1.f 1.d inserimento dati di inserimento ed tutti i concittadini elaborazione di residenti all estero dati provenienti 1.e creazione da almeno 37 indirizzario famiglie Comuni 1.f mappatura delle 1.g. comunità pubblicazione 1g. elaborazione dati ricerca e pubblicazione ricerca Fonti di verifica 1.a ricev. uff. spedizione 1.b. delibera G.P. 1.d dati in possesso ufficio e verbali tirocinanti Aggiornamento e monitoraggio dell emigrazione nella Provincia 2.a verifica dati con quelli in possesso delle comunità all estero e dei consolati 2.b aggiornamenti periodici dai Comuni n. contatti con le Comunità n. invio dai Comuni Fax,

9 9 Risultati attesi Azioni previste indicatori Fonti di verifica Realizzazione iniziativa provinciale pubblica sull emigrazione contatti con la consulta prov.le organizzazione (realizzazione manifesti, individuazione relator, sede, ecc.)i pubblicizzazione dei dati della ricerca e della mappatura delle comunità Delibera G.P. Impegno di spesa Verbali G.P. Determinazione dirigenziale Obiettivo 2 : promozione delle istituzioni locali e rete di contatti Risultati attesi Azioni previste Indicatori Fonti di Verifica Incontri con le comunità di pesaresi all estero Contatiti con le comunità all estero e con la consulta proiv.le Missioni esplorative nei paesi di maggior concentrazione di emigrati Invio della rivista della Provincia ai concittadini ed alle comunità n.. riunioni almeno 1 missione n. 4 invii nel 2005 Verbali riunioni Verbali G.P. Ricevute uff. spedizioni

10 10 Risultati attesiazioni previste indicatori Fonti di verifica Realizzazione di un evento periodico che premi un concittadino distintosi in determinati settori Comunicazione comunità della iniziativa Ricerca dati relativi agli emigrati scelta del target e relatori realizzazione manifesti ed invio inviti premiazione dati ricevuti dalle comunità impegno di spesa per organizzazione evento Protocollo Determinazione dirigenziale Risultati attesi Gemellaggi con le città in cui è più significativa la presenza di concittadini Azioni previste Indicatori Fonti di Individuazione delle comunità più numerosi o significative Incontri con gli esponenti di suddette comunità e con le autorità locali Proposta di gemellaggio Redazione progetto di gemellaggio Realizzazione mappatura N. missioni esplorative ed istituzionali Delibera organo Competente verifica Banca dati Verbali G.P.

11 11 Obiettivo 3. realizzazione azioni di sostegno a favore dei giovani Risultati attesi Azioni previste Indicatori Fonti di verifica erogazione di borse di studio Invio bando alle comunità Pubblicizzazione dell azione Ricevimento domande Istituzione commissione di selezione Scelta del richiedente/i Erogazione somme Redazione bando n. 3 riunioni commissione esaminatrice liquidazione Delibera di approvazione Verbali commissione Emissione Mandato Risultati attesi Azioni previste indicatori Fonti di verifica Partecipazione di giovani emigrati a 1 corso formazione prov.le Redazione bando invio bando alle comunità per pubblicizzazio ne selezione richieste costituzione gruppo di lavoro per selezionare richieste e tipo di formazione da erogare realizzazione corso erogazione assegno per formazione Delibera di approvazione N. riunioni gruppo di lavoro Impegno di spesa Verbali G.P. Verbali riunioni Determinazione dirigenziale

12 12 Obiettivo 4 : avvio tavolo marchigiano Risultati attesi Azioni previste Indicatori Fonti di verifica Estensione progetto agli altri EE.LL. Riunioni con Regione e EE.LL. Istituzione di un tavolo marchigiano per l emigrazione Contatti e coordinamento con le consulte provinciali e regionali sul emigrazione Predisposizione di un progetto regionale Almeno 3 riunioni annuali Finanzia mento progetto Verbali Delibera G.R. Previsione finanziaria anni 2005/2006 In riferimento alle azioni previste nel progetto si ritiene che saranno necessarie le seguenti risorse Obiettivi Descrizione spese previste Quantità 1 n. 2 tirocinii per n. 2 anni Invio e stampa rivista Incontri con le comunità Organizzazione evento annuale Incarichi per prestazioni di servizio 3 Erogazione borse di studio Spese per partecipazione studenti a corsi di formazione Spese generali e di amministrazione Totale

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

I bolognesi emigrati all'estero

I bolognesi emigrati all'estero I bolognesi emigrati all'estero Le principali caratteristiche degli iscritti all'anagrafe dei cittadini Italiani Residenti all'estero (AIRE) del Comune di Bologna maggio 2013 Capo Dipartimento Programmazione:

Dettagli

Iniziative specifiche di animazione e promozione di legami stabili con gli italiani all estero per lo sviluppo integrato del Mezzogiorno

Iniziative specifiche di animazione e promozione di legami stabili con gli italiani all estero per lo sviluppo integrato del Mezzogiorno FORUM P.A. 2006 Seminario di riflessione LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE La cooperazione a rete nell Azione di Sistema del MAE Direzione Generale Italiani all Estero e

Dettagli

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Comitato di consulenza per la difesa civile non armata e nonviolenta Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

Analisi di confronto tra la nostra domanda online di borsa di studio e quella proposta dalla regione Marche

Analisi di confronto tra la nostra domanda online di borsa di studio e quella proposta dalla regione Marche 1 Analisi di confronto tra la nostra domanda online di borsa di studio e quella proposta dalla regione Marche Il sistema di registrazione dello studente Attualmente la nostra procedura prevede un autenticazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

Deliberazione n. 234

Deliberazione n. 234 Protocollo RC n. 15544/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 LUGLIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì trenta del mese di luglio, alle

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

L educazione alla legalità La relazione n. 40/2015

L educazione alla legalità La relazione n. 40/2015 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Seduta del 23 aprile 2015 L educazione alla legalità La relazione n. 40/2015 Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Presentazione di Marina Gigli Sommario

Dettagli

Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario 2006/2008 ATTIVITÀ SVOLTA E PROSPETTIVE

Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario 2006/2008 ATTIVITÀ SVOLTA E PROSPETTIVE Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario 2006/2008 ATTIVITÀ SVOLTA E PROSPETTIVE IL RUOLO DELL OSSERVATORIO L. R. n. 33/04: la Regione avvia la riforma del sistema del diritto allo

Dettagli

Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola. Trento, Aprile 2012

Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola. Trento, Aprile 2012 Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola Trento, Aprile 2012 Obiettivi di revisione della disciplina sul reclutamento I principali obiettivi sottostanti alla revisione

Dettagli

BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate

BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate Il contesto L emarginazione sociale è un fenomeno che affligge

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

RELAZIONE SANITARIA 2007

RELAZIONE SANITARIA 2007 RELAZIONE SANITARIA 2007 A CURA DELL OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PROVINCIALE Agosto 2008 1 Copie disponibili presso: Osservatorio Epidemiologico Provinciale Ripartizione Sanità Via Canonico M. Gamper 1

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

Che cos è l impresa simulata?

Che cos è l impresa simulata? Che cos è l impresa simulata? E una metodologia didattica che intende riprodurre all interno di un corso di studi il concreto modo di operare di un azienda negli aspetti che riguardano: l organizzazione

Dettagli

Missione 4 - L'Italia in Europa e nel mondo. Programma 4.1 - Protocollo internazionale. Ministero degli affari esteri

Missione 4 - L'Italia in Europa e nel mondo. Programma 4.1 - Protocollo internazionale. Ministero degli affari esteri Programma 4.1 - Protocollo internazionale Attività 1 Rapporti di cerimoniale con i Paesi esteri e con il corpo diplomatico-consolare e le Rappresentanze in Italia Attività 2 Visite di Stato, visite ufficiali

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

SCUOLA DI SCIENZE POLITICHE VICEPRESIDENZA DI FORLÌ

SCUOLA DI SCIENZE POLITICHE VICEPRESIDENZA DI FORLÌ Bando per l erogazione di due borse di studio per tirocinio curriculare presso la Regione Emilia-Romagna Ufficio di collegamento con l UE (Bruxelles) 1) Oggetto e scopo: La Scuola di Scienze Politiche-sede

Dettagli

Curriculum Vitae. Studio: Roma, 00195, Via Oslavia, 28 Tel. 06.3724418, 06.37512249, Fax 06.3700307 e-mail alessandro.morani@studiomorani.

Curriculum Vitae. Studio: Roma, 00195, Via Oslavia, 28 Tel. 06.3724418, 06.37512249, Fax 06.3700307 e-mail alessandro.morani@studiomorani. Curriculum Vitae Nome e Cognome: Alessandro Morani Luogo e data di nascita: Roma, 25 ottobre 1965 Stato civile: coniugato Professione: Dottore Commercialista Studio: Roma, 00195, Via Oslavia, 28 Tel. 06.3724418,

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 7 ottobre 2014, n. 647 Istituzione dell'osservatorio regionale per l'attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 «Disposizioni

Dettagli

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia.

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia. STATUTO DELLA DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LE VENEZIE CON SEDE IN VENEZIA Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione Art. 1. La Deputazione di storia patria per le Venezie è un associazione che

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AMMINSITRAZIONE PROVINCIALE DI PORDENONE E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI COEDIZIOONE DEL PROGETTO SPORTELLI DI AMBITO

CONVENZIONE TRA L AMMINSITRAZIONE PROVINCIALE DI PORDENONE E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI COEDIZIOONE DEL PROGETTO SPORTELLI DI AMBITO . Pordenone, lì CONVENZIONE TRA L AMMINSITRAZIONE PROVINCIALE DI PORDENONE E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL AFRICA DI ARBA PER LA REALIZZAZIONE IN COEDIZIOONE DEL PROGETTO SPORTELLI DI AMBITO

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

- disporre che il presente provvedimento sia pubblicato sul B.U.R.P. ai sensi dell art. 6 della L.R. n. 13/1994.

- disporre che il presente provvedimento sia pubblicato sul B.U.R.P. ai sensi dell art. 6 della L.R. n. 13/1994. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 19-02-2010 5599 - disporre che il presente provvedimento sia pubblicato sul B.U.R.P. ai sensi dell art. 6 della L.R. n. 13/1994. Il Segretario della

Dettagli

CITTA DI AVERSA (Provincia di Caserta)

CITTA DI AVERSA (Provincia di Caserta) CITTA DI AVERSA (Provincia di Caserta) REGOLAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI (Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 41 del 2710/2005) 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI UN SERVIZIO DI SEGRETARIATO. Marzia Trugli

LA PROGETTAZIONE DI UN SERVIZIO DI SEGRETARIATO. Marzia Trugli LA PROGETTAZIONE DI UN SERVIZIO DI SEGRETARIATO Marzia Trugli LEGGE 328/2000 ART. 22 comma 4 le leggi regionali, secondo i modelli organizzativi adottati, prevedono per ogni ambito territoriale l erogazione

Dettagli

ALLEGATO A - Organigramma delle strutture organizzative ORGANIGRAMMA DELLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE. Direttore n. 1

ALLEGATO A - Organigramma delle strutture organizzative ORGANIGRAMMA DELLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE. Direttore n. 1 ALLEGATO A - Organigramma delle strutture organizzative ORGANIGRAMMA DELLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE Direttore Ufficio di Staff Ufficio Affari Generali, Rapporti Istituzionali e Programmazione Interventi

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Dieci Talenti. Opportunità di Microcredito. Accoglienza Ascolto Accompagnamento. Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013

Dieci Talenti. Opportunità di Microcredito. Accoglienza Ascolto Accompagnamento. Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013 Dieci Talenti Opportunità di Microcredito Accoglienza Ascolto Accompagnamento Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013 Il progetto Dieci Talenti fa capo alla Fondazione Don Mario Operti, istituzione voluta

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO ANZIANI. ( DELIBERA Consiglio comunale n. 60 del 1-10-1999)

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO ANZIANI. ( DELIBERA Consiglio comunale n. 60 del 1-10-1999) COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO ANZIANI ( DELIBERA Consiglio comunale n. 60 del 1-10-1999) ART.l (finalità) II Comune di Ragusa, nel pieno rispetto della dignità e del diritto all autonomia

Dettagli

Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma

Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma 1 Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma Articolo 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l attività economica, finanziaria e patrimoniale del Partito Democratico

Dettagli

IL MONITORAGGIO DEI SERVIZI PER IL LAVORO

IL MONITORAGGIO DEI SERVIZI PER IL LAVORO VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo, 30 Novembre 2010 IL MONITORAGGIO DEI SERVIZI PER IL LAVORO Franco Deriu ISFOL Responsabile

Dettagli

IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011

IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011 IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011 D.Lgs. 150/2009 "Ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni" PRINCIPI GENERALI PIANO DELLA PERFORMANCE

Dettagli

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015.

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Oggetto: Adozione dell aggiornamento del Programma pluriennale 2011-2015 da sottoporre alla Giunta provinciale. La legge provinciale 23

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

Situazione assicurativa del Ministero degli Affari Esteri

Situazione assicurativa del Ministero degli Affari Esteri Situazione assicurativa del Ministero degli Affari Esteri Il Ministero degli Affari Esteri ha l obbligo di stipulare polizze assicurative per diverse tipologie di personale. Si precisano di seguito le

Dettagli

Organismo Indipendente di Valutazione

Organismo Indipendente di Valutazione Commissione Enti Locali SEMINARIO FORMATIVO Organismo Indipendente di Valutazione Aspetti normativi e metodi di valutazione della performance Avellino, 7 febbraio 2011 Eraldo De Simone Decreto Legislativo

Dettagli

Art. 1 ORGANIZZAZIONE

Art. 1 ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI SEZIONE CROCE AZZURRA TICINIA ONLUS Art. 1 ORGANIZZAZIONE L'Associazione CROCE AZZURRA TICINIA ONLUS per il perseguimento degli scopi e finalità di cui all'art. 3 dello statuto, è strutturata

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

SALONE INTERNAZIONALE DELL ORIENTAMENTO YOUNG INTERNATIONAL FORUM RIMINI 2016. 1 2 Marzo 2016 PALACONGRESSI DI RIMINI

SALONE INTERNAZIONALE DELL ORIENTAMENTO YOUNG INTERNATIONAL FORUM RIMINI 2016. 1 2 Marzo 2016 PALACONGRESSI DI RIMINI SALONE INTERNAZIONALE DELL ORIENTAMENTO YOUNG INTERNATIONAL FORUM RIMINI 2016 1 2 Marzo 2016 PALACONGRESSI DI RIMINI Martedì 1 Marzo 2016 Ingresso gratuito H. 9.00 - SALA PORTO Inaugurazione del Salone

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Emanato con D.R. n. 686 del 29 novembre 2010 Entrato in vigore il 1 dicembre

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE La Poderosa

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE La Poderosa STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE La Poderosa Art. 1 (Denominazione - sede - durata) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, ai sensi della Legge 383/2000 e della normativa in materia,

Dettagli

Interventi Integrati di Politiche Attive nella Regione Marche

Interventi Integrati di Politiche Attive nella Regione Marche Regione Marche Giunta Regionale Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro PARI Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi Integrati di Politiche Attive

Dettagli

IN MEMORIA DI GIACOMO PISU. Borsa di studio-premio istituita in attuazione della deliberazione del Consiglio Comunale n 84 del 17 dicembre 2002

IN MEMORIA DI GIACOMO PISU. Borsa di studio-premio istituita in attuazione della deliberazione del Consiglio Comunale n 84 del 17 dicembre 2002 IN MEMORIA DI GIACOMO PISU. Borsa di studio-premio istituita in attuazione della deliberazione del Consiglio Comunale n 84 del 17 dicembre 2002 Finalità La borsa di studio-premio IN MEMORIA DI GIACOMO

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI PREMESSA Nel sottolineare l importanza del ruolo che il Contratto Collettivo Nazionale e gli accordi vigenti assegnano alla contrattazione di secondo

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a Settore Lavoro - Formazione

P r o v i n c i a d i P a d o v a Settore Lavoro - Formazione Sportello Informativo Regionale per gli emigrati e i loro discendenti: percorsi strutturati di inserimento lavorativo, formativo e di cooperazione a favore degli emigrati di ritorno La Provincia di Padova

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

ALL. A) - TIROCINI FORMATIVI NELL'AMBITO DEL PROGETTO GIOVANISI DELLA REGIONE TOSCANA

ALL. A) - TIROCINI FORMATIVI NELL'AMBITO DEL PROGETTO GIOVANISI DELLA REGIONE TOSCANA Direzione Generale Organizzazione 1 Supporto alla definizione di un piano di riorganizzazione della struttura operativa della Regione Toscana. a) laurea specialistica/magistrale delle pubbliche amministrazioni

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa Protocollo di Intesa tra Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (di seguito denominato INPS), E Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) per la valorizzazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

BANDO OVERWORLD A.A. 2015-2016. FAQ Frequently Asked Questions

BANDO OVERWORLD A.A. 2015-2016. FAQ Frequently Asked Questions BANDO OVERWORLD A.A. 2015-2016 FAQ Frequently Asked Questions Sommario 1. Che cosa è il Overworld?... 2 2. Quali sono le differenze tra l Azione 1 e l Azione 2?... 2 3. Quali sono le sedi per le quali

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta n. 58 dd. 14 aprile 2015. IL SEGRETARIO dott. Roberto Orempuller PREMESSO:

Allegato alla deliberazione della Giunta n. 58 dd. 14 aprile 2015. IL SEGRETARIO dott. Roberto Orempuller PREMESSO: Allegato alla deliberazione della Giunta n. 58 dd. 14 aprile 2015 IL SEGRETARIO dott. Roberto Orempuller PREMESSO: - che le ACLI Trentine, nell attuazione dei propri scopi statutari, promuovono sul territorio

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

Turismo di ritorno. strutture e attività per favorirne lo sviluppo. Progetto di Marketing Territoriale del Club Rotary Roccadaspide - Valle del Calore

Turismo di ritorno. strutture e attività per favorirne lo sviluppo. Progetto di Marketing Territoriale del Club Rotary Roccadaspide - Valle del Calore Progetto di Marketing Territoriale del Club Rotary Roccadaspide - Valle del Calore Turismo di ritorno strutture e attività per favorirne lo sviluppo 1 Secondo le statistiche dell AIRE (Anagrafe degli Italiani

Dettagli

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana.

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Marina Murat Prof. di Economia Internazionale Università di Modena e Reggio Emilia marina.murat@unimore.it Migrazioni, immigrati, emigrati.

Dettagli

mc.corsini@comune.capannori.lu.it

mc.corsini@comune.capannori.lu.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CORSINI MARIA CRISTINA Telefono 0583 428211 Cellulare 328.1506241 E-mail mc.corsini@comune.capannori.lu.it Nazionalità Italiana Luogo e data di nascita Fivizzano

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

Programma di tirocinio della Scuola Superiore dell'economia e delle Finanze - Università Italiane

Programma di tirocinio della Scuola Superiore dell'economia e delle Finanze - Università Italiane Programma di tirocinio della Scuola Superiore dell'economia e delle Finanze - Università Italiane I Bando 200, per 30 posti presso le sedi Scuola Superiore dell'economia e delle Finanze SSEF I Programmi

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA ESTRATTO del Processo verbale dell adunanza del 1 marzo 2000 Seduta pubblica Sessione I ordinaria Intervenuti Consiglieri N. 32 Presidente Fulvio Cerofolini Consigliere

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 07 MARZO 2011 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MARCHETTI FABIO Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X FALESCHINI

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo... Le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...29 Procedura per l iscrizione...31

Dettagli

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Meccanismo di monitoraggio Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Obiettivi della Convenzione La Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta

Dettagli

SETTORE POLITICHE DEL LAVORO,FORMAZIONE PROFESSIONALE,PUBBLICA ISTRUZIONE

SETTORE POLITICHE DEL LAVORO,FORMAZIONE PROFESSIONALE,PUBBLICA ISTRUZIONE SETTORE POLITICHE DEL LAVORO,FORMAZIONE PROFESSIONALE,PUBBLICA ISTRUZIONE Procedimento Amministrativo: Riferimenti Normativi o Regolamentari Unità Organizzativa Referente Responsabile Di Procedimento Termini

Dettagli

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015 LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 Contesto e risorse 2 3 4 5 Esiti Processi Il Processo di Autovalutazione

Dettagli

GESTIONE DELLE LIBERALITÀ

GESTIONE DELLE LIBERALITÀ GESTIONE DELLE LIBERALITÀ 1. OBIETTIVO, AMBITO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITÀ Il presente Regolamento ha l'obiettivo di definire ruoli, responsabilità e regole di condotta nella gestione di donazioni,

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 Stralcio di pari opportunità: L AUTORITA PER L UGUAGLIANZA ( ) ( ) 5.2.7

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia Regolamento Comunale per l Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Castiglione della Pescaia CAPO I PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Articolo 1 Principi Ispiratori e Definizioni... 3 CAPO II - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Tellco fondazione d investimento

Tellco fondazione d investimento Regolamento della Tellco fondazione d investimento valevoli dal 01.01.2011 Tellco fondazione d investimento Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6431 Svitto t + 41 41 819 70 30 f + 41 41 819 70 35 tellco.ch

Dettagli