Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici"

Transcript

1 ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b) per C.N.S.D. : il Centro Nazionale dei Servizi Demografici del Ministero dell Interno costituito con il Decreto del Ministro dell Interno del 23 aprile 2002; c) per I.N.A. : l Indice nazionale delle anagrafi previsto dall articolo 1 comma 4 della legge 24 dicembre 1954 n. 128, come modificato dalla legge 28 febbraio 2001, n. 26, sostituito dall articolo 1 novies della legge , n. 88; d) per SAIA : il sistema di accesso di interscambio anagrafico; e) per AIRE : L Anagrafe Italiani Residenti all Estero; f) per Backbone CNSD: la dorsale di sicurezza e certificazione del CNSD per l accesso ai servizi applicativi del CNSD, tra cui i servizi di convalida e di aggiornamento dell INA; g) per Backbone AIRE: la dorsale di sicurezza e certificazione per l accesso al servizio AIRE; h) per SPC : il Sistema Pubblico di Connettività di cui al Decreto legislativo n. 42 del 28 febbraio 2005; i) per Porta di accesso ai domini applicativi del CNSD : la Porta di accesso, attraverso il Backbone CNSD, ai servizi del C.N.S.D. secondo standard SPC; j) per Porta di accesso : una Porta di accesso ai domini applicativi del CNSD ; k) per Porta di accesso del comune : la Porta di accesso ai domini applicativi del CNSD situata presso il Comune; l) per Porta di accesso della Prefettura : la Porta di accesso ai domini applicativi del CNSD situata presso la Prefettura; 1

2 m) per Domini applicativi : i domini applicativi del CNSD ovvero l insieme dei servizi applicativi riferiti ad un area (INA, SAIA, AIRE, Stato Civile, etc.); n) per Servizi applicativi : i sevizi applicativi dei singoli domini applicativi del CNSD (servizi INA, servizi SAIA, servizi AIRE, servizi Stato Civile, etc ); o) per Quantità di sicurezza, certificazione ed attivazione : le credenziali digitali e i software di sicurezza, monitoraggio e allarmi forniti dal Ministero dell Interno; p) per Sito : il sito Web della accedibile all indirizzo Internet ; q) per Area privata del Sito : l Area privata accedibile all indirizzo Internet ; r) per Busta di e-gov : il formato comune di interscambio tra porte di dominio di enti diversi; s) per Protocollo XML-Soap : il protocollo di trasporto della busta di e-gov che uniforma i messaggi scambiati con la Porta di accesso; t) per Protocollo post http XML : la trasmissione di un evento in formato XML alla Porta di accesso; u) per AE : l Agenzia delle Entrate del Ministero dell Economia e Finanze; v) per SIATEL : il sistema telematico di accesso ai dati dell Anagrafe Tributaria dell Agenzia delle Entrate. Punto 1 (Regole tecniche) 1. Il Ministero fornisce ai comuni, su supporto tecnologico-informatico di archiviazione le Regole Tecniche per l accesso ai domini applicativi del CNSD e le relative Quantità di sicurezza, attivazione e certificazione, come specificato nel successivo punto 5, da osservare per attivare i necessari collegamenti all'ina presso 2

3 il CNSD, tramite Porta di accesso al fine di consentire il rilascio della Carta di Identità Elettronica ai sensi dell art. 7 vicies-ter della Legge 43/05; 2. Le regole tecniche e di sicurezza sopra menzionate sono soggette a revisione annuale da parte del Ministero dell Interno. Punto 2 (Collegamento al CNSD) Per l attivazione del collegamento al CNSD, i comuni attuano la seguente procedura operativa: a) Nomina del responsabile comunale per la sicurezza degli accessi al CNSD; b) Allineamento dei codici fiscali con gli archivi dell Anagrafe Tributaria; c) Attivazione e gestione delle quantità di sicurezza, certificazione ed attivazione fornite dal Ministero dell Interno; d) Predisposizione ed attivazione della Porta di accesso del comune; e) Attivazione dei sistemi comunali per l accesso ai servizi applicativi del CNSD; f) Attivazione del collegamento all INA tramite Porta di accesso del comune; g) Popolamento dell INA; h) Aggiornamento costante dell INA; I suddetti punti vengono di seguito esplicitati. Punto 3 (Nomina del Responsabile) 1. Il Sindaco è il Responsabile comunale per la sicurezza degli accessi al CNSD; 2. Egli può delegare tale responsabilità ad un funzionario comunale, segnalandone il nominativo al Ministero dell Interno e alla Prefettura, secondo le modalità in indicate sul sito, entro il 31 luglio 2005; 3. Ove il Sindaco abbia provveduto alla nomina del Responsabile del Comune autorizzato all attivazione del servizio di connessione al backbone applicativo Indice Nazionale Anagrafi lo stesso può assumere anche il ruolo di Responsabile comunale per la sicurezza degli accessi al CNSD a meno che non venga comunicato dal Sindaco un diverso nominativo entro il 31 luglio 2005; 3

4 4. Il Ministero dell Interno, a partire dal 31 luglio 2005, provvede ad inviare al Sindaco le quantità di sicurezza, certificazione ed attivazione necessarie a: a) abilitare la Porta di accesso; b) predisporre ed attivare i sistemi comunali per l accesso ai servizi applicativi del CNSD; c) attivare il collegamento all INA tramite Porta di accesso ; d) Il Sindaco, acquisite le quantità di sicurezza, certificazione ed attivazione può trasferirle al delegato per gli adempimenti di competenza; 5. Il Sindaco e il suo delegato per la sicurezza degli accessi al CNSD, ricevute le quantità di sicurezza, certificazione ed attivazione, sono responsabili della correttezza della procedura di attivazione e di utilizzo della Porta di accesso e di tutti i sistemi comunali che accedono ai servizi applicativi del CNSD (sistemi per i servizi INA, etc ). Punto 4 (Allineamento dei codici fiscali con gli archivi dell Anagrafe Tributaria dell Agenzia delle Entrate) 1. Il Comune entro la data del 30/09/2005 deve allineare i Codici Fiscali presenti presso la propria anagrafe (sia essa informatizzata ovvero in corso di informatizzazione) con i relativi archivi dell Anagrafe Tributaria dell Agenzia delle Entrate; 2. Il Comune, nel procedimento di allineamento, svolgerà le seguenti operazioni: a) attivazione del servizio SIATEL, tramite compilazione della modulistica disponibile sul sito b) invio dei moduli compilati all Agenzia delle Entrate, secondo la Regione di appartenenza e riceve la relativa password; c) estrazione dalla propria anagrafe dei dati anagrafici dei cittadini residenti al fine di verificare la corrispondenza tra gli stessi e i codici fiscali, ivi compresi i dati anagrafici che non hanno associato un codice fiscale; d) predisposizione di un file alfanumerico, secondo le specifiche definite dall Agenzia delle Entrate per i dati abbinati secondo il punto precedente; e) invio, tramite SIATEL,del file alfanumerico all Agenzia delle Entrate per l allineamento con l Anagrafe Tributaria; 4

5 f) ricezione del file alfanumerico aggiornato da Agenzia delle Entrate con i codici fiscali allineati; g) aggiornamento dell anagrafe comunale con le corrispondenze tra dato anagrafico e codice fiscale allineato dall Agenzia delle Entrate; h) inizio della fase di popolamento e di aggiornamento dell INA, attraverso la Porta di accesso del comune, connettendosi al CNSD - Servizio INA, inviando i dati anagrafici, secondo il formato XML fornito dal Ministero dell Interno, eventualmente divisi in lotti; i) gestione del disallineamento residuo: per tutti i casi di mancato allineamento da parte di Agenzia delle Entrate del codice fiscale, iniziando una attività di recupero dei codici fiscali per le corrispondenze non assegnate da Agenzia delle Entrate; Punto 5 (Quantità di sicurezza, attivazione e certificazione) 1. Il Ministero dell Interno fornisce al Sindaco le quantità di sicurezza, attivazione e certificazione protette da opportune credenziali, su supporto tecnologicoinformatico di archiviazione, che contiene i seguenti elementi: a) credenziali digitali per l identificazione univoca del comune; b) strumenti di sicurezza (agenti di controllo, monitoraggio e allarme, certificati digitali, dotazioni di servizio) richiesti per l attivazione della Porta di accesso del comune; c) strumenti di sicurezza (certificati digitali, dotazioni di servizio) richiesti per l attivazione delle postazioni comunali autorizzate all accesso ai servizi applicativi del CNSD, tramite Porta di Accesso; 2. Il comune, dopo la presa in carico della quantità di sicurezza, attivazione e certificazione, deve provvedere alla attenta e scrupolosa custodia della stessa. Tali misure di sicurezza predisposte dovranno essere coerenti con il Piano di Sicurezza Comunale, da adottarsi ex articolo 7 vicies ter della legge 43/05; 3. Il responsabile comunale per la sicurezza degli accessi al CNSD deve immediatamente comunicare qualsiasi avvenimento che comprometta la sicurezza della quantità di sicurezza, attivazione e certificazione, quali lo smarrimento, il furto e la manomissione del relativo supporto tecnologico-informatico di archiviazione, alla Prefettura ed al Ministero dell'interno secondo quanto descritto 5

6 nell apposito modulo scaricabile dall area privata del sito della Direzione Centrale per i Servizi Demografici. Punto 6 (Attivazione della Porta di accesso ai domini applicativi del CNSD) 1. La Porta di accesso del comune identifica il punto di accesso autorizzato, presente presso la struttura comunale, che consente la fruizione dei servizi erogati dal CNSD. La stessa rappresenta il punto di presa in carico delle comunicazioni provenienti dal comune, non solo per i flussi relativi al costante aggiornamento INA, ma anche per gli altri servizi applicativi del CNSD (altri servizi anagrafici del CNSD, flussi di emissione della CIE).Essa invia al CNSD, tramite Backbone, tali comunicazioni, inserite automaticamente in apposite buste di e-gov create dalla Porta stessa, conformemente alle modalità tecniche previste dal Sistema Pubblico di Connettività (SPC). La Porta di accesso consente, quindi, di certificare il punto di origine delle comunicazioni, individuando univocamente il Comune che si collega con il CNSD. Nessun altra modalità di comunicazione è possibile tra Comune e CNSD. Ciascun Comune deve dichiarare la porta di accesso che utilizza per le comunicazioni con il CNSD, con modalità telematiche che saranno pubblicate sul sito web del Ministero. Essa deve essere attivata entro il 30 settembre 2005, per consentire poi al Comune di svolgere tutte le operazioni per il rilascio delle carte di identità elettronica; 2. La procedura di attivazione della Porta di accesso deve essere effettuata dal Responsabile comunale per la sicurezza degli accessi al CNSD, utilizzando le credenziali e la quantità di sicurezza, attivazione e certificazione fornita dal Ministero dell Interno. La procedura operativa si articola nelle seguenti fasi: a) individuazione delle componenti hardware conformi alle regole tecniche e di sicurezza indicate dal Ministero su supporto tecnologico-informatico, di cui al punto 5, e pubblicate nell area privata del sito; b) configurazione dell infrastruttura di rete comunale secondo le regole tecniche e di sicurezza indicate dal Ministero su supporto tecnologico-informatico e pubblicate nell area privata del sito; c) attivazione, a cura del Responsabile della sicurezza e, nel rispetto delle regole di sicurezza del CNSD, della Porta di Accesso del comune. L attivazione consta delle seguenti fasi: 6

7 i. abilitazione della Porta di accesso tramite quantità di sicurezza, attivazione e certificazione, attivazione del canale Backbone del CNSD, attivazione degli agenti di controllo monitoraggio e allarme, predisposizione del certificato digitale server per il colloquio secondo standard SSL (Secure Socket Layer) con i sistemi comunali; ii. registrazione, presso il CNSD, della Porta di accesso tramite quantità di sicurezza, attivazione e certificazione ; iii. svolgimento di una prova di comunicazione della Porta di accesso del comune con il CNSD, in termini di sicurezza e di dimensionamento dei flussi, tramite la dotazione di servizio fornita; 3. A seguito delle suddette fasi, il CNSD certifica la Porta di accesso del comune in funzione dei risultati della prova di cui al punto precedente, trasmettendo apposita comunicazione sulla medesima porta; 4. Alla corretta conclusione delle fasi sopra descritte, la Porta di accesso del comune si ritiene attivata e, quindi, è ritenuta un punto di accesso al CNSD riconosciuto ed autorizzato; 5. Il responsabile comunale per la sicurezza degli accessi al CNSD deve controllare la corretta attivazione della Porta di accesso, secondo le regole tecniche e di sicurezza riportate nella presente direttiva; 6. Per i piccoli comuni, se l unica postazione presente è la postazione attualmente usata per l invio dei dati AIRE su Backbone AIRE, la stessa deve essere utilizzata, previa attivazione, secondo la procedura sopradescritta, come Porta di accesso del comune mantenendo anche le attuali funzioni svolte per l AIRE. Punto 7 (Abilitazione dei sistemi anagrafici comunali ai servizi applicativi del CNSD) 1. I sistemi anagrafici comunali devono accedere ai servizi anagrafici del CNSD esclusivamente tramite la Porta di accesso del comune. La procedura per l attivazione di un sistema anagrafico comunale è la seguente: a) abilitazione e registrazione del sistema comunale alla Porta di accesso del comune per lo specifico servizio applicativo del CNSD tramite quantità di sicurezza, attivazione e certificazione : dal relativo supporto tecnologicoinformatico, di cui al punto 5, fornito dal Ministero vengono scaricati sul 7

8 sistema comunale i certificati digitali client forniti per l abilitazione alla comunicazione, secondo standard SSL, del comune stesso con la Porta di accesso del comune; b) svolgimento di una prova di comunicazione della corretta configurazione dei canali di comunicazione, secondo la dotazione di servizio fornita; Le relative regole tecniche di dettaglio sono riportate nel supporto tecnologicoinformatico di cui al punto 5; 2. Al termine delle fasi sopra descritte, il sistema comunale si ritiene attivato e, quindi, è autorizzato ad inviare le informazioni (secondo protocollo XML SOAP o Post HTTP XML) alla Porta di accesso del comune che, creata la busta di e-gov relativa al servizio applicativo richiesto, le trasmette tramite Backbone al servizio applicativo del CNSD per cui è stata effettuata l attivazione; 3. I formati XML per la comunicazione tra sistema comunale e Porta di accesso sono forniti dal Ministero dell Interno secondo quanto previsto dal secondo capoverso del punto 9; 4. I sistemi comunali che accedono ai servizi del CNSD devono essere registrati presso la Porta di accesso; 5. Il responsabile comunale per la sicurezza degli accessi al CNSD, ha il compito di controllare l attivazione e la registrazione dei sistemi comunali, secondo le reali esigenze; 6. I livelli di sicurezza relativi alla Porta di accesso sono certificati, sulla base degli standard internazionali, dal Ministero dell Interno. Punto 8 (Attivazione del collegamento all INA) 1. I sistemi comunali utilizzati per l accesso all INA, devono essere attivati per l accesso al Servizio INA del CNSD, tramite Porta di accesso, entro e non oltre il 31 ottobre 2005, coerentemente con il disposto della Legge n. 43 del 31/03/2005; 2. I formati XML che devono essere utilizzati per inviare le interrogazioni INA e gli aggiornamenti INA alla Porta di accesso, sono forniti e pubblicati dal Ministero dell Interno sull area privata del sito. 8

9 Punto 9 (Popolamento dell INA) Entro il 31 ottobre 2005 il comune, attraverso la Porta di accesso, si connette al servizio INA del CNSD ed invia i dati anagrafici allineati in base al dettato del punto 4, secondo il formato XML fornito dal Ministero dell Interno, eventualmente divisi in lotti, per il popolamento dell INA. Punto 10 (Aggiornamento dell INA) A partire dal 1 novembre 2005 il comune, quotidianamente, tramite la Porta di accesso, garantisce il costante aggiornamento dell INA inviando le variazioni anagrafiche secondo il formato XML fornito dal Ministero dell Interno. Punto 11 (Gestione del transitorio dell INA) I Comuni che già provvedono ad aggiornare l INA, utilizzando il Back-bone INA-SAIA, continuano ad inviare gli aggiornamenti secondo tale modalità sino all attivazione della Porta di accesso nella data sopraindicata. Punto 12 (Call-center) I comuni, per le problematiche di ordine tecnico potranno rivolgersi ad un apposito callcenter istituito presso il CNSD - Ministero dell Interno Direzione Centrale per i Servizi Demografici i cui riferimenti sono reperibili sul sito. Qualora si trattasse di problematiche più squisitamente giuridico-normative, esse saranno rappresentate al Ministero dell'interno - Dirigente dell - e alle Prefetture che si potranno avvalere dei gruppi di lavoro all uopo costituiti. 9

G.U. 19 settembre 2005, n. 218 Supplemento Ordinario n. 155

G.U. 19 settembre 2005, n. 218 Supplemento Ordinario n. 155 Decreto del Ministro dell Interno 2 agosto 2005 Regole tecniche e di sicurezza per la redazione dei piani di sicurezza comunali per la gestione delle postazioni di emissione CIE, in attuazione del comma

Dettagli

Comune di CAMPAGNA LUPIA. Schede di attuazione, monitoraggio e validazione del Piano di sicurezza

Comune di CAMPAGNA LUPIA. Schede di attuazione, monitoraggio e validazione del Piano di sicurezza Comune di CAMPAGNA LUPIA Schede di attuazione, monitoraggio e validazione del Piano di sicurezza Data 09 Marzo 2011 Responsabile della sicurezza CIE MORO MANUELA Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno EDITORIALE AI SINDACI Il nuovo software XML-SAIA del Sistema di Accesso ed Interscambio Anagrafico (SAIA) Caro Sindaco, a conclusione dei lavori del tavolo tecnico tra il Ministero dell Interno, Direzione

Dettagli

VADEMECUM. Analisi stato di diffusione di INA SAIA COD. PROD. D.6.3

VADEMECUM. Analisi stato di diffusione di INA SAIA COD. PROD. D.6.3 VADEMECUM Analisi stato di diffusione di INA SAIA COD. PROD. D.6.3 PREMESSA Al Centro Nazionale Servizi Demografici, costituito con decreto del Ministro dell Interno del 23 aprile 2002 presso la Direzione

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici INDICE NAZIONALE DELLE ANAGRAFI - INSTALLAZIONE DELLA PORTA APPLICATIVA E ATTIVAZIONE

Dettagli

Manuale Area QSAC (Quantità di Sicurezza, Attivazione e Certificazione)

Manuale Area QSAC (Quantità di Sicurezza, Attivazione e Certificazione) Manuale Area QSAC (Quantità di Sicurezza, Attivazione e Certificazione) Manuale Utente Versione 2.2 Ultima revisione Aprile 2011 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Compilazione delle Form... 3 2.1 Accesso

Dettagli

TRA. Il, di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da in qualità di, nato a e residente in via a questo atto autorizzato con PREMESSO CHE

TRA. Il, di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da in qualità di, nato a e residente in via a questo atto autorizzato con PREMESSO CHE CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI LIVORNO E (PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, GESTORI E CONCESSIONARI DI PUBBLICI SERVIZI, ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO ED ENTI CHE SVOLGONO SERVIZI RILEVANTI PER I CITTADINI) PER

Dettagli

TRA. Il, di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da in qualità di, nato a e residente in via a questo atto autorizzato con PREMESSO CHE

TRA. Il, di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da in qualità di, nato a e residente in via a questo atto autorizzato con PREMESSO CHE CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI LIVORNO E (PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, GESTORI E CONCESSIONARI DI PUBBLICI SERVIZI, ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO ED ENTI CHE SVOLGONO SERVIZI RILEVANTI PER I CITTADINI) PER

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID)

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID) Sistema per l interscambio dei dati (SID) Specifiche dell infrastruttura per la trasmissione delle Comunicazioni previste dall art. 11 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 Sommario Introduzione...

Dettagli

TRA. Il., di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da. in qualità di. nato a e residente in via..a questo atto autorizzato con

TRA. Il., di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da. in qualità di. nato a e residente in via..a questo atto autorizzato con CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI VALMADRERA E. (PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, GESTORI E CONCESSIONARI DI PUBBLICI SERVIZI, ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO) PER L ACCESSO IN CONSULTAZIONE ALLA BANCA DATI ANAGRAFICA.

Dettagli

Nuovo regolamento di gestione dell'indice nazionale delle anagrafi.

Nuovo regolamento di gestione dell'indice nazionale delle anagrafi. Decreto 19 gennaio 2012, n. 32 1 Nuovo regolamento di gestione dell'indice nazionale delle anagrafi. IL MINISTRO DELL'INTERNO di concerto con IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è il servizio di posta elettronica con valore legale realizzato da InfoCamere. Esso consente al Cliente di disporre di

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è un servizio di posta elettronica che garantisce un elevato grado di affidabilità e sicurezza. Esso consente al Cliente

Dettagli

«Nuovo regolamento di gestione dell'indice Nazionale delle Anagrafi» ARCHITETTURA DI SICUREZZA DELL'INA

«Nuovo regolamento di gestione dell'indice Nazionale delle Anagrafi» ARCHITETTURA DI SICUREZZA DELL'INA Allegato tecnico al D.M. 19 gennaio 2012, n. 32 recante «Nuovo regolamento di gestione dell'indice Nazionale delle Anagrafi» ARCHITETTURA DI SICUREZZA DELL'INA Sommario: 1. Scopo e campo di applicazione

Dettagli

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della (Allegato C ) Allegato C Misure di sicurezza Il presente allegato descrive le caratteristiche della piattaforma e le misure adottate per garantire l'integrita' e la riservatezza dei dati scambiati e conservati,

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

STUDIO SESANA ASSOCIATI

STUDIO SESANA ASSOCIATI Ai Sigg. CLIENTI TITOLARI P.IVA Loro Sedi FATTURA ELETTRONICA VERSO LA P.A. Carissimi Clienti, a partire dal 6 giugno 2014 (la P.A. centrale) i Ministeri, le Agenzie fiscali (es.: Agenzia delle Entrate,

Dettagli

PostaCertificat@ Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino- PostaCertificat@

PostaCertificat@ Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino- PostaCertificat@ PostaCertificat@ Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. Pag. 1/5 LA SICUREZZA DEL SERVIZIO PostaCertificat@ Limitazione delle comunicazioni - il servizio di comunicazione PostaCertificat@

Dettagli

Il Consolato Digitale Il nuovo sistema delle funzioni consolari. Forum PA 08 - Roma, 14 maggio 2008

Il Consolato Digitale Il nuovo sistema delle funzioni consolari. Forum PA 08 - Roma, 14 maggio 2008 Il Consolato Digitale Il nuovo sistema delle funzioni consolari Forum PA 08 - Roma, 14 maggio 2008 L obiettivo strategico dell e-government: una PA al servizio dei cittadini Gestire le informazioni Essere

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

MANUALE UTENTE FORMULA PEC

MANUALE UTENTE FORMULA PEC MANUALE UTENTE FORMULA PEC Stampato il 03/12/10 16.22 Pagina 1 di 22 REVISIONI Revisione n : 00 Data Revisione: 01/04/2010 Descrizione modifiche: Nessuna modifica Motivazioni: Prima stesura Stampato il

Dettagli

La Giunta Comunale. Visto il D.P.R. 30.05.1989 n. 223 Regolamento Anagrafico e sue modifiche;

La Giunta Comunale. Visto il D.P.R. 30.05.1989 n. 223 Regolamento Anagrafico e sue modifiche; Oggetto: Definizione linee di indirizzo per accesso in consultazione alla banca dati informatizzata dell Anagrafe del Comune di Teglio ed utilizzo dei dati anagrafici da parte degli Uffici comunali. La

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI AREA CIVILE POLISWEB Piano delle verifiche

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

Fattura Elettronica alla Pubblica Amministrazione

Fattura Elettronica alla Pubblica Amministrazione Fattura Elettronica alla Pubblica Amministrazione Cenni legislativi Legge Finanziaria 2008 e Decreto Attuativo N. 55 DEL 3 APRILE 2013 Tutti i fornitori che emettono fattura o parcella verso la Pubblica

Dettagli

Studio Pozzato Dott. Giuseppe Commercialista Revisore Contabile

Studio Pozzato Dott. Giuseppe Commercialista Revisore Contabile Circolare informativa n. 06 del 29 Maggio 2014 OBBLIGO FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Legge 244/2007 introduce l obbligo di emissione della fattura in formato elettronico

Dettagli

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni di trasmissione fattura al Portale di trasmissione fattura al Portale Revisione : 00 Data creazione : 29/02/2016 Data revisione : Revisioni : Rev. Riferimento Descrizione Data Autore 00 Specifiche Tecniche

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRATICA. InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni. versione 02

MANUALE OPERATIVO PRATICA. InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni. versione 02 InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI PRATICA versione 02 ottobre 2011 COMPILAZIONE

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

L'anno duemila il giorno del mese di.., nella residenza municipale del Comune di Caltanissetta in Corso Umberto I,

L'anno duemila il giorno del mese di.., nella residenza municipale del Comune di Caltanissetta in Corso Umberto I, ALLEGATO A Schema di Convenzione fra il Comune di Caltanissetta e Pubbliche Amministrazioni e Gestori di pubblico servizio, per il collegamento informatico e l'accesso ai dati anagrafici del Comune di

Dettagli

La circolare della Divisione Servizi Locali d'interesse Statale per la connessione dei Comuni all'indice Nazionale delle Anagrafi

La circolare della Divisione Servizi Locali d'interesse Statale per la connessione dei Comuni all'indice Nazionale delle Anagrafi La circolare della Divisione Servizi Locali d'interesse Statale per la connessione dei Comuni all'indice Nazionale delle Anagrafi N.00105250/15100/15850 Roma, 29 ottobre 2001 - AI SIGG.RI PREFETTI - DIRETTORI

Dettagli

Regole tecniche e di sicurezza relative alle tessere di riconoscimento rilasciate dalle amministrazioni dello Stato

Regole tecniche e di sicurezza relative alle tessere di riconoscimento rilasciate dalle amministrazioni dello Stato A LLEGATO B Regole tecniche e di sicurezza relative alle tessere di riconoscimento rilasciate dalle amministrazioni dello Stato 26 Indice 1. INTRODUZIONE... 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 2. DEFINIZIONI...

Dettagli

Fatturazione elettronica. Dott.ssa Anna Petti Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana

Fatturazione elettronica. Dott.ssa Anna Petti Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana Fatturazione elettronica Dott.ssa Anna Petti Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana Obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della pubblica amministrazione Legge 24 dicembre

Dettagli

Servizio PCT. Guida all uso. www.accessogiustizia.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO

Servizio PCT. Guida all uso. www.accessogiustizia.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO Guida all uso www.accessogiustizia.it Servizio PCT PROCESSO CIVILE TELEMATICO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche, con servizi

Dettagli

PRAGMA PRogetto Avanzato di Gestione e Monitoraggio per le Amministrazioni pubbliche POR Campania 2007-2013 FESR O.O.5.1 FAQ

PRAGMA PRogetto Avanzato di Gestione e Monitoraggio per le Amministrazioni pubbliche POR Campania 2007-2013 FESR O.O.5.1 FAQ FAQ D - In merito al bando di gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per la realizzazione del Progetto complesso ICT (Information & Communication Technology) Progetto e-government

Dettagli

TRA. Il.., di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da.. in qualità di.., nato a il.e residente in.via.a questo atto autorizzato con

TRA. Il.., di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da.. in qualità di.., nato a il.e residente in.via.a questo atto autorizzato con CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO E (PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, GESTORI E CONCESSIONARI DI PUBBLICI SERVIZI, ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO ED ENTI CHE SVOLGONO SERVIZI RILEVANTI PER I

Dettagli

COMUNICATO. Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy

COMUNICATO. Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy COMUNICATO Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy Nel secondo semestre del 2011 l Agenzia delle Entrate avvierà nuovi e più articolati controlli sul rispetto

Dettagli

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE )

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) ALLEGATO 4 PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) INTERCONNESSIONE TRA IL CED INTERFORZE E GLI OPERATORI DI TELEFONIA PER LA FORNITURA

Dettagli

MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO)

MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO) PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO) ART. 7-BIS DECRETO

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Martina Mancinelli 29 Novembre 2014 Martina Mancinelli La Posta Elettronica Certificata 29 Novembre 2014 1 / 23 1 Sommario 2 PEC Cos è la PEC? Com è fatta la PEC? L invio

Dettagli

TRA. Il, di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da. in qualità di. nato a il e residente in via..a questo atto autorizzato con..

TRA. Il, di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da. in qualità di. nato a il e residente in via..a questo atto autorizzato con.. CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI ARZIGNANO E PER L ACCESSO IN CONSULTAZIONE ALLA BANCA DATI ANAGRAFICA. L anno duemilatredici in questo giorno del mese di, presso la sede comunale, con la presente scrittura

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 25 febbraio 2010 SERVIIZIIO TELEMATIICO DOGANALE Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione al servizio

Dettagli

Specifiche Tecniche e Funzionali Applicativo DIAGNOS PLUS (09/2015)

Specifiche Tecniche e Funzionali Applicativo DIAGNOS PLUS (09/2015) Specifiche Tecniche e Funzionali Applicativo DIAGNOS PLUS (09/205) Circolarità Anagrafica in Comuni sino a 00.000 abitanti Indice Scopo del Documento 3 DIAGNOS PLUS, lo scenario 3 DIAGNOS PLUS, a cosa

Dettagli

Manuale Operativo. Servizio GESTASSI. Assistenza Servizi Anagrafici COD. PROD. D.6.3

Manuale Operativo. Servizio GESTASSI. Assistenza Servizi Anagrafici COD. PROD. D.6.3 Manuale Operativo Servizio GESTASSI Assistenza Servizi Anagrafici COD. PROD. D.6.3 Premessa Il presente servizio è attivato per favorire e facilitare la gestione delle irregolarità da INA SAIA comunicate

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione -

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Indice 1. Scopo e campo di applicazione...3 2. Riferimenti...3 3. Definizioni e acronimi...3 4. Introduzione...3 5.

Dettagli

Introduzione al PCT. Vincenzo Gunnella. Roma 3 aprile 2014

Introduzione al PCT. Vincenzo Gunnella. Roma 3 aprile 2014 Introduzione al PCT Vincenzo Gunnella Roma 3 aprile 2014 Che cos è il PCT Una serie di servizi telematici per: Ufficio giudiziario Depositare atti e documenti Notaio Ricevere comunicazioni e notificazioni

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Allegato A Allegato A alla deliberazione 18 dicembre 2006, n. 294/06 così come modificata ed integrata con deliberazione 17 dicembre 2008 ARG/gas 185/08 DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 8 gennaio 2015 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 8 gennaio 2015 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 156 - Numero 5 UFFICIALE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

Allegato 1 - ACCESSO WEB/16 Modalità di accreditamento al sistema web e modifica anagrafica

Allegato 1 - ACCESSO WEB/16 Modalità di accreditamento al sistema web e modifica anagrafica Allegato 1 - ACCESSO WEB/16 Modalità di accreditamento al sistema web e modifica anagrafica Ai fini della trasmissione, aggiornamento e visualizzazione dei modelli previsti dalle norme che disciplinano

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati L art. 27 decreto legge 24 aprile 2014 n. 66, convertito con modificazioni dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, introduce significative

Dettagli

SELENE rel. 2.0.3. Sintesi Principali Modifiche ed Implementazioni

SELENE rel. 2.0.3. Sintesi Principali Modifiche ed Implementazioni SELENE rel. 2.0.3 versione (attuale) aggiornata al 22.05.2015 Sintesi Principali Modifiche ed Implementazioni Monitoraggio rilascio carte d identità cartacee valide per l espatrio (Circolare n.8 del 19

Dettagli

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA 1) Normativa Le disposizioni della Legge finanziaria 2008 prevedono che l emissione, la trasmissione, la conservazione e l archiviazione delle fatture emesse nei rapporti

Dettagli

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica:

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica: Fino ad oggi le imprese ed i loro intermediari evadevano gli obblighi riguardanti il Registro delle Imprese, l Agenzia delle Entrate, l INAIL e l INPS con procedure diverse per ogni Ente e, soprattutto,

Dettagli

COMUNE DI DECOLLATURA ALLEGATO A

COMUNE DI DECOLLATURA ALLEGATO A COMUNE DI DECOLLATURA Provincia di Catanzaro INFORMATIZZAZIONE DEGLI UFFICI COMUNALI ALLEGATO A PRESENTAZIONE DEL PROGETTO S.A.I.A. (Sistema di Accesso e Interscambio Anagrafico) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Dettagli

a GlobalTrust Solution

a GlobalTrust Solution E-Consulting a GlobalTrust Solution E-Consulting è la soluzione ideale per i professionisti che intendono offrire consulenze on-line sia ai propri clienti abituali sia a tutti gli utenti di Internet. Descrizione

Dettagli

SERVIZIO EDI Smarrimento PW

SERVIZIO EDI Smarrimento PW SERVIZIO EDI Smarrimento PW Nel caso di smarrimento delle password, oppure se non si è provveduto alla stampa del codice di accesso, è possibile richiedere telematicamente un nuovo Codice di Accesso Personale

Dettagli

MEDICI IN RETE AUTENTICAZIONE AL SERVIZIO MODALITÀ OPERATIVE

MEDICI IN RETE AUTENTICAZIONE AL SERVIZIO MODALITÀ OPERATIVE MEDICI IN RETE AUTENTICAZIONE AL SERVIZIO MODALITÀ OPERATIVE INDICE 1. PREMESSA... 3 2. LE CREDENZIALI... 3 3. L ACCESSO AL SISTEMA... 7 4. IL PRIMO ACCESSO... 8 5. STAMPA DELLA SECONDA PARTE DEL PIN...

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA P.A.

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA P.A. LA FATTURAZIONE ELETTRONICA P.A. CONVEGNO O.D.C.E.C. BARI Bari 6 giugno 2014 Relatore Dr. Vito SARACINO ARGOMENTI DA TRATTARE RIFERIMENTI NORMATIVI; DEFINIZIONE DELLA FATTURAZIONE ELETTRONICA; LA FATTURAZIONE

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 24/15 contenente disposizioni inerenti alle modalità di trasmissione delle informazioni

Dettagli

Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO 1. Caratteristiche Generali I buoni pasto sono di tipo elettronico e si devono utilizzare attraverso carte elettroniche

Dettagli

E, in seguito denominato Ente, con sede in cod. fiscale/partita IVA rappresentato da nella propria qualità di PREMESSO CHE

E, in seguito denominato Ente, con sede in cod. fiscale/partita IVA rappresentato da nella propria qualità di PREMESSO CHE CONVENZIONE TRA COMUNE DI MONTELABBATE E AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE E GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI PER LA CONSULTAZIONE E LA VERIFICA DEI DATI ANAGRAFICI PER FINI ISTITUZIONALI ai sensi degli artt. 50 e

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

Seminario Processi Innovativi

Seminario Processi Innovativi Seminario Processi Innovativi Agenda Semplificazione Agenda Digitale Fatturazione Elettronica e Split Payment Agenda Semplificazione Settori Strategici Individuati Cittadinanza Digitale Welfare e Salute

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO D USO DELLA CONNESSIONE PUBBLICA ALLA RETE INTERNET DA POSTAZIONI MOBILI CON TECNOLOGIA WIRELESS FIDELITY (WIFI).

DISCIPLINARE TECNICO D USO DELLA CONNESSIONE PUBBLICA ALLA RETE INTERNET DA POSTAZIONI MOBILI CON TECNOLOGIA WIRELESS FIDELITY (WIFI). ALLEGATO ALLA DELIBERA G.M. 12/2012 DISCIPLINARE TECNICO D USO DELLA CONNESSIONE PUBBLICA ALLA RETE INTERNET DA POSTAZIONI MOBILI CON TECNOLOGIA WIRELESS FIDELITY (WIFI). Premessa e riferimenti normativi

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1

Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1 Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1 Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 2 Circolare Agenzia Entrate n. 6/E del 2002 4.3 Documentazione da rilasciare ai contribuenti

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE:

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: Disposizioni attuative ed integrative dell articolo 1, commi da 111 a 122, della legge regionale 13 agosto 2011 n. 12 in materia di Bollettino Ufficiale telematico della

Dettagli

M.U.T Modulo Unico Telematico

M.U.T Modulo Unico Telematico M.U.T Modulo Unico Telematico http://mut.cnce.it Guida all uso dei servizi Internet Versione: 1.0 Data redazione: 15.10.2004 Software prodotto da Nuova Informatica srl Rovigo Pagina 1 di 40 Indice dei

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

Protezione delle informazioni in SMart esolutions

Protezione delle informazioni in SMart esolutions Protezione delle informazioni in SMart esolutions Argomenti Cos'è SMart esolutions? Cosa si intende per protezione delle informazioni? Definizioni Funzioni di protezione di SMart esolutions Domande frequenti

Dettagli

Manuale operativo. Servizio K706A COD. PRODOTTO D.6.3

Manuale operativo. Servizio K706A COD. PRODOTTO D.6.3 Manuale operativo Servizio K706A COD. PRODOTTO D.6.3 Indice UNO SGUARDO D INSIEME...3 1. BARRA DI MENU...4 2. LETTURA DELLE VARIAZIONI ANAGRAFICHE DA TRASMETTERE..5 3. IMPOSTAZIONI MODULO K706A....5 4.

Dettagli

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Focus di pratica professionale di Cristina Aprile Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Premessa Con circolare n.30/e del 25 giugno 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito i chiarimenti

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI COMUNE DI ROSSANO VENETO SERVIZI INFORMATICI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI Allegato A) INDICE 1 INTRODUZIONE 2 ASPETTI GENERALI 2.1 Contenuti 2.2 Responsabilità 2.3 Applicabilità

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA La Fatturazione Elettronica verso la PA Il 6 giugno 2014 sarà una data importante in quanto entra in vigore il D.M. 55/2013 che ha stabilito le modalità attuative per fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Progetto sperimentale di telelavoro

Progetto sperimentale di telelavoro Allegato B) al decreto del direttore n. 80 del 7 luglio 2008 Progetto sperimentale di telelavoro Obiettivi L Agenzia intende sviluppare il ricorso a forme di telelavoro ampliando la sperimentazione anche

Dettagli

Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche art. 8 L.R. 11/2010 art. 133 comma 8 D.Lgs. 12/04/2006 n. 163

Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche art. 8 L.R. 11/2010 art. 133 comma 8 D.Lgs. 12/04/2006 n. 163 Servizio lavori pubblici ed osservatorio dei contratti e degli investimenti pubblici, edilizia e sicurezza dei cantieri edili Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche art. 8 L.R. 11/2010 art.

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO FATTURA PA

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO FATTURA PA DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto si intende per: - Contratto : indica le presenti Condizioni Generali di Contratto, la Richiesta di attivazione del Servizio (o Ordine), l Allegato tecnico ed

Dettagli

Con la presente scrittura privata di convenzione da valere ad ogni effetto di legge TRA

Con la presente scrittura privata di convenzione da valere ad ogni effetto di legge TRA Convenzione fra il Comune di MONASTIER DI TREVISO e la Sezione di Polizia Giudiziaria della PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO il TRIBUNALE di Treviso per l accesso in consultazione alla banca dati anagrafica

Dettagli

Software Servizi Web UOGA

Software Servizi Web UOGA Manuale Operativo Utente Software Servizi Web UOGA S.p.A. Informatica e Servizi Interbancari Sammarinesi Strada Caiese, 3 47891 Dogana Tel. 0549 979611 Fax 0549 979699 e-mail: info@isis.sm Identificatore

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 Como, 17.3.2015 INFORMATIVA N. 14/2015 Fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione Estensione dal 31.3.2015 INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Soggetti interessati... pag. 2 2.1 Fornitori

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune (art. 24 c. 3-bis Legge 11/08/2014

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico

M.U.T. Modulo Unico Telematico Via Alessandria, 215 Roma tel: 06/852614 fax: 06/85261500 e-mail: info@cnce.it M.U.T. Modulo Unico Telematico http://mut.cnce.it Novità client versione 1.6.1 Data redazione: 21.06.2007 Indice dei contenuti

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli