14. ESSICCAZIONE Perché essiccare il legno Fattori che influenzano l'essiccazione Metodi di essiccazione. Tecnologia del Legno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "14. ESSICCAZIONE. 14.1. Perché essiccare il legno. 14.2 Fattori che influenzano l'essiccazione. 14.3 Metodi di essiccazione. Tecnologia del Legno"

Transcript

1 14. ESSICCAZIONE Perché essiccare il legno Il legno deve essere accuratamente essiccato per diversi motivi: si riduce il ritiro durante l'impiego e si evitano curvature e fessurazioni; il legno è protetto dall'attacco di funghi; il peso del legno viene ridotto e quindi anche il costo di trasporto è minore; I'essiccazione comporta un aumento della resistenza meccanica del legno; la verniciatura, la finitura e l'applicazione di preservanti richiedono che il legno venga preventivamente essiccato; le elevate temperature dell'essiccazione artificiale uccidono funghi e insetti che possono essersi annidati nel legno Fattori che influenzano l'essiccazione L'essiccazione è influenzata da: temperatura; umidità relativa; circolazione dell'aria. Temperatura Maggiore è la temperatura dell'aria più veloce è la migrazione dell'umidità dall'interno verso la superficie del legno. Durante l evaporazione è necessario fornire una certa quantità di calore per riscaldare il legno e per fare evaporare l acqua(calore latente di evaporazione). Umidità relativa Determina la capacità d evaporazione dell'aria Più secca è l'aria (minore è la sua umidità relativa) maggiore è la sua capacità d evaporazione e maggiore è la quantità d umidità sotto forma di vapore che può contenere. La capacità evaporante è influenzata dalla temperatura dato che aumentando la temperatura dell'aria si riduce l'umidità relativa In questo modo, controllando l'umidità relativa, è possibile controllare il tasso di evaporazione dell'umidità dal legno e quindi l'entità delle sollecitazioni che si sviluppano nel legno per effetto del ritiro. Circolazione dell'aria E' necessaria per trasportare il calore al legno e per rimuovere l'umidità dalla sua superficie. La circolazione dell'aria influenza la velocità di essiccazione Metodi di essiccazione Il legno può essere: essiccato in aria libera (stagionatura) in aria condizionata (essiccazione artificiale). Mentre la stagionatura viene effettuata all'aperto, I'essiccazione artificiale richiede specifici impianti per controllare la temperatura I'umidità relativa e la circolazione dell'aria. Con la stagionatura le 179

2 possibilità di controllo sono molto ridotte. La qualità del prodotto stagionato non è inferiore a quella del prodotto essiccato artificialmente. La stagionatura richiede molto tempo durante il quale si ha immobilizzo di capitale e il legname può essere soggetto a degradazione o perdite. La stagionatura può non essere sufficiente per certi impieghi del legno perché l'umidità finale dipende dalle condizioni climatiche ambientali. L'essiccazione artificiale è più veloce e l'umidità può essere portata a qualsiasi livello, indipendentemente dalle condizioni climatiche. Richiede strutture e impianti per condizionare la temperatura, I'umidità relativa e la circolazione dell'aria; il pericolo che si sviluppino dei difetti nel legno è maggiore che non con la stagionatura Stagionatura L'essiccazione naturale avviene predisponendo il materiale in cataste collocate in un piazzale Selezione del piazzale Le dimensioni devono essere tali da soddisfare i fabbisogni attuali e quelli futuri. Il piazzale deve essere ricavato su una superficie piana, ben aerata, drenata, priva di erba o di altra vegetazione; deve essere mantenuto privo di residui di legno e, se fangoso, deve essere pavimentato Formazione delle cataste Disposizione delle cataste Le cataste sono poste in file parallele, separate da corridoi per: favorire l'accatastamento e lo scatastamento; permettere la circolazione dell'aria; permettere l'accesso dei mezzi antincendio. I corridoi si suddividono in: principali per il transito delle attrezzature per l'accatastamento e lo scatastamento e per il passaggio di autocarri e di mezzi antincendio; secondari per il transito delle attrezzature per l'accatastamento e lo scatastamento da un corridoio all'altro; intermedi per raggiungere le cataste per vari motivi (inserimento e rimozione di campioni per la determinazione dell'umidità). I corridoi principali devono avere un orientamento Nord-Sud per favorire un uso efficiente dell'energia solare. Dimensioni delle cataste Le dimensioni delle cataste influenzano la velocità dell'essiccazione in quanto la larghezza influisce sul movimento orizzontale dell'aria, e l'altezza su quello verticale. Nelle cataste troppo grandi si possono lasciare dei camini interni che favoriscono l'espulsione dell'aria satura Le cataste vengono formate da pacchi di tavole, già listellati, posizionati uno sull'altro. Un rapporto altezza-larghezza della catasta pari a 3:1 è considerato ottimale per quanto riguarda la stabilità. 180

3 Va detto che l'orientamento delle cataste rispetto ai punti cardinali non è così Importante come invece si dimostra essere quello rispetto al vento dominante ed alle condizioni generali del clima. Infatti, in clima umido, nel quale l'essiccazione naturale avviene lentamente, conviene che i listelli siano paralleli al vento dominante in modo che esso possa lambire tutta la superficie delle tavole senza alcun ostacolo. In climi caldi e asciutti conviene invece rallentare l'azione essiccante e, quindi, I listelli devono essere ortogonali alla direzione del vento in modo da costituire un freno alla circolazione dell'aria tra le tavole. 181

4 Nell'area di contatto tra listelli e tavole, mancando una libera esposizione all'aria, I'umidità permane più a lungo e facilmente possono insediarsi funghi. Questo fenomeno è reso evidente sulle tavole da tratti contrassegnati da colore nerastro. Pilastrini Le cataste appoggiano su pilastrini che mantengono la prima fila di tavole a cm dal suolo. I pilastrini sono piazzati a distanze da 25 cm a 1,5 m in relazione allo spessore del legnarne e alla specie: distanze ridotte sono raccomandate per spessori limitati e per specie il cui legno tende a incurvarsi (Faggio e Olmo). Le sommità dei pilastrini devono essere allineate a formare una superficie inclinata (8-10 cm ogni metro) per favorire il drenaggio della catasta. Listelli Sono pezzi di legno prismatici, a sezione trasversale rettangolare di dimensioni 2,5 x 2,5 cm o 1,5 x 2,5 cm. Le dimensioni devono essere uniformi e il legno deve essere secco, senza difetti, non suscettibile ad attacchi di funghi (Pini, Faggio) e privo di estrattivi (Querce). Lo spessore dei listelli influenza la velocità di essiccazione. La distanza tra i listelli e la loro larghezza vanno adattate alla specie di derivazione e allo spessore dei segati. Tra i pacchi di segati si pongono listelli di altezza pari a 5-10 cm Legni duri pregiati vengono spesso accatastati come "boule": ogni pacco è costituito dal tronco segato nel quale le singole tavole sono separate da listelli. Segati di lunghezza limitata (parchetti, traversine ferroviarie) vengono accatastati senza listelli. I segati devono essere accatastati in gruppi similari per esigenze di essiccazione. E' preferibile raggruppare i segati anche in base alla lunghezza, alla larghezza, alla sezione di taglio. vale sempre la regola che più omogeneo è il materiale più uniforme risulta la sua essiccazione. 182

5 Si possono realizzare cataste con segati di lunghezza differente ponendo la lunghezza della catasta pari a quella del segato più lungo e componendo su tale lunghezza quelli più corti. Questo metodo non è meccanizzabile. Tetti e tettoie Le cataste possono essere protette dall'azione diretta del sole, della pioggia e della neve mediante un tetto oppure ponendole sotto tettoia Le tettoie vengono usate per l'accatastamento di legni pregiati o per immagazzinare legname stagionato (senza listellatura). Le condizioni di essiccazione sotto tettoia sono più miti che non all'aria aperta e ciò favorisce una migliore qualità del legno per quanto riguarda i cretti e le fenditure di testa e la decolorazione. Protezione delle teste I cretti e le fenditure di testa possono essere limitati o eliminati proteggendo le teste dal sole e dal vento mediante rivestimento con paraffina, olio di lino, preparazioni commerciali applicate subito dopo la segagione. Il trattamento è conveniente per legni pregiati o per segati con spessori superiori a 5 cm Velocità di essiccazione La velocità di essiccazione dipende da: - specie legnosa; - spessore dei segati; - disposizione degli anelli di accrescimento; - presenza di durame e di alburno; - modalità di accatastamento; - condizioni del piazzale; - fattori climatici. 183

6 Legni teneri e legni duri leggeri essiccano più rapidamente. Il tempo richiesto per l'essiccazione è proporzionale al quadrato dello spessore del segato. Segati prodotti secondo la direzione tangenziale essiccano più rapidamente perché le superficie espongono i raggi tagliati in direzione trasversale. Il durame essicca più lentamente a causa delle peculiari caratteristiche anatomiche (tille, estrattivi). L'essiccazione è più veloce d'estate e rallenta sotto tettoia Essiccazione artificiale L'essiccazione artificiale viene condotta appositi impianti detti essiccatoi Tipologia degli essiccatoi essiccatoi discontinui essiccatoi continui nella cui cella viene messo ogni volta un caricocompleto che viene trattato tutto nello stesso modo secondo il regime adottato; al terminedell'essiccazione il carico viene fatto uscire tutto insieme, interrompendo completamente il funzionamento delle attrezzature nell'essiccatoio; dove i singoli carichi si muovono continuamente lungo una galleria in progressione continua, spostandosi via via nelle zone di diverso trattamento secondo le esigenze del regime di essiccazione. I materiali impiegati per la costruzione della cella di un essiccatoio devono garantire un perfetto isolamento termico e così le porte per evitare perdite di calore e fughe di vapore. Le pareti interne e ogni parte metallica devono essere protette contro la corrosione di acidi organici che si formano durante l'essiccazione di specie legnose ricche di estrattivi (Faggio, Querce, Castagno). 184

7 Le dimensioni delle celle non devono superare definiti valori oltre i quali risulta difficile mantenere delle condizioni uniformi all'interno delle celle. In generale, a seconda della tipologia dell'essiccatoio, si possono considerare le seguenti lunghezze massime: essiccatoi discontinui essiccatoi continui 15 m m L'altezza è pari a 2-3 m; la larghezza dipende dalla disposizione delle cataste all'interno della cella e dalla larghezza della catasta (non superiore a 1,8 m). Normalmente lo spazio totale della cella effettivamente occupato dal legname (spessore 2.5 cm) è pari al 30~40 % dello spazio totale della cella stessa Questo dipende dal fatto che si lascia circa il 40% di spazio vuoto attorno alle cataste e, inoltre si deve, considerare lo spazio vuoto tra le tavole dovuto alla listellatura. Lo spazio vuoto all'interno della cella garantisce la circolazione dell'aria, che avviene tramite ventilatori, generalmente di tipo assiale (minore rumorosità). Il riscaldamento dell'aria è realizzato per mezzo di vapore circolante in scambiatori di calore posti all'interno della cella. L'umidità relativa è controllata mediante Introduzione di vapore libero. Le condizioni di umidità relativa e temperatura dell'aria nella cella vengono misurate mediante psicrometri, operanti per espansione di mercurio o di altri liquidi o gas Accatastamento L'accatastamento deve essere molto accurato in quanto le condizioni di essiccazione con gli essiccatoi sono molto più intense di quelle con la stagionatura. E' importante evitare che vi siano tavole le cui teste sporgano dalla catasta in quanto possono interferire con la circolazione dell'aria Per lo stesso motivo in ogni strato le tavole sono poste una accanto all'altra, senza spazi laterali. Nel caso il volume di legno da essiccare non fosse sufficiente a riempire la cella conviene ridurre la larghezza della catasta e non l'altezza. 185

8 Procedure di essiccazione Controllo di umidità La variazione dell'umidità durante l'essiccazione può essere monitorata utilizzando delle tavole rappresentative collocate nella catasta Su queste tavole vengono eseguite le determinazioni dell'umidità del legno e la valutazione della presenza di eventuali tensioni interne. Le tavole devono essere prive di corteccia e con le estremità ricoperte da una sostanza idrofobica. Normalmente sono sufficienti sei tavole per ciascuna catasta, collocate in posizioni differenti e comunque facilmente accessibili. 186

9 Programma di essiccazione Le condizioni di temperatura e di umidità relativa applicate durante l'essiccazione di un carico di legname sono specificate dal programma di essiccazione. I programmi di essiccazione sono stati sviluppati empiricamente allo scopo di essiccare il legname nel modo più efficiente, riducendo il tempo di trattamento e l'entità dei difetti di essiccazione. Un programma di essiccazione viene applicato definendo certe condizioni iniziali di temperatura e di umidità relativa dell'aria in relazione alla specie legnosa e al contenuto iniziale di umidità del legno, ed effettuando del cambiamenti al successivo raggiungimento di livelli inferiori di umidità. L'applicazione del programma di essiccazione prevede la determinazione dell'umidità ai diversi stadi dell'essiccazione mediante l'uso di tavole rappresentative. M a M U a = M 0 dove u a = umidità attuale M a = peso attuale M o = peso anidro e M M i = U dove M i = peso iniziale u i = umidità iniziale i 100 La necessità del campionamento periodico dell'umidità può essere eliminata applicando dei programmi di essiccazione a tempo. Questi programmai prevedono che le variazioni delle condizioni di essiccazioni vengano attuate a certi intervalli di tempo. I programmi di essiccazione a tempo si basano su una lunga esperienza maturata su ripetute essiccazioni di determinate specie e spessori dei segati; non sono precisi come i programmi di essiccazione con campionamento periodico dell'umidità, ma vengono adottati per legni teneri e per legni duri che essiccano con facilità 187

10 L'essiccazione mediante l'applicazione di programmi viene definita: essiccazione semiautomatica basata sui programmi di essiccazione; le condizioni di essiccazione sono stabilite dall'operatore e controllate da strumenti. essiccazione automatica dopo avere prestabilito determinate condizioni iniziali, il controllo è attuato da un computer che elabora i segnali provenienti dalle sonde e comanda appositi attuatori. E' adatta per legname di specie di facile essiccazione e con umidità inferiori al punto di saturazione delle pareti cellulari, in quanto i misuratori elettrici non forniscono valori attendibili per umidità superiori a tale punto Stadi di essiccazione Nell'essiccazione artificiale si individuano tre stadi 1. stadio di preparazione; 2. stadio di effettiva essiccazione; 3. stadio di uguagliamento Stadio di preparazione Nello stadio di preparazione si deve portare il legno alla temperatura stabilita dal programma di essiccazione nel minore tempo possibile. Nell'essiccazione del legno verde si può innalzare l'umidità relativa dell'aria al 100%, riducendo il tempo di preriscaldamento. Nell'essiccazione di legno stagionato con un contenuto di umidità del % I'umidità relativa dell'aria può essere pari a % Stadio di effettiva essiccazione 1 a fase temperatura bassa, umidità relativa dell'aria elevata, velocità di essiccazione costante. Si ha evaporazione dagli strati più esterni; 2 a fase temperatura bassa, umidità relativa dell'aria in diminuzione (leggero aumento della differenza psicrometrica con abbassamento della temperatura del bulbo umido), velocità di essiccazione in diminuzione. Si ha movimento capillare dall'interno verso l'esterno; 3 a fase temperatura in aumento, umidità relativa dell'aria in forte diminuzione (aumento della differenza psicrometrica con aumento della temperatura del bulbo secco e mantenimento a livello costante della temperatura del bulbo umido), velocità di essiccazione in forte diminuzione. Si ha il movimento dell'acqua di saturazione. 188

11 Stadio di uguagliamento Lo stadio di uguagliamento viene avviato poco prima del termine dell'essiccazione e ha lo scopo di uniformare il contenuto di umidità del legno. La procedura inizia quando l'umidità del campione più umido è circa del 2 % inferiore rispetto all'umidità finale desiderata (per esempio 8 % se l'umidità finale è del 10 %). Le condizioni nell'essiccatoio vengono variate in modo che l'umidità di equilibramento corrisponda all'umidità del legnarne (8 %). Per fare ciò si aumenta leggermente la temperatura e si adegua proporzionalmente l'umidità relativa L'essiccazione prosegue finché l'umidità del campione più umido raggiunge il livello desiderato (10 %). Il legname non deve essere rimosso immediatamente dall'essiccatoio al termine dell'essiccazione, ma deve rimanere in essiccatoio finché la temperatura scende attorno a valori prossimi a quelli della temperatura esterna In caso contrario e in relazione alla sensibilità della specie legnosa, esiste il pericolo che insorgano dei difetti quali fessurazioni superficiali e casehardening Quoziente di umidità Nell'essiccazione in essiccatoio la velocità con cui procede l'essiccazione è molto più importante che nella stagionatura, in relazione soprattutto allo svilupparsi di difetti del legno. Il controllo della velocità di essiccazione può essere attuato calcolando il quoziente di umidità, detto anche rapporto di adeguamento. Tale quoziente è l'espressione della relazione tra il contenuto medio effettivo di umidità (misurato con le tavole rappresentative) e l'umidità di equilibramento corrispondente a prestabilite condizioni di temperatura e di umidità relativa, presenti nella cella di essiccazione: Q u = u ue dove u = umidità media effettiva del legno u e = umidità di equilibramento. Presa come punto di partenza e quale umidità effettiva del legno, I'umidità corrispondente al punto di saturazione delle pareti cellulari, il quoziente di equilibramento si può risolvere come: Q u = 30 ue Per esempio, se il quoziente prescelto è pari a 3 significa che si è deciso di essiccare un legno con umidità pari a 30% o superiori in un clima nel quale l'umidità di equilibramento è pari a 10 % (temperatura di 70 C e umidità relativa di 70 %): 189

12 Q u = 30 ue = 10% Il quoziente di umidità influenza la velocità di essiccazione in modo maggiore che non la temperatura dell'aria: quoziente di umidità basso aumenta il tempo di essiccazione e rende l'operazione non economica; quoziente di umidità alto riduce il tempo di essiccazione, ma aumenta le differenze di umidità nella massa del legname. Quoziente di umidità basso significa che la differenza tra l'umidità attuale e l'umidità di equilibramento non è elevata; quoziente di umidità alto significa che la differenza tra l'umidità attuale e l'umidità di equilibramento è elevata. Quando il contenuto di umidità del legno in essiccazione è inferiore all'umidità corrispondente al punto di saturazione delle pareti cellulari, il quoziente di umidità deve essere mantenuto il più costante possibile. In questo modo l'umidità dell'aria con cui viene trattato il legname, segue man mano e con grado costante il decrescere dell'umidità degli strati superficiali del legno sotto il punto di saturazione delle pareti cellulari Correzione del difetti di essiccazione I difetti che non derivano da anormale costituzione del legno possono essere corretti mediante variazione delle condizioni di temperatura e umidità relativa dell'aria circolante nell'essiccatoio o 190

13 adottando opportuni artifici. Fessurazioni superficiali: Arcuatura: Tensioni interne Fessurazioni alveolari Collasso Funghi Insetti si possono chiudere aumentando l'umidità relativa a % e incrementando contemporaneamente la temperatura di 5-10 C, mantenendo queste condizioni per 0,5-1 h in relazione allo spessore dei segati. Se le fessurazioni sono profonde conviene non aumentare l'umidità relativa oltre 8~85 % e mantenere più a lungo tale condizione; si possono collocare dei pesi sulla catasta. Il fenomeno si accentua con le elevate temperature; possono essere diagnosticate alla fine dell'essiccazione. Si possono ridurre innalzando l'umidità relativa al 90 % e aumentando la temperatura di C, a meno che questa non sia già elevata (vicina a 80 C). Si può mantenere la temperatura costante e innalzare l'umidità relativa a un livello che raggiunga il 4 % di incremento dell'umidità di equilibramento. Queste condizioni sono mantenute per 2-6 h nei legni teneri e per h nei legni duri (spessore 2,5 cm); fino a 48 h per legni con spessore di 5 cm; si trattano come le fessurazioni interne; si verifica nei legni di specie quali Eucalipto e Querce condurame molto umido essiccati a temperatura relativamente alte. Può essere evitato procedendo a una prestagionatura, altrimenti si sottopone il legname a temperatura di C e a umidità relativa di 100% per 4-8 h; il trattamento comporta un aumento di temperatura a c e umidità relativa di % se l'umidità del legno é inferiore a 30 % oppure a %, se l'umidità del legno é superiore. le condizioni si mantengono per 0,5-1 h; vengono uccisi con una combinazione di temperatura a C e umidità relativa di %. La durata del trattamento dipende dallo spessore del legno. Per il genere Lyctus si raccomanda una durata del trattamento di 0,5 h. 191

14 Durata dell'essiccazione Il tempo necessario per l'essiccazione artificiale é inferiore a quello richiesto per la stagionatura; inoltre una considerevole riduzione può essere ottenuta con la prestagionatura Contenuto finale dl umidità Il contenuto finale di umidità dipende dalla finalità dell'essiccazione o dall'impiego del legno: se lo scopo dell'essiccazione è la protezione del legno da attacchi fungini è sufficiente raggiungere un contenuto di umidità di circa 20 %; se l'impiego finale del legno è la costruzione di serramenti da esterno il contenuto di umidità deve essere %; per impieghi in ambienti interni (mobili, pavimenti, pannelli) I'umidità deve essere 6-8 %, pari all'umidità di equilibramento con temperatura di C eumidità relativa di %. Un'umidità più elevata causa difetti dovuti al ritiro (fessure nei pavimenti) Immagazzinamento del legname essiccato L'igroscopicità del legno non è influenzata dall'essiccazione e il legno può riassorbire umidità. Se non viene immediatamente usato, il legname va accatastato senza listelli sotto tettoia 192

15 14.6. Altri metodi di essiccazione artificiale Essiccazione con l'uso di energia solare Può essere considerato una variante della stagionatura Esistono due tipi di impianti: - impianti a serra; - impianti a collettore solare. In quest'ultimo il calore catturato dal collettore viene trasferito all'interno della cella per mezzo dell'aria o mediante dell'acqua circolante in un circuito chiuso. La velocità di essiccazione con l'uso di energia solare è maggiore che non con la stagionatura ma è inferiore a quella con gli essiccatoi convenzionali. Questi impianti presentano un minore costo e una maggiore facilità di impiego. L'umidità del legno può essere ridotta fino al 7 %, e questa prestazione va considerata in rapporto a quanto ottenibile con la stagionatura in autunno o in inverno. L'essiccazione con l'uso di energia solare può essere combinata con l'essiccazione artificiale di tipo convenzionale o con quella per condensazione Essiccazione per condensazione L'umidità evaporata dal legno non viene rimossa dall'essiccatoio sotto forma di vapore, ma viene bensì condensata e rimossa allo stato liquido. 193

16 Si Impiega un dispositivo frigorifero basato su: - un compressore per comprimere il fluido refrigerante; - un condensatore dove il fluido refrigerante viene compresso fino a condensarsi, cedendo calore all'aria immessa nella cella; - un evaporatore nel quale il fluido refrigerante si espande, evaporando e raffreddando l'aria in uscita dalla cella, con conseguente condensazione dell'umidità in essa contenuta. La temperatura di funzionamento generalmente è bassa inferiore a 40 C e l'umidità relativa è pari a %. Il costo di impianto è inferiore a quello degli essiccatoi convenzionali e l'uso è più semplice. La durata dell'essiccazione è superiore a quella degli essiccatoi convenzionali, soprattutto quando si devono raggiungere valori inferiori a 12 %. Tuttavia le condizioni finali del legno sono migliori. Viene utilizzato per legni densi di grandi dimensioni, inclini al collasso (Quercia e altri) Essiccazione ad alta temperatura La differenza rispetto alla essiccazione convenzionale è data dalle elevate temperature impiegate: la temperatura del bulbo secco è sempre superiore a 100 C, mentre la temperatura del bulbo umido deve essere inferiore a 100 C (essiccazione con aria umida surriscaldata ) o pari a 100 C (essiccazione con solo vapore surriscaldato). L'essiccazione ad aita temperatura è molto veloce e la produttività degli essiccatoi è stimata essere 5-10 volte superiore a quella degli essiccatoi convenzionali. Il legno assume caratteristiche di minore igroscopicità e di maggiore stabilità dimensionale. L'essiccazione ad alta temperatura presenta comunque alcuni svantaggi: - sono necessari essiccatoi speciali a elevato isolamento termico. Sono solitamente di metallo, prefabbricati, con capacità di 1~ m3. Sono soggetti a rapida usura; - il metodo non può essere utilizzato per legni che hanno elevato contenuto iniziale di umidità e la cui costituzione anatomica non consente una rapida uscita dell'umidità. - Si può applicare con successo per legni teneri e per quelli duri se pre-essiccati a un'umidità di % (Quercia, Noce tendono a collassare). L'essiccazione ad alta temperatura può provocare decolorazione del legno, fuoriuscita di resina e caduta di nodi. La degradazione termica del legno può condizionare le proprietà di resistenza meccanica. Benché il 194

17 tempo di essiccazione venga ridotto, i costi non sono inferiori a quelli dell'essiccazione convenzionale Essiccazione con innalzamento progressivo della temperatura Il metodo prevede un incremento continuo della temperatura e il controllo della velocità di trasmissione del calore dall'aria al legname in modo da ottenere una velocità costante di essiccazione. L'essiccazione inizia con temperatura di 60~ C, mantenendo costante la differenza psicrometrica La temperatura finale del bulbo asciutto è 100 C. Il metodo consente una riduzione di tempo, di energia e di sviluppo di difetti del legno Essiccazione con prodotti chimici Il metodo si basa sulla proprietà di alcuni prodotti chimici di assorbire l'umidità e di ridurre il ritiro del legno. E' possibile essiccare legni di notevole spessore in quanto l'elevata umidità presente negli strati superficiali e la riduzione del ritiro consentono l'impiego di aria con una bassa umidità relativa, che causerebbe in condizioni normali fratture superficiali Si utilizzano NaCI e urea addizionati a inibitori della corrosione per evitare l'ossidazione delle parti metalliche che vengono a contatto con il legno così trattato. Può essere usato anche polietilenglicole. I prodotti chimici sono applicati per immersione in soluzioni sature, per spennellatura e per distribuzione a secco. Il legno fresco favorisce l'ingresso nella massa dei prodotti in polvere, mentre l'efficacia delle soluzioni dipende dalla permeabilità del legno. Il legname viene quindi accatastato per alcuni giorni senza listellatura L'uso di prodotti chimici tende a innalzare il costo dell'essiccazione. Inoltre il legno essiccato con questo metodo tende a "sudare" quando l'umidità relativa dell'aria è alta (maggiore di 80 %) Essiccazione con vapore L'essiccazione viene ottenuta impiegando vapore di composti organici (xilene). Il legno viene introdotto in cilindri ermetici ed esposto alle alte temperature di un liquido in ebollizione, C. L'umidità evapora dal legno, si mescola al vapore, viene portata all'esterno del cilindro e condensata I due liquidi non si mescolano a causa della loro differente densità L'acqua viene misurata e scaricata mentre il prodotto chimico viene riutilizzato nel sistema. Alla fine il legno viene posto sotto vuoto per eliminare ogni residuo di prodotto chimico. La velocità di essiccazione è molto elevata, pari a 3-20 volte quella dell'essiccazione convenzionale, ma i costi energetici sono molto alti. Il metodo è stato applicato per l'essiccazione delle traversine ferroviarie prima del 195

18 trattamento preservante Essiccazione con oli Il calore necessario per evaporare l'umidità viene fornito immergendo il legname in olio riscaldato, avente un punto di ebollizione superiore a quello dell'acqua. Il metodo di essiccazione è normalmente combinato con quello di trattamento preservante di legname con elevata umidità iniziale: innalzando la temperatura del prodotto preservante (creosoto) sottovuoto, la temperatura di essiccazione può essere mantenuta inferiore a 100 C. Si usa per l'essiccazione e l'impregnazione di legni permeabili (Faggio, alburno delle Conifere). La velocità di essiccazione è di 5-10 volte maggiore di quella con il metodo convenzionale Essiccazione con solventi Il metodo è simile a quello utilizzato per determinare l'umidità del legno mediante distillazione. Il legno viene posto in una carnera stagna e spruzzato per poche ore con acetone caldo (circa 90 C). Al termine il liquido (una miscela di acetone, umidità del legno ed estrattivi) viene rimosso, mentre viene introdotta e fatta circolare dell'aria per completare l'essiccazione e rimuovere i residui di solvente. Dopo l'essiccazione il solvente viene recuperato per distillazione (circa 90 %) e riutilizzato. I vantaggi possono sintetizzarsi nella elevata velocità di essiccazione e nella possibilità di raccogliere gli estrattivi. Per contro il metodo presenta alti costi di esercizio Essiccazione con corrente elettrica ad alta frequenza Il legno sottoposto a un campo elettromagnetico prodotto da una corrente elettrica ad alta frequenza si riscalda velocemente (5-20 C/min) e uniformemente. Quindi l'essiccazione può procedere speditamente. Il principio si basa sul frequente riallineamento delle molecole di un dielettrico, normalmente disposte a caso, per azione di un cambiamento costante di direzione del flusso di corrente elettrica Questi cambiamenti di posizione, ripetuti rapidamente, determinano l'innalzamento termico del corpo. Il metodo si presta alla completa automazione e l'essiccatoio può essere di tipo continuo. Si possono essiccare solo legni permeabili (Faggio, Carpino, Pioppo, Tiglio, Abete, Betulla, Acero). L'essiccazione di legni intillati e fortemente duramificati (Querce) determina la formazione di fratture e di riduzione della resistenza meccanica 196

19 14.7. Altri metodi di essiccazione Essiccazione sotto vuoto Permette l'evaporazione dell'umidità del legno a temperature inferiori a 100 C. E comunque scarsamente economica Essiccazione per centrifugazione Il legno viene posto su un supporto rotante in una cella nella quale vengono controllate la temperatura e l'umidità relativa dell'aria L'essiccazione procede veloce senza determinare l'insorgenza di difetti. Il metodo non è ancora applicato nella pratica Essiccazione con radiazioni ultraviolette L'esposizione di pezzi singoli di legno alle radiazioni ultraviolette presenta ancora delle limitazioni tecniche per una applicazione pratica Vaporizzazione La vaporizzazione può essere adottata per: modificare il colore naturale di certi legni; -) ammorbidire il legname per la sfogliatura e la tranciatura; -) plastificare e curvare il legno massiccio. La vaporizzazione per modificare il colore naturale si applica al Faggio, al Ciliegio, al Noce e all'acero. Il legname viene accatastato verde e senza listellatura in camere di vaporizzazione in grado di resistere alla corrosione degli acidi acetico e formico che si producono durante il trattamento. La vaporizzazione avviene a pressione atmosferica o leggermente superiore (1,1-1,7 bar) con un graduale incremento di temperatura da 70 C a 90 C. Il trattamento continua per h o più In relazione allo spessore del materiale (18 h per ogni centimetro di spessore). Dopo la vaporizzazione il legnarne viene fatto raffreddare nella camera e successivamente è accatastato per la stagionatura. La vaporizzazione, dissolvendo o alterando gli estrattivi e gli altri costituenti chimici del legno migliora la lavorabilità del materiale, fornendo superfici più lisce e proteggendo il legno da fenomeni di arcuatura. 197

TECNOLOGIE DI ESSICCAZIONE

TECNOLOGIE DI ESSICCAZIONE TECNOLOGIE DI ESSICCAZIONE Il processo di essiccazione consiste nell eliminare progressivamente dal prodotto parte del contenuto di acqua iniziale, a mezzo della somministrazione di calore. Abbassare il

Dettagli

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione Gli impianti VTA vengono impiegati per la purificazione, la concentrazione, la rimozione dei residui di solventi, la decolorazione e l essiccazione di prodotti in diversi settori industriali: chimico,

Dettagli

Definizioni di isolamento termico

Definizioni di isolamento termico Definizioni di isolamento termico Per ottenere un buon isolamento termico dell abitazione si ricorre a materiali ed a tecniche specifiche che incrementano la coibenza, rendono minime le infiltrazioni d

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

L albero e il tronco

L albero e il tronco IL LEGNO L albero e il tronco Ciclo di produzione Trasporto: Camion Teleferica Fluitazione Rotaie Segagione Tipi di segagione Il taglio e gli effetti del ritiro Tipi di segati Sfogliati Tranciati Prodotti

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014 Termodinamica TD1 In un sistema pistone-cilindro, 1 kg di gas ( = 1,29 ed R * = 190 J/(kg K)) si espande da 5 bar e 90 C ad 1 bar. Nell'ipotesi che la trasformazione

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

ADQ. Essiccatori a refrigerazione ADQ 21-5040

ADQ. Essiccatori a refrigerazione ADQ 21-5040 ADQ Essiccatori a refrigerazione ADQ 21-5040 Alup Driven by technology. Designed by experience. ALUP Kompressoren vanta oltre 90 anni di esperienza in campo industriale. La nostra ambizione è offrire soluzioni

Dettagli

POMPE DI CALORE. Introduzione

POMPE DI CALORE. Introduzione POMPE DI CALORE Introduzione In impianto tradizionale di riscaldamento si utilizza il potere calorifico di un combustibile (gasolio, metano, legno, carbone, ecc.) per riscaldare a bassa temperatura dei

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE

LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE Il brico dalle mille idee... LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE Il legno all esterno e l impregnazione in autoclave 2 Il deterioramento del legno all esterno I manufatti in legno esposti all'esterno sono sottoposti

Dettagli

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria dell'energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni DESTEC Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Linda Giresini 8 Novembre 2012 Legno: origine

Dettagli

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr.

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30 INDICE della lezione del 5/10/2010 argomento: Essiccamento Introduzione 1 Il legame tra il grado igrometrico e il

Dettagli

Alcune tecniche di applicazione e proprietà del film verniciante essiccato. Proprietà tecniche

Alcune tecniche di applicazione e proprietà del film verniciante essiccato. Proprietà tecniche L ARIA COMPRESSA NEGLI IMPIANTI DI VERNICIATURA Lo scopo principale del processo di verniciatura, oltre a motivi estetici, è quello di proteggere il manufatto dalle aggressioni degli agenti ossidanti,

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO CONOSCERE IL SOLARE TERMICO Parte I - Conoscere il solare termico COLLETTORE, FLUIDO, SERBATOIO CIRCOLAZIONE NATURALE E FORZATA Parte II Sistemi a circolazione naturale IL COLLETTORE I SELETTIVI RENDONO

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

condizioni per la posa su massetto riscaldante

condizioni per la posa su massetto riscaldante condizioni per la posa su massetto riscaldante Parchettificio Toscano s.r.l. - 56024 Corazzano - S. Miniato (PI) Italia - Tel. (0039) 0571 46.29.26 Fax (0039) 0571 46.29.39 info@parchettificiotoscano.it

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale EDILCUSIO s.r.l. da sempre in prima linea nelle soluzioni innovative costruisce ed edifica nel pieno rispetto dell ambiente Gli appartamenti sono

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

Geotermia. Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da:

Geotermia. Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da: Geotermia Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da: - SONDA GEOTERMICA inserita in profondità per scambiare calore con il terreno; - POMPA di CALORE installata all'interno dell'edificio;

Dettagli

DISTILLAZIONE: PREMESSE

DISTILLAZIONE: PREMESSE DISTILLAZIONE: PREMESSE PROCESSO DI ELEZIONE NELLA PREPARAZIONE DI ACQUA PER PREPARAZIONI INIETTABILI PROCESSO GENERALMENTE APPLICATO COME STADIO FINALE DI PURIFICAZIONE AD UN ACQUA GIA TRATTATA IL TIPO

Dettagli

Copcal KDS-FW5. essiccatoio per legna da ardere

Copcal KDS-FW5. essiccatoio per legna da ardere Copcal KDS-FW5 essiccatoio per legna da ardere Copcal KDS-FW5 Legna da ardere secca e di alta qualità La legna da ardere è un ottimo combustibile sempre più richiesto per il riscaldamento di abitazioni

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva...

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva... Indice Prefazione...III CAPITOLO 1 GENERALITÀ SUGLI IMPIANTI MECCANICI DI SERVIZIO PER L INDUSTRIA 1.1 Contenuti e finalità...2 1.2 Definizione e classificazione degli impianti industriali...2 1.3 Definizione

Dettagli

L'eliminazione dell'acqua pratica antichissima

L'eliminazione dell'acqua pratica antichissima ESSICCAMENTO Nel settore delle tecnologie alimentari per essiccamento si intende la rimozione dell'acqua mediante evaporazione, in modo da isolare i costituenti solubili ed insolubili. In conservazione

Dettagli

Appunti del corso di Istituzioni di tecnologia alimentare

Appunti del corso di Istituzioni di tecnologia alimentare Appunti del corso di Istituzioni di tecnologia alimentare Parte 11 Evaporatori ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Concentrazione La concentrazione è definita come la parziale eliminazione del solvente

Dettagli

Risparmio energetico negli edifici rurali

Risparmio energetico negli edifici rurali RECUPERO DELLE BORGATE E DEL PATRIMONIO EDILIZIO DELLE TERRE ALTE Risparmio energetico negli edifici rurali Torino, 8 Ottobre 2012 Paola ing.strata un occasione per ripensare alle fonti energetiche utilizzabili

Dettagli

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia La verifica termoigrometrica Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia 1 - Igrometria: l aria umida - Temperatura di rugiada, umidità specifica e umidità relativa - Il controllo dell umidità: requisiti

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE Indice Premessa Nota degli autori PARTE PRIMA ESSICCAZIONE E COTTURA: NOZIONI FONDAMENTALI Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 2. IL CALORE 1. I principali

Dettagli

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS Queste macchine verticali di tintura ad alta temperatura e pressione sono il risultato di una costante e continua ricerca di miglioramenti, lavorando in stretto

Dettagli

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Il parametro fondamentale per la valutazione di un compressore alternativo è l efficienza volumetrica: η v = (Portata volumetrica effettiva) / (Volume

Dettagli

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850 LEZIONE 2 Aspetti impiantistici di un sistema geotermico integrato a pompa di calore. Principio di funzionamento delle pompe di calore geotermiche. Esempi di schemi funzionali di centrale. a cura di Simone

Dettagli

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE:

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: VALUTAZIONI TECNICO-ECONOMICHE TRA POMPE DI CALORE E GENERATORI DI CALORE I CICLI Cicli diretti = cicli termodinamici che riguardano i motori forniscono lavoro

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore di Piraccini Davide OBBIETTIVI : Inserire un impianto ORC (Organic Rankine Cycle) nel ciclo di bassa pressione della centrale Enel di Porto Corsini e studiare la convenienza tramite il confronto dei rendimenti

Dettagli

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Per i professionisti con porta ribaltabile o ad apertura parallela

Per i professionisti con porta ribaltabile o ad apertura parallela Per i professionisti con porta ribaltabile o ad apertura parallela L 1/12 L 5/11 L 1/12 LT 40/12 Per le quotidiane attività di laboratorio, la serie di modelli L 1/12 LT 40/12 è la scelta giusta: si contraddistingue

Dettagli

04/05/2015 1. CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno

04/05/2015 1. CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno Caratteristiche fisiche del legno Il legno per le costruzioni si ricava dalla parte interna dei grossi fusti degli alberi. È un materiale con una struttura complessa, non omogenea e anisotropa (sottoposto

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/1990 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/1998 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

CONFORMAL COATING. srl Via Villoresi 64 20029 Turbigo Mi Tel. 0331 177 0676 Fax 0331 183 9425 email: info@geatrade.it

CONFORMAL COATING. srl Via Villoresi 64 20029 Turbigo Mi Tel. 0331 177 0676 Fax 0331 183 9425 email: info@geatrade.it CONFORMAL COATING COSA SONO I CONFORMAL COATING? I C.C. sono prodotti (RESINE) utilizzati per la protezione dei circuiti stampati dalle influenze dell ambiente in cui vanno ad operare Il film di protezione

Dettagli

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Sistemi a basse temperature (< Tambiente) Sistemi ad alte temperature (T ambiente)

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

L-ENZ L'essiccatoio. Sfrutta il calore residuo di: Impianti a biogas Gassificatori Impianti di cogenerazione...

L-ENZ L'essiccatoio. Sfrutta il calore residuo di: Impianti a biogas Gassificatori Impianti di cogenerazione... L-ENZ L'essiccatoio Sfrutta il calore residuo di: Impianti a biogas Gassificatori Impianti di cogenerazione... LAUBER Sfrutta l'energia termica L-ENZ essiccatoio per prodotti sfusi L-ENZ è un sistema in

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI franco zecchini (iosolo35) UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI 17 February 2015 In questo articolo tratterò un tema molto importante e tante volte preso, da parte di progettisti ed installatori un po sottogamba,

Dettagli

Termofisica dell involucro edilizio

Termofisica dell involucro edilizio Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 Termofisica dell involucro edilizio Problematiche termoigrometriche dell elemento di involucro edilizio opaco prof. ing. Anna Magrini, Università

Dettagli

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica TIPOLOGIA DI IMPIANTO Un impianto di produzione di energia elettrica da biocombustibili solidi si compone dei due seguenti principali

Dettagli

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 CALORE COME MEZZO STERILIZZANTE IL CALORE E IL MEZZO PIU USATO PER LA STERILIZZAZIONE, LIMITATAMENTE

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte In collaborazione con: Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte Gabriele Mattachini, Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) Università

Dettagli

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di COGENERAZIONE (Ing. Pietro Innocenzi 1 ) Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di generazione: si recupera il calore a valle

Dettagli

Informazioni Tecniche SOLARCLIN. Liquido di Depurazione per i Sistemi Solari Termici

Informazioni Tecniche SOLARCLIN. Liquido di Depurazione per i Sistemi Solari Termici Informazioni Tecniche SOLARCLIN Liquido di Depurazione per i Sistemi Solari Termici Applicazioni per i prodotti TYFO Energia rinnovabile Gli impianti solari termici richiedono requisiti stringenti sulle

Dettagli

Vetro e sicurezza termica. Bollettino tecnico

Vetro e sicurezza termica. Bollettino tecnico Vetro e sicurezza termica Bollettino tecnico Introduzione Questa pubblicazione introduce il concetto di stress termico che può essere indotto nel vetro per effetto dell esposizione alla radiazione solare.

Dettagli

Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni

Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni 1 Sommario Introduzione Teoria Approccio (alcune osservazioni) Componenti principali Portata d aria Usi inappropriati Perdite Parametri che influenzano i consumi Esercizi Caso Studio Conclusioni 2 3 L

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS Il pannello di vetro cellulare POLYDROS si ottiene partendo dalla polvere di vetro, la quale, mediante un processo termico-chimico, si trasforma in

Dettagli

LA LEGNA: FONTE DI CALORE PRIMORDIALE

LA LEGNA: FONTE DI CALORE PRIMORDIALE La storia ci dice che il legno è il più antico combustibile utilizzato dall uomo per il riscaldamento delle abitazioni e la cottura dei cibi. La sua lenta ma inesorabile sostituzione è cominciata circa

Dettagli

Per saperne di piu sul condizionatore

Per saperne di piu sul condizionatore Per saperne di piu sul condizionatore LE BASI FISICHE IL CONDIZIONATORE FUNZIONAMENTO FILTRI DISIDRATATORI NORME D USO INTRODUZIONE LE BASI FISICHE APPLICATE AL CONDIZIONATORE LE LEGGI FISICHE E LA TERMINOLOGIA

Dettagli

COSA E COSA E UNA POMP UNA

COSA E COSA E UNA POMP UNA COSA E UNA POMPA DI CALORE Una pompa di calore è un dispositivo che sposta calore da un luogo in bassa temperatura (chiamato sorgente) ad uno in alta temperatura (chiamato utenza), utilizzando dell energia.

Dettagli

IMPIANTI SOLARI TERMICI

IMPIANTI SOLARI TERMICI L ENERGIA SOLARE UN OPPORTUNITA PER TUTTI IMPIANTI SOLARI TERMICI lunedì 29 marzo 2010 Per. Ind. Luca Tommasoni 1 CALCOLO DEL FABBISOGNO DI ACS L energia necessaria per la preparazione di acqua calda nelle

Dettagli

Sistemi ed impianti industriali

Sistemi ed impianti industriali I sistemi impiantistici industriali che presentano i maggiori margini di miglioramento in termini di risparmio ed efficienza energetica energetico sono tipicamente: - i motori elettrici - le reti di aria

Dettagli

ESM 30 132 Serie. Compressori a vite. Think Smarter. Think Gardner Denver.

ESM 30 132 Serie. Compressori a vite. Think Smarter. Think Gardner Denver. ESM 30 132 Serie Compressori a vite Think Smarter. Think Gardner Denver. L alleato perfetto per ottimizzare la produttività La crescente richiesta di aria compressa a livello industriale impone alle aziende

Dettagli

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C Tecnologia Abitativa Avanzata ECOTRIBE Tecnologia Abitativa Avanzata di Giancarlo Avataneo - Str. Miravalle 24/4-10024 Moncalieri (TO) P. IVA 09183030015 - Codice fiscale VTNGCR52R08L219B - Cell. 0039

Dettagli

Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo

Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo Soluzioni di sistemi innovativi Perché l aria compressa pulita e asciutta è importante In quasi tutti i settori dell industria l aria compressa è uno strumento

Dettagli

L energia termica prodotta con un impianto solare termico può essere utilizzata per:

L energia termica prodotta con un impianto solare termico può essere utilizzata per: SOLARE TERMICO Sono gli impianti a energia rinnovabile più diffusi sui tetti degli edifici italiani e quelli con maggiori potenzialità di sviluppo. Permettono di trasformare l'energia irradiata dal sole

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

IMPIANTI FRIGORIFERI: ASPETTI REALI. Certificazione Frigoristi Regolamento CE n.842/2006

IMPIANTI FRIGORIFERI: ASPETTI REALI. Certificazione Frigoristi Regolamento CE n.842/2006 IMPIANTI FRIGORIFERI: ASPETTI REALI Certificazione Frigoristi Regolamento CE n.842/2006 I PROBLEMI DI FUNZIONAMENTO Fattori Intrinseci Errato dimensionamento componenti frigoriferi Errata regolazione Inadeguata

Dettagli

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto.

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto. MANUALE TECNICO aerotermi a soffitto S80 I INDICE 1 GENERALITA'... 2 2 CARATTERISTICHE TECNICHE NOMINALI... 3 3 RESE TERMICHE... 4 3.1 Resa termica con funzionamento ad acqua... - 11 4 FUNZIONAMENTO A

Dettagli

Lo Sfruttamento delle Fonti Rinnovabili

Lo Sfruttamento delle Fonti Rinnovabili Castiglione dei Pepoli, 8 giugno 2015 (logo studio o azienda Club EE che cura l intervento) Lo Sfruttamento delle Fonti Rinnovabili INSIEME IN AZIONE PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO Le Fonti Rinnovabili

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare

Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare 2 Schüco Il raffrescamento solare Il raffrescamento solare riduce i costi dell energia e aumenta il comfort Raffrescamento

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO AD ACQUA: GENERALITÀ E COMPONENTI Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com

Dettagli

dataholz.com Denominazione: wsf

dataholz.com Denominazione: wsf Descrizione generale Per gli elementi di legno massiccio con incastri femmina e/o maschio si tratta di listelli di legno massiccio di conifera o di latifoglie con uno spessore (t) 14 mm, dotati in una

Dettagli

FONTI RINNOVABILI SOLARE TERMICO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE 4 A.A. 2009/2010. Facoltà di architettura L. Quaroni

FONTI RINNOVABILI SOLARE TERMICO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE 4 A.A. 2009/2010. Facoltà di architettura L. Quaroni Facoltà di architettura L. Quaroni LABORATORIO DI PROGETTAZIONE 4 A.A. 2009/2010 FONTI RINNOVABILI SOLARE TERMICO MODULO DI IMPIANTI Architetto C. Naticchioni I dispositivi che consentono di ricavare direttamente

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Il circuito acqua di raffreddamento deve asportare e dissipare il calore generato dalle tre fonti principali, precisamente: Cilindri motore; Olio lubrificante; Aria di sovralimentazione. Il circuito è

Dettagli

Silicato isolstyle per edilizia/bioedilizia. Pareti fredde, umidità, muffa...

Silicato isolstyle per edilizia/bioedilizia. Pareti fredde, umidità, muffa... Pareti fredde, umidità, muffa... Con le lastre in silicato di calcio isolstyle è possibile risolvere definitivamente questi problemi! Le lastre in sono molto leggere, (1) 6 kg/m2 e si posano facilmente

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA AD ALTA EFFICIENZA

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA AD ALTA EFFICIENZA VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA AD ALTA EFFICIENZA Vinchiaturo (CB), 30 marzo 2015 Sistemi di ventilazione meccanica controllata Prof. Ing. Pasquale Catalano Dipartimento Agricoltura, Ambiente e Alimenti

Dettagli

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO REGIONE CALDA Liquido saturo o sottoraffreddato Q out 3 2 Vapore surriscaldato valvola di espansione condensatore compressore P c evaporatore 4 1 Miscela bifase liquidovapore

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

DESTRATIFICATORE INDUSTRIALE

DESTRATIFICATORE INDUSTRIALE Via della Repubblica, 1/c - 40057 Granarolo dell Emilia (BO) Tel. 051-6066593 - 6056846 - Fax. 051-761367 info@klimasistem.it - www.klimasiem.it DESTRATIFICATORE INDUSTRIALE L uso dei destratificatori

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO 4435000030ff Vernice trasparente protettiva per legno, opaca, per il fai-da-te e il professionista DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Indicazioni generali Vernice trasparente protettiva per legno al solvente, universale,

Dettagli