Allegato A) al decreto n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato A) al decreto n."

Transcript

1 Modalità di presentazione le istanze finalizzate alla sottoscrizione di accordi di collaborazione tra Comuni e Regione Lombardia (art. 6, l.r. n. 28/ 2004) PREMESSA La Regione Lombardia con la legge regionale 28 ottobre 2004, n. 28, Politiche regionali per il coordinamento e l amministrazione dei tempi le città, promuove l armonizzazione degli orari sul territorio regionale al fine di sostenere le pari opportunità fra uomini e donne e di favorire la qualità la vita attraverso la conciliazione dei tempi di lavoro, di relazione, di cura parentale, di formazione e tempo per sé le persone che risiedono sul territorio regionale o lo utilizzano, anche temporaneamente. L art. 6 la legge sopra citata prevede che la giunta regionale conceda ai comuni contributi per progetti finalizzati alla predisposizione e all attuazione dei Piani Territoriali degli Orari (PTO). Il presente invito è finalizzato alla sottoscrizione di un accordo di collaborazione tra Regione Lombardia e Comuni (ai sensi l art.15 la L.241/1990) per all attuazione di azioni progettuali contenute nei Piani territoriali degli orari già in vigore e per all attuazione di azioni progettuali volte ad adottare un Piano territoriale degli orari. 1. Finalità Finalità presente invito è: La presentazione di istanze rientranti nelle seguenti tipologie: Progetti Tipologia A: progetti finalizzati alla predisposizione di un Piano territoriale degli orari; Progetti Tipologia B: progetti finalizzati al rafforzamento e la stabilizzazione le azioni e interventi previsti dai Piani territoriali degli orari in vigore. 2. Ambiti prioritari di intervento 1. Azioni finalizzate all armonizzazione degli orari dei servizi pubblici e privati con gli orari di lavoro, anche in attuazione l articolo 9 la legge n. 53/2000 e successivi provvedimenti attuativi (lett. b) che coinvolgano il sistema le imprese, con particolare attenzione alle piccole imprese, per promuovere forme di flessibilità e modalità di lavoro e servizi innovativi anche in collaborazione con i soggetti che aderiscono alle Reti territoriali di conciliazione; 2. Azioni finalizzate a favorire la mobilità sostenibile verso il sistema dei servizi sanitari e sociosanitari, gli istituti scolastici e i luoghi di lavoro; 3. Azioni finalizzate a migliorare l accessibilità dei servizi pubblici e privati (decentramento dei servizi comunali, sportelli polifunzionali ecc.), anche con la messa in rete di servizi sistema allargato la Pubblica Amministrazione; azioni sperimentali finalizzate alla semplificazione le procedure e dei processi di accesso ai servizi attraverso la messa in rete di servizi dei comuni, sistema 1

2 sanitario, l Agenzia le Entrate (solo per i comuni elencati nella d.g.r. n. X/5511 2/8/2016 Progetto ICARO); azioni sperimentali finalizzate a facilitare i rapporti tra i cittadini e i Tribunali la Lombardia nella trasmissione di documentazione. 3. Modalità di attuazione Oggetto presente provvedimento è l attivazione la Fase 1 finalizzata alla valutazione selettiva le istanze presentate dai comuni per la Tipologia A e per la Tipologia B, che potranno accedere alla Fase 2 (punto 6 Allegato 1 DGR), 4. Soggetti che possono presentare l istanza Per Tipologia A possono presentare l istanza: i comuni con popolazione superiore a abitanti che sono tenuti a dotarsi di un Piano Territoriale degli Orari, ai sensi l art. 23, comma 1 la legge n. 53/2000, per la predisposizione e l adozione Piano Territoriale degli Orari; i comuni con popolazione inferiore ai abitanti in forma singola o associata che intendono definire ed adottare un Piano territoriale degli orari. Per Tipologia B possono presentare l istanza: i comuni che in forma singola o associata hanno un Piano territoriale degli orari in vigore ai sensi l art. 24 la legge n. 53/2000 e l art. 5 la l.r. n. 28/2004, per il rafforzamento e la stabilizzazione le azioni previste; 5. Modalità di presentazione I Comuni inviano alla Regione Lombardia l allegato 1 comprensivo la scheda progettuale di massima. L istanza e la documentazione allegata prevista dovranno essere trasmesse alla Regione Lombardia esclusivamente tramite posta elettronica certificata alla casella PEC: previa sottoscrizione da parte legale rappresentante Comune entro e non oltre il 19 dicembre Modalità di valutazione A seguito la presentazione le istanze da parte dei Comuni, la Regione procederà all accertamento possesso dei requisiti formali e procederà ad una valutazione selettiva finalizzata a individuare le migliori azioni progettuali di massima che accederanno alla Fase 2 e al contributo regionale. Per la valutazione tecnica le istanze verrà nominato un apposito comitato interdirezionale. A seguito la valutazione, la Regione Lombardia adotterà con apposito decreto la graduatoria con l elenco dei Comuni ammessi alla Fase 2 e le risorse concesse. 7.Comuni in obbligo di legge 2

3 Le istanze presentate dai comuni con popolazione uguale o superiore ai abitanti che devono definire un PTO ai sensi l art. 23, comma 1, l. n.53/2000, non saranno sottoposti a valutazione nella Fase Criteri di valutazione I criteri che verranno utilizzati per la valutazione tecnica le azioni progettuali di massima sono i seguenti: Tipologia A: progetti finalizzati alla predisposizione di un Piano territoriale degli orari; A) Criteri di valutazione tecnica - Contenuti l ipotesi progettuale A1. Numero degli abitanti coinvolti Progetti presentati da comuni con popolazione inferiore ai abitanti in forma singola Progetti presentati da comuni con popolazione inferiore ai abitanti in forma associata A2. Numero le azioni pilota presentate Fino a 2 azioni Oltre 3 azioni A3. Presenza di accordi tra enti locali per l attuazione di specifici piani che coinvolgono vasti bacini di utenza A4. Presenza ai sensi l art.6 lett. c), l.r. n.28/2004 di interventi attuativi di accordi con soggetti pubblici e privati per la sperimentazione di azioni pilota propedeutiche alla predisposizione PTO (art.25, comma 2, l. n.53/2000) A5. Qualità e coerenza le azioni pilota presentate e partenariato previsto in relazione alle caratteristiche territorio e alle criticità individuate punti 20 punti 15 punti 25 punti (max. 20) A6. Coerenza tra le azioni pilota presentate e gli strumenti generali e settoriali di programmazione e pianificazione comunali e sovracomunali (Piano dei Servizi l.r. 12/2005, Piano Urbano Traffico, Piani di zona ex art. 19 l. punti 15 n.328/2000, Piani territoriali per la conciliazione, Piani commercio)... (minimo ammissibile 50 punti) punti (max. 100) Tipologia B: Progetti finalizzati rafforzamento e stabilizzazione Piano Territoriale degli orari B) Criteri di valutazione tecnica - Contenuti l ipotesi progettuale A1. Numero degli abitanti coinvolti Progetti presentati da comuni con popolazione superiore ai abitanti in forma singola Progetti presentati da comuni con popolazione inferiore ai abitanti in forma singola o associata A2. Numero le azioni progettuali inserite nel PTO Fino a 2 azioni punti 20 punti 15 punti 25 3

4 Oltre 3 azioni A3. Presenza di Accordi tra enti locali per l attuazione di specifici piani che coinvolgono vasti bacini di utenza A4. Presenza ai sensi l art. 6 lett. c), l.r. n.28/2004 di interventi attuativi di accordi con soggetti pubblici e privati per l attuazione di specifiche azioni PTO (art.25, comma 2, l. 53/2000) A5. Qualità e coerenza le azioni pilota presentate e partenariato previsto in relazione alle caratteristiche territorio e alle criticità individuate punti (max. 20) A6. Coerenza tra le azioni progettuali presentate e gli strumenti generali e settoriali di programmazione e pianificazione comunali e sovracomunali (Piano dei Servizi l.r. n.12/2005, Piano Urbano Traffico, Piani di zona punti 15 ex art. 19 l. n.328/2000, Piani territoriali per la conciliazione, Piani commercio)... (minimo ammissibile 50 punti) punti (max. 100) Sono considerate ammissibili al contributo regionale le domande che conseguiranno un punteggio finale non inferiore a 50/100 punti. 9. Casi di esclusione le domande Non sono considerate ammissibili le istanze: presentate con modalità differenti da quelle previste al punto 4; presentate oltre i termini indicati al punto 5; che prevedono attività non riconducibili alle finalità di cui al punto 1. Per la Tipologia B: presentati da comuni privi di un Piano Territoriale degli Orari approvato secondo le modalità previste dalla legislazione nazionale e regionale in vigore. 10. Risorse economiche Le risorse stanziate sul bilancio regionale 2016 per l attivazione, il rafforzamento e stabilizzazione le politiche dei tempi e degli orari le città, ammontano complessivamente a ,00 provenienti dal Fondo nazionale Politiche sociali, così suddivise: ,00 per progetti di tipologia A ,00 per progetti di tipologia B; Il contributo regionale non potrà superare per le istanze rientranti nella Tipologia A fino a un massimo di: per i Comuni con popolazione inferiore a abitanti che presentano istanza in forma singola; ,00 per i Comuni con popolazione inferiore a abitanti che presentano istanza in forma associata; per i Comuni con popolazione uguale o superiore ai abitanti che presentano istanza in forma singola; 4

5 per le istanze rientranti nella Tipologia B, fino a un massimo di: ,00 per i comuni con popolazione inferiore ai abitanti che presentano domanda in forma singola o associata; ,00 per i comuni con popolazione uguale o superiore ai abitanti che presentano domanda in forma singola. 11. Modalità di erogazione dei contributi Per la realizzazione le azioni progettuali oggetto l accordo di collaborazione, la Regione Lombardia concorre riconoscendo al Comune, un contributo che viene erogato in 3 fasi successive: Prima quota: il 10% le risorse concesse verrà trasferito a seguito la presentazione la istanza e la pubblicazione la graduatoria dei comuni ammessi alla Fase2 e le risorse concesse; Seconda quota: il 60% le risorse concesse verrà trasferito a seguito la sottoscrizione l accordo di collaborazione (Fase2); Saldo: la restante quota le risorse (30%) verrà trasferita a seguito la rendicontazione finale le spese progettuali, come quota di saldo. 12. Spese ammissibili Fase 1: Il contributo regionale non potrà in nessun caso coprire costi relativi a spese generali o di personale dipendente di enti pubblici. Le risorse previste, quale prima quota, pari al 10% contributo concedibile potranno sostenere le seguenti voci di spesa, purché strettamente finalizzate al conseguimento degli obiettivi le attività le azioni progettuali di massima presentate: spese per analisi e indagini finalizzate alla rilevazione l uso tempo e all individuazione di bisogni ed esigenze le cittadine e dei cittadini che risiedono, anche temporaneamente, nelle aree interessate dal progetto; spese per la formazione personale comunale e dei partner pubblici e privati coinvolto nella gestione diretta le azioni progetto, o comunque coinvolto nell attuazione degli interventi previsti; spese per azioni di informazione e comunicazione connessi all attuazione progetto Potranno essere considerate ammissibili le spese sostenute a partire dalla data di pubblicazione sul BURL la graduatoria approvata a conclusione la Fase 1 e fino alla conclusione progetto, e comunque entro 12 mesi dalla sottoscrizione l accordo di collaborazione. Nel computo le spese ammissibili, relativamente alle singole voci di spesa, può essere inclusa l I.V.A. e gli oneri sociali. 5

6 13. Rendicontazione le spese sostenute Le risorse concesse quale prima quota dovranno essere sostenute entro e non oltre il termine indicato per la presentazione Progetto oggetto l Accordo di collaborazione Fase 2. Le modalità di rendicontazione saranno definite con il provvedimento di attivazione la Fase Tempistica Fase 1 Entro 19 dicembre i comuni dovranno inviare alla Regione Lombardia i seguenti documenti: - Istanza di partecipazione e scheda progettuale di massima - Fase 1 (allegato B) debitamente compilata in ogni sua parte - Atto di impegno Sindaco/dei Sindaci con il quale il Comune/i Comuni si candida/no a presentare l istanza di partecipazione e approva/no la proposta progettuale. Entro dicembre 2016: Regione Lombardia, con apposito atto, provvederà ad approvare l elenco dei Comuni ammessi alla Fase 2 e le risorse assegnate, e a liquidare la prima quota pari, al 10%, contributo concesso. Fase 2 Entro gennaio 2017 Regione Lombardia attiva la Fase 2 rivolta esclusivamente ammessi finalizzata alla condivisione con i comuni il progetto oggetto l Accordo di collaborazione. Entro maggio 2017 i Comuni trasmettono alla Regione Lombardia il progetto per la condivisione e la sottoscrizione degli Accordi di collaborazione. Entro giugno 2017 la Regione Lombardia e i comuni sottoscrivono gli accordi di collaborazione. Entro Luglio 2017 la Regione Lombardia eroga la seconda quota, pari al 60% contributo concesso. Fase 3 Entro 12 mesi dalla sottoscrizione l Accordo di collaborazione il comune realizza il Progetto e le azioni finanziate. Trasmette entro 60 giorni successivi la relazione finale e la rendicontazione ai fini l erogazione saldo secondo le modalità definite dalla Regione Lombardia. 15. INFORMAZIONI Per richieste di chiarimento è possibile telefonare ai numeri 02/ o inviare un messaggio di posta elettronica a: 6

7 7

54 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 39 - Venerdì 25 settembre 2015

54 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 39 - Venerdì 25 settembre 2015 54 Bollettino Ufficiale D.G. Famiglia, solidarietà sociale, volontariato e pari opportunità D.d.g. 23 settembre 2015 - n. 7644 Modalità attuative per la sottoscrizione di accordi di collaborazione tra

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 33 - Martedì 11 agosto 2015. 5457 - «Centro risorse regionale per l integrazione delle.

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 33 - Martedì 11 agosto 2015. 5457 - «Centro risorse regionale per l integrazione delle. Bollettino Ufficiale 171 D.G. Famiglia, solidarietà sociale, volontariato e pari opportunità D.d.g. 3 agosto 2015 - n. 6588 Determinazioni in ordine al sostegno dei progetti per la promozione delle pari

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583 certificato il 15-01-2015

DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583 certificato il 15-01-2015 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Area di Coordinamento Politiche di Solidarietà Sociale e Integrazione Socio-Sanitaria DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: Rete tante tinte I.C. VR 11 BORGO ROMA OVEST BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PRESENTATI DA ASSOCIAZIONI DI STRANIERI ai sensi del: Programma Regionale di iniziative e interventi

Dettagli

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità 25313 ALLEGATO A R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità Legge regionale

Dettagli

Regione Veneto Bando per la concessione di contributi per la creazione di FABLAB in Veneto

Regione Veneto Bando per la concessione di contributi per la creazione di FABLAB in Veneto Regione Veneto Bando per la concessione di contributi per la creazione di FABLAB in Veneto Requisiti soggetto proponente Possono partecipare al bando laboratori digitali (FabLab) già esistenti o di nuova

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 4163 19/05/2014 Identificativo Atto n. 426 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PROROGA DEI TERMINI DELL AVVISO PUBBLICO, APPROVATO CON IL DECRETO 2139/2014, PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

PRINCIPI ATTIVI 2012

PRINCIPI ATTIVI 2012 REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale PRINCIPI ATTIVI 2012 Giovani idee per una Puglia migliore Bando di concorso

Dettagli

PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI

PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI Programma Operativo Regionale parte FESR 2007 2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Azione 5.1.1 Cooperazione interregionale. DGR n. 2054 del 19/11/2013 PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI

Dettagli

CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI RSU PRODOTTI SUL TERRITORIO DI ATO

CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI RSU PRODOTTI SUL TERRITORIO DI ATO BANDO RISERVATO AI GESTORI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI ATO 5, 6, 10 CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA

Dettagli

, (per la rimozione di coperture pari a 30 /m 2 ) (per amianto in matrice friabile pari al 50% del costo)

, (per la rimozione di coperture pari a 30 /m 2 ) (per amianto in matrice friabile pari al 50% del costo) Allegato 1 CRITERI, MODALITÀ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO REGIONALE PER LA BONIFICA DI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO PER GLI ANNI 2009 E 2010 (art. 4 della L.R. 30/2008) FINALITÀ

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

REGOLAMENTO 2014-2015 CONCORSO

REGOLAMENTO 2014-2015 CONCORSO 2014-2015 1. Società promotrice La società promotrice del concorso FACTORY è Banca di Credito Cooperativo di Manzano, con sede legale in Via Roma 7, Manzano, partita IVA 00251640306 in persona del legale

Dettagli

ALLEGATO 1 PREMIO ER.RSI:

ALLEGATO 1 PREMIO ER.RSI: ALLEGATO 1 PREMIO ER.RSI: Premio per la responsabilità sociale in Emilia Romagna (in attuazione dell'art 17 punto 4 della L.R. 14/2014 e del Programma Regionale Attività Produttive 2012-2015 di cui alla

Dettagli

di servizi, iniziative e attività per la mobilità Attuazione della D.G.R. n. 601 del 17.12.2010 pendolarismo e mobilità integrata e sostenibile -

di servizi, iniziative e attività per la mobilità Attuazione della D.G.R. n. 601 del 17.12.2010 pendolarismo e mobilità integrata e sostenibile - BANDO di finanziamento ai Comuni per l attuazione di servizi, iniziative e attività per la mobilità integrata e sostenibile. Attuazione della D.G.R. n. 601 del 17.12.2010 Programma di interventi straordinari

Dettagli

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Allegato A Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Avviso pubblico per la presentazione di proposte

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

Criteri di selezione e modalità di presentazione delle domande a sensi artt 24 e 25 della Legge Regionale 7/2000

Criteri di selezione e modalità di presentazione delle domande a sensi artt 24 e 25 della Legge Regionale 7/2000 27057 VARZI (Pavia) - Piazza Umberto I n. 9 Tel. (0383) 54.58.11 - - Fax (0383) 54.58.50 Cod. Fisc. 95002050185 www.comunitamontanaoltrepo.it E-mail comunitamontanaoltrepo@cmop.it COMUNITA MONTANA OLTREPO

Dettagli

a) opere edili ed impiantistiche per l'esecuzione di interventi volti all ampliamento e/o alla ristrutturazione e/o al restauro delle unità locali,

a) opere edili ed impiantistiche per l'esecuzione di interventi volti all ampliamento e/o alla ristrutturazione e/o al restauro delle unità locali, ALLEGATO A L.R. 26/09 - Bando regionale per la concessione dei contributi di cui all art. 5, comma 1, lett. f) ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia Romagna - Anno

Dettagli

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N.

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. Allegato A alla DGR n. --- del --- BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. 104 Indice 1. Obiettivi 2. Tipologie

Dettagli

ffi Accordo di Programma Home Care Premium 2o1z IffT$ Per la gestíone dí lnnovatíví e sperimentali dí Assistenza Domiciliare

ffi Accordo di Programma Home Care Premium 2o1z IffT$ Per la gestíone dí lnnovatíví e sperimentali dí Assistenza Domiciliare ffi w COMUNE DI VETRALIA CAPOTIIA DEL DISTRf,TTO vt4 IffT$ Istituto Nazionale Previdenza Sociale r.! Home Care Premium 2o1z Per la gestíone dí lnnovatíví e sperimentali dí Assistenza Domiciliare Accordo

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI Legge regionale 7 febbraio 2010, n. 3 Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Nel presente documento si riporta un riepilogo degli adempimenti richiesti dal Bando ISI-INAIL della Regione Lazio per poter accedere ai contributi

Dettagli

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi.

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi. ALLEGATO B Criteri e modalità per l erogazione dei contributi ai comuni, singoli o associati nonché ai municipi per le spese necessarie ai fini dell istituzione e gestione dei consigli comunali, municipali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Il Presidente del Centro di Ricerca Sperimentazione e Formazione in Agricoltura Basile Caramia (CRSFA) dott.

AVVISO PUBBLICO. Il Presidente del Centro di Ricerca Sperimentazione e Formazione in Agricoltura Basile Caramia (CRSFA) dott. AVVISO PUBBLICO Il Presidente del Centro di Ricerca Sperimentazione e Formazione in Agricoltura Basile Caramia (CRSFA) dott. Antonio Palmisano RENDE NOTO che intende avviare una selezione pubblica atta

Dettagli

CUP 2000 S.P.A. VIA DEL BORGO DI SAN PIETRO 90/C 40126 BOLOGNA. PEC: ufficio.gare.@cert.cup2000.it; Responsabile del procedimento Avv.

CUP 2000 S.P.A. VIA DEL BORGO DI SAN PIETRO 90/C 40126 BOLOGNA. PEC: ufficio.gare.@cert.cup2000.it; Responsabile del procedimento Avv. CUP 2000 S.P.A. VIA DEL BORGO DI SAN PIETRO 90/C 40126 BOLOGNA PEC: ufficio.gare.@cert.cup2000.it; Responsabile del procedimento Avv. Manuela Gallo Bando di gara a procedura aperta per l affidamento della

Dettagli

SEZIONE I. GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni. 2 Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 37 del 12.9.2007

SEZIONE I. GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni. 2 Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 37 del 12.9.2007 2 Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 37 del 12.9.2007 SEZIONE I GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni DELIBERAZIONE 6 agosto 2007, n. 593 Proposta di linee guida per la sperimentazione

Dettagli

Bando 2013 Scuola Digitale - Azione cl@ssi 2.0

Bando 2013 Scuola Digitale - Azione cl@ssi 2.0 Assessorato all Istruzione Assessorato al lavoro e alla formazione professionale Direzione Istruzione, formazione professionale e Lavoro Bando 2013 Scuola Digitale - Azione cl@ssi 2.0 relativo alle azioni

Dettagli

ALLEGATO A - DGR 944/2015 L.R.

ALLEGATO A - DGR 944/2015 L.R. ALLEGATO A - DGR 944/2015 L.R. 26/09 - Bando per la concessione dei contributi di cui all art. 5, comma 1, lett. f) ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia Romagna. Anno

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale

REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale Allegato A REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale BANDO per l assegnazione di contributi in attuazione della legge regionale n. 70 del 19 novembre 2009, Interventi di sostegno

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

SETTORE AMBIENTE, ECOLOGIA E GESTIONE RIFIUTI AVVISO PUBBLICO

SETTORE AMBIENTE, ECOLOGIA E GESTIONE RIFIUTI AVVISO PUBBLICO cüéä Çv t w VtáxÜàt SETTORE AMBIENTE, ECOLOGIA E GESTIONE RIFIUTI AVVISO PUBBLICO DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA N. 758 DEL 29.12.2011, DECRETO DIRIGENZIALE DELL AGC 21 N. 33 DEL 30.12.2011.

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE ALLEGATO 1 Criteri di partecipazione per la realizzazione di un programma sperimentale di sport terapia per persone con disabilita. D.G.R. 28/68 del 24/06/2011 L Assessorato dell Igiene e Sanità e dell

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2048 del 03 NOV. 2014 pag. 1/7

ALLEGATO A Dgr n. 2048 del 03 NOV. 2014 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2048 del 03 NOV. 2014 pag. 1/7 BANDO PER LACONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER INTERVENTI DI VALORIZZAZIONE, CONSERVAZIONE E RESTAURO DI EDIFICI,

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO Area Programmazione dell'offerta d'istruzione

Dettagli

Regione Puglia. Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Politiche Giovanili e Sport. Bando di concorso

Regione Puglia. Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Politiche Giovanili e Sport. Bando di concorso Regione Puglia Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva Settore Politiche Giovanili e Sport PRINCIPI ATTIVI Giovani idee per una Puglia migliore Bando di concorso Art. 1 - Descrizione dell iniziativa

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE PERCORSI SPERIMENTALI DI QUALIFICA TRIENNALE ANNO FORMATIVO 2004/2005

DISPOSITIVO PROVINCIALE PERCORSI SPERIMENTALI DI QUALIFICA TRIENNALE ANNO FORMATIVO 2004/2005 DISPOSITIVO PROVINCIALE PERCORSI SPERIMENTALI DI QUALIFICA TRIENNALE ANNO FORMATIVO 2004/2005 Direttive e riferimenti normativi - Programma triennale della formazione 2002-2005 della Regione Lombardia

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

Alla stregua dell istruttoria degli uffici del Settore Urbanistica, dichiarata la regolarità tecnica; DECRETA

Alla stregua dell istruttoria degli uffici del Settore Urbanistica, dichiarata la regolarità tecnica; DECRETA A.G.C. 16 - Governo del Territorio, Tutela Beni, Paesistico-Ambientali e Culturali - Settore Urbanistica - Decreto dirigenziale n. 1 del 14 gennaio 2010 Legge Regionale 16/2004 articolo 40 comma 2 - Contributi

Dettagli

Avviso pubblico. Progetti Strutturanti

Avviso pubblico. Progetti Strutturanti Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Ricerca, Innovazione e Risorse Umane L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Avviso pubblico per

Dettagli

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014 128 Bollettino Ufficiale D.G. Sport e politiche per i giovani D.d.u.o. 26 febbraio 2014 - n. 1541 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso

Dettagli

IMPORTANTE: una società che vuole accedere agli incentivi SMART può richiedere anche le agevolazioni START, se ne ha i requisiti.

IMPORTANTE: una società che vuole accedere agli incentivi SMART può richiedere anche le agevolazioni START, se ne ha i requisiti. Smart&Start finanzia progetti imprenditoriali innovativi, la cui validità e sostenibilità deve essere dimostrata dal piano di impresa contenuto nella domanda. SMART prevede contributi a copertura dei costi

Dettagli

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI 758 05/02/2014 Identificativo Atto n. 26 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA - INIZIATIVE

Dettagli

VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ

VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ ASSOCIAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI PER IL CENTRO DI SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ VIALE MELLUSI, 68 82100 BENEVENTO TEL.: 0824 310092 FAX.0824.359795 EMAIL:

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana

ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE n _277 del _11 APRILE 2003_ OGGETTO: Direzione Area "Progetti speciali e comunitari, valutazione di impatto

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

12782 27/12/2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA. Identificativo Atto n. 825

12782 27/12/2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA. Identificativo Atto n. 825 12782 27/12/2013 Identificativo Atto n. 825 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013. MISURA 111 SOTTOMISURA A FORMAZIONE : APPROVAZIONE ELENCHI DELLE DOMANDE AMMESSE A FINANZIAMENTO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002 AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA DI VOLONTARIATO SVOLTE DA STUDENTI CHE STANNO TERMINANDO CON SUCCESSO PERCORSI DI IFP PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO per la presentazione di progetti coerenti con il tema di EXPO MILANO 2015 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita

AVVISO PUBBLICO per la presentazione di progetti coerenti con il tema di EXPO MILANO 2015 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita AVVISO PUBBLICO per la presentazione di progetti coerenti con il tema di EXPO MILANO 2015 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita 1 INDICE PREMESSA... 3 Art. 1 - Oggetto e finalità... 3 Art. 2 - Soggetti

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013 Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013 Bologna, 25 febbraio 2013 caratteristiche dei progetti Obiettivi: sostegno a giovani

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 19/2007, ART. 7-BIS

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 19/2007, ART. 7-BIS Allegato A alla DGR n. 2373 del 19 settembre 2014 BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 19/2007, ART. 7-BIS Indice 1. Obiettivi 2. Tipologie di intervento

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

Modifiche in materia Commerciale

Modifiche in materia Commerciale PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Modifiche in materia Commerciale VARIANTE NON SOSTANZIALE AL PTCP ai sensi dell art.27bis della L.R. 20/2000 e s.m.i. RECEPIMENTO DEI

Dettagli

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI AZIONE 6.5.D PROGETTI PILOTA LOCALI LEGALITÀ BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE DEI PROGETTI PILOTA LOCALI

Dettagli

un gruppo di progettazione un gruppo operativo Art. 2 Requisiti soggettivi e professionali richiesti.

un gruppo di progettazione un gruppo operativo Art. 2 Requisiti soggettivi e professionali richiesti. AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI CONSULENZA PER LA PREDISPOSIZIONE DI UN PIANO DI MARKETING E COMUNICAZIONE DELLA VALLECAMONICA NEL CONTESTO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/13

ALLEGATOA alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/13 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/13 BANDO PUBBLICO PER INTERVENTI DI EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO - RETI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA - Fondo per lo

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/11

ALLEGATOB alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/11 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1421 del 05 agosto 2014 pag. 1/11 BANDO PUBBLICO PER INTERVENTI DI EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO - EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO.

BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO. BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO Anno 15 Articolo 1 Finalità 1. Il Comune di Firenze, nell ambito

Dettagli

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE.

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE. Allegato 1 alla Det. Dir. n 387/2015 BANDO Potenziamento della raccolta differenziata e prevenzione e riutilizzo dei rifiuti urbani D.G.R. Lazio 406/2012 risorse anno 2013 e D.G.R. Lazio 547/2014 risorse

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

ALLEGATO A Linea di intervento 1.2.1.1 Asse 1 POR FESR 2007-2013 AZIONE A Sottomisura C - MISURA 1 BANDO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI PER L ACCESSO DA PARTE DI MPMI LOMBARDE A PIATTAFORME DI OPEN INNOVATION

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 1, commi 56 e 57, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014),

Dettagli

PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE COORDINATA PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE

PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE COORDINATA PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE COORDINATA PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE Azioni di Formazione (Amministrazioni Provinciali), di Integrazione Sociale e Scolastica (Conferenze dei Sindaci) e Interventi a favore

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Area di Coordinamento Politiche Sociali di Tutela, Legalità,

Dettagli

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 Art. 1 Finalità La Camera di Commercio di Frosinone, nell ambito delle proprie iniziative volte a favorire lo sviluppo dell economia

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO E L ATTUAZIONE DEI PATTI SOCIALI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO E L ATTUAZIONE DEI PATTI SOCIALI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA Comune di Fiorano Modenese Assessorato alle Politiche Sociali BANDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO E L ATTUAZIONE DEI PATTI SOCIALI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA ANNO 2015 Il COMUNE DI FIORANO per contrastare

Dettagli

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 Scadenza: ore 13,00 del giorno 18/03/2014 BANDO Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali

REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali ALLEGAT O Contributi alle Unioni di Comuni, istituite entro il 31/12/2013, alle Comunità montane ed alle Convenzioni plurifunzionali tra Comuni,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Invito alla presentazione di progetti di residenza in materia di teatro e circo contemporaneo PREMESSO CHE

AVVISO PUBBLICO. Invito alla presentazione di progetti di residenza in materia di teatro e circo contemporaneo PREMESSO CHE AVVISO PUBBLICO PROGETTO TRIENNALE INTERREGIONALE 2015/2017 ai sensi dell INTESA STATO/REGIONI sancita il 18.12.2014 in attuazione dell articolo 45 (Residenze) del D.M. 1.7.2014 Invito alla presentazione

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

REGIONE PUGLIA. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale REGIONE PUGLIA Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Codice CIFRA: LAV / DEL / 2010/ OGGETTO: Accesso al contributo regionale per il sostegno ai contratti di solidarietà difensivi. Proroga deliberazione

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore 6- Istruzione, Università e Ricerca MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

Provincia di Reggio Calabria Settore 6- Istruzione, Università e Ricerca MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Provincia di Reggio Calabria Settore 6- Istruzione, Università e Ricerca MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Per la presentazione di proposte progettuali per la realizzazione di una o più iniziative didatticoformative

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione. Avviso Pubblico D.AV.I.D. (Domanda AVviso Inserimento Disabili)

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione. Avviso Pubblico D.AV.I.D. (Domanda AVviso Inserimento Disabili) Allegato A REGIONE LAZIO Assessorato Lavoro e Formazione Avviso Pubblico D.AV.I.D. (Domanda AVviso Inserimento Disabili) 1) PREMESSA La Regione Lazio, con la legge regionale 19/2003, ha dato operatività

Dettagli

ALLEGATO A ALL A.D. N. 395 DEL 14 OTTOBRE 2013

ALLEGATO A ALL A.D. N. 395 DEL 14 OTTOBRE 2013 32448 REGIONE PUGLIA Area Politiche per la Promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria ALLEGATO A ALL A.D. N. 395 DEL 14

Dettagli

COMPLESSITA TERRITORIALI

COMPLESSITA TERRITORIALI PROGETTO PILOTA COMPLESSITA TERRITORIALI OBIETTIVI E FINALITA DEL PROGETTO PROGETTO PILOTA COMPLESSITA TERRITORIALI IL CONTESTO Il Sistema Territoriale di progetto è parte del sistema metropolitano lombardo,

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 385 Approvazione dei criteri e modalità per l'utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell'usura,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI 10462 15/10/2009 Identificativo Atto n. 170 DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI APPROVAZIONE DELLE GRADUATORIE DEL BANDO "CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE (MPMI) PER IL SOSTEGNO DELL'INNOVAZIONE

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. SISTEMA AREE PROTETTE RETE ESCURSIONISTICA REGIONALE EDUCAZIONE AMBIENTALE N. 79/APP DEL 18/10/2011

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. SISTEMA AREE PROTETTE RETE ESCURSIONISTICA REGIONALE EDUCAZIONE AMBIENTALE N. 79/APP DEL 18/10/2011 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. SISTEMA AREE PROTETTE RETE ESCURSIONISTICA REGIONALE EDUCAZIONE AMBIENTALE N. 79/APP DEL 18/10/2011 Oggetto: D.A.C.R. n. 32/2011 - Riordino del sistema regionale per

Dettagli

ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO

ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti di iniziativa delle attività commerciali, turistico-ricettive, servizio-ricettive da inserire nel P.U.C. 3 del Comune

Dettagli

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 1) - Scheda progettuale Bando (MOD 2) - Piano dei costi (MOD 3) - Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a cura delle Odv (MOD 4) - Lettera di partenariato

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale Avviso pubblico Sostegno ai giovani talenti, per il finanziamento di azioni volte a sostenere i giovani

Dettagli

BANDO DI GARA BOOM POLMONI URBANI REGOLAMENTO

BANDO DI GARA BOOM POLMONI URBANI REGOLAMENTO Movimento 5 Stelle Boom Polmoni Urbani BANDO DI GARA BOOM POLMONI URBANI REGOLAMENTO ART. 1 Descrizione dell iniziativa Nel rispetto degli impegni presi con i Cittadini, il Movimento 5 Stelle Sicilia con

Dettagli

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (d ora in poi denominato CSVSN) nell ambito delle proprie attività intende completare il proprio piano

Dettagli