Franca Leverotti L archivio dei Visconti signori di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Franca Leverotti L archivio dei Visconti signori di Milano"

Transcript

1 Franca Leverotti L archivio dei Visconti signori di Milano Estratto da Reti Medievali Rivista, IX <http://www.retimedievali.it> Scritture e potere. Pratiche documentarie e forme di governo nell Italia tardomedievale (XIV-XV secolo) a cura di Isabella Lazzarini Firenze University Press

2 Reti Medievali Rivista, IX /1 <http://www.retimedievali.it> ISSN Firenze University Press L archivio dei Visconti signori di Milano di Franca Leverotti 1. La scomparsa di un archivio diosi di questo periodo, impossibilitati a ricostruire una storia puntuale e - Emilia e Vercelli in particolare, molto ricchi di documentazione. Rare emer- 1. Dal momento che lo sviluppo e il consolidamento di un potere politico appaiono strettamente intrecciati alla vicenda e alla conservazione delle carte del materiale documentario visconteo allo scopo di portare un contributo alla - - La lacuna viscontea è stata messa in relazione innanzitutto con le movi- - 1 A.R. Natale, Introduzione, in Stylus Cancellariae, a cura di A.R. Natale, Milano 1965, pp. XI- - cesco Fossati. Ma si veda anche A.R. Natale, Per la storia dell Archivio Visconteo. Frammenti di un Registro dell Archivio Signorile (reg. di Bernabò, a. 1364), in «Archivio storico lombardo», Riva e A.R. Natale, Per la storia dell Archivio Visconteo Signorile. Il frammento del Registro di Bernabò del 1358, in «Archivio storico lombardo», 103 (1977 [ma 1979]), pp. 3-40, con la tra- visconteo fosse conservato a Pavia (p. 4).

3 2 Franca Leverotti zione del suocero-zio, la tormentata successione di Filippo Maria, e, alla sua morte, l ultimo sussulto di autonomia comunale 2. successioni potrebbero confermare questa ipotesi, ma, probabilmente, le carte su cui si era diretta l attenzione dei sudditi in rivolta erano state, almeno re «inventariarum taxarum, talearum, focorum, buccarum, onerisque salis et aliorum quorumvis onerum», una nota dei Sindaci di Milano del 6 settembre straordinarie e dei Sindaci. E ancora, una lettera di Aquilano, cancelliere del- 3, datata 8 novembre 1467, informava il duca del ritro- liere, che si premurava di far sapere che due cittadini pavesi risultavano debi- fatto che, alla morte di Filippo Maria, molti libri erano stati asportati e bru- 4. della vita privata del dominus (spese di corte, compravendite di immobili), o i zare che la dispersione non dovrebbe aver coinvolto né l archivio patrimoniale dei Visconti, né quello più propriamente istituzionale-amministrativo. Tuttavia portata, anche perché la cancelleria di Filippo Maria aveva sede nel castello di 5 si in A.R. Natale, Archivi milanesi del Trecento, in «Acme», 29 (1976), 3, pp , p Diplomazia e governo dello stato. I «famigli cavalcanti» di Francesco Sforza ( ), Pisa 1992, p. 230 nota 2). 4 Il documento, in Archivio di Stato di Milano [d ora in poi ASMi], Sforzesco 882, è ricordato Ancora dell archivio visconteo, in «Archivio storico lombardo», 32 (1932), pp , il quale ribadisce che l archivio antico era a Pavia (p. 408). 5 A.R. Natale, Un contributo alla storia della Repubblica Ambrosiana (Note e documenti), in «Acme», 34 (1981), 2, pp , p Fondo Sfor-

4 3 2. Una signoria condivisa: un archivio condiviso? infatti che, a partire da Azzone e dall arcivescovo Ottone, i Visconti avevano loro casa di abitazione a Milano e alla quale facevano da supporto per la documentazione privata dei notai che, parallelamente, esercitavano anche la libera professione, e per quella di carattere pubblico scribi denominati cancellieri. - camera actuum 7 - trimonio privato 8 Pietro all Orto, poi nel palazzo di Azzone situato davanti al duomo; Matteo alla morte di Matteo i beni erano stati ripartiti tra i due fratelli sopravvissuti, vi trasportava la sua cancelleria. cancellarius domini compare con Azzone nel 1335 e i funzionari di cancelleria sono soltanto sei, - zesco, 1594, c ASMi, Diplomatico, Pergamene per fondi, 768 contiene numerosi atti di acquisto di terre stipulati tra il 1339 e il Ricerche per la storia dello stato visconteo storia patria», 26 (1926), pp

5 4 Franca Leverotti e notai», altrettanti ne ha il fratello, reclutati tra i pavesi nel momento in cui trasferisce la corte a Pavia a partire dal devastata dopo la cattura, e soprattutto si chiedeva dove: a Milano o a Pavia? L archivio di Filippo Maria Visconti: uno strumento di governo per Francesco Sforza Recenti ricerche sulla cancelleria sforzesca 10 hanno dimostrato come il - - secretarius maior dello litterae iustitiae scribi, ostiari Natale, Archivi milanesi cit., p F. Leverotti, ta nel ducato sforzesco, in «Ricerche storiche», 24 (1994), 2, pp Registri ducali, 214 (impropriamente

6 5 - sco Sforza. Non è un caso che dei 18 membri presenti nel 1450 solo uno, Iris solo, ma a funzionari viscontei fu costretto a ricorrere lo Sforza per ammini tutto dalla tradizione documentaria. - diplomatica lo Sforza facesse esplicito riferimento a precedenti ordinamenti viscontei Maria, probabilmente iniziata da Milano, dove erano presenti, oltre all archi- 12 Leverotti, Diplomazia cit., pp Leverotti, Diplomazia cit., p. 58 e p ASMi, Registri Missive, 15, c. 71v

7 6 Franca Leverotti - 15, estesa anche ai notai milanesi che erano sta- nel castello di Pavia. Per uniformare lo stile delle lettere e il contenuto dei Lo scontro con Venezia sembra aver ritardato l intervento dello Sforza in di Pavia 16 teneva il fedecommesso dello stato di Milano». Filippo Maria le cui scritture erano state al momento del decesso del duca ritenesse opportuno. Ma il disordine archivistico e una scarsa conoscenza nonostante accurate ricerche 17 volte durante la Repubblica Ambrosiana e che nei capitoli di dedizione di Mi- delle entrate a Pavia, fu incaricato di far ricopiare da diversi notai pavesi, 15 F. Leverotti, Leggi del principe, leggi della città nel ducato visconteo-sforzesco, in Signori, regimi signorili e statuti nel tardo medioevo 16 Pavia, Milano 1875, pp I registri viscontei

8 7 Visconti a nessuno, senza il permesso del duca, i breviari del padre che conservavano «multi feudi et altri strumenti spettanti alla camera nostra». Un mese dopo scribi 19 ; la differenza Pavia 20 raco, coadiuvato ancora da un notaio, il pavese Beltrame Turconi, di inventa- reliquie per le quali nell occasione si dispone una nuova collocazione in una stanza a piano terra e si ordinano a Venezia nuovi contenitori: tabernacoli di 18 ASMi, Registri Missive Per la storia dell Archivio Visconteo Signorile. Gli «extracta» di Giovanni Panizario notaio della corte viscontea di Pavia ( ) Per la storia dell Archivio Visconteo Signorile. Notai della Corte Viscontea di Pavia, in «Archivio storico ita- effettuate nel triennio repubblicano si veda Natale, Un contributo - Adorno, hanno carattere pubblico. 19 ASMi, Registri Missive, 15, c. 399v 20 élite milanese: «Vuole mettere or-

9 8 Franca Leverotti 21 ; ma soprattutto si schedano i preziosi codici manoscritti e le scritture d archivio. La permanen- conservato anche l archivio visconteo concernente sia i diritti pubblici di so leazzo fu portato in archivio a Milano, a mio avviso, per il semplice fatto che era il primo della serie. 23, contenenti atti dal scribi Francesco Sforza. - neamente, di volta in volta, come mostrano le diverse dimensioni dei fascicoli copia, come mostra un annotazione sul verso 21 ASMi, Registri Missive pubblicato da M. Albertario, La cappella e l ancona delle reliquie nel castello di Pavia ( ), in «Museo in rivista. Notiziario dei Musei civici di Pavia», 3 (2003), pp Il Fabriano è nominato come custos librariae nel Bilancio del 1463 (BAMi, Sala Prefetto, 19) e come estensore dell inventario in ASMi, Registri Ducali, 158, c

10 9 Seicento a Pavia, era stato mandato a Milano, e solo allora inserito in archi- stato ritrovato in Pavia», per riporlo nell archivio. Questa preziosa testimo- anni da Morbio, in piccola parte conservati a Brera, e quelli in possesso della altro materiale in volume del periodo visconteo è annotato nell inventario della biblioteca di Pavia compilato nel dati nell inventario redatto nel 1456, conservati parte in «una cassa quadrata sconteo; infatti nell inventario della biblioteca del 1426 la «cassa dipinta tut- - italico, un volume sui colori e le virtù delle pietre, due sfere in auricalco, una Nel 1456 invece la stessa cassa conteneva alcuni codici di cui si indicava la «Il libro desquadernato: la carta rosechata da rati». Due nuovi inventari della libreria visconteasforzesca La biblioteca dei Visconti e degli Sforza. Gli inventari del 1488 e del 1490, in «Studi petrarcheschi», 8 (1991), pp

11 10 Franca Leverotti - Perché questo materiale non viene portato a Milano? Perché allo Sfor- cavalli e neppure interessava il materiale archivistico troppo antico, prece- - dicembre 1399, che fu appunto trasferito a Milano al solo scopo di completare - - Liber inventariorum scripturarum antiquarum - 25 scrive al castellano di Pavia di in- Barraco e ser Facino Diplomazia cit., p. 75 nota ASMi, Registri Missive, 32, f. 366.

12 11 Nel 1456 la «cassa quadrata dipinta» conteneva anche materiale archivistico sciolto: cioè strumenti di acquisti e permute di terre fatte dai Visconti tra il 1367 e il ; nell inventario redatto nel 1488 invece non si fa cenno a carte neva due volumi 28 : un «processus pacis factus Ianua in carta cum assidibus coperto coreo rubeo» e un libro del 1400 con assi, coperto di cuoio morello, 29 tra i volumi della biblioteca e probabilmente spostato successivamente nella cassa insieme al materiale archivistico. Nell inventario redatto nel 1426 infatti è descritto come «Liber copertus corio nel 1488 la biblioteca conteneva parecchi codici di carattere archivistico: alcuni - - quindi di uno scarto d archivio riutilizzato quarant anni dopo, quando i Viscon- 30. Queste testimonianze confermano che nel castello di Pavia, nello stesso locale che conservava i codici della biblioteca, era collocato l archivio pubblico e privato dei Visconti. 4. L archivio visconteo di Pavia: una fonte storica per Ludovico il Moro La presenza di carte d archivio nel castello di Pavia è testimoniata da di- 27 Si veda Il registro di Giovannolo Besozzi cancelliere di Giovanni Maria Visconti Santoro, Milano Nell inventario non si fa cenno esplicito alla cassa dipinta, ma dopo l elencazione dei volumi se- - l espressione «capitula iurium et instrumentorum» sembrerebbe riferirsi al solo materiale sciolto di concessioni imperiali e patti nuziali. 29 Sul codice appartenuto alla biblioteca Firmian e ora alla Biblioteca nazionale braidense AD Appunti sulla biblioteca dei Visconti e degli Sforza nel castello di Pavia, in «Studi petrarcheschi», 7 (1990), pp Appunti sulla biblioteca dei Visconti cit., p. 99.

13 12 Franca Leverotti come le rivendicazioni francesi sul ducato, sia in relazione alla storia dei Vi- mo la richiesta fatta al castellano nel 1460 di far cercare tra le scritture della simo castellano in cui lo informava di aver fatto copiare un certo capitolo da autenticare da un notaio e sottoscritto personalmente vanni Simonetta, ma delle due dinastie: Visconti e Sforza. Nel 1487 Ludovico tantia ultra li libri, volemo che non le lassate vedere da persona alcuna se non havereti speciale licentia»; sempre il Moro il 7 dicembre chiedeva di avere una «capseta piena di scripture di moltissima importantia che il fu Francesco disse di non farla mai vedere ad alcuno» 33 ventario di tutto il materiale conservato nella biblioteca del castello: reliquie e documenti d archivio (3-26 febbraio). vedere al Merula, per la storia dei Visconti, il materiale sulla dote di Valenti- librazolo contenente la dote - 31 ASMi, Registri Missive, 47, f. 242 e Sforzesco, Documento trascritto in Albertario, La cappella e l ancona cit. 33 Libri e vicende di una famiglia di castellani a Pavia nella seconda metà del Quattrocento, in «Studi petrarcheschi», 7 (1990), pp , p. 372 da Registri ducali, 182, f. 80v La biblioteca cit., per il secondo conservato in Registri Ducali, 89, f. 166rv.

14 13 di Valentina 34 di rimandarlo a Pavia. Si trattava probabilmente della «cronica que dicitur in quello del le cui opere erano conservate nella biblioteca e il successivo inventario del 1488 di cui parleremo più oltre. Nello stesso anno tra l altro, Merula, che era stato la carenza documentaria che caratterizzava il primo medioevo padano, aveva cercato le cronache anche fuori dalla biblioteca pavese, recuperando presso Cronica Longubardorum. 38, ha l incarico di continuare ria di Milano e poi nel castello di Pavia 39, e l importanza del materiale pave- 34 ASMi, Sforzesco aveva trascritto due quinternoni dell opera del Merula sui Visconti (ASMi, Miscellanea Storica, 13). 35 Su questo codice in particolare si veda Le miniature del Codex Astensis. Immagini del dominio per Asti medievale 36 ASMi, Sforzesco, La cartella contiene tutto il materiale citato e anche l elenco di inventari Registri cit., pp. XXIV- 37 Appunti sulla biblioteca cit., p Oltre alla voce di F. Petrucci, Calco (Calchi) Tristano, in DBI, XVI, Roma 1973, pp , si veda F. Leverotti, La cancelleria segreta da Ludovico il Moro a Luigi XII, in Milano e Luigi XII. Ricerche sul primo dominio francese in Lombardia ( ) Milano 2002, pp , a pp

15 14 Franca Leverotti se sono conclamati a chiare lettere nell introduzione della sua opera: «Quia recens revolveram reformaveramque Ticinensem bibliotecham in qua omne Il ritorno alle fonti, ossia il recupero di materiale archivistico nella com L archivio dei Visconti nel castello di Pavia dall inventario di consistenza del occasione dell avvicendamento del castellano, il quale era anche responsabile nel 1490, entrambi conservati nel Notarile di Pavia nella cartella 853 del notaio - - (951 per l esattezza) di volumi manoscritti 42. Si tratta per il materiale archivi- a Pavia con Filippo de Comite Sforzesco, 1607). Risulta Apostolica Vaticana, codice 3923). 40 ASMi, Registri Missive 41 ASMi, Registri Ducali di andare in diverse parti d Italia; ASMi, Registri Ducali, 192, p. 53; - Uno storiografo umanista alla, Milano D Adda,

16 15 stico di un inventario sommario, propriamente un inventario di consistenza; questo era almeno il quinto inventario d archivio compilato nel Quattrocento. Il primo risaliva al 1426: infatti al n. 824 dell inventario dei libri è ricordato un - del , il quarto, quello del Fabriano, del 1456, anno in cui si mette mano contemporaneamente anche all arredo della biblioteca: armadi, banchi ecc. Nel 1488 il materiale archivistico, oltre che in alcune casse, era conservato in 13 armadi che avevano una numerazione in numero romano da 1 a 24; primo e il secondo armadio signati semplicemente con I e III. L ordine di inventariazione ha inizio da destra rispetto alla porta di in- libraria castri e, nel caso del primo armadio, si pre documenti. Nello stesso armadio si trovava anche un libro in carta contenente - - di Pavia, illustrate da documenti editi ed inediti, Milano 1879, appendice alla prima parte. 43 cordava l esistenza del precedente inventario, che riteneva quanto mai necessario per la compila- La biblioteca cit., p. 4 nota 12). 44 Portiamo questi tre esempi a testimonianza dell accuratezza della descrizione (tra parentesi è - heredes sui discendentes cum predicta bolla esistenti seu coperta in tella alba cum cordino sirico r); - folio 554» (c. 855r).

17 16 Franca Leverotti (c. 858v); e talora il numero dei carneri, sacchi,, boytiae, spesso contenuti in armadi, sono 48. vava nello stesso contenitore, anche se era collocato comunque in un unico mo armadio: comitis Virtutum cum ill. d. duce Thuronie in petiis n. 29 in membranis cum bullis sic) Virtutum, omnia existentia in quadam capseta in petiis n. 15 in membranis; c) Item iura et instrumenta pertinentia ad dotem domine Valentine ducisse Thuronie in petiis 29 in appapiro cum uno alio libro in carta in quo contenentur multa instrumenta et littere cum una alia littera in carta qualiter domina Valentina de Vicecomitibus attestatur habuisse certas bullas apostolicas, item nonnulle bulle apostolice simul (c. 859rv). Poche scatole contenevano l indicazione del contenuto; abbiamo citato ora et procuratorium domini Bevessii, carte XLVIII scripta 33». «item in quadam bursa nimis tri- (c. 865r «primo carnirolus in quo sunt instrumenta sindicatuum factorum per communitates de suprascripto comitatu; item certi alii sindicatus continentes quod predic- 45 pactorum factarum et initorum (sic et cetera» (c. 861v). 46 «Item iura et instrumenta pro matrimonio inter dominum comitem Virtutum et dominam Isabellam de Francia et super creatione comitatus Virtutum et cet. in petiis n. 18 in membranis et bulla cere viridis in cordono sirico et uno alio bullo parvo cere viridis» (c. 859r). 47 no Rodulfo duce Austrie in petiis 51 in carta et nonnullis aliis scripturis et litteris in papiro: omnia r); «Item instrumenta dominii civitatis Pisarum in r); e ancora «Item iura et instrumenta pro pace inter d. Bernabovum Vicecomitem et dominos de la Schalla de Verona, omnia existentia in quadam cap- (c. 860r). 48 A. Behne, Antichi inventari dell archivio Gonzaga, Roma 1993 e P. Rück, L ordinamento degli archivi ducali di Savoia sotto Amedeo VIII ( ), Roma 1977.

18 17 tus capitaneus confrmetur in dicto comitatu in petiis 316 (sic) simul in dicto carnirolo» (c. 866r 49 mensioni 50 Vicecomiti pro concessione armorum cum liliis et viperis in quarteriis datum Parisius die 29 ianuarii 1394 cum bulla cerea et involuta in panno rubeo» (c. rossa in campo bianco, con sopra l aquila imperiale. termine privilegium oppure bulla - cordula o cordino sirico, croceo et nigro collorum. 6. L ordine dell archivio alia; item pacta inter d. comitem Virtutum et d. Antoniotum Adurnum ducem Ianue. Que quidem iura comprehensa in suprascriptis tribus capitulis sunt in quadam tascheta et in petiis 26 in carta simul in una tascheta». 50 aliorum de Becharia et certorum aliorum de PeluchisItem in quodam alia tascheto sunt petii in- quo continentur bona que tenebant et possidebant per suprascriptos de Becharia tam citra Pa- r).

19 18 Franca Leverotti politica di scambio matrimoniale era infatti l altro versante su cui tessere al La documentazione Sempre il secondo armadio conservava il materiale archivistico più anti- - e Milano, ma anche Asti, la Valtellina e la Valseriana. Nei primi due armadi ce erano i puntelli del potere provenienti dall interno dello stato visconteo. Un intero armadio, il quarto, racchiudeva invece i complessi rapporti con Stoccarda: Antonia Visconti ( 1405) - ein Schatz im Hause Württemberg, a cura di P. Rückert, Un nuovo documento visconteo, in «Bol- Gli Scaligeri e il mondo germanico, in Gli Scaligeri, Verona 1988, pp

20 19 - Nel decimo armadio insieme a sindacati, feudi, mutui e patti con Vene- Lancillotto e Manfredi Beccaria. L armadio successivo conteneva patti con Savoia, Monferrato, Asti e Man- la pace tra le fazioni valtellinesi. - descritti in questo modo: fassiculo litterarum in papiro directivarum diversis personis et aliarum diversarum aliarum diversarum litterarum emanatarum per pref. ill. d. B. diversis personis simul L attenzione per tutto quanto era stato prodotto dalla cancelleria del suo- - - na Lo stato visconteo. Linguaggi politici e dinamiche costituzionali, Milano 2005, p. 49 nota 32.

21 20 Franca Leverotti La cura e l attenzione per il recupero di questi archivi sono importanti - Nel tredicesimo armadio il nucleo fondante del materiale era costituito dal - castellani insieme a «certis cartis antiquissimis corrosis a muribus de quibus - e delle rocche di tutto lo stato e un «tascheto fracto et marcido» con le entrate delle terre, patti con i Veneti, e lettere del conte di Virtù e di altre persone. Un ultima cassa conteneva molte scritture antichissime, un libretto in in papiro cavallo era riposto in questa stessa cassa. 7. Conclusioni Nel castello di Pavia era conservata una parte dell archivio dei Visconti, ; quest ultimo, ricco di materiale - 53 A. Brenneke, Archivistica. Contributo alla teoria e alla storia archivistica europea, Milano 1968, p. 129.

22 21 Basti qui ricordare le istruzioni di Vittorio Amedeo II nel 1729 relative alla to da bolle, brevi, diplomi, investiture, trattati, contratti di matrimonio e testamenti 54 un diritto. Non era conservato a Pavia l archivio amministrativo; le carte prodotte - suocero-zio. La ripartizione in due settori principali del materiale archivistico prodot- - in un unica sede, cioè nella crota domini 55. Anche Cassono dali Signi nell inventario del 1481, costituiva una «sezione particolare dell archivio, con- l Hausarchiv 56 ne, quando al thesaurus principis 57. li avevano richiesto nel 1447 a Francesco Sforza di spostare le reliquie nella sia le reliquie, sia la biblioteca, ma il re di Francia fece trasportare nel suo - 54 Gli archivi del principe. L organizzazione della memoria per il governo dello Stato, in Il Tesoro del Principe. Titoli carte e memorie per il governo dello Stato, Torino 1989, p Rück, L ordinamento degli archivi ducali di Savoia cit., pp Behne, Antichi inventari cit., p. 24. Sulla creazione dell Hausarchiv si veda Brenneke, Archivistica cit., pp F. Valenti, Scritti e lezioni di archivistica, diplomatica e storia istituzionale, Roma 2000; sull archivio-thesaurus e l archivio-sedimento si vedano in particolare le pp , ; sull ar-

23 22 Franca Leverotti raccolte della Biblioteca Ambrosiana, ma anche di privati come Morbio e Trivulzio in particolare. Questo modesto inventario di consistenza che abbiamo - pressoché totale della documentazione. 58 Ricerche per la storia dello stato visconteo Giangaleazzo Visconti e gli eredi di Bernabò, in «Archivio storico lombardo», s. II, VIII, XVIII (1891), pp e

Potenze sovrane e altre voci

Potenze sovrane e altre voci VS 2/1 Archivio di Stato di Milano Carteggio visconteo sforzesco Potenze sovrane e altre voci Per la richiesta indicare: FONDO: SFORZESCO PEZZO N.: si veda in Segnatura il numero della scatola Intervento

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento Iscrizione e ricerca di un testamento Quali sono le principali forme di testamento in Italia? * il testamento autentico, redatto da un notaio. * il testamento olografo, scritto, datato e firmato di pugno

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO 1. POTERI UNIVERSALI Il medioevo cristiano riconosce dal punto di vista politico due somme autorità, il cui potere è di diritto universale, vale a dire un potere

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Le procure provenienti dall estero

Le procure provenienti dall estero Le procure provenienti dall estero A cura dell Avv. Emanuella Prascina Riferimenti: - Art. 106 n. 4 L. Not.: Nell'archivio notarile distrettuale sono depositati e conservati: 4. gli originali e le copie

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dei seggi

Istruzioni per le operazioni dei seggi Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione del Parlamento europeo Istruzioni per le operazioni dei seggi Le pagine che seguono sono una proposta di riformulazione delle Istruzioni per le operazioni

Dettagli

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Successioni tutelate

Successioni tutelate Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. Arte e Cultura

IL VALORE DELLA FIDUCIA. Arte e Cultura IL VALORE DELLA FIDUCIA Arte e Cultura Sede Centrale Cortesi s.r.l. Via Generale Reverberi 14/16 25050 Passirano (BS) Tel. +39.030.2584111 Fax +39.030.2584116 info@cortesi.net cortesi.srl@pec.it www.cortesi.net

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Provincia di Milano Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Art. 11, comma 13, D.Lgs. 163/2006 Segretario Generale Diodora Valerino Staff Segretario Erminia Figini NUOVE DISPOSIZIONI NORMATIVE

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1. Che cos è l Ordine Al Merito della Repubblica Italiana? L Ordine Al Merito della Repubblica Italiana è il primo degli Ordini cavallereschi nazionali.

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 23 dicembre 2009, n. 191. Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2010). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali Mod. A Al Museo Castello del Buonconsiglio monumenti e collezioni provinciali Via B. Clesio, 5 38122 - TRENTO Esente da bollo ai sensi del D.P.R. 642/1972 Punto 11 Tab. All. B Domanda di partecipazione

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

RECENSIONE a cura di EMANUELA BRE

RECENSIONE a cura di EMANUELA BRE Laura Laurencich Minelli Exsul Immeritus Blas Valera Populo Suo e Historia et Rudimenta Linguae Piruanorum: indios, gesuiti e spagnoli in due documenti segreti sul Perù del XVII secolo CLUEB, Bologna,

Dettagli