Operazioni di assistenza fiscale: così la comunicazione dei dati Matteo Ferraris Responsabile dei servizi fiscali di Unindustria Alessandria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Operazioni di assistenza fiscale: così la comunicazione dei dati Matteo Ferraris Responsabile dei servizi fiscali di Unindustria Alessandria"

Transcript

1 Operazioni di assistenza fiscale: così la comunicazione dei dati Matteo Ferraris Responsabile dei servizi fiscali di Unindustria Alessandria La parte D del modello 770/S/2008 va compilata riportando i dati relativi alle operazioni di conguaglio effettuate a seguito dell assistenza fiscale prestata nel corso del 2007, dal sostituto stesso o da un Caf al quale il contribuente si è rivolto. Le novità Il modello conferma l impostazione acquisita nel corso degli ultimi anni e recepisce in tre delle quattro sezioni l introduzione dall anno 2007 dell acconto sull addizionale comunale. La facoltà per il contribuente di proporre una dichiarazione congiunta comporta una duplicazione delle indicazioni circa l addizionale comunale e le sue dinamiche trattenuta o sospesa, nelle diverse sezioni), riferita al contribuente stesso ovvero al coniuge dichiarante. Tali nuove indicazioni si rinvengono q nella sezione assistenza 2007, nelle caselle da 25 a 29 e da 35 a 39 ACCONTO ADDIZIONALE COMUNALE 2007 DICHIARANTE Importo rimborsato Importo trattenuto Interessi Importo inferiore all unità di euro 28 Codice comune 29 ACCONTO ADDIZIONALE COMUNALE 2007 CONIUGE DICHIARANTE Importo rimborsato Importo trattenuto Interessi Importo inferiore all unità di euro 38 Codice comune q nella sezione rettifiche, nelle caselle 59 e 61 q nella sezione conguagli non effettuati, nelle c Importo trattenuto acconto addizionale comunale 2007 dichiarante zionale comunale 2007 coniuge Importo trattenuto acconto addi- a s e lle e Nella parte D sono dichiarate le operazioni di assistenza fiscale anche se effettuate a seguito di: q ACCONTO ADDIZIONALE COMUNALE 2007 DICHIARANTE c Importo non rimborsato Importo non trattenuto o m ACCONTO ADDIZIONALE COMUNALE 2007 CONIUGE u Importo non rimborsato Importo non trattenuto n i c azioni rettificative e integrative modello 730 4; q comunicazioni (anche integrative) modello pervenute tardivamente; q conguagli operati tardivamente relativi a comunicazioni modello (anche rettificative) pervenute entro i termini; q conguagli tardivi relativi all assistenza fiscale prestata direttamente dal sostituto d imposta, anche in seguito a rettifica dei modello Vanno, infine, esposte le somme che non sono state trattenute o rimborsate dal sostituto nel corso del Le operazioni di conguaglio: i dati Conguagli operati da luglio a dicembre 2007(caselle 1 52) Nellecaselleda1a52devonoessereespostiidati delle operazioni di conguaglio complessivamente effettuate nei mesi da luglio a dicembre 2007, relative: qalsaldoirpefperil2006; qallaprimaratadiaccontoirpefperil2007; q all addizionale regionale all Irpef per il 2006 relativamente al dichiarante e al coniuge dichiarante; q al saldo dell addizionale comunale all Irpef per il 2006 relativamente al dichiarante e al coniuge dichiarante; q all acconto dell addizionale comunale all Irpef per il 2007 relativamente al dichiarante e al coniuge dichiarante; q all acconto del 20% su alcuni redditi soggetti a tassazione separata;

2 I SUPPLEMENTI q alla seconda o unica rata di acconto Irpef per il 2007(mesi di novembre e dicembre 2007). Nelle caselle da 39 a 52, i dati delle operazioni di conguaglio complessivamente effettuate nei mesi di novembre e dicembre 2007, relative alla seconda o unicaratadiaccontoirpefperil2007. Le operazioni di conguaglio L assistenza fiscale può essere erogate in due forme: q tramite sostituto d imposta; q tramite Caf (e a partire dall anno 2006, a valere dunque sul 770/2007, anche dai professionisti contabili). Itermini A seguito di quanto previsto dall art. 13 del decreto n. 164 del 31 maggio 1999 (come modificato dall articolo 1, comma 1, lett. a), del Dm 28 febbraio 2003,n.46,invigoredal25marzo2003),incaso di assistenza diretta il modello 730 è presentato: q al sostituto d imposta entro il 30 aprile, qalcafentroil15giugnounitamentealladocumentazione necessaria per l effettuazione delle operazioni di controllo per il rilascio del visto di conformità. La riduzione dei tempi assegnati ai Caf per le procedure di liquidazione dell imposta, rende possibili ritardi nell elaborazione dei prospetti e relativa trasmissione ai sostituti. Nell ipotesi in cui la comunicazione del risultato contabile non sia pervenuta al sostituto d imposta in tempo utile perché lo stesso potesse procedere alle operazioni di conguaglio sulle retribuzioni e sui compensi corrisposti nel mese di luglio, il conguaglio potrebbe risultare «tardivo». In tal caso l Agenzia dovrebbe applicare la sanzione (30% delle somme tardivamente versate) nei confronti del responsabile dell eventuale versamento tardivo. Al fine di individuare l autore della violazione, nella sezione D della comunicazione dati lavoro dipendente del modello 770/S/2008 il sostituto d imposta dovrà indicare la data di ricezione del modello (casella 88, per la ricezione del modello ordinario; casella 89, per la ricezione del modello rettificativo). Conguagli da assistenza fiscale: indicazioni operative In considerazione del fatto che, per la prima volta In sintesi: le operazioni di conguaglio a debito da molto tempo, il termine di presentazione della dichiarazione 770 fissato a maggio, per ora precede l avvio delle operazioni dei conguagli da assistenza fiscale (luglio) appare utile evidenziare la premessa alle istruzioni alla compilazione della dichiarazione della sezione«assistenza fiscale». In tale sezione, sono riepilogate una serie di regole così sintetizzabili: q il sostituto non può rimborsare crediti risultanti dalle operazioni di conguaglio di assistenza fiscale utilizzando importi da lui anticipati; q il sostituto non può utilizzare a scomputo di ritenute operate somme erroneamente anticipate effettuando versamenti inferiori rispetto al dovuto; q il sostituto deve rimborsare i crediti risultanti dalle operazioni di conguaglio di assistenza fiscale utilizzando; qnelcasodiincapienzadelmonteritenute,ilsostituto rimborsa gli importi residui operando sulle ritenute d acconto dei mesi successivi dello stesso periodo d imposta. Conguaglio e adempimenti L art.19deldecreto31maggio1999,n.164,dispone che le operazioni di conguaglio per assistenza devono essere effettuate sulle retribuzioni e sui compensi corrisposti nel mese di luglio. Le operazioni devono essere effettuate nel citato mese secondo il criterio di cassa: se nel mese di luglio sono corrisposte competenze relative ad altri mesi il criterio non è derogato. Il conguaglio coinvolge: q i versamenti e le restituzioni Irpef; q il versamento dell eventuale acconto (nella misura del 20%) dell imposta relativa ad alcuni redditi soggetti a tassazione separata di cui all articolo 1, comma3,deldln.669/1996; q i versamenti e le restituzioni di addizionale regionaleocomunale(pereffettodioneridedottiomaggiori redditi indicati nel modello 730). A norma di quanto disposto dall articolo 1, comma 137, della legge n. 266/2005, è stato disposto l importo di 12 euro per imposta (o addizionale) quale limite minimo da trattenere o rimborsare in occasione della liquidazione dei modelli 730. I versamenti In merito al versamento dell Irpef risultante dai Se i modelli o evidenziano un debito Irpef, di addizionali o acconto (20% del relativo imponibile) dell imposta sui redditi soggetti a tassazione separata, il sostituto: q trattiene dai compensi corrisposti a partire dal mese di luglio (al netto di ogni ritenuta anche non fiscale) il debito risultante dal prospetto di liquidazione; 41

3 q versa tale importo nel successivo mese di agosto con appositi codici. Se l importo complessivo dell Irpef, aumentato dell importo da trattenere a titolo di addizionale regionale e comunale nonché dell acconto del 20% sui redditi soggetti a tassazione separata risultante dal prospetto di liquidazione, supera l importo dei compensi netti corrisposti nel mese di luglio, il sostituto deve: q trattenere la parte residua dalla retribuzione corrisposta a partire dalle retribuzioni erogate nel mese successivo (agosto) e così via fino ad esaurimento; q applicare, a carico dei contribuenti assistiti, sugli importi differiti per incapienza della retribuzione, l interesse dello 0,40% mensile, trattenendolo e versandolo nei modi e nei tempi previsti per le somme cui si riferisce (Irpef e/o addizionale regionale e/o anticipo del 20% sui redditi soggetti a tassazione separata). Tale interesse non deve essere oggetto di autonoma indicazione nei modelli di versamento: è versato con lo stesso codice tributo delle somme cui afferisce. Se, entro la fine dell anno, il sostituto non ha potuto trattenere l intero importo dovuto per insufficienza delle retribuzioni erogate, la parte residua ed il relativo interesse dello 0,40% mensile, comprensivo di quello del mese di gennaio, devono essere versati dal lavoratore nel mese di gennaio dell anno successivo con le modalità previste per i versamenti relativi alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (mod. F24). In questo caso il sostituto d imposta comunica al contribuente assistito, entro il mese di dicembre, gli importi che devono ancora essere versati utilizzando le stesse voci del modello L importo dell unica o seconda rata relativa all Irpef è trattenuta nel mese di novembre. 42 modelli o 730 4, il decreto ministeriale 19 maggio 1993 ha istituito i seguenti codici tributo: q 4731, denominato «Irpef a saldo trattenuta dal sostituto d imposta»; q 4730, denominato «Irpef in acconto trattenuta dal sostituto d imposta». Entrambi i codici sono indicati nella «Sezione erario» del modello F24 riportando, nella terza colonna, l anno di riferimento nella forma AAAA. Con risoluzione n. 116/E/1999, il Ministero delle finanze ha precisato che tali codici vanno utilizzati anche per i versamenti dell Irpef trattenuta dal sostituto d imposta a fronte dell assistenza fiscale prestata ai titolari di redditi di collaborazione coordinata e continuativa. Gli interessi dello 0,50% mensile dovuti dal contribuente in caso di pagamento rateale dell Irpef a debito(codici 4730 e 4731), da applicare a partire dal versamento relativo alla seconda rata, sono corrisposti con il codice 1668, istituito con il decreto ministeriale 30 marzo In corrispondenza dei codici tributo relativi a tali interessi non deve essere indicato nessun anno di riferimento. Per quanto riguarda l addizionale regionale, con risoluzione n. 116/E/1999 è stato istituito il codice tributo: q 3803, denominato «Addizionale regionale all Irpef trattenuta dal sostituto d imposta a seguito di assistenza fiscale», da utilizzare nella «Sezione regioni ed enti locali» del modello F24. Il periodo di riferimento è l anno d imposta per il quale si effettua il versamento da indicare nella forma AAAA. Gli interessi da rateazione (dello 0,50% mensile) dovuti dal contribuente in caso di pagamento rateale dell addizionale regionale a debito devono essere corrisposti con il codice: q 3805, istituito con il decreto ministeriale 30 marzo Non deve essere indicato nessun anno di riferimento. In merito alle modalità di versamento dell addizionale comunale, il decreto 20 dicembre 1999 ha istituito il codice tributo: q 3818 (è il codice da indicare nel prospetto ST del 770/2008; si evidenzia, però, che dal 1 gennaio 2008 tale codice è stato sostituito con il codice 3846), denominato «Addizionale all Irpef enti locali trattenuta dal sostituto d imposta modello 730», da utilizzare nella seconda parte della «Sezione regioni ed enti locali» del modello F24. Il periodo di riferimento è l anno cui si riferisce l imposta, nella forma AAAA. Con circolare n. 83/E/2000 è stato precisato che nel caso di versamento dell addizionale comunale all Irpef, nella colonna «codice ente locale» della «Sezione regioni ed enti locali», devono essere indicati i seguenti codici: q 03 per i Comuni della Provincia autonoma di Bolzano; q 07 per i Comuni della Regione Friuli Venezia Giulia; q 18 per i Comuni della Provincia autonoma di Trento; q 20 per i Comuni della Regione Valle d Aosta; q 99 per i restanti Comuni d Italia. Gli interessi da rateizzazione (dello 0,50% mensile) dell addizionale comunale devono essere

4 I SUPPLEMENTI corrisposti con il codice istituito con la risoluzione n. 69/E/2000: q 3804 (è il codice da indicare nel prospetto STdel770/2008;sievidenzia,però,chedal1 gennaio 2008 tale codice è stato sostituito con il codice 3857), denominato «interessi pagamento dilazionato tributi enti locali», da utilizzare nella seconda parte della «Sezione regioni ed enti locali» del modello F24. In relazione al codice tributo 3804 richiede quale periodo di riferimento l anno di imposta per il quale si effettua il versamento. Relativamente al versamento, da parte dei sostituti d imposta, dell acconto del 20% sui redditi soggetti a tassazione separata con circolare n. 92/E/1997 è stato istituito il codice tributo: q 4201, denominato «Acconto delle imposte dovute sui redditi soggetti a tassazione separata trattenuto dal sostituto d imposta» per il quale il periodo di riferimento, da riportare nel modello F24 nella forma AAAA, è quello relativo all anno per il quale si versano le somme. Pagamenti rateali Ai sensi dell art. 20, comma 1, del Dlgs n. 241/1997, i soggetti che si avvalgono dell assistenza fiscale possono versare in rate mensili di uguale importo: q il saldo e il primo acconto Irpef; q l addizionale regionale; q l addizionale comunale e q l acconto del 20% su alcuni redditi soggetti a tassazione separata. La rateazione del versamento è richiesta mediante l indicazione in apposita sezione del modello 730edilnumerodirateècomunicatoalsostituto nel prospetto di liquidazione. Il numero delle rate mensilipuòesserecompresodaunminimodidue In sintesi: le operazioni di conguaglio a credito a un massimo di cinque ed il versamento non può essere effettuato dal sostituto dopo il 16 dicembre (risoluzione ministeriale n. 155/E/198). Non è possibile chiedere il pagamento rateale della seconda o unica rata di acconto Irpef. Il sostituto deve: q determinare l importo delle singole rate, anche nelle ipotesi in cui l assistenza fiscale sia prestata da un Caf; q calcolare l interesse dovuto per la rateazione fissato in ragione dello 0,5% mensile. Con comunicato stampa del 23 aprile 1999 il Ministero delle finanze ha confermato che gli interessi dovuti per la rateazione delle somme devono essere applicati a partire dal versamento relativo alla seconda rata. Se il conguaglio non può iniziare nel mese di luglio (aspettativa senza retribuzione o casi analoghi), il sostituto ripartisce il debito in un numero di rate tendenti alla scelta effettuata dal contribuente ed applica l interesse dello 0,40% mensile (differimento del pagamento) e l interesse dello 0,50% mensile (pagamento rateale). Le modalità di compilazione Il sostituto deve esporre nel 770/S/2008 i dati relativi agli importi rimborsati e trattenuti senza effettuare tra tali ammontari alcuna compensazione, anche in presenza di dichiarazioni rettificative e/o integrative. Importi inferiori all euro Nel caso in cui gli importi risultino inferiori all unità di euro, nel rispetto delle regole sul troncamento, il sostituto non deve indicare alcun importo. Per ogni singolo rigo relativo agli importi da esporre nei punti da 2 a 43, qualora tutti gli Il rimborso si effettua mediante una riduzione delle ritenute d acconto a titolo di Irpef e/o di addizionale regionale e comunale operate sui compensi complessivamente corrisposti nel mese di luglio. Se le ritenute operate nel mese di luglio non sono sufficienti, si riducono le ritenute relative ai compensi corrisposti nei successivi mesi dell anno. È possibile rimborsare l addizionale regionale e l addizionale comunale mediante la riduzione delle somme trattenute a tale titolo nello stesso mese o, se necessario, utilizzando l ammontare complessivo delle ritenute relative ai compensi corrisposti nel mese di luglio. In presenza di rimborsi a più soggetti e di ritenute insufficienti per il rimborso integrale, i rimborsi sono operati mensilmente sulla base di una percentuale (uguale per tutti i soggetti assistiti) data dal rapporto: qal numeratore: l importo delle ritenute, al netto del compenso spettante ai sostituti di dichiarazione che hanno prestato assistenza diretta; qal denominatore: l ammontare complessivo del credito da rimborsare. Se entro dicembre il sostituto non riesce a rimborsare l intero credito di imposta per insufficienza delle ritenute, deve comunicare al contribuente assistito gli importi residui di credito indicandoli nella relativa certificazione (mod. Cud). 43

5 44 importi del rigo siano inferiori all unità di euro occorre barrare le caselle 5, 9, 13, 18, 23, 28, 33, 38 e 43. Relativamente all addizionale regionale e comunale all Irpef, anche se tutti gli importi del rigo sono inferiori all unità di euro, oltre a barrare la relativa casella è necessario indicare ugualmente il codice della Regione ed il codice catastale del Comune. Per la seconda o unica rata di acconto Irpef per il 2006 (punti da 48 a 52) se tutti gli importi sono inferiori all unità di euro deve essere indicato il codice B al punto 52. Assistenza 2007 Nei punti 1 e 38 deve essere indicato il mese in cui sono iniziate le operazioni di conguaglio. Rimborsi: neipunti2,8,10,15,20,25, 30, 35, 42 e 51 vanno indicati i rimborsi complessivamente effettuati nei singoli mesi, anche a seguito di rettifiche o integrazioni. Trattenute:neipunti3,6,11,16,21,26,31,36, 40 e 49 vanno indicati gli importi complessivamente trattenuti nei singoli mesi, anche a seguito di rettifiche, al netto degli interessi a qualsiasi titolo trattenuti. Interessi: nei punti 4, 7, 12, 17, 22, 27, 32, 37, 41 e 50 vanno indicati gli interessi complessivamente trattenuti nei singoli mesi per: q incapienza della retribuzione; q rettifica; q rateizzazione. Gli importi per interessi devono essere sommati anche se sono stati originati da situazioni differenti. Casi particolari: conguagli tardivi Il punto 44 deve essere compilato utilizzando uno dei seguenti codici: A conguaglio tardivo derivante da modello 730 3; B conguaglio tardivo derivante da comunicazione modello pervenuta entro i termini; C conguaglio conseguente a comunicazione tardiva di modello 730 4; D modello o modello dal quale non risulta alcun debito o credito. Il punto 45 deve essere compilato in presenza di modello o a rettifica. In tal caso va utilizzato uno dei seguenti codici: A conguaglio derivante da modello o rettificativo; B conguaglio tardivo derivante da modello rettificativo; C conguaglio tardivo derivante da comunicazione modello rettificativa; D conguaglio a seguito di rettifica di una precedente comunicazione tardivamente pervenuta al sostituto per la quale non è stato effettuato il conguaglio; E conguaglio a seguito di rettifica di una precedente comunicazione tempestivamente pervenuta al sostituto ma per la quale non è stato effettuato il conguaglio; F rettifica del solo codice Regione; G rettifica del solo codice Comune. La casella del punto 46 è barrata se i dati contenuti nei punti 2, 10, 15, 20, 30 e 42 sono relativi, anche in parte, a conguagli derivanti da modello integrativi. La casella del punto 47 deve essere barrata qualora il mod. 730/2007 non è risultato liquidabile. La casella del punto 47 è barrata se il modello 730/2007 non è risultato liquidabile. Il punto 52 deve essere compilato utilizzando uno dei seguenti codici: A richiesta di minore secondo o unico acconto; B tutti gli importi da esporre sono inferiori all unità di euro. La dichiarazione integrativa Per correggere eventuali errori ed omissioni riscontrati dal contribuente in sede di compilazione del modello 730 sono possibili due differenti modalità di comportamento a seconda del segno del risultato dell errore 1. restituzione (maggior credito o minor debito) 2. versamento (maggior debito o minor credito). Caso 1 Errori che danno origine ad un minore debito d imposta, ad un rimborso non precedentemente richiesto ovvero ad un rimborso di imposta superiore a quello originariamente preteso Il contribuente che riscontra errori che, dopo essere stati corretti, determinano un risultato a suo favore, può presentare (ad un Caf anche diverso dal precedente) entro il 31 ottobre, un nuovo modello 730 nel quale deve essere barrata la casella «730 integrativo». Il modello integrativo è presentato ad un Caf anche nel caso in cui, in precedenza, l assistenza fosse stata prestata direttamente dal sostituto. In tale dichiarazione il contribuente può indicare per l effettuazione dei conguagli anche un sostituto diverso da quello che ha effettuato i conguagli derivanti dalla prima liquidazione(ad esempio nei casi in cui sia intervenuta la cessazione del rap

6 I SUPPLEMENTI porto di lavoro con il sostituto che aveva ricevuto il modello o di più contemporanei rapporti di lavoro dipendente e/o di collaborazione coordinata e continuativa). Sulla base della nuova dichiarazione, il Caf elabora nuovi modelli e integrativi da fare pervenire entro il 15 novembre al contribuente (unitamente alla copia della dichiarazione integrativa) ed al sostituto d imposta. Il sostituto effettua la restituzione del credito scaturente dalla dichiarazione integrativa sulla retribuzione del mese di dicembre. Si ricorda che la circolare n. 122/E/1999, par. 8 (confermata dalla circolare n. 89/E/2000 par. 4.2) ha chiarito l ipotesi in cui l assistito, dopo avere presentato un modello 730 integrativo, interrompa il rapporto di lavoro prima del mese di novembre: il sostituto è comunque tenuto a restituire il credito mediante una corrispondente riduzione delle ritenute nel primo periododipagautile,anchesediversodadicembre. Caso 2 Errori od omissioni che hanno determinato un nuovo o aggiuntivo debito d imposta, ovvero un minore credito Nei casi in cui il contribuente riscontri nel modello 730 errori od omissioni (quali ad esempio l omessa o la parziale indicazione di un reddito) che, dopo essere stati corretti, determinino un minore rimborso o un maggiore debito, il contribuente può solo presentare una dichiarazione integrativa al modello 730 utilizzando il modello Unico e versare autonomamente le somme dovute a titolo d imposta. In ogni caso, la presentazione di una dichiarazione integrativa(730 o Unico) non sospende le procedure relative all assistenza fiscale e quindi non fa venire meno l obbligo del sostituto d imposta di effettuare i rimborsi spettanti o trattenerelesommedovuteinbasealmodello730. Le trattenute effettuate a seguito di rettifica (caselle 53-64) Nelle caselle da 53 a 64 sono esposti i dati delle trattenute effettuate a seguito di rettifica. Nei casi in cui vengano rilevati errori nel prospetto di liquidazione del modello 730 commessi dal soggetto che ha prestato l assistenza fiscale (sostituto d imposta o Caf), il medesimo deve provvedere alla loro correzione e rideterminare gli importi a credito o a debito per il soggetto assistito in tempo utile per consentire l effettuazione delle operazioni di conguaglio entro il periodo d imposta. A seguito delle predette rideterminazioni è elaborato un nuovo modello o sul quale è barrata l apposita casella («730 rettificativo»). Precisazione sui calcoli Con il modello «integrativo», il Caf comunica al sostituto d imposta unicamente i maggiori importi da riconoscere a credito del contribuente rispetto ai dati originariamente elaborati. Con il modello «rettificativi», invece, il Caf ridetermina e comunica al sostituto tutti gli importi derivanti dalla riliquidazione del modello 730, nella loro misura integrale (non solo, quindi, la «differenza» rispetto alla prima comunicazione incrementi o decrementi rispetto ai valori originari ma tutti gli importi della nuova liquidazione). Spetterà, pertanto, al sostituto effettuare i necessari conguagli, operando «per differenza» rispetto a quanto già trattenuto e/o rimborsato nei mesi precedenti. Rettifiche e 770/2008 Rimborsi: i rimborsi(o gli ulteriori rimborsi) derivanti dalla liquidazione a rettifica devono essere complessivamente riportati nei punti 2, 8, 10, 15, 20, 25, 30, 35, 42 e 51. Trattenute: le trattenute effettuate a seguito di liquidazione a rettifica, comprensive dei recuperi delle somme rimborsate a seguito del conguaglio operato per la prima liquidazione, devono essere esposte nei punti da 54 a 62 e nel punto 64, al netto degli interessi trattenuti. Tali importi devono essere, inoltre, ricompresi nei punti 3, 6, 11, 16, 21, 26, 31, 36, 40 e 49. Nei punti 53 e 63 deve essere indicato il mese (valori da 8 a 12) in cui sono iniziate le operazioni di conguaglio a rettifica (anche in presenza di soli rimborsi). Nei casi di rettifica del solo codice regione relativo all addizionale regionale all Irpef, il sostituto deve compilare i punti 14 e 19 riportando il codice corretto e compilando il punto 45 con il codice F. Nei casi di rettifica del solo codice comune relativo all addizionale comunale all Irpef, il sostituto deve compilare i punti. Nel caso di conguaglio a seguito di rettifica di una precedente comunicazione pervenuta al sostituto per la quale non è stato effettuato il conguaglio (punto 45 compilato con il codice «D» o «E») i dati da indicare nel riquadro «Rettifiche» devono essere riportati anche nei corrispondenti punti del riquadro «Assistenza 2007». Rispetto all elenco sopraindicato, nella casella 45 possono essere utilizzati anche i seguenti codici: A conguaglio derivante da modello o 45

7 rettificativo; B conguaglio tardivo derivante da modello rettificativo; C conguaglio tardivo derivante da comunicazione modello rettificativa. I conguagli non effettuati (caselle 65-85) Nellecaselleda65a85 sono indicate le somme a conguaglio che non sono state trattenute o rimborsate (in tutto o in parte) dal sostituto nel corso del Tra le altre ipotesi in cui tale sezione deve essere compilatavièquellaincuiilmancatooincompleto conguaglio da assistenza fiscale sia dovuto a passaggio di dipendenti senza interruzione del rapporto di lavoro e senza estinzione del sostituto cedente, come si verifica nei casi di cessione o conferimento di azienda e nelle restanti ipotesi di novazione dal lato soggettivo del rapporto di lavoro. In tali ipotesi nella casella 65 (causale) del sostituto cedente deve essere inserito l apposito codice «F» (oltre che dare evidenza delle operazioni di conguaglio da lui effettuate e degli importi da lui non trattenuti o non rimborsati) mentre il sostituto cessionario, a sua volta, esporrà soltanto i dati delle residue rate da lui trattenute. Le fattispecie più ricorrenti interessate dal mancato completamento dei conguagli sono: q interruzione del rapporto di lavoro; q passaggio diretto da un datore ad un altro; q aspettativa non retribuita; q decesso del lavoratore. Interruzione del rapporto di lavoro Se prima del completamento dei conguagli a debito interviene la cessazione del rapporto di lavoro, il sostituto d imposta non deve effettuare tali operazioni, ma comunica al dichiarante gli importi dovuti (a saldo e in acconto) risultanti dalle operazioni di liquidazione della dichiarazione presentata. Passaggio di dipendenti senza interruzione del rapporto di lavoro Nel caso di passaggio di dipendenti da un datore di lavoro ad un altro senza interruzione del rapporto di lavoro per effetto di fusione, scissione, cessione, conferimento ed affitto di azienda, il nuovo datore di lavoro, obbligato a svolgere la funzione di sostituto di imposta tenendo conto dell operato del precedente datore di lavoro, è tenuto anche a proseguire nelle operazioni di assistenza fiscale (tanto nell ipotesi di assistenza diretta, quanto in quella di assistenza prestata da un Caf). Tale impostazione è stata tra l altro confermata dalla risoluzione n. 248/E/2002 con la quale l Agenzia, rispondendo ad uno specifico interpello interessante dipendenti trasferiti da una Società ad un altra, riconosce la continuazione del rapporto di lavoro con il soggetto subentrante (con la conseguente conservazione di tutti i diritti e benefici che da esso derivano) proprio a seguito della riconducibilità dell operazione nell ambito dell articolo 2112 c.c. q Caso distinto - Passaggio di dipendenti da un datore di lavoro ad un altro con interruzione del rapporto di lavoro. In questo caso, il nuovo datore di lavoro non assume alcun obbligo di prosecuzione dell assistenza fiscale iniziata dal precedente datore di lavoro. Periodi di aspettativa non retribuita Nei periodi di aspettativa non retribuita (e simili) la persistenza del rapporto di lavoro, pur in assenza di reddito, dà diritto al lavoratore dipendente di beneficiare dell assistenza fiscale. Se il sostituto d imposta corrisponde a tali soggetti compensi prima del termine del periodo utile per l effettuazione delle operazioni di assistenza fiscale, lo stesso deve far operare al contribuente la scelta tra il versamento diretto delle somme dovute ovvero la trattenuta nel primo mese utile, con l applicazione dell interesse nella misura dello 0,40% in ragione mensile. Nel caso in cui non riesca a trattenere (in tutto o in parte) l importo dovuto dal contribuente, il sostituto dovrà compilare le caselle da 65 a 85 del 770/2008. Decesso del lavoratore dipendente avvenuto prima dell effettuazione o della conclusione delle operazioni di conguaglio In caso di decesso del lavoratore dipendente avvenuto prima dell effettuazione o della conclusione delle operazioni di conguaglio, il sostituto non è obbligato ad effettuare l assistenza fiscale. Dati Caf Nei punti da 86 a 89 devono essere indicati i dati del Caf dipendenti, che ha effettuato al sostituto la comunicazione modello e l eventuale modello rettificativo.

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 )

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) CONG730 2015 2/47 INDICE Conguagli del sostituto d imposta per risultanze modello 730... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

CONG730 2010. Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730

CONG730 2010. Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730 Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 INDICE Circolare Agenzia delle Entrate n. 16/2010: conguagli del sostituto d imposta... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli a credito... 3 Conguagli a debito... 3

Dettagli

Modello 730/2011 Operazioni di conguaglio

Modello 730/2011 Operazioni di conguaglio n 26 del 15 luglio 2011 circolare n 397 del 13 luglio 2011 referente BERENZI/af Modello 730/2011 Operazioni di conguaglio 1. Premessa Con la Circolare n. 14 del 14 marzo 2011, l'agenzia delle Entrate ha

Dettagli

Conguaglio risultanze 730

Conguaglio risultanze 730 Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2012.00.10 ) INDICE Circolare Agenzia delle Entrate n. 15/2012: conguagli del sostituto d imposta... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi INDICE

Direzione Centrale Gestione Tributi INDICE CIRCOLARE N. 10/E Roma, 13 febbraio 2003 Direzione Centrale Gestione Tributi Oggetto: Modello 730/2003 redditi 2002. Assistenza fiscale prestata dai sostituti d imposta e dai Centri di assistenza fiscale

Dettagli

di Luca Contardi Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Luca Contardi Risorse Umane >> Amministrazione del personale MOD. 730: PROCEDURA E CONGUAGLI di Luca Contardi Risorse Umane >> Amministrazione del personale Sul S.O. n. 21 alla G.U. n. 24 del 30 gennaio 2006 è stato pubblicato il provvedimento 17 gennaio 2006 dell

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

UFFICIO FISCALE - PROT. N. 74 DEL 13 GIUGNO 2013

UFFICIO FISCALE - PROT. N. 74 DEL 13 GIUGNO 2013 UFFICIO FISCALE - PROT. N. 74 DEL 13 GIUGNO 2013 ASSISTENZA FISCALE MOD. 730/2013 REDDITI 2012 - CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 14/E DEL 9.5.2013 Con la presente forniamo la consueta illustrazione

Dettagli

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI GLI ACCONTI PAGATI La compilazione del quadro F del 730 Il quadro F del modello 730 si compone di 8 sezioni nelle quali sono riportati i seguenti dati: Sezione

Dettagli

CIRCOLARE - AGENZIE ENTRATE - 18 marzo 2004, n. 11/E

CIRCOLARE - AGENZIE ENTRATE - 18 marzo 2004, n. 11/E CIRCOLARE - AGENZIE ENTRATE - 18 marzo 2004, n. 11/E Oggetto : Modello 730/2004 redditi 2003. Assistenza fiscale prestata dai sostituti d imposta e dai Centri di assistenza fiscale per i lavoratori dipendenti

Dettagli

LE OPERAZIONI DI CONGUAGLIO: COME E QUANDO

LE OPERAZIONI DI CONGUAGLIO: COME E QUANDO LE OPERAZIONI DI CONGUAGLIO: COME E QUANDO Le modalità ed i termini entro i quali il sostituto d imposta deve operare i conguagli nei confronti dei propri dipendenti che hanno presentato il modello 730

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

MODELLO 730/2011 NOVITÀ

MODELLO 730/2011 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 11/2011 del 24 marzo 2011 MODELLO 730/2011 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadri del Modello 730/2011 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2011

Dettagli

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730.

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730. 03 giugno 2013 Più tempo per consegnare il modello 730 ai Caf o ai professionisti abilitati. Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato il 29 maggio scorso, ha fatto slittare dal 31

Dettagli

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 27 marzo 2010 OGGETTO: Modello 730/2010 - Redditi 2009 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

TeamSystem. Labour. review. review IN QUESTO NUMERO. Pag 2 Modello 730/2013 - Assistenza fiscale - Operazioni di conguaglio

TeamSystem. Labour. review. review IN QUESTO NUMERO. Pag 2 Modello 730/2013 - Assistenza fiscale - Operazioni di conguaglio L review Periodico di informazione lavoristica e previdenziale TeamSystem Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 N.46), art. 1, comma 1, DGB Pesaro Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

Modello 730 Aspetti generali

Modello 730 Aspetti generali Fisco Pratico 2010 Dichiarazione Redditi Persone Fisiche 5 Aspetti generali Vantaggi del Mod. 730 La presentazione del permette di ottenere eventuali rimborsi direttamente con la retribuzione o con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 marzo 2011 OGGETTO: Modello 730/2011 - Redditi 2010 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 U.O. Contrattualistica e Fiscalità - Dr.ssa Raffaella Scurati DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA modello 770 semplificato modello 770

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

CAF sostituto d imposta crediti gui

CAF sostituto d imposta crediti gui L AGENZIA INFORMA CUD assistenza fiscale rimborsi conguaglio busta paga dichiarazione congiunta CAF sostituto d imposta crediti presentazione mod. gui 730 integrativo sostituto d imposta conguaglio CUD

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 13 agosto 2010 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti 2 INDICE 1 Soggetti fuori cratere.

Dettagli

GUIDA PER GLI AMMINISTRATI AL FINE DI UNA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2011

GUIDA PER GLI AMMINISTRATI AL FINE DI UNA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2011 GUIDA PER GLI AMMINISTRATI AL FINE DI UNA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2011 (I numeri tra parentesi a fianco dei capoversi sono i riferimenti delle Istruzioni ministeriali allegate al modello

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO

NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PARTE B - DATI FISCALI SOMME EROGATI PER STRAORDINA- RI E PREMI PRODUTTIVITÀ PARTE D - ASSISTENZA 2008 ALTRI PROSPETTI Provv. Ag. Entrate

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore:

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore: GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» OPEN Dot Com Servizio: Nome servizio Pag. 1 Torino,

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. 1. Dichiarazione dei redditi con il modello 730/2008...2

CIRCOLARE N. 36/E. 1. Dichiarazione dei redditi con il modello 730/2008...2 CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 9 aprile 2008 OGGETTO: Modello 730/2008 redditi 2007. Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza fiscale

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO RIFERIMENTI DI PRASSI... 2 FRONTESPIZIO... 3 COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI... 5 PARTE A Dati relativi al dipendente, pensionato

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA 1 DICHIARAZIONE DEI REDDITI CON IL MODELLO 730/2012 2 SOGGETTI CHE POSSONO PRESTARE ASSISTENZA FISCALE. 2.1 I sostituti d imposta

SOMMARIO PREMESSA 1 DICHIARAZIONE DEI REDDITI CON IL MODELLO 730/2012 2 SOGGETTI CHE POSSONO PRESTARE ASSISTENZA FISCALE. 2.1 I sostituti d imposta Modello 730/2012 Redditi 2011 Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati Circolare Agenzia Entrate n.

Dettagli

Paghe. Semplificazioni fiscali: discipline per i datori di lavoro Flavia Martinelli - Consulente Area Lavoro e Contrattualistica CNA Interpreta

Paghe. Semplificazioni fiscali: discipline per i datori di lavoro Flavia Martinelli - Consulente Area Lavoro e Contrattualistica CNA Interpreta Semplificazioni fiscali: discipline per i datori di lavoro Flavia Martinelli - Consulente Area Lavoro e Contrattualistica CNA Interpreta La legge n. 23/2014 ha delegato il Governo ad adottare decreti tendenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 9 maggio 2013

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 9 maggio 2013 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N. 14/E Roma, 9 maggio 2013 OGGETTO: Modello 730/2013 - Redditi 2012 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

GUIDA PER GLI AMMINISTRATI AL FINE DI UNA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2010

GUIDA PER GLI AMMINISTRATI AL FINE DI UNA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2010 GUIDA PER GLI AMMINISTRATI AL FINE DI UNA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2010 (I numeri tra parentesi a fianco dei capoversi sono i riferimenti delle Istruzioni ministeriali allegate al modello

Dettagli

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Sono stati approvati i modelli di dichiarazione dei redditi Mod. 730/2011 inerenti l assistenza fiscale

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. 9/00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO

MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO Modello F24 euro 27-11-2001 14:17 Pagina 1 (Nero/Process Black pellicola) AGENZIA DELLE ENTRATE MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO CODICE FISCALE DATI ANAGRAFICI cognome denominazione o ragione sociale data

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare 9 maggio 2013, n.14/e

Agenzia delle Entrate Circolare 9 maggio 2013, n.14/e Agenzia delle Entrate Circolare 9 maggio 2013, n.14/e Modello 730/2013 - Redditi 2012 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti

Dettagli

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO Premessa generale L Agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2013 ha approvato il modello 770/2013 semplificato

Dettagli

MODELLO 730/2013 NOVITÀ

MODELLO 730/2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 9/2013 del 14 marzo 2013 MODELLO 730/2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadro del Modello 730/2013 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2013

Dettagli

DENUNCIA DELL IMPOSTA SULLE ASSICURAZIONI DOVUTA SUI PREMI ED ACCESSORI INCASSATI

DENUNCIA DELL IMPOSTA SULLE ASSICURAZIONI DOVUTA SUI PREMI ED ACCESSORI INCASSATI DENUNCIA DELL IMPOSTA SULLE ASSICURAZIONI DOVUTA SUI PREMI ED ACCESSORI INCASSATI (art. 9 legge 29 ottobre 1961, n. 1216) ISTRUZIONI Gli articoli di legge richiamati nel modello di denuncia e nelle istruzioni

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n.

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. BOZZA INTERNET del 9//0 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 00 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un

Dettagli

Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015

Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015 Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015 INDICE Le news del mese In evidenza o La remissione in bonis Scadenzario Le news del mese Detrazione 50% - Obbligo di richiesta del codice fiscale del condominio

Dettagli

del credito 2006 derivante dalla precedente dichiarazione e del suo utilizzo; in compensazione orizzontale tramite modello F24

del credito 2006 derivante dalla precedente dichiarazione e del suo utilizzo; in compensazione orizzontale tramite modello F24 PROSPETTO SX Devono essere riportati i dati riepilogativi: del credito 2006 derivante dalla precedente dichiarazione e del suo utilizzo; in compensazione orizzontale tramite modello F24 O in compensazione

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014. In questa Circolare

Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014. In questa Circolare Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014 In questa Circolare 1. Termini di versamento 2. Modalità di versamento 3. Rateazione 4. Determinazione degli

Dettagli

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 Circolare informativa per la clientela Maggio 2014 SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 In questa Circolare 1. Termini di versamento 2. Modalità di versamento 3. Rateazione 4. Determinazione degli acconti

Dettagli

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 Circolare informativa per la clientela n. 15/2014 dell'8 maggio 2014 SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 SOMMARIO 1. TERMINI di VERSAMENTO... 2 2. MODALITÀ di VERSAMENTO... 3 3. RATEAZIONE... 6 4. DETERMINAZIONE

Dettagli

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015.

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. 15 Martedì IVA Fatturazione differita: scade il termine per l emissione

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

Questa è la parte fondamentale delle disposizione interne di Poste Italiane per la presentazione al sostituto d'imposta del Modello 730.

Questa è la parte fondamentale delle disposizione interne di Poste Italiane per la presentazione al sostituto d'imposta del Modello 730. Questa è la parte fondamentale delle disposizione interne di Poste Italiane per la presentazione al sostituto d'imposta del Modello 730. Con provvedimento del 15/01/2009, pubblicato sul sito delle Entrate,

Dettagli

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N.31/E Roma, 2 luglio 2009 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3780 del 6 giugno 2009 Ripresa degli adempimenti e dei versamenti-

Dettagli

Paghe. Casi pratici. Adempimenti dei datori di lavoro. Trattenuta della contribuzione a carico del lavoratore

Paghe. Casi pratici. Adempimenti dei datori di lavoro. Trattenuta della contribuzione a carico del lavoratore Paghe Mancato pagamento della retribuzione per indisponibilità finanziaria Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Negli ultimi anni le imprese si sono trovate in alcuni casi nell impossibilità di procedere

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 4791 del 15 gennaio 2015 ha approvato il modello

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2. Modello 730 precompilato 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4. Chi è

Dettagli

DOPO LA DICHIARAZIONE

DOPO LA DICHIARAZIONE DOPO LA DICHIARAZIONE Come rimediare in caso di errori od omissioni Capitolo 14 14.1 COME RIMEDIARE IN CASO DI ERRORI OD OMISSIONI 14.1.1 I termini dei versamenti 14.1.2 Sanzioni e ravvedimento per tardivi

Dettagli

SCADENZE SETTEMBRE 2014

SCADENZE SETTEMBRE 2014 SCADENZE SETTEMBRE 2014 LUNEDì 1 SETTEMBRE REGISTRO - Scade il termine per la registrazione dei nuovi contratti di locazione di immobili con decorrenza 1 a- gosto 2014 e per il versamento dell imposta

Dettagli

ALLEGATO D CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2013

ALLEGATO D CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2013 ALLEGATO D CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2013 Istruzioni per lo svolgimento degli adempimenti previsti per l assistenza fiscale da parte dei sostituti d imposta, dei professionisti

Dettagli

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013 CIRCOLARE N.28/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 22 agosto 2013 OGGETTO: Assistenza fiscale prestata dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 16 MAGGIO 2008 Informativa n. 42 DICHIARAZIONE DEI

Dettagli

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24 AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24 Sono riportate le istruzioni complete riguardanti tale modello. A pagina 4 sono riportate le istruzioni specifiche relative alla SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 INFORMATIVA N. 287 20 NOVEMBRE 2013 DICHIARAZIONI LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolari Agenzia Entrate 27.9.2007, n. 52/E e 19.2.2008, n. 11/E Entro

Dettagli

Fotovoltaico: rimodulazione delle tariffe incentivanti ed effetti sugli acconti per gli imprenditori

Fotovoltaico: rimodulazione delle tariffe incentivanti ed effetti sugli acconti per gli imprenditori Fotovoltaico: rimodulazione delle tariffe incentivanti ed effetti sugli acconti per gli imprenditori agricoli di Ennio Trivella - dottore commercialista e revisore legale Per effetto di quanto stabilito

Dettagli

MODELLO 770/2013 SEMPLIFICATO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2012

MODELLO 770/2013 SEMPLIFICATO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2012 FERRARA MODELLO 770/2013 SEMPLIFICATO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2012 MODELLO 770/2013 ORDINARIO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA E DEGLI INTERMEDIARI RELATIVA ALL ANNO 2012

Dettagli

1) Apertura frontespizio integrativo:

1) Apertura frontespizio integrativo: 730 INTEGRATIVO Come è noto, nel caso si renda necessario integrare il modello 730 originario con ulteriori informazioni, è possibile presentare un modello 730 cosiddetto INTEGRATIVO. Tale tipologia di

Dettagli

Gecom 770 Gestione 770/2015

Gecom 770 Gestione 770/2015 Gecom 770 Gestione 770/2015 Istruzioni operative 770/2015 2/100 INDICE Premessa... 4 Novità del modello 770/2015 Semplificato... 5 Comunicazione dati lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale...

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 7 del 13 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica... 3 2.1 Redditi

Dettagli

SCADENZE FISCALI di Luglio

SCADENZE FISCALI di Luglio SCADENZE FISCALI di Lunedì 6 UNICO 2009 Chi applica gli studi di settore (per esempio, professionisti, imprese, ecc.), entro oggi può pagare le imposte di Unico 2009 (saldi 2008 e acconti per il 2009)

Dettagli

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate 1 PREMESSA Il DLgs. 21.11.2014 n. 175 ha previsto la precompilazione dei modelli 730 da parte

Dettagli

IL MODELLO 730-2015: ANALISI DELLE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE

IL MODELLO 730-2015: ANALISI DELLE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE IL MODELLO 730-2015: ANALISI DELLE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE di Celeste Vivenzi Premessa generale L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 4791 del 15 gennaio 2015 ha approvato il modello 730/2015

Dettagli

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Roma, 16/10/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

5.7 Quadro F Altri dati

5.7 Quadro F Altri dati Per ulteriori su questi oneri la voce Deduzione per oneri di famiglia Istruzioni per la compilazione Modello 730 Altre detrazioni Nel rigo E32 indicare le altre detrazioni diverse da quelle riportate nei

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 205 Anno 204 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 3 d.lgs. n. 9/2003) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti

Dettagli

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata DICHIARAZIONI I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata di Alessandro Bonuzzi Con la circolare n.26/e di ieri l Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su questioni interpretative riguardanti la

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

Newsletter n. 4/2014. Milano, 30 Dicembre 2014

Newsletter n. 4/2014. Milano, 30 Dicembre 2014 CPASSOCIATI Via Agnello, 8 Milano 20121 C.F. e P.Iva 12532720153 Tel. +39 02 796141 Fax +39 02 796142 info@cpassociati.com www.cpassociati.com Milano, 30 Dicembre 2014 Newsletter n. 4/2014 Nella speranza

Dettagli

Circolare n. 26 /E. Roma, 07/07/2015

Circolare n. 26 /E. Roma, 07/07/2015 Circolare n. 26 /E Roma, 07/07/2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti formulati nel corso dell evento Forum 730 Il Sole24ore e chiarimenti in ordine alla proroga recata dal DPCM

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

OPERAZIONI SOCIETARIE STRAORDINARIE (paragrafo 4.2 delle istruzioni 770 Semplificato 2015 dell Agenzia delle Entrate)

OPERAZIONI SOCIETARIE STRAORDINARIE (paragrafo 4.2 delle istruzioni 770 Semplificato 2015 dell Agenzia delle Entrate) OPERAZIONI SOCIETARIE STRAORDINARIE (paragrafo 4.2 delle istruzioni 770 Semplificato 2015 dell Agenzia delle Entrate) 770/2015 Sono previste particolari modalità di compilazione del modello 770 Semplificato,

Dettagli

Novità del modello 730/2012 redditi 2011

Novità del modello 730/2012 redditi 2011 Novità del modello 730/2012 redditi 2011 A cura del dott. Andrea Baratta Frontespizio e Familiari a carico E stata introdotta una casella denominata situazioni particolari per evidenziare particolari condizioni

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI 1 Decreto legislativo 14.3.2011, n. 23 Art. 3 Cedolare secca sugli affitti in vigore dal 7 aprile 2011 2 . Regime ordinario Base imponibile Irpef E rappresentata dal canone

Dettagli

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013 Informativa n. 13 del 12 marzo 2013 Modelli 730/2013 - Ricezione in via telematica dall Agenzia delle Entrate del risultato contabile per l effettuazione dei conguagli (modelli 730-4) - Comunicazione all

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Firenze, 28/I/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Il ravvedimento operoso è un utile istituto che, da oltre 15 anni, permette ai contribuenti di rimediare spontaneamente

Dettagli

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione:

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Indicazioni sulla Compilazione dei Quadri del Modello 730/2012 in presenza di CUD 2012 Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Reddito lavoro

Dettagli

ALLEGATO C CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2015

ALLEGATO C CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2015 ALLEGATO C CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2015 Istruzioni per lo svolgimento degli adempimenti previsti per l assistenza fiscale da parte dei sostituti d imposta, dei professionisti

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

Guida al Modello 730/2010

Guida al Modello 730/2010 Guida al Modello 730/2010 (miniguida per le aziende e i dipendenti) Per maggiori informazioni visita il sito www.agenziatelematica.com REDAZIONE MODELLO 730/2010 DA 20 A 30 INVIO TELEMATICO GRATUITO MODELLO

Dettagli

MODELLO 770/2012 SEMPLIFACATO

MODELLO 770/2012 SEMPLIFACATO 1 Cuneo Unione Industriali 4 giugno 2012 MODELLO 770/2012 SEMPLIFACATO Gabriele Bonati 2 Approvazione del modello 770/2012 L Agenzia delle entrate, con due provvedimenti del 16 gennaio 2012 (pubblicati,

Dettagli

SCADENZE SETTEMBRE 2013

SCADENZE SETTEMBRE 2013 SCADENZE SETTEMBRE 2013 LUNEDì 2 SETTEMBRE IMPOSTE RATEIZZATE - Ultimo giorno utile per effettuare il versamento della rata delle imposte rateizzate da parte dei contribuenti non titolari di partita Iva.

Dettagli

Gestione Assistenza Fiscale 2015

Gestione Assistenza Fiscale 2015 Gestione Assistenza Fiscale 2015 1 SOMMARIO Iter Operativo... 3 1) Compilare l archivio F5 = Dati Assistenza Fiscale... 3 2) Elaborare la Ditta, nel mese di Luglio... 3 3) Lanciare la Lettera comunicazione

Dettagli