Bollettino Epidemiologico n. 80 LE PARASSITOSI CUTANEE IN AMBITO SCOLASTICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino Epidemiologico n. 80 LE PARASSITOSI CUTANEE IN AMBITO SCOLASTICO"

Transcript

1 Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 80 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel Fax LE PARASSITOSI CUTANEE IN AMBITO SCOLASTICO La frequentazione di una comunità, come quella scolastica, predispone al contagio di malattie infettive. Le malattie più comuni sono quelle che si trasmettono per via aerea, come la parotite o la varicella, ma sono frequenti anche alcune malattie trasmissibili per via oro-fecale. Negli asili,ad esempio, per la promiscuità tipica nei comportamenti dei bambini, si possono verificare epidemie di Epatite A, che a volte decorre asintomatica e viene scoperta solo se qualcuno, tra gli insegnanti o tra i bambini, si ammala in modo clinicamente evidente. Ma le infezioni che creano maggiore allarme ed a volte panico tra insegnanti e genitori, creando situazioni di emarginazione, sono due banali e curabili infestazioni della cute: i pidocchi del capo e la scabbia. Mentre i pidocchi effettivamente si trasmettono facilmente in ambito familiare e scolastico, la scabbia si trasmette soprattutto nella famiglia e molto raramente nella scuola. Non è possibile prevenire con farmaci queste due infestazioni, ma siccome sappiamo che si verificano spesso negli asili e nelle scuole elementari è necessario che insegnanti e genitori imparino a conoscerle, a sapere come si trattano e comprendano che è facile eliminarle. Il panico e gli atteggiamenti discriminatori sono il maggiore ostacolo alla loro eliminazione. Infatti siamo portati ad associare queste parassitosi, che comportano prurito, alla sporcizia e, al solo parlarne cominciamo ad avvertire prurito, sicché la cosa più facile è perdere la testa e cercare qualcuno con cui prendersela. Durante ogni anno scolastico il nostro Servizio viene contattato da diverse scuole elementari ed asili per problemi di pediculosi. Inoltre, negli ultimi anni, sono 1

2 stati segnalati 5 focolai di scabbia: quattro di questi erano in famiglie con bambini scolarizzati e ciò ha comportato un forte allarme delle scuole. Questo bollettino è indirizzato alle scuole elementari per fornire informazioni obiettive e suggerire comportamenti razionali, in quanto la vera arma contro queste parassitosi è la consapevolezza. Inoltre il bollettino contiene una messa a punto sui trattamenti più efficaci e più accettabili. Che cosa sono e come si trasmettono le malattie infettive Le malattie infettive sono causate da germi come i virus, i batteri e i parassiti e spesso sono contagiose, cioè si diffondono da una persona all altra. Le malattie infettive che comunemente si manifestano nei bambini, sono spesso contagiose e possono diffondersi molto facilmente da persona a persona. I bambini sono altamente suscettibili alle malattie contagiose: essi non sono ancora stati esposti, nella vita, a molti dei germi più comuni e quindi non hanno una resistenza o una immunità nei loro confronti. Inoltre i bambini piccoli hanno molte abitudini che favoriscono la diffusione delle infezioni, per esempio, essi spesso portano le dita e altri oggetti alla bocca; in questo modo, i germi entrano oppure escono dal loro corpo e possono infettarli o passare ad altri. Riguardo ai germi, affinché si diffondano da una persona all altra, devono verificarsi tre condizioni: - l agente patogeno deve essere presente nell ambiente, o tramite una persona che è portatrice, oppure deve essere presente in un fluido corporeo come per esempio le secrezioni degli occhi, del naso, della bocca, o nel tratto digerente; o nell aria o su una superficie. - Ci deve essere un soggetto che non è immune all agente patogeno e che viene a contatto con esso. - Il contatto o l esposizione deve avvenire in modo da favorire l infezione. La trasmissione di un agente patogeno all interno di un gruppo, quindi, dipende in parte dalle sue caratteristiche, come modalità di diffusione, sopravvivenza nell ambiente esterno, dalla frequenza di infezioni non conosciute o asintomatiche e dalla presenza di portatori sani e infine dallo stato immunitario nei confronti del patogeno. Le principali vie di trasmissione degli agenti patogeni sono: - Oro-fecale, - Respiratoria, - Tramite contatto con cute infetta, 2

3 - Tramite contatto con sangue, urine e altri fluidi corporei. Nel caso di bambini molto piccoli, in età di scuola materna,ma anche di bambini più grandi, disabili o con problemi di salute, la via di trasmissione più frequente e quella orofecale e per contatto diretto con urine. Questo significa che i germi lasciano il corpo della persona infetta con le feci ed entrano nell organismo di un altra persona attraverso la bocca. Ciò accade quando oggetti (includenti giocattoli, dita o mani) che sono stati contaminati con piccolissime quantità di feci, sono portati alla bocca. La trasmissione orofecale può anche verificarsi se il cibo o l acqua sono contaminati con piccolissime quantità di feci umane o di animali. Una preparazione inadeguata di cibi provenienti da animali (per esempio carne, latte ed uova) sono spesso la sorgente di infezioni con alcuni batteri (Salmonella, Campylobacter, E. Coli 0157). Le infezioni che si trasmettono attraverso il sangue o altri fluidi corporei sono dovute al contatto del sangue proveniente dalla persona infetta con ferite o mucose di un altra persona o direttamente attraverso punture (con ago infetto). Le parassitosi (scabbia e pediculosi) si trasmettono per contatto diretto, tra la persona infestata ed una sana. Pediculosi del capo Che cosa è la pediculosi? La pediculosi è una infestazione del capo molto comune tra i bambini in età scolare, dovuta a pidocchi adulti, larve e uova (pediculus humanus capiti). Le uova vengono depositate sul fusto del capello a 3-4 mm dal cuoio capelluto, si schiudono in una settimana e gli insetti raggiungono la maturità 8-10 giorni dopo la schiusa. Nei capelli si possono riscontrare pidocchi adulti o uova di solito dietro le orecchie o a livello della nuca. E comune anche la presenza di escoriazioni e croste da grattamento e in qualche caso si possono riscontrare infezioni batteriche secondarie e linfoadenite satellite. Il prurito è il sintomo più comune dell infestazione ma la maggior parte dei bambini con infestazione lieve (da 1 a 5 pidocchi) non se ne lamenta. Ci si può fare un idea della durata dell infestazione guardando la distanza tra uova e superficie cutanea: se le uova sono molto vicine alla superficie l infestazione è recente, se invece le uova sono distanti dal cuoio capelluto, allora il capello ha avuto tempo di crescere e l infestazione dura da tempo. 3

4 Incubazione e contagiosità Il periodo di contagiosità dura fino a che i pidocchi rimangono vivi sulla persona infestata. L infestazione non è influenzata dalla lunghezza dei capelli né è segno di sporcizia. E un evento che si può verificare in tutti i gruppi socioeconomici, più raramente nella popolazione nera. Modalità di trasmissione La trasmissione avviene per contatto diretto con individui infestati oppure indirettamente mediante contatto con i loro effetti personali, come pettini, spazzole e cappelli. Il sovraffollamento aumenta il passaggio dei pidocchi da persona a persona. I pidocchi in genere non riescono a sopravvivere al di fuori dell ospite per più di 48 ore. Trattamento Il trattamento consiste in uno shampoo a base di permetrina o a base di piretro. La permetrina è il trattamento più efficace, ha un basso potenziale di tossicità ed un alta capacità di cura. Viene effettuato un primo shampoo e poi un secondo dopo 7-10 giorni. Lo stesso si fa con lo shampoo a base di piretro. E opportuno, soprattutto per ragioni estetiche, asportare le uova con un pettine a denti fitti applicando un asciugamano bagnato o imbevuto di aceto bianco, sul cuoio capelluto per minuti. I bambini possono essere riammessi a scuola il mattino dopo il primo trattamento perché il rischio di trasmissione è ridotto immediatamente dalla terapia. Gli abiti e le lenzuola possono essere disinfettati con lavaggio e asciugatura in lavatrice a temperature superiori a 35,5 C x 5 minuti (temperatura letale per i pidocchi). Il lavaggio a secco è pure efficace come anche la conservazione dei vestiti in sacchi di plastica per 10 giorni. I pettini e le spazzole vanno immersi in acqua calda per 10 minuti oppure lavati con shampoo antiparassitario. Gli insetticidi ambientali non sono utili per il controllo della pediculosi. Cosa fare in una scuola quando qualche bambino ha i pidocchi in testa 1. Quando in una piccola comunità, come una classe scolastica, si trova che un bambino ha i pidocchi, non bisogna allarmarsi: è facile eliminarli se si fa la cosa giusta. 4

5 2. E necessario stabilire se la pediculosi è poco o molto diffusa: se solo uno o due bambini hanno poche lendini, allora la pediculosi è poco diffusa, se diversi bambini hanno lendini e insetti adulti, la pediculosi è presente in quel gruppo da diverso tempo e allora va considerata molto diffusa. Se è poco diffusa si può praticare il trattamento lieve, se è molto diffusa, ci vuole il trattamento forte. 3. Trattamento lieve Si basa sulla cura dei bambini che hanno le lendini e sulla vigilanza. La cura dei bambini si trova al punto 5. La vigilanza si effettua passando in visita i ragazzi ogni 15 giorni per due mesi e se per 4 volte non si trovano insetti o lendini, allora si smette. 4. Trattamento forte Tutti i bambini della classe si curano, che abbiano o no lendini o pidocchi. 5. Come si eliminano i pidocchi Bisogna che contemporaneamente, tutti i membri della famiglia facciano il trattamento, che è semplice e rapido: si basa su due prodotti: uno shampoo ed una lozione alla permetrina all 1%. a. Lavare i capelli con uno shampoo qualsiasi. b. Con i capelli sciacquati ma ancora umidi, applicare bene, fine alla radice dei capelli, una lozione alla Permetrina all 1%. Lasciare agire per 10 minuti, risciacquare e asciugare. c. Ripetere dopo 15 giorni e poi basta. d. Con un pettine stretto si possono eliminare le uova rimaste attaccate, se no piano piano se ne vanno da sole. e. L alternativa alla lozione alla permetrina è l uso di uno shampoo al piretro. Scabbia Che cosa è la scabbia? La scabbia è una malattia parassitaria della cute causata da un piccolissimo acaro. Questo si insinua sotto la cute scavando dei cunicoli che contengono le sue uova. Raramente i cunicoli sono visibili perché sono mascherati dalle lesioni da grattamento. 5

6 La presenza della scabbia è rivelata dal manifestarsi di papule, vescicole e da una eruzione intensamente pruriginosa causata proprio dal deposito delle uova delle femmine adulte nell epidermide. In genere l eruzione, essendo dovuta alla sensibilizzazione alle proteine del parassita, è localizzata a breve distanza dagli acari depositati. Il prurito è molto intenso, soprattutto di notte. Le lesioni si localizzano in particolar modo tra gli spazi tra le dita, sulle superfici anteriori dei polsi e dei gomiti, nelle pieghe anteriori delle ascelle, intorno alla circonferenza addominale, sui genitali esterni nell uomo e sui capezzoli nelle donne. Epidemiologia E una affezione largamente diffusa che colpisce tutti i livelli socioeconomici sociali senza particolare riguardo per età, sesso, razza o condizioni di igiene personale. L unico serbatoio è l uomo. Gli animali domestici, soprattutto il cane, possono infettare con un tipo diverso di scabbia (detta anche rogna). L acaro che la determina si può insinuare sotto la pelle e causare prurito e irritazione cutanea, ma muore in un paio di giorni e non si riproduce. In questi casi non è necessario alcun trattamento. Modalità di trasmissione La trasmissione del parassita da un soggetto all altro avviene per contatto diretto e prolungato cute-cute, infatti l infestazione è facilmente trasmessa tra partner sessuali e tra i membri della stessa famiglia. Fuori dal corpo umano il parassita sopravvive non più di ore. Quando infesta una persona invece l acaro femmina può sopravvivere fino ad un mese. Il trasferimento avviene tramite biancheria e lenzuola quando questi siano stati contaminati da poco da una persona infestata. Incubazione e contagiosità E da 2 a 6 settimane prima dell esordio del prurito in persone senza una precedente esposizione. Persone che sono state precedentemente infestate sviluppano i sintomi 1-4 giorni dopo la riesposizione. La contagiosità permane fino a che gli acari e le loro uova non sono distrutte dal trattamento, generalmente dopo 1-2 cicli intervallati da una settimana. 6

7 Trattamento Deve essere applicata una lozione o una crema contenente uno scabbicida su tutto il corpo pulito, dal collo ai piedi. Tutti gli abiti, gli effetti letterecci, le asciugamani usate dalla persona infestata nei due giorni precedenti all inizio del trattamento, dovrebbero essere lavati in lavatrice con un programma ad alta temperatura e asciugati con aria calda. Un secondo trattamento può essere necessario 7-10 giorni più tardi. Vanno sottoposte a trattamento tutte le persone affette, i loro partner sessuali, i loro familiari. I membri della famiglia dovrebbero essere trattati tutti contemporaneamente. Il prurito può continuare per 2-3 settimane senza però indicare che la persona sia ancora infestata. Nessun nuovo cunicolo o arrossamento dovrebbe comparire ore dopo aver ricevuto un trattamento efficace. Dopo il trattamento possono persistere per mesi dei noduli cutanei rosso bruni. Quali sono i prodotti efficaci? A volte il trattamento fallisce perché è complicato, soprattutto quando le famiglie sono numerose, i bambini piccoli. Il trattamento più efficace deve essere anche semplice e accettabile. 1) Il farmaco più efficace è una lozione contenente permetrina al 5%. Attualmente la permetrina al 5% non è in commercio in Italia, ma è ottenibile come preparato galenico. La permetrina al 5% galenica (permetrina al 5% in crema base fluida) permette un unico giorno di trattamento, ripetibile eventualmente dopo una settimana. Il Servizio Epidemiologia ha chiesto alle farmacie ospedaliere di approntare la produzione di permetrina al 5%. 2) Una seconda scelta è il benzoato di benzile al 20% in olio di mandorle oppure in pasta lassar, applicato su tutto il corpo escluso il capo dopo un bagno caldo serale con spugna ruvida. Si ripete l applicazione la sera dopo e l indomani mattina si rifà un bagno caldo. 3) In gravidanza si può usare il benzoato di benzile al 10% o la pomata di Helmerich, un preparato galenico costituito da una sospensione di zolfo precipitato al 10% in olio di vasellina. Naturalmente non bisogna trascurare il cambio degli indumenti e delle lenzuola, e l indispensabile trattamento contemporaneo dei conviventi. 7

8 Cosa fare quando si verifica un caso di scabbia in una scuola Quando in una classe di una scuola si trova che un bambino ha la scabbia, subito c è un grande allarme. Basta nominare la parola e già inconsapevolmente cominciamo a grattarci da qualche parte. Ma non è un evento grave, basta che non si perda la testa e si facciano le cose giuste. Per prima cosa bisogna stabilire se il problema è piccolo o grande. Se c è un solo bambino o più bambini che appartengono allo stesso nucleo familiare, il problema è limitato. In questo caso bisogna tener presente che quando anche un solo membro della famiglia ha la scabbia, tutta la famiglia deve fare il trattamento contemporaneamente. Questa è la regola più frequentemente disattesa che fa fallire i trattamenti. Invece se si esegue bene il trattamento l acaro può essere eliminato in fretta. Le cose da fare sono le seguenti: 1. il soggetto infestato viene allontanato fino al giorno dopo il termine della terapia, 2. viene distribuito materiale informativo alle famiglie e agli insegnanti, 3. la classe in cui si è verificato il caso viene tenuta sotto sorveglianza (un insegnante attenta e discreta può svolgere benissimo questo compito) per verificare che non siano presenti altri individui affetti, 4. la biancheria, le coperte, gli asciugamani usati a scuola vengono dati a casa per essere sottoposti a lavaggio caldo nelle comuni lavatrici domestiche (ciclo a 90 C) o a secco, 5. il personale ausiliario della scuola intensifica le normali pulizie che garantiscono l igiene ambientale. 6. Il medico di sanità pubblica segue la famiglia e dopo 15 giorni controlla che non ci siano altri casi. 7. E inutile chiedere la disinfestazione dei locali in quanto l acaro è un parassita solo dell uomo. Dipartimento di Prevenzione Servizio Epidemiologia e Prevenzione Via Mascellaro Benevento Tel Fax Ciclostilato in proprio - diffusione interna Servizio Epidemiologia & Prevenzione E & P APRILE

Pediculosi del capo (i pidocchi)

Pediculosi del capo (i pidocchi) Pediculosi del capo (i pidocchi) Scarsi sintomi, molta preoccupazione La pediculosi del capillizio è una malattia infettiva dovuta al pidocchio del capo. Si tratta del Pediculus humanus varietà capitis,

Dettagli

Pediculosi del capo. Che cos'è

Pediculosi del capo. Che cos'è Pediculosi del capo Che cos'è La pediculosi è una infestazione da parte di pidocchi, piccoli insetti che vivono succhiando il sangue dell'ospite. Esistono 3 tipi di pidocchi: il pidocchio della testa,

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze LA PEDICULOSI NELLE SCUOLE prevenzione e controllo Assistente Sanitario Dott.ssa Elisa Sereno, Dott.ssa Daniela Zocchi U.O. Assistenza Sanitaria in Ambito Preventivo Direttore

Dettagli

Pediculosi. Un bel grattacapo per tutti

Pediculosi. Un bel grattacapo per tutti Pediculosi Un bel grattacapo per tutti POSSIAMO SCONFIGGERLA! MA SOLO SE C'E' COLLABORAZIONE TRA... Famiglia Scuola Famiglia Includere tra le normali cure parentali il controllo periodico della testa del

Dettagli

LA SCABBIA NELLA STORIA

LA SCABBIA NELLA STORIA LA SCABBIA LA SCABBIA NELLA STORIA Il termine scabbia deriva dal latino scabere = grattare. La scabbia è già menzionata nelle Sacre Scritture ed è ampiamente trattata nel De Ornatum Mulierum della dott.

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI

OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI A cura del Servizio Igiene e Sanità Pubblica DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE 1 IL PIDOCCHIO DEL CAPO Il pidocchio del capo è un parassita specifico dell

Dettagli

IL PIDOCCHIO DEI CAPELLI

IL PIDOCCHIO DEI CAPELLI IL PIDOCCHIO DEI CAPELLI INFORMAZIONI SULLA GESTIONE DELLA PEDICULOSI IN FAMIGLIA E NELLA SCUOLA AZIENDA USL 5 DI PISA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE UF IGIENE E SANITA PUBBLICA IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA PEDICULOSI

LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA PEDICULOSI LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA PEDICULOSI AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI VARESE DIREZIONE SANITARIA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA LA PEDICULOSI:

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

SCABBIA. www.fisiokinesiterapia.biz

SCABBIA. www.fisiokinesiterapia.biz Epidemie frequenti in comunità a stretto contatto: ospedali, carceri, case di riposo, caserme Riaccensioni cicliche ventennali www.fisiokinesiterapia.biz SARCOPTES SCABIEI VAR. HOMINIS -Specie specifico

Dettagli

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Premessa La pediculosi è un infestazione del cuoio capelluto, causata da piccoli parassiti (lunghi 1-4 mm) che depongono uova chiamate lendini.

Dettagli

PER I PAZIENTI DIALOGO SUI FARMACI PIDOCCHI

PER I PAZIENTI DIALOGO SUI FARMACI PIDOCCHI Il Pediculus humanus è un insetto parassita, lungo 2-3 millimetri, di colore bruno-grigio. Si nutre obbligatoriamente del sangue dell uomo, non è in grado di volare, né di saltare e sopravvive solo 1-2

Dettagli

S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA

S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA ALL. D REGIONE PIEMONTE Azienda Sanitaria Locale n 13 via dei Mille n 2-28100 Novara P.I./C.F. 01522670031 --------------------------------------- DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA'

Dettagli

LA PEDICULOSI DEL CAPO

LA PEDICULOSI DEL CAPO LA PEDICULOSI DEL CAPO L infestazione da pidocchi è un problema che si presenta ciclicamente, soprattutto all interno di comunità di bambini,adolescenti o anziani. L evento, di per sé, non ha risvolti

Dettagli

Scritto da Ale Giovedì 22 Ottobre 2009 23:00 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 11 Luglio 2012 19:51

Scritto da Ale Giovedì 22 Ottobre 2009 23:00 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 11 Luglio 2012 19:51 Con il termine di pediculosi si indica l'infiammazione causata dal pidocchio, si tratta di un parassita simile è il Pthirus Pubis (chiamato comunemente piattola che vive e si riproduce tra il pelo del

Dettagli

ATTENZIONE AL PIDOCCHIO!!

ATTENZIONE AL PIDOCCHIO!! DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Viale Vellei, 16 63100 ASCOLI PICENO Tel. 0736358075 Fax 0736358061 ATTENZIONE AL PIDOCCHIO!! e... se c'è, togliamocelo dalla testa COSA

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PREMESSA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PREMESSA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZIO SANITARIO NOTA INFORMATIVA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PREMESSA Nel corso dell anno scolastico pervengono al Servizio di Igiene

Dettagli

Dipartimento di Farmacia Prof. Luigina Cellini Università G. d Annunzio Chieti-Pescara LA PEDICULOSI

Dipartimento di Farmacia Prof. Luigina Cellini Università G. d Annunzio Chieti-Pescara LA PEDICULOSI Dipartimento di Farmacia Prof. Luigina Cellini Università G. d Annunzio Chieti-Pescara LA PEDICULOSI Pediculus capitis (comunemente noto come pidocchio) è l agente etiologico responsabile della pediculosi.

Dettagli

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello I pidocchi della testa Kit informativo per i genitori Contro i pidocchi non serve il martello Controlla i capelli del tuo bambino ogni settimana Esegui immediatamente il trattamento Avvisa la scuola Presentazione

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA 1. SCOPO Il presente protocollo vuole essere uno strumento per la gestione degli interventi da attuare negli operatori sanitari in caso di esposizione

Dettagli

Protocollo per la gestione dei casi di pediculosi del capo Premessa

Protocollo per la gestione dei casi di pediculosi del capo Premessa Protocollo per la gestione dei casi di pediculosi del capo Premessa La pediculosi è un infestazione del cuoio capelluto, causata da piccoli parassiti (lunghi 1-4 mm) che depongono uova chiamate lendini.

Dettagli

Pidocchi? Lendini? Panico?

Pidocchi? Lendini? Panico? Pidocchi? Lendini? Panico? Con NYDA la soluzione è rapida. Cari genitori, Se il medico ha riscontrato nel vostro bambino la presenza dei pidocchi, l obiettivo prioritario è combattere efficacemente le

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTERVENTO

PROTOCOLLO DI INTERVENTO Sito internet: www.icmontaltotaverna.gov.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TAVERNA 87046 MONTALTO UFFUGO (Cosenza) Via Paolo Borsellino, s.n.c.

Dettagli

Concetti base sulle comuni Parassitosi

Concetti base sulle comuni Parassitosi Concetti base sulle comuni Parassitosi 1 Parassitosi nei nostri bambini Sono molte: Amebiasi, Scabbia, Giardiasi, Teniasi, Toxoplasmosi, etc Interessano per lo più l intestino Le due più comuni forme di

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE

MINISTERO DELLA SALUTE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE UFFICIO III - MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative

Dettagli

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello I pidocchi della testa Kit informativo per i genitori Contro i pidocchi non serve il martello 1. Controlla i capelli del tuo bambino ogni settimana 2.Esegui immediatamente il trattamento 3.Avvisa la scuola

Dettagli

I pidocchi della testa

I pidocchi della testa I pidocchi della testa Kit informativo per i genitori Cosa succede se il vostro bambino prende i pidocchi. Niente panico, qualsiasi bambino può avere i pidocchi e il trattamento non è difficile. Iniziate

Dettagli

San Benedetto del Tronto Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dott. Gregorio Carnessale. Pediculosi del capo

San Benedetto del Tronto Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dott. Gregorio Carnessale. Pediculosi del capo San Benedetto del Tronto Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dott. Gregorio Carnessale Pediculosi del capo La pediculosi del capo Malattia trasmissibile che si riscontra in tutti

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

CIRCOLARE N. 172 PERUGIA 12 novembre 2015

CIRCOLARE N. 172 PERUGIA 12 novembre 2015 Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Roberta Galuppi DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E PATOLOGIA ANIMALE UNIVERSITA

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

LINEE GUIDA per la PREVENZIONE e per la GESTIONE della PEDICULOSI

LINEE GUIDA per la PREVENZIONE e per la GESTIONE della PEDICULOSI Torino, 15 ottobre 2015 Prot. n. 3241/B9 DIREZIONE DIDATTICA STATALE ROBERTO D'AZEGLIO Agli Insegnanti del Circolo Al personale ATA Al personale della Cooperativa Ai collaboratori SAFATLETICA Ai genitori

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla Consigli ai genitori La dermatite atopica Come curarla I consigli Quando? Al momento di una diagnosi certa o nelle ricadute Come? Con spiegazioni orali, con scheda Perché Serve a rendere autonomo il genitore,

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli

TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza

TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza Corso di Formazione TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza - Principali agenti infettivi - Modalità di trasmissione degli agenti infettivi, con particolare riguardo alla trasmissione per contatto e parenterale

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

PEDICULOSI: PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI DEL CAPO

PEDICULOSI: PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI DEL CAPO Dipartimento Cure Primarie Pediatria di Comunità Distretto di Correggio Responsabile:Dr. Luigi Moscara mailto:luigi.moscara@ausl.re.it Tel. 0522 630374 Allegato 2 PEDICULOSI: PROTOCOLLO PER LA GESTIONE

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

E almeno uno dei seguenti sintomi:

E almeno uno dei seguenti sintomi: In relazione al verificarsi di epidemie da Virus Ebola presso gli Stati Africani, la nostra Azienda Ospedaliera ritiene opportuno informare i cittadini sulle procedure operative messe in atto per la gestione

Dettagli

Uno studio pilota sulla conoscenza dell HIV/AIDS tra gli immigrati.

Uno studio pilota sulla conoscenza dell HIV/AIDS tra gli immigrati. Corso di Laurea Magistrale In Lavoro, cittadinanza sociale, interculturalità Tesi di Laurea Uno studio pilota sulla conoscenza dell HIV/AIDS tra gli immigrati. Relatore Prof. Alessandro Battistella Correlatore

Dettagli

Responsabilità: Direttore U.O. - Caposala U.O. - Infermieri

Responsabilità: Direttore U.O. - Caposala U.O. - Infermieri Tipo di Documento Procedura Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: A. Rispo G. Sagliocco S. Salvati Contenuti: Compiti e Responsabilità Definizione e Concetti Generali Epidemiologia e Clinica Trattamenti:

Dettagli

Diamoci una mano per combatterli.

Diamoci una mano per combatterli. PIDOCCHI Diamoci una mano per combatterli. SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA 1 Nel periodo di tempo in cui i bambini iniziano a frequentare la scuola materna o le prime classi della scuola elementare molte

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

PROCEDURA PER IL CONTROLLO DELLA TRASMISSIONE DELLA SCABBIA Emissione: Settembre 2006

PROCEDURA PER IL CONTROLLO DELLA TRASMISSIONE DELLA SCABBIA Emissione: Settembre 2006 REV. 2 Dirigenza Medica Ospedaliera - Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale Pag. 1 Elaborazione a cura di: - Dirigenza Medica Ospedaliera - Servizio Infezioni Ospedaliere - Servizio Prevenzione

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA GENERALITA La scabbia è una delle affezioni dermatologiche di più frequente riscontro, soprattutto nelle comunità in genere. Tale affezione è causata

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI pagina 1 di 10 ALLEGATO 10 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI pagina 2 di 10 1. SCOPO Da

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SALVATORE TODARO" Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria

Dettagli

SCABBIA: NOTIZIE GENERALI

SCABBIA: NOTIZIE GENERALI SCABBIA: NOTIZIE GENERALI La scabbia è una malattia infettiva altamente contagiosa, l agente causale è l acaro (SARCOPTES SCABIEI) che è in grado di vivere e di riprodursi esclusivamente su esseri umani

Dettagli

ambiente o meglio in freezer. Quali sono i sintomi? Come si effettua la diagnosi?

ambiente o meglio in freezer. Quali sono i sintomi? Come si effettua la diagnosi? prevenzione Occhio al pidocchio! a cura di: M. Ferri, A. Carpeggiani - Farmaciste La pediculosi del capo è un problema frequente nei bambini in età scolare ed è spesso causa di ansia e vergogna per le

Dettagli

Torna a sorridere senza i pidocchi

Torna a sorridere senza i pidocchi 185-08/2006-5.000 Torna a sorridere senza i pidocchi È un dispositivo medico ALCUNI UTILI CONSIGLI PER DEBELLARE I PIDOCCHI Cari lettori, Edizione 2000 / 07. 2006 Testo Beck & Partner GmbH, Amburgo Fotocomposizione

Dettagli

PUNTURE DI INSETTI ( zanzare, tafani, cimici)

PUNTURE DI INSETTI ( zanzare, tafani, cimici) Giovedì 11 Agosto 2011 10:36 Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Agosto 2011 11:00 PUNTURE DI INSETTI ( zanzare, tafani, cimici) 1 / 6 Giovedì 11 Agosto 2011 10:36 Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Agosto 2011

Dettagli

Pidocchi... non perdere la testa!

Pidocchi... non perdere la testa! Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità 22100 Como via Castelnuovo,1 Tel. 031/370421 Fax 031/370425 E-mail: medicina.comunita@asl.como.it Pidocchi... non perdere

Dettagli

Parasidose LA SOLUZIONE PIDOCCHI LENDINI. contro i pidocchi

Parasidose LA SOLUZIONE PIDOCCHI LENDINI. contro i pidocchi Parasidose LA SOLUZIONE contro i pidocchi Carta d identita del pidocchio Nome: Pediculus Humanus Capitis Famiglia: Insetto ematofago (si nutre di sangue) Habitat: Si nasconde fra i capelli, vicino al collo

Dettagli

PEDICULOSI SCOLASTICA tutto quello che bisogna sapere

PEDICULOSI SCOLASTICA tutto quello che bisogna sapere OSSERVATORIO PARASSITOSI SCOLASTICHE PEDICULOSI SCOLASTICA tutto quello che bisogna sapere Una guida per immagini a cura del Dott. Gaetano Scanni Medico Scolastico-Specialista Dermatologo ASL-Bari, distretto

Dettagli

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM Alta tecnologia Made in Germany per una nuova terapia di Herpes Labialis - senza sostanze chimiche! Che cosa è HERPOTHERM? HERPOTHERM è un nuovo, ma soprattutto innovativo,

Dettagli

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai SCABBIA Causata dall acaro Sarcoptes Scabiei var. hominis Contagio interumano (contatti fisici, via indiretta mediante lenzuola o vestiti è più rara) Prurito peggiora di notte, risparmia volto e cuoio

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO.

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. V I A G G I A I N O R A R I O, F A I L A D I A G N O S I I N T E M P O IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. LOCAL SPONSORS EUROPEAN SPONSORS: CAMPAIGN PARTNER: WITH SUPPORT

Dettagli

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C!

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! L Epatite C può essere trasmessa attraverso: L uso comune di aghi e siringhe L uso comune di filtri, cucchiai e acqua al momento del consumo di droghe

Dettagli

Procedura generale sanitaria. Paziente affetto da scabbia Pagina di 1/10

Procedura generale sanitaria. Paziente affetto da scabbia Pagina di 1/10 Cod. PGS18/DS Paziente affetto da scabbia Pagina di 1/10 ORIGINALE N CONSEGNATO A INDICE 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Diagramma di flusso... 3 4. Responsabilità... 4 5. Descrizione delle

Dettagli

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri 1 Introduzione Le infezioni possono trasmettersi: per contatto diretto operatore/cliente (e viceversa) per contatto indiretto con gli strumenti, le attrezzature

Dettagli

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO Cosa sono le MST? Le malattie sessualmente trasmissibili, dette anche malattie veneree,

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

Le malattie infettive nelle scuole e nelle comunità

Le malattie infettive nelle scuole e nelle comunità Test Nr. A 385 IGIENE TOYSWASH ISTITU T DA O TESTATO Le malattie infettive nelle scuole e nelle comunità una innovazione nella igienizzazione dei giocattoli lavatrice per la igienizzazione dei giocattoli

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE TRASMISSIBILI NELL'ATTIVITA' DI ESTETICA DELLA PERSONA Seconda parte

MALATTIE INFETTIVE TRASMISSIBILI NELL'ATTIVITA' DI ESTETICA DELLA PERSONA Seconda parte MALATTIE INFETTIVE TRASMISSIBILI NELL'ATTIVITA' DI ESTETICA DELLA PERSONA Seconda parte Dr.ssa Giovanna Mattei Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica Distretto di Reggio Centro 02/08/2005

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Che cosa è la infezione da HIV?

Che cosa è la infezione da HIV? Che cosa è l HIV? L HIV - human immunodeficiency virus è un virus che progressivamente distrugge le difese del nostro corpo contro le infezioni e alcuni tumori Che cosa è la infezione da HIV? L infezione

Dettagli

PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS

PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS in 2 parole... HIV = virus che causa l infezione Human Immunodeficiency Virus AIDS = Malattia in atto Acquired Immuno Deficency Syndrome 2 SIEROPOSITIVO SIGNIFICA AVERE

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

Gli acari delle rogne

Gli acari delle rogne Gli acari delle rogne Le rogne sono malattie parassitarie causate da ACARI Gli ACARI (parassiti permanenti) vivono e si nutrono Scavando gallerie (Sarcoptes) o nidi epidermici (Notoedres) Sulla superficie

Dettagli

HPV papillomavirus umani

HPV papillomavirus umani HPV papillomavirus umani Oltre 100 tipi, alcuni dei quali responsabili del cancro del collo dell utero : l importanza del vaccino Quali lesioni sono provocate dagli HPV? Le infezioni da HPV sono estremamente

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE? NO, GRAZIE

MALATTIE INFETTIVE? NO, GRAZIE Dipartimento della Prevenzione AUSL 8 MALATTIE INFETTIVE? NO, GRAZIE Dott.ssa M. Teresa Maurello U. F. Igiene e Sanità Pubblica Arezzo MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE OROFECALE:: ad es..

Dettagli

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE Il 5 luglio scorso l Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato contenuta in tutto il mondo l epidemia di SARS. Ciononostante occorre mantenere alta la vigilanza globale. A questo proposito

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE IN AMBITO FAMIGLIARE

MISURE DI PREVENZIONE IN AMBITO FAMIGLIARE PEDICULOSI: Dipartimento Cure Primarie Distretto di Reggio Emilia S.O.C. SALUTE DONNA E INFANZIA S.O.S Pediatria di Comunità Pad.Bertolani -via Amendola, 2 42122 Reggio Emilia tel. 0522/335521 fax 0522/335550

Dettagli

IGIENE E PREVENZIONE PER GLI OPERATORI DEI CENTRI PER MIGRANTI

IGIENE E PREVENZIONE PER GLI OPERATORI DEI CENTRI PER MIGRANTI IGIENE E PREVENZIONE PER GLI OPERATORI DEI CENTRI PER MIGRANTI FER - Fondo Europeo Rifugiati 2011 - Azione 4 Coordinatore nazionale Progetto Praesidium, responsabile sanitario: Alessandra Diodati alessandra.diodati@cri.it

Dettagli

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali:

Dettagli

Informativa sull influenza A/H1N1

Informativa sull influenza A/H1N1 Informativa sull influenza A/H1N1 Indicazioni per il personale aziendale per ridurre il rischio di diffusione della malattia Indicazioni per i Responsabili di Sede per ridurre il rischio di diffusione

Dettagli

ULSS N 4 Alto Vicentino Regione Veneto

ULSS N 4 Alto Vicentino Regione Veneto CITTA DI THIENE Settore Servizi Istituzionali ed al Cittadino ULSS N 4 Alto Vicentino Regione Veneto Linee guida igienico - sanitarie per le comunità infantili Indicazioni per i genitori Ammissione del

Dettagli

Occhio al pidocchio... e se c è togliamocelo dalla testa. consigli utili per i genitori

Occhio al pidocchio... e se c è togliamocelo dalla testa. consigli utili per i genitori Occhio al pidocchio...... e se c è togliamocelo dalla testa consigli utili per i genitori Occhio al pidocchio...... e se c è togliamocelo dalla testa UOVA COSA SUCCEDE SE IL VOSTRO BAMBINO PRENDE I PIDOCCHI

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS)

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) COSA SONO? Sono malattie provocate da virus, batteri, parassiti o funghi; l infezione viene trasmessa attraverso i rapporti sessuali con persone malate o portatrici

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Informazioni per i pazienti Reggio Emilia, settembre 2015 Artropatia psoriasica DESCRIZIONE

Dettagli

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

Prot. n. 29949 Imola, 8 settembre 2014. Oggetto: Direttive sanitarie per gli ASILI NIDO del comprensorio di Imola

Prot. n. 29949 Imola, 8 settembre 2014. Oggetto: Direttive sanitarie per gli ASILI NIDO del comprensorio di Imola Distretto Dipartimento Cure Primarie Prot. n. 29949 Imola, 8 settembre 2014 Oggetto: Direttive sanitarie per gli ASILI NIDO del comprensorio di Imola Ai RESPONSABILI DEGLI ASILI NIDO p.c. AI PEDIATRI DI

Dettagli

Eczema atopico o costituzionale

Eczema atopico o costituzionale Eczema Dermatosi allergiche Affezione dell epidermide, è una dermatosi infiammatoria pruriginosa. Avviene la dilatazione degli spazi intercellulari dello strato spinoso per edema provocato dalla fuoriuscita

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Studio Internazionale sulla Prevalenza di Allergie da Contatto ai Profumi

Studio Internazionale sulla Prevalenza di Allergie da Contatto ai Profumi LA DERMATITE ALLERGICA DA CONTATTO La pelle è un involucro che ci protegge e ci mette in relazione col mondo esterno: è buona cosa conoscerla Studio Internazionale sulla Prevalenza di Allergie da Contatto

Dettagli

ATTENZIONE ALLE ZECCHE

ATTENZIONE ALLE ZECCHE ATTENZIONE ALLE ZECCHE Prevenzione della Malattia di Lyme In collaborazione con: Centro di riferimento regionale per la Borreliosi di Lyme Azienda Usl di Ravenna GISML - Gruppo italiano studio Malattia

Dettagli

Annegamento e incidenti

Annegamento e incidenti Corso Laurea in Facoltà Annegamento e incidenti 35 Corso Laurea in Facoltà 36 1 Corso Laurea in Facoltà 37 Corso Laurea in Facoltà 38 2 Corso Laurea in Facoltà 39 Rischi infettivi in piscina Nell acqua

Dettagli

APPROFONDIMENTO SUI PIDOCCHI E LA PEDICULOSI

APPROFONDIMENTO SUI PIDOCCHI E LA PEDICULOSI APPROFONDIMENTO SUI PIDOCCHI E LA PEDICULOSI domande e risposte La pediculosi continua a rappresentare un problema frequente, soprattutto nelle scuole. Quando si presenta, deve essere affrontata con tempestività,

Dettagli

LINEE GUIDA per la PREVENZIONE e per la GESTIONE della PEDICULOSI

LINEE GUIDA per la PREVENZIONE e per la GESTIONE della PEDICULOSI Torino, 27 ottobre 2014 Prot. n.3168 /A23 DIREZIONE DIDATTICA STATALE ROBERTO D'AZEGLIO Agli Insegnanti del Circolo Al personale ATA Al personale della Cooperativa Ai collaboratori SAFATLETICA Ai genitori

Dettagli