HR Time. Sommario. Editoriale del Presidente. Editoriale di Saluto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HR Time. Sommario. Editoriale del Presidente. Editoriale di Saluto"

Transcript

1 Sommario Editoriale del Presidente di Paolo Citterio pag.1 Editoriale di Saluto di Pietro Scardillo pag.2 Ricerca e Internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier pag.3 Organizzazione e Management, oggi Strumenti e comportamenti che fanno crescere le imprese di Mino Schianchi pag.7 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta di Pietro Scardillo pag.9 Professione Donna Piccole donne crescono. di Piera Marini pag.13 La nostra libreria di Daniela Patruno pag.16 Da ricordare e non perdere di Laura Tartero e Roberta Scrosati pag.21 Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati

2 Editoriale del Presidente di Paolo Citterio Innanzi tutto un ringraziamento assolutamente sentito e sincero al caro amico e collega Pietro Scardillo, Direttore Editoriale della rivista on-line HR Time della nostra Associazione, che purtroppo ci ha comunicato di non poter mantenere il suo incarico a causa di una serie di impegni, che non gli consentono più di avere il tempo necessario per seguire la pubblicazione trimestrale con la professionalità, la precisione, la dedizione e la passione che lo contraddistinguono. Nei dieci numeri pubblicati in quasi tre anni ho avuto l occasione di apprezzare elaborati di grande interesse professionale e contributi di nostri colleghi, che Scardillo è riuscito a coinvolgere nell attività editoriale, mirati a socializzare esperienze, valutare tematiche complesse e di attualità, segnalare e valutare le nuove tendenze della nostra professione, comunicare aggiornamenti non solo professionali, ma anche culturali. Mi farebbe molto piacere continuare a pubblicare la rivista, ma per poter continuare occorre senz altro designare un successore di Scardillo che, con altrettanto entusiasmo, passione e professionalità, diriga la pubblicazione. L ideale sarebbe identificare un nuovo Direttore Editoriale, che sappia anche costituire un Comitato Editoriale solido, i cui membri si spartiscano l onere del lavoro che una rivista, anche se semplice come la nostra, comunque richiede. Mi rivolgo pertanto a tutti voi, collaboratori di HR Time e colleghi vicini a G.I.D.P., per richiedere il vostro prezioso contributo, attraverso proposte, suggerimenti, commenti e quant altro. Attendo con fiducia. Grazie e a presto, con il prossimo numero! Paolo Citterio Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 1

3 Editoriale di saluto di Pietro Scardillo Cari Amici, questo è il decimo numero di HR Time con la mia direzione editoriale e con il quale concludo questa bella avventura, che mi ha impegnato ogni tre mesi ad offrire agli associati di GIDP un opportunità di lettura di aggiornamento e di approfondimento su alcuni temi inerenti le problematiche connesse, direttamente o indirettamente, alla gestione e sviluppo delle HR. Fondamentali sono stati i contributi di tutti coloro che hanno scritto gli articoli o che hanno curato alcune sistematiche rubriche fisse del periodico. A tutti va il mio particolare e sentito ringraziamento e desidero qui nominarli, secondo l ordine cronologico di intervento in corrispondenza delle varie rubriche, come segno concreto di riconoscenza ed apprezzamento: Giuseppe Fumagalli, Piera Marini, Luigi dell Olio, Pietro Ichino, Piero Quaroni, Daniela Patruno, Luca Ferrari, Elena Carinelli, Roberta Scrosati, Michele Tiraboschi, Sabrina Pagani, Alessandra Bertoli, Mino Schianchi, Michele Bignami, Luca Solari, Luca Barbieri, Marco Crippa, Domenico Famà, Gianni Diamanti, Rosario Sica, Maurizio Quarta, Patrizia Turri, Anita Vanzetto, Guglielmo Burragato, Laura Tartero, Maria Teresa Pezzoni, Elisabetta Tavazzi. Le mie interviste ai colleghi HR Manager, nei dieci numeri, sono state rivolte a Antonio Limardi, Massimo Bufacchi, Patrizia Bonometti, Laura Bruno, Maria Laura Gortan, Patrizia Turri, Alessandro Lagazio, Paola Pesatori, Angelo Paolillo, Dino Ruta. Sono stati recensiti circa 50 libri di attualità nel campo del lavoro in senso lato, grazie all impegno di Daniela Patruno e Luca Ferrari. Vi è stata una serie ininterrotta di dieci articoli particolarmente interessanti ed originali sui problemi della donna a cura di Piera Marini. Devo ringraziare il Presidente Paolo Citterio, che ha mi ha concesso grande fiducia e piena libertà di scelta editoriale. Non posso che augurare al mio successore eccellenti risultati per il suo impegno e per il suo rapporto con i lettori, ai quali non posso che rivolgere un riconoscente ringraziamento per aver avuto la pazienza di ricevere i dieci numeri di HR Time senza brontolare troppo. Ciao a tutti Pietro Scardillo Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 2

4 Ricerca e internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier A distanza di 15 anni dall uscita del libro The War for Talent di McKinsey (1997), le pratiche e politiche di gestione di Talent Management (da qui in avanti TM) stanno cominciando a diffondersi sempre più anche tra le imprese italiane, producendo effetti visibili ed impattando in molti casi sulla stessa cultura organizzativa. Il compito di riconoscere i talenti in azienda e svilupparli non è più un incarico da delegare Vittorio Maffei Francesco Venier alla funzione HR, ma diventa priorità di tutto il management per garantire il successo e probabilmente la stessa sopravvivenza delle realtà aziendali nei prossimi anni. Ne è ben consapevole InfoJobs.it, numero 1 in Italia per il recruiting online (www.infojobs.it) e valido consulente per aziende e responsabili HR che, dando seguito all indagine condotta già nel 2010, è tornata ad occuparsi di Talent Management con l edizione 2011 del Premio InfoJobs.it¹ Gestione dei Talenti. Identificare, motivare e trattenere il capitale umano. Grazie ad una survey propedeutica realizzata su un campione di 106 aziende italiane medio-grandi (in numerosi casi con oltre dipendenti). Si è potuto esaminare e approfondire il significato dato al concetto di talento in Italia, per giungere ad una sua più precisa definizione, indagando sulla capacità delle aziende di capire e valorizzare i talenti di ogni singola risorsa, riconoscendone potenzialità e merito. L indagine conoscitiva è stata elaborata tra settembre e ottobre 2011 con il supporto del Prof. Francesco Vernier, Direttore Divisione Executive Education, MIB School of Management dell Università di Trieste. Vittorio Maffei, Managing Director di InfoJobs.it e lo stesso Professor Venier ne riassumono i risultati. Gestione dei talenti in tempo di crisi Un primo elemento sul quale abbiamo voluto indagare è stata la contestualizzazione del tema del TM nell ambito della difficile situazione economico-finanziaria che attraversa l'impresa in questa fase di crisi del sistema economico occidentale: l indagine evidenzia una correlazione positiva tra l utilizzo di pratiche esplicite di TM (ossia il punteggio medio ottenuto nei questionari) e le performance dell impresa in termini di tassi di crescita sui mercati. Le aziende con la maggiore valutazione del proprio sistema di TM sono quelle che hanno meno risentito della crisi, seguite dal gruppo di quelle attualmente ¹InfoJobs.it, la principale realtà in Italia ed in Europa nel settore del recruiting online, ha promosso la realizzazione dell indagine conoscitiva per la II edizione del Premio Gestione dei Talenti. Identificare, motivare e trattenere il capitale umano, riconoscimento assegnato nell ambito dei Knowità Management Awards all impresa Elica Group in occasione dell edizione 2011 del Top Management Forum organizzato da Knowità. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 3

5 Ricerca e internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier in fase di recupero, che a loro volta presentano un punteggio medio nettamente migliore di quello delle imprese ancora in recessione. Questi dati, più di tante parole, evidenziano come gli investimenti in capitale umano abbiano un impatto reale sui risultati di mercato dell'impresa e sulla sua capacità di far fronte alle sfide competitive poste da ambienti sempre più turbolenti ed imprevedibili. Un altra significativa correlazione da evidenziare è quella che lega i più alti punteggi assegnati alle politiche di TM alla gestione dei talenti come compito attribuito ai capi diretti (38% delle aziende intervistate) e ai responsabili di funzione, a testimonianza del fatto che un sistema di TM pervasivo e diffuso in tutto il business, e non più relegato alla mera funzione HR, sia la pratica che ha prodotto i migliori risultati in termini di performance anche di fronte a congiunture sfavorevoli. Talento: risorsa scarsa o sviluppabile In letteratura troviamo due distinti approcci al TM, fondati su due concezioni opposte di talento. La prima vede il talento come una risorsa rara posseduta da pochissimi eletti, una elite chiusa di predestinati che l azienda deve coltivare e sviluppare contendendoli ai competitor. La seconda, diversamente, ritiene che ognuno possieda un potenziale elevato in determinati ambiti ed il ruolo dei sistemi di TM deve essere quello di individuare tali ambiti e creare le condizioni affinché i talenti si manifestino appieno generando valore per l impresa e per le persone. Questa ultima visione del talento è dominante tra le imprese italiane: il 77% delle aziende considera infatti il pool di talenti come un gruppo aperto, da cui si entra o si esce a seconda dell acquisizione e mantenimento di determinate caratteristiche e competenze critiche. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 4

6 Ricerca e internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier Come si identifica un talento? Qual è l efficacia e la priorità del TM per il prossimo futuro? Passando ai criteri usati per l identificazione dei talenti, si rileva che, secondo le imprese del campione, le caratteristiche fondamentali sono legate alle competenze tecniche (37%) ed attitudini caratteriali (29%) e di leadership (24%), mettendo in secondo piano gli aspetti valoriali (16%) e le pregresse esperienze professionali (12%). Tali risultati, se raggruppati in tre macro aree (Competenze e Performance, Attitudine al Cambiamento e Leadership Autorevolezza) sono in assoluta continuità con le conclusioni del Il mix risulta quest anno ancora più bilanciato, essendosi ridotta l importanza conferita all attitudine al cambiamento (dal 37% nel 2010 al 29% nel 2011, - 8%), in favore di leadership e autorevolezza (dal 27% al 36%, +9%) e competenze e performance (dal 29% al 35%, +6%). Risultati Survey 2010 Risultati Survey 2011 Alla domanda su quale grado di priorità l azienda attribuisca oggi ai processi di TM, solo il 27% risponde alta ma, alla stessa domanda riferita alla situazione fra 3-5 anni, la priorità cresce diventando alta nel 48% dei casi. Tuttavia, il giudizio sull efficacia dei sistemi di TM della propria impresa è in chiaroscuro; in particolare, la fiducia è medio-bassa riguardo alla capacità dell azienda di gestire i cambiamenti demografici (76%) e la successione del. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 5

7 Ricerca e internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier management (70%), mentre è alta rispetto alla capacità dell impresa di trattenere i talenti (51%) e di gestire al meglio le loro performance (47%), attraverso adeguate policy di compensation. Ma il criterio principale di efficacia del TM è la sua capacità di evitare lo skill shortage. Il fatto che il 41% degli intervistati dichiari che la propria azienda non riuscirà ad evitarlo in futuro indica che nei prossimi anni molte imprese rischiano di dover gestire un differenziale negativo tra talenti necessari al funzionamento dell impresa e quelli disponibili al suo interno (talent gap), determinato dalle fisiologiche uscite di personale competente non facilmente rimpiazzabile a causa della scarsità di competenze specifiche sul mercato del lavoro e della difficoltà a reperirvi persone adeguatamente preparate. I talenti da sostituire non riguardano solo top e middle management (26%) o tecnici specializzati (20%), che sono i canonici target dei sistemi di TM, ma anche la categoria di impiegati (26%) e operai (6%), a testimonianza dell alta complessità dei processi produttivi delle aziende intervistate e, verosimilmente, di una inadeguatezza del sistema scolastico ed universitario italiani rispetto alle esigenze delle imprese. Conclusione Senza dubbio, se comparato a quello delle imprese dei paesi anglosassoni dove il TM è nato e si è sviluppato (Survey Mercer, 2010), l'approccio italiano al Talent Management è ancora un passo indietro, sebbene la nostra ricerca abbia evidenziato che il 42% delle imprese intervistate sta investendo nello sviluppo di questo sistema. InfoJobs.it (http://www.infojobs.it/home_employer.xhtml), osservatorio privilegiato sul mondo del lavoro, indica che c è ancora molta strada da fare, ma la consapevolezza sempre più diffusa della centralità del TM, quale pilastro delle performance dell impresa e della sostenibilità/adattabilità del suo business model, aiuterà le imprese italiane a percorrerla rapidamente. I risultati completi della survey sono disponibili a questa pagina: Per maggiori informazioni su InfoJobs.it: Vittorio Maffei e Francesco Venier Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 6

8 Organizzazione e Management, oggi Strumenti e comportamenti che fanno crescere le imprese di Mino Schianchi Le imprese in questi ultimi anni per superare la crisi economica si sono focalizzate sulla riduzione dei costi e sull efficienza operativa. Dopo aver riportato in equilibrio la loro gestione, per uscire dalla crisi e ricominciare a crescere le imprese dovranno dedicare più energie e risorse alla loro espansione su nuovi mercati e alla messa a punto di nuovi prodotti e servizi. Per raggiungere questo obiettivo, dovranno aumentare la flessibilità organizzativa intervenendo sui fattori che la condizionano: in particolare, migliorando la capacità previsionale della domanda; adeguando rapidamente la quantità e qualità della forza lavoro ai piani operativi; sincronizzando persone, tempi ed opportunità. Per far fronte efficacemente alle fluttuazioni produttive, occorrerà anche disporre all interno dell azienda di informazioni complete ed integrate di tutta la forza lavoro, indipendentemente dal rapporto contrattuale in essere ( personale interno, personale somministrato, collaboratori esterni, partner in outsourcing, ecc.), che non si limitino al numero di persone, ma considerino anche la loro professionalità e la loro dislocazione fisica. Oggi in molti casi tutte queste informazioni sono raccolte in modo frammentato da diverse funzioni aziendali: Risorse Umane, Produzione, Acquisti, ecc., senza che nessuno abbia una visione unitaria ed integrata delle stesse. Per poter impiegare in modo ottimale il personale e non mettere a rischio le possibilità di crescita, devono quindi essere eliminati i compartimenti stagni e le barriere funzionali e devono essere incoraggiati e premiati i comportamenti di collaborazione e di condivisione delle informazioni. Negli ultimi anni le aziende hanno applicato, in modo deciso e talvolta minacciante, stili di leadership tipici dei momenti di crisi, tradizionalmente centrati su azioni di concentrazione, accentramento e controllo; hanno chiesto a tutti i collaboratori adesione totale verso la razionalizzazione, senza però offrire agli stessi prospettive e sicurezze per il futuro con conseguenze negative sul loro grado di motivazione e spirito di appartenenza. Ora le aziende devono recuperare la dimensione sociale ed umana dei rapporti interpersonali, creare reti di contatti allargate, far emergere lo scambio di conoscenze tacite, incoraggiare la trasparenza, la fiducia reciproca. La collaborazione e la condivisione delle informazioni sono essenziali per stimolare la produttività e l innovazione, per accelerare la risposta alle opportunità, per aumentare le competenze del personale, per diffondere le best practices e favorire il miglioramento continuo di tutta l organizzazione attraverso le conoscenze acquisite. E importante quindi poter disporre di strumenti di comunicazione e di collaborazione adeguati per accedere agevolmente alle informazioni disponibili. Purtroppo, nonostante che l ampia diffusione delle connessioni internet ad alta velocità abbia abbattuto le barriere del tempo e della distanza e nonostante che molti confini all interno della società e del commercio vadano scomparendo, le aziende devono ancora superare diversi ostacoli - funzionali, culturali, geografici, generazionali, informativi per poter cogliere appieno le opportunità emergenti. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 7

9 Organizzazione e Management, oggi Strumenti e comportamenti che fanno crescere le imprese di Mino Schianchi Nelle imprese vi è consapevolezza che per accelerare l evoluzione dell organizzazione occorre investire in nuovi strumenti di comunicazione e collaborazione, quali, ad esempio il web 2.0. Infatti, questi strumenti favoriscono dinamiche collaborative trasversali con interazioni veloci e dirette tra le persone; rendono i processi più snelli e adattativi; supportano nuove forme di lavoro a distanza ed in mobilità; valorizzano la dimensione sociale e umana delle relazioni interpersonali; danno maggiore accesso a informazioni interne ed esterne; stimolano lo sviluppo e la diffusione della conoscenza. Recenti ricerche del Politecnico di Milano hanno, però, evidenziato che l utilizzo reale di questi strumenti a supporto dei processi di gestione aziendali, anche quando sono disponibili, è ancora piuttosto limitato. La crescita delle imprese dipende in buona parte dalla motivazione, dalle competenze e dalla collaborazione delle persone, che sono le leve sulle quali gli strumenti 2.0 possono agire concretamente; ma non basta. Per ottenere risultati positivi nel dinamico ed ultracompetitivo mercato globale di oggi le imprese devono integrare creatività, flessibilità e rapidità; devono fare crescere leader creativi capaci di gestire ambienti complessi, capaci di mobilitare rapidamente il personale, capaci di valorizzare l intelligenza collettiva. I leader di domani dovranno essere dotati della creatività necessaria per adattarsi ad un ambiente in costante cambiamento, possedere la forza, le conoscenze e le competenze per fronteggiare un mondo sempre più complesso, dovranno essere in grado di incoraggiare la partecipazione dei collaboratori ai processi decisionali e di superare le differenze culturali e generazionali, utilizzando gli stili ed i canali di comunicazione più appropriati al contesto. I leader di domani dovranno avere la capacità di mettere in discussione ogni aspetto dell attuale modello di business per individuare le opportunità ancora da sfruttare; dovranno avere la capacità di focalizzarsi sul quadro complessivo e di ottimizzare le competenze collettive. Le imprese lungimiranti hanno ben presente che è indispensabile per loro potersi avvalere di leader con queste caratteristiche, capaci di guidarle verso un percorso di crescita. Stanno quindi dedicando attenzione alla comprensione delle competenze, che serviranno per dirigere l azienda in contesti globali, e stanno investendo risorse per rendere operativi processi e strumenti idonei a reperire, formare e mantenere in azienda giovani ad alto potenziale di sviluppo. Mino Schianchi Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 8

10 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta, Direttore Master OP dell Università Bocconi e Coordinatore del percorso HR Manager di SDA Bocconi di Pietro Scardillo L offerta formativa dell Università Bocconi in ambito risorse umane è ampia e articolata, frutto di una faculty impegnata da anni su questi temi in termini di ricerca e di didattica. Attualmente è in corso la decima edizione del master universitario di primo livello in Organizzazione e Personale (master OP) per giovani laureati, progettato e realizzato dalla Scuola Graduate dell Università Bocconi, di cui è direttore il professor Dino Ruta. I principali momenti formativi sono la didattica in aula, le testimonianze e le docenze aziendali, le company visit, la preparazione individuale, lo stage aziendale. La didattica d aula si articola in sei aree: strategia, organizzazione, comportamento organizzativo, gestione delle risorse umane, relazioni industriali, tecnologie. Dal 2009 Bosch, Pirelli,La Rinascente e Telecom Italia hanno ospitato i partecipanti al master e presentato loro le strategie di business e quelle HR. Il 98% dei partecipanti alle precedenti edizioni è attualmente occupato e distribuito per il 39% nell industria,per il 21% nelle aziende che forniscono servizi alle imprese, per il 19% nel settore dell intermediazione finanziaria. Sempre in omaggio alla statistica e alla presentazione dell efficacia di questo master, vale la pena di segnalare che il 32% dei partecipanti all edizione del 2003 e il 17,2% dell edizione 2004 attualmente ricoprono posizioni di responsabilità a livello direttivo. L Università Bocconi, attraverso Dino Ruta, promuove ed effettua in SDA anche iniziative orientate a dirigenti e manager della Direzione del Personale, progettate sulla base di un proprio ed originale modello di competenze, che ispira concettualmente la linea didattica. Tre sono i segmenti di intervento: - il corso base HR fornisce le basi della progettazione della funzione e del disegno dei principali processi; - i corsi avanzati HR sviluppano tematiche di frontiera; - i corsi specialistici HR sono dedicati ai processi chiave della funzione (meritocrazia e produttività, fare selezione, sviluppare le risorse umane). Questi programmi di formazione, opportunamente combinati, danno la possibilità ai partecipanti di completare un percorso di HR Manager con relativa certificazione da parte della Scuola di management delle competenze acquisite. Le iniziative a disposizione della comunità HR si completano anche con l Executive Master in Strategic Human Resource Management e con i Meeting HR Leaders, entrambi svolti in lingua inglese. Questi ultimi sono incontri, ad Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 9

11 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta, Direttore Master OP dell Università Bocconi e Coordinatore del percorso HR Manager di SDA Bocconi di Pietro Scardillo invito, con ospiti internazionali che presentano dati ed evidenze su temi HR di attualità. L Università Bocconi offre una varietà di iniziative in tema HR, dal master universitario alle iniziative di profilo internazionale, con l obiettivo ultimo di accogliere e soddisfare le esigenze della funzione HR nel suo insieme. Ho chiesto a Dino Ruta, che ho incontrato nel suo studio bocconiano, di spiegare il modello di competenze che sta alla base della filosofia metodologica dell iniziative promosse nei corsi di formazione HR. É nostra intenzione stimolare le persone, interessate a frequentare corsi di formazione HR in SDA Bocconi, a intraprendere un percorso di sviluppo di competenze attraverso la frequenza di più programmi. In linea con i canoni internazionali noi abbiamo sviluppato il nostro modello di competenze HR, che vede al centro il concetto di CREDIBILITA DELLA FUNZIONE HR, intesa come la capacità di generare fiducia negli attori interni ed esterni al contesto di riferimento. Questo deve attuarsi, sapendo gestire un sistema di relazioni con autorevolezza partendo naturalmente dalla conoscenza delle tecniche in tema di risorse umane. La credibilità è alla base delle relazioni: direttamente con i clienti interni (i collaboratori) e indirettamente con i clienti esterni all azienda (gli effettivi acquirenti dei prodotti/servizi); con il complesso sviluppo dell attività di business dell impresa; con gli interessi e le esigenze degli stakeholders, interlocutori fondamentali nella logica della responsabilità sociale di impresa; con le più evolute tecnologie di comunicazione; con la capacità di adottare logiche avanzate di misurazione dei principali comportamenti organizzativi. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 10

12 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta, Direttore Master OP dell Università Bocconi e Coordinatore del percorso HR Manager di SDA Bocconi di Pietro Scardillo Come vedi il ruolo del direttore del personale nella situazione di crisi che stiamo vivendo? La crisi ci impone di avere maggiore coraggio e maggiore responsabilità. Ho visto negli ultimi dieci anni un consolidamento e in taluni casi un irrigidimento delle risorse umane sui processi, che, per quanto utili, non devono far perdere di vista che stiamo parlando di persone. Il direttore del personale deve avere la responsabilità e il coraggio di saper individuare le persone utili al successo di impresa, nel breve e lungo periodo. Nella metafora sportiva io vedo il direttore del personale come un allenatore, che é in grado di comprare il giovane, farlo crescere fino a farlo giocare in prima squadra, che decide di mandar via anche un campione, perché non è in linea con i valori della squadra. Il direttore del personale deve conoscere le potenzialità di sviluppo delle persone in grado di affermarsi nel proprio contesto aziendale. Questo significa avere coraggio, perché bisogna decidere la scelta delle persone ritenute valide nell ambito di un gruppo, in modo da costruire la squadra dell azienda. Il direttore del personale deve essere il garante dei valori aziendali sia quando sviluppa le persone, sia quando decide di dover far a meno di alcuni collaboratori. Mi rendo conto che possa trovarsi assolutamente molto solo nelle decisioni cruciali, specialmente quando deve prendere delle decisioni molto dure, che hanno un impatto forte sulla vita degli altri. Questo significa vivere degli stress emotivi abbastanza struggenti. E per ricondurmi al modello di competenze, di cui abbiamo parlato, la persona che si comporta così è credibile ed è un leader. In definitiva il direttore del personale deve essere il garante della qualità e del valore delle persone e dell organizzazione, non il garante del funzionamento dei processi, soprattutto in situazioni di emergenza e di crisi. Quale suggerimento daresti al direttore del personale nella contingenza attuale? Con meno risorse a disposizione il direttore del personale deve sbagliare sempre meno: le persone che ha nella propria organizzazione e quelle che inserisce devono rendere al massimo. In periodo di crisi si hanno meno risorse ed allora occorre aumentare la produttività di quelle disponibili. C è quindi maggiore tensione nel non sbagliare la scelta delle persone e nella corretta taratura dei livelli retributivi rispetto ai risultati della performance, al confronto con il mercato, alla sostenibilità aziendale. Una raccomandazione, che mi permetto di rivolgere ai direttori del personale, è che è importante che sappiano cosa vogliono i loro clienti colleghi, avendo presente il modello di competenze già illustrato, che rappresenta una sintesi di interfunzionalità con tutte le parti con cui gli HR managers devono sapersi Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 11

13 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta, Direttore Master OP dell Università Bocconi e Coordinatore del percorso HR Manager di SDA Bocconi di Pietro Scardillo relazionare, mettendo in gioco la loro credibilità, nell ottica della reciprocità e dello scambio. E necessario che si allenino sui temi della fiducia, della negoziazione, della gestione delle relazioni, con una spiccata propensione all apprendimento continuo delle competenze comportamentali e manageriali, ricordando che l obiettivo è fare squadra nel proprio contesto, aumentando la propria legittimazione nei confronti delle altre funzioni e non adempiendo ai processi, che è un fatto strumentale. E, poiché a me piace coniugare la ricerca e la formazione del management delle risorse umane con quelle del mondo sportivo, riprendo una citazione del libro che ho scritto con Paolo Guenzi Team leadership. Idee e azioni tra sport e management : L allenatore è un ruolo sempre al centro dell attenzione che può fare la differenza nei club, perché è responsabile del progetto e ha il compito di guidare atleti e società proprio come un team leader in altri contesti. Pietro Scardillo Dino Ruta è direttore del Master in Organizzazione e Personale dell Università Bocconi. E anche coordinatore del percorso HR Manager e dei Meeting HR Leaders. Sempre in SDA Bocconi si occupa anche di temi di management dello sport in qualità di Scientific Director del FIFA Master in Management, Humanities e Law dello Sport e della Sport Business Academy. Ha avuto modo di studiare e lavorare all estero e di recente, nel 2008, è stato visiting professor presso la Rutgers University presso la School of Management and Labour Relations. I suoi interessi di ricerca sono legati alla gestione strategica delle risorse umane nel settore delle imprese e in particolare in ambito sportivo. Le sue pubblicazioni sono apparse sulle seguenti riviste internazionali: Human Resource Management, International Journal of Human Resource Management, International Journal of Learning and Intellectual Capital e ha scritto per i seguenti editori: Edward Elgar Publishing, Kluwer Academic Publishers e Wiley. Al momento sta lavorando alle seguenti due pubblicazioni: Ruta D., Holt R., (Eds) (2012, in press) The Routledge Handbook of Sport and Legacy: Meeting the Challenge of Major Sport Events. Manuscript in preparation for Routledge, Sport and Leisure studies. Ruta D., Guenzi P. (2012, in press) Leading Teams: managerial lessons from sport coaches, Wiley. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 12

14 Professione Donna PICCOLE DONNE CRESCONO Quali donne domani? di Piera Marini Piccole Escort, Giochiamo con l eros, Se una pubblicità usa il corpo delle bambine : sono solo alcuni titoli di articoli comparsi su giornali e riviste in tempi recenti. Non si tratta di testate scandalistiche indirizzate a particolari tipologie di lettori ma di servizi seri, comparsi su L Espresso e Il Corriere della Sera, mirati ad attirare l attenzione su un costume che sembra stia dilagando nel mondo. Riassumo sinteticamente, senza alcun apporto personale, il contenuto dei servizi citati. Vi si dice che i bambini iniziano molto presto ad avvicinarsi ai siti hard; in Cina una indagine del China Youth Daily ha raccontato che la stragrande maggioranza dei pre-adolescenti naviga per ore sul Web alla ricerca di sesso. In molti altri Paesi si verificano gli stessi fenomeni. In Italia, la Società Italiana di Pediatria ha reso noti numeri non così rilevanti come altrove: da una indagine condotta tra i giovani sembra infatti che il 7,5% - nella fascia di età tra i 12 e i 14 anni abbia pubblicato su Internet foto provocanti. Mentre, secondo una ricerca sull infanzia e adolescenza fatta da Telefono Azzurro - Eurispes, un bambino su cinque rivela di cercare su You Tube video con scene di sesso o violenza. In uno dei servizi citati i riflettori puntano l attenzione su un fenomeno che né la cronaca né le statistiche hanno ancora saputo raccontare: è il fenomeno della prostituzione tra meno che minori, ovvero bambine dai 10 ai 13 anni, che barattano il proprio corpo con una ricarica telefonica, qualche euro, bijoux da nulla, entrando involontariamente nella trappola dei pedofili. Marida Lombardo Pijola, inviato speciale del Messaggero, ha scritto molto sull argomento lanciando un allarme con un libro (1) che racconta storie di bambine praticamente in vendita; ha puntato l indice su un mondo, ignorato dai più, che riproduce l organizzazione degli adulti (escort, sfruttatori, utilizzatori ecc.). Questo mondo sembra sia sconosciuto a genitori ed educatori. In Francia, dove una certa pubblicità ha provocato un forte dibattito, perché un azienda ha lanciato una linea di biancheria intima per bimbe da 4 a 12 anni, pensata per il mercato USA ed ha utilizzato una bimba, che si pone dinanzi all obiettivo con gli atteggiamenti di una adulta consapevole di quello che l economista londinese Catherine Hakim ha definito capitale erotico. Un altro acceso dibattito aveva preceduto di poco quello ora riferito: Vogue France aveva pubblicato le foto in pose sexy di una bambina di 10 anni. La reazione dell opinione pubblica francese era stata molto forte e Vogue aveva licenziato la capo redattrice moda, non si sa bene se per un ravvedimento o per non perdere inserzionisti importanti. Ricordando la linea di biancheria pensata in Francia per il mercato USA, cambiamo continente e andiamo a vedere che cosa succede negli States: dal mondo del cinema ci arriva la notizia che alcuni bambini, figli di attori molto noti, hanno una paghetta settimanale che va dai dollari di una bambina di 8 anni, figlia di Kate Moss, ai dollari per Suri Cruise (4 anni), che la piccola utilizza per vestirsi e truccarsi. Fino a poco tempo fa si additava la Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 13

15 Professione Donna PICCOLE DONNE CRESCONO Quali donne domani? di Piera Marini Televisione come unica responsabile di un degrado nel costume con i suoi film violenti o morbosi e con molta pubblicità volgare, orientata ad usare il corpo femminile come oggetto di desideri più o meno leciti. Chi ricorda il vecchio Carosello, dove la pubblicità senza ammiccamenti era concentrata in spot anche d autore, ricorda anche che quella era l ultima trasmissione della sera che i bambini erano autorizzati a vedere prima di andare a dormire. La televisione di oggi non offre programmi educativi per ragazzi, ma non ha abdicato al ruolo di cattiva maestra, avendo però una concorrente temibile che è la Rete, dove si possono trovare non solo le volgarità della pubblicità, ma anche quegli stimoli accennati in precedenza. I bambini di oggi sono definiti i nativi digitali ; si muovono quindi con molta disinvoltura sui PC, guardati per questo con ammirazione dai genitori. Sanno però i genitori che è sufficiente un clic per entrare in siti dove il corpo femminile è usato per lanciare messaggi erotici a cui i bambini non sono preparati? Sembra, secondo diverse fonti, che i bambini inizino intorno agli undici anni ad avvicinarsi a visioni porno on-line. E il punto di partenza per giochi erotici con contropartite, a cui ho fatto cenno prima. La sociologa Francesca Zajczyk sostiene che, dietro questi comportamenti, c è la convinzione di esercitare la propria libertà, senza rendersi conto che si sta facendo il gioco altrui: colpisce l assenza di punti di riferimento di questa generazione. D altra parte, se non hai una mappa di valori tutto è consentito. Ma allora, l attuale situazione è da addebitare ai genitori? La Zajczyk sostiene che..forse, ognuno di noi, nei propri ambiti, non ha fatto abbastanza per rileggere criticamente gli anni Ottanta. Sono lì le radici dei comportamenti di oggi: in quegli anni di benessere che esaltavano uno stile di vita edonistico e nei quali la televisione aveva il sopravvento. Li abbiamo messi nel cassetto, abbiamo attraversato i Novanta pensando che quegli eccessi non avrebbero avuto conseguenze. E invece eccoli lì, spuntare nei comportamenti dei giovanissimi. Figli di genitori che hanno costruito l esistenza coltivando, in fondo, dentro di loro, la speranza di quel tipo di successo mediatico, materiale. E una intera generazione ad essere chiamata in causa, padri e madri, ma anche educatori e studiosi. E politici: la politica ha consentito che queste idee penetrassero così rapidamente. Una ricercatrice di OssCom, Centro di Ricerca sui media dell Università Cattolica, sostiene che rispetto agli altri Paesi è più evidente il gap tra comportamento dei ragazzi e percezione dei genitori: i meno consapevoli di ciò che fanno i figli col PC. Se il 40% degli altri genitori esclude che i figli cerchino contenuti pornografici, in Italia la percentuale è del 54%. Ad avallare questi numeri occorre osservare che moltissimi genitori lamentano di non avere accesso alle stanze dei figli, che se ne stanno blindati in camera e chiudono la videata quando un genitore si affaccia. Ribadisco che ho solo riportato scritti e dichiarazioni di altri, impedendomi a fatica, Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 14

16 Professione Donna PICCOLE DONNE CRESCONO Quali donne domani? di Piera Marini di esprimere il mio pensiero sull argomento. E materia troppo delicata per essere liquidata in poche parole. E necessaria una profonda riflessione sui rischi che corre una intera generazione: la riflessione deve coinvolgere la società intera, perché l attuale situazione si potrebbe rappresentare con una piovra: non si sa quale sia il tentacolo più pericoloso perché lo sono tutti. Mi congedo solo una considerazione finale: non sono certamente le donne, che hanno faticato e faticano ancora per conquistarsi una loro dignità, a trarre vantaggi da un pericoloso processo involutivo che coinvolge il genere femminile. Piera Maria Marini (1) Marida Lombardo Pijola Facciamolo a skuola Storie di quasi bimbi Bompiani 2011 (pagine 216, 14 euro) Questa è la storia dei Peter Pan dell era digitale. Bimbi sperduti, anche se dormono sotto il nostro tetto. E cominciata in un Paese di cui sappiamo poco, che ha un nome breve e tronco, web. C era una volta, e c eravamo tutti, ma subito ci siamo addormentati, senza ascoltare il resto della storia. In questa storia i buoni sono pochi. E tra i cattivi ci siamo pure noi. Marida Lombardo Pijola è giornalista, inviata speciale de Il Messaggero. Per Bompiani ha scritto Ho 12 anni faccio la cubista mi chiamano principessa. Storie di bulli, lolite e altri bimbi (2007, quattordici edizioni, quella tascabile aggiornata, è uscita nell ottobre 2011), e il romanzo L età indecente (2009). Per lo stesso editore ha in preparazione un altro romanzo. E opinionista sui principali network nazionali. Tra gli altri riconoscimenti, ha ricevuto una targa da Telefono Azzurro per il suo impegno in favore dei minori. Pugliese, vive a Roma con suo marito e i suoi tre figli. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 15

17 La Nostra Libreria Proposte di lettura di Daniela Patruno In questo numero presentiamo tre proposte di lettura, articolate su cinque libri: i primi due sono dedicati alla riflessione sulle parole, quali strumenti di pensiero e di relazione nel lavoro e nel nostro quotidiano, con le loro ambiguità, con le loro radici nel passato e con il loro nuovi significati. Seguono due libri volti a presentare i risultati di ricerche, che riguardano il ruolo delle Direzioni HR nei prossimi anni e che segnalano sfide, problemi emergenti, nuovi strumenti e nuove competenze. Concludiamo con un saggio basato su interviste realizzate a donne di successo, che qui appaiono con le loro qualità e soprattutto con la loro capacità di produrre valore d impresa, introducendo il così detto effetto D. Tutti i volumi sono stati dedicati ad un pubblico (non solo di specialisti), interessato a confrontarsi con le esperienze e le riflessioni proposte dagli autori. Le parole del manager L attività, che ciascuno svolge nel mondo del lavoro, trova nell uso delle parole lo strumento per esprimersi, per confrontarsi, per costruire pensieri condivisi e scelte comuni. Ecco perché proponiamo due testi che riflettono sull uso delle parole. L uno ha come riferimento la filosofia e la convivenza democratica, l altro il mondo del lavoro. Sperling&Kupfer Editori Pagine 255 euro 16,50 Salvatore Veca, per descrivere una società giusta, che prevede il pluralismo dei valori, il confronto e la diversità, ritiene non servano molte parole: ne ha scelte dodici, sufficienti a delimitare i confini e a stabilire i punti fermi. Termini - quali libertà e giustizia, democrazia e laicità, tolleranza e rispetto - denotano anche principi fondamentali, ai quali si ispirano le nostre scelte politiche oltre che morali. Questo perchè sempre più oggi siamo sollecitati da questioni finora sconosciute o rimaste in ombra, che mettono in discussione i nostri tradizionali quadri di riferimento, suscitando a volte scontri e polemiche. Alcuni esempi sono: i problemi del multiculturalismo; i dubbi sorti come effetti del progresso scientifico; l'esigenza di ripensare regole, diritti e istituzioni stabilite localmente, nell'ambito delle nazioni. Nei momenti critici, quando i criteri del giudizio sul giusto e sull'ingiusto risultano incerti; quando i concetti appaiono confusi, il richiamo a definizioni rigorose e ad analisi coerenti può risultare un buon punto di partenza per rinforzare la nostra consapevolezza di cittadini. Pertanto, questo testo può risultare un esercizio interessante per chi è convinto che la democrazia richieda una costante opera di manutenzione e che la riflessione filosofica supporti la possibilità di costruire una cultura del confronto e del rispetto reciproco. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 16

18 La Nostra Libreria Proposte di lettura di Daniela Patruno Guerini e Associati Pagine 178 euro 17,50 Francesco Varanini nel 2006 aveva pubblicato un libro dedicato alle parole dell impresa, mentre questa volta indica l azienda, proprio per evocare un territorio dove si incontrano interessi diversi, punto di incontro per costruire collaborazione, reciproco riconoscimento, patto. A ciascuna parola vengono dedicate due pagine, destinate a ricostruire la storia etimologica nel cui contesto la parola considerata si è sviluppata. L esercizio proposto è quello di trovare stimoli e di allargare lo sguardo. L autore si augura che il lettore si ponga con atteggiamento curioso, che, secondo la radice etimologica latina, significa prendersi cura delle persone, dei progetti considerati importanti e di ulteriori possibilità di impegno. Infatti, tra le parole che l autore annovera, ve ne sono alcune che non necessariamente sono così usate come immaginazione, sostenibilità, cura, diversità, speranza. Ed anche voci che oggi tornano a narrare di concetti importanti sui quali può essere utile riportare l attenzione quali per esempio: libertà, solidarietà, comunità, proprietà. Le prospettive delle HR nel 2020 Le sfide ed i problemi emergenti per le HR nel prossimo decennio, secondo Domenico De Masi, riguarderanno il rapporto con il business, la gestione dei tempi e dei luoghi di lavoro in un contesto molto sensibile sul piano ecologico, i valori, la cultura,l etica, la gestione delle diversità, il clima aziendale e la motivazione individuale. I valori sempre più presenti nel mondo delle imprese saranno nell ordine: la flessibilità, lo spirito imprenditoriale, la produttività, le pari opportunità,la pluralità culturale, la responsabilità sociale, il tempo, la trasparenza, la condivisione. Tra i temi, che impegneranno sempre di più i manager delle HR, secondo Marco Guerci, emerge quello dello sviluppo sostenibile, che contemperi la soddisfazione dei bisogni e dei desideri della generazione presente con le legittime opportunità da riservare alle generazioni future. Recenti ricerche in materia dimostrano come concretamente il sistema di gestione aziendale delle risorse umane possa contribuire alla sostenibilità dell impresa. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 17

19 La Nostra Libreria Proposte di lettura di Daniela Patruno Guerini e Associati Pagine 247 euro 19,50 Franco Angeli editore Pagine 384 euro 40- anche in versione ebook Nel libro di De Masi si prevede che nel 2020 le imprese impiegheranno una forza lavoro del tutto diversa per cultura e skill. Useranno tecnologie e metodi gestionali più evoluti, dedicandosi a business che oggi appena si intravedono. Come deve modificarsi la funzione HR, per far fronte a questi cambiamenti? Quali saranno le competenze richieste ai dirigenti ed ai professionisti delle HR? Il libro è il risultato di una ricerca realizzata tramite il metodo Delphi con 15 esperti HR. Parte da alcune riflessioni che riguardano il recente passato (dal declino al disorientamento) per arrivare ad individuare prospettive per il 2020 della Direzione HR. Ecco alcune sfide e problemi emergenti: 1. Il reclutamento e la selezione coerenti con il business ed azioni formative ad hoc e ben finalizzate 2. La capacità di offrire un valore aggiunto tramite la motivazione delle risorse umane in grado di fare la differenza, sapendo far emergere la meritocrazia e proponendo pacchetti di benefit driven (volti ad offrire risposte ai bisogni quali i servizi alla persona, alla conciliazione tra vita professionale e vita privata) Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 18

20 La Nostra Libreria Proposte di lettura di Daniela Patruno 3. La capacità di incidere sulla catena del valore attraverso lo sviluppo di relazioni con gli stakeholders ed il supporto allo sviluppo della leadership 4. La capacità di gestire le diversità, sapendo curare il clima organizzativo con azioni di coaching sulla linea, con attenzione focalizzata su singoli e su gruppi specifici. A fianco di questi temi vengono poi proposti strumenti ed elencate competenze ritenute necessarie a chi opera nella Direzione HR, fra le quali spicca la capacità comunicativa e relazionale. Infine il libro si conclude con la raccolta delle riflessioni dei protagonisti che hanno partecipato alla ricerca e che permette di approfondire il pensiero e la visione di ciascuno. Il libro di Marco Guerci parte dal concetto di sviluppo sostenibile, inteso come modello di sviluppo che consente alle generazioni presenti di soddisfare i propri bisogni e i desideri, senza precludere alcuna opportunità alle generazioni future. Ciò porta a riflettere sull impatto che tale approccio ha sulla vita aziendale. Il volume si propone tre obiettivi specifici: sensibilizzare il lettore verso il tema della sostenibilità aziendale; approfondire, attraverso la presentazione di indagini esplorative realizzate in Italia, come la Direzione Risorse umane possa contribuire a tale obiettivo (cioè il cosa ), focalizzare come la Direzione HR deve operare (cioè il come). Tutto questo porta a evidenziare come la professionalità legata alla gestione delle risorse umane nel futuro comporterà sempre maggiori connessioni con le tematiche della sostenibilità. La presentazione dei dati della ricerca realizzata in Italia permette agli autori di evidenziare come la gestione multistakeholder sia stata realizzata sino ad oggi; mentre per il futuro vengono presentate possibili direttrici di sviluppo che potrebbero vedere la possibilità/necessità di una costruzione di una intensa collaborazione tra aziende e business school. Stimolante è dunque la messa in discussione dei confini tradizionali tra studiosi e practitioners, come indica Luca Solari nella prefazione, che porta ad identificare innovative possibili modalità di collaborazione e quindi di co-costruzione tra il mondo accademico e quello praticoaziendale, volte ad identificare nuove modalità per aiutare le organizzazioni a mettersi in discussione ed ad accedere a livelli di lettura nuovi e meglio rispondenti alle attuali e future esigenze. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 19

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Business Administration for Arts and Cultural Events

Business Administration for Arts and Cultural Events Master Courses 2012/2013 Business Administration for Arts and Cultural Events Istituto Europeo di Design Business Administration for Arts and Cultural Events OBIETTIVI Il mondo dell arte e i suoi mercati

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

MEDIA INNOVATION & CHANGE

MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA E DIGITAL COMMUNICATION Programma di sviluppo continuo dell innovazione MEDIA INNOVATION & CHANGE COMUNICAZIONE E CONFUSIONE COMUNICARE OGGI SIGNIFICA POTER SFRUTTARE OPPORTUNITÀ

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MasterOP Master in Organizzazione e personale XII Edizione 2014 MasterOP Master in Organizzazione e personale Le competenze nella gestione delle risorse

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Introduzione. di Gabriella Bagnato 1

Introduzione. di Gabriella Bagnato 1 Introduzione di Gabriella Bagnato 1 «Un altro libro sulla selezione?» è probabilmente la reazione di chi avendo posato lo sguardo su questa pubblicazione, incuriosito dalla copertina ha deciso di leggerne

Dettagli

Human Capital. Conoscere Ideamanagement

Human Capital. Conoscere Ideamanagement Human Capital Conoscere Ideamanagement MISSION & VISION Offrire servizi e soluzioni per aumentare il valore e il rendimento del Capitale Umano. Sviluppare metodologie tra loro coerenti per supportare i

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XIII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XIII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MasterOP Master in Organizzazione e personale XIII Edizione 2015 MasterOP Master in Organizzazione e personale Le competenze nella gestione delle risorse

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Come avviare una consulenza al ruolo?

Come avviare una consulenza al ruolo? Come avviare una consulenza al ruolo? Alcune riflessioni a cura di Daniela Patruno 1. La settimana scorsa ho visto un film appena uscito: Le coach, del regista di O. Doran, con Richard Berry nel ruolo

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale La gestione creativa dei conflitti L ARTE STRATEGICA DI GESTIRE I CONFLITTI (L autodifesa conversazionale) Potenziare la capacità di gestione delle dinamiche conflittuali e di trarre occasioni di crescita

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE

LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE La presente pubblicazione è stata realizzata in collaborazione con Centro Studi Fleet & Mobility e

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

Scuola per Coach Aziendale

Scuola per Coach Aziendale 1 Chi è il Coach Il Coach aiuta i propri clienti a costruire il futuro che desiderano, attivando le risorse necessarie affinché quel futuro diventi realtà. Coloro che richiedono il suo supporto, vengono

Dettagli

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 6 FEBBRAIO 2016. www.timevision.it - info@timevision.

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 6 FEBBRAIO 2016. www.timevision.it - info@timevision. MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 6 FEBBRAIO 2016 www.timevision.it - info@timevision.it TIME VISION Nata nel 2001, TIME VISION è: AGENZIA FORMATIVA accreditata

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

Percorso di sviluppo delle competenze manageriali

Percorso di sviluppo delle competenze manageriali Percorso di sviluppo delle competenze manageriali Il percorso formativo è stato progettato per Responsabili di Primo Livello e di Secondo Livello, impegnati in Organizzazioni di medie e grandi dimensioni

Dettagli

FORUM HR 2014 LARGO AI GIOVANI: PROGETTO «TALENTI» MOTIVAZIONE, COACHING, SVILUPPO PROFESSIONALE E RICOLLOCAZIONE: STRATEGIE CREATIVE

FORUM HR 2014 LARGO AI GIOVANI: PROGETTO «TALENTI» MOTIVAZIONE, COACHING, SVILUPPO PROFESSIONALE E RICOLLOCAZIONE: STRATEGIE CREATIVE FORUM HR 2014 MOTIVAZIONE, COACHING, SVILUPPO PROFESSIONALE E RICOLLOCAZIONE: STRATEGIE CREATIVE LARGO AI GIOVANI: PROGETTO «TALENTI» 19 MAGGIO 2014 WILMA BORELLO _ DIRETTORE CENTRALE AREA STAFF E RISCHI

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso per Responsabili di Unità Organizzative. Da capo a leader: imparare a valorizzare e sviluppare

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Una nuova generazione per l albergo di domani

Una nuova generazione per l albergo di domani I Una nuova generazione per l albergo di domani Indagine su come i giovanni vedono il proprio futuro professionale. Lettura assai utile anche ai senior Il Gruppo Giovani Albergatori sta vivendo una stagione

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti DGR n. 37 del 19/01/2016 - Fondo Sociale Europeo

Dettagli

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE Per Le Nuove sfide è necessario valutare i nostri punti di forza e di debolezza per poter mettere a punto un piano d azione che

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy -

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - Pasquale Cicchella, HR Training and Development Manager, DHL Express Italy Simonetta

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale HR E Marketing. Analisi Dello Sviluppo Marketing

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

Professione: MANAGER. Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015

Professione: MANAGER. Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015 Professione: MANAGER Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015 Perché un laboratorio sulla negoziazione? Molti sono i fenomeni socio-economici che mettono in evidenza come la negoziazione sia diventata

Dettagli

Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane

Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane Corsi Autofinanziati riconosciuti dalla Regione Campania Pform, Scuola di Alta Formazione, ha ottenuto

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI VINCENZO ACQUAVIVA FEDERMANAGERQUADRI A SOSTEGNO DELLA

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro La Nuvola Rosa Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro Girls in STEM Perché così poche? Donne nella Scienza, nella Tecnologia, in Ingegneria e in Matematica : è il titolo di un recente

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES 2 la fondazione rosselli Origini e attività La Fondazione Rosselli è un

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA COMUNICAZIONE DELLA

Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA COMUNICAZIONE DELLA Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Catalogo formativo COM01 COM02 COM03 COM04 COM05 COM06 COMUNICARE Team working L arte di ascoltare - modulo 1 L arte di ascoltare

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

L EMPOWERMENT DEL POTENZIALE: lo sguardo che fa crescere persona e azienda

L EMPOWERMENT DEL POTENZIALE: lo sguardo che fa crescere persona e azienda Manifesto per una formazione umanistica Una nuova iniziativa della Casa della Cultura: un manifesto, sottoscritto da 12 autorevoli studiosi, relativo alla formazione degli adulti. CONTRIBUTO DI ZUCCHI

Dettagli

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità.

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità. Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione Master Management e Sanità III edizione La Scuola Quattro sono le fonti dell apprendimento Un quarto colui

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

LABORATORI, TESTIMONIANZE, CASE HISTORY ED ESERCITAZIONI

LABORATORI, TESTIMONIANZE, CASE HISTORY ED ESERCITAZIONI PERSONNEL ORGANIZATION HUMAN RESOURCES TOOLKIT I temi e l evoluzione delle competenze chiave nel mondo dell HR Management Percorso formativo per HR Junior, HR Assistant e Consulenti HR Junior MILANO 10

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Team development program

Team development program Industrial Management School Percorso Team development program Crescere lavorando in gruppo Percorsi area Human Resources & Skills Percorso Team development program La mappa Lavorare in gruppo 1 Valorizzare

Dettagli

Imparare dai migliori Il Premio scolastico svizzero

Imparare dai migliori Il Premio scolastico svizzero Imparare dai migliori Il Premio scolastico svizzero 1. Programmbeschreibung Schweizer Schulpreis 1.1. Motivazioni del Premio scolastico svizzero Il Forum Bildung sviluppa e lancia il Premio scolastico

Dettagli

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE Nota a cura del prof. Francesco Paoletti, Università di Milano - Bicocca Release 1.0, settembre 2005 Indice Introduzione 1. Le tipologie di tesi 2.

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

L uso del web 2.0 nello sviluppo

L uso del web 2.0 nello sviluppo Rosa Cantoro L uso del web 2.0 nello sviluppo della cultura aziendale Gli strumenti della comunicazione interna e interpersonale Collana Risorse digitali per l e-learning e il knowledge management 02 Rosa

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it il contesto www.cfmt.it Ormai abbiamo capito tutti che questa non è una crisi ma una transizione, sfidante ma al contempo fonte di opportunità. Bisogna però avere coraggio e determinazione. Occorre anticipare

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

ACCELERATED LEADERSHIP PROGRAM Learning, Leadership & Change

ACCELERATED LEADERSHIP PROGRAM Learning, Leadership & Change Corso di Alta Formazione ACCELERATED LEADERSHIP PROGRAM Learning, Leadership & Change corso interaziendale di General Management La LIUC Università Cattaneo nasce nel 1991 per iniziativa dell Unione degli

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento I I modelli d eccellenza d applicati al benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento Dott. Vincenzo Mazzaro Presidente AICQ NAZIONALE Spinea 3 giugno 2010 Presentazione di AICQ La AICQ è

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT MASTER IHRM INTERNATIONAL HR MANAGEMENT Gestire Persone e Culture nelle Imprese Internazionali Building Global Talents. Yours. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Facoltà di Scienze

Dettagli