HR Time. Sommario. Editoriale del Presidente. Editoriale di Saluto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HR Time. Sommario. Editoriale del Presidente. Editoriale di Saluto"

Transcript

1 Sommario Editoriale del Presidente di Paolo Citterio pag.1 Editoriale di Saluto di Pietro Scardillo pag.2 Ricerca e Internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier pag.3 Organizzazione e Management, oggi Strumenti e comportamenti che fanno crescere le imprese di Mino Schianchi pag.7 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta di Pietro Scardillo pag.9 Professione Donna Piccole donne crescono. di Piera Marini pag.13 La nostra libreria di Daniela Patruno pag.16 Da ricordare e non perdere di Laura Tartero e Roberta Scrosati pag.21 Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati

2 Editoriale del Presidente di Paolo Citterio Innanzi tutto un ringraziamento assolutamente sentito e sincero al caro amico e collega Pietro Scardillo, Direttore Editoriale della rivista on-line HR Time della nostra Associazione, che purtroppo ci ha comunicato di non poter mantenere il suo incarico a causa di una serie di impegni, che non gli consentono più di avere il tempo necessario per seguire la pubblicazione trimestrale con la professionalità, la precisione, la dedizione e la passione che lo contraddistinguono. Nei dieci numeri pubblicati in quasi tre anni ho avuto l occasione di apprezzare elaborati di grande interesse professionale e contributi di nostri colleghi, che Scardillo è riuscito a coinvolgere nell attività editoriale, mirati a socializzare esperienze, valutare tematiche complesse e di attualità, segnalare e valutare le nuove tendenze della nostra professione, comunicare aggiornamenti non solo professionali, ma anche culturali. Mi farebbe molto piacere continuare a pubblicare la rivista, ma per poter continuare occorre senz altro designare un successore di Scardillo che, con altrettanto entusiasmo, passione e professionalità, diriga la pubblicazione. L ideale sarebbe identificare un nuovo Direttore Editoriale, che sappia anche costituire un Comitato Editoriale solido, i cui membri si spartiscano l onere del lavoro che una rivista, anche se semplice come la nostra, comunque richiede. Mi rivolgo pertanto a tutti voi, collaboratori di HR Time e colleghi vicini a G.I.D.P., per richiedere il vostro prezioso contributo, attraverso proposte, suggerimenti, commenti e quant altro. Attendo con fiducia. Grazie e a presto, con il prossimo numero! Paolo Citterio Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 1

3 Editoriale di saluto di Pietro Scardillo Cari Amici, questo è il decimo numero di HR Time con la mia direzione editoriale e con il quale concludo questa bella avventura, che mi ha impegnato ogni tre mesi ad offrire agli associati di GIDP un opportunità di lettura di aggiornamento e di approfondimento su alcuni temi inerenti le problematiche connesse, direttamente o indirettamente, alla gestione e sviluppo delle HR. Fondamentali sono stati i contributi di tutti coloro che hanno scritto gli articoli o che hanno curato alcune sistematiche rubriche fisse del periodico. A tutti va il mio particolare e sentito ringraziamento e desidero qui nominarli, secondo l ordine cronologico di intervento in corrispondenza delle varie rubriche, come segno concreto di riconoscenza ed apprezzamento: Giuseppe Fumagalli, Piera Marini, Luigi dell Olio, Pietro Ichino, Piero Quaroni, Daniela Patruno, Luca Ferrari, Elena Carinelli, Roberta Scrosati, Michele Tiraboschi, Sabrina Pagani, Alessandra Bertoli, Mino Schianchi, Michele Bignami, Luca Solari, Luca Barbieri, Marco Crippa, Domenico Famà, Gianni Diamanti, Rosario Sica, Maurizio Quarta, Patrizia Turri, Anita Vanzetto, Guglielmo Burragato, Laura Tartero, Maria Teresa Pezzoni, Elisabetta Tavazzi. Le mie interviste ai colleghi HR Manager, nei dieci numeri, sono state rivolte a Antonio Limardi, Massimo Bufacchi, Patrizia Bonometti, Laura Bruno, Maria Laura Gortan, Patrizia Turri, Alessandro Lagazio, Paola Pesatori, Angelo Paolillo, Dino Ruta. Sono stati recensiti circa 50 libri di attualità nel campo del lavoro in senso lato, grazie all impegno di Daniela Patruno e Luca Ferrari. Vi è stata una serie ininterrotta di dieci articoli particolarmente interessanti ed originali sui problemi della donna a cura di Piera Marini. Devo ringraziare il Presidente Paolo Citterio, che ha mi ha concesso grande fiducia e piena libertà di scelta editoriale. Non posso che augurare al mio successore eccellenti risultati per il suo impegno e per il suo rapporto con i lettori, ai quali non posso che rivolgere un riconoscente ringraziamento per aver avuto la pazienza di ricevere i dieci numeri di HR Time senza brontolare troppo. Ciao a tutti Pietro Scardillo Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 2

4 Ricerca e internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier A distanza di 15 anni dall uscita del libro The War for Talent di McKinsey (1997), le pratiche e politiche di gestione di Talent Management (da qui in avanti TM) stanno cominciando a diffondersi sempre più anche tra le imprese italiane, producendo effetti visibili ed impattando in molti casi sulla stessa cultura organizzativa. Il compito di riconoscere i talenti in azienda e svilupparli non è più un incarico da delegare Vittorio Maffei Francesco Venier alla funzione HR, ma diventa priorità di tutto il management per garantire il successo e probabilmente la stessa sopravvivenza delle realtà aziendali nei prossimi anni. Ne è ben consapevole InfoJobs.it, numero 1 in Italia per il recruiting online (www.infojobs.it) e valido consulente per aziende e responsabili HR che, dando seguito all indagine condotta già nel 2010, è tornata ad occuparsi di Talent Management con l edizione 2011 del Premio InfoJobs.it¹ Gestione dei Talenti. Identificare, motivare e trattenere il capitale umano. Grazie ad una survey propedeutica realizzata su un campione di 106 aziende italiane medio-grandi (in numerosi casi con oltre dipendenti). Si è potuto esaminare e approfondire il significato dato al concetto di talento in Italia, per giungere ad una sua più precisa definizione, indagando sulla capacità delle aziende di capire e valorizzare i talenti di ogni singola risorsa, riconoscendone potenzialità e merito. L indagine conoscitiva è stata elaborata tra settembre e ottobre 2011 con il supporto del Prof. Francesco Vernier, Direttore Divisione Executive Education, MIB School of Management dell Università di Trieste. Vittorio Maffei, Managing Director di InfoJobs.it e lo stesso Professor Venier ne riassumono i risultati. Gestione dei talenti in tempo di crisi Un primo elemento sul quale abbiamo voluto indagare è stata la contestualizzazione del tema del TM nell ambito della difficile situazione economico-finanziaria che attraversa l'impresa in questa fase di crisi del sistema economico occidentale: l indagine evidenzia una correlazione positiva tra l utilizzo di pratiche esplicite di TM (ossia il punteggio medio ottenuto nei questionari) e le performance dell impresa in termini di tassi di crescita sui mercati. Le aziende con la maggiore valutazione del proprio sistema di TM sono quelle che hanno meno risentito della crisi, seguite dal gruppo di quelle attualmente ¹InfoJobs.it, la principale realtà in Italia ed in Europa nel settore del recruiting online, ha promosso la realizzazione dell indagine conoscitiva per la II edizione del Premio Gestione dei Talenti. Identificare, motivare e trattenere il capitale umano, riconoscimento assegnato nell ambito dei Knowità Management Awards all impresa Elica Group in occasione dell edizione 2011 del Top Management Forum organizzato da Knowità. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 3

5 Ricerca e internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier in fase di recupero, che a loro volta presentano un punteggio medio nettamente migliore di quello delle imprese ancora in recessione. Questi dati, più di tante parole, evidenziano come gli investimenti in capitale umano abbiano un impatto reale sui risultati di mercato dell'impresa e sulla sua capacità di far fronte alle sfide competitive poste da ambienti sempre più turbolenti ed imprevedibili. Un altra significativa correlazione da evidenziare è quella che lega i più alti punteggi assegnati alle politiche di TM alla gestione dei talenti come compito attribuito ai capi diretti (38% delle aziende intervistate) e ai responsabili di funzione, a testimonianza del fatto che un sistema di TM pervasivo e diffuso in tutto il business, e non più relegato alla mera funzione HR, sia la pratica che ha prodotto i migliori risultati in termini di performance anche di fronte a congiunture sfavorevoli. Talento: risorsa scarsa o sviluppabile In letteratura troviamo due distinti approcci al TM, fondati su due concezioni opposte di talento. La prima vede il talento come una risorsa rara posseduta da pochissimi eletti, una elite chiusa di predestinati che l azienda deve coltivare e sviluppare contendendoli ai competitor. La seconda, diversamente, ritiene che ognuno possieda un potenziale elevato in determinati ambiti ed il ruolo dei sistemi di TM deve essere quello di individuare tali ambiti e creare le condizioni affinché i talenti si manifestino appieno generando valore per l impresa e per le persone. Questa ultima visione del talento è dominante tra le imprese italiane: il 77% delle aziende considera infatti il pool di talenti come un gruppo aperto, da cui si entra o si esce a seconda dell acquisizione e mantenimento di determinate caratteristiche e competenze critiche. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 4

6 Ricerca e internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier Come si identifica un talento? Qual è l efficacia e la priorità del TM per il prossimo futuro? Passando ai criteri usati per l identificazione dei talenti, si rileva che, secondo le imprese del campione, le caratteristiche fondamentali sono legate alle competenze tecniche (37%) ed attitudini caratteriali (29%) e di leadership (24%), mettendo in secondo piano gli aspetti valoriali (16%) e le pregresse esperienze professionali (12%). Tali risultati, se raggruppati in tre macro aree (Competenze e Performance, Attitudine al Cambiamento e Leadership Autorevolezza) sono in assoluta continuità con le conclusioni del Il mix risulta quest anno ancora più bilanciato, essendosi ridotta l importanza conferita all attitudine al cambiamento (dal 37% nel 2010 al 29% nel 2011, - 8%), in favore di leadership e autorevolezza (dal 27% al 36%, +9%) e competenze e performance (dal 29% al 35%, +6%). Risultati Survey 2010 Risultati Survey 2011 Alla domanda su quale grado di priorità l azienda attribuisca oggi ai processi di TM, solo il 27% risponde alta ma, alla stessa domanda riferita alla situazione fra 3-5 anni, la priorità cresce diventando alta nel 48% dei casi. Tuttavia, il giudizio sull efficacia dei sistemi di TM della propria impresa è in chiaroscuro; in particolare, la fiducia è medio-bassa riguardo alla capacità dell azienda di gestire i cambiamenti demografici (76%) e la successione del. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 5

7 Ricerca e internazionalità Identificare i talenti: approcci e modelli nelle aziende italiane di Vittorio Maffei e Francesco Venier management (70%), mentre è alta rispetto alla capacità dell impresa di trattenere i talenti (51%) e di gestire al meglio le loro performance (47%), attraverso adeguate policy di compensation. Ma il criterio principale di efficacia del TM è la sua capacità di evitare lo skill shortage. Il fatto che il 41% degli intervistati dichiari che la propria azienda non riuscirà ad evitarlo in futuro indica che nei prossimi anni molte imprese rischiano di dover gestire un differenziale negativo tra talenti necessari al funzionamento dell impresa e quelli disponibili al suo interno (talent gap), determinato dalle fisiologiche uscite di personale competente non facilmente rimpiazzabile a causa della scarsità di competenze specifiche sul mercato del lavoro e della difficoltà a reperirvi persone adeguatamente preparate. I talenti da sostituire non riguardano solo top e middle management (26%) o tecnici specializzati (20%), che sono i canonici target dei sistemi di TM, ma anche la categoria di impiegati (26%) e operai (6%), a testimonianza dell alta complessità dei processi produttivi delle aziende intervistate e, verosimilmente, di una inadeguatezza del sistema scolastico ed universitario italiani rispetto alle esigenze delle imprese. Conclusione Senza dubbio, se comparato a quello delle imprese dei paesi anglosassoni dove il TM è nato e si è sviluppato (Survey Mercer, 2010), l'approccio italiano al Talent Management è ancora un passo indietro, sebbene la nostra ricerca abbia evidenziato che il 42% delle imprese intervistate sta investendo nello sviluppo di questo sistema. InfoJobs.it (http://www.infojobs.it/home_employer.xhtml), osservatorio privilegiato sul mondo del lavoro, indica che c è ancora molta strada da fare, ma la consapevolezza sempre più diffusa della centralità del TM, quale pilastro delle performance dell impresa e della sostenibilità/adattabilità del suo business model, aiuterà le imprese italiane a percorrerla rapidamente. I risultati completi della survey sono disponibili a questa pagina: Per maggiori informazioni su InfoJobs.it: Vittorio Maffei e Francesco Venier Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 6

8 Organizzazione e Management, oggi Strumenti e comportamenti che fanno crescere le imprese di Mino Schianchi Le imprese in questi ultimi anni per superare la crisi economica si sono focalizzate sulla riduzione dei costi e sull efficienza operativa. Dopo aver riportato in equilibrio la loro gestione, per uscire dalla crisi e ricominciare a crescere le imprese dovranno dedicare più energie e risorse alla loro espansione su nuovi mercati e alla messa a punto di nuovi prodotti e servizi. Per raggiungere questo obiettivo, dovranno aumentare la flessibilità organizzativa intervenendo sui fattori che la condizionano: in particolare, migliorando la capacità previsionale della domanda; adeguando rapidamente la quantità e qualità della forza lavoro ai piani operativi; sincronizzando persone, tempi ed opportunità. Per far fronte efficacemente alle fluttuazioni produttive, occorrerà anche disporre all interno dell azienda di informazioni complete ed integrate di tutta la forza lavoro, indipendentemente dal rapporto contrattuale in essere ( personale interno, personale somministrato, collaboratori esterni, partner in outsourcing, ecc.), che non si limitino al numero di persone, ma considerino anche la loro professionalità e la loro dislocazione fisica. Oggi in molti casi tutte queste informazioni sono raccolte in modo frammentato da diverse funzioni aziendali: Risorse Umane, Produzione, Acquisti, ecc., senza che nessuno abbia una visione unitaria ed integrata delle stesse. Per poter impiegare in modo ottimale il personale e non mettere a rischio le possibilità di crescita, devono quindi essere eliminati i compartimenti stagni e le barriere funzionali e devono essere incoraggiati e premiati i comportamenti di collaborazione e di condivisione delle informazioni. Negli ultimi anni le aziende hanno applicato, in modo deciso e talvolta minacciante, stili di leadership tipici dei momenti di crisi, tradizionalmente centrati su azioni di concentrazione, accentramento e controllo; hanno chiesto a tutti i collaboratori adesione totale verso la razionalizzazione, senza però offrire agli stessi prospettive e sicurezze per il futuro con conseguenze negative sul loro grado di motivazione e spirito di appartenenza. Ora le aziende devono recuperare la dimensione sociale ed umana dei rapporti interpersonali, creare reti di contatti allargate, far emergere lo scambio di conoscenze tacite, incoraggiare la trasparenza, la fiducia reciproca. La collaborazione e la condivisione delle informazioni sono essenziali per stimolare la produttività e l innovazione, per accelerare la risposta alle opportunità, per aumentare le competenze del personale, per diffondere le best practices e favorire il miglioramento continuo di tutta l organizzazione attraverso le conoscenze acquisite. E importante quindi poter disporre di strumenti di comunicazione e di collaborazione adeguati per accedere agevolmente alle informazioni disponibili. Purtroppo, nonostante che l ampia diffusione delle connessioni internet ad alta velocità abbia abbattuto le barriere del tempo e della distanza e nonostante che molti confini all interno della società e del commercio vadano scomparendo, le aziende devono ancora superare diversi ostacoli - funzionali, culturali, geografici, generazionali, informativi per poter cogliere appieno le opportunità emergenti. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 7

9 Organizzazione e Management, oggi Strumenti e comportamenti che fanno crescere le imprese di Mino Schianchi Nelle imprese vi è consapevolezza che per accelerare l evoluzione dell organizzazione occorre investire in nuovi strumenti di comunicazione e collaborazione, quali, ad esempio il web 2.0. Infatti, questi strumenti favoriscono dinamiche collaborative trasversali con interazioni veloci e dirette tra le persone; rendono i processi più snelli e adattativi; supportano nuove forme di lavoro a distanza ed in mobilità; valorizzano la dimensione sociale e umana delle relazioni interpersonali; danno maggiore accesso a informazioni interne ed esterne; stimolano lo sviluppo e la diffusione della conoscenza. Recenti ricerche del Politecnico di Milano hanno, però, evidenziato che l utilizzo reale di questi strumenti a supporto dei processi di gestione aziendali, anche quando sono disponibili, è ancora piuttosto limitato. La crescita delle imprese dipende in buona parte dalla motivazione, dalle competenze e dalla collaborazione delle persone, che sono le leve sulle quali gli strumenti 2.0 possono agire concretamente; ma non basta. Per ottenere risultati positivi nel dinamico ed ultracompetitivo mercato globale di oggi le imprese devono integrare creatività, flessibilità e rapidità; devono fare crescere leader creativi capaci di gestire ambienti complessi, capaci di mobilitare rapidamente il personale, capaci di valorizzare l intelligenza collettiva. I leader di domani dovranno essere dotati della creatività necessaria per adattarsi ad un ambiente in costante cambiamento, possedere la forza, le conoscenze e le competenze per fronteggiare un mondo sempre più complesso, dovranno essere in grado di incoraggiare la partecipazione dei collaboratori ai processi decisionali e di superare le differenze culturali e generazionali, utilizzando gli stili ed i canali di comunicazione più appropriati al contesto. I leader di domani dovranno avere la capacità di mettere in discussione ogni aspetto dell attuale modello di business per individuare le opportunità ancora da sfruttare; dovranno avere la capacità di focalizzarsi sul quadro complessivo e di ottimizzare le competenze collettive. Le imprese lungimiranti hanno ben presente che è indispensabile per loro potersi avvalere di leader con queste caratteristiche, capaci di guidarle verso un percorso di crescita. Stanno quindi dedicando attenzione alla comprensione delle competenze, che serviranno per dirigere l azienda in contesti globali, e stanno investendo risorse per rendere operativi processi e strumenti idonei a reperire, formare e mantenere in azienda giovani ad alto potenziale di sviluppo. Mino Schianchi Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 8

10 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta, Direttore Master OP dell Università Bocconi e Coordinatore del percorso HR Manager di SDA Bocconi di Pietro Scardillo L offerta formativa dell Università Bocconi in ambito risorse umane è ampia e articolata, frutto di una faculty impegnata da anni su questi temi in termini di ricerca e di didattica. Attualmente è in corso la decima edizione del master universitario di primo livello in Organizzazione e Personale (master OP) per giovani laureati, progettato e realizzato dalla Scuola Graduate dell Università Bocconi, di cui è direttore il professor Dino Ruta. I principali momenti formativi sono la didattica in aula, le testimonianze e le docenze aziendali, le company visit, la preparazione individuale, lo stage aziendale. La didattica d aula si articola in sei aree: strategia, organizzazione, comportamento organizzativo, gestione delle risorse umane, relazioni industriali, tecnologie. Dal 2009 Bosch, Pirelli,La Rinascente e Telecom Italia hanno ospitato i partecipanti al master e presentato loro le strategie di business e quelle HR. Il 98% dei partecipanti alle precedenti edizioni è attualmente occupato e distribuito per il 39% nell industria,per il 21% nelle aziende che forniscono servizi alle imprese, per il 19% nel settore dell intermediazione finanziaria. Sempre in omaggio alla statistica e alla presentazione dell efficacia di questo master, vale la pena di segnalare che il 32% dei partecipanti all edizione del 2003 e il 17,2% dell edizione 2004 attualmente ricoprono posizioni di responsabilità a livello direttivo. L Università Bocconi, attraverso Dino Ruta, promuove ed effettua in SDA anche iniziative orientate a dirigenti e manager della Direzione del Personale, progettate sulla base di un proprio ed originale modello di competenze, che ispira concettualmente la linea didattica. Tre sono i segmenti di intervento: - il corso base HR fornisce le basi della progettazione della funzione e del disegno dei principali processi; - i corsi avanzati HR sviluppano tematiche di frontiera; - i corsi specialistici HR sono dedicati ai processi chiave della funzione (meritocrazia e produttività, fare selezione, sviluppare le risorse umane). Questi programmi di formazione, opportunamente combinati, danno la possibilità ai partecipanti di completare un percorso di HR Manager con relativa certificazione da parte della Scuola di management delle competenze acquisite. Le iniziative a disposizione della comunità HR si completano anche con l Executive Master in Strategic Human Resource Management e con i Meeting HR Leaders, entrambi svolti in lingua inglese. Questi ultimi sono incontri, ad Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 9

11 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta, Direttore Master OP dell Università Bocconi e Coordinatore del percorso HR Manager di SDA Bocconi di Pietro Scardillo invito, con ospiti internazionali che presentano dati ed evidenze su temi HR di attualità. L Università Bocconi offre una varietà di iniziative in tema HR, dal master universitario alle iniziative di profilo internazionale, con l obiettivo ultimo di accogliere e soddisfare le esigenze della funzione HR nel suo insieme. Ho chiesto a Dino Ruta, che ho incontrato nel suo studio bocconiano, di spiegare il modello di competenze che sta alla base della filosofia metodologica dell iniziative promosse nei corsi di formazione HR. É nostra intenzione stimolare le persone, interessate a frequentare corsi di formazione HR in SDA Bocconi, a intraprendere un percorso di sviluppo di competenze attraverso la frequenza di più programmi. In linea con i canoni internazionali noi abbiamo sviluppato il nostro modello di competenze HR, che vede al centro il concetto di CREDIBILITA DELLA FUNZIONE HR, intesa come la capacità di generare fiducia negli attori interni ed esterni al contesto di riferimento. Questo deve attuarsi, sapendo gestire un sistema di relazioni con autorevolezza partendo naturalmente dalla conoscenza delle tecniche in tema di risorse umane. La credibilità è alla base delle relazioni: direttamente con i clienti interni (i collaboratori) e indirettamente con i clienti esterni all azienda (gli effettivi acquirenti dei prodotti/servizi); con il complesso sviluppo dell attività di business dell impresa; con gli interessi e le esigenze degli stakeholders, interlocutori fondamentali nella logica della responsabilità sociale di impresa; con le più evolute tecnologie di comunicazione; con la capacità di adottare logiche avanzate di misurazione dei principali comportamenti organizzativi. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 10

12 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta, Direttore Master OP dell Università Bocconi e Coordinatore del percorso HR Manager di SDA Bocconi di Pietro Scardillo Come vedi il ruolo del direttore del personale nella situazione di crisi che stiamo vivendo? La crisi ci impone di avere maggiore coraggio e maggiore responsabilità. Ho visto negli ultimi dieci anni un consolidamento e in taluni casi un irrigidimento delle risorse umane sui processi, che, per quanto utili, non devono far perdere di vista che stiamo parlando di persone. Il direttore del personale deve avere la responsabilità e il coraggio di saper individuare le persone utili al successo di impresa, nel breve e lungo periodo. Nella metafora sportiva io vedo il direttore del personale come un allenatore, che é in grado di comprare il giovane, farlo crescere fino a farlo giocare in prima squadra, che decide di mandar via anche un campione, perché non è in linea con i valori della squadra. Il direttore del personale deve conoscere le potenzialità di sviluppo delle persone in grado di affermarsi nel proprio contesto aziendale. Questo significa avere coraggio, perché bisogna decidere la scelta delle persone ritenute valide nell ambito di un gruppo, in modo da costruire la squadra dell azienda. Il direttore del personale deve essere il garante dei valori aziendali sia quando sviluppa le persone, sia quando decide di dover far a meno di alcuni collaboratori. Mi rendo conto che possa trovarsi assolutamente molto solo nelle decisioni cruciali, specialmente quando deve prendere delle decisioni molto dure, che hanno un impatto forte sulla vita degli altri. Questo significa vivere degli stress emotivi abbastanza struggenti. E per ricondurmi al modello di competenze, di cui abbiamo parlato, la persona che si comporta così è credibile ed è un leader. In definitiva il direttore del personale deve essere il garante della qualità e del valore delle persone e dell organizzazione, non il garante del funzionamento dei processi, soprattutto in situazioni di emergenza e di crisi. Quale suggerimento daresti al direttore del personale nella contingenza attuale? Con meno risorse a disposizione il direttore del personale deve sbagliare sempre meno: le persone che ha nella propria organizzazione e quelle che inserisce devono rendere al massimo. In periodo di crisi si hanno meno risorse ed allora occorre aumentare la produttività di quelle disponibili. C è quindi maggiore tensione nel non sbagliare la scelta delle persone e nella corretta taratura dei livelli retributivi rispetto ai risultati della performance, al confronto con il mercato, alla sostenibilità aziendale. Una raccomandazione, che mi permetto di rivolgere ai direttori del personale, è che è importante che sappiano cosa vogliono i loro clienti colleghi, avendo presente il modello di competenze già illustrato, che rappresenta una sintesi di interfunzionalità con tutte le parti con cui gli HR managers devono sapersi Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 11

13 Collega allo specchio A colloquio con Dino Ruta, Direttore Master OP dell Università Bocconi e Coordinatore del percorso HR Manager di SDA Bocconi di Pietro Scardillo relazionare, mettendo in gioco la loro credibilità, nell ottica della reciprocità e dello scambio. E necessario che si allenino sui temi della fiducia, della negoziazione, della gestione delle relazioni, con una spiccata propensione all apprendimento continuo delle competenze comportamentali e manageriali, ricordando che l obiettivo è fare squadra nel proprio contesto, aumentando la propria legittimazione nei confronti delle altre funzioni e non adempiendo ai processi, che è un fatto strumentale. E, poiché a me piace coniugare la ricerca e la formazione del management delle risorse umane con quelle del mondo sportivo, riprendo una citazione del libro che ho scritto con Paolo Guenzi Team leadership. Idee e azioni tra sport e management : L allenatore è un ruolo sempre al centro dell attenzione che può fare la differenza nei club, perché è responsabile del progetto e ha il compito di guidare atleti e società proprio come un team leader in altri contesti. Pietro Scardillo Dino Ruta è direttore del Master in Organizzazione e Personale dell Università Bocconi. E anche coordinatore del percorso HR Manager e dei Meeting HR Leaders. Sempre in SDA Bocconi si occupa anche di temi di management dello sport in qualità di Scientific Director del FIFA Master in Management, Humanities e Law dello Sport e della Sport Business Academy. Ha avuto modo di studiare e lavorare all estero e di recente, nel 2008, è stato visiting professor presso la Rutgers University presso la School of Management and Labour Relations. I suoi interessi di ricerca sono legati alla gestione strategica delle risorse umane nel settore delle imprese e in particolare in ambito sportivo. Le sue pubblicazioni sono apparse sulle seguenti riviste internazionali: Human Resource Management, International Journal of Human Resource Management, International Journal of Learning and Intellectual Capital e ha scritto per i seguenti editori: Edward Elgar Publishing, Kluwer Academic Publishers e Wiley. Al momento sta lavorando alle seguenti due pubblicazioni: Ruta D., Holt R., (Eds) (2012, in press) The Routledge Handbook of Sport and Legacy: Meeting the Challenge of Major Sport Events. Manuscript in preparation for Routledge, Sport and Leisure studies. Ruta D., Guenzi P. (2012, in press) Leading Teams: managerial lessons from sport coaches, Wiley. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 12

14 Professione Donna PICCOLE DONNE CRESCONO Quali donne domani? di Piera Marini Piccole Escort, Giochiamo con l eros, Se una pubblicità usa il corpo delle bambine : sono solo alcuni titoli di articoli comparsi su giornali e riviste in tempi recenti. Non si tratta di testate scandalistiche indirizzate a particolari tipologie di lettori ma di servizi seri, comparsi su L Espresso e Il Corriere della Sera, mirati ad attirare l attenzione su un costume che sembra stia dilagando nel mondo. Riassumo sinteticamente, senza alcun apporto personale, il contenuto dei servizi citati. Vi si dice che i bambini iniziano molto presto ad avvicinarsi ai siti hard; in Cina una indagine del China Youth Daily ha raccontato che la stragrande maggioranza dei pre-adolescenti naviga per ore sul Web alla ricerca di sesso. In molti altri Paesi si verificano gli stessi fenomeni. In Italia, la Società Italiana di Pediatria ha reso noti numeri non così rilevanti come altrove: da una indagine condotta tra i giovani sembra infatti che il 7,5% - nella fascia di età tra i 12 e i 14 anni abbia pubblicato su Internet foto provocanti. Mentre, secondo una ricerca sull infanzia e adolescenza fatta da Telefono Azzurro - Eurispes, un bambino su cinque rivela di cercare su You Tube video con scene di sesso o violenza. In uno dei servizi citati i riflettori puntano l attenzione su un fenomeno che né la cronaca né le statistiche hanno ancora saputo raccontare: è il fenomeno della prostituzione tra meno che minori, ovvero bambine dai 10 ai 13 anni, che barattano il proprio corpo con una ricarica telefonica, qualche euro, bijoux da nulla, entrando involontariamente nella trappola dei pedofili. Marida Lombardo Pijola, inviato speciale del Messaggero, ha scritto molto sull argomento lanciando un allarme con un libro (1) che racconta storie di bambine praticamente in vendita; ha puntato l indice su un mondo, ignorato dai più, che riproduce l organizzazione degli adulti (escort, sfruttatori, utilizzatori ecc.). Questo mondo sembra sia sconosciuto a genitori ed educatori. In Francia, dove una certa pubblicità ha provocato un forte dibattito, perché un azienda ha lanciato una linea di biancheria intima per bimbe da 4 a 12 anni, pensata per il mercato USA ed ha utilizzato una bimba, che si pone dinanzi all obiettivo con gli atteggiamenti di una adulta consapevole di quello che l economista londinese Catherine Hakim ha definito capitale erotico. Un altro acceso dibattito aveva preceduto di poco quello ora riferito: Vogue France aveva pubblicato le foto in pose sexy di una bambina di 10 anni. La reazione dell opinione pubblica francese era stata molto forte e Vogue aveva licenziato la capo redattrice moda, non si sa bene se per un ravvedimento o per non perdere inserzionisti importanti. Ricordando la linea di biancheria pensata in Francia per il mercato USA, cambiamo continente e andiamo a vedere che cosa succede negli States: dal mondo del cinema ci arriva la notizia che alcuni bambini, figli di attori molto noti, hanno una paghetta settimanale che va dai dollari di una bambina di 8 anni, figlia di Kate Moss, ai dollari per Suri Cruise (4 anni), che la piccola utilizza per vestirsi e truccarsi. Fino a poco tempo fa si additava la Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 13

15 Professione Donna PICCOLE DONNE CRESCONO Quali donne domani? di Piera Marini Televisione come unica responsabile di un degrado nel costume con i suoi film violenti o morbosi e con molta pubblicità volgare, orientata ad usare il corpo femminile come oggetto di desideri più o meno leciti. Chi ricorda il vecchio Carosello, dove la pubblicità senza ammiccamenti era concentrata in spot anche d autore, ricorda anche che quella era l ultima trasmissione della sera che i bambini erano autorizzati a vedere prima di andare a dormire. La televisione di oggi non offre programmi educativi per ragazzi, ma non ha abdicato al ruolo di cattiva maestra, avendo però una concorrente temibile che è la Rete, dove si possono trovare non solo le volgarità della pubblicità, ma anche quegli stimoli accennati in precedenza. I bambini di oggi sono definiti i nativi digitali ; si muovono quindi con molta disinvoltura sui PC, guardati per questo con ammirazione dai genitori. Sanno però i genitori che è sufficiente un clic per entrare in siti dove il corpo femminile è usato per lanciare messaggi erotici a cui i bambini non sono preparati? Sembra, secondo diverse fonti, che i bambini inizino intorno agli undici anni ad avvicinarsi a visioni porno on-line. E il punto di partenza per giochi erotici con contropartite, a cui ho fatto cenno prima. La sociologa Francesca Zajczyk sostiene che, dietro questi comportamenti, c è la convinzione di esercitare la propria libertà, senza rendersi conto che si sta facendo il gioco altrui: colpisce l assenza di punti di riferimento di questa generazione. D altra parte, se non hai una mappa di valori tutto è consentito. Ma allora, l attuale situazione è da addebitare ai genitori? La Zajczyk sostiene che..forse, ognuno di noi, nei propri ambiti, non ha fatto abbastanza per rileggere criticamente gli anni Ottanta. Sono lì le radici dei comportamenti di oggi: in quegli anni di benessere che esaltavano uno stile di vita edonistico e nei quali la televisione aveva il sopravvento. Li abbiamo messi nel cassetto, abbiamo attraversato i Novanta pensando che quegli eccessi non avrebbero avuto conseguenze. E invece eccoli lì, spuntare nei comportamenti dei giovanissimi. Figli di genitori che hanno costruito l esistenza coltivando, in fondo, dentro di loro, la speranza di quel tipo di successo mediatico, materiale. E una intera generazione ad essere chiamata in causa, padri e madri, ma anche educatori e studiosi. E politici: la politica ha consentito che queste idee penetrassero così rapidamente. Una ricercatrice di OssCom, Centro di Ricerca sui media dell Università Cattolica, sostiene che rispetto agli altri Paesi è più evidente il gap tra comportamento dei ragazzi e percezione dei genitori: i meno consapevoli di ciò che fanno i figli col PC. Se il 40% degli altri genitori esclude che i figli cerchino contenuti pornografici, in Italia la percentuale è del 54%. Ad avallare questi numeri occorre osservare che moltissimi genitori lamentano di non avere accesso alle stanze dei figli, che se ne stanno blindati in camera e chiudono la videata quando un genitore si affaccia. Ribadisco che ho solo riportato scritti e dichiarazioni di altri, impedendomi a fatica, Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 14

16 Professione Donna PICCOLE DONNE CRESCONO Quali donne domani? di Piera Marini di esprimere il mio pensiero sull argomento. E materia troppo delicata per essere liquidata in poche parole. E necessaria una profonda riflessione sui rischi che corre una intera generazione: la riflessione deve coinvolgere la società intera, perché l attuale situazione si potrebbe rappresentare con una piovra: non si sa quale sia il tentacolo più pericoloso perché lo sono tutti. Mi congedo solo una considerazione finale: non sono certamente le donne, che hanno faticato e faticano ancora per conquistarsi una loro dignità, a trarre vantaggi da un pericoloso processo involutivo che coinvolge il genere femminile. Piera Maria Marini (1) Marida Lombardo Pijola Facciamolo a skuola Storie di quasi bimbi Bompiani 2011 (pagine 216, 14 euro) Questa è la storia dei Peter Pan dell era digitale. Bimbi sperduti, anche se dormono sotto il nostro tetto. E cominciata in un Paese di cui sappiamo poco, che ha un nome breve e tronco, web. C era una volta, e c eravamo tutti, ma subito ci siamo addormentati, senza ascoltare il resto della storia. In questa storia i buoni sono pochi. E tra i cattivi ci siamo pure noi. Marida Lombardo Pijola è giornalista, inviata speciale de Il Messaggero. Per Bompiani ha scritto Ho 12 anni faccio la cubista mi chiamano principessa. Storie di bulli, lolite e altri bimbi (2007, quattordici edizioni, quella tascabile aggiornata, è uscita nell ottobre 2011), e il romanzo L età indecente (2009). Per lo stesso editore ha in preparazione un altro romanzo. E opinionista sui principali network nazionali. Tra gli altri riconoscimenti, ha ricevuto una targa da Telefono Azzurro per il suo impegno in favore dei minori. Pugliese, vive a Roma con suo marito e i suoi tre figli. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 15

17 La Nostra Libreria Proposte di lettura di Daniela Patruno In questo numero presentiamo tre proposte di lettura, articolate su cinque libri: i primi due sono dedicati alla riflessione sulle parole, quali strumenti di pensiero e di relazione nel lavoro e nel nostro quotidiano, con le loro ambiguità, con le loro radici nel passato e con il loro nuovi significati. Seguono due libri volti a presentare i risultati di ricerche, che riguardano il ruolo delle Direzioni HR nei prossimi anni e che segnalano sfide, problemi emergenti, nuovi strumenti e nuove competenze. Concludiamo con un saggio basato su interviste realizzate a donne di successo, che qui appaiono con le loro qualità e soprattutto con la loro capacità di produrre valore d impresa, introducendo il così detto effetto D. Tutti i volumi sono stati dedicati ad un pubblico (non solo di specialisti), interessato a confrontarsi con le esperienze e le riflessioni proposte dagli autori. Le parole del manager L attività, che ciascuno svolge nel mondo del lavoro, trova nell uso delle parole lo strumento per esprimersi, per confrontarsi, per costruire pensieri condivisi e scelte comuni. Ecco perché proponiamo due testi che riflettono sull uso delle parole. L uno ha come riferimento la filosofia e la convivenza democratica, l altro il mondo del lavoro. Sperling&Kupfer Editori Pagine 255 euro 16,50 Salvatore Veca, per descrivere una società giusta, che prevede il pluralismo dei valori, il confronto e la diversità, ritiene non servano molte parole: ne ha scelte dodici, sufficienti a delimitare i confini e a stabilire i punti fermi. Termini - quali libertà e giustizia, democrazia e laicità, tolleranza e rispetto - denotano anche principi fondamentali, ai quali si ispirano le nostre scelte politiche oltre che morali. Questo perchè sempre più oggi siamo sollecitati da questioni finora sconosciute o rimaste in ombra, che mettono in discussione i nostri tradizionali quadri di riferimento, suscitando a volte scontri e polemiche. Alcuni esempi sono: i problemi del multiculturalismo; i dubbi sorti come effetti del progresso scientifico; l'esigenza di ripensare regole, diritti e istituzioni stabilite localmente, nell'ambito delle nazioni. Nei momenti critici, quando i criteri del giudizio sul giusto e sull'ingiusto risultano incerti; quando i concetti appaiono confusi, il richiamo a definizioni rigorose e ad analisi coerenti può risultare un buon punto di partenza per rinforzare la nostra consapevolezza di cittadini. Pertanto, questo testo può risultare un esercizio interessante per chi è convinto che la democrazia richieda una costante opera di manutenzione e che la riflessione filosofica supporti la possibilità di costruire una cultura del confronto e del rispetto reciproco. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 16

18 La Nostra Libreria Proposte di lettura di Daniela Patruno Guerini e Associati Pagine 178 euro 17,50 Francesco Varanini nel 2006 aveva pubblicato un libro dedicato alle parole dell impresa, mentre questa volta indica l azienda, proprio per evocare un territorio dove si incontrano interessi diversi, punto di incontro per costruire collaborazione, reciproco riconoscimento, patto. A ciascuna parola vengono dedicate due pagine, destinate a ricostruire la storia etimologica nel cui contesto la parola considerata si è sviluppata. L esercizio proposto è quello di trovare stimoli e di allargare lo sguardo. L autore si augura che il lettore si ponga con atteggiamento curioso, che, secondo la radice etimologica latina, significa prendersi cura delle persone, dei progetti considerati importanti e di ulteriori possibilità di impegno. Infatti, tra le parole che l autore annovera, ve ne sono alcune che non necessariamente sono così usate come immaginazione, sostenibilità, cura, diversità, speranza. Ed anche voci che oggi tornano a narrare di concetti importanti sui quali può essere utile riportare l attenzione quali per esempio: libertà, solidarietà, comunità, proprietà. Le prospettive delle HR nel 2020 Le sfide ed i problemi emergenti per le HR nel prossimo decennio, secondo Domenico De Masi, riguarderanno il rapporto con il business, la gestione dei tempi e dei luoghi di lavoro in un contesto molto sensibile sul piano ecologico, i valori, la cultura,l etica, la gestione delle diversità, il clima aziendale e la motivazione individuale. I valori sempre più presenti nel mondo delle imprese saranno nell ordine: la flessibilità, lo spirito imprenditoriale, la produttività, le pari opportunità,la pluralità culturale, la responsabilità sociale, il tempo, la trasparenza, la condivisione. Tra i temi, che impegneranno sempre di più i manager delle HR, secondo Marco Guerci, emerge quello dello sviluppo sostenibile, che contemperi la soddisfazione dei bisogni e dei desideri della generazione presente con le legittime opportunità da riservare alle generazioni future. Recenti ricerche in materia dimostrano come concretamente il sistema di gestione aziendale delle risorse umane possa contribuire alla sostenibilità dell impresa. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 17

19 La Nostra Libreria Proposte di lettura di Daniela Patruno Guerini e Associati Pagine 247 euro 19,50 Franco Angeli editore Pagine 384 euro 40- anche in versione ebook Nel libro di De Masi si prevede che nel 2020 le imprese impiegheranno una forza lavoro del tutto diversa per cultura e skill. Useranno tecnologie e metodi gestionali più evoluti, dedicandosi a business che oggi appena si intravedono. Come deve modificarsi la funzione HR, per far fronte a questi cambiamenti? Quali saranno le competenze richieste ai dirigenti ed ai professionisti delle HR? Il libro è il risultato di una ricerca realizzata tramite il metodo Delphi con 15 esperti HR. Parte da alcune riflessioni che riguardano il recente passato (dal declino al disorientamento) per arrivare ad individuare prospettive per il 2020 della Direzione HR. Ecco alcune sfide e problemi emergenti: 1. Il reclutamento e la selezione coerenti con il business ed azioni formative ad hoc e ben finalizzate 2. La capacità di offrire un valore aggiunto tramite la motivazione delle risorse umane in grado di fare la differenza, sapendo far emergere la meritocrazia e proponendo pacchetti di benefit driven (volti ad offrire risposte ai bisogni quali i servizi alla persona, alla conciliazione tra vita professionale e vita privata) Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 18

20 La Nostra Libreria Proposte di lettura di Daniela Patruno 3. La capacità di incidere sulla catena del valore attraverso lo sviluppo di relazioni con gli stakeholders ed il supporto allo sviluppo della leadership 4. La capacità di gestire le diversità, sapendo curare il clima organizzativo con azioni di coaching sulla linea, con attenzione focalizzata su singoli e su gruppi specifici. A fianco di questi temi vengono poi proposti strumenti ed elencate competenze ritenute necessarie a chi opera nella Direzione HR, fra le quali spicca la capacità comunicativa e relazionale. Infine il libro si conclude con la raccolta delle riflessioni dei protagonisti che hanno partecipato alla ricerca e che permette di approfondire il pensiero e la visione di ciascuno. Il libro di Marco Guerci parte dal concetto di sviluppo sostenibile, inteso come modello di sviluppo che consente alle generazioni presenti di soddisfare i propri bisogni e i desideri, senza precludere alcuna opportunità alle generazioni future. Ciò porta a riflettere sull impatto che tale approccio ha sulla vita aziendale. Il volume si propone tre obiettivi specifici: sensibilizzare il lettore verso il tema della sostenibilità aziendale; approfondire, attraverso la presentazione di indagini esplorative realizzate in Italia, come la Direzione Risorse umane possa contribuire a tale obiettivo (cioè il cosa ), focalizzare come la Direzione HR deve operare (cioè il come). Tutto questo porta a evidenziare come la professionalità legata alla gestione delle risorse umane nel futuro comporterà sempre maggiori connessioni con le tematiche della sostenibilità. La presentazione dei dati della ricerca realizzata in Italia permette agli autori di evidenziare come la gestione multistakeholder sia stata realizzata sino ad oggi; mentre per il futuro vengono presentate possibili direttrici di sviluppo che potrebbero vedere la possibilità/necessità di una costruzione di una intensa collaborazione tra aziende e business school. Stimolante è dunque la messa in discussione dei confini tradizionali tra studiosi e practitioners, come indica Luca Solari nella prefazione, che porta ad identificare innovative possibili modalità di collaborazione e quindi di co-costruzione tra il mondo accademico e quello praticoaziendale, volte ad identificare nuove modalità per aiutare le organizzazioni a mettersi in discussione ed ad accedere a livelli di lettura nuovi e meglio rispondenti alle attuali e future esigenze. Copyright 2012 GIDP Tutti i diritti riservati 19

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli