Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro"

Transcript

1 Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Dichiarazione di adesione Periodo di prova Il Ccnl per gli addetti all industria chimica, chimico-farmaceutica, fibre chimiche, dei settori abrasivi, lubrificanti e Gpl nonché dielettrici, dattilografici, elettrodi di carbone e affini dispone che all atto dell assunzione le aziende debbano distribuire al lavoratore la documentazione per l informazione e l iscrizione relativa ai fondi Faschim, il fondo per l assistenza sanitaria integrativa, e Fonchim, il fondo di previdenza complementare. Il lavoratore, una volta formalizzati gli adempimenti informativi inerenti ai Fondi all atto dell assunzione da parte dell azienda, dovrà poi dichiarare espressamente la volontà di aderire o meno a ciascuno dei due Fondi. A tal fine le parti stipulanti, a seguito del rinnovo del Ccnl chimico farmaceutico siglato il 22 settembre 2012, hanno predisposto una modulistica unificata, «Modulo Dichiarazione Espressa della volontà di aderire ai fondi settoriali Faschim e Fonchim» disponibile sul sito: che contiene: il modulo dichiarazione espressa della volontà di aderire ai fondi settoriali; un documento promozionale di Faschim e la modulistica per l iscrizione; un documento promozionale di Fonchim e la modulistica per l iscrizione. In merito alla documentazione riguardante la previdenza complementare rimane comunque l obbligo per il datore di lavoro di consegnare: al momento dell assunzione il modello TFR2 o la comunicazione prevista dalla Covip con la deliberazione del 24 marzo 2008 per la verifica della scelta in merito alla destinazione del Tfr compiuta dal lavoratore in un precedente rapporto di lavoro; 30 giorni prima della scadenza dei 6 mesi utili ai fini del conferimento del Tfr maturando, al lavoratore che non abbia ancora manifestato alcuna volontà, un informativa relativa alla forma pensionistica complementare verso la quale il Tfr maturando verrà versato alla scadenza del semestre. Faschim Dipendenti beneficiari e iscrizione L iscrizione al Faschim è liberamente scelta dal dipendente. Possono iscriversi al fondo i lavoratori assunti: a tempo indeterminato, compresi quelli con contratto di apprendistato; con contratto di lavoro a tempo determinato purché la durata del contratto, determinata o determinabile, sia pari o superiore a 6 mesi, anche per effetto di eventuali proroghe, al netto del periodo di prova; con orario di lavoro pari o superiore al 50% dell orario normale legale. Se il dipendente non era precedentemente iscritto al Faschim deve attendere il superamento del periodo di prova per potersi iscrivere, mentre il dipendente già iscritto in relazione ad un precedente rapporto di lavoro può essere iscritto al Fondo già dal mese di assunzione e senza attendere il termine del periodo di prova, purché tra la data di cessa- 726

2 Effettività dell iscrizione Uscita dal fondo e reiscrizione Limiti di età e requisiti zione del precedente rapporto di lavoro e l inizio del nuovo rapporto di lavoro non siano trascorsi più di 12 mesi. Se un dipendente con contratto a tempo indeterminato iscritto al Faschim cessa il rapporto di lavoro presso la propria impresa e viene assunto presso una nuova impresa con un contratto a tempo determinato che non ha la durata minima prevista, non potrà essere iscritto al Fondo. L effettiva iscrizione al Fondo avviene nel momento in cui l impresa comunica attraverso il sito internet i dati del dipendente. A livello contributivo non c è alcuna differenza tra un dipendente iscritto il 1º giorno del mese o un dipendente iscritto l ultimo giorno: se l impresa riesce ad effettuare la trattenuta in busta paga per quel mese lo iscriverà nel mese ed è dovuto il contributo mensile interamente, altrimenti dovrà iscriverlo con data iscrizione nel mese successivo. Se l impresa ha effettuato la trattenuta in busta paga per l iscrizione a Faschim ma non ha inserito il dipendente o il nucleo nella distinta del trimestre di competenza la retrodatazione dell iscrizione è consentita, ma viene richiesta la presentazione al Fondo delle copie del Lul a prova dell effettuazione della trattenuta a carico del lavoratore. L azienda è tenuta a comunicare non solo la data di fine del rapporto di lavoro ma anche la data di passaggio a qualifica di dirigente. L uscita dal fondo per rinuncia volontaria del lavoratore iscritto o di un componente del nucleo familiare comporta il pagamento del contributo annuale sia a carico ditta sia a carico del lavoratore per l intero anno solare in corso al momento della rinuncia. La reiscrizione di un lavoratore uscito dal fondo a seguito di rinuncia volontaria è possibile solo per una volta. Iscrizione dei familiari Il lavoratore associato al Fondo può iscrivere i membri del proprio nucleo familiare: il coniuge, il proprio convivente e/o i figli fiscalmente a carico. Ai fini dell iscrizione al Faschim sono considerati componenti del nucleo familiare i figli sino al compimento del 26º anno di età che non percepiscono un reddito annuo superiore all assegno sociale. È possibile l estensione dell iscrizione dei figli fino al compimento del 30º anno di età solo per quelli che oltre al requisito reddituale sono inclusi nello stato di famiglia del dipendente iscritto. Per i figli totalmente inabili non è previsto alcun limite di età. Il convivente è iscrivibile al fondo se dimostra la convivenza con un autocertificazione attestante la residenza comune e/o la comunanza di domicilio da almeno 1 anno. Se entrambi i coniugi lavorano nel settore chimico e sono iscritti entrambi al Faschim la contribuzione per i figli è gratuita. Il dipendente deve segnalare questa situazione particolare all impresa. Le anagrafiche dei 2 dipendenti verranno collegate e i figli verranno iscritti da 1 solo dei 2 dipendenti. Conseguentemente sarà quest ultimo a poter chiedere i rimborsi delle prestazioni al fondo per i figli. Iscrizione dell azienda Le imprese devono iscriversi al Faschim, tramite sito internet, comunicando i dati necessari per la registrazione dei dipendenti aderenti. L iscrizione decorre dal mese in cui sono stati comunicati al fondo i dati degli aderenti, sia del lavoratore che dei componenti il nucleo. Contribuzione Il contributo annuale a Faschim è pari a: E 252 annui a carico delle imprese da corrispondere al Fondo con rate trimestrali di E 63; E 36 annui a carico dei lavoratori, da trattenere con rate mensili di E 3, e da corrispondere al Fondo con rate trimestrali di E

3 Il lavoratore potrebbe poi decidere di allargare la copertura assicurativa ai propri familiari, in questo caso il contributo aggiuntivo è aumentato dei seguenti importi: E 288 all anno a carico dei lavoratori, da trattenere con rate mensili di E 24 e da corrispondere al Fondo con rate trimestrali di E 72 se il nucleo familiare iscritto è costituito dal solo coniuge/convivente o da un solo figlio; E 363 all anno a carico dei lavoratori, da trattenere al lavoratore con rate mensili di E 30,25 e da corrispondere al Fondo con rate trimestrali di E 90,75 se il nucleo familiare iscritto è costituito dal coniuge/convivente e da uno o più figli. Nella tabella che segue si riepilogano le contribuzioni complessive. Contribuzione mensile Mese Azienda Dipendente Totale Solo dipendente E 21,00 E 3,00 E 24,00 Nucleo monoparentale E 21,00 E 27,00 E 48,00 Nucleo pluriparentale E 21,00 E 33,25 E 54,25 Contribuzione trimestrale Mese Azienda Dipendente Totale Solo dipendente E 63,00 E 9,00 E 72,00 Nucleo monoparentale E 63,00 E 81,00 E 144,00 Nucleo pluriparentale E 63,00 E 99,75 E 162,75 Contribuzione annuale Mese Azienda Dipendente Totale Solo dipendente E 252,00 E 36,00 E 288,00 Nucleo monoparentale E 252,00 E 324,00 E 576,00 Nucleo pluriparentale E 252,00 E 399,00 E 651,00 Sospensione del rapporto di lavoro e assenze Versamento di una tantum Nei casi di sospensione del rapporto di lavoro, o di assenze in cui non sussista il diritto al normale trattamento retributivo per un periodo continuativo pari o superiore a 1 mese, quali: aspettative o permessi, a qualsiasi titolo; assenze per malattia o per maternità facoltativa; sospensioni dal lavoro con intervento della cassa integrazioni guadagni; l impresa può sospendere la contribuzione, comunicando al Faschim la sospensione dell iscritto in modalità telematica, indicando il motivo, l inizio e la fine. Per questi eventi sospensivi possono essere stipulati accordi aziendali o individuali che prevedano la copertura contributiva. In alternativa il lavoratore può optare per mantenere attiva la propria iscrizione per scelta individuale. Durante il periodo di sospensione i contributi a carico impresa e a carico dipendente sono sospesi e il dipendente non può richiedere prestazioni per il periodo in cui rimane sospeso. Nel caso di procedura di mobilità ai sensi della legge n. 223/1991, a seguito di accordo a livello aziendale, gli iscritti a Faschim, possono continuare a mantenere l iscrizione e a beneficiare delle relative prestazioni previo il versamento di un una tantum al Fondo, da parte dell impresa, dell importo contributivo complessivo corrispondente al periodo definito nell accordo, che non potrà comunque eccedere il periodo di mobilità nel quale il lavoratore è coinvolto. Anche nei casi di procedura di mobilità il lavoratore può optare per mantenere la propria iscrizione per scelta individuale. La contrattazione integrativa aziendale può stabilire che la quota a carico del lavoratore sia in tutto o in parte a carico dell azienda. 728

4 Modalità di pagamento Esenzione Irpef e contributo di solidarietà Pagamento della contribuzione La contribuzione è versata trimestralmente, sia per le quote a carico del datore di lavoro che per quelle a carico del lavoratore, tramite SDD o bollettino bancario, entro il giorno 16 del mese successivo al trimestre trascorso. A partire dall ultima settimana del trimestre ed entro il giorno 6 del mese successivo al trimestre il datore di lavoro deve controllare la distinta contabile sul sito internet del fondo e apportare eventuali modifiche e/o integrazioni. Questa procedura di consolidamento della distinta deve essere eseguita anche per le imprese che hanno deciso di effettuare il pagamento tramite SDD, altrimenti il Faschim procederà all emissione del Bollettino Freccia per il pagamento tramite bonifico bancario. Il ritardato versamento dei contributi superiore a 1 mese comporta l applicazione di un interesse di mora pari al tasso ufficiale legale maggiorato di un punto percentuale. Il mancato versamento dei contributi dovuti per un periodo continuativo di 2 trimestri comporta l esclusione degli associati. Trattamento previdenziale e fiscale della contribuzione Il trattamento fiscale e previdenziale delle somme versate è quello previsto per le casse sanitarie. Fiscalmente è prevista l esenzione Irpef delle somme a carico del datore di lavoro fino all importo annuo pari a E 3.615,20, ai sensi dell art. 51, c. 2, lett. a), Tuir. Il Faschim ha infatti richiesto l iscrizione all anagrafe dei fondi sanitari tenuta presso il Ministero della salute, rinnovandola di anno in anno. Nella Certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente da rilasciare, il datore di lavoro dovrà indicare, nella casella «Contributi versati a enti e casse aventi esclusivamente fini assistenziali», l importo complessivo dei contributi versati a Faschim, sia carico azienda sia dipendente, compresa la contribuzione per il nucleo familiare. Previdenzialmente i contributi trimestrali a carico del datore di lavoro sono soggetti al contributo di solidarietà del 10% previsto dall art. 9-bis del decreto-legge n. 103/1991, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 166/1991 da versare all Inps, denunciandoli nell Uniemens relativo al mese di versamento. Trimestre di riferimento Pagamento Faschim Denuncia Uniemens dell imponibile soggetto a contributo di solidarietà gennaio - marzo 16/04 aprile con pagamento il 16/05 aprile - giugno 16/07 luglio con pagamento il 20/08 luglio - settembre 16/10 ottobre con pagamento il 16/11 ottobre - dicembre 16/01 anno successivo gennaio dell anno successivo con pagamento il 16/02 Quota di prima iscrizione Fonchim Il Fonchim è il fondo di previdenza complementare del settore chimico farmaceutico, iscritto all albo Covip al numero 1. La contribuzione al Fondo ha cadenza mensile, decorre dal mese successivo a quello dell iscrizione e si compone di 4 voci, previste dai Ccnl di riferimento: quota aderente; quota azienda; quota del Tfr maturando, cioè che matura dal momento dell iscrizione in poi; quota assicurativa, prevista a far data dal gennaio 2007 per i settori chimico farmaceutico; ceramica, Gpl e coibenti, da gennaio 2008 anche per le aziende del contratto del vetro e luglio 2008 per le aziende del settore lampade. A queste va aggiunta la quota d iscrizione da versarsi una tantum all atto della prima iscrizione del dipendente al Fonchim, pari a E 12 a carico azienda ed E 4 a carico dipendente, per 729

5 Aliquote contributive un totale di E 16. Il versamento della quota è effettuato dall azienda unitamente alla prima contribuzione utile. Le aliquote contributive sono stabilite dai Ccnl di riferimento e sono riassunte nella tabella seguente, reperibile anche sul sito e sono da applicarsi ad un imponibile calcolato secondo i criteri della retribuzione utile del Tfr. Deducibilità dei contributi Somme eccedenti il limite I contributi versati alle forme di previdenza complementare sono ordinariamente deducibili, per la generalità dei contribuenti, entro il limite massimo annuo di E 5.164,57. Sono deducibili anche le somme versate dall iscritto a favore di un familiare a carico, fermo restando il limite annuo complessivo di deducibilità. Per i lavoratori subordinati rientrano in questa casistica tutte le somme versate sia dal datore di lavoro sia dal lavoratore, ad eccezione delle somme riferibili al conferimento del Tfr. In linea generale, se nel corso di 1 anno i versamenti dei contributi alla previdenza complementare sono d importo inferiore al limite di E 5.164,57, l ammontare residuo della deduzione non utilizzata viene perso e non può essere utilizzato nei periodi d imposta successivi. Le somme eccedenti tale limite, che non possono essere dedotte dal reddito imponibile ordinario dell anno di versamento, possono però essere considerate esenti al momento della liquidazione della prestazione, sia essa in rendita che in capitale, qualora l iscritto abbia comunicato l importo di tali somme al fondo pensione. Tale adempimento dev essere effettuato periodicamente, entro l anno successivo al periodo d imposta di riferimento del versamento. Per i lavoratori di 1 a occupazione successiva al 1º gennaio 2007 e che, a tale data, risultavano privi di una posizione contributiva obbligatoria presso un qualsiasi ente di previdenza, l art. 8, c. 6, D.Lgs. n. 252/2005 prevede un agevolazione, qualora questi soggetti decidessero di aderire ad una forma di previdenza complementare: nel corso dei primi 5 anni d iscrizione maturerebbero un ulteriore plafond di deducibilità da utilizzare negli anni successivi al 5º, a partire dal 6º e fino al 25º. L ammontare del bonus di deducibilità è pari all importo risultante dalla differenza fra E ,85 e l importo dei contributi effettivamente versati nei primi 5 anni d iscrizione alla previdenza complementare. La fruizione di tale deduzione maggiorata è soggetta ad una limitazione all interno di ogni singolo periodo d imposta: non è possibile fruire per ciascun singolo anno di un importo superiore a E 2.582,

6 Costo della contribuzione per il datore Contribuzione non utile ai fini del Tfr Soggetti non assicurati Retribuzione ridotta Per il datore di lavoro il versamento della contribuzione al fondo pensione ha un costo percentuale così definito: 1) la percentuale a proprio carico, generalmente prevista dal Contratto collettivo nazionale di lavoro o da accordi di secondo livello o anche da accordi individuali; 2) il 10% relativo al contributo di solidarietà. L art. 16 del D.Lgs. n. 252/2005 prevede che «sulle contribuzioni o somme a carico del datore di lavoro, diverse da quella costituita dalla quota di accantonamento al Tfr, destinate a realizzare le finalità di previdenza pensionistica complementare di cui all articolo 1, è applicato il contributo di solidarietà previsto nella misura del 10% dall articolo 9-bis del decreto-legge 29 marzo 1991, n. 103, convertito, con modificazioni, dalla legge 1º giugno 1991, n. 166». Tale contributo è versato all ente pensionistico cui risulta essere iscritto il dipendente. L imponibile contributivo si genera nel mese in cui si effettua il versamento al Fondo pensione ed è composto da tutte le somme versate a carico del datore di lavoro e che dallo stesso sono state lasciate esenti nella determinazione dell imponibile soggetto a contribuzione mensile ordinaria. La quota a carico del lavoratore, invece, rimane assoggettata a normale contribuzione e non può essere dedotta dall imponibile previdenziale soggetto a contribuzione mensile ordinaria. Il contributo di solidarietà è dovuto nella misura piena anche in relazione ai rapporti di lavoro di apprendistato e ai rapporti di lavoro agevolati. La contribuzione versata al fondo pensione non è soggetta ad essere retribuzione utile al Tfr, come indicato recentemente nella sentenza n. 6707/2013 e nell ordinanza n. 8228/2013 dalla Corte di cassazione, in quanto somme aventi natura previdenziale e non retributiva. Assicurazione per premorienza e invalidità permanente Il contributo all Assicurazione per premorienza e invalidità permanente non è dovuto per: gli iscritti che versano esclusivamente il Tfr a seguito di silenzio assenso; coloro che si sono iscritti volontariamente scegliendo di versare il solo Tfr. Queste 2 categorie di soggetti non sono pertanto coperte da tale assicurazione. Con la circ. n. 2/2008 il Fonchim ha precisato che in base ad un accordo stipulato dalla Consulta di Fonchim, «l azienda sarà tenuta a versare il contributo parametrato all imponibile Tfr anche nel caso in cui la retribuzione sia temporaneamente ridotta per cause non dipendenti dalla volontà del lavoratore. Il periodo in cui l azienda è tenuta a versare la contribuzione, nel caso di lavoratore privo di retribuzione ma comunque in forza, è stato stabilito in 24 mesi dalla cessazione della retribuzione stessa. Trascorso questo periodo il lavoratore, privo di retribuzione ma comunque in forza presso l azienda, potrà provvedere direttamente al versamento del premio, commisurato allo 0,2% dell imponibile Tfr, mantenendo in essere la copertura assicurativa». In tal caso per i lavoratori che non percepiscano alcuna retribuzione pur essendo ancora in forza presso l azienda, lo 0,2% dovrà essere calcolato sulla base dei minimi contrattuali per ogni livello di categoria. Dipendenti beneficiari e iscrizione Si possono iscrivere al Fonchim i lavoratori con contratto a tempo indeterminato e, con decorrenza luglio 2000, anche i lavoratori con contratto a termine di durata superiore a 6 mesi, dal momento del superamento del periodo di prova e ove si realizzi una contribuzione minima a Fonchim di almeno 1 mese. Iscrizione dell azienda L azienda deve provvedere all iscrizione compilando e inviando il modulo previsto, reperibile dal sito via fax al fondo Fonchim. Successivamente il fondo invierà all azienda una lettera con il riepilogo dei dati anagrafici aziendali, il codice azienda e la password per accedere all area riservata del sito. 731

7 Iscrizione dei primi dipendenti Cessazione del rapporto di lavoro Distinta di contribuzione L iscrizione dei primi dipendenti deve avvenire tramite invio dei moduli cartacei per posta ordinaria, successivamente l impresa potrà, in alternativa, effettuare l iscrizione sul sito, caricando i dati del dipendente e ottenendo così la scheda d iscrizione, che dovrà comunque in ogni caso essere stampata, firmata e inviata via fax. Questa procedura è preferibile in quanto aggiorna in tempo reale i dati relativi agli iscritti. In caso di cessazione del rapporto di lavoro di un dipendente iscritto a Fonchim l azienda dovrà inviare una comunicazione via mail o via fax, con la data delle dimissioni. Nel caso in cui il dipendente dimissionario decidesse di richiedere il riscatto della posizione o il trasferimento ad altro fondo pensione, l azienda dovrà compilare una parte del modulo relativo predisposto a tal fine, con l indicazione di alcuni dati contributivi utili per il trattamento fiscale della prestazione. Il dipendente compilerà la restante parte del modulo e lo invierà a Fonchim via fax. Denunce mensili e pagamento della contribuzione Nell area riservata del sito l azienda potrà iscrivere i lavoratori, segnalare eventuali variazioni, inserire i dati mensili delle distinte di contribuzione, visualizzare l elenco delle distinte inviate e dei bonifici generati. Entro il giorno 5 del mese successivo deve essere compilata una distinta di contribuzione, che indichi, dipendente per dipendente, quanto verrà versato, suddiviso nelle varie voci di contribuzione. La distinta può essere generata seguendo 2 modalità, mediante: compilazione on line, collegandosi nella sezione riservata del sito internet e cliccando alla voce «nuova distinta», il sistema propone l elenco di tutti i dipendenti iscritti e sarà sufficiente inserire il dettaglio dei contributi, suddividendoli per tipologia; upload di un file in formato «.txt» sul sito internet, nella sezione «modulistica - tracciati per distinte», è possibile scaricare un file per la compilazione della distinta, nel tracciato più adatto alle esigenze aziendali. Una volta compilato, sarà sufficiente ricollegarsi nella sezione riservata, cliccare alla voce «caricamento file distinta», allegare il tracciato creato e indicare un indirizzo di posta elettronica, nell apposita casella, per ricevere l esito del caricamento. Il sistema, immediatamente nel caso di compilazione on line, o entro 48 ore in caso di upload del file, verificherà la correttezza della compilazione, avvisando via mail l operatore in caso di errori. Successivamente, una volta compilata la distinta in modo corretto (dovrà risultare nello stato di «abbinabile») sarà possibile generare la distinta di bonifico che dovrà avere come valuta il giorno 20 del mese successivo. Quindi il flusso operativo è il seguente, prendendo a riferimento il mese di gennaio: Predisposizione distinta Entro il 5 del mese di febbraio Versamento Bonifico Data valuta 20 del mese di febbraio Altre previsioni contrattuali È possibile per l azienda prevedere in un accordo integrativo aziendale la destinazione di quote del premio di partecipazione a Fonchim e a Faschim, a copertura totale o parziale della contribuzione dovuta al Fondo (art. 26 Ccnl). L importo delle multe disciplinari, irrogate a seguito di un procedimento disciplinare di cui alla legge n. 300/1970, che non costituiscono risarcimento di danni deve essere devoluto a Fonchim, Faschim, alle eventuali istituzioni assistenziali e previdenziali di carattere aziendale o all Ente di previdenza nazionale (art. 51 Ccnl). 732

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

1. INDICAZIONI RELATIVE ALLA NORMA TRANSITORIA: iscrizione e contribuzione

1. INDICAZIONI RELATIVE ALLA NORMA TRANSITORIA: iscrizione e contribuzione Milano, febbraio 2008 Circolare n. 2/08 ALLE IMPRESE INTERESSATE Loro Sedi Alla c.a. Amministrazione del Personale Alla c.a. RSU p.c.: Organizzazioni sindacali Associazioni industriali territoriali Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

Regolamento per i versamenti contributivi aggiuntivi SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI...

Regolamento per i versamenti contributivi aggiuntivi SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI... SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI... 3 PARTE PRIMA: CONTRIBUZIONE AGGIUNTIVA PER IL TRAMITE DEL DATORE DI LAVORO CON PRELIEVI DALLA RETRIBUZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER I VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI

REGOLAMENTO PER I VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI PREVICOOPER Fondo Pensione Complementare Nazionale a capitalizzazione dei dipendenti delle imprese della distribuzione cooperativa VIA C. B. PIAZZA, 8 00161 ROMA Associazione r iconosciuta con D. M. lavoro

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

Gentile iscritto, La struttura del sito prevede due aree d accesso:

Gentile iscritto, La struttura del sito prevede due aree d accesso: Gentile iscritto, in relazione alla tua adesione a Previp Fondo Pensione in qualità di Socio Beneficiario, ti forniamo le modalità operative indispensabili per poter comunicare con il Fondo. A tal proposito

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993 CONFERIMENTO TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE - VERSAMENTO ALL INPS DELLE QUOTE DI TFR RESIDUE PER LE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE 1 FEBBRAIO 2007 Sulla Gazzetta

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE 21 marzo 2007 Direttive recanti chiarimenti operativi circa l applicazione del decreto ministeriale del 30 gennaio 2007, adottato ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014)

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) REGOLAMENTO (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) 1 Indice Articolo1 Oggetto del Regolamento Articolo 2 Requisiti di iscrizione Articolo 3 Modalità di adesione e comunicazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Roma, 12 febbraio 2013

Roma, 12 febbraio 2013 Roma, 12 febbraio 2013 C.C.N.L. Industria alimentare 27.10.2012 Fondo per il sostegno alla maternità/paternità e per la promozione della bilateralità di settore Avvio contribuzione da parte delle Aziende

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione (allegato

Dettagli

CONFERIMENTO DEL TFR NUOVE ASSUNZIONI

CONFERIMENTO DEL TFR NUOVE ASSUNZIONI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE N. CL 13/2008 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE (CIRCOLARE 2012-A)

ISTRUZIONI OPERATIVE (CIRCOLARE 2012-A) ISTRUZIONI OPERATIVE (CIRCOLARE 2012-A) DOCUMENTAZIONE SOCIETARIA E CONTATTI CON IL FONDO Le regole di funzionamento del Fondo sono riportate nella sezione DOCUMENTI del sito internet del Fondo www.fondogommaplastica.it:

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI REGOLAMENTO MODALITA DI ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 21 febbraio 2014 SOMMARIO ARTICOLO 1 DEFINIZIONE

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro di Luca Avallone Dal 1 gennaio 2007, con l entrata in vigore del decreto legislativo 252/2005 si ampliano le possibilità

Dettagli

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi: Lavoratore con 35 anni di

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A.

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Cos è Fondoposte Fondoposte è il Fondo Nazionale di Pensione Complementare per il Personale di Poste Italiane S.p.A. e delle

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND La riforma del sistema pensionistico determinata dalla legge 335/1995 e successive modificazioni ha modificato il sistema di rogazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - Documento approvato dal Consiglio di amministrazione del 1 aprile 2015 -

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE A PREVICOOPER DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE A PREVICOOPER DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO PREVICOOPER Fondo Pensione Complementare Nazionale a capitalizzazione dei dipendenti delle imprese della distribuzione cooperativa REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE

Dettagli

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO ENTE DI MUTUALITA ED ASSISTENZA 58100 GROSSETO VIA MONTEROSA N. 196 TEL..0564 454535 FAX 0564 454922 C.P. N.80 Prot. n 13186 Grosseto, 14 novembre 2003 A TUTTE LE

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

FONDO PENSIONE PRIAMO

FONDO PENSIONE PRIAMO I VANTAGGI DELL ADESIONE AL FONDO PENSIONE PRIAMO INTEGRAZIONE E PROTEZIONE FALITÀ REDDITIVITÀ FLESSIBILITÀ ECONOMICITÀ DIVERSIFICAZIONE L adesione a Priamo comporta, per l aderente, una serie di VANTAGGI

Dettagli

PERSEO FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE REGIONI E AUTONOMIE LOCALI E SANITÀ

PERSEO FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE REGIONI E AUTONOMIE LOCALI E SANITÀ PERSEO FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE REGIONI E AUTONOMIE LOCALI E SANITÀ Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 164 Sede Legale: Via Cesare Beccaria, 29 00196 ROMA

Dettagli

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA * " &$ #+ ( " ', & $ - "$. /$!& /$!& /$!& /$!& + $$!&$ #,!& '!! " #$ %& $ ' ( )( & &$ )($$&! " )( $ )( gennaio 2007 2 Normativa di riferimento:

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Previndai è il

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

SIRIO. Fondo Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori dei Ministeri, degli Enti Pubblici

SIRIO. Fondo Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori dei Ministeri, degli Enti Pubblici SIRIO Fondo Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori dei Ministeri, degli Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell ENAC e del CNEL. Iscritto all Albo

Dettagli

Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine Rapporto (aggiornamento dicembre 09) Trattamento di Fine Rapporto Edizione novembre 2010 Pagina 1 (aggiornamento novembre 2010) INDICE 1 NOZIONI GENERALI pag. 3 2 TFR E FONDI PENSIONE pag. 3 3 TRATTAMENTO FISCALE

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI.

FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI. FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI. REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE OPERATIVE RELATIVE ALLA ISCRIZIONE, ALLA CONTRIBUZIONE ED ALLE PRESTAZIONI. Approvato dal

Dettagli

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP Fondo Pensione ESPERO La pensione pubblica 1 - Perché i Fondi Pensione 2 - Come funzionano i Fondi Pensione 3 - Il Fondo Pensione ESPERO 4 - I destinatari 5 - Gli organi 6 - Adesione ad Espero ed effetti

Dettagli

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Art.8 Finanziamento 1. Il finanziamento delle forme pensionistiche complementari può essere attuato mediante il versamento

Dettagli

Cognome Nome. Comune di nascita Prov. Residente Prov. C.A.P. Tel. indirizzo e mail RICHIEDE

Cognome Nome. Comune di nascita Prov. Residente Prov. C.A.P. Tel. indirizzo e mail RICHIEDE RICHIESTA DI RISCATTO DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE O DI LIQUIDAZIONE DELLA PRESTAZIONE PENSIONISTICA COMPLEMENTARE (a norma degli artt. 10 e 12 dello Statuto) L ISCRITTO (compilazione a cura dell iscritto)

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

La riforma della previdenza complementare (D. Lgs. 252 del 5 dicembre 2005)

La riforma della previdenza complementare (D. Lgs. 252 del 5 dicembre 2005) INDICAZIONI OPERATIVE PER I DATORI DI LAVORO CHE APPLICANO IL CCNL EDILI INDUSTRIA O IL CCNL EDILI ARTIGIANATO PREMESSA Le presenti indicazioni operative rispondono alle disposizioni dei seguenti Decreti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI GESTIONE DEL COMUNE DI CERVIA Approvato con

Dettagli

Cos è. e come funziona

Cos è. e come funziona PreviGen Assistenza: cos è e come funziona Gli organi dell Associazione Nascita ed evoluzione di PreviGen Assistenza I vantaggi derivanti dal convenzionamento: Coperture Assistenza Sanitaria Coperture

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

ACCORDO PLURIMO SU BASE

ACCORDO PLURIMO SU BASE [VZ/ACC] ACCORDO PLURIMO SU BASE INDIVIDUALE A LIVELLO AZIENDALE PER L ATTIVAZIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE EX ART-3, c.1, lett.a), E PER GLI EFFETTI DELL ART.12, c.2 E 13 DEL D.LGS. 05.12.2005,

Dettagli

Piano Individuale Pensionistico

Piano Individuale Pensionistico Piano Individuale Pensionistico Indice 2 Piano Individuale Pensionistico Cos è? Come funziona? 3 e documenti per le liquidazioni 7 Fiscalità 9 Domande 1 Cos è? Come funziona? Cos è? Il Piano Individuale

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

La riforma della previdenza complementare

La riforma della previdenza complementare La riforma della previdenza complementare 2 I 3 MOMENTI DEL FONDO PENSIONE (1) CONTRIBUZIONE LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEL FONDO PENSIONE TFR MATURANDO CONTRIBUTO LAVORATORE CONTRIBUTO AZIENDA (2) GESTIONE

Dettagli

Circolare prot. 003/14 Roma, 7 luglio 2014. Spett.li

Circolare prot. 003/14 Roma, 7 luglio 2014. Spett.li Circolare prot. 003/14 Roma, 7 luglio 2014 Spett.li e, p.c.: Aziende che applicano i ccnnll dei servizi ambientali Federambiente FISE Assoambiente Associazioni Territoriali di Confindustria Ai Signori

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

Più opportunità dal tuo fondo pensione

Più opportunità dal tuo fondo pensione fondo pensione per il personale del gruppo helvetia e del gruppo nationale suisse Più opportunità dal tuo fondo pensione Più adesioni con i fiscalmente a carico, più contribuzione da parte del datore di

Dettagli

Obiettivo Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione

Obiettivo Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione Obiettivo Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione 4 - Documento sul Regime fiscale Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5017 Numeri utili Pronto Allianz

Dettagli

LA MIA PENSIONE DI DOMANI:

LA MIA PENSIONE DI DOMANI: LA MIA PENSIONE DI DOMANI: QUALI VANTAGGI DAL FONDO PENSIONE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. ADESIONI INDIVIDUALI: SPECIALE LAVORATORI AUTONOMI E DIPENDENTI CHE NON CONFERISCONO IL TFR

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE

PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE PREVIDENZA COMPLEMENTARE E PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Con queste schede la SLC CGIL si propone di offrire un contributo informativo alle lavoratrici e ai lavoratori per la scelta da effettuare entro il

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

UNITA SINDACALE - PAG.

UNITA SINDACALE - PAG. Unita Sindacale Gruppo Unicredit Fondo Pensione UniCredit Iscrizione familiari a carico Essere previdenti oggi è più facile... Iscrivi al Fondo i tuoi familiari! Le modifiche apportate al sistema pensionistico

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti.

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Per quanto necessari, anche i riscatti, in particolare per i

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

Roma, lì 30 settembre 2011

Roma, lì 30 settembre 2011 Roma, lì 30 settembre 2011 CCNL INDUSTRIA ALIMENTARE - ISTRUZIONI OPERATIVE PER IL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE DA PARTE DELLE AZIENDE AL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA ALIMENTARISTI 1. Premessa A decorrere

Dettagli

È nato Fondo Pensione Perseo

È nato Fondo Pensione Perseo È nato Fondo Pensione Perseo / Il futuro in cassaforte è nato Perseo Da oggi puoi pensare più serenamente al tuo futuro. Perseo è il Fondo pensione complementare destinato ai lavoratori delle Regioni

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE II PILASTRO. Il meccanismo del silenzio-assenso

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE II PILASTRO. Il meccanismo del silenzio-assenso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE II PILASTRO 1 Il meccanismo del silenzio-assenso 2 CASO 1: adesione al fondo negoziale TUTTO il TFR (maturando) verrà versato AL FONDO + PERCENTUALE del LAVORATORE 1% (in media)

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 POSTE ITALIANE LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 La presente informativa è stata redatta da Poste

Dettagli

NOTA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

NOTA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Ai dipendenti delle agenzie di Assicurazione in GESTIONE LIBERA NOTA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Ricordiamo a tutti i dipendenti delle agenzie in gestione libera aderenti allo SNA, che dal 2006 sono

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro I commi da 26 a 34, introducono, in via sperimentale dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, la possibilità, per il lavoratore dipendente, che abbia un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso

Dettagli

Regolamento adesione familiare

Regolamento adesione familiare Previmoda Fondo Pensione a capitalizzazione per i lavoratori dell industria tessile-abbigliamento, delle calzature e degli altri settori industriali del sistema moda. Regolamento adesione familiare PREVIMODA!"#$%&'##())*

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA 1 Il Consiglio di Stato, nella seduta del 12 febbraio 2015, ha dato il via libera al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che regola le modalità con

Dettagli

Docente: Alessandro Bugli

Docente: Alessandro Bugli Docente: Alessandro Bugli Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012 Fonte: OECD Global Pension Statistics - 2012 Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli