FORMAZIONE COME COMUNICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMAZIONE COME COMUNICAZIONE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DI URBINO Facoltà di Economia, Facoltà di Sociologia MASTER UNIVERSITARIO Lavorare nel non profit FORMAZIONE COME COMUNICAZIONE Le esperienze laboratoriali e la valorizzazione delle risorse umane nel territorio di Pesaro e Urbino Candidata: Chiara Federici Relatore: Prof.ssa Laura Gemini ANNO ACCADEMICO

2 Quando sarà finita; dirò che per tutta la vita sono stata la sposa dello stupore (Mary Oliver) L immaginazione è più importante della conoscenza (Albert Einstein) Insieme a Patch Adams in un seminario su I Dottori Clown Quando ho iniziato questa ricerca, io, che per vent'anni ho fatto la casalinga e la mamma, ero consapevole di affacciarmi ad un mondo... ma quello che mi si è aperto davanti agli occhi, come un gioco di matrioske superava di molto le mie aspettative: la quantità di materiale (documenti, progetti, valutazioni, statistiche...), giuntomi grazie al supporto delle tecnologie computazionali, ha... completamente sommerso il mio letto lasciandomi solo un angolino per dormire. La "comunicazione possibile" sembrava decisamente eccedere rispetto alla comunicazione che effettivamente avrebbe potuto aver luogo. Così ho scelto una modalità di ricerca più esperienziale, dove ci fosse un contatto personale e che mi permettesse di entrare in questo mondo attraverso i racconti di chi direttamente lo ha costruito come protagonista: sono andata a cercare le persone cardine della storia sociale nel nostro territorio e ho chiesto loro un intervista. Questo ha arricchito enormemente il mio percorso, ma inevitabilmente ha tagliato fuori dal quadro tante esperienze significative (che spero di poter inserire in un proseguo del lavoro). Ringrazio di cuore tutti per la loro generosa disponibilità che ha reso possibile questo viaggio.

3 INDICE Pag. 1 Introduzione CAPITOLO 1: La cooperazione e l'associazionismo nel territorio della provincia di Pesaro e Urbino Il contesto: La cooperazione Il volontariato L'ambito territoriale Cenni di storia Il settore formazione: L'evolversi negli ultimi 30 anni Progetto Fuorimargine Formazione CAPITOLO 2: I servizi e le attività laboratoriali: esperienze e riflessioni dal settore cooperativistico La Cooperativa Labirinto: La storia dal 1979 al 2003 L'area formazione e il CFO Progetto per la valorizzazione delle risorse umane Il progetto Arte a Palazzo L'atelier di pittura della Scuola di Viale Trieste Computer e creatività al Mosaico I laboratori negli asili nido Movimento espressivo e teatro all' Albero delle Storie Attività motoria e psicomotricità. Progetto Il Corpo in Gioco La Cooperativa Archimede: La storia dal 1983 al 2003 Corsi di formazione Attività laboratoriali nei servizi La Cooperativa Montefeltro Il centro socio educativo Francesca Il teatro e il cinema dal settore associazionistico L'associazione Handicap&Arte L'esperienza del laboratorio teatrale L'associazione Toccacielo Corsi e formazione

4 CAPITOLO 3: Il valore aggiunto della formazione laboratoriale Reintegrare la corporeità Unità mente-corpo Identità e ascolto Autonomia e creatività Comunicazione e comprensione Dal paradigma trasmissivo al paradigma interattivo La relazione La comunicazione non verbale e il gruppo La motivazione La motivazione d'accrescimento di A. Maslow Il limite come risorsa CAPITOLO 4: Dalle interviste: risposte e considerazioni A chi Quale domanda dalla base Qualità dell operatore sociale Valori e criticità di una formazione laboratoriale Risorse umane: strategie possibili 74 CAPITOLO 5: Conclusioni: proposte e sogni 76 BIBLIOGRAFIA ALLEGATI

5 INTRODUZIONE Questo lavoro nasce da due ipotesi: la prima è che tra le caratteristiche professionali di chi lavora nel sociale, chi lavora col disagio, con gli anziani, con l handicap, di chi fa l educatore, debbono essere incluse anche qualità personali, abilità comunicative e di gestione del gruppo che non si possono formare solo attraverso la pratica lavorativa né attraverso una formazione esclusivamente teorica ma che necessitano di una formazione laboratoriale, esperienziale che coinvolga la persona nella sua interezza di mente-corpo-emozione. La seconda è che in trent anni di esperienza sul campo, nel settore dei servizi sociali è maturato un patrimonio di competenze e di risorse umane che va valorizzato per non correre il rischio che si disperda. Gli obbiettivi del lavoro sono: Monitorare le attività laboratoriali svolte nei centri-servizi e nelle iniziative di promozione sociale del territorio, valutandone il ruolo e i risultati ottenuti; Monitorare le competenze acquisite sul campo e le risorse umane che ne sono derivate, disponibili e impiegabili per la formazione delle professionalità sociali (offerta) - monitorare il bisogno di accedere a tali competenze (domanda); Valutare l importanza di una parte laboratoriale-esperienziale nei percorsi di formazione dell operatore sociale, dell educatore professionale e di chi lavora nelle relazioni d aiuto ; Tracciare alcune linee guida per una progettualità tesa alla valorizzazione delle competenze elaborate dall esperienza lavorativa e delle risorse umane formatesi all interno del mondo della cooperazione sociale e del volontariato, e che renda possibile la trasmissione di tali competenze alle professionalità sociali emergenti. Le fonti utilizzate sono: dati statistici e d archivio; interviste (n 14) raccolte fra le persone più significative e competenti sul tema indagato sia per la loro esperienza che per il ruolo sociale che hanno occupato e che occupano. Le interviste, riportate a stralci all interno della tesi, sono state trascritte e allegate (vedi allegati). Il lavoro è costruito su tasselli di memorie, di vissuti personali, di dati, di documenti... come pezzi di un puzzle, perciò il significato globale emergerà solo alla fine, quando tutti i tasselli formeranno il quadro. Ho lasciato, quanto più mi è stato possibile, parlare le persone perché il valore della loro esperienza ne rende la testimonianza speciale e autorevole. 1

6 CAPITOLO 1 Cooperazione e associazionismo nel territorio provinciale di Pesaro-Urbino IL CONTESTO In tutta la Regione Marche la presenza della cooperazione e dell associazionismo è una realtà consolidata da ormai trent anni di storia, nei quali si è andata strutturando sempre di più fino ad intessere l attuale rete di attività e servizi, aumentando il proprio peso tra i protagonisti dello sviluppo economico e sociale del nostro territorio, grazie anche alle iniziative di sostegno legislative ed economiche del governo regionale (vedi programma di welfare regionale). L aumento continuo del numero di cooperative sociali, di lavoratori dipendenti occupati, di volontari e di associazioni culturali e di volontariato è un indicatore dell importanza di questo fenomeno nella realtà marchigiana. Qualche dato: La cooperazione Società Iscritte ai Registri Prefettizi marchigiani al Provincia Sezione PU AN MC AP TOTALE Consumo Produz e lav agricola Edilizia Trasporto Pesca Mista Mutuo Socc TOTALE Sociale Fonte: Prefetture Marchigiane Elaborazione REGIONE MARCHE Ufficio Cooperazione. 1 Le cooperative sociali, godendo della possibilità della doppia iscrizione sono conteggiate a parte onde evitare il doppio conteggio.gli ultimi anni hanno visto una notevole crescita del settore sia per numero di cooperative che per occupati 2

7 PROV. Evoluzione addetti nelle cooperative attive con sede legale nelle Marche N. Addetti % prov. su tot. N. Addetti % prov. su tot. N. Addetti % prov. su tot. N. Addetti % prov. su tot. incremento increm. Addetti increm. % AN ,62% ,36% ,21% AP ,11% ,56% ,22% MC ,55% ,74% ,42% PU ,72% ,34% ,57% TOTALE ,87% Fonte: Infocamere elaborazione Servizio statistico Regione Marche/ufficio cooperazione Per quanto riguarda le cooperative sociali, a livello nazionale, secondo i dati del Registro Prefettizio, al 31/12/ 97, il loro numero è cresciuto nel giro di un anno da 3857 a 4699 unità, con un incremento del 22%, mentre, secondo i dati della Direzione generale della Cooperazione, il loro numero è ancora più elevato: 5401 unità alla fine del 98 e 6200 unità alla fine del 99; impegnano, sempre al 31/12/ 99 circa soci ordinari, soci volontari, reinseriscono circa soggetti svantaggiati. Nella Regione Marche, secondo i dati del Ministero del Lavoro, le cooperative sociali occupano addirittura 5925 soci e 794 volontari. La cooperazione sociale è in fase di crescita e il trend non sembra ancora essersi esaurito, una parte delle Amministrazioni locali della regione ancora deve sperimentare in forma piena l integrazione della cooperazione all interno del proprio sistema di servizi 2. Il Volontariato Dal libro Il Volontariato nelle Marche anno 2002 prodotto dal Centro Servizi per il Volontariato si rileva che le organizzazione di volontariato (da ora OdV) ammontano al 31/8/2002 a 959 unità, cioè l 85,5% in più che nel 1997, aumento ancora più rilevante nella provincia di Pesaro. L'anzianità media delle OdV marchigiane è di 18 anni, un po' al di sotto di quella nazionale (19,4 anni). Il 17,2% delle unità è preesistente alla metà degli anni '70 e una quota analoga nasce a cavallo degli anni '70-'80 quando vengono attuati il decentramento politico-amministrativo e una serie di grandi riforme sociali. La crescita delle organizzazioni risulta notevole negli ultimi 15 anni: 139 nuove formazioni nel periodo '86-'90, 169 in quello successivo ('91-'95) e Le cooperative sociali mostrano un forte propensione ad associarsi nelle organizzazioni di rappresentanza: l adesione delle cooperative in generale alle Associazioni cooperative (Confcoop, Legacoop, Unci e Agci) rasenta il 60% del totale, Legacoop Marche associa oltre 270 imprese cooperative di tutti i settori, con più di soci. 3

8 nell'ultimo quinquennio. In quest'ultimo il ritmo di incremento è superiore a quello che si registra nella circoscrizione di Centro e in Italia. Nello stesso tempo tra le organizzazioni oggi attive, 4 su 10 rivelano stabilità e continuità, dato che operano da almeno 15 anni. La Provincia di Pesaro e Urbino è quella segnata da una natalità maggiore negli ultimi cinque anni-33,7%: nella provincia sono state rilevate 228 associazioni (cioè 6,58 associazioni ogni abitanti). Di queste il 54,6% opera nel settore socio-sanitario svolgendo interventi o attività prevalentemente con strutture o servizi pubblici (il 65,6% delle modalità operative) Pur essendo la tendenza tipica delle organizzazione basate sull esclusivo lavoro volontario quella di operare in situazioni di nicchia o comunque poco strutturate, nel nostro territorio è particolarmente diffusa la collaborazione stabile e strutturata con gli altri servizi del territorio. II volontariato organizzato marchigiano tuttora operativo ha ormai una storia abbastanza consolidata. L'epoca di maggior sviluppo del fenomeno si ha infatti, come abbiamo detto, negli anni '80, anche a seguito della crescita economica avvenuta nella regione a partire dagli anni sessanta e con una rapidità tale da costituire un primato nazionale. L'enorme sviluppo del turismo e delle attività collegate sulla costa, l'industrializzazione della fascia centrale collinare e costiera e la diffusione di opportunità lavorative (anche a domicilio e precarie) fino ai piedi dell'appennino, ha comportato processi sociali e culturali come l'intenso flusso migratorio dai centri montani alla costa, la perdita dei tradizionali punti di aggregazione - e la conseguente ricerca di nuovi momenti e spazi di vita sociale - ma anche una modifica radicale dei consumi e delle abitudini. Il passaggio piuttosto repentino da un'economia agricola e artigianale ad una industriale-terziaria ha comportato altresì dei costi: la nascita di nuove emarginazioni, la crisi di alcuni valori che garantivano coesione nel contesto tradizionale della regione e quindi, sul piano istituzionale, l'affannosa ricerca di risposte alle nuove emergenze 3. Bisogna ricordare anche che in quegli anni è stato definito il quadro istituzionale sia per l associazionismo che per la cooperazione grazie alla promulgazione delle relative leggi (266/1991-volontariato; 381/1991-cooperative sociali; 460/1997 ONLUS; 383/2000 associazioni di utilità sociale). In questo nuovo scenario il privato sociale organizzato si palesa come forza di innovazione e di proposta, innestandosi sul preesistente filone solidaristico, caratterizzato da risposte assistenziali e a supplenza dell'intervento pubblico e diventando sempre più un interlocutore importante dell ente pubblico per la progettazione, realizzazione e gestione di servizi. Simultaneamente il quadro organizzativo del settore socio-sanitario viene profondamente ristrutturato con l avvento della legge quadro 328 del da Il volontariato nelle Marche Confronta anche intervista a G. Iacomucci - allegato 1 4

9 L Ambito territoriale n.1 di Pesaro Vediamo brevemente cosa accade localmente a livello dell Amministrazione pubblica. Dopo l avvento della legge 328 del 2000, riguardo alla concertazione della programmazione territoriale e all elaborazione dei Piani di Zona, l ambito si è organizzato così: la regia politica della pianificazione è in mano al comitato dei nove sindaci d'ambito coadiuvati dal coordinatore d'ambito la regia tecnica invece è in mano all' ufficio di piano composto da circa venti persone scelte tra i dirigenti dei vari comuni più un rappresentante della Zona 1 A.S.U.R. 4, un rappresentante delle scuole, un rappresentante della cooperazione sociale, un rappresentante delle associazioni di volontariato, un rappresentante dell'associazionismo di promozione (A.C.L.I., A.R.C.I., U.I.S.P., ecc). Il compito dell'ufficio di piano è monitorare, valutare e promuovere. L'ufficio di piano è articolato in gruppi di lavoro multidisciplinari e integrati, tali gruppi composti da un numero variabile di persone da 7 a 15, lavorano settorialmente sulle diverse aree di intervento (per esempio disabili, anziani, adolescenti, ecc ). I partecipanti sono scelti dal coordinatore d'ambito secondo le competenze specifiche oppure secondo la propria rappresentanza. Alcuni gruppi risultano essere troppo grandi e quindi si frammentano in più specifici tavoli di concertazione o di consultazione. Dai gruppi di monitoraggio e analisi organizzati per aree di intervento, si passa ai gruppi progetto suddivisi in gruppi tematici e gruppi strategici, fra cui, di notevole interesse per il nostro tema d indagine, da quest anno lavora il gruppo percorsi di formazione per gli operatori. Un gruppo sul tema della formazione è stato aperto anche all interno del Progetto Pesaro 2015, città di qualità (vedi sito I seguenti dati 5 possono fornire l immagine della intensa attività che l Ambito territoriale di Pesaro svolge e della presenza, al suo interno, delle cooperative e delle associazioni: 4 dal 01/01/2003 l Azienda Sanitaria Locale prende la denominazione di A.S.U.R. (Azienda Sanitaria Unica Regionale), divisa in zone: la zona di Pesaro è la Zona 1; perciò da ora la A.S.L. di Pesaro sarà denominata Zona 1 A.S.U.R. 5 fonte: sito internet dell ambito territoriale (www.ambitosocialepesaro.it) 5

10 Piano di Zona Ambito territoriale n. 1 di Pesaro Numero di persone coinvolte *» 282 Comitato dei Sindaci:» 9 Tavolo di concertazione Ambito territoriale sociale n.1» 8 Ufficio di Piano:» 21 Staff Ambito:» 4 Dirigenti scolastici:» 35 Famiglia:» 8 Minori:» 35 Disabili:» 43 Salute mentale:» 10 Disagio Adulto (casa - lavoro):» 13 Anziani:» 37 Immigrati:» 17 Dipendenze:» 27 Giovani:» 15 * Coinvolte = ovvero persone che hanno partecipato attivamente a gruppi di lavoro o a tavoli di concertazione (alcune persone hanno partecipato a più tavoli). Il numero di presenze è stato invece altissimo, visto che ogni tavolo o gruppo si è incontrato numerose volte (4/5 incontri di media per gruppo) Ricchezza e pluralità della partecipazione: Ambito n. 1:» 4 Comuni dell'ambito:» 109 Provincia:» 6 A.USL n.1:» 16 Scuole:» 64 Sindacati:» 12 Diocesi di Pesaro:» 5 Associazionismo:» 44 Cooperazione sociale:» 22 6

11 Enti, Associazioni Rappresentati Comuni dell'ambito (amministratori, dirigenti, operatori)» 9 Provincia di Pesaro e Urbino (servizi sociali, centro per l'impiego )». A.USL n. 1 (Dipartimento di Salute mentale, U.O. dipendenze patologiche, area materno infantile..)». Istituti Scolastici (comprensivi e superiori), diverse Direzioni Scolastiche e il C.S.A.» 22 Sindacati e rappresentanze di categoria (CGIL, CISL, UIL, CNA, Confartigianato, Legacoop, Confcooperative )». Associazioni di volontariato o di promozione sociale» 33 Cooperative sociali» 12 Cenni di storia Dall intervista a G. Tacchi (allegato 2), coordinatore dell ambito territoriale di Pesaro: L esperienza del nostro territorio, nella gestione delle politiche di welfare, è fortemente segnata dal ruolo svolto dall associazionismo e dalla cooperazione, al punto da caratterizzarsi, in questi ultimi venticinque anni, come un caso del tutto originale rispetto al contesto regionale. La storia di questa esperienza di integrazione tra pubblico e privato può essere sinteticamente riassunta nel graduale passaggio, da una collaborazione emotiva e funzionale, ad una partnership ragionata, adulta, orientata all efficacia del risultato. La stagione d oro della collaborazione tra pubblico e privato è stata una fase storica probabilmente irripetibile, caratterizzata dalla possibilità di anteporre la progettualità all individuazione delle risorse finanziarie. Di questo felice periodo resta oggi la qualità e la quantità del sistema dei servizi articolati nel territorio, insieme a tutta la nostalgia per un agire politico partecipato, condiviso dalla cittadinanza, per un azione di governo politico e per una gestione tecnica che non doveva subire, più di tanto, i rigori dei tagli di bilancio e le sempre più pressanti analisi di efficienza/efficacia sugli insopportabili costi dello stato sociale... Agli albori fu Don Gianfranco Gaudiano, figura carismatica, che per primo, sui temi più scottanti del sociale (disabilità, tossico-dipendenza, immigrazione), ad attivare, autonomamente dall'ente 7

12 pubblico, degli interventi e dei servizi... Inizialmente costituì la Comunità di via del Seminario, che diventerà in seguito CEIS (centro italiano di solidarietà) 6. Nel 1974 Don Gaudiano aprì il primo servizio territoriale: la Scuola di Viale Trieste (scuola professionale dedicata ai disabili, che ospitava genericamente handicappati sia fisici che psichici, tutti insieme!!...).. Poi aprì la Comunità di Gradara per i tossicodipendenti, e in seguito il CPA (centro di prima accoglienza per gli immigrati) e poi il centro di seconda accoglienza sulla statale adriatica......l'avventura privata è confluita successivamente, grazie ad una integrazione virtuosa tra pubblico e privato, integrandosi col Comune che, tramite i sistemi convenzionati, ha fatto sue alcune di quelle iniziative, è confluita dicevo in un sistema di servizi: la scuola di viale Trieste è diventata un servizio comunale, la comunità di Gradara è rimasta un servizio privato ma convenzionata con un ente pubblico, come il CPA......Il ruolo del privato sociale è stato di promotore della rete dei servizi territoriali mentre il Comune allora si limitava ad occuparsi dell'organizzazione dei suoi servizi interni (assistenti sociali, assistenza domiciliare...), bravo è stato l'ente Comune che ha detto: "mi interessa, voglio diventare il tuo partner"... Il Comune divenne sostenitore convinto del privato sociale, del quale utilizzava il basso costo (!) e le nuove professionalità. La cooperazione sociale, contemporaneamente, offriva occasioni di lavoro ai giovani del territorio...la cooperazione sociale è venuta dopo, è stata il partner successivo..., tramite il sistema di convenzioni ha consolidato e sviluppato la rete dei servizi;... il ruolo dell'associazionismo è stato un ruolo di promozione, anche coraggioso,.. ancora oggi ci sono molte associazioni protagoniste sul territorio di attività sociali, anche autonomamente. Il rapporto con la cooperazione sociale ha vissuto due fasi: 1) una fase di subordinazione nella quale la cooperazione sociale forniva manodopera in servizi che il comune non riusciva a gestire 2) la fase in cui la cooperazione sociale si è proposta come soggetto indipendente capace di innovazione, siamo alla fine degli anni '80-primi anni '90, anni in cui le cooperative sono cresciute molto anche di numero. Attualmente la cooperazione sociale ricopre un ruolo sostanzioso come partner dell'ente pubblico nella gestione dei servizi, direi che come quantità, non come qualità, rappresenta circa il 70%; teniamo conto che la cooperazione sociale non fornisce solo manodopera ma anche strutture, pulmini, materiali... L'associazionismo di promozione poi ha sempre avuto un ruolo autonomo dall'ente pubblico, solo oggi, con i tavoli di concertazione, sono diventati partner... 6 Associazione di volontariato ancora oggi molto attiva. Cfr anche intervista a V.Ondedei allegato 5 8

13 Quindi, sintetizzando,si può dire che l associazionismo di volontariato ha avuto un ruolo propulsore, è stata l anima iniziale dell azione sociale, di cui il nostro territorio ancora gode l eredità. La cooperazione ne è attualmente lo scheletro portante. Ma entrambi, associazionismo e cooperazione, trovano nell ambito territoriale un luogo di collaborazione programmatica e di concertazione assieme agli altri attori sociali e all ente pubblico.. 7. IL SETTORE FORMAZIONE L evolversi negli ultimi 30 anni L aspetto della formazione accompagna tutta la storia dell evolversi del privato sociale e ne plasma le linee di sviluppo seguendo due grandi motivazioni: il desiderio di crescita personale e di elaborazione dei temi emergenti dalla pratica quotidiana da un lato, il bisogno di dare forma e riconoscimento, anche istituzionale, alle figure professionali che si stavano sviluppando. Così ne ricostruisce lo svolgersi negli anni Giuliano Tacchi:...anche rispetto alle professionalità possiamo individuare due epoche. Una prima fase pionieristica in cui gli operatori non avevano alcuna specializzazione, si sono costruiti sul campo, studiando, sperimentando, e confrontandosi con gli altri. In particolare la cooperazione sociale è stata molto ricca nel progettare formazione per i suoi soci... Ricordo ad esempio i percorsi formativi attuati dalla Scuola di Viale Trieste sulle metodologie di approccio al disagio psicofisico secondo la pedagogia istituzionale dell'università di Bologna, corsi tenuti da Rita Croci, allieva di Andrea Canevaro 8, corsi svoltisi per tre o quattro anni agli inizi degli anni '90, durante i quali la metodologia e l'uso degli strumenti, degli spazi, delle tecniche, delle forme di relazione di quell'approccio si sono progressivamente adattate al nostro territorio, alla nostra realtà specifica. Poi ognuno si è specializzato diventando chi psicologo, chi pedagogista, chi sociologo. Una seconda fase: quella della formazione istituzionale, che è venuta molto dopo...nel periodo in cui si è cominciato a inserire personale specializzato nei servizi (..in piscina non li portavamo più noi i ragazzi dei centri, ma i bagnini con il patentino..) 7 da intervista a G. Tacchi allegato 2 8 Andrea Canevaro docente di Pedagogia Speciale presso il corso di Pedagogia all Università degli Studi di Bologna 9

14 La formazione specialistica ha avuto un ruolo fondamentale perché, chi veniva dal volontariato e non aveva alcuna competenza specifica, trovava nella formazione una completezza, attraverso lo studio, della sua capacità maturata con l'esperienza, chi invece arrivava già con competenze specifiche (quelli della seconda fase) trovava nella formazione la possibilità di consolidare e affinare le proprie conoscenze. Il percorso di formazione non è mai finito perché contemporaneamente il pubblico si è organizzato per fare lui stesso formazione: il comune di Pesaro è l'unico nelle Marche, credo, ad avere un ufficio dedicato alla formazione del personale con il compito di rilevare il bisogno formativo e proporre dei percorsi di formazione (io faccio parte della commissione tecnica di quell' ufficio). Il lavoro di formazione, soprattutto nella fase pionieristica, è servito per costituire la spina dorsale dell'équipe, che significa mantenere uno scopo comune, lavorare insieme per il benessere dell'utenza pur conservando ognuno le proprie specificità. All'interno dell'ufficio formazione abbiamo elaborato una scheda di rilevazione del bisogno formativo dove vengono evidenziate quali sono le conoscenze teoriche, quali sono le conoscenze pratiche e tecniche, quali sono le capacità relazionali necessarie per fare l'operatore sociale; abbiamo poi distribuito queste schede nei nostri servizi e abbiamo così potuto monitorare il bisogno formativo che viene evidenziato dagli operatori cioè il bisogno che viene dal basso e abbiamo potuto coniugarlo con le esigenze che l'ente di formazione ha per garantire la continuità della mission di quel servizio. I bisogni rilevati si possono sintetizzare intorno ai temi della gestione del conflitto, gestione delle patologie gravi, delle aggressività, e in particolare sulla gestione del lavoro d'équipe e sulle conflittualità che facilmente vi possono insorgere oltre che conoscenze teoriche sulla programmazione e l welfare 9. La formazione è andata avanti a fasi alterne negli anni: anni in cui si è fatta formazione globale (ricordo i corsi organizzati dal comune col prof.m. Pollo) dove in aula c'erano tutti i tipi di operatori dell'handicap fisico e psichico, dei giovani, degli adulti, senza specificità perché si lavorava sull'operatore sociale; e anni in cui ogni centro ha organizzato la sua formazione concentrata sulle sue problematiche specifiche 9 dal sito dell ambito territoriale: Questa, in estrema sintesi, il quadro del bisogno formativo dei dirigenti; Conoscenze teoriche: evoluzione welfare / politiche sociali. Conoscenze tecniche: modelli e metodi di pianificazione sociale; modelli e metodi di pianificazione economica; organizzazione per processi; lavoro per progetti; controllo della qualità / servizi; modelli e tecniche di management. Capacità cognitivo / relazionali: Ascolto / lettura sistemica dei fenomeni; Orientamento alla discussione sociale dei problemi; Intelligenza sociale (capacità lettura bisogni, aspettative, motivazioni e comportamenti); Adattabilità relazionale; Pensiero creativo; Organizzazione / integrazione servizi-attività; Cooperazione e lavoro di gruppo; Leadership professionale, gestionale; Gestione delle incertezze. 10

15 La chiave di volta è stato mettere al centro la formazione dell'operatore per dare forma e consolidare i profili professionali dell'operatore sociale affinché non restino affidati al volontarismo: la novità è stato l'incontro fra la domanda interna e l'offerta di formazione istituzionale poi sono sopravvenuti problemi di bilancio perché la formazione costa. (dall intervista a G. Tacchi allegato 2) Progetto d impresa sulla formazione Fuorimargine Nel 2002 la Regione Marche ha deciso che la formazione con fondi pubblici e con valenza di tipo pubblico (FSE - fondo sociale europeo, ex legge per la formazione interna degli occupati, ICM-figure professionali accreditate) può essere gestita solo da enti accreditati, cioè solo da quelli che si attengono alle pratiche definite nell apposito manuale stilato dalla Regione stessa. Si è reso necessario perciò, per chi vuole fare formazione di redigere una Carta della Qualità dove si specifichi dettagliatamente il tipo di offerta formativa, le modalità di gestione, gli strumenti di controllo e si dimostri la capacità dell ente stesso di monitorare e rendicontare tutte le varie tappe del percorso. Le cooperative della provincia che già facevano formazione si sono riunite per redigere la Carta della Qualità ed hanno scelto, per presentarla alla Regione, di utilizzare, come organismo che le unificasse, il Consorzio Fuorimargine (CFM) esistente già dal 90 e comprendente 23 cooperative. Il CFM ha sempre fatto dell attività di formazione un cardine dell operare sociale di qualità e lo dimostra la lunga lista di corsi di formazione organizzati (49 dall 85 al 01 di cui all allegato n.3) e il materiale di documentazione e pubblicazione prodotto (di cui all allegato n.4) Dall agosto del 2002 il Consorzio ha ottenuto l accreditamento alla gestione dei corsi formativi presso la regione Marche e al suo interno la formazione viene portata avanti dalle seguenti 7 cooperative: Labirinto, Archimede, Aquilone, Ginestra 2, Sorgente, Montefeltro e Melograno... (cfr. Intervista a V. Ondedei - allegato 5). Nasce così a Pesaro il consorzio Fuorimargine Formazione (F.m.F.), collocato presso i locali del Centro Formazione ed Orientamento della coop. Labirinto, accreditato per la progettazione di diverse tipologie di corsi di formazione e orientamento: macro progetti sovvenzionati dall'unione Europea, iniziative comunitarie, corsi di formazione permanente per i dipendenti delle Cooperative Sociali aderenti al Consorzio "Fuorimargine", corsi di formazione finanziati dal Fondo Sociale Europeo in collaborazione con la Provincia di Pesaro e Urbino, ecc Il FMF è finalizzato a sviluppare un analisi precisa sulle esigenze di fabbisogni professionali e formativi delle imprese del terzo settore per far emergere: 10 cfr la Carta della Qualità del consorzio FmF 11

16 a) le principali problematiche dell'area delle imprese sociali in tema di fabbisogni professionali e formativi (dimensione dei bisogni ); b) le dimensioni e le implicazioni del contesto sociale e lavorativo (dimensione dell'offerta); c) le relazioni fra i protagonisti delle politiche sociali e i centri per l'impiego (dimensione della qualità del partenariato); d) le eventuali iniziative da intraprendere (dimensione della progettualità). L'obiettivo fondamentale è quello di sostenere la crescita dell'impresa sociale in un periodo di transizione per avviare una serie di azioni di economia solidale (di welfare mix) che sappiano riconciliare i valori dell'imprenditorialità e della solidarietà. In altri termini, un progetto per l'impresa sociale non finalizzato a raccogliere le vittime della competitività ma, al contrario, orientato a ridurre le barriere fra risorse (finanziarie ed umane) per la progettualità sociale, la formazione e le politiche del lavoro, in un ottica di miglioramento complessivo della qualità della vita delle fasce deboli e della popolazione in generale tratto dalla Carta della Qualità di FmF: Le figure direttamente interessate alle attività sono: Responsabile della Formazione, rappresenta la Direzione Generale e/o il Consiglio di Amministrazione del Consorzio "Fuorimargine", è il diretto responsabile dell'intero sistema di Formazione Responsabile della Qualità, è il diretto responsabile dell' addestramento della Qualità sulla formazione. Coordina l Ufficio Qualità ed il responsabile addetto. Responsabile dell'area Amministrativa, è il/la diretto responsabile per la gestione dei finanziamenti e la rendicontazione dei progetti attivati. Coordinatore del Centro di Formazione e Orientamento è il/la diretto responsabile dello staff operativo intemo al C.F.O. e delle attività ad esso connesso. 12

17 CAPITOLO 2 I servizi e le attività laboratoriali: esperienze e riflessioni L ambito preponderante in cui si sviluppa l impegno delle cooperative sociali e dell associazionismo di volontariato sono i servizi sociali. Ho scelto, per la mia indagine, fra le tante realtà, cinque soggetti: tre nel mondo della cooperazione e due nel mondo dell associazionismo. La cooperativa Labirinto, la cooperativa Archimede, la cooperativa Montefeltro, l associazione Handicap&Arte, l associazione Toccacielo. Pur sapendo di aver escluso realtà altrettanto significative e preziose, ho selezionato queste oltre che per oggettivi limiti di tempo, perchè vi ho rinvenuto le esperienze più interessanti dal punto di vista dell approccio laboratoriale, artistico, corporeo al lavoro con l utenza e alla formazione degli operatori e degli educatori All interno dei servizi le attività laboratoriali ci sono state da sempre, fin dal loro nascere perchè attraverso di esse si poteva lavorare su entrambi gli aspetti chiave dell educazione e dell integrazione dei ragazzi (come chiamano gli educatori gli ospiti dei servizi) Ce ne parla G. Tacchi: Il lavoro attraverso laboratori ha due aspetti: un aspetto funzionale e un aspetto di metodo. Nei centri che ospitano handicap medio-gravi l'obiettivo iniziale, illusorio, era quello di inserire tutti nel mondo del lavoro (illusorio perché se andiamo a vedere alla Berloni o alla Scavolini di questi ragazzi c'è ne sono ben pochi, forse nessuno; oggi per l'inserimento lavorativo di questi ragazzi abbiamo le cooperative B e in parte gli enti pubblici) e quindi il laboratorio era il centro della proposta di programmazione educativa, significava avere dei luoghi dove l'approccio alla manualità era semplice perché noi avevamo ragazzi con i quali dovevamo scontare scarse competenze teoriche, conoscitive, una manualità precaria, un utilizzo del corpo precario, una difficoltà relazionale...; già allora il laboratorio tecnico non solo rispondeva al bisogno di fornire un supporto alla carenza di manualità (non era importante " il vaso " in sè e per sè quanto un certo tipo di approccio alla manualità, una certa relazione occhio mano che poteva essere rieducata), c'erano già degli aspetti funzionali e terapeutici nell'approccio col materiale. Dopo però il laboratorio tecnico si sposava con il laboratorio espressivo; ecco allora il teatro dove si poteva travestirsi, interpretare un altro da sé, dove si poteva giocare, scatenare la fantasia e la creatività; ecco il laboratorio di grafica e di disegno dove usando tutte le possibili tecniche di colorazione cercavamo di dar voce all'esuberanza espressiva dei nostri ragazzi, al punto che una volta siccome non ci bastava lo spazio di un foglio bristol per esprimere la nostra voglia di dipingere il mondo e di vivere nei colori abbiamo dipinto una casa intera compresi i 13

18 soffitti... Si è fatto yoga, arte-terapia, piscina, palestra, alcune attività condotte da esperti e altre fatte da noi, senza nessun patentino Il laboratorio tecnico era il centro, ma intorno ruotava l'attività motoria, psicomotoria, espressiva eccetera; i laboratori avevano il valore terapeutico di valorizzare le capacità personali, di responsabilizzare (creare un oggetto), ma c'era anche il tentativo di utilizzare uno strumento (per esempio creare un vaso) per insegnare a rispettare dei tempi, a rispettare lo spazio del compagno; perché se vuoi entrare nel mondo del lavoro ci sono delle regole da rispettare, per entrare nella produzione, per entrare nella relazione con i compagni, per entrare come protagonista anche solo in una fase della produzione La nostra proposta educativa era costruita sulla cosiddetta "scheda funzionale del ragazzo": quali sono le tue abilità quali sono i tuoi bisogni quali sono le tue difficoltà quali sono i tuoi desideri. La nostra proposta educativa era costruita su quello che c'è, non su quello che non c'è: costruivamo un menù di proposte di attività (teatro, ceramica, musica...) che cercava di intercettare tutti i nostri ragazzi, uno stava tutto il tempo in teatro, uno nel laboratorio di ceramica o in quello di musica, anche il momento della mensa era educativo All interno del termine laboratori, sono incluse due tipologie di attività diverse che è bene differenziare: i laboratori tecnici-artigianali (legno, serigrafia, ceramica, aquiloni, maschere...) dove si apprende in modo laboratoriale, cioè con la pratica, una tecnica; più finalizzati ad acquisire una manualità idonea all inserimento lavorativo; i laboratori espressivo-artistici e motori (teatro, movimento, pittura, psicomotricità...) dove è coinvolto maggiormente il corpo e che sono più finalizzati a migliorare le abilità motorie, a creare spazi comunicativi ed esplorare possibilità espressivo-creative. Vediamo ora in che modo si sono sviluppati i laboratori nelle cinque organizzazioni prese in esame. 14

19 DAL SETTORE COOPERATIVISTICO La Cooperativa Labirinto La storia dal 1979 al 2003 La cooperativa Labirinto prende avvio nel 1979, quando un gruppo di insegnanti di educazione fisica, appena diplomati o con lavori precari, per costruirsi un'occupazione più stabile e qualificata, decide di organizzarsi in cooperativa: nasce così la COOP.E.F. (Cooperativa Educatori Fisici). Ma lasciamo raccontare al presidente della cooperativa Franco Alleruzzo e al responsabile attività motoria Roberto Mancini che, essendo stati protagonisti fin dall inizio della storia della cooperativa, meglio di chiunque altro, possono riassumerla, in tutta la sua ricchezza e intensità, focalizzando i passaggi più significativi:...in quegli anni la scelta di dare vita ad una cooperativa per lavorare nell'ambito dei servizi non era un fatto comune: eravamo la seconda cooperativa in Italia che operava nel settore motorio-sportivo; l'idea di cooperazione era ancora fortemente legata ad altri settori, come quelli dell'edilizia, dell'abitazione, dei trasporti, del consumo, ecc. Oltre al bisogno primario di trovare un'occupazione degna di questo nome, il nostro obiettivo era quello di ricercare qualità e dignità nel nostro lavoro. Siamo stati i primi e forse siamo rimasti gli unici ad applicare dei regolari contratti di lavoro nel settore delle attività motorie, che da sempre ha vissuto di lavoro nero; abbiamo sentito da subito l'esigenza di migliorare il nostro livello di formazione professionale, ritenendo insufficiente la preparazione ottenuta con l'i.s.e.f.; abbiamo sin dai primi momenti organizzato corsi di formazione e un costante lavoro di autoaggiornamento. Abbiamo privilegiato la dimensione cooperativa come scelta politico-culturale e come modalità quotidiana di lavoro: le scelte gestionali, i problemi di lavoro, il confronto sull'attività svolta affrontati collettivamente, grazie anche al ridotto numero di soci, rendeva più facili ed immediati i rapporti. Ci siamo impegnati anche per dare un maggiore valore sociale e culturale all'oggetto del nostro lavoro: quella attività motorio-sportiva che venti anni fa non godeva certamente del riconoscimento sociale di oggi. A livello strategico si scelse di lavorare con l'ente pubblico, perché credevamo che i nostri servizi avessero una forte valenza sociale; nel merito dei contenuti ci siamo orientati su settori innovativi, introducendo sul nostro territorio provinciale iniziative quali la psicomotricità nella scuola elementare e materna e con soggetti handicappati, l'attività in piscina indirizzata a soggetti con deficit e per genitori e figli, l'attività motoria per la terza età, la ginnastica pre-parto. Queste sono state le attività che hanno caratterizzato la cooperativa nei primi due anni di vita. Alla base di queste scelte c'era una differente visione culturale: il nostro intervento non era 15

20 rivolto ad un corpo considerato come una macchina di ossa e muscoli, ma alla persona considerata nella sua unità, in cui gli aspetti fisiologici e biomeccanici si intrecciavano con quelli psicologici, relazionali e cognitivi...alla fatica di muoversi in settori innovativi, si sono sommate le difficoltà di lavorare con l'ente pubblico che, tranne poche ed illuminate eccezioni, spesso mancava di una chiara programmazione, operava scelte non sempre dettate dalla qualità di un progetto, si caratterizzava per gravi ritardi nei pagamenti. (visione che non collima con quella del coordinatore d ambito - cfr intervista). La mancanza di una stabilità lavorativa, l'incertezza nei tempi della retribuzione ha costretto operatori motivati e qualificati ad operare altre scelte professionali e di vita per cui la cooperativa si è trovata a gestire un notevole turn over di soci lavoratori, con tutti i problemi di inserimento e di formazione che ciò comportava. In questo contesto, per chi cercava di puntare, pur con tanti limiti, sulla professionalità del proprio intervento, non c'è stata vita facile. 1 Su questo tema insiste anche Roberto Mancini che rileva come quelle circostanze siano poi state la causa della perdita della memoria storica della cooperativa, soprattutto per quanto riguarda l importanza, nella cultura interna alla cooperativa di un approccio corporeo all apprendimento e alla cura, presente con molta forza nel passato e che ora si sta perdendo proprio per la perdita di tanti psicomotricisti... Il processo di costruzione della cooperativa ha richiesto tempo e fatica: si pensi che per i primi anni l'attività di promozione della cooperativa, l'organizzazione del lavoro, la sua amministrazione sono state svolte da alcuni soci in forme di sostanziale volontariato. Nonostante le difficoltà oggettive nel lavoro quotidiano, la cooperativa ha cercato di svolgere fin dall'inizio anche un ruolo culturale, senza considerare questa dimensione un lusso che magari non ci saremmo potuti permettere, ma piuttosto un elemento fondante del nostro lavoro. A testimonianza di ciò ci sono varie documentazioni sulle attività svolte che, in alcuni casi, sono state presentate pubblicamente e diventate vere e proprie pubblicazioni (vedi allegato 4). Con il passare del tempo, la cooperativa trova quasi naturale ampliare progressivamente il campo di intervento ad altri settori educativi che vedevano nella corporeità e nella pedagogia attiva un minimo comune denominatore. Nasce così nel 1981 un gruppo all'interno della cooperativa che inizia ad occuparsi di animazione teatrale....parallelamente da alcuni di noi è iniziata l'attività teatrale, nata da una passione personale, lo stimolo è nato dal desiderio di partecipare al carnevale di Venezia che allora era un momento importante, di grande partecipazione ma non avevamo i soldi. Allora abbiamo costruito una serie di maschere di cartapesta sotto la guida di uno di noi che le sapeva fare e, con questo piccolo tesoro nella valigia, siamo partiti per Venezia, e là abbiamo costruito anche una piccolissima situazione di teatro di strada improntata sulla tecnica delle statue, oggi molto di moda ma per quei tempi una novità. 1 da Cooperativa sociale Labirinto: 20 años non es nada di Franco Alleruzzo Ed. Magma 99 16

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli