c. 47 c. 47 c. 657 c. 137, 138 c. 12, 13 c c c

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "c. 47 c. 47 c. 657 c. 137, 138 c. 12, 13 c. 125-129 c. 658-659 c. 65-89"

Transcript

1 Argomento art. 1 L. 190/2014 IRPEF:regole generali Bonus ristrutturazioni e acquisto mobili La detrazione del 50% prevista nel 2014 per i predetti interventi, con i rispettivi limiti massimi, è prorogata anche per le spese sostenute nel Bonus per il risparmio energetico Prorogata al 2015 la detrazione del 65% per le spese in esame, a cui sono state aggiunte anche quelle per schermature solari e impianti di climatizzazione invernale a biomasse combustibili. Innalzamento aliquota per ritenuta operata all'atto del bonifico La ritenuta d'acconto che le banche e le poste sono obbligate ad effettuare all'atto del pagamento del corrispettivo dovuto al beneficiario che ha eseguito gli interventi agevolati passa dal 4% all'8%. Erogazioni liberali a Onlus La detrazione del 26% è ammessa nei limiti di euro annui (il limite precedente era di euro). Bonus Renzi per lavoratori dipendenti Il Bonus di 80 euro mensili introdotto nel 2014 per i lavoratori dipendenti e assimilati con redditi non superiori a euro (con riduzione per i redditi non superiori a euro) è reso definitivo anche per gli anni successivi. La disciplina sostanziale è rimasta invariata. Bonus bebé Per ogni figlio nato o adottato nel triennio spetta, su richiesta dell interessato, fino al compimento del terzo anno di età o di ingresso in famiglia un assegno di 960 euro annui, a condizione che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente sia in una condizione economica corrispondente a un valore dell ISEE non superiore a euro annui. L importo è raddoppiato se il valore dell ISEE non supera i euro annui. L'assegno è erogato mensilmente dall'inps a decorrere dal mese di nascita o adozione. Capitali percepiti per effetto di assicurazioni sulla vita I capitali percepiti in caso di morte in dipendenza di contratti di assicurazione sulla vita, a copertura del rischio demografico, sono esenti dall'irpef. Reddito di impresa Regime forfettario per i soggetti minimi Dal 1 gennaio 2015 gli imprenditori individuali e i professionisti di c. 47 c. 47 c. 657 c. 137, 138 c. 12, 13 c c c

2 dimensioni ridotte, che rispettano i requisiti previsti dalla legge, possono adottare il nuovo regime forfettario che prevede: - la determinazione del reddito imponibile tramite l'applicazione di coefficienti di redditività, diversi a seconda dell'attività svolta, ai ricavi o compensi prodotti nell'anno; - l'applicazione di un'imposta sostitutiva (di IRPEF, addizionali regionale e comunale e IRAP) pari al 15%, da versare nei termini e con le modalità previste per l'irpef; - semplificazioni in materia IVA. Contestualmente, non è più possibile applicare il regime delle nuove iniziative e quello dei minimi residuali; pertanto, coloro che, fino al 2014, si sono avvalsi di tali regimi, possono adottare automaticamente il regime forfettario, salvo opzione per l'applicazione dell'iva e dell'irpef nei modi ordinari. I soggetti che si sono avvalsi del regime dei minimi, invece, possono mantenere tale regime fino a naturale scadenza (completamento del quinquiennio o compimento del 35 anno d'età). Redditi di lavoro dipendente Frontalieri Aumentata la franchigia non soggetta ad IRPEF da a euro. Buoni pasto elettronici Dal 1 luglio 2015 il limite di esenzione dei ticket restaurant elettronici è di 7 euro al giorno (per quelli non elettronici resta fermo a 5,29 euro). Tassazione della rivalutazione del TFR La rivalutazione annua del Tfr (e i rendimenti maturati sui fondi di previdenza) è tassata con l aliquota del 17% (era dell 11%). Riscossione mensile del TFR maturato In via sperimentale, in relazione ai periodi di paga decorrenti dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, i lavoratori dipendenti del settore privato possono richiedere, al proprio datore di lavoro, di percepire la quota maturanda del TFR, tramite liquidazione diretta mensile, come parte integrativa della retribuzioni. Questa parte integrativa della retribuzione è assoggettata a tassazione ordinaria (quindi applicazione dell'aliquota marginale IRPEF e delle addizionali locali). Sono esclusi dall'opzione i lavoratori domestici e i lavoratori del settore agricolo. All atto della richiesta il lavoratore deve aver maturato almeno sei mesi di c. 690 c. 16, 17 c. 623, 625 c

3 rapporto di lavoro presso il datore di lavoro tenuto alla corresponsione della quota maturanda. La richiesta va fatta entro i termini e con le modalità che saranno definite con decreto. Se esercitata, l'opzione è irrevocabile fino al 30 giugno Redditi di lavoro autonomo Regime forfettario per i soggetti minimi Vedi info in Reddito di impresa. Redditi di capitale Tassazione fondi pensione L aliquota di tassazione passa dall'11 al 20% (la base imponibile dell'imposta sostitutiva - applicata sul risultato di gestione dei fondi pensione - va determinata, per i redditi dei titoli pubblici, in base al rapporto tra l'aliquota vigente del 12,5% e quella dell'imposta sostitutiva stessa, al fine di evitare una penalizzazione per l'investimento indiretto in tali titoli). Redditi diversi Proroga rideterminazione del valore delle partecipazioni e dei terreni Riaperti i termini per la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni. In particolare: - la rivalutazione interessa i terreni e le partecipazioni posseduti al 1 gennaio 2015; - il termine di versamento dell imposta è fissato al 30 giugno 2015 ove si opti per la rata unica; altrimenti, è possibile effettuare il versamento in tre rate annuali di pari importo; - la perizia di stima dovrà essere redatta ed asseverata entro il 30 giugno Si raddoppia l aliquota dell imposta sostitutiva, dal 4 all 8% per la rivalutazione di terreni e di partecipazioni qualificate, dal 2 al 4% per le partecipazioni non qualificate. IRES Redditi dei beni immateriali (c.d. Patent box) Per le imprese che svolgono attività di ricerca e sviluppo, anche mediante contratti di ricerca stipulati con università o enti di ricerca e organismi equiparati, finalizzate alla produzione dei beni immateriali (marchi, brevetti, opere dell'ingegno, processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili) è introdotto un regime opzionale di tassazione agevolata. c c c c

4 Essa consiste nell esclusione dal reddito del 50% dei redditi derivanti dall utilizzazione delle suddette tipologie di beni immateriali. Per il periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e per quello successivo, la percentuale di esclusione dal concorso alla formazione del reddito complessivo è fissata, rispettivamente, in misura pari al 30% e al 40%. Agevolazioni Credito d'imposta per ricerca e sviluppo Per le imprese che effettuano, dal periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2015 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2019, investimenti in attività di ricerca e sviluppo è attribuito un credito, pari al 25% delle spese sostenute in eccedenza, rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei 3 periodi d'imposta precedenti quello di prima decorrenza. L'importo massimo annuale che può essere riconosciuto a favore di ciascun beneficiario è pari a 5 milioni di euro, a condizione che le spese che rilevano siano sostenute per almeno euro. Credito d'imposta per le aree svantaggiate Per i progetti per i quali l'ae ha comunicato il nulla osta ai fini della copertura finanziaria, il credito d'imposta a favore delle imprese che hanno acquistato beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nelle aree svantaggiate, è concesso anche se le opere sono relative a progetti di investimento iniziati prima del 1 gennaio 2007, a condizione che i medesimi investimenti non costituiscano mero completamento di investimenti già agevolati in base ad altra norma (L. 388/2000) (art. 1 c. 279 bis L. 296/2006). Credito d'imposta wi-fi per strutture ricettive Il credito a favore di esercizi ricettivi singoli o aggregati e di determinati tour operator e agenzia di viaggio per la digitalizzazione del settore è riconosciuto a condizione sia messo a disposizione dei clienti della struttura ricettiva un servizio gratuito di velocità di connessione che rispetti determinati parametri. IVA Estensione del reverse charge Riguarda i soggetti: - che fatturano servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relativi ad edifici (non rileva la qualità di subappaltatori); - che trasferiscono quote di emissioni di gas a effetto serra, o altre unità che possono essere utilizzate dai gestori per conformarsi alla direttiva c. 35, 36 c. 46 c. 149 c

5 2003/87/CE e di certificati relativi al gas e all'energia elettrica (es. i certificati versi o bianchi); - che cedono gas ed energia elettrica a un soggetto passivo-rivenditore residente in Italia. Inoltre, quando verrà rilasciata l'apposita autorizzazione comunitaria, il reverse charge si applicherà anche ai soggetti che cedono beni effettuate nei confronti degli ipermercati (codice attività ), supermercati (codice attività ) e discount alimentari (codice attività ). Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici (c.d. split payment) Per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate nei confronti dello Stato, organi dello Stato, enti pubblici territoriali e consorzi tra essi costituiti, CCIAA, istituti universitari, aziende sanitarie locali, enti ospedalieri, enti pubblici di ricovero e cura aventi prevalente carattere scientifico, enti pubblici di assistenza e beneficenza e quelli di previdenza, l'iva è versata dai medesimi secondo modalità e termini fissati con decreto. Le disposizioni non si applicano ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito. Dichiarazione IVA autonoma e Comunicazione dati IVA L'obbligo di presentazione della dichiarazione unificata viene eliminato, fissando il termine di invio della Dichiarazione IVA autonoma al 28 febbraio dell'anno successivo a quello cui la dichiarazione si riferisce (con decorrenza a partire dalla dichiarazione del periodo 2015). Viene di conseguenza meno l obbligo di presentazione in via telematica della Comunicazione dati IVA. E-book I libri in formato elettronico sono soggetti ad aliquota del 4% (i quotidiani e le riviste online restano al 22%). IRAP Cuneo fiscale Il costo per il personale dipendente con contratto a tempo indeterminato diventa interamente deducibile dalla base imponibile IRAP di società ed enti commerciali, imprese individuali, banche e altri enti e società finanziari, imprese di assicurazione, professionisti e produttori agricoli titolari di reddito agrario. Per produttori agricoli (anche società), l agevolazione previa autorizzazione della Commissione europea spetta anche per ogni lavoratore agricolo dipendente a tempo determinato con contratto di durata almeno triennale e che, nel periodo d imposta, abbia lavorato almeno 150 c c. 641 c. 667 c

6 giornate. Ai soggetti che non hanno lavoratori dipendenti spetta un credito d imposta, pari al 10% dell imposta lorda dichiarata. Il beneficio è fruibile esclusivamente in compensazione, tramite modello F24, a partire dall anno di presentazione della corrispondente dichiarazione; pertanto, il credito d imposta spettante per il 2015, la cui relativa dichiarazione dovrà essere presentata entro il 30 settembre 2016, sarà utilizzabile dall 1 gennaio Infine, sono state abrogate le disposizioni che avevano previsto, a partire dal 2014, una riduzione del 10% delle aliquote. Quindi, nella dichiarazione da presentare per il 2014, l imposta andrà calcolata utilizzando le stesse aliquote in vigore nel Sono comunque fatti salvi gli effetti prodotti dalla norma che, per la determinazione dell acconto 2014, consentiva, nell utilizzo del metodo previsionale, di applicare apposite aliquote ridotte intermedie. Imposte sugli immobili Congelamento IMU e TASI ai livelli del 2014 Anche per il 2015 l'aliquota massima TASI non può eccedere il 2,5 per mille e inoltre deve inoltre rispettare il vincolo secondo cui la somma delle aliquote della TASI e dell'imu per ciascuna tipologia di immobile non sia superiore all'aliquota massima consentita dalla legge statale per l'imu al 31 dicembre 2013 (10,6 per mille per gli immobili diversi dall'abitazione principale). Tuttavia i comuni possono aumentare fino allo 0,8 per mille il prelievo complessivo, ma a condizione che siano finanziati sconti (es. detrazioni) sulle abitazioni principali e alle unità immobiliari ad esse equiparate. L'aumento può essere pertanto applicato sia al limite del 2,5 per mille sia, alternativamente, a quello complessivo del 10,6 per mille (IMU + TASI); oppure può essere distribuito fra i due limiti. Immobili ad uso produttivo (c.d. imbullonati) Si tratta di immobili la cui rendita catastale viene accertata con stima diretta per ogni singola unità. Per l'individuazione delle tipologie di componenti impiantistiche da includere o meno in tale stima, si applicano le istruzioni contenute nella Circ. AT 30 novembre 2012 n. 6/2012. Tributi locali Riscossione Equitalia (e le società controllate nonché le società cessionarie dei rami d'azienda delle attività in concessione) cessano il 30 giugno 2015 di effettuare le attività di accertamento, liquidazione e riscossione, c. 679 c. 244, 245 c

7 spontanea e coattiva, delle entrate, tributarie o patrimoniali, dei comuni e delle società da essi partecipate. Da tale data Equitalia e gli altri soggetti indicati, possono svolgere l attività di riscossione, spontanea o coattiva, delle entrate degli enti pubblici territoriali solo a seguito di affidamento mediante procedure ad evidenza pubblica. Accertamento Adempimenti volontari Le modalità di gestione del rapporto tra Fisco e contribuenti, al fine di migliorarne la cooperazione ed aumentare l adempimento spontaneo agli obblighi fiscali (c.d. tax compliance), vengono modificate. Al fine di agevolare il contribuente in relazione ai propri obblighi dichiarativi, si prevede poi che l AE renda disponibili al contribuente (o al suo intermediario) gli elementi e le informazioni utili a quest ultimo per una valutazione in ordine ai ricavi, compensi, redditi, volume d affari, valore della produzione e relativi alla stima dei predetti elementi, anche in relazione ai beni acquisiti o posseduti. Analoghe informazioni saranno disponibili alla GdF. Dichiarazione integrativa e termini di controllo Nei casi di presentazione di una dichiarazione integrativa e di regolarizzazione dell omissione o dell errore, quando non è prevista dichiarazione periodica, la decorrenza dei termini per la notifica delle cartelle di pagamento e per l'accertamento sono modificati. Riscossione Discarico delle somme iscritte a ruolo Modificate la procedura di discarico per rendere più incisivi i poteri di controllo degli enti creditori. In particolare: la comunicazione di inesigibilità deve essere effettuata entro il 3 anno successivo alla consegna del ruolo anche in presenza di procedure esecutive o cautelari, contenzioso, procedure concorsuali o dilazioni di pagamento ancora in corso, ma la comunicazione, in questo caso, ha valore informativo. Ulteriori modifiche riguardano la procedura di controllo, i criteri e le condizioni per il riconoscimento del discarico. Rateazione per le ADS Le associazioni sportive dilettantistiche (e relative sezioni) che sono decadute, entro il 31 ottobre 2014, dal beneficio della rateazione delle somme dovute in base a: - comunicazioni emesse a seguito della liquidazione e controllo della c c. 640 c c

8 dichiarazione; - avvisi di accertamento ai fini IRES, IRAP, IVA; - accertamenti con adesione, mediazioni e conciliazioni giudiziali, ai fini dei medesimi tributi; possono chiedere, entro 6 mesi dalla data di entrata in vigore della legge, un nuovo piano di rateazione delle somme dovute alle condizioni previste dalle disposizioni ordinarie. Sanzioni Ravvedimento operoso Si ampliano modalità, termini e agevolazioni connesse al ravvedimento operoso. Si potrà accedere all istituto anche oltre i termini previsti dalle norme vigenti, nonché per i tributi amministrati dall AE a prescindere dalla circostanza che la violazione sia già stata constatata ovvero che siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento, delle quali i soggetti interessati abbiano avuto formale conoscenza, salvo la formale notifica di un atto di liquidazione o accertamento e il ricevimento delle comunicazioni di irregolarità in materia di imposte sui redditi e di IVA. Si potrà dunque usufruire senza limiti di tempo dell istituto del ravvedimento operoso, con una riduzione delle sanzioni che sarà tanto più vantaggiosa, quanto più vicino sarà il ravvedimento al momento in cui sorge l obbligo tributario. Di seguito le riduzioni delle sanzioni: a) ad un decimo del minimo nei casi di mancato pagamento del tributo o di un acconto, se esso viene eseguito nel termine di trenta giorni dalla data della sua commissione; a-bis) ad un nono del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il novantesimo giorno successivo al termine per la presentazione della dichiarazione, ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro novanta giorni dall omissione o dall errore; b) ad un ottavo del minimo, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dall'omissione o dall'errore; c

9 b-bis) ad un settimo del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro due anni dall omissione o dall errore; b-ter) ad un sesto del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, oltre due anni dall omissione o dall errore; b-quater) ad un quinto del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene dopo la constatazione della violazione con pvc, salvo che la violazione non rientri tra quelle relative agli obblighi di certificazione delle operazioni; c) ad un decimo del minimo di quella prevista per l'omissione della presentazione della dichiarazione, se questa viene presentata con ritardo non superiore a novanta giorni ovvero a un decimo del minimo di quella prevista per l'omessa presentazione della dichiarazione periodica prescritta in materia di imposta sul valore aggiunto, se questa viene presentata con ritardo non superiore a trenta giorni. Il fatto di avvalersi del ravvedimento (con pagamento e regolarizzazione) non preclude l'inizio o la prosecuzione di accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di controllo e accertamento. Strumenti contro le doppie imposizioni internazionali CFC Viene introdotta una nuova definizione di regimi fiscali privilegiati ai fini dell'applicazione della disciplina, prevedendo che: - sono tali i regimi fiscali di Stati o territori individuati, con appositi decreti ministeriali in funzione di un livello di tassazione inferiore al 50% di quello applicato in Italia, della mancanza di un adeguato scambio di informazioni o di altri criteri equivalenti; - si considerano in ogni caso privilegiati, i regimi fiscali speciali che consentono un livello di tassazione inferiore al 50% di quello applicato in Italia, anche se previsti da Stati o territori che applicano un regime generale di imposizione non inferiore al 50%. c. 680, 681 9

10 Un elenco non tassativo dei suddetti regimi sarà fornito con provvedimento del direttore dell'agenzia delle entrate. Enti non commerciali Base imponibile degli utili percepiti Per gli utili percepiti da enti non commerciali, messi in distribuzione dal 1 gennaio 2014, la quota che concorre a formare il reddito imponibile sale al 77,74% del loro ammontare (precedentemente la misura era il 5%). Per limitare l'effetto retroattivo della modifica, è riconosciuto un credito d'imposta, pari alla maggiore IRES dovuta nel periodo d'imposta in corso al 1 gennaio 2014, che va indicato nella dichiarazione dei redditi per il periodo d'imposta successivo. Il credito non concorre alla formazione del reddito e della base imponibile IRAP né del pro-rata per la deducibilità degli interessi passivi e delle spese generali. Può essere utilizzato esclusivamente in compensazione nelle seguenti misure: 33,33% del suo ammontare dal 1 gennaio 2016; stessa misura dal 1 gennaio 2017 e la parte rimanente dal 1 gennaio c. 655, 656 art. 1 L. 23 dicembre 2014 n

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015 OGGETTO: Circolare 3.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 LE PRINCIPALI NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015 È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29.12.2014, n. 300, S.O. n. 99, la Legge 23.12.2014,

Dettagli

Oggetto LEGGE DI STABILITA 2015. Sommario. Contenuto. Circolare numero 12/2015. C i r c o l a r e d e l 2 f e b b r a i o 2 0 1 5 P a g.

Oggetto LEGGE DI STABILITA 2015. Sommario. Contenuto. Circolare numero 12/2015. C i r c o l a r e d e l 2 f e b b r a i o 2 0 1 5 P a g. C i r c o l a r e d e l 2 f e b b r a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 Circolare numero 12/2015 Oggetto LEGGE DI STABILITA 2015 Sommario Novità fiscali inerenti bonus, detrazioni, incentivi, fondi pensione, tassazione

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Gennaio 2015 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 2015 Oggetto: Finanziaria 2015 (Legge 23.12.2014, n. 190) c.d. Legge di stabilità 2015, in vigore dall 1.1.2015 seconda parte 1. BONUS BEBE

Dettagli

LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 23 DICEMBRE 2014, N. 190. (Supplemente n. 99 Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014)

LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 23 DICEMBRE 2014, N. 190. (Supplemente n. 99 Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014) Circolare n. 1 del 25 gennaio 2015 LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 23 DICEMBRE 2014, N. 190 (Supplemente n. 99 Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014) Gentile Cliente, di seguito vengono riepilogate

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015

LEGGE DI STABILITA 2015 Dott. Emanuela Villa Partita IVA 02288380963 Codice Fiscale VLL MNL 61R42 E617I COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Via F. Cavallotti, 98 20900 Monza Tel: 039 748134 Fax 039 741106 E-mail: e.villa@studiovillacommercialisti.it

Dettagli

ESTENSIONE APPLICAZIONE REVERSE CHARGE

ESTENSIONE APPLICAZIONE REVERSE CHARGE Bergamo, gennaio 2015 CIRCOLARE N. 2/Consulenza aziendale OGGETTO: Finanziaria 2015 Recentemente è stata pubblicata sulla G.U. la legge 23-12-2014 n 90 (c.d. finanziaria 2015) che contiene numerosi provvedimenti

Dettagli

Legge stabilità 2015: le principali novità in materia fiscale e del lavoro

Legge stabilità 2015: le principali novità in materia fiscale e del lavoro Legge stabilità 2015: le principali novità in materia fiscale e del lavoro a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto Lunedì 22 dicembre 2014 la Camera dei deputati ha approvato con 307 voti

Dettagli

Studio Della Frera Borboni & Associati

Studio Della Frera Borboni & Associati Commercialisti - Revisori Mauro Della Frera Maurizio Borboni Marisa Coppi Elena Picen Sonia Bianchi Carolina Bianchi Alessandro Co' Jenni Lombardi Fabio Navoni Elena Pancari Isabella Smussi Consulenti

Dettagli

ESTENSIONE REVERSE CHARGE

ESTENSIONE REVERSE CHARGE Saluzzo, lì 12 gennaio 2015 Egr. CLIENTE Prot. n. 01/15/FISC LA LEGGE FINANZIARIA 2015 E stata pubblicata sulla G.U. 29/12/2014 la Finanziaria 2015 (Legge n. 190/2014) c.d. Legge di stabilità 2015, ed

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE Milano, 19 gennaio 2015 CIRCOLARE CLIENTI N. 5/2015 LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE La Legge n. 190/2014 (la cd Legge di Stabilità 2015 ) ha previsto diverse misure fiscali di interesse

Dettagli

STUDIO GIULIANO CONSULENZA TRIBUTARIA SOCIETARIA DEL LAVORO CONTRATTUALE REVISIONE CONTABILE

STUDIO GIULIANO CONSULENZA TRIBUTARIA SOCIETARIA DEL LAVORO CONTRATTUALE REVISIONE CONTABILE Nicola Giuliano - Dottore commercialista Aldo Og Fazzini - Consulente aziendale Oggetto: apertura nuovo Studio in Milano Corrado Quartarone - Dottore commercialista Diego Borsellino - Consulente finanza

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2015

Disegno di Legge di stabilità 2015 Disegno di Legge di stabilità 2015 Il Disegno di Legge di Stabilità 2015 contiene numerose misure fiscali che entreranno in vigore dal prossimo anno, salvo, come vedremo, le disposizioni in materia di

Dettagli

Circolare 1 del 31 gennaio 2015

Circolare 1 del 31 gennaio 2015 Circolare 1 del 31 gennaio 2015 IN BREVE Pubblicata la legge di Stabilità 2015 Interessi legali allo 0,5% dal 1 gennaio 2015 Le nuove tabelle Aci per la determinazione dei fringe benefit 2015 Niente modello

Dettagli

NOVITA : FISCO E LAVORO

NOVITA : FISCO E LAVORO NOVITA : FISCO E LAVORO Oggetto: Legge Stabilità 2015 Descrizione Materia Decorrenza Stabilizzazione Bonus 80 euro Sgravi Contributivi alle assunzioni Cuneo fiscale Viene stabilizzato il bonus introdotto

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

1. Detrazioni sulle spese per opere finalizzate al risparmio energetico

1. Detrazioni sulle spese per opere finalizzate al risparmio energetico CIRCOLARE gennaio 2015: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 23.12.2014 n 190 (Legge di Stabilità

Dettagli

LEGGE STABILITA. Provvedimenti di natura fiscale. 2 parte. n. 190 del 23/12/2014 ----------- Modena, 16 gennaio 2015

LEGGE STABILITA. Provvedimenti di natura fiscale. 2 parte. n. 190 del 23/12/2014 ----------- Modena, 16 gennaio 2015 LEGGE STABILITA n. 190 del 23/12/2014 ----------- Provvedimenti di natura fiscale 2 parte Modena, 16 gennaio 2015 Legge stabilità ELENCO PROVVEDIMENTI COMMENTATI: Modifiche al ravvedimento operoso; Abrogazione

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015

LEGGE DI STABILITA 2015 Pag.1 di 7 LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 (Legge n. 190 del 23.12.2014): LE PRINCIPALI NOVITA FISCALI - 1^ PARTE N. 1 del 23 gennaio 2015 Gentilissimo Cliente, con la legge di stabilità per il 2015 il

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Legge di stabilità 2015 Varese, 7 gennaio 2015 E stata approvata la Legge di stabilità 2015 (L. 23 Dicembre 2014 n. 190 pubblicata sul supplemento ordinario alla

Dettagli

Studio Amministrativo Associato Verga

Studio Amministrativo Associato Verga dott. Massimo Verga commercialista revisore contabile rag. Giovanni Bozzini consulente del lavoro revisore contabile Spett.le Cliente Cadorago, 12/01/2015 Circolare informativa n. 1/2015 FISCALE / Oggetto

Dettagli

Circolare per il cliente 7 gennaio 2015

Circolare per il cliente 7 gennaio 2015 Circolare per il cliente 7 gennaio 2015 Versione Completa IN BREVE Pubblicata la legge di Stabilità 2015 Interessi legali allo 0,5% dal 1 gennaio 2015 Le nuove tabelle Aci per la determinazione dei fringe

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit.

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT 1. Programmazione attività 2015. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. Torino, 27 gennaio 2015 A cura dei dottori

Dettagli

AUMENTO DELLE ALIQUOTE IVA

AUMENTO DELLE ALIQUOTE IVA Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero 4/2011 Pagina 1 di 9 Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero : 4/2011 Gruppo : FINANZIARIA Oggetto : FINANZIARIA 2011 Norme e prassi : LEGGE N. 220 DEL 13.12.2010 PUBBLICATA IN GAZZETTA

Dettagli

STUDIO TASSI. Sondrio, 5 gennaio 2015. A tutti i Sigg. Clienti LORO SEDI. loro indirizzi e-mail CIRCOLARE N. 1/2015. Oggetto: Le novità del 2015

STUDIO TASSI. Sondrio, 5 gennaio 2015. A tutti i Sigg. Clienti LORO SEDI. loro indirizzi e-mail CIRCOLARE N. 1/2015. Oggetto: Le novità del 2015 Sondrio, 5 gennaio 2015 A tutti i Sigg. Clienti LORO SEDI loro indirizzi e-mail CIRCOLARE N. 1/2015 Oggetto: Le novità del 2015 La legge di Stabilità per l anno 2015 ha portato una serie di rilevanti novità.

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2014, la Legge di Stabilità 2015, L. n. 190 del 23 dicembre 2014. Di seguito si riepilogano le principali

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014) SEA Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. News per i Clienti dello studio del 6 maggio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DL Renzi: le novità in materia fiscale (DL n. 66 del 24.04.2014) 1 Gentile

Dettagli

Le principali novità fiscali 2015

Le principali novità fiscali 2015 Le principali novità fiscali 2015 Modello C.U. e 730 pre-compilato Altre novità in materia fiscale, di lavoro e bonus fiscali (cenni) Dott. EMANUELE NINCI DEL GRANDE NINCI Associati emanuele.ninci@delgrandeninci.it

Dettagli

La bozza di Legge Finanziaria per il 2015

La bozza di Legge Finanziaria per il 2015 La bozza di Legge Finanziaria per il 2015 Il Governo ha recentemente approvato il disegno di legge della Finanziaria 2015 contenente alcune novità di natura fiscale, in vigore generalmente dal 2015, di

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2015 del 08/01/2015 È stata pubblicata sul S.O. n. 99 alla G.U. 29.12.2014, n. 300 la Finanziaria 2015 (Legge 23.12.2014, n. 190)

Dettagli

CIRCOLARE 1/2015 Genova, 16/01/2015

CIRCOLARE 1/2015 Genova, 16/01/2015 STUDIO ASSOCIATO CONSULENTI DEL LAVORO BARILLARI LAPOLLA CAVALLERI 16128 - GENOVA - VIA CORSICA, 9/2 SC. B - TEL. 010 5455511 - FAX 010 5704028 E-MAIL: barillari@tpservice.it lapolla@tpservice.it cavalleri@tpservice.it

Dettagli

1) DEDUCIBILITA AI FINI IRAP DEL COSTO PER LAVORATORI A TEMPO INDETERMINATO

1) DEDUCIBILITA AI FINI IRAP DEL COSTO PER LAVORATORI A TEMPO INDETERMINATO LE PRINCIPALI NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 Di seguito riportiamo una panoramica delle principali novità fiscali di interesse per Imprese e Cittadini, introdotte dalla Legge di Stabilità

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

Rosanna D Amore Dottore Commercialista Revisore Legale Circoscrizione Tribunale di Forlì N. 321 A

Rosanna D Amore Dottore Commercialista Revisore Legale Circoscrizione Tribunale di Forlì N. 321 A Cesena, 16 gennaio 2015 Alle Associazioni clienti Oggetto: Legge di stabilità 2015 (legge n. 190 del 23 dicembre 2014, in G.U. della Repubblica Italiana n. 300 del 29 dicembre 2014, S.O. n. 99). Molte

Dettagli

COMPENSAZIONE CARTELLE ESATTORIALI

COMPENSAZIONE CARTELLE ESATTORIALI Circolare numero: 1 2015 Oggetto: DECRETO STABILITA 2015 Data:15/01/2015 Riferimento: Legge n. 190 del 23 dicembre 2014 Parole Chiave: aliquote Iva, auto storiche, black list, buoni pasto, CFC, compensazione,

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITÀ 2015

LA LEGGE DI STABILITÀ 2015 LA LEGGE DI STABILITÀ 2015 La legge di stabilità per il 2015 introduce diverse disposizioni di carattere fiscale nell ambito della più generale manovra economica finanziaria del Governo (*) (*) Fonte:

Dettagli

ESTENSIONE REVERSE CHARGE E OPERAZIONI EFFETTUATE VERSO ENTI PUBBLICI (C.D. SPLIT PAYMENT )

ESTENSIONE REVERSE CHARGE E OPERAZIONI EFFETTUATE VERSO ENTI PUBBLICI (C.D. SPLIT PAYMENT ) S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ ESTENSIONE REVERSE CHARGE E OPERAZIONI EFFETTUATE VERSO ENTI PUBBLICI (C.D. SPLIT PAYMENT ) Commissione

Dettagli

Legge di Stabilità 2015

Legge di Stabilità 2015 Il Disegno di Legge n. 2679-bis-B recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di Stabilità 2015) è stato approvato in via definitiva dalla Camera dei Deputati

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 6 febbraio 2015 Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito ad alcune novità della FINANZIARIA

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Direzione Regionale della Toscana

Direzione Regionale della Toscana Direzione Regionale della Toscana IL REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (art. 13 legge n. 388/2000) GENNAIO 2008 SOGGETTI AMMESSI Possono beneficiare del regime agevolato in esame: le

Dettagli

STUDIO PROF. CORNO E PARMA VIA DEI MILLE 4/C 23891 BARZANO LC Ai gentili Clienti Loro sedi

STUDIO PROF. CORNO E PARMA VIA DEI MILLE 4/C 23891 BARZANO LC Ai gentili Clienti Loro sedi STUDIO PROF. CORNO E PARMA VIA DEI MILLE 4/C 23891 BARZANO LC Ai gentili Clienti Loro sedi CIRCOLARE 01 DEL 09/01/2015 Oggetto: COMUNICAZIONI BLACK LIST NUOVE REGOLE DAL 2015 Com è noto, dal 2010 le operazioni

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI a cura di Celeste Vivenzi Entro il prossimo 02/12/2013 (il 30/11 cade di sabato) va versata la 2 o unica rata degli acconti

Dettagli

Legge di stabilità 2015 L. 23/12/2014, n. 190 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista

Legge di stabilità 2015 L. 23/12/2014, n. 190 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Legge di stabilità 2015 L. 23/12/2014, n. 190 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 31/12/2014 1 Credito d imposta art-bonus Art. 1, comma 1 Si estende

Dettagli

Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità

Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità Sommario Premessa 2 Web Tax 2 Sostegno all agricoltura 2 Nuova deduzione ai fini IRAP 2 Incremento ACE 2 Proroga delle detrazioni per

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 5 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 7

C i r c o l a r e d e l 1 5 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 7 C i r c o l a r e d e l 1 5 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 7 Circolare Numero 07/2013 Oggetto LEGGE DI STABILITÀ: ALCUNE TRA LE PRINCIPALI NOVITÀ CONTENUTE NELLA LEGGE 228/2012 Sommario Con l entrata

Dettagli

Modello730/2014: analisi delle principali novità

Modello730/2014: analisi delle principali novità A cura di Celeste Vivenzi Modello730/2014: analisi delle principali novità Premessa generale E' stato approvato dall'agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2014 il nuovo Modello 730

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

1) 960 euro, se il reddito complessivo non è superiore a 24.000 euro;

1) 960 euro, se il reddito complessivo non è superiore a 24.000 euro; Art bonus (comma 1) Si estende la possibilità di fruire delle agevolazioni fiscali introdotte con il c.d. Artbonus (art. 1, D.L. n. 83/2014) anche per le erogazioni di sostegno delle fondazioni liricosinfoniche

Dettagli

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit.

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT 1. Programmazione attività 2015. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. Torino, 27 gennaio 2015 A cura dei dottori

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile LEGGE DI STABILITA 2015 a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) E stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2014 n. 300 - Suppl. Ordinario n. 99, la Legge di Stabilità 2015 (Legge

Dettagli

Centro Servizi UILCOM Sicilia

Centro Servizi UILCOM Sicilia Centro Servizi UILCOM Sicilia La Legge di stabilità 2011 le principali novità fiscali In data 7 dicembre 2010 è stato approvato il disegno di Legge Finanziaria per l anno 2011, atto del Senato n. 2464,

Dettagli

LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI

LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI Con la pubblicazione sulla G.U. 24.4.2014, n. 95 è entrato in vigore, a decorrere dal 24.4.2014, il DL n. 66/2014, Decreto Renzi, nell ambito del quale, oltre ad una serie di

Dettagli

IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA

IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA a cura di Celeste Vivenzi IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA IL Premessa generale Entro il prossimo 01 Dicembre 2014 ( il 30

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 2/2015. Legge di stabilità 2015 Principali novità fiscali

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 2/2015. Legge di stabilità 2015 Principali novità fiscali Como, 21.1.2015 INFORMATIVA N. 2/2015 Legge di stabilità 2015 Principali novità fiscali INDICE 1 PREMESSA... pag. 3 2 SINTESI DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA FISCALE... pag. 3 Credito d imposta per

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Modello 730/2015 novità

Modello 730/2015 novità Modello 730/2015 novità Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 24/03/2015 1 Principali riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

S T U D I O M A S I E R O D r. A D R I A N O

S T U D I O M A S I E R O D r. A D R I A N O Alla cortese attenzione dei Sigg. Clienti: CIRCOLARE DICEMBRE 2008 ULTIME NOVITÀ FISCALI Accertamento ad una società basato sui c/c dei soci Sentenza Corte Cassazione 14.11.2008, n. 27186 Dichiarazione

Dettagli

N.1/2015 16 GENNAIO 2015

N.1/2015 16 GENNAIO 2015 N.1/2015 16 GENNAIO 2015 Cd La Circolare TRIBUTARIA N. 01/2015 16 Gennaio 2015 Ai Signori Clienti loro sedi Principali novità introdotte dalla Legge di stabilità 2015 (L. n. 190 del 23.12.2014), in vigore

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 1 Premessa 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti 2.1 Auto aziendali 2.2 Auto dei professionisti 2.3 Auto concesse

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA RICERCA & SVILUPPO E PATENT BOX Commi 35 45: Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo e regime opzionale

CREDITO D IMPOSTA RICERCA & SVILUPPO E PATENT BOX Commi 35 45: Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo e regime opzionale Milano, 12 gennaio 2015 a cura di Dott. Alessandro Gulisano Avv. Aura Moraglia Dott. Gianpiero Notarangelo IN QUESTO NUMERO: BONUS 80 EURO A REGIME Commi 12 15: Stabilizzazione bonus 80 euro BUONI PASTO

Dettagli

La Legge Finanziaria per il 2015

La Legge Finanziaria per il 2015 La Legge Finanziaria per il 2015 È stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 99 alla Gazzetta Ufficiale 29.12.2014, n. 300 la Finanziaria 2015 (Legge 23.12.2014, n. 190), c.d. Legge di stabilità 2015,

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

BOZZA DELLA LEGGE FINANZIARIA 2015

BOZZA DELLA LEGGE FINANZIARIA 2015 Modena, 29 ottobre 2015 Anticipiamo i contenuti della legge di stabilità 2015. Si prevedono modifiche al testo, pertanto sarà cura dello Studio tenervi aggiornati sulle eventuali modifiche e a testo approvato

Dettagli

Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse

Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse L'Istituto del Ravvedimento operoso, consente ai contribuenti di sanare il tardivo pagamento senza sanzioni pesanti, versando una mini sanzione

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2014

LA LEGGE DI STABILITA 2014 Numero circolare 1 Data 20/01/2014 LA LEGGE DI STABILITA 2014 Abstract: Rif.to normativo: Recentemente è stata pubblicata sulla G.U. la Finanziaria 2014, c.d. Legge di stabilità 2014, che tra le principali

Dettagli

Studio Associato Renata SELLA & Fausto GALLO

Studio Associato Renata SELLA & Fausto GALLO Belluno, 13 Novembre 2012 Quaderni Bellunesi OGGETTO: acconti scadenti il 30 novembre 2012 dovuti dai contribuenti persone fisiche per IRPEF e cedolare secca anno d'imposta 2012. Termini di versamento

Dettagli

LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA

LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA Circolare n. 1/2015 Del 21.01.2015 LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA Il Decreto Semplificazioni e la Legge di stabilità hanno introdotto alcune

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

Legge di Stabilità 2015: le novità per fisco e impresa

Legge di Stabilità 2015: le novità per fisco e impresa Ipsoa Quotidiano IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 30 dicembre 2014 ore 06:00 Legge di Stabilità : le novità per fisco e impresa di Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Con la pubblicazione nella

Dettagli

Studio Previtali srl Consulenza Fiscale - Assistenza Contabile - Paghe - Sicurezza sul lavoro & C.E.D

Studio Previtali srl Consulenza Fiscale - Assistenza Contabile - Paghe - Sicurezza sul lavoro & C.E.D Dott. Andrea Previtali Rag. Alberto Previtali Studio Previtali srl Consulenza Fiscale - Assistenza Contabile - Paghe - Sicurezza sul lavoro & C.E.D La legge di STABILITA' 2015 È stata pubblicata sul S.O.

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 31/07/2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Pag.

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI. Dott.ssa Giovanna Castelli 1

NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI. Dott.ssa Giovanna Castelli 1 NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 LA LEGGE DI STABILITA 2013 La legge di stabilità 2013

Dettagli

CHI DEVE PAGARE L'IMU:

CHI DEVE PAGARE L'IMU: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, ha istituito con gli articoli 8 e 9 la nuova Imposta municipale

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2015

LA LEGGE DI STABILITA 2015 R E G G I O R I E A S S O C I A T I Via Cavour n. 8 200 - Varese Varese, 26 gennaio 205 LA LEGGE DI STABILITA 205 E stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 99 della Gazzetta Ufficiale n. 300 del

Dettagli

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 CIRCOLARE n. 40/E Direzione Centrale Normativa Alle Direzioni regionali e provincial Roma, 28 luglio 2010 OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli