Compliance in Banks 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compliance in Banks 2010"

Transcript

1 Compliance 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni Compliance in Banks 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni IL REGIME DEI CONFLITTI DI INTERESSE E DEGLI INDUCEMENT DAL PUNTO DI VISTA DELLA FUNZIONE COMPLIANCE Alessandro Papaniaros Banco Popolare

2 Agenda Conflitti di Interesse Identificazione dei conflitti Gestione dei conflitti Disclosure dei conflitti Registro dei conflitti Processo per la rilevazione e la gestione dei conflitti Inducement Classificazione dei compensi Test di ammissibilità Disclosure degli inducement Processo per la rilevazione e la gestione degli inducement 2

3 Conflitti di Interesse Principali novità introdotte dalla nuova normativa rispetto alla alla precedente: Attribuisce un valore determinante alle procedure e misure organizzative che l intermediario è tenuto a porre in essere al fine di una corretta individuazione e gestione dei conflitti di interesse nella prestazione dei servizi e attività di investimenti ed accessori. La disclosure: non è più da sola sufficiente ad adempiere agli obblighi imposti dalla normativa; va prevista nei soli casi in cui le misure adottate dall intermediario non siano ritenute sufficienti a tutelare il cliente. Impone l obbligo all intermediario di consegnare ai clienti la propria Policy sui conflitti di interesse. 3

4 Organizzazione a livello del Gruppo La valutazione dei conflitti richiede il coordinamento al livello del Gruppo, con un ruolo centrale di control room e guida nelle valutazioni assegnato alla Compliance della Capogruppo. Tavola 11 Fase di gestione Viste per intermediario del registro dei conflitti Fase 3: valutazione dei conflitti Fase 2: rilevazione dei conflitti Registro dei conflitti Compliance Base dati situazioni rilevanti Conflitti potenziali Referenti della funzione di compliance presso le banche e società del Gruppo La valutazione e gestione dei conflitti potenziali viene svolta dalle funzioni di Compliance (o omologhe) degli intermediari interessati, con il coordinamento della Compliance della Capogruppo. Alla Compliance della Capogruppo è attribuita una funzione di control room delle situazioni di conflitto, svolta avvalendosi del concentratore di Gruppo (base dati situazioni rilevanti). La Compliance della Capogruppo ha inoltre la responsabilità di tenere il registro dei conflitti, che è unico al livello del Banco, e che prevede viste logiche specifiche per ogni intermediario autorizzato. Fase 1: identificazione delle situazioni rilevanti Holding Banche Territoriali PrivateBank Investment bank Merchant Bank SGR Sgr Alternative Altre aziende La segnalazione delle situazioni potenzialmente rilevanti nella formazione di conflitti è demandata a tutte le aziende del Gruppo che svolgono servizi di investimento e servizi a emittenti strumenti finanziari. Le segnalazioni possono essere automatiche o manuali, e confluiscono tutte in un solo concentratore a livello del Gruppo. 4

5 Conflitti di Interesse Registro dei Conflitti Strutture di business Procedura Informatica Funzione di Compliance Segnalazione degli Interessi Registro dei conflitti Gestione dei Conflitti di Interesse Identificazione e segnalazione di nuovi interessi Aggiornamento degli interessi segnalati Generazione automatica dei conflitti, sulla base degli algoritmi definiti da Funzione di Compliance Gestione dei passaggi di stato dei conflitti (workflow) Invio delle disclosure, ove previsto Gestione di eventuali errori o anomalie La procedura Conflitti di Interesse elabora le segnalazioni effettuate per rilevare l esistenza di conflitti e le storicizza nel Registro dei conflitti di interesse, indicando: Il servizio al quale si riferisce la registrazione la tipologia e la condizione di conflitto la funzione e la persona che segnala la situazione di conflitto l emittente di strumenti finanziari o lo strumento specifico ai quali il conflitto si riferisce l esito delle valutazioni della funzione di Compliance sulle modalità di gestione e di disclosure Il testo standard della disclosure del conflitto (se prevista). 5

6 Processo per la rilevazione e la gestione dei conflitti di interesse Chi Cosa Compliance di Gruppo Funzioni Utente / Flussi Automatici Procedura Conflitti di Interesse Controlli della Compliance di Gruppo Procedure Informatiche Funzioni Utente 1. Identificazione delle tipologie di conflitto e degli interessi rilevanti ai fini dei conflitti 2. Registrazione degli interessi rilevanti ai fini dei conflitti 3. Rilevazione dei conflitti 4. Iscrizione a Registro dei conflitti 5. Segnalazione Disclosure alla clientela 6. Registrazione cessazione dell interesse rilevante ai fini dei conflitti 7. Chiusura del conflitto a Registro dei conflitti 8. Chiusura Segnalazione Disclosure ai alla clientela La Funzione Compliance sulla base delle Linee Guida Approvate dal Consiglio di Gestione della Capogruppo ha individuato e definito e codificato le tipologie di operazioni in potenziale conflitto di interesse Le funzioni in possesso delle informazioni relative alle tipologie di operazioni definite da Compliance, registrano in procedura Conflitti Interesse l insorgere e il cessare delle operazioni stesse secondo regole predefinite Sulla base degli interessi registrati in procedura dagli Utenti e delle regole di matching definite da Compliance, la procedure Conflitti determina l esistenza di un effettivo conflitto di interessi. Nei casi in cui ha determinato l esistenza di un conflitto, la procedura aggiorna sia in base a criteri automatici predefiniti ovvero, dopo la validazione di Compliance, iscrive nel registro dei conflitti una segnalazione relativa all emittente/titoli ed alla relativa tipologia di conflitto verificata. In relazione delle regole predefinite da Compliance, per una determinata tipologia di conflitto è prevista la disclosure al cliente, la procedura Conflitti invia specifica segnalazione contenente il testo della disclosure stessa da fornire al cliente nelle previste modalità (Modulo di pre-ordine, Prospetto Informativo, Mandato, Ricerca, ecc.) 6

7 Conflitti di Interesse Identificazione dei conflitti La La funzione di di Compliance ha ha contribuito ad ad identificare tutte le le situazioni di di conflitto di di interesse, indicando il il perimetro delle attività ed ed il il perimetro dei dei soggetti coinvolti. Perimetro delle attività Tutti i servizi e le attività di investimento e i servizi accessori identificati dal TUF. Il servizio di gestione collettiva del risparmio. Perimetro soggetti coinvolti L intermediario che presta un servizio I suoi soggetti rilevanti I soggetti che hanno con l intermediario o con i soggetti rilevanti un legame di controllo diretto o indiretto. 7

8 Conflitti di Interesse Identificazione dei conflitti Tipologie legate ai ai rapporti intrattenuti dal dal Gruppo e dai dai Soggetti Rilevanti con con l emittente degli strumenti finanziari oggetto dei dei servizi prestati: Partecipazioni Presenza negli organi sociali di Soggetti Rilevanti Finanziamenti Rapporti d affari Propria emissione Tipologie legate alla alla prestazione dei dei servizi a uno o più piùclienti: Prestazione congiunta di servizi (allo stesso cliente) Prestazione contemporanea di servizi (a clienti diversi) 8

9 Conflitti di Interesse Gestione dei Conflitti La La funzione di di Compliance ha ha contribuito ad ad identificare le le misure di di gestione per per ciascuna tipologia di di conflitto individuata Presidi Logistico // Organizzativi Separazione logistica e funzionale (c.d. Chinese Walls) tra le strutture del Gruppo che svolgono servizi e attività potenzialmente in conflitto. Separatezza nell archiviazione della documentazione, anche a livello informatico (archiviazione di file protetta da password). Divieto di scambio di informazioni rispettivamente detenute in relazione alla propria attività. I soggetti coinvolti nelle attività in conflitto devono essere sottoposti o fare a capo, gerarchicamente, a responsabili di servizio distinti 9

10 Gestione dei Conflitti Conflitti di Interesse Predisposizione di di Policy e Regolamenti interni La gestione dei conflitti di interesse è assicurata anche da alcune policy/procedure che pur non regolando direttamente le materie di conflitto contengono norme e misure idonee ad evitare che eventuali conflitti possano danneggiare interessi dei clienti: Execution Policy Regolamento delle Informazioni Privilegiate Linee guida sulle operazioni personali Regolamento del Servizio di Ricerca Regolamento Operazioni Sospette 10

11 Gestione dei Conflitti Conflitti di Interesse Esempio di individuazione di un conflitto di interesse e assegnazione di presidi di gestione Servizio di investimento Tipologia di conflitto Natura del conflitto Ulteriori presidi richiesti* Negoziazione per conto proprio - Per partecipazione - Per soggetto rilevante - Per rapporti d affari - Per propria emissione - Per finanziamento - Possibilità per l intermediario di evitare una perdita o realizzare un guadagno a danno del cliente - Strategia di esecuzione degli ordini - Procedure di selezione e pricing degli strumenti negoziati in contropartita della clientela - Regolamentazione per la prevenzione degli abusi di mercato (informazioni privilegiate) - Codici di comportamento per gli esponenti aziendali - Per prestazione contemporanea di servizi oricerca oconsulenza alle imprese - Possibilità per l intermediario di evitare una perdita o realizzare un guadagno a danno del cliente - Regolamentazione del servizio di ricerca - Regolamentazione per la prevenzione degli abusi di mercato * Oltre a: separatezza informativa, separatezza di supervisione, separatezza funzionale, protezione da influenze indebite, indipendenza delle retribuzioni 11

12 Conflitti di Interesse Disclosure dei conflitti La La funzione di di Compliance ha ha contribuito all individuazione delle situazioni per per le le quali le le misure adottate dall intermediario non sono ritenute sufficienti a tutelare il il cliente e per per le le quali, pertanto, occorre fornire disclosure Valutazioni del rischio legato ad un conflitto di interesse Valutazione dell efficacia dei presidi preposti Decisione in merito alla disclosure del conflitto 12

13 Disclosure dei conflitti Valutazioni di di rischio Alti Conflitti di Interesse Costi della mancata gestione Medi Bassi Alta Rischio alto Rischio alto Rischio medio Probabilità di manifestazione del conflitto Media Bassa Rischio alto Rischio medio Rischio medio Rischio basso Rischio basso Rischio basso La probabilità di manifestazione del conflitto Cresce con: I costi della mancata gestione Crescono con: Frequenza dei contratti e delle transazioni soggette al conflitto; Complessità dei processi di vendita e svolgimento del servizio; Grado di discrezionalità degli operatori nello svolgimento del servizio Diminuisce con: Esistenza di regole di Vigilanza specifiche e oggettive Dimensione totale e media (per cliente) della raccolta indiretta (o fondi gestiti) e dei ricavi generati dal servizio; Frequenza di reclami, eccezioni dell audit interno e dei revisori esterni, rilievi della Vigilanza, in relazione al servizio (nei due anni precedenti la data di valutazione); Grado di attenzione dimostrato recentemente dalla Vigilanza in relazione allo specifico servizio o alla tipologia di conflitto. 13

14 Disclosure dei conflitti La valutazione di efficacia dei presidi viene svolta in relazione ai presidi necessari identificati per ciascun servizio e per tipologia di conflitto. Conflitti di Interesse Efficacia dei dei presidi Valutazione di dettaglio Sono guidate da una scheda di valutazione che attribuisce un valore all efficacia del singolo presidio: Efficacia Alta Efficacia Media, Efficacia Bassa Valutazione sintetica Viene assegnata all insieme dei presidi un efficacia: Alta, se: Tutti i presidi previsti sono esistenti, e la maggioranza con efficacia alta I presidi, nel loro complesso, non lasciano evidenti aree di non copertura dell operatività Media, se: Tutti i presidi previsti sono esistenti, e la maggioranza con efficacia media I presidi, nel loro complesso, non lasciano evidenti aree di non copertura dell operatività Bassa, negli altri casi. 14

15 Conflitti di Interesse Disclosure dei conflitti Le decisioni sulla disclosure dipendono dalla combinazione di rischio ed efficacia dei presidi Efficacia dei presidi Alta Media Bassa Alta Casi particolari Disclosure richiesta Disclosure richiesta Rischio Media Disclosure non richiesta Casi particolari Disclosure richiesta Bassa Disclosure non richiesta Disclosure non richiesta Casi particolari Disclosure non richiesta: in relazione al rischio rilevato, l efficacia dei presidi è costantemente sufficiente a eliminare, ragionevolmente, la possibilità di danni significativi al cliente. Disclosure richiesta per casi particolari: non si ritiene necessario dare normalmente disclosure della situazione di conflitto; tuttavia, la funzione Compliance può richiedere, in casi specifici, che la disclosure venga data. Disclosure richiesta: i presidi in essere non sono sufficienti ad assicurare, con ragionevole certezza, che il rischio di nuocere agli interessi del cliente sia evitato; il cliente, quindi, deve essere informato della situazione prima di concludere un contratto o una transazione 15

16 Agenda Conflitti di Interesse Identificazione dei conflitti Gestione dei conflitti Disclosure dei conflitti Registro dei conflitti Processo per la rilevazione e la gestione dei conflitti Inducement Classificazione dei compensi Test di ammissibilità Disclosure degli inducement Processo per la rilevazione e la gestione degli inducement 16

17 Inducement Classificazione dei compensi La La funzione di di Compliance ha ha contribuito all analisi ed ed alla alla classificazione delle convenzioni vigenti in in capo alla alla banche del del Gruppo, sulla base della nuova normativa sugli inducements Sono stati individuati accordi che prevedevano remunerazioni: Ammissibili; Non ammissibili; Ammissibili in presenza di determinate condizioni (test di ammissibilità) volte ad assicurare che i compensi siano idonei ad: accrescere la qualità del servizio fornito al cliente; non deve ostacolare l adempimento da parte dell intermediario dell obbligo di servire al meglio gli interessi del cliente. 17

18 Inducement Test di ammissibilità La La funzione di di Compliance ha ha contribuito a definire i i fattori determinanti ai ai fini fini della valutazione dell ammissibilità dei dei compensi l attività di distribuzione di strumenti finanziari emessi o collocati è abbinata al servizio di consulenza a titolo gratuito (valutazione di adeguatezza); vengono fornite al cliente attività regolari di post vendita, quali ad esempio: verifiche periodiche dell adeguatezza della composizione degli investimenti del cliente con le caratteristiche ed il profilo di rischio dello stesso; assistenza nella fase successiva al collocamento stesso, in termini di prestazione di servizi informativi di cui il cliente dovesse necessitare proposte di aggiornamento/revisione dell allocazione del patrimonio del cliente 18

19 Inducement Disclosure degli inducement La La funzione di di Compliance ha ha contribuito alla alla definizione delle modalità di di disclosure degli inducements, ove ove prevista Disclosure sintentica: nella documentazione contrattuale in essere con il cliente viene fornita una disclosure sintetica dei pagamenti che l intermediario riceve da terzi (range percentale in relazione alla famiglia di strumento finanziario ed alla tipologia di commissione) Disclosure analitica: in fase di prestazione del servizio di investimento viene fornita al cliente una disclosure analitica dei pagamenti che l intermediario riceve in connessione alla specifica operazione richiesta. 19

20 Processo per la rilevazione e la gestione degli inducement La La funzione di di Compliance è coinvolta nel nel processo della stipula di di nuovi accordi commerciali, per per la la valutazione di di ammissibilità dei dei compensi Commerciale / Legale Funzione di Compliance Commerciale / Segreteria societaria Proposta una nuova convenzione Valutazione di ammissibilità Firma degli accordi Una volta individuato il partner commerciale, la Struttura Commerciale cura con la controparte la definizione degli aspetti economici e prende contatto con Funzione Consulenza Legale Finanza La Struttura Commerciale trasmette il testo condiviso con la Consulenza Legale Finanza a diverse strutture (IT, Contabilità, Consulenza Fiscale, Compliance) la Funzione di Compliance ha il compito di effettuare la valutazione di ammissibilità secondo quanto previsto dalla Policy sugli inducement Passaggio in delibera del Consiglio Stipula degli accordi 20

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DEI

POLICY DI GESTIONE DEI Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE SUI SERVIZI D INVESTIMENTO GRUPPO CARISMI - approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 10/02/2015 1 INDICE

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini 2 Ricezione e trasmissione di ordini Negoziazione per conto proprio di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni

Dettagli

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015 Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** 2015 CDA 11/03/2015 INDICE 1. PREMESSA...3 2. CONTENUTI E RELAZIONE CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...4 3. PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E GESTIONE

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 13 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 5 4. RICHIAMO

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni di di ogni qualvolta: -lo strumento o oggetto del servizio risulti

Dettagli

Informativa ai partecipanti del fondo comune di investimento BancoPosta STEP

Informativa ai partecipanti del fondo comune di investimento BancoPosta STEP Informativa ai partecipanti del fondo comune di investimento BancoPosta STEP Preliminarmente, si precisa che il modello organizzativo prescelto da BancoPosta Fondi S.p.A. SGR (BPF) prevede che BPF istituisce

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE PROCESSO FINANZA BANCA DELL ALTA MURGIA CREDITO COOPERATIVO REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTI DI INTERESSE L art. 26 del Regolamento congiunto

Dettagli

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della

Dettagli

Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi

Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi Approvata dal CdA in data 15 febbraio 2012 Pagina 1 di 16 INDICE PREMESSA Pag. 3 LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI Pag.

Dettagli

SOMMARIO. Indice autori... 5. La nozione di mercato più pertinente. Criterio di collegamento

SOMMARIO. Indice autori... 5. La nozione di mercato più pertinente. Criterio di collegamento SOMMARIO Presentazione... Introduzione... Indice autori... VII XIII XV CAPITOLO 1 Introduzione al quadro normativo dopo la direttiva MiFID 1. Preambolo... 3 2. Il quadro normativo anteriore al novembre

Dettagli

Policy per la valutazione degli incentivi

Policy per la valutazione degli incentivi Policy per la valutazione degli incentivi 15 Maggio 2012 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. DEFINIZIONI E RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2.1. INCENTIVI LEGITTIMI IN SÉ... 3 2.2. INCENTIVI LEGITTIMI SOLO A DETERMINATE

Dettagli

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare:

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare: GESTIONE, DISCLOSURE E MONITORAGGIO DEGLI INCENTIVI ( INDUCEMENTS ) VERSATI E/O PERCEPITI DALLA BANCA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI 1. PREMESSA La disciplina MiFID sugli incentivi

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a.

Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a. Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a. Approvata dal Consiglio di Amministrazione 31 maggio 2013 Revisionata: 27 maggio 2014 Bozza per discussione

Dettagli

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2013 PREMESSA Mediolanum Vita S.p.A. (di seguito anche "l impresa o la compagnia

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

"MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012

MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012 "MIFID EMIFID REVIEW: LA POSIZIONE DELL'AUTORITÀ DI VIGILANZA ITALIANA" Flavio Bongiovanni CONSOB Divisione Intermediari Sorrento, 14-15 giugno 2012 LaMIFID1: Indice degli argomenti Evoluzione del quadro

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti Alessandro Pagani Head of Compliance & Operational Risks Milano,

Dettagli

Mediolanum Assicurazioni S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Mediolanum Assicurazioni S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Mediolanum Assicurazioni S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2013 PREMESSA Mediolanum Assicurazioni S.p.A. (di seguito anche

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni di ogniqualvolta: - il servizio venga prestato mediante contatto telefonico

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE In conformità alle disposizioni di cui all art. 25 del Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob del

Dettagli

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Servizi di 1 Ricezione e trasmissione di ordini di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni di di ogniqualvolta:

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DELLA BANCA POPOLARE ETICA gennaio 2014 www.bancaetica.it INDICE PREMESSA... pag. 4 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... pag. 6 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi In conformità delle disposizioni normative comunitarie e nazionali attualmente in vigore, Pioneer Investment Management

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Versione 9.0 del 09/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 Approvato in prima istanza dal C.E. in data 6/03/2008 Pag. 1 di 12 INDICE 1 Identificazione

Dettagli

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI Approvato dal Revisionato dal Consiglio di Amministrazione del 27 aprile 2012 Le presenti linee guida rappresentano

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI ai sensi dell articolo 6, comma 2, dello Statuto Assogestioni ARCA SGR S.p.A. Anno 2012 1 ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI CONDOTTA NEL RAPPORTO BANCA - CLIENTE

LE NUOVE REGOLE DI CONDOTTA NEL RAPPORTO BANCA - CLIENTE LE NUOVE REGOLE DI CONDOTTA NEL RAPPORTO BANCA - CLIENTE Roberto Galbiati Milano, 28 giugno 2014 dell autore e non rappresentano necessariamente quelle di Intesa Sanpaolo Spa 1 Agenda L informativa pre-contrattuale

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

Corso di formazione on-line per mediatore creditizio E agente in attività finanziaria

Corso di formazione on-line per mediatore creditizio E agente in attività finanziaria Ente di formazione iscritto al n.ro 90 dell elenco tenuto presso il Ministero della Giustizia Corso di formazione on-line per mediatore creditizio E agente in attività finanziaria 42 ore Corso di preparazione

Dettagli

Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse

Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse 1. Introduzione Banca Marche nel normale esercizio della propria attività e nell erogazione dei propri molteplici

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Obiettivi e politica d investimento. Profilo di rischio e di rendimento

Obiettivi e politica d investimento. Profilo di rischio e di rendimento INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI Iccrea Banca S.p.A. SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 PREMESSA Iccrea Banca

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

INCONTRI PRATICI DI APPROFONDIMENTO SULLA TUTELA DELL INVESTITORE

INCONTRI PRATICI DI APPROFONDIMENTO SULLA TUTELA DELL INVESTITORE MiFID 2 INCONTRI PRATICI DI APPROFONDIMENTO SULLA TUTELA DELL INVESTITORE Milano, Spazio Chiossetto, Via Chiossetto 20 INFORMAZIONI ALLA CLIENTELA E COMPLIANCE mercoledì 22 ottobre 2014 CONSULENZA INDIPENDENTE,

Dettagli

MiFID 2 GOVERNANCE DEI PRODOTTI FINANZIARI E COMPLIANCE INFORMATIVA E PROFILATURA DELLA CLIENTELA CONSULENZA E INDUCEMENTS

MiFID 2 GOVERNANCE DEI PRODOTTI FINANZIARI E COMPLIANCE INFORMATIVA E PROFILATURA DELLA CLIENTELA CONSULENZA E INDUCEMENTS MiFID 2 GOVERNANCE DEI PRODOTTI FINANZIARI E COMPLIANCE INFORMATIVA E PROFILATURA DELLA CLIENTELA CONSULENZA E INDUCEMENTS Milano, Spazio Chiossetto, Via Chiossetto 20 mercoledì 3 e giovedì 4 dicembre

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione

Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione Regolamento del processo delle partecipazioni INDICE INDICE... 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO DELLE PARTECIPAZIONI... 3 1. INVESTIMENTI IN PARTECIPAZIONI... 3 1.1

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

POLICY CONFLITTO DI INTERESSE. (Consiglio di Amministrazione del 17 maggio 10, con modifiche del 26 gennaio e del 13 dicembre 2011)

POLICY CONFLITTO DI INTERESSE. (Consiglio di Amministrazione del 17 maggio 10, con modifiche del 26 gennaio e del 13 dicembre 2011) POLICY CONFLITTO DI INTERESSE (Consiglio di Amministrazione del 17 maggio 10, con modifiche del 26 gennaio e del 13 dicembre 2011) 1 Indice 1. Premessa 2. Principi generali 3. Definizioni 4. Identificazione

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing

Policy di Valutazione e Pricing Policy di Valutazione e Pricing Regole Interne per la Negoziazione ed Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Alto Vicentino Credito Cooperativo di Schio e Pedemonte Società Cooperativa

Dettagli

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA DELLE BANCHE QUALI INTERMEDIARI FINANZIARI: GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA DOPO LA MIFID CASTELLANZA 11 MARZO 2010 ROBERTO LENZI

Dettagli

Policy aziendale in tema di incentivi nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento

Policy aziendale in tema di incentivi nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi. (Anno 2014)

Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi. (Anno 2014) Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi (Anno 2014) Assogestioni ha raccolto i dati relativi all adesione al Protocollo di autonomia per la

Dettagli

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI NEI SERVIZI DI INVESTIMENTO

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI NEI SERVIZI DI INVESTIMENTO BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI NEI SERVIZI DI INVESTIMENTO Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data approvazione 30/01/2013 Pag. 1 di 13 SOMMARIO

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE aureo Politica di gestione dei Conflitti di Interesse POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE PREMESSA... 1 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. RICHIAMO

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

MODULO 6 L ANTIRICICLAGGIO E GLI ATTORI DEL MERCATO ASSICURATIVO, BANCARIO E FINANZIARIO

MODULO 6 L ANTIRICICLAGGIO E GLI ATTORI DEL MERCATO ASSICURATIVO, BANCARIO E FINANZIARIO INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni - 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio - 1.1.1 I contrasti

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO I Capitolo 3 ATTIVITA ESERCITABILI E PARTECIPAZIONI DETENIBILI Sezione I Disposizioni di carattere generale TITOLO I - Capitolo 3 ATTIVITA

Dettagli

Policy relativa alla produzione e diffusione di ricerche in materia di investimenti prodotte da Equity Research

Policy relativa alla produzione e diffusione di ricerche in materia di investimenti prodotte da Equity Research Policy relativa alla produzione e diffusione di ricerche in materia di investimenti prodotte da Equity Research Dicembre 2012 1 1 Introduzione Questo documento definisce le linee di condotta ed i princìpi

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

CONSOB - PRIME LINEE DI INDIRIZZO IN TEMA DI INDUCEMENTS

CONSOB - PRIME LINEE DI INDIRIZZO IN TEMA DI INDUCEMENTS CONSOB - PRIME LINEE DI INDIRIZZO IN TEMA DI INDUCEMENTS Premessa La normativa comunitaria (direttiva n. 2006/73/CE art. 26) inquadra espressamente la materia degli inducement all interno dei doveri (di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive)

Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive) FLASH REPORT Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive) Overview e Focus sul Sistema di Gestione del Rischio Marzo 2015 Introduzione all AIFMD

Dettagli

Informativa ai partecipanti del fondo comune di investimento BancoPosta Evoluzione 3D

Informativa ai partecipanti del fondo comune di investimento BancoPosta Evoluzione 3D Informativa ai partecipanti del fondo comune di investimento BancoPosta Evoluzione 3D Preliminarmente, si precisa che il modello organizzativo prescelto da BancoPosta Fondi S.p.A. SGR (BPF) prevede che,

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE o CONFLICT POLICY

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE o CONFLICT POLICY POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE o CONFLICT POLICY Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del12/05/2008 modificata con delibera del 30/10/2008 ai sensi dell art.

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 luglio 2011 1 Indice PREMESSA... 3 1. Politica di valutazione e pricing...

Dettagli

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni - 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio - 1.1.1 I contrasti

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE E ISTITUZIONE DELL ARCHIVIO STORICO O REGISTRO ELETTRONICO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE IN CONFLITTO DI INTERESSE Versione 1 1.1 Delibera delibera del

Dettagli

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Edizione giugno 2015 PREMESSA Mediolanum Gestione Fondi (di seguito anche MGF o la Società ), appartenente al Gruppo Bancario Mediolanum 1

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI

POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Direttiva 2004/39/CE MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI DELLA BANCA POPOLARE ETICA gennaio 2015 www.bancaetica.it PREMESSA La Markets in Financial Instruments

Dettagli

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari IL PROGRAMMA Modulo I I soggetti e il contesto operativo e regolamentare 1 2 dicembre 2011 - ore 15.00-19.00 Gli intermediari finanziari di cui al Titolo V del TUB a) La nascita della regolamentazione

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Mediolanum Gestione Fondi S.G.R.p.A Sintesi della Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Edizione del giugno 2014 PREMESSA

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Parte I del Prospetto Completo - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione

Pioneer Fondi Italia. Parte I del Prospetto Completo - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione Pioneer Fondi Italia Parte I del Prospetto Completo - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione La Parte I del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare

Dettagli

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi VERSIONE APRILE 2011 INDICE PREMESSA... 3 LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI... 5 FASE I - ASSEGNAZIONE DEI RUOLI

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Società per Azioni Sede legale: Bologna, Via Irnerio 43/B Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi Iscritta all Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari al n. 5389, codice ABI 03110.4 Appartenente

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI PRELIOS SGR S.P.A.

DOCUMENTO INFORMATIVO DI PRELIOS SGR S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO DI PRELIOS SGR S.P.A. redatto ai sensi del Regolamento Consob in materia di Intermediari adottato con delibera n. 16190 del 2007 e del Regolamento Congiunto Banca d Italia e Consob

Dettagli