Esercizi di Algebra 2, C.S. in Matematica, a.a

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi di Algebra 2, C.S. in Matematica, a.a"

Transcript

1 26 Esercizi di Algebra 2, C.S. in Matematica, a.a Parte V. Anelli Nota. Salvo contrario avviso il termine anello sta per anello commutativo con identità. Es Provare che per ogni intero n 2 i polinomi in una indeterminata X a coefficienti in Z n con le usuali operazioni di somma e prodotto formano un anello Z n [X]. Per quali n l anello Z n [X] è integro? per quali n è un corpo? Es Siano A e B anelli, provare che A B con le operazioni definite componente per componente è un anello. E un anello integro? Provare che A B è commutativo se e solo se A e B sono commutativi. Es Sia G un gruppo abeliano. Provare che l insieme End(G) degli omomorfismi di gruppo di G in sé, è un anello (non necessariamente commutativo) con identità rispetto alle operazioni così definite: se f, g End(G) allora f + g è l omomorfismo dato da (f + g)(x) = f(x) + g(x) e f g = f g. Es a) Provare che il più piccolo sottoanello di R che contiene Q e 5, denotato Q[ 5], è { a + b 5 a, b Q }. b) Provare che il più piccolo sottoanello di C che contiene Z e i, denotato Z[i], è { a + b i a, b Z }. c) Provare che il più piccolo sottoanello di R che contiene Q e 3 2, denotato Q[ 3 2], è { a + b c 3 4 a, b, c Q }. d) Provare che Q[ 5], Z[i] e Q[ 3 2] sono anelli integri. Es Siano x e y due elementi di un anello. Provare che per ogni intero positivo n si n ( ) n ha (x + y) n = a k b n k. k k=0 Es Provare che Z p è un corpo se e solo se p è un numero primo. Es Quali sono gli elementi zero-divisori e quali sono gli elementi invertibili di Z, Z 20, Z 11, Z n, Z Z, Z[i]? Es Provare che il polinomio 1 + 2X è invertibile in Z 4 [X]. Es Sia A un anello integro. Provare che a) f(x) A[X] è invertibile se e solo se f A e f è invertibile in A. b) A[X] non è un corpo. Es Provare che Q[ 2] = { a + b 2 a, b Q } è un corpo. Es Sia F(R) = { f : R R f funzione }. Se f, g F (R) definiamo f + g e f g ponendo (f +g)(x) = f(x)+g(x) e (f g)(x) = f(x)g(x), per ogni x R. Provare che F(R)

2 27 è un anello non integro e che le funzioni continue costituiscono un suo sottoanello C(R). Tale sottoanello è integro? Es Sia A un anello e sia x A tale che x n = 0 per qualche n N. Provare che 1 x è invertibile. Es Provare che un elemento invertibile non può essere zero-divisore. Es Siano A un anello, x, y A due elementi non nulli. Dire se le seguenti affermazioni sono vere o false. 1. x, y invertibili = x + y invertibile; 2. xy invertibile = x, y invertibili; 3. x zero divisore = xy zero divisore; 4. x e y zero divisori = xy zero divisore; 5. xy zero divisore = x oppure y è zero divisore; 6. xy zero divisore = x e y sono zero divisori; 7. x e y zero divisori = x + y zero divisore; 8. x + y zero divisore = x zero divisore. Es Sia A un anello con identità, integro e finito. Provare che A è un corpo. Es Provare che Z è un sottoanello di Q ma non è un suo ideale. Es Sia A un sottoanello di un anello B, allora A[X] è un sottoanello di un anello B[X]. A[X] è un ideale di B[X]? Es Determinare tutti gli ideali di Z 12. Es Provare che X 5 + 4X 4 + 4X + 1 appartiene all ideale di Z 5 [X] generato da 2X 3 + 2X Es Sia I un ideale di Q[X] che contiene i polinomi X 5 3X 2 + 4X 3 e X 2. Provare che I = Q[X]. Es Trovare tre ideali distinti di Q[X] che contengono il polinomio X 3 + X. Es Mostrare che l ideale di Z 6 [X] generato da 2 e 3X è uguale all ideale generato da 2 + 3X. Es Mostrare che l ideale di Z[i] generato da 2 i è proprio e coincide con l ideale generato da 1 + 2i.

3 28 Es In Q[X] dividere il polinomio f(x) = 2X 4 + X 2 X + 1 per il polinomio g(x) = 2X + 1 e verificare che l ideale I = (f(x), g(x)) è improprio. Es Sia I l ideale di R[X] generato da f(x) = 2X 4 3X + 1 e g(x) = X 3 X. Provare che I contiene un polinomio di secondo grado. Provare che I = (X 1). Es Sia I l ideale di Q[X] generato da f(x) = X 5 +2X 4 +X 3 +X+1 e g(x) = X 3 X. Provare che X + 1 I e determinare A(X), B(X) Q[X] tali che X + 1 = A(X) f(x) + B(X) g(x). Es Siano I l ideale di Z[X] generato da f(x) = 5X 3 + 3X e g(x) = X + 2 e J = (19, g(x)). Provare che I = J. Es Sia I l ideale di Z[X] generato da X e X 3 1. Provare che I = (X + 1, 2). Es Verificare che in Z 5 [X] il polinomio f(x) = 2X 3 + X 2 + 3X + 4 sta nell ideale I = (3X + 2). Es In Q[X] esiste un ideale generato da un polinomio di grado 1 che contiene l ideale generato da f(x) = X 4 X 2 + 5X 2? Es Provare che ogni ideale di Z Z è principale. Es Siano A un anello integro e I, J due ideali non nulli di A. Provare che I J (0). Es Sia k un corpo. Mostrare che gli unici ideali di k sono (0) e k. Es Siano A un anello, x A un non zero-divisore, a, b A tali che a x = b x. Provare che a = b. Dare un controesempio nel caso che x sia uno zero-divisore. Es Stabilire se le seguenti applicazioni sono omomorfismi di anelli e, nel caso lo siano, determinarne nucleo e immagine. a) φ : C C data da φ(a + b i) = a b i ; b) φ : R[X] R data da φ(f(x)) = f(1) ; c) φ : R[X] C data da φ(f(x)) = f(i) ; d) φ : M 2 (R) R data da φ(a) = det(a) ; e) φ : R R[X] data da φ(a) = a ; f) φ : End(Z) Z data da φ(f) = f(1) ; g) φ : Z Z 12 data da φ(n) = 2n. Es Esiste un omomorfismo non nullo di anelli f : Q[ 2] Q[ 3]? Es Sia φ : Z[X] Q l omomorfismo di anelli dato da φ(f(x)) = f(1/2). Provare che Ker(φ) = (2X 1).

4 Soluzione di alcuni esercizi 29 Soluzione di alcuni esercizi Es. 157 b) Se z = a + i b, w = c + i d Z[i] allora z w = (a c) + i (b d) Z[i] quindi Z[i] è un sottogruppo di C ; inoltre zw = (ac bd) + i (ad + bc) Z[i] quindi Z[i] è un sottoanello di C. d) Sono integri perchè sottoanelli di anelli integri. Es. 159 Poiché Z p è finito, basta provare che Z p è integro se e solo se p è un numero primo. Se p non è primo, sia p = r s con r, s < p ; allora r 0, s 0, ma r s = r s = p = 0, quindi Z p non è integro. Se p è primo e se r s = 0, si ha r s = n p, cioè p rs e quindi p divide r, cioè r = 0, oppure p divide s, cioè s = 0. Es. 160 Z[i] è un anello integro quindi non ha zero-divisori non nulli. Gli elementi invertibili di Z[i] sono {1, 1, i, i}, infatti, indicando con N(z) la norma di z, se z = Z[i] è invertibile allora esiste w Z[i] tale che zw = 1, perciò N(zw) = N(z) N(w) = N(1) = 1, quindi N(z) = 1 e z {1, 1, i, i}. D altra parte questi elementi sono tutti invertibili ( ( 1) 2 = 1, i ( i) = 1 ). Es. 161 In Z 4 [X] si ha (1 + 2X) (1 + 2X) = 1. Es. 162 a) Se A è integro anche A[X] lo è; inoltre se f(x)g(x) = 1 in A[X] allora si ha deg(f g) = deg(f) + deg(g) = deg(1) = 0, quindi deg(f) = deg(g) = 0 cioè f è invertibile in A. Il viceversa è ovvio. b) Se A[X] fosse un corpo, allora sarebbe integro e in particolare X sarebbe invertibile, cioè esisterebbe un polinomio g(x) tale che X g(x) = 1, ma questo è assurdo perché X g(x) ha grado maggiore di 0. Es. 165 Si ha: (1 x)(1 + x + x x n 1 ) = (1 + x + x x n 1 )(1 x) = 1 + x + x x n 1 x x 2... x n = 1. Quindi 1 + x + x x n 1 è l inverso di 1 x. Es. 166 Se x è invertibile in A, esiste y A tale che xy = 1. Se esistesse z A, tale che z 0 e xz = 0, si avrebbe z = z 1 = zxy = 0y = 0. Es. 167 a) è falsa: in Z, x = y = 1 sono invertibili ma x + y = 2 no. b) è vera: posto z = y(xy) 1 si ha xz = zx = 1 quindi x è invertibile; in modo analogo si mostra che y è invertibile. c) è vera: se xz = 0 con z 0, allora (xy)z = x(yz) = x(zy) = (xz)y = 0y = 0, quindi xy è zero divisore. d) è vera. e) è vera: se (xy)z = 0 con z 0, allora x(yz) = 0 ; se yz 0 allora x è uno zero divisore, se yz = 0 allora y è uno zero divisore. f) è falsa: A = Z Z, x = (1, 0), y = (1, 1) ; allora xy = (1, 0) è zero divisore, ma y, essendo invertibile, non è zero divisore. g) è falsa: A = Z Z, x = (2, 1), y = ( 1, 1). h) è falsa: A = Z Z, x = (1, 0), y = (0, 1).

5 Soluzione di alcuni esercizi 30 Es. 168 Sia a A, a 0 ; poiché A è finito esistono n, m Z con m < n ed a m = a n 0. Allora a m (1 a n m ) = 0. Poiché a non divide 0, a n m = a n m 1 a = 1, e quindi a è invertibile. Es. 175 In Z 6 [X] si ha: 2 = 4 (2 + 3X) e 3X = 3 (2 + 3X) quindi (2, 3X) (2 + 3X). L inclusione opposta è ovvia. Es. 176 La prima affermazione segue dal fatto che 2 i non è invertibile in Z[i], la seconda dal fatto che 2 i e 1 + 2i sono elementi associati di Z[i] infatti 2 i = ( i) (1 + 2i) e i è invertibile. Es. 178 In R[X] si ha f(x) = g(x)(2x) + 2X 2 + 5X + 1 e quindi 2X 2 + 5X + 1 = f(x) g(x)(2x) I. Poiché X 1 divide sia f(x) che g(x), si ha che I (X 1) ; l inclusione opposta segue dal fatto che X 1 è il massimo comun divisore in R[X] di f(x) e g(x), quindi (identità di Bezout) esistono A(X) e B(X) in R[X] tali che X 1 = A(X)f(X) + B(X)g(X). Es. 179 Si ha (algoritmo euclideo): f(x) = g(x) (X 2 + 2X + 2) + (2X 2 + 3X + 1) g(x) = (2X 2 + 3X + 1) ( 1 2 X 3 4 ) + ( 3 4 X ) 2X 2 + 3X + 1 = ( 3 4 X ) ( 8 3 X ) quindi ( 3 ) (g(x) (2X 2 + 3X + 1)( 12 X 34 ) ) X + 1 = X + 3 = (g(x) [f(x) g(x)(x 2 + 2X + 2)]( 12 X 34 ) ) = 4 3 = ( 43 (12 X 34 ) ) f(x) + ( 4 3 (1 (X2 + 2X + 2)( 1 2 X 3 ) 4 ) g(x) Es. 180 Per provare che I J basta provare che i generatori di I stanno in J ; il generatore g(x) è in comune, inoltre il resto della divisione di f(x) per X + 2 è f( 2) = 19, quindi f(x) = (X + 2) h(x) 19 = (X + 2) h(x) + 19( 1) J. L inclusione opposta segue dall uguaglianza 19 = f( 2) = f(x) + (X + 2)h(X). Es. 181 In Z[X] si ha X = (X 3 1)(X) + (X + 1) quindi I = (X 3 + 1, X + 1), inoltre X 3 1 = (X + 1)(X 2 X + 1) 2 quindi I = (X + 1, 2) = (X + 1, 2). Es. 182 Il resto della divisione in Z 5 [X] del polinomio f(x) per 3X + 2 è 0, quindi f(x) I. In alternativa si può osservare che 3 è invertibile in Z 5, il suo inverso è 2, quindi I = (3x + 2) = (x + 4) = (x 1) e f(1) = = 0, ciò significa che f(x) è divisibile per X 1 e pertanto sta in I.

6 Soluzione di alcuni esercizi 31 Es. 183 Se ax + b Q[X] con a 0, allora a è invertibile in Q[X] e si ha l uguaglianza di ideali (ax + b) = (X + ba 1 ), così possiamo supporre che l ideale cercato sia del tipo (X α) con α Q. Se (f(x)) (X α) allora X α divide f(x) e quindi α deve essere una radice razionale di f(x). Le eventuali radici di f(x) stanno nell insieme {±1, ±2} (vedi es.??), si ha f(1) = 3, f( 1) = 7, f(2) = 20, f( 2) = 0. Quindi (X 4 X 2 + 5X 2) (X + 2). Es. 184 Dato un ideale J di Z Z, siano J 1 = { x Z a Z, (x, a) J }, J 2 = { y Z b Z, (b, y) J }. Poiché J 1 e J 2 sono ideali di Z che è principale, si ha J 1 = (α) e J 2 = (β), e siccome J 1 J 2 = αz β = (α, β)z, J 1 J 2 è principale. La conclusione segue dalla uguaglianza J = J 1 J 2. Infatti se (x, y) J 1 J 2, allora esistono x, y Z tali che (x, a) J e (b, y) J ; allora (x, y) = (1, 0)(x, a) + (0, 1)(b, y) J. L altra inclusione è ovvia. Es. 185 Se 0 x I e 0 y J, allora xy 0 e xy I J. Es. 186 Se I è un ideale non nullo di k, allora I contiene un elemento invertibile e quindi I = k. Es. 187 a x = b x = 0 = a x b x = (a b) x, ed essendo x un non zero-divisore, si ha a b = 0, cioè a = b. Se A = Z 8, x = 2, a = 1, b = 5, si ha a x = 2 = 10 = b x ma a b. Es. 189 Sia f un tale omomorfismo, allora f(2) = 2 ; inoltre se f( 2) = a + b 3 Q[ 3] si deve avere 2 = f(2) = f( 2 2) = f( 2) f( 2) = (a + b 3) 2 = (a 2 + 3b 2 ) + 2ab 3. Ne segue che ab = 0, quindi a = 0 oppure b = 0, ma in entrambi i casi si ha un assurdo (se a = 0 deve essere 2 = 3b 2, se b = 0 deve essere 2 = a 2 ). Es. 190 L inclusione (2X 1) Ker(φ) è banale. Proviamo l inclusione opposta. Sia f(x) = t i=0 n ix i Ker(φ), allora Allora ( 1 i n i = 2) i=0 t i=0 n i 2 t i 2 t = 0 e quindi n i 2 t i = 0 i=0 f(x) = f(x) 0 = ( n i X i X t i=0 i=0 n i 2 t i ) = ( n 0 X t n 0 2 t) + ( n 1 X X t n 1 2 t 1) +... = n 0 (2 t X t 1) n 1 X(2 t 1 X t 1 1)... n t 1 X t 1 (2X 1) n t X t (1 1) = (2X 1) A(X)

Programma di Algebra 1

Programma di Algebra 1 Programma di Algebra 1 A. A. 2015/2016 Docenti: Alberto Canonaco e Gian Pietro Pirola Richiami su relazioni di equivalenza: definizione, classe di equivalenza di un elemento, insieme quoziente e proiezione

Dettagli

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità.

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità. 1 ANELLI Definizione 1.1. Sia A un insieme su cui sono definite due operazioni +,. (A, +, ) si dice Anello se (A, +) è un gruppo abeliano è associativa valgono le leggi distributive, cioè se a, b, c A

Dettagli

POLINOMI. (p+q)(x) = p(x)+q(x) (p q)(x) = p(x) q(x) x K

POLINOMI. (p+q)(x) = p(x)+q(x) (p q)(x) = p(x) q(x) x K POLINOMI 1. Funzioni polinomiali e polinomi Sono noti campi infiniti (es. il campo dei complessi C, quello dei reali R, quello dei razionali Q) e campi finiti (es. Z p la classe dei resti modp con p numero

Dettagli

Università degli studi di Verona Corso di laurea in Informatica Prova scritta di Algebra 3 settembre 2002

Università degli studi di Verona Corso di laurea in Informatica Prova scritta di Algebra 3 settembre 2002 Prova scritta di Algebra settembre 2002 1) Si consideri il sottoinsieme del gruppo Q \{0} dei numeri razionali non nulli rispetto alla moltiplicazione: { m X = n } m 0, n Si dimostri che X è un sottosemigruppo;

Dettagli

II Esonero di Matematica Discreta - a.a. 06/07. Versione B

II Esonero di Matematica Discreta - a.a. 06/07. Versione B II Esonero di Matematica Discreta - a.a. 06/07 1. Nell anello dei numeri interi Z: Versione B a. Determinare la scrittura posizionale in base 9 del numero che in base 10 si scrive) 5293 e la scrittura

Dettagli

ESERCIZI PROPOSTI. Capitolo 5 MCD(15,5) = 15 5 =3. un unico sottogruppo di ordine d, cioè x 20/d = C d. , x 20/10 = x 2 = C 10. , x 20/4 = x 5 = C 4

ESERCIZI PROPOSTI. Capitolo 5 MCD(15,5) = 15 5 =3. un unico sottogruppo di ordine d, cioè x 20/d = C d. , x 20/10 = x 2 = C 10. , x 20/4 = x 5 = C 4 ESERCIZI PROPOSTI Capitolo 5 511 Determinare il periodo dell elemento x 320 del gruppo ciclico C 15 = x x 15 =1 Indicare tutti i generatori del sottogruppo x 320 Soluzione Dividiamo 320 per 15 Si ha 320

Dettagli

Appunti di Teoria degli Anelli

Appunti di Teoria degli Anelli INDICE 1 Appunti di Teoria degli Anelli Versione del 25 Febbraio 2007 Appunti per alcune parti del corso di Algebra B tenuto da Roberto Catenacci al Corso di Laurea in Matematica e Applicazioni dell Università

Dettagli

Introduzione alla TEORIA DEI NUMERI

Introduzione alla TEORIA DEI NUMERI Renato Migliorato Introduzione alla teoria dei numeri Introduzione alla TEORIA DEI NUMERI Avvertenza: questo è l inizio di un testo pensato come supporto al corso di Matematiche Complementari I ed ancora

Dettagli

Esercizio. Sia a R non nullo e siano m, n numeri interi non nulli con m n. Allora a m /a n è uguale a. [1] 1/a n m [2] 1/a m n [3] 1/a n m [4] a n m

Esercizio. Sia a R non nullo e siano m, n numeri interi non nulli con m n. Allora a m /a n è uguale a. [1] 1/a n m [2] 1/a m n [3] 1/a n m [4] a n m Sia a R non nullo e siano m, n numeri interi non nulli con m n. Allora a m /a n è uguale a [1] 1/a n m [2] 1/a m n [3] 1/a n m [4] a n m Vale la [1] perché per le proprietà delle potenze risulta a m a

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Esercizi di Algebra Commutativa Moduli 1 Tracce delle soluzioni

Esercizi di Algebra Commutativa Moduli 1 Tracce delle soluzioni Esercizi di Algebra Commutativa Moduli 1 Tracce delle soluzioni 1. Sia A un anello A 0. Provare che: A n A m m = n. Soluzione. Sia m A un ideale massimale. Sia m m = ma m e m n = ma n. Se ϕ : A m A n e

Dettagli

Strutture algebriche. Leggi di composizione. Leggi di composizione. Gruppi Insiemi di numeri Polinomi

Strutture algebriche. Leggi di composizione. Leggi di composizione. Gruppi Insiemi di numeri Polinomi Introduzione S S S S Le strutture algebriche sono date da insiemi con leggi di composizione binarie (operazioni) ed assiomi (proprietà) Una legge di composizione binaria è una funzione : I J K, una legge

Dettagli

APPUNTI DI ALGEBRA PER IL CORSO DI ALGEBRA E GEOMETRIA

APPUNTI DI ALGEBRA PER IL CORSO DI ALGEBRA E GEOMETRIA APPUNTI DI ALGEBRA PER IL CORSO DI ALGEBRA E GEOMETRIA LUCIA ALESSANDRINI 1. Numeri 1.1 I numeri naturali. Indichiamo con N l insieme dei numeri naturali: N := {0, 1, 2, 3,... }. Questi numeri, le operazioni

Dettagli

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h.

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h. LEZIONE 15 15.1. Polinomi a coefficienti complessi e loro e loro radici. In questo paragrafo descriveremo alcune proprietà dei polinomi a coefficienti complessi e delle loro radici. Già nel precedente

Dettagli

Definizione: Due monomi si dicono simili se hanno la stessa parte letterale.

Definizione: Due monomi si dicono simili se hanno la stessa parte letterale. CALCOLO LETTERALE Definizione: Data una formula si dicono variabili le lettere alle quali può essere sostituito qualsiasi valore numerico; i numeri si dicono, invece, costanti. Nella formula per il calcolo

Dettagli

Svolgimento di Algebra I - 22 Marzo Nell insieme delle frazioni F := { a

Svolgimento di Algebra I - 22 Marzo Nell insieme delle frazioni F := { a Svolgimento di Algebra I - 22 Marzo 212 1. Nell insieme delle frazioni F := { a b a, b Z, b } si consideri la relazione definita ponendo: a b a ab = ba. b i Si dimostri che è una relazione di equivalenza

Dettagli

1 Introduzione alle matrici quadrate 2 2 a coefficienti in R.

1 Introduzione alle matrici quadrate 2 2 a coefficienti in R. 1 Introduzione alle matrici quadrate 2 2 a coefficienti in R Per introdurre il concetto di matrice, a 2 righe e 2 colonne, iniziamo col considerare griglie o tabelle di numeri Gli elementi della griglia,

Dettagli

Appunti sui polinomi. Pietro Di Martino e Giovanni Gaiffi

Appunti sui polinomi. Pietro Di Martino e Giovanni Gaiffi Appunti sui polinomi Pietro Di Martino e Giovanni Gaiffi CAPITOLO 1 Alcune osservazioni sulla fattorizzazione dei polinomi 1. Polinomi irriducibili e teorema di fattorizzazione unica In questo paragrafo,

Dettagli

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0.

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0. Elementi di Algebra e Logica 2008. Esercizi 4. Gruppi, anelli e campi. 1. Determinare la tabella additiva e la tabella moltiplicativa di Z 6. (a) Verificare dalla tabella moltiplicativa di Z 6 che esistono

Dettagli

APPUNTI DI ALGEBRA B

APPUNTI DI ALGEBRA B APPUNTI DI ALGEBRA B Prof. Gloria Rinaldi dal testo Algebra autori P.Quattrocchi, G.Rinaldi, ed. Zanichelli Dipartimento di Scienze e Metodi dell Ingegneria Università di Modena e Reggio Emilia, Via Amendola

Dettagli

Frazioni. 8 Esercizi di Analisi Matematica Versione Argomenti: Operazioni sulle frazioni Tempo richiesto: Completare la seguente tabella: a b

Frazioni. 8 Esercizi di Analisi Matematica Versione Argomenti: Operazioni sulle frazioni Tempo richiesto: Completare la seguente tabella: a b 8 Esercizi di Analisi Matematica ersione 2006 razioni Argomenti: Operazioni sulle frazioni Difficoltà: Tempo richiesto: Completare la seguente tabella: a b a + b a b 1/3 1/2 1/3 1/2 1/3 1/2 a b a a + b

Dettagli

Vettori e matrici. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Vettori e matrici. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Vettori e matrici Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utentiunifeit/lorenzopareschi/ lorenzopareschi@unifeit Lorenzo Pareschi Univ Ferrara

Dettagli

Esercizi di Algebra II

Esercizi di Algebra II Esercizi di Algebra II 18 Novembre 2016 # 6 Esercizio 1. Siano a := 4+13i, b := 8+i Z[i]. Determinare q, r Z[i] tali che a = bq + r con r = 0 o rδ < bδ (dove δ denota l usuale funzione euclidea per Z[i]).

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA per Ing. Chimica e Ing. delle Telecomunicazioni MONOMI E POLINOMI Prof. Erasmo Modica

CORSO ZERO DI MATEMATICA per Ing. Chimica e Ing. delle Telecomunicazioni MONOMI E POLINOMI Prof. Erasmo Modica CORSO ZERO DI MATEMATICA per Ing. Chimica e Ing. delle Telecomunicazioni MONOMI E POLINOMI Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it MONOMI In una formula si dicono variabili le lettere alle quali può essere

Dettagli

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n SPAZI E SOTTOSPAZI 1 SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n Spazi di matrici. Spazi di polinomi. Generatori, dipendenza e indipendenza lineare, basi e dimensione. Intersezione e somma di sottospazi,

Dettagli

Matematica per le scienze sociali Elementi di base. Francesco Lagona

Matematica per le scienze sociali Elementi di base. Francesco Lagona Matematica per le scienze sociali Elementi di base Francesco Lagona University of Roma Tre F. Lagona (francesco.lagona@uniroma3.it) 1 / 24 Outline 1 Struttura del corso 2 Algebra booleana 3 Algebra degli

Dettagli

Il linguaggio degli insiemi

Il linguaggio degli insiemi Corso di Geometria per Fisica Il linguaggio degli insiemi 1 Le principali notazioni e definizioni della teoria degli insiemi. Iniziamo dicendo che non intendiamo dare a questo capitolo altro significato

Dettagli

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Cognome Nome Matricola FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Ciarellotto, Esposito, Garuti Prova del 21 settembre 2013 Dire se è vero o falso (giustificare le risposte. Bisogna necessariamente rispondere

Dettagli

Giovanna Carnovale. October 18, Divisibilità e massimo comun divisore

Giovanna Carnovale. October 18, Divisibilità e massimo comun divisore MCD in N e Polinomi Giovanna Carnovale October 18, 2011 1 Divisibilità e massimo comun divisore 1.1 Divisibilità in N In questa sezione introdurremo il concetto di divisibilità e di massimo comun divisore

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Università Cattolica del Sacro Cuore. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Brescia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI ISTITUZIONI DI ALGEBRA SUPERIORE I prof. Clara Franchi Esercizi svolti raccolti da Elena

Dettagli

Polinomi. Corso di accompagnamento in matematica. Lezione 1

Polinomi. Corso di accompagnamento in matematica. Lezione 1 Polinomi Corso di accompagnamento in matematica Lezione 1 Sommario 1 Insiemi numerici 2 Definizione di polinomio 3 Operazioni tra polinomi 4 Fattorizzazione Corso di accompagnamento Polinomi Lezione 1

Dettagli

Primo modulo: Aritmetica

Primo modulo: Aritmetica Primo modulo: Aritmetica Obiettivi 1. ordinamento e confronto di numeri;. riconoscere la rappresentazione di un numero in base diversa dalla base 10; 3. conoscere differenza tra numeri razionali e irrazionali;

Dettagli

Allenamenti di matematica: Algebra e Teoria dei Numeri

Allenamenti di matematica: Algebra e Teoria dei Numeri Brescia, 18 novembre 2011 Allenamenti di matematica: Algebra e Teoria dei Numeri 1. (a) Risolvi l equazione x 3 12x 2 + 29x 18 = 0. (b) Risolvi l equazione precedente utilizzando il seguente metodo. Effettua

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Foglio di esercizi n. 5 a.a Soluzioni

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Foglio di esercizi n. 5 a.a Soluzioni Corso di Laurea in Matematica Geometria 2 Foglio di esercizi n. 5 a.a. 2015-16 Soluzioni Gli esercizi sono presi dal libro di Manetti. Per svolgere questi esercizi, studiare con cura i paragrafi 10.1,

Dettagli

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria.

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria. Capitolo 2 Campi 2.1 Introduzione Studiamo ora i campi. Essi sono una generalizzazione dell insieme R dei numeri reali con le operazioni di addizione e di moltiplicazione. Nel secondo paragrafo ricordiamo

Dettagli

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Ercole Suppa Liceo Scientifico A. Einstein, Teramo e-mail: ercolesuppa@gmail.com Teramo, 3 dicembre 2014 USR Abruzzo - PLS 2014-2015,

Dettagli

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d SPAZI VETTORIALI 1. Esercizi Esercizio 1. Stabilire quali dei seguenti sottoinsiemi sono sottospazi: V 1 = {(x, y, z) R 3 /x = y = z} V = {(x, y, z) R 3 /x = 4} V 3 = {(x, y, z) R 3 /z = x } V 4 = {(x,

Dettagli

MATRICI E SISTEMI LINEARI

MATRICI E SISTEMI LINEARI - - MATRICI E SISTEMI LINEARI ) Calcolare i seguenti determinanti: a - c - d - e - f - g - 8 7 8 h - ) Calcolare per quali valori di si annullano i seguenti determinanti: a - c - ) Calcolare il rango delle

Dettagli

L algoritmo AKS. L algoritmo AKS. Seminario per il corso di Elementi di Algebra Computazionale. Oscar Papini. 22 luglio 2013

L algoritmo AKS. L algoritmo AKS. Seminario per il corso di Elementi di Algebra Computazionale. Oscar Papini. 22 luglio 2013 L algoritmo AKS Seminario per il corso di Elementi di Algebra Computazionale Oscar Papini 22 luglio 2013 Test di primalità Come facciamo a sapere se un numero n è primo? Definizione (Test di primalità)

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI. 1. Numeri naturali, interi relativi e principi d induzione

TEORIA DEI NUMERI. 1. Numeri naturali, interi relativi e principi d induzione TEORIA DEI NUMERI. Numeri naturali, interi relativi e principi d induzione Le proprietà dell insieme N = {0,, 2, } dei numeri naturali possono essere dedotte dai seguenti assiomi di Peano:. C è un applicazione

Dettagli

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof.

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A. 2015-2016 ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Cigliola Consegna per Martedì 6 Ottobre Esercizio 1. Una matrice quadrata A si

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

1 Relazione di congruenza in Z

1 Relazione di congruenza in Z 1 Relazione di congruenza in Z Diamo ora un esempio importante di relazione di equivalenza: la relazione di congruenza modn in Z. Definizione 1 Sia X = Z, a,b Z ed n un intero n > 1. Si dice a congruo

Dettagli

Un monomio è in forma normale se è il prodotto di un solo fattore numerico e di fattori letterali con basi diverse. Tutto quanto sarà detto di

Un monomio è in forma normale se è il prodotto di un solo fattore numerico e di fattori letterali con basi diverse. Tutto quanto sarà detto di DEFINIZIONE Espressione algebrica costituita dal prodotto tra una parte numerica (coefficiente) e una o più variabili e/o costanti (parte letterale). Variabili e costanti possono comparire elevate a potenza

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI DI IGS. b 0 (mod 3) 1 + 2a + b 0 (mod 3)

SOLUZIONI ESERCIZI DI IGS. b 0 (mod 3) 1 + 2a + b 0 (mod 3) SOLUZIONI ESERCIZI DI IGS 1. Il polinomio f(x) è irriducibile su Q per il criterio di Eisenstein (p = 3). 2. Sia f(x) = X 2 +ax +b Z 3 [X]. Poichè f(x) è di secondo grado, è irriducibile se e solo se non

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE Capitolo 2 STRUTTURE ALGEBRICHE 1. Gruppi, anelli, campi e spazi vettoriali In questo paragrafo torneremo sul concetto di operazione su un insieme e presenteremo la definizione e le proprietà di base di

Dettagli

Monomi e Polinomi. Monomio Si dice monomio un espressione letterale in cui figurano solo operazioni di moltiplicazione.

Monomi e Polinomi. Monomio Si dice monomio un espressione letterale in cui figurano solo operazioni di moltiplicazione. Monomi e Polinomi Monomio Si dice monomio un espressione letterale in cui figurano solo operazioni di moltiplicazione. ) Sono monomi: 5 a 3 b 2 z; 2 3 a2 c 9 ; +7; 8a b 3 a 2. Non sono monomi: a + 2; xyz

Dettagli

TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI

TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI ALCUNI TEOREMI IMPORTANTI Prendiamo una divisione intera tra numeri: 6 : 3 = 2. Il resto di questa divisione è 0, e questo significa che moltiplicando il quoziente

Dettagli

EQUAZIONI MATRICIALI

EQUAZIONI MATRICIALI EQUAZIONI MATRICIALI a cura di Gioella Lorenzon, Edoardo Sech, Lorenzo Spina, Jing Jing Xu Realizzato nell'ambito del progetto Archimede con la supervisione del Prof. Fabio Breda I.S.I.S.S. M.Casagrande,

Dettagli

( ) = (x " m)2 se x # m

( ) = (x  m)2 se x # m ESERCIZI DI ALGEBRA I ESERCIZI SU ANELLI E POLINOMI A Anelli, sottoanelli, caratteristica A.1. Sia E un intervallo di R e consideriamo l insieme D E delle funzioni f:e R derivabili su E. a Si dimostri

Dettagli

Cenni di teoria dei campi finiti

Cenni di teoria dei campi finiti Cenni di teoria dei campi finiti Luca Giuzzi 31 ottobre 2011 In queste note vengono richiamati alcuni risultati di algebra relativi la teoria dei campi finiti. 1 Anelli Definizione 1. Un anello (R, +,

Dettagli

SCHEMI DI MATEMATICA

SCHEMI DI MATEMATICA SCHEMI DI MATEMATICA SCHEMA 1: somme algebriche tra numeri ( ci sono sia somme che sottrazioni) Obiettivo dello schema1: saper risolvere espressioni come : -3-6 Metodo: se il segno dei due numeri è uguale

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

LIMITI. 1. Definizione di limite.

LIMITI. 1. Definizione di limite. LIMITI 1. Definizione di limite. Sia A un sottoinsieme di IR; se il numero reale x 0 è di accumulazione per A in ogni intorno di x 0 si trovano elementi di A distinti da x 0. Allora ha senso chiedersi

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE. La «traduzione» del linguaggio comune in linguaggio matematico

IL CALCOLO LETTERALE. La «traduzione» del linguaggio comune in linguaggio matematico IL CALCOLO LETTERALE La «traduzione» del linguaggio comune in linguaggio matematico BREVE STORIA DELL ALGEBRA Dall algebra sincopata all algebra simbolica L algebra è una disciplina antichissima ma il

Dettagli

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti Limiti e continuità Teorema di unicità del ite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei iti 2 2006 Politecnico di Torino 1 Se f(x) =` ` è unico Per assurdo, siano ` 6= `0 con f(x)

Dettagli

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI Assumiamo come primitivo il concetto di insieme e quello di appartenenza di un elemento a un insieme. La notazione x A indica

Dettagli

Lezione 17 Ugo Vaccaro

Lezione 17 Ugo Vaccaro Teoria dell Informazione II Anno Accademico 2015 2016 Lezione 17 Ugo Vaccaro Nella Lezione scorsa abbiamo introdotto una classe di codici a correzione di errore (codici di Hamming) in grado di correggere

Dettagli

Elementi di teoria degli anelli

Elementi di teoria degli anelli MATeXp Teorie: algebra, topologia etc Capitolo T23: Elementi di teoria degli anelli Contenuti delle sezioni a. Anelli: definizioni e primi esempi p.1 b. Ideali p.6 T23:0.01 La nozione di anello, introdotta

Dettagli

1 Fattorizzazione di polinomi

1 Fattorizzazione di polinomi 1 Fattorizzazione di polinomi Polinomio: un polinomio di grado n nella variabile x, è dato da p(x) = a n x n + a n 1 x n 1 + + a 1 x + a 0 con a n 0, a 0 è detto termine noto, a k è detto coefficiente

Dettagli

Estensioni intere. 3. A[b] C, dove C B è un sottoanello che è un A-modulo finitamente generato

Estensioni intere. 3. A[b] C, dove C B è un sottoanello che è un A-modulo finitamente generato Estensioni intere 1 Estensioni Intere Il comportamento delle estensioni e delle contrazioni di ideali tramite omomorfismi di anelli è piuttosto caotico ed è difficile poter avere risultati a priori. Dei

Dettagli

1 (A,+) sia un gruppo abeliano, cioè soddisfi gli assiomi: x (y + z) = x y + x z (y + z) x = y x + z x

1 (A,+) sia un gruppo abeliano, cioè soddisfi gli assiomi: x (y + z) = x y + x z (y + z) x = y x + z x ANE ANELLI. Anelli In questa unità ci occupiamo di un particolare anelloide che prende il nome di anello. Si chiama anello ogni anelloide (A + ) tale che: (A+) sia un gruppo abeliano cioè soddisfi gli

Dettagli

Problemi sui polinomi

Problemi sui polinomi 3 Problemi sui polinomi 3.1 Esercizi proposti Esercizio 1 (Italian IMO Team Selection Test 2008). Sia n>1 un intero. Sia p(x) un polinomio a coe cienti interi di grado n. Sia A un insieme di n +1 interi

Dettagli

Esercizi sugli A-moduli liberi, sui gruppi abeliani finitamente generati e sulle forme canoniche degli endomorfismi degli spazi vettoriali

Esercizi sugli A-moduli liberi, sui gruppi abeliani finitamente generati e sulle forme canoniche degli endomorfismi degli spazi vettoriali Esercizi sugli A-moduli liberi, sui gruppi abeliani finitamente generati e sulle forme canoniche degli endomorfismi degli spazi vettoriali.) Siano A un anello commutativo con unità e L un A-modulo libero

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. Esercizi Esercizio 1. Sia V := R 3. Stabilire quale dei seguenti sottoinsiemi di V sono suoi sottospazi:

SPAZI VETTORIALI. Esercizi Esercizio 1. Sia V := R 3. Stabilire quale dei seguenti sottoinsiemi di V sono suoi sottospazi: SPAZI VETTORIALI Esercizi Esercizio. Sia V := R 3. Stabilire quale dei seguenti sottoinsiemi di V sono suoi sottospazi: V := { (a, a, a) V a R }, V 2 := { (a, b, a) V a, b R }, V 3 := { (a, 2a, a + b)

Dettagli

I monomi. ITIS Feltrinelli anno scolastico R. Folgieri

I monomi. ITIS Feltrinelli anno scolastico R. Folgieri I monomi ITIS Feltrinelli anno scolastico 2007-2008 R. Folgieri 2007-2008 1 I monomi Abbiamo usato spesso le lettere al posto dei numeri quando dovevamo enunciare delle proprietà o delle regole generali.

Dettagli

Geometria BIAR Esercizi 2

Geometria BIAR Esercizi 2 Geometria BIAR 0- Esercizi Esercizio. a Si consideri il generico vettore v b R c (a) Si trovi un vettore riga x (x, y, z) tale che x v a (b) Si trovi un vettore riga x (x, y, z) tale che x v kb (c) Si

Dettagli

Don Bosco, A.S. 2013/14 Compiti per le vacanze - 1C

Don Bosco, A.S. 2013/14 Compiti per le vacanze - 1C Don Bosco, A.S. 01/14 Compiti per le vacanze - 1C 1. Rappresenta per elencazione ciascuno dei seguenti insiemi: A { x x è una lettera della parola cattedra } B { x N x < 7 } C { x N x è pari x 10 } D {

Dettagli

ALGEBRA I FATTORIZZAZIONE

ALGEBRA I FATTORIZZAZIONE ALGEBRA I FATTORIZZAZIONE 1. DIVISIBILITÀ IN DOMINI A IDEALI PRINCIPALI 1.1. Ideali e divisibilità. Il nostro obiettivo è quello di preparare il terreno prima di affrontare la dimostrazione del Teorema

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Esercizi di Matematica II Francesco Bottacin A.A. 2002/03 Capitolo 1 Spazi Vettoriali 1. Richiami di teoria 1.1. Spazi vettoriali Sia C un campo fissato (usualmente C

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi x ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi x, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi

Dettagli

IV-2 Forme quadratiche

IV-2 Forme quadratiche 1 FORME QUADRATICHE 1 IV-2 Forme quadratiche Indice 1 Forme quadratiche 1 2 Segno di una forma quadratica 2 2.1 Il metodo dei minori principali........................................ 3 3 Soluzioni degli

Dettagli

Appunti sui campi finiti.

Appunti sui campi finiti. INDICE 1 Appunti sui campi finiti. Roberto Catenacci Versione del 23 Novembre 2011 Nelle note sugli anelli abbiamo visto che per ogni primo p l anello Z p è un campo finito, esistono quindi campi finiti

Dettagli

1 Forme quadratiche 1. 2 Segno di una forma quadratica Il metodo dei minori principali Soluzioni degli esercizi 7.

1 Forme quadratiche 1. 2 Segno di una forma quadratica Il metodo dei minori principali Soluzioni degli esercizi 7. 1 FORME QUADRATICHE 1 Forme quadratiche Indice 1 Forme quadratiche 1 2 Segno di una forma quadratica 2 2.1 Il metodo dei minori principali........................................ 3 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

Esercizi di GEOMETRIA e ALGEBRA LINEARE (Ingegneria Ambientale e Civile - Curriculum Ambientale)

Esercizi di GEOMETRIA e ALGEBRA LINEARE (Ingegneria Ambientale e Civile - Curriculum Ambientale) Esercizi di GEOMETRIA e ALGEBRA LINEARE (Ingegneria Ambientale e Civile - Curriculum Ambientale). Tra le seguenti matrici, eseguire tutti i prodotti possibili: 2 ( ) A = 0 3 4 B = C = 2 2 0 0 2 D = ( 0

Dettagli

ELEMENTI di TEORIA degli INSIEMI

ELEMENTI di TEORIA degli INSIEMI ELEMENTI di TEORI degli INSIEMI & 1. Nozioni fondamentali. ssumeremo come primitivi il concetto di insieme e di elementi di un insieme. Nel seguito gli insiemi saranno indicati con lettere maiuscole (,,C,...)

Dettagli

1.5 DIVISIONE TRA DUE POLINOMI

1.5 DIVISIONE TRA DUE POLINOMI Matematica C Algebra. Le basi del calcolo letterale.5 Divisione tra due polinomi..5 DIVISIONE TRA DUE POLINOMI Introduzione Ricordiamo la divisione tra due numeri, per esempio 47:4. Si tratta di trovare

Dettagli

DAI NUMERI NATURALI AI NUMERI RAZIONALI

DAI NUMERI NATURALI AI NUMERI RAZIONALI DAI NUMERI NATURALI AI NUMERI RAZIONALI 1. L insieme dei numeri naturali Nel sistema assiomatico ZF, l Assioma dell infinito stabilisce che: Esiste un insieme A, i cui elementi sono insiemi e tale che

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. I parte: 6 crediti. Una introduzione alla Teoria di Galois

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. I parte: 6 crediti. Una introduzione alla Teoria di Galois UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali ISTITUZIONI DI ALGEBRA SUPERIORE I parte: 6 crediti Una introduzione alla Teoria di Galois M. Chiara Tamburini Bellani

Dettagli

04 - Logica delle dimostrazioni

04 - Logica delle dimostrazioni Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 04 - Logica delle dimostrazioni Anno Accademico 013/014 D. Provenzano,

Dettagli

1 Prodotti e potenze notevoli 1. 2 Divisione tra polinomi 2 2.1 Regola di Ruffini... 4. 3 Fattorizzazione di un polinomio 5. 4 Teorema di Ruffini 8

1 Prodotti e potenze notevoli 1. 2 Divisione tra polinomi 2 2.1 Regola di Ruffini... 4. 3 Fattorizzazione di un polinomio 5. 4 Teorema di Ruffini 8 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Polinomi Indice 1 Prodotti e potenze notevoli 1 2 Divisione tra polinomi 2 2.1 Regola di Ruffini................................................

Dettagli

Precorso di Matematica

Precorso di Matematica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA Precorso di Matematica Anna Scaramuzza Anno Accademico 2005-2006 4-10 Ottobre 2005 INDICE 1. ALGEBRA................................. 3 1.1 Equazioni

Dettagli

1. riconoscere la risolubilità di equazioni e disequazioni in casi particolari

1. riconoscere la risolubilità di equazioni e disequazioni in casi particolari Secondo modulo: Algebra Obiettivi 1. riconoscere la risolubilità di equazioni e disequazioni in casi particolari 2. risolvere equazioni intere e frazionarie di primo grado, secondo grado, grado superiore

Dettagli

Cenni di logica matematica e di teoria degli insiemi. CORSI INTRODUTTIVI Dipartimento di Ingegneria di Perugia a.a. 2016/2017 Paola Rubbioni

Cenni di logica matematica e di teoria degli insiemi. CORSI INTRODUTTIVI Dipartimento di Ingegneria di Perugia a.a. 2016/2017 Paola Rubbioni Cenni di logica matematica e di teoria degli insiemi CORSI INTRODUTTIVI Dipartimento di Ingegneria di Perugia a.a. 2016/2017 Paola Rubbioni 1 1 Logica matematica Corsi Introduttivi - a.a. 2016/2017 2 Serve

Dettagli

Massimo comun divisore

Massimo comun divisore Massimo comun divisore Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. In matematica, il massimo comun divisore (M.C.D.) di due numeri interi, che non siano entrambi uguali a zero, è il numero naturale più grande

Dettagli

Indice. 1 Cenni di logica. 2 Elementi di teoria degli insiemi. 3 Relazioni e funzioni. 4 Strutture algebriche

Indice. 1 Cenni di logica. 2 Elementi di teoria degli insiemi. 3 Relazioni e funzioni. 4 Strutture algebriche Indice 1 Cenni di logica 2 Elementi di teoria degli insiemi 3 Relazioni e funzioni 4 Strutture algebriche Silvia Pianta - Laura Montagnoli Geometria I - Prerequisiti - UCSC A.A. 2015/2016 1 / 36 1. Cenni

Dettagli

Funzioni Pari e Dispari

Funzioni Pari e Dispari Una funzione f : R R si dice Funzioni Pari e Dispari PARI: se f( ) = f() R In questo caso il grafico della funzione è simmetrico rispetto all asse DISPARI: se f( ) = f() R In questo caso il grafico della

Dettagli

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI 1. CLASSI DI RESTO E DIVISIBILITÀ In questa parte sarò asciuttissimo, e scriverò solo le cose essenziali. I commenti avete potuto ascoltarli a lezione.

Dettagli

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ.

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ. ESERCIZI SVOLTI DI ALGEBRA LINEARE (Sono svolti alcune degli esercizi proposti nei fogli di esercizi su vettori linearmente dipendenti e vettori linearmente indipendenti e su sistemi lineari ) I. Foglio

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2010/11 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2010/11 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2010/11 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. mercoledí 15 settembre 2010 (2 ore) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero

Dettagli

Calcolo algebrico e polinomi 1 / 48

Calcolo algebrico e polinomi 1 / 48 Calcolo algebrico e polinomi 1 / 48 2 / 48 Introduzione In questa lezione esporremo i principali concetti relativi al calcolo algebrico elementare e ai polinomi. In particolare, illustreremo: Prodotti

Dettagli

PON Liceo Scientifico Leonardo da Vinci Vallo della Lucania Nuovi percorsi matematici: Osservare, descrivere, costruire.

PON Liceo Scientifico Leonardo da Vinci Vallo della Lucania Nuovi percorsi matematici: Osservare, descrivere, costruire. PON 2007 2013 Liceo Scientifico Leonardo da Vinci Vallo della Lucania Nuovi percorsi matematici: Osservare, descrivere, costruire. Derive - 2 ESPRESSIONI E POLINOMI Vallo della Lucania 26 settembre 2008

Dettagli

Esercizi su algebra lineare, fattorizzazione LU e risoluzione di sistemi lineari

Esercizi su algebra lineare, fattorizzazione LU e risoluzione di sistemi lineari Esercizi su algebra lineare, fattorizzazione LU e risoluzione di sistemi lineari 4 maggio Nota: gli esercizi più impegnativi sono contrassegnati dal simbolo ( ) Esercizio Siano 3 6 8 6 4 3 3 ) determinare

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Test di autovalutazione

NUMERI COMPLESSI. Test di autovalutazione NUMERI COMPLESSI Test di autovalutazione 1. Se due numeri complessi z 1 e z 2 sono rappresentati nel piano di Gauss da due punti simmetrici rispetto all origine: (a) sono le radici quadrate di uno stesso

Dettagli

Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni

Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni ARITMETICA 1. Scomporre in fattori primi 2500 e 5600. Soluzione: Osserviamo che entrambi i numeri sono multipli di 100 = 2 2 5

Dettagli

1.4 PRODOTTI NOTEVOLI

1.4 PRODOTTI NOTEVOLI Matematica C Algebra. Le basi del calcolo letterale.4 Prodotti notevoli.4 PRODOTTI NOTEVOLI Il prodotto fra due polinomi si calcola moltiplicando ciascun termine del primo polinomio per ciascun termine

Dettagli

MONOMI. Donatella Candelo 13/11/2004 1

MONOMI. Donatella Candelo 13/11/2004 1 Donatella Candelo 1/11/00 1 MONOMI Un monomio è una qualunque espressione algebrica intera data dal prodotto di fattori qualsiasi, numerici o letterali. Praticamente in ogni monomio si può distinguere

Dettagli

1.2 MONOMI E OPERAZIONI CON I MONOMI

1.2 MONOMI E OPERAZIONI CON I MONOMI Matematica C Algebra. Le basi del calcolo letterale. Monomi e operazioni con i monomi. MONOMI E OPERAZIONI CON I MONOMI... L insieme dei monomi D ora in poi quando scriveremo un espressione letterale in

Dettagli

1 + x2 Metodi di calcolo di un integrale Indefinito

1 + x2 Metodi di calcolo di un integrale Indefinito Integrali Integrali Indefiniti L operazione di integrale indefinito è l operazione inversa rispetto alla derivata, infatti consiste, partendo da una funzione f(x), di trovare l insieme delle funzioni F(x)

Dettagli