PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012)"

Transcript

1 PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012) ATTUAZIONE DELLE MISURE DI SECURITY NEL PORTO DI ANCONA

2 La misure di security intese come le attività preventive e protettive dalle minacce di azioni illecite intenzionali, dirette a tutelare le navi che effettuano traffici internazionali e gli impianti portuali in cui avvengono le operazioni di interfaccia nave/porto, sono attuate nel porto di Ancona in conformità al: Codice ISPS (International Ship and Port Facility Security Code) adottato dall IMO ( International Maritime Organization) per la sicurezza delle navi e degli impianti portuali; Il Regolamento CE 725/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 31/3/2004; Il Programma Nazionale di Sicurezza Marittima contro eventuali azioni illecite intenzionali (PNSM) emanato dal Comitato Interministeriale per la sicurezza dei trasporti Marittimi e dei porti (C.I.S.M.) nel giugno 2007; Il D.lgs , n 203 Attuazione della Direttiva 2005/65/CE relativa al miglioramento della sicurezza dei porti

3 In attuazione delle predette normative sono stati elaborati dall Autorita Portuale di Ancona : I Piani di valutazione dei rischi di security (PORT FACILITY SECURITY ASSESSMENT) degli ambiti portuali in cui è stata suddiviso il porto di Ancona (Facility 2A - 2B 2C nel Porto storico e Facility 3A- 3B-3C - Nuova Darsena); I Piani di sicurezza (PORT FACILITY SECURITY PLANE) facilities sopraindicate ; per le Ottenuta l approvazione dei suddetti Piani da parte del Capo del Compartimento Marittimo di Ancona, si è provveduto: Alla realizzazione dei sistemi e delle infrastrutture per la security portuale (recinzioni, impianti TVCC, controllo accessi, etc.); Alla nomina dei responsabili dell attuazione delle misure di security (PORT FACILITY SECURITY OFFICER) da parte della Autorità Portuale per le Facilities 2 A-B e delle Imprese portuali per le Facilities 3A-3B-3C e 2C, interessate da traffici merci.

4 Il porto di Ancona nel corso del 2011 è stato interessato dall approdo di circa navi, per una movimentazione totale di merci di circa 8.4 milioni di tonnellate (containers, carbone, cerali, cemento, prodotti petroliferi, merci su Tir e trailers) ed il transito di oltre 1,5 milioni di passeggeri e TIR su navi RO-PAX

5 Per l attuazione delle misure di security il Porto di Ancona è stato suddiviso come segue : PORTO STORICO Facility 2 zona A - Dalla banchina 17 alla banchina 13 - La Facility comprende le banchine destinate alla movimentazione passeggeri ed il terminal crociere presso la banchina nr.15. Facility 2 zona B - Dalla banchina 12 alla banchina 8 - La Facility comprende le banchine destinate alla movimentazione passeggeri per destinazione extra Schengen e parte l edificio della Stazione Marittima. Facility 2C Coincide con le aree portuali denominate Molo Clementino e Molo L.Rizzo, comprende le banchine dalla nr.1 alla banchina nr. 4, interessate da movimentazione delle merci, sosta trailer ed ormeggio unità servizi tecnici portuali.

6 NUOVA DARSENA Facility 3A riferita agli impianti portuali della banchina nr.20 interessata dall ormeggio di navi che effettuano lo sbarco /imbarco di cereali presso gli impianti dell Impresa SILOS GRANARI DI SICILIA. Facility 3B riferita alle banchine nn. 21, 22 e 24, normalmente utilizzate dalle Imprese portuali che devono operare lo sbarco / imbarco di merci utilizzando attrezzature di bordo e dalle navi che trasportano granaglie destinate agli impianti della Impresa SAI; Facility 3C riferita al terminal contenitori sulla banchina nr. 23 ed il terminal sulla banchina nr. 25 per lo sbarco del carbone e delle merci varie; Aree connesse le aree ricomprese tra le delimitazioni delle facilities ed il restante limite fisico che individua il confine demaniale e doganale del porto di Ancona

7

8 LE MISURE DI SECURITY SONO ATTUARE IN BASE A TRE LIVELLI DI RISCHIO LIVELLO DI SICUREZZA 1 : è il livello relativo alle condizioni di normale operatività del porto per le quali sono mantenute continuamente appropriate misure di sicurezza; LIVELLO DI SICUREZZA 2 : è il livello per il quale sono previste misure di sicurezza aggiuntive da mantenere per un periodo limitato di tempo in seguito ad un aumento di rischio di incidente LIVELLO DI SICUREZZA 3 : è il livello per il quale vengono attuate tutte le misure di sicurezza possibili per il perdurare della possibilità di un incidente imminente o a fronte di un evento in atto.

9 REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCESSI : Al fine di soddisfare le raccomandazioni espresse nel ISPS Code, le facilities sono state delimitate con recinzioni perimetrali costituite da barriere tipo new jersey con sovrastante struttura metallica secondo lo standard doganale. Possono accedere alle facilities esclusivamente gli operatori autorizzati, i passeggeri in possesso della carta di imbarco per la data e per la nave in prevista partenza, gli automezzi che trasportano le merci destinate all imbarco, i TIR e trailer che si devono imbarcare sulle navi RO/PAX, i visitatori ed i prestatori d opera preventivamente autorizzati dalla Autorità Portuale. Si accede alle facilities attraverso i varchi carrabili con barriere stradali presidiati da guardie giurate appartenenti ad Istituti di vigilanza in possesso delle autorizzazioni prefettizie per lo svolgimento di servizi di security portuale, dalla Guardia di Finanza (Facility 3) e dalla Polizia di Frontiera ( Facility 2B).

10 VARCO DI ACCESSO FACILITY 2 ZONA B

11 VARCO DI USCITA FACILITY 2 ZONA B

12 VARCO PRINCIPALE FACILITY 2 ZONA A

13 VARCO PRINCIPALE FACILITY 3 NUOVA DARSENA

14 REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCESSI I predetti varchi sono dotati di sistema di controllo automatico degli accessi con comando di apertura delle sbarre basato su lettore di badge e/o attraverso la lettura della targa anteriore dell automezzo; il passaggio viene registrato e memorizzato dal sistema, consentendo all operatore di visualizzare in tempo reale i dati relativi alla persona in ingresso, o di controllare attraverso report gli elenchi dei transiti.

15 REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCESSI I varchi per l accesso delle persone a piedi, ubicati presso il molo S.Maria, sono attrezzati con apparati radiogeni di controllo dei bagagli a mano e portali metal detector; si effettuano controlli a campione come previsto nel PNSM.

16 REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCESSI I croceristi che si imbarcano e quelli che effettuano escursioni presso il porto di Ancona vengono controllati mediante analoghe apparecchiature presso il terminal crociere della banchina nr.15 ( nr. 3 apparati radiogeni per bagagli e nr. 2 portali metal detector).

17 REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCESSI Lungo le delimitazioni perimetrali della facilities sono stati previsti dei cancelli aventi la funzione di uscite di emergenza, da aprirsi in caso eccezionale per il deflusso degli automezzi sbarcati in caso di congestione e di intasamento della viabilità nella facility, nonché per il transito di convogli ferroviari.

18 MONITORAGGIO DELLE FACILITIES Le aree di ormeggio, i piazzali di attesa di imbarco e/o di deposito delle merci, i punti di transito degli automezzi e delle persone a piedi sono mantenuti sotto controllo mediante un impianto di videosorveglianza. La sala operativa presidiata H24 da addetto al controllo delle predette immagini è ubicata presso la sede della Guardia Costiera; le medesime immagini sono inoltre visualizzate presso la sala di controllo della Autorità Portuale nonché disponibili su postazioni P.C. in funzione presso la Polizia di Frontiera e la Guardia di Finanza. Le immagini prodotte vengono registrate e mantenute disponibili per controlli per un periodo massimo di nr. 7 gg. in osservanza delle norme nazionali in materia di privacy.

19

20 E inoltre operativo un sistema di controllo di pannelli a messaggio variabile per la visualizzazione delle informazioni utili ai passeggeri degli ormeggi e degli orari di partenza delle navi traghetto, ubicati presso la nuova biglietteria e presso la viabilità di accesso al porto storico.

21 ATTIVITA DI SECURITY Per quanto concerne le attività di security associate alle merci, gli Agenti per la sicurezza (PFSO) delle Imprese portuali devono garantire i seguenti adempimenti in occasione di ogni approdo e durante lo svolgimento delle operazioni di sbarco /imbarco merci: Svolgere un'ispezione iniziale dell area da porre in sicurezza e dei mezzi operativi prima dell inizio di ogni operazione giornaliera, verificando l assenza di oggetti, materiali, automezzi estranei ; Verificare gli automezzi ed identificare gli autisti impegnati nelle attività operative in corso, anche a mezzo di tesserini di identificazione con foto o del badge con foto rilasciati dalla Autorità Portuale. Impedire ad estranei di entrare nell area in sicurezza e di avvicinarsi alla nave. Limitare l accesso all area in sicurezza agli autoveicoli impedendo l accesso alle autovetture private degli operatori che dovranno trovare parcheggio altrove; ( segue )

22 ATTIVITA DI SECURITY Su richiesta, assistere gli addetti alla sicurezza delle navi nella verifica dell'identità di coloro che intendono essere ammessi a bordo; Effettuare regolari ispezioni di sicurezza del carico e delle merci fisicamente controllabili; Verificare l integrità dei sigilli e delle unità di carico bloccando l imbarco di merci che recano segni di manomissione; Allertare le Forze di Polizia operanti in porto in caso di atti illeciti presso l impianto portuale ; Adoperarsi per l attuazione delle procedure di evacuazione dell impianto portuale in caso di emergenza.

23 ATTIVITA DI SECURITY Le merci ed i materiali temporaneamente stoccati nella facility in attesa di partenza, devono essere controllati prima di procedere all'imbarco; per i contenitori va verificata l'integrità dei sigilli doganali. Per tutti i tipi di merce che non consentono una ispezione e/o controllo fisico dettagliato quali le merci alla rinfusa, si procede con i controlli di rispondenza sulla quantità e qualità secondo quanto contenuto nelle polizze di carico e mediante rivelatori di tracce di radioattività nei casi previsti dalle vigenti normative doganali. Le agenzie che si occupano dell'approvvigionamento delle provviste alle navi devono preventivamente trasmettere alla Autorità Portuale la lista dei materiali che transiterà presso i varchi, ed ottenere il consenso all accesso mediante apposizione di visto sulla predetta lista. Per le ispezioni radioscopiche del contenuto dei contenitori si fa riferimento alle attività svolte dall Ufficio delle Dogane di Ancona con l utilizzo dello scanner in dotazione.

24

25 GESTIONE DELLE EMERGENZE In risposta alle minacce o alla relativa concretizzazione nei Piani di sicurezza sono definite le procedure di emergenza con l elenco delle azioni che lo staff di security deve intraprendere coinvolgendo le Forze di Polizia e le altre Amministrazioni competenti in materia di pubblico soccorso. Dette misure prevedono sostanzialmente le seguenti operazioni: Diramare l allarme alla sala operativa della Guardia Costiera ed ai servizi di pubblico soccorso; Informare il PFSO ed i comandi delle navi ormeggiate; Attuare la restrizione momentanea degli accessi alla facility oggetto dell emergenza; Attuare la messa in sicurezza delle persone presenti nella facility e/o l eventuale loro evacuazione dell area.

26 GESTIONE DEI DOCUMENTI ADDESTRAMENTO E FORMAZIONE I Piani di sicurezza sono documenti riservati, prodotto in copie numerate distribuite ai soli soggetti autorizzati; e vietata la loro divulgazione al di fuori delle organizzazioni di sicurezza della facility. Le copie master, in forma cartacea e su CD-ROM, devono essere conservate in un armadio di sicurezza; l accesso alle informazioni riservate può essere concessa anche in forma temporanea a personale estraneo alla organizzazione di security nei casi quali quelli resi necessari da interventi di manutenzione delle infrastrutture/ impianti. Le infrazioni ed incidenti di security devono essere oggetto di rapporti contenenti le seguenti informazioni: Tipologia di incidente; Descrizione dell'accaduto; Tipologia del danno e/o della violazione; Identificazione del PFSO e delle autorità intervenute Proposte di contromisure volte al prevenire del ripetersi dell'incidente

27 GESTIONE DEI DOCUMENTI ADDESTRAMENTO E FORMAZIONE Il PNSM prevede l esecuzione di esercitazioni trimestrali da parte dello staff di security finalizzata alla verifica del corretto svolgimento delle procedure di security, ed una esercitazione annuale organizzata dalla Capitaneria di Porto in coordinamento con le altre Forze di polizia ed autorità, con il coinvolgimento dei PFSO, dei SSO di una o più navi. L'esercitazione deve mettere alla prova le comunicazioni, il coordinamento, la disponibilità di risorse e le reazioni degli addetti. A cadenza annuale i PFSO devono effettuare un completo ciclo di verifiche di riscontro dell attuazione delle procedure di security svolte in conformità dei vigenti Piani di sicurezza, utilizzando la check list prevista dalla circolare IMO MSC/CIRC.1192 del

28 GRAZIE PER L ATTENZIONE

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

Venezia Terminal Passeggeri S.p.A. V.T.P. Tariffa Generale 2013 Edizione 0.2 2. NAVI DA CROCIERA

Venezia Terminal Passeggeri S.p.A. V.T.P. Tariffa Generale 2013 Edizione 0.2 2. NAVI DA CROCIERA 2. NAVI DA CROCIERA ANNO 2013 2.1 VIGILANZA ED ASSISTENZA ALLE NAVI PASSEGGERI Le seguenti tariffe sono valide per ciascuna nave passeggeri che prenda ormeggio alle banchine portuali gestite dalla Società

Dettagli

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA Le norme ed i comportamenti da seguire nelle aree date in concessione alla società Stazioni Marittime s.p.a. L accesso alle aree date in concessione

Dettagli

MinisterodelleI nfrastruttureedei Trasporti Capitaneria di Portodi Napoli

MinisterodelleI nfrastruttureedei Trasporti Capitaneria di Portodi Napoli Ordinanza CP n. 124 /2004 Ordinanza AP n. 23/2004 Il Presidente dell'autorità Portuale di Napoli e il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Napoli 9LVWR la legge 28.1.1994 n. 84 e il

Dettagli

ISPS CODE. International ship and Port Facility Security Code. 04 maggio 2006 TV (CP) E. PIERAMI TV (CP) E. PIERAMI 1

ISPS CODE. International ship and Port Facility Security Code. 04 maggio 2006 TV (CP) E. PIERAMI TV (CP) E. PIERAMI 1 ISPS CODE International ship and Port Facility Security Code 04 maggio 2006 TV (CP) E. PIERAMI TV (CP) E. PIERAMI 1 SICUREZZA: SAFETY SECURITY Maritime security: combinazione di misure e risorse umane

Dettagli

Ref. T2-MSS/2.11.1 MSC.1/Circ 1192 30 maggio 2006 GUIDA ALL AUTO-VALUTAZIONE VOLONTARIA DA PARTE DEI GOVERNI CONTRAENTI E DEI PORT FACILITY

Ref. T2-MSS/2.11.1 MSC.1/Circ 1192 30 maggio 2006 GUIDA ALL AUTO-VALUTAZIONE VOLONTARIA DA PARTE DEI GOVERNI CONTRAENTI E DEI PORT FACILITY Ref. T2-MSS/2.11.1 MSC.1/Circ 1192 30 maggio 2006 GUIDA ALL AUTO-VALUTAZIONE VOLONTARIA DA PARTE DEI GOVERNI CONTRAENTI E DEI PORT FACILITY 1. Il Comitato per la Sicurezza Marittima (il Comitato), durante

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI GRADO ORDINANZA N 22/2004 Il sottoscritto Capo del Circondario Marittimo di Grado, VISTE: VISTA: VISTA: il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Accesso, circolazione e sosta in porto dei veicoli e dei

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI. Gestione sicurezza di una nave (Ship Security Management)

I NOSTRI SERVIZI. Gestione sicurezza di una nave (Ship Security Management) L AGENZIA SEAWAYS RISK SOLUTIONS è una agenzia operante nel campo della security in grado di fornire consulenze e servizi altamente professionali rivolti allo sviluppo e mantenimento dei più alti standard

Dettagli

ISPS. Premessa. Premessa. dott. Massimo Vascotto massimo.vascotto@istruzione.it

ISPS. Premessa. Premessa. dott. Massimo Vascotto massimo.vascotto@istruzione.it ISPS dott. Massimo Vascotto massimo.vascotto@istruzione.it Premessa Fonte: http://www.newapocalypse.altervista.org/foto11settembre/twin_towers_explode.jpg Premessa Fonte: http://polluxe.free.fr/images/11septb.jpg

Dettagli

Ministero dei Trasporti Capitaneria di Porto di Napoli

Ministero dei Trasporti Capitaneria di Porto di Napoli Ordinanza CP n. 115 /2007 Ordinanza AP n. 17/2007 Il Presidente dell'autorità Portuale di Napoli e il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Napoli VISTI VISTO la legge 28/1/1994, n.

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE O R D I N A N Z A N. 196 / 2004 Il Capo del Circondario Marittimo di Santa Margherita Ligure; VISTA

Dettagli

Venice Port Authority. Porto di Venezia

Venice Port Authority. Porto di Venezia Porto di Venezia Localizzazione e aree di riferimento: Il valore socio economico: 1. Addetti Impiegati presso l Autorità Portuale 96 Addetti diretti presso aziende portuali e terminals 5.247 Addetti indotto

Dettagli

STAZIONI MARITTIME S.P.A. TRAFFICO NAVI DA CROCIERA PREZZI APPLICATI PER L ANNO 2016

STAZIONI MARITTIME S.P.A. TRAFFICO NAVI DA CROCIERA PREZZI APPLICATI PER L ANNO 2016 STAZIONI MARITTIME S.P.A. TRAFFICO NAVI DA CROCIERA PREZZI APPLICATI PER L ANNO 2016 1 PREMESSA I prezzi applicati per l anno 2016 da Stazioni Marittime S.p.A. alle Compagnie Armatrici o Agenzie Marittime

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO ORDINANZA N. 42/2009 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Gioia Tauro: VISTO: il D.P.R. 06 giugno

Dettagli

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica a.a. 2008-2009 GLI AEROPORTI GLI AEROPORTI parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA E DI ATTUAZIONE DELLE MISURE DI SECURITY DEL PORTO DI ANCONA. Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA E DI ATTUAZIONE DELLE MISURE DI SECURITY DEL PORTO DI ANCONA. Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO SPECIALE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA E DI ATTUAZIONE DELLE MISURE DI SECURITY DEL PORTO DI ANCONA Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO Servizio di vigilanza per l attuazione delle misure di

Dettagli

Sommario Allegato A - Caratteristica home port del Porto di Venezia

Sommario Allegato A - Caratteristica home port del Porto di Venezia Sommario Allegato A - Caratteristica home port del Porto di Venezia 1. INTRODUZIONE... 1 2. LA LOCALIZZAZIONE: COLLEGAMENTI STRADALI, AEROPORTUALI E FERROVIARI... 3 3. STRUTTURA DI UN TERMINAL CROCIERE

Dettagli

TSecNet. Tecnology Security Networking. Soluzioni per la security

TSecNet. Tecnology Security Networking. Soluzioni per la security TSecNet Tecnology Security Networking Soluzioni per la security www.tsecnet.com info@tsecnet.com Definizioni Security Gestione della sicurezza e protezione delle aree sensibili ed a rischio. Tipicamente

Dettagli

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Convegno LA SICUREZZA NEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Intervento Francesco Carpinteri Capo Ufficio Sicurezza della Navigazione Comando Generale del Corpo della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

WP7.2 Verifica dello stato di attuazione e armonizzazione dei piani di safety per le modalità di trasporto di sostanze pericolose

WP7.2 Verifica dello stato di attuazione e armonizzazione dei piani di safety per le modalità di trasporto di sostanze pericolose WP7.2 Verifica dello stato di attuazione e armonizzazione dei piani di safety per le modalità di trasporto di Partner responsabile del deliverable: Documento di sintesi Versione: documento_sintesi_wp7.2_14112013

Dettagli

AP AUTORITA' PORTUALE DI ANCONA ORDINANZA N 6 /2016

AP AUTORITA' PORTUALE DI ANCONA ORDINANZA N 6 /2016 I. I AP AUTORITA' PORTUALE DI ANCONA ORDINANZA N 6 /2016 Il Presidente dell' Autorità Portuale di Ancona );> CONSIDERATO che a partire dal 1 luglio 2004 è entrata in vigore la normativa internazionale

Dettagli

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE REV. 0 PAG. 1/11 MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE INDICE 9.0 SCOPO... 3 9.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 9.2 RIFERIMENTI... 5 9.3 ACCESSO DELLE PEONE... 6 9.4 Generalità... 6

Dettagli

AUTORITÀ PORTUALE DI RAVENNA ORDINANZA N. 3/2013 DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER ACCEDERE AGLI IMPIANTI PORTUALI

AUTORITÀ PORTUALE DI RAVENNA ORDINANZA N. 3/2013 DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER ACCEDERE AGLI IMPIANTI PORTUALI AUTORITÀ PORTUALE DI RAVENNA ORDINANZA N. 3/2013 DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER ACCEDERE AGLI IMPIANTI PORTUALI DEL PORTO DI RAVENNA (AI SENSI DEL D.M. 20.06.2007, n. 83/T)

Dettagli

COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 27/D INTEGRAZIONE DELL'ORDINANZA SINDACALE N. 40/D DEL 18 GIUGNO 1994 AI FINI DELL'ATTUAZIONE DEL SISTEMA "TELEPASS" PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANT ANTIOCO

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANT ANTIOCO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANT ANTIOCO ORDINANZA n 06/2016 (Disciplina dell accesso e della circolazione in ambito portuale) Il sottoscritto Tenente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Affidamento del servizio di vigilanza e controllo delle aree portuali. CIG 348456954D

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Affidamento del servizio di vigilanza e controllo delle aree portuali. CIG 348456954D CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento del servizio di vigilanza e controllo delle aree portuali. CIG 348456954D Art. 1 - Definizione degli impianti portuali Preliminarmente, si ritiene utile rappresentare

Dettagli

il 90% dei commerci esterni alla CE; il 40% dei commerci interni alla UE.

il 90% dei commerci esterni alla CE; il 40% dei commerci interni alla UE. GESTIONE SECURITY PORTUALE PREMESSA SCENARIO DI RIFERIMENTO I porti, spesso situati in prossimità di città, assumono un ruolo vitale nel sistema logistico di trasporto, in quanto consentono il collegamento

Dettagli

il 90% dei commerci esterni alla CE; il 40% dei commerci interni alla UE.

il 90% dei commerci esterni alla CE; il 40% dei commerci interni alla UE. GESTIONE SECURITY PORTUALE PREMESSA SCENARIO DI RIFERIMENTO I porti, spesso situati in prossimità di città, assumono un ruolo vitale nel sistema logistico di trasporto, in quanto consentono il collegamento

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile

Ente Nazionale per l'aviazione Civile Ente Nazionale per l'aviazione Civile CIRCOLARE SERIE SECURITY Data 7/10/2004 SEC-02 * Oggetto: Affidamento dei servizi di controllo di sicurezza esistenti nell ambito aeroportuale. Procedure operative

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera consiglio comunale n. 175 del 22/11/2006 Modificato con delibera consiglio comunale n. 36 DEL 14/03/2013

Dettagli

Security DEFINIZIONI 2.1 Ai fini della presente parte, salvo espressa disposizione contraria:.1: Per convenzione si intende la convenzione

Security DEFINIZIONI 2.1 Ai fini della presente parte, salvo espressa disposizione contraria:.1: Per convenzione si intende la convenzione Security Gli obiettivi del Codice sono:.1 a stabilire un quadro internazionale di cooperazione tra i contraenti: I governi, agenzie governative, amministrazioni locali e imprenditoria marittima e industrie

Dettagli

Realizzazione di un sistema telematico sperimentale per l accesso ed il monitoraggio dei veicoli merci - Trasporti Ro-Ro - nel porto d Catania

Realizzazione di un sistema telematico sperimentale per l accesso ed il monitoraggio dei veicoli merci - Trasporti Ro-Ro - nel porto d Catania Realizzazione di un sistema telematico sperimentale per l accesso ed il monitoraggio dei veicoli merci - Trasporti Ro-Ro - nel porto d Catania RELAZIONE GENERALE Tecnico Progettista Incaricato Studio Tecnico

Dettagli

PMIS Port Management Information System

PMIS Port Management Information System PMIS Port Management Information System Architettura VTSL 2 Il sistema VTS Nella maggior parte delle installazioni il VTS è limitato ad un area portuale o ad una ben definita area di transito Il VTS italiano

Dettagli

COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA

COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA Esigenza Con riferimento al Decreto Ministeriale 290 dell 1 dicembre 2010, fanno parte dei servizi svolti dagli Istituti di Vigilanza le seguenti attività: servizio

Dettagli

Rif. CIG 11044973C1 CAPITOLATO TECNICO

Rif. CIG 11044973C1 CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DELL ART. 20 DEL D.LGS. 163/2006 PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA PRESSO LA SEDE CONSOB DI MILANO SITA IN VIA BROLETTO 7 Rif. CIG 11044973C1 CAPITOLATO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Sondrio Città Alpina dell anno 2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato dal Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio comunale con deliberazione

Dettagli

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 0,1,67(52'(//('(,7563257, &3,71(5,',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 9,672 il Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2005 n.134 Regolamento recante disciplina per le navi mercantili dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO

REGOLAMENTO DI UTILIZZO REGOLAMENTO DI UTILIZZO IN VIGORE DAL 01 LUGLIO 2010 APPROVATO DA: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure SEZIONE TECNICA ORDINANZA N

Dettagli

PORT AUTHORITY SECURITY

PORT AUTHORITY SECURITY CARTA DEI SERVIZI PORTO DI CIVITAVECCHIA 1 INDICE 1. Premessa 2. Chi siamo 3. Principi generali 4. Applicazioni normative 5. I nostri standard di qualità 6. Servizi e Tariffe 7. Contatti e gestione reclami

Dettagli

Allegato 2 BIS CAPITOLATO TECNICO

Allegato 2 BIS CAPITOLATO TECNICO Allegato 2 BIS CAPITOLATO TECNICO Modalità e condizioni di esecuzione dei servizi di vigilanza, portierato/reception e trasporto valori presso l Ufficio Provinciale ACI sito in via Cina, n.413 - Roma a)

Dettagli

L innovazione tecnologica dei processi portuali: le soluzioni ICT al servizio della Port Community

L innovazione tecnologica dei processi portuali: le soluzioni ICT al servizio della Port Community L innovazione tecnologica dei processi portuali: le soluzioni ICT al servizio della Port Community I NUOVI SERVIZI DEL PORTO DI VENEZIA Palazzo Giacomelli Treviso, Piazza Garibaldi n. 13 Lunedì 14 febbraio

Dettagli

TARIFFA GENERALE 2014

TARIFFA GENERALE 2014 TARIFFA GENERALE 214 Validità dal 1.1.214 TARIFFA GENERALE 214 INDICE Art. Pag. 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1 1.1 DEFINIZIONI 3 1.2 NORME GENERALI 3 1.3 PROGRAMMA E REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCOSTI 4 1.4 REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ex art. 6, comma 1, lett. a) e art. 8, comma 3, lett. f) e h) della Legge 84/1994 - Articolo 68 del Codice della Navigazione.

AUTORIZZAZIONE ex art. 6, comma 1, lett. a) e art. 8, comma 3, lett. f) e h) della Legge 84/1994 - Articolo 68 del Codice della Navigazione. Aut orit à Port ua le www.autoritaportualecarrara.it demanio@autoritaportualecarrara.it d.piconcelli@autoritaportualecarrara.it pec@pec.autoritaportualecarrara.it AUTORITA' PORTUALE Marina di Carrara Ente

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA. ALLEGATO 2: Disposizioni per l approvazione del regolamento di servizio.

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA. ALLEGATO 2: Disposizioni per l approvazione del regolamento di servizio. ALLEGATO 2: Disposizioni per l approvazione del regolamento di servizio. Di seguito si riportano disposizioni generali riguardanti l organizzazione dei servizi e l impiego delle guardie giurate nei servizi

Dettagli

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia. Autorità Portuale di Venezia - Direzione Pianificazione Strategica e Sviluppo

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia. Autorità Portuale di Venezia - Direzione Pianificazione Strategica e Sviluppo LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia 1 LogIS: il Port Community System di Venezia LogIS è il Port Community System del Porto di Venezia. Il sistema è una piattaforma informatica

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

I Contatti Telefonici sono descritti nel Capitolo 2 Struttura della Security di questo manuale.

I Contatti Telefonici sono descritti nel Capitolo 2 Struttura della Security di questo manuale. GENERALITÀ La Società operante nella realizzazione di questo manuale è l Agenzia SIKANIA SHIPPING s.r.l. L Agenzia Marittima Raccomandataria SIKANIA SHIPPING S.r.l. nasce a febbraio del 2007 ad opera dei

Dettagli

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P.

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

Dettagli

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti Pagina 1 di 7 Soluzioni Video Intelligenti Le soluzioni video intelligenti aggiungono ai sistemi di videosorveglianza la caratteristica di essere attivi, cioè la capacità di elaborare le immagini in tempo-reale

Dettagli

TARIFFA GENERALE 2013

TARIFFA GENERALE 2013 TARIFFA GENERALE 213 Validità dal 1.1.213 TARIFFA GENERALE 213 INDICE Art. Pag. 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1 1.1 DEFINIZIONI 3 1.2 NORME GENERALI 3 1.3 PROGRAMMA E REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCOSTI 4 1.4 REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

Oggetto: Relazione annuale 2011 art. 9, comma 3, lettera c) della legge n. 84/94.

Oggetto: Relazione annuale 2011 art. 9, comma 3, lettera c) della legge n. 84/94. Direzione generale per i porti Roma, 23 marzo 212 A tutte le Autorità Portuali Loro sedi Ai Collegi dei Revisori c/o le rispettive Autorità Portuali Divisione 2 Prot. M/TRA/PORTI/ 3898 e, p.c. Ad Assoporti

Dettagli

... (Nome della Nave) (Nome della Compagnia) (fare rif.to ai dati che saranno contenuti nel Continuous Synopsis Record richiesto dalla Solas XI-1/5 )

... (Nome della Nave) (Nome della Compagnia) (fare rif.to ai dati che saranno contenuti nel Continuous Synopsis Record richiesto dalla Solas XI-1/5 ) (Nome della Nave) (Nome della Compagnia) (fare rif.to ai dati che saranno contenuti nel Continuous Synopsis Record richiesto dalla Solas XI-1/5 ) PIANO SECURITY NAVE (Ship Security Plan) Conforme alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Provincia di Latina REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Determinazione

Dettagli

Comune di Spilamberto Provincia di Modena. Regolamento per la gestione del sistema di video sorveglianza

Comune di Spilamberto Provincia di Modena. Regolamento per la gestione del sistema di video sorveglianza Comune di Spilamberto Provincia di Modena Regolamento per la gestione del sistema di video sorveglianza approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 8 del 18 gennaio 2005 INDICE ART. 1: ART. 2:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE AREE A TERRA DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO

REGOLAMENTO DELLE AREE A TERRA DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO REGOLAMENTO DELLE AREE A TERRA DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO INDIVIDUAZIONE DELLE AREE Articolo 1 La Marina di Alassio S.p.A., con sede presso il porto turistico Luca Ferrari 4, (di seguito denominata

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

Ali' chtho 1OOOd@pee.istruzione.it

Ali' chtho 1OOOd@pee.istruzione.it M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0048955.30-04-2015 Roma. p.d.c. 0659084196-3315 181 cgcp@pec.mit.gov.il; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di

Dettagli

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari BARI, 28 Maggio 2014 project partners IL PROTOTIPO DI NATIONAL MARITIME

Dettagli

Interventi tecnici e pianificazione binazionale dell emergenza dei trafori stradali transfrontalieri Roma 19 dicembre 2014

Interventi tecnici e pianificazione binazionale dell emergenza dei trafori stradali transfrontalieri Roma 19 dicembre 2014 Interventi tecnici e pianificazione binazionale dell emergenza dei trafori stradali transfrontalieri Roma 19 dicembre 2014 Ubicazione geografica Il traforo del Frejus èunagalleriaapedaggiochecollegalafranciacon

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

A N C O N A - DEPOSITO BAGAGLI:

A N C O N A - DEPOSITO BAGAGLI: CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONNESSI AL TRAFFICO PASSEGGERI ED AUTOMEZZI NEL PORTO DI ANCONA Importo annuo posto a base d'asta 730.000,00 (di cui 22.500,00 per oneri della sicurezza

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AREA DI RICERCA ROMA II TOR VERGATA VIA FOSSO DEL CAVALIERE, 100 00133 ROMA TEL. 0649934542 FAX 0649934018

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AREA DI RICERCA ROMA II TOR VERGATA VIA FOSSO DEL CAVALIERE, 100 00133 ROMA TEL. 0649934542 FAX 0649934018 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AREA DI RICERCA ROMA II TOR VERGATA VIA FOSSO DEL CAVALIERE, 100 00133 ROMA TEL. 0649934542 FAX 0649934018 Procedura aperta per l appalto del SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA

Dettagli

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 62 del 6.11.2008 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

Sistema elettronico per il controllo degli accessi

Sistema elettronico per il controllo degli accessi Sistema elettronico per il controllo degli accessi Chi? Dove? Quando? Le serrature elettroniche hanno acquisito una posizione di rilievo nel mondo degli strumenti di sicurezza. Mentre le serrature meccaniche

Dettagli

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone 1. Descrizione e scopo La presente procedura disciplina le modalità di accesso, circolazione e sosta di mezzi

Dettagli

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Istituto di Vigilanza Privata Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Servizi di vigilanza e sorveglianza Professionalità e sicurezza Servizio di Vigilanza Fissa Pattugliamento

Dettagli

ROMA CRUISE TERMINAL OPERATIONS PLAN

ROMA CRUISE TERMINAL OPERATIONS PLAN ROMA CRUISE TERMINAL OPERATIONS PLAN Version 1.2015 INDICE Roma Cruise Terminal Procedure Operative Versione 1.2015 1 1.0 Procedura per la preparazione del Piano Accosti annuo. 1.1 Le agenzie marittime

Dettagli

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Finalità Art. 3 Definizioni Art. 4 Modalità di raccolta dei dati Art. 5 Informativa Art. 6 Finalità

Dettagli

Livorno, 5 Luglio 2012

Livorno, 5 Luglio 2012 La Gestione delle merci pericolose Le risorse umane come variabile necessaria alla pianificazione, gestione, organizzazione e movimentazione delle merci pericolose nei porti Livorno, 5 Luglio 2012 Merci

Dettagli

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 PERCORSO NORMATIVO Art. 18, co. 1 e 2 del DL 27/07/05, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMUNICAZIONE - ALLEGATO A ALL ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA PORTUALE N. 1 DEL 06 MARZO 2008

LINEE GUIDA PER LA COMUNICAZIONE - ALLEGATO A ALL ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA PORTUALE N. 1 DEL 06 MARZO 2008 AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA Sezione Sicurezza e Igiene del Lavoro LINEE GUIDA PER LA COMUNICAZIONE - ALLEGATO A ALL ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA PORTUALE N. 1 DEL 06 MARZO 2008 REV. Indicare

Dettagli

Novigrad, Sali, Božava, Primošten, Ravni Žakanj, Ubli-(Lastovo), Komiža, Hvar, Vis, Vela luka, Kanegra, Umag Marina ACI. Articolo 21.

Novigrad, Sali, Božava, Primošten, Ravni Žakanj, Ubli-(Lastovo), Komiža, Hvar, Vis, Vela luka, Kanegra, Umag Marina ACI. Articolo 21. PER FACILITARVI L ORIENTAMENTO SUL MARE E IL PASSAGGIO DELLA LINEA DI CONFINE VI PRESENTIAMO I PIÙ IMPORTANTI ESTRATTI LEGGE E DECRETI LEGGE DELLA REPUBBLICA DI CROAZIA: Gazzetta Ufficiale della Repubblica

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione generale la vigilanza sulle Autorità portuali, le Infrastrutture portuali e per il trasporto marittimo e per vie d acqua interne DOCUMENTO UNICO

Dettagli

per accettazione: Sindacato Autonomo di Polizia Segreteria Regionale Liguria Via A. Diaz n. 2 16121 Genova liguria@sap-nazionale.org sap-liguria.

per accettazione: Sindacato Autonomo di Polizia Segreteria Regionale Liguria Via A. Diaz n. 2 16121 Genova liguria@sap-nazionale.org sap-liguria. Sindacato Autonomo di Polizia Segreteria Regionale Liguria Via A. Diaz n. 2 16121 Genova liguria@sap-nazionale.org sap-liguria.org per accettazione: TARIFFE E CONDIZIONI PREFERENZIALI GRUPPI LINEA SICILIA

Dettagli

Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili

Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili ing. Roberto Gullì ing. Valeria Palmieri Ufficio Rischi Antropici - DPC Roma,

Dettagli

AUTORITA PORTUALE AUGUSTA ORDINANZA N 04/2009

AUTORITA PORTUALE AUGUSTA ORDINANZA N 04/2009 AUTORITA PORTUALE AUGUSTA ORDINANZA N 04/2009 Il Commissario dell Autorità Portuale di Augusta, CONSIDERATA: VISTA: RITENUTO: VISTI: SENTITO: il D.P.R. 12 aprile 2001 recante istituzione dell Autorità

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA SICUREZZA DEI TRASPORTI MARITTIMI E DEI PORTI - - - - - AUTORITA COMPETENTE PER LA SICUREZZA MARITTIMA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA SICUREZZA DEI TRASPORTI MARITTIMI E DEI PORTI - - - - - AUTORITA COMPETENTE PER LA SICUREZZA MARITTIMA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA SICUREZZA DEI TRASPORTI MARITTIMI E DEI PORTI - - - - - AUTORITA COMPETENTE PER LA SICUREZZA MARITTIMA ORGANIZZAZIONE DI SECURITY LEGGERA (SELE ) PER GLI IMPIANTI PORTUALI

Dettagli

Un unica soluzione per Enti differenti

Un unica soluzione per Enti differenti Un unica soluzione per Enti differenti La soluzione innovativa per il riconoscimento delle targhe automobilistiche e l analisi dei flussi di traffico nelle Smart Cities Cos è Traffic Scanner è una soluzione

Dettagli

Regolamento in materia di videosorveglianza

Regolamento in materia di videosorveglianza Regolamento in materia di videosorveglianza 1 Art. 1 Finalità L Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (di seguito denominata Azienda) attua un sistema di videosorveglianza esclusivamente per lo svolgimento

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento per la sosta dei veicoli a servizio delle persone invalide

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento per la sosta dei veicoli a servizio delle persone invalide CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento per la sosta dei veicoli a servizio delle persone invalide Approvato con D.C.C. n. 51 del 18/05/2010 Art. 1 - Oggetto del regolamento Il presente Regolamento ha per oggetto

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 164/39 in data 21/12/2009 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli

ORDINANZA N. 10/07 IL PRESIDENTE

ORDINANZA N. 10/07 IL PRESIDENTE ORDINANZA N. 10/07 Oggetto: Regolamento per la disciplina della movimentazione, circolazione e operatività dei mezzi e delle attrezzature portuali nel porto di Piombino.- IL PRESIDENTE VISTA la legge 28.01.1994

Dettagli

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle,5 t 1 PREMESSA Il presente documento integra il testo del Protocollo

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna 2008

Annuario Statistico della Sardegna 2008 Annuario Statistico della Sardegna 2008 TRASPORTI Trasporti interni Le statistiche sui trasporti interni pubblicate in questa sezione costituiscono il risultato di un insieme di rilevazioni curate direttamente

Dettagli

S.P.A. NAVICELLI DI PISA PROCEDURA 08 MOVIMENTAZIONE PONTI E CONTROLLO DELLA NAVIGAZIONE

S.P.A. NAVICELLI DI PISA PROCEDURA 08 MOVIMENTAZIONE PONTI E CONTROLLO DELLA NAVIGAZIONE S.P.A. NAVICELLI DI PISA PROCEDURA 08 0 01-06-2012 Prima emissione RSGI VICEPRESIDENTE PRESIDENTE / AD REV. DATA DESCRIZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. DOCUMENTI

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia 1 LogIS: il Port Community System di Venezia LogIS è il Port Community System del Porto di Venezia. Il sistema è una piattaforma informatica

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 47/32 DEL 22.11.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 47/32 DEL 22.11.2007 47/32 22.11.2007 Oggetto: L.R. n. 2 del 29 maggio 2007, art. 20, comma 7. Servizi di vigilanza delle navi in porto e degli impianti portuali. L Assessore dei Trasporti riferisce che la legge regionale

Dettagli

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security PIANO DEI RISCHI IN ITALIA PIANI DI RISCHIO Il piano di rischio rappresenta lo strumento per la gestione del rapporto tra aeroporto e territorio come misura di tutela reciproca. A tal fine il Piano di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA Approvato con deliberazione

Dettagli

Ugo VESTRI ESPERIENZE PROFESSIONALI

Ugo VESTRI ESPERIENZE PROFESSIONALI Ugo VESTRI Telefono 3293178570 ~ e-mail: u.vestri@porto.napoli.it DATI ANAGRAFICI Luogo di nascita: Napoli. Data di nascita: 13 agosto 1967 Residenza: Napoli ESPERIENZE PROFESSIONALI aprile/luglio 93 Vincitore

Dettagli

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA CITTA di PONTIDA REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 22.12.2008 Esecutivo dal CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e

Dettagli