Richiesta di attivazione di un Master universitario di 1 livello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Richiesta di attivazione di un Master universitario di 1 livello"

Transcript

1 Richiesta di attivazione di un Master universitario di 1 livello Regolamento didattico del Master universitario di 1 livello in HOSPITALITY MANAGEMENT - EMHM (EXECUTIVE MASTER) Anno accademico 2013/14 Un progetto in collaborazione con: Cornell University School of Hotel Administration Falkensteiner Michaeler Tourism Group

2 Denominazione Denominazione in lingua inglese (al fine dell utilizzo in tutti i mezzi di stampa, a prescindere dalla lingua): Master 1st level in Hospitality EMHM (Executive Master) Denominazione in lingua italiana: Master universitario di primo livello in Hospitality - EMHM Denominazione in lingua tedesca: Weiterbildender Masterstudiengang der Grundstufe (Executive Master) in Hospitality - EMHM Facoltà Facoltà di Economia in collaborazione con la Cornell University School of Hotel Administration ed il Falkensteiner Michaeler Tourism Group (FMTG). Il titolo viene conferito dalla Libera Università di Bolzano. Luogo in cui si terranno le lezioni: Brunico Consiglio del corso di studio: Prof. Dr. Oswin Maurer (Direttore) Libera Università di Bolzano Dr. Linda Osti Libera Università di Bolzano Rappresentante del FMGT - Falkensteiner Michaeler Tourism Group Rappresentante del FMGT - Falkensteiner Michaeler Tourism Group con voto consultivo Dr. Hugo Götsch Libera Università di Bolzano, coordinatore amministrativo della sede di Brunico con voto consultivo Il Consiglio del corso di studio può nominare un Board, cui può delegare determinate competenze. Fabbisogno Analisi del fabbisogno (vedi allegato A) Obiettivi formativi e sbocchi professionali Il Master universitario di I livello (Executive Master) in Hospitality (EMHM) è un programma di studio post-laurea concepito per soggetti che già occupano o si approcciano ad occupare posizioni manageriali nel settore alberghiero e turistico. Si rivolge sia a individui singoli sia ad imprese ed organizzazioni. Oltre alla possibilità di sviluppare ulteriormente competenze manageriali già esistenti, i professionisti che hanno già conseguito la laurea potranno acquisire solide conoscenze di base nel settore del e nel settore alberghiero, necessarie per occupare posizioni manageriali in tutti i rami del settore alberghiero e del settore turistico in generale. Il Master universitario di I livello EMHM offre ai partecipanti: - un opportunità di formazione post-universitaria qualitativamente elevata nonché internazionalmente riconosciuta; 1 - un intensivo scambio di conoscenze, esperienze, abilità e competenze tra accademicip P, esperti provenienti dal mondo professionale ed i partecipanti al master universitario. I più recenti approcci a metodi e teorie, la relativa applicazione e attuazione costituiranno il fulcro di tale processo di scambio;

3 - una base per lo sviluppo di nuove conoscenze e innovazione, capacità e competenze necessarie nell ambito locale, regionale ed internazionale del turismo; - un miglioramento delle strategie e delle prassi operative negli affari quotidiani e la competitività di un settore che è soggetto a cambiamenti rapidi e radicali della domanda e dell'offerta, con riferimento ai canali di distribuzione e di comunicazione, agli intermediari ed alle agenzie, nonché alle strategie di distribuzione e di comunicazione. Obiettivi formativi Ai partecipanti viene offerta una panoramica generale del management nel settore del turismo sia a livello teorico che pratico. I partecipanti imparano ad applicare la teoria a situazioni reali ed a confrontarsi con temi attuali e futuri con l obiettivo di ottenere, attraverso tali nuove conoscenze, un miglioramento delle strategie aziendali ed un incremento delle prestazioni. Oltre allo sviluppo di competenze e conoscenze strategiche ed operative, il Master rivolge particolare attenzione allo sviluppo della personalità dei partecipanti. Il EMHM fornisce inoltre un eccellente base per la costruzione di una rete personale in cui colleghi, docenti e studenti possano realizzare uno scambio di conoscenze ed esperienze. Il EMHM si propone di: - trasmettere conoscenze supplementari relative a strategie imprenditoriali e di gestione aziendale in ambito operativo e strategico; - offrire ai partecipanti una solida conoscenza degli sviluppi attuali e crescenti, economici e sociali e della loro influenza sulle aziende, le loro prestazioni e la loro capacità di affermarsi in futuro; - trasmettere competenze nel management strategico e nella gestione dell impresa, con l'inclusione di una prospettiva internazionale e un impostazione di best-practice ; - promuovere competenze manageriali interdisciplinari; - offrire approcci moderni in materia di gestione aziendale, con particolare accento sugli strumenti che combinano conoscenza e pratica; - Rafforzare in modo mirato competenze chiave necessarie al lavoro interculturale e alla promozione della cultura organizzativa; - fornire soluzioni basate sulla teoria per casi concreti e offrire strumenti concretamente utilizzabili che possano essere applicati direttamente nell'ambiente di lavoro; - promuovere lo spirito di iniziativa, lo spirito di integrazione e di gruppo attraverso lo scambio di esperienze pratiche e strumenti di lavoro nonché esperienze e idee con i docenti, i professionisti del settore e gli altri partecipanti; - offrire una panoramica sulle strategie di settore e d impresa al fine di permettere ai partecipanti di sviluppare competenze dirigenziali e manageriali in linea con i tempi e all altezza del settore; - integrare la formazione accademica primaria dei partecipanti ed in particolare perfezionare la loro conoscenza specifica nel settore manageriale così come le loro individuali possibilità di carriera e la gestione di aziende. 4T4TLavoro e carriera Il corso di studio è progettato per combinare sia le esigenze delle imprese e dei professionisti che quelle del settore del turismo e del settore alberghiero ( Hospitality ). Coloro che conseguono il titolo di Master universitario di 1 livello in Hospitality dispongono di conoscenze eccellenti nel management, nella ricerca di mercato e dell industria nonché nella gestione di impresa. Sono preparati al meglio per le esigenze del settore del turismo e del settore alberghiero e risultano qualificati per: - Posizioni manageriali strategiche (pianificazione e direzione di impresa nonché organizzazione e controllo aziendale), tra le quali le posizioni di direttori amministrativi, amministratori delegati, dirigenti, direttori d albergo e di organizzazioni turistiche, etc. - Posizioni manageriali di direzione (pianificazione aziendale e del lavoro, gestione e controlling) tra i quali responsabile finanziario, responsabile marketing, responsabile della contabilità, etc; 6T6T- 6Posizioni dirigenziali nel management operativo (esecuzione di mansioni operative connesse all ambito della pianificazione, della gestione e del controlling), tra l altro come Manager di Reception, Manager del settore cibo e bevande (Food and Beverage), servizio e assistenza al cliente (Resident Manager, etc.);

4 - Nuove posizioni nel settore del turismo alberghiero delle piccole e medie imprese come, per esempio, dirigente d azienda, direttori aziendali. - Settori caratteristici per queste posizioni sono il settore del capitale finanziario e di rischio, i suoi fornitori, villaggi turistici, consorzi sciistici. - Posizioni al di fuori del settore del turismo e del settore alberghiero. Il corso di studio offre a coloro che conseguono il titolo di Master universitario di 1 livello in Hospitality oltre a conoscenze generali nella gestione aziendale anche una formazione qualificata richiesta anche in altri settori dei servizi. Struttura, percorso e contenuti Durata Due anni accademici (4 semestri) paralleli alla professione Inizio: aprile 2014 Conclusione: marzo 2016 Lingua di insegnamento La lingua di insegnamento ufficiale è l inglese. Gli esami hanno luogo in lingua inglese. I corsi integrativi ed i relativi esami potranno essere offerti anche in lingua tedesca e italiana. Crediti formativi (CFU) Totale crediti formativi: 60 (corrispondenti a ore) di cui - 50 CFU per esami sostenuti nell ambito di attività formative (lezioni, seminari, workshops, tavole rotonde) nella misura di 500 ore, a cui si aggiungono le ore per lo studio e la preparazione individuale (750 ore); - 10 CFU per la tesi finale e la sua discussione (250 ore). Struttura Il corso di studio si compone di unità didattiche articolate in moduli: 8 moduli (esami) da 5 crediti formativi ciascuno 2 moduli (esami) da 3 crediti formativi ciascuno 2 moduli (esami) da 2 crediti formativi ciascuno l esame finale da 10 crediti formativi, per un totale di 60 crediti formativi distribuiti su 24 mesi. Tutti i 12 moduli previsti costituiscono attività formative obbligatorie. Eventuali altre attività formative integrative offerte potranno sostituire i moduli di insegnamento pari a 3 o 2 crediti formativi. Le lezioni sono distribuite su 4 semestri. Presenza: I partecipanti ordinari dovranno considerare una presenza pari a 60 giorni distribuiti su 2 anni. Tale arco temporale comprende le lezioni, gli esami, l esame finale ed i colloqui preparatori alla tesi finale. Un totale di otto settimane (da lunedì a venerdì) suddiviso in 2 settimane di lezioni per semestre con 5 crediti formativi per ciascun modulo. Un totale di quattro settimane (da lunedì a giovedì) per moduli da 2 o 3 crediti formativi ciascuno ed esami modulari. Fino a due giornate per colloqui preparatori alla tesi finale Una giornata per l esame finale e la discussione della tesi

5 Contenuti: Lo studio comprende cinque aree di competenza: Area 1 - Organizational and Human Resource Area 2 Strategic and Marketing Area 3 - Financial Area 4 - Decision, Risk and Operations Area 5 - Special Topics in Hospitality Ogni studente deve scegliere tra le prime quattro aree una specializzazione corrispondente alle proprie inclinazioni. L area scelta sarà oggetto di un esame più approfondito e anche la tesi finale verterà su tale specifico ambito. UAttività formative Primo anno di corso (24 CFU) 2 Aree di competenza, 4 moduli settimanali da 5 CFU e 2 moduli di fine settimana da 2 CFU per un totale di 6 esami Settore scientificodisciplinare SECS-P/10 SECS-P/10 SECS-P/10 Ambito di competenza Moduli* CFU Semestre** Organizational Behavior and Human Resource Organizational structures and behavior 5 1 Building the Human Capital Base: Essential Human-Resources Practices for Managers Special Topics in Hospitality Organizational and HR : Succession Planning MAT/09 Decision, Risk and Operations Quantitative Methods for Operations Analysis in the Hospitality Industry 5 2 ING-IND35 Operations Analysis for the Hospitality Industry 5 2 SECS-P08 Special Topics in Analysis for the Hospitality 2 2 Industry: Food and Beverage Assessment Secondo anno di corso (36 CFU) 2 Aree di competenza, 4 moduli settimanali da 5 CFU e 2 moduli di fine settimana da 3 CFU, 1 elaborato finale/presentazione da 10 CFU per un totale di 7 esami. Settore scientificodisciplinare SECS-P/08 Ambito di competenza Moduli* CFU Semestre** Strategic and Marketing Marketing 5 3 SECS-P/08 Strategic Hospitality 5 3 SECS-P/08 Special Topics in Hospitality Marketing : Digital Marketing of Services 3 3 Assessment SECS-P/07 Financial Managerial Cost Accounting for Hospitality 5 4 Enterprises SECS-P/07 Financial Analysis and Planning for Hospitality 5 4 Enterprises SECS-P/07 Special Topics in Financial Analysis and Planning for 3 4 Hospitality Enterprises: Advanced Revenue Assessment KP Semester

6 Thesis/Project Thesis projects will entail identifying, defining, analyzing, modeling and solving a problem within the organization of the student s employer. These projects will be required to involve a reasonable amount of theoretical thinking and reasoning, and the final results will be presented to the management and peers of the student s organization. Thesis discussion and final exam * NB: L ordine in cui verranno offerti gli insegnamenti varierà al termine di ogni ciclo di master universitario. ** NB: Ulteriori temi specialistici (special topics) vengono offerti a seconda delle possibilità e possono essere scelti dagli studenti in sostituzione dei temi specialistici (special topics) riportati in tabella. Contenuti delle attività formative Primo anno di corso MODULI DI INSEGNAMENTO OBBLIGATORI. Modulo Obiettivo formativo Breve descrizione del contenuto OBHR 1 To make students aware of and How individuals, groups, and organizations interact within a complex understand how an organizational business environment and the tradeoffs and optimizations of different Organizational structures structure and conduct affects its organizational structures and assignment of key tasks and and behavior performance and what the role of responsibilities. Then the course additionally addresses the basics of how (5 units, Unibz) senior and operational management is in guiding and organizing the business. to manage people in the workplace. OBHR 2 Essential Human- Resources Practices for Managers (5 units, Cornell) OBHR 3 Special Topics in Hospitality Organizational and HR : Succession Planning (2 Units, Unibz) UUGoalsUU To develop a theoretic understanding of people and organizations, as well as practical tools for accomplishing personal and organizational goals in the hospitality industry including the most important issues of human resource management. To develop students awareness of the situations that give rise to management succession, and develop the skills and ability to anticipate and prepare for such successions and to manage the succession process without disruption to the organization s business or strategic goals. UUContentUU - This course builds on OBHR 1, emphasizing issues in the hospitality industry, the course explores the strategies, policies, procedures, and systems required to: attract, select, develop, compensate and retain quality employees so as to create alignment and congruence within the HR function and improve human resource systems and practices that maintain organizational efficiency and support growth and quality. individual differences conflict management problem-solving power and influence motivation and leadership coaching and counseling group processes This course addresses the major causes of management succession including changes in ownership or management team, retirements, scheduled and unscheduled employee departures, employee advancement, organizational growth or restructuring, and evolutions in the industry structure. Specific topics include: how to anticipate or predict succession occurrences human resource role in succession planning identifying, cultivating and nurturing new leaders threats to business goals and objectives accruing from successions how to manage the threats created by anticipated and unanticipated successions involving employees in the succession process DROM 1 Quantitative Methods for Operations Analysis in the The goal of this course is to develop managers ability to formulate operational decision problems in a manner that renders them relevant Students learn how to define and gather data relevant for strategic planning and operations, evaluate the quality of data, graphically represent data, and apply some fundamental statistical methodologies. Both stochastic and deterministic decision models will be addressed.

7 Hospitality Industry (5 units, Unibz) and analyzable and to develop students analytic skills and understandings necessary for making decisions using quantitative data and for communicating the results of their analyses in a clear manner. Topics include: elementary probability decision analysis and models modeling of operational activities and systems forecasting make or buy decisions investment problems inventory planning waiting line behavior and queuing systems statistical process control techniques process analysis and design quantitative tools for project management DROM 2 Operations Analysis for the Hospitality Industry (5 Units, Cornell) DROM 3 Special Topics in Analysis for the Hospitality Industry: Food and Beverage (3 Units, Unibz) To provide students with an understanding of the full scope of the hotel industry and how different departments operate and to develop the skill needed to perform and interpret operational analysis at all levels of the organization and supply chain. To provide hospitality professionals with an understanding of the factors that determine success in the food and beverage operations of hospitality enterprises and how to realize the factors that will lead to success in their enterprises. These topics are addressed from the perspective of solving problems and making decisions within the hospitality industry are designed to serve as a foundation for DROM 2. This course builds on DROM 1 and will introduce students to the full scope of the hotel industry and the organizational structure and operational mechanics of how the different departments operate with an emphasis on departments within the rooms division of an individual hotel, as well as who the major players are and what market segments their brands serve. The course provides an overview of the operation of hospitality facilities, including operating costs for various types of facilities, types and characteristics of major building systems, sustainable aspects of building equipment and management, and the responsibilities of the engineering maintenance department. Focus will be on how work is performed and how activities are coordinated within and among other hotel departments and how operational decisions and procedures can be defined, modeled and approached analytically with the application of quantitative operational and decision models and methods. The course is designed to provide not only an elemental understanding of operations and operational decision making within the hospitality industry, but also a realistic exposure to the work, decisions, and competitive forces that have an impact on all of those who take a professional stake, either directly in the industry or within one of its supporting industries. This module on the management of food and beverage operations emphasizes the relationships between strategic and operational choices and their financial consequences for food and beverage operations. The course explores the key reasons that a food and beverage operation is successful and why some are unsuccessful and others successful as measured on a broad range of success criteria. It explores the cost and benefits of front of house and back of house operational options as well as broader F&B strategic choices. The course seeks to develop your understanding of labor, technology, and economic issues, as well as issues having to do with the competition and with consumer attitudes and how these challenges are effectively met. It also includes discussions of strategies for managing trends and fads in the foodservice industry, how to discover the opportunities and risks associated with incorporating these trends and fads, The course identifies major challenges facing foodservice operators, such as changing lifestyles and demographics and labor market issues, and look at ways those challenges are being met today. All these issues are covered with a reference to how it affects an organization s bottom line. Secondo anno di corso: MODULI DI INSEGNAMENTO OBBLIGATORI Modulo Obiettivo formativo Breve descrizione del contenuto SMM 1 Marketing (5 Units, Unibz) To understand the main factors that determine the success of an organization s marketing planning and implementation and how it fits into an organization s overall This course covers the theories and conceptual frameworks that draw on customer, competitor, and core-capability analyses in marketing planning and implementation, and addresses the process through which organizations analyze, plan, implement, and control programs to develop and maintain beneficial exchanges with target markets and customers, with a focus on problem solving

8 SMM 2 Strategic Hospitality (5 Units, Cornell) SMM 3 Special Topics in Hospitality Marketing : Digital Marketing of Services (3 Units Unibz) strategy and to acquire the knowledge and capability to conceptualize, design, implement and manage a marketing plan for hospitality enterprises. To become aware of the major considerations that go into the formulation and implementation of a service organization s business strategy, the major approaches to strategy formulation, the benefits and liabilities of each, and how to design and implement an organization s strategy so as to accommodate the organization s goals and objectives, strengths and weaknesses in its. It is a further goal of course to develop a mastery of the analytical tools used to perform analyses of the industry and competitors. To provide students an understanding of the internet as a marketing tool and the nature and types of digital marketing and their potential for helping hospitality organizations achieve their strategic, business and marketing goals by employing digital technologies to reach, engage, and deliver value to their customers. and decision making related to product and service development, pricing, advertising and promotion within the hospitality sector. The course builds on SSM 1 examines the total hospitality enterprise, the industry, and the competitive environment in which it operates, and how, in light of the enterprise s mission, goals and objectives it can seek to realize them through its choice of offerings, countering competitors strategies and actions in the markets, and how to place its offerings to its market given organizational, competitive, resource and operational realities. The course will also cover the analytical tools used to perform analyses of the industry and competitors, focusing on how firms formulate, implement, and evaluate strategies. All of the topics are presented in the context of how hospitality firms formulate, implement, and evaluate strategies. This course combines a high level marketing strategy view of digital marketing and the challenges it poses and opportunities it offers with a practical approach using exercises and projects to learn and use the tools and techniques of digital marketers, including the web, mobile devices and technologies, , apps, social media, and user generated content. The course will explore the Internet as a source of product information, a public relations, marketing and advertising medium, a customer relationship management tool, and a customer service channel. Internet marketing and issues such as: social media, behavioral targeting, and privacy tracking and accountability, (incl. click fraud, etc.) channels of online marketing, from search, to , to banner ads, to blogs, etc. self-service and community based support, incl. open source and user generated content The course will first develop a strategic framework for planning and analyzing digital marketing strategies and how they fit into the organization s overall marketing strategy. Then students will develop a working knowledge of the tools and processes for creating, managing, and executing digital marketing plans. The course will cover the range of digital advertising and marketing channels as well as new and emerging channels and developments that focus on strategies and metrics for success, measurement and optimization techniques and goal setting. Students will gain practical experience in usage of channels such as: Search Optimization and Marketing Display Banners and Beyond Design and Deployment Social Networks, Media, and Content Mobile and Emerging Mobile Web, Gaming, and beyond FM 1 Managerial Cost Accounting for Hospitality Enterprises (5 Units Unibz) To develop students familiarity with, and understanding of, the main methods of financial, managerial, and cost accounting, and the purpose of each as the foundation of, and in preparation for, financial analysis and planning as covered in FM 2. This course is an introduction to financial, managerial and cost accounting that lays the groundwork for FM 2. It addresses the role of accounting in the planning and implementation of the enterprise s deployment of its capital resources in support of its business goals and operational requirements. It addresses the basic methods for measuring, monitoring and reporting the enterprises assets and liabilities in a manner that relates to and facilitates the achievements of the enterprise s goals and objectives. Topics include: establishing the basic accounting structure in a hospitality enterprise how to define a relevant chart of accounts financial auditing

9 transaction analysis development and analysis of balance sheets development and analysis of income statements development and analysis of statements of cash flows development and analysis of statement of stockholder s equity the construction and interpretation of basic financial ratios FM 2 Financial Analysis and Planning for Hospitality Enterprises (5 Units Cornell) FM 3 Special Topics in Financial Analysis and Planning for Hospitality Enterprises: Advanced Revenue (2 Units Unibz) The main goal of the course is to develop an understanding of the financial impact of managerial decisions, to know how to differentiate decisions that increase the value of a firm, and know how to properly evaluate investment and financing decisions. To develop students familiarity with, and understanding of, yield management and the main drivers of revenue in the hospitality industry and how to strategically and proactively manage those drivers to the best advantage of the enterprise. This course provides students with a broad understanding of managerial finance and develops the skills required for using accounting and cash flow information for financial planning, capital structure decisions, and capital budgeting evaluation. Topics covered include: applications of time value of money discounting techniques valuation of cash flows from projects evaluation of capital expenditures estimation of cost of capital bond and stock valuation portfolio theory asset-pricing models capital-structure and budgeting decisions risk analysis for capital budgeting cost of capital raising capital in the public markets The course builds on topics in financial and managerial accounting covered in FM 1 and emphasizes valuation skills as a means to bring together the cost of capital, financing, and operating issues faced by a firm. This course helps students learn how to apply the principles of yield management effectively. Focus is on the integration of yield management techniques with information technology, internal management issues, and external marketing concerns with emphasis placed on several high-impact drivers for maximizing revenue: forecasting and availability controls pricing and distribution channel management overbooking and group management non-traditional revenue management applications Emphasis is on the role of strategy in effective revenue management and the practical application of tools and techniques in the hospitality setting.

10 CALENDARIO DIDATTICO* Competency Area Courses CPU Semester Offered time period by Organizational Behavior and Human Resource Organizational structures and behavior 5 1 UNIBZ 2 nd week in April Building the Human Capital Base: Essential Human-Resources Practices for Managers First day: Module Exam Special Topics in Hospitality Organizational and HR : Succession Planning 5 1 Cornell 4 th week in May 2 1 UNIBZ 4 th week in September Decision, Risk and Operations Quantitative Methods for Operations Analysis in the Hospitality Industry Operations Analysis for the Hospitality Industry First day: Module Exam Special Topics in Hospitality Industry : Food and Beverage 5 2 UNIBZ 4 th week in October 5 2 Cornell 1 st week in December 2 2 UNIBZ 3 rd week in January Strategic and Marketing Marketing 5 3 UNIBZ 2 nd week in April Strategic Hospitality 5 3 Cornell 4 th week in May First day: Module Exam Special Topics in Hospitality Marketing : Digital Marketing of Services 3 3 UNIBZ 4 th week in September Financial Managerial Cost Accounting for Hospitality Enterprises Financial Analysis and Planning for Hospitality Enterprises First day: Module Exam Special Topics in Financial Analysis and Planning for Hospitality Enterprises: Advanced Revenue 5 4 UNIBZ 4 th week in October 5 4 Cornell 1 st week in December 3 4 UNIBZ 3 rd week in January Thesis/Project Thesis projects will entail identifying, defining, analyzing, modeling and solving a problem within the organization of the student s employer. These projects will be required to involve a reasonable amount theoretical thinking and reasoning, and the final results will be presented to the management and peers within the student s organization. Final exams and thesis discussion UNIBZ 2 nd week in March

11 * Soggetto a possibili modifiche Posti disponibili e requisiti di ammissione a) Posti disponibili: Il numero massimo di partecipanti ordinari ammessi è di 25. Il corso viene attivato previa immatricolazione di almeno 6 (sei) partecipanti ordinari dei 16 (sedici) posti di studio riservati alla Libera Università di Bolzano. 9 posti di studio sono riservati a candidati del FMTG, i quali vengono assegnati direttamente dal FMTG. I partecipanti che occuperanno i posti di studio riservati al FMTG- Falkensteiner Michaeler Toursim Group dovranno dimostrare di possedere i requisiti indicati alla lettera b) Requisiti di ammissione. Il possesso di tali requisiti verrà verificato dalla Libera Università di Bolzano. Partecipanti ai moduli singoli (partecipanti straordinari): è previsto un numero massimo di 20 partecipanti straordinari per ogni modulo. b) Requisiti di ammissione 1. Il Master universitario di primo livello è riservato a persone in possesso di un diploma di laurea o altro titolo di studio equipollente (almeno di durata triennale con 180 CFU). I candidati con un titolo di laurea conseguono il titolo di Master universitario di I livello in Hospitality. 2. Possono partecipare a singoli moduli del master universitario di I livello anche liberi professionisti, imprenditori o collaboratori in aziende che, sebbene privi di un diploma di laurea o altro titolo di studio equipollente, dimostrano tuttavia un alto potenziale ed un esperienza professionale come dirigenti pari ad almeno tre anni. Tali partecipanti conseguono un attestato di partecipazione ai singoli moduli che hanno frequentato con profitto. Nel caso di frequenza e superamento dell esame relativo a tutti i moduli nonché discussione della tesi finale conseguono invece un certificato finale con la seguente denominazione: Universitary Certificate in Hospitality Universitärer Zertifikatslehrgang in Hospitality Certificato universitario in Hospitality. Sono richieste buone conoscenze della lingua inglese (Livello B2) N.B.: In Italia non è consentito studiare contemporaneamente in più università o a più corsi di studio della medesima università. UAmmissione di candidati con un titolo di studi conseguito all estero Possono partecipare al corso di studio anche laureati presso università straniere se il titolo conseguito viene valutato quale equipollente, ai soli fini dell ammissione, al corso di studio, dalla commissione per il procedimento di selezione. UCittadini non-ue residenti all esterou devono consegnare la domanda di ammissione / partecipazione ai singoli moduli, allegando la documentazione prevista presso l autorità consolare italiana in loco che deve inoltrarla nei tempi indicati nel Manifesto degli studi alla Libera Università di Bolzano. Preiscrizione e procedura di selezione per i posti di studio riservati all Università a) Prescrizione Le scadenze e le modalità della prescrizione nonché i documenti richiesti sono indicati nel manifesto degli

12 studi. Il procedimento di ammissione inizia il 1 ottobre 2013 e termina il 21 gennaio b) Selezione La Commissione di selezione esamina e valuta le domande di iscrizione pervenute redige una graduatoria (nel caso in cui il numero di preiscritti sia superiore al numero di posti di studio disponibili) secondo i seguenti criteri: - 40% carriera professionale - 30% votazione di laurea; - 20% specializzazioni, corsi specialistici etc. - 10% livello di conoscenza della lingua inglese (certificato di conoscenza della lingua inglese a livello B2 o superiore, riconosciuto idoneo dal Centro Linguistico della Libera Università di Bolzano vedi In alternativa, per coloro che non possono certificarne la conoscenza, è prevista un intervista telefonica obbligatoria. In quest ultimo caso però i candidati non otterranno i punti corrispondenti al 10% della valutazione globale). La graduatoria viene pubblicata presumibilmente il 31 gennaio I candidati ammessi possono immatricolarsi presso la Segreteria di Brunico al più tardi entro il 14 febbraio 2014, ore Esame finale Presupposti per conseguire il titolo universitario I presupposti per il conseguimento del titolo universitario sono: - almeno il 70% di presenza nelle lezioni, esercitazioni e seminari; - superamento degli esami di profitto; - discussione della tesi finale; - superamento dell esame finale. Commissione d esame La Commissione d esame, che conduce gli esami modulari e la prova finale, è composta da due membri nominati dal Preside su proposta del Consiglio del Master universitario di I livello. Tale commissione ha anche il compito di valutare, nell ambito dell esame finale, i seguenti aspetti: controllo del 70% di presenza nelle lezioni, esercitazioni e seminari; risultati degli esami prova finale (tesi finale e presentazione) La valutazione della commissione viene comunicata al candidato / candidata ed inoltrata alla Segreteria della Libera Università a Brunico. Alla domanda di ammissione all esame finale, lo studente deve allegare la conferma della compilazione del questionario di AlmaLaurea. Partecipazione a singoli moduli di insegnamento Ogni modulo del master universitario di primo livello può essere frequentato, in qualità di formazione professionale, da un numero massimo di 20 partecipanti straordinari. Non è prevista a tal fine una procedura di selezione. I posti di studio verranno assegnati in base all ordine cronologico dell arrivo delle domande di partecipazione (secondo il principio first come first served ). I partecipanti straordinari potranno frequentare un singolo modulo di insegnamento ed ottenere un certificato di partecipazione, nel caso di presenza ad almeno il 70% delle lezioni. I partecipanti straordinari privi del bachelor o del diploma di laurea possono sostenere esami modulari nonché redigere e discutere la tesi finale ma non possono conseguire crediti formativi. Nel caso di frequenza e superamento dell esame relativo a tutti i moduli nonché discussione della tesi finale

13 conseguono invece un certificato finale con la seguente denominazione: Universitary Certificate in Hospitality Universitärer Zertifikatslehrgang in Hospitality Certificato universitario in Hospitality. Le tasse di iscrizione a singoli moduli sono riportate nel manifesto degli studi del Master di primo livello in Hospitality. Possibilità di finanziamento del Master universitario per studenti e imprese: La Provincia Autonoma dell Alto Adige promuove iniziative di formazione di collaboratori nel settore del turismo (L.P , n. 4). Informazioni presso la pagina web: 2TU2TUhttp://www.provinz.bz.it/tourismus 2TU2TUhttp://www.provinz.bz.it/tourismus/downloads/2011/ANWENDUNGSRICHTLINIEN.pdf Imprese ed enti finanziatori 9T9TFMTG - Falkensteiner Michaeler Tourism Group Hoteliers- und Gastwirteverband Südtirol (HGV)

HOSPITALITY MANAGEMENT 1 1 - EMH M (EXECUTIVE MASTER)

HOSPITALITY MANAGEMENT 1 1 - EMH M (EXECUTIVE MASTER) Richiesta di attivazi one di un Master universitario di 1 livello Regolamento didattico del Master universitario di 1 livello in HOSPITALITY MANAGEMENT - EMHM (EXECUTIVE MASTER) Anno accademico 2014/15

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

CONCENTRATION IN HOSPITALITY MANAGEMENT www.mib.edu/hm CONCENTRATION IN HOSPITALITY MANAGEMENT La concentration in Hospitality Management è un programma che può essere frequentato come singolo corso oppure

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012 Testi del Syllabus Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Creating Your Future. Linee guida

Creating Your Future. Linee guida Creating Your Future IL CICLO DEL PERFORMANCE MANAGEMENT Un approccio sistematico Linee guida Il focus si sta spostando dal personale inteso come un costo al personale come fonte di valore 35% 30% 25%

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E MANAGEMENT (84/S Classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GOVERNO E CONTROLLO AZIENDALE (84/S Classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Corso di studio: 3035 - ECONOMIA AZIENDALE Anno regolamento:

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

La governance dei Servizi IT con COBIT, ITIL e ISO/IEC 20000

La governance dei Servizi IT con COBIT, ITIL e ISO/IEC 20000 La governance dei Servizi IT con COBIT, ITIL e ISO/IEC 20000 Autore: Maxime Sottini Consigliere itsmf Italia itsmf International IQC Officer CEO icons Innovative Consulting S.r.l. COBIT è un marchio registrato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe 28: Scienze Economiche)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe 28: Scienze Economiche) REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe 28: Scienze Economiche) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea e classe di appartenenza 1. È istituito presso l Università degli Studi

Dettagli

Gianpaolo Bresciani Copyright IBM Corporation 2007

Gianpaolo Bresciani Copyright IBM Corporation 2007 FINANCIAL INTELLIGENCE dati, informazioni e fattore tempo Gianpaolo BRESCIANI CFO IBM ITALIA S.p.A. Globalizzazione: opportunità e sfide Opportunità... Ottimizzazione supply chain Mercato del lavoro (costi

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente CRISTINI GUIDO Matricola: 004533. Insegnamento: 12446 - MARKETING OPERATIVO. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente CRISTINI GUIDO Matricola: 004533. Insegnamento: 12446 - MARKETING OPERATIVO. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente CRISTINI GUIDO Matricola: 004533 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 12446 - MARKETING OPERATIVO Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento: 2012 CFU: 9

Dettagli

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Incontro di Orientamento 5 maggio 2015 Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Novità : 4 nuovi curricula LM 2015/16 Novità: 2 curricula in lingua inglese; Informazioni sul primo anno;

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Testi del Syllabus Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2014 CFU: Settore: Tipo attività: 2014/2015 1005960 - PROGRAMMAZIONE, CONTROLLO

Dettagli

07150 - METODOL.E DETERMINAZ. QUANTITATIVE D'AZIENDA

07150 - METODOL.E DETERMINAZ. QUANTITATIVE D'AZIENDA Testi del Syllabus Docente AZZALI STEFANO Matricola: 004466 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 07150 - METODOL.E DETERMINAZ. QUANTITATIVE D'AZIENDA Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno

Dettagli

COBIT. COBIT è un modello di riferimento che comprende una raccolta di best practice

COBIT. COBIT è un modello di riferimento che comprende una raccolta di best practice COBIT Il COBIT (Control Objectives for Information and related Technology ) e' un set (freamework) di best practices per il management dell'it creato dall'isaca (Information Systems Audit and Control Association

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

In cooperation with. Master Degree - Managing in Emerging Markets

In cooperation with. Master Degree - Managing in Emerging Markets In cooperation with 1 Cos è Managing in Emerging Markets (MEM) è un Master di primo livello da 80 crediti formativi nato dalla collaborazione fra Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Parma

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E GESTIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI EGIF (84/S Classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali) Articolo 1 Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DELL AMBIENTE E DEL TURISMO SOSTENIBILE (Classe 28: Scienze Economiche)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DELL AMBIENTE E DEL TURISMO SOSTENIBILE (Classe 28: Scienze Economiche) REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DELL AMBIENTE E DEL TURISMO SOSTENIBILE (Classe 28: Scienze Economiche) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea e relativa classe di appartenenza 1. È istituito

Dettagli

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN CHI SIAMO ATTIVITA & INTERESSI Consulente Strategia e Organizzazione Interessato a sviluppare attività con focus sulla Sostenibilità in forma

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Informatica applicata

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Informatica applicata Curricula Regolamento Didattico del Corso di laurea in applicata La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche della Libera Università di Bolzano offre un Corso di laurea in applicata. In conformità

Dettagli

MARKETING Il marketing

MARKETING Il marketing MARKETING MARKETING MARKETING Il marketing The achievement of business goals depends on knowing the needs and wants of target market and on the ability to satisfy them more effectively than competitors.

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA Corso di studio: PE002 - SCIENZE POLITICHE Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Service Design Programme

Service Design Programme Service Design Programme SERVICE DESIGN - cosa è Il Service Design è l attività di pianificazione e organizzazione di un servizio, con lo scopo di migliorarne l esperienza in termini di qualità ed interazione

Dettagli

INTERNATIONAL BUSINESS. Prof. Claudio F. Fava IL PROGRAMMA

INTERNATIONAL BUSINESS. Prof. Claudio F. Fava IL PROGRAMMA INTERNATIONAL BUSINESS Prof. Claudio F. Fava IL PROGRAMMA 1. SIGNIFICATO DELLA GLOBALIZZAZIONE Parte prima Attrezzature Analisi degli attrezzi da lavoro per affrontare le varie problematiche della Globalizzazione.

Dettagli

CASE HISTORY 02: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE DI NEO-ASSUNTI

CASE HISTORY 02: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE DI NEO-ASSUNTI CASE HISTORY 02: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE DI NEO-ASSUNTI Obiettivo: identificare le potenzialità di giovani assunti e assegnarli nelle aree di lavoro dall impresa con la posizione di Junior Manager.

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Sede AICA Liguria Competenze Professionali per l Innovazione Digitale Le competenze per la SOA-Service Oriented Architecture I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Roberto Ferreri

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

BIM E LIFE-LONG LEARNING SCUOLA MASTER F.LLI PESENTI POLITECNICO DI MILANO

BIM E LIFE-LONG LEARNING SCUOLA MASTER F.LLI PESENTI POLITECNICO DI MILANO BIM SUMMIT 2015 2 EDIZIONE BIM E LIFE-LONG LEARNING SCUOLA MASTER F.LLI PESENTI POLITECNICO DI MILANO Paola Ronca prof. Ordinario di «Tecnica delle Costruzioni», Polimi Direttore Scuola Master F.lli Pesenti

Dettagli

Piani di studio corsi di Laurea magistrale coorte 2015-2016

Piani di studio corsi di Laurea magistrale coorte 2015-2016 Allegato A al Regolamento dei Corsi di laurea magistrale emanato con Decreto Rettorale n. 114 del 4 agosto 2015 Piani di studio corsi di Laurea magistrale coorte 2015-2016 Allegato A1: Piano studi del

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

Corso di formazione TEAM BUILDING & COACHING TECNICHE E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE IN AZIENDA & COMUNICARE L AZIENDA VERSO L ESTERNO

Corso di formazione TEAM BUILDING & COACHING TECNICHE E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE IN AZIENDA & COMUNICARE L AZIENDA VERSO L ESTERNO Corso di formazione TEAM BUILDING & COACHING TECNICHE E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE IN AZIENDA & COMUNICARE L AZIENDA VERSO L ESTERNO OBIETTIVI Il corso Business Communication è un corso sviluppato da un

Dettagli

La Certificazione ELA in Italia con AILOG

La Certificazione ELA in Italia con AILOG La Certificazione ELA in Italia con AILOG 1 La Certificazione ELA è un attestato delle capacità professionali riconosciuto a livello europeo è basata su STANDARD DI COMPETENZA stabiliti centralmente dall

Dettagli

EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016

EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016 Business School since 1967 EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016 LIVING OPERATIONS BUSINESS IN ACTION TECNOLOGIE E MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE MARKETING & COMMERCIAL MANAGEMENT 2 PERCHÉ ISTAO STORIA E FUTURO Fondata

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035. Insegnamento: 1005205 - SOCIAL MEDIA MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035. Insegnamento: 1005205 - SOCIAL MEDIA MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1005205 - SOCIAL MEDIA MARKETING Corso di studio: 5007 - TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI Anno

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena?

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Relatori: Paolo SFERLAZZA Alberto PERRONE Relatori Paolo Sferlazza Security Advisor CISA,LA27001,LA22301,OPST, COBIT 5, ITIL,LA9001,ISFS, ITSM,ISMA

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E BANCARIE (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E BANCARIE (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale) REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E BANCARIE (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea e classe di appartenenza 1. È

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation La polarizzazione del mercato Polarizzazione del mercato consumer Bell Curves Crescita e valore percepito Well Curves Mass Competitive Spectrum Targeted Gli specialisti di settore devono possedere value

Dettagli

PMI Project Management Standard, PMBOK Fourth Edition 2008

PMI Project Management Standard, PMBOK Fourth Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Project Management Standard, PMBOK Fourth Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner - Responsabile Area

Dettagli

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Paolo Terazzi Consolidated Financial Statement Manager Amplifon Milano, 1 dicembre 2009 Amplifon nel mondo Leader in 14 countries

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT 1 Sviluppare competenze nel Singolo e nel Gruppo 2 Creare Sistemi per la gestione delle attività del Singolo nel Gruppo 3 Innescare dinamiche

Dettagli

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO 1 Perché l alleanza è vincente Per prevenire le frodi occorre avere un corretto controllo interno che è realizzabile anche grazie al supporto dell

Dettagli

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione ISO 9001:2015 Il processo di revisione 1 Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione Marzo 2014: meeting ISO a Parigi ha completato la preparazione dell ISO/DIS 9001 (riesame dei commenti

Dettagli

Il valore delle informazioni in uno scenario di business competitivo

Il valore delle informazioni in uno scenario di business competitivo Santina Franchi Il valore delle informazioni in uno scenario di business competitivo Dall Automazione all Ottimizzazione Automazione $594B nel 2008 5.1% CGR Ottimizzazione (focus sulle informazioni) $117B

Dettagli

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale Social enterprise as a driving factor of social innovation Giornata di studio / Study Day Martedì 19 maggio 2015 Aula Magna SUPSI Trevano

Dettagli

Digital Marketing Corso Avanzato. (750 h 30 CFU)

Digital Marketing Corso Avanzato. (750 h 30 CFU) in partnership didattica con Art. 1 ATTIVAZIONE Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c - L. 341/90) Digital Marketing Corso Avanzato (750 h 30 CFU) Anno Accademico

Dettagli

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 POWER Indice Motivazioni di questa organizzazione Alstom - Organizzazione IS&T Governance Organizzazione ITSSC ITSSC Modalità

Dettagli

Telecontrol systems for renewables: from systems to services

Telecontrol systems for renewables: from systems to services ABB -- Power Systems Division Telecontrol systems for renewables: from systems to Adrian Timbus - ABB Power Systems Division, Switzerland Adrian Domenico Timbus Fortugno ABB - Power ABB Power Systems Systems

Dettagli

CORSO di BUSINESS ENGLISH

CORSO di BUSINESS ENGLISH CORSO di BUSINESS ENGLISH 26 settembre 2013 3 ottobre 2013 10 ottobre 2013 17 ottobre 2013 dalle 14.30 alle 17.30 Sede dell Ordine Bergamo, Rotonda dei Mille 1 * * * Premessa Con l avvento della globalizzazione,

Dettagli

SCELTE LIBERE A.A 2014-2015. Insegnamenti o moduli selezionabili per Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA

SCELTE LIBERE A.A 2014-2015. Insegnamenti o moduli selezionabili per Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA SCELTE LIBERE A.A 2014-2015 Insegnamenti o moduli selezionabili per Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA Curriculum in lingua italiana Psicologia clinica 1) Lista per iscritti al I anno SCELTE

Dettagli

Esame di Certificazione AGILE PMI-ACP. Rivisto a Luglio 2015 Vito Madaio, PMP, TSPM

Esame di Certificazione AGILE PMI-ACP. Rivisto a Luglio 2015 Vito Madaio, PMP, TSPM Esame di Certificazione AGILE PMI-ACP Rivisto a Luglio 2015 Vito Madaio, PMP, TSPM Novità da Luglio 2015 Recentemente, 1000 esperti di Agile, da 60 paesi, hanno proposto una revisione dell'esame di certificazione

Dettagli

Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente AiQ-CdS SAFE Corso di Laurea in Ingegneria dei Sistemi Logistici per l agro-alimentare Anno Accademico 2015/2016

Dettagli

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM Raffaella D Alessandro IBM GTS Security and Compliance Consultant CISA, CRISC, LA ISO 27001, LA BS 25999, ISMS Senior Manager, ITIL v3 Roma, 16 maggio 2012 IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel

Dettagli

Severino Meregalli Head MIS Unit SDA Bocconi. SDA Bocconi - Severino Meregalli 1

Severino Meregalli Head MIS Unit SDA Bocconi. SDA Bocconi - Severino Meregalli 1 L adozione dei framework di IS Governance nella prospettiva del valore dei Sistemi Informativi: Il ruolo di COBIT SDA Bocconi AIEA Milano - ICT Ticino Manno, 27 Gennaio 2010 Severino Meregalli Head MIS

Dettagli

Attività didattiche del primo anno del CLM in Management Engineering AA 2014-15, e anticipazione sul secondo anno (Attivato nell a.a.

Attività didattiche del primo anno del CLM in Management Engineering AA 2014-15, e anticipazione sul secondo anno (Attivato nell a.a. Anticipazione informale sull astruttura del nuovo corso di Laurea Magistrale in Management Engineering In particolare, il secondo anno verrà attivato nell'aa 2015-2016 e potranno quindi esserci dei piccoli

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

Account e Sales Management Tecniche di gestione e negoziazione applicate alle vendite

Account e Sales Management Tecniche di gestione e negoziazione applicate alle vendite Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Economia Centrimark Centro di ricerca di Marketing ALTA SCUOLA IN MEDIA COMUNICAZIONE E SPETTACOLO Account e Sales Management Tecniche di gestione e negoziazione

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it )

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) CEPIS e-cb Italy Report Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) Free online selfassessment tool Online services Enables the identification of competences needed for various ICT roles e-cf Competences

Dettagli

Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008

Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Gli standard di PMI Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Maria Cristina Barbero, PMP Vice Presidente Tesoriere PMI Northern Italy Chapter Contenuti

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN DIREZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (71/S Classe delle lauree specialistiche in scienze delle pubbliche amministrazioni) Articolo 1 Denominazione

Dettagli

Business Innovation Services. Dall innovazione di prodotto all innovazione di mercato Executive Summary

Business Innovation Services. Dall innovazione di prodotto all innovazione di mercato Executive Summary Dall innovazione di prodotto all innovazione di mercato Executive Summary Missione Passione per l innovazione di mercato coinvolgimento, imprenditorialità, ricerca della genesi dei problemi e approfondimento

Dettagli

MASTERLAB IN DIGITAL ECONOMICS & ENTREPRENEURSHIP

MASTERLAB IN DIGITAL ECONOMICS & ENTREPRENEURSHIP 1 MASTERLAB IN DIGITAL ECONOMICS & ENTREPRENEURSHIP Livello I - A.A. 2014-2015 Edizione II - Edizione VI del Corso MasterLab in Digital Economics & Entrepreneurship Presentazione Il MA.D.E.E. rappresenta

Dettagli

Professional: Management and Improvement of IT Service Management processes according to ISO/IEC 20000 (IS20PMI.IT)

Professional: Management and Improvement of IT Service Management processes according to ISO/IEC 20000 (IS20PMI.IT) Exam requirements Professional: Management and Improvement of IT Service Management processes according to ISO/IEC 20000 (IS20PMI.IT) Data di pubblicazione 01-12-2009 Data di inizio 01-12-2008 Esame Destinatari

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035 Testi del Syllabus Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035 Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2012 CFU: Settore: Tipo attività: 2013/2014 1005596 - LABORATORIO DI CRISIS COMMUNICATION

Dettagli

Corso di Business English

Corso di Business English Corso di Business English 22 settembre 2011, 29 settembre 2011, 6 ottobre 2011, 13 ottobre 2011 ore 14.30/17.30 Sede dell Ordine Bergamo, Rotonda dei Mille, 1 * * * Premessa Con l avvento dell era globale

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza 1 REGOLAMENTO DDATTCO DEL CORSO D LAUREA SPECALSTCA N ECONOMA, AMBENTE E SALUTE (83/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economiche per l ambiente e la cultura) Articolo 1 Denominazione del

Dettagli

Progetto di Apprendistato "Scuola-lavoro"

Progetto di Apprendistato Scuola-lavoro Use: internal use Progetto di Apprendistato "Scuola-lavoro" Roma, 27 marzo 2014 Use: Uso: internal confidenziale use INDICE Finalità principali pag. 3 Progetto sperimentazione di alternanza "scuola-lavoro

Dettagli

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT. Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT. Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche MASTER IN TOURISM MANAGEMENT Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche Il Master in Tourism Management - Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche è il risultato

Dettagli

innovazione di casa nelle imprese

innovazione di casa nelle imprese innovazione di casa nelle imprese REPORT ON SMAU MILANO 2012 GENERAL RESULTS REGISTRATIONS COMMUNICATION AND PR RESULTS FOR EXPOCOMM: LEAD GENERATION PICTURES 2 3 5 7 8 GENERAL RESULTS Visitors to Smau

Dettagli