Test sull ellisse (vai alla soluzione) Quesiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Test sull ellisse (vai alla soluzione) Quesiti"

Transcript

1 Test sull ellisse (vai alla soluzione) Quesiti ) Considerata nel piano cartesiano l ellisse Γ : + y = 8 valutare il valore di verità delle seguenti affermazioni. I fuochi si trovano sull asse delle ordinate V F. Il semiasse minore misura e quello maggiore misura 4 V F.3 Il semiasse maggiore misura V F.4 L eccentricità misura / V F Γ : + y = valutare il valore di verità delle 4 ) Considerata nel piano cartesiano l ellisse seguenti affermazioni. L ellisse non passa dal punto A(;) V F. Il punto B(0;) è esterno alla curva V F.3 La curva passa dal punto C V F ;.4 la distanza focale misura 3 V F 3) Indicare fra le equazioni proposte quella dell ellisse riferita ai propri assi avente il punto V(3;0) come un suo vertice, fuochi sull asse delle ascisse e distanza focale y + = 9 4 y + = y = + 9y = E : + y = 8 e la retta s : y + = 0 valutare il valore di verità delle seguenti affermazioni 4) Considerate nel piano cartesiano l ellisse 4. La retta s è secante la curva ed uno dei due punti comuni è A(-;0) V F 4. L ellisse ha i fuochi sull asse delle ordinate, la retta s ha con l ellisse in comune il punto A(-;0) ed un secondo punto nel primo quadrante. V F 4.3 La retta s è parallela alla bisettrice del primo e terzo quadrante ed ha in comune con 8 l ellisse il punto A(-;0) ed il punto P ; 3 3 V F 4.4 Ogni retta parallela alla retta s è secante l ellisse. V F E y : + = 8 5) Dopo aver determinato le equazioni delle rette tangenti all ellisse parallele alle bisettrici dei quadranti, valutare il valore di verità delle seguenti affermazioni 5. Le equazioni delle quattro tangenti sono t : 3 t : 3 t : 3 3 t : 3 4 V F

2 5. Le rette t : y = + 3, t 3 : y = + 3 sono tra loro perpendicolari e si intersecano in un punto di ascissa positiva. V F 5.3 Le rette t, t, t 3, t 4 determinano un quadrato in cui è inscritta l ellisse ed il perimetro del quadrato misura 8 6. V F 6) Di seguito sono indicate le equazioni di alcune ellissi; di esse solo due hanno le misure degli assi che sono una metà dell altra. Indica la risposta esatta. a) + 4y = 4 b) + y = 0 c) + 4y = 6 d) y + = e) + y = 6. a) e b) 6. b) e c) 6.3 a) ed e) 6.4 a) e c) 7) Se due ellissi hanno la stessa eccentricità ed uguale la misura dell asse minore o uguale la misura dell asse maggiore hanno necessariamente uguale anche la misura del secondo asse? SI NO 8) Data l ellisse di equazione E : 4 + y = 5e la retta t : 4 + y = 5verificare che la retta è tangente all ellisse e determinare le coordinate del punto di contatto. Elaborazioni Coordinate del punto di contatto: y 9) Data l ellisse E :( ) + = trovare le coordinate del centro C, le misure dei 4 semiassi a, b ed il valore dell eccentricità selezionando la risposta esatta tra quelle proposte: 9. C(;0), a=, b=, e = 3 9. C(;0), a=, b=, e = C(;0), a=, b=, e = 0) Stabilire per quali valori del parametro m l equazione y + = m 3 m rappresenta un ellisse nel piano cartesiano. Indicare la risposta esatta fra quelle proposte. 0. per ogni valore di m diverso da zero e da tre 0. per ogni valore di m dell intervallo ]0;3[

3 3 0.3 per ogni valore reale di m minore di tre e diverso da zero ) Considerata l equazione della famiglia di ellissi m y m + + = dimostrare che al variare del parametro m esiste solo un valore reale per m per il quale si ottiene un ellisse che passa per il punto P ( ; ) ed indicare tale valore. Elaborazioni Risposta: m =. F : + ( k) y = k + stabilire per ) Considerata l equazione del fascio di curve quali valori del parametro k si ottengono ellissi con i fuochi sull asse delle ascisse. Elaborazioni Risposta:

4 4 3) Considerata l ellisse di equazione Elaborazioni E y y : = 0 scrivere le equazioni della traslazione τ che permettono il passaggio dal sistema di riferimento cartesiano Oy al sistema di riferimento cartesiano XO Y, avente come origine il punto O centro dell ellisse, come assi coordinati le rette O X, O Y parallele e concordi agli assi O, Oy. Scrivere l equazione dell ellisse nel riferimento XO Y e determinare le misure dei semiassi, le coordinate dei fuochi ed il valore dell eccentricità. Risposte Equazioni della traslazione N.B. Date le coordinate ( O ; y O ) di O nel τ : riferimento Oy e le coordinate ( P; y P) del generico punto P nel riferimento Oy, si devono scrivere le coordinate ( X P; Y P) dello stesso punto P. Equazione dell ellisse riferita ai propri assi: Misure dei semiassi Coordinate dei fuochi Valore dell eccentricità

5 5 Soluzione Quesiti ) Considerata nel piano cartesiano l ellisse : y 8 seguenti affermazioni. I fuochi si trovano sull asse delle ordinate V F. Il semiasse minore misura e quello maggiore misura 4 V F Γ + = valutare il valore di verità delle.3 Il semiasse maggiore misura V F.4 L eccentricità misura / V F Risposte. Vera I fuochi sono i punti F (0;), F (0; ). Falsa Il semiasse minore misura a=; il semiasse maggiore misura b =.3 Vera Vedere la risposta relativa al punto..4 Vera L eccentricità è data dal rapporto tra la semidistanza focale e la misura del semiasse minore. In questo caso c=, b = eccentricità: c e = = = = b ) Considerata nel piano cartesiano l ellisse Γ : + y = valutare il valore di verità delle seguenti affermazioni 4. L ellisse non passa dal punto A(;) V F. Il punto B(0;) è esterno alla curva V F.3 La curva passa dal punto C ; V F.4 La distanza focale misura 3 V F Risposte. Vera Infatti le coordinate del punto A non soddisfano l equazione della curva. Il punto A è esterno alla curva. I fuochi sono i punti (0;) (0; ). Vera La curva taglia l asse delle ordinate nei due vertici V (0;), V (0;-) e non ha altri punti sullo stesso asse esterni al segmento V V..3 Falsa Le coordinate del punto non soddisfano l equazione della curva come si deduce dalla seguenti elaborazioni

6 6 ( ) + = = 4.4 Falsa I fuochi dell ellisse sono i punti ( 3;0) F, ( 3;0) F e la distanza focale è c = 3. 3) Indicare fra le equazioni proposte quella dell ellisse riferita ai propri assi avente il punto V(3;0) come un suo vertice, fuochi sull asse delle ascisse e distanza focale y + = y + = y = + y = Risposta L equazione dell ellisse è la 3.; nella figura a lato la curva corrispondente è indicata con colore rosso; la curva relativa all equazione 3. è indicata in blu; in verde è indicata la curva relativa all equazione 3.3; in giallo è quella relativa all equazione (3.4). Dalla figura si evince che anche le ellissi di equazione (3.) e (3.4) passano dal punto V(3;0), ma solo la (3.) ha distanza focale 4. Infatti i suoi fuochi sono i punti F (;0), F (-;0). E + y = e la retta 4) Considerate nel piano cartesiano l ellisse : 8 s : y + = 0 valutare il valore di verità delle seguenti affermazioni 4. La retta s è secante la curva ed uno dei due punti comuni è A(-;0) 4. L ellisse ha i fuochi sull asse delle ordinate, la retta s ha con l ellisse in comune il punto A(-;0) ed un secondo punto nel primo quadrante. 4.3 La retta s è parallela alla bisettrice del primo e terzo quadrante ed ha in comune con 8 l ellisse il punto A(-;0) ed il punto P ; Ogni retta parallela alla retta s è secante l ellisse. Risposte 4. Vera Infatti le coordinate del punto A soddisfano le equazioni delle due curve. 4. Vera Abbiamo già precisato che il punto A(-;0) è comune alle due curve; l ellisse ha i fuochi sull asse delle ordinate ed il semiasse maggiore misura il punto V ( 0; ) è un vertice dell ellisse. Poiché la retta s taglia l asse delle ordinate nel punto B(0;) e risulta < si deduce che avrà con l ellisse un secondo punto in comune nel primo quadrante. 4.3 Falsa Per la giustificazione vedere quanto affermato nel precedente punto 4.. b =

7 7 4.4 Falsa Esistono due rette t, t parallele alla retta s che sono tangenti all ellisse e tutte le rette esterne alla striscia determinata dalle rette t, t non hanno punti in comune con l ellisse, mentre sono secanti l ellisse tutte le rette parallele alla retta s che sono interne alla striscia determinata dalle rette t, t. 5) Dopo aver determinato le equazioni delle rette tangenti all ellisse E : + y = 8 parallele alle bisettrici dei quadranti valutare il valore di verità delle seguenti affermazioni 5. Le equazioni delle quattro tangenti sono t : y = + 3 t : y = 3 t : y = + 3 t : y = V F 5. Le rette t : y = + 3, t 3 : y = + 3 sono tra loro perpendicolari e si intersecano in un punto di ascissa positiva. 5.3 Le rette t, t, t 3, t 4 determinano un quadrato in cui è inscritta l ellisse ed il perimetro del quadrato misura 8 6. Risposte 5. Vera Effettivamente le rette tangenti all ellisse parallele alle bisettrici dei quadranti sono quelle indicate (osservare la figura che segue). 5. Falsa Le rette t : y = + 3, t 3 : y = + 3 sono tra loro perpendicolari ma si intersecano nel punto ( 0; 3 ) P che ha ascissa nulla. 5.3 Vera Le rette tangenti t, t, t 3, t 4 delimitano effettivamente un quadrato i cui vertici sono: P ( 3;0 ), P ( 0; 3 ), P3 ( 3;0), ( 0; 3 4 ) quadrilatero ha gli angoli retti, dunque è un rettangolo ed i lati sono anche congruenti, come si verifica immediatamente calcolandone la misura; l = PP = P P risulta: 3 = ( 3) = 6. Pertanto il perimetro misura l =. P. Infatti il

8 8 6) Di seguito sono indicate le equazioni di alcune ellissi. Di esse solo due hanno gli assi dei quali uno ha misura uguale alla metà della misura dell altro. Indica la risposta esatta. a) d) + y = b) + y = e) + y = c) + y = + y = 6. a) e b) 6. b) e c) 6.3 a) ed e) 6.4 a) e c) Risposta La risposta esatta è la 6.4. Infatti per l ellisse a) il semiasse maggiore misura ed il semiasse minore misura. L ellisse c) ha il semiasse minore di misura ed il semiasse maggiore di misura 4. Le altre tre ellissi non hanno questa proprietà. 7) Se due ellissi hanno la stessa eccentricità ed uguale la misura dell asse minore o uguale la misura dell asse maggiore hanno necessariamente uguale anche la misura del secondo asse? SI NO Risposta La risposta corretta è SI. Dimostriamolo. Esaminiamo i casi 7. Le due ellissi abbiano entrambe i fuochi sull asse delle ascisse ed uguale la misura dell asse maggiore. 7. Le due ellissi abbiano entrambe i fuochi sull asse delle ascisse ed uguali la misura dell asse minore. 7.3 Delle due ellissi una ha i fuochi sull asse delle ascisse e l altra sull asse delle ordinate ed hanno uguali i rispettivi assi maggiori. 7.4 Delle due ellissi una ha i fuochi sull asse delle ascisse, l altra sull asse delle ordinate ed hanno uguali i rispettivi assi minori. Soluzione Supponiamo che le equazioni delle due ellissi siano le seguenti y E : + =, a b Analizziamo i diversi casi 7. In questo caso risulta y E : + = a b a = a = a ; i fuochi di E sono F ( c ;0), F ( c;0) c = a b ; i fuochi di E sono F ( c ;0), F ( c;0), con c = a b., con Dalla definizione di eccentricità c c e =, e =, a a c c e dall uguaglianza e = e = c = c a b = a b a a b = b quindi è uguale anche la misura del secondo semiasse, ed in definitiva anche del secondo asse delle due curve.

9 9 7. In questo caso risulta b = b = b. I fuochi di E sono F ( c ;0), F ( c;0), con c = a b ;i fuochi di E sono F ( c ;0), F ( c;0), conc = a b. Dalla definizione di eccentricità e dall uguaglianza supposta ricaviamo c c e =, e = a a e c c = e = a a ( ) ( ) a b a b = a a b = a a b a a a a b = a a b a b = a b a = a Anche in questo caso gli altri due semiassi sono uguali. 7.3 Supponiamo che l ellisse E abbia i fuochi sull asse delle ascisse e che l ellisse E abbia i fuochi sull asse delle ordinate, dunque risulta a >b e a <b. Sappiamo dunque che a =b. Vogliamo provare che dall uguaglianza dell eccentricità segue ancora l uguaglianza dei due assi minori, cioè che risulta b =a. Osserviamo che si ha: c = a b ; a b c = = a a e c = b a ; a = b b b = ; e a c = b = b a b b a = ; a b b b a e = e = b b = b a b = a. a a Quindi anche il semiasse minore dell ellisse che ha i fuochi sull asse delle ascisse è uguale al semiasse minore dell ellisse che ha i fuochi sull asse delle ordinate. 7.4 Supponiamo ancora che l ellisse E abbia i fuochi sull asse delle ascisse e che l ellisse E abbia i fuochi sull asse delle ordinate, dunque risulta a >b e a <b ; con l ipotesi che b =a e l uguaglianza delle eccentricità vogliamo provare che sono uguali anche le misure dei semiassi maggiori, cioè che risulta a =b. Osserviamo che: a b c = = e a a e ( b a ) ( e e ) = = e a b b b = a b b a b = a b b a b b b = a b a = b La tesi è acquisita. b a c = = ; b b a b b b : 4 5 = a b 8) Data l ellisse di equazione E + y = e la retta t : 4 + y = 5verificare che la retta è tangente all ellisse determinare le coordinate del punto di contatto. Risposta

10 0 La retta è effettivamente tangente all ellisse come si deduce risolvendo il sistema formato dalle equazioni delle due curve: 4 + y = y = 5 Il punto di contatto è A(;) 9) Data l ellisse ( ) ( ) + = 4 + y = y = = = y = y E : + = trovare le coordinate del 4 centro C, le misure dei semiassi a, b ed il valore dell eccentricità selezionando la risposta esatta tra quelle proposte: 9. C(;0), a=, b=, 9. C(;0), a=, b=, 9.3 C(;0), a=, b=, e = e = e = 3 Risposta La risposta esatta è la (9.). Osservare la figura a lato. 0) Stabilire per quali valori del parametro m l equazione m y 3 m + = 3 può rappresentare un ellisse nel piano cartesiano. Indicare la risposta esatta fra quelle proposte. 0. Per ogni valore di m diverso da zero e da tre 0. Per ogni valore di m dell intervallo ]0;3[ 0.3 Per ogni valore reale minore di tre e diverso da zero Risposta La risposta esatta è la (0.3). La (0.) è errata perché con m>3 il denominatore di y è negativo e ciò non è ammesso. La (0.) è errata perché sono accettabili anche valori negatovi del parametro. Nota Nella figura che segue sono riportate le dieci ellissi corrispondenti ai valori del parametro appartenenti al seguente insieme numerico {,5;,5;0,5; 0,5;,5;,5; 3,5; 4,5; 5,5; 6,5}

11 ) Considerata l equazione della famiglia di ellissi m y m + + = Dimostrare che al variare del parametro m esiste solo un valore reale per m per il quale si ottiene un ellisse che passa per il punto P ( ; ). Soluzione Imponendo il passaggio della curva dal punto P ( ; ) si ottiene la seguente equazione m + m + = 4 m m = 0 Si tratta di un equazione biquadratica che risolviamo ponendo m = t t t = 0 t = ; t = t = non è accettabile Il valore perché negativo; rimane t = m = L equazione dell ellisse richiesta è y + = 4 Nella figura a lato sono rappresentate dieci ellissi della famiglia; quella più interna, di colore rosso, è l ellisse che verifica la richiesta del quesito. Le dieci equazioni sono state ottenute applicando la funzione VECTOR di Derive nella seguente forma

12 (VECTOR(^/m^ + y^/(m^ + ) =, m, ( ),, )) Il simbolo indica la radice quadrata. F : + ( k) y = k + stabilire per quali ) Considerata l equazione del fascio di curve valori del parametro k si ottengono ellissi con i fuochi sull asse delle ascisse. Soluzione L equazione del fascio rappresenta ellissi se e solo se sono positivi il coefficiente di y ed il termine noto. I valori richiesti sono perciò le soluzioni del seguente sistema k > 0 k + > 0 < k < Volendo ottenere ellissi con i fuochi sull asse delle ascisse è opportuno scrivere l equazione del fascio di ellissi in forma canonica y F : + = k + k + k dalla quale si riconosce che si ottengono ellissi con la proprietà descritta se è soddisfatta la condizione k + k + > k < k In figura sono riportate dieci curve che verificano le condizioni richieste. Anche in questo caso sono state ottenute con l applicazione Derive. Il comando perla generazione delle equazioni è il seguente: (VECTOR(^ + (-k)y^ = k+, k,-0.9,,0.)) 3) Considerata l ellisse di equazione E : 4 + 3y + 6 6y + 7 = 0 scrivere le equazioni della traslazione τ che permettono il passaggio dal sistema di riferimento cartesiano Oy al sistema di riferimento cartesiano XO Y, avente come origine O il centro dell ellisse, come assi coordinati le rette O X, O Y parallele e concordi agli assi O, Oy. Scrivere l equazione dell ellisse nel riferimento XO Y e determinare le misure dei semiassi, le coordinate dei fuochi ed il valore dell eccentricità. Soluzione L equazione in esame corrisponde all equazione di un ellisse traslata rispetto al sistema di riferimento dei suoi assi. ; y le coordinate del centro O dell ellisse nel riferimento Oy, le Indicando con ( ) O O equazioni della traslazione richiesta sono del tipo: P = X P + O τ : (3.) y = Y + y P P O Le (3.) indicano chiaramente che se sono note le coordinate ( X P; Y P) del generico punto P nel riferimento XO Y si determinano le coordinate ( ; y ) dello stesso punto nel riferimento Oy. Le equazioni della traslazione richiesta sono però le infverse delle (3.). Cioè P P

13 3 X P = P O τ : Y = y y P P O (3.) Dobbiamo dunque determinare le coordinate ( ; ) y. Ciò è possibile farlo in due modi: o elaborando algebricamente l equazione dell ellisse per ricondurla alla forma ( ) ( y y ) O O E : + = ; a b o oppure sostituendo le (3.) nell equazione cartesiana della curva nel riferimento Oy ed imporre che siano nulli i coefficienti dei termini di primo grado in X ed Y. Seguiamo la seconda strada. E : 4 + 3y + 6 6y + 7 = 0 Effettuando le sostituzioni (3.) otteniamo ( ) ( ) ( ) ( ) E : 4 X Y + y + 6 X + 6 Y + y + 7 = 0 O O O O O O E : 4X + 8XO + 4O + 3Y + 6Yy O + 3yO + 6X + 6O 6Y 6y O + 7 = 0 Riordinando l equazione si ottiene la forma E : 4X + 3Y + 8( O + ) X 6( yo ) Y + 4O + 3yO + 6O 6y O + 7 = 0 Imponiamo che siano nulli i coefficienti dei termini di primo grado in X, Y O + = 0 yo = 0 O = ; yo = Conclusione Le equazioni (3.) richieste della traslazione sono τ X : = + Y = y τ Sostituendo i valori O = ; yo = nell equazione dell ellisse e semplificando si ricava E : 4X + 3Y = 0 E : 4X + 3Y = X Y E : + = 3 4 I fuochi dell ellisse sono i punti F ( ;0), F ( ;) ed il valore dell eccentricità è c e = = b

14 4 Equazioni della traslazione Equazione dell ellisse riferita ai propri assi Risposte X = + τ : Y = y X Y E : + = 3 4 Misure dei semiassi a = 3, b = Coordinate dei fuochi F ( ;0), F ( ;) Valore dell eccentricità c e = = b

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti Equazioni e Disequazioni Ripasso generale relativo alla risoluzione di equazioni, disequazioni,

Dettagli

PROGRAMMA di MATEMATICA

PROGRAMMA di MATEMATICA Liceo Scientifico F. Lussana - Bergamo PROGRAMMA di MATEMATICA Classe 3^ I a.s. 2014/15 - Docente: Marcella Cotroneo Libro di testo : Leonardo Sasso "Nuova Matematica a colori 3" - Petrini Ore settimanali

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE.

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE. VERIFIC DI MTEMTIC CLSSI TERZE (S, BS, CS, DS, ES) settembre COGNOME E NOME.. CLSSE. Esercizio In un piano cartesiano ortogonale determinare: a) l equazione della parabola con asse parallelo all asse,

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate Via G. Verdi, 1 85025 MELFI (PZ) Tel. 097224434/35 Cod. Min.: PZIS02700B

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico

Liceo G.B. Vico Corsico Liceo G.B. Vico Corsico Classe: 3A Materia: MATEMATICA Insegnante: Nicola Moriello Testo utilizzato: Bergamini Trifone Barozzi: Manuale blu.0 di Matematica Moduli S, L, O, Q, Beta ed. Zanichelli 1) Programma

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

LA RETTA. b) se l equazione si presente y=mx+q (dove q è un qualsiasi numero reale) si ha una retta generica del piano.

LA RETTA. b) se l equazione si presente y=mx+q (dove q è un qualsiasi numero reale) si ha una retta generica del piano. LA RETTA DESCRIZIONE GENERALE Nella GEOMETRIA ANALITICA si fa sempre un riferimento rispetto al piano cartesiano Oxy; questa riguarda lo studio della retta, delle trasformazioni lineari piane e delle coniche.

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 004 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un piano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE Testi dei temi d esame ed esercizi proposti con soluzione breve Versione del 1 settembre

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 In un piano, riferito

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1 Funzioni FUNZIONI Una funzione è una relazione fra due insiemi non vuoti e, che associa ad ogni elemento uno e un solo elemento. In simboli si scrive: = oppure. x 1. x..y B C.y 5 x 4..y 4 L elemento è

Dettagli

VII GARA DI MATEMATICA CON LE TECNOLOGIE SELEZIONE 25 NOVEMBRE 2010 DURATA ORE 2:00

VII GARA DI MATEMATICA CON LE TECNOLOGIE SELEZIONE 25 NOVEMBRE 2010 DURATA ORE 2:00 VII GARA DI MATEMATICA CON LE TECNOLOGIE SELEZIONE 5 NOVEMBRE 010 DURATA ORE :00 QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA Una sola risposta è esatta fra le 4 proposte per ciascun quesito. Ogni risposta esatta vale

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Relazioni statistiche: regressione e correlazione

Relazioni statistiche: regressione e correlazione Relazioni statistiche: regressione e correlazione È detto studio della connessione lo studio si occupa della ricerca di relazioni fra due variabili statistiche o fra una mutabile e una variabile statistica

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

SOLUZIONI D = (-1,+ ).

SOLUZIONI D = (-1,+ ). SOLUZIONI. Data la funzione f() ( ) ln( ) a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli intervalli in cui f() risulta positiva e quelli in cui risulta negativa c) determina le eventuali intersezioni

Dettagli

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA Risolvere le seguenti disequazioni: 0 ) x x ) x x x 0 CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 04/ MATEMATICA x 6 x x x x 4) x x x x x 4 ) 6) x x x ( x) 0 x x x x x x 6 0 7) x x x EQUAZIONI CON I MODULI

Dettagli

3. Quale affermazione è falsa?

3. Quale affermazione è falsa? 1. Quale affermazione è falsa? Se la funzione f) è continua e monotona crescente su R e se f) = 1 e f4) =, allora ha un unico zero nell intervallo, 4) f) non si annulla mai in R f ) > nell intervallo,

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. A cura di Jung Kyu CANCI e Domenico FRENI. Con la collaborazione di

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. A cura di Jung Kyu CANCI e Domenico FRENI. Con la collaborazione di UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria A cura di Jung Kyu CANCI e Domenico FRENI Con la collaborazione di Luciano BATTAIA e Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE TEMI D ESAME 9

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2 SOLUZIONE DEL PROBLEMA CORSO DI ORDINAMENTO. Studiamo la funzione f(x) = x R). Notiamo che f( x) = 4 + x, con dominio R (infatti x + 4 per ogni 4 + ( x) = 4 + x = f(x), cioè la funzione è pari e il grafico

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano Il piano cartesiano Per la rappresentazione di grafici su di un piano si utilizza un sistema di riferimento cartesiano. Su questo piano si rappresentano due rette orientate (con delle frecce all estremità

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

CLASSI PRIME Scienze Applicate 5 ORE

CLASSI PRIME Scienze Applicate 5 ORE CLASSI PRIME Scienze Applicate 5 ORE Settembre Ottobre Somministrazione di test di ingresso. Novembre dicembre Insiemi numerici Operazioni negli insiemi N, Q Operazioni negli insiemi Z, Q. Potenze con

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 «non si può intendere se prima non s impara a intender lingua, e conoscer i caratteri, nei quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri sono triangoli,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

I quesiti di Matematica per la classe di concorso A059

I quesiti di Matematica per la classe di concorso A059 I quesiti di Matematica per la classe di concorso A059 Prof. Michelangelo Di Stasio Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei di Piedimonte Matese (CE) michelangelodistasio@tin.it SOMMARIO Si propone la

Dettagli

11. L integrazione. 11.2 Integrazione definita. Prerequisiti

11. L integrazione. 11.2 Integrazione definita. Prerequisiti . L integrazione. Integrazione definita Prerequisiti Concetto di limite Continuità di una funzione Calcolo differenziale Calcolo integrale Concetto di volume Metodo degli indivisibili di Cavalieri Obiettivi

Dettagli

matematica per le terze

matematica per le terze istituto professionale versari-macrelli, cesena lorenzo pantieri matematica per le terze Dipartimento di Matematica Anno scolastico 2015-2016 Questo lavoro spiega il programma di matematica agli alun-

Dettagli

Simulazione di prova d Esame di Stato

Simulazione di prova d Esame di Stato 1 Simulazione di prova d Esame di Stato Risolvi uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario Nome Cognome Classe Data / / Problema 1 Sia y = f(x) una funzione reale di variabile

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Esercizi su dominio limiti continuità - prof. B.Bacchelli. Riferimenti: R.Adams, Calcolo Differenziale 2. Capitoli 3.1, 3.2.

Esercizi su dominio limiti continuità - prof. B.Bacchelli. Riferimenti: R.Adams, Calcolo Differenziale 2. Capitoli 3.1, 3.2. Esercizi su dominio iti continuità - prof. B.Bacchelli Riferimenti: R.Adams, Calcolo Differenziale 2. Capitoli 3., 3.2. - Esercizi 3., 3.2. ESERCIZI * Determinare e disegnare il dominio delle seguenti

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI Esercizi risolti

FUNZIONI ELEMENTARI Esercizi risolti FUNZIONI ELEMENTARI Esercizi risolti 1 Discutendo graficamente la disequazione x > 3+x, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne gli estremi Rappresentare nel piano x, y) l insieme

Dettagli

Anno 4 Grafico di funzione

Anno 4 Grafico di funzione Anno 4 Grafico di funzione Introduzione In questa lezione impareremo a disegnare il grafico di una funzione reale. Per fare ciò è necessario studiare alcune caratteristiche salienti della funzione che

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x)

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x) Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f() 1 Ecco i passi utili allo studio di una funzione reale: Determinare il dominio della funzione Ricercare l eventuale intersezione

Dettagli

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti Geometria del piano e dello spazio, trigonometria [2008, ORD] Si consideri la seguente proposizione: Se due solidi hanno uguale volume, allora, tagliati

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI ELEMENTI I TOPOGRFI ESERIZI 1. ato il quadrilatero, i cui vertici si seguono in senso antiorario, di cui si conoscono le coordinate dei vertici e rispetto a un sistema di assi ortogonali: E = 23,55 m N

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2012 Categoria Student Per studenti di quarta o quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2012 Categoria Student Per studenti di quarta o quinta della secondaria di secondo grado Testi_12Mat_5-8-Ecolier.qxd 24/06/12 17:29 Pagina 27 Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2012 Categoria Per studenti di quarta o quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA

INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA Una Geometria non può essere più vera di un altra; può essere solamente più comoda. Ora la Geometria Euclidea è e resterà più comoda H. Poincaré

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione 2 Rendering nello spazio 2D Il processo di rendering (visualizzazione)

Dettagli

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1 LE FUNZIONI EALI DI VAIABILE EALE Soluzioni di quesiti e problemi estratti dal Corso Base Blu di Matematica volume 5 Q[] Sono date le due funzioni: ) = e g() = - se - se = - Determina il campo di esistenza

Dettagli

MATEMATICA C3 ALGEBRA 2 8. TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE PIANE

MATEMATICA C3 ALGEBRA 2 8. TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE PIANE MATEMATICA C3 ALGEBRA 2 8. TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE PIANE La danza degli stormi, foto di _Pek_ http://www.flickr.com/photos/_pek_/4113244536 1. Generalità sulle trasformazioni geometriche piane...2 2.

Dettagli

Integrali doppi - Esercizi svolti

Integrali doppi - Esercizi svolti Integrali doppi - Esercizi svolti Integrali doppi senza cambiamento di variabili Si disegni il dominio e quindi si calcolino gli integrali multipli seguenti:... xy dx dy, con (x, y R x, y x x }; x + y

Dettagli

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI PROPRIETA : Finestra Proprietà (tasto destro mouse sull oggetto) Fondamentali: permette di assegnare o cambiare NOME, VALORE, di mostrare nascondere l oggetto, di mostrare

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Elenco Ordinato per Materia Chimica

Elenco Ordinato per Materia Chimica ( [B,25404] Perché le ossa degli uccelli sono pneumatiche, cioè ripiene di aria? C (A) per consentire i movimenti angolari (B) per immagazzinare come riserva di ossigeno X(C) per essere più leggere onde

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali.

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali. 1 y 4 CAMPO DI ESISTENZA. Poiché data è una irrazionale con indice di radice pari, il cui radicando è un polinomio, essa risulta definita solo per i valori della per i quali il radicando è positivo, ovvero

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

L iperbole: problemi ed equazioni. Bruna Cavallaro, Treccani Scuola

L iperbole: problemi ed equazioni. Bruna Cavallaro, Treccani Scuola L iperbole: problemi ed equazioni 1 Bruna Cavallaro, Treccani Scuola Tutto quello che sappiamo sull equazione cartesiana dell iperbole con centro O e fuochi sull asse x Asintoti c > a a, b, c sono legati

Dettagli

I.P.S.A.R. ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. GUSPINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI V SEZ. A T.S.R. ANNO SCOLASTICO 2013.2014

I.P.S.A.R. ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. GUSPINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI V SEZ. A T.S.R. ANNO SCOLASTICO 2013.2014 I.P.S.A.R. ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. GUSPINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DOCENTE PROF. CLASSE MATEMATICA SANDRO CADDEO V SEZ. A T.S.R. ANNO SCOLASTICO 2013.2014 OBIETTIVI. Gli obiettivi generali ed

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

La simmetria centrale

La simmetria centrale La simmetria centrale Una simmetria centrale di centro O è una isometria che associa al punto O se stesso e ad ogni altro punto P del piano il punto P in modo che O sia il punto medio del segmento PP.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS Classe: 3 a B Informatica Docente: Gianni Lai PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MATEMATICA e COMPLEMENTI

Dettagli

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014 Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L I numeri naturali e i numeri interi Che cosa sono i numeri naturali. L insieme dei numeri naturali N. Le quattro

Dettagli

LA GEOMETRIA CON GEOGEBRA

LA GEOMETRIA CON GEOGEBRA La geometria con Geogebra Introduzione 1 SERGIO BALSIMELLI LA GEOMETRIA CON GEOGEBRA (seconda edizione) Esercizi per la scuola secondaria di primo grado e di secondo grado La geometria con Geogebra Introduzione

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

Giuseppe Ruffo. Fisica: lezioni e

Giuseppe Ruffo. Fisica: lezioni e Giuseppe Ruffo Fisica: lezioni e problemi Unità A2 - La rappresentazione di dati e fenomeni 1. Le rappresentazioni di un fenomeno 2. I grafici cartesiani 3. Le grandezze direttamente proporzionali 4. Altre

Dettagli