L IMPORTANZA DEL BENESSERE NEI TRASPORTI ANIMALI: IL REGOLAMENTO1/2005

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L IMPORTANZA DEL BENESSERE NEI TRASPORTI ANIMALI: IL REGOLAMENTO1/2005"

Transcript

1 L IMPORTANZA DEL BENESSERE NEI TRASPORTI ANIMALI: IL REGOLAMENTO1/2005 Dr. Aldo Montagna Az. Ulss 15 Alta Padovana

2 il benessere animale e il consumatore L 82% delle persone interpellate afferma che la protezione degli animali deve essere assolutamente garantita Il 43% tiene conto, all atto dell acquisto di prodotti, che gli stessi provengano da animali allevati nel rispetto delle norme sulla protezione degli animali Il 57% sarebbe disposto a pagare di più per prodotti che derivano da una produzione rispettosa delle norme inerenti la protezione animali Fonte: : DG SANCO - Eurobarometer 2005

3 il benessere animale e l allevatore Rispetto della norma meno stress da trasporto. gli allevatori sono i primi che hanno diritto che gli animali vengano trasportati nel rispetto di parametri come: densità tempi di trasporto temperature

4 Bovini Mortalità: -0,01% (UNICEB, 2000) Calo peso vivo: tra le 18 e le 24 ore di viaggio è di circa il 7% (range( 3% - 11%) (Knowles( e Warriss, 2000)

5 Suini Calo peso vivo: In trasporti di 24 ore le perdite osservate sono pari al 4,2% del peso vivo (Frotin et al., 2002) Mortalità: 0,055% (Guizzardi et al su circa 300 mila soggetti)

6 Avicoli Calo peso vivo: 0,23% del peso vivo per ora (Bianchi et al., 2005) Mortalità: Broilers 0,35% Tacchini 0,38% (Bianchi et al., 2005 su 943 mil di broilers. e 90 mil di tacchini dal 2001 al 2004)

7 Anno trasporti effettuati nella CE 26 Mio animali vivi trasportati trasporti di animali 30% dei trasporti > 8 ore (88% sono trasporti intracomunitari) Fonte: DG SANCO

8 Reg. (CE). 1/2005 Definizione di trasporto: comprende anche le operazioni di carico, scarico, trasferimento e riposo Estensione delle responsabilità a tutti gli operatori: gli allevatori, operatori dei centri di raccolta e dei macelli Idoneità degli animali al trasporto: ne vengono precisate le condizioni

9 Reg. (CE). 1/2005 deroghe Non si applica: al trasporto di animali che non sia in relazione con un attività economica al trasporto di animali direttamente verso cliniche o ambulatori veterinari

10 Reg. (CE). 1/2005 deroghe Si applicano solo: l Art. 3 (evitare soffereze inutili, non esporre gli animali a lesioni etc.) l Art. 27 (i trasporti sono sottoposti a controlli..) ai trasporti effettuati dagli allevatori: con veicoli agricoli o con i propri mezzi di trasporto per transumanza nel caso gli stessi trasportino i propri animali con i propri mezzi di trasporto per una distanza < a 50km

11 Reg. (CE). 1/2005 autorizzazioni del trasportatore: per viaggi sopra o sotto le otto ore omologazione dei mezzi per viaggi sopra le otto ore certificato di idoneità (patentino) per conducenti e guardiani organizzazione e responsabile del trasporto strutture di carico e scarico idonee

12 Reg. (CE). 1/2005 definizioni luogo di partenza: il luogo nel quale l'animale è caricato per la prima volta su un mezzo di trasporto a patto che sia stato sistemato in detto luogo almeno 48 ore prima dell'ora di partenza. luogo di destinazione: il luogo in cui un animale è scaricato da un mezzo di trasporto e: i) sistemato per almeno 48 ore prima dell'ora di partenza; ovvero ii) macellato; deroga per i centri di raccolta riconosciuti (6 ore) e per i punti di controllo (24 ore)

13 Requisiti per l autorizzazione del trasportatore Devono essere residenti o siano rappresentati nello Stato membro in cui chiedono l'autorizzazione Devono dimostare di disporre di personale, attrezzature e procedure operative sufficienti ed appropriate Non devono avere commesso gravi infrazioni della normativa comunitaria e/o nazionale in materia di protezione degli animali negli ultimi tre anni

14 Documentazione obbligatoria per il trasporto di animali che riporta (Art. 4) Origine e dati identificativi del proprietario degli animali Luogo di partenza Data e ora di partenza Luogo di destinazione Durata prevista del viaggio

15 Mod. 4

16 Art. 10. Il trasportatore deve: Obblighi del trasportatore a) tenere e conservare per almeno tre anni, per ciascun veicolo utilizzato per il trasporto degli animali, un registro contenente le seguenti informazioni: 1) luogo, data, nome, o ragione sociale, delle aziende o dei centri di raccolta dai quali gli animali sono stati prelevati e relativo indirizzo; 2) luogo e data della consegna degli animali e nome, o ragione sociale, e indirizzo dei destinatari di essi; 3) specie e numero degli animali trasportati; 4) data e luogo delle operazioni di disinfezione; 5) dati relativi alla certificazione sanitaria di accompagnamento degli animali; b) provvedere affinche' tra la partenza dall'azienda o dal centro di raccolta d'origine e l'arrivo al luogo di destinazione, gli animali non entrino in contatto con animali di qualifica sanitaria inferiore

17 Responsabilità del detentore gli animali siano idonei al trasporto il carico, lo scarico e la cura degli animali rispettino quanto previsto dal regolamento al carico o allo scarico controlla tutti gli animali compila e firma la sezione 2 o la sezione 3 del giornale di viaggio in caso di viaggi sopra le 8 ore

18 Non possono essere trasportati gli animali -non in grado di spostarsi autonomamente o senza aiuto -che presentano grave ferite o prolassi -che hanno partorito durante la settimana precedente -che hanno superato il 90% del periodo di gestazione previsto - i mammiferi neonati con ombelico non ancora completamente cicatrizzato -suini < 3 settimane, ovini < 1 settimana, vitelli < 10gg possono essere trasportati per viaggi inferiori ai 100 km

19 gli gli animali che durante il il trasporto si si ammalano o subiscono lesioni: separati e curati nei casi gravi : intervento di di un un veterinario macellazione d'emergenza abbattimento gli gli animali per cui cui è necessaria la la macellazione d emergenza o l abbattimento, devono essere storditi sul sul mezzo di di trasporto, a

20 il mezzo deve esporre all esterno e ben in evidenza la scritta: trasporto animali vivi

21 Le caratteristiche dei mezzi per evitare lesioni e sofferenze inutili agli animali, le pareti e il pavimento devono essere perfettamente integri una volta pulito il mezzo quindi, va prestata particolare attenzione: agli angoli alla parte del pavimento più vicina al portellone per quanto riguarda la pulizia: i mezzi devono essere disinfettati prima di ogni carico il trasportatore deve poter esibire regolare documentazione comprovante l avvenuta disinfezione

22 le rampe dovrebbero essere: non scivolose pulite e disinfettate ben illuminate munite di barriere laterali (onde evitare cadute e fughe) con una pendenza di max 20 (36,4%) per suini vitelli e cavalli con una pendenza di max 26,34 (50%) per ovini e bovini adulti

23 per controllare la pendenza di una rampa : con un metro o un misuratore laser si prende: la misura della lunghezza della rampa (proiettata fino al pavimento) la misura dell altezza della rampa dividendo l altezza per la lunghezza della rampa,ne risulterà la percentuale di inclinazione

24

25

26 Spazio sopra la testa Equini : 75 cm sopra il garrese Bovini : 20 cm sopra il punto più alto, ma in Olanda 25 In generale (all. I capo I )dev'essere garantito uno spazio sufficiente per assicurare che vi sia una ventilazione adeguata sopra gli animali allorché questi si trovano in posizione eretta naturale, senza impedire per nessun motivo il loro movimento naturale. (deroga par gli avicoli)

27 trasporti particolari: contenitori

28 Viaggi long Requisiti supplementari per viaggi sopra le 8h soffitto coibentato un sistema di navigazione satellitare ventilazione forzata garantire una temperatura interna compresa tra 0C e 35C (+o- 5C ) avere un sistema di registrazione della temperatura collegato ad un sistema d allarme, possa segnalare al conducente il superamento dei due limiti (min e max)

29 aerazione il sistema di aerazione deve: funzionare anche a camion fermo garantire un flusso d aria di 60mc/h/kN per controllare il dato servono le specifiche della casa costruttrice dove è presente la portata oraria dei ventilatori il totale risultante dalla somma della portata oraria dei ventilatori installati deve essere sufficiente per l intero carico

30 il sistema di navigazione deve consentire di registrare: tutti gli spostamenti del camion la velocità di crociera le eventuali fermate le aperture dei portelloni una volta a regime questo sistema dovrebbe permettere alle autorità competenti che hanno rilasciato le autorizzazioni di accedere ai dati di viaggio attualmente sussiste l obbligo per il conducente di fornire, se richieste dalle autorità competenti, le registrazioni effettuate dal sistema

31 i mezzi idonei ai lunghi viaggi (oltre 8h) devono inoltre avere : una cisterna d acqua (capacità = 1,5% del carico massimo consentito) lettiera un sistema di abbeveratoi idonei per le specie animali trasportate NB: tutto questo vale per equini, bovini ovi caprini e suini, per gli altri animali (es. avicoli) non sono previsti requisiti supplementari

32 ABBEVERATOIO PER SUINI ABBEVERATOIO PER OVI CAPRINI

33 PIANO D'EMERGENZA PER LUNGHI VIAGGI che consideri almeno le procedure relative alla gestione delle seguenti eventualità: sostituzione del conducente o del guardiano riparazione estemporanea del mezzo di trasporto sul luogo del guasto (recapiti telefonici delle officine ubicate lungo il tragitto) sostituzione del mezzo di trasporto con trasferimento di tutti, o di parte, degli animali (recapiti telefonici dei trasportatori disponibili, convenzionati ecc.) separazione e cura degli animali ammaliati o feriti abbattimento previo stordimento eutanasia (medico veterinario) richiesta d intervento dell autorità sanitaria competente (recapiti telefonici) richiesta di intervento di un medico veterinario (recapiti telefonici) richiesta di intervento dell autorità competente in materia di pubblica sicurezza (recapiti telefonici)

34 Deroga per viaggi nel territorio nazionale in Italia, grazie ad una deroga concessa dal Regolamento: ai mezzi short sono concessi viaggi fino a 12h devono però essere dotati di abbeveratoi e ventilatori vale per le caratteristiche del mezzo, non per i tempi di trasporto

35 pratiche di trasporto è vietato durante il carico/scarico di animali percuotere comprimere parti del corpo sollevarli o trascinarli per parti del corpo sospenderli usare pungoli l uso di strumenti elettrici è permesso: per suini e bovini adulti sui quarti posteriori con scariche che durino massimo 1 secondo su animali che abbiano spazio per muoversi da non ripetersi se l animale non reagisce

36 pratiche di trasporto è importante la separazione di animali: per taglia ed età significativamente diverse per specie diverse con corna / senza corna legati / slegati ostili feriti

37 pratiche di trasporto le corde non devono creare pericoli, strangolamenti o lesioni robuste e facili da slegare devono permettere all animale di muoversi è vietato legare gli animali -per le corna -per gli anelli nasali -per le zampe insieme

38 pratiche di trasporto per quanto riguarda gli equidi : nei lunghi viaggi vanno trasportati in stalli individuali se sono non domati possono essere trasportati in numero massimo di 4 non possono essere trasportati su mezzi a più livelli devono avere almeno 75cm di spazio libero sopra il garrese

39 pratiche di trasporto SEPARAZIONE CON TRAMEZZI le tramezze o divisori per la separazione dei bovini adulti e degli equini di età superiore ai 10 mesi è opportuno che siano: di altezza di oltre m 1.30 a parete piena posizionate con il lato inferiore a filo della lettiera (in caso contrario che gli animali potrebbero inserire arti sotto la tramezza con rischio di fratture e lesioni)

40 Transenna non conforme

41 pratiche di trasporto TEMPI DI VIAGGIO è prevista una deroga di max 2h, ma solo se serve per arrivare a destinazione

42 pratiche di trasporto non tutti gli animali possono affrontare lunghi viaggi: equini non domati puledri < 4 mesi di età vitelli < 14 giorni di età suini < 10kg di peso vivo deroga se con le madri

43 All. 1 capo VII A. Equidi domestici B. Bovini C. Ovini/caprini D. Suini E. pollame SPAZI DISPONIBILI

44

45

46 Il pavimento ha una superficie necessariamente inferiore rispetto alla superficie calcolata in base alle misure esterne del veicolo Inoltre gli angoli interni delle superfici dei veicoli devono essere arrotondati per rendere possibile l adeguata pulizia 1

47 Il calcolo della densità di carico Per effettuare il calcolo occorre avere a disposizione: Le tabelle del Reg. 1/2005 riportanti le densità di carico delle singole specie (impossibile ricordarle tutte a memoria) Il peso di ogni partita trasportata La superficie destinata alla partita di animali controllata

48 Il calcolo della densità di carico Superficie disponible per singolo animale = Superficie carico partita / n animali Peso medio per animale = Peso netto /n animali Confronto superficie effettiva per capo con dati riportati nella tabella di specie

49 Il calcolo della densità di carico Nel caso di viaggi long, lo spazio destinato ad ogni partita è riportato sul giornale di viaggio Nel caso di viaggi short vari casi: Trasportatori con autorizzazione short: nella check list del mezzo sono riportate le superfici di carico di ciascun piano del mezzo Trasportatori long: le superfici sono riportate sul certificato di omlogazione Produttori primari: vedere l autodichiarazione -Ma si può sempre misurare!

50 Il calcolo della densità di carico La cosa si complica se le partite in un trasporto short sono sullo stesso piano divise da tramezze, oppure se una stessa partita, per ragioni dovute alla presenza di animali di diversi box, di diverso sesso o altro è stata divisa all interno del mezzo. In questo caso, occorre misurare l effettiva superficie di carico.

51 Il calcolo della densità di carico Non dimentichiamo mai inoltre che esistono delle variabili: Equini Le cifre possono variare del 10 % al massimo per i cavalli adulti ed i pony e del 20 % al massimo per i cavalli giovani e i puledri, in base non solo al peso e alle dimensioni ma anche allo stato fisico dei cavalli, alle condizioni meteorologiche ed alla durata probabile del tragitto. Le variazioni si intendono solo in aumento degli spazi disponibili (parere della commissione su specifica interrogazione)

52 Il calcolo della densità di carico Bovini Le cifre possono variare in base non solo al peso e alle dimensioni, ma anche allo stato fisico degli animali, alle condizioni meteorologiche e alla durata probabile del tragitto.

53 Il calcolo della densità di carico Suini (kg 235 per m2) Per la razza, le dimensioni e lo stato fisico dei suini può essere necessario aumentare la superficie al suolo minima richiesta. Essa può essere aumentata fino al 20 % anche in base alle condizioni meteorologiche e alla durata del viaggio.

54 IL GIORNALE DI VIAGGIO I lunghi viaggi, tra paesi membri o tra paesi membri e paesi terzi, di equidi domestici, bovini, suini, ovini e caprini, devono essere corredati dal giornale di viaggio. Il giornale di viaggio si compone delle seguenti sezioni: Sezione 1 Pianificazione Sezione 2 Luogo di partenza Sezione 3 Luogo di destinazione Sezione 4 Dichiarazione del trasportatore Sezione 5 Modello per la relazione sulle anomalie Le pagine del giornale di viaggio devono essere rilegate tra loro.

55 IL GIORNALE DI VIAGGIO i detentori del luogo di destinazione, compilano e firmano la pertinente sezioni del giornale di viaggio. informano quanto prima l'autorità competente di eventuali riserve quanto al rispetto delle disposizioni del presente regolamento utilizzando il modello riportato alla sezione 5. i detentori nel luogo di destinazione conservano, il giornale di viaggio, per almeno tre anni dalla data di arrivo nel luogo di destinazione. A richiesta il giornale di viaggio è messo a disposizione dell'autorità competente.

56 Disinfezioni (Art (Art.34) I trasportatori devono soddisfare i seg. requisiti aggiuntivi: I mezzi di trasporto devono essere puliti e disinfettati immediatamente dopo ogni trasporto di animali,, se necessario,, prima di ogni nuovo carico Disporre di attrezzature adeguate per la pulizia e la disinfezione, compresi impianti per l'immagazzinamento dello strame e del letame; Fornire la documentazione comprovante che tali operazioni sono svolte da terzi

57 Registro (Art. (solo per gli scambi) Art. 34) Per ciascun veicolo autorizzato il trasportatore deve tenere un registro contenente almeno: a) luoghi,, date, ore del prelievo, nome e indirizzo b) luoghi,, date, ore di consegna, nome e indirizzo c) specie e numero degli animali trasportati d) data e luogo delle operazioni di disinfezione e) dati della documentazione di accompagnamento f) durata prevista di ciascun viaggio

58 Grazie per l attenzione!

Dott.ssa Riu Raffaela

Dott.ssa Riu Raffaela Dott.ssa Riu Raffaela MINISTERO DELLA SALUTE Il riconoscimento degli animali quali esseri senzienti, e quindi portatori di diritto, è uno dei Europea La sicurezza della catena alimentare è indirettamente

Dettagli

Questionario a risposta multipla sulla tutela degli animali durante il trasporto

Questionario a risposta multipla sulla tutela degli animali durante il trasporto Questionario a risposta multipla sulla tutela degli animali durante il trasporto 1 Un allevatore trasporta le proprie scrofe ad un macello distante 40 km dalla fattoria. Una delle scrofe viene caricata

Dettagli

1- Idoneità degli animali al trasporto. Réglementation européenne sur le transport des animaux / Commission Européenne. Mars 2005

1- Idoneità degli animali al trasporto. Réglementation européenne sur le transport des animaux / Commission Européenne. Mars 2005 Norme europee sulla protezione degli animali durante il trasporto Il consumatore europeo si preoccupa sempre di più del benessere degli animali d allevamento. Presentazione a cura della Commissione Europea

Dettagli

La protezione degli animali durante il trasporto

La protezione degli animali durante il trasporto La protezione degli animali durante il trasporto La nuova normativa comunitaria e la disciplina sanzionatoria nazionale A cura di Roberto Bennati Vicepresidente LAV 1 Esempi trasporti verso l Italia 2004

Dettagli

Il trasporto di animali vivi essere formato

Il trasporto di animali vivi essere formato Il trasporto di animali vivi Cavalli trasportati dalla Spagna e dall Est Europa, in particolare Lituania, Romania e Polonia su camion per 36-46 ore verso l Italia, spesso senza riposo, senza cibo e acqua

Dettagli

La protezione degli animali durante il trasporto La disciplina legislativa

La protezione degli animali durante il trasporto La disciplina legislativa La protezione degli animali durante il trasporto La disciplina legislativa Corso di formazione per le Forze di Polizia a cura di Roberto Bennati Vice pesidente LAV e Christine Hafner Animals Angels 1 Idoneità

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO TRASPORTO ANIMALI VIVI

CHECK LIST CONTROLLO TRASPORTO ANIMALI VIVI Allegato I Allegato I (Check list di controllo per il trasporto di animali vivi) CHECK LIST CONTROLLO TRASPORTO ANIMALI VIVI LUOGO del CONTROLLO: Luogo di partenza Luogo di destinazione In itinere Data

Dettagli

NESSUNO E AUTORIZZATO A TRASPORTARE O FAR

NESSUNO E AUTORIZZATO A TRASPORTARE O FAR CAMPO DI APPLICAZIONE Il regolamento si applica al trasporto di animali vertebrati vivi: mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e pesci Sul territorio della comunità europea sui trasporti nazionali e tra

Dettagli

BENESSERE DEGLI EQUIDI DURANTE IL TRASPORTO: CENNI NORMATIVI ED ESEMPI PRATICI

BENESSERE DEGLI EQUIDI DURANTE IL TRASPORTO: CENNI NORMATIVI ED ESEMPI PRATICI BENESSERE DEGLI EQUIDI DURANTE IL TRASPORTO: CENNI NORMATIVI ED ESEMPI PRATICI Dr. Savino Marco DI TRANI Ufficio Veterinario per gli Adempimenti Comunitari (UVAC) del Piemonte Piazza Lagrange, 1 10123

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE - S.O.C. SERVIZIO VETERINARIO AREA C Dr.

Dettagli

Alessandria 22-23 23 novembre 2013 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI

Alessandria 22-23 23 novembre 2013 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria 22-23 23 novembre 2013 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI IL BENESSERE ANIMALE DURANTE IL TRASPORTO REGOLAMENTO CE 1/2005 Dott. Andrea

Dettagli

3 Dicembre 2011 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI

3 Dicembre 2011 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria 2-32 3 Dicembre 2011 CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI IL BENESSERE ANIMALE DURANTE IL TRASPORTO REGOLAMENTO CE 1/2005 Dott. Andrea

Dettagli

LINEE GUIDA INERENTI L ACCORDO STATO-REGIONI PRIME DISPOSIZIONI PER L AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO DI ANIMALI VIVI

LINEE GUIDA INERENTI L ACCORDO STATO-REGIONI PRIME DISPOSIZIONI PER L AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO DI ANIMALI VIVI Direzione Sanità Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti ALLEGATO 1 LINEE GUIDA INERENTI L ACCORDO STATO-REGIONI PRIME DISPOSIZIONI PER L AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO DI ANIMALI VIVI Il Reg.

Dettagli

IL TRASPORTO. Manuale per la gestione del controllo del benessere animale durante il trasporto su strada. degli animali. Ministero della Salute

IL TRASPORTO. Manuale per la gestione del controllo del benessere animale durante il trasporto su strada. degli animali. Ministero della Salute Ministero della Salute IL TRASPORTO Manuale per la gestione del controllo del benessere animale durante il trasporto su strada degli animali Manuale aggiornato a maggio 2008 del lio nimali g i ons li a

Dettagli

~:::) I REGIONE DEL VENETO J

~:::) I REGIONE DEL VENETO J ~:::) I REGIONE DEL VENETO J giunta regionale - 8/\ legislaturi 7 7 3 2 2 S ET. 2009 ALLEGATO G Dgr n. del pago 1/4 / "... ~,:..,,... Modulo di richiesta di autorizzazione al trasportatore Tipo 2 Marca

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 3/32 5.1.2005 ALLEGATO II GIORNALE DI VIAGGIO [di cui all'articolo 5, paragrafo 4, all'articolo 8, paragrafo 2, all'articolo 14, lettere a) e c) e all'articolo 21, paragrafo 2)] 1. La persona che pianifica

Dettagli

Trasporti di animali da reddito - sicuri, rispettosi degli animali, conformi alla legge

Trasporti di animali da reddito - sicuri, rispettosi degli animali, conformi alla legge Amt für Lebensmittelsicherheit und Tiergesundheit Graubünden Uffizi per la segirezza da victualias e per la sanadad d animals dal Grischun Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute

Dettagli

Salute. Roma, N. DGSA/VI/ - P Risposta al Foglio del N.

Salute. Roma, N. DGSA/VI/ - P Risposta al Foglio del N. Ministero Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO UFFICIO VI N. DGSA/VI/ - P

Dettagli

Regolamento (CE) n.1/2005 del Consiglio del 22 dicembre 2004 sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate, che

Regolamento (CE) n.1/2005 del Consiglio del 22 dicembre 2004 sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate, che LINEE GUIDA PER TRASPORTATORI, CONDUCENTI, GUARDIANI 2007.1 2 PREMESSA Il Regolamento (CE) n. 1/2005 intende disciplinare in ambito comunitario il trasporto degli animali e le operazioni correlate, salvaguardandone

Dettagli

IL TRASPORTO. Il trasporto degli animali da allevamento e la loro protezione. degli animali. Ministero della Salute Ministero dellinterno

IL TRASPORTO. Il trasporto degli animali da allevamento e la loro protezione. degli animali. Ministero della Salute Ministero dellinterno Ministero della Salute Ministero dellinterno IL TRASPORTO degli animali Il trasporto degli animali da allevamento e la loro protezione Guida all attenzione delle Forze di Polizia e dei Veterinari di Sanità

Dettagli

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini Esperienze sul territorio dell Azienda USL di Modena Dott.ssa Giovanna Trambajolo Dott Luca Ferri Dott.ssa

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI DETENZIONE ANIMALI, VENDITA PICCOLI ANIMALI, TOILETTE PER CANI E GATTI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI DETENZIONE ANIMALI, VENDITA PICCOLI ANIMALI, TOILETTE PER CANI E GATTI All Ufficio S.U.A.P. del COMUNE DI PONZA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI DETENZIONE ANIMALI, VENDITA PICCOLI ANIMALI, TOILETTE PER CANI E GATTI ai sensi dell art. 19 L. 241/90 e D.P.R. 8

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Regolamento (CE) n. 1/2005 del Consiglio del 22 dicembre 2004 sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate che modifica le direttive 64/432/CEE e

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

Ministero della Salute e Ministero dell Interno Guida all attenzione delle Forze di Polizia e dei Veterinari di Sanità Pubblica

Ministero della Salute e Ministero dell Interno Guida all attenzione delle Forze di Polizia e dei Veterinari di Sanità Pubblica Ministero della Salute e Ministero dell Interno Guida all attenzione delle Forze di Polizia e dei Veterinari di Sanità Pubblica Il trasporto degli animali da allevamento e la loro protezione Manuale a

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 4 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina,

Dettagli

Movimentazione comunitaria dei cani e gatti

Movimentazione comunitaria dei cani e gatti Verona 18 aprile 2013 Movimentazione comunitaria dei cani e gatti Alberto Camerini Dipartimento di Prevenzione -Servizio Veterinario Multizonale. acamerini@ulss.tv.it alberto-camerini@regione.veneto.it

Dettagli

Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine

Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine Nell'ambito del controllo ufficiale delle aziende suinicole, i Servizi veterinari delle ASL devono verificare i seguenti aspetti generali: -lo

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1/2005 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 1/2005 DEL CONSIGLIO I (Atti per i quali la pubblicazi one è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1/2005 DEL CONSIGLIO del 22 dicembre 2004 sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni

Dettagli

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali (Ordinanza SSRA) Modifica del 15 dicembre 2004 Il Dipartimento federale dell economia ordina: I L ordinanza

Dettagli

Informazioni tecniche Protezione degli animali. Canili e box per la detenzione di cani. Definizioni. Uscite quotidiane

Informazioni tecniche Protezione degli animali. Canili e box per la detenzione di cani. Definizioni. Uscite quotidiane Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV Protezione degli animali Informazioni tecniche Protezione degli animali Canili e box per la detenzione

Dettagli

CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie)

CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie) CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie) A. REPARTO RICOVERO CANI B. REPARTO ISOLAMENTO (PER CANI AMMALATI O SOSPETTI O DI NUOVA INTRODUZIONE) C. AREA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI - DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO - UFFICIO VI PROTEZIONE

Dettagli

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov.

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov. ALLA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di Dipartimento Prevenzione Per il tramite del SUAP del COMUNE DI Segnalazione Certificata Inizio Attività ( S.C.I.A. ) ai fini della registrazione di nuovo allevamento

Dettagli

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ACCORDO BILATERALE SVIZZERA/UE SUI PRODOTTI AGRICOLI L'accordo del 21 giugno 1999, fra la Confederazione Svizzera e la Comunità

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI

Dettagli

Il trasporto dei cani e dei gatti: scopo commerciale e non commerciale

Il trasporto dei cani e dei gatti: scopo commerciale e non commerciale 56 30giorni - il mensile del medico veterinario / agosto 2010 Il trasporto dei cani e dei gatti: scopo commerciale e non commerciale di Mario Sapino* Considerata la necessità di preparare questa presentazione

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI CASTELNUOVO RANGONE (MO) 12-13 maggio 2010 FORLI 3-4 giugno 2010 BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI Silvano Natalini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti MOTIVAZIONI E OBIETTIVI DELL INIZIATIVA FORMATIVA

Dettagli

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Sicurezza realizzabile Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Conoscete i pericoli collegati alle attività di carico e scarico di cassoni, container per rifiuti e press container? Questa

Dettagli

PROTEZIONE DEGLI ANIMALI AL MACELLO. VALENTINA DE NADAI Dirigente del servizio veterinario igiene degli alimenti di origine animale

PROTEZIONE DEGLI ANIMALI AL MACELLO. VALENTINA DE NADAI Dirigente del servizio veterinario igiene degli alimenti di origine animale PROTEZIONE DEGLI ANIMALI AL MACELLO VALENTINA DE NADAI Dirigente del servizio veterinario igiene degli alimenti di origine animale QUADRO NORMATIVO Direttiva 93/119/CE Decreto Legislativo 333/98 ABROGATI

Dettagli

Il controllo dei trasporti su gomma degli animali da reddito: la formazione, le modalità, l informazione

Il controllo dei trasporti su gomma degli animali da reddito: la formazione, le modalità, l informazione Il controllo dei trasporti su gomma degli animali da reddito: la formazione, le modalità, l informazione Ministero della Salute UVAC Regione E. Romagna Dott.. Gabriele Gandini RICHIAMI NORMATIVI Dir.91/628

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico Dipartimento di Altezza dei locali REQUISITI L altezza del locale,

Dettagli

Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico

Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico Ferrara, 31 maggio 2013 dott. Andrea Poli REGOLAMENTO CE 1/2005 VIAGGIO: l intera operazione

Dettagli

(Atti non legislativi) DECISIONI

(Atti non legislativi) DECISIONI 24.2.2015 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/1 II (Atti non legislativi) DECISIONI DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2015/261 DELLA COMMISSIONE del 6 febbraio 2015 che modifica le decisioni 2010/470/UE

Dettagli

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Spett.le A.M.A.G. Via Damiano Chiesa n.18 15100 Alessandria Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a il residente in Via N Tel: nella

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 155/48 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 22.6.2010 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 18 giugno 2010 recante misure di protezione nei confronti dell anemia infettiva equina in Romania [notificata con

Dettagli

Benessere dei suini. Aspetti normativi per l allevamento, il trasporto e la pre-macellazione. macellazione. Paolo Candotti IZSLER, Brescia

Benessere dei suini. Aspetti normativi per l allevamento, il trasporto e la pre-macellazione. macellazione. Paolo Candotti IZSLER, Brescia Rassegna Suinicola Internazionale, Reggio Emilia 16.04.09 Benessere dei suini Aspetti normativi per l allevamento, il trasporto e la pre-macellazione macellazione Paolo Candotti IZSLER, Brescia Un po di

Dettagli

6.1 Le schede operative per la gestione degli animali

6.1 Le schede operative per la gestione degli animali 6schede per la gestione in sicurezza degli animali in condizioni di emergenza 6.1 Le schede operative per la gestione degli animali Le seguenti schede suggeriscono i comportamenti più adeguati che le diverse

Dettagli

ABBATTIMENTO DEGLI ANIMALI PER LA MACELLAZIONE IN PILLOLE LA NUOVA NORMATIVA IN VIGORE DALL 1.1.2013

ABBATTIMENTO DEGLI ANIMALI PER LA MACELLAZIONE IN PILLOLE LA NUOVA NORMATIVA IN VIGORE DALL 1.1.2013 ABBATTIMENTO DEGLI ANIMALI PER LA MACELLAZIONE IN PILLOLE LA NUOVA NORMATIVA IN VIGORE DALL 1.1.2013 a cura di Gianluca Felicetti REGOLAMENTO (CE) N. 1099/2009 del Consiglio del 24 settembre 2009 relativo

Dettagli

BENESSERE DEI SUINI Fasi di carico/scarico e trasporto su strada

BENESSERE DEI SUINI Fasi di carico/scarico e trasporto su strada Opuscolo C.R.P.A. 5.54 - N. 2/2010 (spedito nel maggio 2010) ISSN 0393-5094 C.R.P.A. NOTIZIE - C.so Garibaldi, 42 - REGGIO EMILIA - Periodico mensile - Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n.

Dettagli

CAVALLI dalla SPAGNA all ITALIA Caso di studio 1 CAVALLI dalla SPAGNA all ITALIA Numero di cavalli: 28 Luogo di partenza: Spagna Luogo di destinazione: Italia - Puglia Gioia del Colle (16 cavalli) Noicattaro

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

sommario 1. introduzione al sistema 2. moduli base 3. tracciabilità e rintracciabilità 4. diagramma di flusso operativo 5.

sommario 1. introduzione al sistema 2. moduli base 3. tracciabilità e rintracciabilità 4. diagramma di flusso operativo 5. tracciabilità rintracciabilità e macellazione avicola sommario 1. introduzione al sistema 2. moduli base 2.1. anagrafica base 2.2. entrata partite avicole 2.3. macellazione partite 2.4. stoccaggio ed immagazzinamento

Dettagli

L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE

L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE TUTTO QUELLO CHE GLI ALLEVATORI DEVONO FARE PER

Dettagli

Istruzioni per condotti di aspirazione/scarico

Istruzioni per condotti di aspirazione/scarico Istruzioni per condotti di aspirazione/scarico SVB C -3 HN 6 70 61 61-00.O Modelli e brevetti depositati rif.: 6 70 619 301 (009/01) IT Caldaie a gas a condensazione, con produzione di acqua calda sanitaria

Dettagli

Trasporto di animali non idonei Breve guida al controllo su strada

Trasporto di animali non idonei Breve guida al controllo su strada Trasporto di animali non idonei Breve guida al controllo su strada A cura di Dott.ssa Christine Hafner Avvocato Carla Campanaro Dott. Roberto Bennati Maggio 2010 Sommario Premessa 4 PROCEDURA E PROVVEDIMENTI

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

REGISTRAZIONE DATI HACCP

REGISTRAZIONE DATI HACCP REGISTRAZIONE DATI HACCP REGISTRO NON CONFORMITA Data Prodotto Fornitore Quantità Motivo della non conformità Azione intrapresa Firma Operatore Questo registro serve per identificare ed allontanare la

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 29 marzo 2010, n. 57 Attuazione della direttiva 2008/73/CE che semplifica le procedure di redazione degli elenchi e di diffusione dell'informazione in campo veterinario e zootecnico.

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO

TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO V.le della libertà, 79 33170 PORDENONE TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO Normativa di riferimento: Regolamento CEE 561/06 del 15/03/2006 (sostituisce il precedente Regolamento CEE 3820/85) REGOLAMENTO CEE 561/2006

Dettagli

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura INTRODUZIONE Il manuale di buona prassi igienica costituisce uno strumento

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

30 1992 532 91/628 CEE

30 1992 532 91/628 CEE Decreto Legislativo 30 dicembre 1992 n. 532 (Attuazione della direttiva 91/628 CEE relativa alla protezione degli animali durante il trasporto) modificato e integrato dal Decreto legislativo 20 ottobre

Dettagli

Supplemento per sistemi di scarico fumi

Supplemento per sistemi di scarico fumi Supplemento per sistemi di scarico fumi Caldaie murali a gas a condensazione 6 720 615 740-00.1O Logamax plus GB042-14 Logamax plus GB042-22 Logamax plus GB042-22K Per i tecnici specializzati Leggere attentamente

Dettagli

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE DATA / / Operatori. Tempistica. COD / / ASL PROPRIETARIO DETENTORE. Indirizzo.. Tipologia allevamento: vendita vitelli ingrasso vitelli N capi

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Con il presente documento si intende fornire una

Dettagli

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

Supplemento per condotto scarico fumi per

Supplemento per condotto scarico fumi per Supplemento per condotto scarico fumi per GVS C 14-3 HN - GVS C 22-3 HN GVS C 28-3 HN - GVM C 24-3 HN GVM C 28-3 HN - GVM C 35-3 HN 6 720 612 662-00.2O Modelli e brevetti depositati rif.: 6 720 642 584

Dettagli

Normativa in ambito acquacoltura

Normativa in ambito acquacoltura SALVAGUARDIA DELLE RISORSE ITTICHE: ASPETTI SANITARI E NORMATIVI PER UNA CORRETTA GESTIONE Normativa vigente in materia di immissioni: acque pubbliche, laghetti di pesca sportiva aspetti sanitari Chiara

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI 1 FINALITÀ DELL INTERVENTO: NUOVA ATTIVITÀ RISTRUTTURAZIONE ATTIVITÀ ESISTENTE RICONVERSIONE O AGGIUNTA TIPOLOGIA ATTIVITÀ ESISTENTE Trattasi

Dettagli

relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali ( 2).

relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali ( 2). Dir. 92/102/CEE del 27 novembre 1992 ( 1). Direttiva del Consiglio relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali ( 2). (1) Pubblicata nella G.U.C.E. 5 dicembre 1992, n. L 355. (2) Termine

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST Pag. 1 di 11 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE SSOMMARIO 1 GENERALITÀ...2 2 REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DELLE STRUTTURE...2

Dettagli

Passione per servizio e comfort.

Passione per servizio e comfort. Supplemento per condotto scarico fumi per GVS C 90-1 HN 6 720 611 409-00.1O Supplemento per condotto scarico fumi per Caldaie murali a gas a condensazione Modelli e brevetti depositati Réf.: 6 720 613

Dettagli

Roma,14/12/2006 Ministero della Salute

Roma,14/12/2006 Ministero della Salute Roma,14/12/2006 Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO Ex

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 293/28 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.11.2005 DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell 8 novembre 2005 relativa a talune misure sanitarie di protezione contro la malattia vescicolare dei suini in Italia

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, REGOLAMENTO (CE) N. 2076/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 dicembre 2005 che fissa disposizioni transitorie per l attuazione dei regolamenti del Parlamento europeo e del Consiglio (CE) n. 853/2004, (CE) n.

Dettagli

La norma ISO 7218:2007

La norma ISO 7218:2007 La norma ISO 7218:2007 Novità ed implicazioni nella gestione del laboratorio Dr. Angelo Viti ROMA ISS 19-20- Dicembre 2009 Angelo Viti 1/22 Angelo Viti 2/22 Organizzazione generale di un laboratorio di

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

Sistemi di ancoraggio in poliestere

Sistemi di ancoraggio in poliestere Sistemi di ancoraggio in poliestere ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DELLE IMBRACATURE Le norme generali per la prevenzione degli infortuni prevedono che i carichi siano assicurati alle carrozzerie dei veicoli

Dettagli

Il trasporto degli animali al macello: problemi di benessere animale e qualità delle carni

Il trasporto degli animali al macello: problemi di benessere animale e qualità delle carni Il trasporto degli animali al macello: problemi di benessere animale e qualità delle carni dott. giancarlo nervi veterinario dirigente ASL Alessandria Un argomento molto dibattuto: Nell animale non dobbiamo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

Orizzonti e frontiere nei controlli di polizia stradale. 10 ottobre 2013 Nizza Monferrato (At)

Orizzonti e frontiere nei controlli di polizia stradale. 10 ottobre 2013 Nizza Monferrato (At) Orizzonti e frontiere nei controlli di polizia stradale 10 ottobre 2013 Nizza Monferrato (At) I trasporti soggetti a norme igienico - sanitarie A cura del Cav. Dr. Nicola Salvato Ufficiale nella Polizia

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO ANIMALI DA COMPAGNIA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO ANIMALI DA COMPAGNIA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO ANIMALI DA COMPAGNIA Ai sensi della DGR 18 DICEMBRE 2006, N. 866 Recepimento accordo

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

CERAPURBALCONY CERAPURINCASSO

CERAPURBALCONY CERAPURINCASSO Supplemento per condotto scarico fumi per Caldaie murali a gas a condensazione CERAPURBALCONY CERAPURINCASSO 6 720 612 634-00.1O CERAPURBALCONY ZWB 24-1 AB.. ZWB 28-1 AB.. CERAPURINCASSO ZWB 24-1 AI..

Dettagli

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic Pag. 1 di 6 Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic CEE 0426 DIRETTICTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI Pag. 2 di 6 INDICE Numero Titolo Pagina 1 Avvertenze 3 2 Introduzione 3 2.1 Riferimenti Normativi 3

Dettagli