Il nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati"

Transcript

1 Il nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati Polo Tecnologico di Pordenone, 26 giugno 2014 Relatore: dott. Giancarlo Favero 1 Information Security & Privacy

2 Le origini Presente da circa 20 anni sul mercato della sicurezza Nata come ramo d azienda di DataService, società quotata al nuovo mercato, operante nel settore dei servizi bancari Forti legami con il mondo accademico e della ricerca 2 Information Security & Privacy

3 Le competenze Possiede al proprio interno competenze e conoscenze relative alle normative e alle tecnologie Focalizzazione su specifici settori Elevata specializzazione e possibilità di prevedere i problemi Offerta formativa ricca ed articolata 3 Information Security & Privacy

4 Il mercato Pubblica Amministrazione Polizia Locale Sanità Pubblica e Privata Grandi gruppi industriali e grande distribuzione Formazione 4 Information Security & Privacy

5 I clienti 5 Information Security & Privacy

6 Altri clienti Gruppo Morellato (Bluespirit) Sebiro Finalba (Gruppo Percassi - grande distribuzione all interno di centri commerciali ed outlet) Circa 60 Comuni nell area Nord-Est Milanese 6 Information Security & Privacy

7 Le partnership SANS Institute Bethesda, Maryland - USA Qualys - Vulnerability Assessment di livello industriale 7 Information Security & Privacy

8 Le sedi Headquarter: Pordenone Sedi operative: Milano Gaggiano Treviglio 8 Information Security & Privacy

9 L evento di oggi Il nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati 9 Information Security & Privacy

10 Il nuovo Regolamento Europeo Quadro legislativo comune ed omogeneo in materia di protezione dei dati personali e di libera circolazione dei dati Attualmente vi sono 27 differenti normative in materia di protezione dei dati personali => quadro normativo estremamente disomogeneo e frammentato 10 Information Security & Privacy

11 Il nuovo Regolamento Europeo Trattandosi di Regolamento e non di Direttiva, non sarà soggetto a recepimento, quindi gli stati membri non potranno adattare (modificare ) il quadro normativo, che sarà quindi omogeneo e consistente 11 Information Security & Privacy

12 Il nuovo Regolamento europeo Direttiva 95/46/CE L. 675/96 D.Lgs. 196/2003 Regolamento Regolamento del parlamento europeo e del consiglio concernente la tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali e la libera circolazione dei dati (regolamento generale sulla protezione dei dati) Due anni di gestazione Emendamenti, contrasti, lobbying Comporterà l abrogazione della direttiva 95/46/CE Trattandosi di regolamento, non è soggetto a recepimento e quindi entrerà in vigore contemporaneamente all interno dei 27 paesi membri dell UE 12 Information Security & Privacy

13 Il nuovo Regolamento Europeo Si stima che unificando il quadro normativo in materia di protezione dei dati personali, si potrebbero risparmiare 2,3 MILIARDI di Euro / Anno in termini di semplificazione degli oneri amministrativi e degli adempimenti, più 130 Milioni di Euro / anno derivanti dall onere di notificare i trattamenti 13 Information Security & Privacy

14 Il nuovo Regolamento Europeo Un altro vantaggio derivante dall unificazione del contesto normativo: le aziende con sedi sparse in Europa potranno rivolgersi ad un unica Authority (quella nella quale è stabilita la casa madre) 14 Information Security & Privacy

15 Il nuovo Regolamento europeo Direttiva 95/46/CE L. 675/96 D.Lgs. 196/2003 Regolamento Regolamento del parlamento europeo e del consiglio concernente la tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali e la libera circolazione dei dati (regolamento generale sulla protezione dei dati) Due anni di gestazione Emendamenti, contrasti, lobbying Comporterà l abrogazione della direttiva 95/46/CE Trattandosi di regolamento, non è soggetto a recepimento e quindi entrerà in vigore contemporaneamente all interno dei 27 paesi membri dell UE 15 Information Security & Privacy

16 Che cosa è successo negli ultimi 10 anni Esplosione dei dati generati, raccolti, trattati 16 Information Security & Privacy

17 Le conseguenze dei big data Dati conservati per periodi indefiniti, molto lunghi, spesso per sempre Dati acquisiti e poi successivamente utilizzati per finalità completamente differenti da quelle dichiarate Art. 5 lett. a): I dati personali devono essere trattati in modo lecito, equo e trasparente nei confronti dell interessato Art. 5 lett. b): devono essere raccolti per finalità determinate, esplicite e legittime, e successivamente trattati in modo non incompatibile con tali finalità 17 Information Security & Privacy

18 Le conseguenze dei big data Centrale rischi della Banca d Italia, che detiene informazioni fondamentali per decidere (ad. esempio) se concedere un mutuo o un finanziamento Dati conservati per periodi indefiniti, molto lunghi, spesso per sempre Dati acquisiti e poi successivamente utilizzati per finalità completamente differenti da quelle dichiarate Art. 5 lett. a): I dati personali devono essere trattati in modo lecito, equo e trasparente nei confronti dell interessato Art. 5 lett. b): devono essere raccolti per finalità determinate, esplicite e legittime, e successivamente trattati in modo non incompatibile con tali finalità 18 Information Security & Privacy

19 Rapporto tra tempo e validità del dato Dati relativi a ritardi nei pagamenti detenuti dalla Centrale Rischi della Banca d Italia o dal CRIF o da una finanziaria Esami di laboratorio Certificazioni Dichiarazioni Livello di sicurezza Livello di rischio 19 Information Security & Privacy

20 Le conseguenze dei big data Sanzione da Euro comminata dal Garante per le protezione dei dati personali a GS Supermercati Dati acquisiti teoricamente per gestire i premi a catalogo e gli sconti su prodotti in realtà profilazione occulta del cliente per campagne mirate di marketing selvaggio 20 Information Security & Privacy

21 Le conseguenze dei big data 70% dei cittadini europei sono preoccupati del fatto che i loro dati possano essere utilizzati per finalità differenti da quelle per le quali sono stati inizialmente acquisiti Art. 5 lett. a): I dati personali devono essere trattati in modo lecito, equo e trasparente nei confronti dell interessato Art. 5 lett. b): devono essere raccolti per finalità determinate, esplicite e legittime, e successivamente trattati in modo non incompatibile con tali finalità 21 Information Security & Privacy

22 Il valore dei dati Dati come il petrolio Si stima che i dati personali dei 500 milioni di cittadini UE valgano circa l 8% del PIL Europeo Lotta per accaparrarsi i dati dei cittadini Compressione/violazione della privacy per ottenere dati personali ( petrolio ) 22 Information Security & Privacy

23 Tecnologie sempre più invasive e pervasive o pericolose Geolocalizzazione (Progetti Smart City) Cloud computing Wi-Fi Videosorveglianza Rfid Smartphone Near Location Communication Behaviour Control Bluetooth Biometria 23 Information Security & Privacy

24 Tecnologie sempre più invasive e pervasive o pericolose Wi-Fi Geolocalizzazione (Progetti Smart City) Cloud computing Videosorveglianza Rfid Smartphone Spam e mail marketing selvaggio Near Location Communication Behaviour Control Bluetooth Biometria Telemedicina Fascicolo Sanitario Elettronico Dossier Sanitario 24 Information Security & Privacy

25 Tecnologie sempre più invasive e pervasive I sistemi di videosorveglianza per la rilevazione targhe Possono ricostruire gli spostamenti di cittadini innocenti Spesso i dati sono conservati indefinitamente, o per periodi molto lunghi Vi possono essere problematiche di esattezza dei dati (es. accesso database veicoli rubati, database ANIA) e quindi di azioni che possono fortemente limitare la libertà dei cittadini 25 Information Security & Privacy

26 Dati esatti e aggiornati I dati devono essere esatti e aggiornati: facile a dirsi. Videosorveglianza: uno dei casi in cui è necessario effettuare la Valutazione d impatto sulla protezione dei dati (novità introdotta dall art. 33) 26 Information Security & Privacy

27 Art. 33 Valutazione d impatto sulla protezione dei dati Quando il trattamento, per la sua natura, il suo oggetto, o le sue finalità, presenta rischi specifici per i diritti e le libertà degli interessati, il titolare del trattamento effettua una valutazione d impatto del trattamento previsto sulla protezione dei dati personali Presentano rischi specifici ai sensi del punto precedente i seguenti trattamenti: 27 Information Security & Privacy

28 Art. 33 Valutazione d impatto sulla protezione dei dati Il trattamento di informazioni concernenti la vita sessuale, lo stato di salute, la razza e l origine etnica oppure destinato alla prestazione di servizi sanitari o a ricerche epidemiologiche o indagini su malattie mentali o infettive La sorveglianza di zone accessibili al pubblico, in particolare se effettuata mediante dispositivi otticoelettronici (videosorveglianza) su larga scala 28 Information Security & Privacy

29 Conseguenze e altri fenomeni Minacce sempre più frequenti alla sicurezza e alla privacy Perdita di fiducia e diffidenza nelle nuove tecnologie Freno alla diffusione dell economia digitale Sanzioni estremamente frequenti, pesanti e numerose comminate degli organi di controllo Veri e propri abusi, con grave violazione della privacy e della sicurezza Perdite economiche (risarcimenti danni) Danni di immagine 29 Information Security & Privacy

30 C è qualcosa che non funziona Scandalo Datagate: tutti intercettati 30 Information Security & Privacy

31 Disponibile anche gratuitamente online 33 Information Security & Privacy

32 Risarcimento danni di Euro (circa 1 miliardo di lire) che una Struttura Sanitaria ha dovito risarcire per non aver custodito adeguatamente la documentazione relativa allo stato di salute di un cittadino, sia in formato cartaceo che elettronico 35 Information Security & Privacy

33 Susanna Fiorini, 49 anni, cambiava i risultati degli esami e li spediva, sbagliati, ai clienti Tra le ipotesi sul movente, la rappresaglia contro la Asl o per non dover richiamare i pazienti Manometteva i referti oncologici Ai domiciliari infermiera di Livorno LIVORNO - Manometteva i referti del Corat di Livorno, il centro di raccolta degli esami oncologici della Asl, e poi li spediva ai pazienti. E' l'accusa per la quale un'infermiera è stata arrestata, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. I referti manomessi sarebbero stati più di 400, 33 pap test e 368 al colon retto, e questo avrebbe provocato ritardi nella diagnosi di 18 casi di tumore al colon. 38 Information Security & Privacy

34 Cartelle cliniche perse per strada Un passante notò due grossi sacchi di plastica azzurra abbandonati in mezzo alla via. Incuriosito, si avvicinò e si rese conto che in essi si trovavano cartelle cliniche di un ospedale. Nel corso del trasporto da una sede all altra, l autista del furgone non aveva fissato solidamente i sacchi contenenti le cartelle cliniche, per cui nel trasporto due di questi erano caduti a terra, senza che egli se ne accorgesse. Il Garante ha sanzionato sia l Ospedale sia l autista, in quanto egli operava sotto la responsabilità dell ente ospedaliero. 39 Information Security & Privacy

35 Cartelle cliniche ai giardinetti Sacchi di cartelle cliniche abbandonati in mezzo ai giardini. Nelle vicinanze si trovava un capannone, utilizzato come archivio per le cartelle cliniche da parte di una Casa di Cura A causa di un principio d incendio, il personale aveva spostato alcuni sacchi di cartelle cliniche in una zona non coinvolta dall incendio, per poi dimenticarsene per circa una settimana. L Autorità Garante ha comminato sanzioni severe per non aver protetto adeguatamente i dati sensibili (relativi allo stato di salute dei pazienti). 40 Information Security & Privacy

36 Il nuovo Regolamento Quali concetti e strumenti chiave introdurrà il nuovo Regolamento per risolvere le criticità evidenziate in precedenza? Lungo quali dimensioni interverrà il Regolamento? Quale cambiamento radicale introdurrà il Regolamento nel modo concreto di gestire la sicurezza e la privacy? Passaggio da una dimensione compilativa ad una dimensione di Responsabilità, che comporta la responsabilizzazione nella verifica periodica dell efficacia degli strumenti messi in atto Il Regolamento costringerà a modificare i comportamenti Che cosa dovremo fare in pratica? 41 Information Security & Privacy

37 Il nuovo Regolamento Misura di sicurezza: abbiamo predisposto una procedura operativa che prevede di disabilitare un utente all atto delle dimissioni Qualcuno la mette in atto questa procedura operativa? Con che frequenza? E stato individuato chi precisamente deve disabilitare gli utenti? C è qualcuno che comunica a chi di dovere quali utenti hanno dato le dimissioni? Viene prodotto un resoconto/certificazione delle operazioni effettuate? Come si procede in caso di assenza/indisponibilità di chi deve disabilitare? 42 Information Security & Privacy

38 Il nuovo Regolamento Misura di sicurezza: abbiamo installato un firewall Il firewall offre un livello adeguato di protezione perimetrale? Vengono effettuati periodicamente dei Security Test per valutare l adeguatezza della protezione perimetrale? Qualcuno analizza periodicamente i file di log? Che azioni vengono intraprese a fronte dell analisi dei file di log? Le regole del firewall sono tenute aggiornate? Il firewall è collegato? Il comportamento del firewall è diverso da un filo di rame? 43 Information Security & Privacy

39 La struttura del Regolamento CAPO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Campo di applicazione materiale Art. 3 Campo di applicazione territoriale CAPO 2 - PRINCIPI Art. 4 Definizioni Art. 5 Principi applicabili al trattamento di dati personali Art. 6 Liceità del trattamento Art. 7 Condizioni per il consenso Art. 8 Trattamento dei dati personali dei minori Art. 9 Trattamento di categorie particolari di dati personali Art. 10 Trattamento che non consente identificazione CAPO 3 DIRITTI DELL INTERESSATO SEZIONE 1 TRASPARENZA E MODALITA Art. 11 Informazioni e comunicazioni trasparenti Art. 12 Procedure e meccanismi per l esercizio dei diritti dell interessato Art. 13 Diritti relativi ai destinatari 44 Information Security & Privacy

40 La struttura del Regolamento SEZIONE 2 INFORMAZIONI E ACCESSO AI DATI Art. 14 Informazioni all interessato Art. 15 Diritto do accesso dell interessato SEZIONE 3 RETTIFICA E CANCELLAZIONE Art. 16 Diritto di rettifica Art. 17 Diritto all oblio e alla cancellazione Art. 18 Diritto alla portabilità dei dati SEZIONE 4 DIRITTO DI OPPOSIZIONE E PROFILAZIONE Art. 19 Diritto di opposizione Art. 20 Misure basate sulla profilazione SEZIONE 5 LIMITAZIONI Art. 21 Limitazioni CAPO IV RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO E INCARICATO DEL TRATTAMENTO SEZIONE 1 OBBLIGHI GENERALI Art. 22 Responsabilità del Responsabile del trattamento Art. 23 Protezione fin dalla progettazione e protezione di default Art. 24 Corresponsabili del trattamento 45 Information Security & Privacy

41 La struttura del Regolamento Art. 25 Rappresentanti di responsabili del trattamento non stabiliti nell unione Art. 26 Incaricato del trattamento Art. 27 Trattamento sotto l autorità del responsabile del trattamento e dell incaricato del trattamento Art. 28 Documentazione Art. 29 Cooperazione con l autorità di controllo SEZIONE 2 SICUREZZA DEI DATI Art. 30 Sicurezza del trattamento Art. 31 Notificazione di una violazione dei dati personali all autorità di controllo Art. 32 Comunicazione di una violazione dei dati personali all interessato SEZIONE 3 VALUTAZIONE D IMPATTO SULLA PROTEZIONE DEI DATI E AUTORIZZAZIONE PREVENTIVA Art. 33 Valutazione d impatto sulla protezione dei dati Art. 34 Autorizzazione preventiva e consultazione preventiva SEZIONE 4 RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI Art. 35 Designazione del responsabile della protezione dei dati 46 Information Security & Privacy

42 La struttura del Regolamento Art. 36 Posizione del responsabile del trattamento dei dati Art. 26 Compiti del responsabile della protezione dei dati Art. 27 SEZIONE 5 CODICI DI CONDOTTA E CERTIFICAZIONE Art. 38 Codici di condotta Art. 39 Certificazione CAPO V _ TRASFERIMENTO DI DATI PERSONALI VERSO PAESI TERZI O ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Art. 40 Principio generale per il trasferimento Art. 41 Trasferimento previa decisione di adeguatezza Art. 42 Trasferimento in presenza di garanzie adeguate Art. 43 Trasferimento in presenza di norme vincolanti d impresa Art. 44 Deroghe Art. 45 Cooperazione internazionale per la protezione dei dati personali CAPO VI _ AUTORITA DI CONTROLLO INDIPENDENTI SEZIONE 1 INDIPENDENZA Art. 47- Indipendenza Art. 48 Condizioni generali per i membri dell autorità di controllo Art. 49 Norme sull istituzione dell autorità di controllo 47 Information Security & Privacy

43 La struttura del Regolamento Art. 50 Segreto professionale SEZIONE 2 FUNZIONI E POTERI Art. 52 Funzioni Art. 53 Poteri Art. 54 Relazione di attività CAPO VII COOPERAZIONE E COERENZA SEZIONE 1 COOPERAZIONE Art. 55 Assistenza reciproca Art. 56 Operazioni congiunte delle autorità di controllo SEZIONE 2 COERENZA Art. 57 Meccanismo di coerenza Art. 58 Parere del Comitato Europeo per la protezione dei dati Art. 59 Parere della commissione Art. 60 Sospensione di un progetto di misura Procedura d urgenza Art. 62 Atti di esecuzione Art. 63 Esecuzione SEZIONE 3 COMITATO EUROPEO PER LA PROTEZIONE DEI DATI 48 Information Security & Privacy

44 La struttura del Regolamento Art. 64 Comitato europeo per la protezione dei dati Art. 65 Indipendenza Art. 66 Compiti del Comitato europeo per la protezione dei dati Art. 67 Relazioni Art. 68 Procedura Art. 69 Presidenza Art. 70 Compiti del Presidente Art. 71 Segreteria Art. 72 Riservatezza CAPO VII RICORSI, RESPONSABILITA SANZIONI Art. 73 Diritto di proporre reclamo all autorità di controllo Art. 74 Diritto a un ricorso giurisdizionale contro l autorità di controllo Art. 75 Diritto a un ricorso giurisdizionale contro il responsabile del trattamento o l incaricato del trattamento Art. 76 Norme comuni per i procedimenti giurisdizionali Art. 77 Diritto al risarcimento e responsabilità Art. 78 Sanzioni Art. 79 Sanzioni Amministrative 49 Information Security & Privacy

45 La struttura del Regolamento CAPO IX _ DISPOSIZIONI RELATIVE A SPECIFICHE SITUAZIONI DI TRATTAMENTO DEI DATI Art. 80 Trattamento di dati personali e libertà di espressione Art. 81 Trattamento dei dati personali relativi alla salute Art. 82 Trattamento dei dati nei rapporti di lavoro Art. 83 Trattamento per finalità storiche, statistiche e di ricerca scientifica Art. 84 Obblighi si segretezza Art. 85 Norme di protezione dei dati vigenti presso chiese e associazioni religiose CAPO X ATTI DELEGATI E ATTI DI ESECUZIONE Art. 86 Esercizio della delega Art. 87 Procedura di comitato CAPO XI Disposizioni finali Art. 88 Abrogazione della direttiva 95/46/CE Art. 89 Rapporto con la direttiva 95/46/CE e sue modifiche Art. 90 Valutazione Art. 91 Entrata in vigore e applicazione 50 Information Security & Privacy

46 Art. 4 - Definizioni Molte meno definizioni rispetto al D.Lgs. 196/2003 (conteneva 37 definizioni, mentre il regolamento ne contiene solo 19) Dati personali : qualsiasi informazione concernente l interessato Consenso dell interessato : qualsiasi manifestazione di volontà libera, specifica, informata ed esplicita con la quale l interessato accetta, mediante dichiarazione o azione positiva inequivocabile, che i dati personali che lo riguardano siano oggetto di trattamento Dati genetici : tutti i dati, di qualsiasi natura, riguardanti le caratteristiche di una persona fisica che siano ereditarie o acquisite in uno stadio precoce di sviluppo prenatale Dati biometrici : i dati relativi alle caratteristiche fisiche, fisiologiche o comportamentali di una persona che ne consentono l identificazione univoca, quali l immagine facciale o i rilievi dattiloscopici 51 Information Security & Privacy

47 Art. 4 - Definizioni Dati relativi alla salute : qualsiasi informazione attinente alla salute fisica o mentale di una persona o alla prestazione di servizi sanitari a detta persona Responsabile del trattamento : la persona fisica o giuridica, l autorità pubblica, il servizio o qualsiasi altro organismo che, singolarmente o insieme ad altri, determina le finalità, le condizioni e i mezzi del trattamento di dati personali; quando le finalità, le condizioni e i mezzi del trattamento sono determinati dal diritto dell unione o dal diritto di uno stato membro, il responsabile del trattamento o i criteri specifici applicabili alla sua nomina possono essere designati dal diritto dell unione o dal diritto dello stato membro Incaricato del trattamento : la persona fisica o giuridica, l autorità pubblica, il servizio o qualsiasi altro organismo che elabora dati personali per conto del responsabile del trattamento 52 Information Security & Privacy

48 Art. 4 - Definizioni A livello di definizioni il Regolamento presenta una clamorosa lacuna Lacuna che è presente anche nelle definizioni dell attuale D.Lgs. 196/2003 Non viene definito un concetto di importanza fondamentale Non viene definito il concetto di. 53 Information Security & Privacy

49 Art. 4 - Definizioni NON VIENE DEFINITO IL CONCETTO DI S I C U R E Z Z A 54 Information Security & Privacy

50 Definizione di Sicurezza Riservatezza: accessibile solo a chi è autorizzato, non accessibile a chi non è autorizzato Sicurezza Integrità: la risorsa deve essere corretto, aggiornato, non corrotto o falsificato Disponibilità: la risorsa deve essere sempre agevolmente disponibile a chi vi può lecitamente accedere 55 Information Security & Privacy

51 Le dimensioni di intervento del Regolamento Competenza territoriale Trasparenza Facilitazione dell esercizio dei diritti dell interessato Diritto all oblio Portabilità dei dati Principio di resposabilità Obbligo della documentazione Privacy by design Privacy by default Sanzioni 56 Information Security & Privacy

52 Competenza territoriale Saranno soggetti al regolamento non solo i soggetti stabiliti all interno dell UE, ma anche i soggetti stabiliti fuori dall UE, che offrono prodotti e servizi all interno dell UE Caso reale: servizio UBER per la prenotazione dei taxi Caso reale: servizi forniti da Google Sarà possibile rivolgersi all autorità di controllo di qualsiasi stato UE 57 Information Security & Privacy

53 Le dimensioni di intervento del Regolamento Competenza territoriale Trasparenza Facilitazione dell esercizio dei diritti dell interessato Diritto all oblio Portabilità dei dati Responsabilità Obbligo della documentazione Privacy by design Privacy by default Sanzioni 58 Information Security & Privacy

54 Trasparenza TITOLARE 3 5 Informativa Consenso Finalità 6 2 DATI PERSONALI 4 TRATTAMENTI 8 Dati personali 7 Diritto di accesso ai dati personali Riscontro alle richieste dell'interessato INTERESSATO 59 Information Security & Privacy 1

55 Attenzione a non confondere informativa con consenso Informativa rappresenta le regole del gioco del trattamento dei dati Deve sempre essere fornita Deve essere fornita previamente all interessato Un informativa corretta e completa è presupposto fondamentale per la validità del consenso Posso avere un informativa senza consenso Posso avere informativa e consenso NON posso avere un consenso che non sia preceduto da idonea informativa 60 Information Security & Privacy

56 Art. 7: La nuova disciplina del consenso L onere di dimostrare che l interessato ha espresso il consenso al trattamento dei suoi dati personali per scopi specifici incombe sul titolare del trattamento Se il consenso dell interessato deve essere fornito nel contesto di una dichiarazione scritta che riguarda anche altre materie, l obbligo di prestare il consenso deve essere presentato in forma distinguibile dalle altre materie Non sono valide formule del tipo aderendo alla presente iniziativa Lei fornisce implicitamente il consenso al trattamento dei dati Il consenso può essere revocato in qualsiasi momento (senza dover fornire una motivazione). La revoca del consenso non pregiudica la liceità del trattamento basata sul consenso prima della revoca. 61 Information Security & Privacy

57 Trasparenza Esplicitare nelle informative i tempi di conservazione dei dati personali Obbligo di comunicare i tempi di conservazione su richiesta dell interessato I tempi di conservazione potranno essere utilizzati per far valere la richiesta di cancellazione (diritto all oblio) Esplicitare nelle informative il diritto di proporre reclamo all autorità di controllo e le coordinate di controllo di detta autorità Esplicitare nelle informative il Responsabile della protezione dei dati Obbligo di notificare una violazione dei dati all Autorità Garante Obbligo di comunicare una violazione dei dati agli interessati Obbligo di comunicare il Responsabile della protezione dei dati all Autorità Garante 62 Information Security & Privacy

58 Trasparenza Impatti sull informativa Informativa relativa al trattamento dei dati personali Informativa relativa al trattamento dei dati personali Tempi di conservazione Responsabile della sicurezza dei dati Possibilità di proporre reclamo all autorità di controllo e relative coordinate 63 Information Security & Privacy

59 Tempi di conservazione dei dati personali Commisurati e non eccedenti rispetto alle finalità Tenere conto di eventuali prescrizioni di legge Tempo di conservazione delle cartelle cliniche: illimitato Tempi di conservazione dei dati relativi alla geolocalizzazione utilizzati dai social network e dalle applicazioni di prossimità? Tempi di conservazione dei dati relativi alla geolocalizzazione dei veicoli utilizzati per la raccolta dei rifiuti urbani? (pone problemi di controllo a distanza e tutela dei lavoratori ) Tempi di conservazione dei dati relativi alla geolocalizzazione tramite GPS installato a bordo delle auto e delle moto degli agenti di Polizia Locale? 64 Information Security & Privacy

60 Tempi di conservazione dei dati personali Tempi di conservazione delle immagini registrate dalle telecamere installate a bordo dei veicoli utilizzati da Carabinieri e Polizia di Stato Tempi di conservazione delle nostre query da parte di Google? Tempi di conservazione dei curricula? Tempi di conservazione dei files di log relativi alla navigazione internet? Tempi di conservazione delle cartelle sanitarie e di rischio da parte del datore di lavoro? Tempi di conservazione relativamente alle telecamera per la rilevazione delle targhe? 65 Information Security & Privacy

61 Trasparenza Notificazione - Comunicazione Autorità di controllo Controllo da parte del Responsabile della protezione dei dati ALTRO TITOLARE TITOLARE Violazione Violazione di sicurezza che comporta accidentalmente o in modo illecito la distruzione, la perdita, la modifica, la rivelazione non autorizzata o l accesso ai dati personali trasmessi, memorizzati o comunque elaborati INTERESSATO 66 Information Security & Privacy

62 Definizione di violazione dei dati personali Violazione di sicurezza che comporta accidentalmente o in modo illecito la distruzione, la perdita, la modifica, la rivelazione non autorizzata o l accesso ai dati personali trasmessi, memorizzati o comunque elaborati Non necessariamente la violazione deve essere effettuata dall esterno Qualcuno potrebbe non avere interesse a rendere nota la violazione 67 Information Security & Privacy

63 Definizione di violazione dei dati personali 68 Information Security & Privacy

64 Definizione di violazione dei dati personali Violazione di sicurezza che comporta accidentalmente o in modo illecito la distruzione, la perdita, la modifica, la rivelazione non autorizzata o l accesso ai dati personali biggest data breaches trasmessi, memorizzati o comunque elaborati Non necessariamente la violazione deve essere effettuata dall esterno Qualcuno potrebbe non avere interesse a rendere nota la violazione 69 Information Security & Privacy

65 Definizione di violazione dei dati personali Violazione di sicurezza che comporta accidentalmente o in modo illecito la distruzione, la perdita, la modifica, la rivelazione non autorizzata o l accesso ai dati personali trasmessi, memorizzati o comunque elaborati Non necessariamente la violazione deve essere effettuata dall esterno Qualcuno potrebbe non avere interesse a rendere nota la violazione 70 Information Security & Privacy

66 Definizione di violazione dei dati personali Violazione di sicurezza che comporta accidentalmente o in modo illecito la distruzione, la perdita, la modifica, la rivelazione non autorizzata o l accesso ai dati personali Spesa di 7 milioni di dollari per avvertire gli interessati e per mettere ulteriormente trasmessi, memorizzati o comunque elaborati Non in sicurezza necessariamente il sistema la violazione deve essere effettuata dall esterno Qualcuno potrebbe non avere interesse a rendere nota la violazione Come conseguenza della violazione, l amministratore delegato dell azienda ha dovuto dare le dimissioni 71 Information Security & Privacy

67 Trasparenza Notificazione - Comunicazione Autorità di controllo Controllo da parte del Responsabile della protezione dei dati ALTRO TITOLARE TITOLARE Violazione Sanzione fino a di Euro o fino al 2% del fatturato mondiale Violazione di sicurezza che comporta accidentalmente o in modo illecito la distruzione, la perdita, la modifica, la rivelazione non autorizzata o l accesso ai dati personali trasmessi, memorizzati o comunque elaborati INTERESSATO 72 Information Security & Privacy

68 Esempi di violazioni Perdita di dati Furto di dati (non necessariamente in formato elettronico: possono essere anche in formato cartaceo) Alterazione di cartelle cliniche Alterazione di cartelle esattoriali Alterazione di verbali relativi al Codice della Strada Invio di dati all esterno Intercettazione di dati Accesso abusivo al sistema 73 Information Security & Privacy

69 Invio di dati all esterno Perdita di dati Furto di dati (non necessariamente in formato elettronico: possono essere anche in formato cartaceo) Alterazione di cartelle cliniche Alterazione di cartelle esattoriali Alterazione di verbali relativi al Codice della Strada Invio di dati all'esterno Intercettazione di dati Accesso abusivo al sistema 74 Information Security & Privacy

L IDENTITY MANAGEMENT NELLA SFIDA DELL INTEROPERABILITÀ. Gabriele Faggioli Ottobre 2013

L IDENTITY MANAGEMENT NELLA SFIDA DELL INTEROPERABILITÀ. Gabriele Faggioli Ottobre 2013 L IDENTITY MANAGEMENT NELLA SFIDA DELL INTEROPERABILITÀ Gabriele Faggioli Ottobre 2013 1 PRIMA PARTE 2 INDICE PRIMA PARTE I riferimenti normativi Aspetti introduttivi: L identità digitale I rischi connessi

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 54 del 26.07.2012 pagina 1.14 Indice CAPO I...4 PRINCIPI GENERALI...4 Art. 1 Oggetto

Dettagli

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria.

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria. Aspetti pratici della corretta gestione degli adempimenti necessari. Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione

Dettagli

FORMAZIONE PRIVACY 2015

FORMAZIONE PRIVACY 2015 Intervento formativo per rendere edotti gli incaricati del trattamento di dati personali dei rischi che incombono sui dati e delle relative misure di sicurezza ai sensi dell art. 130 del D.Lgs. 196/2003

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO Approvato con deliberazione dell Assemblea della Comunità n. 5 del 10.02.2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it Regolamento

Dettagli

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA approvato con delibera G.C. n. 291 del 18 ottobre 2007 1 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CALLIANO Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 di data 28 novembre 2013 CAPO I Principi Generali

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE. Provincia di Siracusa APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE. Provincia di Siracusa APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DI FLORIDIA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N.4

Dettagli

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Circolare n. 1/08 del 20 novembre 2008* PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Riferimenti normativi La forma di sorveglianza legata all utilizzo di sistemi di ripresa delle immagini, definita videosorveglianza, è

Dettagli

www.applicando.to.it www.luciano-corino.it www.comunicarelimpresa.com

www.applicando.to.it www.luciano-corino.it www.comunicarelimpresa.com Luciano Corino Ex manager di alcune importanti aziende italiane, si occupa di Privacy, Modello organizzativo e Web protection. Per formazione è un informatico, ma non ha mai scritto una riga di software.

Dettagli

INDICE. Parte I RINVII SISTEMATICI

INDICE. Parte I RINVII SISTEMATICI INDICE Ringraziamenti... XIII Parte I RINVII SISTEMATICI GENESI DEL CODICE DI DEONTOLOGIA... 3 2. DIRITTO DI DIFESA E DIRITTO ALLA PROVA... 9 2. Il senso delle premesse.... 10 2.2. La difesa e la prova:

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO del sistema di videosorveglianza per la sicurezza cittadina e disciplina del trattamento dei dati personali * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 46 del 16.11.2010 INDICE: Art. 1 - Premessa Art. 2 Principi

Dettagli

Consorzio Polizia Locale Valle Agno

Consorzio Polizia Locale Valle Agno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE EFFETTUATA DAL CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE VALLE AGNO NEI TERRITORI COMUNALI DI VALDAGNO, RECOARO TERME, CORNEDO VICENTINO E CASTELGOMBERTO

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Telve di Sopra Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 11 in data 16 aprile 2007 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL

Dettagli

COMUNE DI PIANORO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PIANORO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PIANORO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del 6.2.2008 INDICE Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CASARGO PROVINCIA DI LECCO Via Roma N.1/A 23831 Casargo (LC) Tel. 0341/840.123 Fax 0341/840.673 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera C.C. 55 del 10/11/2008) INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3

Dettagli

COMUNE DI ROMANO CANAVESE

COMUNE DI ROMANO CANAVESE COMUNE DI ROMANO CANAVESE Provincia di Torino Piazza Ruggia n.1 C.A.P. 10090 Tel. 0125-713045- 637717 Fax 0125 714107 Codice fiscale: 84003030016 Partita Iva 02387680016 SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

COMUNE D I CALASCIBETTA

COMUNE D I CALASCIBETTA COMUNE D I CALASCIBETTA PROVINCIA DI ENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 29/07/2013 INDICE CAPO

Dettagli

Avvocato Diego Fulco. Studio Legale Imperiali -- 2009. www.imperiali.com.

Avvocato Diego Fulco. Studio Legale Imperiali -- 2009. www.imperiali.com. GOVERNANCE del personale e diritto ai controlli difensivi Avvocato Diego Fulco Studio Legale Imperiali Studio Legale Imperiali -- 2009 www.imperiali.com. Le domande ricorrenti Studio Legale Imperiali --

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 in data 26

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE SOMMARIO Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento dei dati personali per le finalità istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE 1 Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Principi generali Art. 3 Definizioni Art. 4 Ambito di applicazione Art. 5 Informativa

Dettagli

Comune di Lastra a Signa

Comune di Lastra a Signa Comune di Lastra a Signa (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 29 del 03/05/2011 CAPO I PRINCIPI GENERALI I N D I C E Art. 1 - Art. 2 -

Dettagli

Il diritto nell Informatica

Il diritto nell Informatica Il diritto nell Informatica Introduzione L utilizzazione sempre più diffusa dell Informatica nel corso degli anni ha investito tutti gli ambiti della vita sociale. La raccolta, l elaborazione e la trasmissione

Dettagli

Informativa sulla Privacy, D. Lgs. 30/06/03 n.196

Informativa sulla Privacy, D. Lgs. 30/06/03 n.196 Informativa sulla Privacy, D. Lgs. 30/06/03 n.196 Benvenuto sul nostro sito web ( www.assotir.it ). Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra Privacy Policy, che si applica in ogni caso in cui tu

Dettagli

e-health e ICT security stato dell'arte e criticità dove stiamo andando e che cosa è già cambiato nel nostro modo di gestire i dati

e-health e ICT security stato dell'arte e criticità dove stiamo andando e che cosa è già cambiato nel nostro modo di gestire i dati ACCREDITED FOR ORGANIZATION BY JOINT COMMISSION INTERNATIONAL Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI DI TRIESTE Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MEANA SARDO PROVINCIA DI NUORO Piazza IV Novembre, 4 08030 Meana Sardo - tel. 0784/64362 - fax 0784/64203 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA Settore Polizia Municipale REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 30/07/2007 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR PROVINCIA DI CAGLIARI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 13/11/2014 1 INDICE CAPO I

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 07/10/2014 Revisioni Note SOMMARIO Art.

Dettagli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy Michele Iaselli In materia di rapporti fra privacy e videosorveglianza, al di là dei principi generali fissati dal codice in materia di protezione

Dettagli

Sicurezza informatica: la normativa come strumento di governance

Sicurezza informatica: la normativa come strumento di governance Sicurezza informatica: la normativa come strumento di governance Avv. Alessandro Cecchetti Vice General Project Manager Colin & Partners Project Manager Business Unit Privacy Cloud: aspetti giuridici rilevanti

Dettagli

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 27.08.2014 1 CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice CAPO I Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Informativa Art. 5 - Accertamenti di illeciti e indagini

Dettagli

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 3 for Business Club

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 3 for Business Club Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 3 for Business Club H3G S.p.A. (di seguito 3 ) è Titolare di Sue informazioni qualificate come dati personali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I R O M AN O D E Z Z E L I N O D E C O R A T O A L V A L O R M I L I T A R E Via G. Giardino, 1-36060 Romano d Ezzelino (VI) Part. IVA e Cod. Fisc. 00258950245 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO

Dettagli

Azienda Sanitaria di Cagliari

Azienda Sanitaria di Cagliari Azienda Sanitaria di Cagliari Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D.lgs. n. 196/2003 e ss. mm. ed ii. Codice in materia di protezione dei dati personali INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE - Delibera C.C. n 10 del 30.03.2012: Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI ARENZANO Provincia di Genova REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 22 del 26/02/2015 Indice Art. 1 Oggetto e norme

Dettagli

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03)

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) A cura di Gianfranco Gargani A seguito delle diverse richieste degli iscritti

Dettagli

STEFANO TEANI Via Corte Capanni, 31-55100 Lucca Cod. Fisc TNESFN94A03E715S www.stefanoteani.it - info@stefanoteani.it

STEFANO TEANI Via Corte Capanni, 31-55100 Lucca Cod. Fisc TNESFN94A03E715S www.stefanoteani.it - info@stefanoteani.it Privacy Policy per i visitatori del sito www.stefanoteani.it La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito attualmente reperibile all indirizzo www.stefanoteani.it

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 INDICE CAPO I... 3 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 11.06.2015 Indice Capo I - Principi generali

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

Particolarità di alcuni trattamenti: Dott. Daniele Gombi

Particolarità di alcuni trattamenti: Dott. Daniele Gombi Particolarità di alcuni trattamenti: Videosorveglianza, Marketing, Mobile Device Dott. Daniele Gombi ALCUNI DATI 20.000.000000 000 smartphone stimati in Italia +52% Rispetto al 2010 77% utenti che li usano

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I AL B AR E D O P E R S AN M AR C O (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 31.1.2011

Dettagli

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 3 Social Care

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 3 Social Care Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 3 Social Care H3G S.p.A. (di seguito 3 ) è titolare di Sue informazioni qualificate come dati personali,

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R Direzione Provinciale di Catania ATTO DISPOSITIVO N. 66 / 2013 Assegnazione di personale: Maria Parisi IL DIRETTORE PROVINCIALE Con nota prot. n.1410 dell 08 gennaio

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina l esercizio del sistema di videosorveglianza

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 20 marzo 2007 Revisioni Note

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza

Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Polizia Locale Monserrato (CA) Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza I N D I C E Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Responsabile

Dettagli

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI CINQUEFRONDI (Approvato con Deliberazione di C. C. N 40 del 22 Novembre 2012) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio

Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio Ambito di applicazione e finalità Art. 1 (Diritto alla protezione dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

Regolamento comunale per la videosorveglianza

Regolamento comunale per la videosorveglianza COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Regolamento comunale per la videosorveglianza (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 20 maggio 2010) - 1 - SOMMARIO CAPO PRIMO: PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO.

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. Approvato con deliberazione di C.C. n. 24/2013 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006.

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006. Corso di Amministratore di condominio Privacy Privacy nei confronti delle diverse figure 1 Argomenti trattati I principi generali della legge sulla privacy. Il provvedimento generale del Garante del 18

Dettagli