THINK, FEEL, ACT. INNOVATION Proposte di sviluppo manageriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "THINK, FEEL, ACT. INNOVATION Proposte di sviluppo manageriale"

Transcript

1 THINK, FEEL, ACT. INNOVATION Proposte di sviluppo manageriale

2 La formazione manageriale rappresenta nell economia globale un fattore cruciale di competitività per le imprese. Oggi si avverte sempre di più l esigenza, per ottimizzare l efficienza e l efficacia degli interventi formativi, di esplorare nuovi "percorsi di apprendimento" sperimentando e realizzando modalità più flessibili ed articolate di sviluppo delle competenze e più integrate fra attività di aula ed esperienze operative. Pertanto, ai diversi aspetti delle capacità manageriali sempre più e meglio si fanno corrispondere metodi didattici diversi che possono concorrere significativamente a realizzare ciascun specifico obiettivo formativo.

3 La nostra vision Per rispondere a queste esigenze, Adecco Management School ha voluto arricchire la propria offerta delineando nuove proposte di sviluppo fondate su idee progettuali innovative, realizzate implementando nuovi ed originali mix metodologici. Tutte le idee proposte vengono realizzate in modalità aziendale, progettate ad hoc e sono personalizzabili in relazione alle necessità del cliente. La Faculty proposta è composta da docenti e partner selezionati, che provengono da un affermata esperienza nella formazione manageriale.

4 La metodologia Bilancio delle competenze come momento di check up personale e professionale attivabile con il supporto di professionisti specializzati Workshop in aula con docenti e testimonial aziendali di rilievo Studio in autoapprendimento on line su materiali didattici sviluppati ad hoc dalle più grandi Business School mondiali, grazie alla partnership con i numeri uno del mercato formativo e-learning Coaching individuale o di team come momento di restituzione/feedback o di supporto per la definizione di un piano di sviluppo Attività esperienziali che attivano l apprendimento fuori confine attraverso la consolidata metodologia dell experiental learning.

5 DEVELOP YOURSELF Managerial Skills Emotics at work Change management La gestione del conflitto attraverso la comunicazione non violenta Business writing di successo Speaker s corner La valorizzazione del capitale intellettuale Tecniche di negoziazione avanzata Beautiful Mind Maps Time Management Mindfulness Creatività e Innovazione Innovatori si nasce o si diventa? Errare divinum est Art for business Sales Management Customer centricity No limits! Finance Scienza delle decisioni e trappole mentali Le idee progettuali

6 DEVELOP YOUR PEOPLE Talent Management Talent management come leva strategica per l azienda Accountability: lo sviluppo della mentalita vincente Intangibleship: orientare l autosviluppo dei propri collaboratori Leadership in Evolution Essere leader in un momento di cambiamento Essere leader con l intelligenza relazionale Essere leader in contesti interculturali Il valore di valere: il nuovo modello di leadership integrata Le idee progettuali Diversity Management e Intercultura Il valore della differenza Uomini e donne al lavoro insieme: imparare a giocare il doppio misto Intelligenza culturale e de-italianizzazione Virtual Team Real Performance Managing by projects: gestire progetti strategici Sviluppare le performance dei team virtuali

7 ON TOP EXPERIENCE Il Gusto per l Eccellenza Come perseguire obiettivi strategici con innovazione e creatività Match Point Migliorare le performance in campi competitivi The Dragon Come integrare le competenze in un team di successo Autonomamente Sviluppare la self leadership in situazioni critiche di cambiamento Le idee progettuali Lets Take Off Vincere la sfida ad alta quota Edizione Straordinaria Come sviluppare un teamworking efficace

8 MANAGERIAL SKILLS Managerial Skills Emotics at work Change management La gestione del conflitto attraverso la comunicazione non violenta Business writing di successo Speaker s corner La valorizzazione del capitale intellettuale Tecniche di negoziazione avanzata Beautiful Mind Maps Time Management Mindfulness Develop yourself

9 EMOTICS AT WORK Managing professional relations EMOTICS traduce l italiano EMOTICA: Emotica del Lavoro è la disciplina che STRUTTURA l applicazioni delle abilità emotive al lavoro umano, per migliorare la qualità della vita lavorativa e professionale. La finalità dell'emotica del Lavoro è costituita dal sostenere soggetti e gruppi nel generare effetti e risultati concreti:migliorare la qualità della propria vita lavorativa e professionale, sia sotto il profilo del vissuto quotidiano (motivazione, soddisfazione, riduzione dei conflitti...) che sotto il profilo degli effetti e dei risultati (lavoro individuale, interazione con capi, colleghi, collaboratori, clienti, team...) accrescere le proprie possibilità di soddisfacente riuscita (gestione di obiettivi, attività, progetti, negoziazioni...) individuare e concretizzare idee nuove, soluzioni nuove, risposte nuove Gestione delle relazioni: le fasi della interazione professionale Natura delle emozioni, marcature emotive, posizioni emotive e qualità del pensiero Abilità Emotive chiave Dinamiche di reazione emotiva: intensificazione, fading, trascinamento, conversione Impatto sulle fasi della interazione professionale Tecnica di posizionamento empatico: impatto su opening, negotiating e su preparation e opening Tecnica di influenzamento emotivo : impatto su negotiating e closing Docente CLAUDIO ALLIEVI Laurea in Ingegneria Nucleare ha un esperienza più che decennale nella progettazione ed erogazione di interventi di consulenza e formazione, di team e personal coaching, nella docenza e nella conduzione di corsi e seminari per operatori, quadri e dirigenti. Esperto di emotica è docente e trainer specializzato nello sviluppo delle competenze distintive della intelligenza emozionale nel comportamento organizzativo

10 CHANGE MANAGEMENT Quali sono le leve del cambiamento personale? Come preparare le persone al cambiamento? Come attivarlo e sostenerlo nel tempo? Chi è un leader efficace nel cambiamento? Queste saranno le domande che guideranno il percorso formativo. Comprendere e muovere sistemi e persone Le credenze che ostacolano il cambiamento Le basi neuroscientifiche del cambiamento personale Il ciclo del cambiamento Preparare una strategia per cambiare Preparare se stessi e gli altri a cambiare Identificare e superare le resistenze al cambiamento Attivare il cambiamento e sostenerlo nel tempo Empowerment e Riflessione Connettersi con il proprio ruolo manageriale Crescere come Change Leader e facilitare lo sviluppo delle persone Docente ALESSANDRO LO RUSSO Presidente AICP, Associazione Italiana Coach Professionisti. Co-Fondatore ICTF, Interdependent Coach-Trainer Force, network di TrainerCoach per interventi di People Development sistemici. Docente Eni Corporate University e Profilo Accademy, collabora in programmi di Talent Management, come Project Manager e Master Coach per executive e corporate coaching (individui & team), Leadership, Engage&Align, Development, Change development by peer coaching interno. E stato membro del Board of Directors di ICF Italia, organizzatore delle conferenze del, 2006 e 2010 a Milano, del 2004 ad Oslo e del 2008 a Ginevra. Ha un importante esperienza manageriale ultradecennale in primarie società bancarie e nel No-Profit, alla guida del Gruppo 105 di Amnesty International.

11 LA GESTIONE DEL CONFLITTO ATTRAVERSO LA COMUNICAZIONE NON VIOLENTA Una comunicazione di qualità con se stessi e con gli altri è oggi una delle competenze più preziose per esser efficace in un mondo sempre più complesso. Questo workshop presenta uno strumento potente chiamato La Comunicazione Nonviolente, un processo di quattro punti che aiuta a migliorare radicalmente la nostra relazione con gli altri e trasformare potenziali conflitti in dialoghi pacifici e risolutivi. Riconoscere e gestire i propri trigger (reazioni negative) La capacità di osservare senza giudicare Come manifestare una comprensione rispettosa per i messaggi ricevuti I principi della comunicazione non violenta Come dire ciò che desideriamo senza suscitare ostilità Formulare richieste in base a bisogni non soddisfatti Come sviluppare l empatia verso noi stessi e verso gli altri Docente LOUISE EVANS Leadership Trainer, Global Executive Coach, facilitatore di Diversità culturale, Louise Evans è inglese di nascita ma vive in Italia dal 1986 dove collabora con individui, team e organizzazioni in fase di internazionalizzazione. Ha una profonda conoscenza del contesto manageriale italiano e ha lavorato con oltre 40 culture diverse. E apprezzato per la sua professionalità e entusiasmo ed offre una docenza molto coinvolgente

12 BUSINESS WRITING DI SUCCESSO C erano una volta i i lucidi, il bianco e nero, la lavagna luminosa. Negli anni, le presentazioni si sono sempre più diffuse ma con uno sgretolamento della qualità percepita e perseguita. Presentazioni, relazioni così come e lettere oltre ad essere una buona parte del prodotto finito di un qualsiasi professionista, sono un elemento con cui posizionarsi, sul mercato e all interno dell azienda. Scriverli con chiarezza rappresenta quindi un fattore di successo. Questo percorso si pione l obiettivo di innalzare ed uniformare, in tempi contenuti, la qualità della documentazione prodotta, sia ad uso interno che verso il mercato e di velocizzare le attività di razionalizzazione del proprio pensiero e di comunicazione dei messaggi agli interlocutori PERCORSO PROPEDEUTICO Le fasi del processo di scrittura, L impianto logico della comunicazione professionale, Le relazioni tra i messaggi, L organizzazione del documento, la sintesi e la semplicità di linguaggio 3 possibili approfondimenti: Scrivere per presentare: il design delle presentazioni Visualizzare le informazioni quantitative: Dare efficacia al grafico, scegliere il grafico adatto alla comparazione numerica da rappresentare Scrivere le Il destinatario, l oggetto, il corpo del messaggio: struttura, stile e regole pratiche Docente MASSIMO TUCCI MBA Bocconi e laurea in ingegneria,ha maturato diverse esperienze come marketing manager in Publikompass e Seat Pagine Gialle. Attualmente si occupa di consulenza e formazione in ambito business e comunicazione con un focus importante sugli aspetti del business writing.

13 SPEAKER S CORNER E ormai determinante per manager e professional possedere sicure competenze per gestire le situazioni in cui occorre parlare a un pubblico per presentare progetti, relazioni e idee in maniera efficace e coinvolgente. Tecniche specifiche che permettano la giusta comunicazione del ruolo, dello stile del relatore, la gestione sicura e consapevole dell'uditorio e la capacità di rispondere a domande e obiezioni in maniera efficace e persuasiva. Il percorso formativo fornisce ai partecipanti gli strumenti e le tecniche utili a gestire tutti i momenti e le possibili situazioni in cui è richiesta una valida e proficua comunicazione pubblica. Acting: la gestione consapevole del corpo e della voce Elementi di comunicazione verbale e non verbale Il linguaggio del corpo: mimica, sguardo, postura, gestualità Una voce espressiva: volume, ritmo, pause, accentuazioni Strutturazione e articolazione dei contenuti dello speech Le fasi del discorso: l apertura, l argomentazione, la chiusura Le tecniche discorsive e persuasive I supporti audiovisivi (slide, contributi filmati, microfono) La relazione con il pubblico La possibilità relazionali con l uditorio Valutazione dei feed back e adattamento al pubblico La gestione delle domande e delle obiezioni. Docente DARIO TURRINI Laurea in Filosofia e in Scienze Geologiche. Diploma Scuola di Teatro Colli e Corso CEE di doppiaggio. Dal Docente a contratto per il DAMS dell università di Bologna: seminari e laboratori di storia del teatro, semiologia teatrale. Dal 2000 al 2001 Responsabile della comunicazione in Profingest Management School. Dal 1999 al 2000: Account e formatore per: Partners inbusiness Communication (Gruppo JWT)

14 LA VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE INTELLETTUALE Nel corso degli ultimi anni la capacità competitiva di un impresa e la conseguente generazione di valore economico si sono sempre associate al Capitale Intellettuale (intangibile) dell impresa. Si tratta dell insieme dei beni e delle attività legate alla conoscenza e alle varie forme in cui questa si esplicita nei processi e nei prodotti/servizi aziendali. Al momento ci sono diversi approcci per la valutazione e la misurazione del capitale intellettuale, ma tutti volti a rendere evidente il capitale intellettuale e il suo concorso alla generazione di valore economico. Cos è il capitale intellettuale e perchè è importante per la competizione aziendale Misurazione, valutazione, management e reporting del capitale intellettuale: soggetti e finalità I modelli per la valutazione e la misurazione del capitale intellettuale Il capitale intellettuale e le sfide manageriali Il capitale intellettuale e il bilancio: alcune tendenze internazionali tra bilancio integrato e financial reporting Docente GIUSEPPE MARZO Dal 1995 è Professore e Ricercatore nelle materie economico-aziendali presso diverse Università Italiane. E Membro dell Editorial Advisory Board della rivista Accounting, Economics and Law a CONVIVIUM. Membro del Comitato Direttivo del Master CFO organizzato dall Università di Ferrara e ANDAF. Consulente e formatore aziendale su tematiche di Amministrazione, Controllo e Finanza.

15 TECNICHE DI NEGOZIAZIONE AVANZATA Acquisizione di tecniche per lo sviluppo delle capacità e delle performance negoziali, attraverso la presentazione di casi reali. Gestire il processo di creazione del valore e sviluppare la capacità di chiudere la trattativa gestendo al meglio l intera Zona di Possibile Accordo. Sviluppare la capacità di negoziare in modo razionale di fronte a persone irrazionali Il modello delle 3P: preparazione, processo, persuasione. La preparazione alla negoziazione: la definizione degli obiettivi, la definizione del proprio BATNA e quello della controparte. la ricerca degli interessi della controparte. Il processo negoziale: Le strategie e le tattiche di conduzione: le tattiche di pressione e induzione, generazione delle alternative e costruzione dell accordo. La gestione della prima offerta e la pianificazione delle concessioni. La dinamica dei rapporti di potere fra le parti. Fare leva sui diversi interessi della controparte per creare valore. La persuasione durante la negoziazione: La comunicazione assertiva e la comunicazione persuasiva La gestione delle emozioni e del conflitto. La negoziazione partendo da una posizione di debolezza. Docente YADVINDER RANA Laureato in Ingegneria al Politecnico di Torino, MBA presso la Manchester Business School, è stato Direttore Commerciale per Africa, Asia e Pacifico in un azienda leader nel settore del lusso dal 2005 al 2010, stabilendone la presenza in Cina, India, Giappone, Corea del Sud, Sud Est Asiatico, Medio Oriente (Arabia Saudita, Kuwait, EAU, Bahrein, Libano), Tunisia, Marocco, Egitto, Sud Africa e Australia e gestendo direttamente le attività commerciali e di marketing a Shanghai e Mumbai. In precedenzaha ricoperto ruoli internazionali nell ambito del Gruppo Fiat in Pennsylvania, a Londra e Lione, in particolare come gestore di progetti di integrazione acquisti durante i merger fra Case e New Holland, Iveco e Renault V.I. e la JV fra Fiat Auto e GM.

16 BEAUTIFUL MIND MAPS Costruire mappe per rappresentare e organizzare il proprio pensiero Una mappa è uno strumento di impostazione mentale estremamente efficace, perché aiuta ad acquisire consapevolezza e metodo: la visualizzazione consente di percepire l articolazione di idee e concetti, di comprendere le strategie mentali adottate semplicemente osservando il modo in cui gli elementi fanno la loro comparsa, vengono modificati e progressivamente combinati. In questo modo diventa più facile seguire il filo dei propri pensieri, svilupparli e condividerli con colleghi e collaboratori. Conoscenza delle ragioni del mapping: percezione, memorizzazione, il processo di elaborazione del pensiero Le diverse tipologie di mappe: mentali, concettuali, solution map Sviluppo di specifiche abilità mediante le mappe: ideare e sviluppare; comunicare e descrivere; sintetizzare, classificare e organizzare le informazioni; analizzare, valutare e decidere; organizzare e coordinare; pianificare e realizzare Docente ALBERTO SCOCCO Docente universitario, da 12 anni è anche consulente e formatore in ambiti quali la gestione dei progetti, della conoscenza, del cambiamento, dei processi e dell innovazione. In questi contesti utilizza le mappe del pensiero come strumento di facilitazione nell organizzazione individuale e di gruppi lavoro. Promotore di vari gruppi di discussione sul tema del mapping, ne cura il coordinamento e la moderazione sui principali social network. Ha pubblicato con Franco Angeli Editore nella collana Trends Costruire mappe per rappresentare e organizzare il proprio pensiero e vari articoli su riviste specializzate.

17 TIME MANAGEMENT Organizzare il proprio tempo, gestire le priorità Come fare fruttare al meglio la propria giornata lavorativa? Come rispondere alle continue emergenze e cambi di priorità? Come organizzare al meglio il lavoro con i colleghi (o con i propri collaboratori)? Analisi del proprio ruolo: punti di forza e criticità Analizzare la situazione Importanza, urgenza, priorità Strategie di ottimizzazione: Azioni per migliorare il portafoglio delle attività La revisione del portafoglio in ottica evolutiva Anticipare le urgenze: metodologie di pianificazione Comportamenti che fanno guadagnare tempo e comportamenti che ne fanno perdere Superare l abitudine a procrastinare Sviluppare abitudini positive per gestire il proprio tempo Docente ROSSANO GAGLIARDI Pluriennale esperienza in Canada e negli Stati Uniti, dove inizia l attività di consulente e formatore. Dal 2001 al 2003 è stato Direttore dei programmi di educazione di The International Alliance of Guardian Angels, Inc., New York City. È stato inoltre consulente, formatore per la NCPC (National Crime Prevention Council) di Washington, con lo scopo di progettare, pianificare ed erogare percorsi formativi personalizzati per enti statali e parastatali. Oggi è formatore senior per organizzazioni nazionali e internazionali, tra le quali: SERONO FARMACEUTICI, SANOFI AVENTIS, NOVARTIS, GLAXO, AMERICAN UNIVERSITY OF ROME, PROCTER AND GAMBLE, UNIVERSITA DI MALTA, PHILIPS, AMERICAN EXPRESS, PIRELLI, SKY, FIAT, CITROEN, LAMBORGHINI.

18 MINDFULNESS Efficacia personale e gestione dello stress E soprattutto negli ultimi 5 anni che si riscontra nell ambito delle Neuroscienze un attenzione sempre maggiore alla pratica meditativa, intesa come vero e proprio allenamento di uno degli organi fondamentali del corpo umano: il cervello. A distanza di 30 anni dall introduzione della pratica meditativa grazie a Jon Kabat-Zinn in ambienti medici e sanitari come strumento per la prevenzione dello stress, è ormai prassi l uso della Mindfulness anche nei contesti aziendali più avanzati tra cui quelli statunitensi e nordeuropei (AstraZeneca, Google, Apple etc..). Sviluppare una mente positiva: apprendere l'ottimismo Lo stress: tutto ciò che ci consente di riconoscerlo Spie rosse: i principali segnali fisici, mentali ed emozionali Corpo, mente ed emozioni: visione olistica e ricerca del benessere Il ruolo degli atteggiamenti mentali nell'insorgenza dello stress Affrontare lo stress in modo pratico: tecniche di gestione Focalizzazione delle proprie risposte soggettive Formulazione del piano di miglioramento individuale Docente ARMANDO DE LUCIA Laurea in Psicologia Clinica e Master in Business Management conseguito presso l ISTUD di Stresa. Ha collaborato a progetti di analisi organizzativa e comunicazione interna in collaborazione con prestigiose società di consulenza, tra cui CapGeminiErnst&Youg e Accenture, su organizzazioni pubbliche, bancarie, oltre che su piccole e Medie Imprese. Formatosi con il programma OASIS del CenterForMindfulness di Boston e Stress Reduction Clinic direttamente con Jon Kabat- Zinn e Saki Santorelli, specializzato con Gregory Kramer della Metta Foundation sul programma Insight Dialogue, ha completato il suo training con il centro italiano Mindfulness partecipando a diversi ritiri in Vipassana.

19 CREATIVITA E INNOVAZIONE Creatività e Innovazione Innovatori si nasce o si diventa? Errare divinum est Art for business Develop yourself

20 INNOVATORI SI NASCE O SI DIVENTA? Il tema affrontato è quello dell innovazione. La focalizzazione del seminario è sugli elementi che possano facilitare un processo di innovazione in un organizzazione aziendale nelle sue svariate forme di ideazione o miglioramento di processo o, più in generale, della qualità di vita professionale e soggettiva delle persone. L innovazione non basta. Serve l Innovazione manageriale Strategie per l innovazione dall Oceano Blu all essere Different Open leadership ed enterprise 2.0 (il capitale sociale, l uso delle piattaforme, lo stile manageriale aperto, l Agile Management) L arte del fallimento Pensare mettendosi nei panni (e nelle mani) del cliente: il design thinking L Anti-fragilità Discussione ed applicazione alla cultura della specifica realtà organizzativa del cliente. Docente: PAOLO BRUTTINI Consulente organizzativo, psicosocioanalista ha pubblicato saggi e volume sull imprenditorialità e la leadership. Dal 2008 ha approfondito il tema delle Leaderless Organization, studiando le più importanti innovazioni nelle organizzazioni globali. Consulente di personale di manager e imprenditori, coordina processi di sviluppo organizzativo per l innovazione collettiva in aziende manifatturiere e bancarie. E coautore nel 2012 del volume collettaneo Innovazione e capitale sociale. Testimonial: ROBERTO BONZIO Roberto Bonzio, giornalista curioso che ha dato vita a Italiani di Frontiera. Ha lavorato a Milano per l agenzia internazionale Reuters, dove si è occupato in particolare di attualità, cultura e innovazione, con articoli comparsi anche su testate straniere quali The Guardian, The Independent, Washington Post, e New York Times. E oggi il più grande storyteller, il più grande raccontatore di quest'epoca della Nuova Frontiera: di cosa significa andare fuori, mettersi in gioco e magari tornare qua e portare le ricchezze che si è creato....

21 ERRARE DIVINUM EST Abbiamo sempre considerato l azienda come luogo della perfezione scientifica, del metodo e della qualità. Ciò ci ha portato a negare l importanza dell errore nella sua possibilità di generare apprendimenti e relazioni. Nell era della complessità in cui viviamo, comprendere la natura degli errori e ricostruire dei significati, rappresenta una frontiera determinante per l innovazione e lo sviluppo organizzativo. Proponiamo, quindi, un laboratorio formativo, ideato per valorizzare e recuperare il ruolo dell'errore come atto conoscitivo: come possibilità di esplorare, apprendere liberamente e generare nuovi significati. Presentazione gli errori ed io Attività propedeutica al tema Spettacolo teatrale + talk show (2 ore) Il potere empatico della Gaffe L errore e la ricerca scientifica (gli errori che portano al Nobel) Serendipità e scoperte casuali Anche gli esperti si sbagliano Gli errori nella Silicon Valley: i casi Google, Cisco, Best Buy... Atteggiamenti personali nel fallimento: dalla impotenza alla possibilità Trasferimento ed applicazione in azienda Docente: MASSIMO LUGLI Consulente organizzativo, specializzato nella conduzione dei gruppi. Da diversi anni concentra la sua ricerca e i suoi interventi di docenza e consulenza nell'area dei processi comunicativi e della formazione interpersonale. Esperto di formazione esperienziale, conduce percorsi formativi sulle tecniche di comunicazione, sulle tecniche di lavoro di gruppo, sulla conflittualità, sull'espressività corporea, nonché laboratori di teatro, di espressività relazionale, di creatività. Testimonial: CLELIA SEDDA Laureata in Discipline della musica al Dams dell'università di Bologna ha conseguito il dottorato in Studi teatrali e cinematografici. Ha partecipato alle trasmissioni televisive e radiofoniche, "Al Posto tuo" su Rai Due, "Carta di Riso" su Radio Rai Due e, in veste di attrice, ai seguenti film: "Il cuore grande delle ragazze", "Dichiarazioni d'amore" e "La via degli angeli", di Pupi Avati; "Da zero a dieci" di Luciano Ligabue. Per molti anni ha partecipato a "Zelig" assieme ad Alessandro Fullin.

22 ART FOR BUSINESS Sviluppare intuizione e creatività attraverso le arti figurative Le arti figurative hanno il pregio di stimolare il pensiero e creare qualche insolita riflessione sul mondo intorno a noi. Lo studio delle opere favorisce la comprensione dei fenomeni e offre possibilità di sviluppo delle competenze chiave per gestire le complessità. Partendo da queste premesse il seminario vuole stimolare una riflessione su come: superare il proprio limite percettivo, sviluppare modelli creativi per innovare e risolvere problemi, ampliare l intuizione e capacità creativa nel proprio ruolo, ispirare nuovi orizzonti ai clienti interni ed esterni attraverso nuove forme di linguaggio. L arte come forma di espressione e di comunicazione. Andare oltre il contenuto e i significati apparenti. Ridefinire il concetto di qualità e di valore. Riconoscere i segni di intuizione e creatività in una realizzazione artistica e in un azienda. Analogie tra il processo artistico ed il processo di sviluppo e realizzazione professionale. Affascinare i nostri clienti interni ed esterni come un artista con i fruitori dell opera d arte. Docente: DANILO CARBONI Responsabile Commerciale e poi di Training Manager presso Crowe Italia, rappresentante italiano di Crowe Syndicate at Lloyd s of London, si dedica completamente alla formazione aziendale come freelance a partire dal Esperto di formazione esperienziale ha elaborato numerosi programmi innovativi per lo sviluppo delle competenze delle risorse umane, confrontandosi con aziende operanti in differenti settori di mercato. Testimonial: DANIELA VARTOLO Ha lavorato in diverse gallerie antiquarie d arte occupandosi della clientela italiana ed estera, organizzando fiere e mostre in galleria, curando i rapporti con le testate giornalistiche. Da sempre interessata anche all aspetto economico e manageriale dell arte ho poi collaborato a Roma con Finarte Casa D Aste, nel dipartimento di arte contemporanea e con l ufficio Stampa del Mibac. Dal 2004 è corrispondente per il Trentino Alto Adige e il Veneto de Il Giornale dell Arte (Allemandi - TO) e collaboratrice del quotidiano on line del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

23 SALES MANAGEMENT Sales Management Customer centricity No limits! Develop yourself

24 CUSTOMER CENTRICITY Come guadagnare di più dando valore alla voce del cliente Parlare di Soddisfazione del Cliente o di Customer Centricity significa comprendere cosa è importante per il Cliente, far convergere l attenzione di tutte le funzioni aziendali, non solo quelle a diretto contatto col Cliente, ad un valore più focalizzato sulla profittabilità. Cosa è importante per il Cliente? Cosa mi darà maggiori vendite? Dove concentrare i miei sforzi? La Soddisfazione ha un peso importante nell indirizzare gli acquisti futuri dei Clienti, e la forza della loro Word of Mouth è un potente mezzo di promozione di fatto a costo zero e molto più efficace di altri mezzi di comunicazione Valore della proposta al Cliente Oltre il Prodotto/Servizio Valore dell esperienza del Cliente Customer Satisfaction Fidelizzazione del Cliente NPS - background teorico del Net Promoter Score - esempi di applicazione - valore alla Voce del Cliente Casi aziendali di implementazione Docente ENZO VOLPATO Laureato in Ingegneria al Politecnico di Milano, con un Master successivo in Economia e Direzione Aziendale presso la Bocconi, comincia a lavorare in Pirelli in area R&D e Produzione, per poi entrare in Sony. Qui è prima Direttore di Stabilimento, poi Direttore per la Customer Satisfaction Italiana, e dopo uno sviluppo di carriera internazionale nelle Aree Operations di Sony, diventa Vicepresidente della Customer Satisfaction per il Gruppo Sony in Europa introducendo innovativi elementi di miglioramento. Ora consulente e formatore in vari aspetti organizzativi e di crescita manageriale, applica la Customer Centricity in diversi settori di Business, con un ottica di orientamento ai risultati e di forte coinvolgimento delle persone.

25 NO LIMITS! Vendere senza limiti I nostri pensieri sono formati dalle nostre convinzioni. Le nostre convinzioni possono limitarci e bloccare la nostra crescita oppure possono espanderci e portarci allo sviluppo e alla nostra realizzazione personale. Durante il seminario si lavorerà sul rimuovere le credenze che limitano le performance di un venditore sia a livello consapevole che inconsapevole. Il lavoro prenderà in esame sia i punti di miglioramento espressi dall azienda, sia quelli esplicitati dal venditore. Come funziona il nostro cervello Come migliorare autostima Come è possibile cambiare abitudini improduttive Come cambiare le proprie convinzioni limitanti Come migliorare i propri stati d animo Come costruire le proprie risorse personali Come vincere le proprie paure / ansie Docente GIOVANNI SEBASTIANO COZZA Esercita la professione di Mental Coach da 21 anni in ambito: SPORT-LIFE-BUSINESS: business-coach (ambito aziendale), life-coach (ambito personale) e sport-coach (ambito sportivo). Nelle aziende insegna comunicazione persuasiva per venditori, managers, customer care, call center operando anche sullo sblocco immediato delle credenze limitanti. In passato ha ricoperto ruoli operativi, manageriali e dirigenziali nelle vendita di beni e servizi.

26 FINANCE Finance Scienza delle decisioni e trappole mentali Develop yourself

27 SCIENZA DELLE DECISIONI E TRAPPOLE MENTALI La finanza comportamentale è una nuova branca della finanza che studia come la psicologia influenza le decisioni degli agenti economici, che a volte mostrano una razionalità «limitata», comportandosi in modo «illogico» quando spendono, investono, risparmiano e prendono a prestito del denaro. La violazione degli assiomi di razionalità: l individuo «emotivo» Le principali trappole mentali: ancoraggio, overconfidence, etc L influenza della psicologia sulle scelte di investimento dei singoli La Teoria del portafoglio comportamentale: i conti mentali L influenza delle euristiche sull andamento dei mercati finanziari La finanza comportamentale: un nuovo paradigma? Docente MARCO LIERA Oltre 20 anni di esperienza nell informazione finanziaria per risparmiatori e professionisti. In particolare, dal 1992 al 2010, ha lavorato presso la redazione del Sole-24 Ore, dove ha creato e guidato per otto anni Plus24, il settimanale del sabato dedicato alla finanza e al risparmio. Sul Sole-24 Ore mantiene due rubriche, una su Plus24 dedicata alle risposte ai risparmiatori e un altra in prima pagina sull edizione domenicale del quotidiano. È stato per cinque anni professore a contratto al corso di laurea specialistica in Discipline Economiche e Sociali (DES) dell Università Bocconi di Milano e attualmente è professore a contratto alla Facoltà di Economia dell Università di Parma.

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei rapporti business to business. I settori di azione spaziano

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli