L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione"

Transcript

1 Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione Ospedale di Trento Direttore: dr. Edoardo Geat Cos è ed a cosa serve L ANESTESIA Presentazione Gentile paziente, scopo di questo opuscolo è quello di spiegare in maniera semplice ed esauriente cosa è ed a cosa serve l anestesia in modo da affrontare in condizioni di serenità e consapevolezza l intervento chirurgico. In esso troverà informazioni sulle varie tecniche anestesiologiche disponibili e sul loro utilizzo. Un capitolo a parte è dedicato agli effetti collaterali ed alle complicanze, argomenti che preoccupano spesso il paziente. L opuscolo viene consegnato dal chirurgo al momento della visita; avrà quindi modo e tempo di leggerlo cosicché quando effettuerà la visita anestesiologica potrà chiarire con l anestesista eventuali dubbi e chiedere ulteriori spiegazioni, prima di dare l assenso all intervento. Notizie utili per il paziente

2 Cos è l anestesia e a cosa serve? L Anestesia è una disciplina medica che, con l utilizzo di farmaci specifici, ha il compito di: permettere l effettuazione di un intervento chirurgico senza che il paziente percepisca dolore o ansia garantire al chirurgo condizioni ottimali di rilasciamento muscolare Che effetti hanno i farmaci dell anestesia? Hanno differenti meccanismi di azione e determinano: sedazione perdita di coscienza rilasciamento muscolare riduzione della sensibilità al dolore fino alla sua abolizione Chi è l anestesista? E un medico specializzato in anestesia e rianimazione che ha il compito di somministrare i farmaci necessari all effettuazione dell anestesia, controllare che le condizioni del paziente si mantengano stabili per tutto l intervento chirurgico e verificare che le funzioni vitali siano ristabilite prima del ritorno in reparto. Altri compiti della sua specialità sono: cura dei pazienti ricoverati nei reparti di rianimazione e terapia intensiva gestione delle emergenze nei diversi reparti ospedalieri trattamento del dolore acuto e cronico Nel suo lavoro è aiutato dall infermiere di anestesia che ha il compito di preparare il paziente, controllarne le condizioni cliniche e supportare il medico. Quanti tipi di anestesia esistono? Esistono sostanzialmente due tipi di anestesia: 1. Anestesia generale in cui l intero corpo è anestetizzato 2. Anestesia loco-regionale in cui solo una parte, più o meno estesa del corpo, è anestetizzata

3 Anestesia Generale L anestesia generale si effettua somministrando attraverso una cannula inserita in una vena e collegata ad una fleboclisi o per via inalatoria farmaci che determinano: profonda perdita dello stato di coscienza con un azione diretta sul nostro cervello rilasciamento di tutti i muscoli dell organismo (non sempre necessario) riduzione della sensibilità agli stimoli dolorosi provocati dall intervento chirurgico (analgesia) Quando il paziente è addormentato vengono garantite l ossigenazione e la pervietà delle vie aeree mediante un tubo posizionato nella trachea o altri dispositivi che permettono di mantenere un assistenza respiratoria; attraverso questi dispositivi vengono somministrati ossigeno e vapori anestetici che servono a mantenere una corretta ossigenazione e un adeguata anestesia. L anestesia generale può essere condotta anche per via endovenosa. Durante tutto l intervento chirurgico vengono tenute sotto controllo le funzioni vitali, la pressione arteriosa, l elettrocardiogramma, la respirazione, la profondità dell anestesia. Negli interventi più impegnativi (cardiochirurgia, chirurgia toracica, etc.) il monitoraggio diventa più complesso ed invasivo. A fine intervento il paziente viene trasferito in reparto o, per interventi più complessi, nella terapia intensiva dove viene tenuto in osservazione fino a quando non ha recuperato completamente le funzioni respiratorie e cardiocircolatorie. Gli effetti collaterali più comuni dell anestesia generale sono: nausea e vomito, fastidio alla gola (dovuto al tubo tracheale), brivido e, talvolta, dolori muscolari; già al risveglio può essere presente dolore che verrà adeguatamente trattato. Complicanze gravi (vedi più avanti) sono fortunatamente molto rare. Anestesia loco-regionale Prevede l effettuazione dell anestesia in una zona limitata del nostro corpo; utilizza farmaci definiti anestetici locali che agiscono bloccando le fibre nervose determinando perdita della sensibilità e della funzione motoria. L anestesia loco-regionale prevede diverse tecniche che andiamo ad esaminare singolarmente.

4 Anestesia subaracnoidea o spinale: viene utilizzata prevalentemente per gli interventi che si effettuano al di sotto dell ombelico e prevede la somministrazione di una piccola quantità di farmaco nel liquor (liquido che circonda il midollo spinale). Provoca anestesia completa di gambe e bacino e dura da due a tre ore, dopodichè regredisce con ricomparsa di sensibilità, forza muscolare; se insorge dolore sarà adeguatamente trattato. Anestesia epidurale o peridurale: molto simile all anestesia subaracnoidea; l anestetico viene somministrato attraverso uno speciale ago nello spazio peridurale dove passano i nervi che fuoriescono dal midollo spinale. In questo spazio può essere inserito un catetere per la somministrazione di ulteriori dosi di farmaco; questo metodo viene utilizzato anche nell analgesia in travaglio di parto (il cosiddetto parto indolore). Anestesia plessica: indicata negli interventi sugli arti superiori ed inferiori. Si utilizza un ago collegato ad uno stimolatore elettrico che permette di localizzare il nervo da anestetizzare. Attraverso l ago si somministra l anestetico che produce, in breve tempo, l anestesia completa dell arto da operare. L effetto di tale anestesia può essere molto prolungato: ciò non deve preoccupare, anzi rappresenta un vantaggio in quanto per tutto questo tempo il paziente non percepisce il dolore. Anche in questo caso è possibile posizionare attraverso l ago un catetere da utilizzare a scopo antidolorifico (anestesia plessica continua). Anestesia locale: è una tecnica molto semplice che prevede la somministrazione di anestetico locale direttamente nella sede dell intervento chirurgico; viene effettuata dall anestesista o dal chirurgo e viene utilizzata per gli interventi minori. Quando si utilizzano le tecniche di anestesia locoregionale il paziente rimane cosciente ma può essere talvolta necessario effettuare una sedazione per ridurre lo stato di ansia. Come per l anestesia generale, per tutto il tempo dell intervento al paziente vengono controllati la pressione arteriosa, l elettrocardiogramma e l ossigenazione del sangue. In caso di blocco insufficiente è necessario integrarlo con l anestesia generale.

5 Complicanze gravi dell anestesia loco-regionale (neurologiche, cardiovascolari; vedi più avanti) sono poco frequenti. Il dolore postoperatorio compare più tardi rispetto all anestesia generale. Controllo del dolore post-operatorio Dopo ogni intervento chirurgico, una volta terminato l effetto dell anestesia (generale o loco-regionale) inevitabilmente compare dolore che può essere più o meno intenso a seconda del tipo di intervento chirurgico effettuato, del tipo di anestesia utilizzata e della sensibilità soggettiva del paziente. L anestesista è la figura professionale più esperta nel trattamento del dolore in generale e di quello postoperatorio in particolare. Egli farà in modo che l intensità di tale dolore sia accettabile utilizzando diverse vie di somministrazione dei farmaci antidolorifici: per bocca (quando possibile) endovenosa (attraverso l infusione ad orari fissi oppure con l utilizzo di pompe meccaniche o elettroniche a flusso continuo) peridurale continua plessica continua Si utilizzano diversi farmaci a seconda del tipo di intervento e delle condizioni cliniche del paziente. Si dividono in tre grandi categorie: oppiacei (morfina e derivati): si impiegano negli interventi più dolorosi. Sono molto efficaci ma possono provocare nausea e vomito, prurito e molto raramente depressione respiratoria. farmaci antinfiammatori: sono più adatti per gli interventi con dolore lieve o moderato. Vanno usati con cautela nei pazienti con problemi epatici, renali e gastrici e negli anziani. anestetici locali: sono molto efficaci e, a differenza delle altre due categorie, agiscono solo sulla zona interessata dall intervento chirurgico. Se usati per via peridurale possono dare ipotensione ed alterazione della sensibilità e della forza muscolare; tali effetti si risolvono alla sospensione della somministrazione. Spesso queste categorie di farmaci vengono associate per ottenere una migliore analgesia e diminuire gli effetti collaterali. Al ritorno in reparto gli infermieri verificheranno regolarmente l intensità della sintomatologia dolorosa e, se necessario, somministreranno dosi supplementari di analgesico secondo la prescrizione dell anestesista.

6 Effetti collaterali e complicanze dell anestesia Rappresenta l argomento più temuto dai pazienti; tutti i trattamenti sanitari possono presentare effetti collaterali o complicanze ma la percentuale di eventi gravi è molto bassa se paragonata a quella delle normali attività quotidiane (lavoro, sport, spostamenti con auto, moto, ecc.). Per effetti collaterali si intendono eventi legati all utilizzo di tecniche e farmaci dell anestesia; sono prevedibili, più o meno frequenti e possono essere in gran parte prevenuti. Le complicanze sono invece eventi inattesi ed indesiderati. Per semplificare possiamo distinguerli in : comuni (hanno una frequenza che va dall 1% al 30% delle anestesie) non comuni (da 1% ad uno su ) rari o molto rari (da 1 su a 1 su ) Effetti collaterali e complicanze comuni Nausea e vomito: sono gli effetti collaterali più comuni e sono più frequenti con l anestesia generale. Sono legati ai farmaci utilizzati ed al tipo di intervento (chirurgia addominale, oculistica, chirurgia del capo e del collo) ma è molto importante la predisposizione individuale(mal di mare, mal d auto ). Possono essere prevenuti o trattati con adeguati farmaci, ma non sempre è possibile eliminarli completamente. Cefalea: è legata ai farmaci, all intervento ed allo stress. Un tipo particolare di cefalea (più raro) è conseguente all utilizzo dell anestesia spinale: può durare da poche ore a diversi giorni, si risolve spontaneamente e molto raramente richiede un trattamento particolare. Brivido: legato ad alcuni anestetici ed alla durata dell intervento. E più frequente con anestesia generale. Può essere prevenuto e curato riscaldando il paziente o con la somministrazione di particolari farmaci. Mal di gola: è conseguenza dell utilizzo del tubo tracheale in anestesia generale. Si risolve spontaneamente. Dolori muscolari: conseguenti all uso di particolari farmaci. Difficoltà ad urinare: è presente soprattutto dopo anestesia spinale e peridurale. Talvolta è necessario

7 posizionare temporaneamente un catetere vescicale. Effetti collaterali e complicanze non comuni Intubazione difficoltosa: consiste nella difficoltà di posizionare il tubo nella trachea del paziente; spesso è prevedibile (dipende dalla conformazione del capo e della bocca del paziente) altre volte no. Per ovviare a tale problema sono disponibili appositi strumenti. Lesioni di denti, lingua, bocca: conseguenti alle manovre che vengono effettuate sulle vie aeree del paziente (posizionamento del tubo tracheale). Talvolta tali manovre possono risultare difficoltose per cui potrebbero verificarsi avulsioni dentarie, lacerazioni della lingua e delle mucose della bocca. Inalazione di materiale gastrico: si intende il passaggio di materiale proveniente dallo stomaco nei polmoni in seguito a vomito o rigurgito. Si può verificare nella fase iniziale dell anestesia quando il paziente non è più cosciente e non è stato ancora posizionato il tubo nella trachea, o in fase di risveglio se non è ricomparso il riflesso della tosse. E più frequente nel paziente a stomaco pieno ma può presentarsi anche in pazienti a digiuno (ad es. nel taglio cesareo). Nel paziente a stomaco pieno si posticipa l intervento, se possibile, dopo sei ore dall ultimo pasto; se ciò non fosse possibile si utilizza una particolare tecnica di intubazione che consente una maggiore sicurezza o si passa ad una anestesia locoregionale. Depressione respiratoria: causata principalmente dagli oppiacei (morfina e derivati). Questi farmaci vengono impiegati nella maggior parte delle anestesie, soprattutto generali; sono molto efficaci nel trattamento del dolore ma riducono la sensibilità dei centri nervosi che regolano il respiro, per cui i pazienti devono essere controllati più assiduamente. Effetti collaterali e complicanze rari o molto rari Risveglio intraoperatorio: talvolta si può verificare durante anestesia generale ed è dovuto al fatto che, in determinate situazioni, è necessario un alleggerimento dell anestesia, per cui il paziente

8 può riacquistare lo stato di coscienza. E una situazione di sicuro disagio per il paziente ma che non complica il decorso clinico. E comunque sempre più raro grazie alle tecniche di monitoraggio ed ai farmaci oggi utilizzati. Gravi reazioni allergiche: mentre lievi reazioni allergiche sono abbastanza frequenti con i farmaci utilizzati in anestesia, le reazioni gravi (shock anafilattico) sono molto rare; è importante informare l anestesista della presenza di eventuali precedenti allergici sia a farmaci che ad altre sostanze (per es. lattice). Danni neurologici: possono verificarsi in anestesia generale in conseguenza di una difficoltà ad ossigenare il paziente (intubazione difficoltosa); in anestesia spinale o peridurale per un trauma diretto dell ago oppure per complicanze infettive o emorragiche; infine in anestesia plessica sempre in conseguenza di un trauma dell ago o della tossicità degli anestetici locali utilizzati. Tali danni sono quasi sempre reversibili e solo in una percentuale molto bassa possono lasciare esiti gravi. Ipertermia maligna: grave sindrome caratterizzata da comparsa improvvisa di febbre, rigidità muscolare, tachicardia, ecc. subito dopo l induzione dell anestesia generale; si presenta in soggetti predisposti (trasmissione genetica) dopo l utilizzo di determinati farmaci. Esiste una terapia specifica e la mortalità si è ridotta notevolmente. E importante sapere se tra i familiari si sono verificati casi della sindrome. Peggioramento di patologie preesistenti: in pazienti che presentano malattie importanti (cardiache, polmonari, ecc.) può verificarsi in seguito all intervento chirurgico ed all anestesia un peggioramento delle loro condizioni, per cui in sede di visita preoperatoria l anestesista, il chirurgo e, se necessario, altri specialisti, valuteranno insieme al paziente il rapporto rischio-beneficio e decideranno insieme la strategia più adatta. Morte: è rarissima (1 ogni anestesie); si può verificare in pazienti con scadenti condizioni generali oppure in seguito a comparsa di gravi ed imprevedibili complicanze (shock anafilattico, vomito durante l induzione dell anestesia, impossibilità di gestione delle vie aeree, ecc). Emotrasfusione Alcune malattie (ulcere gastriche, tumori) ed alcuni tipi di interventi chirurgici possono determinare la

9 perdita di grandi quantità di sangue. Ciò può provocare, soprattutto in pazienti con importanti malattie di base (per es. cardiopatici), uno scarso apporto di ossigeno ai tessuti con conseguenze anche gravi. In parte queste perdite possono essere compensate con la somministrazione endovenosa di liquidi di diverso tipo; quando le perdite diventano eccessive sarà necessario ricorrere alla trasfusione di sangue e/o suoi derivati. L emotrasfusione non è completamente esente da rischi per cui si ricorre ad essa solo quando è strettamente necessario. In determinate situazioni è possibile il recupero intra e/o postoperatorio del sangue perso. In alcuni interventi programmati è possibile effettuare un predeposito del proprio sangue che poi viene reinfuso al termine dell intervento stesso. Vi verrà comunque richiesto il consenso preoperatorio per eventuali trasfusioni che potranno essere effettuate in seguito. Quando inizia il rapporto con l anestesista? Il primo contatto tra il paziente e l anestesista avviene durante la visita preoperatoria che viene effettuata in ambulatorio se il paziente si ricovera il giorno stesso dell intervento oppure in reparto se è già ricoverato in attesa di intervento. Durante tale visita l anestesista approfondisce col paziente le informazioni presenti nel questionario precedentemente consegnato riguardo alla sua storia clinica, l effettuazione di precedenti interventi chirurgici, la presenza di malattie importanti e di eventuali terapie, la presenza di allergie; valuta gli esami disponibili, le consulenze di specialisti (è molto importante che il paziente porti con sé tutta la documentazione disponibile). Successivamente il medico visita il paziente. Se lo ritiene opportuno richiede ulteriori esami e consulenze specialistiche con lo scopo di avere più informazioni possibili sul suo stato di salute. A questo punto viene proposta e spiegata al paziente la tecnica anestesiologica più adatta al tipo di intervento ed alle sue condizioni cliniche e vengono esposti gli effetti collaterali e le possibili complicanze. Vengono fornite informazioni sulla condotta da tenere e sulla sospensione o meno di farmaci in terapia. E questo il momento migliore per chiedere all anestesista ulteriori informazioni, chiarimenti e per instaurare un buon rapporto di fiducia. Infine viene richiesta la firma del consenso informato all utilizzo della tecnica anestesiologica prescelta.

10 Non sempre colui che effettua la visita anestesiologica eseguirà poi l anestesia. Rimane comunque la cartella quale documento di trasmissione dati ed informazioni per chi eseguirà materialmente l anestesia. Per concludere I pazienti mostrano ancora molto timore nei confronti dell anestesia ( spesso più che per l intervento in sé). Ciò non è giustificato se si pensa al notevole livello di preparazione raggiunto dagli specialisti in anestesia e rianimazione, all elevato controllo e sviluppo tecnologico delle attrezzature ed alla sicurezza dei farmaci utilizzati. Tutto ciò rende questa tecnica medica molto sicura; è importante ricordare che scopo principale dell anestesia è difendere il paziente da tutti i disturbi arrecati dall effettuazione di un intervento chirurgico.

Informazione e consenso all anestesia

Informazione e consenso all anestesia Procedure invasive: dalla comunicazione medico-paziente al consenso informato Informazione e consenso all anestesia Roberto Zoppellari Direttore UO Anestesia e Rianimazione Ospedaliera roberto.zoppellari@unife.it

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

MultiMedica. Quello che il Paziente deve sapere prima di operarsi. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica. a Carattere Scientifico IRCCS

MultiMedica. Quello che il Paziente deve sapere prima di operarsi. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica. a Carattere Scientifico IRCCS COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m m IRCCS MultiMedica Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) Centralino 02.242091 MultiMedica Castellanza Viale Piemonte,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 5 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico, Dott., per proseguire

Dettagli

1. Che cos'è l'anestesia? L anestesia generale. La sedazione. L anestesia locale

1. Che cos'è l'anestesia? L anestesia generale. La sedazione. L anestesia locale 1. Che cos'è l'anestesia? Il termine anestesia significa insensibilità al dolore e ad altre sensazioni provocate dagli atti diagnostici o terapeutici. L anestesia in realtà non è che l insensibilizzazione

Dettagli

duemila13 - qualità e comunicazione AO G. Salvini

duemila13 - qualità e comunicazione AO G. Salvini P.O. di BOLLATE, GARBAGNATE, PASSIRANA e RHO DIPARTIMENTO di ANESTESIA, RIANIMAZIONE, TERAPIA del DOLORE e CURE PALLIATIVE Direttore: Dr. G. MASSIMO VAGHI Telefoni e fax 02/99430.2130 02/99430.2108 e.mail:

Dettagli

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale?

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale? ANESTESIA LOCALE (LOCOREGIONALE) PER LA CHIRURGIA DEL SENO: DOMANDE FREQUENTI Dott. med. A. Saporito, Capoclinica Servizio Anestesia ORBV 1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale,

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

ANESTESIOLOGICHE: OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI ADULTI

ANESTESIOLOGICHE: OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI ADULTI U.O.C. ANESTEA E RIANIMAZIONE Direttore: Dott. Giovanni Maria Pittoni PROCEDURE ANESTEOLOGICHE: OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI ADULTI SEDE: 3 PIA MOBLOCCO 1 Gentile Signora/e, questo opuscolo ha lo

Dettagli

MIO FIGLIO DEVE ESSERE OPERATO. dedicato ai genitori dei piccoli pazienti per i quali è programmato un intervento chirurgico

MIO FIGLIO DEVE ESSERE OPERATO. dedicato ai genitori dei piccoli pazienti per i quali è programmato un intervento chirurgico MIO FIGLIO DEVE ESSERE OPERATO dedicato ai genitori dei piccoli pazienti per i quali è programmato un intervento chirurgico Se siete in possesso di questo libretto, il vostro piccolo deve subire un intervento

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

INFORMAZIONI. SULL ANESTESIA in età pediatrica PER UN CONSENSO INFORMATO E CONSAPEVOLE

INFORMAZIONI. SULL ANESTESIA in età pediatrica PER UN CONSENSO INFORMATO E CONSAPEVOLE INFORMAZIONI SULL ANESTESIA in età pediatrica PER UN CONSENSO INFORMATO E CONSAPEVOLE Orientarsi n. 57 Supplemento d informazione a Diario di Bordo - Reg.Tribunale di Bologna n. 6759 del 31/12/97 Gentili

Dettagli

L'ANESTESIA informazioni per gli utenti

L'ANESTESIA informazioni per gli utenti SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE VENETO AZIENDA U.L.SS. N.4 ALTOVICENTINO DIPARTIMENTO DI AREA CRITICA UU.OO.CC. DI ANESTESIA E RIANIMAZIONE L'ANESTESIA informazioni per gli utenti Il presente opuscolo

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

IL PAZIENTE IN DIALISI

IL PAZIENTE IN DIALISI IL PAZIENTE IN DIALISI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI DIALISI OBIETTIVI Cenni sull INSUFFICIENZA RENALE Diversi tipi di DIALISI Il PAZIENTE DIALIZZATO: problematiche ed emergenze EMORRAGIE della

Dettagli

Presidio Ospedaliero San Donato

Presidio Ospedaliero San Donato Presidio Ospedaliero San Donato DIPARTIMENTO AREA CRITICA Direttore Dott. M.Feri ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

consenso Che cos'è l'anestesia e chi è l anestesista rianimatore. L'anestesia generale completamente digiuno

consenso Che cos'è l'anestesia e chi è l anestesista rianimatore. L'anestesia generale completamente digiuno Gentile signora/e, La preghiamo di leggere attentamente le presenti note informative sulle differenti tecniche di anestesia, prima di presentarsi alla visita anestesiologica. Le informazioni riportate

Dettagli

Per un Consenso Informato e Consapevole

Per un Consenso Informato e Consapevole Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Anestesia e Rianimazione Dott. Antonino Pistilli - Direttore INFO ORMAZIONI O I SULL ANESTESIA L A S E S A Per un Consenso Informato e Consapevole

Dettagli

Taglio Cesareo: la scelta dell anestesia

Taglio Cesareo: la scelta dell anestesia Taglio Cesareo: la scelta dell anestesia Your anaesthetic for Caesarean section, 1st Ed, March 2003 ITALIAN Circa un bambino su cinque nasce con taglio cesareo e due volte su tre l intervento è imprevisto;

Dettagli

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Day Surgery Dott. Verter Barbieri - Responsabile Medico Fiorenza Costi - Coordinatore Infermieristico

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Sede legale e amministrativa: Via Salvatore Maugeri 4, 27100 Pavia Italy Tel. 0382 592504 Fax 0382 592576 www.fsm.it C.F. e P. IVA 00305700189 Registro Persone Giuridiche Private della Regione Lombardia

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

ANESTESIA REGIONALE. 1 Cosa accade prima dell'anestesia regionale?

ANESTESIA REGIONALE. 1 Cosa accade prima dell'anestesia regionale? ANESTESIA REGIONALE Fiume, Salvatore (1915-1997) Portatori di pesce La paura di sottoporsi ad una anestesia generale, di addormentarsi e rimanere in un stato d'incoscienza, non è la sola ragione per ricorrere

Dettagli

RICOVERI ASSISTENZA ANESTESIOLOGICA

RICOVERI ASSISTENZA ANESTESIOLOGICA RICOVERI ASSISTENZA ANESTESIOLOGICA '01030020 ANESTESIA PLESSICA - '01030014 ANESTESISTA GENERALE, EPIDURALE O SPINALE - Onorario pari al 20% dell'importo per il chirurgo operatore Minimo euro 74.00 Onorario

Dettagli

P R O G E T TO O S P E D A L E S E N Z A D O L O R E a cura del Comitato Ospedale senza Dolore

P R O G E T TO O S P E D A L E S E N Z A D O L O R E a cura del Comitato Ospedale senza Dolore P R O G E T TO O S P E D A L E S E N Z A D O L O R E a cura del Comitato Ospedale senza Dolore La diffusione di una cultura della terapia del dolore e delle cure palliative può consentire un risultato

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

STENOSI DELLE CAROTIDI

STENOSI DELLE CAROTIDI STENOSI DELLE CAROTIDI Quali sono le principali arterie che portano sangue al cervello? Ogni persona ha due carotidi che decorrono nel collo uno a destra ed uno a sinistra; si possono apprezzare le loro

Dettagli

La spasticità: nuove possibilità di trattamento

La spasticità: nuove possibilità di trattamento La spasticità: nuove possibilità di trattamento La spasticità: Cos è? Si definisce spasticità un alterazione dei movimenti data da un aumento del tono muscolare involontario, con contratture muscolari

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SS di TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE. Servizio Procedure

CARTA DEI SERVIZI. SS di TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE. Servizio Procedure CARTA DEI SERVIZI SS di TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE Servizio Procedure Informazioni generali Gentile utente, la preghiamo di esaminare le indicazioni contenute in questa Carta dei Servizi

Dettagli

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA Teresa Giusto La scelta dell anestesia loco-regionale nel taglio cesareo è influenzata da diversi fattori: poiché non esercita un azione depressiva sul nascituro rende

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

INFORMAZIONI. Orientarsi n. 54 SULL ANESTESIA. Per un Consenso Informato e Consapevole

INFORMAZIONI. Orientarsi n. 54 SULL ANESTESIA. Per un Consenso Informato e Consapevole INFORMAZIONI SULL ANESTESIA Per un Consenso Informato e Consapevole Orientarsi n. 54 Supplemento d informazione a Diario di Bordo - Reg.Tribunale di Bologna n. 6759 del 31/12/97 Gentile Signora/Signore,

Dettagli

Terapia del dolore con Stimolazione Midollare

Terapia del dolore con Stimolazione Midollare Terapia del dolore con Stimolazione Midollare PER UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA 2 Convivere con il dolore cronico Dover convivere con il dolore cronico, significa apportare alla propria vita un importante

Dettagli

Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA

Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA Questa pagina vuole essere un informativa circa il sollievo dal dolore postoperatorio per il vostro bambino attraverso l utilizzo di un

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

La Neuroanestesia e la Terapia Intensiva post operatoria: informazioni per i pazienti e i parenti

La Neuroanestesia e la Terapia Intensiva post operatoria: informazioni per i pazienti e i parenti AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Policlinico Santa Maria alle Scotte U.O. Neuroanestesia e Terapia Intensiva Postoperatoria Direttore dott. Ettore Zei La Neuroanestesia e la Terapia Intensiva post

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I

ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I MODELLO INFORMATIVO Informazioni relative all intervento di ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I Io sottoscritto/a nato/a. il. dichiaro di essere stato/a informato/a

Dettagli

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini scheda 01.05 Diagnostica per immagini 01.05 pag. 2 Cos è Le patologie ricercate MediClinic offre la possibilità di effettuare, in condizioni di massima sicurezza e confortevolezza, i due principali esami

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO?

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? TORINO 27-29 Marzo 2014 Martina Ronzoni Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA 3 SEGNI CLINICI DI IPOSSIA Ipossia Segni Respiratori

Dettagli

INFORMAZIONI SULL'ANESTESIA

INFORMAZIONI SULL'ANESTESIA OPUSCOLO INFORMATIVO ALL'ANESTESIA INFORMAZIONI SULL'ANESTESIA è stato redatto in accordo ad alcune indicazioni della Società Italiana di Anestesiologia (SIAARTI), della American Society of Anesthesiologists

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT.

U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT. U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT. CINETTO ANDREA DOLORE NEL MALATO NEOPLASTICO 50 80 45 40 35 30 25 20 15 10 5

Dettagli

L ANESTESIA NEL CANE E NEL GATTO: UNA BROCHURE INFORMATIVA

L ANESTESIA NEL CANE E NEL GATTO: UNA BROCHURE INFORMATIVA L ANESTESIA NEL CANE E NEL GATTO: UNA BROCHURE INFORMATIVA a cura di: dott. Lorenzo Novello, Medico Veterinario Prima edizione, Giugno 2001 INTRODUZIONE. Pensieri sparsi. Da un sondaggio, eseguito allo

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LA LASERVITREOLISI DEI CORPI MOBILI VITREALI

CONSENSO INFORMATO PER LA LASERVITREOLISI DEI CORPI MOBILI VITREALI SIG... CONSEGNATO IL... FIRMA... Gentile Signora, Signore, Lei soffre di una affezione del vitreo responsabile dei suoi disturbi visivi. Questa scheda contiene le informazioni sul trattamento che Le è

Dettagli

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI ADENOTONSILLECTOMIA

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI ADENOTONSILLECTOMIA UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI OTORINOLARINGOIATRIA Direttore: Carlo Alicandri Ciufelli NOTA ORL 02 Revisione 1 del 09.09.2010 Pagina 1 di 4 INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI ADENOTONSILLECTOMIA

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

Informazioni ai pazienti per endosonografia inferiore (sonografia interna attraverso l ano)

Informazioni ai pazienti per endosonografia inferiore (sonografia interna attraverso l ano) - 1 - Informazioni ai pazienti per endosonografia inferiore (sonografia interna attraverso l ano) Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Partorire. dolore. senza. 24 ore su 24

Partorire. dolore. senza. 24 ore su 24 per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 www.multimedica.it Ospedale San Giuseppe

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

POLICLINICO SANT ORSOLA-MALPIGHI RIANIMAZIONE-TERAPIA INTENSIVA

POLICLINICO SANT ORSOLA-MALPIGHI RIANIMAZIONE-TERAPIA INTENSIVA POLICLINICO SANT ORSOLA-MALPIGHI RIANIMAZIONE-TERAPIA INTENSIVA Che cosa è la Rianimazione-Terapia Intensiva? (Informazioni per familiari ed amici dei pazienti ricoverati in Rianimazione) Introduzione

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Il Dolore da Travaglio di Parto: conoscerlo e controllarlo

Il Dolore da Travaglio di Parto: conoscerlo e controllarlo Il Dolore da Travaglio di Parto: conoscerlo e controllarlo U.O. di Anestesia e Rianimazione Clinica Mangiagalli - Milano Terapia del dolore da parto Analgesia non farmacologica Analgesia farmacologica

Dettagli

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce il giovane adulto.

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce il giovane adulto. Sclerosi multipla FONTE : http://www.medicitalia.it/salute/sclerosi-multipla La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce

Dettagli

Informazioni per le donne in gravidanza. L anestesia regionale per alleviare i dolori del parto

Informazioni per le donne in gravidanza. L anestesia regionale per alleviare i dolori del parto Informazioni per le donne in gravidanza L anestesia regionale per alleviare i dolori del parto Per la lettrice frettolosa Per anestesia intendiamo l eliminazione dei dolori. Il concetto di «analgesia»

Dettagli

La Rachicentesi. (Puntura Lombare) in Ematologia. Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia

La Rachicentesi. (Puntura Lombare) in Ematologia. Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Informazione per pazienti La Rachicentesi (Puntura Lombare) in Ematologia Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Dott. Francesco Merli - Direttore Cristiana Caffarri - Coordinatore Infermieristico

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

APPROCCIO AL PRIMO SOCCORSO

APPROCCIO AL PRIMO SOCCORSO sapere saper fare saper essere Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI SERVIZIO OSPEDALIERO PROVINCIALE TRENTINO EMERGENZA 118

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8 Stato delle Modifiche Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente

Dettagli

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i LO SHOCK Corso Base. Relatore: Monitore CRI Roberto Valeriani Lo shock è l insieme dei sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta. Questo stato patologico esprime la reazione

Dettagli

ANEURISMA dell AORTA. Aneurisma dell aorta toracica addominale. Aneurisma dell aorta addominale addominale

ANEURISMA dell AORTA. Aneurisma dell aorta toracica addominale. Aneurisma dell aorta addominale addominale ANEURISMA dell AORTA Cosa è un aneurisma? Un aneurisma è la dilatazione di una arteria che avviene a causa dell indebolimento della parete arteriosa e per la perdita delle sue usuali proprietà elastiche.

Dettagli

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!»

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» Neuropatia diabetica «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» www.associazionedeldiabete.ch Per donazioni: PC 80-9730-7 Associazione Svizzera per il Diabete Association Suisse du Diabète Schweizerische

Dettagli

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni Il bambino non èun piccolo adulto Il diritto del bambino ad essere riconosciuto come persona permane anche nello stato di malattia. Questo si

Dettagli

SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA Padiglione Regina Elena Piano 3 - Via M. Fanti n 6 E-mail gastro@policlinico.mi.it

SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA Padiglione Regina Elena Piano 3 - Via M. Fanti n 6 E-mail gastro@policlinico.mi.it SC U.O. GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA Padiglione Regina Elena Piano 3 - Via M. Fanti n 6 E-mail gastro@policlinico.mi.it M.04.F.CONS. REV. 2 DEL 26/03/2014 PAGINA 1 DI

Dettagli

Alterazioni equilibrio acidobase

Alterazioni equilibrio acidobase Alterazioni equilibrio acidobase In base all equazione di HendersonHasselbalch ph = pk+ log [HCO 3 ] [CO 2 ] Acidosi: rapporto HCO 3 /CO 2 ph. Se diminuzione dipende da: HCO 3 acidosi metabolica (nonrespiratoria)

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 4 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico Dott., per proseguire

Dettagli

della Valvola Mitrale

della Valvola Mitrale Informazioni sul Rigurgito Mitralico e sulla Terapia con Clip della Valvola Mitrale Supporto al medico per le informazioni al paziente. Informazioni sul Rigurgito Mitralico Il rigurgito mitralico - o RM

Dettagli

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, Asma, intossicazioni, primo soccorso e classificazione COMA sindrome clinica caratterizzata da una mancata risposta

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale Dolore acuto postoperatorio: p alleanza fra professionisti Giovanni Vitale Lauretta Bolognesi Da anni si discute sulla necessità di rendere i luoghi di cura ambienti sicuri, ove la persona malata possa

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

Chirurgia TECNICA DI NUSS AOU MEYER

Chirurgia TECNICA DI NUSS AOU MEYER TECNICA DI NUSS Nel 1998 viene pubblicata la tecnica di Nuss che ha la particolarità di non richiedere resezioni costali o sternali, né incisione nella regione mediana dello sterno. La tecnica di Nuss

Dettagli

Ospedale Sacro Cuore Negrar VERONA- Reparto di Otorinolaringoiatria Primario: Dr. S. Albanese orl@sacrocuore.it tel: 0456013111

Ospedale Sacro Cuore Negrar VERONA- Reparto di Otorinolaringoiatria Primario: Dr. S. Albanese orl@sacrocuore.it tel: 0456013111 INFORMAZIONI MEDICHE E DICHIARAZIONE DI CONSENSO DEL PAZIENTE ALL INTERVENTO CHIRURGICO DI CORDECTOMIA POSTERIORE IN MICROLARINGOSCOPIA CON LASER Fornite da. in qualità di.. al. Signor... Nato a... il...

Dettagli

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO OBIETTIVI Sapere cos è l USTIONE Sapere riconoscere la gravità di un USTIONE Conoscere le tipologie di USTIONE

Dettagli

Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto)

Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto) - 1 - Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto) Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo

Dettagli