Metodologia di calcolo della prestazione energetica dell illuminazione nel terziario

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodologia di calcolo della prestazione energetica dell illuminazione nel terziario"

Transcript

1 Metodologia di calcolo della prestazione energetica dell illuminazione nel terziario

2 Ridurre emissioni di CO₂ Ridurre dipendenza energetica PROTOCOLLO DI KYOTO (1997) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI Insieme di azioni di progettazione, realizzazione e gestione che permettono, a parità di comfort, di consumare meno energia Consumo energetico globale per settori in Europa trasporti 31% industria 28% edifici 41% DIRETTIVA 2002/91/CE Energy Performance Building Directive attuato in Italia da D.Lgs.192/05 D.M. 26/06/2009 «Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici» Introduce l indice di PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE EPgl che esprime il consumo di energia primaria totale dell edificio riferito all unità di superficie utile o di volume lordo: EPgl= EPi+ EPacs+ EPe + EPill

3 UNI EN 15193:2008 "Energy performance of buildings Energy requirements for lighting " Fabbisogno energetico annuo dell impianto di illuminazione per unità di superficie in edifici appartenenti al terziario Light Energy Numeric Indicator = E / A E : energia consumata su base annua dall impianto comprese le potenze parassite A : superficie utile della zona considerata IMPIEGO DELL ENERGIA IN EDIFICI COMMERCIALI space other cooling water heating Lighting 30% office equipment space heating

4 UNI EN 15193:2008 "Energy performance of buildings Energy requirements for lighting " Fabbisogno energetico annuo dell impianto di illuminazione per unità di superficie in edifici appartenenti al terziario Light Energy Numeric Indicator = E / A E : energia consumata su base annua dall impianto comprese le potenze parassite A : superficie utile della zona considerata LENI valore limite Sistema di controllo (automatico o manuale) Destinazione d uso (uffici, ospedali, ecc.) Classe di qualità illuminotecnica UNI (*, **, ***)

5 IL RISPARMIO ENERGETICO DEVE ESSERE PERSEGUITO A PATTO DI GARANTIRE IL BENESSERE DEGLI OCCUPANTI (COMFORT VISIVO) *UNI : «Illuminazione dei luoghi di lavoro. Parte 1: Posti di lavoro in interni»: fornisce i requisiti illuminotecnici per gli ambienti lavorativi

6 SE SI GARANTISCE UNA MAGGIORE QUALITÀ ILLUMINOTECNICA, È LECITO CONSUMARE DI PIÙ

7 SE SI GARANTISCE UNA MAGGIORE QUALITÀ ILLUMINOTECNICA, È LECITO CONSUMARE DI PIÙ VICEVERSA, IL RICORSO A SISTEMI AUTOMATICI DI REGOLAZIONE, DEVE GARANTIRE UN MINOR CONSUMO ENERGETICO VALORE LIMITE PiÙ BASSO

8 CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA UNI EN LENI STRUMENTO DI VERIFICA Edifici esistenti STRUMENTO DI PROGETTAZIONE Edifici di progetto

9 Perché il LENI si applica agli edifici del terziario e non ad edifici residenziali? 1. L utente finale coincide con l intestatario della fornitura elettrica 2. Non è possibile prevedere orari di utenza determinati 3. La maggiore densità di potenza che caratterizza gli edifici del terziario consente un più ampio margine di risparmio energetico

10 IN PRESENZA DI UN CONTROLLO MANUALE o AUTOMATICO CONTROLLO DI PRESENZA Spegnimento o attenuazione delle lampade quando in un locale non sono presenti occupanti CONTROLLO DI LUMINOSITÁ spegnimento o variazione del flusso luminoso delle lampade in relazione alla disponibilità di luce diurna ENERGIA Consumo annuo POTENZA impegnata dalle lampade TEMPO Ore annue di accensione delle lampade FATTORE DI DIPENDENZA DALLA LUCE DIURNA FATTORE DI DIPENDENZA DALL OCCUPAZIONE

11 PER RIDURRE L ENERGIA IMPIEGATA DALL IMPIANTO, SI PUÒ INTERVENIRE SULLA POTENZA ASSORBITA DAGLI APPARECCHI ILLUMINANTI E/O SUL TEMPO DI ACCENSIONE DELLE LAMPADE RISPARMIO ENERGETICO POTENZA INSTALLATA Sorgenti ad alta efficienza luminosa Apparecchi illuminanti con elevato fattore di utilizzo Corretta manutenzione delle lampade TEMPO DI ACCENSIONE utilizzazione di luce naturale adattamento al profilo di utenza pianificazione dei gruppi di accensione sistemi di gestione e controllo

12 EFFICIENZA LUMINOSA: rapporto fra il flusso luminoso e la potenza; maggiore è il flusso emesso rispetto alla potenza assorbita, maggiore è l efficienza della sorgente. SCELTA DELLE SORGENTI Comfort visivo Risparmio energetico Flessibilità BISOGNA PREDILIGERE LA CONFIGURAZIONE DELL IMPIANTO MENO ENERGIVORA FRA QUELLE IN GRADO DI SODDISFARE I PREFISSATI REQUISITI ILLUMINOTECNICI

13 SORGENTI Più UTILIZZATE NEGLI EDIFICI DEL TERZIARIO LED FLUORESCENTI ALOGENE A IODURI METALLICI

14 L EFFICIENZA LUMINOSA COMPLESSIVA DIPENDE NON SOLO DALLE SORGENTI, MA ANCHE DAGLI APPARECCHI ILLUMINANTI FATTORE DI UTILIZZO percentuale del flusso luminoso generato utile alla realizzazione dell illuminamento richiesto sul compito visivo

15 PER PRESERVARE L EFFICIENZA DELLE LAMPADE, è NECESSARIA UNA ADEGUATA MANUTENZIONE CONTRO SPORCIZIA E USURA FATTORE DI MANUTENZIONE rapporto tra l illuminamento medio sul compito visivo dopo un certo periodo di uso dell impianto e l illuminamento ottenuto alla prima accensione. La UNI EN15193 prevede un dispositivo in grado di regolare la potenza erogata in funzione del decadimento del flusso luminoso

16 PER RIDURRE L ENERGIA IMPIEGATA DALL IMPIANTO, SI PUÒ INTERVENIRE SULLA POTENZA ASSORBITA DAGLI APPARECCHI ILLUMINANTI O SUL TEMPO DI ACCENSIONE DELLE LAMPADE RISPARMIO ENERGETICO POTENZA INSTALLATA Sorgenti ad alta efficienza luminosa Apparecchi illuminanti con elevato fattore di utilizzo Corretta manutenzione delle lampade TEMPO DI ACCENSIONE utilizzazione di luce naturale adattamento al profilo di utenza pianificazione dei gruppi di accensione sistemi di gestione e controllo

17 SE È POSSIBILE SPEGNERE O REGOLARE IL FLUSSO LUMINOSO IN FUNZIONE DELLA LUCE NATURALE PRESENTE IN AMBIENTE O DELLA PRESENZA DI OCCUPANTI, SI PUÒ RIDURRE IL TEMPO DI ACCENSIONE DELLE LAMPADE RISPARMIO ENERGETICO legato al tempo di accensione CARATTERISTICHE DEL LOCALE Disponibilità di luce naturale Profilo di utenza CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO Gruppi di accensione Dispositivi di gestione e controllo La valutazione del LENI deve essere condotta per singoli ambienti caratterizzati dalla stessa destinazione d uso e da un unico sistema di controllo e per ciascuno di essi va individuata l area che beneficia di luce naturale

18 VANTAGGI DELLA LUCE NATURALE 1) Garantisce apporti energetici gratuiti 2) Grazie alla sua variabilità in termini di intensità e qualità, regola i ritmi circadiani e influenza positivamente lo stato psico-fisico delle persone

19 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO SCELTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO Interruttori manuali locali con sistemi on/off, oppure dimmer Interruttori a tempo (dimmer) Sensori di presenza (a infrarossi, ultrasuoni o microonde) Sensori di luce diurna (on/off, oppure regolazione graduale) Corretta pianificazione dei gruppi di accensione: 1) In base alle aree con diversa disponibilità di luce naturale 2) In base ad aree con diversa frequenza di occupazione

20 Controllo Manuale Controllo Automatico - 19,6% energia - 70,2 CO₂kg/anno - 55,10 euro - 36,1% energia - 250,4 CO₂kg/anno - 196,52 euro

21 EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA SISTEMI PASSIVI Apporto di luce naturale PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA SISTEMI ATTIVI Impianto di illuminazione Sistemi di controllo e gestione PROGETTAZIONE IMPIANTISTICA PROGETTAZIONE INTEGRATA RISPARMIO Energetico, ambientale, economico BENESSERE PSICO-FISICO

22

Risparmio Energetico nei Sistemi di Illuminazione e negli Impianti Speciali

Risparmio Energetico nei Sistemi di Illuminazione e negli Impianti Speciali Risparmio Energetico nei Sistemi di Illuminazione e negli Impianti Speciali Il caso del Campus Universitario di Fisciano Università degli Studi di Salerno Comportamento dinamico dell edificio Benefici

Dettagli

Soluzioni professionali d illuminazione con tecnologia a LED per centri sportivi indoor e outdoor. BBTel

Soluzioni professionali d illuminazione con tecnologia a LED per centri sportivi indoor e outdoor. BBTel Soluzioni professionali d illuminazione con tecnologia a LED per centri sportivi indoor e outdoor. i vantaggi La tecnologia a LED, la soluzione L avvento della tecnologia a LED ha notevolmente accentuato

Dettagli

Valutazione Valutazione dell impianto d illuminazione. d illuminazione e

Valutazione Valutazione dell impianto d illuminazione. d illuminazione e Valutazione Valutazione dell impianto dell impianto d illuminazione d illuminazione e scelte scelte per per l efficienza l efficienza energetica energetica Arch. Oscar Santilli La La luce è la la misura

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B TI PRESTAZIONI ENERGETICHE PARZIALI ALLEGATO 7 (Allegato A, paragrafo 8) Codice Certificato Riferimenti catastali edificio ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI

Dettagli

IZ 04 Impianto di controllo Illuminazione Maggio 2015

IZ 04 Impianto di controllo Illuminazione Maggio 2015 IZ 04 Impianto di controllo Illuminazione Maggio 2015 Riferimenti normativi: - Norma Europea UNI EN 15193 - Norma Europea UNI EN 12464-1 - Norma Europea UNI EN 15232 - Guida CEI 205-18 Introduzione: La

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE UFFICIO TECNICO COMUNALE U.O. PROGETTAZIONE Via C.Castracani nc. 7 51034 Serravalle Pistoiese (PT) INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

risparmio energetico, facciamo chiarezza

risparmio energetico, facciamo chiarezza risparmio energetico, facciamo chiarezza Vi presentiamo i principali concetti introdotti dalla recente Norma UNI EN 15232 dedicata all incidenza dell automazione, della regolazione e della gestione tecnica

Dettagli

LE EMISSIONI DI CO2 DEL POLITECNICO DI MILANO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL PROGETTO PILOTA 2015 E PRIMI RISULTATI DEGLI STUDI DI APPROFONDIMENTO

LE EMISSIONI DI CO2 DEL POLITECNICO DI MILANO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL PROGETTO PILOTA 2015 E PRIMI RISULTATI DEGLI STUDI DI APPROFONDIMENTO 24 maggio 2016 Giornate della Sostenibilità LE EMISSIONI DI CO2 DEL POLITECNICO DI MILANO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL PROGETTO PILOTA 2015 E PRIMI RISULTATI DEGLI STUDI DI APPROFONDIMENTO Riduzione

Dettagli

DINT FACILITY 22 W/840 E27

DINT FACILITY 22 W/840 E27 DINT FACILITY 22 W/840 E27 OSRAM DULUX INTELLIGENT FACILITY Lampade fluorescenti compatte integrate con altissima resistenza a cicli di accensione/spegnimento, forma a tubi Aree applicative _ Laddove è

Dettagli

Città Metropolitana di Firenze

Città Metropolitana di Firenze Città Metropolitana di Firenze Palazzo Medici Ricciardi Via Cavour, 1 50129 Firenze Presentazione delle proposte per la riqualificazione energetica degli immobili (Ex Articolo 9 del decreto legge n. 91

Dettagli

Criteri generali per la progettazione illuminotecnica di impianti privati di illuminazione esterna. Ing. Luca Nanni UNAE Emilia Romagna

Criteri generali per la progettazione illuminotecnica di impianti privati di illuminazione esterna. Ing. Luca Nanni UNAE Emilia Romagna Criteri generali per la progettazione illuminotecnica di impianti privati di illuminazione esterna Ing. Luca Nanni UNAE Emilia Romagna 1. Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione

Dettagli

Ridurre i costi energetici per l illuminazione nell industria italiana

Ridurre i costi energetici per l illuminazione nell industria italiana Ridurre i costi energetici per l illuminazione nell industria italiana GEWISS S.p.A. Direttore Commerciale & Marketing LIGHT Aldo Bigatti Il contributo dell efficienza energetica Convegno FIRE A. Bigatti

Dettagli

CoreLine Wall-mounted - La scelta ideale per passare ai LED

CoreLine Wall-mounted - La scelta ideale per passare ai LED Lighting CoreLine Wall-mounted - La scelta ideale per passare ai LED CoreLine Wall-mounted Che si tratti di un nuovo edificio o del rinnovo di uno spazio esistente, i clienti desiderano soluzioni di illuminazione

Dettagli

ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA USL7 SIENA OSPEDALE DI MONTALCINO (SI) DATI COMMESSA. Commessa: 12_024_CEN_ASL. Località: MONTALCINO (Si)

ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA USL7 SIENA OSPEDALE DI MONTALCINO (SI) DATI COMMESSA. Commessa: 12_024_CEN_ASL. Località: MONTALCINO (Si) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA USL7 SIENA OSPEDALE DI MONTALCINO (SI) DATI COMMESSA Commessa: 12_024_CEN_ASL Località: MONTALCINO (Si) Responsabile lavori: - Revisione: Data: 07.12.2012 Str. Massetana

Dettagli

Contenuti della L.P. 16/07 e del Regolamento di attuazione

Contenuti della L.P. 16/07 e del Regolamento di attuazione Regolamento di attuazione della L. P. n. 16/2007 "Risparmio energetico e inquinamento luminoso" ISTRUZIONI PER L USO Contenuti della L.P. 16/07 e del Regolamento di attuazione Maurizio Fauri Università

Dettagli

Michele Cagliani, Divisione Valutazioni Ambientali. 28 Marzo 2012

Michele Cagliani, Divisione Valutazioni Ambientali. 28 Marzo 2012 La Pianificazione dell illuminazione pubblica comunale e i finanziamenti della Regione del Veneto Michele Cagliani, Divisione Valutazioni Ambientali 28 Marzo 2012 Venezia INDICE DELLA PRESENTAZIONE INDICE

Dettagli

INDICE. Codice elaborato: 06.La pianificazione dei nuovi impianti di illuminazione Revisione: 0 Pag. 1

INDICE. Codice elaborato: 06.La pianificazione dei nuovi impianti di illuminazione Revisione: 0 Pag. 1 1.1 OBIETTIVI... 3 2.1 DEFINIZIONE ED AMBITI APPLICATIVI... 3 Definizione di inquinamento luminoso secondo l art. 2... 4 Ambito di applicazione secondo l art.9... 4 Autorizzazione nuovi impianti secondo

Dettagli

ASSE 2 IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA

ASSE 2 IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA ASSE 2 IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI TREVIGLIO (BG) IMPLEMENTAZIONE DI NUOVO IMPIANTO I.P. A LED AD ELEVATA EFFICIENZA ENERGETICA - ZONA DI ESPANSIONE NORD-EST/SAN ZENO (DENOMINATA

Dettagli

Calcolo dell energia per illuminazione

Calcolo dell energia per illuminazione Approfondimenti Sull illuminazione Calcolo dell energia per illuminazione Da fare solo per il settore NON residenziale L illuminazione esterna si considera solo per calcoli di diagnosi (A3) Non è un calcolo

Dettagli

Illuminazione LED di alta potenza per ambienti di ampia superficie

Illuminazione LED di alta potenza per ambienti di ampia superficie LUCE BRILLANTE, CONVENIENTE E PULITA COMPLETAMENTE MADE IN ITALY Illuminazione LED di alta potenza per ambienti di ampia superficie Luce LED: una tecnologia ricca di vantaggi - Elevato risparmio energetico

Dettagli

Gli impianti di illuminazione stradale

Gli impianti di illuminazione stradale Gli impianti di illuminazione stradale Concetti base per il dimensionamento Ing. Diego Bonata p.e. Alberto Duches Argomenti Trattati! Ruolo del progettista! Obiettivi da perseguire! Concetti base di progettazione!

Dettagli

Lampade per distributori di benzina

Lampade per distributori di benzina LD 340 - LD 480 Lampade per distributori di benzina Indice Pag 5: Nozioni riguardo l illuminazione a LED Pag 6: Serie LD Pag 8: Optional: Dimmer di potenza Pag 10: Marchi di controllo 5 Nozioni riguardo

Dettagli

«Metodologia di calcolo delle prestazioni Energetiche» Arch. Laura Blaso ricercatore ENEA (DTE-SEN-SCC)

«Metodologia di calcolo delle prestazioni Energetiche» Arch. Laura Blaso ricercatore ENEA (DTE-SEN-SCC) «Metodologia di calcolo delle prestazioni Energetiche» Arch. Laura Blaso ricercatore ENEA (DTE-SEN-SCC) Workshop Luce e certificazione energetica. Nuovo APE prestazioni e metodologie di calcolo 4 novembre

Dettagli

COMFORT IN UFFICIO LA LUCE

COMFORT IN UFFICIO LA LUCE COMFORT IN UFFICIO LA LUCE Parte 2: La norma UNI EN 12464-1 LA NORMA UNI EN 12464-1 Il 12 settembre 2013 è stata pubblicata la versione bilingue inglese-italiano della norma UNI EN 12464-1 dal titolo "Luce

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (ai sensi del D.Lgs. 19 agosto 2005 n. 192 e ss.mm.ii.) Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice certificato C123-2015-PA-F44P83S19 Validità 10 anni Riferimenti

Dettagli

Illuminazione a LED rotatoria Via Statale Marecchia (SP258), Via Ponte, Via Pieve.

Illuminazione a LED rotatoria Via Statale Marecchia (SP258), Via Ponte, Via Pieve. Provincia di Rimini Comune di Verucchio Illuminazione a LED rotatoria Via tatale Marecchia (P258), Via Ponte, Via Pieve. Novafeltria < Via tatale Marecchia (P258R) > Rimini Via Pieve Via Ponte Incrocio

Dettagli

Torino, 12 maggio EN per la domotica e l automazione dell edificio. Soluzioni KNX per l efficienza energetica - Gianluca Dho

Torino, 12 maggio EN per la domotica e l automazione dell edificio. Soluzioni KNX per l efficienza energetica - Gianluca Dho Torino, 12 maggio 2016 - Fonte: BP statistical review of World Energy, June 2011 Quanta Energia! I consumi nel mondo 12.000 1.730 170 Fonti energetiche: (rif. produzione mondiale) 87%: non rinnovabili,

Dettagli

ARMATURA STRADALE A LED PER PUBBLICA ILLUMINAZIONE

ARMATURA STRADALE A LED PER PUBBLICA ILLUMINAZIONE ARMATURA STRADALE A LED PER PUBBLICA ILLUMINAZIONE STABILIMENTO ED UFFICI: VIA L. ROMANO, 10 - GALATONE (LE) ITALY Tel. [+39] 0833.867315-6 Fax [+39] 0833.880553 web: http:\\www.sudsegnal.it e-mail: info@sudsegnal.it

Dettagli

AMBIENTE E COSTRUZIONE Lo scenario della sostenibilità

AMBIENTE E COSTRUZIONE Lo scenario della sostenibilità Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Architettura Progettazione Architettonica Laboratorio di Progettazione dei Sistemi Ambientali B -

Dettagli

Ridurre i consumi energetici per la climatizzazione invernale e per la produzione di ACS.

Ridurre i consumi energetici per la climatizzazione invernale e per la produzione di ACS. ESIGENZA DA SODDISFARE Ridurre i consumi energetici per la climatizzazione invernale e per la produzione di ACS. CAMPO D'APPLICAZIONE Usi di cui all'art. 3, DPR 412/93 e s.m.: Tutte le destinazioni d'uso

Dettagli

Illuminazione di Emergenza. Aspetti tecnico-normativi

Illuminazione di Emergenza. Aspetti tecnico-normativi Illuminazione di Emergenza Aspetti tecnico-normativi Illuminazione di emergenza Definizione - Obbiettivo per illuminazione di emergenza si intende l illuminazione ausiliaria che interviene quando viene

Dettagli

Modalità di progettazione degli impianti di illuminazione in conformità alla L.R.15/2007

Modalità di progettazione degli impianti di illuminazione in conformità alla L.R.15/2007 Modalità di progettazione degli impianti di illuminazione in conformità alla L.R.15/2007 Udine, 15 settembre 2014 ing. Massimo Telesca 1 Misure urgenti in tema di contenimento dell inquinamento luminoso,

Dettagli

LED:SORGENTE LUMINOSA A BASSO CONSUMO VANTAGGI ED APPLICAZIONI. Saros Energia - Via gabelli, 17 Porcia (PN) - Tel. 0434-555156

LED:SORGENTE LUMINOSA A BASSO CONSUMO VANTAGGI ED APPLICAZIONI. Saros Energia - Via gabelli, 17 Porcia (PN) - Tel. 0434-555156 LED:SORGENTE LUMINOSA A BASSO CONSUMO VANTAGGI ED APPLICAZIONI Cos è un LED? I LED, anche chiamati diodi ad emissione di luce, sono molto più che semplici lampadine: sono sicuramente la nuova frontiera

Dettagli

IE Impianti illuminazione di emergenza Ottobre 2010

IE Impianti illuminazione di emergenza Ottobre 2010 IE 104 - Impianti illuminazione di emergenza Ottobre 2010 L'impianto di illuminazione di emergenza deve assicurare, quando viene a mancare l'alimentazione, l'illuminamento minimo di sicurezza e la segnaletica

Dettagli

Performance Risparmio Design

Performance Risparmio Design Performance Risparmio Design Vocazione alla Performance Poiettore con LED di potenza Efficace sistema di diffusione termica per garantire un elevata durata di vita. Resa cromatica >80 Distribuzione fotometrica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI SEMAFORICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI SEMAFORICI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI SEMAFORICI INDICE 1. PREMESSA... 2 2. TIPOLOGIA SORGENTI LUMINOSE... 2 3. LAMPADE AD INCANDESCENZA... 2 4. LAMPADE ALOGENE... 3 5. LAMPADE A LED... 3 6. PRINCIPALI BENEFICI...

Dettagli

La luce naturale per il risparmio energetico ed il comfort visivo: un esempio di analisi

La luce naturale per il risparmio energetico ed il comfort visivo: un esempio di analisi La luce naturale per il risparmio energetico ed il comfort visivo: un esempio di analisi Francesca Fragliasso E possibile progettare la luce naturale? - Le difficoltà legate al suo sfruttamento La disponibilità

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE

CARATTERISTICHE TECNICHE L AM P AD E L E D A L T I S S I M O R I S P A R M I O D I E N E R G I A RISPARMIO ENERGETICO Modulo ML20 e ML20 RGB Il modulo COIM utilizza Led OSRAM - Ed è stato concepito per coniugare le esigenze di

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (ai sensi del D.Lgs. 19 agosto 2005 n. 192 e ss.mm.ii.) Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice certificato C123-2015-PA-F44P83S09 Validità 10 anni

Dettagli

EnergyMED 2015 WorkShop Efficienza energetica e qualità della luce

EnergyMED 2015 WorkShop Efficienza energetica e qualità della luce EnergyMED 2015 WorkShop Efficienza energetica e qualità della luce Maurizio De Nicola Responsabile Filiali Lazio e Campania Gewiss S.p.A. Gruppo Gewiss Dal 1970 Azienda leader del mercato elettrico in

Dettagli

Chi siamo. Qualità ed Affidabilità. Guardare sempre avanti

Chi siamo. Qualità ed Affidabilità. Guardare sempre avanti New LED Solutions Chi siamo La PGP Led Power Srl è stata fondata nel 2008, dall esperienza di un giovane management, come produttrice di soluzioni all avanguardia nel campo dell illuminazione. L obiettivo

Dettagli

Valutazione dei costi

Valutazione dei costi Valutazione dei costi L impianto di lampioni smart considerato è costituito da: - Lampioni led da 61W; - un Kit smart, costituito da: un sistema di controllo e gestione dei lampioni (algoritmo di controllo

Dettagli

Considerazioni Home e Building Automation

Considerazioni Home e Building Automation 1 Considerazioni 2 Considerazioni Home e Building Automation: Serie civili, spine e prese Comfort e diffusione sonora Termoregolazione (Clima) Controllo carichi e risparmio energetico (Energy) Automazioni,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA L intervento oggetto della presente relazione, ha come obiettivi quelli di ridurre il consumo energetico, l inquinamento luminoso e migliorare le condizioni illuminotecniche

Dettagli

SEGNAPASSI A LED FOTOVOLTAICO con sensore crepuscolare e di prossimità:

SEGNAPASSI A LED FOTOVOLTAICO con sensore crepuscolare e di prossimità: SEGNAPASSI A LED FOTOVOLTAICO con sensore crepuscolare e di prossimità: SEI srl Via Majorana, 14-42049 Sant'Ilario d'enza (RE) Tel. +39 0522 679448 - Fax +39 0522 474400 e-mail: a.fantini@seielettrotecnica.com

Dettagli

Fondamenti di illuminotecnica. Laboratorio di illuminazione CORVO - Ispra

Fondamenti di illuminotecnica. Laboratorio di illuminazione CORVO - Ispra Fondamenti di illuminotecnica Laboratorio di illuminazione CORVO - Ispra Ispra, 24 novembre 2014 Luce Cos è la luce 1 nm = 10-9 m La luce è radiazione elettromagnetica, visibile all'uomo. la lunghezza

Dettagli

DECRETO N. 746 DATA 02/04/2015 del REGISTRO ATTI AFFARI GIUNTA di SOTTOSCRIZIONE

DECRETO N. 746 DATA 02/04/2015 del REGISTRO ATTI AFFARI GIUNTA di SOTTOSCRIZIONE SCHEMA N.... NP/7498 DEL PROT. ANNO... 2015 OGGETTO : Approvazione ai sensi dell'art.10 del Regolamento Regionale 06/03/2015 n 1 del modello di attestato di prestazione energetica, contente le informazioni

Dettagli

Finanziare le azioni attraverso i fondi FESR del POR

Finanziare le azioni attraverso i fondi FESR del POR Finanziare le azioni attraverso i fondi FESR del POR 2014-2020 2020 giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Venezia, 10 dicembre 2015 PAES - PERCORSO Risorse finanziarie ex art. 11 L.R. 27/2003

Dettagli

Gamma di LED retrofit Aura Light

Gamma di LED retrofit Aura Light G a m a d i L E D r e t ro f i t Au r a l i g h t Gamma di retrofit Aura Light Risparmio energetico fino all 80% grazie alla semplice sostituzione di tubi e lampade alogene. Efficienza energetica Aura

Dettagli

Illuminazione di Emergenza. Impianti di emergenza con apparecchi LED: spunti tecnici e di prodotto

Illuminazione di Emergenza. Impianti di emergenza con apparecchi LED: spunti tecnici e di prodotto Illuminazione di Emergenza Impianti di emergenza con apparecchi LED: spunti tecnici e di prodotto Apparecchi Fattori chiave nella costruzione di apparecchi per l illuminazione di emergenza LED: Durata

Dettagli

Lampada a incandescenza

Lampada a incandescenza I diversi tipi di lampade Lampada a incandescenza La lampada a incandescenza tradizionale è una sorgente luminosa in cui la luce viene prodotta dal riscaldamento di un filamento di tungsteno (un metallo)

Dettagli

ENERGY MED 2005 LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Ing. Emilio Manilia - ENEA. Napoli 15 aprile 2005

ENERGY MED 2005 LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Ing. Emilio Manilia - ENEA. Napoli 15 aprile 2005 ENERGY MED 2005 LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Ing. Emilio Manilia - ENEA Napoli 15 aprile 2005 Energy MED 2005 Punti da trattare Perchè intervenire sull efficienza energetica Indicazioni della

Dettagli

Mappare l efficienza energetica - l esempio EcoGIS per i Comuni di Laives ed Appiano Comune Alpino verso l impatto zero

Mappare l efficienza energetica - l esempio EcoGIS per i Comuni di Laives ed Appiano Comune Alpino verso l impatto zero Mappare l efficienza energetica - l esempio EcoGIS per i Comuni di Laives ed Appiano 25.03.10 Comune Alpino verso l impatto zero Dietmar Überbacher Ökoinstitut Südtirol/Alto Adige Ökoinstitut Südtirol/Alto

Dettagli

Edificio di classe:g

Edificio di classe:g ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Unità Immobiliare: 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice Certificato Validità 10 ANNI dall emissione (*) Riferimenti catastali Foglio... p.lla... sub... Indirizzo edificio

Dettagli

Lampade per capannoni magazzini e gallerie stradali

Lampade per capannoni magazzini e gallerie stradali LC 36 LC 54 Lampade per capannoni magazzini e gallerie stradali 2 Nozioni riguardo l illuminazione a LED I LED (Light Emitting Diodes) sono sempre più utilizzati in ambito illuminotecnico in sostituzione

Dettagli

Illuminazione di interni

Illuminazione di interni Illuminazione di interni Ai sensi della UNI EN 12464, i requisiti illuminotecnici vengono determinati dalla soddisfazione delle seguenti tre esigenze fondamentali: 1. la prestazione visiva: i lavoratori

Dettagli

KNX per l automazione dell edificio Gianluca Mauri

KNX per l automazione dell edificio Gianluca Mauri KNX per l automazione dell edificio Gianluca Mauri Esempi applicativi Edificio ad uso uffici: Fase progettuale q Proprietà richiede Classe Energetica A q Costruttore fornisce i piani senza pareti q Il

Dettagli

BORGO MORANDI. ing. Sergio Pesaresi LOGICAGOTICA - Rimini

BORGO MORANDI. ing. Sergio Pesaresi LOGICAGOTICA - Rimini DOV'E' IMOLA SOLAROLO CASTEL BOLOGNESE FAENZA OBIETTIVI DELL'INTERVENTO * ADESIONE AI NUOVI MODELLI URBANISTICI EUROPEI * ELEVATO GRADO DI VIVIBILITA' PER TUTTI * ALTA EFFICIENZA ENERGETICA * IMPATTO

Dettagli

LUOGHI DI LAVORO La norma UNI EN 12464

LUOGHI DI LAVORO La norma UNI EN 12464 LUOGHI DI LAVORO La norma UNI EN 12464 Illuminazione dei posti di lavoro Parte 1: Posti di lavoro in interni Paolo Soardo Presidente CT UNI Luce e illuminazione Enti normatori Internazionale: CIE Europeo:

Dettagli

Smart [3] PLAFONIERA STAGNA PER L ILLUMINAZIONE A LED NOVITÀ

Smart [3] PLAFONIERA STAGNA PER L ILLUMINAZIONE A LED NOVITÀ Smart [3] PLAFONIERA STAGNA PER L ILLUMINAZIONE A LED NOVITÀ Prezzi, condizioni di vendita e disponibilità: gennaio 2016 1 2 Smart [3] è la nuova gamma di plafoniere stagne a LED che completa l offerta

Dettagli

Territori efficienti azioni per coinvolgere pubblico privato. Arch. Giulia Pedrocchi

Territori efficienti azioni per coinvolgere pubblico privato. Arch. Giulia Pedrocchi Territori efficienti azioni per coinvolgere pubblico privato Arch. Giulia Pedrocchi Sostenibilità energetico ambientale in città : obiettivi perché? L Unione Europea ha emanato la direttiva 20-20-20 che

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale nell ambito della redazione del PAES. filippo loiodice, paolo fabbri 19 febbraio 2015

L analisi del sistema energetico comunale nell ambito della redazione del PAES. filippo loiodice, paolo fabbri 19 febbraio 2015 L analisi del sistema energetico comunale nell ambito della redazione del PAES filippo loiodice, paolo fabbri 19 febbraio 2015 Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento

Dettagli

ST8V-EM 19 W/ mm EM

ST8V-EM 19 W/ mm EM ST8V-EM 19 W/840 1200 mm EM SubstiTUBE Value Tubi LED per applicazioni semplice e convenienti. Per funzionamento con alimentazione convenzionale Aree applicative _ Illuminazione generale per temperature

Dettagli

Il ruolo delle stufe a biomassa, dei termocamini, delle pompe di calore per acqua igienico sanitaria

Il ruolo delle stufe a biomassa, dei termocamini, delle pompe di calore per acqua igienico sanitaria Il ruolo delle stufe a biomassa, dei termocamini, delle pompe di calore per acqua igienico sanitaria Firenze, 13 Gennaio 2012 Davide Castagna GS-001 1/4/00-1 Gli apparecchi domestici a biomassa 2 I dati

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI 2. CLASSE ENERGETICA GLOBALE DELL'EDIFICIO. Edificio di classe:

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI 2. CLASSE ENERGETICA GLOBALE DELL'EDIFICIO. Edificio di classe: ATTESTATO DI ENERGETICA Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice certificato Validità 1 anni Riferimenti catastali edificio Nuova costruzione Passaggio di proprietà Riqualificazione energetica

Dettagli

Smart [3] PLAFONIERA STAGNA PER L ILLUMINAZIONE A LED NOVITÀ

Smart [3] PLAFONIERA STAGNA PER L ILLUMINAZIONE A LED NOVITÀ Smart [3] PLAFONIERA STAGNA PER L ILLUMINAZIONE A LED NOVITÀ 1 2 Smart [3] è la nuova gamma di plafoniere stagne a LED che completa l offerta Smart. Adatti per applicazioni in contesti installativi anche

Dettagli

Proiettore 10 watt. Proiettore 20 watt. Proiettori a LED di Potenza. Specifiche. Specifiche

Proiettore 10 watt. Proiettore 20 watt. Proiettori a LED di Potenza. Specifiche. Specifiche Proiettori a LED di per l industria e la comunicazione visiva 2012 Proiettori a LED di Proiettore 10 watt Proiettore a LED di da 10 watt. Equivalente ad una lampada alogena da 100 watt. Ideale per vetrine,

Dettagli

TAVOLA ROTONDA: La Direttiva 2002/91/CE rendimento energetico nell edilizia

TAVOLA ROTONDA: La Direttiva 2002/91/CE rendimento energetico nell edilizia TAVOLA ROTONDA: La Direttiva 2002/91/CE rendimento energetico nell edilizia L Italia si prepara? Ing. Cesare Taddia Progettisti Associati Tecnarc S.r.l. Padova - giugno 2004 Il contesto legislativo di

Dettagli

PARATHOM PAR ADV 5.5 W/840 GU10

PARATHOM PAR ADV 5.5 W/840 GU10 PARATHOM PAR16 50 36 ADV 5.5 W/840 GU10 PARATHOM advanced PAR16 Lampade LED retrofit dimmerabili con riflettore PAR16 attacco a puntali Aree applicative _ Illuminazione d'accento con faretti _ Teche e

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI ILLUMINAZIONE DELLE AREE ESTERNE RELAZIONE TECNICA

IMPIANTI ELETTRICI ILLUMINAZIONE DELLE AREE ESTERNE RELAZIONE TECNICA Fabbricato adibito ad esposizione e vendita di prodotti fai da te e bricolage ubicato nel Comune di IMPIANTI ELETTRICI ILLUMINAZIONE DELLE AREE ESTERNE RELAZIONE TECNICA SOMMARIO 1. Oggetto dell intervento...

Dettagli

Leader Mondiale per EFFICIENZA LUMINOSA

Leader Mondiale per EFFICIENZA LUMINOSA IL LUCERNARIO TUBOLARE BREVETTATO E REALIZZATO COMPLETAMENTE IN ITALIA Leader Mondiale per EFFICIENZA LUMINOSA CONSENTE DI ILLUMINARE QUALSIASI AMBIENTE DAL PICCOLO BAGNO ALLA GRANDE INDUSTRIA SENZA APPORTARE

Dettagli

new versions Nessuna manutenzione Assenza di abbagliamento Più luce e meno consumo Energy Saving High Performance in due nuove versioni: www.disano.

new versions Nessuna manutenzione Assenza di abbagliamento Più luce e meno consumo Energy Saving High Performance in due nuove versioni: www.disano. new versions Echo LED Nessuna manutenzione Assenza di abbagliamento Più luce e meno consumo in due nuove versioni: Energy Saving High Performance www.disano.it Le armature stagne in policarbonato della

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI ENERGETICA Edifici Residenziali Codice Certificato Riferimenti catastali 1. INFORMAZIONI GENERALI Validita' FOGLIO N 58- P.LLA N 811 - SUB. 1 E 4- E P.LLA 817 - SUB. 5 E 6 10 ANNI SE NON VENGONO

Dettagli

Workshop edifici. Illuminazione efficiente nel terziario e nell industria - Case History sito industriale area magazzino. Fabio Pagano ANIE Assil

Workshop edifici. Illuminazione efficiente nel terziario e nell industria - Case History sito industriale area magazzino. Fabio Pagano ANIE Assil Workshop edifici Illuminazione efficiente nel terziario e nell industria - Case History sito industriale area magazzino Fabio Pagano ANIE Assil Introduzione L'illuminazione è stato il primo servizio offerto

Dettagli

In ottemperanza alla norma UNI EN :201, i requisiti di illuminazione per le esigenze

In ottemperanza alla norma UNI EN :201, i requisiti di illuminazione per le esigenze RELAZIONE ILLUMINAZIONE In ottemperanza alla norma UNI EN 12464-1:201, i requisiti di illuminazione per le esigenze delle attività concorsuali nella sala concorsi devono soddisfare un livello di illuminamento

Dettagli

I sistemi di illuminazione in ambienti con pericolo di esplosione: l illuminazione dei serbatoi

I sistemi di illuminazione in ambienti con pericolo di esplosione: l illuminazione dei serbatoi Gennaio 2016 I sistemi di illuminazione in ambienti con pericolo di esplosione: l illuminazione dei serbatoi 1. Introduzione Negli insediamenti industriali coesistono di norma diversi sistemi di illuminazione

Dettagli

Il solare termico, il fotovoltaico e il conto energia

Il solare termico, il fotovoltaico e il conto energia Il solare termico, il fotovoltaico e il conto energia Francesco Groppi Energia solare e architettura Piacenza 12 febbraio 2009 Energia solare e architettura Piacenza, 12 febbraio 2009 Perché sfruttare

Dettagli

Tubi a Induzione. Made in

Tubi a Induzione. Made in Tubi a Induzione Made in Con i nuovi tubi fluorescenti Xtend a tecnologia a induzione, portate delle eccezionali migliorie all impianto di illuminazione dalla resa al risparmio energetico oltre il 50%

Dettagli

I Sistemi di illuminazione negli edifici intelligenti e la progettazione illuminotecnica avanzata Prof. Ing. Marco Frascarolo

I Sistemi di illuminazione negli edifici intelligenti e la progettazione illuminotecnica avanzata Prof. Ing. Marco Frascarolo I Sistemi di illuminazione negli edifici intelligenti e la progettazione illuminotecnica avanzata Prof. Ing. Marco Frascarolo La luce e gli effetti sulla vita dell uomo Il progetto della luce naturale

Dettagli

Il PAES del Comune di Verona Andrea Bombieri, Comune di Verona

Il PAES del Comune di Verona Andrea Bombieri, Comune di Verona IL PATTO DEI SINDACI: UN IMPEGNO PER L ENERGIA SOSTENIBILE VERSO IL 2020 Seminario sulla redazione dei Piani di Azione per l Energia Sostenibile (PAES) dei Comuni aderenti al Patto dei Sindaci. Verona,

Dettagli

1) Riferimenti Normativi e Prescrizioni di carattere generale

1) Riferimenti Normativi e Prescrizioni di carattere generale Comune di Corsico (MI) CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Rif. Art. 4 Nelle schede allegate si riportano gli elenchi delle principali norme di riferimento per l attuazione del servizio

Dettagli

Riqualificazione illuminazione edifici pubblici e relative aree e pertinenze RELAMPING

Riqualificazione illuminazione edifici pubblici e relative aree e pertinenze RELAMPING Riqualificazione illuminazione edifici pubblici e relative aree e pertinenze RELAMPING 1 Riepilogo Intervento L amministrazione Comunale di Turbigo ha aderito ad una campagna promozionale per il progetto

Dettagli

2.6. Progettazione degli insediamenti

2.6. Progettazione degli insediamenti 2.6 Progettazione degli insediamenti Ricerca delle condizioni di applicabilità delle Fonti Energetiche Nuove e Rinnovabili sul territorio. Il modulo urbano sostenibile per piccoli insediamenti Per la realizzazione

Dettagli

Fisica Tecnica Ambientale

Fisica Tecnica Ambientale Università degli Studi di Perugia Sezione di Fisica Tecnica Fisica Tecnica Ambientale Lezione del 28 maggio 2015 Ing. Francesco D Alessandro dalessandro.unipg@ciriaf.it Corso di Laurea in Ingegneria Edile

Dettagli

Controllo dell illuminazione: facile ed economico come mai prima d ora. ibusway per la gestione degli impianti d illuminazione

Controllo dell illuminazione: facile ed economico come mai prima d ora. ibusway per la gestione degli impianti d illuminazione Controllo dell illuminazione: facile ed economico come mai prima d ora ibusway per la gestione degli impianti d illuminazione Una soluzione semplice ed economica Il controllo degli impianti d illuminazione

Dettagli

Building Automationt una Tecnologia Abilitante per il Risparmio Energetico

Building Automationt una Tecnologia Abilitante per il Risparmio Energetico WM Building Automationt una Tecnologia Abilitante per il Risparmio Energetico sara sco rpt" -.lt'f;u*o: it::r o' stera pora re,, Livinluce - EnerMotive - Fiera Milano Rho Coordinatore dell'evento: A. Servida,

Dettagli

EDIFICIO DI CLASSE: G

EDIFICIO DI CLASSE: G R ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice Attestato 7071/2015 Validità 10 anni dalla data di emissione salvo modifiche

Dettagli

IPOTESI DI APPLICAZIONE DI TECNOLOGIE DI RISPARMIO ENERGETICO NEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E SEMAFORI. OTTOBRE 2009

IPOTESI DI APPLICAZIONE DI TECNOLOGIE DI RISPARMIO ENERGETICO NEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E SEMAFORI. OTTOBRE 2009 IPOTESI DI APPLICAZIONE DI TECNOLOGIE DI RISPARMIO ENERGETICO NEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E SEMAFORI. OTTOBRE 2009 OBIETTIVO INSTALLAZIONE DI LAMPADE A LED IN GIARDINI E PISTE CICLABILI INSTALLAZIONE

Dettagli

Un unico sistema in Pompa di Calore per ottenere le migliori classi di efficienza energetica degli edifici

Un unico sistema in Pompa di Calore per ottenere le migliori classi di efficienza energetica degli edifici 8 maggio 2013 / Rimini Un unico sistema in Pompa di Calore per ottenere le Ing. Andrea Scevaroli Un unico sistema in Pompa di Calore per ottenere le Il mondo ècambiato e va verso le energie rinnovabili!

Dettagli

Bozza della normativa EN15323 Effetti dell automazione sul risparmio energetico negli edifici 2012-1. Hannes Luetz

Bozza della normativa EN15323 Effetti dell automazione sul risparmio energetico negli edifici 2012-1. Hannes Luetz 2012-1 Hannes Luetz Direttore di produzione CentraLine c/o Honeywell GmbH Bozza della sul risparmio energetico negli edifici La nuova versione della normativa EN15232 (2011-06) rivede ed estende la normativa

Dettagli

La ricerca applicata alla politica energetica: domotica ed edifici a risparmio energetico

La ricerca applicata alla politica energetica: domotica ed edifici a risparmio energetico Trento 12 Ottobre 2006 L energia costa?... Risparmiare si può La ricerca applicata alla politica energetica: domotica ed edifici a risparmio energetico Prof. Antonio Frattari Centro Universitario Edifici

Dettagli

Switch Sensor da esterno direzionale tecnologia PIR

Switch Sensor da esterno direzionale tecnologia PIR witch ensor da esterno direzionale tecnologia IR BMA2102 Descrizione Dispositivo di controllo e comando dotato di 2 differenti sensori che grazie alla combinazione dei quali è in grado di gestire l illuminazione

Dettagli

TERMOTECNICA E IMPIANTI A.A. 2011/2012. U.00 Introduzione. D.M. 06/08/1994 (recepimento norme UNI)

TERMOTECNICA E IMPIANTI A.A. 2011/2012. U.00 Introduzione. D.M. 06/08/1994 (recepimento norme UNI) U00 U.00 Introduzione U.00 Introduzione 1/21 QUADRO NORMATIVO Legislazione europea L Direttiva 2002/91/CE Legislazione nazionale Legge n. 373/1976 Legge n. 10/1991 D.M. 06/08/1994 (recepimento norme UNI)

Dettagli

PROGETTO CASCINE SCHEDE DI PRESENTAZIONE DEGLI INTERVENTI. 24. Interventi di illuminazione nel Parco

PROGETTO CASCINE SCHEDE DI PRESENTAZIONE DEGLI INTERVENTI. 24. Interventi di illuminazione nel Parco PROGETTO CASCINE SCHEDE DI PRESENTAZIONE DEGLI INTERVENTI 24. Interventi di illuminazione nel Parco Il progetto L illuminazione del parco è uno dei principali elementi di riqualificazione ambientale e

Dettagli

Lavori di efficientamento energetico edifici scolastici comunali

Lavori di efficientamento energetico edifici scolastici comunali COSA Lavori di efficientamento energetico edifici scolastici comunali Programma di funzionamento IMPIANTO DI VENTILAZIONE E RAFFRESCAMENTO scuola materna e scuola elementare Il funzionamento dell impianto

Dettagli

Luce a Venezia per i suoi tesori d Arte

Luce a Venezia per i suoi tesori d Arte Incontro tecnico Luce a Venezia per i suoi tesori d Arte Valutazioni preliminari riguardo le sorgenti luminose per le opere d arte E. Pedrotti Palazzo Cavalli Franchetti Venezia 25 Ottobre 2013 Programma

Dettagli

Diagnosi energetica o certificazione ISO 50001: saper scegliere consapevolmente

Diagnosi energetica o certificazione ISO 50001: saper scegliere consapevolmente Diagnosi energetica o certificazione ISO 50001: saper scegliere consapevolmente ENERGIA Da problema Ad opportunità STRUMENTI per ottimizzare i costi dell energia AUDIT ENERGETICO NORMA ISO 50001 Sistemi

Dettagli

L impianto in esame sarà alimentato mediante n. 1 fornitura di energia elettrica in bassa tensione 230 V.

L impianto in esame sarà alimentato mediante n. 1 fornitura di energia elettrica in bassa tensione 230 V. PREMESSA La presente relazione tecnica è relativa alla realizzazione dell impianto di pubblica illuminazione a servizio del PARCO DI MADONNA DEL COLLE di Stroncone (TR). DESCRIZIONE DELL IMPIANTO L impianto

Dettagli

Sensore da soffitto con infrarosso passivo

Sensore da soffitto con infrarosso passivo Sensore da soffitto con infrarosso passivo Descrizione Dispositivo di controllo e comando, alimentato da Bus SCS, dotato di due differenti sensori che grazie alla combinazione dei quali è in grado di gestire

Dettagli

prof. ing. Anna Magrini Il progetto del recupero: problematiche

prof. ing. Anna Magrini Il progetto del recupero: problematiche prof. ing. Anna Magrini Università degli Studi di Pavia Il progetto del recupero: problematiche Efficienza energetica dell involucro edilizio Edificio degli anni 1950-80 200-250 kwh/m 2 a Legge 373 / 1976

Dettagli