Contabilità e bilancio (F-O)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contabilità e bilancio (F-O)"

Transcript

1 Contabilità e bilancio (F-O) dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

2 Oggi a lezione: Cause di variazione del costo (continuo ) Dismissioni Spese di manutenzione straordinarie Immobilizzazioni finanziarie Riferimenti bibliografici: G. Liberatore (a cura di), La contabilità generale per il bilancio d esercizio. Profili teorici e applicativi, capitolo V, capitolo VI. dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

3 Dismissione Vendita: Supponiamo di avere un impianto di valore storico 1.300, fondo amm.to Prezzo di vendita = VCN = 600 Dare Avere Fondo amm. Impianti 700 Impianti 700 Dare Avere Crediti diversi 732 Impianti 600 Iva ns debito 132 dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

4 2. Prezzo di vendita (700)> VCN (600) Fondo amm. Impianti 700 Impianti 700 Crediti diversi 854 Impianti 600 Plusvalenze da alienazione 100 Iva ns debito 154 dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

5 3. Prezzo di vendita (400)< VCN (600) Fondo amm. Impianti 700 Impianti 700 Crediti diversi 488 Minusvalenze da alienazione 200 Impianti 600 Iva ns debito 88 dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

6 Permuta A) In senso proprio: Impianti acquisiti 700 Fondo ammortamento impianti 500 Macchinari B) Permuta compravendita: Un esempio. L impianto è ceduto per 600. É acquisito un macchinario per 900. Le operazioni sono imponibili. Fondo ammortamento impianti 500 Impianti 500 dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

7 Crediti diversi 732 Minusvalenze su alienazione 100 Impianti 700 Iva ns debito 132 Macchinario 900 Iva ns credito 198 Fornitori immobilizzazioni dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

8 Determinazione conguaglio: Fornitori immobilizzazioni 732 Crediti diversi 732 Fornitori immobilizzazioni 366 Banca c/c 366 dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

9 Spese di manutenzione straordinarie ed ordinarie Spese conservative: per mantenere o ripristinare le condizioni di normale funzionamento. Vanno in CE come costi di esercizio Dare Spese di manutenzione su beni propri 100 Iva ns credito 22 Avere Fornitori servizi 122 Spese incrementative: aumento delle potenzialità del bene. Generano costi pluriennali che vanno ad incrementare i valore dei beni cui si riferiscono dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

10 Quindi: Al momento della liquidazione delle spese: Spese migliorative 100 Iva ns credito 22 Fornitori servizi 122 Al momento della capitalizzazione delle spese: Impianti 100 Spese migliorative 100 E se i costi non fossero esterni ma interni? Impianti 100 Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni 100 dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

11 Se i beni sono di terzi?: Spese di manutenzione ordinaria su beni di terzi: Dare Spese di manutenzione su beni di terzi 100 Iva ns credito 22 Avere Fornitori servizi 122 Spese migliorative esterne su beni di terzi: Dare Spese migliorative su beni di terzi 100 Iva ns credito 22 Avere Fornitori servizi 122 Dare Spese migliorative su beni di terzi da ammortizzare 100 Avere Spese migliorative su beni di terzi 100 dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

12 Spese migliorative interne su beni di terzi: Dare Spese migliorative su beni di terzi da ammortizzare 100 Avere Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni 100 Le spese migliorative su beni di terzi se non hanno autonoma funzionalità vanno capitalizzate in SP B I 7) altre. Sono poi ammortizzate in base alla durata residua del contratto; oppure in base al periodo di utilità, se inferiore. dott.ssa Maria Baldini Lezione n. 4

13 Le Immobilizzazioni Finanziarie.ssa Baldini

14 Le attività finanziarie Concessione di crediti di finanziamento Acquisto di titoli a reddito fisso (titoli di Stato, obbligazioni, ecc.) Acquisto di partecipazioni

15 Iscrizioni in bilancio Le risorse finanziarie investite in valori mobiliari possono assumere all interno dell azienda una delle seguenti destinazioni: Investimenti durevoli Investimenti temporanei

16 Iscrizioni in bilancio La destinazione non dipende dalla natura del tipo di finanziamento in sé (a breve termine, a medio-lungo termine), ma è la conseguenza di una decisione degli amministratori. La scelta della collocazione in bilancio si basa sul criterio funzionale, ossia sulla volontà dell azienda di mantenere l attività finanziaria fino alla sua naturale scadenza (immobilizzazione) oppure di destinarla allo scambio sul mercato (attività circolante). Nel caso di investimenti durevoli, le partecipazioni o i titoli verranno iscritti nelle immobilizzazioni finanziarie; se invece l investimento risulta temporaneo, l iscrizione avverrà nell attivo circolante

17 La valutazione In base alla distinzione tra investimenti finanziari immobilizzati e investimenti finanziari circolanti, si riscontrano differenti criteri di valutazione: Partecipazioni circolanti: (art. 2426, comma 9): valutazione al minore tra costo di acquisto e valore di mercato risultante al 31/12; Partecipazioni immobilizzate In imprese non controllate né collegate: valutazione al costo In imprese controllate e/o collegate: è possibile la scelta tra: 1 Costo di acquisto 2 Metodo del patrimonio netto Nel caso di investimenti durevoli, le partecipazioni o i titoli verranno iscritti nelle immobilizzazioni finanziarie; se invece l investimento risulta temporaneo, l iscrizione avverrà nell attivo circolante

18 Le partecipazioni Con il termine partecipazioni si intende l insieme dei titoli rappresentativi del capitale di una società o, in generale, di una quota di esso. Le partecipazioni vengono collocate tra le immobilizzazioni finanziarie oppure nell attivo circolante in relazione alla finalità dell investimento ed alla destinazione economica, cioè in funzione delle decisioni degli amministratori di mantenerle o meno nel patrimonio aziendale come investimento durevole.

19 La valutazione con il metodo del costo Al momento dell acquisto sul mercato le partecipazioni sono contabilizzate al costo, comprensivo degli oneri accessori (provvigioni, commissioni, imposte di bollo ) Esempio: l azienda Alfa acquista una partecipazione in Beta del valore di 100. Partecipazioni 100 Banca c/c 100

20 Al termine di ogni esercizio si deve confrontare il valore di costo col valore recuperabile, se questo è inferiore l art. 2426, punto 3, cod. civ. impone la svalutazione per perdita durevole di valore. Esempio: al 31/12/n1 gli amministratori rilevano una perdita duratura di valore pari a 40 della partecipazione precedentemente acquisita per un costo di 100. partecipazione Svalutazione partecipazioni 40 Partecipazione 40

21 Se successivamente vengono meno i motivi della rettifica, occorrerà ripristinare il valore della partecipazione in tutto o in parte, tenendo presente che non potrà comunque essere superato il valore di costo originario. Esempio: supponiamo che gli amministratori verifichino l esistenza delle condizioni per un ripristino parziale del valore originario delle partecipazioni per 10 il 31/12/n2: Partecipazione 10 Ripristino di valore delle partecipazioni 10

22 In caso di cessione delle partecipazioni immobilizzate Esempio: supponiamo che il 2/2/n2 sia ceduta l intera partecipazione iscritta al costo storico per 100, svalutata per 40 e parzialmente ripristinata per 10. Il prezzo di cessione concordato è pari a 100. Dare Banca c/c 100 Avere Partecipazione 70 Plusvalenza da alienazione di partecipazioni 30 Se il prezzo di cessione fosse pari a 60: Dare Banca c/c 60 Minusvalenza da alienazione di partecipazioni 10 Avere Partecipazioni 70

23 La valutazione con il metodo del Patrimonio Netto Il metodo del P.N. permette di aggiornare, negli esercizi successivi a quello di acquisto, il valore originario di iscrizione della partecipazione in considerazione delle variazioni del netto della partecipazione. Il costo originario, quindi, è sostituito dalla corrispondente quota di patrimonio netto desunta dall ultimo bilancio dell impresa controllata o collegata. Per l applicazione del metodo, occorre distinguere il momento della prima adozione e gli esercizi successivi.

24 Prima applicazione L impiego del metodo del P.N. può determinare, al momento dell iscrizione in bilancio della partecipazione, delle differenze derivanti dal confronto tra il valore di costo della partecipazione (rilevato al momento di acquisto) e la corrispondente frazione di patrimonio netto della partecipata. CASO 1 CASO 2 Il costo è superiore al valore della quota di netto Il costo è inferiore al valore della quota di netto

25 Caso 1: Costo > frazione di patrimonio netto della partecipata Tale differenza: 1. costituisce un onere per un cattivo affare che va ad incidere sul reddito di esercizio della partecipante (rettifica di valore di partecipazioni per mezzo di svalutazione a conto economico); 2. si ricollega ad un avviamento della società partecipata, che dipende dalle attese di sovraredditi futuri. In questo caso dovrà essere effettuato l ammortamento periodico del plusvalore rilevato.

26 Si acquista una partecipazione ad un prezzo di 450 : Partecipazioni 450 Banca c/c 450 CASO 1 Il costo > quota di netto Al si accerta con metodo PN valore della partecipazione è 250. La differenza dipende da: per 100, dal maggior valore dei beni della partecipata (vita utile 5 anni); per 25, dal valore attribuito all avviamento (vita utile 5 anni); per 75 costo perduto a causa di un cattivo affare.

27 Soluzione A : svalutazione totale Svalutazione partecipazioni 200 Partecipazioni 200 Soluzione B: attribuzione fittizia del plusvalore Svalutazione immediata per cattivo affare Svalutazione partecipazioni 75 Partecipazioni 75

28 Svalutazione graduale in linea con gli ammortamenti Svalutazione partecipazioni 20 Partecipazioni 20 Svalutazione partecipazioni 5 Partecipazioni 5 Al quinto anno avremo che il valore della partecipazione è 250.

29 CASO 2 Il costo < quota di netto 1. Se la differenza è dovuta ad un buon affare, si procede ad iscrivere nell attivo la partecipazione a maggior valore determinato dal metodo del P.N., creando una Riserva indisponibile di rivalutazione del patrimonio netto (A, VII); 2. Se, invece, la differenza è dovuta ad avviamento negativo, si può iscrivere la partecipazione al maggior valore determinato con il metodo del P.N. creando un Fondo rischi ed oneri.

30 Si acquista una partecipazione ad un prezzo di 500 : Partecipazioni 500 Banca c/c 500 Al si accerta con metodo PN valore della partecipazione è 600: A) La società attribuisce il plusvalore ad un buon affare: la partecipazione è stata pagata meno di quanto vale. Partecipazioni 100 Riserva indisponibile per rivalutazioni PN 100

31 B) La società attribuisce il plusvalore a perdite che si manifesteranno in futuro nella partecipata. Si mantiene il valore di costo iscritto in contabilità e si attende che si manifestino le perdite: finché valore partecipazione in bilancio = valore metodo patrimonio netto Si porta il valore della partecipazione al valore da applicazione metodo patrimonio netto e si costituisce un fondo in attesa delle perdite: Dare Partecipazioni 100 Avere Fondo rischi per perdite future 100 La società, della quale si detiene azioni, l anno successivo registra perdite che riducono il valore della partecipazione (metodo PN) di 20: Dare Fondo rischi per perdite future 20 Avere Partecipazioni 20

32 DAL SECONDO ESERCIZIO CASO A: La società controllata realizza un utile pari a 500 quota di partecipazione = 60% e distribuisce utili per 400 Effettuate le varie registrazioni di rettifica legate ad eventuali ammortamenti o svalutazioni dovuti alla differenza tra costo di acquisto e valore patrimonio netto al 1 esercizio: Dare Partecipazioni 300 Avere Riserva indisponibile per rivalutazioni PN Metodo: Dare Banca c/c 240 Avere Partecipazioni 240 Dare Riserva indisponibile per rivalutazioni PN 240 Avere Riserva disponibile 240

33 2 Metodo: Banca c/c 240 Proventi su partecipazioni 240 Riserva indisponibile per rivalutazioni PN 240 Partecipazioni 240 Svalutazione partecipazioni 240 Partecipazioni 240 Riserva indisponibile per rivalutazioni PN 240 Riserva disponibile 240

34 CASO B: La società controllata realizza una perdita pari a 300 quota di partecipazione = 60% Svalutazione partecipazioni 180 Partecipazioni 180 Riserva indisponibile per rivalutazioni PN 180 Riserva disponibile 180

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI sono: FATTORI PRODUTTIVI AD UTILIZZO PLURIENNALE «STRUMENTI» DEL PROCESSO PRODUTTIVO Le immobilizzazioni incorporano

Dettagli

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie III FINANZIARIE 1) Partecipazioni in: - imprese controllate - imprese collegate - imprese controllanti

Dettagli

Operazioni di Acquisto di beni a fecondità ripetuta

Operazioni di Acquisto di beni a fecondità ripetuta Operazioni di Acquisto di beni a Beni a e ad utilizzo pluriennale (Immobilizzazioni materiali) Rilevazione dell IVA a credito e dell IVA a debito Costruzione interna (o in economia) Ammortamento (metodo

Dettagli

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE Oneri pluriennali Il candidato, sulla base dei seguenti dati, determini l utile distribuibile. Spese di impianto 5.000. STATO PATRIMONIALE t Capitale

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali BENI MOBILI DUREVOLI IMPIANTI E MACCHINARI ATTREZZATURE Industriali / Commerciali MACCHINE Elettriche

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO SCRITTURE DI STORNO HANNO LO SCOPO DI RINVIARE ALL ESERCIZIO SUCCESSIVO COSTI E RICAVI GIA RILEVATI IN CONTABILITA CHE PER IL LORO VALORE INTERO, O SOLO PER UNA QUOTA, SONO CONSIDERATI NON DI COMPETENZA

Dettagli

Nota integrativa al 31 dicembre 2014

Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Premessa Sig.ri Associati, nell che si è appena concluso la Vostra Associazione ha mantenuto la qualifica di ONLUS ricorrendone tutti i requisiti di legge. Nel corso

Dettagli

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, febbraio 2013 Le operazioni di investimento pluriennale: gli accadimenti e l alienazione

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Ricevimento della fattura di acquisto dell impianto: FORNITORI A + DEBITI VF - IMPIANTI D COSTO PLURIENNALE VE - IVA NS CREDITO D + CREDITI VF +

Ricevimento della fattura di acquisto dell impianto: FORNITORI A + DEBITI VF - IMPIANTI D COSTO PLURIENNALE VE - IVA NS CREDITO D + CREDITI VF + ESERCIZIO IMMOBILIZZAZIONI 09/11/200N - Ricevuta fattura di acquisto di un IMPIANTO al prezzo di Euro 60.000 + IVA 20%. 14/11/200N - Ricevuta fattura relativa al trasporto e al montaggio dell impianto

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

Le attività finanziarie

Le attività finanziarie Corso di Contabilità e bilancio www.massimilianobonacchi.net Titoli e oggetto della lezione Le attività finanziarie 2 Le attività finanziarie B. Immobilizzazioni B.I. Immobilizzazioni immateriali B.II.

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA 1 IL SISTEMA DEL CAPITALE E DEL RISULTATO ECONOMICO I FATTI DI GESTIONE DELLA REALTA AZIENDALE SONO RAPPRESENTATI

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali A L.7-8-9 Scritture di assestamento e di chiusura dei conti 29 La Situazione contabile al /n della S.n.c. Antonio

Dettagli

Cessione infragruppo di merci e servizi: riconciliazioni strumentali all eliminazione delle partite infragruppo

Cessione infragruppo di merci e servizi: riconciliazioni strumentali all eliminazione delle partite infragruppo Cessione infragruppo di merci e servizi: riconciliazioni strumentali all eliminazione delle partite infragruppo Considerando le operazioni come concluse da entrambe le società Sp Alfa Sp Beta banca -400

Dettagli

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c.

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c. CONTI FINANZIARI Cassa Contanti Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 1 - cassa negozio 2 C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c CLIENTI Italia Estero Un sottoconto per ogni cliente

Dettagli

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 IAS 28

Dettagli

Possono essere rilevati in bilancio nelle voci di: immobilizzazioni finanziarie; attivo circolante

Possono essere rilevati in bilancio nelle voci di: immobilizzazioni finanziarie; attivo circolante I titoli I titoli sono rappresentati da impieghi patrimoniali in strumenti di debito (obbligazioni o crediti cartolarizzati) o di partecipazione (azioni o quote) emessi da enti terzi. Possono essere rilevati

Dettagli

LUMI INDUSTRIES S.R.L.

LUMI INDUSTRIES S.R.L. LUMI INDUSTRIES S.R.L. Sede in RONCADE (TV) - VIA SILE 41 Codice Fiscale 04684500269 - Rea TV TV - 370113 P.I.: 04684500269 Capitale Sociale Euro 116 i.v. Forma giuridica: SRL Bilancio al 31-12-2014 Gli

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Dodicesima lezione: Le attività finanziarie Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE B.III Immobilizzazioni finanziarie

Dettagli

Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi

Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi Esercitazione di economia aziendale per la classe quinta ITC All inizio dell esercizio n i beni strumentali

Dettagli

Esempio Contributi in conto capitale

Esempio Contributi in conto capitale Università degli Studi di Parma Esempio Contributi in conto capitale La formazione del costo i contributi (esempio) La Alfa S.p.A. riceve nell esercizio esercizio un contributo in conto impianti per 5.000

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: ATM Spa Capitale sociale: 696.800,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: Via Leonardo da Vinci 13 PIOMBINO LI sì

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

Al 31.12.2008, il valore durevole della partecipazione ammonta a 65.000

Al 31.12.2008, il valore durevole della partecipazione ammonta a 65.000 ESERCIZIO N 1 Il 17 giugno 2007, l impresa Pacos ha acquistato l intero pacchetto azionario dell impresa Pam ad un prezzo di 60.000. Il consiglio di amministrazione della Pacos ha deciso di considerare

Dettagli

RENDICONTO GENERALE DELL ESERCIZIO FINANZIARIO 2009

RENDICONTO GENERALE DELL ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 RENDICONTO GENERALE DELL ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 CASSA - NETTI FONDO INIZIALE DI CASSA '09 20.348.398,39

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI Contabilità e Bilancio Prof. Matteo POZZOLI Le scritture di assestamento La sintesi dei valori contabili Siamo al 31.12 dell esercizio X o meglio stiamo predisponendo il bilancio dell esercizio X - cosa

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.000,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: DOCCIA SERVICE S.R.L. PIAZZA VITTORIO VENETO 1 SESTO

Dettagli

FANCY PIXEL SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

FANCY PIXEL SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro FANCY PIXEL SRL Sede in VIA SARAGAT N.1 FERRARA FE Codice Fiscale 01910420387 - Numero Rea P.I.: 01910420387 Capitale Sociale Euro 20.000 Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Settore di

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi!

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi! OIC16 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prof.AndreaAmaduzzi FINALITA DEL PRINCIPIO TRATTAMENTO CONTABILE ED INFORMATIVA IN NOTA INTEGRATIVA IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI CRITERI DI RILEVAZIONE, CLASSIFICAZIONE E

Dettagli

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17 ESERCITAZIONE N. 2 SCRITTURE ASSESTAMENTO Pagina 1 di 17 SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento si effettuano in sede di chiusura dei conti per determinare il risultato economico di competenza

Dettagli

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download Download Impresa individuale esercente attività mercantile 1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo Nome del conto Natura 10 P Banche c.c Fondi liquidi 11 P c.c. postali Fondi liquidi 12 P

Dettagli

La liquidazione dell IVA (cenni teorici)

La liquidazione dell IVA (cenni teorici) La liquidazione dell IVA (cenni teorici) L IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) è un imposta indiretta che si applica alle cessioni di beni, alle prestazioni di servizi ed alle importazioni. Sulla base delle

Dettagli

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO Art. 2426 c.c. SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE LA PARTECIPAZIONE E VALUTATA PER UN IMPORTO PARI ALLA CORRISPONDENTE FRAZIONE

Dettagli

IL METODO CONTABILE PER IL CONTROLLO DEL SISTEMA AZIENDALE

IL METODO CONTABILE PER IL CONTROLLO DEL SISTEMA AZIENDALE IL METODO CONTABILE PER IL CONTROLLO DEL SISTEMA AZIENDALE IL SISTEMA DI VALORI ESPRESSIVI E QUANTIFICATIVI DEI FATTI DI GESTIONE DELLA REALTA AZIENDALE TROVANO UN APPROPRIATA RAPPRESENTAZIONE ATTRAVERSO

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

La valutazione degli investimenti reali

La valutazione degli investimenti reali Teoria della Finanza Aziendale La valutazione degli investimenti reali 5 1-2 Argomenti Dai valori mobiliari agli investimenti reali Analisi dei progetti di investimento Determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione Impresa individuale esercente attività mercantile Piano dei conti e prospetto di raccordo LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione P Banche c.c Fondi liquidi Attivo P c.c. postali Fondi liquidi

Dettagli

BILANCIO 4 SEZIONI ESERCIZIO 2014

BILANCIO 4 SEZIONI ESERCIZIO 2014 10408 ASSODOM Data di stampa 24/03/2015 VIALE GRAN SASSO 11 20100 MILANO MI Pagina 1 C.F. 02676930981 P.IVA 02676930981 BILANCIO 4 SEZIONI ESERCIZIO 2014 ATTIVITA' STATO PATRIMONIALE PASSIVITA' Saldo non

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO Normativa italiana 1. Allocazione di valori nello Stato patrimoniale Si proceda all individuazione delle poste di Stato patrimoniale nelle quali trovano iscrizione

Dettagli

Le costruzioni in economia

Le costruzioni in economia 1 L acquisizione delle immobilizzazioni MODALITÀ DI ACQUISIZIONE Le immobilizzazioni possono essere acquisite: in proprietà in godimento 2 ACQUISIZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI (IN PROPRIETÀ) Acquisti da

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

merce 6.000,00 IVA 20% 1.200,00 7.200,00 Cauzione per imballaggi a rendere (n.i. art.15) 1.000,00 8.200,00

merce 6.000,00 IVA 20% 1.200,00 7.200,00 Cauzione per imballaggi a rendere (n.i. art.15) 1.000,00 8.200,00 Vendita di merce con cauzione per imballaggi a rendere. Premessa: La cauzione che si dà a garanzia della restituzione di un imballaggio a rendere rappresenta un credito in quanto il relativo importo ci

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Socio c/conferimenti 00.10 Socio c/reintegro 00.20 Socio c/prelevamenti 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi

Dettagli

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Francesco Facchini * Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Il D.L. n.98/11, convertito dalla L. n.111/11, ha apportato

Dettagli

Il ciclo di approvvigionamento

Il ciclo di approvvigionamento 1 Il ciclo di approvvigionamento Gli acquisti imponibili Al momento del ricevimento della fattura di acquisto (regolamento a 30 gg.), si ha : V. E. - V. E. + Materie c/acquisti 100 Iva ns. credito 21 Debiti

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia Immobili, impianti e macchinari IAS 16 Finalità ( ( 1) Definire il trattamento contabile di immobili, impianti e macchinari Dare informazioni su tali poste agli utilizzatori del bilancio Definire le problematiche

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

COLLEGIO I.P.A.S.V.I. DELLA PROVINCIA DI PISA

COLLEGIO I.P.A.S.V.I. DELLA PROVINCIA DI PISA COLLEGIO I.P.A.S.V.I. DELLA PROVINCIA DI PISA Sede in SAN GIULIANO TERME, Via P.Metastasio - La Fontina 17 Cod. Fiscale 80006830501 Nota Integrativa al bilancio di esercizio chiuso al 31/12/2014 redatta

Dettagli

IAS 38 - OIC 24: Le Attività immateriali

IAS 38 - OIC 24: Le Attività immateriali IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 38 - OIC 24: Le Attività immateriali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità del principio Per quale motivo è stato emanato il principio? PC OIC 24

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2014 (redatto in forma abbreviata ai sensi dell! art. 2435 bis Codice Civile)

BILANCIO AL 31/12/2014 (redatto in forma abbreviata ai sensi dell! art. 2435 bis Codice Civile) BILANCIO AL 31/12/2014 (redatto in forma abbreviata ai sensi dell! art. 2435 bis Codice Civile) Sede in Torino, Via Bogino n. 9, con il fondo consortile sottoscritto per! 1.595.000.= e versato per Euro

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5/2015

NOTA OPERATIVA N. 5/2015 NOTA OPERATIVA N. 5/2015 OGGETTO: Le immobilizzazioni materiali: definizione, classificazione e scritture contabili alla luce dei nuovi principi contabili. - Introduzione Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: CESSIONE DI AZIENDA O RAMO DI AZIENDA

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: CESSIONE DI AZIENDA O RAMO DI AZIENDA PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: CESSIONE DI AZIENDA O RAMO DI AZIENDA 1 Operazione di natura straordinaria che consiste nel trasferimento del complesso dei beni

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.400,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: C.E.A.M. CULTURA E ATTIVITA' MISSIONARIA SRL VIA

Dettagli

PUBLICOM SRL - UNIPERSONALE

PUBLICOM SRL - UNIPERSONALE PUBLICOM SRL - UNIPERSONALE Sede in PISTOIA Codice Fiscale 01440660478 - Numero Rea PISTOIA 149810 P.I.: 01440660478 Capitale Sociale Euro 14.295 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA

Dettagli

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Si illustra il trattamento

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia Esercizi di ingresso 1) Scritture in Partita Doppia 03/04 ACQUISTI DI MERCI 13.885,20 03/04 IVA A CREDITO 2.777,04 03/04 DEBITI V/FORNITORI 504,00 03/04 INTERESSI PASSIVI V/FORNITORI 84,66 03/04 DEBITI

Dettagli

NOTE AL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE PARTE ENTRATA

NOTE AL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE PARTE ENTRATA NOTE AL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE PARTE ENTRATA Nella prima colonna del prospetto, articolati per titoli e categorie, sono riportati i dati finanziari derivanti dal conto del bilancio, ossia gli accertamenti

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Aggiornamento Dati: Gabriella Canofari, Gianluca Ceccucci, Massimiliano Cerrone, Alessandro Ferro, Valeria Lazzarini, Tullio Pepe

Aggiornamento Dati: Gabriella Canofari, Gianluca Ceccucci, Massimiliano Cerrone, Alessandro Ferro, Valeria Lazzarini, Tullio Pepe Coordinamento Editoriale: Tullio Pepe, Gianluca Ceccucci Aggiornamento Dati: Gabriella Canofari, Gianluca Ceccucci, Massimiliano Cerrone, Alessandro Ferro, Valeria Lazzarini, Tullio Pepe Segreteria: Silvana

Dettagli

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche NOTA METODOLOGICA 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici 2. Base dati statistica 3. Tipologie di contribuenti Tutti i contribuenti persone fisiche Concetto di titolare di partita

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E. GIANNESSI Economia aziendale I corso C Prova scritta dell 11/9/2003

FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E. GIANNESSI Economia aziendale I corso C Prova scritta dell 11/9/2003 FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E. GIANNESSI Economia aziendale I corso C Prova scritta dell 11/9/2003 Al 30/11/2002, le poste contabili della MaeBI s.n.c. presentano i seguenti

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

RENDICONTO GENERALE 2014

RENDICONTO GENERALE 2014 COLLEGIO IPASVI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA VIA G.ZACCHERINI ALVISI 15/B 40138 BOLOGNA RENDICONTO GENERALE 2014 Approvato dal Consiglio Direttivo il 1 Aprile 2015 con deliberazione N 16/2015 ASSEMBLEA ORDINARIA

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

ALCUNE PAGINE ESEMPIO

ALCUNE PAGINE ESEMPIO ALCUNE PAGINE ESEMPIO 1076 Parte Terza. Operazioni e cicli operativi Particolari configurazioni del contratto di acquisto di immobilizzazioni materiali Sono numerose le figure contrattuali che possono

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura

Dettagli

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ANNO 2006 PRIMA SESSIONE PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 1) Il candidato rediga il I Bilancio di verifica al 31/12/2005 della società

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali La fiscalità del bilancio IAS Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell

Dettagli

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni Cessione infragruppo di merci e servizi: riconciliazioni strumentali all eliminazione delle partite infragruppo La società Alfa detiene una partecipazione

Dettagli

RACCOMANDAZIONI CONTABILI N. 1 DIRITTI PLURIENNALI ALLE PRESTAZIONI DEI CALCIATORI N. 3 COMPARTECIPAZIONI EX ART. 102 BIS DELLE N.O.I.F.

RACCOMANDAZIONI CONTABILI N. 1 DIRITTI PLURIENNALI ALLE PRESTAZIONI DEI CALCIATORI N. 3 COMPARTECIPAZIONI EX ART. 102 BIS DELLE N.O.I.F. RACCOMANDAZIONI CONTABILI N. 1 DIRITTI PLURIENNALI ALLE PRESTAZIONI DEI CALCIATORI N. 2 CAPITALIZZAZIONE COSTI VIVAIO N. 3 COMPARTECIPAZIONI EX ART. 102 BIS DELLE N.O.I.F. N. 4 CESSIONI TEMPORANEE DI CONTRATTO

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

Corso di bilancio e principi contabili

Corso di bilancio e principi contabili Corso di bilancio e principi contabili Quinta lezione: Lo stato patrimoniale Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli 1 LO SCHEMA DELLO STATO PATRIMONIALE A SEZIONI DIVISE E CONTRAPPOSTE

Dettagli

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento

Dettagli